Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri25la società italiana / Il capitale...Social capital e processi di priv...

la società italiana / Il capitale sociale. Applicazioni empiriche

Social capital e processi di privatizzazione

Roberto Pedersini
p. 67-92

Testo integrale

  • 1 In italiano, il termine capitale sociale si riferisce correntemente al capitale societario, ossia a (...)

1Obiettivo di questo articolo è valutare quali siano le possibilità di utilizzare un concetto emergente come quello di social capital (capitale sociale)1 nell’analisi dei processi di privatizzazione. Si cercherà di individuare quale sia il modo più opportuno di operativizzare il capitale sociale, nonché gli ambiti nei quali possa fornire un contributo specifico all’interpretazione delle dinamiche e degli esiti delle procedure di dismissione delle imprese di proprietà statale.

2Le privatizzazioni costituiscono un oggetto di studio particolare, poiché si tratta di operazioni solitamente formalizzate, che riguardano innanzitutto trasformazioni istituzionali del contesto societario, economico e finanziario nel quale si svolge l’attività d’impresa e modifiche della struttura proprietaria di attori economici collettivi. Per aprire spazi all’utilizzo del concetto di capitale sociale, che in prima approssimazione sembrerebbero alquanto ridotti, si può, da un lato, recuperare il livello individuale di analisi delle scelte e delle strategie degli attori e, dall’altro, evidenziare e distinguere le varie fasi che caratterizzano i processi di cessione delle imprese di proprietà statale.

1. Quale capitale sociale?

  • 2 Coleman afferma che «come altre forme di capitale, il capitale sociale è produttivo, rendendo possi (...)

3Per proseguire con la trattazione, è importante chiarire brevemente qual è la definizione di capitale sociale che si ritiene più indicata per l’analisi dei processi di privatizzazione. Nell’approccio che qui si vuole utilizzare, il capitale sociale rappresenta una risorsa della quale gli attori possono disporre per perseguire le proprie strategie. Seguendo in questo le indicazioni di James Coleman (1990, 300-321), il capitale sociale, al pari di quello finanziario, consente agli attori di raggiungere esiti migliori o comunque diversi da quelli ottenibili senza il suo apporto2. Per parlare dell’azione del capitale sociale, allora, si dovranno poter individuare alcuni elementi costitutivi, tutti necessari ma non sufficienti:

  • una struttura relazionale (relativamente chiusa e stabile);

  • una dotazione di risorse (materiali e simboliche) che risiede nei nodi della relazione e può essere attivata da tutti i partecipanti alla rete di relazione, indipendentemente dal fatto di averne la diretta disponibilità;

  • un’aspettativa condivisa di atteggiamento cooperativo da parte degli attori che costituiscono la rete di relazione. Si tratta di un elemento istituzionale (vicino a quello che Coleman chiama ideologia), poiché la cooperazione è strutturata e non data in modo generico, che si può fondare su valori, appartenenze o, in generale, su di una cultura comuni e può dare origine a particolari modelli cognitivi che orientano l’azione.

4In sostanza, la disponibilità di capitale sociale può essere particolarmente elevata in situazioni di duratura interdipendenza strategica, nelle quali prevalgano soluzioni cooperative. Si tratta di una struttura ampiamente analizzata dalla letteratura economica di teoria dei giochi cooperativi, con un’importante precisazione: i pay-offs dei giocatori non sono monodimensionali, vale a dire meramente economici, e riferiti a ciascuna specifica interazione, ma possono collegarsi ad una qualsiasi delle dimensioni del rapporto che lega gli attori ed essere perciò incommensurabili. In altre parole, il gioco nel caso del capitale sociale non rappresenta un rapporto negoziale, sia pure ripetuto e ripetibile all’infinito, ma una vera e propria relazione sociale, con tutta la ricchezza di ambiti di realizzazione che ciò comporta.

5Ad esempio, nella ricerca di un lavoro, la struttura relazionale può essere costituita dalla rete di parenti ed amici, la risorsa disponibile può essere l’informazione od anche il potere di assumere un lavoratore, la contropartita per l’attivazione della risorsa può essere semplicemente la conferma ed il rafforzamento dell’appartenenza alla rete di relazione. Quest’ultima considerazione aiuta a rilevare un’altra caratteristica specifica del capitale sociale, quasi paradossale se confrontata con il capitale finanziario: l’utilizzo non consuma il capitale sociale, ma lo accresce. Proseguendo l’analogia con i risultati della teoria dei giochi, si può dire che come l’interazione ripetuta può far sorgere soluzioni cooperative, così una rete di relazioni stabili può favorire la creazione di capitale sociale.

6La rete di relazione appare, quindi, la componente formale del capitale sociale; le risorse disponibili ne costituiscono la base materiale; e la struttura istituzionale che lo sorregge ne può essere considerata la condizione di attivazione. Tutti i tre elementi sono indispensabili: senza relazioni non ci può essere capitale sociale; se non ci sono risorse attivabili (o non sono quelle giuste), mancano i presupposti perché l’azione possa beneficiare di apporti ulteriori rispetto a quelli individuali; in mancanza di norme condivise che sostengano i comportamenti cooperativi, gli attori non possono accedere alle risorse presenti nella rete. È in questa precisazione, forse, che si può ritrovare la differenza principale rispetto all’argomentazione di Coleman (1990), che ispira in modo sostanziale la definizione qui proposta, ossia nell’enfasi sullo spostamento effettivo delle risorse all’interno del network e nel considerare rete, risorse e contenuti normativi e cognitivi come parti distinte ed essenziali del capitale sociale. In questo senso, ad esempio, le norme non possono essere considerate capitale sociale in sé, ma nella misura in cui riescono a mobilitare le risorse disponibili all’interno delle reti di relazione nelle quali sono presenti.

7Il capitale sociale, però, non è una risorsa generica che può sostenere qualsiasi azione, ma ha una spendibilità specifica (Coleman, 1990, 302). Questa dipende dalle risorse disponibili, che saranno utili solo in certe situazioni e non in altre, ed anche dalle norme condivise, che potranno prevedere i modi e gli obiettivi opportuni per l’attivazione della rete di relazione. Un aspetto importante del capitale sociale è, poi, la sua additività in quanto è possibile sommare il capitale sociale di network diversi, attraverso l’azione di collegamento realizzata da attori che si trovano nei punti di intersezione di differenti reti di relazione. Così, la rete di un attore può essere importante per avere accesso alle risorse di un altro network, grazie alla mediazione di un membro comune.

2. Le privatizzazioni

8In prima approssimazione, il processo di privatizzazione può essere suddiviso in tre fasi. Nella prima vengono definiti i criteri generali che guideranno la cessione delle imprese statali: come scegliere le aziende da privatizzare e con quali metodi procedere alla vendita. In un secondo tempo, si passerà all’applicazione dei criteri generali ed all’effettiva privatizzazione delle imprese di stato. Infine, le imprese ormai privatizzate potranno agire più o meno liberamente all’interno del sistema economico per perseguire gli obiettivi definiti dai nuovi proprietari. In ognuna delle tre fasi è possibile individuare attori sociali che sono in grado di utilizzare le risorse fornite dal capitale sociale per perseguire i propri scopi.

  • 3 Si veda Pizzorno (1999) sulle differenze strutturali fra le relazioni cooperative, sostenute dal ca (...)

9Nella fase di definizione delle linee guida della privatizzazione, che di solito sono contenute in un documento legislativo, gli attori principali sono i partiti politici e le varie lobbies che possono essere interessate a sostenere particolari opzioni nel processo di dismissione delle imprese di stato. In questo caso, è probabile che l’utilizzo dello strumento analitico del capitale sociale possa aggiungere poco ad analisi più espressamente politologiche, fondate ad esempio sui policy networks, sull’azione dei gruppi di pressione o sulla rappresentanza. In effetti, il capitale sociale, anche per l’ambito di ricerca nel quale si è progressivamente costruito il concetto, pare più indicato per cogliere l’apporto al processo decisionale individuale delle risorse fornite da strutture informali e le capacità auto-organizzative della società. Ciò non vuol dire ovviamente che il funzionamento dei comitati non si fondi anche, se non soprattutto, sulle relazioni personali e sulla capacità di costruire un tessuto di obbligazioni reciproche. Il successo di una lobby, poi, può dipendere in gran parte dalla capacità di costruire e mobilitare una quantità elevata di capitale sociale. Inteso in questo senso, però, il capitale sociale diviene una variabile esplicativa generale, mentre la categoria della capacità di pressione o il riferimento ai meccanismi del log-rolling, ad esempio, possono essere più utili e precisi. In effetti, l’utilizzo di categorie come i policy networks o il log-rolling consente di inserire nell’analisi alcune componenti significative di ciò che potrebbe essere definito capitale sociale, ma all’interno di un apparato interpretativo più preciso e sistematico. Inoltre, il capitale sociale costruito ed utilizzato in queste relazioni può essere considerato essenzialmente strumentale e le risorse scambiate hanno come riferimento un’unica od un unico tipo di transazione. Anche tale carattere può far preferire un’analisi più specificamente legata allo scambio (come la teoria dei giochi), piuttosto che alla relazione3. Infine, un’altra ragione, sulla quale si tornerà con maggiore attenzione più avanti, può suggerire di articolare l’analisi facendo riferimento ad altre categorie, rispetto al capitale sociale: in quanto risorsa, il capitale sociale assume un particolare rilievo quando costituisce un supporto od una guida preponderante all’azione. In altre parole, sarà tanto più opportuno utilizzare il concetto di capitale sociale quanto più la rete di relazione è centrale rispetto alle scelte ed alle strategie dell’attore. Se il contributo autonomo del capitale sociale alla spiegazione di un fenomeno è minimo o non è facilmente distinguibile da altri, sarà preferibile utilizzare approcci diversi. Nel caso dei processi politici e legislativi è probabile che le reti di relazione informali contino, ma forse il loro apporto è inferiore rispetto a quello delle dinamiche più precisamente politiche; il capitale sociale può rafforzare l’impatto delle variabili politiche, ma senza potersi sostituire ad esse e probabilmente senza riuscire a consentire analisi migliori dei processi oggetto di analisi.

10È importante ricordare, comunque, che esiste una letteratura amplissima sul rapporto fra capitale sociale e sistemi politici, che qui non si può trattare e non si vuole nemmeno mettere in discussione. Il punto che si vuole sottolineare è che il capitale sociale, inteso da un punto di vista individuale, appare un concetto pienamente applicabile allo studio dell’apporto delle reti di relazione a specifiche decisioni politiche, attraverso studi empirici puntuali. Per un’analisi generale dei processi politici, invece, il concetto di capitale sociale rischia di rimanere indeterminato e, per questo motivo, può essere più utile fare riferimento a categorie più circoscritte e più facilmente operativizzabili. Il vasto filone di ricerca sul rapporto fra capitale sociale e performance istituzionale (ed economica), del quale la ricerca di Robert Putnam (1993) sulle regioni italiane rappresenta probabilmente il riferimento più noto, si pone, invece, su di un piano diverso rispetto a quello adottato in questo articolo, poiché analizza relazioni fra indicatori di livello macro, senza approfondire i meccanismi che collegano la dotazione relativa di capitale sociale ai diversi esiti istituzionali. In questa sede, non si vogliono discutere la fondatezza e l’utilità di una simile impostazione e si rimanda al dibattito innescato dalla ricerca di Putnam (si vedano, ad esempio per l’Italia, Mutti, 1998; Bagnasco, 1999; Piselli, 1999; Trigilia 1999). Tuttavia, può essere utile una breve notazione: in prima approssimazione, anche se la questione merita senz’altro una riflessione approfondita, non pare sia condivisibile la distinzione a volte compiuta fra capitale sociale individuale e capitale sociale collettivo. Non sembra, infatti, che si possa parlare di due tipi diversi di capitale sociale; piuttosto, si tratterebbe di due differenti punti di vista. Come il capitale sociale individuale è anche collettivo, in quanto appartiene ad un network ed ha effetti aggregati che possono andare oltre i confini della rete di relazione nella quale risiede, così il capitale sociale collettivo non può che esprimere le proprie potenzialità attraverso l’influenza esercitata sulle scelte e le azioni individuali.

11La realizzazione dei programmi di privatizzazione apre maggiori spazi all’utilizzo del concetto di capitale sociale. Ciò accade essenzialmente poiché si passa dallo studio di processi politici a quello dell’esecuzione di decisioni politiche. Assumono importanza, allora, le dinamiche che si sviluppano all’interno delle strutture o delle agenzie incaricate di procedere alla privatizzazione delle imprese statali, nonché i rapporti fra i funzionari e gli attori presenti nelle imprese, da un lato, e i possibili acquirenti, dall’altro. Il peso potenziale delle reti di relazione all’interno dei processi di privatizzazione dipende, però, anche da scelte compiute nella prima fase. Infatti, le modalità con le quali avvengono le transazioni possono favorire od ostacolare la rilevanza del capitale sociale per le strategie dei vari attori coinvolti (funzionari, acquirenti, attori aziendali). Così, la prevalenza di offerte pubbliche di vendita (Opv), la creazione di noccioli duri, la scelta di aste (aperte o chiuse), o ancora di trattative private cambiano il quadro di riferimento degli attori e le possibilità di utilizzare proficuamente risorse di relazione.

  • 4 E questo vale anche per attori fra loro concorrenti! Si può notare, a questo proposito, che l’aspet (...)

12In generale, si può affermare che quanto più aumenta la discrezionalità nella definizione concreta dei processi di privatizzazione, tanto più può entrare in gioco il capitale sociale, anche con effetti di distorsione sulla privatizzazione nel suo complesso. Ad esempio, nel caso delle privatizzazioni nell’Est europeo, il fatto che i funzionari privatizzatori ed i manager delle imprese di stato avessero condiviso in passato l’appartenenza al medesimo apparato potrebbe aver favorito, grazie alle solidarietà sviluppate in quell’ambito, comportamenti collusivi o comunque favoritismi nella gestione della cessione di specifiche aziende. Allo stesso modo, la preferenza per la costituzione di noccioli duri, e quindi la scelta di partner preferenziali ai quali cedere quote di controllo dell’impresa, potrebbe consentire la prevalenza degli interessi costituiti in un determinato settore od incentivare la conclusione di accordi di sindacato, sulla base di reti di relazione pre-esistenti4.

13In questi casi, potrebbe prevalere un utilizzo strumentale del capitale sociale, per cui la relazione diventa mezzo per uno scopo (Pizzorno, 1999). L’appartenenza ad una rete di relazione può essere, infatti, sfruttata per finalità diverse (o persino devianti) rispetto a quelle connaturate al tipo di relazione (ad esempio, la richiesta di un favore ad un conoscente o di partecipare ad un gruppo anti-globalizzazione ai membri di un gruppo parrocchiale, per parafrasare un esempio citato da Coleman), grazie a quella caratteristica che Coleman (1990) chiama appropriabilità del capitale sociale. La risposta che si ottiene può, se positiva, confermare il legame e comportare una trasformazione del rapporto, oppure, quando venga opposto un rifiuto, potrebbe indebolire il legame e persino distruggere il capitale sociale pre-esistente. In effetti, un utilizzo improprio del capitale sociale può legittimare la non-cooperazione e consumarlo. Tale osservazione consente di affermare come il contenuto istituzionale del capitale sociale (il rispetto delle regole che ne delimitano i modi e gli ambiti di utilizzo) sia essenziale per il suo mantenimento al pari di quello relazionale (la continuità del rapporto). Il capitale sociale può essere consumato sia da una protratta interruzione dei rapporti, sia da un utilizzo non conforme. In entrambi i casi, gli appartenenti al network potrebbero non riconoscere più la legittimazione a mobilitare le risorse della rete. In questo senso, si può dire che, quando la rete di relazione viene sfruttata come mezzo per uno scopo, affinché si possa parlare propriamente di utilizzo di capitale sociale, si deve riscontrare un certo livello di legittimazione (pre-esistente o accettato in progress) dello scopo perseguito all’interno della rete di relazione coinvolta: l’obiettivo deve essere condiviso o condivisibile e non solo individuale. Altrimenti, l’attivazione della rete di relazione può fallire e, in alcuni casi, la conservazione del capitale sociale può risultare compromessa.

  • 5 In questo senso, si può parlare di costruzione intenzionale e strumentale del capitale sociale; per (...)

14Ritornando ai metodi di privatizzazione, è bene sottolineare, comunque, che la trattativa diretta e la costituzione di noccioli duri possono fare affidamento sul capitale sociale non necessariamente solo in termini deteriori, ossia attraverso il coinvolgimento degli interessi personali di coloro che devono gestire la dismissione (vale a dire la corruzione). Il capitale sociale diviene una risorsa strategica perché, soprattutto nel caso della costituzione di un azionariato stabile, si richiede la cooperazione fra una pluralità di investitori e questo può favorire la valorizzazione di reti di relazione esistenti o l’investimento nella costituzione di nuove5.

15Certe forme di selezione privata, poi, possono favorire l’emergere degli interessi degli attori interni all’impresa di stato, essenzialmente manager e dipendenti. È quello che è avvenuto, ad esempio, in alcuni paesi dell’Europa centrale ed orientale, come la Polonia. In tali circostanze, però, non sembra si possa parlare propriamente dell’attivazione del capitale sociale, ma piuttosto della rilevanza di variabili politiche e di rappresentanza. Questo è vero soprattutto per i lavoratori, poiché il loro coinvolgimento nei processi di privatizzazione discende direttamente da scelte compiute nella fase di definizione dei criteri guida della privatizzazione (e quindi in un ambito essenzialmente politico) e dalla capacità di esercitare una pressione collettiva sulla realizzazione concreta del processo di dismissione, attraverso forme di rappresentanza.

  • 6 La questione che qui viene posta è quella della possibilità di un capitale sociale istituzionalizza (...)

16Come si è già cercato di chiarire, l’analisi dei processi di decisione politica e di rappresentanza può essere condotta in modo forse più chiaro e preciso utilizzando strumenti diversi dal capitale sociale. Ovviamente, ciò non esclude che l’efficacia della rappresentanza possa dipendere anche dal capitale sociale dei rappresentanti, ma questo deve essere verificato empiricamente caso per caso. Per quanto riguarda i soggetti collettivi, poi, il capitale sociale di un’organizzazione è in una certa misura indipendente dalle persone che ne fanno parte (grazie alla fiducia dei partner nella continuità dei comportamenti cooperativi, dovuta alla riproduzione delle norme e della cultura organizzative). Allo stesso tempo, però, non bisogna dimenticare che tale capitale sociale è stato creato all’interno di relazioni personali e che il suo mantenimento ed il suo sviluppo (o consumo) dipendono in modo cruciale dall’andamento di ulteriori rapporti personali6.

17In sostanza, l’utilizzo dello strumento analitico del capitale sociale per lo studio della realizzazione delle privatizzazioni può essere applicato ai modi nei quali le reti di relazione influenzano i processi di dismissione, sia quando i rapporti informali si sovrappongono alle procedure formali, dando potenzialmente origine ad irregolarità e favoritismi, sia nel caso in cui le reti di relazione diventano un elemento importante dei meccanismi di selezione, come nella costituzione di azionariati stabili, o della definizione degli assetti proprietari e della corporate governance delle imprese privatizzate.

  • 7 La valutazione della dotazione relativa delle varie forme di capitale o, più in generale, delle ris (...)
  • 8 Come si vedrà più avanti, queste due diverse strategie possono essere considerate, rispettivamente, (...)

18A proposito di quest’ultimo aspetto, è interessante notare come il capitale sociale possa consentire un collegamento tra la prima fase di definizione dei modi e dei criteri di privatizzazione e la realizzazione dei programmi di dismissione. In effetti, è possibile leggere la scelta dei metodi di privatizzazione in termini della disponibilità relativa di risorse in un dato sistema economico-sociale7, includendo fra queste anche il capitale sociale (inteso come fonte di capacità auto-organizzativa della società). I sistemi economici maggiormente dotati di risorse finanziarie ed istituzionali di mercato, quali borse valori e mercati dei capitali sviluppati, possono optare per programmi di privatizzazione che privilegino metodi di cessione impersonali, come l’offerta pubblica di vendita (Opv). I paesi, invece, che hanno una forte carenza di risorse interne saranno costretti ad adottare forme di cessione più discrezionali, che privilegino alternativamente la selezione di investitori esteri (ossia le risorse finanziarie e umane disponibili all’esterno) o il sostegno ad attori nazionali, che, in considerazione della carenza di altre risorse, potranno contare sulla loro capacità di mobilitare capitale sociale esistente o di crearne di nuovo8.

  • 9 Il ruolo fondamentale delle scelte politiche nella privatizzazione è ben colto dal paradosso dello (...)

19Ovviamente, la politica può promuovere l’ampliamento delle risorse finanziarie disponibili o lo sviluppo di istituzioni di mercato proprio attraverso le privatizzazione: è quello che è accaduto in molti paesi quando si è cercato di favorire lo sviluppo della borsa attraverso la privatizzazione di grandi imprese di stato (spesso public utilities). In Italia, ad esempio, la capitalizzazione di borsa alla fine del 1999 dipendeva per oltre il 50% dalle imprese oggetto di privatizzazione (Ministero del Tesoro, 1999). La creazione di tali risorse istituzionali, però, è un processo che richiede molto tempo per essere realizzato e rimane il problema della loro mancanza durante il processo che dovrebbe consentire di crearle. Inoltre, anche in questi casi, la cessione attraverso Opv non riguarda quasi mai l’attribuzione di quote di controllo, che rimangono di proprietà statale o vengono attribuite a noccioli duri, o comunque vengono gestite in maniera più discrezionale. Queste considerazioni non vogliono giustificare l’adozione di politiche di privatizzazione limitate o poco trasparenti, affermando che non vi siano alternative. Spesso, simili scelte possono essere motivate più chiaramente dalla volontà di favorire interessi vicini al governo o di mantenere il controllo politico su parti importanti dell’economia. Si vuole, però, segnalare l’esistenza di un problema concreto nel momento in cui si deve passare dalla decisione di privatizzare alla scelta dei metodi e, di conseguenza, del tipo di assetto proprietario che si intende favorire9. In certe situazioni, fare affidamento sulle capacità di auto-organizzazione della società può non avere molte alternative; questo può essere vero, in particolare, quando si sceglie di sostenere la proprietà nazionale. Il modo di gestire questa dipendenza dalle risorse offerte dal capitale sociale e le diverse distorsioni che ne possono derivare, poi, variano molto da un caso nazionale all’altro.

20In generale, dunque, ci si può attendere che nei processi di privatizzazione il ruolo del capitale sociale (o delle risorse importate attraverso la cessione ad investitori esteri) sia particolarmente significativo nei paesi meno avanzati economicamente o con una struttura economica caratterizzata da un’alta concentrazione della proprietà e strutture proprietarie chiuse o protette. Una simile interpretazione, che fa appello alla disponibilità relativa delle risorse in un sistema economico, può essere confortata dall’analisi dei dati Oecd sulla privatizzazione (Oecd, 2000). Questi mostrano per i paesi dell’Oecd una costante prevalenza degli introiti realizzati tramite Opv, mentre nei paesi non-Oecd la maggior parte delle transazioni è stata gestita con metodi di vendita diretta.

21Tali riflessioni sono apparentemente rafforzate dall’osservazione di alcuni casi nei quali si è cercato di realizzare forme di cessione imparziali e neutrali rispetto alla distribuzione della proprietà privatizzata. In particolare, ciò è avvenuto per favorire il modello (teorico) della public company, senza comprenderne probabilmente fino in fondo i requisiti istituzionali. Ad esempio, l’obiettivo di una corporate governance fondata sulla proprietà diffusa è stato perseguito in Repubblica Ceca con la voucher privatization e in Italia con le prime privatizzazioni bancarie, realizzate all’inizio degli anni Novanta. In entrambi i casi si cercava di seguire il modello della public company, attraverso un’ampia distribuzione della proprietà, combinata alla definizione di limiti superiori alle partecipazioni azionarie individuali. L’associazione di queste caratteristiche delle operazioni di dismissione con un sistema finanziario praticamente inesistente, in Repubblica Ceca, o poco sviluppato e contraddistinto dal ruolo preponderante di una banca d’affari (Mediobanca) e dei suoi partner industriali, in Italia, e con una scarsa protezione degli azionisti di minoranza ha favorito l’assunzione di un ruolo determinante da parte delle risorse relazionali.

22In Repubblica Ceca, la voucher privatization ha consentito la distribuzione a tutti i cittadini di buoni validi per l’acquisto delle azioni delle più grandi imprese di proprietà dello stato. L’operazione è stata un successo, anche grazie alla nascita, non prevista, di fondi di investimento che offrivano una remunerazione consistente a tutti coloro che avessero conferito i propri voucher. La frammentazione della proprietà delle imprese privatizzate, rafforzata da un tetto del 20% sulla quota di partecipazione di ogni singolo fondo di investimento, ha in una certa misura isolato il management dalla trasformazione dell’assetto proprietario. Il management, privo di ogni apporto finanziario derivato dalla privatizzazione, si è trovato a cercare sostegno e risorse nei rapporti con altre imprese, nazionali o straniere, e con gli stessi fondi di investimento, spesso di proprietà di banche (in gran parte pubbliche). I caratteri specifici di una corporate governance frammentaria e di un sistema economico con poche risorse disponibili hanno reso cruciale, per le possibilità di ristrutturazione e sviluppo delle imprese, la capacità di creare e gestire una serie di rapporti di cooperazione, con esiti alquanto problematici, anche perché il tessuto relazionale era in buona parte da costruire ex novo.

23In Italia, una situazione per certi aspetti simile ha portato ad un esito molto diverso, poiché la disponibilità di risorse economico-finanziarie e di capitale sociale pre-esistente era decisamente maggiore. Per quanto riguarda, in particolare, la privatizzazione del Credito Italiano e della Banca Commerciale Italiana, si è scelto di procedere attraverso un’Opv, imponendo un tetto molto basso alla proprietà di ogni singolo investitore (il 3%). Se l’intenzione era quella di favorire l’azionariato diffuso e difendere il management da scalate ostili, attraverso il limite alla proprietà azionaria (Inzerillo e Messori, 2000, 148), il risultato è stato l’assunzione del controllo delle due banche da parte di un gruppo minoritario di azionisti (con una quota complessiva di circa il 20%), organizzato intorno alla capofila Mediobanca. Come segnala uno studio del Cnel (1997), «paradossalmente con la scelta del modello della public company si è verificato quello che in Francia era stata la conseguenza dell’adozione del modello del nocciolo duro: il trasferimento all’area privata di concentrazioni di potere economico prima gravitanti nell’area pubblica» (114). In questo modo, la possibilità di utilizzare un’importante dotazione di capitale sociale (veicolata dalla rete di relazioni tessuta intorno a Mediobanca) costituisce un ingrediente fondamentale per la comprensione degli esiti delle due privatizzazioni. La mobilitazione delle risorse finanziarie necessarie e l’aggregazione di un gruppo di controllo sono potute avvenire grazie all’esistenza di un rapporto consolidato fra una serie di operatori economici. Così, la costituzione di una corporate governance diversa da quella preventivata (la public company) ha con ogni probabilità beneficiato in larga misura dell’esistenza di una rete di relazione consolidata.

24Il caso più eclatante e macroscopico di privatizzazione mediante metodi altamente discrezionali e con un ruolo rilevante delle risorse relazionali e della capacità auto-organizzativa degli attori economici è rappresentato, con ogni probabilità, dalle privatizzazioni dei paesi dell’Est Europa. Qui, in carenza di risorse economico-finanziarie e di istituzioni di mercato, l’intervento e l’indirizzo dello stato si sono dimostrati essenziali per guidare le privatizzazioni e per disegnare i nuovi assetti proprietari, così come le reti di relazione (nazionali ed estere) hanno costituito un elemento essenziale dei meccanismi di definizione delle nuove strutture di proprietà e di corporate governance. Questo vale anche per i casi apparentemente più lontani da un utilizzo diffuso delle risorse relazionali: si è già detto della voucher privatization in Repubblica Ceca (con l’intreccio fra management, fondi di investimento e banche). Un discorso simile vale per l’Ungheria, dove la discrezionalità delle procedure di privatizzazione ha favorito la cessione delle imprese statali ad investitori esteri, al fine di garantire un significativo apporto finanziario, tecnologico e gestionale.

3. Capitale sociale e strategie delle imprese privatizzate: il caso dell’Est europeo

25Nello studio delle privatizzazioni, le possibilità di utilizzare proficuamente il concetto di capitale sociale raggiungono probabilmente il massimo nella terza fase, quella che si riferisce alla definizione e realizzazione delle strategie competitive delle imprese privatizzate. Ciò vale per tutti i metodi di privatizzazione poiché, in questo caso, cambia il punto di vista dell’analisi: lo studio delle strategie aziendali può, infatti, essere condotto individuando il mix di risorse disponibili per l’impresa e quelle effettivamente impiegate, comprendendo fra di esse anche il capitale sociale. La rilevanza del capitale sociale deve essere verificata in ciascun caso individuale, ma è in questa fase che le reti di relazione possono dimostrasi particolarmente importanti per il consolidamento e lo sviluppo dell’impresa. Come evidenziato in precedenza, il ruolo del capitale sociale dipenderà da quali altre risorse sono disponibili e dal contesto economico nel quale l’impresa deve operare (struttura del mercato, livello e caratteristiche della concorrenza, ecc.).

26Si è già detto di come le privatizzazioni realizzate nei paesi ex-comunisti rappresentino un caso rilevante di cessione di imprese di stato che hanno fatto ampio affidamento sulle capacità auto-organizzative di specifici attori, ai quali è stata attribuita una posizione centrale nel processo di dismissione. Il mercato, in buona parte ancora da costruire, non ha potuto fornire strumenti utili per gestire l’allocazione dei diritti di controllo sulle imprese cedute. Allo stesso modo, in una situazione di carenza generalizzata di risorse alternative, il capitale sociale è divenuto una delle componenti principali delle strategie di ristrutturazione e sviluppo delle imprese privatizzate. Un aspetto interessante di tali strategie, poi, è che gli attori alla guida delle imprese, imprenditori e manager, non si sono limitati a cercare di utilizzare le reti di relazione esistenti, rivitalizzando ambiti di cooperazione pre-privatizzazione e mettendo in atto un adattamento che si potrebbe definire conservatore. Alcuni fra loro hanno tentato vie innovative, cercando di costruire nuovi rapporti e nuove relazioni, essenzialmente con imprese estere, al fine di guadagnare l’accesso a quelle risorse, finanziarie e di conoscenze tecniche e gestionali, che scarseggiavano nel contesto economico nazionale. Si può ritrovare in questi casi una chiara percezione da parte degli attori economici della importanza del capitale sociale: in effetti, la costruzione delle nuove reti di relazione non avviene solo all’interno di un rapporto di scambio, ma innanzitutto facendo leva sul riconoscimento come partner affidabile da parte delle altre imprese. In sostanza, la costruzione delle nuove reti di relazione con imprese straniere, da cui sempre più spesso dipendeva l’accesso alle risorse essenziali per lo sviluppo dell’azienda, si è dovuta fondare sulla costruzione di legittimazione e fiducia reciproche.

27Ciò si è dimostrato cruciale anche per le imprese estere che si trovavano ad agire in un contesto economico caratterizzato da un’elevata incertezza rispetto alle caratteristiche dei possibili partner locali. In molti casi, in realtà, le imprese straniere hanno preferito acquisire le imprese locali, sostituendo il controllo alla collaborazione, ma questo, com’è ovvio, non è sempre stato praticabile. In ogni caso, una situazione non ha escluso necessariamente l’altra, poiché è sempre stato possibile tentare di rilevare le imprese con le quali all’inizio si collaborava soltanto. Anzi, spesso la cooperazione iniziale ha consentito di selezionare un’impresa ed un management affidabili.

  • 10 Per un’analisi più approfondita delle caratteristiche salienti dei vari processi di privatizzazione (...)

28Il processo di privatizzazione polacco, con il suo forte decentramento e la centralità degli attori interni all’impresa10, ha fornito alcuni esempi significativi di ristrutturazione attraverso il capitale sociale. In Polonia, almeno fino a tutta la prima metà degli anni Novanta, la partecipazione al programma di privatizzazione è stata sostanzialmente volontaria, lasciando grande autonomia al management aziendale sia nella scelta del metodo concreto di privatizzazione, sia nella gestione della ristrutturazione, e garantendo un ruolo importante a manager e lavoratori in tutte le fasi del processo di cessione della proprietà statale. La struttura produttiva nazionale era in quegli anni per molti aspetti immutata rispetto al periodo pre-riforma, a causa delle elevate barriere all’entrata di nuovi attori economici nazionali, dovute al livello proibitivo degli investimenti necessari per avviare una nuova attività industriale. La concorrenza, in tale situazione, proveniva da imprese estere, sia attraverso le importazioni, sia con nuove localizzazioni produttive. Una strategia di risposta delle imprese polacche al nuovo contesto economico e di mercato è stata la costituzione di gruppi di imprese. In modo significativo, i gruppi di imprese si sono spesso costituiti lungo le linee della filiera produttiva, determinando aggregazioni verticalmente integrate. È una strategia che sembra aver comportato un’ampia valorizzazione del capitale sociale. Le relazioni fornitore-cliente, la comune appartenenza al gruppo dei manager delle imprese di stato, la probabile partecipazione al circuito informale tipico delle economie pianificate per il rispetto degli obiettivi di produzione hanno fornito risorse importanti per organizzare una risposta cooperativa alle nuove condizioni di mercato.

29Un altro aspetto caratteristico della prima fase di trasformazione economica in Polonia e negli altri paesi dell’Est europeo, che si è in parte sovrapposto all’inizio dei processi di privatizzazione, è stata la crescita del debito interaziendale. In pratica, una grave crisi di liquidità ha colpito il sistema economico e finanziario e le imprese hanno trovato una via di uscita, per certi aspetti obbligata, nel sostegno assicurato dai rapporti con clienti e fornitori. Un elemento interessante di tale fenomeno, che segnala l’importanza delle reti di relazione nella gestione della crisi di liquidità, è stata la nascita di meccanismi specifici per governare il crescente volume dell’indebitamento interaziendale con il coinvolgimento di una pluralità di imprese. La difficoltà a trovare modi di compensazione del debito reciproco all’interno di rapporti bilaterali fornitore-cliente ha portato alla valorizzazione di reti di relazione più estese, consentendo in molti casi la creazione di un sistema di gestione multilaterale delle esposizioni finanziarie, fondato sull’accordo volontario delle imprese coinvolte. Anche in questo caso, tale opzione è stata resa possibile dalla forte integrazione produttiva fra imprese diverse, ereditata dal passato comunista, dal loro numero relativamente contenuto e dall’appartenenza del management aziendale ad una medesima élite economico-manageriale.

30In Ungheria, la gestione del programma di privatizzazione è stata particolarmente accentrata e, soprattutto per le imprese più grandi, è stata favorita la cessione ad investitori stranieri. Le imprese estere non hanno fatto ricorso in maniera prioritaria alle risorse rese disponibili dal capitale sociale locale, potendo contare su ingenti capacità di investimento e consistenti dotazioni di capitale umano. D’altra parte, una caratteristica saliente delle privatizzazioni ungheresi è il mantenimento del management locale, anche quando viene sostanzialmente escluso dalla partecipazione attiva alle decisioni strategiche ed alla gestione corrente. Il mantenimento del management ungherese è stato di solito imposto al momento della privatizzazione, portando, in certi casi, a problemi e conflitti. Ad ogni modo, tale situazione è stata spesso accettata di buon grado dalla nuova proprietà che, anche nelle situazioni più problematiche, riconosceva il contributo potenzialmente positivo assicurato dalla permanenza dei responsabili locali all’interno della struttura organizzativa, grazie non solo alla conoscenza della legislazione nazionale, ma soprattutto per la conservazione delle reti di relazione locali, sia all’interno del sistema produttivo, sia nell’apparato amministrativo e politico. Queste ultime, in particolare, potevano risultare cruciali in un momento di creazione del mercato, nel quale le decisioni politiche ed amministrative avevano conseguenze molto importanti per l’attività di impresa (trattamento fiscale, politiche doganali, ecc.). Così, in un modo forse un po’ banale, si può rilevare la percezione anche da parte degli investitori esteri dell’importanza delle reti di relazione dell’impresa e l’interesse a non reciderle.

31Un’ulteriore caratteristica della privatizzazione ungherese mostra come la struttura delle relazioni e la natura e l’identità dei partecipanti possano essere cruciali, poiché influenzano il tipo di risorse che circolano nella rete. L’elevata burocratizzazione del processo di dismissione e la centralità del ruolo dell’agenzia per la privatizzazione ha determinato l’emergere di due principali reti di relazione: da un lato, i rapporti tra l’agenzia e le imprese statali da privatizzare, legati all’espletamento delle procedure di controllo burocratico-formale; dall’altro, le relazioni fra l’agenzia ed i possibili acquirenti. In questo modo, le imprese statali hanno dovuto concentrare la loro attenzione sul rapporto amministrativo con l’agenzia, che esercitava una stretta attività di supervisione, mentre le relazioni economiche con le altre imprese e con i possibili investitori sono state indebolite dalla riduzione dell’autonomia aziendale e dalla rilevanza assunta dai rapporti diretti con l’agenzia per la privatizzazione. La drastica riduzione degli ambiti di autonomia delle imprese, determinati dalla posizione preminente dell’agenzia per la privatizzazione nella nuova corporate governance, ha portato ad una certa erosione del capitale sociale dell’impresa ed ha creato vincoli importanti alle possibilità di costruire nuove relazioni. Tutto questo ha favorito l’assunzione di un ruolo passivo da parte delle imprese nei processi di privatizzazione o, in alternativa, di comportamenti elusivi dei controlli dell’agenzia, fino ad arrivare a forme di appropriazione illecita delle risorse aziendali da parte del management. In altre parole, si potrebbe dire che la particolare strutturazione del processo di privatizzazione in Ungheria ha indebolito la capacità delle imprese statali di partecipare pienamente alle reti di relazione, privandole della possibilità di sfruttare per l’assestamento e la ristrutturazione aziendale il contributo del capitale sociale, così importante in una situazione di carenza strutturale di altre risorse.

32In base a quanto detto finora, si può affermare che il capitale sociale ha avuto un ruolo molto importante nei processi di privatizzazione e, più in generale, nella trasformazione economica dei paesi dell’Est europeo. Questo perché la cooperazione fra imprese, sviluppata all’interno delle reti di relazione pre-esistenti, ha fornito spesso la risposta più facile ed immediata alle nuove condizioni economiche e di mercato. La carenza di risorse economiche e finanziarie è stata arginata dal rafforzamento dei vincoli inter-aziendali, che hanno consentito di reggere l’impatto congiunto del blocco dei trasferimenti statali, della riduzione della domanda, dell’aumento della concorrenza e della crisi di liquidità, solo per citare gli shock principali. Accanto ad un utilizzo difensivo del capitale sociale, si possono riconoscere strategie pro-attive. Il primo si è fondato sostanzialmente sul ricorso alle solidarietà ed ai rapporti tradizionali fra l’élite manageriale e burocratica dei passati regimi comunisti, rimasta in gran parte al proprio posto, al fine di tenere sotto controllo l’andamento di mercato, attraverso strategie cooperative e la costituzione di accordi di cartello o di gruppi industriali. Le seconde hanno cercato di ampliare gli ambiti ristretti delle reti di relazione locali fra i manager delle (ex) imprese di stato per costruire nuovi rapporti, principalmente con imprese straniere, con lo scopo di accedere a risorse estremamente importanti per il rafforzamento e lo sviluppo dell’impresa. Così, diventare fornitori o partner di un’impresa straniera ha costituito un salto di qualità nella traiettoria di crescita di un’azienda centro-europea. La costruzione di tali legami è stata un processo lungo, soprattutto per le imprese medio-piccole, mentre le più grandi hanno spesso potuto contare su contatti che risalivano al periodo comunista. Nell’incertezza delle prime fasi della trasformazione economica, le imprese dell’Est europeo hanno spesso dovuto accettare delle regole del gioco seguite e proposte dall’impresa straniera, per quanto riguardava il modo di gestire e di condurre l’attività economica, al fine di ottenere legittimazione, riconoscimento e fiducia. Ciò ha condotto ad una trasformazione profonda dell’impresa post-comunista, quasi ad una modifica della sua identità. Lo scambio, incorporato in un accordo di partnership essenzialmente commerciale, è potuto avvenire solo dopo una simile conversione.

33Le reti di relazione appaiono, dunque, cruciali per comprendere il percorso di ristrutturazione e sviluppo delle imprese privatizzate nei paesi dell’Europa centrale. Questo vale per le imprese di proprietà nazionale, poiché, soprattutto all’inizio del processo di trasformazione, hanno avuto a disposizione poche altre risorse. Anche le imprese estere, però, non hanno potuto fare a meno di costruire ed appoggiarsi a reti di relazione locali. Non potevano condurre la propria attività in un’enclave o controllare direttamente tutte le imprese con le quali avevano rapporti: attraverso la creazione di tali reti di relazione hanno dato un contributo importante alla rivitalizzazione delle economie locali.

4. Privatizzazione e ristrutturazione delle banche in Italia: un caso di centralità del capitale sociale?

34È già stato mostrato come il capitale sociale possa essere utile per dare conto dell’esito, per certi versi inatteso, del processo di privatizzazione delle prime due ex banche di interesse nazionale, il Credito Italiano e la Banca Commerciale Italiana. In quei casi, una procedura formalmente pensata per favorire una struttura di public company ha portato alla costituzione di un gruppo di controllo di minoranza, organizzato intorno a Mediobanca. Questo risultato è stato il frutto, da un lato, dell’assenza di risorse istituzionali essenziali per dar corpo al modello della public company (ad esempio, un mercato di borsa sviluppato, la presenza di forti investitori istituzionali, la minaccia credibile di take-over ostili, strumenti di protezione dell’azionariato di minoranza) e, dall’altro, dall’esistenza di una consistente dotazione di capitale sociale, collegata alla particolare struttura del capitalismo italiano, che, almeno fino ad ora, ha visto un ruolo cruciale di Mediobanca e dei gruppi industriali raccolti intorno ad essa.

35In realtà, la posizione di Mediobanca nel capitalismo italiano ha cominciato a mostrare alcuni limiti negli ultimi tempi, in seguito alla scomparsa del suo fondatore Enrico Cuccia (nel giugno del 2000) ed alla perdita di competitività rispetto alle banche d’affari internazionali, più dinamiche e di maggiori dimensioni. In particolare, la scomparsa di Cuccia sembra aver reso più evidenti i contrasti esistenti fra alcuni degli attori coinvolti, aprendo una specie di corsa al controllo di Mediobanca. Se da un lato queste vicende possono aver indebolito il ruolo di guida, per molti aspetti indipendente, esercitato per alcuni decenni da Mediobanca, dall’altro testimoniano la perdurante importanza della banca d’affari di Milano per il capitalismo economico e finanziario italiano. Inoltre, dal punto di vista del capitale sociale, l’importanza che sembra aver avuto la figura di Cuccia per assicurare i comportamenti cooperativi dei partecipanti al salotto buono della finanza italiana sottolinea la rilevanza degli aspetti non meramente economici nel funzionamento di Mediobanca. La ridefinizione della struttura di controllo di Mediobanca, con il nuovo patto di sindacato definito nella primavera del 2001, può essere letto come una ristrutturazione sia del network, sia degli aspetti istituzionali che caratterizzano il capitale sociale organizzato intorno alla banca d’affari milanese.

  • 11 Si veda, ad esempio, l’intervista a Guido Rossi apparsa su La Repubblica di lunedì 9 ottobre 2000, (...)
  • 12 La Banca d’Italia, nell’ambito della sua attività di vigilanza, ha il potere di autorizzare (o non (...)

36Ad ogni modo, il capitale sociale può fornire uno strumento di lettura rilevante anche per comprendere le privatizzazioni avvenute dopo quelle del Credito Italiano e della Banca Commerciale Italiana e, riprendendo lo schema delle tre fasi dei processi di dismissione, per analizzare la successiva ristrutturazione del sistema bancario, realizzata attraverso un’ondata notevolissima di fusioni ed acquisizioni, significativamente priva di esempi di scalate ostili. In questo ha giocato probabilmente la lunga tradizione di protezione del mercato bancario italiano, che ha consentito alle banche di intessere profondi legami di collaborazione. Tale protezione è derivata dall’assunzione da parte dello stato della tutela prioritaria della stabilità del sistema finanziario, considerata un bene pubblico ed affidata alle cure della Banca d’Italia. Inoltre, l’unione in capo alla Banca d’Italia della responsabilità per la stabilità del sistema bancario con quella di garanzia della concorrenza ha creato possibili conflitti fra le due attribuzioni. Secondo alcuni osservatori, l’impegno ad assicurare la stabilità del sistema ha fatto premio sulla promozione della concorrenza11, favorendo una ristrutturazione morbida e consensuale del settore bancario12. In questo modo, in termini di capitale sociale, si potrebbe dire che le recenti trasformazioni, anche macroscopiche, della struttura del settore bancario sono avvenute evitando la distruzione delle reti di relazione e del capitale sociale esistente; piuttosto, sembra che ne abbiano fatto largo uso, accrescendolo di conseguenza.

37Per quanto riguarda le privatizzazioni, dopo il risultato delle prime due dismissioni, «che provocò disappunto nei politici a causa della concentrazione di potere che si era realizzata» (Macchiati, 1999, 451), si decise di optare per la costituzione di azionariati stabili. Come già affermato, si tratta di un metodo che favorisce la valorizzazione di relazioni pre-esistenti e, in certi casi, orienta la selezione proprio sulla base delle garanzie offerte dagli investitori rispetto alla capacità di assicurare una fattiva cooperazione. In concreto, le successive cessioni delle quote di proprietà statale nelle banche hanno visto la combinazione di una Opv e di una procedura di trattativa privata per definire i noccioli duri. Inoltre, la legge sulla privatizzazione n. 474 del 1994 ha inserito la facoltà per le banche di prevedere nei propri statuti un limite del 5% alla proprietà di ogni azionista, fornendo un incentivo ulteriore alla creazione di accordi e di una fitta ragnatela proprietaria (Inzerillo e Messori 2000).

  • 13 La privatizzazione del Banco di Napoli costituisce un caso particolare poiché è stata realizzata ne (...)

38Le altre banche coinvolte nel programma di privatizzazioni, con la cessione di una quota di controllo, sono l’Imi (la collocazione della prima tranche è avvenuta a cavallo fra la privatizzazione del Credito Italiano e di quella della Banca Commerciale Italiana), la Bnl, il Banco di Napoli13 ed il Medio Credito Centrale. Per l’Imi e la Bnl sono state combinate Opv e trattativa privata, mentre per Banco di Napoli e Medio Credito Centrale è stato prescelto il metodo dell’asta competitiva. Quote di minoranza sono state cedute nel caso dell’Istituto San Paolo di Torino (6,2%) e della Banca di Roma (36,6%), ma tali cessioni sono state associate ad operazioni sul capitale della banca che hanno comportato la definizione di un azionariato stabile. In tutti i casi, esclusi quelli gestiti con asta competitiva, nel gruppo di controllo delle banche privatizzate sono state inserite altre banche ed almeno un’azienda assicurativa. L’asta per il Banco di Napoli è stata aggiudicata ad una società mista Ina-Bnl, mentre il Medio Credito Centrale è andato alla Banca di Roma.

  • 14 In un recente contributo, Macchiati (1999) ricorda anche, tra le critiche più diffuse al processo d (...)

39In che modo il capitale sociale può essere utile per dar conto di queste trasformazioni? A parte la generica considerazione sulle caratteristiche del metodo di privatizzazione14, un possibile spazio all’utilizzo del capitale sociale può essere trovato se si allunga il periodo di riferimento e si osserva la situazione a distanza di qualche anno. In effetti, le privatizzazioni sono state solo un elemento del profondo processo di ristrutturazione del sistema bancario italiano e l’intreccio delle partecipazioni acquisite al momento della cessione delle quote in mano allo stato è stato ridefinito dalle aggregazioni successive, che, come si è detto, sono avvenute essenzialmente attraverso accordi consensuali. L’unica fusione che può essere fatta risalire direttamente alla privatizzazione è quella di Imi e San Paolo, poiché ha consolidato una partecipazione reciproca acquisita nel corso dei processi di dismissione. Le altre fusioni di maggior rilievo hanno interessato il Gruppo Intesa (Cariplo, Ambroveneto ed ora anche Banca Commerciale Italiana) ed il gruppo Unicredito Italiano (Cassa di Risparmio di Verona, Crt e Credito Italiano). Alla fine degli anni Novanta, le banche privatizzate hanno contribuito alla creazione dei primi tre gruppi bancari del paese, mentre i due successivi sono rispettivamente la Banca di Roma (coinvolta nelle privatizzazioni) e il Monte dei Paschi di Siena. La Banca Commerciale Italiana è entrata nel Gruppo Intesa; San Paolo ed Imi hanno costituito un gruppo al quale si è aggregato in seguito il Banco di Napoli; il Credito Italiano ha contribuito alla creazione di Unicredito Italiano.

40Una possibile ipotesi è che le reti di relazione fra il management delle banche abbiano fornito una risorsa fondamentale per la gestione del processo di ristrutturazione del settore creditizio, sotto la spinta di riforme regolamentari e dell’aumento della concorrenza, anche internazionale, consentendo quella che potrebbe essere definita una forma di auto-regolazione della riorganizzazione del sistema bancario italiano da parte di questa élite. Per fornire alcuni spunti per valutare la plausibilità di una simile ipotesi, che comunque avrebbe bisogno di una verifica mediante uno studio specifico, si può fare riferimento ad alcuni aspetti strutturali della corporate governance degli istituti di credito e all’eventuale presenza di una rete di rapporti fra il management bancario. In pratica, si cercherà di rilevare quale sia il grado di autonomia del management rispetto alle strategie aziendali e l’esistenza effettiva di reti di relazione significative e potenzialmente attivabili per indirizzare la ristrutturazione del settore. In effetti, come si sottolineerà di nuovo nelle conclusioni, non basta che ci sia un accordo fra più parti per sostenere che questo sia stato raggiunto con il concorso essenziale del capitale sociale. La gestione consensuale di un processo può essere un indicatore del possibile ruolo delle reti di relazione, ma la sua conferma non può che derivare da uno studio specifico che riveli la struttura e le regole di funzionamento di tale rete di relazione, nonché le risorse disponibili ed attivate al suo interno.

41Per quanto riguarda il primo aspetto, è importante sottolineare una caratteristica tipica della corporate governance delle banche in Italia, ossia il ruolo fondamentale svolto dalle fondazioni bancarie. Le fondazioni bancarie sono enti di diritto pubblico senza fini di lucro che derivano dalla trasformazione, avvenuta all’inizio degli anni Novanta, degli istituti di credito con forma legale di fondazione: le casse di risparmio e gli istituti di credito di diritto pubblico. Una legge del 1990 aveva stabilito un incentivo affinché queste banche separassero la gestione dell’attività economico-commerciale dalle funzioni di carattere non-profit attraverso la costituzione di una società per azioni per la prima, mentre le finalità di interesse pubblico e sociale sarebbero state garantite da una fondazione che avrebbe detenuto in portafoglio le partecipazioni azionarie all’istituto di credito. La separazione dei ruoli e la trasformazione societaria sono avvenute nella prima metà degli anni Novanta. Il punto importante che qui importa sottolineare è che le fondazioni non possono occuparsi della gestione delle banche, ma si devono limitare ad amministrare la partecipazione. In questo modo:

il controllo proprietario da parte delle fondazioni assicura al management bancario non solo piena autonomia gestionale, com’è efficiente che sia, ma anche un’autonomia rispetto alla fissazione degli obiettivi e al conseguimento dei risultati che non è limitata né dalla supervisione e dalle verifiche degli azionisti di controllo né dalla contendibilità degli assetti proprietari (Inzerillo e Messori, 2000, 174).

  • 15 La Bnl è l’ultima delle grandi banche privatizzate che mantiene un assetto proprietario estraneo al (...)
  • 16 Un’interpretazione alternativa potrebbe segnalare come il ruolo preminente delle fondazioni, in qua (...)

42Se è così, se cioè il controllo da parte delle fondazioni assicura una sostanziale autonomia gestionale e strategica del management, non stupisce che, come segnalano gli stessi autori, le riaggregazioni proprietarie degli ultimi anni non abbiano portato ad un maggior ruolo di soggetti privati, ma sostanzialmente all’affermazione di una corporate governance fondata sulla posizione preminente delle fondazioni, anche a scapito degli azionisti privati entrati al momento delle privatizzazioni. Inoltre, è interessante notare come due banche di grandi dimensioni, privatizzate, che non rientravano già nell’ambito di controllo delle fondazioni, vi siano entrate successivamente: si tratta della Banca Commerciale Italiana e del Credito Italiano15. In effetti, quello che vede la preminenza delle fondazioni è apparentemente l’assetto proprietario che garantisce meglio l’indipendenza del management16.

43Per quanto riguarda il futuro di tale assetto proprietario, il decreto legislativo 153 del maggio 1999 (emanato in attuazione della cosiddetta legge Ciampi della fine del 1998) stabilisce che le fondazioni sono persone giuridiche private senza fine di lucro e richiede la cessione delle partecipazioni di maggioranza detenute in istituti di credito entro sei anni dall’entrata in vigore. Tuttavia, non appare scontato che queste disposizioni impediscano il mantenimento di partecipazioni consistenti e di un controllo di fatto sulle banche da parte delle fondazioni, poiché la legge adotta una definizione di controllo particolarmente restrittiva (il potere di nomina o di veto nei confronti della maggioranza degli amministratori o il possesso della maggioranza dei voti in assemblea da parte di ogni singola fondazione, anche in base ad accordi stipulati fra i soci). In questo senso, ad esempio, si è espressa l’Autorità garante della concorrenza e del mercato (2000, 183-184; si vedano anche le considerazioni di Inzerillo e Messori, 2000, 183-184). Anzi, com’è avvenuto nel caso della privatizzazione del Credito Italiano e della Banca Commerciale Italiana, il tetto alle quote di partecipazione individuali potrebbe favorire l’emergere di un modello di controllo fondato sulla presenza di più di una fondazione in ogni banca, rafforzando ulteriormente le reti di relazione e di collaborazione fra i vari attori. Piuttosto, vanno notati importanti segnali della volontà di assunzione di un ruolo diretto e rilevante da parte delle fondazioni. A quanto pare, le iniziative che dovrebbero ridefinire la struttura di controllo di Mediobanca entro l’estate del 2001 (le operazioni Consortium ed Euralux) potrebbero consentire l’ingresso diretto di alcune fondazioni bancarie nella banca d’affari.

44Un ulteriore effetto dell’importanza delle fondazioni nella struttura azionaria delle banche è la scarsa contendibilità degli assetti proprietari e questo potrebbe amplificare la rilevanza del capitale sociale. Infatti, la difficoltà di realizzare operazioni sul mercato impone, in un certo senso, che fusioni ed acquisizioni avvengano con il consenso delle parti coinvolte, valorizzando il possibile contributo delle reti di relazione fra gli attori. Ma si può dire che esistano rapporti duraturi e continuativi fra i manager bancari tali da far pensare ad una dotazione rilevante di capitale sociale, costruito attraverso la consuetudine di comportamenti cooperativi? A questo proposito, aiuta l’analisi di una recente vicenda che vede protagoniste tredici fra le banche più importanti del paese, coinvolte in un’istruttoria della Banca d’Italia per comportamento contrario alla concorrenza. Le tredici banche sono la Cariplo, il Banco Ambrosiano Veneto, la Banca Commerciale Italiana (ora unite nel Gruppo Intesa), la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza, la Banca di Roma, il Banco di Sicilia, la Banca del Monte dei Paschi di Siena, la Banca Nazionale del Lavoro, la Banca Popolare di Milano, la Banca Popolare di Novara, il Credito Italiano, la Deutsche Bank, l’Istituto San Paolo di Torino-Istituto Mobiliare Italiano. Secondo i riscontri raccolti, gli istituti coinvolti avevano costituito una specie di club denominato Gruppo degli Amici della Banca che organizzava incontri periodici.

Gli incontri sarebbero avvenuti con cadenza quasi mensile e avrebbero avuto a oggetto la discussione di aspetti strategici e commerciali inerenti all’attività operativa di ciascun partecipante e lo scambio di informazioni sui volumi e sui prezzi di vari servizi bancari, con l’effetto di agevolare il coordinamento delle politiche commerciali delle parti. Tali incontri risultavano essere proseguiti quanto meno dall’inizio del 1988 al marzo del 1999. Inoltre, è emerso che le tredici banche coinvolte nel procedimento hanno aderito al Gruppo in momenti diversi. Lo scambio di informazioni su volumi e condizioni di offerta di tutti i principali servizi bancari avveniva con riferimento a dati sia attuali sia prospettici, ossia relativi alle future strategie commerciali delle banche. […] Nell’ambito delle riunioni del Gruppo, oltre a verificarsi il sopra citato scambio di informazioni e a essere discussi temi di interesse comuni, veniva anche concordata l’assunzione di comportamenti comuni alle tredici banche. I verbali riportano, infatti, anche traccia della discussione in merito ad aspetti strategici e commerciali inerenti all’attività operativa di ciascun partecipante, al fine di rendere omogenei i comportamenti concorrenziali (Autorità garante della concorrenza e del mercato, 2000, 170-171).

45Una citazione così lunga si giustifica per la rilevanza dei comportamenti individuati che denotano una rete di relazione molto sviluppata e comportamenti cooperativi istituzionalizzati, tali da risultare secondo la Agenzia e la Banca d’Italia lesivi della concorrenza. In effetti, l’autorità ha osservato «che le restrizioni della concorrenza evidenziate risultavano di entità assolutamente consistente, in considerazione del fatto che esse sono state poste in essere dai primi dieci gruppi bancari italiani, che rappresentano circa il 55% del totale dei depositi e quasi il 60% degli impieghi a livello nazionale» (Autorità garante della concorrenza e del mercato, 2000, 172-173). La banca d’Italia ha condannato nel gennaio del 2000 le tredici banche coinvolte al pagamento di una sanzione di oltre 33 miliardi di lire, pari al 3% dei ricavi ottenuti.

46Gli elementi ricordati fino ad ora consentono di formulare l’ipotesi che il capitale sociale, in particolare costruito all’interno delle relazioni fra il management bancario, possa aver fornito una risorsa importante per la gestione della ristrutturazione del sistema creditizio italiano. Di più non è dato sostenere, in assenza di una ricerca specifica. Un’ultima considerazione, però, può essere fatta rispetto alla valutazione del suo effetto sull’efficienza del sistema. Nella maggior parte dei commenti, l’influenza dei fattori relazionali, nelle loro varie declinazioni (come la ragnatela proprietaria evidenziata da Inzerillo e Messori), è considerata in termini negativi, in quanto interferisce con una regolazione di mercato, considerata ottimale ed efficiente poiché ridurrebbe il peso degli interessi particolari. Presupposti impliciti di tali interpretazioni sono l’efficienza tecnica della regolazione di mercato ed il fatto che qualsiasi interferenza non possa che veicolare interessi particolari. Entrambi i punti sono controversi, ma non verranno affrontati in questa sede. Piuttosto, si vuole solo sottolineare che la recente trasformazione del sistema creditizio ha portato un miglioramento, anche in prospettiva, di alcuni importanti indicatori di efficienza del mercato (concentrazione, redditività, innovazione di prodotto e differenziazione dell’offerta, contenimento dei costi), combinandoli con gli effetti positivi di una gestione non traumatica e consensuale del cambiamento (in termini occupazionali, ad esempio).

5. Conclusioni

47La domanda alla quale si cercherà di rispondere in queste conclusioni è a quali condizioni le situazioni discusse possono effettivamente essere considerate esempi di utilizzo di capitale sociale. Se tutte le circostanze nelle quali vi sono una relazione ed una cooperazione fra attori potessero essere catalogate sotto il titolo di capitale sociale, allora il significato specifico del concetto perderebbe molta della sua forza esplicativa. Nel campo dell’analisi della sociologia economica sarebbe come richiamare una generica embeddedness dei fenomeni economici nei rapporti sociali, in gran parte scontata, data la natura relazionale dei processi economici. Invece, il concetto di capitale sociale, se utilizzato ed operativizzato in maniera rigorosa, può essere utile proprio per superare la possibile indeterminatezza dell’embeddedness, poiché consente di combinare l’attenzione alla struttura formale delle relazioni con la rilevanza attribuita ai contenuti istituzionali. In questo senso, la rilevanza teorica del capitale sociale può essere corroborata essenzialmente attraverso un suo utilizzo empirico, che eviti un uso evocativo e generico. Per cogliere appieno il contributo euristico del capitale sociale, si dovrebbero individuare la forma e l’estensione delle reti, i meccanismi e le regole di attivazione, nonché le risorse disponibili che transitano all’interno del network.

48Per evitare un ricorso essenzialmente retorico al concetto di capitale sociale può essere utile valutare la possibilità di utilizzare concetti alternativi, per poter selezionare quelli più facili da operativizzare e da utilizzare nel discorso interpretativo. L’uso del capitale sociale è più utile nelle situazioni in cui i tre elementi (reti, regole e risorse) sono direttamente rilevati e chiaramente identificati. Il suo utilizzo evocativo può essere giustificato in alcune occasioni, ma può servire essenzialmente per formulare un’ipotesi interpretativa (come nel caso qui esposto delle privatizzazioni e della ristrutturazione del sistema creditizio italiano), la cui attendibilità non può che essere rimandata a studi più mirati. Inoltre, è importante riuscire a cogliere il contenuto dinamico del capitale sociale: in sostanza, il capitale sociale è il risultato della creazione di norme condivise all’interno di reti di relazione. Cogliere i meccanismi di creazione, riproduzione o variazione di tali norme può essere un elemento cruciale delle ricerche che pongono il capitale sociale al centro del proprio quadro interpretativo.

49Affermare che ogni soluzione cooperativa derivi dalla presenza di capitale sociale è sostanzialmente tautologico, oltreché banale. Non è banale, però, mostrare che la scelta di una strategia cooperativa è compiuta a scapito di possibili opzioni individualistiche, potenzialmente migliori da un qualche punto di vista razionale. Il contributo sociologico fondamentale del concetto di capitale sociale è indicare come la scelta individuale sia influenzata da elementi cognitivi (la percezione delle strategie praticabili e l’aspettativa rispetto al comportamento altrui) ed istituzionali (codici di condotta condivisi), costruiti (e confermati) all’interno di relazioni sociali relativamente stabili.

Torna su

Bibliografia

Autorità garante della concorrenza e del mercato (2000), Relazione annuale sull’attività svolta, 30 aprile, Roma, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria.

Bagnasco A. (1999), Tracce di comunità, Bologna, Il Mulino.

Cnel (1997), Le Privatizzazioni delle Imprese Pubbliche. Aspetti giuridico-normativi ed economico-finanziari, «Documenti», 10, Roma, Cnel.

Coleman J. S. (1990), Foundations of Social Theory, Cambridge, Mass., The Belknap Press of Harvard University Press.

Inzerillo U. e Messori M. (2000), Le privatizzazioni bancarie in Italia, in de Nardis S. (a cura di), Le privatizzazioni italiane, Bologna, Il Mulino, pp. 119-190.

Macchiati A. (1999), Breve storia delle privatizzazioni in Italia: 1992-1999. Ovvero: si poteva far meglio?, «Mercato, concorrenza, regole», I, 3, dicembre, pp. 447-469.

Ministero del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica (1999), Rapporto sulle riforme economiche, dicembre.

Mutti A. (1998), Capitale sociale e sviluppo, Bologna, Il Mulino.

Oecd (2000), Recent privatisation trends, «Financial markets» Trends, 76, giugno, pp. 43-64.

Pedersini R. (1998), La privatizzazione nei paesi dell’Europa centrale, «Stato e Mercato», 53, agosto, pp. 231-285.

Piselli F. (1999), Capitale sociale: un concetto situazionale e dinamico, «Stato e Mercato», 57, dicembre, pp. 395-417.

Pizzorno A. (1999), Perché si paga il benzinaio. Nota per una teoria del capitale sociale, «Stato e Mercato», 57, dicembre, pp. 373-394.

Putnam R. (1993), La tradizione civica nelle regioni italiane, Milano, Arnoldo Mondadori Editore.

Regini M. (2000), Modelli di capitalismo. Le risposte europee alla sfida della globalizzazione, Bari, Laterza.

Trigilia C. (1999), Capitale sociale e sviluppo locale, «Stato e Mercato», 57, dicembre, pp. 419-440.

Wright V. (1996), Privatizzazione industriale e bancaria in Europa occidentale: alcuni paradossi, «Stato e Mercato», 47, agosto, pp. 191-234.

Torna su

Note

1 In italiano, il termine capitale sociale si riferisce correntemente al capitale societario, ossia all’ammontare dell’insieme dei conferimenti dei soci di una società commerciale. Nell’articolo, come negli altri della sezione monotematica di questo numero dei «Quaderni di Sociologia», verrà utilizzato facendo riferimento alla nozione di social capital, sviluppata ed applicata nell’ambito delle scienze sociali. È una notazione superflua per chi conosce la letteratura sul social capital e segue e partecipa al dibattito italiano sul capitale sociale, ma è importante ricordarlo, poiché il tema dell’articolo, che associa il capitale sociale ai processi di privatizzazione, potrebbe indurre in errore i non addetti ai lavori.

2 Coleman afferma che «come altre forme di capitale, il capitale sociale è produttivo, rendendo possibile il raggiungimento di certi obiettivi che non sarebbero realizzabili in sua assenza» (1990, 302). A questo proposito, vale la pena osservare che il capitale sociale è produttivo innanzitutto per gli obiettivi e le strategie individuali. È bene distinguere, quindi, tra l’effetto individuale di ausilio all’azione e quello collettivo, che dipenderà dall’impatto delle azioni individuali. Mentre il primo può essere inteso soggettivamente positivo, la valutazione del secondo rimane una questione aperta.

3 Si veda Pizzorno (1999) sulle differenze strutturali fra le relazioni cooperative, sostenute dal capitale sociale, e quelle di scambio, riconducibili a logiche diverse ed opposte rispetto a quelle del capitale sociale.

4 E questo vale anche per attori fra loro concorrenti! Si può notare, a questo proposito, che l’aspettativa di comportamento cooperativo basta che sia credibile per il futuro, non serve necessariamente che sia sperimentata nel passato – anche se questo aiuta, naturalmente. Fra concorrenti, in effetti, possono esistere tutte le tre componenti del capitale sociale: le relazioni, la comune appartenenza ad una professione e ad un settore, che può favorire un riconoscimento reciproco e la condivisione di determinati valori e norme di comportamento, la disponibilità di risorse mutuamente strategiche. È ovvio, comunque, che la persistenza di un rapporto di competizione nel mercato nel suo complesso rende l’opportunismo particolarmente vantaggioso e gli accordi molto instabili, come dimostra la letteratura economica su trusts e cartelli. Ciò può essere dovuto al fatto che gli attori si muovono su di un terreno monodimensionale, dove quello che conta di più è l’interesse e non l’appartenenza, ed agiscono all’interno di un rapporto essenzialmente di scambio e, quindi, secondo Pizzorno (1999), sostanzialmente al di fuori dell’ambito del capitale sociale.

5 In questo senso, si può parlare di costruzione intenzionale e strumentale del capitale sociale; per distinguere tali rapporti da quelli di scambio può essere utile fare riferimento agli eventuali contenuti di appartenenza e di identità della relazione, nonché alla presenza di motivazioni alla cooperazione diverse da quelle riconducibili all’interesse personale.

6 La questione che qui viene posta è quella della possibilità di un capitale sociale istituzionalizzato. Se, ad esempio, si può parlare di capitale sociale nel caso di reti di relazione stabili fra organizzazioni, definite da un insieme di regole. Concretamente: un sistema istituzionalizzato di concertazione (nazionale o locale) è capitale sociale? In termini più generali, ci si potrebbe anche chiedere se i modi di regolazione costituiscano capitale sociale (e magari che tipo di capitale sociale sia più affine a ciascun modo di regolazione, tentando una rilettura dei fondamenti istituzionali del modello polanyiano delle forme di scambio). Il problema, individuato chiaramente da Bagnasco (1999) è che il nesso causale fra capitale sociale e modo di regolazione è sostanzialmente indeterminato. È il capitale sociale a far sorgere il modo di regolazione o il meccanismo procede in senso inverso? Viste le caratteristiche relazionali del capitale sociale sono plausibili entrambi i meccanismi di causazione. Tralasciando in questa sede il problema essenziale, ma molto complesso, dell’origine di questo circolo virtuoso, si può dire, rimanendo all’esempio precedente, che la concertazione può funzionare se esiste capitale sociale e d’altra parte l’obbligo di cooperare può (forse) favorire la creazione di capitale sociale. È chiaro, però, che i due aspetti sono distinti. Inoltre, separare chiaramente il modo di regolazione dalle variabili che lo possono sostenere, intendendo il rapporto fra loro problematico e non scontato, può essere utile, da un punto di vista analitico, per chiarire gli aspetti dinamici e le trasformazioni che la regolazione subisce nel corso del tempo. Così, la recente riflessione sui patti sociali e sulla differenza fra lo scambio politico degli anni settanta-ottanta e la concertazione degli anni novanta cerca di analizzare le diverse risorse (anche relazionali) che sembrano favorire le attuali esperienze concertative. Sulla modifica del contesto nel quale si sviluppano i patti sociali degli anni novanta, non più favoriti dalla disponibilità di risorse pubbliche e dalla centralizzazione del sistema di relazioni industriali, si veda ad esempio Regini (2000).

7 La valutazione della dotazione relativa delle varie forme di capitale o, più in generale, delle risorse è un criterio utilizzato anche da Coleman per apprezzare l’importanza del capitale sociale per ogni singolo individuo quando, ad esempio, osserva come il benessere comporti una perdita di rilevanza del capitale sociale nelle società economicamente più avanzate, in quanto «rende le persone meno dipendenti una dall’altra» (1990, 321). Anche Fortunata Piselli (1999) ricorda i risultati di una ricerca che mostra come il capitale sociale delle persone più agiate, misurato come densità delle reti di relazione, rappresenti per loro un peso, più che una risorsa. In quest’ultimo caso, sembrerebbe quasi che la poca rilevanza delle reti di relazione all’interno della dotazione individuale di risorse ne faccia risaltare le componenti di vincolo (il rispetto delle norme e delle obbligazioni che derivano dalla partecipazione alla rete), più che quelle di opportunità.

8 Come si vedrà più avanti, queste due diverse strategie possono essere considerate, rispettivamente, conservatrici (nel senso che fanno affidamento su risorse relazionali ed istituzionali esistenti) ed innovative.

9 Il ruolo fondamentale delle scelte politiche nella privatizzazione è ben colto dal paradosso dello stato interventista segnalato dal Wright (1996).

10 Per un’analisi più approfondita delle caratteristiche salienti dei vari processi di privatizzazione nei paesi dell’Europa centrale (Polonia, Repubblica Ceca ed Ungheria), qui richiamate solo per sommi capi, sia consentito di rimandare ad un lavoro precedente (Pedersini, 1998).

11 Si veda, ad esempio, l’intervista a Guido Rossi apparsa su La Repubblica di lunedì 9 ottobre 2000, pp. 38-39. Guido Rossi afferma, tra l’altro, «L’esperienza ha dimostrato che fu un errore isolare il sistema bancario e lasciargli un’autorità di vigilanza separata [rispetto all’Autorità garante della concorrenza e del mercato, n.d.a.]. La Banca d’Italia si è trovata in un conflitto permanente tra le sue vocazioni, e ha finito col privilegiare sistematicamente la stabilità del sistema sulla sua concorrenza. Quando alla fine ha «pizzicato» comportamenti collusivi delle banche a danno dei clienti, lo ha fatto con multe irrisorie».

12 La Banca d’Italia, nell’ambito della sua attività di vigilanza, ha il potere di autorizzare (o non autorizzare) l’acquisizione di quote di partecipazione superiori al 5% negli istituti di credito, nonché di approvare le offerte pubbliche di acquisto e di scambio (Opas). Per quanto riguarda l’atteggiamento della Banca d’Italia rispetto alle offerte pubbliche di acquisto (Opa) ostili nel settore bancario, si veda l’articolo de «Il Sole-24 ore» del 1° giugno 1999: «Le Opa ostili? Sono laboriose e troppo rischiose», che riprende nel titolo un’affermazione del governatore Antonio Fazio. In particolare, l’articolo citato ricorda la mancata autorizzazione dell’Opas di Unicredito sulla Banca Commerciale Italiana (non gradita da quest’ultima) e quella dell’Istituto San Paolo-Imi nei confronti della Banca di Roma.

13 La privatizzazione del Banco di Napoli costituisce un caso particolare poiché è stata realizzata nell’ambito di un processo di risanamento e ristrutturazione.

14 In un recente contributo, Macchiati (1999) ricorda anche, tra le critiche più diffuse al processo di privatizzazione italiano, quella che si riferisce al fatto che «laddove il Tesoro ha ceduto il controllo non sempre sarebbero stati chiari i criteri con i quali venivano individuati i partecipanti al nucleo stabile» (454).

15 La Bnl è l’ultima delle grandi banche privatizzate che mantiene un assetto proprietario estraneo alle fondazioni. Nell’ultimo periodo, sono state avanzate molte ipotesi riguardo ad una sua possibile aggregazione con uno dei maggiori gruppi bancari italiani. Nel settembre del 2000, si era parlato di un interessamento della Banca di Roma, mentre nei primi mesi del 2001 ha acquisito consistenza l’ipotesi di una fusione con il Monte dei Paschi di Siena.

16 Un’interpretazione alternativa potrebbe segnalare come il ruolo preminente delle fondazioni, in quanto azionisti senza possibilità di intervento nella gestione, consenta agli altri soci privati di risparmiare il costo del controllo. In altre parole, se le fondazioni possiedono una quota di proprietà, gli altri soci possono controllare efficacemente un istituto di credito con una partecipazione relativamente più bassa rispetto a quella necessaria nel caso di loro assenza. Questo potrebbe anche fornire una spiegazione al consenso accordato dagli azionisti privati di Banca Commerciale Italiana e Credito Italiano all’entrata in gruppi controllati da fondazioni: il loro peso sarebbe stato maggiore, rispetto alle quote detenute, e la presenza delle fondazioni avrebbe sterilizzato buona parte del capitale sociale e protetto le banche da acquisizioni non gradite.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Roberto Pedersini, « Social capital e processi di privatizzazione »Quaderni di Sociologia, 25 | 2001, 67-92.

Notizia bibliografica digitale

Roberto Pedersini, « Social capital e processi di privatizzazione »Quaderni di Sociologia [Online], 25 | 2001, online dal 30 novembre 2015, consultato il 25 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1308; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1308

Torna su

Autore

Roberto Pedersini

Dipartimento di Studi Sociali e Politici – Università di Milano

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search