Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri32teoria e ricercaCapitale sociale e indicatori del...

teoria e ricerca

Capitale sociale e indicatori del benessere

Davide La Valle
p. 143-166

Testo integrale

1. Introduzione

1Un recente libro di Robert Putnam, Bowling Alone, ha al centro la nozione di capitale sociale: l’idea di base è che la disponibilità di relazioni sociali sia una risorsa importante per gli individui. Putnam ha compiuto un’ampia ricognizione per dimostrare come gli Stati Uniti stiano perdendo quote significative di questa risorsa.

2Il libro ha suscitato un vasto interesse, non solo tra gli addetti ai lavori. Anche se diversi punti dell’analisi possono essere discussi, il contributo di Putnam ha colpito nel segno. Ha toccato un nervo scoperto della condizione sociale contemporanea, una corda cui molti oggi si sono dimostrati sensibili. Qual è questa corda? Quali sono le ragioni di questo successo?

3Intanto l’avere come base di partenza una constatazione di senso comune, che molte persone intuitivamente condividono: l’idea che le relazioni sociali contino per il nostro benessere. Ora, non solo le relazioni sociali contano, ma rappresentano un aspetto del benessere del tutto assente negli indicatori oggi utilizzati, che sono derivati dalla struttura concettuale dell’economia. Noi siamo abituati a misurare la salute di un paese con le cifre del Prodotto Interno Lordo, che misurano la crescita economica. Il libro di Putnam ci ricorda che esistono pure altri tipi di risorse, il cui rapporto con le cifre del pil è piuttosto problematico: una crescita dei beni economici di per sé non implica anche quella delle risorse prettamente sociali. Quest’ammonizione è particolarmente significativa in una fase storica, come la nostra, nella quale il prevalere dell’ideologia neo-liberista in alcuni paesi ha rischiato di far sì che gli obiettivi della politica fossero dettati dall’agenda economica; in cui assicurare il funzionamento di un mercato libero da vincoli sociali è apparsa la preoccupazione fulcro dell’autorità pubblica.

4Il successo di Bowling Alone, comunque, non deriva solo da questa base di partenza. Il vero punto di forza di Putnam è un altro: consiste nell’avere cercato di tradurre quest’idea di senso comune in un’indagine fondata su precisi indicatori e concetti. È questo passaggio dal senso comune all’analisi scientifica a farne un libro interessante.

5Qui però nascono anche i problemi. Perché questo passaggio, nel pur importante contributo di Putnam, riesce solo in parte, o comunque solleva difficoltà che non possono essere nascoste. Alcune di queste difficoltà riguardano la parte applicativa del lavoro: il tipo di dati utilizzati e il loro trattamento, le relazioni tra variabili, la documentazione statistica presentata a supporto delle tesi.

6A mio parere, però, sono ancora più rilevanti le debolezze che riguardano l’impianto teorico del lavoro: qui a essere incerta è la solidità di alcuni dei concetti che fondano l’analisi e da cui deriva la scelta degli indicatori.

7Come detto, Putnam si serve della nozione di capitale sociale. È questa nozione a dare veste scientifica all’operazione tentata in Bowling Alone. Putnam è bravo: perché usa un termine, appunto quello di capitale, che evoca la precisione e la misurabilità che caratterizzano la dimensione economica. Purtroppo, però, la teoria del capitale sociale nasconde margini di ambiguità che non sono di poco conto, anche perché riguardano la risposta a una domanda decisiva: che cos’è il capitale sociale?

  • 1 Coleman non è stato il primo ad usare il termine «capitale sociale» (cfr. in particolare Jacobs, 19 (...)
  • 2 A p. 362 Putnam (2000) cita come esempi di capitale sociale, tra l’altro, «la familiarità, la tolle (...)

8Alcune di queste ambiguità erano presenti nell’autore che ha cercato di sistematizzare la teoria, James Coleman1 (nella trattazione di Coleman – 1990 – in particolare, non è chiaro se il capitale sociale è costituito dalle relazioni a disposizione dell’individuo, oppure dai beni che traiamo dalle relazioni sociali; La Valle 2002; sul tema Portes, 1998, 5; Portes e Landolt, 1996; Woolcock, 1998, 156 e 185). Nella letteratura successiva questi problemi però non si sono dissolti; anzi, si sono amplificati, sino quasi a far perdere al termine ogni distinto significato (Portes, 1998, 2). Putnam, da parte sua, forse ha contribuito ad aumentarli, usando il concetto di capitale sociale in una maniera molto estesa2 (secondo alcuni non sempre coerente e anche tautologica; cfr. Edwards e Foley, 2001, 27-28; Wilson, 2001, 225; Kiechel, 2000, 151).

9Il risultato è che precisione e rigore rischiano di essere solo apparenza.

10Questo significa che il libro è da buttare? No, il contributo di Putnam a mio parere è davvero significativo; la proposta di guardare al capitale sociale come indicatore della salute di un paese, va apprezzata. È però opportuno cercare di affinare il modo in cui questo tentativo è stato realizzato in Bowling Alone.

11Per farlo può essere utile guardare ad alcuni filoni della sociologia che hanno già provato ad operare in questa direzione; il primo è costituito dagli studi sugli indicatori sociali.

2. Il movimento degli indicatori sociali

  • 3 Naturalmente la raccolta d’informazioni e statistiche sociali in senso lato (nelle aree tradizional (...)

12Il tentativo di affiancare alcuni indicatori sociali alle misure dell’economia non è nuovo. Anzi, quello che nella letteratura è spesso indicato come «il movimento degli indicatori sociali» gode di una tradizione ormai lunga. I primi sforzi in questa direzione risalgono infatti al 19293, quando negli Stati Uniti venne nominato un Comitato presidenziale con il compito di lavorare a un ampio rapporto sui temi del mutamento sociale (rapporto che sarà poi pubblicato nel 1933 con il titolo Recent Social Trends).

13Sono stati però gli anni Sessanta e Settanta ad avere dato una forte spinta a questo movimento. Sotto lo stimolo di due fattori principali. Da un lato i successi registrati nei decenni precedenti dai sistemi di indicatori sviluppati all’interno dello schema teorico keynesiano, quali strumenti di pianificazione e controllo del ciclo economico. Dall’altro, in maniera complementare, il riconoscimento della parzialità di questi indicatori economici – in particolare delle statistiche basate sul Prodotto Interno Lordo – quali misure del benessere sociale complessivo (e questo anche se pressoché nessuno mette in discussione la positività di tassi quanto più possibile in crescita del Prodotto Interno Lordo; ciò che si critica è la loro inadeguatezza quali misure del benessere sociale complessivo; come ha scritto Hirsch – 1981, 17 –, «la necessità di un insieme di indicatori sociali che le fiancheggi è ora ampiamente accettata ... Si è però molto lontani – prosegue Hirsch – dal realizzare tale obiettivo. Non vi è alcun indicatore di performance sociale che possa essere calcolato sistematicamente e compreso facilmente»).

14Nel 1964 B. Russet aveva pubblicato World Handbook of Political and Social Indicators, forse la prima opera a usare nel suo titolo il termine «indicatori sociali». Curiosamente era stata poi la Nasa, l’ente americano per lo spazio (sensibile alle critiche da più parti rivolte all’uso di ingenti finanziamenti per fini giudicati socialmente irrilevanti) a realizzare nel 1966 un volume (Social Indicators) sui problemi e gli obiettivi della misurazione sociale. Il libro, curato da R. Bauer, è importante per il vasto interesse suscitato, che aveva reso popolare l’uso del termine. Nel giro di alcuni anni erano stati pubblicati diversi contributi sul tema – una bibliografia (Wilcox e altri, 1972) arriverà a raccogliere complessivamente oltre mille titoli – incoraggiati anche da alcune iniziative legislative del Senato americano in questo campo. Nel 1970 era iniziata la pubblicazione del primo regolare periodico ufficiale ispirato al problema degli indicatori sociali: Social Trends, del Central Statistical Office del Regno Unito, presto seguito da analoghi rapporti di altri paesi (tra cui Francia, Germania, Giappone e Canada; tra i periodici non ufficiali particolare rilievo oggi ha la rivista Social Indicators Research).

15A questo sviluppo è però seguito un rallentamento dell’interesse. Le cause di questo raffreddamento sono state molteplici. Tra esse ha un posto la fine dell’età keynesiana – quel periodo di straordinario sviluppo economico iniziato all’indomani della seconda guerra mondiale – e l’avvio di una fase recessiva dell’economia mondiale, che ha riportato l’attenzione sui problemi «duri» della crescita. Ma tra i motivi che spiegano il venir meno dell’interesse vi sono anche problemi interni al movimento, che ha saputo realizzato solo in minima parte quello che sembrava promettere: in particolare, non è riuscito a individuare per il campo sociale misure altrettanto efficaci di quelle economiche.

16Il tema, comunque, non è stato abbandonato. E nell’ultimo periodo l’interesse attorno a questo tipo di studi sembra essere tornato vivace. Tra le iniziative in questo campo vanno segnalate le ricerche sugli indici di «qualità della vita» (per una rassegna cfr. Hagerty e altri, 2001), che cercano di costruire sistemi basati su una molteplicità di indicatori (tra i quali, accanto ai dati oggettivi, trovano posto anche misure soggettive di soddisfazione personale). Va poi ricordata la letteratura che si è sviluppata attorno al tema del «bilancio sociale» (Chiesi e altri, 2000): il tentativo di affiancare alla contabilità economica una rendicontazione sociale dell’impresa, che tenga conto di un vasto raggio di effetti sull’insieme degli stakeholders.

3. I limiti degli indicatori sociali oggi utilizzati

17I problemi centrali che avevano frenato lo sviluppo del movimento però non sono stati risolti. Gran parte delle difficoltà derivano dalla strada adottata per costruire questi indicatori sociali. Il metodo più spesso seguito è quello di assumere – in maniera qualche volta esplicita, altre volte implicita – certi valori e di valutarne la realizzazione nei sistemi sociali. L’uguaglianza (in particolare nella versione definita «delle opportunità»), per esempio, è un valore sociale importante: la comparazione della misura in cui diversi paesi sono in grado di realizzarlo, incorporandolo nelle loro istituzioni (nel sistema scolastico, in ipotesi), può costituire un indicatore da affiancare alle statistiche dell’economia. Parte significativa degli indicatori sociali che vengono proposti è di questo tipo: gli studiosi assumono certi principi come valori e ne verificano la realizzazione nelle società.

18Questa procedura ha dei limiti rilevanti.

19Il primo limite riguarda la scelta di questi valori: chi decide che cosa è un valore sociale e che cosa non lo è? Comunque, chi decide quali siano i valori sociali più importanti? Il problema nasce dal fatto che la valutazione su ciò che costituisce valore (e soprattutto sull’importanza relativa dei diversi valori) varia da paese a paese, da gruppo a gruppo, da individuo a individuo (così come, all’interno di ognuna di queste categorie, da periodo a periodo). La graduatoria tra sistemi sociali che è possibile costruire per questa via, è condizionata dal tipo di valore che viene scelto e quindi da una decisione in qualche modo arbitraria; una decisione che riflette una preferenza di tipo normativo.

20Si noti che anche le misure economiche contengono una valenza normativa. Le cifre della contabilità nazionale e in particolare le statistiche sul pil, non servono solo a fini conoscitivi; attraverso di esse si esprime una guida, una bussola per la politica. Il pil indica – così si trova scritto anche nei manuali – la salute di un’economia, il benessere di un paese. Gli economisti parlano di sviluppo o crescita di un’economia (e in questo senso di sistemi che funzionano «meglio» o «peggio») proprio con riferimento a questi indicatori. La valenza normativa contenuta negli indicatori economici è però diversa da quella presente negli indicatori sociali attualmente disponibili. Gli economisti, infatti, sono d’accordo nel definire che cosa costituisce crescita economica e quali sistemi economici siano più avanzati/arretrati di altri perché, attraverso le statistiche basate sul pil, hanno come riferimento il valore dei beni misurato attraverso il prezzo: in questo modo sono in grado di valutare non i beni che lo studioso ritiene più importanti, ma i beni comperati dai consumatori sul mercato, derivandone il valore (l’importanza relativa) da quanto effettivamente pagato per ognuno di essi dai membri del sistema economico. Attraverso il prezzo, l’economista valuta i beni e servizi domandati dai cittadini, misurando il valore quale si esprime nelle scelte manifestate dagli individui con l’acquisto. Anche l’economia, come la sociologia, si occupa di valori: le valutazioni incorporate nelle sue statistiche, però, sono quelle che derivano dalle scelte dei consumatori, non da quelle del ricercatore.

21Parlare di crescita sociale e definire un sistema più avanzato di un altro perché realizza più efficacemente il valore della uguaglianza (oppure perché realizza una distribuzione del reddito più «giusta»), significa invece esprimere un giudizio che è basato su una scelta di valore del ricercatore. Una scelta sulla quale molti possono essere d’accordo, ma che è comunque legittimo da parte di altri mettere in discussione. In una democrazia, politiche sociali volte ad aumentare il benessere della società realizzando l’uguaglianza, possono trovare il consenso di una parte dei cittadini ma il dissenso di un’altra: sono cioè il frutto di una decisione politica, non tecnica. Su queste scelte la sociologia, per chi voglia mantenerle il rango di disciplina neutrale rispetto ai valori, in realtà non ha competenza.

22La posizione dell’economista è diversa. La crescita della produzione economica è un obiettivo pubblico: proprio perché in questo caso le scelte di valore sono dei cittadini, c’è accordo generale sul fatto che sia preferibile, a parità di altre condizioni, un aumento del pil a una sua diminuzione (mentre si può discutere se un particolare bene sia migliore di un altro).

23L’importanza di questo primo approccio al problema degli indicatori sociali, comunque, non va sottovalutata. In fondo il sistema della contabilità economica nazionale, le statistiche sul flusso del reddito che oggi appaiono essenziali per la guida di un paese, sono un prodotto recente, costruito a partire dallo sviluppo della teoria keynesiana. Prima di questo sviluppo, sino a non molti decenni fa, la crescita economica dei diversi paesi era valutata mettendo a raffronto misure della produzione di determinati beni ritenuti particolarmente importanti: misurando, per esempio, la produzione di frumento o di acciaio. La comparazione del grado di uguaglianza realizzata dalle istituzioni dei diversi paesi e il loro progresso su questa strada, sul piano metodologico non è cosa molto diversa.

24Anche perché esistono dei valori sociali ampiamente condivisi, riguardo ai quali possiamo assumere vi sia un accordo generale. Chi può discutere, per esempio, il valore della vita umana? Questo significa che le cifre relative ai tassi di mortalità o alle condizioni di salute dei cittadini rappresentano un indicatore sociale difficilmente contestabile.

25In questo modo arriviamo però al secondo tipo di problemi sollevati da questa procedura: se il metodo descritto permette di comparare, in particolare tra paesi diversi, il grado di realizzazione di un certo valore, non può però fornire una misura che sommi diversi valori sociali. Per arrivare a un indicatore che valuti il benessere complessivo di un sistema sociale, non ha senso sommare la misura di realizzazione del valore x con quella del valore y (l’uguaglianza di opportunità raggiunta attraverso le istituzioni del sistema scolastico con la salute dei cittadini, per ipotesi): questa operazione ha lo stesso significato che avrebbe in campo economico la somma della produzione di un bene con quella di un altro bene (la somma del numero dei camion prodotti con il numero dei frigoriferi, per ipotesi).

26Gli economisti dispongono invece di misure che sono in grado di valutare il benessere complessivo di un sistema economico: il pil è appunto la stima del valore di tutti i beni e servizi economici prodotti in un dato paese nel corso di un anno. Il pil è un indicatore che serve a monitorare i risultati complessivi di un’economia e che è importante proprio per il suo carattere sintetico (scrive uno dei più noti manuali di economia che «il pil, e più in generale i conti del reddito nazionale … rientrano veramente tra le grandi invenzioni del xx secolo. Come un satellite nello spazio può fornire dati sulle condizioni meteorologiche di un intero continente, il pil può fornire un quadro generale dello stato dell’economia. Senza misure di aggregati come il pil i responsabili politici andrebbero alla deriva in un mare di dati disorganizzati; il pil e le informazioni connesse sono punti di riferimento che possono aiutarli a guidare l’economia verso il raggiungimento degli obiettivi economici fondamentali»; Samuelson e Nordhaus, 1996, 409). Questa statistica non si limita a indicare la produzione di un bene particolare ma somma il valore dei diversi beni prodotti.

27Anche in questo caso, la somma è possibile perché il pil è una misura monetaria: perché il valore dei diversi beni è misurato con il denaro. Così, per esempio, se un sistema economico produce tre camion e dieci frigoriferi nell’anno 2000 e due camion e dodici frigoriferi nell’anno 2001, non è possibile determinare in quale dei due anni ottiene il prodotto maggiore finché il valore di questi diversi beni non viene stabilito con il prezzo; se il prezzo unitario dei camion è centomila euro, mentre quello dei frigoriferi è mille euro, il prodotto dell’anno 2000 è maggiore di quello dell’anno 2001, perché i consumatori sono disposti a pagare di più l’insieme di beni prodotti nell’anno 2000 che quelli prodotti nell’anno 2001.

28Gli indicatori oggi utilizzati dai sociologi non permettono di costruire misure con queste caratteristiche. Certo, si possono adottare degli espedienti: quando si desidera una misura sintetica, è possibile standardizzare per via statistica i diversi indicatori e attribuire loro un peso arbitrario (per esempio, si può valutare grado di equaglianza e salute dei cittadini su una stessa scala e poi, per sommare i due valori, attribuire loro in maniera arbitraria peso uguale). Solo di espedienti, che aggirano e non risolvono il problema, però appunto si tratta.

4. La teoria del capitale sociale e il modello dello scambio

29Il libro di Putnam, poggiando sull’idea del capitale sociale come possibile misura della salute di una nazione, tocca (almeno indirettamente) la questione degli indicatori sociali del benessere. E sembra promettere dei passi in avanti rispetto agli studi tradizionali in questo settore: l’uso del concetto di capitale, di una nozione cioè che appartiene alla struttura concettuale dell’economia, implicitamente propone per il campo sociale un tipo di misura con le stesse potenzialità di quelle che già esistono in campo economico.

30Ma è proprio così? In realtà, nella prospettiva di analisi usata da Putnam l’omogeneità dei due campi (quello economico e quello sociale) è solo apparente; anche se il termine «capitale» è uguale a quello che troviamo in economia, tutto il resto – ciò che sta dietro questa etichetta – è diverso.

31La struttura concettuale dell’economia, infatti, è fondata sul modello dello scambio mediato dal denaro. È dall’utilizzo di questo modello che derivano le caratteristiche degli indicatori economici considerate nel paragrafo precedente: sia l’esistenza di un metro comune (appunto il denaro) con cui misurare il valore dei diversi beni sia la possibilità di derivare questo valore dalle scelte dei consumatori (attraverso il prezzo con cui si realizza lo scambio).

32Putnam, invece, usa la nozione di capitale in un modo che prescinde dalla teoria dello scambio (e, più in generale, dalla prospettiva dell’individualismo metodologico). Mancando questa fondazione, il termine capitale rischia di avere una funzione solo evocativa: rischia di servire per evocare la struttura concettuale dell’economia ma senza che esista una corrispondenza reale.

33Dobbiamo escludere allora la possibilità di ottenere dalla teoria del capitale sociale indicatori con le stesse potenzialità delle misure economiche?

34Non necessariamente, se consideriamo che – diversamente da quanto accade in Putnam – questa teoria si è sviluppata avendo a riferimento proprio l’impostazione metodologica (non solo i termini) dell’economia. Nel lavoro di Coleman, in particolare, la nozione di capitale sociale è collocata all’interno di una sociologia che ha cercato di avvicinare il modello formale dell’economia.

35In questo tentativo di apparentare i due campi, Coleman è stato l’erede di due importanti tradizioni: la prima è quella di Homans e dello scambio sociale, la seconda è quella di Parsons dei mezzi generalizzati e simbolici di interscambio. Entrambi questi autori (sia pure da versanti diversi) hanno lavorato alla costruzione di una teoria sociologica al cui interno un ruolo particolare è attribuito al modello dello scambio: uno scambio non riducibile alla dimensione economica ma mediato da uno strumento formalmente analogo al denaro. Il lavoro di entrambi questi autori in qualche modo ha contribuito a formare Foundations of Social Theory, il testo in cui Coleman cerca di sistematizzare la nozione di capitale sociale. Quello di Homans in maniera più esplicita (Coleman usa in maniera estesa il modello dello scambio sociale; non a caso la parte di Foundations in cui è collocata la sezione sul capitale sociale si apre con un capitolo dedicato a Systems of Social Exchange). Quello di Parsons in maniera più sotterranea (Coleman però conosceva bene la teoria parsonsiana dei media generalizzati – cfr. Coleman, 1963 – e il legame tra i due approcci è manifesto in un articolo del 1970, in cui Coleman anticipa alcuni dei temi centrali di Foundations e in cui, in nota, riconosce il debito nei confronti di Parsons).

36Attraverso questi contributi, è possibile collegare effettivamente la nozione di capitale sociale alla struttura concettuale dell’economia e in particolare al modello dello scambio? In questo modo esiste la possibilità di trovare indicatori sociali con le stesse potenzialità delle misure economiche?

37Ma, prima ancora, in che cosa consiste lo scambio sociale? E qual è il mezzo analogo al denaro?

38Per Homans (1950; 1961) oggetto dello scambio sociale sono «servizi», «attività» (più in generale comportamenti di ego che hanno valore per alter); il medium specifico della dimensione sociale con cui questi beni sono scambiati è costituito dai sentimenti positivi di approvazione-considerazione. Da questo punto di vista il caso tipico dello scambio sociale è la relazione al cui interno l’agire di ego che ha valore per alter viene ricompensato da quest’ultimo con forme di approvazione-considerazione. Nel lavoro di Homans un posto di rilievo ha lo scambio tra la stima degli altri e comportamenti dell’attore che seguono le norme del gruppo: la persona che più degli altri è in grado di realizzare nel proprio comportamento gli standard che per il gruppo hanno valore, ottiene in cambio un «rango sociale» elevato.

39All’interno di questo approccio l’approvazione-considerazione sociale è studiata come un fenomeno analogo al denaro perché è un mezzo – o rafforzatore, nella terminologia comportamentista di Homans – generalizzato: il suo uso serve cioè a ottenere in cambio non un bene particolare, ma molti beni tra loro diversi. La considerazione poi, come il denaro (nella sua forma pura), non ha valore d’uso ma solo valore di scambio: vale solo se accettata da altri (come una banconota italiana può divenire senza valore in un paese straniero che non riconosce l’euro, così il prestigio di cui un individuo gode in un certo gruppo, può divenire senza valore in un altro gruppo che non lo riconosce). Se non ha valore intrinseco, perché viene accettata dagli individui come forma di pagamento? Perché, ancora come il denaro, funziona quale deposito del valore: la considerazione agisce come promessa di una restituzione differita nel tempo. Nell’analisi di Homans, in particolare, il «rango sociale» ottenuto attraverso la stima degli altri produce influenza, essendo a base della leadership: attraverso la considerazione viene cioè accumulato un potere di disposizione sull’agire futuro di colui che la riconosce. Anche per Blau (1989) l’esito dello scambio sociale è una forma di «potere»: chi ottiene comportamenti che per lui hanno valore senza avere possibilità di ricambiarli, pagherà con la propria ubbidienza futura.

40Nello scambio mediato dalla considerazione, l’attore viene cioè in possesso di una risorsa che può essere messa da parte e valere per il futuro (è a questo tipo di risorsa cui Coleman si riferisce con il termine di credit slips). Una risorsa che non consiste in denaro o beni materiali e che è incorporata nelle relazioni sociali.

41Anche se questo contraddice una certa vulgata della sociologia, pure all’interno del lavoro di Parsons (lo «struttural-funzionalista») c’è stato spazio per una teoria dello scambio (come lo stesso Parsons – 1972 – ha scritto; sul tema La Valle, 1994; 2001a). L’analisi dell’interazione proposta da Parsons (1964) ne Il sistema sociale è condotta principalmente in termini di scambio: uno scambio nel quale le azioni degli individui che realizzano gli standard culturali istituzionalizzati nel sistema sono incentivate da «sanzioni» positive (tra le quali un posto di rilievo ha la considerazione sociale; lo status ne è l’aspetto principale) da parte degli altri.

42Nel Sistema sociale Parsons non usa il termine scambio, preferendo parlare di «schema performance-sanzione». In Economia e società, però, è lo stesso Parsons (con Smelser, 1957) a notare l’analogia che sul piano formale esiste tra lo «schema performance-sanzione» e lo scambio economico: quest’ultimo (in quanto comprende una dimensione di performance, l’atto di ego che offre determinati beni, orientata da una sanzione, il denaro che alter offre ad ego per incentivarne il comportamento) per Parsons non è che un caso, un’applicazione particolare dello schema generale utilizzato per l’analisi dell’interazione ne Il sistema sociale.

  • 4 Questo, secondo Parsons, rende l’influenza basata sul prestigio un medium simile al denaro ma diver (...)

43Da questa analogia ha origine la teoria dei mezzi generalizzati e simbolici di interscambio sviluppata negli anni Sessanta. L’obiettivo di Parsons (1969) è dimostrare come il denaro non sia un fenomeno unico, ma solo un membro di una famiglia di media generalizzati; la teoria economica e quella sociologica, secondo questa proposta, condividono elementi di una stessa struttura formale. In particolare, Parsons ritiene che l’influenza basata sul prestigio rappresenti per la sociologia ciò che il denaro è per l’economia: un mezzo di interscambio che agisce quale strumento di regolazione sociale. Denaro e influenza nell’analisi di Parsons sono mezzi formalmente analoghi perché operano entrambi attraverso lo scambio: anche nel caso dell’influenza, cioè, per ottenere da alter determinati comportamenti – per indurlo a comportarsi in un certo modo – ego offre degli incentivi4. La differenza sta nel tipo di incentivi usati: l’influenza, scrive Parsons (1963, 90) è il «… mezzo di persuasione sostenuto dal dare o trattenere sanzioni relative agli atteggiamenti di approvazione o disapprovazione». La leadership (come abbiamo visto, un tema caro anche a Homans) che si esercita nelle associazioni della moderna democrazia pluralista è ritenuta da Parsons un importante campo di applicazione di quest’analisi dell’influenza.

5. Dallo scambio sociale emerge una misura del valore?

  • 5 Un aspetto emerso anche nel lavoro di Homans (1961) nella «teoria della giustizia distributiva».

44Lo scambio sociale ha come oggetto comportamenti di ego che hanno valore per alter. In alcuni casi si tratta di comportamenti che hanno valore economico: comportamenti cioè che possono essere ottenuti anche con il denaro (in particolare, servizi resi da ego che hanno utilità per alter). A essere scambiati in questo tipo di transazione non sono però solo valori economici. In effetti, come aveva messo in rilievo già Simmel (sia pure con un lessico diverso: cfr. 1989, pp. 498-522), se guardiamo alla considerazione come al medium specifico dello scambio sociale, dobbiamo riconoscere che spesso con questo strumento noi ricompensiamo comportamenti che hanno valore in quanto rispettano principi e norme interiorizzati a formare l’identità personale, anche in casi in cui da questi comportamenti non traiamo un utile economico diretto. Per esempio, se viviamo in una società nella quale abbiamo appreso il valore della generosità (o, per fare un’altra ipotesi, il valore dell’onestà), tendiamo a dare considerazione a chi si comporta in modo generoso (o, nell’altra ipotesi, in modo onesto), si traduca o meno per noi questo comportamento in una diretta utilità economica personale5.

45In effetti, la specificità della considerazione come mezzo di scambio è legata a questo secondo tipo di beni: la considerazione serve da un lato a premiare-incentivare comportamenti espressivi di valori sociali, dall’altro a ottenere in cambio nel futuro ancora questo tipo di beni (La Valle, 2001b). Quando noi ci comportiamo in modo generoso nei confronti di un altro, la considerazione che otteniamo in cambio segnala l’impegno dell’altro a mantenere la relazione e in questo modo a ricambiare in futuro il comportamento ricevuto; il risultato dello scambio, attraverso il guadagno di considerazione, è così la disponibilità di legami in cui possiamo contare sull’altro in senso sociale (relazioni in cui possiamo avere una ragionevole fiducia che l’altro nel rapporto con noi rispetterà criteri di valore sociale).

46È in questo senso che la considerazione è una risorsa (una forma di capitale): perché ci offre la disponibilità di questo tipo di relazioni. Si noti come anche attraverso il denaro passi la disponibilità di relazioni sociali: se ho tanto denaro, non mi è difficile ottenere servizi dagli altri, attivando relazioni che seguono il modello dello scambio economico. Il semplice possesso di denaro mi offre però relazioni guidate dall’interesse personale, in cui ognuno degli attori – nell’ottica disegnata appunto dal modello dello scambio economico – si comporta guardando alla propria utilità. Il riconoscimento di considerazione (avere persone che ci stimano, che manifestano nei nostri confronti sentimenti positivi), ci permette invece di disporre di relazioni che non sono riducibili allo scambio economico; relazioni in cui ci aspettiamo che gli altri nel comportamento nei nostri confronti non guarderanno solo al loro utile economico immediato. Non perdere la stima degli altri è importante per non perdere un capitale di questo genere: composto di relazioni su cui contare per l’erogazione di comportamenti che seguono valori sociali per noi significativi.

47La relazione mediata dalla considerazione ha dunque alla base un tipo di risorse escluse dalle statistiche economiche (che sono costruite avendo come strumento di misura solo il prezzo in denaro) ma scambiate con l’uso di uno strumento per certi aspetti formalmente simile al denaro. È allora naturale chiedersi se la considerazione, appunto il medium con cui vengono scambiate, possa essere usata per misurarne il valore. Se cioè sia possibile valutare l’importanza attribuita dagli individui ai beni oggetto dello scambio sociale attraverso la considerazione data in contropartita, allo stesso modo in cui si misura il valore dei beni economici attraverso il denaro dato in cambio. Se questa operazione fosse possibile, si aprirebbe la strada alla costruzione – grazie alle fondazioni fornite alla nozione di capitale sociale dalla teoria dello scambio – di misure in grado di superare quei limiti che, come abbiamo visto nel secondo paragrafo, hanno sinora afflitto il «movimento degli indicatori sociali».

48In teoria, la cosa non sembra impossibile. Non è difficile constatare come la considerazione distribuita dagli attori nell’interazione possa funzionare quale misura del valore di certi comportamenti. Per esempio, alcuni attori valutano positivamente la generosità, mentre altri valutano di più l’attenzione al proprio interesse; per altri ancora hanno importanza criteri come la durezza o anche – si pensi a cosa accade all’interno di organizzazioni criminali – la crudeltà. La considerazione attribuita dagli attori a questi tipi di comportamento è un mezzo che ci permette di misurarne l’importanza relativa all’interno dei diversi sistemi d’interazione: come il denaro, è un metro comune che, da questo punto di vista, può rendere omogenei beni diversi.

49Questo sul piano della teoria. Nella pratica, però, le cose sembrano meno semplici, soprattutto quando l’obiettivo è la costruzione di indicatori sociali: c’è infatti da chiedersi se e come sia possibile misurare per questa via l’enorme insieme di valori sociali oggetto di scambio negli innumerevoli episodi d’interazione che ogni giorno formano la società.

50Per affrontare questo problema è opportuno guardare ancora all’economia e imparare dall’esperienza maturata in questo campo. Qui l’aspetto da sottolineare è che le statistiche basate sul pil non misurano il valore di tutti i beni economici prodotti nel sistema.

51Per esempio, la verdura che un mio familiare produce nell’orto di casa e che mangiamo insieme, è un bene che ha valore economico (lo stesso valore dell’analoga verdura che si può comperare al supermercato) ma che non compare nelle statistiche. Anche la parte dei beni dell’orto che diamo a un amico perché ci è simpatico, così come quella che diamo ai vicini perché loro ci danno della frutta (pur essendo quest’ultima oggetto di uno scambio economico), non entra nel pil.

52Il pil valuta in primo luogo la produzione organizzata di beni economici; il prodotto misurato dagli economisti è soprattutto quello delle imprese. Nel caso della verdura, il pil comprende la produzione delle aziende agricole che vendono i loro prodotti sul mercato.

53In effetti, le statistiche basate sul pil presuppongono l’esistenza di organizzazioni specializzate in senso economico, appunto le imprese (un tipo di organizzazioni «specializzate» perché il loro comportamento si può assumere orientato dalla ricerca di un profitto calcolato in denaro). È l’output di questo particolare settore della società, regolato attraverso prezzi monetari, a essere misurato dalle statistiche. Per questo l’attuale sistema di contabilità economica ha senso, e gli indicatori che ne derivano possono essere applicati, solo nelle società moderne, che hanno differenziato questo sistema di organizzazioni specializzate. Nelle economie pre-moderne, dove solo una piccola parte della produzione prende la via del mercato, gli indicatori economici oggi utilizzati non hanno molto significato e il problema della misura del prodotto è difficilmente risolvibile (i dati che oggi conosciamo al riguardo sono basate su stime congetturali).

54Come detto più sopra, questo modo in cui si calcola il pil è una semplificazione, che esclude dal computo una parte significativa di beni. È però una semplificazione che può essere accettata nelle società moderne: perché in esse gran parte dell’output passa attraverso queste organizzazioni. È del resto una semplificazione necessaria, in quanto evita all’economista l’impossibile compito di rintracciare la produzione di qualsiasi bene-servizio che abbia valore economico.

55Anche per quanto riguarda il versante sociale, allora, non si può pensare di costruire indicatori in grado di cogliere qualsiasi valore prodotto. Ciò che bisogna chiedersi è se nella modernità si sia sviluppato un settore di organizzazioni specializzate nella dimensione sociale: un settore, cioè, in cui operano organizzazioni il cui comportamento sia regolato dall’influenza basata sulla considerazione in modo analogo a come il comportamento delle imprese è regolato dal denaro. Organizzazioni che impiegano in modo produttivo le risorse in capitale sociale di cui dispongono, come le imprese impiegano in modo produttivo le risorse in capitale economico.

56Questo settore è costituito dalle associazioni che si diffondono all’interno della moderna democrazia pluralista. Le associazioni, infatti, da un lato, come le imprese, sono gruppi organizzati, dall’altro però, a differenza delle imprese, utilizzano come principale mezzo di governo interno non il denaro ma la considerazione (La Valle, 2001b; 2002).

6. Le associazioni come organizzazioni specializzate nella dimensione sociale

  • 6 Perlomeno nel filone homansiano. A certi aspetti della dimensione macro hanno invece dato attenzion (...)

57L’approccio tradizionale allo scambio sociale era legato alla dimensione micro6 dell’interazione; all’analisi di piccoli gruppi, non organizzati, di natura informale. Homans in particolare si era concentrato sulle forme più semplici di scambio, quelle forme che possono chiudersi nel rapporto tra due persone (la considerazione che l’attore A ottiene da B in cambio di comportamenti, serve ad A per ottenere in futuro comportamenti da B; per esempio, A fa un favore a B e la considerazione che quest’ultimo riconosce al primo segnala l’impegno a ricambiare più avanti nel tempo il favore ricevuto). Un tipo di scambio la cui possibilità di realizzazione è legata alla conoscenza personale dell’altro: all’instaurarsi di debiti/crediti tra gli attori segnalati da forme di considerazione accettate sulla base di una fiducia personale (maturata da A attraverso la conoscenza diretta di B).

58Può però essere sviluppato anche un approccio macro allo scambio sociale, in cui al centro dell’attenzione sono forme ampliate di transazione. Parlando di forme ampliate mi riferisco ai casi in cui il comportamento di A nei confronti di B è orientato da una considerazione che può essere accettata anche da altre persone (analogamente a quanto accade nel sistema economico: dove la banconota che A riceve da B in cambio di beni, pur essendo solo un simbolo, è accettata anche da altre persone; dove, per esempio, A vende a B la sua automobile per comperare con il denaro ricevuto una vettura nuova dal concessionario C). Pensiamo al fenomeno della reputazione: comportandosi in un certo modo nei confronti di B, A può ottenere una reputazione riconosciuta non solo da quest’ultimo ma anche da altri membri del gruppo sociale. In questo caso l’uso del medium che rende possibile lo scambio sociale tra A e B, non è ristretto alla relazione tra queste due persone: nella relazione con B, A guadagna una forma di considerazione che può essere accettata anche da C. (Si noti come non si tratti di fenomeni rari nei sistemi sociali: è comune che un attore si comporti in un certo modo nei confronti di un altro in quanto conta di ottenere una considerazione che varrà presso un terzo).

59Al di là della reputazione acquisita informalmente, esistono poi forme di considerazione la cui capacità di circolazione è rafforzata (ancora come accade con il denaro) da una garanzia sistemica: forme di considerazione la cui accettazione è cioè sostenuta dalla fiducia non in un singolo individuo ma in un sistema sociale. Chiediamoci infatti da che cosa dipenda principalmente il credito sociale riconosciuto alle persone nelle società moderne. Dipende in grande misura dalla posizione sociale acquisita all’interno di organizzazioni: per esempio dall’essere un professore universitario (o un funzionario di banca, un dirigente della Fiat ecc.). Ora, la caratteristica principale della considerazione legata alla posizione raggiunta all’interno di gerarchie organizzative è spesso quella di essere accettata anche in assenza di conoscenza personale. Nell’esempio dell’università, il docente che si reca in un’istituzione scientifica (magari straniera) dove non ha amici personali, può comunque vedere riconosciuto il suo status (vale a dire, una misura di considerazione diversa attribuita a un semplice studente; e diversa anche a seconda che vi si rechi come ricercatore, professore associato, professore ordinario: in relazione cioè alla posizione raggiunta nella carriera universitaria) in virtù della garanzia fornita da un sistema sociale; il valore del medium viene riconosciuto grazie a un tipo di fiducia che non è personale – non è legata alla conoscenza diretta di quel particolare individuo – ma è riposta nel sistema sociale università (La Valle, 1998).

60In questi casi la considerazione rappresenta uno strumento per incentivare l’erogazione di servizi, attività, davvero analogo al denaro. Nel caso dell’università, la considerazione connessa al raggiungimento dei gradini che compongono la carriera, è uno strumento importante per incentivare l’impegno dei docenti nella professione. È cioè una forma di pagamento delle prestazioni di lavoro realizzata attraverso un medium generalizzato e simbolico di scambio il cui valore viene accettato dall’attore in base alla aspettativa che altri attori, in gran parte oggi non conosciuti, lo accetteranno a loro volta in futuro. (In effetti, chi si impegna in una grande organizzazione per salire nella gerarchia interna, ha come incentivo non tanto la considerazione delle persone che lo conoscono personalmente ma quella di un arco molto più vasto di individui: che in futuro gli riconosceranno considerazione, anche senza conoscerlo, in funzione della posizione raggiunta dentro l’organizzazione. La «carriera» dentro un’organizzazione è importante per l’individuo appunto perché fornisce un tipo di considerazione che circola nel sistema sociale. L’attore dà il suo impegno in cambio di una ricompensa in considerazione che egli spenderà – o investirà – presso persone che oggi magari non conosce ma che gli riconosceranno stima e prestigio in virtù di questa posizione sociale raggiunta.) Come le forme moderne del denaro vengono accettate dagli attori non in base alla fiducia nell’individuo che le offre, ma in base alla fiducia nell’istituzione che lo ha emesso, così accade per queste forme di considerazione.

61È attraverso l’uso di questo mezzo di pagamento impersonale che prende vita la produzione organizzata di valori sociali. Che cosa vuol dire produzione organizzata? Vuol dire che si realizza attraverso sistemi di collaborazione sociale il cui funzionamento non dipende necessariamente dall’esistenza di relazioni di fiducia tra gli attori maturata attraverso la conoscenza personale. Sistemi che, proprio perché usano uno strumento impersonale per incentivare l’erogazione di determinate attività da parte dei membri, sono in grado di sopravvivere al loro cambiamento: le persone che lo compongono possono cambiare ma il sistema continuare a funzionare.

  • 7 Se infatti il dipendente A svolgesse dentro l’impresa un certo compito perché ricompensato dall’imp (...)

62Anche le imprese sono sistemi organizzati, composti da posizioni sociali – prima che da individui – in relazione, sistemi la cui stabilità è resa possibile dall’uso di un mezzo di pagamento impersonale, rappresentato dal denaro7. Lo sono anche le associazioni. La differenza sta nel fatto che mentre nelle imprese il ruolo dell’incentivo sociale spesso è secondario rispetto a quello dell’incentivo economico (anche se salire ai vertici della gerarchia è importante pure per lo status che si può ottenere, per la maggior parte dei dipendenti è soprattutto il guadagno in denaro a muovere lo sforzo lavorativo), nelle associazioni in genere è la considerazione a svolgere il ruolo principale.

63Diversamente da quanto accade nelle imprese, infatti, la leva che muove la partecipazione alla vita associativa non è in primo luogo la prospettiva di un reddito economico. Le associazioni basano il loro funzionamento principalmente sul lavoro volontario e la militanza: vale a dire su un impegno dei membri che non ha un corrispettivo in denaro, essendo invece spesso sostenuto dall’approvazione, dalla stima, dal rispetto dei compagni. (È vero che in alcuni casi – tra i quali quello del sindacato – le associazioni si pongono e realizzano per i membri pure obiettivi di natura economica: poiché però di solito questo tipo di output ha carattere di bene pubblico – nel caso del sindacato, l’aumento della retribuzione ottenibile per via contrattuale va sia a chi ha contribuito a produrlo sia a chi non ha contribuito – non è l’incentivo economico a poter spiegare la partecipazione; Olson, 1965; in realtà anche in questo caso il movente dell’impegno va cercato nell’incentivo sociale).

64Inoltre quando le associazioni, per le loro grandi dimensioni, devono avvalersi di funzionari stipendiati (di persone cioè che offrono il loro impegno a tempo pieno e che, per vivere, hanno bisogno anche di una remunerazione economica), spesso l’incentivo principale, pure in questi casi, non è il reddito ma la considerazione. Rimaniamo al caso del sindacato e prendiamo come esempio la Cgil; la Cgil è un’organizzazione composta da un insieme di posizioni sociali cui è connessa una graduatoria di stipendi. La molla che spinge l’impegno del segretario della Cgil non è però in primo luogo lo stipendio (se lo fosse, questa persona dovrebbe cambiare mestiere: sul piano economico la Cgil gli offre meno di quello che è in grado di offrirgli un’organizzazione di mercato). In realtà il segretario della Cgil è motivato, oltre che dallo stipendio, anche dallo sforzo di realizzare certi valori sociali (principi condivisi all’interno del gruppo che egli rappresenta) e in questo senso trova tra i suoi naturali incentivi l’influenza e il prestigio guadagnati presso i lavoratori e sanciti dalla «carriera» (il termine suona inadeguato proprio perché si tratta di un percorso diverso da quello perseguito dentro un’organizzazione economica) realizzata dentro l’associazione. Il segretario generale non è solo un dipendente stipendiato: è il leader della Cgil. Ed è proprio questo essere «il leader della Cgil» a rappresentare un incentivo di non poco conto.

65L’incentivo in questo caso è rappresentato da una forma di considerazione che ha capacità di circolare: molte persone riconoscono considerazione-influenza al segretario generale di questa organizzazione anche senza conoscerlo personalmente (gli stessi membri della Cgil sono diversi milioni, solo pochi dei quali hanno rapporti personali con il leader). Questa capacità di circolazione è legata a una garanzia sistemica: è la stessa Cgil, in quanto responsabile dei meccanismi di selezione e promozione interna, a fornire la garanzia della sua accettabilità.

66Le associazioni, come le imprese, sono cioè gruppi organizzati (così, del resto, sono classificate nei manuali di sociologia), che usano un mezzo di pagamento impersonale per incentivare l’erogazione delle prestazioni di cui hanno bisogno. In questo senso sono diverse da una famiglia o un gruppo di amici, il cui funzionamento dipende dall’esistenza di relazioni di tipo personale. La specificità delle associazioni, ciò che le rende diverse anche dalle organizzazioni economiche, sta però nella particolare importanza che al loro interno ha la considerazione come strumento di incentivazione. L’utilizzo di forme di questo mezzo di pagamento a garanzia sistemica permette comunque la realizzazione di reti di scambio sociale ampliate rispetto a quelle rese possibili dalla fiducia di tipo personale. Le associazioni sono sistemi di collaborazione in cui lo scambio di attività tra gli individui è mediato principalmente dalla considerazione ma il cui funzionamento non dipende dall’esistenza di una – non facilmente disponibile – fiducia tra gli attori maturata attraverso la conoscenza personale.

7. L’influenza delle associazioni come risultato dello scambio

67La considerazione è lo strumento principale che le associazioni usano per ricompensare-incentivare l’impegno di chi contribuisce a realizzare i loro obiettivi; è il mezzo con cui vengono pagati i particolari «produttori» di queste organizzazioni. Essa svolge la funzione che il denaro svolge nell’impresa; è la principale risorsa produttiva, il capitale (sociale) utilizzato dalle associazioni per realizzare l’output.

68Le associazioni ricevono questa risorsa dai loro aderenti: nel caso del sindacato, la considerazione-influenza è attribuita dai lavoratori che si riconoscono in questa organizzazione. (In genere non si tratta solo di coloro che sono formalmente iscritti: la Cgil, per esempio, gode di un seguito tra i lavoratori che va oltre la membership formale; in parte, comunque, ad attribuire questa risorsa all’associazione sono gli stessi iscritti e militanti, vale a dire le persone che contribuiscono a realizzarne gli obiettivi: questo significa che – come del resto accade anche in campo economico, dove l’operaio che contribuisce a produrre le Fiat è anche un possibile acquirente delle automobili Fiat – gli attori che compaiono come «produttori» da un certo punto di vista, possono essere da un altro punto di vista «consumatori».) Perché gli individui cedono questa risorsa?

69Gli aderenti – nella logica individuata dal modello dello scambio sociale – riconoscono considerazione-influenza sociale in cambio dell’output realizzato dalle associazioni: l’influenza basata sulla considerazione è ciò che viene attribuito alle associazioni per le loro realizzazioni (è ciò che esse ottengono dalla «vendita» dei loro prodotti). Continuiamo l’esempio del sindacato: i lavoratori attribuiscono considerazione-influenza sociale ai leader di quelle organizzazioni che sono in grado di realizzare i loro valori. L’influenza ottenuta può essere poi «investita» dall’organizzazione (per ipotesi, chiamando i lavoratori a uno sciopero); e quando l’investimento risulta positivo, quando cioè gli obiettivi che erano a base dell’azione sindacale sono stati raggiunti, l’esito sarà un ulteriore guadagno; il leader sindacale che ha investito bene la sua influenza, ne guadagnerà ulteriori quote; un guadagno che permetterà alla sua organizzazione di disporre di ancora maggiori risorse in influenza nelle successive occasioni contrattuali. L’influenza basata sulla considerazione è attribuita a quelle associazioni che, attraverso i loro leader, dimostrano di saper realizzare i fini che hanno portato gli individui ad associarsi; l’influenza è guadagnata in cambio dei valori sociali prodotti; è ciò che viene ricevuto dalle associazioni in cambio dell’output erogato.

70In questa prospettiva, le associazioni possono essere considerate organizzazioni specializzate nella dimensione sociale, allo stesso modo in cui le imprese sono considerate organizzazioni specializzate nella dimensione economica: il funzionamento delle associazioni segue principalmente la logica dello scambio sociale, come il funzionamento delle imprese segue principalmente la logica dello scambio economico. Le associazioni impiegano in modo produttivo le risorse in capitale sociale di cui dispongono in modo analogo a come le imprese impiegano in modo produttivo le risorse in capitale economico. Sul piano analitico è possibile guardare alle associazioni come a organizzazioni che hanno come obiettivo il guadagno in considerazione-influenza sociale (che cercano cioè di massimizzare l’adesione e la partecipazione dei membri), in modo analogo a come le imprese sono considerate organizzazioni che hanno come obiettivo principale la ricerca di un guadagno in denaro.

71Naturalmente, considerare le associazioni organizzazioni specializzate nella dimensione sociale, significa semplificare una realtà più complessa. Perché le associazioni per il loro funzionamento hanno bisogno anche di altro: di denaro per gli stipendi, sedi, strumenti di comunicazione; al loro interno ha certamente spazio anche la logica dello scambio economico (e quella del potere). È però una semplificazione simile a quella che si realizza quando si considera l’impresa un’organizzazione specializzata in senso economico (mentre in realtà dentro l’impresa troviamo non solo la spinta del denaro ma anche quella della considerazione, la logica dei valori sociali e non solo quella degli interessi economici). Sono semplificazioni accettabili sul piano analitico perché servono a sottolineare la differenza tra due tipi di sistemi sociali; semplificazioni utili in particolare nelle società moderne, dove questa differenza è più marcata.

8. Come si misura il prodotto delle associazioni

72Torniamo adesso alla domanda centrale: è possibile individuare per la dimensione sociale misure con caratteristiche simili a quelle che il pil ha nel sistema economico?

73Abbiamo visto che il pil è costruito avendo come primo riferimento il prodotto delle imprese: a essere misurata è la produzione realizzata attraverso organizzazioni specializzate in senso economico. I paragrafi precedenti hanno mostrato come le associazioni siano organizzazioni formalmente simili alle imprese ma che operano sul versante sociale. La domanda allora diviene: è possibile, e come, misurare il prodotto delle associazioni con il medium dello scambio sociale?

74In economia il prodotto è misurato attraverso il reddito ottenuto dalla sua vendita. Gli economisti guardano al pil da due punti di vista: da un lato come al reddito ottenuto dai produttori attraverso la vendita di beni, dall’altro come al denaro speso dai consumatori per l’acquisto di quei beni. Il valore di un bene economico, infatti, si può calcolare o sommando i redditi derivanti dalla sua produzione o stabilendo quando spende il consumatore per ottenerlo. Sono due modi diversi di guardare alla stessa cosa: il denaro che è percepito sotto forma di reddito da chi ha prodotto un certo bene è lo stesso che è speso dal consumatore per l’acquisto di quel bene (se per l’acquisto di un camion il consumatore spende 100.000 euro, questa cifra è anche il reddito ricavato da chi ha venduto quel bene). È questo che permette agli economisti di disporre di una misura del valore della produzione la cui base è costituita dalle valutazione espresse dai cittadini.

75Utilizzando la teoria dello scambio, la stessa impostazione può essere applicata in campo sociale. Nella prospettiva fornita da questa teoria, la principale risorsa ottenuta dalle associazioni in cambio del loro prodotto è la considerazione-influenza; quest’ultima rappresenta il reddito incassato dalle organizzazioni per l’output. E all’influenza è possibile guardare sia come al reddito ottenuto dai produttori per i valori realizzati sia come alla «moneta» spesa dai consumatori per l’acquisto di questi beni. Si tratta, anche in questo caso, della stessa cosa analizzata da due punti di vista diversi.

76Poiché la considerazione è una misura «monetaria» (realizzata con l’uso di un medium che fornisce un metro comune con cui valutare l’importanza attribuita dagli attori a beni tra loro diversi) se ne possono derivare indicatori che permettono una valutazione complessiva: è del tutto possibile sommare l’influenza ottenuta da un’associazione che realizza un certo valore, a quella di un’associazione che realizza un valore diverso (nell’ipotesi che il numero di aderenti alle associazioni costituisca un indicatore efficace della loro influenza, è del tutto possibile sommare il numero di iscritti a un sindacato comunista a quelli di un sindacato cristiano; oppure sommare a questi il numero delle persone che aderiscono a un’associazione di volontariato).

77L’influenza delle associazioni è dunque la misura che stiamo cercando: una misura a) che può esprimere nei termini di una stessa unità di conto l’importanza che gli individui attribuiscono a diversi valori sociali e b) che ha come base le valutazioni incorporate nelle scelte dei «consumatori» (delle persone che volontariamente, nei sistemi democratici, cedono questa risorsa ad associazioni che hanno scelto). L’influenza fornisce una misura complessiva del prodotto derivata dalle valutazioni espresse dagli attori nello scambio sociale. È appunto una misura analoga sul piano formale al pil; più precisamente al reddito che le imprese incassano dalla vendita dei loro prodotti al consumatore.

78Questa conclusione conferma l’intuizione di Putnam, che ha utilizzato misure della partecipazione associativa come indicatori del benessere sociale da affiancare alle statistiche dell’economia. Mettendo in luce le radici che collegano la nozione di capitale sociale a quella di scambio sociale, diventa possibile capire meglio questo parallelo: perché cioè misure della partecipazione associativa rappresentino un fenomeno in qualche modo avvicinabile a quello che il pil è nel sistema economico (e diventa possibile anche evitare alcuni rischi presenti nel lavoro di Putnam; in particolare il fatto che, essendo lasca la definizione di ciò che costituisce capitale sociale, troppe cose siano ammassate sotto questa etichetta).

79La conclusione, peraltro, non è molto lontana neppure da quanto sinora è stato fatto all’interno del filone principale del movimento degli indicatori sociali: perché la proposta centrale è di usare come complemento alle statistiche economiche il grado di realizzazione di certi valori sociali. Le fondazioni fornite dalla teoria dello scambio permettono però di misurare questi valori a partire dalle scelte degli individui: più precisamente, attraverso il costo che gli individui pagano per la loro realizzazione.

80L’idea di considerare l’influenza contenuta nelle associazioni come misura del benessere sociale, è probabilmente destinata a suscitare critiche. Soprattutto perché non tutti valutano positivamente l’operato di queste organizzazioni (in particolare per quanto riguarda i sindacati, il tipo di associazione che ho più spesso usato come esempio). Si noti però che questo accade allo stesso modo in cui qualcuno può valutare negativamente l’inclusione nelle misure del benessere economico di beni che a lui non piacciono (per esempio – senza con questo voler paragonare a esse i sindacati – le automobili perché inquinano, oppure le armi, come attualmente accade nelle statistiche basate sul pil). A questa critica l’economista risponde che il valore misurato dal pil deriva non dai suoi personali criteri di giudizio ma da un dato oggettivo: il prodotto è valutato attraverso le scelte di acquisto realizzate dai membri di quel sistema economico.

81Lo stesso deve valere in campo sociale. È legittimo non condividere i principi di valore su cui operano alcune associazioni. Va però riconosciuto che la considerazione-influenza attribuita da alcuni cittadini a un’associazione, segnala la realizzazione di principi che per quei cittadini hanno valore. Questo prodotto del sistema sociale ad alcuni può piacere e ad altri no, ma deve essere registrato dal sociologo come un dato oggettivo, indipendente dalle sue preferenze.

82La proposta di considerare l’influenza una misura del benessere può poi trovare oppositori perché, secondo alcuni, le associazioni sono di freno alla crescita economica. In un libro interessante, Olson (1984), per esempio, aveva cercato di mostrare come l’esistenza di una vasta rete di «organizzazioni di interesse» si associ spesso a bassi tassi di crescita economica; alcuni tipi di associazioni volontarie (in particolare se di piccole dimensioni) possono ridurre «l’efficienza e il reddito aggregato delle società in cui operano» (76).

83Olson però non arriva a quella che pure appare la logica conclusione della sua analisi: che nel contesto delle società avanzate è preferibile fare a meno di queste organizzazioni, cancellandole dal tessuto sociale. Perché Olson non trae questa conclusione? Perché si rende conto che le associazioni, ammesso pure che siano di ostacolo alla crescita economica (il lavoro di Putnam, peraltro, mostra il contrario), producono per le persone dei benefici che non sono valutabili solo con il metro dell’economia: forniscono risorse la cui importanza non è riducibile a quella parte del benessere che è misurato dagli indicatori economici. Non a caso, in un precedente saggio che tocca il tema degli indicatori sociali, proprio Olson (1968) aveva sostenuto che le misure sociologiche ed economiche del benessere «sono non solo differenti ma ai poli opposti: se uno solo di essi fosse realizzato, la società sarebbe un incubo nei termini dell’altro».

84La via che porta alla massimizzazione di un tipo di valori non conduce necessariamente alla massimizzazione anche dell’altro tipo. Per esempio, una distribuzione «giusta» del reddito, che realizza aspettative dei lavoratori originate da certi valori sociali, non coincide sempre e necessariamente con la distribuzione «economicamente efficiente». Allora, anche se fosse vero che alcune associazioni possono essere di freno alla crescita economica, questo non ne giustificherebbe l’eliminazione: appunto perché la loro importanza non è riducibile alla loro utilità economica. Questo, del resto, è un principio incorporato nelle modalità di funzionamento delle attuali democrazie: dove la libertà di associazione è considerata un valore in linea di principio non subordinabile all’efficienza economica.

9. Conclusioni

85Quando l’obiettivo è la costruzione di indicatori, la possibilità di tradurre i concetti della teoria in misure della ricerca empirica diventa decisiva. L’ultima domanda cui rispondere allora è: con quali variabili misurare l’influenza?

86Una prima misura è fornita dal numero di associazioni. Questo è un indicatore approssimato ma in grado di fornire alcune informazioni: come la vivacità economica di un paese può essere valutata facendo riferimento al numero di imprese esistenti, così la vivacità sociale può essere valutata usando il numero di associazioni. Il limite di questa misura è che mette sullo stesso piano le diverse organizzazioni, eguagliando l’influenza contenuta in ciascuna di esse: mentre in realtà esistono associazioni grandi, che dispongono di molta influenza, e associazioni piccole, che ne hanno poca (allo stesso modo in cui può essere fuorviante per valutare l’output economico, mettere sullo stesso piano una piccola e una grande impresa).

87A questo difetto può ovviare un altro indicatore, costituito dal numero degli iscritti (o, dato che non sempre questi gruppi prevedono un’iscrizione formale, di partecipanti) alle associazioni. Questo permette di tenere conto della diversa misura di influenza contenuta nelle organizzazioni grandi (con molti iscritti) rispetto a quelle piccole (con pochi iscritti). L’utilizzo di questo indicatore oggi è favorito anche dalla sua disponibilità (in statistiche ufficiali e non; per l’Italia dati di questo genere sono raccolti in particolare dalle indagini Multiscopo dell’Istat; altre fonti sono i Rapporti Iref e le ricerche svolte nell’ambito delle World Values Surveys ; cfr. La Valle, 2003).

88Anche questa, comunque, non è una perfetta traduzione operativa del concetto. Perché l’influenza di un’associazione con cento iscritti che partecipano poco alle sue attività, è inferiore a quella di un’associazione con lo stesso numero di iscritti ma che si impegnano molto; la seconda organizzazione controlla risorse di influenza superiori a quelle della prima. Per un indicatore ancora più efficace sarebbe allora necessario disporre, oltre al numero dei soggetti, anche di una misura del loro grado di impegno. L’unità che meglio corrisponde alla grandezza da valutare in questo caso è costituita dal tempo: il tempo volontariamente speso dalle persone dentro le associazioni. In effetti, questo è il costo che l’individuo paga per la realizzazione dei valori che l’hanno portato ad associarsi: è il prezzo dei valori sociali.

89Su quali siano gli indicatori migliori dell’influenza, le idee (che vanno poi sempre confrontate con la disponibilità dei dati nella ricerca empirica) possono comunque essere diverse. Ciò che mi premeva mostrare al termine di questo lavoro è che l’influenza costituisce non solo un concetto della teoria ma anche una grandezza effettivamente misurabile.

90Nell’arrivare a questa misura possono sorgere delle difficoltà. Si può discutere su quali organizzazioni debbano entrare nel computo, come concretamente raccogliere dati di questa natura, quali siano le misure più efficienti. Ma sono i problemi che sempre deve affrontare la ricerca quando passa dalla discussione della teoria all’applicazione empirica; né sono molto diversi da quelli incontrati dagli economisti nel compilare le loro statistiche, anch’esse inevitabilmente frutto di approssimazioni e ipotesi di comodo.

Torna su

Bibliografia

Barbieri P. (2003), Le fondamenta micro del capitale sociale, «Inchiesta», in stampa.

Blau P.M. (1989) [1964], Exchange and Power in Social Life, Transaction, New Brunswick (NJ).

Bourdieu P. (1980), Le capital social. Notes provisoires, «Actes de la Recherche en Sciences Sociales», n. 31, pp. 2-3.

Chiesi, A.M., Martinelli A. e Pellegatta M. (2000), Il bilancio sociale. Stakeholder e responsabilità sociale dell’impresa, «Il Sole 24 ore», Milano.

Coleman J.S. (1963), Comment on «On the Concept of Influence», in «The Public Opinion Quarterly», vol. 27, pp. 63-86.

Id. (1970), Political Money, «American Political Science Review», vol. 64, pp. 1074-1087.

Id. (1990), Foundations of Social Theory, Harvard University Press, Cambridge (Ma).

Edwards B. e Foley M.W. (2001), Much Ado about Social Capital, «Contemporary Sociology», vol. 30, pp. 227-230.

Ekeh P.P. (1974), Social Exchange Theory. The Two Traditions, Harvard University Press, Cambridge (Ma).

Hagerty M.R., Cummins R.A., Ferriss A.L., Land K., Michalos A.C., Peterson M., Sharpe A., Sirgy J. e Vogel J. (2001), Quality of Life Indexes for National Policy: Review and Agenda for Research, «Social Indicators Research», vol. 55, pp. 1-96.

Hirsch F. (1981) [1976], I limiti sociali allo sviluppo, Bompiani, Milano.

Homans G.C. (1950), The Human Group, Harcourt, Brace and World, New York.

Id. (1961), Social Behavior: Its Elementary Forms, Routledge and Kegan, London.

Jacobs J. (1961), The Death and Life of Great American Cities, Random House, New Yok.

Kiechel W. (2000), The New Capital Thing, «Harvard Business Review», July-August, pp. 149-154.

La Valle D. (1994), Social Exchange and Social System, «Sociological Perspectives», vol. 37, pp. 585-610.

Id. (1998), L’organizzazione come denaro. Lo scambio sociale nelle associazioni, «Quaderni di sociologia», n. 18, pp. 129-144.

Id. (2001a), Parsons and Social Exchange, in Pollini G. e Sciortino G. (a cura di), Parsons’ The Structure of Social Action and Contemporary Debates, Angeli, Milano, pp. 147-170.

Id. (2001b), La ragione dei sentimenti. Una teoria dello scambio sociale, Carocci, Roma.

Id. (2002), Il capitale sociale nella teoria dello scambio, «Stato e mercato», n. 65, pp. 305-334.

Id. (2003), Capitale sociale in Italia. La partecipazione associativa, «Inchiesta», in stampa.

Loury G. (1977), A Dynamic Theory of Racial Income Differences, in Wallace P. A. e Le Mund A. (a cura di), Women, Minorities, and Employment Discrimination, Lexington Books, Lexington (Ma), pp. 153-188.

Id. (1987), Why Should We Care About Group Inequality?, «Social Philosophy and Policy», 5, pp. 249-271.

Olson M. (1965), The Logic of Collective Action, Harvard University Press, Cambridge (Ma).

Id. (1968), Economics, Sociology and the Best of All Possible Worlds, «Public Interest», 12.

Id. (1984) [1982], Ascesa e declino delle nazioni, Il Mulino, Bologna.

Parsons T. (1963), Reply to Coleman Comment on «On the Concept of Influence», «The Public Opinion Quarterly», vol. 27.

Id. (1964), [1951], The Social System, The Free Press, Glencoe.

Id. (1969), Politics and Social Structure, The Free Press, New York.

Id. (1972), Commentary on Clark, «Sociological Inquiry», vol. 42, pp. 299-308.

Parsons T. e Smelser N.J. (1957), Economy and Society. A Study in the Integration of Economic and Social Theory, Routledge and Kegan, London.

Paxton P. (1999), Is Social Capital Declining in the United States? A Multiple Indicator Assessment, «American Journal of Sociology», vol. 105, pp. 88-127.

Portes A. (1998), Social Capital: Its Origins and Applications in Modern Sociology, «Annual Review of Sociology», vol. 22, pp. 1-24.

Portes A. e Landolt P. (1996), The Downside of Social Capital, «American Prospect», vol. 26, pp. 18-22.

Putnam R.D. (1993), Making Democracy Work, Princeton University Press, Princeton (N.J).

Id. (1995), Bowling Alone: America’s Declining Social Capital, «Journal of Democracy», vol. 6, pp. 65-78.

Id. (2000), Bowling Alone. The Collapse and Revival of American Community, Simon and Schuster, New York.

Samuelson P.A. e Nordhaus W.D. (1996) [1995], Economia, McGraw-Hill Italia, Milano.

Simmel G. (1989) [1908], Sociologia, Comunità, Milano.

Wilcox L.D., Brooks R.M., Beal G.M. e Klonglan G.E. (1972), Social Indicators and Social Monitoring. An Annotated Bibliography, Jossey-Bass, San Francisco.

Wilson J. (2001), Dr. Putnam’s Social Lubricant, «Contemporary Sociology», vol. 30, pp. 225-227.

Woolcok M. (1998), Social Capital and Economic Development: Toward a Theoretical Synthesis and Policy Framework, «Theory and Society», vol. 27, pp. 151-208.

Torna su

Note

1 Coleman non è stato il primo ad usare il termine «capitale sociale» (cfr. in particolare Jacobs, 1961; Loury, 1977; 1987; Bourdieu, 1980); a lui si deve però l’avvio di una teoria del capitale sociale. Per una discussione sulle origini del concetto cfr. Putnam (1995, 78; 2000, 19-20); Woolcok (1998); Paxton (1999, 91-92); Barbieri (2003).

2 A p. 362 Putnam (2000) cita come esempi di capitale sociale, tra l’altro, «la familiarità, la tolleranza, la solidarietà, la fiducia, le abitudini alla cooperazione, il mutuo rispetto».

3 Naturalmente la raccolta d’informazioni e statistiche sociali in senso lato (nelle aree tradizionali della demografia, sanità, istruzione, lavoro, criminalità) precede questi lavori, che però rappresentano i primi tentativi diretti a realizzare organici sistemi d’indicatori.

4 Questo, secondo Parsons, rende l’influenza basata sul prestigio un medium simile al denaro ma diverso dal potere: quest’ultimo è uno strumento di regolazione sociale il cui funzionamento poggia non sull’offerta di beni che incentivano alter a comportarsi in un certo modo ma sulla minaccia di sanzioni negative; non sull’incentivazione ma sulla deterrenza.

5 Un aspetto emerso anche nel lavoro di Homans (1961) nella «teoria della giustizia distributiva».

6 Perlomeno nel filone homansiano. A certi aspetti della dimensione macro hanno invece dato attenzione altri autori, tra cui in particolare Ekeh (1974); purtroppo, però, in questo secondo filone la dimensione generalizzata dello scambio rischia di far perdere alla teoria i suoi punti di forza, soprattutto il riferimento a criteri di scelta razionale.

7 Se infatti il dipendente A svolgesse dentro l’impresa un certo compito perché ricompensato dall’imprenditore B attraverso un medium il cui valore fosse esigibile in futuro solo presso B e la cui accettazione da parte di A dipendesse dalla sua fiducia personale in B, quando dovessero cambiare queste persone, verrebbe meno anche il sistema di collaborazione sociale; al contrario l’impresa, grazie all’impersonalità del denaro, è in grado di sopravvivere al cambiamento delle persone che la compongono.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Davide La Valle, « Capitale sociale e indicatori del benessere »Quaderni di Sociologia, 32 | 2003, 143-166.

Notizia bibliografica digitale

Davide La Valle, « Capitale sociale e indicatori del benessere »Quaderni di Sociologia [Online], 32 | 2003, online dal 30 novembre 2015, consultato il 30 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1192; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1192

Torna su

Autore

Davide La Valle

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale - Università di Trento

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search