Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri28teoria e ricercaMeccanismi di costruzione dello s...

teoria e ricerca

Meccanismi di costruzione dello spazio sociale. Differenze di genere

Giuliana Mandich
p. 85-104

Testo integrale

Ringrazio Luisa Bianco e Michael Eve per l’attenta lettura della prima versione di questo testo. Ringrazio inoltre i colleghi del Dipartimento di Ricerche economiche e Sociali dell’Università di Cagliari per le osservazioni fattemi durante il seminario di presentazione di questo lavoro.

1. Genere, capitale sociale, socialità

  • 1 Essendo le posizioni di potere e prestigio ricoperte da uomini ed essendo le reti sociali basate su (...)
  • 2 Su questo punto tra gli altri: Bott (1971); Fisher (1982); Wellman (1985); Marsden (1987); Heran (1 (...)

1Numerose ricerche hanno messo in evidenza come lo svantaggio femminile si costruisce anche attraverso le reti sociali. Le reti femminili sono spesso meno ampie e differenziate di quelle maschili e soprattutto, carenti di legami deboli (che si è mostrato costituiscono un vantaggio per gli uomini nella ricerca di lavoro, in particolare a livello professionale e manageriale, e nelle strategie di carriera) e di contatti maschili (che per ovvi fattori strutturali danno accesso ad un ventaglio più ampio di posizioni più elevate)1. Nelle reti femminili troviamo in sostanza più relazioni legate all’ambito domestico (vicinato, servizi e ovviamente parentela) mentre nelle reti maschili hanno più peso le relazioni elettive o i rapporti con il mondo esterno (amicizie, relazioni di lavoro, vita associativa)2. La ricerca sui modelli relazionali maschili e femminili di job searching mostra d’altra parte che nella ricerca del lavoro le donne tendono a rivolgersi ad amici e parenti (legami forti) ed in particolare ad altre donne, a differenza dei loro compagni, i quali assumono generalmente altri uomini e colleghi maschi come interlocutori privilegiati (Abbatecola, 1999). Inoltre i contatti familiari e di vicinato cui ricorrono tipicamente le donne le conducono a lavori a bassa qualificazione e nell’ambito del quartiere di residenza (Hanson e Pratt, 1991).

  • 3 Cfr. Bidart (1997), Forsé (1981). Collins (1992) sostiene che la produzione di confini culturali è (...)
  • 4 Le indagini Multisocpo dell’Istat mostrano come anche la frequenza degli incontri con gli amici è p (...)

2Queste differenze sono certamente spiegabili tenendo conto dei vincoli che il ruolo domestico pone alle opportunità relazionali delle donne sia in termini normativi (ancorando maggiormente l’esperienza femminile alla famiglia) che in termini strutturali (incidendo cioè sulla struttura delle opportunità). Ad esempio, all’interno della famiglia anche il lavoro di relazione viene spesso ripartito secondo la divisione tradizionale dei ruoli. Non solo le donne gestiscono, in genere, i rapporti familiari e di parentela ma, per quanto riguarda la sociabilità extrafamiliare, mentre sono gli uomini che generalmente «scelgono» nuove amicizie e conoscenze, alle donne vengono affidate le attività di mantenimento e rafforzamento dei legami. Esse svolgono spesso «attività di supporto» a quella dei mariti (gli inviti a cena per i colleghi del marito e così via)3. Il ruolo domestico pone anche dei vincoli di carattere temporale alla possibilità di coltivare amicizie. L’attività di networking è infatti costosa in termini di tempo e come le ricerche sui bilanci tempo hanno dimostrato ampiamente, le donne hanno meno tempo degli uomini da dedicare anche alle relazioni (Lin, 2000; Green et al., 1990)4. Questi vincoli incidono, infine, sulla varietà delle opportunità relazionali producendo una configurazione localistica delle reti femminili e delle loro esperienze di lavoro. Le donne tendono ad avere infatti networks maggiormente omogenei (cioè composti da persone con le stesse caratteristiche) (Renzulli, Aldrich, Moody, 2000). Complessivamente, secondo queste ricerche, le donne si trovano in qualche modo collocate all’interno di uno spazio sociale più fortemente ancorato agli ambiti del privato e soprattutto all’ambito della famiglia.

3Ci si può chiedere, però, se sia possibile ritrovare una specificità femminile legata non tanto al tipo di relazione privilegiata (legami forti piuttosto che deboli) quanto ai modi di costruzione delle reti da parte delle donne, tanto più che esiste una copiosa letteratura, controversa ma influente, che evidenzia un ruolo diverso delle relazioni nell’esperienza e nell’identità dei due generi (Chodorow, 1978; Gilligan, 1982 e 1987; Josselson, 1987; Porter, 1999). D’altra parte le differenze di genere si ritrovano anche in quelle fasi della vita in cui il ruolo domestico dovrebbe essere meno vincolante (ad esempio tra i giovani) e talvolta i modelli relazionali femminili mostrano una forte omogeneità, indipendente dalle generazioni, istruzione, posizione nel lavoro e collocazione geografica (Abbatecola et al., in Bianco, 2001).

  • 5 Il concetto di capitale sociale individuale, infatti, (l’investimento che gli individui fanno nelle (...)

4Per cogliere questa specificità, però, è necessario partire da una rappresentazione dello spazio sociale in cui donne e uomini sono radicati non solo in quanto insieme di risorse e struttura di opportunità ma soprattutto come ambito intersoggettivo simbolicamente connotato5. Gli spazi sociali personali (quelle che vengono definite personal communities o ambienti interpersonali) sono il risultato, infatti, di processi complessi e di logiche non soltanto strumentali. Essi vengono generati, nel corso del tempo, dalle pratiche quotidiane di socialità all’interno di quegli ambiti di riconoscimento fondamentali per l’identità degli uomini e delle donne (Sparti, 1994; Pizzorno, 2000). Come spiega Pizzorno, una teoria del capitale sociale deve perciò tener conto non soltanto «dei processi attraverso i quali un soggetto d’azione utilizza le strutture sociali per perseguire i propri fini singolari, bensì anche dei processi attraverso i quali le stesse relazioni interpersonali di riconoscimento vengono prodotte e riprodotte a formare il tessuto della socialità» (Pizzorno, 1999, p. 387). In questo senso essa viene a coincidere con una teoria della riproduzione della socialità.

  • 6 L’uso del termine di legame forte per definire abitualmente famiglia ed amicizia nasconde le differ (...)

5In questo saggio mi propongo, quindi, di indagare le diverse modalità di costruzione degli spazi sociali personali degli uomini e delle donne, considerando due modalità principali di riconoscimento, quelli che la letteratura sul capitale sociale indica con il termine di legami forti e legami deboli (si tratta in sostanza di ciò che un altro tipo di letteratura definisce come intimate relationships e non-intimate relationships). In particolare partirò dai rapporti di amicizia (cioè i legami forti al di fuori dell’ambito domestico)6. L’ipotesi che guiderà questa mia riflessione è che la «povertà» del capitale sociale femminile può essere, almeno in parte, spiegata come il risultato di un diverso modo delle relazioni femminili di costruire le relazioni interpersonali di riconoscimento.

  • 7 Lo strumento adottato per la rilevazione delle reti sociali è un diario-questionario, dei contatti (...)

6Mi servirò, per svolgere questo ragionamento, dei dati di una ricerca sulle reti sociali di giovani donne e giovani uomini che frequentano l’università7. Questo punto di osservazione mi sembra particolarmente produttivo per diverse ragioni. In primo luogo, in questa fase del ciclo di vita l’influenza del ruolo domestico può considerarsi in qualche modo latente: la vita quotidiana di queste ragazze e di questi ragazzi si svolge in ambiti molto simili e incontra lo stesso tipo di vincoli.

  • 8 Come ha mostrato l’indagine iard l’orientamento maggiormente presente tra i giovani evidenzia una v (...)

7Inoltre è proprio tra i giovani, ed in particolare i giovani istruiti, che i modelli tradizionali di genere sono meno forti8. Infine questa fase della vita è il luogo ideale per cogliere la riconfigurazione delle reti sociali nel passaggio da una socialità di stampo adolescenziale ad una socialità «adulta» (in cui cominciano ad emergere dei criteri selettivi più netti) in un momento senza dubbio cruciale per il consolidarsi dell’identità di genere.

2. Legami forti e legami deboli: i confini dell’amicizia

8L’amicizia è una relazione dal carattere particolare. Mentre altri legami tra gli individui, come quello di collega, vicino o cugino, indicano la posizione di un individuo rispetto ad un altro all’interno di un ambito definito (quello lavorativo, residenziale o familiare), l’amicizia è un rapporto direttamente relazionale, cioè emerge dalla natura della relazione tra due soggetti. La relazione con un vicino o un collega esiste ed è legata a specifiche aspettative sociali, indipendentemente dalla qualità e dal carattere specifico che assume. Gli amici, invece, compaiono all’interno dello spazio sociale di un soggetto solo nel momento in cui vengono nominati, riconosciuti come tali (Allan, 1989). Si tratta di una relazione che non solo implica un modo specifico di riconoscimento ma da esso dipende per la propria esistenza. È il particolare sguardo che noi indirizziamo ad una persona, infatti, che costruisce la relazione.

9L’amicizia segna quindi, in modo diverso a seconda delle culture, dei generi, delle classi, delle età, dei confini speciali all’interno dello spazio sociale, delimita un ambito di prossimità e posiziona gli individui all’interno di una cerchia di riconoscimento, fortemente connotata dal punto di vista emotivo, che è particolarmente importante per l’identità sociale e personale dei soggetti.

  • 9 Lo spettro delle definizioni soggettive è molto più ampio: accanto ad un nucleo principale di eleme (...)

10Nella definizione di Granovetter (1983) l’amicizia è un legame forte e si colloca lungo un continuum costruito sulla base della combinazione della quantità di tempo, dell’intensità emotiva, del grado di intimità (confidenza reciproca) e dei servizi reciproci. Sono amici coloro che ci sono particolarmente vicini, ai quali confidiamo i nostri problemi, sui quali possiamo contare in caso di bisogno9. Ma quale è la soglia per i diversi soggetti al di là della quale un legame debole diventa forte (ad esempio un collega diventa un amico). È la stessa per le donne e per gli uomini, ed è per entrambi la stessa combinazione dei diversi elementi?

  • 10 Ovviamente vi sono diversi gradi di forza e di debolezza di un legame. Ad esempio vi possono essere (...)

11Indagare i meccanismi di costruzione dei confini dell’amicizia, capire quali persone ed in quali circostanze vengono incluse in una rete amicale significa chiarire il modo in cui i legami forti si differenziano da quelli deboli nell’esperienza dei soggetti10. Per questo analizzerò l’insieme dei legami informali (emersi dalle pratiche quotidiane di socialità) che costituiscono gli ambienti interpersonali dei nostri giovani. Infatti solo considerando l’amicizia sullo sfondo di questi legami è possibile individuarne la vera natura.

  • 11 In tutte le reti maschili di ampie dimensioni inoltre (dai 40 ai 94 legami) gli amici costituiscono (...)
  • 12 Se qualcosa si può dire è in favore dell’esistenza di reti più ampie per le ragazze. Il 41% dei rag (...)
  • 13 La differenza si esprime piuttosto talvolta in una maggior centralità delle relazioni familiari nel (...)

12Se ci limitiamo a considerare unicamente le dimensioni della rete amicale questa ricerca, come altre, conferma il fatto che le donne risultano avere meno amici. Più della metà delle reti femminili, infatti, hanno una componente amicale minoritaria (meno del 50% dei legami di ego sono costituiti da amici), mentre solo un quarto di quelle maschili non presentano una rete amicale nettamente dominante11. È però interessante collocare gli amici all’interno dello spazio sociale più ampio. Se consideriamo infatti l’insieme completo dei legami nelle reti sociali dei nostri studenti (i loro spazi sociali personali appunto) troviamo che gli ambiti della socialità femminile non si rivelano meno ampi di quelle maschili12. Solo in pochi casi lo spazio sociale femminile viene riempito dalle relazioni familiari13, inoltre, abbastanza controintuitivamente, la minor ampiezza delle reti amicali è spesso «controbilanciata» da una maggiore presenza di quelli che vengono abitualmente chiamati legami deboli (colleghi e conoscenti).

13L’ipotesi che verrà esplorata in questo saggio è che si tratti di diversi modelli di organizzazione degli spazi di socialità a partire dalle pratiche simboliche di riconoscimento dei soggetti. Esistono, in altre parole, diversi modi di segnare i confini dell’amicizia per le ragazze: esse portano uno sguardo diverso sullo spazio sociale che le circonda, in particolare sembrano più caute dei loro coetanei maschi nell’attribuire l’etichetta di amica o amico.

  • 14 I grafi sono stati realizzati utilizzando il programma Krackplot 3.0. Il layout del grafico è basat (...)

Il caso di Mara (fig. 114), studentessa 20enne di Ingegneria, proveniente da un piccolo centro, mi sembra a questo proposito particolarmente emblematico. Mara indica all’interno di una vasta rete composta da 50 persone soltanto 5 amici.
La sua rete non è incentrata sulla casa e la famiglia, anzi, la famiglia è rappresentata nella sua rete dal triangolo tutto femminile madre-nonna-sorella e appare piuttosto isolata rispetto al resto della rete. Dei legami inclusi nella rete di Mara un gran numero, invece, sono costituiti da legami deboli: colleghi/e (17) e conoscenti (15). Numerosi i legami isolati.
Mara non è una ragazza solitaria, che pensa solo allo studio o appare avere difficoltà relazionali. Frequenta una palestra di free climbing, un gruppo musicale, la parrocchia. La ritroviamo in un pub e fa le ore piccole chiacchierando. In facoltà Mara mostra di conoscere molte persone.
Questa giovane donna appare però molto cauta nell’attribuire l’etichetta di amica/o: Giovanna, studentessa 22enne del suo stesso paese, conosciuta da ben sette anni a scuola, alla quale telefona per prendere appuntamento per il pranzo viene definita come conoscente. Definisce come «quasi amico» Marco C, coetaneo, conosciuto in parrocchia 2 anni prima.
Coloro che per contro definisce come colleghi, vengono frequentati al di fuori dei momenti di vita universitaria. A casa di uno di essi, in pizzeria, al pub; con essi organizza cene o vede la partita di calcio a casa propria. Tra l’altro dei suoi colleghi conosce amici, fratelli e fidanzate. Le persone che incontra con regolarità in palestra vengono definite come conoscenti, così come le persone incontrate in parrocchia o nel gruppo corale. Da ognuno dei contesti importanti nella vita, Mara si porta dietro un’amicizia: Emanuela coetanea, amica di vecchia data, dal tempo delle elementari; un’amica più grande, conosciuta 6 anni prima nel vicinato; un amico del gruppo della parrocchia e due amiche conosciute all’università.

 

Un caso simile è quello di Sara (fig. 2), ventenne, cittadina, sempre iscritta in Ingegneria. Nella sua rete di 43 persone gli amici sono solo 4. Anche qui ritroviamo una vecchia amica delle scuola media; un amico del liceo, e due amiche conosciute all’università. I colleghi frequentati da Sara sono molto numerosi. Non è sufficiente però per Sara conoscere il collega Massimo dai tempi del liceo per definirlo amico. E non è sufficiente frequentare i colleghi al di fuori dell’università, al pub o a casa dell’amica Valeria, dove spesso mangiano insieme. Tra l’altro Sara sembra ben inserita nello spazio sociale dei colleghi, perché, come Mara, conosce e frequenta diversi dei loro amici. Anche per Sara, inoltre, la famiglia occupa una parte molto limitata dello spazio sociale anche se maggiormente connessa rispetto a quella di Mara alla rete amicale.

Fig. 1. Mara. Rombo amici; rettangolo famiglia; senza bordo legami deboli (colleghi e conoscenti)

Fig. 1. Mara. Rombo amici; rettangolo famiglia; senza bordo legami deboli (colleghi e conoscenti)

Fig. 2. Sara. Rombo amici; ellisse amici di secondo grado; rettangolo famiglia; senza cornice legami deboli (amici e conoscenti)

Fig. 2. Sara. Rombo amici; ellisse amici di secondo grado; rettangolo famiglia; senza cornice legami deboli (amici e conoscenti)

14Analizzando le reti maschili ci troviamo di fronte ad un modello diverso.

Prendiamo il caso di Silvio (fig. 3) studente cittadino quasi coetaneo di Mara (21 anni) anche lui iscritto in Ingegneria. Silvio ha una grossa rete composta quasi esclusivamente di amici, quasi tutti maschi). Per Silvio il gruppo scout costituisce un contesto importante per lo sviluppo della rete amicale negli ultimi 8 anni (gli ultimi rapporti originati nel gruppo risalgono a tre anni prima). Questo gruppo costituisce il cuore, la parte più densa della rete. La fidanzata, tra l’altro proviene dal gruppo degli scout. Silvio indica, però con il termine di amici anche le conoscenze degli ultimi sette mesi, in Facoltà e in casa di amici. Il termine di amico viene applicato (con poche eccezioni, ad esempio il vicino di casa) praticamente a tutti i rapporti informali al di fuori della famiglia. La sua rete è, se così possiamo dire, totalmente «colorata» dai rapporti amicali. Spazio di socialità e sfera amicale coincidono quindi quasi totalmente.

 

Un altro caso che ci permette di intuire il diverso modo dei ragazzi di apporre l’etichetta di amico è quello di Giacomo (studente di Medicina, 21enne figlio di casalinga e impiegato, residente in un paese di piccole dimensioni). Anche la sua rete di ampie dimensioni (62 persone) è composta in prevalenza da amici. Se si esclude la famiglia (fratello, madre, zio) e pochi altri rapporti (un collega, 2 compaesani, due docenti all’università e altre 5 persone conosciute a titolo vario) la maggior parte delle persone nella rete di Giacomo vengono definite come amici. Le amicizie più radicate nel tempo vengono indicate come amici senza ulteriori specificazioni. Il miglior amico è Luca, muratore 23enne compaesano, amico dai tempi delle elementari. Mentre le amicizie più recenti (che risalgono agli ultimi 3-4 anni) sono indicate con una doppia denominazione: come amici coinquilini, amici colleghi, amici compaesani, amici conoscenti, amici coristi amici excoinquilini, amici di vecchia data, amici vicini e addirittura amici parenti. Il tempo costituisce un elemento fondamentale nella definizione dei rapporti amicali «più puri», Giacomo include però nella cerchia di coloro che considera amici anche persone incontrate di recente. Ognuno dei contesti che Giacomo frequenta nella vita quotidiana (università, paese, coabitazione, il coro, il vicinato) è fonte di relazioni amichevoli.

  • 15 Nell’indagine Multiscopo istat, Il minor peso dell’amicizia nel quotidiano, per le ragazze, anche i (...)

15Le differenze che abbiamo messo in evidenza attraverso il confronto tra questi casi, non sono spiegabili sulla base di una diversa presenza delle ragazze e dei ragazzi negli spazi pubblici. L’ambito di socialità definito da Sara e Mara, infatti, non è il riflesso di un maggior peso del ruolo domestico, né di una segregazione di queste ragazze negli spazi del privato. Anche all’interno di uno spazio di socialità con caratteristiche molto simili (le ragazze svolgono le stesse attività dei ragazzi, frequentano nello stesso modo i colleghi al di fuori dell’università) è l’attribuzione della qualità «forte» dell’amicizia ad una relazione che avviene in modo diverso. Per le ragazze solo alcuni dei legami nei diversi contesti relazionali hanno la qualità dell’amicizia, i ragazzi invece sembrano più propensi ad attribuire il termine di amico a tutti coloro che vengono frequentati con una certa regolarità15.

Fig. 3. Silvio. Rombo amici; rettangolo famiglia; senza cornice legami deboli (conoscenti e colleghi)

Fig. 3. Silvio. Rombo amici; rettangolo famiglia; senza cornice legami deboli (conoscenti e colleghi)

Fig. 4. Giacomo. Rombo amici; elissi amici e qualcosaltro; rettangolo famiglia; senza cornice rapporti deboli (conoscenti, colleghi, coinquilini…)

Fig. 4. Giacomo. Rombo amici; elissi amici e qualcosaltro; rettangolo famiglia; senza cornice rapporti deboli (conoscenti, colleghi, coinquilini…)

16Possiamo leggere i casi scelti come due «tipi ideali» che rappresentano due diverse modalità di segnare i confini dell’amicizia in qualche modo «specifiche» del femminile e del maschile.

17Le ragazze sembrano riservare il termine di amicizia ad un numero più ristretto di persone, si mostrano più caute dei loro coetanei maschi nell’attribuire il riconoscimento amicale. I ragazzi, invece, tendono ad attribuire l’etichetta di amico o amica spesso semplicemente alle persone con le quali condividono regolarmente una serie di attività all’interno di un certo contesto.

18Naturalmente non tutti i casi sono collocabili all’interno di queste due categorie. Complessivamente le reti maschili sono più omogenee, ricalcano cioè con meno variazioni il modello centrale in cui spazio della socialità e spazio amicale coincidono ampiamente. Le reti femminili mostrano invece una maggior variabilità. Vi sono reti che assomigliano al modello maschile, reti «tradizionali» tutta casa e famiglia. Un dato però è molto forte. Il modello rappresentato da Sara e Mara è un modello specificamente femminile, non lo si ritrova, cioè in alcun modo tra i ragazzi. Inoltre la maggior selettività dello sguardo femminile emerge, anche se con diverse graduazioni, in tutte le reti femminili, che tendono in genere a «delimitare» in maniera più netta l’ambito dell’amicizia dall’ambito più generico della socialità.

  • 16 La letteratura è molto vasta. Tra gli altri: Wright (1988); Wright (1982); Weiss & Lowental (1975); (...)

19A sostenere queste osservazioni empiriche possiamo richiamare il fatto che queste differenze corrispondono ampiamente ai tratti messi in evidenza da numerose ricerche socio-psicologiche sulle differenze di genere nel campo delle amicizie e relazioni interpersonali16.

20Nel modello «tipicamente femminile» vengono indicate come amiche o amici solo le persone con le quale si è creato un legame intimo, di particolare complicità e confidenza. Le amicizie femminili vengono definite del tipo «faccia a faccia», si basano sull’idea di reciprocità, sono fortemente espressive. Il fatto che le amicizie femminili siano maggiormente intime (e centrate sullo scambio emotivo) porta ad una maggior «personalizzazione» della relazione. Anche per questo le relazioni amicali, per le ragazze, tendono ad essere più spesso diadiche, amicizie «a due».

21Nel modello «tipicamente maschile» invece, gli amici sono più spesso coloro con i quali si condividono delle attività. Le amicizie maschili vengono definite «side by side», basate sull’idea di associatività e sono maggiormente strumentali. Anche per questo le amicizie maschili sono più spesso amicizie di gruppo (i compagni di scuola, gli scout, i compagni di basket). L’amicizia è considerata come relazione sociale piuttosto che come rapporto personale.

  • 17 Sul ruolo della narrazione nei rapporti interpersonali: Cavarero (1997); Jedlowsky (2000).

22In un altro filone di ricerche queste differenze vengono espresse sottolineando un diverso peso delle relazioni per l’identità e l’esperienza dei due generi. La centralità delle relazioni per le donne le porta ad abitare lo spazio sociale in termini di «comunione connessione, radicamento relazionale, spiritualità, affiliazione» (Josselson, 1987). Queste caratteristiche degli orientamenti relazionali implicano una diversa definizione dell’amicizia in cui la necessità continua di «tener conto dell’altro» porta le donne a vedere ogni persona come «un individuo con una storia concreta, un’identità ed una specificità emotiva» (Benhabib, 1992, 159). Chi ha studiato le conversazioni ritrova le stesse differenze nel modo in cui le relazioni vengono costruite attraverso il discorso. L’amicizia maschile è raramente di tipo narrativo, gli uomini preferiscono parlare di cose (si pensi al ruolo che le discussioni sul calcio hanno nella socialità maschile) o delle attività che svolgono (avvocati, tennisti) invece di raccontare chi sono. Nelle amicizie femminili, invece, il racconto della propria storia personale è elemento fondamentale della relazione17.

3. I meccanismi della continuità e della discontinuità

23Le reti sociali si sviluppano nel tempo. Le reti analizzate dalla ricerca sono il risultato della biografia degli studenti universitari fino a quel momento. Da un lato, quindi, esse riflettono il passaggio attraverso fasi diverse caratterizzate da contesti relazionali e normativi diversi, dall’altro mostrano l’effetto del tempo. Non tutte le amicizie fatte nei diversi periodi dell’infanzia e dell’adolescenza, infatti, sopravvivono. Nel passaggio da una fase all’altra molte di esse si perdono, altre nascono producendo una riconfigurazione delle reti sociali.

24Questo percorso si realizza sulla base di fattori diversi: col tempo cambia la definizione stessa di amicizia (ad esempio dall’infanzia all’età adulta), inoltre si modificano le condizioni in cui un’amicizia è nata, infine la storia di una certa relazione può portare alla sua fine.

25Il tempo trasforma, infatti, l’esperienza delle relazioni. L’amicizia in particolare è un sentimento dinamico, il cui carattere muta, ridisegnando in continuazione i confini tra il «noi» e «gli altri. Dato il carattere dell’amicizia di relazione intima e personale i sentimenti che si sviluppano e implicano il tempo (come il rimpianto, il rimorso, disappunto, ansietà, speranza, perdono) contribuiscono a renderla fragile (Duck, 1994).

26Proprio in virtù di questo suo carattere instabile l’amicizia necessita di meccanismi addizionali di stabilizzazione, se le relazioni devono durare più a lungo. Questi meccanismi possono essere di tipo culturale. Tali sono ad esempio la trasformazione dell’amicizia in ideale culturalmente ben radicato (si pensi all’ideale romantico di amicizia) o il suo combinarsi con altri sentimenti secondari quali la lealtà e la fiducia, (ma anche gratitudine e fedeltà) o ancora il suo istituzionalizzarsi come forma di interazione sociale riconosciuta e consolidata (come i compagni di scuola) (Nedelman, 1991).

  • 18 La stabilizzazione dell’amicizia è favorita, oltre che da fattori culturali, dalle caratteristiche (...)

27Ma hanno un forte peso anche i meccanismi di tipo strutturale. Ad esempio si è visto che l’inserimento in un network denso favorisce la continuità delle relazioni amicali (Milardo, 1986). In generale il radicamento in una certa configurazione di rete è importante nell’influenzare le possibilità di sopravvivenza (e di nascita) di un’amicizia (Eve, 1998)18.

28Complessivamente nel lungo processo di transizione all’età adulta le reti amicali si restringono e le amicizie si personalizzano, col passaggio da una socialità di tipo adolescenziale organizzata attraverso il gruppo dei pari ad una socialità «adulta» maggiormente selettiva. Gli anni dell’università sono un periodo cruciale da questo punto di vista perché in questo periodo prendono forma i progetti biografici dei giovani. Come avviene questa riorganizzazione per le ragazze ed i ragazzi?

29Si può pensare che le reti amicali dei maschi siano provviste di più forti meccanismi di stabilizzazione sia di carattere culturale che strutturale. Per cominciare le amicizie maschili sono maggiormente istituzionalizzate e riconosciute; inoltre il forte radicamento all’interno dei gruppi contribuisce a rendere maggiormente stabile la relazione vincolandola ad un contesto intersoggettivo. Infine la prevalenza di una modalità di riconoscimento amicale meno personalizzata diminuisce l’importanza della storia relazionale del singolo legame.

30Le reti amicali delle ragazze, dovrebbero essere, al contrario, meno stabili. In primo luogo perché meno istituzionalizzate. In secondo luogo essendo organizzate soprattutto attraverso rapporti diadici sono più fragili strutturalmente. Infine, essendo fortemente personalizzate, sono più sensibili ai sentimenti che rendono instabili le relazioni.

31Secondo alcune studiose (ad esempio O’ Connor, 1992) la definizione stessa che gli uomini danno dell’intimità in termini di prossimità e attività condivise, li protegge da situazioni di vulnerabilità emotiva e potenziale perdita di controllo. Al contrario intimità per le donne, tipicamente implica ammissione di dipendenza, il condividere problemi e l’essere quindi emozionalmente vulnerabili.

32Se guardiamo alle reti dei nostri giovani studenti universitari dal punto di vista del modo in cui sono radicate nel tempo vediamo che effettivamente le reti dei ragazzi si rivelano più saldamente ancorate al passato, in particolare agli anni della scuola superiore, mentre tra le ragazze prevale il radicamento nel presente (negli anni dell’università). Addirittura in un terzo delle reti femminili ad esempio (e per contro solo in una maschile) del liceo non resta quasi traccia.

33La frequenza quotidiana per ben cinque anni sembra costituire, quindi, per i giovani maschi, più che per le ragazze, la premessa del consolidarsi di un buon numero di amicizie. L’appartenenza alla classe costituisce per essi un ambito di riferimento significativo per il riconoscimento amicale.

Fig. 5. Umberto. Rombo anni liceo; rettangolo anni università

Fig. 5. Umberto. Rombo anni liceo; rettangolo anni università

Questo è particolarmente vero per i ragazzi che frequentano il liceo, come nel caso di Umberto (23 anni, iscritto ad Ingegneria) il cui spazio sociale personale è organizzato intorno a tre nuclei fondamentali, la famiglia, un folto gruppo di amici compagni del liceo e il gruppo di amici dell’università. La fidanzata (conosciuta al liceo) costituisce una sorta di ponte tra i diversi nuclei. La rete di Umberto è in qualche modo tipica di un modello maschile di liceale urbano. Con prevalenza del gruppo dei pari (una larga maggioranza sono coetanei), spazio sociale personale e spazio amicale coincidono e appunto i compagni del liceo costituiscono una parte importante della rete.

34L’importanza dei gruppi amicali degli anni precedenti all’università non è però un modello esclusivamente urbano e liceale. Nei piccoli paesi più che il gruppo dei compagni di classe può essere importante quello degli «amici della piazza» o addirittura degli «amici di viaggio» per i pendolari. L’appartenenza inoltre, in questo periodo, a gruppi come quelli sportivi (o scout) è una fonte importante di relazione. In ogni caso i ragazzi tendono a portarsi dietro, dai diversi contesti, « grappoli» di rapporti.

35Le ragazze, invece, arrivano all’università con reti amicali già ridotte ed organizzate più spesso intorno ad alcuni rapporti diadici. Come abbiamo già avuto modo di vedere nel caso di Mara, analizzato nel paragrafo precedente. Da ognuno dei contesti importanti nella vita, Mara si porta dietro un’amicizia: Emanuela coetanea, amica di vecchia data, dal tempo delle elementari; un’amica più grande, conosciuta 6 anni prima nel vicinato; un amico del gruppo della parrocchia e due amiche conosciute all’università.

36La rottura con i contesti precedenti può essere ancora più netta quando all’entrata nel mondo universitario si somma il prefigurarsi di un progetto matrimoniale e fa capolino il ruolo domestico.

Come nel caso di Antonia, studentessa 22enne di Sassari, iscritta ad Ingegneria (fig. 6). L’unica relazione che si porta dietro dal liceo è il fidanzato. La facoltà e il fidanzato sono i due poli intorno ai quali si sono riorganizzate le sue amicizie nel corso degli ultimi due anni. Oltre ai colleghi di facoltà, infatti, un gruppetto di amici è costituito dai coinquilini del fidanzato conosciuti nell’ultimo anno. La sua rete contiene tra l’altro una larga maggioranza di contatti maschili.

37L’iscrizione all’Università sembra costituire, quindi, un momento di rottura nella biografia relazionale più spesso per le ragazze che per i ragazzi. Questo elemento può essere influenzato anche dal fatto che i ragazzi si portano dietro più spesso i compagni del liceo all’università: in questo caso la continuità viene rafforzata dalle maggiori possibilità di interazione quotidiana. Ciò testimonia ulteriormente la natura di gruppo della socialità giovanile dei maschi, ma anche la natura più «istituzionalizzata» dei percorsi maschili.

38Il forte radicamento nel presente delle reti femminili peraltro, sembra corrispondere al dato emerso da alcune ricerche sulle giovani donne secondo le quali per la maggior parte delle ragazze il presente è la dimensione privilegiata del tempo e il quotidiano lo spazio prediletto in cui si compiono le scelte e si pianificano le attività di studio e lavoro (Leccardi, 1996; Tabboni, 1992).

39È importante sottolineare il fatto che la più forte polarizzazione dei modelli maschili e femminili la ritroviamo nelle facoltà «direttamente professionalizzanti» (Medicina e Ingegneria). Proprio in queste Facoltà, infatti, si afferma maggiormente per i ragazzi il modello «compagni del liceo» e per le ragazze il modello «investimento nel presente». Sappiamo che queste facoltà tendono a strutturare maggiormente il progetto biografico dei giovani perché implicano una scelta professionale più definita (Colucci, 1984). Si tratta, quindi di percorsi piuttosto lontani da un modello «tradizionale» di professionalità femminile, nei quali, tra l’altro, i contatti personali e le conoscenze sono particolarmente importanti. Non è senza significato, quindi, che giovani donne e giovani uomini si trovino ad affrontare i primi passi della carriera professionale collocati in modo diverso all’interno dello spazio sociale. Le prime già meno fortemente radicate dei secondi nelle cerchie sociali che potranno essere importanti per la carriera.

Fig. 6. Antonia. Rombo relazioni negli ultimi due anni (amici e colleghi); rettangolo relazioni degli anni della scuola superiore

Fig. 6. Antonia. Rombo relazioni negli ultimi due anni (amici e colleghi); rettangolo relazioni degli anni della scuola superiore

4. Relazioni interpersonali e radicamento nello spazio sociale: le forme del capitale sociale femminile

40Esiste allora una specificità di genere nei meccanismi di costruzione dello spazio sociale? L’analisi delle reti delle giovani donne e dei giovani uomini che frequentano l’Università mi ha permesso di mettere in evidenza che anche nella situazione in cui il ruolo domestico è meno fortemente vincolante e il mondo relazionale femminile non sembra esclusivamente ancorato agli spazi del privato ma abita gli spazi pubblici in modo simile ai maschi, emerge una differenza nei modi di costruzione delle reti femminili. Dal punto di vista delle pratiche di riconoscimento amicale che disegnano lo spazio sociale dei soggetti, per le giovani donne della ricerca l’amicizia è più spesso un rapporto fortemente personalizzato, che si realizza solo con le persone con le quali si instaura un legame particolare di confidenza e reciprocità. Questo produce uno spazio sociale in qualche modo «frammentato» perché organizzato attraverso una trama di rapporti diadici e più fragile, perché carente di meccanismi di stabilizzazione.

41Ovviamente le osservazioni fatte in queste pagine lasciano aperte molte domande, cui non è possibile dare una risposta in questo saggio. In primo luogo, è lecito chiedersi quanto diffuse siano le tipologie maschili e femminili individuate. La collocazione territoriale della ricerca potrebbe indurre a pensare ad una specificità locale di questi modelli o ad una loro appartenenza ad una cultura di genere «tradizionale». Per non parlare del fatto che sarebbe necessario chiarire meglio le ragioni di queste differenze all’interno del sistema culturale e dei processi di socializzazione ( per non incorrere in una interpretazione essenzialista ed astorica delle differenze di genere).

42Mi sembra però che, dando per buoni gli indizi raccolti, le osservazioni emerse da questa ricerca permettano di mettere in luce meccanismi che possono aiutarci a capire alcune caratteristiche dello spazio sociale femminile e della configurazione del capitale sociale individuale femminile che possono costituire un interessante campo di indagine per le ricerche future.

43In primo luogo le modalità di riconoscimento amicale specificamente femminili rendono senz’altro più costosa l’attività di networking per le donne. Le donne, quindi, non solo hanno meno tempo degli uomini da dedicare alla socialità, ma per esse, coltivare le relazioni amicali richiede un investimento maggiore in termini di tempo e di risorse emotive. Un punto sul quale vale la pena di riflettere è che paradossalmente, proprio il forte orientamento alla relazione, che è stato messo in evidenza da molte parti come elemento costitutivo della specificità femminile, potrebbe contribuire a rendere più costoso per le donne mantenere le relazioni. La particolare cifra della relazionalità femminile, tutta orientata alla concretezza e all’interdipendenza, se contribuisce senza dubbio ad una definizione delle relazioni particolarmente ricca e ad un modello comunicativo fortemente orientato alla comprensione, proprio per questo, richiede un lavoro relazionale più complesso e oneroso, rendendo in questo modo più ristretti, personalizzati e fortemente dipendenti dal tessuto della reciprocità, gli ambiti all’interno dei quali si realizza il riconoscimento amicale.

44In secondo luogo, il diverso modo di interpretare e nominare le relazioni all’interno dello spazio sociale, per le donne e gli uomini, non può che incidere sull’uso delle risorse relazionali. In particolare è forse necessario qualificare la definizione di legame forte e di legame debole per i due generi. Abbiamo potuto vedere che, almeno nel nostro esempio, per le ragazze, il confine che delimita i legami forti da quelli deboli sembra saldamente definito. I legami forti mostrano una chiara specificità, l’amicizia è in qualche modo una relazione esclusiva, eccezionale. La forza del legame sta nella qualità e nella storia specifica di ogni singola relazione. Per i ragazzi, invece i confini che delimitano i legami forti da quelli deboli sono molto più fluidi. Si intuisce, ad esempio, che esistono differenze nella profondità dei legami di amicizia, ma queste non si trasformano in nette differenziazioni. L’amicizia è legata soprattutto alla condivisione di una certa situazione. La forza dei legami sembra soprattutto essere generata dalla forza dei contesti all’interno dei quali le relazioni si ancorano.

45Se nel processo di restrizione che accompagna la transizione all’età adulta anche le reti sociali maschili tendono a diventare maggiormente personalizzate, le diverse dinamiche temporali per i due generi producono una configurazione diversa. È plausibile infatti pensare che molte di quelle che vengono definite come amicizie nella fase giovanile possano trasformarsi in conoscenze nello spazio sociale di un adulto, conoscenze che possono sembrate slegate al tempo t, ma che sono invece radicate nel tempo t-1 ad un ambito comune. I compagni di liceo ad esempio, che sembrano strutturare lo spazio sociale maschile tra dieci anni diventeranno i legami deboli attraverso cui avere accesso a informazioni in campi diversi. Si tratta del meccanismo ben conosciuto degli old boys networks che non si formano solo nelle scuole o club prestigiosi ma più banalmente nei diversi contesti, la scuola, gli scout, il basket in cui la vita dei ragazzi è organizzata. I legami deboli degli uomini sarebbero, per usare una metafora visiva, più spesso le punte di uno stesso grande iceberg, cioè le emergenze di una strutturazione sociale non immediatamente visibile. I legami deboli femminili sarebbero invece, più spesso, effettivamente isolati.

46È possibile anche ipotizzare che la sparizione di un’amicizia abbia un significato diverso per le donne e per gli uomini. Una relazione che sparisce dallo spazio sociale femminile è più spesso il risultato di un fallimento relazionale. Essa è quindi in qualche modo connotata negativamente. Per i ragazzi perdita potrebbe voler dire più spesso latenza. Semplicemente il contesto in cui un certo gruppo di amicizie si è sviluppato non è più rilevante. Le ex amicizie potrebbero diventare, quindi, risorse relazionali per gli uomini più spesso che per le donne.

47Indagare meglio questi elementi potrebbe infine contribuire a spiegare anche le differenze nell’uso delle reti per cercare lavoro e fare carriera. È noto ad esempio che il modello di Granovetter sulla forza dei legami deboli, sembrerebbe non adattarsi al caso femminile, non solo perché le donne usano di più legami forti (in particolare la famiglia) ma anche perché, anche quando sono in possesso di una rete «con le caratteristiche giuste», questa non funziona bene, tanto che la strategia vincente sembra per le donne quella di «prendere in prestito» il capitale sociale di un partner strategico, piuttosto che costruirlo (Burt, 1998). Burt interpreta questo dato come il risultato di una minor legittimità delle donne anche nelle attività di networking. Questa ipotesi è senza dubbio ragionevole; a questo tipo di barriere si sommano però gli effetti che un diverso modo di costruire il riconoscimento dell’altro e la maggior fragilità delle reti femminili ha sulle risorse relazionali ed il loro uso.

Torna su

Bibliografia

Abbatecola E. (1999), Modelli relazionali maschili e femminili nel job searching. Riflessioni sulla letteratura, «Quaderni di Sociologia», vol. xliii, 20, pp. 128-145.

Acker J. K., Barry J., Esseveld (1990), Feminism, Female Friends, and the Reconstruction of Intimacy, in Znaniecka Lopata H. e Maines D.R. (a cura di), Friendship in context, Grenwich Connecticut, jai Press.

Allan (1989), Friendship. Developing a sociological Perspective, New York, Harvest Weatsheaf.

Benhabib (1992), Situating the self, Cambridge, Polity Press.

Bianco (2001), L’Italia delle disuguaglianze, Roma, Carocci.

Bianco M.L. e Eve M. (1999), I due volti del capitale sociale. Il capitale sociale individuale nello studio delle disuguaglianze, «Sociologia del lavoro», 73, 167-188.

Bidart (1997), L’amitiè. Un lien social, Paris, La Decouverte.

Blieszner R. e Adams R. G. (1992), Adult friendship, London, Sage.

Booth A. (1972), Sex and Social Participation, «American Sociological Review», 37, 183-192.

Bott E. (1995), Ruoli coniugali e reti sociali, in Piselli F. (a cura di), Reti : l’analisi di network nelle scienze sociali, Roma, Donzelli.

Burt R. (1998), The gender of social capital, «Rationality and Society», vol. 10, 1, 5-42.

Buzzi C., Cavalli A., de Lillo A. (a cura di) (1997), Giovani verso il Duemila. Quarto rapporto Iard sulla condizione giovanile in Italia, Bologna, Il Mulino.

Cavarero A. (1997), Tu che mi guardi, tu che mi racconti. Filosofia della narrazione, Milano, Feltrinelli.

Chodorow N. (1978), The reproduction of mothering, Berkeley, University of California Press.

Collins R. (1992), Women and the production of status cultures, in Lamonte M. e Fournier M. (a cura di), Cultivating differences. Symbolic Boundaries and the making of inequality, Chicago, University of Chicago Press.

Colucci C. (1984), Giovani, Istituzioni, Temporalità, Milano, F. Angeli.

Duck S. (1994), Meaningful Relationships. Talking, Sense and Relating, London, Sage Publications.

Eve M. (1998), Qui se ressemble s’assemble? Les sources d’homogéneité a Turin, in Gribaudi M. (a cura di), Espaces, Temporalités, Stratifications. Exercices sur les réseaux sociaux, Paris, Editions de l’ehess.

Fischer C.S., Oliker S.J. (1983), A reserch note on Friendship, Gender and the Life Cycle, «Social Forces», vol. 62, n. 1.

Fisher (1982), To dwell among friends, Chicago, University of Chicago Press.

Forsé M. (1981), La sociabilité, «Economie et statistique», 132, 39-48.

Gilligan C. (1982), In a different voice, Cambridge, Harvard University Press.

Gilligan C. et al. (1987), Making connections: the relational world of adolescent girls at Emma Willard School, Cambridge, Harvard University Press.

Granovetter M. (1983), The strength of weak ties, «Sociological Theory», vol. I; trad. it. La forza dei legami deboli, in Granovetter M., La forza dei legami deboli e altri saggi, Napoli, Liguori, 1998, 115-146.

Gribaudi M. (1998), Espaces, Temporalités, Stratifications. Exercices sur les réseaux sociaux, Paris, Editions de L’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales.

Griffiths V. (1995), Adolescent Girls and their Friends. A Feminist Ethnography, Brookfield, Ashgate Publishing Company.

Hanson S. e Pratt G. (1991), Job search and the occupational segregation of women «Annals of the Association of the American Geographers», 81, pp. 229-253.

Heran (1988), La sociabilité, une pratique culturelle, «Economié et statistique», 216, pp. 3-22.

Huston T.L., Ashmore R. D. (1986), Women and Men in Personal Relationships, in Ashmore R. D., Del Boca F. K. (a cura di), The Social Psychology of Female-Male Relations. A Critical Analysis of Central Concepts, London, Academic Press.

Jedlowsky P. (2000), Storie comuni. La narrazione nella vita quotidiana, Milano, Bruno Mondadori.

Josselson R. (1987), Fiding herself: pathways to identify development in women, San Francisco, Jossey Bass.

Leccardi C. (1996), Futuro breve. Le giovani donne e il futuro, Torino, Rosenberg & Sellier.

Lin N. (1999a), Building a network theory of social capital, «Connections», n. 22, pp. 28-25.

Lin N. (1999b), Social Networks and Status Attainement, «Annual Review of Sociology», 25, 467/87.

Mandich G. (2001), Youth Boundaries: constructing networks within adult social spaces, «Europaea», n. 1-2, 69-84.

Marsden (1987), Core discussion Networks of Americans, «American Sociological Review», n. 52, 122-133.

Moore G. (1990), Structural determinants of men’s and women’s personal networks, «American Sociological Review», 726-735.

Nedelman B. (1991), Amicizia, in Enciclopedia delle scienze sociali, vol. 1, Roma, Treccani.

O’ Connor P. (1992), Friendships between Women. A Critical Review, London, Harvester Wheatsheaf.

Pizzorno (1999), Perché si paga il benzinaio. Nota per una teoria del capitale sociale, «Stato e Mercato», n. 3, 373-394.

Porter E. (1999), Intimate relatioships, Feminist perspective on ethics, London. Longman.

Reisman J. M. (1981), Adult friendship, in Duck S. e Gilmour R. (a cura di), Personal relationships 2: Developing Personal Relationships, London, Academic Press.

Renzulli L., Aldrich H., Moody J. (2000), Family matters: gender, networks and entrepreneurial outcomes, «Social Forces», vol. 79, 2, 523-549.

Sparti D. (1994), Etnografi di noi stessi. Una prospettiva non individualistica sull’identità personale, «Rassegna Italiana di Sociologia», xxxv, n. 1.

Tabboni S. (1992), Costruire nel presente. Le giovani donne, il tempo, il denaro, Milano, FrancoAngeli.

Weiss L. e Lowental M. F. (1975), Life course perspective on friendshi, in Thurner M. e Chiriboge D. (a cura di), Four stages of life, San Francisco, Jossey Bass.

Wellman B.S., Berkowitz W. (1988), Social structures. A network approach, Cambridge, Cambridge University Press.

Wood J. T. (1995), Feminist scholarship and the study of relationship, «Journal of Social and Personal Relationships», vol. 12, 103-120.

Wright P. H. (1982), Men’s friendship, Women’s friendships and the alleged Inferiority of the Latter, «Sex Roles», 8, 1-20.

Wright P. H. (1988), Interpreting Research on Gender Differences in Friendship: A. Case for Moderation and a Plea for Caution, «Journal of Social and Personal Relationships», vol. 5, 367-373.

Torna su

Note

1 Essendo le posizioni di potere e prestigio ricoperte da uomini ed essendo le reti sociali basate sul principio di omofilia, le donne più difficilmente hanno accesso alle risorse che permettono loro di trovare lavoro o avanzare nella carriera (Moore, 1990).

2 Su questo punto tra gli altri: Bott (1971); Fisher (1982); Wellman (1985); Marsden (1987); Heran (1988).

3 Cfr. Bidart (1997), Forsé (1981). Collins (1992) sostiene che la produzione di confini culturali è una specialità femminile. Ad esempio il ruolo di casalinga si definisce in primo luogo nel campo della produzione di status.

4 Le indagini Multisocpo dell’Istat mostrano come anche la frequenza degli incontri con gli amici è per le donne, in particolare per le fasce di età centrali, minore rispetto a quella degli uomini. Alcune ricerche hanno mostrato che le spese per il tempo libero risultano per le donne più limitate (Green et al. 1990).

5 Il concetto di capitale sociale individuale, infatti, (l’investimento che gli individui fanno nelle relazioni sociali attraverso il quale ottengono l’accesso a vari tipi di risorse cfr. Lin, 1999a) descrive abitualmente un certo uso che viene fatto dello spazio sociale. Il capitale sociale individuale è inoltre una risorsa specializzata (Bianco e Eve, 1999) cioè ogni tipo di relazione permette l’accesso a risorse diverse.

6 L’uso del termine di legame forte per definire abitualmente famiglia ed amicizia nasconde le differenze molto profonde tra le due relazioni. A cominciare dal fatto che una è ascritta e l’altra acquisita.

7 Lo strumento adottato per la rilevazione delle reti sociali è un diario-questionario, dei contatti quotidiani L’idea di base è di chiedere ad un testimone di annotare, per un certo periodo di tempo (nel nostro caso 15 giorni) in una sorta di taccuino i dati relativi alle persone incontrate nel corso delle giornate. Il taccuino è strutturato in tre parti. La prima parte è dedicata all’annotazione della forma dell’incontro; è abbastanza simile ai questionari del tipo «bilanci tempo» e restituisce la fisionomia delle attività quotidiane. La seconda implica la registrazione di informazioni che riguardano le caratteristiche delle persone incontrate, la natura del legame con ego, e la storia della relazione. Per eliminare la possibilità di una variabilità di tipo aleatorio negli incontri registrati, è stata inserita nel questionario una terza parte in cui lo studente aveva la possibilità di aggiungere i nomi e le informazioni di persone importanti per ego e che non compaiono nel diario. Il diario è stato somministrato ad un campione qualitativo (32 maschi e 44 femmine) di studenti di quattro facoltà dell’Ateneo di Cagliari (Scienze Politiche, Lettere, Medicina, Ingegneria) iscritti al 2° e 3° anno di corso (età 20-24 anni).

8 Come ha mostrato l’indagine iard l’orientamento maggiormente presente tra i giovani evidenzia una visione interpretativa dei ruoli di genere di tipo paritario; essa prevede la interscambiabilità dei compiti domestici, la compartecipazione dei partners nel mantenere la famiglia oltre che nel prendere le decisioni, riconosce simili capacità di tipo manuale ed intellettuale, anche se emerge l’immagine di una specificità della donna strettamente ancorata alla cura e all’educazione dei figli (Buzzi, Cavalli, de Lillo, 1997).

9 Lo spettro delle definizioni soggettive è molto più ampio: accanto ad un nucleo principale di elementi che definiscono l’amicizia si ritrovano elementi più variabili (Bidart, 1997).

10 Ovviamente vi sono diversi gradi di forza e di debolezza di un legame. Ad esempio vi possono essere diversi gradi di confidenza ed empatia nei rapporti con i colleghi di lavoro. Nel momento in cui definiamo un collega in quanto amico, però, scatta la soglia che permette il riconoscimento amicale.

11 In tutte le reti maschili di ampie dimensioni inoltre (dai 40 ai 94 legami) gli amici costituiscono sempre più della metà delle relazioni, sino ad arrivare all’80%. Nelle reti femminili della stessa classe dimensionale, invece, solo due su nove hanno una rete amicale che supera il 50%. Nella maggior parte dei casi costituisce meno di un terzo.

12 Se qualcosa si può dire è in favore dell’esistenza di reti più ampie per le ragazze. Il 41% dei ragazzi ha reti piccole (dai 15 ai 25 legami), contro il 31% delle ragazze, mentre le reti grandi (dai 40 ai 94 legami) sono il 33% per le ragazze ed il 28% per i ragazzi.

13 La differenza si esprime piuttosto talvolta in una maggior centralità delle relazioni familiari nel processo di costruzione delle amicizie, cioè le relazioni amicali sono per le ragazze, più spesso, mediate dall’ambito della famiglia e della parentela (cfr. Mandich, 2001).

14 I grafi sono stati realizzati utilizzando il programma Krackplot 3.0. Il layout del grafico è basato su una soluzione di scala a due dimensioni basata sulle distanze geodetiche tra tutte le coppie di punti adattata per ottimizzarne la leggibilità.

15 Nell’indagine Multiscopo istat, Il minor peso dell’amicizia nel quotidiano, per le ragazze, anche in fasi della vita in cui le posizioni strutturali sono simili, si può spiegare proprio con una maggior selettività delle ragazze. Le ragazze dichiarano più spesso di non avere amici. Nella stessa ricerca si vede come le ragazze tendono ad essere meno soddisfatte della relazione con gli amici (negli ultimi 12 mesi). Anche questo è interpretabile in termini di maggiori aspettative.

16 La letteratura è molto vasta. Tra gli altri: Wright (1988); Wright (1982); Weiss & Lowental (1975); Reisman (1981); Booth (1972). Più recentemente O’ Connor (1992); Wood ( 1995).

17 Sul ruolo della narrazione nei rapporti interpersonali: Cavarero (1997); Jedlowsky (2000).

18 La stabilizzazione dell’amicizia è favorita, oltre che da fattori culturali, dalle caratteristiche dei contesti spazio-temporali. È più probabile che sopravvivano relazioni dai primi anni dell’infanzia in paesi di piccoli dimensioni dove «la piazza» assicura in qualche modo la possibilità di incontrarsi anche al di fuori dei contesti istituzionali della scuola.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Fig. 1. Mara. Rombo amici; rettangolo famiglia; senza bordo legami deboli (colleghi e conoscenti)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1343/img-1.jpg
File image/jpeg, 696k
Titolo Fig. 2. Sara. Rombo amici; ellisse amici di secondo grado; rettangolo famiglia; senza cornice legami deboli (amici e conoscenti)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1343/img-2.jpg
File image/jpeg, 944k
Titolo Fig. 3. Silvio. Rombo amici; rettangolo famiglia; senza cornice legami deboli (conoscenti e colleghi)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1343/img-3.jpg
File image/jpeg, 748k
Titolo Fig. 4. Giacomo. Rombo amici; elissi amici e qualcosaltro; rettangolo famiglia; senza cornice rapporti deboli (conoscenti, colleghi, coinquilini…)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1343/img-4.jpg
File image/jpeg, 800k
Titolo Fig. 5. Umberto. Rombo anni liceo; rettangolo anni università
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1343/img-5.jpg
File image/jpeg, 460k
Titolo Fig. 6. Antonia. Rombo relazioni negli ultimi due anni (amici e colleghi); rettangolo relazioni degli anni della scuola superiore
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1343/img-6.jpg
File image/jpeg, 798k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Giuliana Mandich, « Meccanismi di costruzione dello spazio sociale. Differenze di genere »Quaderni di Sociologia, 28 | 2002, 85-104.

Notizia bibliografica digitale

Giuliana Mandich, « Meccanismi di costruzione dello spazio sociale. Differenze di genere »Quaderni di Sociologia [Online], 28 | 2002, online dal 30 novembre 2015, consultato il 24 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1343; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1343

Torna su

Autore

Giuliana Mandich

Dipartimento di Ricerche Economiche e Sociali – Università di Cagliari

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search