Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri25note criticheLocalismo politico e globalizzazione

note critiche

Localismo politico e globalizzazione

Mariella Nocenzi
p. 163-168

Testo integrale

1Come per tutti i concetti ampiamente utilizzati, il rischio di un altrettanto larga improprietà di senso e valore negli ultimi anni è riconducibile anche al termine globalizzazione. Questo fenomeno, in primis un processo culturale, è divenuto una vox media nei più diversi contesti e dibattiti pubblici. Al punto tale da assumere di volta in volta i tratti discordanti di una nuova ideologia imperante, di derivazione moderna, e di tipo neoliberale, ovvero dell’ultima espressione di una modernità decadente che passa con reticenza il testimone ad una dimensione altra.

2La vasta letteratura sociologica recentemente prodotta sul tema si divide fra le teorie dei realisti, assertori della crescente interdipendenza economica, politica e culturale (Rifkin), e i critici osservatori del valore complementare della dimensione locale e del particolarismo che scaturisce dalla stessa globalità, fino a sintetizzarsi nella formula del glocalismo (Robertson).

3Non può sorprendere il fatto che questa querelle assuma i toni più accesi in riferimento alla configurazione politica nel costruendo panorama «globale». Rappresentando la politica come la decisione per costruire dalla pluralità di bisogni, interessi e poteri l’unità sociale (Burdeau), ma risultando la dimensione statale troppo piccola per dare un apporto significativo a questioni globali e troppo grande per affrontare le problematiche locali (Bell), si è riconosciuto nell’unidimensionalità economica e nell’autoritarismo politico del mercato globale il superamento della politica.

4Che con l’epoca della globalità non scocchi l’ora della fine della politica, ma anzi si apra per quest’ultima una nuova era (Beck), pare ormai essere ipotesi fortemente suffragata, per esempio dalle forme di azione politica transnazionali, impegnate a contrastare la concentrazione del potere nel numero sempre minore di mani dei «signori della globalizzazione». Anche un’emergente cultura politica del localismo, intesa come «rappresentazione sociale che diviene referente privilegiato dell’agire politico» (Donati), rinnova il senso e la funzione della politica promuovendo quei mutamenti collegati alle inedite rappresentazioni sociali di determinati ceti, ambiti territoriali, interessi ed élites, improponibili a livello globale.

5Per i tipi della Seam e per la penna di Daniele Ungaro, la recente pubblicazione del libro dal titolo Localismo politico (Roma, 2001) propone attraverso tre distinti percorsi i modelli teorici e le risultanze empiriche dell’affermazione di una cultura politica del localismo. Il volume contribuisce in modo significativo al dibattito sociologico sulla globalizzazione e a segnarne i limiti con i suoi stessi punti di forza. Rispetto a quanto farebbe pensare il titolo, il lettore non si trova innanzi ad un trattato o ad un manuale sul tema. Il localismo politico, per sua intrinseca natura, non si presta a leggi assolute che prescindono da precisi contesti e sviluppi politici, sociali, economici e culturali. L’iniziale analisi teorica, verificata attraverso i due successivi e specifici case studies, è condotta, invece, da Ungaro nel panorama italiano dell’ultimo decennio dove «il localismo politico, come fenomeno rilevante, nasce, almeno in certi ambiti territoriali, soprattutto per il sorgere di nuovi ceti produttivi che non si riconoscono più in uno specifico sistema di integrazione del consenso e, quindi, sono incentivati ad uscire da certi meccanismi di scambio» (p. 7) ormai consolidatisi nella formula della corruzione ambientale. La portata rilevante del fenomeno è ricostruita dall’Autore fin dalla sua prima affermazione – quindi agli inizi degli anni Novanta, prima dell’avvio della «Rivoluzione di Tangentopoli» – sottolineando con tre dei più significativi aspetti del localismo politico italiano in che misura questo abbia apportato elementi anche più innovativi di quelli creati dalla globalizzazione nel sistema politico. Fra i più determinanti, a costituire un «filo rosso» unificatore dei tre «spaccati» illustrati da Ungaro, quello di una domanda e offerta politica in cui il fattore economico pare sì imprescindibile, ma non pervasivo, almeno nel senso di costruire esso stesso un’ideologia semplificatrice delle istanze sociali e dei meccanismi di legittimazione dei rappresentanti. I canoni della razionalità economica, al contrario, finiscono per porsi nuovamente a strumento e non più soltanto a fine nell’elaborazione di proposte politiche in risposta a problematiche locali e nell’accertamento del grado di soddisfazione e fiducia degli elettori. Pur con ponderazione e sulla base di un solido impianto teorico, è questo ciò che Ungaro desume descrivendo la crisi del sistema di corruzione ambientale, altrove (Ungaro, 1997) indicato come un fattore della «lunga» transizione italiana. Infatti, questo «scambio consolidato tra decisioni legislative particolaristicamente favorevoli da una parte e voti e/o denaro dall’altra, operato fra scambisti direttamente partecipanti alla sfera politica (politici, amministratori, funzionari) e alla sfera economica (imprenditori)» (p. 14) oltre ad essere illegale, socialmente diffuso e moralmente accettato, poggia pure su elevati costi di transazione, penalizzanti gli esclusi – un po’ come le leggi ferree della globalizzazione. Così, il mercato protetto che nasce da questo scambio riduce le modalità di accesso di altri gruppi sociali ai contenuti dello scambio medesimo, solitamente appalti pubblici. Questi vengono gestiti monopolisticamente da un «clan di politici innovatori che perseguono razionalmente la loro rielezione e, quindi, il perseguimento della loro carriera politica […] Ciò crea una reciprocità di interessi con altri gruppi di attori […] in grado di costituire un complesso e perfezionato regime di scambi, una sorta di equilibrio fra offerta e domanda di corruzione» (p. 25). Questo perfetto modello razionale, sorretto per decenni in Italia dalla legittimazione elettorale e consenso derivante da quello stesso regime di scambi, altrettanto razionalmente è giunto ad un punto di rottura nel momento in cui «quel patto sociale che permette la rimozione della protesta degli esclusi, non ha funzionato più data la presenza di un gruppo di attori le cui preferenze razionali sono meglio rappresentate proprio dalla protesta» (p. 36). Questa a sua volta ha indotto «un primo calo di consensi che ha attivato le sanzioni, e in maniera circolare, tutto ciò ha accresciuto la protesta degli esclusi ed ha minato la legittimazione elettorale dei politici innovatori e dei loro seguaci». (p. 37) Soprattutto contesti locali hanno attivato la protesta degli esclusi dal regime di scambio corrotto ed hanno favorito la sua organizzazione politica inducendo un deficit di efficacia dello scambio medesimo per gli scambisti economici, oltre che politici. La più profonda crisi di questo sistema di integrazione del sistema politico, quindi, trova solo la sua realizzazione e giustificazione in un razionalistico e strumentale calcolo di costi e benefici.

6Il fattore economico arriva ad assurgere una rilevanza pari, ma non superiore a quelli storici, sociali, politici e culturali nel secondo percorso di analisi del localismo politico italiano, tracciato da Ungaro con uno studio di comunità svolto nel Comune di Montebelluna, in provincia di Treviso. Si tratta di un noto centro di produzione del calzaturificio sportivo e fin dagli anni Ottanta culla di un’espressione elettorale leghista, tipica di tutto il Nord-est del Paese. Ebbene, l’affermazione dei programmi del «Carroccio» in questo Comune avviene contemporaneamente al profilarsi di un modello di sviluppo economico postfordista, della creazione di un distretto industriale e di un capitalismo municipale. Assieme al dato economico, però, si delinea anche un differenzialismo socio-culturale che infrange il cleavage italiano destra/sinistra e attesta la tendenza localistica ad una rappresentanza politica più ampia e variegata di quella forzatamente bipolare. Ripercorrendo la storia dello sviluppo economico della comunità studiata, l’Autore ricostruisce lo scenario che già alle elezioni politiche del 1983 promuoveva la Liga Veneta a rappresentare quelle generali istanze di rinnovamento nel panorama politico italiano. Scenario caratterizzato dalle particolaristiche esigenze socio-culturali dell’autonomia, dell’antimeridionalismo, di un «neo-populismo basato essenzialmente sulla comunità dei produttori» (p. 61) e sull’etica della produzione. Ancor più questa modalità rappresentativa leghista emergerà nettamente nella tornata elettorale del 1992, superata la crisi registrata nel 1987, per una generale incapacità di dare una solida struttura sociale al partito con un’ottimale selezione di personale politico. Infatti, «queste elezioni sottolineano la razionalizzazione dell’offerta politica leghista […] che si pone come attore protagonista della rappresentanza politica di un capitalismo di tipo municipale […] che non trova più la rappresentatività dei propri interessi nel vecchio sistema di integrazione del consenso» (p. 66) di tipo nazionale. Come mostrano i doviziosi dati e tabelle riportati da Ungaro per le varie tornate elettorali, la rappresentatività della Lega si consolida nelle successive elezioni politiche del 1994 e 1996, portandosi al primo posto fra i partiti. La Lega beneficia, fra l’altro, del vuoto lasciato dallo smembramento della dc e dell’identificazione dell’elettorato di centro e della tradizionale subcultura «bianca» con la proposta politica localista, prima ancora che con una Forza Italia di immagine borghese e inficiata dalle inchieste giudiziarie. Beneficia inoltre dell’accentuarsi delle spinte localistiche in risposta alla crescente globalizzazione fino a costituire un nuovo cleavage localismo/centralismo. La nascita di un modello di sviluppo economico su base locale (capitalismo municipale) comporta, secondo l’Autore «l’affermarsi di forme culturali differenzialiste costituenti una precisa domanda politica nella direzione di una rappresentanza localista». «La Lega può essere sì interpretata come un imprenditore politico-simbolico del capitalismo municipale, ma la simbologia della sua comunicazione politica […] non risulta essere mera propaganda […] quanto la forma adeguata di una specifica cultura differenzialista» (p. 76). Attraverso le 150 interviste con questionario fra la popolazione montebellunese, l’Autore riesce a delimitare l’elettorato leghista fra coloro che non riconoscono rappresentativa la polarizzazione destra/sinistra, orfani della forte e decennale paternità della dc. Costoro interpretano come una nuova offerta politica quella del «Carroccio», spesso essendo gruppi intermedi con un livello medio di istruzione, fra i 30 e i 50 anni, impiegati nella piccola e media impresa, una sorta di società di mezzo che «nel contesto della «lunga» transizione italiana […] appare soprattutto espressione dell’instabilità sociale dei nuovi ceti produttivi, del lavoro autonomo» (p. 115). Alla luce degli ultimi risultati elettorali del 13 maggio 2001 – che hanno registrato una sensibile flessione della Lega nei suoi collegi del Nord-est – appare ancor più lucida l’analisi di Ungaro su una connotazione prettamente economico-culturale dell’affermazione leghista negli anni Novanta. Forse in misura maggiore le coalizioni nazionali potranno guidare i distretti industriali del Nord-est alla sfida ormai pressante della glocalizzazione, ossia nell’affermazione delle «capacità delle organizzazioni economiche di svilupparsi globalmente senza perdere il riferimento locale, ma anche senza farsi vincolare da questo […] Sarà difficile far coesistere il differenzialismo culturale localistico con lo sviluppo compatibile alla competizione internazionale […] Se questo dilemma verrà affrontato e risolto nei temi del glocalismo da una quota consistente delle organizzazioni economiche del Nord-est – prevede Ungaro – sarà difficile per la Lega mantenere unite le ragioni della rappresentanza politica sia dei vincitori, sia degli sconfitti della globalizzazione» (p. 129-130), questi ultimi destinati alla totale marginalizzazione.

7Seguendo l’Autore si è facili profeti di sventura nel disegnare la crisi di modelli di rappresentanza politica che, orfani delle ideologie fondate sulla condivisione degli interessi, ricorrono all’uso strumentale del fattore economico per favorire l’autorappresentazione dei nuovi ceti medi – di un nuovo esteso «ceto medio globale» (Cedroni) – che i soli interessi economici in un contesto di estrema volatilità non possono mantenere coeso. Precedendo di alcuni mesi l’operazione Forza Italia, tutto ciò è parso chiaro ad un gruppo di intellettuali e personaggi in vista triestini e al concittadino industriale del caffè Riccardo Illy, personaggio la di fuori del sistema politico, che l’ultimo percorso del testo di Ungaro analizza nelle vittoriose campagne elettorali del 1993 e 1997 per la conquista del comune giuliano, culminate nella recente affermazione nel collegio parlamentare con le elezioni politiche 2001. Il «fenomeno Illy» può giustamente additarsi come «il primo efficace impiego di tecniche di marketing politico» in un contesto politico locale che ha anticipato la tendenza nazionale alla «sostituzione dell’ideologia e della subcultura come elementi di mobilitazione politica» (p. 137). Sconfiggendo una lunga tradizione di destra che aveva incarnato il risentimento per la marginalità nazionale dei triestini – specie dopo il trattato di Osimo del 1977 – e la spinta ad un nazionalismo di frontiera, la coalizione di centro-sinistra si è imposta con un candidato esterno, che ha tradotto però la sua esperienza imprenditoriale in una «produzione sociale di valore che non si verifica più in arene politiche di massa e mercati di massa, ma in politiche ed economie di mercato […] dove la massimizzazione dei voti e dei profitti si ottiene mediante la comprensione e la soddisfazione dei bisogni degli elettori e dei clienti, anziché attraverso lo sviluppo di programmi ideologici e di economia di scala» (p. 141). Il modello di marketing politico adottato da Illy configura così un partito post-ideologico che vende un prodotto, ossia le proposte politiche, per ottenere voti, trasformando di per sé stesso il ruolo dell’élite politica democratica in quello della massimizzazione dei voti per ottenere cariche pubbliche attraverso «un prodotto il più possibile omogeneo a gruppi distinti socialmente differenziati» (p. 150). Un compito apparentemente facilitato dal clima di estrema incertezza del sistema politico italiano, deistituzionalizzato dalle inchieste giudiziarie e dallo scollamento, non solo ideologico, dei rappresentanti, paretianamente raffigurato come una «persistenza decrescente degli aggregati» dei partiti tradizionali a fronte della «varietà delle combinazioni possibili» nella frammentazione partitica. Il «caso Illy» ha rappresentato così un processo di incertezza costruttiva e di strumentalità economica. Se le tradizionali formazioni localistiche e di destra non rappresentavano più le istanze di autonomismo (non indipendentismo) e della valorizzazione delle risorse locali, un candidato indipendente, appoggiato da una coalizione minoritaria come il centro-sinistra ha potuto catalizzare consenso non sulla base di ideologie, ma raggiungendo quelle fasce di elettorato «o mercati-obiettivo considerati essenziali per il successo elettorale, ricoprendo cioè con mezzi alternativi alle ideologie le domande di distacco dei partiti – causa a sua volta di grande incertezza – di autonomismo moderato e di soluzione di problemi concreti» (p. 184). In una soluzione localistica, la sostituzione di political issues, ossia di temi astratti e simbolici finalizzati alla mobilitazione ideologica, con i policies issues, quindi con l’identificazione di problemi e delle relative proposte di soluzione, tende a ridurre la crescente incertezza politica post-ideologica nel senso di una maggior pragmaticità. Le policies issues possono anche rifondare il rapporto di rappresentanza su temi post-ideologici, che lo stesso fenomeno della globalizzazione induce ad individuare e risolvere negli specifici contesti localistici. L’analisi di Ungaro sull’emblematica competizione fra il marketing politico di Illy e quello di Berlusconi con Forza Italia dal 1994 sottolinea le differenze tra le due strategie. Quella localistica di Illy, impegnato in una campagna elettorale discreta e al di fuori dei partiti a presentare programmi e proposte specifiche. Quella nazionale di Berlusconi, centrata su «messaggi programmaticamente generici, ma simbolicamente coinvolgenti» (p. 202) che vendevano «un prodotto nuovo a vecchi clienti» (p. 203). I contenuti hanno premiato Illy, su base locale, anche nelle successive tornate elettorali amministrative del 1997 e politiche del 2001. Tutto ciò anche tramite l’esigenza di una maggiore professionalizzazione della campagna elettorale con la quale ha mirato alla sintonizzazione con i bisogni dell’elettorato, indipendentemente dalla loro vocazione ideologica, e li ha assunti come clienti-target della propria proposta politica. In questo consiste la novità vincente – quanto adeguata all’attuale condizione culturale – di tradurre «interessi particolaristici […] in un’idea di città di valore pubblico» (p. 218), in un’idea di futuro possibile per Trieste che «adatta l’offerta politica alla varietà della domanda degli elettori» (ibid.) in modo più convincente degli altri competitori politici. Quando si assume l’economia ad ideologia imperante nei nuovi rapporti di rappresentanza e potere nella dimensione globale, è necessario quindi riflettere su come «il marketing relazionale e quello politico in particolare non sono attività puramente economiche, perché includono variabili sociali, culturali e simboliche che costituiscono una razionalità della vendita e una produzione relazionale di valore, non riconducibili alla razionalità fordista della produzione» (p. 219). Chissà che dalla tanto ridimensionata realtà locale – da quella che ne è stata la primordiale culla – non possa venire un recupero della dimensione democratica, in cui gli interessi particolaristici, prima ancora delle ideologia universali e globalistiche, possano ricomporre l’attuale cesura fra domanda e offerta politica?

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Mariella Nocenzi, « Localismo politico e globalizzazione »Quaderni di Sociologia, 25 | 2001, 163-168.

Notizia bibliografica digitale

Mariella Nocenzi, « Localismo politico e globalizzazione »Quaderni di Sociologia [Online], 25 | 2001, online dal 30 novembre 2015, consultato il 01 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1320; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1320

Torna su

Autore

Mariella Nocenzi

Università «La Sapienza», Roma

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search