Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri25teoria e ricercaAlcuni aspetti sociologici dei ri...

teoria e ricerca

Alcuni aspetti sociologici dei rischi ambientali: il caso Vesuvio

Raffaele Sibilio
p. 125-141

Testo integrale

1. Premessa

1Il presente lavoro, nella sua prima parte, intende fornire le coordinate essenziali relativamente all’analisi sociologica delle situazioni di rischio ambientale e una sintetica panoramica di come le scienze sociali stanno producendo, negli ultimi anni, un prolifico sforzo volto a coadiuvare, anche da un punto di vista nomotetico, le politiche di programmazione degli interventi sui territori e sulle comunità che li abitano e la pianificazione delle emergenze. In questo, gli aspetti relativi alla percezione e alla comunicazione del rischio, nonché lo studio dei comportamenti collettivi in situazioni di danno potenziale e di emergenza, mantengono un ruolo assolutamente nevralgico.

2Successivamente, ci si soffermerà, in maniera più specifica, sull’analisi di un caso concreto: quello del Vesuvio e del relativo rischio vulcanico per tutta la vasta area urbanizzata proliferata alle sue pendici. In particolare, si forniranno, sinteticamente, i risultati di una nostra indagine empirica volta a valutare la conoscenza e la metabolizzazione, da parte delle popolazioni interessate, del Piano di emergenza e la sua ricaduta in termini sociali ed istituzionali, privilegiando gli aspetti percettivi e comunicativi.

2. I rischi ambientali e il concetto di disastro nell’analisi sociologica

3Lo studio scientifico del rischio, di come esso è percepito, comunicato e gestito, si è sviluppato nell’ambito delle scienze sociali solo negli ultimi anni ed è ancora alla ricerca di paradigmi ed efficaci strumenti epistemologici e metodologici. In particolare è la discussione sui rischi ambientali che rivela una più marcata carenza di adeguate costruzioni teoriche. Infatti, mentre le scienze naturali dell’ambiente possono contare su una solida tradizione analitica ed empirica, le scienze sociali dell’ambiente vivono una situazione di disarmonia tra la novità dei problemi che spesso si trovano ad affrontare e il sovraccarico di vecchie prospettive ormai inadeguate.

4L’interesse suscitato da queste nuove discipline è evidentemente legato allo strappo ambientale che ha caratterizzato le epoche moderna e postmoderna, all’alterazione drammatica dell’equilibrio tra il sistema sociale e il sistema naturale nel suo complesso. La società attuale ha reso urgenti i problemi ecologici e quelli legati ai rischi connessi al ritmo dell’evoluzione tecnologica, quelli etici relativi alle tecniche biogenetiche ma anche quelli prodotti dalle conseguenze di dissennate politiche di gestione del suolo e quelli relativi alla distribuzione delle risorse (sempre più scarse), dei costi, dei profitti e dei rischi ambientali.

5Solo negli anni più recenti si è avuta la sensazione che la scienza sociale stia andando, in questo campo specifico, oltre la discussione basata sulle classiche teorie dell’azione e i tradizionali, e spesso riduttivi, modelli economicistici: è in via di affermazione un orientamento più problematico nel quale vengono ad assumere un ruolo cruciale la complessità, il caos, la pianificazione integrata.

6L’analisi sociologica, quindi, va proponendosi come momento nevralgico e trasversale nell’approccio complesso e integrato al rischio, rivelandosi indispensabile in qualsiasi prospettiva si affronti il tema. Da qualunque punto di vista lo si analizzi – come è prodotto (risk production), come è percepito (risk perception), come è valutato (risk assesment), come è gestito (risk management) – il rischio si rivela sempre come costrutto socio-culturale. (Cfr. Amendola, 1995).

  • 1 Secondo la quale il concetto di rischio è applicabile in contesti nei quali incertezza e danno pote (...)

7Se si accetta la tassonomia luhmanniana, attributiva e costruttivistica1, allora è evidente come la nostra epoca si caratterizzi per due fenomeni: lo spostamento progressivo dal pericolo al rischio e l’aumento oggettivo delle situazioni di danno potenziale e di incertezza. È, infatti, del tutto plausibile che nella società attuale l’accrescimento delle capacità tecniche e scientifiche consenta un incremento della possibilità di decisione e dunque inneschi un progressivo passaggio da una società del pericolo ad una società del rischio; in questo caso assumono grande rilevanza le scelte con cui vengono ripartiti rischi e possibilità decisionali tra i diversi attori sociali. Il secondo fenomeno menzionato è sì afferente all’accelerazione tecnologica, all’esaurimento delle risorse e all’incremento della complessità sistemica – dunque ai rischi definibili men made – ma non si dimentichi come dissennate politiche di gestione del territorio possano amplificare incalcolabilmente la portata dei disastri cosiddetti naturali, la loro frequenza, i loro costi in termini economici e sociali. Dunque, viviamo in un ambiente sempre più caratterizzato dalla progressiva trasformazione di pericoli in rischi da un lato, ma, dall’altro, da un aumento notevole sia degli uni che degli altri. L’incertezza assurge a paradigma esistenziale (Cfr. Beck, 1986).

8Un approccio sociologico ai disastri ambientali (provocati o meno dall’uomo) deve tenere conto di queste tendenze.

9Ma che tipo di lettura sociologica possiamo dare dell’evento catastrofico, del disastro? Come definirlo?

10La storia umana è il processo attraverso cui gli uomini, opponendosi alla natura per dominarla la cambiano e cambiano se stessi (Coser, 1971; cfr. Marx, 1859). Ora, il disastro è una manifestazione acuta, per violenza e rapidità, della sfida ambientale cui ogni società deve far fronte quotidianamente (Cattarinussi e Strassoldo, 1978). Un evento traumatico per il quale entità sociali di diversi livelli subiscono uno sconvolgimento delle loro attività quotidiane sia per il risultato di un impatto effettivo sulle strutture e le gerarchie che le consentono, sia per la percezione (più o meno fondata) dell’esistenza della possibilità di ulteriori eventi dovuti ad agenti incontrollabili. A rigore di logica il concetto di disastro non è associabile all’aggettivo «naturale»: un disastro esclusivamente naturale non esiste, non ha senso, è una contraddizione in termini. Ogni disastro è sempre sociale, esso consiste nell’effetto che un evento naturale catastrofico produce, in modo più o meno diretto, su esseri viventi. Può essere considerato disastroso un terremoto che si verifica in una zona totalmente disabitata? Dunque, il concetto di disastro implica, intrinsecamente, una componente di tipo sociale e sono i comportamenti umani e le loro conseguenze perverse che fanno si che un evento naturale abbia effetti disastrosi.

11Non vi è dubbio che dal punto di vista sociologico il disastro presenta un estremo interesse; esso, infatti, è capace di evidenziare le funzioni base del sistema sociale e valorizzare le sue strutture fondamentali, come la famiglia. Si genera una situazione specialissima in cui si sfilacciano molte sovrastrutture psico-culturali e l’uomo è provvisoriamente ricondotto alla sua natura fondamentale di zòon politicòn, altruista e curioso, solidale ma gerarchico; i normali schemi organizzativi e politici sono sospesi; la collettività vive una situazione di mobilitazione, un clima di provvisorietà che può divenire stato embrionale di una organizzazione radicalmente diversa, momento iniziale di un percorso morfogenetico completamente nuovo, catastrofico (nell’accezione thomiana del termine) (Cfr. Odd Ambrosetti et al., 1986). La perdita dei riferimenti fisici e simbolici dell’habitat vitale comporta un estremo attaccamento alla comunità, soprattutto nei primi momenti di emergenza, ma lo stesso disorientamento sarà poi causa (nelle fasi successive) di drammatici conflitti sociali. I processi di ricostruzione, poi, confermano la funzione fondamentale del senso di appartenenza territoriale, basato sulle esperienze di vita e sulla memoria collettiva, che, per i primi tempi, rimane l’unico collante sociale dei sopravvissuti. Questi, infatti, spesso hanno perso non solo amici, parenti, case, ma anche la maggior parte delle relazioni sociali, hanno insomma vissuto la polverizzazione, l’annichilimento, lo smembramento della comunità. Ogni ricostruzione dovrebbe sempre tenere presente, e questa consapevolezza è spesso mancata nella gestione dei disastri nel nostro paese (Cfr. Capraro, 1975), la necessaria rigenerazione sociale, oltre alla ricostruzione fisica ed economica dell’ambiente di vita.

12È palese come nella sociologia dei rischi e dei disastri sia del tutto prioritario lo studio degli aspetti percettivi e culturali. Le rielaborazioni intellettuali di preoccupazioni e angosce, le sovrastrutture sociali collettive, i valori fondamentali della collettività, sono discriminanti fondamentali dell’impatto sociale dell’evento catastrofico, se non, addirittura, le coordinate genetiche del disastro come fenomeno sociale. Già Douglas e Wildavsky (1982) delineavano una teoria culturale del rischio in cui gli individui potevano essere allocati in categorie, disposti per tipi ideali, a seconda del tipo di percezione e di reazione di fronte ad eventi catastrofici, in base alla condivisione di valori e atteggiamenti; dove, invece, il paradigma psicometrico (Slovic, 1987) descriveva sì il rischio in una dimensione relativistica e soggettiva ma lasciava agli eventi effettuali oggettivi un ruolo del tutto determinante e prioritario. Il passo ulteriore, in atto negli ultimi anni, è una sintesi che tenda all’integrazione dei due approcci secondo una logica in cui sono le caratteristiche sociali, culturali e psicologico-individuali che funzionano da catalizzatori nelle dinamiche di amplificazione di certe categorie di elementi oggettivi piuttosto che altre.

13Secondo Covello (1983, 1992) l’analisi psicologica ha evidenziato ben 47 fattori d’influenza della percezione del rischio (tra cui la capacità di autocontrollo, le convinzioni religiose, il livello di fiducia). Ha poco senso parlare di un livello oggettivo di rischio, ciò che conta è la percezione sociale del rischio, perché spesso in questi casi «perception is reality» (u.s. National Research Council, 1989). Tuttavia, pure esistono alcuni fattori fondamentali per la modulazione della percezione del rischio da considerare, in linea di massima, generalizzabili; tra essi:

  • il potenziale catastrofico: la gente tende a preoccuparsi maggiormente degli eventi concentrati spazio-temporalmente (ad esempio un incidente aereo) piuttosto che di eventi diluiti, anche dove questi ultimi presentino danni molto più ingenti (ed esempio gli incidenti d’auto o le conseguenze del fumo);

  • familiarità: le persone si preoccupano maggiormente dei rischi meno familiari (ad esempio il buco nell’ozono) anziché di quelli più scontati (ad esempio incidenti domestici);

  • capacità di comprensione: le persone sono più impaurite se i potenziali danni derivano da dinamiche di cui non conoscono il funzionamento (ad esempio esposizione a campi elettromagnetici);

  • incertezza scientifica: i timori della gente sono inversamente proporzionali alle conoscenze scientifiche in materia. Tendenzialmente si teme molto di più la sindrome da bse, piuttosto che gli incidenti stradali, anche se in termini di costi e di vite umane i secondi sarebbero immensamente più preoccupanti, oggettivamente;

  • possibilità di controllo personale e volontarietà: gli individui temono più gli eventi su cui hanno scarso o nullo controllo, rispetto a quelli largamente controllati (o illusoriamente controllati) da loro stessi. Nella terminologia luhmanniana: gli individui temono più i danni da pericolo che quelli da rischio. Ad esempio, i rischi derivanti dal fumo sono percepiti assai diversamente da quelli relativi ad una contaminazione ambientale;

  • reversibilità: la definitività spaventa l’uomo in ogni caso, perfino ove si tratti di eventi non negativi.

14A questi fattori ne andrebbero aggiunti molti altri, alcuni molto complessi da analizzare e relativi al tipo di organizzazione sociale e all’assiologia delle specifiche comunità umane: la fiducia nelle istituzioni, la memoria storica di eventi simili, il ruolo dei media ed altri ancora. È, dunque, dalla valutazione di innumerevoli variabili e dalla loro intersezione che solo si può risalire alle dinamiche percettive che presiedono alla costruzione sociale del disastro.

3. Il caso Vesuvio. La nascita del pev

15L’ultima eruzione del Vesuvio si verificò nel marzo del 1944, mentre l’Italia del Sud era occupata dalle truppe americane comandate dal generale Clark. Poi, nel dopoguerra, le emissioni gassose si ridimensionarono notevolmente, fino alla totale scomparsa del pennacchio che aveva reso famoso in tutto il mondo il vulcano partenopeo.

16Il Gruppo Nazionale per la Vulcanologia (gnv), dopo anni di ricerca sulla pericolosità delle future eruzioni, consegnava nel 1990 i risultati al Dipartimento di Protezione Civile, sollecitandolo a programmare la stesura di un Piano di emergenza.

  • 2 L’eruzione assunta come riferimento per la preparazione del Piano di emergenza è quella avvenuta ne (...)

17L’eruzione massima attesa se il vulcano riprendesse la sua attività è di tipo esplosivo2. I fenomeni più ricorrenti durante questo tipo di eruzione consistono nell’espulsione di magma (nell’ordine delle centinaia di milioni di tonnellate), nell’abbondante caduta di blocchi, cenere e lapilli (prevalentemente pomicei) e nello scorrimento devastante di flussi piroclastici e di colate di fango.

  • 3 La Commissione, presieduta dal Prefetto di Napoli, era formata da: tecnici del Dipartimento per la (...)

18Così, con l’ordinanza n. 2167/fcp del 5/9/1991, il Ministro per il Coordinamento della Protezione Civile disponeva l’istituzione di una Commissione incaricata di stabilire le linee guida per la valutazione del rischio vulcanico nell’area vesuviana, finalizzata alla pianificazione dell’emergenza. Nell’ottobre 1992, la Commissione redigeva un rapporto finale che individuava una serie di azioni di ricerca, raccolta ed elaborazione dati, nonché di potenziamento dei sistemi di sorveglianza del vulcano, necessarie per poter migliorare il monitoraggio, valutare le criticità e stendere con piena cognizione il Piano di Emergenza Vesuvio (pev). Nell’agosto del 1993, su sollecitazione del Prefetto di Napoli, il Sottosegretario di Stato alla Protezione Civile istituiva la Commissione3 incaricata di provvedere alla elaborazione di un Piano di emergenza dell’area vesuviana connessa a situazioni di rischio vulcanico.

19Circa due anni dopo (nel settembre del 1995) la Commissione approvava il documento elaborato nel corso dei lavori e così il pev diventava definitivamente operativo. Successivamente, con Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 247 del febbraio 1996, veniva istituita la Commissione incaricata di provvedere all’aggiornamento dei piani di emergenza dell’area Flegrea e Vesuviana connessi a situazioni di rischio vulcanico.

20Già dalle prime fasi di studio, risultava del tutto evidente che lo scenario eruttivo di riferimento non consente che un’unica strategia possibile per la salvaguardia degli abitanti delle zone interessate dagli effetti vulcanici: l’allontanamento dall’area interessata prima dell’inizio dell’eruzione, sulla base dei fenomeni precursori rilevati dai sistemi di monitoraggio.

21L’evacuazione controllata di una popolazione tanto vasta, richiedeva un’attenta e complessa programmazione. Furono così approfondite le seguenti problematiche:

  1. a) individuazione dei mezzi di trasporto da utilizzare per evacuare;

  2. b) studio della collocazione degli evacuati attraverso lo sviluppo di un piano di gemellaggio tra ogni regione italiana con un comune dell’area a rischio;

  3. c) studio dei modelli di rientro.

22Dalla lettura del Piano, emerge che il ruolo fondamentale della pianificazione spetta agli Amministratori comunali ed ai cittadini senza la cui partecipazione, attenta ed attiva, nessuna programmazione può avere successo.

23La pianificazione dell’emergenza è strutturata in due parti: un Piano Generale ed i Piani Particolareggiati, la cui stesura spetta ai singoli Comuni interessati.

  • 4 Le fasi sono le seguenti: attenzione – preallarme – allarme (evacuazione) – attesa – durante l’even (...)

24Il Piano nazionale prevede sei fasi4 operative e due aree specifiche di intervento: la zona rossa e la zona gialla. La prima è identificata come zona ad alto rischio e comprende 18 comuni della provincia di Napoli. Lo scenario atteso dell’evento indica per la zona rossa una devastazione totale e, di conseguenza, un esodo delle popolazioni (si tratta di circa 600.000 persone) senza possibilità di ritorno, se non dopo lungo tempo. Per la zona gialla – comprendente 59 comuni delle provincie di Napoli e Salerno – è prevista, invece, una evacuazione parziale la cui esatta entità andrà decisa al momento dell’eruzione (verosimilmente si tratta di circa 100.000 persone); in questo caso i residenti potranno ritornare alle loro abitazioni dopo pochi giorni.

25Per l’evacuazione dovrà essere utilizzata una sola vettura per famiglia e sarà un unico membro della famiglia ad allontanarsi con essa, mentre gli altri componenti saranno trasportati da appositi mezzi (via terra, via mare e via aria). Si prevede che l’intera operazione possa essere conclusa in 7 giorni.

4. L’indagine empirica5

  • 5 La ricerca, coordinata per la parte socio-economica da Raffaele Sibilio e per quella psicologica da (...)

26Il particolare comportamento del vulcano e le caratteristiche dell’espansione metropolitana dell’area urbana circostante delineano un rischio del tutto peculiare, quantomeno perché il tutto si verifica in uno scenario socio-territoriale che presenta elevati elementi di atipicità, se non altro, per le vicende storiche e per le problematiche, di natura prevalentemente sociale, che attanagliano quei territori.

27Tra l’altro, l’area oggetto di studio è – paradossalmente – tra le più altamente antropizzate del mondo ed è caratterizzata da una profonda compromissione ambientale, tanto da essere stata dichiarata, ai sensi della legge n. 349/86, nel 1990 «Area ad elevato rischio di crisi ambientale». Fenomeni di urbanizzazione selvaggia, uno scellerato abusivismo edilizio e un radicale e rapido processo di deruralizzazione hanno esponenzialmente aumentato l’esposizione a varie tipologie di rischio: quello fisico-naturale, (in particolare quelli di natura idrogeologica) ma anche quello di inquinamento e quello sociale: basti pensare alla presenza, nell’area, di una criminalità diffusa e radicata.

28Obiettivo della ricerca era quello di verificare le condizioni istituzionali e sociali migliori per consentire una puntuale e razionale interiorizzazione del Piano di emergenza dell’area vesuviana da parte di coloro i quali, a diversi livelli e a differente titolo, dovranno essere attori del processo.

29In questo contesto, la nostra principale ipotesi di base era quella relativa alla non adeguata conoscenza del Piano, nella sua filosofia e nei suoi dettagli operativi, da parte di coloro i quali dovrebbero rappresentare i veri e propri canali di trasmissione dei comportamenti necessari nei riguardi dei cittadini.

30La non adeguata conoscenza si sovrappone, poi, alla parallela imperfetta consapevolezza sui ruoli e sulle funzioni che vanno demandate alle diverse istituzioni, determinando, di conseguenza, una confusione istituzionale che delegittima l’esistenza stessa e la credibilità del Piano.

 

31La particolare natura del tema di indagine, la molteplicità di aspetti che – direttamente ed indirettamente – si ricollegano ad esso e al rischio vulcanico in generale, insieme alla particolarità della realtà socio-economica e culturale in cui è stato osservato, hanno richiesto una metodologia tale che potesse rendere ragione, in modo esauriente e compiuto, del fenomeno che si è inteso analizzare.

32Così, per la verifica delle ipotesi formulate, si è optato per una ricerca di campo, che si è attuata ricorrendo ad un’indagine diretta, resa possibile dalla somministrazione di questionari opportunamente articolati.

  • 6 I Comuni sono: Boscoreale, Boscotrecase, Cercola, Ercolano, Massa di Somma, Pollena Trocchia, Pompe (...)

33La ricerca ha avuto come riferimento l’utenza di primo livello dei comuni esposti direttamente al rischio vulcanico: vale a dire, le Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado, le Forze dell’Ordine, gli Enti locali, la Protezione Civile, la Sanità, il Volontariato, individuando, per ciascuna istituzione, il referente ufficiale, in modo da avere una visione chiara ed attendibile di tutta la complessa dinamica, nella realtà oggetto di studio. In tal senso, sono state svolte 140 interviste nei 18 comuni6 dell’area vesuviana definita come zona rossa.

34Ovviamente, la scelta di tale tipologia di istituzioni, per l’osservazione del fenomeno, segue una logica ben precisa: la loro presenza costante sul territorio e il continuo contatto con la popolazione li rendono, senz’altro, veri e propri testimoni privilegiati in grado di sondare il livello di conoscenza del rischio vulcanico e del Piano di emergenza e le false percezioni della popolazione.

35Inoltre, era indispensabile valutare quale fosse il grado di informazione/comprensione della questione Vesuvio da parte della stessa utenza di primo livello, e saggiarne il tipo di risposta in termini organizzativi.

36L’indagine è stata effettuata in due tempi consecutivi, utilizzando criteri qualitativi e quantitativi, attraverso l’impiego di differenti strumenti. Nella prima fase, ci si è serviti:

  1. di interviste in profondità;

  2. dell’analisi del contenuto dei documenti inerenti al progetto del Piano e dei documenti presentati alle Giornate di Studio del 6 e 7 maggio 1997 presso l’Osservatorio Vesuviano.

37Nella seconda, tutte le informazioni ricevute nella fase sono state sintetizzate in un questionario strutturato somministrato a tutta l’utenza coinvolta, dopo una opportuna fase di pre-test.

38Il questionario ha avuto, dunque, un’utilità (e una complessità) niente affatto trascurabile, vista la necessità di integrare informazioni provenienti da diversi ambiti, rappresentando un elemento di guida e di completamento all’indagine di campo. Nella sua costruzione sono stati preferiti, in linea di massima, i quesiti chiusi, con alternative prefissate di risposta, al fine di rendere più veloce l’intervista e meglio aggregabili i dati raccolti. Ciò, però, non ha escluso – ove indispensabile – anche il ricorso ad alcune domande semiaperte, per dare la possibilità di eventuali precisazioni ed approfondimenti. Nello specifico, il questionario si articola in cinque parti:

  • alla prima appartengono domande volte alla rilevazione dei dati circa la percezione dei rapporti soggettivi ed oggettivi con il Vesuvio;

  • alla seconda, quelle riguardanti lo stato attuale dell’informazione della collettività sul pev;

  • alla terza, invece, quelle attraverso le quali si sono rilevati specifici atteggiamenti dell’utenza nei confronti della percezione dei rapporti soggettivi ed oggettivi con il pev;

  • alla quarta, le implicazioni comportamentali ed operative del pev;

  • alla quinta, infine, quelle volte ad individuare gli strumenti e gli operatori atti a produrre la necessaria formazione ed informazione sul pev.

 

39Un primo, significativo, risultato dell’indagine riguarda l’accertamento della grave superficialità della conoscenza del Piano di Emergenza, la quale ha determinato tutta una serie di false percezioni, giudizi contraddittori e una palese sfiducia. Ciò riguarda, nell’opinione dei testimoni privilegiati sentiti, i cittadini, ma anche la stessa utenza di primo livello. I rappresentanti istituzionali intervistati, infatti, giudicano scarsamente efficace o, addirittura, per nulla efficace il Piano, poiché quest’ultimo sarebbe:

  • poco conosciuto: la grande maggioranza della popolazione ignora completamente i contenuti del Piano e, ancor più radicalmente, l’esistenza di una Commissione Piano Emergenza. I cittadini non hanno un’idea chiara dei ruoli delle diverse Istituzioni né dei comportamenti da adottare in caso di emergenza;

  • mal pubblicizzato: la comunicazione del Piano è avvenuta sostanzialmente per vie informali, attraverso il contatto personale e i giornali e non per vie ufficiali;

  • troppo teorico e poco concreto nelle sue articolazioni: per i tecnici comunali, il Piano non tiene conto, tra l’altro, che le vie di fuga di alcuni quartieri e/o Comuni limitrofi risultano talvolta essere tra loro confluenti: in caso di emergenza, la congestione sarà inevitabile, ciò dipende dalla scarsa cooperazione nella pianificazione dei piani particolareggiati di competenza comunale, che risultano, in tal modo, poco integrati;

  • utopico: in questo caso l’atteggiamento è più radicale: qualsiasi Piano di emergenza è destinato, fatalmente, a fallire, perché si tratta di un’area troppo urbanizzata che non darà vie di scampo.

40Per questi motivi i rappresentanti istituzionali ritengono praticamente certo che, nel caso in cui si verificasse l’evento, vi sarebbe una partecipazione popolare al Piano problematica e assai difficilmente gestibile.

41La nostra indagine ha confermato l’esistenza di un clima di sospetto e di incertezza alla quale, tra l’altro, hanno contribuito anche:

  1. La consapevolezza da parte dei cittadini di vivere in un ambiente il cui equilibrio è stato irrimediabilmente compromesso dalle tipologie insediative e dall’altissima densità demografica. Tali condizioni pregiudicano, come si accennava, nella percezione collettiva, l’efficacia non tanto del Piano approntato, quanto, piuttosto, di qualsiasi piano. Questo atteggiamento sfiduciato, che pure ha dei fondamenti di tipo culturale, presenta una sua base esperienziale; infatti, sono state frequenti le occasioni in cui – a causa di fenomeni sismici o per una simulazione non avvertita, ma anche per un più banale falso allarme – la popolazione si è trovata completamente imbottigliata (questo il termine più frequentemente utilizzato dagli intervistati) senza possibili vie di scampo.

  2. Il disaccordo sulla destinazione prevista e i timori relativi ai luoghi e le modalità di accoglienza. Molte persone non saranno affatto disposte recarsi nei luoghi prestabiliti: in caso di emergenza, l’orientamento dei più sarebbe quello di recarsi presso familiari o parenti, oppure in seconde case fuori dall’area a rischio. Ciò comprometterebbe drammaticamente la gestione del flusso di evacuazione e innescherebbe conflitti assai difficili da sedare, considerando anche il clima di caos generale, tra operatori e cittadini. Altri temono per il proprio lavoro: ad esempio, probabilmente, il luogo di destinazione e quello di lavoro non coincideranno. Ma i più si preoccupano di come sarà gestita l’accoglienza e dei problemi di integrazione con gli ospiti (molte località sono dislocate nel Centro-nord). In molte persone è radicata la convinzione che la designazione della mappa di dislocamento degli evacuati sia solo teorica, temono che le località di accoglienza predisposte non siano, in realtà, affatto pronte ad accoglierli o, addirittura, non siano nemmeno debitamente informate.

  3. Un’opinione molto ricorrente è che lo scopo principale – anche se celato – delle politiche del pev sia quello di sradicare definitivamente la popolazione da questo territorio. Una tale convinzione non mancherà, a parere di molti dei rappresentanti istituzionali sentiti, di far registrare situazioni in cui gli abitanti assai difficilmente saranno disposti ad essere allontanati con il dovuto anticipo dai luoghi a rischio e, quindi, opporranno resistenza e contestazione attiva, fino al momento in cui percepiranno loro stessi i segnali dell’imminente fenomeno eruttivo: a quel punto, probabilmente, sarà troppo tardi per intraprendere una evacuazione ben coordinata e tutto si risolverà in una incontrollabile fuga.

42Allo stato attuale, sembrerebbe che l’unico effetto del Piano sia stato quello di accrescere, anziché moderare, lo stato di disorientamento della popolazione. La non approfondita conoscenza del Piano e la sua non adeguata pubblicizzazione hanno amplificato le condizioni di incertezza, non tanto per i contenuti specifici della programmazione dell’emergenza, quanto per l’idea, spesso inesatta, che di esso si è potuta derivare dai mezzi di comunicazione di massa, spesso più pronti a porre in rilievo lo spettacolare effetto catastrofe anziché privilegiare toni e contenuti rassicuranti e orientati a fornire indicazioni comportamentali concrete.

43La distorsione comunicativa, fin qui determinatasi, alimenta aspettative negative nei riguardi del futuro. A tale problema bisognerà dare delle risposte tempestive ed efficaci. La campagna di informazione non potrà non tener conto delle caratteristiche culturali e assiologiche delle popolazioni a cui è rivolta. Si tratta, in verità, di una situazione caratterizzata da solidi stereotipi, in cui ad atteggiamenti di tipo fatalistico si associa un diffuso allarmismo. Per molti, infatti, il silenzio da parte delle Autorità fa scattare un certo stato psicologico di precarietà. Il più delle volte esso viene percepito come deliberata reticenza da parte delle Autorità, le quali intenderebbero occultare le verità più drammatiche e scomode. All’opposto, parlarne dell’argomento non manca di essere interpretato come segnale di imminente pericolo e, dunque, può scatenare pericolose reazioni a catena nella massa.

44La ricerca ci ha consentito di verificare la presenza, nel contesto di riferimento, di gravi meccanismi di distorsione delle informazioni e di percezione selettiva. Ne deriva una esagerata reazione di allarme e di autodifesa, seguita da valutazioni che tendono a razionalizzare l’ostilità verso le istituzioni e il potere politico.

45Le istituzioni vengono chiamate in causa, sostanzialmente, per una duplice responsabilità:

  1. ritardo e chiusura: l’opinione comune converge nell’indicare una situazione di sclerosi e di ingiustificabile ritardo nella comprensione del fenomeno. Ciò alimenta un clima di disfattismo e qualunquismo che genera una percezione delle Istituzioni come apparati chiusi e autoreferenziali;

  2. la carenza nell’azione preventiva: è assai diffusa e radicata – e, tra l’altro, pienamente giustificata – la sensazione dell’inadeguatezza dell’azione pubblica a promuovere interventi di decongestione dell’area (ad esempio, attraverso un piano di incentivi per i trasferimenti volontari in altre zone). È ben evidente come i cittadini attribuiscano al livello politico istituzionale la volontà di di rispondere al rischio Vesuvio unicamente in termini di legislazione di emergenza e di ordine pubblico.

46Inoltre, la gente comune – ciò emerge chiaramente dall’indagine – è ulteriormente frastornata dai conflitti accademici tra i vari studiosi circa le caratteristiche dell’eruzione ed i tempi di preavviso. Ciò aggrava fatalmente l’incertezza, lo scetticismo, il fatalismo.

47La sfiducia nelle Istituzioni è ulteriormente aggravata dalla loro difficoltà a coordinarsi ed agire sinergicamente. La mancata interazione ci è stata confermata dai tecnici comunali intervistati: essi, per lo più, ritengono che alle difficoltà dovute alla necessità di un continuo aggiornamento del Piano (mentre molte azioni sono predisposte in base a mappe e piantine ormai anacronistiche) si aggiungono quelle relative della efficacia e alla capacità della rete di vie di fuga. Alcuni Piani particolareggiati, infatti, confliggono tra di loro proprio in merito ai percorsi di evacuazione; ciò è dovuto alla sostanziale assenza di una logica integrata nel loro concepimento.

48Molti si interrogano sul tipo di reazione della cittadinanza all’evacuazione scaglionata programmata. Come si comporteranno gli abitanti nel vedere partire i vicini e nel non poter far altro che aspettare il loro turno, sapendo che su di loro incombe un concreto rischio? Prevarranno maturità e responsabilità o panico e caos?

49Considerate le premesse, non sembra difficile optare per il primo scenario.

50È ovvio che l’imperativo principale per superare l’impasse sta nel come informare/formare la popolazione. Nella condizione attuale, anche un falso allarme può diventare tragicamente vero per i suoi effetti; e un semplice disaccordo scientifico sui tempi di preavviso può avere risvolti drammatici. La realtà delle cose è che l’area vesuviana è una sorta di polveriera che può esplodere in qualsiasi momento. Ecco perché è urgente intervenire in modo efficace, usando, tra l’altro, opportune tecniche comunicative e coinvolgendo, in modo attento e responsabile, i media.

51A parere di molti intervistati, si dovrebbe ricorrere alla collaborazione costante con i maggiori mezzi di comunicazione: ad esempio, si potrebbero produrre documentari a puntate, intervenire con formatori specializzati nelle scuole e, perché no, coinvolgere le Parrocchie, le associazioni culturali, stampare bollettini comunali, organizzare riunioni di quartiere, di condominio, al fine di raggiungere tutte le fasce della popolazione con messaggi ad hoc, il tutto con una capacità di coordinare gli interventi in termini di priorità e sinergie, onde massimizzarne l’efficacia.

52I precedenti tentativi effettuati per sensibilizzare la popolazione non hanno avuto, evidentemente, l’effetto sperato, anzi si è assistito ad una certa degenerazione delle dinamiche comunicative e ad un aumento dello scetticismo verso le Autorità preposte a gestire il rischio.

53Probabilmente, l’errore più grave è consistito in una sostanziale sottovalutazione della distorsione informativa implicita nel passaparola. Quest’ultimo ha, per certi versi, cannibalizzato gli altri canali previsti, dimostrandosi vettore assai più veloce e persuasivo rispetto ai canali ufficiali, ma sicuramente inidoneo, perché basato sull’emotività. I messaggi sono stati così affetti da una notevole quantità di rumore e l’informazione ufficiale è stata nettamente anticipata da quella, più travolgente, del vis à vis. Ciò non solo rispetto alla popolazione ma perfino rispetto a quell’utenza di primo livello che costituiva il nostro universo di riferimento.

54Molto spesso ne è derivato un discredito per il pev o, nell’ipotesi migliore, una percezione falsa e/o selettiva da dei cittadini ma anche delle Istituzioni locali. La tendenza in atto, infatti, è quella ad un estremo scetticismo nei confronti del pev, ma anche, più in generale, ad una esasperazione del clima di sfiducia nella possibilità di organizzare una efficace programmazione dell’emergenza.

55Il problema della informazione e della formazione della popolazione, quindi, diventa di primaria importanza. Esso si articola su più livelli: economico, politico ma anche, e soprattutto, culturale. Prioritari, in questo senso, risultano il superamento della impasse istituzionale generata dall’incapacità di gestire le dinamiche comunicative implicate dal Piano e l’implementazione di strutture efficienti di coordinamento. L’informazione e la sensibilizzazione, infatti, vengono indicati come compiti dei Comuni (attraverso gli Assessorati); la predisposizione di un quadro legislativo ad hoc viene assegnata alla Regione; l’intervento sul campo è prerogativa della Protezione Civile; la gestione delle simulazioni ai Comuni e all’Ente Parco. È un sistema troppo farraginoso per poter funzionare in maniera fluida e tempestiva.

56In generale, i nostri interlocutori non potendo fino in fondo, per il ruolo istituzionale ricoperto, ammettere la scarsa conoscenza del Piano, ne danno giudizi prevalentemente orientati nel senso di una critica piuttosto radicale nei confronti di chi lo ha redatto: critica che nasce dal fatto di non essere stati coinvolti con tempi e modalità appropriate.

57Difatti, la responsabilità delle carenze del Piano vengono attribuite prevalentemente alla Commissione, a cui viene rimproverata di avere costruito uno strumento poco concreto sulla base di una scarsa conoscenza delle singole realtà comunali. Queste ultime ritengono di non essere state adeguatamente coinvolte e hanno vissuto passivamente la creazione del Piano come qualcosa calato (o imposto) dall’alto.

58Dalla nostra indagine appare evidente come vi sia una necessità di produrre un ambiente comunicativo che sia il risultato di una integrazione tra diversi operatori e la coordinazione/supervisione di esperti della comunicazione. In questo processo, un ruolo prioritario dovrà essere attribuito al mondo della scuola.

59Nel contempo, l’organizzazione di seminari e simulazioni pure vengono considerate dagli intervistati come modalità su cui investire. In ogni caso, un’attenzione particolare viene sempre attribuita alla necessità di affiancare agli operatori scolastici ed ai responsabili della Istituzionali, esperti di comunicazione che consentano, grazie alle loro competenze specialistiche, di tradurre in lessico quotidiano i contenuti tecnico-specialistici del Piano.

5. Osservazioni conclusive

60Sulla base di quanto descritto, possiamo affermare che le ipotesi poste alla base dell’indagine empirica sono state ampiamente verificate.

61Infatti, per ciò che concerne la popolazione interessata, l’inadeguata conoscenza dei dettagli operativi del Piano, ma anche una più grave mancanza di metabolizzazione della sua filosofia, sono state confermate dall’analisi dei dati raccolti.

62Per quanto riguarda, poi, le Istituzioni preposte alla gestione del rischio, l’indagine è stata in grado di dimostrare fondata l’ipotesi di partenza circa una loro scarsa consapevolezza della distribuzione dei ruoli e delle funzioni. Tale circostanza, dovuta sia allo scetticismo di fondo che non risparmia gli operatori istituzionali sia ad una certa misura di farraginosità intrinseca al Piano, determina una situazione di confusione istituzionale che delegittima e scredita gli interventi di programmazione dell’emergenza.

63Risulta del tutto evidente che tra le principali cause dell’impasse figuri un problema di natura comunicativa la cui risoluzione risulta assolutamente topica al fine di ottenere l’efficienza della complessa azione di gestione delle innumerevoli variabili in campo.

  • 7 Neologismo anglosassone composto da productor (produttore) + consumer (consumatore).

64Il successo del Piano può solo raggiungersi attraverso un articolato, capillare, coordinamento tra livelli e componenti diverse. Esso dovrà essere ispirato ad una filosofia innovativa per la quale il rapporto cittadino-istituzione non si basi (solo) sulla tradizionale logica gerarchica, ma su forme nuove di interazione che prevedano un cittadino non più cliente da convincere bensì coproduttore del servizio di cui fruisce. È il meccanismo che nella letteratura anglosassone – specie nel campo del Marketing dei Servizi – viene indicato come prosumership, dove il cliente prosumer7 non si limita a fruire del servizio ma diviene partner attivo nella sua produzione.

65Ci troviamo, nel caso Vesuvio, nell’esigenza di dover complessificare i classici schemi di comunicazione e interazione: occorre verificare le scelte gestionali relative alle strategie di prevenzione rispetto ad indicatori di fattibilità sociale e culturale. La deriva comunicativa, empiricamente rilevata, deve essere interpretata come un processo di sistematica destrutturazione dell’identità locale, di degrado delle relazioni con il contesto istituzionale. Il degrado comunicativo è, di fatto, un aspetto del degrado sociale, dei rapporti della comunità con l’autorità chiamata a gestirla e con il suo proprio territorio.

66La ricostruzione dell’ambiente comunicativo – indispensabile premessa per l’efficacia del Piano – richiede, dunque, trasformazioni anche nel concetto di produzione della sicurezza; nel senso che l’inversione dello scetticismo della popolazione si può attuare solo attraverso una partecipazione attiva che consenta di approdare ad una effettiva internalizzazione delle mete e dei mezzi proposti, attraverso la ripresa della interrotta produzione di territorialità, in quanto produzione di valore e di valori. L’autoriconoscimento e la crescita dell’identità locale, la sua capacità di ri-pensarsi è dunque la matrice di ogni prevenzione/pianificazione. Per questi motivi ogni processo di riduzione del rischio/pericolo di un territorio deve necessariamente coinvolgere la comunità locale e ogni miglioramento della sicurezza di un territorio è sempre, evidentemente, anche recupero della sua socialità.

67Si delinea, dunque, un processo che dal semplice auspicio della partecipazione dei residenti, evolve verso una produzione sociale del piano di emergenza, fino alla produzione sociale del territorio. Il punto cruciale è l’attivazione dei cittadini come protagonisti della ricostruzione dei valori territoriali.

68Tutto ciò rende evidente come ogni azione di minimizzazione del rischio debba avere solide basi di sostenibilità sociale, e deve, dunque, essere estremamente sensibile alle caratteristiche culturali delle genti a cui si rivolge.

69Una popolazione intesa quale partner in Progetti del tipo in questione deve, evidentemente, essere in grado di esprimere buoni livelli di competenza: il che implica opportuni programmi formativi. Questi ultimi vengono ad essere l’ossatura su cui si reggono il sistema di comunicazione tra Istituzioni e cittadini e la partecipazione attiva di questi ultimi al processo di pianificazione.

Torna su

Bibliografia

Amendola G. (1995), Qualità della vita, bene comune, rischio accettabile: topoi retorici e/o strettoie concettuali della valutazione d’impatto ambientale, in Beato F. (a cura di), La valutazione dell’impatto ambientale. Un approccio integrato, Milano, Angeli.

Arkin E. B. (1989), Translation of risk information for the public: message development, in Covello V. T., Effective Risk Communication, Plenum Press, New York.

Beato F. (1995), La valutazione dell’impatto ambientale. Un approccio integrato, Milano, Angeli.

Beato F. (1995), Teorie sociali del rischio: tra razionalità, cultura, individuo e gruppo, «Caos», a. 2, n. 5.

Beck U. (1986), Risikogesellschaft. Auf dem Weg in eine andere Moderne, Suhrkamp Verlag, Frankfurt am Main; trad. it. (La società del rischio. Verso una seconda modernità), Carocci, Roma, 2000.

Bord R. J. e O’Conner R. E. (1990), Risk communication, knowledge, and attitiudes. Explaining reactions to a technology perceived as risky, «Risk Analysis», n. 10.

Buttel F. H. e Taylor P. J. (1992), Environmental Sociology and Global Environmental Change: A Critical Assesment, «Society and Natural Resources», vol. 5, n. 3.

Capraro G. (1975), Longarone 1963-1973: sociologia del disastro e della ricostruzione, Istituto bellunese di ricerche sociali e culturali, Belluno.

Cattarinussi B. e Strassoldo R. (1978), Friuli, la prova del terremoto, Angeli, Milano.

Clarke L. e Short Jr. J. F. (1993), Social Organization and Risk: Some Current Controversies, «Annual Review of Sociology», vol. 19.

Coser L. A. (1971), Masters of Sociological Thought, Hrcourt Brace Jovanovich, New York; trad. it. (I maestri del pensiero sociologico), il Mulino, Bologna, 1983.

Covello V. T. (1989), Effective Risk Communication, Plenum Press, New York.

Covello V. T. (1983), The perception of technological risks: a literature review, «Forecasting Social Change», n. 23, pp. 285-297.

Covello V. T. (1992), Risk communication: An emerging area of health communication research, «Communication Yearbook», n. 15, a cura di S. Deetz.

Douglas M. e Wildavsky A. (1982), Risk and Culture. An Essay on the Selection of Technical and Environmental Dangers, University of California Press, Berkeley.

Douglas M. (1985), Risk Acceptability According to the Social Sciences, Russel Sage Fondation, New York; trad. it. (Come percepiamo il pericolo. Antropologia del rischio), Feltrinelli, Milano, 1991.

Fischhoff B. (1995), Risk perception and communication unplugged: twenty years of process, «Risk Analysis», n. 15.

Johnson B. B. e Covello V. T. (1987), The Social and Cultural Construction of Risk. Essays on Risk Selection and Perception, D. Reidel, Dordrecht.

Krimsky S. e Golding D. (1992), Social Theories of Risk, Praeger Publishers, Westport-London.

Kruecken G. (1997), Risikotransformation, Westdeutscher Verlag, Opladen.

Lash S., Szerzynski B. e Winnie B. (1996), Risk, Environment & Modernity. Towards a New Ecology, Sage, London.

Le Breton D. (1995), La sociologie du risque, puf, Paris.

Luhmann N. (1991), Soziologie des Risikos, de Gruyter, Berlin; trad. it. (Sociologia del rischio), Bruno Mondadori, Milano, 1996.

Marinelli A. (1993), La costruzione sociale del rischio. Modelli e paradigmi interpretativi nelle scienze sociali, Angeli, Milano.

Marx K. (1846), Die Deutsche Ideologie, in Marx-Engels, Gesamtausgabe (mega), v, Moscow, 1932; trad it. (L’ideologia tedesca), Roma, Editori Riuniti, 1958.

Odd Ambrosetti M., Turco A. e Zanetto G. (1986), Regionalizzazione come morfogenesi: un approccio catastrofista, in Guglielmino S., Il processo regionale. Teorie e politiche del cambiamento territoriale, Dipartimento di Scienze Storiche Antropologiche e Geografiche dell’Università di Catania, Catania, 1986.

Slovic P. (1987), Perception of Risk, «Science» n. 236, pp. 280-285.

Thompson M., Ellis R. e Wildavsky A. (1990), Cultural Theory, Westview Press, Boulder-Oxford.

u.s. National Research Council (1989), Improving Risk Comunication, National Academy Press, Washington.

Wynne B. (1987), Risk Management and Hazardous Waste, Berlin, Springer.

Torna su

Note

1 Secondo la quale il concetto di rischio è applicabile in contesti nei quali incertezza e danno potenziale siano causalmente riconducibili ad una decisione del soggetto che li subisce, mentre nel caso di danni potenziali generati da decisioni altrui è più corretto parlare di pericolo (Luhmann, 1991).

2 L’eruzione assunta come riferimento per la preparazione del Piano di emergenza è quella avvenuta nel 1631.

3 La Commissione, presieduta dal Prefetto di Napoli, era formata da: tecnici del Dipartimento per la Protezione Civile, esperti in campo scientifico e rappresentanti degli Enti e delle Amministrazioni componenti il Servizio Nazionale di Protezione Civile.

4 Le fasi sono le seguenti: attenzione – preallarme – allarme (evacuazione) – attesa – durante l’evento – dopo l’evento.

5 La ricerca, coordinata per la parte socio-economica da Raffaele Sibilio e per quella psicologica da G. Luca Ponzio, è stata promossa dalla Prefettura di Napoli, dall’Osservatorio Vesuviano e dall’Università degli Studi di Napoli «Federico ii» e finanziata dal Gruppo Nazionale di Vulcanologia (gnv); si è svolta nel 1997.

6 I Comuni sono: Boscoreale, Boscotrecase, Cercola, Ercolano, Massa di Somma, Pollena Trocchia, Pompei, Portici, Sant’Anastasia, San Giorgio a Cremano, S.Giuseppe Vesuvuano, Somma Vesuviana, San Sebastiano al Vesuvio, Terzigno, Torre Annunziata, Torre del Greco, Trecase.

7 Neologismo anglosassone composto da productor (produttore) + consumer (consumatore).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Raffaele Sibilio, « Alcuni aspetti sociologici dei rischi ambientali: il caso Vesuvio »Quaderni di Sociologia, 25 | 2001, 125-141.

Notizia bibliografica digitale

Raffaele Sibilio, « Alcuni aspetti sociologici dei rischi ambientali: il caso Vesuvio »Quaderni di Sociologia [Online], 25 | 2001, online dal 30 novembre 2015, consultato il 25 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1315; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1315

Torna su

Autore

Raffaele Sibilio

Dipartimento di Scienze Economiche e Sociali – Università di Napoli

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search