Navigazione – Mappa del sito
la società italiana / Il capitale sociale. Applicazioni empiriche

Dimensioni del capitale sociale

Sonia Bertolini e Giangiacomo Bravo
p. 37-66

Testo integrale

Precedenti versioni del seguente paper sono state presentate nel corso di seminari presso il Dipartimento di Studi Sociali dell’Università degli studi di Brescia e il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Torino. Ringraziamo vivamente tutti colore che, in queste e in altre occasioni, ci hanno fornito commenti, suggerimenti o quant’altro abbia contribuito alla sua realizzazione. La stesura del paper è così suddivisa: l’introduzione e i paragrafi 1., 2.e 5. sono stati scritti da Giacomo Bravo, mentre Sonia Bertolini ha curato i paragrafi 3., 4. e le Conclusioni.

Introduzione: capitale sociale?

1Pochi concetti negli ultimi anni hanno suscitato tante discussioni, critiche e interesse in ambito sociologico – e, specie, in sociologia economica – quanto quello di capitale sociale (cs), pionieri del quale sono stati i lavori di Loury (1977), di Bourdieu (1980), di Flap e de Graaf (1986) e, soprattutto, di Coleman (1988 e 1990). Nonostante resistenze e dubbi espressi da più parti, rimane la sensazione che esso colga alcuni aspetti importanti del modo in cui funziona la società, aspetti che meglio permettono di comprendere le dinamiche di interazione tra individui-specie, ma non solo, in vista di un obiettivo di carattere economico. Non a caso, pur negandone la natura di «capitale» e rifiutando quindi l’analogia con i capitali fisico e finanziario, Solow in una recente «nota» lo vede quale tentativo di cogliere qualcosa di «difficile, complicato, ma importante» (1999, 7).

2La sua complessità e i molteplici punti di vista con cui è stato affrontato (Dasgupta e Serageldin, 1999) lo rendono, a tratti, ambiguo e, sempre, difficile da gestire. Ciò è, in parte, diretta conseguenza dell’originale impostazione teorica di Coleman (1990, 300-321), nella quale il concetto viene utilizzato per identificare le funzioni non di un solo aspetto, ma di svariate dimensioni e di diverse forme dell’organizzazione sociale. Egli riunisce sotto la medesima etichetta «fenomeni eterogenei, che hanno in comune il fatto di essere configurazioni di relazioni capaci di aumentare l’efficienza dell’azione collettiva o individuale» (Bianco e Eve, 1999, 169-170). Tale caratteristica costituisce la ricchezza dell’idea di cs, ma al tempo stesso il suo limite: un concetto capace di dar luogo a studi in ambiti molto diversi, ma anche interpretazioni molto differenziate, quando non contrastanti; non tutte, peraltro, basate su un modello di attore quale prospettato da Coleman.

3Riteniamo, quindi, che un’operazione centrale per un suo corretto utilizzo sia pensare il cs come un concetto a più livelli analitici, che, insieme, colgono l’idea che «la società» (ad es. relazioni, norme, modelli di comportamento, ecc.) conta, in economia e non solo. In altri termini, esso ribadisce la compenetrazione tra la sfera economica e quella sociale e sottolinea l’importanza di non guardare solo allo stato e all’economia per spiegare i fenomeni empiricamente riscontrati, ma di tenere presente anche il livello della società e di considerarne le capacità auto-organizzative (Bagnasco, 1999).

4Coleman ha aperto la strada a un concetto che, se usato correttamente, ha una straordinaria potenzialità. La sua applicazione nella ricerca sociale richiede però un ulteriore affinamento dello strumento che permetta, in un primo momento, di analizzare separatamente le parti che lo compongono e, in seguito, di rimetterle insieme in una struttura complessiva che ne evidenzi le reciproche relazioni. Il presente lavoro vuole essere un contributo in tale direzione: il concetto di cs verrà prima separato in dimensioni distinte, successivamente riprese e legate tra loro tenendo conto del fondamentale schema «metateorico» proposto da Coleman (1990, 6-23) rispetto al rapporto tra funzionamento di un sistema sociale e azioni degli attori che lo compongono.

5Nonostante alcuni tentativi, non sempre felici, in tal senso, riteniamo che per potere utilizzare il concetto di capitale sociale (e, in particolare per poter effettuare la distinzione tra cs individuale e collettivo) non sia possibile prescindere dal modello teorico di Coleman (1990), in quanto esso deriva e trae il proprio significato da tale prospettiva. Il modello di Coleman si situa all’interno della teoria della scelta razionale nella sua versione sociologica. Essa prevede un attore razionale, ma non miope e isolato. Si tratta di un individuo che vuole massimizzare i propri benefici, ma che per farlo tiene conto degli altri, delle norme e delle relazioni esistenti e che si muove in una prospettiva di lungo periodo comprendente i possibili ritorni futuri degli investimenti presenti (Flap, 1999). Il paradigma presentato è stato sviluppato a partire da quello utilizzato in economia e presuppone attori capaci di scegliere tra combinazioni di mezzi alternativi quello che permette loro di massimizzare la propria funzione di utilità. Occorre notare che si tratta di un modello in cui la struttura delle preferenze è interamente spiegata in base al principio del self-interest e nel quale gli individui sono attori dotati di volontà. Coleman ritiene però che, per adottare la teoria della scelta razionale in sociologia, sia necessario modificarne alcune assunzioni. Prima di tutto i fini degli attori, per quanto dettati dal self-interest, tengono conto degli elementi della struttura sociale (relazioni, obbligazioni, norme, ecc.); in questo senso si tratta di un attore individualista, ma non atomizzato (Boudon, 1999, 135) e capace di considerare orizzonti temporali più ampi rispetto all’homo oeconomicus. In secondo luogo, gli interessi e i fini degli attori possono porsi in relazioni diverse gli uni con gli altri, aggregandosi in modo non univoco per produrre distinte configurazioni macro, variabili di caso in caso. In particolare, Coleman (1990, 20-21) identifica, anche se in maniera dichiaratamente non esaustiva, sei diverse modalità di aggregazione delle azioni individuali in risultati macro (transizione micro-macro): 1) il caso in cui l’azione indipendente di un attore «impone» esternalità (positive o negative) su un secondo attore; 2) lo scambio bilaterale tra due individui; 3) il mercato, estensione del caso precedente a più attori; 4) le decisioni collettive (o scelta sociale), strutturate tramite voto o altri meccanismi di espressione di preferenza da parte degli individui e risultanti nella selezione di un’alternativa da parte di un gruppo; 5) il caso di azioni interdipendenti in un’organizzazione formale con lo scopo di realizzare un prodotto; 6) l’istituzione di un diritto collettivo di esercitare controllo sulle azioni di determinati attori tramite norme sostenute da sanzionamento.

6In sintesi, gli attori di Coleman sono razionali, ma anche interdipendenti, essi possiedono risorse distinte e sono interessati in eventi che sono, del tutto o parzialmente, sotto il controllo altrui. Per questo motivo essi intraprendono scambi di beni materiali e immateriali che li portano alla costruzione di relazioni sociali. A tale proposito, Swedberg sostiene: «il motivo per cui gli individui entrano in contatto (nel modello di Colemiano) è che uno ha interesse per qualcosa e l’altro ne ha il controllo» (Swedberg, 1994, 241).

7L’attore di Coleman è allora un attore razionale inserito all’interno di una struttura sociale dove si confronta con l’interazione, le relazioni, le norme e i valori, cioè gli elementi che la compongono. Date queste premesse viene introdotto il concetto di capitale sociale: quando gli aspetti della struttura sociale costituiscono una risorsa produttiva per uno o più attori, essi possono essere considerati una forma di capitale (un capital asset) per l’individuo (Coleman, 1990 e 1994). Capitale, afferma Coleman (1994, 175), attiene al fatto che si tratta di risorse che rendono possibile la produzione, ma non vengono consumate nel processo produttivo, e nelle quali gli individui possono razionalmente investire al fine di conseguire obiettivi che altrimenti non sarebbero raggiungibili o lo sarebbero solo a costi troppo elevati. Sociale si riferisce all’azione combinata di più persone, ad aspetti formali e informali dell’organizzazione sociale che vengono stabiliti perlopiù per fini non economici, ma hanno conseguenze anche economiche (Coleman, 1994, 175).

8Il presente lavoro è strutturato in più parti. Viene, in primo luogo, affrontata l’analisi teorica del concetto e due distinzioni sono proposte: la prima riguarda l’utilizzazione del cs, in particolare se esso serve agli scopi di un singolo attore ovvero di un gruppo più ampio; la seconda discerne tra un primo e un secondo livello di cs in base alla capacità dei singoli di modificarne individualmente gli elementi che lo compongono versus la necessità per essi di intraprendere un processo di azione collettiva. Le distinzioni proposte sono successivamente ricomposte in uno schema che ne illustra i rapporti reciproci costruito a partire dallo schema «metateorico» di Coleman (1990, 6-23) rispetto all’interazione tra i livelli micro e macro dell’azione sociale.

9Infine, due esempi empirici vengono presentati per illustrare l’utilizzazione delle distinzioni teoriche presentate: il primo riguardante l’uso individuale del cs, il secondo i suoi effetti a livello di gruppo in una situazione caratterizzata da potenziali problemi di azione collettiva. Essi sono tratti da ricerche in ambiti assai differenti – il mercato del lavoro il primo, lo sfruttamento di risorse comuni (common-pool resources) il secondo – a testimonianza della flessibilità e dell’estesa applicabilità del concetto.

1. Dimensioni e livelli del capitale sociale

  • 1 Occorre notare che il punto di vista è qui posto sugli utilizzatori più che sugli elementi che comp (...)
  • 2 Si utilizzano le stesse espressioni, capitale sociale «individuale» e «collettivo» già presenti in (...)

10La definizione di capitale sociale data da Coleman (1990, 305) – «la funzione identificata dal concetto di «capitale sociale» si riferisce al valore di quegli aspetti della struttura sociale che gli attori possono utilizzare quali risorse per realizzare i propri interessi» – ha costituito e costituisce tuttora il punto di partenza per la maggior parte delle discussioni sull’argomento. Centrali in essa sono gli attori, con interessi propri, che cercano di raggiungere utilizzando le risorse rappresentate da determinati aspetti della struttura sociale. La definizione è in sé sufficientemente elastica per essere utilizzata in riferimento a un numero variabile di individui, dal singolo, che sfrutta il cs a sua disposizione per fini propri, a gruppi di attori più o meno ampi, al limite un’intera società. Nelle pagine seguenti distingueremo il capitale sociale in riferimento al numero di attori che lo utilizzano tramite il termine dimensione, definendolo cs individuale nel caso di un singolo che sfrutta le proprie risorse per fini propri1 e cs collettivo quando gli attori coinvolti nel suo utilizzo sono in numero maggiore2.

11Il momento centrale dell’analisi riguarda fini con cui viene utilizzato il cs disponibile e le scelte compiute per utilizzarlo. Nel caso del singolo esistono tanto un interesse personale, quanto la possibilità di operare scelte rispetto alle strategie migliori per raggiungerlo (ad es. come sfruttare il cs disponibile). Il caso di un numero di attori maggiore è reso più problematico dal fatto che non necessariamente il gruppo risultante è strutturato in modo tale da poter compiere delle scelte quale attore collettivo. Inoltre, non è detto che i suoi membri condividano gli stessi interessi e la definizione di un interesse collettivo non può essere data per scontata. In questo secondo caso occorre quindi effettuare due precisazioni:

    • 3 Con «output decisionale» definisco il risultato di un processo, di qualsiasi genere, che porti espl (...)

    Il cs può apportare benefici sia che venga utilizzato con scopi espliciti in seguito a un «output decisionale»3 del gruppo, sia che favorisca in modo spontaneo attività di interesse più o meno generale. In altri termini, il cs collettivo può essere coscientemente utilizzato, in maniera simile al quello individuale, ma può altresì generare effetti spontanei – sia in direzione sia contro gli interessi del gruppo (o di un suo sottoinsieme) – quale esternalità complessive – positive o negative – delle azioni degli attori compresi nel gruppo di riferimento.

  1. Il cs non è indifferente rispetto al fine, di conseguenza di volta in volta è necessario esaminarne gli effetti rispetto a un obiettivo. Esso può essere scelto dal gruppo ovvero stabilito dai ricercatori – esterni al gruppo – in base ai loro interessi scientifici. Non è detto che il fine espresso dai ricercatori sia congruente con quello espresso dal gruppo, è però in ogni caso necessario rendere esplicito l’obiettivo rispetto a cui viene utilizzato o analizzato il cs, perché esso acquista valore solo in riferimento a uno scopo.

12Gli obiettivi rispetto a cui è stato studiato il cs sono molteplici, tanto per la dimensione individuale, quanto per quella collettiva. Pur rinunciando a una pur incompleta enunciazione, riteniamo interessante notare come, rispetto alla dimensione collettiva, in molti casi l’immagine corrente del cs tenda ad enfatizzare la sua opera nell’elevare i livelli di coordinamento e di cooperazione tra gli attori, permettendo così di ottenere dei benefici di gruppo più elevati in presenza di situazioni caratterizzate da dilemmi sociali potenziali quali, ad esempio, la produzione di beni pubblici o lo sfruttamento di risorse comuni. In questa direzione, centrata sugli effetti, si muovono molte delle più recenti definizioni di cs nella sua dimensione collettiva, tra le altre quella Putnam (1995a), Ostrom (1995), Uphoff (1999), Serageldin e Grootaert (1999). Con riguardo alla dimensione individuale, nonostante l’abbondanza di articoli teorici e di ricerche empiriche, la tendenza generale è stata il mantenimento o, comunque, un allontanamento limitato dall’originale concetto descritto da Coleman. In entrambi i casi è rimasta centrale l’idea di un attore, con uno scopo da raggiungere e con delle risorse da utilizzare, la cui origine è frutto delle relazioni tra più persone o, in generale, della struttura sociale in cui esso si muove.

  • 4 Cfr. Flap (1999) e Snijders (1999).

13Un primo momento di allargamento del discorso teorico riguarda il fatto che anche il cs individuale non è per intero «proprietà privata» dell’attore di riferimento, ma è comunque parte del contesto sociale circostante: ad esempio le reti di relazioni costituiscono in senso stretto cs individuale, mentre istituzioni, affidabilità ambientale e conoscenze condivise sono risorse presenti nel gruppo (con carattere di bene pubblico) che possono essere utilizzate dall’individuo e, in questo senso, fare parte del suo capitale sociale. Viceversa, le norme interiorizzate dall’individuo (ad ex. reciprocità, obbligo di rispettare i patti, ecc.) possono costituire un vincolo alla sua azione, ma essere vantaggiose per il gruppo nel suo insieme, elevandone i livelli di cooperazione interna e i benefici collettivi ottenibili4.

14Prima di proseguire il discorso sulle relazioni tra cs individuale e collettivo è necessario introdurre una seconda distinzione, questa volta centrata sugli elementi che ne rappresentano gli aspetti empirici, in altre parole, le «componenti della struttura sociale» che costituiscono risorse per l’attore o per gli attori. Nei termini di Coleman, il cs è identificato non dalla forma dei suoi elementi, ma dalla loro funzione, cioè il fatto di essere «una risorsa che può essere utilizzata dagli attori per realizzare i propri interessi» (1990, 305). Se tale definizione «funzionale» rappresenta uno degli aspetti più interessanti del concetto, poiché permette di considerare gli «oggetti» sociali che appaiono rilevanti senza porsi il problema della loro «forma» o di una loro descrizione in dettaglio, essa rende però più difficoltosa la visione d’insieme di che cosa realmente sia il cs nonché l’analisi dei rapporti tra le sue parti.

15Per ovviare al problema, è necessario costruire delle categorie che includano tutte le diverse forme osservabili; perché esse abbiano valore euristico esse devono però essere tanto esaustive quanto mutuamente esclusive. A questo scopo sono state identificate le seguenti cinque categorie nelle quali, almeno a un sufficiente livello di approssimazione, riteniamo sia possibile far rientrare gli elementi osservabili costituenti i diversi aspetti del cs: 1) Relazionale, 2) Normativa, 3) Cognitiva, 4) Affidabilità ambientale, 5) Istituzionale.

  1. Relazionale: riguarda l’insieme di rapporti di relazione e di scambio, variabili per stabilità, valore e contenuto dello scambio, che legano tra di loro i diversi individui nel contesto di riferimento.

    • 5 La costruzione del valore percepito di una determinata azione tramite il confronto tra valori ogget (...)

    Normativa: riguarda l’insieme delle norme di comportamento e dei valori interiorizzati dagli attori analizzati. Si tratta qui non tanto di regole esplicite di comportamento, quanto di «valutazioni» interne, positive o negative, che l’individuo lega a determinati comportamenti o azioni (Ostrom, 1998, 9). Il processo di internalizzazione di determinate norme inizia probabilmente fin dai primi momenti dell’infanzia e prosegue attraverso i diversi aspetti della vita sociale, la costruzione di ruoli, l’educazione e i diversi sanzionamenti dei comportamenti considerati appropriati o meno operati dagli individui con cui l’attore entra in contatto (Dasgupta, 1999, 338-339). Alcune recenti ricerche nel campo della psicologia evoluzionistica suggeriscono che gli esseri umani abbiano sviluppato durante i milioni di anni della loro evoluzione le capacità e i mezzi cognitivi per riconoscere e per apprendere norme sociali quali strumenti per facilitare il superamento dei problemi derivanti dallo «scambio sociale». Ciò non significa che gli esseri umani ereditino una o una serie di norme particolari, ciò che viene trasmesso è piuttosto un’accentuata capacità di individuare e di elaborare norme in grado di incrementare i benefici a lungo termine in presenza di problemi di azione collettiva (Cosmides e Tooby, 1992; Ostrom, 1998, 10).
    In ogni caso le norme interiorizzate non rappresentano tanto dei comandi univoci e inflessibili in grado di determinare le azioni degli attori, quanto una componente della costruzione della percezione individuale di costi e benefici percepiti relativamente a una determinata azione, componente che si aggiunge ai costi e ai benefici oggettivi durante il processo di scelta5.

  2. Cognitiva: riguarda l’insieme di conoscenze condivise e di informazioni possedute riguardo i problemi che l’attore o il gruppo di riferimento si trovano a dover affrontare. In questa categoria sono incluse le euristiche possedute dai singoli, che permettono di superare problemi nuovi utilizzando l’esperienza accumulata, e la condivisione di significati comuni rispetto a determinate istituzioni e comportamenti. Essi permettono, tra l’altro, di ridurre l’ambiguità intrinseca in ogni regola, ambiguità causata dall’essere espressa in linguaggio umano, sistema di simboli che si presta a carenze di precisione e quindi, in assenza di significati comuni, a potenziali interpretazioni discordanti (cfr. Ostrom, 1980).

  3. Affidabilità ambientale: riguarda la fiducia generica rispetto ai comportamenti degli individui presenti in un dato sistema. Un elevato livello di affidabilità ambientale permette di ridurre l’incertezza riguardo le possibili azioni e la volontà di cooperare degli altri membri del gruppo, diminuendo in questo modo i costi di transazione e incrementando le possibilità di collaborazione.

    • 6 Particolare attenzione alla creazione di istituzioni quale soluzione a problemi di azione collettiv (...)

    Istituzionale: comprende istituzioni sia informali sia formali. Per «istituzione» intendiamo, secondo la definizione di North (1990, 384), dei complessi di «costruzioni informali, di regole formali e di meccanismi che permettono di sostenerle», che costituiscono così «le regole del gioco dell’azione umana». Così definite le istituzioni, se efficienti nel loro funzionamento, sono in grado contemporaneamente di ridurre l’incertezza del comportamento degli attori e di incentivarli verso livelli maggiori di coordinamento e di cooperazione. Esse rappresentano una delle forze principali in grado di influenzare il comportamento umano e, non a caso, la determinazione di sistemi di regole, da parte dei partecipanti o di un’autorità esterna, costituisce una delle strade principali di risoluzione di problemi di azione collettiva6.

  • 7 Rispetto all’adeguatezza delle strutture istituzionali si vedano i design principles di Elinor Ostr (...)
  • 8 Si tratta, infatti, di un problema di azione collettiva di secondo ordine.

16È possibile tracciare una distinzione tra le prime tre e le ultime due categorie presentate. Relazioni, norme interiorizzate e conoscenze rappresentano elementi di capitale sociale «vicini» all’individuo, nel senso che variano almeno in parte al variare dell’individuo di riferimento. Al contrario, affidabilità ambientale e istituzioni comprendono ed esplicano in modo analogo la loro azione su un numero maggiore di attori. Inoltre, e la distinzione è fondamentale, gli elementi componenti il secondo insieme presentano forti caratteri di bene pubblico per tutto il gruppo di riferimento. Ad esempio, una regola R che proibisca (e alla quale siano collegati adeguati strumenti7 per sanzionare negativamente) un’azione A, che permette di ottenere un beneficio all’individuo I1 appartenente al gruppo G, ma presenta esternalità negative per gli altri membri (I2, I3,…, In) del medesimo gruppo, costituisce un bene per tutti i membri di G, indipendentemente dal fatto che si impegnino o meno a sostenerla e, quindi, a sanzionare l’eventuale trasgressione di I1. Ammettendo che R rappresenti un deterrente efficace rispetto ad A e che I1 decida di conseguenza di astenersi dal compierla, A non verrà compiuta e l’esternalità negativa non occorrerà. Tutti i membri di G goderanno quindi del beneficio prodotto (la mancata produzione dell’esternalità negativa connessa con A) a prescindere dal fatto che abbiano contribuito al sostegno di R (cioè a sanzionare i trasgressori). In altri termini, non è possibile escludere dal godimento di R ogni individuo Ik (con k ≤ n) che non si impegni a sostenerla. Poiché R costituisce un bene non escludibile per tutti i membri di G e il suo impiego non ne causa l’indebolimento (in altre parole il consumo) – anzi è probabile che tanto più essa verrà applicata con successo tanto più si rafforzerà nella percezione di I1,…, In – essa costituisce un bene pubblico per i membri di G. Di conseguenza, come mostrato nella classica trattazione di Olson (1983 [1965]), ogni individuo Ik, che non può essere escluso dal godimento del beneficio causato da R, avrà interesse a sfruttarne i vantaggi senza pagarne i costi (sanzionamento dei trasgressori), con la conseguenza che il bene pubblico «regola R» tenderà a non essere fornito (non viene stabilita alcuna R) o a essere fornito in maniera inadeguata (R viene stabilita, ma non fatta rispettare sufficientemente da costituire un incentivo adeguato per evitare A). Per ovviare al problema, è possibile pensare a una regola R’ che imponga ai membri di G di sanzionare ogni Ik, che non si impegni a sanzionare coloro che compiono A. Anche R’ avrà però valore di bene pubblico per il gruppo G e, quindi, anche la sua fornitura rappresenterà un problema di azione collettiva analogo al precedente, non costituendo quindi una soluzione efficace al problema originario8. In sintesi, la creazione e il mantenimento di istituzioni rappresenta un problema di azione collettiva da affrontare e superare per i membri di G prima che esse possano produrre i loro effetti.

17È possibile condurre un’argomentazione simile anche per l’affidabilità ambientale, la quale presenta valore di bene pubblico per il gruppo di riferimento e la cui fornitura costituisce altresì un problema di azione collettiva.

18Definiamo quindi la distinzione tra capitale sociale di primo livello (cs1) e capitale sociale di secondo livello (cs2) in base al fatto che la sua produzione e il suo mantenimento rispettivamente non presentino e presentino uno o più problemi di azione collettiva. In altri termini, il cs2 costituisce una risorsa non escludibile per gli attori interessati alla sua utilizzazione, attori che quindi hanno, almeno in linea teorica, scarsi incentivi a partecipare alla sua produzione e al suo mantenimento, donde il problema di azione collettiva.

  • 9 Rispettivamente, search, bargaining e monitoring and enforcement costs (Taylor e Singleton, 1993).

19Posta tale distinzione, è però plausibile che spinte verso la risoluzione dei problemi caratterizzanti produzione e mantenimento del cs2 possano essere trovate entro le categorie incluse nel cs1. Esse svolgono infatti una funzione rilevante nel ridurre i costi di transazione relativi ai processi di creazione e di mantenimento di istituzioni, nonché nell’incrementare i livelli di affidabilità ambientale nel gruppo. Ad esempio, relazioni stabili, molteplici (ad es. con contenuti diversi) e dirette, nonché la condivisione di credenze, valori e preferenze sono state presentate quale «risorsa transazionale» in grado di far fronte ai costi di ricerca, di contrattazione e di successivo mantenimento9 rispetto ad accordi tra attori in vista della risoluzione di una questione comune implicante uno o più problemi di azione collettiva (Taylor e Singleton, 1993).

  • 10 Da notare che un embrione della distinzione tra i due livelli di cs è già presente in Krishna (1999 (...)

20Il cs1 svolge quindi un ruolo centrale di sostegno rispetto al cs2, nello stesso tempo però quest’ultimo è in grado di ridurre l’incertezza delle azioni degli attori che lo condividono e di creare incentivi verso azioni cooperative, rendendo così più vantaggioso l’investimento in relazioni e incrementando l’ampiezza e la solidità dei significati condivisi all’interno del gruppo. Nella migliore delle ipotesi, si crea un circolo virtuoso che tende a rafforzare entrambi i livelli di cs10; qualora, però, uno dei fattori inclusi nella catena presentasse i primi segni di debolezza, seguendo lo stesso meccanismo essi verrebbero trasmessi anche agli altri elementi del ciclo, causando così una pericolosa valanga di effetti negativi.

21L’azione reciproca dei due livelli di cs appare rilevante soprattutto rispetto alla sua dimensione collettiva, specie in quei casi in cui l’obiettivo può essere raggiunto attraverso livelli più elevati di coordinamento e di cooperazione. Gli elementi che compongono il cs1 contribuiscono direttamente all’incremento dell’azione collettiva nel sistema in esame e, indirettamente, tramite l’azione positiva svolta sul cs2 che, a sua volta, attraverso la sua opera di incentivo sulle azioni degli attori coinvolti, rappresenta uno stimolo per il raggiungimento di più elevati benefici comuni (linee a, b e c di Fig. 1).

  • 11 Un esempio classico di dilemma sociale analizzato nella letteratura è rappresentato dalla «Tragedia (...)

22In termini di analisi dell’azione collettiva, l’effetto congiunto dei due livelli del cs costituisce quindi una «risorsa» per gli attori coinvolti in un dilemma sociale11, ciascuno dei quali potrà, grazie a essa, aspettarsi ragionevolmente atteggiamenti cooperativi da parte degli altri. Agendo di conseguenza, cooperando cioè in previsione di un comportamento cooperativo degli altri, potranno essere raggiunti risultati collettivamente (e spesso anche individualmente) migliori e il dilemma originario potrà quindi essere superato.

Fig. 1 I due livelli di capitale sociale e i loro effetti sulle prestazioni del sistema

Fig. 1 I due livelli di capitale sociale e i loro effetti sulle prestazioni del sistema

23In Fig. 1 le linee continue – a, b, c, d – rappresentano l’azione del capitale sociale, mentre quelle tratteggiate – b’, c’ – gli effetti di feedback dati dall’incremento dell’azione collettiva nel sistema. Due sono i circoli virtuosi principali che verosimilmente si vengono a creare quando l’intero meccanismo funziona positivamente e crea dei vantaggi per i partecipanti: il primo, costituito nella figura dai tratti a e d, riguarda strettamente i due livelli di capitale sociale che tendono a rafforzarsi tra loro; il secondo è costituito da a, c e b’, cioè dal più generale effetto congiunto del capitale sociale e dell’incremento dell’azione collettiva.

24È ora possibile presentare alcune considerazioni rispetto all’azione reciproca dei due livelli di cs e al loro contributo nella chiarificazione del concetto. In primo luogo, è centrale la considerazione che cs1 e cs2 si sostengono a vicenda. È difficile che le istituzioni funzionino in maniera adeguata se in contrasto con il capitale esistente a livello inferiore, così come registrare un elevato grado di affidabilità ambientale in assenza di fattori sociali in grado di sostenerlo (ad esempio, sanzionando negativamente, per lo più in maniera informale, gli attori interessati a «sfruttare» la fiducia altrui). Nello stesso tempo, la presenza di istituzioni rappresenta una riduzione dell’arbitrarietà delle azioni degli attori considerati e, quindi, uno stimolo allo sviluppo di aspettative comuni e di relazioni tra essi. Non solo, ma esse possono costituire una forza in grado di produrre nuovo cs1, anche se i loro costi di funzionamento sono di norma in questo caso piuttosto elevati.

25In alcuni casi, è possibile che il solo cs1, sia in grado di permettere agli attori di raggiungere gli obiettivi desiderati. Occorre però notare che, almeno per quanto riguarda la dimensione collettiva, l’utilizzazione prolungata di cs1 per raggiungere fini di miglior coordinamento o cooperazione all’interno del gruppo tende a creare istituzioni, ad es. cs2, per lo meno sul piano informale. In questo senso l’uso, specie sul lungo periodo, di cs1 può portare alla formazione di cs2. Si tratta di un processo non dissimile da quello osservato da Elinor Ostrom nello studio della gestione endogena di risorse comuni (Ostrom, 1990 e 1995; Ostrom-Gardner-Walker, 1994).

26Infine, rispetto al problema dello studio del capitale sociale, poiché entrambi i livelli influenzano il raggiungimento degli obiettivi dell’attore/i analizzato/i, occorre in primo luogo considerarli separatamente ai fini di operarne una descrizione adeguata, ma centrale è la fase della loro riorganizzazione in uno schema che comprenda in maniera integrata i loro effetti.

27La distinzione tra dimensioni e livelli può quindi aiutare a «mettere ordine» in un concetto importante come il cs, ma, fin da Coleman, vago e aperto a diverse interpretazioni. È però imprescindibile l’analisi in profondità del loro rapporto e, soprattutto, la loro collocazione in uno schema di interazioni micro-macro che meglio descriva il legame esistente tra azioni degli attori e comportamenti osservati a livello di sistema.

2. Dimensioni e livelli nel rapporto micro-macro

28Dimensioni e livelli del capitale sociale rappresentano categorie di analisi che possono rivelarsi utili per meglio delimitare un concetto vasto e per molti versi sfuggente, ma il cui valore aggiunto potrebbe apparire limitato se non fosse possibile descrivere un modello complessivo capace di integrarle.

29Nel descrivere un determinato sistema sociale è possibile distinguere un livello macro – «la struttura del gioco» – da uno micro – «i giocatori». Questi ultimi «includono nella loro essenza determinati princìpi di azione», mentre il gioco «comprende le strutture che rendono effettive tali azioni e le combinano per produrre comportamenti a livello di sistema» (Coleman, 1990, 11). Coleman identifica così uno schema a tre componenti: gli elementi della struttura sociale producono incentivi all’azione individuale (transizione macro-micro); gli attori in base al proprio principio di azione e agli incentivi prodotti dal livello macro decidono quali azioni compiere (livello micro); il combinarsi, secondo modelli variabili, delle azioni degli attori considerati producono infine delle conseguenze sulla struttura sociale di partenza (transizione micro-macro). L’intero schema offre quindi una chiave interpretativa (una «metateoria» nei termini dell’autore) a tre componenti sul funzionamento di un determinato sistema sociale e su come esso sia influenzato dalle azioni degli attori che ne fanno parte (Coleman, 1990, 6-23).

30Il capitale sociale può essere esaminato in quest’ottica nelle sue dimensioni sia individuale sia collettiva. Dal primo punto di vista, esso rappresenta l’insieme di vincoli e risorse (macro) di cui l’attore dovrà tener conto nel scegliere la propria condotta in vista della realizzazione di un fine personale (macro → micro); le scelte compiute (micro → micro) andranno poi a influenzare in maniera più o meno sensibile il cs originario (micro → macro). Anche dal punto di vista della dimensione collettiva lo schema non cambia, l’analisi sarà però centrata non tanto sull’effettivo raggiungimento degli obiettivi dei singoli attori componenti il gruppo, quanto sui loro effetti aggregati rispetto al fine collettivo (esplicito o meno) individuato. In altri termini, il punto di vista adottato è ora macro → macro. L’analisi è però condotta attraverso lo studio degli effetti aggregati di n cicli macro → micro → micro → macro, dove n è il numero di attori componenti il gruppo di riferimento.

  • 12 Naturalmente si tratta qui di un’astrazione teorica, in pratica è estremamente improbabile che i co (...)

31Data la definizione dei punti di vista macro e micro, gran parte del cs in quanto sociale non può che essere collocato nel primo ambito, cioè assumere un carattere essenzialmente sovra-individuale. In effetti, esso fa parte di quelle «regole del gioco» che influenzano, tramite la creazione di opportunità e di vincoli le scelte e le azioni dei giocatori. In questo senso la distinzione tra micro e macro non coincide strettamente con quella tra le dimensioni né tra i livelli del cs, anche se è indubbio che il cs collettivo non può che essere riferito al livello macro. Viceversa, almeno una parte del cs individuale si modifica al variare dell’individuo di riferimento (in altri termini, è «di sua proprietà»): cambia, cioè, con l’attore e dipende dalla sua posizione nel gruppo e dalle sue azioni passate, assumendo così caratteri prevalentemente micro. Parte del cs individuale rimane invece costante al cambiare dell’attore di riferimento, almeno fintanto che si rimane all’interno dello stesso gruppo12, ed è quindi più vicina al punto di vista macro dell’analisi.

Tab. 1 Dimensioni e livelli del capitale sociale nel rapporto micro-macro

cs individuale

cs collettivo

Primo livello

– relazionale
– normativo
– cognitivo

}

micro

– relazionale
– normativo
– cognitivo

}

macro

Secondo livello

– affidabilità ambientale
– istituzioni

}

macro

  • 13 Si potrebbe obiettare che il marito potrebbe usare per i suoi fini il cs della moglie e viceversa, (...)

32Come mostrato in Tab. 1, le categorie relazionale, normativa e cognitiva sono dipendenti dall’individuo di riferimento, mentre l’affidabilità ambientale e le istituzioni variano piuttosto al variare del gruppo e tendono a essere simili per tutti gli attori al suo interno. Le reti costruite da ciascun individuo sono in parte ereditate dalla famiglia di origine e in parte acquisite volontariamente (un investimento cosciente in cs sotto la forma di relazioni) o involontariamente (come sottoprodotto di azioni con fini diversi). Di conseguenza esse varieranno a seconda della «storia» individuale e non coincideranno mai perfettamente nemmeno nei gruppi più ristretti. Ad esempio, marito e moglie sposati da lungo tempo condivideranno verosimilmente i parenti e la maggior parte degli amici, è però probabile che le loro conoscenze passate, i loro colleghi di lavoro e/o, eventualmente, i compagni dei loro hobbies preferiti siano diversi e, quindi, il loro cs relazionale sarà almeno in parte diverso13. Analoghe considerazioni possono essere effettuate per le categorie normativa e cognitiva, mai esattamente coincidenti al variare dell’individuo di riferimento (a meno di negare ogni capacità individuale di valutazione e scelta e considerare gli attori come puri recettori di valori e conoscenze, sociali e uniformemente diffusi).

33Considerazioni diverse possono essere fatte per l’affidabilità ambientale e per le istituzioni che tendono a rimanere invariate all’interno del gruppo in esame, ad es. a essere uguali per tutti gli individui che lo compongono.

  • 14 Vedi sotto.

34Ad esempio, in molti dei sistemi di irrigazione studiati da Tang (1992), nonché nei casi relativi alla Valle d’Aosta esposti nel presente scritto14, è stata riscontrata l’esistenza di una regola (o di un’insieme di regole) che stabilisce prelievi di acqua dal canale comune proporzionali alla superficie dei campi posseduti. Tale regola costituisce cs in quanto permette di organizzare l’azione collettiva favorendo l’adeguatezza dell’acqua ai fabbisogni dei coltivi e innalzando di conseguenza i benefici comuni. Essa si applica a tutti gli agricoltori interessati allo sfruttamento del sistema, incentivando in tal modo in maniera analoga tutti gli attori a utilizzare la giusta quantità di acqua evitando sprechi e prevedendo sanzioni per i trasgressori.

35Nell’esempio proposto da Coleman (1990, 306-307 – originariamente tratto da Geertz, 1962) riguardo le associazioni di credito a rotazione diffuse nel Sud-est asiatico – dove ciascun membro fornisce ogni mese a una cassa comune un piccolo ammontare di denaro che viene, a rotazione, messo a disposizione di uno dei partecipanti per investimenti o acquisti personali – viene mostrato come il meccanismo descritto possa funzionare solo in presenza di elevati livelli di affidabilità ambientale (trustworthiness of the social environement) che permettano a ciascuno degli individui coinvolti di aspettarsi ragionevolmente che, raggiunto il proprio turno, potrà beneficiare del capitale accumulato grazie al contributo di tutti gli atri partecipanti. Dal nostro punto di vista ciò che è rilevante è che l’affidabilità ambientale presente in ciascuna delle associazioni è analoga e agisce in maniera simile su tutti i suoi membri, non variando al variare dell’individuo di riferimento (cfr. Tab. 1).

36Non è sorprendente che la distinzione tra categorie di cs variabili al mutare dell’individuo di riferimento e categorie variabili solo al mutare del gruppo coincida con quella proposta tra i due livelli di cs, in quanto, analogamente a quest’ultima, anch’essa si basa in ultima analisi sul concetto di azione collettiva. Mentre il singolo può decidere di investire in nuove relazioni o scegliere di rompere alcune delle relazioni esistenti, operare per reperire conoscenze e informazioni e, entro limiti più ristretti, cambiare le proprie norme di riferimento (in questo caso in maniera per lo più non cosciente), istituzioni e affidabilità ambientale sono infatti in qualche modo per lui «date». Per cambiare una regola analoga a quella che stabilisce i turni di irrigazione nell’esempio presentato sopra, egli deve coinvolgere gli altri membri del gruppo in un processo di individuazione delle alternative realizzabili e di successiva contrattazione su quale tra esse effettivamente impiegare, in sintesi iniziare un processo di azione collettiva con l’obiettivo di un mutamento istituzionale. Ma proprio il fatto di essere o meno il frutto di un processo di azione collettiva costituisce il nucleo della nostra distinzione tra i due livelli di capitale sociale.

37Per meglio comprendere le relazioni esistenti tra i livelli e le dimensioni del cs riteniamo opportuno presentare una breve schema formalizzato che metta in luce questi aspetti e il loro inserimento all’interno della relazione micro-macro:

38Dato un individuo Ii membro di un gruppo G, il capitale sociale di primo livello da lui posseduto (cs1i) sarà quindi quella parte del capitale sociale di primo livello del gruppo (cs1G) da lui utilizzabile direttamente con riferimento a un obiettivo qualsivoglia. Al variare dell’individuo di riferimento I1, I2,…, In si ha:

cs11 ≠ cs12 ≠… cs1n; dove (cs11; cs12;…; cs1n) ≠ cs1G

dove, come mostrato in precedenza, il cs1 è diverso per ogni I membro di G. Al contrario, in riferimento al capitale sociale di secondo livello:

cs21 = cs22 = … = cs2n = cs2G

39Il capitale sociale totale a disposizione dell’individuo Ii, membro del gruppo G, è quindi:

csi = cs1i + cs2i = cs1i + cs2g

40Il capitale sociale posseduto dal gruppo G (in altre parole, il cs di dimensione collettiva riferito a G) i cui membri sono I1, I2,…, In, è invece:

csG = cs1G + cs2G = (cs11 cs12 cs1n) + cs2G

  • 15 Non dalla loro somma, in quanto con ogni probabilità esiste sovrapposizione almeno parziale tra i c (...)

in quanto il cs1G è dato dall’unione del cs1 di tutti gli individui componenti il gruppo15.

41In altri termini, l’individuo è in grado di utilizzare solo una parte del cs del gruppo di appartenenza, mentre il gruppo ha a disposizione almeno potenzialmente – nella maggior parte dei casi non sarà, di fatto, in grado di mobilitarlo interamente – l’intero cs posseduto dai suoi membri.

42Riferendosi all’incrocio tra dimensioni e livelli riportato in Tab. 1, l’unico cs che è possibile considerare realmente micro, nel senso non è mai del tutto coincidente al variare dell’individuo di riferimento, si pone al primo livello e con dimensione individuale (quadrante in alto a sinistra nella tavola). Tutti gli altri quadranti includono categorie di cs che incentivano in maniera analoga le azioni di tutti i membri del gruppo di riferimento e, in questo senso, costituiscono il punto di vista macro dell’analisi. Da notare che, poiché cs2G = cs1i dove 1in, quando si analizza il cs2 cade la distinzione tra dimensione individuale e collettiva, come mostrato dalla tavola 2 dove sono stati raggruppati i due quadranti corrispondenti al secondo livello. Il punto di vista macro include quindi il capitale sociale di secondo livello e la dimensione collettiva di quello di primo livello; il punto di vista micro comprende invece il solo capitale sociale di primo livello con dimensione individuale.

3. Forme di capitale sociale e loro relazioni nel rapporto micro-macro

43Il termine «capitale sociale» si riferisce ad un concetto pluridimensionale che per essere utilizzato nella ricerca necessita di essere disaggregato. Occorre studiare le forme che esso assume nelle specifiche situazioni e capire come siano connesse tra di loro e con altri tipi di capitali. Procedendo in questa direzione nel paragrafo precedente abbiamo introdotto le categorie. Ciascuna di esse può comprendere al suo interno alcune forme di capitale sociale. In questa parte del lavoro ci soffermeremo sulle singole forme di cs analizzandone la relazione micro-macro.

  • 16 Si tratta di una definizione che lascia spazio all’ambiguità e che ha suscitato diverse perplessità (...)

44Coleman (1990) stesso distingue diverse forme di capitale sociale riferendosi a elementi differenti della struttura sociale – come le reti, le norme, le obbligazioni – che possono servire a raggiungere un determinato fine in una determinata situazione e non in un’altra. Il suo elenco non pretende di essere esaustivo, in quanto «qualsiasi elemento della struttura sociale» (Coleman, 1990) può essere una forma di capitale sociale a seconda dell’obiettivo che si vuole raggiungere16. Egli esamina: «le caratteristiche delle relazioni sociali che possono costituire risorse di capitale utili per gli individui» (Coleman, 1990, 306). Tra le forme di capitale sociale distinte dall’autore vi sono le obbligazioni ed aspettative, le norme e sanzioni efficaci, i canali informativi e le relazioni di autorità. Un’importante distinzione di Coleman è quella tra le organizzazioni sociali appropriabili e le organizzazioni intenzionali: la prima si riferisce ad organizzazioni nate per un fine che possono essere utilizzate per altri obbiettivi ed in questo senso costituiscono un capitale sociale disponibile per l’uso; nel secondo caso si tratta di capitale sociale frutto di investimenti intenzionali.

45Riconducendo le forme alle categorie proposte nel primo paragrafo è possibile osservare che le norme e sanzioni efficaci rientra nella categoria istituzionale; il potenziale informativo in quella cognitiva, le obbligazioni ed aspettative, le relazioni di autorità, le organizzazioni sociali appropriabili e le organizzazioni intenzionali fanno parte della categoria relazionale, in quanto si riferiscono a particolari tipi di relazioni sociali. Occorre precisare che organizzazioni sociali appropriabili e organizzazioni intenzionali fanno riferimento a relazioni sociali più strutturate delle precedenti forme ed in qualche modo si avvicinano alla categoria istituzionale.

46La connessione macro-micro-micro-macro del modello di Coleman può essere applicata alle singole forme di capitale sociale e ci permette di fare un ulteriore passo in avanti nel collegare i due livelli del capitale sociale. Una delle forme principali di capitale sociale è «obbligazioni ed aspettative». Essa deriva dalle relazioni fiduciarie che un individuo possiede. «Se A fa qualcosa per B e si fida che B ricambierà in futuro, questo fatto stabilisce un’aspettativa per A e un’obbligazione da parte di B a non tradire la fiducia data da A» (Coleman, 1990, 306). Questa obbligazione può essere concepita come una credit slip posseduta da A, che deve essere riscattata da qualche performance di B.

47Coleman precisa, inoltre che: «Due elementi sono critici in questa forma di capitale sociale: il livello di affidabilità dell’ambiente sociale, che significa che le obbligazioni saranno rispettate e l’attuale estensione delle obbligazioni sospese» (Coleman, 1990, 306). La struttura sociale differisce in entrambe queste dimensioni, e gli attori dentro una particolare struttura differiscono nella seconda. Sviluppare questo punto, lasciato in sospeso dall’autore, permette di fare importanti considerazioni sui due livelli del capitale sociale. Infatti, ogni struttura sociale presenta un certo livello di affidabilità ed un certa estensione di obbligazioni in sospeso, che è l’insieme delle obbligazioni in sospeso di ogni individuo che fa parte di quella struttura, mentre attori dentro la medesima struttura agiscono in presenza dello stesso livello di affidabilità, ma possiedono ognuno un’estensione diversa di obbligazioni in sospeso.

  • 17 Per la distinzione tra fiducia e confidare si veda Gambetta (1989), in particolare saggi di Luhmann (...)

48Il fatto che in una determinata comunità vi sia un alto livello di affidabilità presente sul territorio, o meglio essere inseriti in una comunità basata su un fondato confidare reciproco (confidare comporta un’evidenza e un’aspettativa di regolarità maggiore di fidarsi)17, cioè su un’elevata affidabilità ambientale, implica che il rischio che le obbligazioni non saranno restituite è molto basso. La possibilità di confidare è, quindi, un capitale sociale a disposizione delle persone inserite in quella struttura sociale. Si tratta, in particolare, di capitale sociale di secondo livello (cs2). Il fidarsi è, invece, una azione intrapresa dall’attore, che costituisce per lui capitale sociale (cs1) in quanto, ad esempio, riduce drasticamente i costi di transazione ed i costi di monitoraggio.

49Di conseguenza diversi attori inseriti nella medesima struttura sociale, e quindi in presenza del medesimo livello di «confidare», possono decidere di costruirsi e possono possedere un diverso numero di crediti di obbligazioni.

50Alla luce del concetto di capitale sociale diventa razionale per un attore creare obbligazioni e relazioni fiduciarie. Coleman precisa che anche un attore razionale ha interesse nel creare intenzionalmente delle obbligazioni, poiché ritiene che i benefici (futuri) attesi dalle sue obbligazioni in sospeso (reciprocazione dell’obbligazione) siano maggiori dei costi (presenti) di costruzione dell’obbligazione. Anzi in determinati casi può essere razionale rifiutarsi di accettare un favore, in modo da non avere un’obbligazione da restituire (Coleman, 1990).

51La relazione tra il capitale sociale collettivo e individuale è duplice. Da una parte il livello di affidabilità ambientale, il confidare di quella società, permette il funzionamento del meccanismo di reciprocità generalizzata e rende conveniente per i singoli investire in credit slips, influendo sul numero di obbligazioni che ogni individuo si costruisce. Esso, infatti, definisce l’aspettativa collettiva che le obbligazioni saranno restituite. A sua volta, però, il numero complessivo delle obbligazioni dei singoli, appartenenti ad una data struttura sociale, incide sull’aspettativa che le obbligazioni vengano riparate.

52La relazione macro-micro-micro-macro del capitale sociale nella forma obbligazioni ed aspettative viene rappresentata graficamente in Fig. 2.

Fig. 2 Dimensioni e livelli del capitale sociale nella forma obbligazioni e aspettative

Fig. 2 Dimensioni e livelli del capitale sociale nella forma obbligazioni e aspettative
  1. Il primo passaggio (macro → micro) mostra che il livello di affidabilità ambientale (cs2), composto dalla probabilità oggettiva che le obbligazioni vengano restituite e dal numero totale delle obbligazioni in sospeso di una data struttura sociale, influenza la credenza individuale degli individui inseriti in quella struttura sulla probabilità che l’obbligazione venga reciprocata.

  2. Tale credenza condiziona, nel secondo passaggio (micro → micro), il calcolo individuale costo benefici. La costruzione dell’obbligazione dipende dal fatto che l’individuo ritenga che i benefici attesi siano maggiori dei costi attuali. Il valore del beneficio atteso dipende dalla probabilità che l’obbligazione venga reciprocata. Quindi, se tale probabilità aumenta, i benefici attesi aumentano e con essi aumenta l’estensione delle obbligazioni che l’individuo decide di costruirsi (cs1). Ogni individuo dentro la stessa struttura deciderà di costruirsi un differente numero di obbligazioni in relazione a quella ritiene che ne sia l’utilità.

  3. Il livello di estensione di obbligazioni che ogni singolo decide di costruirsi influenza, a sua volta, la dimensione collettiva: sia la probabilità oggettiva di reciprocazione, sia l’estensione totale delle obbligazioni in sospeso (cs2).

53In Fig. 2 si nota come sia possibile che si creino circoli virtuosi o viziosi. Da una parte l’individuo può sfruttare per i propri fini parte del capitale sociale collettivo, per esempio la propensione alla reciprocazione, e dall’altra il suo investimento in capitale sociale individuale crea delle esternalità e produce del capitale sociale collettivo che ha carattere di bene pubblico; infatti, il circolo virtuoso che ogni singolo contribuisce ad alimentare crea capitale relazionale di cui si possono appropriare anche gli altri.

54Tale meccanismo mostra anche, però, che individui che si trovano in presenza di un basso livello di affidabilità ambientale saranno scoraggiati a costruirsi obbligazioni, poiché esse rischiano di non essere reciprocate. Se più individui si accordassero potrebbero però modificare il livello di affidabilità ambientale. In pratica, il singolo può incidere sulla dimensione collettiva del capitale sociale, ma ciò pone dei problemi di azione collettiva. Esiste probabilmente una soglia critica oltre la quale i circoli viziosi si possono trasformare in virtuosi (e viceversa).

55Ragionare su questa forma di capitale sociale mostra, inoltre, che un individuo può essere inserito, anche senza volerlo, in un sistema di reciproche obbligazioni che non gli permette di agire come vorrebbe. In una comunità ad alta affidabilità ambientale il singolo potrebbe essere quasi obbligato ad accettare dei favori e, quindi, a trovarsi in debito con obbligazioni da restituire, che lo spingono ad agire in modo non necessariamente congruente con le proprie preferenze.

4. Capitale sociale e utilizzazione individuale: il mercato del lavoro atipico

56Un esempio di utilizzo di capitale sociale nella sua forma «obbligazioni ed aspettative» può essere fatto riguardo ai lavoratori atipici semiautonomi, i Collaboratori Coordinati e Continuativi. Per essi si pone spesso il problema della discontinuità lavorativa. Questi, infatti, rispetto ai liberi professionisti, spesso possiedono un minor grado di specializzazione professionale ed una minore estensione del proprio network di clientela e di relazioni (Reyneri, 1998). Tali caratteristiche li espongono ai cicli economici negativi del mercato. La ricerca (Ires Lombardia, 1999; Luciano, 1989; Bertolini, 2001) mostra, però, che se i lavoratori semiautonomi sono riusciti a costruire una comunità professionale informale riescono a superare il problema del rischio lavorativo. Infatti, in tali comunità si sviluppa un meccanismo di scambio di commesse che permette di regolarizzare il flusso del lavoro.

57Il lavoratore invece di rinunciare ad una commessa che in quel momento non ha tempo di svolgere, la propone ad un collega. Sicuramente agendo in questo modo egli cerca di garantirsi la continuità del contatto con quel datore di lavoro, che potrà eventualmente procurargli altre commesse in futuro. Allo stesso tempo, però, e questo è l’aspetto interessante rispetto al capitale sociale, il lavoratore, passando un lavoro al suo collega, invece che rinunciarvi, si costruisce una credit slip verso quest’ultimo. Egli si fida del fatto che in un momento di carenza di lavoro il suo collega gli passi un’altra commessa, cioè gli restituisca il suo credito.

58Tale comportamento può, però, essere rischioso per due motivi:

  1. il collega è un potenziale concorrente e potrebbe mostrarsi più bravo di lui assicurandosi le commesse future di quel datore di lavoro;

  2. il collega potrebbe in futuro non reciprocargli la credit slip, cioè non passargli una commessa nel momento di poca intensità lavorativa.

  • 18 Quest’ultimo passaggio avviene indipendentemente dalla reciprocazione dell’obbligazione. La fiducia (...)

59Nella decisione del lavoratore di costruirsi o meno l’obbligazione inciderà allora il livello di affidabilità ambientale nel quale egli agisce. Se egli è inserito in una comunità professionale informale con un’elevata affidabilità ambientale è più probabile che si fidi del collega-concorrente e decida di costruirsi la credit slip, cioè di passargli la commessa. In questo modo, egli non solo aumenta il suo numero di obbligazioni, ma va anche ad incidere positivamente sul livello di affidabilità ambientale, che come sappiamo, è composto dalla probabilità oggettiva che le obbligazioni vengano restituite e dall’estensione complessiva delle obbligazioni in sospeso18. L’aumento del confidare spingerà altri lavoratori a comportarsi nello stesso modo, ad investire cioè in credit slips.

60In condizioni di elevata affidabilità ambientale è anche più probabile che l’obbligazione venga reciprocata, alimentando il circolo virtuoso. Saranno, inoltre, avvantaggiati i soggetti che hanno investito di più in capitale sociale, perché avranno a disposizione un maggior numero di credit slips su cui contare.

61Il risultato sarà una diminuzione del rischio di discontinuità lavorativa per il lavoratore ed il collega e indirettamente, grazie all’aumento dell’affidabilità ambientale, anche per la comunità.

62In presenza di un basso livello di affidabilità ambientale iniziale, invece, il lavoratore sarà scoraggiato ad investire in credit slips. Se, infatti, decidesse di passare la commessa ad un suo collega inciderebbe positivamente sul livello di affidabilità ambientale, ma rischierebbe la mancata reciprocazione dell’obbligazione da parte del collega. È quindi più probabile che egli valuti non conveniente l’investimento e rinunci alla commessa. Il risultato di tale comportamento non sarà solo una perdita di credit slips individuali, ma anche una diminuzione del livello di affidabilità ambientale. Di conseguenza aumenterà anche il rischio di discontinuità lavorativa.

63Occorre notare che se più individui si accordassero ad investire in credit slips potrebbero modificare il livello di affidabilità ambientale, ma ciò pone dei problemi di azione collettiva.

64Da questi esempi possiamo dedurre che il rischio di discontinuità lavorativa tra i collaboratori varia in funzione di:

  • il livello di affidabilità ambientale, capitale sociale di secondo livello (cs2);

  • il numero di obbligazioni che il singolo possiede e che può utilizzare, capitale sociale di primo livello (cs1).

65Il cs1 ed il cs2, come abbiamo mostrato, interagiscono tra di loro. La decisione o meno del singolo di investire in credit slips influisce direttamente sul proprio cs1, in questo caso relazionale, e indirettamente sul cs2, il livello di affidabilità ambientale della comunità professionale, attraverso l’aggregazione degli effetti delle decisioni di tutti gli attori che si muovono nel medesimo sistema. A sua volta il livello di affidabilità ambientale influirà sulle decisioni future dell’attore, creando così un circolo di volta in volta virtuoso o vizioso dove, come mostrato dalla figura 1, cs1 e cs2 interagiscono tra loro e vanno ad incidere sul risultato finale, nella situazione specifica, sul rischio di discontinuità lavorativa.

66Diversi altri vantaggi derivano dalla creazione di una comunità professionale, in quanto una volta che la comunità esiste può essere utilizzata dai collaboratori per altre finalità: scambio di informazioni, di materiale, ecc. In pratica, una volta che essa esiste, funziona come un’organizzazione sociale appropriabile. L’interrogativo da porsi è quali siano i fattori che rendono più probabile una sua creazione. La ricerca (Ires Lombardia, 1999; Luciano, 1989) mostra che una variabile che incide sulla loro formazione o meno è il livello di professionalità dei collaboratori. La realtà del contratto di collaborazione, infatti, raggruppa soggetti con alte e basse professionalità. Spesso le comunità si formano tra soggetti con alta professionalità. In questi casi è, infatti, più facile che le aspettative di collaborazione tra i lavoratori siano maggiori, in quanto nel concetto stesso di professionalità è inclusa un’idea di reputazione da salvaguardare. Essa è una manifestazione di cs collettivo, intesa come bene di club. Per le sue caratteristiche trattiene i Collaboratori dai comportamenti di tipo opportunistico e permette la formazione di aspettative positive verso i colleghi.

5. Capitale sociale e dimensione collettiva: la gestione di risorse comuni

  • 19 Lo studio dei sistemi di irrigazione e dei problemi di azione collettiva derivanti dalla loro utili (...)

67Un secondo esempio, tratto da una ricerca compiuta recentemente su alcuni consorzi per l’irrigazione in Valle d’Aosta19 (Bravo, 2000, 57-110), può aiutare a meglio comprendere la distinzione tra i due livelli di cs e le relazioni intercorrenti tra essi in riferimento alla sua dimensione collettiva.

68I tratti climatici e geografici della valle e, in particolare, il regime pluviale caratterizzato da precipitazioni quasi totalmente assenti durante i mesi estivi, specie nelle sue aree centrali, hanno spinto i suoi abitanti almeno fin dal medioevo a costruire estesi sistemi di canali per l’irrigazione che, prelevando l’acqua dalle fonti quasi inesauribili situate in prossimità dei ghiacciai, la trasportano anche per chilometri fino ai pascoli e ai campi coltivati (Frangiacomo, 1997, 63-65; Reggio, 1965). Attraverso i secoli, gli antichi canali sono stati continuamente mantenuti e – spesso – ampliati dai loro proprietari, mentre di nuovi venivano costruiti per soddisfare le necessità della crescente popolazione e per l’intensificazione delle pratiche agricole. Nonostante l’evoluzione avvenuta nelle tecniche di sfruttamento e nel contesto economico, sociale e giuridico circostante, i singoli impianti sono di norma ancora oggi gestiti da proprietari consorziati o da vere e proprie consorterie tradizionali. Adattando i modelli di gestione ereditati dal passato, nel secolo xx sono nati e sono stati riconosciuti legalmente i consorzi di irrigazione e/o di miglioramento fondiario, che assicurano il funzionamento e la manutenzione degli impianti esistenti – vecchi a volte di secoli – o, eventualmente, provvedono alla costruzione di nuovi, più adatti alle mutate necessità.

  • 20 Con il termine mantenimento traduco l’espressione provision, che riguarda le azioni che gli utilizz (...)

69Dal punto di vista degli utilizzatori, un impianto in grado di portare l’acqua necessaria da una fonte più o meno lontana ai campi coltivati o destinati al pascolo rappresenta un bene essenziale, in primo luogo per la crescita delle colture e l’abbeveraggio del bestiame. Il sistema è composto da due tipi distinti di risorse: i canali e l’acqua che fluisce in essi. I primi sono una costruzione artificiale dai forti caratteri di bene pubblico: una volta funzionanti e adeguatamente mantenuti essi sono in grado di trasportare tutta l’acqua disponibile senza costi diretti per gli utenti e le loro dimensioni e caratteristiche fisiche possono, a volte, rendere difficoltosa l’esclusione degli utilizzatori che non contribuiscono alla manutenzione. Di conseguenza, i maggiori problemi di gestione riguardano soprattutto i costi legati alla loro costruzione e alla successiva manutenzione. L’acqua, invece, costituisce una risorsa naturale e sottraibile, che, in caso di scarsità, pone soprattutto problemi di allocazione, cioè di divisione e di distribuzione del bene tra i suoi utilizzatori. L’azione collettiva deve quindi ovviare a questioni di mantenimento per quanto riguarda l’infrastruttura materiale e di sfruttamento rispetto all’uso sostenibile dell’acqua20.

70L’analisi delle variabili (sia quantitative che qualitative) incluse nel concetto di cs1 ha messo in luce due elementi principali: 1) i legami e le relazioni esistenti tra i membri del consorzio, sia sul lavoro sia nella più generale dimensione delle attività di tutti i giorni; 2) la presenza di valori comuni e la condivisione di significati e di conoscenze rispetto ai diversi aspetti della vita e del lavoro quotidiano.

71Il cs2 è stato invece considerato relativamente alla presenza e alla struttura delle istituzioni endogene, formali e informali, deputate alla gestione dei sistemi di irrigazione.

72Le «prestazioni» dei consorzi sono state invece misurate qualitativamente attraverso interviste con i coltivatori seguendo lo schema proposto da Tang (1992, 49-80) che include tre distinti parametri: 1) l’adeguatezza dei livelli di fornitura dell’acqua in uscita dal sistema per la crescita delle coltivazioni esistenti, 2) il grado di rispetto delle regole operative adottate all’interno del sistema e 3) l’effettuazione regolare dei lavori di manutenzione ed, eventualmente, di implementazione della risorsa in esame.

73Considerati singolarmente, il cs1 e il cs2 – a differenza di altri fattori, soprattutto di carattere fisico quale la disponibilità di acqua alla sorgente – non hanno portano a una spiegazione forte della varianza delle prestazioni registrate. Studiando l’interazione tra i due livelli del cs è stato invece possibile raggiungere una comprensione migliore del funzionamento dei sistemi, grazie anche alla chiave di analisi costituita dall’azione delle regole informali di comportamento. La presenza di livelli più elevati di cs1 sembra influire direttamente sul rispetto delle regole di gestione incluse nel cs2, a prescindere dai livelli di monitoraggio e sanzionamento formale registrati. Si evidenzia altresì una correlazione negativa tra energie spese nel monitoraggio dei trasgressori e rispetto delle norme, a suggerire una situazione in cui il funzionamento del sistema è migliore quando le sanzioni sono più sul piano sociale che su quello monetario e il monitoraggio è effettuato reciprocamente tra tutti i partecipanti.

74In sintesi, ciò che è stato osservato è che le istituzioni, formali e informali, componenti il cs2 riescono a funzionare al meglio soprattutto in presenza di un adeguato cs1. A loro volta esse contribuiscono al suo mantenimento nel tempo, svolgendo altresì un ruolo decisivo nel regolare l’azione collettiva all’interno dei consorzi e nell’innalzare le prestazioni generali del sistema, seguendo uno schema circolare non dissimile da quello presentato in Fig. 1. Nel migliore dei casi, l’effetto congiunto cs1+cs2+prestazioni del sistema possa costituire un insieme in grado di mantenersi nel tempo e, in qualche caso, di adattarsi ai cambiamenti dell’ambiente esterno (la trasformazione da un’economia essenzialmente agricola a una centrata su industria e terziario) riducendo gli effetti negativi legati soprattutto all’emigrazione e all’abbandono del territorio.

Conclusioni

75La tentazione è spesso quella di abbandonare questo concetto per utilizzare strumenti interpretativi più classici, come le reti, le norme, la fiducia. E la domanda più comune è «ma cosa aggiunge di nuovo questo concetto?». In effetti l’idea di capitale sociale era già presente in molti lavori di sociologia, e come sostiene Trigilia (1999) ha origini che risalgono ai classici di questa disciplina. Già Weber considerava le conseguenze di una comunità non economica, come quella religiosa, sull’agire economico: «L’appartenenza alla setta […] garantiva l’onorabilità e la fiducia negli affari e questa a sua volta determinava il successo (economico)» (Weber, 1923, 366).

76Coleman stesso sa che il concetto non è completamente innovativo e fa esplicitamente riferimento ad autori come Granovetter, Lin, Flap e De Graaf, che hanno mostrato come i legami personali possano essere sfruttati per ottenere diversi obiettivi (trovare lavoro, aumentare la propria mobilità occupazionale…) dicendo che l’idea di capitale sociale si inserisce in questo filone di pensiero. Il suo carattere sociale si riferisce all’azione combinata di più attori, ad entità della struttura sociale come le norme, le relazioni sociali, i reticoli ecc. Tali elementi possono costituire un vincolo per l’attore, in quanto meccanismi di regolazione che per esempio distribuiscono l’informazione, ma al tempo stesso possono essere considerate come risorse a disposizione dell’attore (Granovetter 1973, Follis, 1998, Mutti, 1998). Il capitale sociale ha a che vedere con questa prospettiva: i legami sociali e più in generale qualsiasi entità della struttura sociale sono potenziale capitale nel momento il cui facilitano determinate azioni degli individui che fanno parte della struttura sociale.

77Riteniamo, tuttavia, che tale concetto presenti dei vantaggi per i quali vale la pena di essere considerato. Essi derivano essenzialmente dal fatto che il concetto di capitale sociale «mette un’etichetta» agli elementi sociali, che permettono il raggiungimento di obbiettivi altrimenti non facilmente conseguibili, rendendo più maneggevole un’idea che implicitamente era già presente in sociologia. Coleman identifica, infatti, il capitale sociale in base alle sue funzioni: come il concetto di «sedia», egli dice, è definito in base alla funzione che svolge, ma può assumere caratteristiche molto differenti, così quello di capitale sociale può essere riferito a qualsiasi elemento della struttura sociale, se si dimostra produttivo per uno o più attori. Se è vero, prosegue l’autore, che con altre finalità si può volere investigare le caratteristiche di queste risorse organizzative, il concetto di capitale sociale permette di individuarle e di mostrare in che modo esse possono essere combinate con risorse di tipo diverso per produrre differenti rendimenti a livello di sistema o, in altri casi, differenti risultati individuali (Coleman, 1999, 305).

78Due altre caratteristiche del concetto costituiscono i suoi punti di forza. Prima di tutto il fatto che essendo definito in base alle funzioni che svolge, permette di considerare la transizione micro-macro, senza elaborare i dettagli della struttura sociale attraverso i quali essa avviene (Coleman, 1990, 305).

79Il secondo aspetto interessante del capitale sociale deriva dal fatto che in larga misura esso presenta caratteristiche di bene pubblico. Coleman non ha approfondito più di tanto la relazione tra la parte privata e quella pubblica del capitale sociale. Si tratta di una relazione complessa poiché non coincide completamente con la distinzione tra dimensione micro e macro. Ogni attore individuale investendo in capitale sociale o sfruttando il capitale sociale esistente crea delle esternalità e produce un bene pubblico. Lo abbiamo visto in relazione alla forma delle credit slips. In questo senso il concetto può essere utile allo studio dei problemi di produzione e conservazione di beni pubblici o di risorse comuni e, in generale, di qualsiasi situazione in cui si pongano dilemmi di azione collettiva e di sviluppo della cooperazione.

80L’ostilità verso il concetto di capitale sociale deriva, in realtà, dal modo in cui esso è stato utilizzato finora. Alcuni studiosi non hanno, infatti, resistito ad utilizzarlo come un «gancio al quale appendere tutti quegli aspetti informali [delle relazioni sociali] che ci interessano, per i quali ci preoccupiamo, e che consideriamo positivi» (Dasgupta, Serageldin, 1999, x). Il problema è che, non essendo stata precisata sufficientemente, l’idea del cs non spiega e non aggiunge niente di nuovo. Occorre, invece, pensare al capitale sociale come ad un concetto aggregato, all’interno del quale bisogna distinguere i vari elementi che lo compongono, e che spesso si situano a diversi livelli analitici, per studiare come essi sono connessi tra di loro. Il nostro lavoro si è un tentativo di utilizzarlo in questa direzione. Abbiamo distinto tra dimensione individuale e collettiva del capitale sociale e tra le diverse categorie del capitale sociale. Successivamente abbiamo messo in relazione tra loro questi elementi e li abbiamo ricomposti nel rapporto micro-macro. Questa operazione ha individuato l’esistenza del capitale sociale di primo (cs1) e secondo livello (cs2).

81All’interno delle categorie abbiamo distinto le forme di capitale sociale e visto come funzionano nel rapporto micro-macro, in quanto elementi del cs1 e del cs2.

82Abbiamo mostrato, inoltre, che si tratta di un concetto sintetico, che si pone ad un livello analitico abbastanza generale da poter essere applicato a vari problemi, in ambiti diversi tra loro (mercato del lavoro, risorse comuni, beni pubblici, sviluppo locale, ecc.) e che permette comparazioni tra studi in settori differenti. Per esempio, in base al concetto di capitale sociale strutture organizzative diverse, con origini e caratteristiche differenti, possono essere raggruppate nella stessa categoria se svolgono la funzione di permettere agli individui di raggiungere la stessa finalità, in contesti diversi. Coleman fa l’esempio dei circoli di studio clandestini degli studenti radicali della Corea del Sud, che sono serviti anche per scopi rivoluzionari, così come i comitati d’azione liceale degli studenti francesi che sono successivamente stati utilizzati per la rivolta studentesca. I nostri due esempi mostrano come il concetto di capitale sociale così scomposto possa essere applicato a specifici casi studio, anche molto diversi tra loro: il mercato del lavoro, con un suo utilizzo individuale, quello delle risorse comuni, dove fondamentale è il capitale sociale collettivo. In entrambi i casi cs1 e cs2 interagiscono tra di loro e con l’output della situazione determinando il risultato.

Torna su

Bibliografia

Bagnasco A. (1999), Tracce di Comunità, Bologna, Il Mulino.

Barbieri P. (1998), Regolazione istituzionale e redistribuzione dello stigma, «Rassegna italiana di sociologia», anno xxxix, n. 2.

Bertolini S. (2001), Forme di lavoro atipiche e meccanismi di regolazione sociale: il mercato delle Collaborazioni Coordinate e Continuative, Università degli Studi di Brescia, Tesi di Dottorato di Ricerca, Marzo.

Bianco M. L., Eve M. (1999), I due volti del capitale sociale. Il capitale sociale individuale nello studio delle disuguaglianze, «Sociologia del lavoro», n. 73.

Boudon R. (1999), De la rationalité instrumentale à la rationalité axiologique, in Le sens des valeurs, Paris, Presses Universitaires de France.

Bourdieu P. (1980), Social Capital, Notes Provisoires, «Actes de la recherche en sciences sociales», n. 31, gennaio.

Bravo G. (2000), Risorse comuni in ambiente alpino. Successi e fallimenti nella risoluzione di problemi di azione collettiva nello sfruttamento di risorse naturali in Valle d’Aosta, Università degli Studi di Brescia, Tesi di Dottorato di Ricerca, febbraio.

Coleman J. S. (1986), Social Theory, Social Research, and a Theory of Action, «American Journal of Sociology», vol. 91, n. 6, May.

Coleman J. S. (1987), Norms as Social Capital, in Radnetzky G., Beentolz P., Economic Imperialism. The Economic Approach applied outside the Field of Economics, New York, Paragon House.

Coleman J. S. (1990), Foundations of Social Theory, Cambridge, ma., Harvard University Press.

Coleman J. S. (1994), A Rational Choice Perspective on Economic Sociology, in Smelser N. J., Swedberg R. (a cura di), The Handbook of Economic Sociology, Princeton, Princeton University Press.

Cosmides L., Tooby J. (1992), Cognitive Adaptation for Social Exchange, in Leda C., Tooby J., Barkow J. H. (a cura di), The Adapted Mind, New York, Oxford University Press.

Crawford S. E. S., Ostrom E. (1995), A Grammar of Institutions, «American Political Science Review», vol. 89, n. 3, September.

Dasgupta P., Serageldin I. (a cura di) (1999), Social Capital. A Multifaceted Perspective, Washington, dc, The World Bank.

Dasgupta P. (1999), Economic Progress and the Idea of Social Capital, in Dasgupta P., Serageldin I. (a cura di), Social Capital. A Multifaceted Perspective, Washington, dc, The World Bank.

Dawes R. M. (1973), The Commons Dilemma Game: An N-Persons Mixed-Motive Game with a Dominating Strategy for Defection, «ori Research Bulletin», n. 13.

Flap H., De Graaf N. (1986), Social capital and attained occupational status, «The Netherlands’ Journal of Sociology», vol. 22.

Flap H. (1999), Creation and Returns of Social Capital. A New Research Program, «The Tocqueville Review», vol. xx, n. 1.

Follis M. (1998), Perché contano i contatti personali nel mercato del lavoro?, Introduzione a Granovetter M., La forza dei legami deboli, Napoli, Liguori.

Frangiacomo G. (a cura di) (1997), La Valle d’Aosta paese per paese, Firenze, Bonechi.

Gambetta D. (a cura di) (1989), Le strategie della fiducia, Torino, Einaudi.

Granovetter M. (1973), The Strength of Weak Ties, «American Journal of Sociology», vol. 78.

Geertz, C. (1962), The rotating credit associations: a «middle rung» in development, «Economic Development and Cultural Change», vol. 10.

Hardin G. (1968), The Tragedy of the Commons, «Science», vol. 162.

Ires Lombardia (a cura di Semenza R.) (1999), Nuove forme di lavoro autonomo. Il caso delle collaborazioni editoriali a Milano, Rapporto di ricerca.

Krishna A. (1999), Creating and Harnessing Social Capital, in Dasgupta P., Serageldin I. (a cura di), Social Capital. A Multifaceted Perspective, Washington, dc, The World Bank.

Lam W. F. (1998), Governing Irrigation Systems in Nepal. Institutions, Infrastructures, and Collective Action, Oakland (ca), ics Press.

Loury G. (1977), A dynamic theory of racial income differences, in Wallace P. A., Le Mund A. (a cura di), Women minorities, and employment discrimination, Lexington, ma, Lexington Books.

Loury G. (1987), Why should we care about group inequality?, «Social Philosophy and Policy», n. 5.

Luciano A. (1989), Arti Maggiori, Roma, Nuova Italia Scientifica.

Mutti A. (1998), Capitale sociale e sviluppo. La fiducia come risorsa, Bologna, Il Mulino.

North D. C. (1990), Institutions and Their Consequences for Economic Performance, in K. Cook e M. Levi (a cura di), The Limits of Rationality, Chicago, University of Chicago Press.

Olson M. (1983), La logica dell’azione collettiva. I beni pubblici e la teoria dei gruppi, Milano, Feltrinelli.

Ostrom E. (1990), Governing the Commons. The Evolution of Institutions for Collective Action, Cambridge, Cambridge University Press.

Ostrom E., Gardner R., Walker J. (1994), Rules, Games, & Common-Pool Resources, Ann Arbor, The University of Michigan Press.

Ostrom E. (1995), Constituting Social Capital and Collective Action, in Keohane R. O., Ostrom E., Local Commons and Global Interdependence. Heterogeneity and Cooperation in Two Domains, London-Thousand Oaks-New Delhi, Sage.

Ostrom E. (1998), A Behavioral Approach to the Rational Choice Theory of Collective Action, «American Political Science Review», vol. 92, n. 1, March.

Ostrom V. (1980), Artisanship and Artifact, «Public Administration Review», n. 40, July-August.

Parri L. (1997), I giochi della cooperazione tra piccoli imprenditori: i consorzi di vendita come istituzioni, «Quaderni di sociologia», vol. xli, n. 13.

Portes A. (1998), Social Capital: Its Origins and Applications in Modern Sociology, «Annual Review of Sociology», vol. 24.

Putnam R. D. (1995a), Bowling Alone: America’s Declining Social Capital, «Journal of Democracy», vol. 6, n. 1, January.

Putnam R. D. (1995b), Tuning In Tuning Out: The Strange Disappearance of Social Capital in America, «Political Science & Politics», vol. 28, n. 4, December.

Reggio L. (1965), La pratique de l’irrigation en Vallée d’Aoste, «Le Flambeau», n. 3.

Reyneri E. (1998), Le nuove forme di lavoro tra rischi di precarietà e bisogni di autonomia: note introduttive alla situazione italiana, «Sociologia del lavoro», n. 69.

Serageldin I., Grootaert C. (1999), Defining Social Capital: An Integrating View, in Dasgupta P., Serageldin I. (a cura di), Social Capital. A Multifaceted Perspective, Washington, dc, The World Bank.

Snijders T. A. B. (1999), Prologue to the Measurement of Social Capital, «The Tocqueville Review», vol. xx, n. 1.

Solow R. M. (1999), Notes on social capital and economic performance, in Dasgupta P., Serageldin I. (a cura di), Social Capital. A Multifaceted Perspective, Washington, dc, The World Bank.

Tang S. Y. (1992), Institutions and Collective Action. Self-Governance in Irrigation, San Francisco, ics Press.

Taylor M., Singleton S. (1993), The Communal Resource: Transaction Costs and the Solution of Collective Action Problems, «Politics and Society», vol. 21, n. 2, June.

Trigilia C. (1999), Capitale sociale e sviluppo locale, «Stato e Mercato», n. 3.

Uphoff N. (1999), Understanding Social Capital: Learning from the Analysis and Experience of Participation, in Dasgupta P., Serageldin I. (a cura di), Social Capital. A Multifaceted Perspective, Washington, dc, The World Bank.

Torna su

Note

1 Occorre notare che il punto di vista è qui posto sugli utilizzatori più che sugli elementi che compongono il cs. Nel caso di cs individuale l’utilizzatore è singolo, ma il cs, in quanto risorsa «incorporata nelle relazioni tra persone» (Coleman, 1990, 304) comprende comunque, per definizione, un numero di persone >1. Una seconda osservazione riguarda il concetto di attore che può includere, senza modifiche per l’analisi, anche attori collettivi considerati quali unità di studio.

2 Si utilizzano le stesse espressioni, capitale sociale «individuale» e «collettivo» già presenti in Bianco e Eve (1999). I due autori si riferiscono però a esse come ai livelli di cs, termine che in questa sede viene utilizzato per operare una diversa classificazione dei caratteri del cs. La distinzione tra cs individuale e collettivo è qui caratterizzata come dimensione.

3 Con «output decisionale» definisco il risultato di un processo, di qualsiasi genere, che porti esplicitamente il gruppo a compiere una scelta, prendere una posizione, fissare un obiettivo, ecc.

4 Cfr. Flap (1999) e Snijders (1999).

5 La costruzione del valore percepito di una determinata azione tramite il confronto tra valori oggettivi e costi o benefici prodotti dall’azione di norme e di regole è stata formalizzata tramite l’uso di complessi «parametri delta» che vengono di volta in volta sommati o sottratti ai benefici presunti, quali percepiti dall’attore di riferimento (Crawford e Ostrom, 1995).

6 Particolare attenzione alla creazione di istituzioni quale soluzione a problemi di azione collettiva è stata dedicata nello studio delle risorse comuni (common-pool resources). Vedi Ostrom, 1990 e 1995, Ostrom-Gardner-Walker, 1994.

7 Rispetto all’adeguatezza delle strutture istituzionali si vedano i design principles di Elinor Ostrom (1990, 88-102).

8 Si tratta, infatti, di un problema di azione collettiva di secondo ordine.

9 Rispettivamente, search, bargaining e monitoring and enforcement costs (Taylor e Singleton, 1993).

10 Da notare che un embrione della distinzione tra i due livelli di cs è già presente in Krishna (1999). L’autore distingue infatti tra cs «relazionale» e «istituzionale» e afferma che «ciascuna delle forme di capitale sociale necessita di essere integrata (complemented) dall’altra» (Krishna, 1999, 79).

11 Un esempio classico di dilemma sociale analizzato nella letteratura è rappresentato dalla «Tragedia dei commons» di Hardin (1968), successivamente formalizzato attraverso il dilemma del prigioniero (Dawes, 1973; Ostrom, 1990). Un caso «più vicino» alle realtà industrializzate è costituito dai consorzi per l’esportazione della Brianza studiati da Parri (1997) utilizzando, in questo caso, lo strumento del gioco dell’assicurazione.

12 Naturalmente si tratta qui di un’astrazione teorica, in pratica è estremamente improbabile che i confini del cs utilizzabile per qualsivoglia obiettivo siano esattamente congruenti con quelli del gruppo. Inoltre, tanto i primi quanto i secondi sono, nella maggior parte dei casi, estremamente difficili se non impossibili da tracciare e da analizzare.

13 Si potrebbe obiettare che il marito potrebbe usare per i suoi fini il cs della moglie e viceversa, da notare però che in questo caso il cs considerato non è più strettamente individuale, ma piuttosto «famigliare», cioè cs collettivo il cui gruppo di riferimento è la famiglia analizzata.

14 Vedi sotto.

15 Non dalla loro somma, in quanto con ogni probabilità esiste sovrapposizione almeno parziale tra i cs1 individuali degli attori membri del medesimo gruppo.

16 Si tratta di una definizione che lascia spazio all’ambiguità e che ha suscitato diverse perplessità nel dibattito teorico. D’altra parte in letteratura non è ancora possibile rintracciare una definizione condivisa di capitale sociale. Per il tipo di esercizio proposto in questo paper, l’impostazione di Coleman ci è sembrata la più adeguata a cui fare riferimento.

17 Per la distinzione tra fiducia e confidare si veda Gambetta (1989), in particolare saggi di Luhmann e Hart e Dunn.

18 Quest’ultimo passaggio avviene indipendentemente dalla reciprocazione dell’obbligazione. La fiducia ha un effetto vincolante di per sé.

19 Lo studio dei sistemi di irrigazione e dei problemi di azione collettiva derivanti dalla loro utilizzazione costituisce uno dei campi più sviluppati nell’ambito dell’analisi di risorse comuni (common-pool resources). Vedi, ad esempio, Lam, 1998; Ostrom, 1990; Tang, 1992.

20 Con il termine mantenimento traduco l’espressione provision, che riguarda le azioni che gli utilizzatori compiono per mantenere in condizioni ottimale la risorsa. Con il termine sfruttamento mi riferisco all’inglese appropriation che indica l’estrazione dalla risorsa di unità aventi valore per gli utilizzatori (Ostrom, 1990, 30-31).

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Fig. 1 I due livelli di capitale sociale e i loro effetti sulle prestazioni del sistema
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1305/img-1.jpg
File image/jpeg, 308k
Titolo Fig. 2 Dimensioni e livelli del capitale sociale nella forma obbligazioni e aspettative
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1305/img-2.jpg
File image/jpeg, 552k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Sonia Bertolini e Giangiacomo Bravo, « Dimensioni del capitale sociale », Quaderni di Sociologia, 25 | 2001, 37-66.

Notizia bibliografica digitale

Sonia Bertolini e Giangiacomo Bravo, « Dimensioni del capitale sociale », Quaderni di Sociologia [Online], 25 | 2001, online dal 30 novembre 2015, consultato il 20 septembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/qds/1305 ; DOI : 10.4000/qds.1305

Torna su

Autori

Sonia Bertolini

Dipartimento di Scienze Sociali, Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Giangiacomo Bravo

Dipartimento di Studi Sociali, Università di Brescia

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals