Navigazione – Mappa del sito
note critiche

Capitale sociale e benessere delle nazioni: una nota sulle ricerche di R. D. Putnam

Gabriele Ballarino
p. 143-154

Testo integrale

1Queste pagine intendono presentare il recente lavoro di R. D. Putnam, Bowling Alone. The Collapse and Revival of American Community (Simon e Schuster, New York, 2000), alla luce della precedente ricerca dello stesso autore sul rendimento istituzionale delle Regioni italiane, e della discussione cui questa ha dato luogo. In particolare, si descriveranno le strategie empiriche utilizzate per misurare e spiegare i fenomeni raccolti dall’autore nel concetto di capitale sociale, tra i più discussi nel dibattito sociologico, e non solo, degli ultimi anni. Nel prossimo paragrafo saranno quindi brevemente ripercorsi i principali argomenti di Making Democracy Work (Princeton up, Princeton, 1993) (d’ora in avanti mdw), e le più rilevanti critiche che a questi sono state mosse. Nei due paragrafi successivi sarà invece esposta la trama concettuale ed empirica di Bowling Alone (d’ora in avanti ba). Nel quinto questa sarà discussa alla luce dei principali problemi individuati dalla discussione seguita a mdw, mentre un paragrafo conclusivo proporrà alcuni possibili sviluppi di questo particolare filone di ricerca sul capitale sociale.

Making Democracy Work: le radici del capitale sociale

  • 1 R. D. Putnam, R. Leonardi, R. Nanetti, La pianta e le radici. Il radicamento dell’istituto regional (...)
  • 2 E oltre, come mostra la prosecuzione di questa parte dello studio di Putnam, che analizza il rendim (...)

2La ricerca sulla tradizione civica delle regioni italiane ha origine dalla nascita dei consigli regionali (1970) e dall’attribuzione alle nuove istituzioni di ampi poteri di governo (1975). La nascita e il rapido sviluppo di istituzioni politiche in quanto tali identiche, ma inserite in contesti sociali ed economici estremamente differenziati, suggerisce all’autore la possibilità di studiarle come in una sorta di «esperimento naturale». Dato che la struttura istituzionale delle Regioni è la medesima in tutti i casi, si possono quindi analizzare eventuali differenziali di rendimento e le loro cause tenendo sotto controllo la variabile istituzionale. Il primo risultato, presentato nella prima parte del volume e anticipato da un precedente lavoro1, è la conferma che anche da questo punto di vista è forte il divario tra Nord e Sud: il rendimento istituzionale delle neonate Regioni è differenziato, e continua ad esserlo per tutto il periodo analizzato2, polarizzandosi tra Regioni settentrionali, ad alto rendimento istituzionale, e meridionali, a basso rendimento.

  • 3 G. Almond, S. Verba, The Civic Culture: Political Attitudes and Democracy in Five Nations, Princeto (...)
  • 4 Nel corso del volume si nota uno slittamento dal primo concetto verso il secondo, che infatti manca (...)
  • 5 Il capitale sociale è operazionalizzato con un indice fattoriale ricavato da 4 indicatori: il tasso (...)

3Questo divario di rendimento deve essere spiegato, e per questo Putnam, seguendo un filone classico, risalente a Toqueville e al Max Weber dell’Etica protestante, e più recentemente rinnovato da Almond e Verba, ripropone l’alternativa tra struttura economica e matrici culturali. Mentre, però, Almond e Verba concettualizzano queste ultime in termini di culture politiche3, distinguendo culture più o meno civiche, a seconda del livello di partecipazione della cittadinanza alla gestione della cosa pubblica, Putnam imprime al concetto una torsione sociologica, riprendendo dalla teoria dell’azione di Coleman il termine di capitale sociale4. In questa versione macro, il concetto unisce tre fenomeni: la presenza in una società di reti associative coinvolgenti buona parte della popolazione; la disponibilità dei cittadini a seguire le norme sociali e politiche vigenti, evitando atteggiamenti opportunistici; la diffusione tra questi di un alto livello di fiducia impersonale, cioè di disponibilità a fidarsi di persone non direttamente conosciute. Misurando il capitale sociale di ciascuna regione, Putnam mostra che sull’insieme dei casi la correlazione semplice tra capitale sociale e rendimento istituzionale è più forte di quella esistente tra sviluppo economico e rendimento istituzionale5. L’ipotesi è quindi che il capitale sociale spieghi in misura rilevante quest’ultima variabile.

  • 6 K. Marx, F. Engels, L’ideologia tedesca, Editori Riuniti, Roma, 1991, p. 30.

4Il quinto capitolo di mdw, il più discusso, indaga la storia del differenziale di capitale sociale e rendimento istituzionale tra Nord e Sud del nostro paese a partire dalla diversa storia politica delle due partizioni, risalendo fino all’inizio del secondo millennio dell’era volgare: mentre nel Nord il regime dei liberi comuni garantisce l’eguaglianza tra i cittadini e quelle reti di relazioni orizzontali che favoriscono il senso civico e costituiscono capitale sociale, nel Sud la monarchia feudale normanna costruisce una società fortemente verticalizzata e gerarchica, e quindi a bassa dotazione di senso civico e di capitale sociale. Si tratta di un caso esemplare, commenta l’autore nel capitolo successivo, di path dependence: il termine indica le costrizioni che l’assetto istituzionale di una data società imprime alle scelte degli attori che ne fanno parte, e quindi allo sviluppo della società stessa. Si tratta di una tesi ben nota: «le circostanze fanno gli uomini non meno di quanto gli uomini facciano le circostanze»6. In questo caso, il capitale sociale del passato produce il capitale sociale del presente.

  • 7 Analisi anticipata in un precedente lavoro italiano dell’autore: R. Putnam, Rendimento istituzional (...)
  • 8 Gli indicatori del capitale sociale passato, riferiti agli ultimi anni dell’800 e ai primi del seco (...)

5Ma potrebbe darsi, tornando alla domanda centrale della ricerca, che tutto questo sia ininfluente ai fini del rendimento istituzionale contemporaneo: la vera causa di questo potrebbe essere lo sviluppo economico, correlato ieri come oggi al capitale sociale, ma ad esso causalmente antecedente (come avrebbe creduto lo stesso Marx). Per falsificare questa tesi, Putnam ricorre ad un’analisi longitudinale multivariata del rapporto tra capitale sociale e sviluppo7. Misurando il livello di sviluppo economico e la dotazione di capitale sociale delle regioni italiane alla fine del secolo scorso8, ci si chiede quale delle due variabili riesca meglio a spiegare lo stato delle regioni sull’altra cento anni dopo, e quindi il differenziale di rendimento istituzionale oggetto dello studio. Il risultato, è che l’effetto del capitale sociale passato sullo sviluppo economico attuale è più forte dell’effetto inverso, e addirittura che l’effetto del capitale sociale sullo sviluppo contemporaneo, controllando per il livello di sviluppo passato, è maggiore dell’effetto del livello di sviluppo passato su quello presente. Questo, quindi, il risultato della ricerca di Putnam: il capitale sociale è una tra le principali, se non la principale causa dello sviluppo, tanto economico quanto politico, ed esso tende (almeno nel caso italiano) a rimanere stabile nel tempo, tanto da sembrare indipendente dalle variazioni della political economy.

  • 9 Cfr. comunque almeno E. Goldberg, Thinking About How Democracy Works, «Politics & Society», 1, 1996 (...)
  • 10 A. Bagnasco, Regioni, tradizione civica, modernizzazione italiana: un commento alla ricerca di Putn (...)
  • 11 A. Portes, Social Capital.

6Un risultato così forte si espone chiaramente ad altrettanto forti critiche. Escludendo quelle statistico-metodologiche e quelle storico-politiche, orientate al problema del rapporto Nord-Sud in Italia9, e in modo molto sintetico, grande parte del dibattito può essere ricondotta a tre gruppi di argomenti. In primo luogo, viene discusso il quadro analitico di Putnam, e ne viene notata una tendenza al determinismo storico. Se quello che dimostra il capitolo 5 di mdw è vero, si deve credere che il destino delle regioni italiane negli anni Settanta e Ottanta fosse contenuto nella loro situazione del dodicesimo secolo10. Al di là dell’oggetto specifico, è quindi rilevata una circolarità nel processo esplicativo: la correlazione che si rileva tra capitale sociale e rendimento istituzionale nel tempo 0, oggi, induce Putnam e collaboratori a ipotizzare e misurare un effetto dello stesso capitale sociale a partire dal tempo – 1, per spiegare diacronicamente la variazione nel rendimento istituzionale: questo procedimento, noto come induzione analitica, rischia di dare luogo a tautologie, nella misura in cui il miglior predittore di qualsiasi variabile è inevitabilmente un corollario della variabile stessa, e pertanto conduce all’esclusione di possibili spiegazioni alternative11.

  • 12 F. Piselli, Capitale sociale: un concetto situazionale e dinamico, «Stato e mercato», 57, 1999.
  • 13 G. Pasquino, La politica eclissata dalla tradizione civica, «Polis», 2, 1994; A. Mutti, Capitale so (...)

7In secondo luogo vi sono una serie di critiche più orientate alla discussione dei modelli esplicativi di Putnam, che propongono spiegazioni alternative e non adeguatamente considerate dall’autore. C’è chi sottolinea il rilievo del contesto geografico e politico-economico più vasto, che influisce sui destini delle regioni italiane più di quanto non influiscano le variabili endogene analizzate dall’autore12, mentre altri, più numerosi, notano che Putnam considera la politica solo come variabile dipendente, mentre la si dovrebbe considerare anche come variabile indipendente, cioè come fattore di sviluppo13.

  • 14 A. Bagnasco, Regioni, tradizione civica, modernizzazione italiana; M. Levi, Social and Unsocial Cap (...)

8In terzo luogo, i critici più simpatetici rilevano nel modello esplicativo di mdw un inadeguato approfondimento dei meccanismi micro sottostanti al nesso macro tra capitale sociale e sviluppo: perché associarsi rende gli individui più fiduciosi e rispettosi delle norme sociali? Perché i rapporti di autorità, invece, possono intervenire solo negativamente su queste caratteristiche delle relazioni tra gli individui?14.

L’euristica di Bowling Alone: la misurazione del capitale sociale degli Stati Uniti

9La ricerca presentata in ba si propone tre obiettivi: misurare la variazione del capitale sociale degli Stati Uniti nel corso del secolo; comprenderne le cause; capire quali possono esserne le conseguenze e cosa può essere fatto per intervenire sulla tendenza.

10Per quanto riguarda il primo, Putnam ricorre ad un vero tour de force empirico. Ciascuno degli otto capitoli della seconda sezione di ba affronta una dimensione del concetto, studiandone l’andamento mediante diversi indicatori, per un periodo che varia a seconda delle diverse fonti empiriche, ma che in generale va dal secondo dopoguerra agli anni Novanta. Alcune delle dimensioni considerate sono quelle familiari ai lettori di mdw: partecipazione e informazione politiche, frequenza ad attività religiose, partecipazione associativa, affiliazione sindacale. A queste se ne aggiungono altre: socialità informale; fiducia impersonale; filantropia; frequenza nella popolazione di agenti di controllo sociale quali avvocati, giudici, poliziotti, guardie private.

11Dal punto di vista empirico, la sezione è molto ricca: le fonti sono ben documentate, e il ricorso ai vari indicatori di capitale sociale è ben argomentato, anche se si avverte la mancanza di un’analisi complessiva dell’estensione e dell’articolazione del concetto. All’inizio del volume, del resto, Putnam avvicina la propria posizione a quella degli studiosi del clima: nessuno ha pensato, ante rem, di predisporre adeguati strumenti di misura della variazione del clima, per cui oggi non si può fare altro che triangolare diverse fonti di evidenza e sperare che siano tra loro coerenti. Lo stesso bisogna fare per lo studio del capitale sociale. L’analogia, a dire il vero, convince solo in parte, poiché il rapporto tra termometro e temperatura attuale, o tra estensione passata dei ghiacciai e temperatura passata, è più chiaro per i climatologi di quanto non lo sia oggi per gli scienziati sociali quello tra frequenza di cene con gli amici e capitale sociale di un paese. Ad ogni modo, l’ingegno empirico dell’autore e dei suoi collaboratori è notevole: oltre a fonti standard come risultati di survey scientifiche e commerciali e appropriati indicatori istituzionali (frequenza di associazioni; tassi elettorali ecc.), vengono sottoposte ad analisi secondaria svariate fonti meno familiari, come i dati time budget (che rilevano, tra l’altro, il tempo trascorso in attività riconducibili al capitale sociale); gli andamenti delle vendite di oggetti necessari per determinate forme di socialità (le carte da gioco); ricerche sui tassi di disobbedienza ai segnali stradali; dati fiscali relativi alle detrazioni per attività filantropiche e religiose.

  • 15 Di qui il titolo del libro, che a un europeo dice poco: «alla partita da solo», o ancora meglio «al (...)

12Tutti gli indicatori compongono un quadro generale che è a giudizio dell’autore, e del lettore inevitabilmente affascinato, univoco. Il livello di capitale sociale degli Stati Uniti descrive, nel corso del secolo, una curva ad U rovesciata: sale fino agli anni Sessanta, per poi scendere. Diminuisce la partecipazione politica, anche se si mantiene è stabile il livello di informazione politica, fatto attribuito da Putnam alla crescita del livello d’istruzione. Anche la crescita dello staff delle organizzazioni politiche non costituisce una crescita del capitale sociale, ma è un mero effetto dell’aumento dei fondi a loro disposizione. Diminuisce la partecipazione ad associazioni e ad altre forme di impegno civico formalizzato, dal Rotary all’associazione genitori-insegnanti, anche se aumenta il numero delle associazioni. Diminuisce la partecipazione religiosa, e le chiese più settarie e meno interessate all’intervento sociale si avvantaggiano rispetto alle grandi chiese tradizionali. Diminuiscono, al netto della variazione della popolazione interessata, gli iscritti al sindacato e alle principali associazioni professionali. Diminuiscono le visite ad amici, i ricevimenti a casa propria, il tempo trascorso in giochi di società e nella socialità informale. Diminuisce la pratica sportiva, tranne che per il bowling, il più popolare sport americano: in questo caso, però, diminuisce la frequenza al bowling organizzato in tornei, e aumenta la frequenza informale e solitaria al gioco15. Aumenta, invece, la frequenza della partecipazione passiva, in loco o in video, agli avvenimento sportivi. Diminuisce la frequenza delle donazioni, filantropiche e religiose, mentre aumenta il volontariato, anche se si tratta soprattutto di pensionati: infatti, aumentano i volontari nelle attività assistenziali, e diminuiscono nelle attività fisicamente impegnative come donare sangue o fare i pompieri.

La diagnostica: cause, controtendenze e possibili rimedi al calo del capitale sociale

  • 16 Nel sito web di «American Prospect» (http://www.americanprospect.com) è disponibile e scaricabile u (...)
  • 17 M. Schudson, What If Civic Life Didn’t Die?, «The American Prospect», 25, 1996.

13Ma non esistono controtendenze? I primi lettori degli articoli in cui Putnam anticipava, qualche anno or sono, le tesi di ba16, facevano notare che potrebbe semplicemente darsi che nuove forme di socialità, non adeguatamente colte dagli indicatori di Putnam, stiano sostituendo le antiche, e che quello che appare come un declino sia in effetti controbilanciato dalla crescita di capitale sociale in nuove forme, così da fornire un saldo nullo o addirittura positivo17. Rispondendo a questo stimolo, Putnam dedica un capitolo, il nono, all’esplorazione empirica di questa possibilità: dove cresce partecipazione civica di nuovo tipo? Potrebbe essere il caso del volontariato: questo è in effetti in crescita tra i giovanissimi, ma decisamente in declino tra la popolazione adulta. Potrebbe essere il caso dei gruppi informali, di lettura e discussione letteraria o di self-help (dagli alcoolisti anonimi ai Weight Watchers), il cui peso non sembra però in alcun modo paragonabile a quello del capitale sociale perso dagli anni Settanta in avanti.

14Potrebbe essere il caso dei movimenti sociali contemporanei, che a partire dal movimento per i diritti civili all’inizio degli anni Sessanta si sono continuamente rinnovati. Ma non è così: dopo la punta partecipativa degli anni Sessanta e Settanta, i movimenti (in modo non dissimile dai partiti politici) si sono trasformati in organizzazioni centralizzate e delocalizzate, che mantengono con i membri rapporti non diretti, via posta o telefono, e che utilizzano le risorse che questi mettono a disposizione per sensibilizzare la popolazione attraverso i mass-media ed esercitare pressioni sui decisori politici. L’unico grande movimento sviluppatosi negli ultimi due decenni in base al coinvolgimento diretto dei membri e attraverso reti di relazioni faccia a faccia, le uniche produttrici di capitale sociale, è il movimento della destra cristiana, che ha riqualificato il capitale sociale disponibile nelle chiese evangeliche per l’iniziativa politica, della quale le chiese si erano fino ad allora disinteressate.

15Potrebbe, infine, essere il caso dei mezzi di comunicazione di massa. Non è così, però, per quanto riguarda il telefono, la cui diffusione non sembra aver cambiato le abitudini relazionali degli americani. Né sembra essere così con l’Internet. La rete mette in relazione gli individui e quindi sembrerebbe creare capitale sociale, ancorché virtuale, ma in realtà, sostiene Putnam con buone ragioni, la comunicazione via rete è molto più povera di quella faccia a faccia, e non sembra in grado di dare luogo ad azioni collettive, se non fornendo l’occasione per incontri reali. Ci si trova di fronte insomma ad accenni a controtendenze, il cui stato attuale non sembra però in grado di controbilanciare, nel breve periodo, la tendenza incominciata dueo tre decadi prima. Il problema più importante, quindi, è comprendere i motivi di questo declino.

  • 18 In particolare su quelli che misurano la partecipazione sociale istituzionalmente connotata (elezio (...)

16La terza sezione del volume è dedicata allo studio delle cause della diminuzione del capitale sociale. Mentre alcuni fattori spesso addotti dai pubblicisti liberisti e conservatori, come le trasformazioni nella struttura familiare o la crescita della spesa pubblica non paiono avere avuto grande peso, Putnam identifica nella televisione il fattore causale principale: l’aumento del tempo passato a guardare la televisione spiega, secondo i calcoli di Putnam, circa un quarto del declino della partecipazione sociale. Una porzione inferiore della variazione, circa un decimo per ciascuna, è attribuita ad altri due fenomeni: le trasformazioni collegate con il mondo del lavoro (maggiore ansia per le proprie condizioni finanziarie e maggiore partecipazione femminile al mercato del lavoro), e l’aumento dei residenti nelle aree suburbane, dove la minore densità della popolazione rende la socialità meno frequente di quanto accada nei centri cittadini o nei paesi. Oltre a questo, un’ulteriore metà della variazione del capitale sociale osservata può venire spiegata da un effetto generazionale. Su buona parte degli indicatori di capitale sociale considerati18 Putnam trova una sistematica differenza tra coorti: la coorte nata tra il 1900 e il 1935 circa presenta sempre valori più elevati, cioè maggiore partecipazione, di quelle successive (e delle precedenti), mentre la più recente presenta i valori più bassi. L’effetto generazionale interagisce con quello della televisione: la coorte «civica» è anche l’ultima ad essere cresciuta in un mondo senza o quasi senza televisione, e che quindi ha mantenuto nei propri comportamenti questa impronta, diversamente dalle successive. Essa, inoltre, ha vissuto la grande esperienza di impegno e successo collettivi della guerra mondiale. Di contro, le coorti successive non hanno vissuto nulla di simile, sono cresciute in un contesto di sempre maggiore esposizione alla televisione, con meno tempo a disposizione, maggiori ansie economiche (anche in presenza di maggiore ricchezza), e in un tessuto urbano più disperso: quindi, esse presentano un livello inferiore di partecipazione sociale, politica, culturale, e anche di semplice socializzazione informale.

17In che modo la televisione esercita questo effetto depressivo sulla partecipazione? Sulla base di molta, e controversa, ricerca socio-psicologica e sulle comunicazioni di massa, corroborata da analisi multivariate di dati dettagliati sui comportamenti individuali, televisivi e non, Putnam individua tre meccanismi. Innanzitutto la televisione occupa tempo: circa 4 ore al giorno in media, quasi metà del tempo libero del tipico americano, con una crescita di circa un terzo tra 1965 e 1995. Poi, inducendo in chi la vede un umore non particolarmente soddisfatto, ma «rilassato, sonnolento e passivo» (ba, pp. 239-240), che male si associa con la vita sociale. In terzo luogo, i contenuti stessi della televisione sono frequentemente ricchi di stimoli anti-sociali e anti-comunitari.

  • 19 Misure dell’associazionismo civico e sociale; della partecipazione politica ed elettorale; dell’imp (...)

18Nella quarta sezione, Putnam riprende l’analisi del capitale sociale come variabile indipendente, che era stata al centro di mdw. Ci si chiede: quali conseguenze possono derivare dalla tendenza individuata? Unità di analisi sono i 50 stati degli Usa, e le variabili dipendenti comprendono indicatori del benessere infantile; del rendimento delle scuole; della criminalità e della violenza diffuse; della salute degli abitanti; dell’evasione fiscale; del livello di tolleranza; del livello di eguaglianza economica e civica. Manca la replica, per gli stati americani, della discussa analisi di mdw, che confrontava longitudinalmente gli effetti del capitale sociale e delle variabili socio-economiche sullo sviluppo socio-economico stesso. Ad ogni modo, le analisi multivariate cross-section mostrano che il capitale sociale, operazionalizzato con un indice fattoriale composto da 12 misure19 è uno dei migliori predittori per tutte le variabili dipendenti considerate, anche se in diverse regressioni alcune variabili riferibili alla stratificazione di classe, come il tasso di povertà o varie misure della composizione sociale (percentuale di bianchi ecc.) risultano avere un potere predittivo pari, o, nel caso del tasso di povertà, più elevato di quello dell’indice di capitale sociale.

19Sono del resto noti i problemi statistici cui vanno incontro analisi macro di questo tipo, con pochi casi ed elevata multicollinearità delle variabili: si tratta in effetti degli stessi problemi di fronte a cui si trovavano le analoghe analisi di mdw, e quindi anche a questo proposito, come del resto riguardo la tesi della responsabilità della televisione nella diminuzione della partecipazione, c’è da aspettarsi un ampio dibattito.

Bowling Alone alla luce di Making Democracy Work

  • 20 Vedi sopra, n. 16, e inoltre P. Paxton, Is Social Capital Declining in the United States? A Multipl (...)

20ba esce dopo che le principali tesi che esso sostiene erano già state ampiamente presentate dall’autore e dunque già discusse20. Anche molti dei recenti contributi italiani al dibattito sul capitale sociale (vedi sopra) comprendono accanto a mdw la nuova ricerca. Lasciando da parte, anche in questo caso, il caso specifico degli Stati Uniti, ci si chiede a questo punto: in che misura, e con quali argomenti, il nuovo libro di Putnam tiene conto delle critiche avanzate a mdw?

  • 21 Intitolato An Agenda for Social Capitalists, con espressione felice anche se vagamente ossimorica a (...)

21Il primo gruppo di critiche, che vi rinvenivano forti elementi di determinismo storico e di circolarità esplicativa, sembra essere stato molto ben tenuto presente da Putnam, che in effetti è molto più prudente in ba di quanto non fosse nel libro precedente. I riferimenti alla path dependence sono scomparsi, se non in qualche pagina del capitolo 16, dove viene quasi en passant osservata una forte somiglianza tra la mappa del capitale sociale negli Stati Uniti e la composizione etnica del paese: negli stati dove sono più abbondanti i discendenti degli immigrati scandinavi, è anche più alto il livello di capitale sociale. Ma, a parte questo, Putnam si tiene a salutare distanza dal determinismo, così come dalle interpretazioni pessimiste del calo secolare del capitale sociale come conseguenza della modernità: invece, la storia del capitale sociale è una storia di fluttuazioni. Oggi siamo in una fase di declino, ma sappiamo di una precedente fase di crescita, e potremmo essere alle soglie di una nuova inversione di tendenza (ba, p. 25). L’ultima sezione del libro, in effetti, illustra con l’esempio della Progressive Era della fine del diciannovesimo secolo, paragonabile per molti versi alla nostra, la possibilità di creare capitale sociale, e il capitolo finale21 presenta una serie di iniziative praticabili a questo fine.

22Un secondo gruppo di critiche a mdw si concentrava sui limiti esplicativi del modello, e in particolare sull’esclusione dalla spiegazione del contesto geografico più ampio da un lato, e dell’iniziativa politica e istituzionale dall’altro. Per quanto riguarda il primo punto, il rilievo dato alla seconda guerra mondiale nella formazione della generazione civica contrasta positivamente con la scarsa considerazione del contesto esogeno nel precedente studio dei diversi sentieri di sviluppo delle regioni italiane. Per quanto riguarda, invece, la questione della politica, l’autore è chiaro: dopo aver discusso le riforme della Progressive Era egli conclude che «l’investimento in capitale sociale non è stato un’alternativa, ma un prerequisito per la mobilitazione e la riforma politica» (ba, p. 399). Si noti la prudenza dell’indicativo passato: non si tratta di una generalizzazione, almeno alla lettera. Ma, al di là del caso specifico, non solo Toqueville ma anche Marx sarebbe stato probabilmente d’accordo con questa affermazione, che susciterà non poco dibattito.

  • 22 A. Bagnasco, Regioni, tradizione civica e modernizzazione italiana, p. 98.

23Rimane infine da vedere come ba affronti il terzo gruppo di critiche a mdw, che chiedevano un approfondimento dei meccanismi micro alla base dell’effetto positivo del capitale sociale sullo sviluppo. La domanda è già posta in questi termini in conclusione dell’articolo del 1988: quali sono i meccanismi che determinano l’effetto della partecipazione e dell’associazionismo su sviluppo socioeconomico e rendimento istituzionale? Chi sono gli «attivisti», la cui attività associativa ha questi così importanti effetti positivi? La domanda era riproposta in mdw, che rinviava al caso empirico della Terza Italia e agli studiosi italiani (Bagnasco e Trigilia) e americani (Piore e Sabel) che lo hanno approfondito. Ma, come sostiene lo stesso Bagnasco22, occorre studiare i meccanismi, non solo connessi al senso civico, che hanno consentito questo, e altri, casi di sviluppo locale.

  • 23 Cfr. ba, n. 15 al cap. 1, p. 446.
  • 24 A. M. Chiesi, Operationalizing the concept of social capital as a means of theoretical clarificatio (...)

24In una certa misura, il capitolo introduttivo di ba cerca di rispondere a questo stimolo23. Putnam vi riprende un argomento tipico della letteratura sociologica sui networks relazionali, distinguendo tra due tipi di capitale sociale: il capitale sociale esclusivo, o vincolante (bonding) e il capitale sociale inclusivo, o congiungente (bridging). Si parla del primo in presenza di forti lealtà verso gruppi coesi, che danno luogo a comportamenti individuali fortemente condizionati dal gruppo. Il secondo indica invece legami formali e non tra individui per il resto differenti, e appartenenti a cerchie sociali diverse, legami che forniscono risorse, tipicamente informative ma non solo, ai comportamenti, prevalentemente strumentali, degli individui. Mentre il capitale sociale esclusivo determina fiducia tra gli appartenenti al gruppo, il secondo richiede, e poi rinforza, un diverso tipo di fiducia, più impersonale e universalistica. Mentre il primo ricalca di frequente linee di identità ascritta, il secondo è una proprietà acquisita degli individui. D’altra parte, aggiunge Putnam, si deve pensare a questi diversi tipi di capitale sociale come a gradi di un continuum, piuttosto che come a una dicotomia, e conclude la discussione rilevando, in modo non del tutto soddisfacente, che non sono disponibili indicatori adeguati alla distinzione tra i due tipi di capitale sociale. Ma si poteva almeno provare: l’operazionalizzazione è un modo eccellente di risolvere i dubbi teorici e di rendere più chiari concetti confusi o sfuggenti24. Inoltre, la differenza tra le due forme non manca di affiorare in vari luoghi del libro: nella discussione di sintesi sui motivi del declino del capitale sociale degli Stati Uniti (cap. 15), dove sembra che il declino riguardi in modo maggiore forme di capitale sociale più spostate verso il polo bonding, quali i legami religiosi o comunitari, rispetto a forme di capitale sociale bridging, quali i rapporti con i colleghi di lavoro o generici amici, o quando viene discusso l’andamento della tolleranza (uno dei pochi indicatori di civismo che tende alla crescita, negli Usa) e i suoi rapporti con le diverse forme di capitale sociale (cap. 22).

  • 25 N. Lin, Social Capital: Social Networks, Civil Engagement, or Trust?, paper presentato al Workshop (...)

25Il problema della definizione dei meccanismi micro sottostanti ai coefficienti e alle variazioni macro studiati da ba è comunque presente all’autore. Nel capitolo 8, in effetti, Putnam discute il rapporto tra le reti sociali da una parte e la disposizione individuale alla fiducia generalizzata e al rispetto delle norme dall’altra. Ma anche qui il problema non è molto approfondito, mentre alcune recenti ricerche sul tema suggeriscono che la relazione tra reti sociali e senso civico da un lato e fiducia generalizzata dall’altra potrebbe essere spuria, e che la fiducia non può essere ritenuta un indicatore di capitale sociale25. Onestamente, Putnam rimanda a future ricerche, riconoscendo che per ora «le frecce causali tra impegno civico, reciprocità, onestà e fiducia sociale sono intricate come un piatto di spaghetti ben mescolati» (ba, p. 137). Quando sono ben cotti, gli spaghetti si districano, si può aggiungere: sarà quindi la ricerca futura, soprattutto quella sul rapporto tra micro e macro, a dire se il concetto di capitale sociale deve entrare negli indici dei libri di testo di sociologia e scienza politica, o se è meglio che vi rimangano i concetti di fiducia, comunità, azione collettiva e così via.

Conclusione: variabili individuali, effetti sinergici e analisi strutturale

  • 26 T. Skocpol, Unraveling From Above, «The American Prospect», 25, 1996.

26In conclusione, rimane da aggiungere un rilievo. C’è qualcosa nella parte centrale del libro, e soprattutto nella sintetica quantificazione del peso causale dei diversi «effetti» sulla diminuzione del capitale sociale americano (cap. 15), che non soddisfa appieno. Come spesso accade in questo tipo di modelli di regressione multivariata, che studiano il mutamento sociale attraverso la variazione e/o l’associazione di variabili che aggregano caratteristiche degli individui, gli effetti rinviano a variabili la cui natura ontologica non è omogenea: in questo caso il tempo passato davanti alla televisione, le trasformazioni del lavoro, la suburbanizzazione, la successione delle generazioni. La logica degli effetti male si presta a comprendere la connessione tra i diversi fenomeni studiati. È probabile, infatti, che l’aumento del tempo passato a guardare la televisione sia collegato strutturalmente agli altri fattori individuati. Si può sostenere che la trasformazione delle strutture di opportunità da questi determinata, che comprende la diminuzione del tempo a disposizione delle famiglie, l’aumento dell’ansia, l’allontanamento fisico degli individui, la de-sincronizzazione delle attività, faccia sì che la televisione finisca per essere per la maggior parte degli individui una scelta decisamente più allettante di quanto non siano il circolo locale, o una cena con gli amici, o un incontro letterario o politico. Ed è altrettanto probabile, come suggerisce Skocpol26, che tutto il fenomeno sia da considerare anche dal punto di vista della stratificazione di classe, e che l’»uscita» dalla vita civica delle classi superiori, le prime a subire gli effetti della trasformazione del lavoro e della nuova struttura urbana, abbia preceduto e rinforzato quella delle classi inferiori. Lo stesso effetto-generazione è un effetto della socializzazione, quindi di un processo strutturale e non individuale.

  • 27 H. Esser, What is Wrong With Variable Sociology?, «European Sociological Review», 2, 1996: 159-166.

27Queste sono speculazioni, ma è probabile che molti dei problemi lasciati aperti da ba potrebbero essere proficuamente affrontati ricorrendo a strumenti concettuali ed empirici capaci di analizzare direttamente la struttura sociale, e cioè la struttura di opportunità degli individui: la società, sostiene ancora Skocpol, non cambia solo «perché gente con le caratteristiche individuali sbagliate prolifera nella popolazione, ma anche perché opportunità e modelli culturali si trasformano». Va detto, peraltro, che Putnam è in realtà consapevole dei limiti dell’approccio mainstream, da altri definito variable sociology27. Infatti, egli costruisce le proprie spiegazioni verbali integrando l’approccio individualistico dei dati analizzati con la descrizione di effetti «sinergici» (così l’autore), ovvero strutturali. Si è già detto dell’effetto-generazione, ma discussioni orientate in questo senso compaiono in molti dei brani più interessanti del libro: è questo il caso, ad esempio, della discussione sull’effetto della partecipazione femminile al mercato del lavoro (cap. 11), o di quella sull’effetto che la numerosità della coorte postbellica può avere avuto sulla socializzazione e i comportamenti dei baby-boomers, o ancora dell’analisi del ruolo avuto dalle guerre, e in particolare dalla seconda guerra mondiale, nello stimolare la crescita dell’associazionismo e della partecipazione sociale negli Stati Uniti (cap. 13).

28Si potrebbe quindi aggiungere che lo studio del mutamento sociale richiede, accanto e oltre alle teorie e alle tecniche di rilevazione individualisticamente orientate, teorie e basi di dati orientate alla struttura e all’individuazione dei meccanismi sociali che a partire da questa influenzano e determinano le scelte individuali. Ve ne sono numerose, senza bisogno di riesumare lo strutturalismo marx-leninista o tecnico-funzionalista: basti ricordare la teoria delle forme dello scambio della political economy polanyana, o l’analisi dei reticoli sociali, o la teoria del radicamento geopolitico del potere dello stato, teorie strutturalmente orientate, tra loro diversissime ma qui accomunabili perché tutte possono essere utilizzate, per un verso o per l’altro, nella spiegazione dei fenomeni descritti da Putnam.

  • 28 Cfr. P. Paxton, Is Social Capital Declining in the United States?
  • 29 Un primo approccio alla questione è quello di R. Cartocci, Chi ha paura dei valori? Per fare un alt (...)
  • 30 Per il caso italiano, cfr. il vol. xxxii, 1998, di «Economia e lavoro».
  • 31 Cfr. A. M. Chiesi, Operationalizing the concept of social capital.
  • 32 Su questo tema, forse il più stimolante per una teoria dell’azione di quelli aperti dal concetto di (...)

29Dopo questo scolio teorico, vale la pena di indicare quali strade possa seguire la discussione dei risultati di ba e, più in generale, la ricerca sul capitale sociale. In primo luogo, la ricerca di Putnam può essere replicata con altri indicatori e altre tecniche statistiche, sia per il caso americano28 che per altri paesi, come il nostro29. Inoltre, i risultati possono essere verificati con un approccio comparativo, sia tra nazioni, che all’interno delle nazioni (come accade in mdw). In secondo luogo, deve proseguire l’indagine macro sul rapporto tra capitale sociale e sviluppo economico, il tema più controverso di mdw, cui ba dedica solo tre pagine nel capitolo 1930. In terzo luogo, deve essere affontato il problema del rapporto tra capitale sociale macro, proprietà di intere società, e capitale sociale a livello micro, risorsa di individui31. Non si tratta della riproposizione astratta del «dilemma» micro-macro, ma di un problema di sostanza: lo studio di questo rapporto si intreccia infatti con le questioni empiriche rimaste insolute in ba, vale a dire da un lato la relazione tra capitale sociale bonding e bridging, esclusivo ed inclusivo, e dall’altro la connessione tra associazionismo, o socialità in generale, e fiducia generalizzata e/o universalismo32.

30Anche per questa capacità di indicare nuove strade di ricerca, il lavoro di Putnam è un libro importante, di cui si parlerà molto, e di cui è auspicabile una traduzione italiana in tempi brevi. È un esempio brillante del ritorno delle scienze sociali allo studio empirico del mutamento sociale macro, su scala spaziale e temporale relativamente ampia, dopo anni di egemonia delle teorie dell’azione orientate in senso micro da una parte, e del mainstream macroeconomico dall’altra. Con questo libro ritorna la dettagliata descrizione del mutamento sociale e delle sue tendenze, e l’appassionata ricerca di spiegazioni e alternative. La scrittura è brillante e avvincente, cosa non frequente tra scienziati sociali, e che non guasta in un libro di oltre 500 pagine. Imprese di questo tipo riportano le scienze sociali contemporanee verso i temi dei classici della sociologia e dell’economia politica, e rilanciano il ruolo scientifico dell’immaginazione sociologica, riproponendolo però con la prudenza metodologica e previsionale suggerita dalle critiche cui la teoria dell’azione ha sottoposto le teorie macro classiche del mutamento sociale.

Torna su

Note

1 R. D. Putnam, R. Leonardi, R. Nanetti, La pianta e le radici. Il radicamento dell’istituto regionale nel sistema politico italiano, Il Mulino, Bologna, 1985.

2 E oltre, come mostra la prosecuzione di questa parte dello studio di Putnam, che analizza il rendimento istituzionale delle regioni negli anni Novanta (T. Simoni, Il rendimento delle regioni. Una replica della ricerca di Putnam, «Polis», 3, 1997).

3 G. Almond, S. Verba, The Civic Culture: Political Attitudes and Democracy in Five Nations, Princeton up, Princeton, 1963.

4 Nel corso del volume si nota uno slittamento dal primo concetto verso il secondo, che infatti manca nei precedenti lavori pubblicati sulla stessa ricerca. Sul concetto di capitale sociale si vedano, oltre a J. Coleman, Social Capital in the Creation of Human Capital, «American Journal of Sociology», suppl., 1988, le rassegne di A. Portes, Social Capital: its Origins and Application in Modern Sociology, «Annual Review of Sociology», 24, 1998, e di M. Woolcock, Social capital and economic development: Toward a theoretical synthesis and policy framework, «Theory and Society», 27, 1998.

5 Il capitale sociale è operazionalizzato con un indice fattoriale ricavato da 4 indicatori: il tasso di associazionismo locale, con esclusione quindi delle filiali locali delle organizzazioni nazionali; il tasso di lettura dei quotidiani; un indice ricavato dai tassi di partecipazione ai referendum; un indice ricavato dalla frequenza del voto di preferenza alle elezioni politiche. Il tasso di lettura dei quotidiani è indicatore di interesse per le cose pubbliche, così come i due indici elettorali, scelti in modo di «depurare» la partecipazione elettorale dalle sue componenti strumentali: infatti l’incidenza del voto di preferenza è ritenuto indicatore inverso del senso civico. Lo sviluppo delle regioni è invece misurato da un indice fattoriale comprendente reddito pro capite; prodotto lordo pro capite, quota di occupati e di valore aggiunto del settore industriale e agricolo.

6 K. Marx, F. Engels, L’ideologia tedesca, Editori Riuniti, Roma, 1991, p. 30.

7 Analisi anticipata in un precedente lavoro italiano dell’autore: R. Putnam, Rendimento istituzionale e cultura politica. Qualche interrogativo sul potere del passato, «Polis», 3, 1988, dove le analisi sono un po’ diverse e le conclusioni più sfumate.

8 Gli indicatori del capitale sociale passato, riferiti agli ultimi anni dell’800 e ai primi del secolo scorso comprendono invece: il peso elettorale dei partiti di massa, cattolico e socialista; l’incidenza di cooperative sulla popolazione; il tasso di partecipazione a società di mutuo soccorso; il numero di associazioni ancora esistenti (1982) già attive all’epoca. Le misure di sviluppo comprendono invece la percentuale di forza lavoro attiva nel settore agricolo, quella attiva nell’industria e il tasso di mortalità infantile.

9 Cfr. comunque almeno E. Goldberg, Thinking About How Democracy Works, «Politics & Society», 1, 1996 per le prime; S. K. Cohn Jr, La storia secondo Robert Putnam, «Polis», 2, 1994 e F. Sabetti, Path Dependency and Civic Culture: Some Lessons Form Italy About Interpreting Social Experiments, «Politics & Society», 1, 1996 per le seconde. Riferimenti bibliografici alla letteratura secondaria su mdw sono reperibili in F. Ramella, Cittadini e produttori: civicness e sviluppo locale, «Sviluppo locale», 6, 1997; R. Cartocci, Chi ha paura dei valori? Capitale sociale e dintorni, «Rivista italiana di scienza politica», 3, 2000.

10 A. Bagnasco, Regioni, tradizione civica, modernizzazione italiana: un commento alla ricerca di Putnam, «Stato e mercato», 40, 1994; F. Sabetti, Path Dependency and Civic Culture; F. Ramella, Cittadini e produttori.

11 A. Portes, Social Capital.

12 F. Piselli, Capitale sociale: un concetto situazionale e dinamico, «Stato e mercato», 57, 1999.

13 G. Pasquino, La politica eclissata dalla tradizione civica, «Polis», 2, 1994; A. Mutti, Capitale sociale e sviluppo. La fiducia come risorsa, Il Mulino, Bologna, 1998; A. Bagnasco, Teoria del capitale sociale e political economy comparata, «Stato e mercato», 57, 1999; C. Trigilia, Capitale sociale e sviluppo locale, «Stato e mercato», 57, 1999.

14 A. Bagnasco, Regioni, tradizione civica, modernizzazione italiana; M. Levi, Social and Unsocial Capital: A Review Essay of Robert Putnam’s Making Democracy Work, «Politics & Society», 1, 1996.

15 Di qui il titolo del libro, che a un europeo dice poco: «alla partita da solo», o ancora meglio «al bar da solo», potrebbe suonare più familiare.

16 Nel sito web di «American Prospect» (http://www.americanprospect.com) è disponibile e scaricabile un buon saggio del dibattito.

17 M. Schudson, What If Civic Life Didn’t Die?, «The American Prospect», 25, 1996.

18 In particolare su quelli che misurano la partecipazione sociale istituzionalmente connotata (elezioni, religione, volontariato), mentre quelli riferiti alla socializzazione informale presentano una diminuzione su tutte le coorti.

19 Misure dell’associazionismo civico e sociale; della partecipazione politica ed elettorale; dell’impegno nel volontariato; della socialità informale; della fiducia impersonale.

20 Vedi sopra, n. 16, e inoltre P. Paxton, Is Social Capital Declining in the United States? A Multiple Indicator Assessment, «American Journal of Sociology», 3, 1999.

21 Intitolato An Agenda for Social Capitalists, con espressione felice anche se vagamente ossimorica ad orecchie europee… Chi fosse interessato all’intervento su queste tematiche può consultare il sito web del seminario fondato da Putnam: http://www.ksg.harvard.edu/saguaro.

22 A. Bagnasco, Regioni, tradizione civica e modernizzazione italiana, p. 98.

23 Cfr. ba, n. 15 al cap. 1, p. 446.

24 A. M. Chiesi, Operationalizing the concept of social capital as a means of theoretical clarification, paper presentato al Workshop on Social Capital, Università di Trento, 2000.

25 N. Lin, Social Capital: Social Networks, Civil Engagement, or Trust?, paper presentato al Workshop on Social Capital, Università di Trento, 2000.

26 T. Skocpol, Unraveling From Above, «The American Prospect», 25, 1996.

27 H. Esser, What is Wrong With Variable Sociology?, «European Sociological Review», 2, 1996: 159-166.

28 Cfr. P. Paxton, Is Social Capital Declining in the United States?

29 Un primo approccio alla questione è quello di R. Cartocci, Chi ha paura dei valori? Per fare un altro esempio: il numero 8/1994-95 dei «Quaderni di sociologia» contiene una serie di contributi sulla società italiana negli anni 80 che potrebbero essere utilmente operazionalizzati e verificati empiricamente.

30 Per il caso italiano, cfr. il vol. xxxii, 1998, di «Economia e lavoro».

31 Cfr. A. M. Chiesi, Operationalizing the concept of social capital.

32 Su questo tema, forse il più stimolante per una teoria dell’azione di quelli aperti dal concetto di capitale sociale, si veda A. Pizzorno, Perché si paga il benzinaio. Nota per una teoria del capitale sociale, «Stato e mercato», 57, 1999.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Gabriele Ballarino, « Capitale sociale e benessere delle nazioni: una nota sulle ricerche di R. D. Putnam », Quaderni di Sociologia, 25 | 2001, 143-154.

Notizia bibliografica digitale

Gabriele Ballarino, « Capitale sociale e benessere delle nazioni: una nota sulle ricerche di R. D. Putnam », Quaderni di Sociologia [Online], 25 | 2001, online dal 30 novembre 2015, consultato il 10 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/qds/1318 ; DOI : 10.4000/qds.1318

Torna su

Autore

Gabriele Ballarino

Istituto di Studi del Lavoro – Università di Milano

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals