Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri32la società italiana / Mutamento s...La socializzazione in un’organizz...

la società italiana / Mutamento sociale e ruolo internazionale delle Forze Armate Italiane

La socializzazione in un’organizzazione a ordinamento militare: le allieve dell’accademia della Guardia di Finanza

Cecilia Sernicola
p. 98-115

Testo integrale

1. Introduzione

  • 1 Alle Forze Armate propriamente dette appartengono l’Esercito, la Marina, l’Aeronautica e i Carabini (...)

1Queste note si propongono di offrire uno spunto di analisi sulla socializzazione delle donne in un’ organizzazione a ordinamento militare come la Guardia di Finanza. Questo processo è stato analizzato come punto di partenza per la comprensione dei cambiamenti sociali e culturali connessi all’integrazione femminile, nel mutato contesto strutturale e valoriale che negli ultimi anni caratterizza in Italia le istituzioni militari o a ordinamento militare preposte alla difesa e alla sicurezza del Paese1.

2L’osservazione del processo di socializzazione, e cioè dell’acquisizione e condivisione dei valori proposti e perpetuati nell’istituzione, pone la questione dell’integrazione femminile in termini di comprensione della differente esperienza, in senso sociale e culturale, che storicamente si è sedimentata fra i due sessi. Questo approccio, assegnando alla costruzione sociale della sessualità la responsabilità degli effetti disuguali dello sviluppo e dell’integrazione femminile nella società e nella produzione, ha permesso all’analisi sociologica di orientarsi nello studio della partecipazione delle donne nelle organizzazioni partendo dalla considerazione che entrambi i soggetti – le donne e le organizzazioni – sono agenti attivi nel processo di integrazione. Come sottolinea Acker (1990), la cultura organizzativa, e le distinzioni di genere che si formano all’interno di essa, si fondano su pratiche che individuano significati e rappresentazioni sociali che a loro volta rientrano nell’universo simbolico di tutti coloro che in queste pratiche sono coinvolti, modellando sia la soggettività che il pensiero comune, i valori socialmente accettati.

3Alla luce di questo scambio reciproco, il complesso rapporto fra le differenze di genere e le dinamiche organizzative si esplicita nei percorsi di integrazione delle donne nei vari ambiti lavorativi, ponendo questioni essenziali come la segregazione occupazionale, gli ostacoli derivanti dalla mancanza di un adeguato supporto sociale per compensare la «doppia presenza» e la necessità di conformarsi, da parte delle donne, al modello tradizionale maschile di partecipazione lavorativa.

4La partecipazione delle donne nelle istituzioni militari è analizzata in questa ottica, partendo da alcune considerazioni generali derivanti dall’esperienza dei paesi che per primi hanno integrato il personale femminile nelle Forze Armate. Come in tutte le esperienze organizzative, l’ingresso delle donne nei Corpi militari è contraddistinto da un processo evolutivo che rispecchia alcuni cambiamenti avvenuti nella realtà sociale circostante. Nell’interpretazione di Mady Segal (1995), i fattori rilevanti a questo proposito sono quelli riconducibili ad alcuni cambiamenti culturali orientati verso la parità di genere, come la diversa percezione dei ruoli prestabiliti all’interno della famiglia e l’avvicinamento progressivo del mondo militare ad una convivenza pacifica con i vincoli familiari, originariamente considerati come impedimento per il singolo alla totale dedizione al Corpo d’appartenenza. Tutti questi indizi ci portano a considerare l’incontro tra l’istituzione militare e le donne come un sintomo di un mutamento strutturale generale e nello stesso tempo a percepirlo come un allineamento tra le esigenze organizzative e le richieste dell’ambiente esterno.

5Da qui scaturisce il secondo ambito di riflessione, legato al mutamento generale in senso culturale delle Forze Armate negli ultimi anni, che parte dall’assunto per il quale «ovunque, in ogni caso, il sub-sistema militare non fa che riflettere, sia pure con specificità proprie, il più ampio sistema sociale» (Battistelli, 1997 b, 208). Prescindendo in questo ambito da un’analisi dettagliata sull’attuale impiego delle Forze Armate, è possibile tuttavia rilevare i risvolti organizzativi delle ampliate missioni dell’istituzione. È stato sottolineato che si tratta di una transizione verso la valorizzazione della componente umana in termini di atteggiamenti, motivazioni ed orientamenti etici: «La nuova tipologia dell’intervento militare su scala internazionale impone la figura del soldato non più strumento di guerra, ma protagonista nella formazione del processo di pace, una pace intesa non come semplice assenza di guerra, ma come salvaguardia dei diritti umani» (Ammendola, 1999, 53). In questo passaggio dalla figura tradizionale del soldato combattente (warrior) al leader umanitario (humanitarian) (Moskos e Miller, 1995), coadiuvato da un massiccio sviluppo tecnologico che consente un ridimensionamento dell’uso della forza fisica, le donne trovano la possibilità di immettere nell’organizzazione un valore aggiunto che si qualifica sul piano della professionalità e della componente umanitaria più che su quello del combattimento e della resistenza fisica.

6Queste premesse, necessarie per la comprensione dei meccanismi che oggi in Italia regolano le modalità di inserimento e di integrazione del personale femminile nelle istituzioni militari e a ordinamento militare costituiscono lo sfondo di questa ricerca, che mira specificamente all’ interpretazione del vissuto soggettivo delle prime trenta donne che nell’ottobre del 2000 sono entrate a far parte dell’Accademia della Guardia di Finanza. L’organizzazione formativa, oggetto della nostra analisi, riveste nelle istituzioni militari un’importanza fondamentale, poiché ad essa è devoluta, al di là della trasmissione del bagaglio tecnico, la riproduzione culturale. Come sottolinea Alessandro Gobbicchi, «nell’organizzazione militare più che in ogni altra l’autopoiesi luhmanniana diventa una sorta di imperativo categorico» (1993, 337).

7Il caso della Guardia di Finanza presenta un notevole interesse, costituendo una tipologia di inserimento del personale femminile «anomala» nel panorama italiano. A differenza di altre istituzioni militari, la Finanza ha scelto di non ricorrere all’ausilio di istruttrici donne per la formazione delle allieve ufficiali (che talora negli altri Corpi sono state «chieste in prestito» da Forze Armate di paesi alleati), determinando in questo modo un inserimento formativo guidato da soli uomini. L’intento è stato di assicurare condizioni di «normalità» e continuità dell’iter formativo, anche in presenza della vera e propria «rivoluzione» dell’assetto tradizionale rappresentata dall’ingresso delle donne in un ambiente esclusivamente maschile come quello dell’Accademia militare.

8Oltre a questa prima peculiarità, che rispetto ad altri casi ha ulteriormente evidenziato la particolarità dell’inserimento delle donne in una all male society, la ricerca ha permesso di approfondire le fasi dei processi di disculturazione e successiva risocializzazione ai valori proposti dall’organizzazione confrontando l’esperienza di due gruppi di allieve ufficiali differenti per età, e conseguentemente per esperienze di vita, che all’interno dell’Accademia hanno seguito due iter formativi differenziati. Attraverso il continuo confronto tra le esperienze dei due gruppi di allieve, è stato possibile rilevare con maggiore chiarezza i meccanismi di trasmissione valoriale messi in atto dall’istituzione militare per garantire la sopravvivenza del proprio apparato culturale e normativo, derivante da consuetudini cristallizzate nella sacralità dell’istituzione formativa, e parallelamente comprendere e descrivere l’impatto di questi valori, tradizionalmente improntati sulla mascolinità, sulle allieve ufficiali.

1.1. Cenni metodologici

9Oltre all’integrazione delle donne nell’ambiente formativo dell’Accademia militare, attraverso la socializzazione ai valori proposti e l’interiorizzazione dell’apparato normativo e simbolico, l’attenzione è stata rivolta agli adattamenti organizzativi interni all’Accademia avvenuti in seguito all’ingresso del personale femminile, con l’intento di mettere in luce i momenti di transizione e mutamento, a fronte della volontà dell’organizzazione di mantenere salde le proprie linee direttive e la propria immagine tradizionale. Seguendo il pensiero di Chris Argyris e Donald Schön (1998), nel suo adattamento alla presenza femminile l’organizzazione formativa può essere paragonata ad un caso di apprendimento organizzativo single loop, nel quale l’organizzazione, trovandosi all’interno di una situazione di criticità e di opacità decisionale, opta per il mantenimento dell’ abituale mappa cognitiva, attuando degli aggiustamenti che non si discostano significativamente dalla propria azione organizzativa tradizionale.

10L’ipotesi guida della ricerca empirica, condotta con strumenti di tipo qualitativo come l’osservazione e l’intervista semi-strutturata, è che si è verificato un maggiore adattamento delle donne all’organizzazione di quanto non sia accaduto viceversa, così come è emerso dalla formazione impartita dagli istruttori uomini fondata su un processo di assimilazione delle reclute femminili.

11Le differenze fra i due gruppi di donne presenti in Accademia (che saranno approfondite in seguito) ha determinato la costruzione di due diversi schemi di intervista. Un terzo insieme di domande è stato dedicato ai quadri responsabili della formazione.

12Le domande rivolte alle allieve ufficiali sono state formulate con l’intento di rilevare il vissuto soggettivo riguardo le motivazioni all’arruolamento, all’impatto con l’ambiente e con l’addestramento militare, la percezione temporale e spaziale della vita in Accademia e i rapporti con i colleghi e i superiori. Oltre alla comprensione delle interazioni con il mondo tradizionalmente maschile dell’Accademia, si intendeva cogliere il punto di vista delle intervistate sul loro processo di integrazione, così come era stato pensato e messo in pratica all’interno dell’istituzione, tenendo conto che l’Accademia militare, in quanto istituzione totale, costituisce un ambiente dove gli individui si trovano a vivere in una realtà unificata, separata dal mondo esterno, nella quale il tempo e lo spazio sono gestiti interamente da una autorità e tutte le attività si svolgono perennemente a contatto con gli altri (Goffman, 1956). Le interviste agli ufficiali istruttori, i Quadri dell’Accademia, sono state formulate con l’obiettivo di comprendere quali fossero il comportamento e le strategie adottate dall’organizzazione nel momento della transizione. Si è inoltre ritenuto importante chiarire il particolare rapporto che si viene a creare tra l’allievo e l’istruttore, al fine di comprendere l’impatto con le allieve e la percezione delle possibili differenze scaturite da una situazione nuova e ancora del tutto sperimentale.

13La metodologia qualitativa prescelta si è avvalsa della metafora organizzativa (Morgan, 1989). In questo particolare ambito di applicazione, la metafora, considerata a livello semantico come costrutto rivelatore di significati e codici nascosti, assume la valenza di strumento che permette l’interpretazione del contesto organizzativo mediante il riconoscimento e l’immedesimazione con alcune immagini familiari rapportate all’ambiente circostante (Battistelli, 1998). Nell’ambito della nostra ricerca sono state utilizzate le «metafore dal campo», introdotte da Lars Edgren (1990), che costituiscono un veicolo di espressione dei soggetti che vivono l’organizzazione. Attraverso l’uso della metafora le intervistate hanno avuto la possibilità di rappresentare l’istituzione formativa militare e descriverla nei lati più nascosti, riferendosi ad aspetti spesso troppo complessi per essere espressi sul piano della razionalità. Questa scelta metodologica ha fatto emergere le valutazioni, le percezioni e le reazioni alla vita militare da parte di due gruppi di allieve ufficiali (più giovani e meno giovani), derivanti da un differente approccio all’addestramento formale e ai valori tipici dell’istituzione.

2. Il processo di socializzazione in una istituzione a ordinamento militare

2.1. La costruzione dei riferimenti culturali nell’istituzione totale: il processo di disculturazione e di risocializzazione ai valori dell’organizzazione

14L’ingresso nell’istituzione militare, e più propriamente nell’ambiente formativo dell’Accademia, può essere descritto come un passaggio culturale, un varco obbligato per tutti coloro che intraprendono questa carriera consci di abbandonare una cultura «laica», propria del mondo civile per abbracciarne un’altra completamente diversa, in cui la marcata importanza assunta da certe forme rituali, che costituiscono l’ossatura del sistema di valori che l’individuo deve assimilare, segna l’inizio della transizione verso un’esistenza completamente nuova e distinta da quella precedente (Greco, 1999; Gobbicchi, 1993).Al momento dell’ingresso nell’Accademia infatti la recluta ha già pienamente realizzato il processo di socializzazione, che possiamo definire come il passaggio graduale dalla vulnerabilità infantile alla consapevolezza dell’adulto, che è in grado di utilizzare efficacemente le capacità specifiche della cultura in cui è nato (Giddens, 1993). Si è quindi ampiamente realizzato ciò che Herbert Mead (1934) ha descritto come il passaggio dall’ «Io» al «Me», cioè al sé socializzato, attraverso il quale l’individuo costruisce la propria identità sulla consapevolezza della condivisione di un insieme di significati che costituiscono l’universo culturale di riferimento.

15L’Accademia militare rientra a pieno titolo fra le organizzazioni che Erving Goffman (1961, 43) ha descritto come istituzioni totali, ovvero luoghi di residenza e di lavoro di gruppi di persone che «tagliate fuori dalla società per un considerevole periodo di tempo, si trovano a dividere una situazione comune, trascorrendo parte della loro vita in un regime chiuso e formalmente amministrato». Anticipando l’interpretazione di Lewis Coser (1967) sulla «avidità» (greediness) di alcune organizzazioni, Goffman spiega che l’istituzione totale si impadronisce di parte del tempo e degli interessi di coloro che ne fanno parte, offrendo in cambio un particolare modo di vivere, tendendo cioè a circuire i propri membri attraverso una «azione inglobante».

16L’azione totalizzante dell’ambiente dell’Accademia, immediatamente percepibile all’osservatore, ha inizio nei confini fisici delle strutture, che rimarcano un limite netto e visibile con l’esterno, e continua con l’abbattimento delle barriere convenzionali che separano le varie sfere della vita individuale. In secondo luogo, la vita delle reclute si svolge interamente all’interno dell’istituzione, determinando una rottura fra le barriere che normalmente separano le varie sfere della vita di un individuo: tutte le attività giornaliere si svolgono nello stesso luogo e sotto la stessa autorità vigilante, poiché il corretto funzionamento di un sistema sociale così articolato e complesso come quello militare è garantito solo se svolto all’interno di una realtà unificata, che permette maggiormente l’interiorizzazione delle regole formali e gerarchiche che altrimenti entrerebbero in conflitto con i ruoli assunti dall’individuo all’esterno.

17Inoltre, un terzo fattore totalizzante si manifesta nella stessa attività dell’allievo all’interno dell’Accademia, che è svolta in ogni sua fase a stretto contatto con un cospicuo gruppo di persone. Tutti i membri dell’organizzazione devono condividere le stesse attività e lo stesso tipo di trattamento da parte dell’autorità, e questa condivisione forzata riguarda anche i tempi delle attività giornaliere, che all’interno dell’istituzione totale vengono scanditi e prestabiliti secondo un ordine consequenziale, dato che il complesso di attività viene imposto dall’alto attraverso un sistema di regole formali esplicite e da un corpo di addetti alla loro esecuzione. Tutte le attività all’interno dell’Accademia sono quindi organizzate secondo un piano razionale, il cui adempimento rappresenta il fine ultimo dell’istituzione totale, configurando un sistema normativo che prevede ogni dettaglio e predefinisce ogni possibile situazione. L’obiettivo (o meglio l’utopia) è la «normativizzazione totale» per gestire l’ «incertezza e l’imprevisto» e per garantire che l’organizzazione raggiunga i propri scopi seguendo precedure chiare e note a tutti (Battistelli, 1990, 22, 31).

18Il fattore cruciale presente nell’istituzione totale e riscontrabile nelle esigenze formative dell’Accademia militare riguarda il processo di socializzazione degli individui alle norme e ai valori. Si tratta di una «manipolazione», così come è descritta da Goffman, di molti bisogni umani per mezzo di un’organizzazione burocratica di un intero gruppo di persone, che inizia con un processo individuabile come «disculturazione», mirante a determinare la temporanea estraneità dell’individuo verso alcune situazioni tipiche della vita quotidiana sperimentata nel mondo esterno. La disculturazione crea e sostiene un particolare tipo di tensione fra il mondo familiare dell’individuo e il nuovo mondo istituzionale, attuando nel più breve tempo possibile un taglio netto col passato attraverso la privazione del sostegno offerto dagli ordinamenti sociali del mondo esterno.

19Nel corso della ricerca è stato dato ampio spazio all’esperienza della socializzazione delle allieve ufficiali, con particolare riferimento alla descrizione del loro primo impatto con l’Accademia. L’organizzazione, secondo la prassi, ha teso ad enfatizzare il passaggio dalla vita civile con una serie di restrizioni e di vincoli volti a far comprendere ed interiorizzare fin dal primo momento il significato del sacrificio e della dedizione, necessari per intraprendere la carriera militare. Questa esperienza è stata fondamentale sia per le ragazze più «giovani» che per quelle «adulte», ed è stato affrontato in maniera simile dai due gruppi, poiché l’organizzazione non aveva progettato distinzioni nel tipo di accoglienza. Come racconta un’allieva del gruppo delle «adulte»:

arrivate qui, subito ci hanno inquadrato, e il primo giorno è stato senz’altro il più traumatico di tutti, perché abbiamo subito approcciato con la mentalità militare…per me è stato uno shock. Tanto che i primi tre giorni ero convinta di non farcela e di dover andare via. Qui ti devi aspettare regole che molto spesso ti sembrano assurde, e lo fai perché lo devi fare, perché te lo impongono i superiori, e certe cose non sono nemmeno nel regolamento ma si fanno perché è tradizione che si facciano. E comunque noi, arrivate qui da una vita civile, facendo l’università e altre cose, gestendoci la vita per conto nostro, senza orari predefiniti, senza disciplina, all’inizio ci siamo trovate in estrema difficoltà…

20Il cambiamento dei tempi e delle abitudini è avvenuto velocemente sotto la guida degli istruttori, secondo le procedure già sperimentate dagli allievi uomini. È stato fondamentale notare, a questo proposito, che per le donne il primo impatto è stato caratterizzato anche dall’esigenza di reimpostare interamente i propri movimenti e atteggiamenti fisici, per conformarsi ad un modello oltre che formale, improntato alla mascolinità. Come è stato raccontato da un’allieva,

ci siamo rese conto subito che qui c’era un’organizzazione impressionante. Immagina, per inquadrare cinquantadue persone che arrivano dal mondo civile! Io ero abituata ad accavallare le gambe, e in un’ora, neanche, ho dovuto imparare a non comportarmi da donna, ad avere un atteggiamento formale…ci hanno inquadrato, ci hanno vestito dalla testa ai piedi, ci hanno insegnato in meno di cinque ore a fare il letto come volevano loro, a mettere le cose in ordine come volevano loro, a battere attenti e riposo e a rispondere in un determinato modo a certe domande…tutto è cambiato per noi: anche la cosa più banale, tipo sedersi sul letto. Abbiamo dovuto cambiare la nostra forma mentis completamente.

21Il primo impatto con l’organizzazione militare così come è stato descritto dalle intervistate, conferma la tradizionale visione di distacco totale dal mondo civile. È l’inizio di un percorso verso la totale identificazione con l’istituzione e i suoi valori, verso l’acquisizione di tutti quei segni di riconoscimento caratteristici nell’identificazione della figura del militare, una «semiotica dai tratti inconfondibili», come la descrive Lorenzo Greco (1999, 186).

22Complessivamente, da parte delle allieve la valutazione di questa primissima esperienza con l’istituzione è positiva, così che spesso nelle interviste ricorre il riferimento alla crescita personale. In questa prima fase sono infatti state superate molte selezioni predisposte dall’organizzazione, secondo canoni tradizionalmente improntati su di un’ottica maschile e che non sono mai stati modellati sulle diverse caratterizzazioni di genere.

2.2. L’ingresso delle donne e la gestione del cambiamento da parte dell’organizzazione

  • 2 Per le differenze sociologiche dei due gruppi in relazione all’approccio ai valori e al sistema sim (...)

23L’ingresso delle donne nell’Accademia della Guardia di Finanza è avvenuto nell’ottobre del 2000. Sono state selezionate trenta ragazze, di età e formazione differenti. Al momento della nostra ricerca il primo gruppo era costituito da dieci allieve che frequentavano il corso ordinario della durata di cinque anni accademici. Il secondo gruppo era costituito da venti allieve tenenti a nomina diretta; per l’esigenza di disporre in breve tempo di Quadri donne è stato istituito un corso straordinario di formazione della durata di nove mesi riservato a laureate2.

24Durante la ricerca le prime interviste da noi effettuate sono state dedicate ai responsabili della formazione, che impersonavano, in qualità di istruttori, l’autorità dell’Accademia. Le interviste testimoniano la peculiarità del modo di vita dell’istituzione, basato sulla condivisione degli elementi simbolici trasmessi attraverso l’imposizione della rigida osservanza del sistema normativo. La responsabilità della formazione delle prime donne appare molto sentita, anche a prescindere dalla consapevolezza di un controllo da parte dei vertici quanto mai «apprensivo», in virtù del particolare legame che si viene a creare tra l’allievo ufficiale e l’istruttore, soprattutto nei primi momenti di permanenza in Accademia. Si tratta di un rapporto di dipendenza molto stretto, in cui l’allievo, coinvolto nella socializzazione con un ambiente sconosciuto e completamente diverso dalla realtà del mondo civile, riversa le proprie incertezze e le proprie aspettative sulla figura dell’istruttore, trovandosi a dover creare dei nuovi punti di riferimento.

25In questa prima fase dell’inserimento femminile l’esigenza primaria dell’organizzazione è stata quella di mantenere una linea di continuità col passato, sia a livello simbolico, sia a livello dell’espletamento delle attività quotidiane. L’atteggiamento nei confronti delle allieve, ribadito con forza nelle interviste, è improntato verso una rigorosa imparzialità di trattamento. Come emerge da un’intervista a un istruttore,

La regola fondamentale per noi, per fondare il nostro rapporto con le allieve, è stata quella di salvaguardare una assoluta parità di trattamento tra allievi e allieve. Adottare un tipo di strategia differente significava creare già all’interno del corso il germe di inimicizie, rancori, rivalità non più sane. Il principio che noi abbiamo adottato è quello dell’assoluta normalità, della non discriminazione, né da un lato né dall’altro, e tutt’ora questo modello di comportamento sta funzionando bene.

26L’integrazione delle donne nella vita dell’Accademia ha comportato tuttavia alcuni cambiamenti dal punto di vista pratico. I responsabili della formazione hanno dovuto, cercando di mantenere un assetto di assoluta normalità rispetto alle consuetudini, confrontarsi per la prima volta con alcune circostanze generate da necessità tipicamente femminili. A questo proposito, è stato indispensabile intraprendere una comunicazione continua con le allieve, per comprendere alcune richieste alle quali l’istituzione, anche dal punto di vista organizzativo e delle strutture, non era preparata. Seppur orientato al dialogo con le nuove arrivate, l’atteggiamento degli istruttori si dimostra orientato al rigore, nella continua tensione dettata dal timore di turbare i metodi di inserimento tradizionali e modificare il mandato istituzionale dell’organizzazione formativa.

27Come già è stato detto, la Guardia di Finanza ha operato la scelta di intraprendere la formazione delle allieve senza avvalersi dell’ausilio di formatrici donne. Sebbene si siano presentati alcuni problemi di ordine pratico ai quali l’organizzazione non era preparata, proprio per la mancanza di un’impronta femminile nella progettazione delle prime fasi di permanenza delle allieve in Accademia, gli istruttori ritengono di essere riusciti a gestire bene la situazione, anche se talvolta, come emerge dalle interviste, si sono verificate situazioni di imbarazzo da entrambe le parti.

forse avere tra i Quadri delle formatrici donne avrebbe significato per le allieve avere a che fare con una persona che poteva fin dall’inizio cogliere i loro problemi. Da parte nostra, sicuramente avremmo vissuto situazioni meno imbarazzanti. Però, devo essere sincero, in fin dei conti non credo che si sia sentita così tanto la mancanza delle formatrici.Naturalmente non entriamo nelle camerate delle ragazze quando si stanno cambiando o stanno facendo la doccia, come capita con gli allievi…e tutto sommato, la collega formatrice non avrebbe avuto gli stessi problemi.

28Le descrizioni degli istruttori sull’impatto delle donne con l’Accademia e sui primi momenti della socializzazione lasciano intendere come si sia verificato un processo di adattamento completo da parte delle allieve con l’ambiente circostante, non solo nell’applicazione scolastica e nella formazione generale, ma anche nell’interiorizzazione dei valori e degli aspetti simbolici racchiusi in ogni comportamento previsto dalla vita accademica. Dal punto di vista dell’organizzazione, l’obiettivo prefissato era quello di favorire l’assimilazione, modificando solo gli aspetti strettamente necessari alla creazione di un ambiente non ostile alla sensibilità femminile.

29Parlando della gestione del cambiamento da parte dell’organizzazione, non si può prescindere dall’accoglienza delle donne da parte dei colleghi, così come è stata descritta dai supervisori. I problemi che si sono presentati si riferiscono agli allievi ufficiali che già erano presenti in Accademia, i quali, secondo gli istruttori, hanno risentito dell’eccessiva attenzione mediatica riservata alle prime allieve dell’Accademia, un disagio peraltro provocato da situazioni esterne. Ciò mette in evidenza la dissonanza tra la necessità continua, da parte dell’organizzazione, di mantenere un assetto di equilibrio e continuità con le esperienze passate e l’oggettivo sconvolgimento provocato dall’inserimento del personale femminile nell’organizzazione militare, fenomeno di risonanza sociale e mediatica che in un ambito come l’Accademia si si è cercato di minimizzare per coerenza con gli scopi istituzionali. I modelli di comportamento adottati in questo contesto per favorire la piena integrazione fra uomini e donne nella struttura formativa hanno determinato, secondo chi scrive, un adattamento delle donne ad un sistema di vita che riconosce loro unicamente lo stretto necessario per la salvaguardia della propria identità di genere. L’istituzione, in questo passaggio, ha come obiettivo salvaguardare il sistema di vita accademico tradizionale, escludendone possibili riferimenti all’identità femminile e al valore aggiunto che questa potrebbe portare nella cultura militare.

3. Il ritratto sociologico dei due gruppi di allieve presenti in Accademia

3.1. Due gruppi di allieve: «giovani» diplomate e «anziane» laureate. Differenze nelle motivazioni all’arruolamento e nella risposta all’impatto con la vita militare

30La prima esperienza di reclutamento del personale femminile nella Guardia di Finanza è avvenuto quindi mediante l’arruolamento di due gruppi distinti di allieve, dieci nel corso ordinario della durata di un quinquennio, e venti nel corso straordinario della durata di nove mesi. Nella fase di reclutamento sono stati richiesti alle candidate gli stessi requisiti previsti per gli aspiranti ufficiali maschi, anche se in questo caso il limite di età per accedere al primo anno del corso ordinario è stato innalzato per le donne. Quanto al corso straordinario, finalizzato all’arruolamento di venti allieve tenenti a nomina diretta, esso è stato istituito in via sperimentale, e il bando ha richiesto alle candidate requisiti totalmente diversi dal punto di vista della formazione e delle esperienze pregresse: non vi erano limiti di età, le candidate potevano essere sposate e con figli, era richiesta la laurea in Giurisprudenza o in Economia e Commercio, o diplomi di laurea equipollenti.

31Un primo dato sociologicamente interessante, che marca la distanza fra le «giovani» allieve del corso ordinario e le «anziane» allieve tenenti in base alla provenienza culturale, è quello della tradizione familiare in ambito militare: otto allieve ufficiali del primo anno su dieci hanno dichiarato nel corso delle interviste di avere un membro o altri ascendenti in famiglia con carriera nelle Forze Armate, a differenza della maggior parte delle tenenti intervistate, che non possedevano precedenti contatti con la tradizione e la cultura militare.

32La distanza tra i due gruppi di donne presenti in Accademia si presenta inoltre non soltanto sotto forma di differenza di età, ma anche di livelli di status professionale e sociale raggiunti. Le allieve tenenti, essendo già laureate e avendo avuto modo di iniziare a mettere in pratica le proprie competenze nel lavoro, vivono l’Accademia come un periodo di formazione volto ad arricchire il proprio bagaglio tecnico, dopo aver ponderato la scelta di una specifica professione all’interno del Corpo. Le allieve del corso ordinario, di contro, affrontano in quel momento l’inizio di un iter formativo completo e molto più lungo, a cui si sono accostate accantonando necessariamente esperienze precedenti e progetti alternativi.

33Le motivazioni all’arruolamento raccolte nel corso delle interviste confermano la distanza tra i due gruppi messi a confronto. Le allieve ufficiali del corso ordinario descrivono la propria aspirazione alla vita militare sottolineando soprattutto il desiderio di contribuire alla sicurezza del Paese, di rendersi utili all’interno e all’esterno dei suoi confini. Il desiderio di una vita attiva e diversa dalle altre è un altro fattore determinante nella scelta di arruolarsi, insieme al desiderio di emancipazione dalla famiglia di origine. Due allieve hanno sottolineato l’importanza di dimostrare le capacità delle donne nei compiti e nelle attività che fino ad allora erano svolte esclusivamente da uomini, essendo consapevoli della responsabilità che comporta l’essere le prime donne a frequentare l’Accademia e, nello stesso tempo, di avere un ruolo determinante nel «riscattare» il genere femminile da una discriminazione portata avanti per molto tempo nel mondo militare.

34In generale, le motivazioni delle allieve del primo anno sembrano essere dettate dalla volontà di seguire una specifica inclinazione, spesso idealizzata fin dall’infanzia. Come risponde un’allieva del primo anno,

Se mi chiedi un motivo, ti potrei dire l’istituzione, il Corpo…però la vera motivazione è la passione che ho coltivato fin da bambina. Anche perché secondo me se non hai la passione per questa vita non puoi andare avanti, soprattutto per noi che siamo un corso ordinario e che qui faremo cinque anni. Magari le colleghe del corso straordinario, che in dieci mesi prendono le stelle, possono stringere i denti …ma per noi è pesante e bisogna avere la passione dentro.

35Le motivazioni all’arruolamento delle «anziane» allieve del corso straordinario si distaccano nettamente da questa visione idealizzata della vita militare. Le loro scelte sembrano essere orientate per lo più da motivazioni di tipo professionale, dalla volontà di cercare nuovi sbocchi nella carriera. Sicure del proprio bagaglio culturale e delle proprie competenze, la scelta di queste donne può essere interpretata come un desiderio di mettere a frutto le proprie capacità, misurandosi con un tipo di attività completamente nuova. Una allieva tenente spiega ad esempio in questo modo la sua scelta:

Ho fatto questo concorso assolutamente per caso, mi è stato segnalato da un’amica. Avevo appena fatto la prova scritta per il concorso in magistratura, e alcune delle prove coincidevano. Vista la mia preparazione pregressa, ho provato e ho vinto, e quindi è stata questa più che altro la mia motivazione, quella di aver vinto il concorso..

36Per le allieve tenenti la scelta di entrare in Finanza è motivata da interessi ben specifici, basati sulla consapevolezza già acquisita del ruolo che è possibile ricoprire all’interno dell’organizzazione. È determinante, nel caso delle tenenti a nomina diretta, la volontà di acquisire uno status professionale completando parallelamente la propria preparazione.

3.2. L’interiorizzazione dei valori e dell’apparato simbolico dell’istituzione militare

37L’assimilazione nell’organizzazione militare prevede un processo di risocializzazione dell’individuo con l’ambiente circostante, mediante la trasmissione dei valori tradizionali dell’istituzione che costituiscono la base sulla quale ricostruire l’identità personale. È proprio in questo momento che si forma il vincolo di appartenenza all’istituzione militare, che si concretizza mediante l’acquisizione da parte della recluta di un universo simbolico di riferimento del tutto nuovo, inizialmente di difficile comprensione. Abbiamo già visto in precedenza come l’organizzazione militare determini, mediante l’interiorizzazione di simbologie e significati da parte dei propri membri, la riproduzione culturale e l’autosostentamento del sistema. Interiorizzando le regole comportamentali e i riferimenti culturali tipici di questo ambiente, gli attori sociali presenti nell’organizzazione intraprendono un percorso di auto-riconoscimento all’interno della comunità e, contemporaneamente, ne determinano la sopravvivenza nel tempo.

38Nell’istituzione militare, e in particolare nella struttura formativa, questi valori primari vengono perpetuati mediante alcuni rituali, che infondono negli allievi che vi partecipano la coscienza di far parte di un’entità per la quale sacrificare le esigenze individuali. Il rito in questo contesto ha una valenza molto importante nella rappresentazione e nella comprensione della realtà circostante. Già Durkheim (1912) ha interpretato il rituale come il momento nel quale il gruppo sociale attualizza il proprio senso di appartenenza e conferma i vincoli di solidarietà, aiutando i membri del gruppo a prendere coscienza della propria unità morale, nel collegamento individuale con il collettivo, del presente con il passato. Le pratiche rituali costituiscono quindi una sorta di oggettivazione delle credenze e delle tradizioni e, come tali, acquistano una propria autonomia, che a sua volta rafforza l’identità dell’individuo in relazione al gruppo. Nel contesto organizzativo, il rito assume allo stesso modo la valenza fondamentale di garantire la sopravvivenza di alcuni ambienti altamente istituzionalizzati, mediante la ripetizione dei cerimoniali (Meyer e Rowan, 1995). In questo senso l’Accademia, istituzione totale formativa a ordinamento militare, può essere considerata un microcosmo in cui i rituali proposti nel tempo e interiorizzati dagli allievi sono funzionali alla missione istituzionale del Corpo, alla sopravvivenza delle sue tradizioni e alla legittimazione dell’autorità costituita.

39I ritualismi e i simboli della tradizione militare sono quotidianamente presenti nella vita dell’Accademia e in questa circostanza la sfera della sacralità della vita militare, anche nelle sue sfere cerimoniali, si è aperta per la prima volta alle donne. Le intervistate del corso ordinario interpretano l’esperienza di approccio ai riti e alla simbologia della vita militare in un’ ottica che è coerente alle motivazioni con le quali hanno scelto di arruolarsi. I valori più spesso citati, con i quali sono entrate a contatto immediatamente mettendo piede in Accademia, sono quelli che esprimono l’etica e la specificità della professione:

La formalità, innanzitutto. L’orgoglio, l’affrontare le cose a testa alta, perché la prima cosa che ti dicono è «alza il mento». Il saper apprezzare le qualità negli altri, e cioè l’addestramento formale ti insegna a capire che quando una persona veramente vale, quando la persona che hai davanti possiede realmente tutti quei valori che mi stai chiedendo di elencare.

40Da queste risposte si comprende quanto il legame che si stabilisce fra l’istituzione e i propri membri possa essere determinante nella creazione della propria identità individuale. Le allieve del primo anno, che più delle allieve tenenti sono state soggette ad un processo di disculturazione, si esprimono nella fase della risocializzazione con una terminologia che ha molto in comune con la sfera della sacralità, a testimonianza dell’intensità con la quale alcuni valori sono stati recepiti. Nello stesso tempo, viene sempre fornita una giustificazione razionale alle allieve per le retoriche perpetuate dall’organizzazione.

41Per quanto riguarda le tenenti, invece, i loro valori di riferimento si distanziano in maniera netta da quelli assimilati dalle allieve più giovani. Pur avendo interiorizzato il rispetto per la gerarchia e lo spirito di gruppo, le tenenti si identificano maggiormente nell’ideale della professionalità, funzionale all’acquisizione dello status sociale sia all’interno che all’esterno dell’organizzazione. Più che amor patrio e lealtà verso lo Stato, nei valori di riferimento delle allieve del corso straordinario ricorrono la soggettiva crescita umana e professionale, la responsabilizzazione, la consapevolezza acquisita dell’improrogabilità del dovere.

Il ragazzo che entra a diciotto anni in Accademia, come sono entrata io all’università, si forma non solo in merito alle conoscenze in diritto penale o civile, ma si forma anche dal punto di vista culturale…insomma, è un momento importante.Il nostro approccio è sicuramente, oserei dire, più pratico.

42Le tenenti hanno mantenuto quindi, rispetto alle allieve più giovani, un atteggiamento disincantato nei confronti dei valori tipici trasmessi in Accademia. Del resto, la stessa organizzazione ha riconosciuto la difficoltà nella formazione culturale di donne con un’età maggiore ed esperienze pregresse più complesse di quelle degli allievi dei corsi ordinari.

4. Osservazioni conclusive

43Le interviste realizzate con le «giovani» allieve ufficiali del corso ordinario e con le «anziane» allieve del corso straordinario hanno messo in luce alcuni aspetti problematici della socializzazione con la vita militare, talvolta coincidendo e talaltra contrapponendosi alla visione idealizzata offerta dall’autorità istituzionale. Coincidenze e contrapposizioni sono emerse grazie alle differenze insite nei due gruppi. La maggiore età delle allieve tenenti e la loro determinazione nell’affermarsi prevalentemente in senso professionale, mantenendo in generale un distacco critico nei confronti dei postulati della vita militare, ha determinato una socializzazione atipica rispetto a quella normalmente sperimentata dagli allievi ufficiali. Il confronto con il gruppo delle allieve del primo anno, formato da ragazze più giovani e senza importanti esperienze lavorative precedenti, motivate da un’aspirazione coltivata spesso fin dall’infanzia ed esposte quindi maggiormente ai processi di disculturazione e riacculturazione attuati dall’istituzione, sottolinea la diversità dei due percorsi. Il primo, quello delle allieve tenenti, parziale e orientato verso l’acquisizione di uno status professionale all’interno del Corpo; il secondo, quello delle allieve del corso ordinario, fondato sulla completa integrazione nel modello (maschile) di appartenenza all’istituzione.

44Tuttavia, le problematiche di adattamento comuni ai due gruppi sono riconducibili alla difficoltà di conformarsi alla vita della caserma, così come questa è stata pensata e proposta finora dall’organizzazione agli allievi uomini. Oltre ai fattori destabilizzanti, normalmente riscontrabili nei processi di risocializzazione nelle istituzioni totali, quali il distacco completo dall’ambiente esterno e dai punti di riferimento abituali come la famiglia e il gruppo amicale, in questa prima fase le donne hanno dovuto superare ulteriori difficoltà riconducibili al doversi conformare ad uno stile di vita prettamente maschile. Ciò ha comportato alcune rinunce a risorse psicologiche e ambientali particolarmente sentite dalle allieve, quali la privacy e la propria cura personale, come pure l’assenza di superiori donne alle quali sottoporre le perplessità provate nel difficile processo di inserimento.

45È stato inoltre interessante, ai fini della comprensione dell’approccio delle donne con l’organizzazione militare, riportare le opinioni circa le prospettive future personali e professionali. Alcuni spunti di riflessione emersi dalle interviste sono riconducibili all’esigenza molto sentita dalle donne di conciliare, in un futuro, la carriera militare con la cura della famiglia. L’attrazione per la vita «varia» e «avventurosa» offerta dalle missioni del Corpo, che in molti casi ha motivato la decisione dell’arruolamento, si ridimensiona all’idea di non poter avere, in futuro, legami affettivi stabili. L’integrazione delle donne nell’organizzazione militare lascia aperti, in questa primissima fase, numerosi interrogativi sulla possibilità da parte dell’istituzione di favorire con opportune politiche la «doppia presenza» nella carriera e nella famiglia, senza che ciò comporti per le donne la rinuncia ai settori più qualificati dell’attività del Corpo.

46Il senso di precarietà nell’inserimento in un contesto del tutto nuovo e l’incertezza spesso sentita nei riguardi del futuro vengono descritti nelle auto-percezioni che sono state colte nel corso delle interviste grazie allo strumento della metafora dal campo, attraverso il quale le allieve e le tenenti hanno raccontato se stesse e la propria esperienza nell’immedesimazione in un personaggio famoso. Le analogie più significative sono state quelle riferite a «Jean Sorel, che tenta di inserirsi in una società in cui non è nato», o a «Cenerentola, perché ha a che fare con la mia condizione attuale».

47La descrizione della socializzazione delle donne nell’Accademia militare, la cui integrazione al momento della ricerca era in una fase ancora sperimentale, costituendo la primissima esperienza dell’organizzazione in questo ambito, ha evidenziato alcune dinamiche che testimoniano le difficoltà nel superamento della chiusura che da sempre l’istituzione militare ha avuto nei confronti dell’universo femminile. Questo aspetto tradizionale della «teoria in uso» dell’organizzazione, se non adeguatamente superato con la piena integrazione culturale, oltre che fisica, degli elementi femminili, potrebbe costituire un limite alla acquisizione da parte delle donne di una concreta «cittadinanza di genere» all’interno dell’istituzione militare (Gherardi, 1995), dove per cittadinanza si intende il segno distintivo di appartenenza, l’identità fondata sulla cooperazione attraverso modelli di partecipazioni diversi e derivanti dalla peculiarità di genere, ma ugualmente validi e riconosciuti a livello del nucleo culturale dell’organizzazione.

48Il divieto della discriminazione fra sessi, rigorosamente perseguìto nei metodi formativi dell’Accademia della Guardia di Finanza, potrebbe impedire all’organizzazione l’adozione di politiche di integrazione che favoriscano l’ingresso reale e sostanziale delle donne nell’istituzione, oltre che quella puramente formale basata sulla retorica dell’uguaglianza e parità fra uomini e donne. La cultura dell’uguaglianza formale, portata avanti in molti contesti organizzativi e che rischia di contraddistinguere anche l’istituzione militare, si basa sul postulato dell’identità delle prestazioni fra uomini e donne che aderiscono agli stessi valori dell’organizzazione. Questi valori, nel sistema militare, sono storicamente modellati sul gruppo maschile. In tal senso, la responsabilità sociale dell’organizzazione è limitata in questa prima fase al trattamento imparziale di uomini e donne nel conseguimento dei medesimi risultati. Proponendo una riproduzione culturale che si fonda, fin dai primi momenti della socializzazione e dell’interiorizzazione primaria di ruoli e comportamenti, su di una definizione culturale esclusivamente maschile dell’organizzazione, essa rischia di trascurare l’apporto della specificità femminile, presumibilmente foriera non soltanto di problemi per l’istituzione ma anche di risorse e soluzioni.

Torna su

Bibliografia

Acker J. (1990), Hierarchies, jobs, bodies: a theory of gendered organizations, «Gender and Society», n. 4, pp 139-158.

Ammendola T. (a cura di) (1999), Missione in Bosnia. Le caratteristiche sociologiche dei militari italiani, Milano, Angeli.

Argyris C., Schön D. (1996), Organizational Learning ii. Theory, Method and Practice, Reading, Addison Wesley (trad. it. Apprendimento Organizzativo: Teorie, Metodi e Pratiche, Milano, Guerini, 1998).

Battistelli F. (1990), Marte e Mercurio. Sociologia dell’organizzazione militare, Milano, Angeli.

Id. (a cura di) (1997 a), Donne e Forze Armate, Milano, Angeli.

Id. (1997 b), Con gli occhi degli uomini: l’opinione maschile in tema di donna soldato, in Battistelli (1997 a), pp. 178-185.

Id. (1998), Burocrazia e mutamento. Persuasione e retorica dell’innovazione amministrativa, Milano, Angeli.

Boudon R., Bourricaud F. (1986), Dictionnaire critique de la sociologie, Paris, Presses universitaires de France.

Coser L. (1967), Greedy Organizations, «European Journal of Sociology», n. 8, pp. 196-215.

Durkheim E. (1912), Les formes èlèmentaires de la vie religieuse. Le système totèmique en Australie, Paris, Alcan (trad. it. Le forme elementari della vita religiosa, Milano, Comunità, 1971).

Edgren L. (1990), The ‘commando’ model: a way to gather and interpret cultural data, in Turner (1990), pp. 173-187.

Geertz C. (1983), Local Knowledge: Further Essays in Interpretative Anthropology, New York, Basic Books (trad. it. Antropologia Interpretativa, Bologna, Il Mulino, 1988).

Gherardi S. (1997), Perché le donne sono un falso problema. Ovvero perchè studiare i rapporti di genere e la costruzione organizzativa della mascolinità, in Battistelli (1997 a), pp. 178-185.

Id. (1998), Il genere e le organizzazioni, Milano, Cortina.

Gobbicchi A. (1993), Processi di interiorizzazione nelle Accademie militari, «Rivista Trimestrale di Scienze dell’Amministrazione», n. 3-4, 1993, pp. 337-350.

Id. (a cura di) (1995), La professione militare oggi, Milano, Angeli.

Goffman E. (1961), Asylums: Essays on the Social Situation of Mental Patients and Other Immates, Harmondsworth, Penguin (trad. it. Asylums. Le Istituzioni Totali: I meccanismi dell’esclusione e della violenza, Torino, Comunità, 2001).

Greco L. (1999), Homo Militaris. Antropologia e letteratura della vita militare, Milano, Angeli.

Mead H. J. (1934), Mind, Self and Society, Chicago, University of Chicago Press (trad. it. Mente, Sé e Società, Firenze, Giunti-Barbera, 1972).

Meyer J. W., Rowan B. (1995), Le organizzazioni istituzionalizzate: la struttura formale come mito e cerimonia (trad. it. in Gagliardi, 1995, pp. 237-265).

Morgan G. (1986), Images: le metafore dell’organizzazione, Milano, Angeli.

Moskos C., Miller l. (1986), Humanitarian or Warriors? Race, Gender and Combat Status in Operation Restore Hope, «Armed Forces and Society», n. 1, vol. 1, pp. 615-637.

Segal M. W. (1995), Women’s Military Roles Cross– Nationally, «Gender and Society», vol. 9, n. 6, pp. 757-775.

Torna su

Note

1 Alle Forze Armate propriamente dette appartengono l’Esercito, la Marina, l’Aeronautica e i Carabinieri (già prima Arma dell’Esercito, autonoma dal 1999, con la duplice dipendenza dal ministero della Difesa e da quello degli Interni). Le Forze di polizia a ordinamento militare sono la Guardia di Finanza, dipendente dal ministero dell’Economia, e la Guardia Forestale dello Stato. La Polizia di Stato e la Polizia Penitenziaria, infine, sono istituzioni a ordinamento civile.

2 Per le differenze sociologiche dei due gruppi in relazione all’approccio ai valori e al sistema simbolico e normativo dell’Accademia, v. par. 3.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Cecilia Sernicola, « La socializzazione in un’organizzazione a ordinamento militare: le allieve dell’accademia della Guardia di Finanza »Quaderni di Sociologia, 32 | 2003, 98-115.

Notizia bibliografica digitale

Cecilia Sernicola, « La socializzazione in un’organizzazione a ordinamento militare: le allieve dell’accademia della Guardia di Finanza »Quaderni di Sociologia [Online], 32 | 2003, online dal 30 novembre 2015, consultato il 24 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1188; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1188

Torna su

Autore

Cecilia Sernicola

Archivio Disarmo, Roma

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search