Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri32teoria e ricercaUna scelta ragionevole in tempi c...

teoria e ricerca

Una scelta ragionevole in tempi complicati. Note sull’economia politica delle riforme nell’epoca della crisi dello sviluppo e del welfare

Domenico Maddaloni
p. 116-142

Note dell'autore

Questo lavoro è stato sviluppato tra i mesi di marzo e giugno 2002. Ringrazio Luigi Caramiello, Paolo Landri, Giuseppe Ponzini, Gerardo Ragone per averne letto e criticato le prime versioni. Mia, comunque, è la responsabilità per le opinioni qui espresse.

Testo integrale

1. Premessa

1Nelle scienze sociali è frequente distinguere l’analisi della politica in due dimensioni complementari. Tra queste, la più nota a quanti indagano sul welfare e sullo sviluppo è quella della policy. Essa si riferisce all’assunzione delle scelte, alla loro realizzazione ed alla valutazione delle conseguenze. Minore attenzione, anche perché spesso espone gli studiosi all’accusa di essere «di parte», ha la dimensione della politics. Essa riguarda il conflitto e la mediazione tra partiti, coalizioni, gruppi che nutrono interessi e valori non omogenei o in contrasto. Ma proprio in questo ambito andrebbe collocata l’indagine sui processi di formazione del consenso intorno a strategie, misure e iniziative politiche.

2Le riflessioni qui presentate prendono le mosse da un’osservazione relativa alla dimensione della politics. Nei Paesi sviluppati, al principio degli anni 2000, il pendolo della politica sembra tendere con decisione verso destra. Una «Nuova Destra» che, per i suoi critici, manifesterebbe tendenze oligarchiche in materia economica e propensioni integraliste in campo sociale. Ciò determinerebbe precise conseguenze sulle politiche sociali e per lo sviluppo che è lecito attendersi nel prossimo futuro.

3Scopo di questo lavoro è indagare, facendo riferimento in particolare alle vicende politiche del nostro Paese, su alcune ragioni della prevalenza della Nuova Destra. L’ipotesi su cui fondiamo il nostro tentativo di political economy delle riforme nelle politiche sociali e di sviluppo è che i recenti successi elettorali dei partiti e delle coalizioni riconducibili alla «Nuova Destra» non siano riconducibili soltanto a specificità nazionali o ad un presunto andamento ciclico del consenso politico. Essi rifletterebbero invece una propensione dell’elettorato a fidarsi di più, in un’epoca di crisi e di crescente instabilità, della proposta dei partiti o coalizioni di destra.

4Pertanto, nel paragrafo 1 presenteremo un modello di mercato politico fondato sull’opposizione tra due tipologie di proposta, che definiamo con le etichette di «Nuova Destra» e di «Nuova Sinistra» e che vengono identificate dagli incentivi materiali e ideali che propongono per farsi scegliere dal corpo elettorale. Nel paragrafo 2 discuteremo del discorso proposto dalla Nuova Destra, definito nei termini di una combinazione di liberismo e «politica dell’identità» a sua volta fondata sulla «reinvenzione della tradizione» e sull’«ossessione securitaria». Oggetto del paragrafo 3 è invece l’offerta politica della Nuova Sinistra, distinta da una peculiare combinazione di «liberismo riflessivo» e di individualismo cosmopolita. Qui mostreremo come la proposta della Nuova Destra si riveli più coerente con il principio della riduzione della complessità rispetto al discorso politico della Nuova Sinistra, ed appaia dunque più plausibile, più ragionevole, in tempi tanto complicati. Nel paragrafo 4 cercheremo una risposta a due questioni connesse alle precedenti e apparentemente contraddittorie: per quale ragione la Nuova Sinistra presenta una proposta così debole e trascura i segnali di rifiuto di essa che provengono da tanta parte dell’elettorato? E per quale ragione riesce a trovare, nonostante ciò, notevoli consensi elettorali, per quanto minoritari? Per rispondere a queste domande estendiamo allora la riflessione al contesto sociale nel quale l’offerta politica della Nuova Sinistra matura ed è proposta agli elettori. Nelle conclusioni infine vengono presentate alcune implicazioni delle osservazioni precedenti sulle possibili direttrici di mutamento dell’offerta nel mercato politico.

1. Scelta razionale e tipologie di offerta nel mercato politico

5Uno dei più frequentati campi di applicazione della teoria della scelta razionale è l’analisi del comportamento dei partiti e degli elettori nella politica democratica. Per la concezione forse paradigmatica della scelta razionale in politica (per una sintesi cfr. Pappalardo, 1989; Sola, 1996, pp. 701-819 e in particolare le pp. 731-739), il campo della politica democratica è definito come un mercato nel quale i partiti in competizione offrono miscele di incentivi materiali e ideali: dichiarazioni, programmi, promesse, iniziative, e se sono partiti di governo anche misure concrete. Miscele di incentivi o proposte politiche che rappresentano i prodotti a disposizione dei potenziali acquirenti, gli elettori. Questi ultimi, proprio come le casalinghe al mercato, soppesano le diverse miscele di incentivi e decidono per quella che maggiormente ne soddisfa i «gusti» e le «preferenze». In questa prospettiva si assume, anche se ciò non è sempre vero, che i banchetti dei venditori di proposte politiche, i partiti o le coalizioni che partecipano alle elezioni, siano disposti in uno spazio a due dimensioni, identificabile dall’opposizione tra destra e sinistra.

6Per questa teoria il comportamento degli attori sociali in politica è intrinsecamente egoista: i partiti scelgono un certo insieme di incentivi allo scopo di consolidare/espandere la propria «quota di mercato» politico; l’elettore realizza la scelta democratica sulla base del proprio universo di valori, di interessi o di bisogni, e non di un supposto interesse o aspirazione collettiva. Non a caso in questo approccio si assume che i partiti siano formati da attori sociali interessati ad ottenere potere, prestigio, ricchezza, reddito attraverso l’azione politica. E che scopo degli elettori, in quanto persone singole o membri di gruppi d’interesse (p. e., associazioni di categoria o confessioni religiose), sia eleggere un governo che risolva in una certa maniera i problemi di rilevanza collettiva.

7Ciò non implica che le proposte dei partiti o delle coalizioni siano del tutto riconducibili ad un calcolo di costi e benefici materiali e immediati. Al contrario, il mondo della politica non può non definire se stesso che a partire da una qualche nozione di «sistema sociale», o, in maniera un po’ più retorica, di «comunità politica». Ne deriva allora che un veicolo importante per la ricerca del consenso è il definire proposte o il realizzare misure che introducano elementi di mediazione tra la purezza formale dei dogmi dell’economia e la concreta, «sporca» materialità dei bisogni e dei desideri del «corpo» elettorale e dei molteplici gruppi e sottogruppi che lo compongono. E che talvolta attengono a problematiche inerenti a scelte morali che richiedono un pronunciamento o un impegno collettivo.

  • 1 Con effetti mimetici a volte impressionanti, come quelli che Ricolfi ha di recente segnalato a prop (...)

8Pertanto qualunque discorso politico, se vuole farsi scegliere dagli elettori, ha bisogno di combinare la coerenza logica con la difesa degli interessi e la tutela dei valori. È in questa prospettiva che andrebbe collocata la convergenza delle proposte di coalizioni e partiti verso il centro dello spazio politico, nel tentativo di conquistare l’«elettore mediano» e garantirsi una quota più ampia di consensi1.

9Ma a partire dagli anni ’70 la politica nei Paesi sviluppati sembra risentire di un clima sempre più diffuso di «perdita di fiducia» (Morin e Kern, 1994, pp. 59-98). Una perdita di fiducia che sembra trovare la sua massima espressione proprio nella crisi dello sviluppo e del welfare, i due versanti dell’«utopia concreta» (Rist, 1997, p. 219) che ha definito l’orizzonte del mutamento sociale nel xx secolo. In questo clima sembra che «certi aspetti della democrazia rappresentativa – le forme di aggregazione politica, i contenuti delle scelte e del personale politico, il ruolo dello Stato nazionale – (vengano) intaccati alle radici» (Pizzorno, 2001, p. 203). Con effetti e risvolti insoliti sulla competizione democratica descritta dalla teoria economica del mercato politico e sfociante nella «corsa al centro» dei partiti. Ne è un indicatore la comparsa, nel vocabolario politico, di espressioni non molto tempo fa ignote e soprattutto impensabili, come quelle di «centro radicale» o di «estremismo di centro». Espressioni impiegate per designare talvolta il partito o la coalizione che si colloca sulla destra dello spazio politico, la «Nuova Destra», talaltra invece per indicare il partito o la coalizione che si colloca sul versante opposto, la «Nuova Sinistra».

10In un simile contesto ci si può interrogare sull’adeguatezza delle offerte presenti nel mercato politico. Di fronte alla crisi del welfare e dello sviluppo, le proposte elaborate lungo i percorsi consueti, che conducono alla «corsa al centro», risultano all’altezza delle aspettative degli elettori?

  • 2 Cfr. l’analisi del comportamento elettorale degli italiani negli anni ‘90 compiuto da Ricolfi (2002 (...)

11Una risposta ad un simile interrogativo può forse venire da un’analisi delle chances di successo politico di ciascuno degli schieramenti elettorali, e quindi di realizzazione delle strategie da ciascuno (tendenzialmente) propugnate, di soddisfazione degli interessi e dei principi da ciascuno (maggiormente) difesi. Da quali motivi di fondo sembra allora scaturire l’egemonia politica della Nuova Destra? Ma la questione del successo della Nuova Destra può essere forse posta anche in un altro modo. Quanto più, con la scomparsa o il discredito delle alternative di sistema, i partiti e le coalizioni si lanciano nella «corsa al centro», tanto più sembra che il baricentro della politica si sposti a destra. Questo fenomeno può certamente riflettere dei mutamenti economici, sociali, culturali di breve, medio o lungo periodo2, variamente riconducibili alla crisi globale del welfare e dello sviluppo. Ma se ciò dipende anche dall’offerta politica, ci si può domandare quali meccanismi di questa producano un simile movimento, senza che paiano derivarne maggiori possibilità di successo elettorale per la Nuova Sinistra.

12Le osservazioni qui proposte su ciascuna delle domande suindicate non intendono esaurire la questione: né sotto il profilo del «grado di antagonismo» tra le due proposte, tra queste ultime e il «credo liberista» (Polanyi, 1974) o «fondamentalismo del mercato» (Giddens, 1999), o anche tra esse e un eventuale orientamento alternativo; né sotto il profilo della sostenibilità locale – economica o ecologica; di breve, medio o lungo periodo – delle offerte in questione; e neanche sotto il profilo della correttezza dell’immagine della politica fornita dal paradigma del libero mercato. Ciò che esse si propongono di fare è elencare alcune delle ragioni per le quali l’offerta politica della Nuova Destra, la sua proposta di soluzione della crisi del welfare e dello sviluppo, appare più convincente di quella elaborata dalla Nuova Sinistra. La nostra riflessione è riferita a due modelli di offerta politica, che come tali non possono essere immediatamente ricondotti ai programmi dichiarati o realizzati da partiti o coalizioni politiche, ma che sembrano definire due «formule» distinte per la soluzione dei problemi delle società avanzate. Queste «formule» vengono proposte da partiti o coalizioni in competizione per il consenso elettorale del nostro Paese come, a quanto sembra, di molti altri Paesi europei.

Schema 1. Modelli di offerta politica: Nuova Destra e Nuova Sinistra

Nuova Destra

Nuova Sinistra

Incentivi materiali (ordine pragmatico)

Liberismo

«Liberismo riflessivo»

Incentivi ideali (ordine simbolico)

«Politica dell’identità»

Cosmopolitismo

13L’esame dei due modelli di offerta si basa sull’osservazione, comune nelle scienze sociali, che la militanza, la partecipazione, l’adesione ad un partito può essere incentivata da due ordini di fattori. Seguendo l’analisi di Panebianco (1982), il primo ordine di fattori si riferisce agli «incentivi ideali»: il richiamo ad un «progetto di società», e quindi ad un universo di valori e di simboli, di miti e di riti, elaborati in massima parte dai «padri fondatori» del gruppo politico ed ai quali questo dovrebbe cercare di conformarsi, o almeno sostenere di conformarsi. Il secondo insieme di fattori rilevanti per la definizione organizzativa del partito è costituito dagli «incentivi materiali»: l’insieme dei vantaggi, individuali o collettivi, connessi all’adesione o al sostegno al partito.

14L’analisi di Panebianco si riferisce al problema del reclutamento politico, all’estensione dei confini organizzativi del partito in termini dimensionali ed al suo assicurarsi una capacità di mobilitazione collettiva da spendere in occasioni rilevanti per il conseguimento dei propri scopi: ad esempio, e soprattutto, in occasione delle elezioni. Si può ritenere che lo schema sia valido anche se riferito al problema dell’acquisto e della gestione del consenso in un mercato politico nel quale i soggetti scelgono, tra le opzioni elaborate dalle organizzazioni partitiche o dalle coalizioni in competizione, la miscela di incentivi ideali e materiali che risulta più conveniente. La struttura dell’offerta politica può essere pertanto esaminata a due livelli, il primo dei quali è relativo all’ordine simbolico, all’universo ideale cui il partito si ispira, e che cerca di far diventare categorie di senso comune tra gli elettori. Il secondo livello è invece relativo all’ordine pragmatico, alle «parole d’ordine» che identificano gli incentivi materiali che il partito offre ai suoi aderenti ed ai gruppi che lo sostengono, per radicare il suo consenso nella platea di clienti più vasta possibile. Al livello simbolico o ideale la proposta dei partiti o delle coalizioni si confronta con l’universo delle «preferenze morali» del corpo elettorale, che nel nostro Paese, come in altri, appare diviso in una varietà di tendenze o tipi morali (Ricolfi, 2002a, pp. 61-70). Al livello pragmatico o materiale la proposta di partiti o coalizioni si confronta con l’intricata giungla dei gruppi di interesse definiti in relazione alle appartenenze di genere, di generazione, di condizione sociale, di situazione professionale, di località di residenza ecc..

15Lo schema che segue è un tentativo di applicare l’analisi di Panebianco alle proposte politiche che si definiscono e si manifestano nel corso della crisi che si è aperta negli anni ’70. E che si distinguono dalla difesa ad oltranza dell’esistente, inquadrata dall’opposizione ormai consolidata tra una Destra conservatrice (colbertista, bismarckiana) e una Sinistra socialdemocratica (keynesiana, beveridgiana). Entrambe, come è noto, legate ad un modello di società nel quale lo Stato ha una presenza attiva e sovraordinata rispetto agli interessi privati. Lo schema 1 si riferisce, piuttosto, alla dialettica tra la «Nuova Destra» e la «Nuova Sinistra», le due coalizioni politiche che emergono nello scenario definito dalla crisi del welfare e dello sviluppo.

16Si è già detto che le due tipologie di offerta qui definite non corrispondono pienamente alle politiche proposte o realizzate dai partiti, ma piuttosto a tendenze rinvenibili sui versanti dell’iniziativa politica o di governo e della gestione dei processi di comunicazione. Spesso anzi dichiarazioni o interventi politici che andrebbero collocati da una parte dello schema vengono proposti o sviluppati da forze politiche che si collocano sul versante opposto, anche e soprattutto a causa dell’eterogeneità delle coalizioni di forze politiche che si affrontano per il consenso.

17Si può inoltre sostenere che nessuna forza politica può fare a meno di elaborare una propria «politica dell’identità» (Pizzorno, 1983), che muova dal richiamo alla «famiglia», alla «religione», all’«etnia» o alla «patria», o invece da quello alla «classe», al «genere», ai «lavoratori» o ai «cittadini». Ma si può anche sostenere, in accordo con un più recente lavoro di Pizzorno, che nell’epoca della crisi del welfare e dello sviluppo la «politica dell’identità» assuma i contorni di una «politica dell’eticità», per la quale «i valori della partecipazione all’azione collettiva di cui è stata espressione la democrazia rappresentativa siano ora soprattutto realizzabili negli impegni per obiettivi extra-statali, o localistico-populistici – potenzialmente antidemocratici, se trionfanti -, da una parte, o universalistico-planetari, dall’altra» (2001, p. 235). Questo nuovo radicalismo degli impegni sembra verificarsi in un contesto, quello distinto dalla globalizzazione dell’economia, nel quale «la politica che guida le decisioni rilevanti per la collettività si presenta come sempre più condizionata da circostanze che in gran parte sfuggono al controllo dei governi nazionali, o perché dipendenti dalla situazione internazionale, o perché soggette a vincoli tecnici che non permettono alternative le cui conseguenze, quindi la cui validità, siano valutabili dall’elettorato» (ibidem, p. 234).

18Non sembra allora azzardato sostenere che lo schema qui presentato può consentire di identificare due distinte combinazioni di incentivi, due «pacchetti» offerti nel mercato politico alla platea dei potenziali elettori per indurli a fornire consenso e talvolta sostegno attivo a favore del partito o della coalizione che li offre.

2. La Nuova Destra: tra animal spirits e «politica dell’identità»

  • 3 Si tratta in particolare di Forza Italia. Il testo è rinvenibile presso il sito Internet del partit (...)

19La prima combinazione di incentivi è riconducibile all’offerta politica dalla Nuova Destra e consiste nell’accettazione e nella realizzazione del fondamentalismo del mercato in campo economico, compresa la questione della «riforma» del welfare che andrebbe orientata nel senso che Esping-Andersen ha definito «liberale» (1990, 2000). In questa prospettiva, e come si può notare ad una lettura del brano seguente, tratto dal programma politico di un partito della coalizione di centrodestra che ha vinto le elezioni del 2001 nel nostro Paese3, il problema dello «sviluppo» – del Paese nel suo insieme come dei singoli – è posto nei termini di una crescita economica che andrebbe perseguita mediante il superamento degli ostacoli e delle resistenze che vengono frapposte dalla regolazione istituzionale pubblica in campo economico e sociale e dalla presenza delle organizzazioni di rappresentanza degli interessi.

Non è possibile migliorare gli standard di vita, non è possibile garantire solidarietà e servizi pubblici, non è possibile neanche mantenere la nostra posizione internazionale, senza uno sviluppo economico forte e continuato. Dunque il presupposto di qualsiasi politica di redistribuzione e di modernizzazione è lo sviluppo, che può derivare solo dalla libertà creativa, dalla capacità di iniziativa e d’innovazione, dalla ricerca e dal lavoro.
In Italia tutte queste energie sono sistematicamente ostacolate e mortificate da idee arcaiche. Una visione vecchia del sindacato blocca il lavoro. Un ecologismo integralista e irrazionale blocca pregiudizialmente tutte le grandi opere. Troppe tasse e troppe regole bloccano e soffocano gli investimenti, la produzione, i consumi. Con l’avanzare della globalizzazione la competizione internazionale si fa più pressante, il nostro Paese perde colpi rispetto agli altri Paesi dell’Europa e del mondo più dinamici e meno ingessati.
Per evitare un declino inarrestabile occorre dunque una nuova ventata di libertà. Non la libertà di licenziare, ma la libertà di assumere senza quei vincoli che rendono temerario l’offrire lavoro. Occorre altresì la libertà di costruire le nuove Grandi Opere pubbliche nel rispetto dell’ambiente. Stimolando e permettendo lo sviluppo, con la leva fiscale e con le riforme liberali, si può rilanciare l’economia. Con un’economia che va bene diventa davvero possibile ciò che alla sinistra pare impossibile: ridurre le tasse ed aumentare contemporaneamente le pensioni minime.

  • 4 Stando alla recente analisi di Ricolfi, nell’elettorato dei partiti del centrodestra italiano (con (...)

20A questa dichiarazione di fiducia negli animal spirits del capitalismo, presentati in veste di «innovazione» e di «libertà», si accompagna tuttavia l’esortazione a restaurare le antiche solidarietà erose non soltanto dall’«assistenzialismo» di Stato, ma anche dalla diffusione di valori quali il cosmopolitismo, l’egualitarismo e l’individualismo nel campo degli orientamenti di genere e familiari e dei percorsi di vita. Questi avrebbero nascosto o soppresso altre e più naturali religiones, relative alla comunità locale, o al gruppo etnico, o alla nazione, o infine al rapporto con il sacro4. Da una parte, dunque, si assiste alla celebrazione dello spirito d’iniziativa nell’economia di mercato. Come pure al biasimo verso «fannulloni» e potenziali devianti, riconducibile all’atteggiamento morale da Ricolfi definito «della responsabilità personale» (2002a, pp. 31-36). Dall’altra si afferma la difesa rigida delle identità derivate dalla tradizione, che rappresentano il «supplemento di anima» indispensabile all’affermazione delle politiche liberiste (Caillé, 1991, p. 16). Queste identità vengono reinventate in maniera da operare disgiunzioni e separazioni a beneficio di chi è dentro il cerchio magico della comunità «naturale» e «necessaria» (Ciucci, 1990, pp. 123-128). E soprattutto a svantaggio di chi è fuori da esso, gli «altri», o, ancora peggio, ai confini di esso, gli «estranei», dunque i «traditori» e i «voltagabbana» (Bauman, 2000, pp. 35-67). Cosicché anche l’ultimo dei membri della comunità, restaurata e consolidata dalla politica della Nuova Destra, possa sentirsi al sicuro rispetto alla minaccia che gli «altri» e gli «estranei» portano al suo ordine cognitivo e morale. E possa anche vivere la propria inferiorità sociale in maniera attenuata rispetto a tutti coloro i quali condividono la medesima identità collettiva, che costituirebbe pertanto una risposta politica non soltanto ai problemi dell’insicurezza ma anche a quelli della diseguaglianza (Pizzorno, 2001).

  • 5 Si tratta delle Riflessioni sull’immigrazione dell’on. Dario Rivolta, capogruppo di Forza Italia al (...)

21Nei Paesi sviluppati dell’Europa occidentale una cartina di tornasole della presenza di un simile orientamento politico è costituita dall’atteggiamento nei confronti dei rifugiati e degli immigrati, da una parte, e delle forme di convivenza diverse dalla famiglia tradizionale, dall’altra. Ad esempio, a proposito dei primi, in un discorso parlamentare di un esponente della Nuova Destra del nostro Paese5 si giunge ad esprimere biasimo per il fatto che

Purtroppo anche una parte consistente degli imprenditori, che vedevano in questa immigrazione una facile manodopera a basso costo e forse anche un’arma contro lo strapotere sindacale, si è schierata a favore (di una presunta politica di immigrazione incontrollata). La Confindustria per bocca del suo direttore Cipolletta è arrivata ad auspicare la «libera circolazione dei lavoratori», come giusto corrispettivo della libera circolazione dei capitali associata alla «globalizzazione». In tutti gli anni novanta sono state queste forze a determinare la legislazione e la politica dell’immigrazione, a base di sanatorie facili ed espulsioni difficili. Con i risultati sociali devastanti che sono sotto gli occhi di tutti. Solo i partiti della Casa delle Libertà si sono opposti all’immigrazione selvaggia, facendosi interpreti della preoccupazione sempre più diffusa tra i cittadini circa il rischio che questa immigrazione diventi una vera e propria invasione, minacciante seriamente il mantenimento della nostra identità sociale e culturale.

  • 6 Cfr., a proposito delle riforme del workfare statunitense nell’epoca di Bush jr., F. Rampini, Basta (...)

22Non molto più difficile è trovare esempi di chiusura sociale fondata sulla reinvenzione della tradizione in rapporto alla politica assistenziale. L’adozione di principi comunitari e tradizionalisti può servire a gestire il welfare retrenchement (Pierson, 1996) facendone ricadere i costi su chi è fuori dalla comunità in misura proporzionalmente maggiore. Si possono allora prevedere requisiti via via più stringenti per beneficiare dell’assistenza pubblica, ma lasciare che lo siano un po’ meno per chi vive in nuclei familiari legalmente costituiti. Oppure ridurre l’importo delle prestazioni, ma un po’ meno a chi sia impegnato in un «matrimonio stabile»6.

23La «politica dell’identità» che definisce il versante simbolico e ideale della proposta della Nuova Destra non poggia soltanto sul pilastro della reinvenzione della tradizione. Essa sviluppa anche l’ossessione securitaria che pervade la «società dell’incertezza» (Bauman, 1999a). In un contesto nel quale le «forze del mercato» dissolvono la certezza dell’ordine sociale (facendo aumentare ciò che Bauman chiama incertezza psicologica) ed erodono sempre più le garanzie di protezione dai rischi, naturali o anche emergenti quali conseguenze dell’«operare spontaneo» del libero mercato (producendo un incremento di ciò che Bauman definisce insicurezza esistenziale), alla Nuova Destra non rimane che puntare sulla sicurezza personale, la sicurezza del corpo e dei beni, «estensione del corpo nello spazio» (Bauman, 1999b, p. 128).

  • 7 Si pensi alle vivide descrizioni dell’intreccio tra miseria economica e devianza sociale lasciateci (...)
  • 8 Non a caso nell’indagine citata il Censis connette l’incidenza dei reati denunciati alle autorità a (...)

24In effetti sembra che l’epoca della crisi del welfare e dello sviluppo sia segnata da un aumento della sensibilità collettiva nei confronti degli episodi di devianza sociale, in particolare al livello spicciolo ma visibile e invasivo della microcriminalità. Sulla scorta dei risultati di una recente indagine sull’argomento (Censis, 2001), si potrebbe avanzare l’ipotesi che la tendenza storica di lungo periodo alla riduzione dell’incidenza di numerosi fenomeni di devianza sociale, quantomeno nei contesti sociali più avanzati7, non sarebbe sufficiente a compensare una serie di fattori che influenzano in senso negativo la percezione collettiva degli episodi di devianza. Nell’indagine citata, il Censis attribuisce particolare rilievo alla diffusione della fiducia nei confronti delle istituzioni di law enforcement, e dunque della propensione sociale a denunciare gli episodi di criminalità, con un conseguente «gonfiamento» delle statistiche giudiziarie. Ma altrettanto importante può essere l’interesse dell’industria dell’informazione e delle comunicazioni di massa ad acuire ed ampliare l’attenzione pubblica nei riguardi della devianza. Questa attenzione è poi da connettere alla comparsa di un’underclass, concentrata nei centri storici e nei quartieri di periferia degradati dei grandi centri urbani e composta in misura più che proporzionale da esponenti di minoranze etniche e di comunità immigrate, le cui opportunità legali di riproduzione e di mobilità tenderebbero di recente a restringersi a favore di quelle illegali. Né, infine, va dimenticato che l’aumento e la diffusione della ricchezza materiale già di per sé implica la comparsa di rischi in precedenza sconosciuti di «furto, incendio, rapina», per usare la formula impiegata dalle assicurazioni8.

25In un simile contesto, e nell’assenza di un dibattito sulle cause sociali dell’incremento dell’incertezza psicologica ed esistenziale, o della crescita della sensibilità collettiva nei riguardi dei comportamenti devianti, la Legge e l’Ordine, due temi cari da sempre alla Destra, finiscono per diventare l’argomento principale del discorso pubblico. Ciò il più delle volte è posto in relazione con la presenza crescente e dunque sempre più minacciosa di «altri» ed «estranei», che appaiono capri espiatori ideali per queste montanti paure collettive. Nella tensione generata dalla riduzione del problema della gestione dell’incertezza all’insicurezza personale, i «brillanti investitori» e gli «acuti intermediari» (Bauman, 1999b, pp. 128-129) della Nuova Destra si gettano a corpo morto, intuendone il potenziale valore politico.

  • 9 Come è noto, la teoria insegna che, nel definire un criterio di ripartizione per i propri investime (...)

26In sostanza, la miscela di incentivi proposta dalla Nuova Destra sembra equilibrata, dal momento che esalta la possibilità di agire e di essere intraprendenti nel «libero mercato», nel quale, stando all’opinione ortodossa, ciò che conta è l’abilità individuale e si viene ricompensati secondo i meriti personali. Essa consente di vivere senza sensi di colpa l’emozione di sentirsi «al passo con i tempi», e dunque «flessibili», alla continua ricerca dell’opportunità per arricchirsi. Ma pone anche l’elettore al riparo da crisi di identità, dal momento che circoscrive i margini di autonomia individuale alla ricerca delle maniere più adeguate per inseguire il successo economico personale, e per il resto semplifica le possibilità di scelta – o con «noi», mit Uns, o con gli «altri» -. Nei termini della scelta razionale del partito da parte dell’elettore l’offerta politica della Nuova Destra, con il suo mescolare spirito d’impresa e richiamo alle appartenenze tradizionali, supererebbe l’esame della «teoria del portafoglio»9. In termini più sociologici, la proposta della Nuova Destra appare esistenzialmente sostenibile, riducendo la complessità di un mondo sempre più caotico e dunque impedendo la dilatazione di uno spazio delle opportunità in cui proliferano anche i rischi. Nei termini impiegati da Giddens (2000a, pp. 61-72), essa previene la possibilità di cadere nell’«angoscia esistenziale» che assale l’individuo nel comparare la propria finitezza all’infinità del mondo.

27Ma oltre che di Giddens, sarebbe qui opportuno ricordarsi di Polanyi e della reazione che si produsse in Europa di fronte ai fenomeni di disgregazione sociale e culturale indotti dall’espansione del capitalismo nell’epoca dell’egemonia britannica (1974, pp. 297-310). Ciò senza la presenza del pericolo comunista allora percepito dalle classi abbienti ed anche senza la «guerra civile europea» di cui ha parlato qualche storico. Nell’epoca della crisi del welfare e dello sviluppo la politica dell’identità che si fonda sulla reinvenzione della tradizione e sull’ossessione securitaria non estenderebbe l’applicabilità della tesi del «fascismo» come risposta politica delle classi medie e superiori al pericolo della rivoluzione comunista. La politica neoliberista/ neotradizionalista che la Nuova Destra propone non può essere considerata una «reazione al comunismo» (essa preesiste al movimento no global), ma piuttosto l’espressione di un riflesso condizionato di chiusura psicologica, sociale, culturale che tenderebbe a generarsi «al di sopra delle classi» (Bauman, 1999b, p. 129), in tutti i contesti e i gruppi sociali allorché i tempi si fanno complicati e l’instabilità biografica, sociale, sistemica si fa più diffusa e più acuta.

28Al tempo stesso questa proposta sembrerebbe compatibile con il fondamentalismo del mercato e con le forze economiche e sociali che lo sostengono. Dopotutto, la politica dell’identità, la reinvenzione della tradizione e l’ossessione securitaria costituiscono anche strumenti a disposizione dalle élites locali, da impiegare nella competizione globale per attrarre investimenti e per escludere «altri» ed «estranei» dall’accesso alle risorse disponibili (ibidem, pp. 131-132).

  • 10 Si tratta delle attività di informazione, di comunicazione, dello spettacolo, della pubblicità, del (...)

29In questa maniera la proposta della Nuova Destra può superare i problemi individuati dagli studiosi del Cepr in una recente analisi sull’«economia politica della regolamentazione del mercato del lavoro». Essi hanno infatti notato che il consenso politico alle «riforme» può mancare perché la potenziale coalizione a sostegno di queste ultime è formata da gruppi (gli imprenditori, i detentori di capitale di rischio, i lavoratori più qualificati, le persone alla ricerca di un’occupazione) che si trovano ai due estremi della stratificazione sociale e nutrono interessi divergenti su ogni altra materia (Centre for Economic Policy Research 1995, pp. 116-122). La politica dell’identità della Nuova Destra basata sulla reinvenzione della tradizione e sull’ossessione securitaria costituisce, in questa prospettiva, la quadratura del cerchio. Essa fornisce infatti il terreno sul quale gli interessi dell’élite globale (i magnati della finanza e dell’industria nonché i mediatori politici, gli esperti e i consulenti di rilievo internazionale), dei gruppi emergenti, in Italia soprattutto piccoli imprenditori e ceti produttori di beni immateriali10 (Bagnasco, 1996, pp. 23-33), e delle fasce marginali, i lavoratori precari e intermittenti a bassa qualificazione e reddito, possono incontrarsi e definire processi politici comuni.

  • 11 Si ricordino anche i risultati delle indagini sull’evoluzione recente dei comportamenti elettorali, (...)

30Non sembra allora casuale che, stando ai risultati delle elezioni italiane del 2001, la coalizione di destra sia votata in misura più che proporzionale, rispetto al +1% colto sulla coalizione di centrosinistra alle elezioni per i collegi uninominali della Camera dei deputati, da persone con istruzione inferiore, con una punta di +12% tra chi ha la licenza media, e da imprenditori, professionisti (+32%), lavoratori autonomi (+20%), casalinghe (+13%), disoccupati (+25%) (Itanes, 2001, pp. 59-70). Vale a dire dai gruppi sociali che maggiormente percepiscono, in maniera diretta o, nel caso delle casalinghe, mediata dai mezzi di comunicazione di massa, il montare dell’incertezza e dei pericoli connessi sia alla concorrenza reale o presunta di «altri» ed «estranei» che all’erosione della tradizione e alla perdita dei significati, dei valori e delle regole condivise11.

3. La Nuova Sinistra: tra «liberismo riflessivo» e individualismo cosmopolita

31La seconda combinazione di incentivi è riconducibile all’offerta politica della Nuova Sinistra e sembra corrispondere alla maniera in cui è presentata la proposta della «Terza Via». Non intendiamo sostenere che la strategia presentata nelle opere più recenti di Giddens (1997, 1999, 2000b) sia riconducibile alla miscela di «liberismo riflessivo» e di cosmopolitismo qui identificata con l’offerta politica della Nuova Sinistra (vedi lo schema presentato più sopra). Questa invece sarebbe la maniera in cui la politica della Terza Via è percepita, non soltanto dai suoi critici (per una rassegna cfr. Giddens, 2000b, pp. 13-35), ma anche da una parte dei suoi presunti sostenitori.

  • 12 Si tratta dell’intervento del sen. Enrico Morando al Convegno del 17/18 settembre 1999 su La Querci (...)

32In questi ambienti l’abbandono della consueta «politica dell’emancipazione» – della politica socialdemocratica, keynesiana/beveridgiana, della Vecchia Sinistra – e la riconversione all’esigenza di «governare la globalizzazione», sia pure allo scopo di sostenere la libertà di scelta individuale, verrebbe interpretata come adesione ad una versione liberale del credo liberista. Ne deriverebbe una rinuncia ad un approccio universalistico, «repubblicano», secondo i suoi critici «statalista», al controllo della crescita economica, alla regolazione del mutamento sociale ed alla gestione collettiva dei rischi individuali. In cambio si propone l’approdo a modalità «leggere», coerenti con l’idea di uno Stato «minimo» che agisce in un mercato sempre più «libero», di sostegno alla postulata continua attività di adattamento riflessivo dell’individuo ai cambiamenti che gli si presentano. Dunque, sempre meno garanzie sui livelli di reddito e sull’erogazione di prestazioni assistenziali o sanitarie, o su modalità collettive di definizione delle condizioni salariali e lavorative. E sempre più servizi di informazione, di orientamento e di formazione professionale, con il corollario di un’assistenza affidata se possibile al Terzo Settore, nella prospettiva dell’individualizzazione delle biografie personali e delle carriere lavorative. Ciò in un discorso segnato, come si può notare dal brano che segue, tratto da un intervento di un esponente del centrosinistra al governo in Italia tra il 1996 e il 200112, da continui richiami alla «fine dell’epoca del posto fisso» ed alla «transizione dal welfare al lavoro», al livello micro. Ed alla necessità di ridurre la presenza delle istituzioni pubbliche e di modularne l’attività in maniera da assicurarsi il giudizio positivo dei «mercati» e garantire la competitività del «sistema-Paese», al livello macro.

«Cosa fare per vincere» nel campo delle politiche economiche e sociali? La risposta, di per sé, non è difficile: bisogna promuovere una netta accelerazione del ritmo di crescita, così da aumentare occupazione e benessere. (…)
Ma quali sono le riforme necessarie? Quelle che rimuovono i vincoli strutturali che impediscono la crescita della nostra economica a tassi simili a quelli prevalenti nell’area Euro. (…)
Sulle politiche microeconomiche, di dimensione nazionale, va preliminarmente rimosso un equivoco: che cioè ad esse la sinistra si acconci non perché esse si iscrivono nel progetto di una sinistra moderna e di governo, ma perché esse vengono reclamate dal «pensiero unico», che ispira la destra e soggioga la sinistra. Questa idea, a sua volta, è figlia di una visione – che la vecchia sinistra ha di sé stessa – secondo la quale la crescita economica, lo sviluppo delle forze produttive sono qualcosa che c’è, che si determina secondo processi indipendenti dalla sinistra, che semmai è chiamata ad operare su quella crescita una «tosatura» redistributiva, a fini di eguaglianza. Da quando è stata costretta a riconoscere che il suo fine non può essere un sistema «altro» rispetto all’attuale, poi, questa tendenza si è molto rafforzata. No. La sinistra è forza non residuale se è parte – con altri attori – del processo di sviluppo delle forze produttive, se contribuisce a promuovere lo sviluppo. (…)
Riforme microeconomiche, dunque, per promuovere lo sviluppo, secondo valori e secondo interessi sociali propri della sinistra riformista: qui si incontra subito il nodo della flessibilità, della flessibilizzazione di tutto il sistema. La flessibilità non è una categoria della destra: è, semplicemente, la principale caratteristica del sistema economico dopo la «rottura» del capitalismo fordista, esattamente fondato sulla «rigidità». (…)
Flessibilità come capacità di adattamento all’innovazione tecnologica, come padroneggiamento di una realtà sociale mutevole, come elasticità della mente di chi ha imparato ad imparare: come può la sinistra sentire come ostile una così stimolante prospettiva di arricchimento individuale e collettivo?

33Le analogie del discorso presentato qui sopra con quello proposto dalla Nuova Destra ci sembrano evidenti. Nel secondo caso, come nel primo, il problema del governo del cambiamento sociale è presentato innanzitutto in termini di conflitto tra il vecchio e il nuovo. Nel «vecchio» vengono invariabilmente collocati sia l’intervento pubblico in campo economico sia gli assetti istituzionali del mercato del lavoro, sia infine l’atteggiamento difensivo dei sindacati e delle forze politiche ad essi più vicine, che quindi appaiono come «conservatrici» (Mingione, 1998, pp. 131-132). Occorre superare queste resistenze e adeguare il «sistema-Paese» per aumentare la sua competitività internazionale e garantire la crescita economica, imprescindibile fattore di sviluppo.

34Per la verità, nel discorso di questo esponente della Nuova Sinistra, e più in generale nell’offerta politica di questa coalizione, vi è anche qualcos’altro. Vi è, in particolare, l’insistenza sulla rimozione delle «rendite di posizione» nutrite da alcune categorie a scapito della maggioranza dei lavoratori, degli utenti, dei consumatori, dei cittadini. O su un nuovo assetto dei mercati dei beni, con la promozione della libera concorrenza tra le imprese. Queste proposte paiono ispirate a principi di equità tipici del pensiero liberale, assai vicini all’interesse consueto nella sinistra per l’eguaglianza delle opportunità. Ma in termini di appeal dell’offerta sull’elettorato occorre notare che, in questo campo, ciò che in concreto si propone è uno scambio rischioso tra certezze e possibilità. Le certezze garantite dal sistema di relazioni industriali e da quello di protezione sociale che costituiscono il lascito politico dell’epoca dello sviluppo e del welfare, di cui si chiede con insistenza la rimozione o la riduzione. La possibilità che gli interessi concentrati e politicamente molto rappresentati di imprese oligopolistiche e corporazioni professionali «cedano il passo» di fronte alla dimostrazione che ciò sarebbe di grande utilità, nel lungo periodo, per tutto il «sistema-Paese», e dunque alla fine anche per loro.

35Lasciando da parte la difficile sfida alle «rendite di posizione», la Nuova Sinistra offre un governo tecnico dei mutamenti economici e sociali a garanzia dell’adeguamento del «sistema-Paese» alla realtà del postfordismo. E sostegno «sussidiario» (Pasquino, 2001, p. 60) e «compassionevole» (ibidem, p. 85), di regola nei termini in precedenza delineati, ai singoli che lungo il proprio ciclo di vita si trovino «allo scoperto», sospesi tra una condizione sociale, una collocazione occupazionale o uno stato civile e l’altro, indipendentemente dal fatto che lo stato di «sospensione» sia motivato da desideri personali, dai casi della vita o da necessità congiunturali, strutturali, sistemiche. Proposta che può interessare a chi si stia separando dal coniuge, ma che assai più difficilmente può riuscire a convincere quanti rischiano di perdere il posto di lavoro e le fonti di reddito a causa dell’«adattamento riflessivo» del «sistema-Paese» alle oscillazioni dei mercati nel contesto della globalizzazione. Soprattutto se si tratta di soggetti la cui vicenda personale è già segnata dall’insuccesso scolastico, e/o da un accesso intermittente e/o irregolare al lavoro, e/o dalla residenza in aree in corso di deindustrializzazione, o mai raggiunte dai processi di diffusione della crescita.

  • 13 Nei termini impiegati da Ricolfi nella sua analisi delle «preferenze morali» del corpo elettorale ( (...)

36Ne può derivare allora la tentazione di ricondurre i problemi quotidiani di lavoratori, disoccupati, marginali, esclusi ad una sorta di disadattamento psicologico di massa alla «fluidità» postmoderna. E dunque ad un deficit generale di «riflessività» al quale supplire con massicce iniezioni di orientamento e formazione. Ma quando si manifesta, un’opinione simile può tradursi facilmente in un atteggiamento che blames the victim, sintomo forse di una relativa contiguità tra gli individualismi della Nuova Destra e della Nuova Sinistra13. Ed anche del declino, nella prospettiva liberale e postmodernista qui descritta, di una ponderata riflessione sui fattori sistemici e le cause sociali che spingono l’esponente della Nuova Sinistra, che si pensa «globale», nella scuola, nell’università, nel mondo delle professioni ed il suo vicino di casa «locale» verso la precarietà lavorativa ed esistenziale, l’apatia e il rancore sociale, e il sostegno convinto alla Nuova Destra.

  • 14 Ne deriva che, per quanto riguarda l’Italia, la tesi proposta da Pasquino, secondo cui «la Cgil è l (...)

37Quanto alla politica dell’identità promossa dalla Nuova Sinistra, il discorso precedente sembra collocare nel «vecchio» da abbandonare il richiamo alla comunità nazionale, dal momento che parlare di «sistema-Paese» o di «azienda Italia» non implica il riconoscimento di uno status particolare per i valori della cittadinanza sociale e della solidarietà civica. Come fenomeno del passato vengono presentate anche le solidarietà di classe, di categoria o di subcultura politica, espresse attraverso le organizzazioni di rappresentanza degli interessi o le attività politiche di base, sviluppate nei luoghi di lavoro e nel territorio. È importante ricordare che questi due fenomeni costituiscono i due esempi più tipici di soggettività collettiva «moderna», e che il secondo di essi è stato finora sempre ritenuto dalla retorica ufficiale una componente imprescindibile per la vita e l’identità del partito di sinistra. Il declino conosciuto da entrambe le forme di aggregazione collettiva14 spinge la Nuova Sinistra ad estrapolare la tendenza tipica della tarda modernità ad esaltare il ruolo dei mass media nella formazione del consenso (Calise, 2000). Si cerca allora di trasformare l’esposizione mediatica del/dei leader in un equivalente unidirezionale del lavoro di comunicazione bidirezionale con la «società civile» che in passato veniva svolto, ed in parte tuttora viene svolto, dalle forme organizzative sopra ricordate.

38Ma l’adozione di un simile atteggiamento può vanificare qualunque pretesa di distinzione o, ancor più, di superiorità morale della sinistra «democratica» e «partecipativa» sulla destra «autoritaria» e «verticistica». E dunque di un fattore cruciale nel generare il senso del «noi» alla base sia dell’impegno politico che, talvolta, della scelta elettorale. Dunque questo processo non indebolirebbe soltanto la possibilità di comunicazione bottom up, ma anche il versante simbolico dell’offerta della Nuova Sinistra. La sua «politica dell’identità» non sembrerebbe più poggiare in maniera necessaria su una qualsiasi solidarietà «al di sopra dell’individuo».

39Ciò che resta in piedi in questo campo è la proposta, di matrice sia liberale che postmodernista, di un individualismo cosmopolita, che traduce in pratica una visione del mondo ispirata al principio dell’espansione delle opportunità di scelta dell’individuo in ambiti di vita sempre più diversificati. L’affermazione dell’esigenza di «competere nella globalizzazione» comporta infatti l’«accettare la globalizzazione» in quanto riduzione delle distanze e «messa in rete» di persone, di idee, di progetti, di azioni a livello spazialmente diffuso quanto temporalmente concentrato (Giddens, 2000a, pp. 15-46). Ne deriva il sostegno ad una politica di apertura del campo delle scelte individuali in termini di modelli di consumo, di stili di vita, di opportunità di relazione, per quanto lontane esse siano dalle opzioni più comuni.

  • 15 Per fare un esempio relativo all’Italia si pensi alla discussa legislazione della Regione Emilia Ro (...)
  • 16 Si pensi, restando nel nostro Paese, al lungo dibattito sulla tutela giuridica e la protezione soci (...)

40Ciò sembra tradursi in una varietà di iniziative e di prese di posizione eversive del primato delle comunità «naturali» e «necessarie» tradizionali, dalla famiglia nucleare basata sull’unione eterosessuale monogamica alla solidarietà limitata agli appartenenti al gruppo, che sia comunità locale, categoria professionale, gruppo etnico o religioso o membership di uno Stato «nazionale». Come nel caso della Nuova Destra, un indicatore della presenza di un simile orientamento è la posizione assunta nei confronti degli immigrati, delle minoranze etniche, dei comportamenti sessuali o di convivenza non conformisti. Qui è necessario riconoscere che molto spesso la Nuova Sinistra assume, sia per «buonismo» (Pasquino, 2001, pp. 85-93) che per motivi di opportunità elettorale, delle opinioni conformiste, giungendo persino a proporre e a far applicare misure sostanzialmente analoghe a quelle che sarebbero assunte dai suoi competitori politici15. Ma è dal suo seno che emergono idee e proposte suscettibili di incrinare le identità «tradizionali»16, il che costringe a confronti, a mediazioni o a compromessi di cui si trovano tracce molto minori sull’altro versante della scena politica.

  • 17 Come è noto, l’espressione «radicale di centro» è impiegata dallo stesso Giddens per qualificare po (...)

41A nostro parere il problema della posizione «radicale di centro», o di «nuovo centro»17, lib-lib assai più che lib-lab, tipica della Nuova Sinistra, è che non funziona. Avanziamo l’ipotesi che il mettere insieme il liberismo, per quanto «riflessivo», al livello dell’ordine pragmatico, e il cosmopolitismo al livello dell’ordine simbolico, comporti dilatazioni del campo delle opportunità e dei rischi che in generale non paiono sostenibili. Per quanto la scelta dell’individuo possa essere sorretta da adeguati servizi di informazione, di orientamento, di formazione o di assistenza. In un simile contesto, distinto stavolta non dalla riduzione ma dall’esplosione della complessità sul versante sia materiale sia simbolico, ci si dovrebbe attendere un incremento dell’incertezza e pertanto dell’«angoscia esistenziale» del singolo.

42Nei termini della teoria del portafoglio, l’offerta della Nuova Sinistra sembra delineare un «pacchetto d’investimenti» che può comportare forse alti rendimenti ma anche rischi molto elevati. Un pacchetto d’investimenti che può essere scelto soltanto da quanti ritengono di trovarsi comunque al riparo da alcune fonti d’insicurezza e dai rischi che questa strategia farebbe correre. E dunque da chi può compiere scelte «a responsabilità limitata», da chi può vivere l’incertezza fidando su una rete di protezione che gli consenta di sperimentare «per tentativi ed errori» o di cambiare le proprie opzioni con il mutare delle aspettative e dei desideri, delle occasioni e dei vincoli. A causa della diffusione e dell’articolazione dei processi di welfare retrenchment è ragionevole ritenere che una simile possibilità sia limitata. Ne potrebbero beneficiare soltanto coloro che, per le risorse familiari di cui dispongono, per il persistere di un ancoraggio al sistema delle garanzie, o per il fatto di svolgere un’attività lavorativa sì esposta all’incertezza ma autonoma, creativa e dai rendimenti elevati, si trovano di fronte a rischi minori o comunque ritenuti individualmente accettabili.

  • 18 Come riferisce un testimone israeliano in B. Valli, Gerusalemme sfinita dalle bombe dell’Intifada, (...)
  • 19 Cfr. al riguardo anche i risultati delle analisi elettorali di Calvi citate in Ricolfi, 2002a, p. 1 (...)

43Ciò potrebbe forse contribuire a spiegare il fenomeno dell’inversione elettorale, e cioè il fatto che sempre più di frequente «la sinistra raccoglie i voti dei ricchi e la destra quelli dei poveri»18. Ovvero, con riferimento alle elezioni italiane del 2001, che la sinistra sia votata, in misura più che proporzionale – in rapporto ad un differenziale negativo dell’1% in rapporto alla coalizione di destra -, da laureati (+7%) e diplomati (+9%), dai dipendenti pubblici (+27%), dai dirigenti (+9%) e dagli impiegati (+14%), oltre che dagli studenti (+24%) (Itanes 2001, pp. 59-70). Vale a dire i gruppi sociali più «centrali» e, nonostante lo sviluppo delle politiche di welfare retrenchment, ancora oggi più «al riparo» da alcune delle fonti più comuni di incertezza e di ansietà19.

4. Due domande sull’offerta della Nuova Sinistra

44Dunque l’offerta politica della Nuova Sinistra può rivelarsi molto di frequente esistenzialmente insostenibile ed appare destinata alla subalternità rispetto a quella più equilibrata della Nuova Destra. In pratica avviene spesso che l’elettorato, agitato da un’ansia crescente a mano a mano che il caos sistemico aumenta, e da paure concrete per i posti di lavoro o l’assistenza che scompaiono, la concorrenza degli immigrati per risorse che si percepiscono sempre più scarseggianti ecc., preferisca l’offerta della Nuova Destra. Quest’ultima finisce così per assicurarsi il governo del mutamento sociale e la possibilità di definire le risposte alla crisi del welfare e dello sviluppo.

45Forse ci sarebbe piuttosto da stupirsi di quanti elettori si lascino convincere dagli argomenti e dalle iniziative della Nuova Sinistra. Ma può destare anche sorpresa che il personale politico della Nuova Sinistra – nei termini della teoria economica della politica costituito da attori razionali, interessati a vincere le elezioni per estendere il proprio potere, reddito, prestigio ecc. – insista a proporre una strategia che sembra rivelarsi perdente. Per tentare una risposta a queste domande è opportuno abbandonare le semplificazioni implicite nei due modelli astratti di offerta politica sin qui discussi e considerarli in una prospettiva più articolata e vicina alla complessità di uno specifico contesto sociale, quello del nostro Paese.

  • 20 Posto che l’effetto degli appelli morali alla mobilitazione contro gli avversari tende ad esaurirsi (...)

46La prima questione dunque è: per quale ragione la Nuova Sinistra insiste su una proposta che non sembra in grado di ottenere consensi maggioritari20? Degli elementi di risposta a questa domanda possono essere rinvenuti guardando al contesto nel quale nasce e si sviluppa l’offerta politica della Nuova Sinistra nell’epoca della crisi del welfare e dello sviluppo. A questo riguardo è opportuno considerare il problema del finanziamento della politica, il problema del reclutamento del suo personale, e seguendo Ricolfi anche il problema delle preferenze morali di questo. Tre aspetti che renderebbero conveniente, all’élite politica della Nuova Sinistra, non guardare agli insuccessi conosciuti dalla sua «razionale» proposta, Si renderebbe così inefficace la regola per cui un partito che desidera ottenere il potere cambia la strategia che lo ha condotto alla sconfitta, fino a trovare la «ricetta» per occupare una quota più ampia del mercato politico e tornare al successo.

  • 21 Per tornare ancora una volta al caso del nostro Paese si potrebbe osservare che è stato, dopo tutto (...)

47Sulla questione del finanziamento, l’insufficiente disponibilità di dirigenti, iscritti ed elettori alle iniziative di fund raising e l’esecrazione con la quale si guarda al finanziamento pubblico della politica rende inevitabile, di fronte al continuo incremento dei costi delle campagne elettorali, il ricorso alla benevolenza di «sponsor» privati. Accade pertanto che le grandi imprese e le banche sostengano le iniziative politiche sia della Nuova Destra che della Nuova Sinistra, con effetti certo non facilmente calcolabili ma probabilmente omologanti sulla maggioranza delle questioni che attengono alla sfera in precedenza definita degli incentivi materiali. Forse questo fattore entra più di quanto non si pensi nella crescente somiglianza dei programmi delle coalizioni, e in particolare nella singolare dimenticanza di alcuni contenuti «di sinistra» della stessa Terza Via21.

48Sulla questione del reclutamento del personale si può notare che il declino della forma del «partito di massa» si è tradotto anche in declino del ruolo centrale da sempre attribuito nelle forze politiche di sinistra ai «professionisti della politica», i funzionari di partito. Al posto di costoro la retorica politica ufficiale, adottata «troppo supinamente» (Pasquino, 2001, p. 13) anche dalla Nuova Sinistra, fa spazio ai cosiddetti impolitici o esponenti della «società civile». Ma sembra che i membri della «società civile» cui guardare possano venire soltanto da due gruppi sociali. In primo luogo, gli imprenditori e i professionisti, e cioè i ceti che costituiscono da sempre il punto di riferimento dello schieramento di destra, con il rischio di moltiplicare gli effetti di omologazione più sopra richiamati.

49In secondo luogo, le personalità della società civile da considerare vengono ricercate tra i professori, detentori del sapere necessario al «governo tecnico» del mutamento sociale. Vale a dire, tra gli inventori e sostenitori delle teorie astratte, razionali, coerenti – come quella liberista/liberale/libertaria attribuita qui in un’accezione idealtipica alla Nuova Sinistra – alle quali lo schieramento di sinistra, con l’ambizione illuministica che l’ha sempre distinto, pretenderebbe di conformare la realtà.

  • 22 Si pensi a quante volte si è sentito dire, nell’inverno/primavera 2002, che «è difficile far carrie (...)

50Anche a prescindere da ciò non è azzardato sostenere che, quantomeno in Italia, le regole della cooptazione nella classe politica rendano difficile l’ingresso in politica ad esponenti di organizzazioni non governative22 e di movimenti sociali o a persone che provengano da categorie o regioni periferiche. A sostegno di questa affermazione ci si può rifare a quanto sostenuto da Massimo D’Alema sulla politica come «ramo specifico delle professioni intellettuali», ad elevato status (cit. in Pasquino, 2001, p. 31). E dal suo consigliere economico Nicola Rossi sui gruppi professionali nella struttura sociale italiana come «caste, gelose della propria separatezza, segnate dalla ricerca e dall’attribuzione di privilegi categoriali» (Fabbri e Rossi, 1997, p. 348).

  • 23 Nell’analisi di Ricolfi il tipo morale che meglio incarna l’atteggiamento suindicato è quello B («a (...)

51Infine, sulla questione delle preferenze morali, la proposta lib-lib attribuita qui alla Nuova Sinistra sembra coerente con la morale egocentrica degli attuali seguaci di forze politiche in teoria molto distanti, come nel nostro Paese i radicali, i socialisti, i democratici di sinistra, i comunisti di entrambi i partiti (cfr. Ricolfi, 2002a, pp. 41-57). Nell’indagine di Ricolfi più volte citata la «propensione a sinistra» è correlata con il «civismo» nella misura di –0,02, con il «libertarismo» invece nella misura di 0,23, con la «responsabilità personale» nella misura di –0,30. Si potrebbe allora sostenere che l’esistenza di processi di chiusura sociale nel reclutamento politico della Nuova Sinistra, adombrata in precedenza, sia associata ad un crescente affinamento di una proposta coerente, o almeno non in contraddizione, con gli interessi materiali e con le preferenze morali non dell’«elettore mediano», ma del milieu piuttosto ristretto che si è cercato di delineare più sopra23. Una proposta politica che pertanto non può essere messa in discussione, anche se ciò costa l’insuccesso e la subalternità ad una Nuova Destra che sembra sempre in grado di scegliere i temi e dettare i tempi dell’agenda politica.

52Ed anche se ciò costa l’insorgere di fenomeni di dissonanza cognitiva, per i quali ad esempio l’ansia e il disagio di tanta parte del corpo sociale nei confronti della crisi del welfare e dello sviluppo si riducono a problemi di malessere psicologico diffuso o di mancata comunicazione politica, che possono essere certo reali ma che forse non giungono a spiegare tutto. Dissonanza cognitiva che sembra emergere in maniera emblematica nel fatto che la proposta della Nuova Sinistra si rivolge con fastidio, come al «vecchio» che è opportuno abbandonare, proprio a quelle forme di soggettività collettiva di derivazione moderna che ne costituiscono tuttora una componente importante sia per capacità di mobilitazione e di sostegno, sia perché segnalano l’esigenza di non abbandonare all’apologia dell’egocentrismo – o alla reinvenzione della tradizione predicata e praticata dalla Nuova Destra – il campo delicato della politica dell’identità.

  • 24 Per esempio nel Progetto per la Sinistra del Duemila, elaborato dai Democratici di Sinistra italian (...)
  • 25 Slogan adottato dai Democratici di Sinistra in occasione del Congresso di Torino del 2000.

53Ci riferiamo innanzitutto alle modalità di coinvolgimento politico dei cittadini a livello territoriale, alle organizzazioni sindacali ed alle altre configurazioni associative emerse nella prima modernità e da sempre collegate alla sinistra politica. Ma è necessario ricordare qui che anche l’omaggio verbale spesso tributato al «terzo sistema»24 acquista un sapore beffardo se poi l’accento del discorso finisce per cadere, come in effetti succede se si misura lo «scarto tra ciò che si (dice) di fare e l’agire concreto» (De Leonardis, 1998, p. 95), sui risparmi consentiti da un maggiore coinvolgimento delle associazioni no profit e del volontariato nella gestione del welfare retrenchment. Se dietro gli «inutili e velleitari appelli alla solidarietà e alla bontà personale» espressi dalla formula dell’I care25 si nasconde «una fredda e poco entusiasmante analisi di costi e benefici» (Pasquino, 2002, p. 72).

54La seconda delle due domande formulate in precedenza è: per quale ragione la Nuova Sinistra riesce, nonostante la debolezza della sua offerta politica, a conservare un consenso elettorale piuttosto elevato? In parte una risposta è stata già fornita nel paragrafo 3, allorché abbiamo sottolineato l’influenza che la proposta della Nuova Sinistra può esercitare sui gruppi che non hanno bisogno di una politica che riduca la complessità e l’incertezza perché possono beneficiare di una minore complessità ed incertezza nella struttura delle opportunità. Per questi gruppi, che come si è visto comprendono in particolare i dirigenti e gli impiegati pubblici e privati, spesso con istruzione superiore o universitaria, il fatto di beneficiare ancora di estese garanzie nelle condizioni di lavoro e salariali e nella previdenza sociale si può tradurre facilmente in un «radicamento» dell’identità personale e sociale e in una chiusura degli ambiti di incertezza, sufficiente a generare sostegno per una politica di apertura dello spazio delle opportunità e dei rischi individuali. Quanto agli studenti, si tratta di un gruppo composto innanzitutto da giovani, che è possibile immaginare più propensi a vivere l’incertezza; e da persone che aspirano ad un’istruzione qualificata, che come è noto costituisce una delle risorse più importanti nella competizione per il successo personale e la mobilità sociale.

55Oltre a ciò, la ragione del persistere di elevati consensi può essere individuata anche nel fatto che il modello astratto di offerta politica qui presentato andrebbe complicato con un più preciso riferimento alle diverse constituencies dei partiti, le «coalizioni sociali» che li sostengono. Se nella constituency dei partiti che seguono anche la versione più moderata e «di centro» della proposta della Nuova Sinistra vi sono i sindacati, le organizzazioni ambientaliste e i movimenti sociali, e nella constituency della Nuova Destra vi sono le banche d’affari e le imprese transnazionali, ciò ha qualche conseguenza che – pur senza postulare il ritorno a precisi cleavages di classe – andrebbe considerata con maggiore attenzione. Ne deriva che la Nuova Sinistra può essere votata da esponenti delle stesse categorie sociali – dirigenti e impiegati pubblici e privati, studenti ecc. – sia perché propone di «andare oltre la destra e la sinistra», e dunque verso un radicale rinnovamento nei sistemi di welfare o nei rapporti tra Stato, mercato e società. Sia perché, in contrasto con quanto propone, non può fare a meno di cercare una mediazione ed un compromesso con forze già definite «conservatrici», non soltanto dagli avversari ma anche dai difensori del «nuovo riformismo».

56Pertanto è forse in errore chi, come Revelli (1996, pp. 7-12) sostiene che la Nuova Sinistra realmente esistente sia nient’altro che una seconda Destra, «l’hardware su cui viene fatto girare il software della destra tecnocratica» (ibidem, p. 11). Stando ai risultati delle nostre riflessioni, la Nuova Sinistra realmente esistente non è riducibile alla miscela di «liberismo riflessivo» e individualismo cosmopolita che sembra scaturire dall’analisi dei modelli di offerta politica. Essa piuttosto è il prodotto di un equilibrio precario tra le forze dell’élite globale e dei ceti emergenti, da più parti scambiate per la «società civile». E di quelle più consuete per la sinistra, espresse dai funzionari di partito e dagli strati professionali e intellettuali, peraltro – seguendo Bauman – assai sensibili alle retoriche ed alle lusinghe dell’innovazione e della globalizzazione. E di quelle in declino, ma ancora in grado di suscitare partecipazione e sentimenti di identificazione, della militanza territoriale e delle organizzazioni «collaterali» di rappresentanza degli interessi. E, infine, di quelle ancora molto deboli, ma in crescita, delle nuove forme di solidarietà sociale e di azione collettiva, alimentate dalla partecipazione volontaria e dall’impegno di tanti esponenti di un altro tipo di «società civile». Forse è per questa ragione che l’offerta politica della Nuova Sinistra appare più distante di quella della Nuova Destra dalla realtà anche troppo plurielle e contraddittoria delle dichiarazioni, dei programmi, delle iniziative e delle misure assunte dai partiti e/o dagli schieramenti.

Conclusioni

57In queste brevi note di economia politica delle riforme strutturali abbiamo concentrato l’attenzione sui successi elettorali della Nuova Destra nelle società avanzate. Riteniamo che un fattore di grande rilevanza nello spiegare questo fenomeno sia l’incoerenza della sua offerta politica rispetto all’astratta purezza della filosofia lib-lib che sembra ispirare la proposta della Nuova Sinistra. Proprio questa incoerenza permetterebbe all’elettore di compiere una scelta ragionevole, che la si esamini nei termini della «teoria del portafoglio» o invece nell’ottica della riduzione della complessità. Ciò consente di confermare l’esistenza di una pluralità di significati della razionalità, che talvolta si traducono in contraddizioni e in paradossi. Dal punto di vista di un elettore «ragionevole», che domanda di migliorare la propria condizione o quantomeno di difendere ciò che ha ma senza rischiare il tutto per tutto, l’offerta politica migliore può non essere quella più «razionale» (perché ispirata ad una concezione individualistica del mondo sociale e anche perché dotata di una coerenza logica superiore). Al contrario, l’offerta migliore può essere quella che lo è di meno, per le ragioni evidenziate in precedenza.

  • 26 Secondo Ricolfi un simile risultato può essere acquisito sia per quanto riguarda la coalizione dell (...)

58Del resto, che a vincere le elezioni sia la coalizione più eterogenea, quella che presenta la proposta politica più articolata, è un dato accertato da Ricolfi almeno per quanto riguarda il nostro Paese26. Peraltro non sempre l’eterogeneità si traduce in una paralisi della policy, come è stato nel nostro Paese per il Polo delle Libertà e del Buongoverno all’indomani delle elezioni del 1994. «Eterogenea», dal punto di vista di una coerente filosofia lib-lib, è stata dopo tutto anche la proposta con la quale i Conservatori britannici hanno vinto le elezioni e governato per 18 anni, dal 1979 al 1997. O quella con la quale i Repubblicani statunitensi hanno sconfitto i competitori democratici alle elezioni presidenziali per tre volte di seguito tra il 1980 e il 1992.

59Ci sia consentito, infine, di proporre qualche riflessione sulla possibilità di costruire un’alternativa alla Nuova Destra. Da quanto sopra detto sembra che una simile alternativa sia legata ad una modifica dei processi di reclutamento del personale politico. Pensiamo soprattutto alla partecipazione dei cittadini ed all’impegno delle categorie e delle regioni periferiche, delle organizzazioni non governative e dei movimenti sociali. Si potrebbe promuovere una mutazione del partito o della coalizione di sinistra, che lo/la trasformi in cinghia di trasmissione degli interessi e dei valori diffusi negli ambienti suindicati, un po’ come un tempo il partito laburista in Gran Bretagna. A queste istanze sociali e realtà organizzative, poi, occorrerebbe affidare la responsabilità del finanziamento della politica. In maniera da rendere più trasparente il gioco degli interessi che muove la politics, agitando le acque del confronto e della mediazione tra i gruppi di pressione, i movimenti, i partiti e le coalizioni.

60Una volta stabilito ciò, potrebbe essere possibile elaborare un ventaglio di ipotesi e di proposte che riempiano di nuovi contenuti l’offerta politica della Nuova Sinistra. Così da indicare un approdo alle crisi dello sviluppo e del welfare diverso da quello della Nuova Destra, sfidando l’egemonia acquisita da questa presso l’opinione pubblica, il suo radicamento sociale, la sua «presa» culturale, che finiscono per dominare l’agenda politica anche quando i consensi elettorali appaiono declinanti (cfr. al riguardo lo schema 2).

Schema 2. Una variazione nell’offerta: la Nuova Nuova Sinistra

Nuova Destra

Nuova Nuova Sinistra

Incentivi materiali
(ordine pragmatico)

Liberismo

«Economia solidale»

Incentivi ideali
(ordine simbolico)

«Politica dell’identità»

Cosmopolitismo

61La Carbon Tax e l’imposta sui patrimoni in miliardi di euro, il bilancio partecipativo e l’economia della partecipazione, il reddito di cittadinanza e i servizi sociali «di prossimità» o «di relazione», il sostegno al lavoro «d’impegno civile» ed alle organizzazioni no profit e il rilancio delle funzioni di mutualità e di assistenza delle associazioni sindacali: la fantasia di intellettuali, di organizzazioni e talvolta di governi di sinistra si è esercitata su un’enorme varietà di iniziative, cui attribuiamo l’etichetta di «economia solidale». Nelle intenzioni dei suoi proponenti l’economia solidale non si riferirebbe ad utopie di comprovata irrealizzabilità, né a misure che si collocano in un quadro necessariamente antagonistico rispetto all’economia di mercato. Riguarderebbe piuttosto la promozione della libertà dell’individuo attraverso la giustizia sociale, la partecipazione democratica, la solidarietà civica: la libertà come impegno sociale, per dirla con Sen (1997, 2000). Essa intenderebbe promuovere interessi socialmente diffusi, più ampi di quelli dei ceti medi o di intellettuali e professionisti dal posto sicuro e/o dal reddito elevato. Essa comprenderebbe misure già sperimentate, o sostegni e incentivi a fenomeni presenti già nella tanto corteggiata «società civile», o comunque riguarderebbe politiche attuabili già al livello dello Stato nazionale se non addirittura della comunità locale. Questo insieme di ipotesi e proposte di varia natura e di diversa efficacia potrebbe definire l’offerta politica di questa Nuova Nuova Sinistra in senso più complesso ed articolato rispetto al «liberismo riflessivo» ed all’individualismo cosmopolita di cui si è discusso in precedenza.

  • 27 Cfr. G. Ruffolo, L’«ordine nuovo» che sfugge alla sinistra, «La repubblica», 7 giugno 2002.

62Da una parte, infatti, seguendo ancora una volta i risultati dell’analisi di Ricolfi, la proposta emergente dall’insieme di queste iniziative potrebbe qualificare in termini «civici» e «istituzionali» l’egocentrismo che sembra marcare l’orientamento morale della Nuova Sinistra così com’è. In particolare sosterrebbero un nuovo sviluppo delle soggettività collettive di derivazione moderna che costituiscono il «brodo di coltura» dello schieramento. Dall’altra potrebbero creare un quadro di tutele e di garanzie – sul lavoro, sul reddito, sull’identità sociale – di tipo nuovo. Non la difesa a spada tratta dello status quo in tema di relazioni industriali, di welfare e di politiche per lo sviluppo, ma una «rete di sostegno» che renda le riforme socialmente accettabili. E che renda possibile una riduzione della complessità che sia accettazione delle sfide dell’«epoca planetaria» (Morin e Kern, 1994, pp. 7-31), e non riflesso di chiusura sociale di fronte alle minacce emergenti dalla crescente incertezza e dalla perdita dei significati ereditati dalla tradizione. In questo «ordine nuovo»27le domande di sicurezza diffuse in tanta parte dell’opinione pubblica potrebbero trovare una risposta politica che non sia puramente repressiva ma neanche «buonista» ed elusiva o assolutoria.

Torna su

Bibliografia

AA.VV. (2000), Progetto per la sinistra del Duemila, Donzelli, Roma.

Bagnasco A. (1996), L’Italia in tempi di cambiamento politico, Il mulino, Bologna.

Bauman Z. (1999a), La società dell’incertezza, Il mulino, Bologna (ed. or. 1999).

Bauman Z. (1999b), Dentro la globalizzazione. Le conseguenze sulle persone, Laterza, Bari (ed. or. 1998).

Bauman Z. (2000), Pensare sociologicamente, IperMedium, Napoli (ed. or. 1990).

Caillé A. (1991), Critica della ragione utilitaria. Manifesto del Movimento Anti-Utilitarista nelle Scienze Sociali, Bollati Boringhieri, Torino (ed. or. 1988).

Calise M. (2000), Il partito personale, Laterza, Bari.

Censis (2001), Misurare l’insicurezza nella società italiana, «Note e Commenti», nn. 2-3.

Centre for Economic Policy Research (1995), La disoccupazione: scelte per l’Europa. Il mercato del lavoro tra regolamentazione e deregolamentazione: le possibili risposte alla sfida della disoccupazione, Il mulino, Bologna (ed. or. 1995).

Ciucci R. (1990), La comunità possibile. Percorsi e contesti in sociologia, Pacini Fazzi, Lucca.

De Leonardis O. (1998), In un diverso welfare. Sogni e incubi, Feltrinelli, Milano.

Donati P. P., Colozzi I. (a cura di) (1997), Giovani e generazioni. Quando si cresce in una società eticamente neutra, Il mulino, Bologna.

Esping-Andersen G. (1990), The Three Worlds of Welfare Capitalism, Polity Press, New York.

Esping-Andersen G. (2000), I fondamenti sociali delle economie postindustriali, Il mulino, Bologna (ed. or. 1999).

Fabbri F., Rossi N. (1997), Caste, non classi, in Rossi N. (a cura di), L’istruzione in Italia: solo un pezzo di carta?, Il mulino, Bologna.

Gallino L. (2000), Globalizzazione e diseguaglianze, Laterza, Bari.

Giddens A. (1997), Oltre la destra e la sinistra, Il mulino, Bologna (ed. or. 1994).

Giddens A. (1999), La terza via. Manifesto per la rifondazione della socialdemocrazia, Il saggiatore, Milano (ed. or. 1998)

Giddens A. (2000a), Identità e società moderna, IperMedium, Napoli (ed. or. 1991).

Giddens A. (2000b), Cogliere l’occasione. Le sfide di un mondo che cambia, Carocci, Roma (ed. or. 2000).

Itanes (2001), Perché ha vinto il centro-destra. Oltre la mera conta dei voti: chi, come, dove, perché, Il mulino, Bologna.

Mingione E. (1998), Sociologia della vita economica, Carocci, Roma.

Morin E., Kern A. B. (1994), Terra-Patria, Cortina, Milano (ed. or. 1993).

Panebianco M. (1982), Modelli di partito, Il mulino, Bologna.

Pappalardo A. (1989) L’analisi economica della politica, in A. Panebianco (a cura di), L’analisi della politica. Tradizioni di ricerca, modelli, teorie, Il mulino, Bologna.

Pasquino G. (2001), Critica della sinistra italiana, Laterza, Bari, 2001.

Pasquino G. (2002), Tracce di riformismo, «Il mulino», n. 1.

Pierson P. (1996), La nuova politica del Welfare State: un’analisi comparata degli interventi restrittivi, «Stato e mercato», n. 46.

Pizzorno A. (1983), Sulla razionalità della scelta democratica, «Stato e mercato», 7.

Pizzorno A. (2001), Potere politico e potere privato nella società in via di globalizzazione, «Stato e mercato», n. 2.

Polanyi K. (1974), La grande trasformazione. Le origini economiche e politiche della nostra epoca, Einaudi, Torino (ed. or. 1944).

Revelli M. (1996), Le due destre. Le derive politiche del postfordismo, Bollati Boringhieri, Torino.

Ricolfi L. (2002a), La frattura etica. La ragionevole sconfitta della sinistra, L’ancora del Mediterraneo, Napoli.

Ricolfi L. (2002b), Laicità e clericalismo, in Tuccari F. (a cura di), Il governo Berlusconi. Le parole, i fatti, i rischi, Laterza, Bari.

Rist G. (1997), Lo sviluppo. Storia di una credenza occidentale, Bollati Boringhieri, Torino (ed. or. 1996).

Sen A. K. (1997), La libertà individuale come impegno sociale, Laterza, Bari.

Sen A. K. (2000), Lo sviluppo è libertà. Perché non c’è crescita senza democrazia, Mondadori, Milano.

Sola G. (1996), Storia della scienza politica. Teorie, ricerche e paradigmi contemporanei, La Nuova Italia Scientifica, Roma.

Torna su

Note

1 Con effetti mimetici a volte impressionanti, come quelli che Ricolfi ha di recente segnalato a proposito della campagna per le elezioni politiche del 2001 nel nostro Paese (2002a, p. 12).

2 Cfr. l’analisi del comportamento elettorale degli italiani negli anni ‘90 compiuto da Ricolfi (2002a, pp. 113-117), che evidenzia la presenza di uno spostamento a destra della società italiana.

3 Si tratta in particolare di Forza Italia. Il testo è rinvenibile presso il sito Internet del partito (http:\\www.forza-italia.it).

4 Stando alla recente analisi di Ricolfi, nell’elettorato dei partiti del centrodestra italiano (con l’eccezione della Lega Nord) i sentimenti «antiindividualisti» o «istituzionalisti» prevalgono su quelli individualisti. Questi ultimi invece appaiono prevalenti nell’elettorato dei partiti del centrosinistra, con l’eccezione dei Verdi e della Margherita (Ricolfi, 2002a, pp. 70-77).

5 Si tratta delle Riflessioni sull’immigrazione dell’on. Dario Rivolta, capogruppo di Forza Italia alla Commissione Esteri della Camera dei Deputati nella trascorsa legislatura (http:\\www.forza-italia.it).

6 Cfr., a proposito delle riforme del workfare statunitense nell’epoca di Bush jr., F. Rampini, Basta con l’assistenza ma solo aiuti mirati, in La repubblica, 18 maggio 2002. Analoghe intenzioni di riforma sono state espresse in Italia da esponenti del governo Berlusconi e di governi regionali della Nuova Destra (Ricolfi, 2002b).

7 Si pensi alle vivide descrizioni dell’intreccio tra miseria economica e devianza sociale lasciateci da tanti scrittori moderni, ma anche da tanti tra i primi studiosi dei fenomeni di povertà e di esclusione sociale nei centri urbani coinvolti nei processi di industrializzazione e di immigrazione, da Engels a Rowntree.

8 Non a caso nell’indagine citata il Censis connette l’incidenza dei reati denunciati alle autorità ai livelli di crescita economica e di sviluppo umano conseguiti da ciascun Paese (2001, pp. 16-29).

9 Come è noto, la teoria insegna che, nel definire un criterio di ripartizione per i propri investimenti di capitale, il soggetto cercherà il migliore equilibrio tra le attività a rischio e redditività elevati e quelle a rischio e redditività inferiori.

10 Si tratta delle attività di informazione, di comunicazione, dello spettacolo, della pubblicità, della finanza, della salute, del tempo libero. Settori che peraltro appaiono in crescita un po’ ovunque, in termini sia puramente dimensionali che di rilevanza sociale (cfr. Gallino, 2000, pp. 67-75).

11 Si ricordino anche i risultati delle indagini sull’evoluzione recente dei comportamenti elettorali, che nel caso italiano sembrano mostrare l’esistenza di cleavages sociali – tra categorie centrali e periferiche, tra regioni dinamiche e statiche – che influenzano le opzioni di voto (cfr. le analisi di Calvi citate in Ricolfi, 2002a, p. 146).

12 Si tratta dell’intervento del sen. Enrico Morando al Convegno del 17/18 settembre 1999 su La Quercia e l’Ulivo: cosa fare per vincere?. Il testo è disponibile presso il sito Internet dei Democratici di Sinistra italiani (http://www.dsonline.it/ [link non raggiungibile: 27/01/2017]).

13 Nei termini impiegati da Ricolfi nella sua analisi delle «preferenze morali» del corpo elettorale (2002, pp. 21-31) l’atteggiamento qui descritto andrebbe definito una miscela individualistica di libertarismo e self-interest. In questo senso non hanno tutti i torti quei sociologi cattolici che, nell’indagare sulla condizione giovanile in Italia alla metà degli anni ‘90, identificano in ciò che essi definiscono «soggettivismo amorale» un tratto comune ai giovani di «destra liberale» e di «sinistra liberale» (cfr. Donati e Colozzi, a cura di, 1997).

14 Ne deriva che, per quanto riguarda l’Italia, la tesi proposta da Pasquino, secondo cui «la Cgil è l’azionista di maggioranza dei Democratici di Sinistra» (2001, p. 12), andrebbe declinata piuttosto nei termini di una relazione sempre più ambigua e conflittuale. Restando uguale l’offerta politica della Nuova Sinistra, è possibile infatti che il sindacato si ritrovi spesso a contrastare decisioni che tendono a ridurne il rilievo sociale e politico e che vanno contro gli interessi materiali e immediati delle categorie che rappresenta.

15 Per fare un esempio relativo all’Italia si pensi alla discussa legislazione della Regione Emilia Romagna sul «diritto allo studio» (l. r. 10/1999; l. r. 26/2001).

16 Si pensi, restando nel nostro Paese, al lungo dibattito sulla tutela giuridica e la protezione sociale delle coppie di fatto, cui si è assistito durante il governo di centrosinistra (1996-2001).

17 Come è noto, l’espressione «radicale di centro» è impiegata dallo stesso Giddens per qualificare politicamente la proposta della Terza Via. L’espressione «nuovo centro», Neue Mitte, appartiene al vocabolario politico della socialdemocrazia tedesca nell’epoca di Schroeder.

18 Come riferisce un testimone israeliano in B. Valli, Gerusalemme sfinita dalle bombe dell’Intifada, «La repubblica», 11 marzo 2002. Più recenti testimonianze dalla Francia appaiono più socialmente circostanziate e più vicine al quadro presentato più oltre: «la sinistra guadagna consensi tra le classi medie dei centri urbani mentre si dissangua fra i ceti popolari», G. Martinotti, Francia, stravince la destra, «La repubblica», 17 giugno 2002.

19 Cfr. al riguardo anche i risultati delle analisi elettorali di Calvi citate in Ricolfi, 2002a, p. 146 e la nota 11.

20 Posto che l’effetto degli appelli morali alla mobilitazione contro gli avversari tende ad esaurirsi nel tempo. Sull’argomento, con riferimento alle elezioni italiane del 2001, cfr. Ricolfi, 2002a, pp. 124-127.

21 Per tornare ancora una volta al caso del nostro Paese si potrebbe osservare che è stato, dopo tutto, molto in sintonia con queste tendenze di fondo rendere oneroso il processo del lavoro a pochi giorni di distanza dalle elezioni del 2001. O ridurre il numero delle cabine a disposizione degli elettori per il voto. O rimandare a dopo le elezioni il rinnovo dei contratti collettivi nel pubblico impiego. O bloccare le assunzioni negli enti locali, in particolare nei servizi sociali e assistenziali.

22 Si pensi a quante volte si è sentito dire, nell’inverno/primavera 2002, che «è difficile far carriera in politica in qualità di ex esponenti del sindacato».

23 Nell’analisi di Ricolfi il tipo morale che meglio incarna l’atteggiamento suindicato è quello B («anticivico, libertario, solidarista»), che comprenderebbe il 19,1% del corpo elettorale. Ad esso possono essere avvicinati i «tipi misti» D ed E, che comprenderebbero rispettivamente il 4,1% e il 12,5% del corpo elettorale. Ad esclusione di quello della Margherita, gli elettorati dei partiti della coalizione di centrosinistra che ha perduto le elezioni del 2001, più quello del Partito della Rifondazione Comunista, più quello della Lista Di Pietro, si trovano tutti in questa «regione dello spazio morale», come la chiama Ricolfi (2002a, pp. 69-72).

24 Per esempio nel Progetto per la Sinistra del Duemila, elaborato dai Democratici di Sinistra italiani in occasione del Congresso del 2000 (aa. vv., 2000, pp. 58-61).

25 Slogan adottato dai Democratici di Sinistra in occasione del Congresso di Torino del 2000.

26 Secondo Ricolfi un simile risultato può essere acquisito sia per quanto riguarda la coalizione della Nuova Destra nel suo insieme, sia per quanto riguarda la principale forza politica all’interno di questa, Forza Italia (2002a, p. 104).

27 Cfr. G. Ruffolo, L’«ordine nuovo» che sfugge alla sinistra, «La repubblica», 7 giugno 2002.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Domenico Maddaloni, « Una scelta ragionevole in tempi complicati. Note sull’economia politica delle riforme nell’epoca della crisi dello sviluppo e del welfare »Quaderni di Sociologia, 32 | 2003, 116-142.

Notizia bibliografica digitale

Domenico Maddaloni, « Una scelta ragionevole in tempi complicati. Note sull’economia politica delle riforme nell’epoca della crisi dello sviluppo e del welfare »Quaderni di Sociologia [Online], 32 | 2003, online dal 30 novembre 2015, consultato il 02 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1191; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1191

Torna su

Autore

Domenico Maddaloni

Cnr - Irpps - Roma- Penta di Fisciano

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search