Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri28la società italiana / La sociolog...Per una sociologia asimmetrica

la società italiana / La sociologia all'inizio del nuovo millennio: impegno critico, etica cognitiva, riflessività. Giornate di studio in memoria di Antonio Carbonaro

Per una sociologia asimmetrica

Giuseppe De Rita
p. 9-16

Testo integrale

1Ringrazio dell’invito, ringrazio specialmente Giovanna Carbonaro, che mi ha chiesto di essere presente in ricordo di Antonio, che io ho frequentato, di cui sono stato amico negli anni in cui era a Napoli, dove era direttore del Formez, il primo direttore del Formez. Poi l’ho seguito soltanto attraverso le sue pagine scritte.

2Cercherò di fare una riflessione fra il biografico e l’analitico, legata ad una frase che ho letto in un libro di un mio amico, e che forse vale per noi tre, che apparteniamo alla stessa generazione, e abbiamo la stessa storia, anche se in modo e su canali diversi.

3Diceva questo mio amico, parlando dei manager: «Un buon capo deve saper uccidere la propria gloria». La generazione dei fondatori, la generazione di chi come noi girava per l’Italia negli anni 50 a fare sociologia, poco mancava che fosse considerata folle. Però alla fine l’abbiamo svolto questo ruolo di fondazione, e per questo noi siamo diventati dei «santini». Oggi credo che dobbiamo cominciare noi stessi a tentare di uccidere la gloria che abbiamo costruito. Io sono forse favorito dal fatto che vivendo di mercato, dovendo trovare dieci/dodici miliardi l’anno per far sopravvivere la Fondazione, devo uccidere un mio personale protagonismo. Non parlo di noi tre, che ormai siamo nella riserva, però credo che sia fondamentale che la sociologia non si faccia prendere dal grande successo di cui ha parlato Ferrarotti, che ha detto che scontiamo il nostro stesso successo. Se non uccidiamo quel po’ di gloria, in questo caso quel po’ di successo che abbiamo ottenuto, rischiamo di diventare marginali. Questo mio amico che ha scritto questa frase, faceva una citazione molto particolare, strana. Citava Boniperti che aveva vinto nove scudetti da calciatore e cinque da presidente, ma perse tutto quando nel mondo del calcio entrò Berlusconi. Perché cambiò il suo canone interpretativo. Boniperti continuava a fare il presidente come lo aveva visto fare per trent’anni della sua vita e come lo aveva fatto lui. Berlusconi fu asimmetrico rispetto a Boniperti e lo spiazzò, lo mise fuori mercato. Berlusconi ha questa grande capacità di asimmetria, tutti lo considerano pericolosissimo, ma la sua vera pericolosità sta in questo. Quando è entrato nel mercato della televisione, ha creato una asimmetria spaventosa, che adesso è simmetria di duopoli; quando è entrato nella politica ha creato asimmetria, anche oggi nel momento in cui c’è stata la guerra, non è andato a collocarsi nella simmetrica Europa, ma ha fatto alleanze diverse.

4Per uccidere la sua gloria la sociologia deve capire che mantenendo il proprio gioco tradizionale, quello che l’ha fatta affermare nella società italiana, perde la cultura dell’asimmetria, la cultura del gioco nuovo, continua a giocare il gioco del ’55, del ’62, del ’63 ma è un gioco che ha quarant’anni, che non è mai stato rinnovato se non come enfatico gonfiarsi delle discipline, delle cattedre, della presenza accademica, ma non è stato mai risistemato. E se uno non ha la cultura asimmetrica necessaria per rinnovarlo (non potremo certo farlo noi, spero che qualche giovane lo faccia) la cultura sociologica perderà peso in questo paese. Perché il paese è cambiato, perché il modo di interpretarlo è cambiato, perché gli stessi criteri di spiegazione della situazione sono cambiati. Quindi il successo, la gloria di questi quarant’anni, siano in qualche modo monito a cambiare, in modo sostanzialmente asimmetrico. Non so come. Io vi dico come cambio io quotidianamente: facendo mercato. Oggi è stato detto che la sociologia che va sul mercato è ancillare. Io l’ho fatta. Però sono rimasto giovane da questo punto di vista, non mi sono mai fatto spiazzare dalle cose che stavano arrivando. Quello che è certo è che in questo momento il nostro modo di pensare al nostro lavoro, il lavoro sociologico, come lavoro di autocoscienza di una società, di spiegazione di quello che avviene nella società, di interpretazione di quello che avviene nella società, è spiazzato dal fatto che la società non vuole essere spiegata perché si dispiega per conto suo. Slogan banale, ma è così. La società si dispiega, si articola, si declama, si dichiara. Magari anche male, nei contenitori televisivi, nei giornali, nelle ventiquattro pagine delle rivistine studentesche, ma si dispiega. E quindi la nostra tendenza – io penso anche alla mia personale motivazione etica – di fare autocoscienza per fare autosviluppo (questa è la mia motivazione etica in quarantasei anni di lavoro), sbanda. E come faccio a fare autocoscienza per fare autosviluppo se la società si dispiega e si sviluppa per conto proprio?

5La sintesi interpretativa così come la programmazione e l’intervento pubblico, erano forme di condensazione. Ma se la società invece si spiega, diventa molecolare, diventa territoriale, diventa personale, diventa capitalismo molecolare, capitalismo personale, diventa lavoro individuale, diventa in pratica realtà quotidiana, diventa tutto, come si fa a condensare? E se questa illustrazione, di una società che si dispiega non viene alla sociologia, al sociologo, al ricercatore sociale come interprete, ma va al mezzo di comunicazione come momento di veicolazione – io mi dispiego e voglio spiegarmi e per spiegarmi uso il mezzo più dispiegato, la televisione o il giornale – il sociologo diventa ancillare. Anche al Censis il 5% del bilancio riguarda ricerche fatte per dei giornali. Ci sono società di ricerca che fanno il 100% per i giornali, perché è funzionale a veicolare il dispiegamento, che è certo tipico di una società come la nostra, ma credo anche di altre società, specialmente di quelle meno consolidate e strutturate. In Germania e in Francia sarà sicuramente diverso, mentre in America è all’incirca così: la vita si dispiega, la cultura si dispiega, la comunicazione non è altro che la veicolazione di un dispiegamento. Se non capiamo questa prima asimmetria profonda, che la sintesi è come autocoscienza sintetica e interpretante, per la società diventerà sempre più difficile essere compresa, e non solo perché l’apparato di capacità critica che la sociologia, non solo italiana, in questi quarant’anni ha messo in moto è povero. Infatti abbiamo descritto ma non critichiamo, perché non c’è soltanto una debolezza del mestiere, c’è una realtà di fatto che è diventata asimmetrica al nostro mestiere e, se non diventiamo asimmetrici anche noi, andando, entrando in questa asimmetria nuova, restiamo fuori. Perché la società non si ferma nel suo dispiegarsi. Diventeremo sempre più gente che non fa sociologia ma fa i sondaggi per i giornali, fa i sondaggi per la televisione, fa i sondaggi per la Chiesa, fa i sondaggi per i mezzi di comunicazione che veicolano il dispiegamento sociale.

6Tenete conto che c’è un secondo aspetto fondamentale: in questo dispiegarsi della società: avviene anche nella società italiana quello che Franco Ferrarotti ha intuito, straordinariamente bene, sulla società internazionale: e cioè che essa diventa progressivamente multipolare. Lui usa il multipolare perché parla del mondo, io uso il policentrico perché parlo della società italiana. Pensate ad esempio come, dopo l’11 settembre, il mondo è diventato multipolare. Lo stesso presidente Bush pensava di essere non solo sulla torre che nessuno toccava, ma di avere sotto controllo tutto quello che succedeva, perché ha Echelon, perché ha i satelliti, e invece, nello spazio di un’ora, ha dovuto cambiare totalmente alleanze, perché nella multipolarità l’alleanza deve essere fatta con Putin e non con la Nato; con i cinesi e non con l’Occidente; con il Pakistan, il Tagikistan e l’Uzbekistan e non con l’America latina. La Nato non serviva a nulla, e per l’Europa bastava solo Blair. Perché? Perché la multipolarità è strettamente connessa, vive in simbiosi con l’asimmetria. Se sto in un mondo multipolare devo essere asimmetrico; se no mi incastro fra Oriente e Occidente, e lo scontro di civiltà, le due superpotenze, sono simmetrie ormai superate. Mentre la nostra testa è ancora e sempre una testa simmetrica. Pensate ai nostri piani di studio, pensate ai nostri trattati di sociologia: sono simmetrici. Soltanto il mercato scompensa queste culture simmetriche. È quello che ci ha detto Gallino sul modo in cui l’etica diventa parte integrante del nostro mestiere, perché soltanto nella multipolarità e nell’asimmetria crescono le possibilità di conoscere e interagire. Nella simmetria si muore. Sappiamo tutti che se il nostro volto fosse simmetrico, cioè fosse la fotografia invertita della parte destra o sinistra, saremmo del tutto insignificanti. È l’asimmetria che crea la significanza. Multipolarità e asimmetria sono le cose fondamentali che ci spiazzano, che ci impongono in questo momento di «uccidere la nostra gloria».

7Il problema è che non abbiamo più una capacità di fare struttura, di lavorare sulle strutture, sui settori. Dobbiamo lavorare su dei processi. Noi abbiamo fatto proliferare studi di sociologia culturale, agraria, urbana, industriale, dell’organizzazione e chi più ne ha più ne metta, perché avevamo una cultura da organigramma di settore. Soltanto all’interno del settore cercavamo il processo. Oggi il processo è più forte del settore: la globalizzazione, la multietnicità, uso i due esempi che hanno usato Gallino e Ferrarotti, basterebbero. Trovare un libro di sociologia agraria che mi faccia capire come si fa multietnicità nel lavoro stagionale dei marocchini che fanno il formaggio! C’è una specie di incapacità a stare sui processi, perché alla fine, il successo degli ultimi quarant’anni ci ha messo in canne d’organo incomunicanti e in canne d’organo che non suonano più. E alla fine rischieremo, come molti di noi hanno rischiato nel ’68, di accordarci alla contestazione, perché lì ci sono i giovani, perché lì ci sono le occupazioni.

8Andiamo sull’antiglobalizzazione senza sapere neppure qual’è il processo della globalizzazione. Se non si sta nei processi si è condannati a restare nei settori, nei segmenti, nelle discipline, e alla fine si resta fuori da tutto perché oggi quelli che valgono sono i grandi processi storici. E se non stai nei grandi processi storici, sarai anche un bravissimo economista, un bravissimo sociologo ma non ce la fai a capire, a discernere le possibilità, come diceva Gallino. Devi stare nei processi mentre nella nostra società, nella nostra Università, e nella nostra sociologia all’interno della nostra Università, i processi non ci stanno: bene che vada stanno in discipline o in settori, più nella parte disciplinare che nella parte settoriale. Il sociologo agrario è più sociologo che agrario, come hanno dimostrato gli Ardigò o i Marzelli della nostra generazione.

9Una società molteplice, multipolare, policentrica, che si dispiega quotidianamente, che non ammette molto spesso di essere spiegata, alla quale non interessa onestamente di essere interpretata e vive asimmetricamente in processi molto particolari, che cosa ha nella sua struttura profonda? Ha il fatto che vincono non tanto i meccanismi strutturali, quanto i comportamenti individuali. Non vince l’industria, non vince l’impresa, non vince la famiglia, non vince lo Stato, non vince il sindacato; vincono i comportamenti. Pensate soltanto ai problemi del lavoro oggi. Il lavoro diventa sempre più un insieme di comportamenti. Quando voi su venti milioni di lavoratori ne avete dodici, tredici milioni che hanno posizioni individuali di lavoro, di cui due o tre nel lavoro dipendente, il sindacato che deve fare? Deve rincorrere? Deve tentare di fare l’associazione o la sezione, o la federazione dei lavoratori in partita iva? O dei lavoratori precari, quando la maggior parte dei lavoratori, anche i dipendenti a tempo pieno, hanno un secondo lavoro o sono pagati a bonus o a stock option. Parlo del comportamento del lavoro che distrugge lo stesso meccanismo dell’organizzazione e distruggendo l’organizzazione distrugge le strutture organizzate. Oggi c’è ancora la sociologia del lavoro, c’è una sociologia dell’organizzazione, c’è una sociologia dell’industria come apparato organizzativo, c’è una sociologia della pubblica amministrazione. Ma siamo poi sicuri che questa realtà che noi affrontiamo in termini di strutture – di entità, direbbe Gallino – non sia già vuota quando uno la prende in mano, perché la proliferazione di comportamenti individuali è così forte da distruggere il nostro stesso modo di approccio? Se io non ho più un decision maker di fronte, non ho più un ministro, ma ho ormai un Ministero del lavoro, in orizzontale, seppur privo di una riforma da azienda piatta; non ho più l’imprenditore medio o medio-grande che ha problemi di organizzazione, di revisione, di riforma e di organizzazione interna (quelli che ha sono solo problemi finanziari), non ho più alcune volte i capi del personale (mancano gli Auteri, gli Annibaldi, i Medusa, i Vaciago, quei grandi capi del personale con cui si discuteva e si faceva ricerca su come affrontare determinati problemi di organizzazione del lavoro). Se non c’è quello, non c’è mercato, e per me è la morte. Magari chi fa il professore di scienze dell’organizzazione, di sociologia dell’organizzazione, di sociologia industriale, di sociologia della pubblica amministrazione centrale e periferica, forse riesce ancora a tirare avanti perché ha uno stipendio pubblico, ma l’incidenza vera non c’è più: quella che io ho sempre chiamato – con qualche sorriso altrui – la molecolarizzazione della società italiana, che è strettamente legata alla multipolarità della società mondiale ed italiana nel policentrismo e a questa voglia di fare asimmetria. L’imprenditore o il lavoratore in proprio, o il lavoratore individuale, sa che sta facendo l’asimmetrico. Alcune volte lo fa perché gli permette di crescere, gli fa fare carriera, altre volte lo deve fare perché è precario. Ma questa molecolarizzazione modifica le stesse forme di condensazione del nostro modo di lavorare, del modo di lavorare della scienza sociale. Hai voglia a dire: «sì, ma allora se è così, se c’è questa forte molecolarizzazione, c’è connessione tra sociologia, antropologia e psicologia!» Io non ho mai creduto nell’interdisciplinarità, è stato un modo per rendere generico e alcune volte identico qualsiasi tipo di approccio. Io stesso, quando faccio ricerca, so che sto entrando in un campo che è puramente antropologico e non è più mio, o è puramente di psicologia collettiva, e non è più mio.

10Lo vedo nelle cinquantamila/sessantamila interviste che facciamo ogni anno solo per interpretarle e senza mai pubblicarle. Ma quando vedo che nella fincatura dei giovani, il giovane è codificabile con le parole indistinto e seriale e ritrovo i due termini nella perizia psichiatrica fatta sui due ragazzi di Novi Ligure, che hanno questa indistinzione che significa violenza, questa serialità che significa smemoramento, io che faccio? Faccio il questionario? Ma questo mi esce fuori dai questionari, e non mi va di vendere sondaggi. La molecolarità del sistema mi mette in una palude disciplinare molto forte, non mi servono più le discipline e le subdiscipline su cui abbiamo, pericolosamente, fatto crescere questa nostra disciplina, innescando questa moltiplicazione (soltanto gli storici sono riusciti a fare più subdiscipline di noi, però avevano quintali di secoli da studiare).

11Questo tipo di realtà crea anche una molteplicità di riferimenti e di potenziali presìdi. Una società molecolare, una società che dispiega per proprio conto, che sceglie implicitamente l’asimmetria singola per campare, vivere e crescere, è una società in cui i centri di condensazione si spostano in periferia: è una società territorializzata.

12Il Censis ha cominciato nel ’63 e nel primo anno il nostro bilancio era per il 95% su committenze dello Stato, provenienti da enti statali, per il 2-3% proveniva dall’ocse. Oggi lo Stato (enti pubblici, Cassa per il Mezzogiorno, Eni) sul nostro bilancio contano meno del 15%. Perché? Perché nella società che si dispiega e si territorializza, i punti di riferimento vanno altrove. Vanno nelle banche locali, vanno nelle associazioni industriali, negli Enti fiera, nei Comuni, nelle comunità di montagna. Ma sapete che significa questo in termini di fatica interpretativa? Quando al Censis ci mettiamo intorno a un tavolo per cominciare a scrivere il rapporto annuale e diciamo quali sono i fili rossi che possiamo tirare, qualcuno parla della sua esperienza nella comunità montana del Vergheredo, qualcun altro della sua esperienza a Caltanissetta. Una volta quando si ragionava soltanto su dati nazionali, per policy-makers nazionali, la capacità di fare sintesi era molto forte. Oggi la sintesi nazionale, ma certe volte anche regionale, diventa difficilissima. In una società che si dispiega, alla fine l’unico mercato è in periferia, ma l’unico mercato in periferia ti insegna a stare dentro quella periferia, e nulla più. Noi che ci siamo inventati? Siamo andati a vedere dal ’68 in poi il localismo industriale, quello che dagli anni ’80 in poi è stato chiamato sistema dei distretti: è uscita fuori la definizione concettuale dei distretti, perché c’erano delle realtà omogenee, o almeno comparabili: fra Prato che fa tessile e Lumezzano che fa rubinetti, o Fermo che fa scarpe, c’erano degli aspetti strutturalmente forti e uguali, a cui si poteva dare il nome, prima generico di localismo, poi specifico di distretto. Oggi no. Noi stessi quando parliamo dei settanta/ottanta distretti esistenti, pur facendo ogni anno il forum dei distretti, facciamo, è vero, ricerca, eppure ci sfugge tutto; oggi Prato e Fermo non sono più comparabili e alcune volte la parola distretto non funziona più. Sono andato l’altro giorno, dopo un anno e mezzo che non ci andavo, a Rimini, che viene considerata il distretto turistico italiano con la d e la t maiuscole, ma la metà della popolazione riminese è a occupazione industriale, perché l’integrazione a nord, con Cesena nel settore moda, a sud, con Pesaro nel settore del mobile, ha fatto sì che oggi ci sia una cultura collettiva montante, tanto è vero che i programmi (fare la terza corsia dell’autostrada, spostare la fiera a dieci chilometri dal centro storico, rifare la strada per San Marino, che si pone come polmone finanziario) sono tutti spostati verso l’entroterra. Al turismo marino è stato imposto di fare la metropolitana di cabotaggio, cioè di restare sul mare, ma di non venire a interferire sulla terraferma. Per dire come cambiano le cose: un distretto turistico non è più tale, non è più legato a un comprensorio specifico; tutto cambia. Questo crea una situazione di difficoltà al ricercatore: da una parte, di grande allegria, perché va in un posto, trova tutto nuovo rispetto alla volta precedente e il cervello ricomincia a funzionare, ma dall’altra si rileva anche una incapacità nostra di fare sintesi interpretativa, di prendere quattro fili e metterli intorno a un’ipotesi.

13Il Rapporto Sociale di quest’anno lo incentrerò tutto sul policentrismo, e mi fa piacere che fra me e Ferrarotti ci sia ancora questa consonanza su multipolarità e policentrismo. È quello che sta avvenendo nel mondo e che rende questa società italiana molto più coerente con l’attuale momento multipolare, di quanto lo fosse nella nato o nell’Europa strozzata dai parametri di Maastricht. Nei prossimi vent’anni giocheremo la partita non in campo avverso, perché siamo policentrici e il mondo sta diventando policentrico, perché siamo quotidiani e Bush chiama alla quotidianità ordinaria. Ma se mi chiedessero in base a quali ricerche ho fatto questa interpretazione, quale delle sessanta ricerche l’anno che fa il Censis mi sono servite per fare questa interpretazione, dovrei dire, quasi nessuna. Forse è il mio ego sconfinato ad impormi di tentare l’interpretazione, però la base informativa mi porta a disperdermi, a disperdermi nel dispiegamento della società. Poco mi sono servite le mie ricerche, quanto poco mi sono servite le discipline sociologiche attuali e il modo in cui vengono esercitate. In fondo a livello locale o a livello di singole imprese o a livello di singola struttura, questa specie di policentrismo anche di poteri, temo che il governo Berlusconi lo riaccentuerà, ma in senso, mi sembra, meno federalista di quello precedente.

14Il problema di questa moltiplicazione di sedi cambia anche il nostro mestiere: non mi si chiede più solo la ricerca, mi si chiede la consulenza, il monitoraggio, l’assistenza tecnica.

15Il ricercatore come sono io cambia mestiere, viene sollecitato a un’asimmetria d’anima molto forte, ma a me non va di fare il consulente, accetto di farlo perché sono un imprenditore, però penso che gli stessi 30 ricercatori che lavorano con me stanno cambiando fisionomia. In qualche modo io credo che loro si stiano sganciando anche da quel po’ di riconoscimento comune che è ricerca sociologica, non dico sociologia, ma ricerca sociale culturalmente unitaria e di buon livello interpretativo.

16Io mi sono sempre considerato, e mi hanno considerato, un diverso, non ho mai voluto fare neppure la libera docenza. Io, che come ricercatore sono diverso dal cultore della disciplina, vengo spezzettato da una domanda che modifica l’anima del mio mestiere.

17Tutto quello che ho detto, almeno spero, ripropone un problema di etica, e io direi pure, per quelli della nostra generazione, di militanza. La parola militanza è stata distrutta dai sessantottini e dai post-sessantottini, però devo dire che io ho fatto il sociologo come militante. E questo modo speciale di fare il sociologo, come militante e non come professore, non come ontologico possessore di una verità, non come uomo da garanzia scientifica di quello che sta avvenendo, è soltanto un’idea che abbiamo espresso all’inizio?

18Che una disciplina si afferma se dentro c’è un’etica militante è stato soltanto un sogno di Antonio Carbonaro, di Angelo Pagani, di noi che abbiamo cominciato? Oppure è ancora il vero problema del nostro modo di lavorare nella società? Io ho l’impressione che possiamo uccidere la nostra gloria se vogliamo essere modernamente asimmetrici e restare nelle cose, però, lo dobbiamo dire, questo è un mestiere che senza etica militante non si fa.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Giuseppe De Rita, « Per una sociologia asimmetrica »Quaderni di Sociologia, 28 | 2002, 9-16.

Notizia bibliografica digitale

Giuseppe De Rita, « Per una sociologia asimmetrica »Quaderni di Sociologia [Online], 28 | 2002, online dal 30 novembre 2015, consultato il 24 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1328; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1328

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search