Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri25note criticheI diversi tipi di capitale social...

note critiche

I diversi tipi di capitale sociale attivi nello sviluppo economico

Sonia Bertolini
p. 155-162

Testo integrale

1Il volume che qui si recensisce è una raccolta di saggi curata da Dasgupta e Serageldin che affronta la problematica del capitale sociale in relazione allo sviluppo (Dasgupta P., Serageldin I. (a cura di), Social Capital, The World Bank, Washington, 1999). Esso nasce da un workshop organizzato dalla World Bank nell’aprile del 1993. L’autorevole sponsor di questo lavoro conferma l’importanza che sta assumendo il concetto di capitale sociale.

  • 1 Già pubblicato in «American Journal of Sociology», 1994, supplemento.
  • 2 Già pubblicato in «Eastern Economic Journal», vol. 21, n. 3, 1995.

2Lo sforzo comune degli autori è di mostrare in che modo il concetto di cs possa essere applicato alla ricerca empirica e, soprattutto, quali implicazioni esso abbia per la teoria dello sviluppo. Il volume si propone di fare il punto della situazione sul dibattito riguardante alcuni aspetti del capitale sociale e per questo motivo nella raccolta sono stati inclusi anche due saggi già pubblicati: l’articolo di Coleman, Social Capital in the Creation of Human Capital1, e di quello di Putnam e Helliwell, Economic Growth and Social Capital in Italy2.

3La prima parte del testo, dopo le osservazioni critiche sul concetto di capitale sociale di due famosi economisti, Arrow e Solow, è dedicata ai contributi teorici. Oltre al saggio di Coleman, che è ormai un classico, viene proposto quello di Serageldin e Grootaert, che individua tre principali tradizioni nello studio del cs e ne propone una visione integrata e quello di Stiglitz, che colloca il concetto di capitale sociale all’interno della teoria dell’organizzazione.

4La seconda parte del volume è composta da contributi empirici, divisi tra analisi istituzionali e statistiche. Lo spazio maggiore è dedicato alle prime, tra cui sono stati inclusi due saggi che mostrano la possibilità di produzione intenzionale di cs, ad opera rispettivamente di Krishna e Turner, e due contributi che affrontano il tema del capitale sociale dal punto di vista del superamento dei problemi di azione collettiva: il primo è uno studio della Ostrom sui sistemi di irrigazione in Nepal, ed uno sulla produzione di riso in Sri Lanka di Uphoff. Infine, il saggio di Rose studia lo sviluppo di cs nella moderna Russia.

  • 3 La Porta, Lopez-de-Silanes, Shleifer, Vishny.

5Tra le analisi statistiche, oltre al saggio di Putnam e Helliwell che abbiamo già citato, il volume contiene uno studio sul livello di cs in Tanzania di Narayan e Pritchett e due contributi, uno di Chhibber e l’altro di La Porta et al.3, che utilizzano i dati di survey per misurare il livello di cs in diverse nazioni.

6La raccolta si conclude con l’ampia, occupa un quarto del volume, overview di Dasgupta, curatore del testo insieme a Serageldin, che ripercorre e approfondisce i principali argomenti affrontati nei vari saggi.

7I saggi contenuti nel testo sono di natura eterogenea sia per i presupposti teorici dei diversi autori, sia per l’approccio con il quale viene avvicinato il concetto di cs. Questo riflette il dibattito in corso sul tema del capitale sociale che per molti aspetti, forse a causa dell’esplosione di interesse che si è avuta negli ultimi anni, non è ancora completamente assestato. Qui di seguito cercherò comunque di individuare alcuni temi che gli autori della raccolta contribuiscono a chiarire e sui quali vi è convergenza, nonostante i loro differenti approcci (punti 1.2.3.). Il testo lascia aperte diverse questioni; nella seconda parte del lavoro sottolineerò alcuni spunti critici che si sviluppano a partire dalla raccolta e sui quali occorre ancora riflettere (punti 4.5.6.).

 

81. Per un utilizzo appropriato del concetto di cs: i diversi tipi di cs attivi nello sviluppo economico. Innanzitutto il testo affronta la questione se il concetto di cs sia un concetto utile. Per questo motivo l’antologia si apre, forse in modo intenzionalmente provocatorio, con le osservazioni critiche di due famosi economisti intese ad argomentare la non utilità del termine capitale sociale. Secondo Arrow e Solow, infatti, non è possibile riferire l’idea di «capitale» alle relazioni sociali. In economia, inoltre, il termine capitale ha un significato preciso, che non lascia spazio all’evocazione: se si parla di capitale ci si riferisce a un’entità misurabile, mentre il capitale sociale è difficile da calcolare.

9Alle obiezioni dei due economisti risponde Dasgupta argomentando che il problema non è nell’intangibilità del capitale sociale. Il fatto che non siamo in grado di misurare il capitale sociale quindi non significa che esso non sia economicamente rilevante. Il valore del cs è difficile da calcolare perché ha il suo maggiore impatto sull’economia precisamente in quel tipo di transazioni in cui i mercati sono assenti, alle quali cioè è difficile assegnare un prezzo. La sua utilità consiste appunto nel fatto che in questi casi permette di portare a termine lo stesso le transazioni.

  • 4 Traduzione a cura dell’autrice.

10L’ostilità degli economisti verso il concetto deriva piuttosto dal modo in cui esso è stato utilizzato finora. Alcuni studiosi non hanno, infatti, resistito alla tentazione di usarlo come un «gancio al quale appendere tutti quegli aspetti informali [delle relazioni sociali] che ci interessano, per i quali ci preoccupiamo, e che consideriamo positivi»4 (Dasgupta, Serageldin, 1999, x). Dasgupta mostra come la definizione di capitale sociale di Putnam, «le caratteristiche dell’organizzazione sociale, come la fiducia, le norme, ed i reticoli, che possono aumentare l’efficienza della società facilitando la coordinazione» (1993, 167), incoraggi ad amalgamare degli oggetti che sono incommensurabili, senza indicare in che modo essi siano connessi tra di loro. Si può, quindi, sostenere che i contributi del testo siano, allora, accomunati dal tentativo di indirizzare l’utilizzo del capitale sociale in una maniera più appropriata. Essi si rifanno all’impostazione teorica di Coleman in polemica, a volte apertamente (vedi articoli di Dasgupta e di Krishna) con quella di Putnam. Per Coleman, il cs non è una singola entità ma una varietà di differenti entità, che hanno due elementi in comune: tutti consistono in qualche aspetto della struttura sociale, e facilitano certe azioni degli attori dentro la struttura (p. 16). L’idea, sostenuta da Dasgupta e che dà unità al volume, è che occorre pensare al capitale sociale come a un concetto multidimensionale, composto da diversi elementi, che si situano a differenti livelli analitici: per applicarlo alla ricerca è necessario individuare i suoi componenti e studiare in che modo essi siano connessi nelle diverse situazioni empiriche. È cioè necessario indagare il carattere di quel particolare capitale sociale.

11L’interesse degli autori della raccolta è rivolto alle implicazioni che questa idea di cs ha per la teoria dello sviluppo. Una conseguenza del ragionamento proposto è che sarà possibile individuare diversi tipi di cs attivi in differenti tipi di sviluppo. Serageldin sostiene che in ogni stato occorre trovare il giusto livello e la giusta composizione per quel tipo di sviluppo. Diversi tipi di capitale sociale, infatti, possono coesistere e si rinforzano tra di loro.

 

122. La scelta del paradigma in cui inserire il concetto di cs e la possibilità di una sua produzione intenzionale. Un altro punto che viene affrontato nel testo, e che ha alimentato il dibattito attorno al tema del capitale sociale, è all’interno di quale paradigma sia lecito inserirlo. In particolare, Coleman e Putnam, i due suoi maggiori diffusori, lo hanno utilizzato in prospettive differenti. Se nella teorizzazione di Coleman il capitale sociale veniva inserito in una teoria della scelta razionale nella sua versione sociologica, Putnam lo utilizza in una prospettiva culturalista.

13Nella trattazione di Coleman (1990, 1994, 1999) l’idea di cs punta l’attenzione sul fatto che gli attori nel loro agire strategico possono utilizzare anche gli elementi e le relazioni sociali come risorse economiche per giungere ai loro scopi. In quella di Putnam, invece, il capitale sociale è inteso come una proprietà del sistema sociale, che viene ereditata. Per Putnam (1993) esistono società ad elevato capitale sociale ed a basso capitale sociale: nelle prime prevarrà un equilibrio cooperativo, nelle seconde la defezione. La storia ha determinato quale di questi due si è instaurato e gli individui dentro quel dato sistema sociale hanno interesse a comportarsi secondo quell’equilibrio. Rischia di scomparire dunque il tipo di l’attore che era presente in Coleman: l’attore non agisce intenzionalmente per raggiungere un certo fine, ma agisce secondo le norme a cui il contesto sociale lo ha socializzato.

14La scelta del paradigma in cui inserire il concetto di cs ha importanti implicazioni per la teoria dello sviluppo. Una prospettiva razionale prevede, infatti, la possibilità di interventi politici volti allo sviluppo e di produzione intenzionale di capitale sociale che la prospettiva culturalista esclude (Bagnasco, 1999, 9). Si tratta di un punto molto importante. Se per capitale sociale intendiamo, infatti, un generico richiamo a un’attitudine cooperativa, che deve il suo sviluppo a processi di tipo storico e culturale, diventa difficile pensare di intervenire sia a livello individuale che collettivo; il suo sviluppo è frutto di lenti processi di cambiamenti valoriali. Altra cosa è concepire il capitale sociale costituito da elementi della struttura sociale (tra cui, per esempio, le norme). In una prospettiva dinamica e di interazione tali elementi permettono il conseguimento di fini, consentono alcune azioni agli attori razionali e ne impediscono altre. In questo senso il capitale sociale è sempre presente, ma in forme diverse.

15La critica va a Putnam sul fatto che il concetto di capitale sociale utilizzato in questo dà una descrizione di come si è sviluppato il cs, ma non spiega il suo sviluppo, cioè non identifica i meccanismi che sono alla base della sua produzione e della sua crescita.

 

163. Il ruolo dello Stato nella produzione di cs. Alcuni dei saggi contenuti nella raccolta, vedi quelli di Dasgupta e Krishna, mostrano come lo stato possa intervenire nella produzione di cs, agendo sul livello delle aspettative degli individui e indirizzando l’interazione in direzione cooperativa o meno.

17Dasgupta precisa, infatti, che gli attori non agiscono solo in base ai valori della cultura a cui sono stati socializzati, cosa che è sottointesa nell’impostazione di Putnam. L’azione del singolo nell’interazione è spesso guidata dalle aspettative del soggetto nei confronti del comportamento altrui. Per questo è possibile che attori con preferenze diverse, magari dettate dalla cultura, agiscano nello stesso modo, se si aspettano che gli altri si comporteranno in modo più o meno cooperativo. Qui entra in gioco il capitale sociale. Infatti, un elemento fondamentale del capitale sociale è la fiducia. Coleman individua in «aspettative ed obbligazioni» una delle forme o degli attivatori principali del capitale sociale. Essa ha a che vedere proprio con l’aspettativa nei confronti del comportamento altrui. In particolare, è possibile distinguere tra la fiducia interpersonale, cioè l’aspettativa positiva verso il comportamento altrui che ci induce ad agire in un certo modo (cooperativo) piuttosto che in un altro anche quando non può osservare l’azione altrui, e quella istituzionale, che si riferisce alle aspettative sull’abilità delle istituzioni sociali a funzionare adeguatamente. Questi due tipi di fiducia sono legati tra di loro. Infatti, se gli attori ritengono che l’agenzia preposta a far rispettare i termini di un accordo non sarà in grado di farlo, non si fideranno neanche del fatto che gli individui adempiano ai loro termini di impegno e quindi non intraprenderanno le transazioni (Dasgupta, 1999, 332).

18Lo stato può allora intervenire direttamente sul livello di fiducia istituzionale, garantendo un buon funzionamento delle proprie istituzioni, e indirettamente sul livello dei fiducia interpersonale, poiché un buon funzionamento delle istituzioni aumenta la fiducia tra i soggetti. È questa la direzione nella quale lo stato può indirizzarsi per promuovere capitale sociale. Anzi, secondo Dasgupta, il ruolo dello stato nello sviluppo di capitale sociale è essenziale poiché la sua produzione è esposta ai problemi di free-riding.

19Dasgupta precisa qui un punto non del tutto chiaro nella trattazione di Coleman quando afferma che il capitale sociale presenta caratteristiche di bene pubblico. In realtà il cs di per sé stesso non è un bene pubblico, ma produce esternalità, che in quanto tali sono pubbliche. Di conseguenza variazioni nel capitale sociale collettivo producono anche variazioni del capitale sociale individuale e viceversa.

20Krishna critica Putnam nella stessa direzione di Dasgupta e sostiene che non è detto che società con poco capitale sociale siano condannate ad avere una bassa crescita economica. Un’azione intenzionalmente diretta ad alterare le aspettative dei soggetti può aumentare le prospettive di benefici derivanti dall’azione collettiva. È necessario in primo luogo mostrare ai soggetti che comportamenti coordinati possono aumentare i benefici individuali, in secondo luogo creare le strutture che supportino i comportamenti coordinati, e infine istituzionalizzare queste strutture in modo che i comportamenti coordinati diventino abitudine.

 

214. Il testo suggerisce alcuni spunti critici. In particolare, rispetto al primo argomento, cioè l’esistenza di diversi tipi di cs attivi nello sviluppo economico, possiamo notare l’affinità di pensiero con autori italiani come Bagnasco (1999) e Trigilia (1999). Essi, infatti, applicando il concetto di capitale sociale agli studi sull’economia diffusa, sostengono che un particolar tipo di capitale sociale, relazioni familiari allargate, interazioni locali di tipo cooperativo, un’identità comunitaria, ha permesso unitamente ad altri fattori economici e storici, la nascita dell’economia diffusa di piccola impresa della Terza Italia. Queste risorse erano già presenti in altri momenti storici, ma non avevano prodotto lo stesso tipo di sviluppo (Bagnasco, 1999, 113). Il contesto sociale, cioè condiziona in modo determinante quale tipo di cs è più produttivo. In questo senso, la raccolta di Dasgupta e Serageldin conferma che negli ultimi studi che applicano il cs ai problemi di sviluppo si sta creando una convergenza di pensiero, almeno in una parte del dibattito internazionale. Allo stesso tempo, però, una volta argomentato questo presupposto teorico, l’eterogeneità si ripresenta nel momento in cui gli autori propongono le distinzioni dei vari tipi di cs. Stiglitz individua due tipi di cs in base al fatto che le questioni allocative e distributive siano risolte dai reticoli di relazioni interpersonali, capitale sociale di comunità, o dalle istituzioni formali, capitale sociale prodotto dallo stato, mentre Krishna presenta come criterio di distinzione dei diversi tipi di cs il fatto che i suoi elementi facilitino l’azione collettiva mutualmente vantaggiosa (capitale sociale istituzionale che include i ruoli, le regole, le procedure e l’organizzazione) o che predispongono alla cooperazione. (capitale sociale relazionale include i valori, le attitudini, le norme e le credenze). Turner, infine, distingue le forme del capitale sociale a seconda del livello dell’organizzazione societaria in cui esso si forma. La questione che rimane aperta è come spiegare questi differenti approcci. È il contesto che si studia ad influenzare le diverse distinzioni? È possibile, per esempio, che in alcuni casi la differenziazione tra aspetti formali o informali sia importante e che invece in altri non lo sia? È possibile che in altri diventi predominante quella tra relazioni ed istituzioni?

22Certamente queste ambiguità derivano dal fatto il concetto di cs è stato applicato ad ambiti così diversi tra loro e al fatto che il capitale sociale non è stato ben definito. Infatti, se è pur vero che l’impostazione di Coleman elimina alcune confusioni rispetto a quella di Putnam, anche la sua lascia aperte, forse volutamente, altre questioni. Già la sua definizione si presta ad essere interpretata in modi differenti: «Il cs non è una singola entità ma una varietà di differenti entità, che hanno due elementi in comune: tutti consistono in qualche aspetto della struttura sociale, e facilitano certe azioni degli attori dentro la struttura» (p. 16). Questa ambiguità si ritrova nella raccolta. Da alcuni autori il cs viene accomunato ai legami informali, si veda saggio di Chhibber, da altri alla fiducia, saggio di La Porta et al. Alcuni, infine, vi includono le norme, per esempio la Ostrom nel suo contributo, altri le escludono.

23Forse si tratta di una difficoltà che non verrà mai superata, in quanto il capitale sociale è un concetto ombrello, metaforico: quando viene utilizzato ognuno guarda a quegli aspetti particolari del cs che gli interessano. Sicuramente l’idea di cs ha il vantaggio di puntare l’attenzione su alcuni elementi di natura sociale che una volta in alcune analisi venivano trascurati. Ma se vogliamo che aggiunga anche qualcosa di più nella ricerca empirica, occorre lavorare ulteriormente alla definizione degli elementi che lo compongono e alle loro connessioni.

 

245. Anche rispetto al secondo punto, la scelta del paradigma in cui inserire il concetto di cs e la possibilità di una sua produzione intenzionale, il testo è in sintonia con alcuni recenti sviluppi del dibattito italiano. Secondo Mutti (1998, 18), Putnam svaluta il contributo autonomo delle variabili politiche. Occorre, invece, capire quale tipo di capitale sociale è presente, «riuscire a precisare sotto quali condizioni il cs a disposizione degli individui tende ad orientarli in una direzione innovativa basata sull’aiuto reciproco, piuttosto che verso il conformismo e l’ostracismo nei confronti degli innovatori e degli outsiders» (Mutti, 1998, 35).

25Un aspetto innovativo del testo è che gli autori non si limitano a sostenere che è possibile produrre intenzionalmente forme di cs, secondo tema che attraversa la raccolta, ma indicano alcune vie attraverso le quali lo stato può intervenire nella sua creazione, terzo tema. La tesi è sostenuta con una rigorosa e precisa argomentazione teorica, nella quale vengono toccati importanti punti della sociologia, come norme, fiducia…, e vengono proposte preziose distinzioni analitiche che aiutano a mettere a fuoco che cosa non funzionava in alcune precedenti teorizzazione del cs. In particolare, il saggio di Dasgupta precisa che il cs non coincide con i reticoli sociali, ma che i reticoli sociali sono la struttura del capitale sociale. Alcune analisi tendono, invece, a sovrapporre il concetto di capitale sociale a quello di reticolo sociale. Utilizzato in questo modo il concetto di cs non aggiunge niente di nuovo all’analisi e viene persa la sua specificità rispetto al fatto che si tratta di relazioni sociali utilizzate per raggiungere uno scopo.

26Dasgupta precisa, inoltre, il fatto che il cs non è un bene pubblico, punto lasciato ambiguo nella trattazione di Coleman, ma produce delle esternalità che, in quanto tali, sono pubbliche, attraverso le quali lo stato può agire per produrre cs. Tuttavia, anche se l’idea di esternalità prodotte dal cs compare spesso nel volume, essa è poco sviluppata in relazione alle dimensioni micro e macro. Se da una parte, infatti, l’individuo può sfruttare per i propri fini parte del capitale sociale collettivo, per esempio la propensione alla reciprocazione, dall’altra il suo investimento in capitale sociale individuale crea esternalità e produce capitale sociale collettivo che ha carattere di bene pubblico; infatti, il circolo virtuoso che ogni singolo contribuisce ad alimentare crea capitale relazionale di cui si possono appropriare anche gli altri. Viene cioè trascurato dagli autori del volume il fatto che il singolo può incidere sulla dimensione collettiva del capitale sociale, attraverso le esternalità, anche se ciò pone dei problemi di azione collettiva. In questo senso i saggi tralasciano anche l’idea di produzione di cs dal basso, che è presente nella letteratura italiana, mentre privilegiano la prospettiva di intervento dall’alto. Probabilmente ciò è spiegabile in relazione al fatto che l’oggetto principale dell’analisi di questi autori sono i paesi in via di sviluppo.

 

276. Una nota a parte merita la sezione dedicata all’analisi statistica che operazionalizza il concetto di capitale sociale. In essa vengono riportati alcuni tentativi di misurazione del capitale sociale (tra cui il saggio di Putnam) basati su dati di survey. Gli indicatori utilizzati sono in realtà, però, indicatori del livello di fiducia interpersonale, saggio di La Porta et al., o dell’associazionismo, contributo di Narayan e Pritchett. Il primo tipo di indice fa quindi rinascere la questione di quale sia la differenza tra cs e fiducia. Il secondo riapre le critiche sulle misurazioni di Putnam.

28Dasgupta nelle conclusioni, inoltre, si dimostra critico verso una valutazione del livello di capitale sociale di tipo quantitativo. Alcune misure del capitale sociale proposte da Putnam, la partecipazione ad associazioni ecc, non tengono conto del peso, positivo o negativo, delle esternalità. Secondo Dasgupta, quindi, una misurazione di tipo qualitativo sarebbe più appropriata. Dasgupta sembra cioè sostenere che la migliore analisi del cs passa attraverso l’individuazione dei meccanismi che sono alla base della sua produzione. Un tentativo in questo senso è svolto dal saggio di Chhibber, inserito nell’antologia. Questo non significa che il cs non sia misurabile quantitativamente, ma probabilmente devono ancora essere fatti dei passi avanti nell’individuare quali siano gli indicatori più appropriati per rilevarlo e nella creazione di data base.

  • 5 Si veda Portes su questi temi.

29L’indicazione preziosa del testo in definitiva è quella di lasciare da parte note di rimpianto per le vecchie forme spontanee di capitale sociale e di puntare, invece, l’attenzione su come la politica possa creare e sostenere nuove forme di capitale sociale. In sintonia con Coleman, infatti, i saggi dell’antologia sostengono che la modernizzazione comporta la distruzione di alcuni tipi di capitale sociale, ma anche la creazione di nuove forme. Nella teorizzazione di Coleman vi è l’idea che con la modernizzazione alcune forme di capitale sociale «spontanee» stiano scomparendo e che debbano essere sostituite da nuove forme più organizzate. In questa prospettiva Stiglitz sostiene che lo sviluppo economico di un paese richiede di essere sostenuto da una sostituzione di un capitale sociale di comunità con un cs prodotto dallo stato. Infatti, l’ampio sviluppo del mercato ha distrutto i precedenti rapporti interpersonali su cui si basavano gli scambi, causando una diminuzione del valore delle relazioni personali, e quindi del capitale sociale. Il moderno stato capitalista ha sviluppato e sta sviluppando nuove forme di capitale sociale basate maggiormente su una struttura di tipo gerarchico. Non è detto, che il capitale sociale basato sulla comunità fosse superiore alle nuove forme. Non bisogna dimenticare che i reticoli sociali non producono solo effetti positivi, ma possono portare a gravi forme di esclusione sociale5.

Torna su

Bibliografia

Bagnasco A. (1999), Tracce di comunità, Il Mulino, Bologna.

Bourdieu P. (1979), La Distinction, Ed. de Minuit.

Bourdieu P. (1980), Social Capital. Notes Provisoires, «Actes de la recherche en sciences sociales», gennaio, n. 31.

Bourdieu P. (1986), The Forms of Capital, in Handbook of Theory and Research, by Richardson J. G., Greenwood, New York.

Coleman J. S. e Hoffer T. (1987a), Public and Private High Schools: The Impact of Communities, Basic Book.

Coleman J. S. (1987 b), Introducing Social Structure into Economic Analysis, «Psycological and Sociological Foundation», vol. 74, n. 2.

Coleman J. S. (1990), Foundations of Social Theory, The Belknap Press of Harvard University Press. Cambridge, Mass. and London.

Coleman J. S. (1994), A Rational Choice Perspective on Economic Sociology, in Smelser N. J. e Swedberg R., The Handbook of Economic Sociology, Princeton University Press, Princeton.

Evans P. (1996), Governement Action, Social Capital and Development: Reviewing the Evidence on Synergy, «World Development», vol. 24, n. 6.

Fukuyama F. (1995), Trust, The Free Press, New York; trad. it. (Fiducia), 1996, Rizzoli, Milano.

Mutti A. (1998), Capitale sociale e sviluppo, Il Mulino, Bologna.

Portes A. (1996), The downside of social capital, «The American Prospect», maggio-giugno, n. 26 (http://epn.org/prospect/26/26-cnt2).

Putnam R. (1993), Making Democratic Work, Princeton University Press, Princeton; trad. it. (La tradizione civica nelle regioni italiane), 1993, Mondadori, Milano.

Trigilia C. (1999), Capitale sociale e sviluppo locale, «Stato e Mercato», n. 57.

Torna su

Note

1 Già pubblicato in «American Journal of Sociology», 1994, supplemento.

2 Già pubblicato in «Eastern Economic Journal», vol. 21, n. 3, 1995.

3 La Porta, Lopez-de-Silanes, Shleifer, Vishny.

4 Traduzione a cura dell’autrice.

5 Si veda Portes su questi temi.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Sonia Bertolini, « I diversi tipi di capitale sociale attivi nello sviluppo economico »Quaderni di Sociologia, 25 | 2001, 155-162.

Notizia bibliografica digitale

Sonia Bertolini, « I diversi tipi di capitale sociale attivi nello sviluppo economico »Quaderni di Sociologia [Online], 25 | 2001, online dal 30 novembre 2015, consultato il 25 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1319; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1319

Torna su

Autore

Sonia Bertolini

Dipartimento di Scienze Sociali – Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search