Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri25la società italiana / Il capitale...Presentazione

la società italiana / Il capitale sociale. Applicazioni empiriche

Presentazione

Antonio M. Chiesi
p. 3-6

Testo integrale

1Il termine «capitale sociale» vive un periodo di successo nel dibattito sociologico nazionale ed internazionale, sull’onda di articoli pubblicati su riviste come «American Journal of Sociology», «American Sociological Review», «British Journal of Sociology», «European Sociological Review», «The Annual Review of Sociology», «Theory & Society» e sulla base dell’interesse mostrato da istituzioni internazionali come la World Bank, l’oecd e l’ilo. In Italia il dibattito è stato avviato da recenti contributi critici, usciti sulla «Rassegna Italiana di Sociologia» e su «Stato & Mercato».

2Nonostante l’ampia discussione suscitata, a cominciare dai primi lavori di Loury (1977) e di Bourdieu (1980), la definizione del concetto resta ancora in buona parte indeterminata, tanto che – come sostengono alcuni – la sua utilità euristica sarebbe ancora da dimostrare. La più citata definizione del termine è quella di James Coleman (1990), che propone un’accezione di capitale sociale sia in termini normativi e culturali (norme, processi di socializzazione, abitudini, stili di vita nel senso weberiano del termine), ponendo il problema della distinzione con il concetto di capitale umano, sia in termini relazionali (networks, risorse sociali di rete mobilizzabili all’interno di un approccio rational choice). Questa dimensione relazionale, che permette di ottenere risorse utili all’attore, viene talvolta intesa essa stessa come risorsa e confusa con queste (soprattutto le risorse informative), tanto che spesso viene a mancare la distinzione analitica tra strumento e obiettivo.

3A cominciare dagli anni Novanta il quadro è stato complicato dai contributi di Putnam (1993) e di Fukujama (1995), che propongono un’accezione «macro» del capitale sociale, concepito come bene collettivo. In questo modo il capitale sociale diviene sinonimo di fiducia sistemica o addirittura di solidarietà sociale à la Durkheim, concetti connotati positivamente in senso normativo e altamente evocativi, che si sono prestati ad una serie di critiche sia nel dibattito internazionale (Portes, 1998), sia in quello italiano (Bagnasco, 1999, Trigilia, 1999).

4Il contributo degli economisti – talvolta interessati ad espandere il campo dell’analisi economica verso tematiche sociologiche – ha rinvigorito il dibattito, ma non ne ha mutato i termini e, soprattutto, non è servito a fare chiarezza concettuale. I più avvertiti fra essi hanno subito sottolineato i limiti citati. Robert Solow ha sostenuto per esempio che se il capitale sociale dev’essere qualcosa di più che una semplice espressione alla moda, il suo ammontare dev’essere in qualche modo misurabile mediante indicatori empirici condivisi. Nonostante questa persistente difficoltà, il tema ha avuto comunque il merito di far riflettere gli economisti sul ruolo e l’importanza della dimensione sociale entro cui i processi di creazione e scambio di risorse sono inseriti.

5Se gli economisti prendono sul serio l’idea che il concetto debba essere misurabile, per poter giustificare il termine adottato, tra i sociologi il problema della misurabilità viene affrontato da punti di vista diversi. Già Bourdieu (1986) e più recentemente Pizzorno (1999) ritengono che il programma di misurare l’ammontare di capitale sociale a disposizione di un soggetto possa impoverire la ricchezza di significati che il concetto comprende. Nessun criterio di misurazione sarebbe mai in grado di catturare questa ricchezza e la riduzione ad una misurazione sintetica trasformerebbe un processo dinamico e idiosincratico di relazione sociale in un attributo statico dell’attore. Pizzorno in particolare ricorda che qualsiasi misurazione deve essere funzione del controllo empirico di una specifica ipotesi teorica e sarebbe un errore pensare che possa esistere un’unica misura standard in grado di registrare il capitale sociale in quanto tale.

6Tuttavia, il fatto che venga proposto il termine «capitale» significa che, almeno in linea di principio, viene ammessa la possibilità di misurazione, analogamente a quanto avviene in modo molto semplice per il capitale economico e in modo più complesso per il capitale umano. Ci si può anzi domandare quanto il successo del concetto derivi dalla combinazione di un termine, che in linea di principio promette la precisione della misurazione cardinale, con un aggettivo che implica un intero universo di significati, che vanno dalle frequentazioni personali della vita di tutti i giorni alle norme e valori di un’intera società, dalla struttura sociale, agli atteggiamenti, come qualcuno ha proposto. Ma se questa è la base del successo, l’utilizzo del termine «capitale» rimane ambiguo da parte di coloro che non credono alle possibilità di applicazione quantitativa.

7Come accade talvolta per i termini di moda, il dibattito recente sembra dimenticare il fatto che concetti con significati molto simili a quelli attribuiti al capitale sociale sono già stati proposti dalla tradizione sociologica. Occorre citare a riguardo almeno quattro padri della sociologia. Tocqueville è stato il primo a rilevare l’importanza dei legami associativi nell’assicurare la cooperazione sociale. Durkheim ha identificato le basi pre-contrattuali dello scambio in norme, valori e riconoscimento sociale e quel vago meccanismo di coesione sociale che chiama solidarietà. Il concetto weberiano di chiusura sociale riguarda strategie di inclusione ed esclusione, ma anche di riconoscimento reciproco, che autori recenti attribuiscono al capitale sociale. I concetti simmelliani di cerchia sociale e di intersezione di cerchie sociali appaiono strettamente legati all’approccio strutturale nello studio del capitale sociale. Sia Weber, sia Simmel enfatizzano il ruolo centrale della relazione sociale in sociologia.

8Se il capitale sociale è una risorsa, può funzionare da sostituto funzionale di altri tipi di risorse? Quali sono i meccanismi attraverso i quali il capitale sociale viene accumulato e speso? I tentativi di risposta a queste domande permettono di porre in modo concreto la questione dello status teorico del termine. Affinché ciò sia possibile, è comunque necessario dimostrare se e come il capitale sociale si specifica in modo autonomo rispetto ai concetti sociologici già esistenti, quali le reti di relazione, l’appartenenza sociale, la diseguaglianza, lo status sociale, le norme sociali, gli stili di vita, le diverse forme di solidarietà, la fiducia sociale. C’è infatti il rischio che il termine capitale sociale finisca per costituire una sorta di «concetto-ombrello» riunente sotto di sé l’effetto commisto – e forse anche spurio – di molteplici fattori già riferibili a concetti presenti nella tradizione sociologica.

9Tuttavia, se ci si pone in un’ottica di medio raggio e con un approccio empirico, come quello adottato nei saggi qui presentati, il concetto di capitale sociale appare promettente da diversi punti di vista. I tre contributi condividono anzitutto la preoccupazione per un uso troppo disinvolto e generico del concetto di capitale sociale e propongono applicazioni circoscritte a livello micro. Pur nella diversità dei campi di applicazione, tutti gli autori condividono un’accezione abbastanza omogenea di capitale sociale, poiché adottano una definizione che ha a che fare con la mobilitazione di relazioni interpersonali entro un contesto di regole condivise.

10Il saggio di Ballarino e Bernardi è basato su un’analisi secondaria dei dati forniti dall’indagine multiscopo dell’Istat, in particolare quelli sull’uso del tempo delle famiglie italiane. L’ipotesi di partenza è che questi dati possano approfondire l’analisi delle diseguaglianze delle opportunità educative fin ora condotte tradizionalmente ricorrendo a modelli di analisi causale multivariata, in cui vengono studiate le relazioni tra il successo scolastico e alcuni attributi dei genitori, come il titolo di studio e la posizione professionale. Da una parte gli autori vanno oltre le relazioni meccaniche tra variabili indipendenti e variabile dipendente, mettendo a fuoco alcuni aspetti delle relazioni interpersonali tra genitori e figli. Dall’altra mostrano un modo innovativo di vedere ai time budgets, a lungo considerati solamente descrittivi. Pur nei limiti tecnici e metodologici di tutte le analisi secondarie, gli autori mostrano l’importanza del tempo dedicato ai figli nell’aiuto delle attività scolastiche, e la trasmissione delle motivazioni nei rapporti interpersonali, che giocano in modo diverso a seconda del titolo di studio e dell’occupazione, ponendo al centro il ruolo della madre, piuttosto che del padre.

11Il saggio di Bertolini e Bravo approfondisce l’analisi delle relazioni tra livello micro e macro del capitale sociale, attraverso l’applicazione a un contesto di utilizzazione individuale di capitale sociale – riguardante le strategie di ridistribuzione delle commesse di lavoro tra colleghi che svolgono prestazioni coordinate e continuative – e un contesto di utilizzo collettivo del capitale sociale – relativo alle strategie di azione comune nella gestione dei consorzi di irrigazione in Valle d’Aosta. Poiché gli autori si pongono entro il tracciato teorico di Coleman, allargano i confini del concetto, comprendendo la dimensione culturalista e quella istituzionale del capitale sociale, aprendo quindi il problema della specificità del concetto rispetto ad altri già disponibili nella tradizione sociologica e della convenienza a sostituire termini che si riferiscono a teorie classiche con nuovi non ancora chiari ed univoci.

12Il saggio di Pedersini rappresenta un’applicazione del capitale sociale ai processi di privatizzazione delle imprese di proprietà pubblica. L’attenzione è concentrata sulla recente esperienza italiana nel settore del credito, ma l’analisi è arricchita dal confronto con i corrispondenti percorsi seguiti da diversi paesi dell’Est europeo. L’autore giunge alla conclusione che una corretta operazionalizzazione del capitale sociale mediante indicatori adatti può aiutare a chiarificare il concetto di embeddedness dei processi economici nel reticolo delle relazioni sociali, poiché permette di combinare l’attenzione verso la struttura formale delle relazioni con gli aspetti istituzionali.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Antonio M. Chiesi, « Presentazione »Quaderni di Sociologia, 25 | 2001, 3-6.

Notizia bibliografica digitale

Antonio M. Chiesi, « Presentazione »Quaderni di Sociologia [Online], 25 | 2001, online dal 30 novembre 2015, consultato il 01 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1288; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1288

Torna su

Autore

Antonio M. Chiesi

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search