Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri28teoria e ricercaGli indicatori di integrazione de...

teoria e ricerca

Gli indicatori di integrazione degli immigrati in Italia. Alcune riflessioni concettuali e di metodo

Erika Cellini e Roberto Fideli
p. 60-84

Testo integrale

Alcune riflessioni sviluppate in questo articolo derivano dalle stimolanti discussioni in un gruppo di ricerca sull’integrazione degli immigrati in Toscana diretto da Alberto Marradi, che ringraziamo per l’attenzione con cui ha rivisto una prima versione di questo testo. Il gruppo di ricerca ha ottenuto un finanziamento dal cnr, nell’ambito di Agenzia 2000 (codice del progetto: C00F513_001). Ringraziamo anche Tiziana Caponio ed Ettore Recchi per gli utili suggerimenti. Anche se l’articolo è frutto di una riflessione comune, la prima parte è stata scritta da Roberto Fideli e la seconda da Erika Cellini.

1. Integrazione: un concetto ambivalente e multidimensionale

L’integrazione deve essere uno scambio reciproco di esperienza umana sul piano psicologico, deve essere uno scambio culturale dal quale emerga una prospettiva più ampia e matura e deve essere un inserimento dell’immigrato nella nuova struttura sociale come una parte vitale e funzionale che arricchisce l’insieme (Alberoni e Baglioni, 1965, 26).

  • 1 Il termine «integrazione» fu adottato dai due studiosi proprio perché non implica necessariamente l (...)
  • 2 A tale visione possono essere in larga parte ricondotte tre diverse concezioni dell’integrazione de (...)

1La definizione proposta da Alberoni e Baglioni, in una delle prime e più importanti ricerche condotte in Italia sull’immigrazione, mette in luce l’ambivalenza del processo di integrazione, che è descritto, allo stesso tempo, in modo unilaterale, come adattamento, e in modo bilaterale, come scambio culturale1. Soprattutto in passato, l’integrazione è stata spesso rappresentata come un processo di adattamento degli immigrati alla società ospitante (vedi International Union for the Scientific Study of Population, 1949)2; negli ultimi decenni si tende sempre di più a considerarla un processo di interazione tra immigrati e autoctoni (vedi ad esempio Böhning, 1995). Tale orientamento è stato accolto anche da istituzioni nazionali e sovra-nazionali. In una pubblicazione del Consiglio europeo un gruppo di esperti definisce l’integrazione come un «processo di confronto e di scambio di valori, di standard di vita e modelli di comportamento tra popolazione immigrata e società ospitante» (cit. in Natale e Strozza, 1997, 252).

  • 3 Questo termine è stato introdotto dall’antropologo Melville Herskovits (1940/1975, 19-20) in una ri (...)

2Nel Primo rapporto sull’integrazione degli immigrati in Italia, pubblicato dalla commissione istituita presso il Ministero per la solidarietà sociale, la visione multiculturalista, che pone l’accento sulla preservazione dell’identità culturale, ma anche sul confronto tra culture diverse, è richiamata per mettere in luce i limiti delle politiche assimilazioniste (Zincone, 2000b), ma non è affatto assolutizzata. L’assimilazione comporta una sorta di amputazione del sé; ma anche la ritenzione3 di tratti della cultura di origine può ostacolare l’integrazione se porta all’isolamento sociale e alla chiusura etnocentrica. Inoltre, le pratiche diffuse in alcune comunità (basti pensare all’infibulazione) sono ritenute lesive dei diritti della persona nelle culture occidentali. In situazioni di questo genere il principio del riconoscimento della diversità culturale trova un limite invalicabile nella cultura giuridica. Questo aspetto è stato attentamente considerato anche dal legislatore italiano nel dpr del 5 agosto 1998 che ha istituito la Commissione per l’integrazione:

  • 4 In base a considerazioni di questo genere, Rusconi (2000, 60) sposta l’accento dal concetto di mult (...)

3«per integrazione si intende un processo di non discriminazione e di inclusione delle differenze, nel costante e quotidiano tentativo di tenere insieme principi universali e particolarismi, che prevenga situazioni di emarginazione, frammentazione e ghettizzazione che minacciano l’equilibrio e la coesione sociale e affermi principi universali come il valore della vita umana, della dignità della persona, il riconoscimento della libertà femminile, la valorizzazione e la tutela dell’infanzia, sui quali non si possono concedere deroghe, neppure in nome del valore della differenza» (art. 40)4.

4Inoltre osserva Zincone (2000b, 33) le norme dirette a favorire la preservazione dei legami con la cultura di origine dovrebbero essere concepite come potenzialmente aperte a revisione da parte degli stessi destinatari, liberi di chiedere in qualsiasi momento politiche di maggiore assimilazione. È il caso dei messicani che vivono in California; una parte dei quali nel 1998 ha votato a favore di un referendum (Proposition 227) che mirava a eliminare l’insegnamento bilingue nelle scuole pubbliche – probabilmente per il timore di vedere i propri figli discriminati a causa di una scarsa conoscenza della lingua inglese (Trapassi, 2001, 106-7). L’integrazione spesso poggia sul precario e difficile equilibrio tra l’esigenza del riconoscimento delle diversità culturali, che consente all’immigrato di non sentirsi oggetto di disprezzo in quanto membro di una cultura «altra», e il desiderio di assimilazione, che è motivato dalla legittima aspirazione a pari prospettive di avanzamento sociale e occupazionale.

  • 5 Alcuni studiosi riprendono la nota proposta di Landecker (1951/1969, 60-7), che individua tre dimen (...)

5Molti studiosi hanno rilevato che il concetto di integrazione è multidimensionale, nel senso che si estende a diverse sfere della vita sociale5. Il rapporto tra le diverse dimensioni del concetto è peraltro problematico. In contrasto con una visione evoluzionista, che tendeva a considerare l’integrazione economica una premessa dell’integrazione socio-culturale, le esperienze di alcune comunità (e in particolare di quella cinese) suggeriscono che il benessere economico si può anche accompagnare a condizioni di isolamento sociale (Ambrosini, 1999, 209-11).

  • 6 Nel Primo rapporto al tema è dedicato il contributo di Tiziana Caponio (2000), ricco di riferimenti (...)
  • 7 In situazioni di questo genere la forza lavoro immigrata svolge una funzione di sostituzione o di c (...)
  • 8 Per continuità professionale si intende la preservazione di conoscenze e competenze acquisite nel p (...)

6Nella tab. 1.1 si distinguono tre dimensioni del concetto: culturale, economica, sociale; quest’ultima è a sua volta articolata in due sotto-dimensioni. Non abbiamo considerato la dimensione politica dato che in Italia il processo di inclusione degli immigrati nel sistema politico è stato appena avviato6. Entro ciascuna dimensione il fundamentum divisionis è la tendenza a privilegiare l’adattamento o l’integrità, due polarità verso cui può orientarsi il processo di integrazione. In tutte le dimensioni compare una coppia concettuale: nella dimensione culturale assimilazione / ritenzione (vedi nota 3); in quella economica inserimento funzionale7 / continuità professionale8; in quella sociale accesso ai servizi (offerti dal sistema di Welfare e dal volontariato) / auto-organizzazione su base familiare e/o comunitaria. Nella sfera delle relazioni sociali non è stata rispettata la simmetria dello schema perché l’interazione positiva, o almeno la pacifica convivenza, tra immigrati e autoctoni sono condizioni essenziali per poter designare un certo processo come integrazione (Zincone, 2000b, 30).

Tab.1.1 Una tassonomia che considera le dimensioni e le polarità del concetto di integrazione

Dimensioni

Polarità

Adattamento

Preservazione dell’integrità

Culturale

Assimilazione

Ritenzione

Economica

Inserimento funzionale

Continuità professionale

Sociale

{

Servizi

Relazioni

Accesso

Auto-organizzazione

Pacifica convivenza, interazione positiva

  • 9 Per le stesse ragioni, è preferibile parlare di modelli di inserimento piuttosto che di modelli di (...)
  • 10 È opportuno precisare che i tipi proposti nella tab. 1.2 derivano da ricerche su nazionalità immigr (...)

7Soprattutto chi ha maturato un’esperienza di ricerca nel settore troverà lo schema tassonomico troppo semplificato e astratto rispetto alla varietà degli aspetti implicati nel processo di integrazione, e alla molteplicità dei percorsi individuali. Non possiamo che sottoscrivere questa critica. Abbiamo deciso tuttavia di proporre lo schema perché può essere utile per individuare alcuni tipi di inserimento – concetto che, seguendo il consiglio di Bonifazi (1998, 245), consideriamo più generale di quello di integrazione9. Alcuni tipi si riferiscono infatti a situazioni di mancanza di integrazione10.

  • 11 Rispetto allo schema presentato nella tab. 1.1, contrapponiamo all’interazione pacifica e positiva (...)

Tab. 1.2 Alcuni tipi di inserimento degli immigrati enucleati dai ricercatori italiani11

Tab. 1.2 Alcuni tipi di inserimento degli immigrati enucleati dai ricercatori italiani11
  • 12 Vedi Zanfrini (1998, 73-5 e 92-4) e la letteratura ivi citata. Il testo della Zanfrini, pubblicato (...)

8Al tipo «integrazione comunitaria non conflittuale» può essere ricondotta l’esperienza della comunità senegalese studiata dall’Istituto Irer in Lombardia (Marchetti, 1994), che è risultata caratterizzata dalla preservazione di elementi culturali tradizionali e dalla vivacità delle forme di autoorganizzazione economica e sociale. Varie ricerche hanno posto in luce l’importanza della confraternita muride: un’organizzazione islamica che non solo esercita forme di controllo sociale su comportamenti potenzialmente devianti, ma che, grazie a una capillare rete di distribuzione commerciale, ha anche favorito l’emancipazione economica di molti soggetti provenienti dagli strati rurali12. Tale strategia di integrazione non comporta una chiusura rispetto alla società di accoglienza. Nella ricerca condotta dall’istituto irer è stato rilevato che

la compresenza della tendenza alla ricostruzione delle forme di aggregazione e di socialità del paese di origine e di una relativa apertura verso la società di accoglienza rappresenta un tratto del tutto caratteristico dell’immigrazione senegalese, difficilmente riscontrabile, con le stesse caratteristiche, presso altre comunità di immigrati. Tale apertura riflette certamente le forme di socializzazione tipiche del Senegal, la facilità con cui si intrecciano rapporti interpersonali e quel generale clima di affabilità e di disponibilità verso gli altri che è proprio della società di quel paese (Marchetti, 1994, 94).

9Secondo molti studiosi anche la comunità cinese tende a sviluppare un processo di integrazione su base comunitaria, incentrato sulla famiglia-impresa. Nelle migrazioni più recenti alla nostalgia della patria e al richiamo dei valori tradizionali si affianca la consapevolezza di fare parte di un’élite cosmopolita, che si sottrae a qualunque tentativo di assimilazione (Kwok, 1994, 223). In Italia, così come in altri paesi, tale strategia non ha però favorito lo sviluppo di relazioni sociali con gli autoctoni (vedi tab. 1.2). Non è un caso che uno dei primi volumi sull’immigrazione cinese in Italia sia stato intitolato L’immigrazione silenziosa (Campani, Carchedi e Tassinari, 1994), proprio per segnalare la scarsa visibilità sociale del fenomeno. Non sono inoltre mancati episodi conflittuali. L’insediamento di cinesi provenienti dallo Zhejiang nell’area fiorentina (in particolare, a Prato e a Empoli) è stato inizialmente caratterizzato da forme di

conflittualità quando gli artigiani italiani si sono accorti di non essere più in grado di riprodurre le condizioni economiche e sociali per la continuazione del loro lavoro a fronte della concorrenza cinese. Ciononostante gli imprenditori locali, pur sicuramente danneggiati da un modo di produrre che consente prezzi di mercato più bassi, hanno tratto qualche beneficio in termini di mobilità sociale, «ricollocandosi» come grossisti, commercianti e soprattutto affittuari, a caro prezzo, dei fondi e dei laboratori (Tassinari, 1994, 108).

10Come suggerisce Tassinari, si può ipotizzare che le manifestazioni di conflittualità siano limitate alla fase iniziale dell’insediamento. Nel medio-lungo periodo la presenza delle ditte cinesi potrebbe essere percepita come vantaggiosa dagli imprenditori autoctoni. Inoltre, in Toscana non si sono finora verificati gravi episodi di intolleranza da parte dei cittadini, anche grazie alle efficaci politiche di integrazione sviluppate dalle istituzioni, e in particolare dal Centro per l’immigrazione del comune di Prato (lo rileva Zincone, 2000b, 67).

11L’espressione «integrazione subalterna» è stata proposta da Ambrosini, Lodigiani e Zandrini (1995) in una ricerca svolta a Milano per descrivere la condizione di tre comunità composte prevalentemente da collaboratrici domestiche: peruviani, eritrei e filippini. Questi gruppi, così come altre comunità nazionali (capoverdiani, somali, cingalesi),

si sono resi protagonisti di un’integrazione pacifica, efficace e funzionale in uno specifico segmento del mercato del lavoro, rimanendo però sostanzialmente ai margini della società ospite e tendendo piuttosto a formare comunità abbastanza isolate e autoreferenziali. Una situazione che più che essere attribuibile ai tratti culturali originali deriva dal tipo di occupazioni svolte, che rende estranei all’esperienza di partecipare a una comunità di lavoro, e tende a circoscrivere i rapporti con la società italiana all’ambito della famiglia presso la quale si lavora e eventualmente alle istituzioni religiose che fungono da punto di riferimento per molteplici necessità (Zanfrini, 1998, 150).

12Finora, abbiamo illustrato tre diversi percorsi di integrazione, anche se si deve osservare che in base alla concezione proposta nel Primo rapporto, soltanto il caso della comunità senegalese può essere rappresentato come un esempio di integrazione; negli altri due casi è assente (almeno finora) il requisito dell’interazione positiva. A nostro avviso, la diffusione di forme di devianza indica una scarsa integrazione di una certa comunità e un’erosione delle forme di controllo sociale derivanti dalla tradizione (vedi anche oltre, par. 2). Riflettendo sui risultati di un’indagine condotta a Milano nei primi anni novanta sulla comunità tunisina, Travaglini e Reyneri si chiedono se

la recente penetrazione dei modelli di vita occidentali non abbia generato più disgregazione che non assimilazione. Soprattutto quando tale penetrazione è guidata dai mass-media televisivi, che offrono immagini distorte e parziali e generano aspettative dirompenti… L’unica pre-socializzazione che questo tipo di penetrazione culturale produce è quella ai modelli acquisitivi, mentre le vecchie norme della società tradizionale si disgregano. Ma se la capacità di consumo diventa l’unico termine di riferimento, di fronte alla concreta impossibilità di accedervi con mezzi socialmente considerati legittimi si comprende come si possa ricorrere a percorsi illegali o cadere nella marginalità (1991, 146).

  • 13 Zanfrini (1998, 14) sottolinea «le potenzialità delle indagini di tipo qualitativo, cui tende effet (...)

13Nel capitolo del Primo rapporto dedicato agli aspetti demografici dell’immigrazione Golini (2000, 137) sottolinea come la presenza di numerose comunità di immigrati sia un aspetto che caratterizza l’esperienza italiana, e che rende particolarmente difficile l’impostazione delle politiche per l’integrazione. Come abbiamo mostrato in precedenza, le indagini condotte sulle diverse comunità sono uno strumento di conoscenza essenziale per gli studiosi dei processi di integrazione13. Nel paragrafo che segue prenderemo in considerazione un’altra forma di ricerca che consente (almeno potenzialmente) di sviluppare la conoscenza sulle comunità di immigrati, quella sugli indicatori di integrazione.

2. Gli indicatori di integrazione delle comunità di immigrati: un elenco ragionato

  • 14 Come è noto, le principali fonti ufficiali per rilevare la presenza straniera in Italia sono il Min (...)

14Per rilevare il livello di integrazione degli immigrati si può ricorrere a indicatori sia a livello individuale sia costruiti su dati aggregati, derivanti da fonti ufficiali. Non ci soffermeremo sulle indagini basate su questionari strutturati da sottoporre a singoli individui, che sono al momento poco diffuse. Pur con vari limiti in termini di adeguatezza rispetto alle esigenze conoscitive dei ricercatori, di accessibilità delle informazioni, di inaffidabilità delle fonti statistiche, la ricerca con dati aggregati offre la possibilità di un confronto sistematico tra le comunità14. In molte ricerche di questo genere gli immigrati sono però considerati un insieme omogeneo, o, al limite, vengono ripartiti in vasti raggruppamenti territoriali (continenti o subcontinenti). Tale approccio è utile per evidenziare le differenze territoriali nell’insediamento degli immigrati, che sono poste in relazione con la capacità di attrazione e con la struttura dei mercati locali del lavoro (vedi ad esempio istat, 1999, 144-7). Ricerche di questo genere possono consentire di investigare il livello di integrazione degli immigrati nel loro complesso nei diversi ambiti territoriali, ma non quello di specifiche comunità.

  • 15 Mediante un’analisi delle componenti principali essi individuano 5 dimensioni statisticamente signi (...)

15Quest’ultima direzione di ricerca è stata finora poco battuta dagli studiosi italiani. A nostra conoscenza, uno dei pochi tentativi di rilievo è la sofisticata analisi di dati in larga parte censuali condotta dai demografi Natale e Strozza (1998, cap. 9), che considerano 41 comunità straniere usando dati aggregati a livello nazionale15. Analisi più disaggregate, limitate alle comunità numericamente più consistenti, potrebbero essere ancora più indicate per studiare il livello di integrazione. Infatti, le comunità nazionali non sono omogenee, e presentano spesso forti diversificazioni interne (Zanfrini, 1998, 71). Soprattutto per l’influenza delle reti migratorie e delle specificità dei mercati locali del lavoro, il grado di omogeneità tende ad aumentare quando l’analisi è condotta a livello di provincia o, meglio ancora, di grande comune. Inoltre, entro tali unità amministrative si possono anche considerare relativamente uniformi le politiche per l’integrazione.

16Prima di esaminare alcune proposte di indicatori, è necessario sottolineare l’importanza dell’ambito spazio-temporale nella scelta degli indicatori. Nel nostro caso, si analizza una proprietà, l’integrazione, che ha un carattere processuale; gli indicatori sono strettamente legati ad una fase di tale processo e possono mutare o assumere un significato diverso con la sua evoluzione.

  • 16 Si può anche ricordare quello presentato da Manfred Bretz, dell’Ufficio Federale di Statistica tede (...)

17In ambito internazionale sono state elaborate varie proposte di indicatori per rilevare l’integrazione degli immigrati. Ricordiamo in particolare gli elenchi presentati da alcuni organismi statali o sovra-statali europei quali il Consiglio europeo (1997) e l’Haut Conseil à l’intégration (1991) – un organismo istituito dal governo francese che ha avviato un processo di revisione critica del modello assimilazionista francese (Giannetti, 1994, 39)16.

18Anche alcuni studiosi italiani hanno predisposto un sistema di indicatori in grado di rilevare il livello di integrazione delle collettività immigrate: in particolare Natale e Strozza (1997, cap. 9), che riprendono e ampliano il lavoro di Casacchia e Strozza (1995), e Golini, Strozza e Amato (2001), all’interno del Secondo Rapporto della Commissione per le politiche di integrazione degli immigrati.

19Anche se Natale e Strozza individuano varie dimensioni del concetto (giuridica, sociale, culturale, economica), nell’elaborazione della loro proposta non utilizzano tali dimensioni come criterio classificatore. Gli indicatori volti a rilevare «la propensione, il grado e l’evoluzione dell’integrazione delle diverse collettività straniere nel tessuto socio-economico del paese di accoglimento» (Natale e Strozza, 1997, 377) sono suddivisi in base ad alcuni aspetti importanti del fenomeno migratorio: le caratteristiche del progetto migratorio, la struttura demografica, l’inserimento nel mercato del lavoro e la qualità della sistemazione abitativa.

  • 17 I tre studiosi distinguono le seguenti dimensioni: struttura demografica, sociale e territoriale; r (...)

20Golini, Strozza e Amato (2001) sottolineano l’importanza dell’ancorare la scelta degli indicatori all’esperienza storica che si intende studiare e ad uno specifico modello di inserimento; il loro sistema di indicatori intende rilevare la situazione degli immigrati nell’Italia di oggi, in cui iniziano a manifestarsi i primi effetti della Legge Turco-Napolitano del 1998, facendo riferimento alla definizione di integrazione proposta dalla Commissione, cioè come integrità della persona, interazione e pacifica convivenza (Zincone, 2000b). La classificazione degli indicatori è basata su alcune dimensioni generali17 articolate in alcuni ambiti, per ciascuno dei quali sono proposti specifici indicatori (Golini, Strozza e Amato, 2001, 94-95).

Tab. 2.1 Un elenco di possibili indicatori di integrazione a livello di comunità di immigrati

DIMENSIONE

INDICATORE (polarità)

FONTE

ECONOMICA

Tasso di disoccupazione ( – )
(numero di permessi di soggiorno per iscrizione alle liste di collocamento relativi ad una certa comunità sul totale dei permessi di soggiorno per motivi di lavoro relativi alla stessa comunità/ numero di iscritti alle liste di collocamento in una certa comunità sul totale dei permessi di soggiorno per motivi di lavoro relativi alla stessa comunità)

MINT
MLAV

Tasso di avviamenti al lavoro (+)
(numero di avviati al lavoro in un anno rispetto al numero di membri della comunità iscritti alle liste di collocamento all’inizio dell’anno)

MLAV

Grado di segregazione settoriale dei lavoratori dipendenti ( – )
(somme delle differenze percentuali prive di segno tra le distribuzioni relative ai dipendenti delle diverse comunità e quella relativa ai dipendenti italiani)

INPS
MLAV
CENS

SOCIALE
(relazioni)

Tasso di esclusione abitativa ( – )
(numero di censiti come senza tetto e in sistemazioni precarie sul totale dei membri della comunità)

CENS

Tasso di stabilità della presenza ( + )
(numero di iscritti all’anagrafe sul totale dei permessi di soggiorno relativi a una certa comunità)

MINT

Tasso di ricongiungimenti familiari ( + )
(numero di permessi per ricongiungimento familiare sul totale dei permessi relativi ad una certa comunità)

MINT

Grado di squilibrio per genere (- )
(differenza percentuale M-F priva di segno)

MINT
ANAG

Grado di diversificazione demografica ( – )
(somme delle differenze percentuali prive di segno tra le distribuzioni per classe di età relative alle diverse comunità e quella relativa agli autoctoni)

ANAG
MINT

Tasso di nuzialità mista ( + )
(numero di matrimoni con italiani di membri della comunità sul totale dei permessi di soggiorno relativi alla comunità)

MINT

Tasso di denunciati / di condannati ( – )
(numero di membri della comunità denunciati / condannati sul totale dei permessi di soggiorno relativi alla comunità)

MINT

SOCIALE (servizi)

Tasso di iscrizioni al servizio sanitario nazionale ( + )
(numero di iscritti al servizio sanitario nazionale sul totale dei membri della comunità residenti)

ISTAT

CULTURALE

Grado di conoscenza della lingua italiana ( + )
(numero di censiti che dichiarano di avere buona conoscenza della lingua italiana sul totale dei membri della comunità)

CENS

Tasso di abbandoni scolastici (- )
(numero di abbandoni di studenti iscritti nella scuola dell’obbligo sul totale dei membri della comunità iscritti nelle scuole dell’obbligo, eventualmente confrontato con lo stesso rapporto relativo agli autoctoni)

ISTAT

Tasso di fecondità ( ? )
(numero medio di figli per donna adulta appartenente alla comunità, eventualmente confrontato con lo stesso tasso relativo agli autoctoni)

ISTAT

Legenda: CENS = Censimento; MINT = Ministero degli interni; LAV = Ministero del lavoro; ANAG = Anagrafe

  • 18 Un problema di affidabilità comune a tutte le definizione operative è il fatto che nel denominatore (...)

21Nella tab. 2.1 presentiamo un elenco di indicatori di integrazione per una ricerca sulle principali comunità nazionali nell’ambito italiano, ispirata alle due proposte menzionate in precedenza. La proposta non è certamente esaustiva, sia perché alcuni aspetti dell’intensione del concetto non sono indagabili mediante le fonti ufficiali sia perché sono stati considerati soltanto alcuni possibili indicatori. Gli indicatori sono stati classificati nelle varie dimensioni del concetto enucleate nella tab. 1.1.: culturale, economica e sociale. Di ciascun indicatore sarà valutata sia l’affidabilità della definizione operativa sia la validità rispetto alla concezione di integrazione a cui si richiama18. Ricordiamo infatti che l’integrazione può essere intesa in senso unilaterale, come adattamento, e in senso bilaterale, come scambio culturale.

  • 19 Per semplificare, abbiamo in genere omesso il riferimento al tempo nel numeratore e nel denominator (...)

22Al fine di rendere tra loro comparabili i (potenziali) casi della ricerca i numeratori devono essere normalizzati sul totale dei membri di una certa comunità. I segni si riferiscono alla polarità dell’indicatore: positiva se il legame con il concetto di integrazione è diretto, negativa se il legame è inverso19.

23Gli indicatori di integrazione economica che abbiamo inserito nella tabella sono il tasso di disoccupazione, il tasso di avviamenti al lavoro e il grado di segregazione settoriale dei lavoratori dipendenti.

  • 20 In base al testo unico sull’immigrazione del 1998 solo dopo 5 anni di residenza in condizioni di ri (...)

24Il lavoro è un aspetto fondamentale dell’integrazione per vari motivi: non solo perché dà la possibilità di sopravvivere o di vivere dignitosamente, ma anche perché è un fattore cruciale per la costruzione dell’identità e per l’autostima personale. Esso è alla base di un sistema di rapporti capace di legare intensamente gli individui fra loro e con la società nel suo insieme. In Italia il lavoro è anche il requisito che consente alla gran parte degli immigrati di risiedere legalmente nel nostro paese20: una condizione di disoccupazione, anche temporanea, comporta il rischio di un passaggio ad una situazione di marginalità, se non di illegalità. A livello aggregato, il tasso di disoccupati si può quindi considerare un indicatore a polarità negativa del concetto di integrazione: nelle comunità in cui tale tasso è più elevato il livello di integrazione si può giudicare minore. Il tasso di disoccupati si può collegare alla concezione dell’integrazione come integrità della persona e buona vita; con cautela possiamo definirlo anche indicatore con polarità negativa di integrazione come utilità. Secondo la lettura funzionalista-utilitarista, gli immigrati sono tanto più integrati quanto più costituiscono una parte funzionale del sistema economico e quanto meno danneggiano gli interessi dei cittadini e mettono in pericolo la loro sicurezza (Zincone, 2000b, 23).

  • 21 Questo è il motivo per cui nella tabella 2.1 abbiamo inserito pochi indicatori costruiti mediante d (...)

25Per definire operativamente la proprietà «tasso di immigrati disoccupati» si può ricorrere al censimento (se il momento in cui si svolge la ricerca non è troppo distante dalla rilevazione censuaria21), all’archivio del Ministero del Lavoro (che raccoglie i dati sulle iscrizioni al collocamento) oppure a quello del Ministero degli Interni. In quest’ultimo caso si può rilevare per un certo intervallo di tempo (in genere un anno) il numero dei permessi di soggiorno per iscrizione al collocamento sul totale dei permessi di soggiorno per lavoro relativi ad una certa comunità (Reyneri, 1996, 328).

26Anche per le ragioni espresse in precedenza, la fonte più affidabile è probabilmente rappresentata dal Ministero del Lavoro (Bonifazi, 1998, 180). In realtà, l’iscrizione al collocamento non comporta un’effettiva condizione di disoccupazione, soprattutto nelle aree in cui è più diffusa la cosiddetta economia informale. Nel caso degli immigrati, però, un lavoro in nero non soltanto comporta assenza di garanzie, ma rischia anche di impedire il rinnovo del permesso di soggiorno, e quindi di far ricadere nell’illegalità e nella «costrizione al lavoro irregolare» (Reyneri e Payar, 2000, 165). Anche per questa ragione, il tasso di iscritti al collocamento (soprattutto di lungo periodo) appare un valido indicatore di mancanza di integrazione economica.

  • 22 L’indicatore è proposto da Reyneri e Payar (2000, 167), ai quali rinviamo per un’analisi dei limiti (...)

27Oltre ai dati sugli iscritti al collocamento, il Ministero del Lavoro fornisce i dati sugli avviamenti al lavoro. L’indicatore «tasso di avviamenti» è costruito rapportando tra loro i dati raccolti da questa fonte (vedi tab. 2.1)22: tanto più il numero di avviamenti registrati nel corso di un anno supera quello degli iscritti al collocamento all’inizio dell’anno quanto più una comunità si può giudicare economicamente integrata. Per la concezione di integrazione a cui il tasso di avviamenti si richiama valgono le osservazioni fatte per il tasso di disoccupati.

  • 23 Rilevano tali distorsioni Bonifazi (1998, 178); Ambrosini (1999, 133); Reyneri e Payar (2000, 157).
  • 24 Un indicatore semanticamente affine si può costruire mediante l’archivio degli avviamenti al lavoro

28Un’altra fonte molto importante per costruire indicatori di integrazione economica è l’archivio dell’inps, che registra i versamenti effettuati dai datori di lavoro per i loro dipendenti. Questa fonte presenta tre limiti principali: a) sono esclusi dalla rilevazione i salariati agricoli e i lavoratori autonomi; b) l’unità di analisi dell’archivio è la pratica amministrativa, e non l’immigrato, che può essere registrato più volte se ha più posizioni contributive; c) dato che molti datori di lavoro non versano i contributi, l’archivio tende a sottostimare l’entità del lavoro dipendente regolare23. Consultando tale archivio è comunque possibile costruire un indicatore del grado di segregazione settoriale (o professionale), raffrontando, in uno stesso ambito territoriale, la distribuzione relativa ai membri di una certa comunità iscritti all’inps con quella relativa agli autoctoni nella stessa condizione24. La natura comparativa rende un indicatore di questo genere adeguato a cogliere il concetto di integrazione come uguaglianza delle opportunità. Naturalmente, la classificazione dei settori lavorativi deve essere operata in modo convincente: le differenze tra le due popolazioni possono apparire più o meno ampie a seconda di come è operata tale classificazione.

  • 25 Una tesi di questo genere dovrebbe essere corroborata mediante ricerche a livello individuale (o di (...)

29I membri di una comunità in cui le mansioni lavorative sono diversificate hanno la possibilità di interagire con gli autoctoni in contesti lavorativi diversi tra loro, e, nel complesso, riescono a conoscere meglio la società di accoglienza25. Quindi, una situazione di segregazione settoriale indica anche un basso livello di integrazione sociale di una certa comunità.

  • 26 Per descrivere tale situazione molti parlano di economia «etnica», anche se l’espressione è critica (...)
  • 27 Nel Primo rapporto è stato proposto anche un altro indicatore di integrazione socio-economica: «un (...)

30Nel caso della comunità cinese della provincia di Prato, tale indicatore non risulta valido in quanto rileva una specificità dell’insediamento, cioè una forte concentrazione dell’attività economica in un unico settore, quello tessile e dell’abbigliamento, ma non necessariamente una mancanza di integrazione economica26. In questa comunità il passaggio dal lavoro dipendente a quello autonomo è considerato un valido indicatore di mobilità sociale (Tassinari, 1994, 116-7). Esso, con molta cautela, potrebbe anche essere impiegato per rilevare il livello di integrazione economica (Golini, Strozza e Amato, 2001, 126); la cautela è suggerita dal fatto che, mentre «in passato il passaggio al lavoro indipendente era soprattutto una forma di ascesa individuale, prodotto di un’assimilazione riuscita» (Ambrosini, 1999, 208), nel caso più recente della comunità cinese in Italia, tale passaggio «si collega sovente al mantenimento di forti radici etniche e all’oculato impiego delle risorse che possono derivarne» (ibidem). A livello aggregato, un indicatore di questo genere potrebbe essere costruito calcolando la differenza tra la percentuale di permessi per lavoro autonomo concessi nell’anno in cui si svolge la ricerca (sul totale dei permessi per lavoro) rispetto a quelli concessi nell’anno precedente (sempre sul totale dei permessi per lavoro)27.

31Passiamo ora ad esaminare gli indicatori del livello di integrazione sociale. Come vedremo, si tratta in parte di indicatori del grado di stabilizzazione della presenza, una premessa indispensabile per l’integrazione sociale.

  • 28 Nel Secondo Rapporto i dati più recenti continuano a documentare la gravità di questo problema per (...)
  • 29 Lo sostengono, tra gli altri, Folini, Mori e Spagli (1998, 8) e Natale e Strozza (1997, 269).

32Nel Primo rapporto si rileva che l’esclusione abitativa è un problema piuttosto diffuso in Italia28, che colpisce in modo particolare gli immigrati (Tosi, 2000, 318-9). Alla situazione di esclusione abitativa possono essere ricondotte sia la condizione di senza tetto sia il ricorso a sistemazioni precarie (come strutture di accoglienza o case occupate abusivamente). Condizioni di questo genere segnalano «la modesta capacità economica… [dell’immigrato], ma anche la resistenza di molti proprietari ad affittare ad immigrati» (ivi, 320). Secondo Giovanna Zincone (2000b, 89), «questa è una delle aree in cui più fortemente si delineano i due volti, a volte contrastanti, dell’integrazione come integrità e interazione». In termini di integrità della persona, il problema dell’alloggio è forse il più grave e una delle principali cause della sofferenza29. Quanto alla concezione di integrazione come interazione, la presenza degli immigrati nel mercato degli alloggi può essere percepita dagli italiani come concorrenza per un bene che è scarso anche per loro, e comportare rapporti conflittuali e competitivi. Per gli immigrati l’accesso a tale mercato non è mai in condizioni di parità con l’utenza italiana; il mercato sfrutta in molti casi l’emergenza abitativa degli immigrati, aumentando i prezzi in modo esorbitante. Le discriminazioni derivano però anche dall’esclusione dal mercato legale, a causa della resistenza dei proprietari ad affittare, che obbliga gli immigrati ad accettare le condizioni del mercato illegale, che offre ancora maggiore precarietà (Zincone, 2000b, 89). Tosi (2000, 320) evidenzia anche l’esistenza di un mercato specifico parallelo che mette in circolo un patrimonio immobiliare fuori mercato, composto da edifici che risultavano non recuperabili in base ai criteri che definiscono l’abitabilità in Italia. Per questi motivi l’esclusione abitativa potrebbe anche essere connessa al concetto di integrazione come pari opportunità.

33A livello aggregato, il tasso di esclusione abitativa si può quindi considerare un indicatore (a polarità negativa) sia del livello di integrazione economica sia di quello di integrazione sociale. Per definire operativamente tale indicatore si può fare riferimento ai dati del censimento (o a inchieste ad hoc).

  • 30 A tal fine, in un’analisi nazionale a livello di comunità, Natale e Strozza (1997, 378) calcolano u (...)

34L’uso degli spazi urbani è uno degli aspetti più rilevanti nel processo di integrazione. Anche il grado di concentrazione territoriale è spesso considerato un indicatore del livello di integrazione sociale di una certa comunità30. Peraltro, alcuni studiosi manifestano dubbi sulla validità dell’indicatore, in particolare se applicato alla comunità cinese, che si concentra in alcune aree residenziali per ragioni legate alla specificità della propria struttura produttiva, caratterizzata dalla contiguità tra luogo di lavoro e abitazione e dalla diffusione di imprese monoetniche (Tosi, 1994, 84-5).

35Appare più nitido il nesso semantico tra l’indicatore «tasso di residenti» (vedi tab. 2.1) e il concetto più generale di integrazione. Chi acquisisce la residenza ha superato la condizione di disagio abitativo e manifesta un desiderio di stabilirsi in modo stabile in un certo comune.

  • 31 Per un’analisi relativa al periodo 1991-95 vedi Natale e Strozza (1997, 73-76); per gli anni 1998-9 (...)
  • 32 Per la comunità cinese questo indicatore non risulta valido, in quanto i ricongiungimenti avvengono (...)

36Un segnale ancora più forte del desiderio di stabilirsi nel paese di accoglienza è la richiesta del permesso di ricongiungimento familiare per il coniuge e/o i figli. L’iter amministrativo per ottenere il permesso è piuttosto complicato; solo una parte delle richieste viene soddisfatta31. Sarebbe quindi utile disporre dei dati relativi alle richieste; in mancanza di tali dati, anche la quota di permessi di soggiorno concessa per motivi di ricongiungimento familiare può essere considerato un valido indicatore del livello di integrazione sociale32.

37La richiesta di ricongiungimento familiare è un indicatore del desiderio di integrazione da parte del richiedente, ma anche di integrazione come integrità (Zincone, 2001b, 19): la presenza della famiglia tende a ridurre la nostalgia per il paese di origine (Alberoni e Baglioni, 1965, 87) e a chiudere la fase del distacco e della separazione, svolgendo quindi un ruolo di supporto psicologico. Non necessariamente però l’arrivo del coniuge o quello dei figli influenza positivamente, almeno nel breve periodo, il processo di integrazione. Una ricerca commissionata dalla Commissione per l’integrazione degli immigrati ha mostrato che nelle comunità a prevalenza maschile, come quelle nordafricane, la moglie è di solito molto riluttante a lasciare il proprio paese e trova spesso difficoltà di inserimento; nelle comunità a prevalenza femminile, come quelle peruviana o filippina, «i mariti… si scontrano con un rovesciamento dei tradizionali rapporti di genere, poiché in Italia, il bread winner, il coniuge che guadagna e mantiene con il suo reddito, è più spesso la moglie, inserita nel mercato del lavoro domestico e di cura» (Zincone, 2000b, 75).

  • 33 Per un’analisi dello squilibrio delle distribuzioni per genere delle 15 comunità numericamente più (...)

38Anche se il ricongiungimento familiare può comportare difficoltà di questo genere, una situazione di equilibrio della composizione per genere è un segnale della stabilizzazione della presenza di una comunità, che, almeno indirettamente, può essere collegato al livello di integrazione sociale raggiunto dai membri di tale comunità. La situazione di equili-brio/squilibrio si può rilevare calcolando la differenza percentuale priva di segno tra i maschi e le femmine33.

  • 34 È preferibile ricorrere ai dati dell’anagrafe piuttosto che a quelli del Ministero per le ragioni s (...)

39La popolazione straniera in Italia presenta inoltre una forte concentrazione nella fascia di età giovanile, che è stata riscontrata anche in altri paesi che attraversano la prima fase del movimento migratorio: nel 1998 il 42% dei permessi di soggiorno sono stati concessi a persone di età compresa tra i 25 e i 35 anni (il valore corrispondente nella popolazione italiana è il 16%; Golini, 2000, 139). Mediante i ricongiungimenti familiari e le nascite si viene gradualmente a creare una situazione di maggiore stabilità demografica, che può essere rilevata confrontando, comunità per comunità, la distribuzione della popolazione con quella relativa agli autoctoni in un insieme di classi di età opportunamente delimitate (vedi tab. 2.1): tanto più le due popolazioni risultano eterogenee quanto più una comunità di immigrati si può giudicare poco integrata34. Una valutazione di questo genere contrasta con la visione dell’integrazione come utilità; infatti, se la distribuzione per classe di età degli immigrati tende a somigliare a quella degli italiani vengono meno alcuni dei vantaggi demografici ed economici dell’immigrazione.

  • 35 Il sondaggio sull’opinione di un campione di cittadini italiani commissionato all’Ispo dalla Commis (...)

40Un indicatore che può essere collegato in modo diretto al concetto di integrazione sociale è il tasso di nuzialità mista, la cui diffusione indica che gli immigrati tendono a essere accettati nella più intima delle relazioni (Alberoni e Baglioni, 1965, 49). Il matrimonio misto è anche fattore di integrazione per le relazioni sociali che crea, coinvolgendo non solo i due soggetti interessati, ma anche le collettività da cui provengono (Golini, Strozza e Amato, 2001, 113)35.

  • 36 Informazioni sulle coppie miste (incluse le unioni di fatto) sono raccolte nel censimento (per un’a (...)

41In Italia l’indicatore risulta poco valido se è costruito rapportando il numero dei matrimoni di membri di una certa comunità con italiani al numero totale di matrimoni in cui almeno uno dei coniugi è membro di quella certa comunità: l’incidenza dei matrimoni misti risulta molto elevata per la situazione di squilibrio della distribuzione per genere che caratterizza al momento molte comunità. Inoltre, si pone anche un problema di affidabilità: nel denominatore del rapporto non vengono conteggiati molti matrimoni celebrati all’estero e alcuni matrimoni celebrati in Italia con riti diversi da quelli che consentono l’iscrizione automatica agli uffici di stato civile; di conseguenza, l’incidenza dei matrimoni misti risulta sovra-dimensionata. Opportunamente, Natale e Strozza (1997, 381-2) propongono di normalizzare l’indicatore «tasso di nuzialità mista» sul totale dei permessi di soggiorno36.

42Il matrimonio con un coniuge italiano è uno dei canali attraverso cui lo straniero può ottenere la naturalizzazione. Nella letteratura internazionale, in particolare francese (Haut Conseil à l’integration, 1991), il tasso di naturalizzazioni è in genere segnalato come indicatore di integrazione sociale. Tale indicatore risulta al momento poco valido in Italia, perché la legislazione è più restrittiva (al di fuori dei casi di matrimonio misto, per ottenere la naturalizzazione bisogna risiedere legalmente per 10 anni nel nostro paese), e soprattutto perché l’insediamento di alcune comunità straniere è ancora piuttosto recente.

  • 37 Alcuni studiosi interpretano il tasso di denunciati (di condannati, di arrestati) tra gli stranieri (...)
  • 38 La devianza si può imputare anche a ragioni economiche e culturali; per una valutazione del contrib (...)

43Secondo Natale e Strozza «la devianza sociale… costituisce il volto negativo dell’integrazione» (1997, 336)37. Seguendo l’orientamento dei due studiosi, abbiamo classificato nella sfera sociale il tasso di denunciati e quello di condannati38. Se si intende rilevare il livello di criminalità degli immigrati è infatti preferibile non prendere in considerazione il tasso di incarcerati, come argomenta lucidamente Marzio Barbagli:

44«Che la presenza degli stranieri negli istituti di pena sia fortemente aumentata è indubbio. Dal 1991 al 1996 il loro peso è passato dal 16% al 28%. Ma vi sono molti buoni motivi per considerare questo come il meno affidabile degli indicatori dei reati commessi nel nostro paese da cittadini non italiani. In primo luogo… a parità di reato commesso, la custodia cautelare è imposta più spesso agli stranieri che agli autoctoni. In secondo luogo, a parità della pena, gli stranieri godono meno degli italiani delle misure alternative… alla detenzione. In terzo luogo, i reati commessi dagli stranieri sono proprio quelli che più spesso portano in carcere» (1998, 49).

  • 39 Barbagli corrobora con dati empirici la tesi che individua nei clandestini e negli irregolari color (...)

45Anche le definizioni operative dei due indicatori proposti nella tab. 2.1 presentano alcuni problemi di affidabilità. A causa della lunghezza dei tempi giudiziari, nel caso del tasso di condannati si pone il problema dello scarto temporale rispetto al momento in cui è stato commesso il reato (Rosi, 2000, 402). Entrambi gli indicatori tendono inoltre a sovra-stimare la propensione alla devianza della popolazione immigrata: le statistiche giudiziarie, così come altre fonti, non distinguono tra immigrati e stranieri. La normalizzazione è operata sul totale dei permessi di soggiorno, escludendo quindi clandestini e irregolari39.

46Barbagli (1998, 23) rileva inoltre che non è opportuno confrontare il tasso di criminalità degli immigrati con quello degli autoctoni, trascurando il fatto che le due popolazioni hanno una diversa struttura demografica. Dato che i giovani di sesso maschile tendono a commettere più frequentemente reati, e che essi in genere sono sovra-rappresentati nella popolazione immigrata (specialmente in alcune comunità), sarebbe preferibile confrontare il tasso di denunciati e di condannati quanto meno a parità di età – un’operazione che presenta non poche difficoltà, e che può essere effettuata solo facendo delle stime (vedi ancora Barbagli, 1998, 117-8). Questa indicazione metodologica si può estendere anche all’analisi comparata della devianza in varie comunità immigrate, che in Italia presentano strutture demografiche molto diverse tra loro.

47La sanità è uno dei settori in cui meglio si può percepire il carattere bilaterale del processo di integrazione. Poiché la popolazione immigrata è portatrice di particolari caratteristiche culturali e sociali, il perseguimento di politiche di integrazione richiede al sistema sanitario pubblico un adeguamento o un riorientamento dei propri servizi e dei propri operatori (Merceca, 2000, 282).

  • 40 Analizzando il comportamento degli utenti dei servizi sanitari si possono rilevare differenze signi (...)

48In questa sotto-dimensione dell’integrazione sociale abbiamo collocato l’indicatore «tasso di iscrizioni al servizio sanitario nazionale’. In effetti, l’indicatore presenta alcuni problemi di validità: l’iscrizione non comporta una fruizione del servizio; inoltre, un basso tasso di iscrizioni può dipendere dal fatto che alcune comunità, come quella cinese, hanno sviluppato forme di medicina alternativa a quella occidentale40. Altri indicatori relativi all’accesso ai servizi possono essere costruiti consultando altre fonti, in particolare l’annuario della Caritas.

  • 41 Fra i censiti il 24% ritiene buono il livello di conoscenza della lingua italiana, il 39,1% suffici (...)

49Concludiamo questa rapida rassegna con gli indicatori del livello di integrazione culturale, che spesso rischia di essere identificata con l’assimilazione dei comportamenti della popolazione immigrata rispetto ai modelli proposti dalla società di accoglienza. Nel censimento del 1991 è stata prevista una domanda sul grado di conoscenza della lingua italiana41, che costituisce un indicatore fondamentale dell’integrazione. L’incompetenza linguistica viene infatti segnalata dai migranti come una delle più rilevanti ragioni di disagio: nel rapporto con gli autoctoni, nell’accesso all’informazione sui diritti, nella fruizione dei servizi.

50La formazione extrascolastica e quella scolastica svolgono un ruolo fondamentale per l’integrazione linguistica e culturale. La scuola favorisce l’integrazione non soltanto degli allievi, ma anche dei loro genitori, che spesso iniziano a stabilire relazioni sociali nella comunità in cui risiedono proprio attraverso le istituzioni scolastiche (Ceccatelli, 1992; Giovannini, 1998); ciò vale in particolare per gli immigrati cinesi, che in genere lavorano con propri connazionali (Baracani, 1994). Pertanto, l’abbandono della scuola dell’obbligo da parte di un bambino straniero indica un parziale fallimento del progetto di integrazione condotto dalla sua famiglia. Zincone (2000b, 79) sottolinea che nel confrontare il tasso di abbandoni degli italiani con quello degli stranieri sarebbe opportuno tenere sotto controllo variabili come il reddito e il livello di istruzione dei genitori. Questa prescrizione metodologica è opportuna; nonostante ciò, anche in mancanza di informazioni sul contesto familiare, riteniamo che, soprattutto nella scuola dell’obbligo, la differenza tra il tasso di abbandoni scolastici fra gli alunni stranieri e quelli italiani sia un valido indicatore del livello di integrazione culturale.

  • 42 Sui concetti di aspetto indicante e aspetto estraneo vedi Marradi (1987, cap. 3).
  • 43 Vedi sul punto Zanfrini (1998, 57) e la letteratura ivi citata.

51I comportamenti demografici spesso segnalano il mutamento dello stile di vita e dei valori degli immigrati. In particolare, una diminuzione del tasso di fecondità indica la diffusione di una morale sessuale più secolarizzata, tipica dell’Occidente, e di un maggiore equilibrio nei rapporti di genere. È opportuno precisare che questo indicatore rileva un aspetto dell’integrazione culturale come adattamento a un modello di comportamento prevalente nella società di accoglienza. Anche in questo caso si può stabilire una comparazione con gli autoctoni: il grado di convergenza dei tassi di fecondità è un indicatore di integrazione molto usato nella letteratura internazionale (Cagiano de Azavedo e Sannino, 1997). L’Italia si trova peraltro ancora in una fase di debole stabilizzazione della presenza migratoria. In una situazione di questo genere, l’indicatore presenta un rilevante aspetto estraneo42: il tasso di fecondità delle immigrate tende a uniformarsi a quello delle italiane non tanto per una crescente emancipazione femminile quanto per le condizioni di disagio economico delle famiglie immigrate, che rendono la nascita di un figlio un impegno troppo gravoso43.

  • 44 In sede di interpretazione, si dovrebbe anche considerare il fatto che in alcune comunità (in parti (...)

52Un indicatore più adeguato a cogliere la concezione di integrazione come scambio culturale (e non come semplice assimilazione) potrebbe essere il tasso di divorzi e separazioni delle coppie miste, che sarebbe opportuno rapportare a quello relativo alle coppie italiane. Un’elevata incidenza (in termini relativi) dei divorzi e delle separazioni si potrebbe imputare alle difficoltà nel gestire le differenze culturali nel rapporto di coppia; al contrario, una debole incidenza (in termini relativi) mostrerebbe una maggiore solidità dei nuclei familiari aperti allo scambio culturale44. Un indicatore di questo genere risulta forse più adatto ad una fase più matura dell’immigrazione rispetto a quella che attraversa oggi il nostro paese.

53In questa rassegna ho più volte rilevato che i confini tra le diverse dimensioni dell’integrazione non sono rigidi; capita anche che a un indicatore si debba attribuire polarità diversa a seconda della dimensione che viene presa in esame. Ad esempio, l’invio di denaro a familiari rimasti all’estero può essere posto in relazione con il raggiungimento di un certo livello di benessere economico, ma può anche essere interpretato come un indicatore con polarità negativa del livello di integrazione culturale. L’invio di denaro ha infatti anche «un significato simbolico: dimostra che l’impresa è riuscita proprio nel senso di rafforzare il legame con la comunità lontana di fronte al rischio che l’espatrio lo indebolisca o lo annulli» (Marchetti, 1994, 316). In particolare, gli immigrati cinesi tendono a dare grande risalto alla fortuna economica accumulata all’estero, sia mediante la costruzione di nuove abitazioni per i propri familiari rimasti in Cina sia mediante donazioni per la costruzione di edifici pubblici o in occasione di calamità naturali – donazioni che sono ampiamente commentate nei giornali locali e in quelli che circolano tra le comunità della diaspora (Farina et al. 1997, 47).

  • 45 La propensione a ricorrere ai canali ufficiali appare inoltre fortemente differenziata tra le diver (...)

54Per costruire un indicatore a livello di comunità si potrebbe calcolare la differenza algebrica tra la percentuale di rimesse sul totale nazionale (regionale o provinciale) delle rimesse e la percentuale di permessi di soggiorno sul totale nazionale (regionale o provinciale) dei permessi di soggiorno: tanto più tale differenza ha valori positivi e elevati, quanto più una comunità si potrebbe giudicare poco integrata. Purtroppo, la definizione operativa dell’indicatore appare poco affidabile: i dati sulle rimesse, raccolti e organizzati dall’ufficio cambi della Banca d’Italia, tengono conto solo dei flussi che avvengono nei canali ufficiali45.

3. Conclusioni

55Molti studiosi hanno rilevato che il concetto di integrazione è multidimensionale, dato che si estende a tutte le sfere della vita sociale. Nei Rapporti sull’integrazione degli immigrati in Italia emerge un’altra caratteristica fondamentale del concetto: l’ambivalenza. L’integrazione può essere intesa in modo unilaterale (come adattamento), ma anche in modo bilaterale (come interazione); sia l’adattamento alla società di accoglienza sia la preservazione dell’integrità possono essere considerate strategie efficaci per raggiungere l’integrazione.

56Gli indicatori costruiti tramite le fonti ufficiali tendono a cogliere in prevalenza il processo di adattamento dell’immigrato alla società di accoglienza. Informazioni più approfondite sulle forme di autoorganizzazione degli immigrati e sulle interazioni con gli autoctoni si possono raccogliere solo mediante indagini a livello individuale.

  • 46 Ad esempio, Cartocci (1992, 5) ha rilevato che in Italia la proprietà di un’abitazione è un indicat (...)

57La riflessione metodologica sugli indicatori a livello aggregato ha evidenziato un problema ben noto agli studiosi del settore: indicatori giudicati validi in altri paesi (o in fasi più avanzate del processo migratorio) non sono, almeno per ora, esportabili in Italia. È il caso del tasso di naturalizzazioni, e, in parte, del tasso di fecondità femminile. Nella letteratura metodologica si osserva che alcuni problemi di validità non sono legati al contesto, ma all’unità di analisi: un indicatore può cambiare significato a livelli analitici diversi (Marradi, 1987, 35)46. Anche in questa rassegna abbiamo enucleato problemi legati all’unità di analisi, che hanno però una natura orizzontale piuttosto che verticale: uno stesso indicatore può cambiare significato se applicato a comunità diverse. Ad esempio, è legittimo sostenere che un indicatore spesso usato per rilevare il livello di integrazione sociale, il tasso di concentrazione territoriale, non si possa applicare alla comunità cinese, che presenta una struttura produttiva caratterizzata dalla contiguità tra residenza e posto di lavoro e dalla prevalenza di imprese monoetniche. Nella ricerca sul livello di integrazione degli immigrati si possono quindi riproporre sul versante dell’unità di analisi problemi di validità tipici delle ricerche trans-culturali. Chi sceglie questa direzione di ricerca dovrebbe quindi prestare molta attenzione agli studi di comunità. Confrontando comunità diverse, non si dovrebbe dare per scontato che uno stesso indicatore sia ugualmente valido.

Torna su

Bibliografia

Alberoni F., Baglioni G. (1965), L’integrazione dell’immigrato nella società industriale, Bologna, Il Mulino.

Ambrosini M. (1999), Utili invasori. L’inserimento degli immigrati nel mercato del lavoro italiano, Milano, Angeli.

Id. (2001), La fatica di integrarsi, Bologna, Il Mulino.

Ambrosini M., Lodigiani R., Zandrini S. (1995), L’integrazione subalterna. Peruviani, eritrei e filippini nel mercato del lavoro italiano, «Quaderni ismuª», n. 3.

Baldacci E., Natale L. (1995), Devianza e integrazione degli immigrati stranieri: una verifica empirica, «Bollettino Sis», pp. 545-552.

Baracani N. (1994), La seconda generazione nella migrazione cinese in Toscana: scuola e integrazione sociale, in Campani G., Carchedi F., Tassinari A. (1994), pp. 127-146.

Barbagli M. (1998), Immigrazione e criminalità in Italia, Bologna, Il Mulino.

Böhning W. R (1995), Labour Market Integration in Western and Northern Europe: Which Way Are We Heading? in Böhning W.R. e Zegers de Bijl R. (a cura di), The Integration of Migrant Workers in the Labour Market: Policies and their Impact, Ginevra, ILO, pp. 1-21

Bonifazi C. (1998), L’immigrazione straniera in Italia, Bologna, Il Mulino.

Bortolotti F., Tassinari A. (1992), Immigrati a Firenze. Il caso della collettività cinese, Firenze, Ires Toscana.

Cagiano de Azevedo R., Di Prospero R., Di Santo P. (a cura di) (1992), Measuring Migrants Integration, Seminario Europeo, Roma, giugno 1991.

Cagiano de Azevedo R., Sannino B. (1997), A European Project on Migrants’ Integration, in Council of Europe (1997).

Campani G., Carchedi F., Tassinari A. (a cura di) (1994), L’immigrazione silenziosa. Le comunità cinesi in Italia, Torino, Edizioni della Fondazione Agnelli.

Caponio T. (2000), Partecipazione politica, in G. Zincone (2000a), pp. 355-400.

Caritas (1999), Immigrazione. Dossier statistico 1999, Roma, Anterem.

Cartocci R. (1992), Giunti elastici e geometrie variabili. Considerazioni sul rapporto di indicazione, paper presentato nel convegno della sezione di metodologia dell’AIS «Dai concetti agli strumenti di rilevazione: il luogo della teoria?» , Pisa 29 ottobre.

Casacchia O., Strozza S. (1995), Il livello di integrazione socio-economica degli immigrati stranieri: un quadro di riferimento, «Bollettino Sis», pp. 553-568.

Ceccagno A. (a cura di) (1997), Il caso delle comunità cinesi. Comunicazione interculturale ed istituzioni, Roma, Armando.

Ceccatelli Gurrieri G. (1992), Introduzione, in G. Tassinari, G. Ceccatelli Gurrieri e M. Giusti (a cura di), Scuola e società multiculturale, Firenze, La Nuova Italia, pp. 3-10.

Cellini E. (2000), L’integrazione degli immigrati: scelta di indicatori e costruzione di indici a livello individuale, tesi di laurea in metodologia delle scienze sociali, facoltà di Scienze Politiche, Firenze.

Colombi M. (a cura di) (1999), L’imprenditoria cinese nel distretto di Prato, Prato, iris.

Cotesta V. (1999), Sociologia dei conflitti etnici, Bari, Laterza.

Council of Europe (1997), Measurement and Indicators of Integration, Council of Europe Publishing.

Farina P. et al. (1997), Cina a Milano. Famiglie, ambienti e lavori della popolazione cinese a Milano, Milano, aim.

Folini R., Mori T., Spagli V. (1998), Un territorio di confine. L’area Novoli-Piagge-Brozzi a Firenze, paper presentato nel convegno «Immigrazione, convivenza urbana, conflitti locali», Firenze.

Fondazione Cariplo-ismu (1995), Primo rapporto sulle migrazioni 1995, Milano, Angeli.

Gallino L. (1978), Dizionario di sociologia, Milano, tea.

Giannetti D. (1993), La costruzione di indicatori per l’analisi delle politiche: il caso delle politiche per l’immigrazione, «Politeia», 29, pp. 32-40.

Giovani F., Savino T. (2001), Immigrati, lavoro, vita quotidiana. L’esperienza nel distretto industriale di Prato, «Quaderni Iris», Prato.

Giovannini G. (a cura di) (1998), Allievi in classe stranieri in città. Una ricerca sugli insegnanti di scuola elementare di fronte all’immigrazione, Milano, Angeli.

Golini A. (2000), L’emigrazione italiana all’estero e la demografia dell’immigrazione straniera in Italia, in G. Zincone (2000a), pp. 121-156.

Golini A., S. Strozza, F. Amato (2001), Un sistema di indicatori di integrazione. Un primo tentativo di costruzione, in G. Zincone (2001a), pp. 85-156.

Haut Conseil à l’intégration (1991), Premier rapport, Paris.

Herskovits M. J. (1940), The Myth of the Negro Past, Gloucester, Smith; tr. it. Il mito del passato negro, Firenze, Vallecchi, 1974.

International Union for the Scientific Study of the Popolulation (1949), Cultural Assimilation of Immigrants, Assemblea generale dell’onu, Ginevra.

istat (1998), La presenza straniera in Italia negli anni novanta, Roma.

Id. (1999) Rapporto sull’Italia-1999, Bologna, Il Mulino.

Kwok (1994), in Campani et al. (1994)

Landecker W. S. (1951), Types of Integration and their Measurement, «American Journal of Sociology», lvi, pp. 332-340; tr. it. Tipi di integrazione e loro misura, in Boudon R. e Lazarsfeld P. F. (a cura di), L’analisi empirica nelle scienze sociali, I vol., Bologna, Il Mulino, 1969, pp. 53-67.

Lockwood, D. (1964), Social Integration and System Integration, in Zollschan G.K. e Hirsch W. (a cura di), Explorations in Social Change, London, Routledge&Keagan, pp. 244-257

Lodigiani R. (1997), Le rimesse degli immigrati tra risparmio e consumo. Un’indagine qualitativa a Roma e Milano, «Quaderni ismu», n. 5.

Macioti M. I. (1995), Per una società multiculturale, Napoli, Liguori.

Marchetti A. (1994), Il caso senegalese, in irer Lombardia, Tra due rive. La nuova immigrazione a Milano, Milano, Angeli, pp. 241-62.

Marotta G. (1995), Immigrati: devianza e controllo sociale, Padova, cedam.

Marradi A. (1987), Concetti e metodo per la ricerca sociale, Firenze, Giuntina, 3ª edizione.

Id. (1990) Fedeltà di un dato, affidabilità di una definizione operativa, «Rassegna Italiana di Sociologia», xxi, 1, pp. 55-95.

Marsden A. (1994), Cinesi e fiorentini a confronto, Firenze, Firenze Libri.

Melotti U. (1994), L’immigrazione in Italia: da modello senza progetto a progetto senza modello. Un confronto con altri paesi europei, «Annali di Sociologia/Soziologisches Jahrbuch», n. 10, pp. 211-232.

Merceca M. (2000), La salute, in Zincone G. (2000a), pp. 273-316.

Id. (2001) La salute in, Zincone G. (2001a), pp. 215-242.

Natale M., Strozza S. (1997), Gli immigrati stranieri in Italia. Quanti sono, chi sono, come vivono?, Bari, Cacucci.

Palidda S. (1995), La devianza e la criminalità, in Fondazione Cariplo-ismu (1995), pp. 250-90.

Pirami F. (2000), Gli indicatori di integrazione degli immigrati: una soluzione che tiene conto del contesto, tesi di laurea in metodologia delle scienze sociali, facoltà di Scienze Politiche, Firenze.

Reyneri E. (1996), Sociologia del mercato del lavoro, Bologna, Il Mulino.

Reyneri E., Payar A. (2000), Integrazione nel mercato del lavoro, in Zincone G. (2000a), pp. 157-232.

Rosi E. (2000), Tutela della collettività e criminalità, in Zincone G. (2000a), pp. 401-422.

Rusconi G. E. (2000), Retorica del multiculturalismo, religione e laicità, in Melotti U. (2000) (a cura di), L’abbaglio multiculturale, Roma, seam, pp. 59-69.

Tassinari A. (a cura di) (1994), L’immigrazione cinese in Toscana, in Campani G. , Carchedi F. e Tassinari A. (1994), pp. 105-26.

Tassinari A., Miraglia F. (1999), Maternità e immigrazione, Firenze, IP.

Tosi A. (1994), Abitare/coabitare. Gli immigrati extracomunitari e le politiche abitative in Italia, in A. Tosi (a cura di), Abitanti. Le nuove strategie dell’azione abitativa, Bologna, Il Mulino, pp. 29-40.

Id. (2000) Casa e immigrazione, in Zincone G. (2000a), pp. 317-354.

Id. (2001) L’abitazione, in Zincone G. (2001a), pp. 193-214.

Trapassi F. (2001), Il nativismo americano di fine xx secolo: il caso degli immigrati messicani in California, «Studi Emigrazione/Migration Studies», xxxviii, n. 141, pp. 95-113.

Travaglini R., Reyneri E. (1991), Culture e progetti migratori dei lavoratori africani a Milano, Provincia di Milano.

Zanfrini L. (1998), Leggere le migrazioni. I risultati della ricerca empirica, le categorie interpretative, i problemi aperti, Milano, Angeli.

Zincone G. (1992), Da sudditi a cittadini, Bologna, Il Mulino.

Id. (1994), Uno schermo contro il razzismo. Per una politica dei diritti utili, Roma, Donzelli.

Id. (2000b), Introduzione e sintesi. Un modello di integrazione ragionevole, in Zincone G. (2000a), pp. 13- 156.

Id. (2001b), Introduzione e sintesi. Utili, uguali, dissimili, in Zincone G. (2001a), pp. 17-84.

Zincone G. (a cura di) (2000a), Primo rapporto sull’integrazione degli immigrati in Italia, Bologna, Il Mulino.

Id. (a cura di) (2001a), Secondo rapporto sull’integrazione degli immigrati in Italia, Bologna, Il Mulino.

Torna su

Note

1 Il termine «integrazione» fu adottato dai due studiosi proprio perché non implica necessariamente l’assimilazione culturale. Nella ricerca venne messa in discussione la tesi, ampiamente diffusa sia nell’opinione pubblica sia tra gli studiosi, dell’incolmabile distanza culturale tra immigrati meridionali e abitanti delle grandi città dell’Italia settentrionale, mostrando la rilevanza e l’efficacia dei meccanismi di socializzazione anticipatoria. È interessante osservare come questo tema stia ritornando in auge anche negli studi sull’immigrazione straniera (vedi ad esempio Zanfrini, 1998, 31 e 67).

2 A tale visione possono essere in larga parte ricondotte tre diverse concezioni dell’integrazione degli immigrati individuate da Zincone (2000b): come somiglianza (ovvero, come assimilazione), come utilità (per la società di accoglienza), come uguaglianza tra immigrati e autoctoni. Su queste concezioni torneremo nella seconda parte analizzando specifici indicatori. Sulle diverse accezioni del termine «integrazione» nella letteratura sociologica vedi Lockwood (1964); Gallino (1978, 374).

3 Questo termine è stato introdotto dall’antropologo Melville Herskovits (1940/1975, 19-20) in una ricerca sugli afroamericani per indicare la capacità di un individuo o di un gruppo di conservare alcuni tratti culturali originari.

4 In base a considerazioni di questo genere, Rusconi (2000, 60) sposta l’accento dal concetto di multiculturalismo a quello di laicità; a suo avviso, «il principio laico… non si limita ad affermare il principio di una benevola tolleranza, ma esige positivamente un vincolo reciproco su cui costruire una comunità politica che è solidale in quanto si riconosce lealmente in principi, regole e istituti che prescindono da radici culturali particolari, che, come tali, non sono generalizzabili». L’orientamento di Rusconi è condivisibile; resta però qualche dubbio sulla possibilità di costruire un ordinamento laico privo di radici culturali particolari.

5 Alcuni studiosi riprendono la nota proposta di Landecker (1951/1969, 60-7), che individua tre dimensioni del concetto di integrazione: normativa, comunicativa, funzionale. In un documento molto citato nella letteratura sull’immigrazione, il Consiglio d’Europa (1994) individua tre settori (giuridico, sociale, culturale); ad essi si possono anche aggiungere quello economico e quello politico.

6 Nel Primo rapporto al tema è dedicato il contributo di Tiziana Caponio (2000), ricco di riferimenti alle forme di partecipazione politica degli immigrati alternative al voto presenti in Italia e alle esperienze, spesso positive, di altre nazioni europee dove è stato concesso il diritto di voto (vedi anche Zincone, 1994).

7 In situazioni di questo genere la forza lavoro immigrata svolge una funzione di sostituzione o di complementarità rispetto a quella autoctona (Ambrosini, 1999; Reyneri e Payar, 2000). In Italia si ha, ad esempio, sostituzione nel settore del lavoro domestico: la presenza degli immigrati compensa la drastica riduzione di una forza lavoro cui è venuto meno il ricambio generazionale. In questo stesso settore la presenza degli immigrati è anche complementare rispetto all’occupazione femminile.

8 Per continuità professionale si intende la preservazione di conoscenze e competenze acquisite nel paese di origine. In Italia i due esempi più noti sono la rete di commercio ambulante costruita dagli immigrati senegalesi e le imprese familiari nel settore tessile e in quello della ristorazione gestite da cinesi.

9 Per le stesse ragioni, è preferibile parlare di modelli di inserimento piuttosto che di modelli di integrazione (Cellini, 2000, par. 1.3), dato che gli ordinamenti giuridici di alcuni paesi (basti pensare alla Svizzera) tendono a considerare provvisoria la permanenza del lavoratore straniero e a porre ostacoli all’acquisizione della cittadinanza. Sui modelli di inserimento la letteratura è molto vasta; per un confronto tra l’esperienza italiana e quella di altri paesi europei vedi Zincone (1992, cap. 6); Melotti (1994); Cotesta (1999, cap. 20); Ambrosini (1999, par. 7.2).

10 È opportuno precisare che i tipi proposti nella tab. 1.2 derivano da ricerche su nazionalità immigrate in specifici ambiti spazio-temporali, e non si possono generalizzare ad ambiti diversi. Una stessa comunità può seguire percorsi diversi in base alla struttura del mercato locale del lavoro e agli atteggiamenti e comportamenti messi in atto dalla società ricevente (Ambrosini, 2001, 167).

11 Rispetto allo schema presentato nella tab. 1.1, contrapponiamo all’interazione pacifica e positiva con gli autoctoni la devianza. La mancanza di interazione in una certa dimensione è rappresentata da un’assenza di simboli.

12 Vedi Zanfrini (1998, 73-5 e 92-4) e la letteratura ivi citata. Il testo della Zanfrini, pubblicato nella collana della Fondazione Cariplo per le Iniziative e lo Studio sulla multietnicità (ismu), costituisce un’accurata rassegna delle ricerche sul campo che sono state condotte da studiosi italiani. Ci siamo serviti di questo testo per individuare i brani riportati di seguito nel testo. Una fonte molto utile è anche il sito Internet della Fondazione, che riporta le schede bibliografiche del Centro di documentazione: http://www.ismu.org.

13 Zanfrini (1998, 14) sottolinea «le potenzialità delle indagini di tipo qualitativo, cui tende effettivamente la preferenza di molti ricercatori», anche se «l’etichetta studi di comunità… è probabilmente troppo ambiziosa per molti di essi». Un limite di molte indagini di questo genere è rappresentato dalla scarsa attenzione dedicata all’illustrazione del disegno della ricerca e alla documentazione delle scelte di metodo (ibi, 18).

14 Come è noto, le principali fonti ufficiali per rilevare la presenza straniera in Italia sono il Ministero degli interni, che raccoglie i dati sui permessi di soggiorno inviati dalle questure, le anagrafi comunali, che raccolgono i dati sui residenti, e il censimento, che, a partire dal 1981, garantisce, a scadenza decennale, una gamma più ampia di informazioni e consente di distinguere gli immigrati da coloro che soggiornano solo per brevi periodi nel nostro paese. Per uno scrupoloso esame delle informazioni raccolte dalle diverse fonti ufficiali e per una valutazione di queste ultime in termini di affidabilità vedi Natale e Strozza (1997, appendice 1); Bonifazi (1998, 105-132); istat (1998).

15 Mediante un’analisi delle componenti principali essi individuano 5 dimensioni statisticamente significative e interpretabili; quindi le 41 comunità sono ricondotte a 5 gruppi omogenei, applicando una procedura di cluster analysis con criterio gerarchico ai punteggi sulle componenti estratte.

16 Si può anche ricordare quello presentato da Manfred Bretz, dell’Ufficio Federale di Statistica tedesco, durante un seminario dal titolo «Measuring Migrants Integration» svoltosi a Roma nell’estate del 1991 (Cagiano de Azevedo, Di Prospero, Di Santo, 1992; Natale e Strozza, 1997, 374-375).

17 I tre studiosi distinguono le seguenti dimensioni: struttura demografica, sociale e territoriale; relazioni con la comunità di origine e con quella di accoglimento; inserimento lavorativo e mobilità socio-professionale; vita nella società.

18 Un problema di affidabilità comune a tutte le definizione operative è il fatto che nel denominatore dei rapporti sono esclusi gli immigrati clandestini e irregolari, con un’unica (parziale) eccezione: il tasso di abbandoni scolastici, dato che la legislazione italiana assicura anche ai figli di immigrati non regolari il diritto all’iscrizione nella scuola dell’obbligo.

Sulla differenza tra i concetti di affidabilità e di validità vedi Marradi (1990 e 1994, cap. 8).

19 Per semplificare, abbiamo in genere omesso il riferimento al tempo nel numeratore e nel denominatore della formula: quando è menzionato l’archivio dei permessi di soggiorno (mint) si dovrebbe prendere in considerazione un periodo di tempo (in genere un anno); in altri casi si possono considerare anche singoli punti del tempo.

20 In base al testo unico sull’immigrazione del 1998 solo dopo 5 anni di residenza in condizioni di rispetto della legalità è possibile ottenere la carta soggiorno, che non vincola la residenza in Italia all’occupazione. Le modifiche apportate a tale normativa nel luglio 2002 aumentano a 6 gli anni di residenza necessari per poter richiedere la carta.

21 Questo è il motivo per cui nella tabella 2.1 abbiamo inserito pochi indicatori costruiti mediante dati di censimento.

22 L’indicatore è proposto da Reyneri e Payar (2000, 167), ai quali rinviamo per un’analisi dei limiti della fonte (ivi, 159; vedi anche Ambrosini, 1999, 154).

23 Rilevano tali distorsioni Bonifazi (1998, 178); Ambrosini (1999, 133); Reyneri e Payar (2000, 157).

24 Un indicatore semanticamente affine si può costruire mediante l’archivio degli avviamenti al lavoro.

Pur con i limiti segnalati in precedenza, il censimento ha il vantaggio di raccogliere informazioni anche sugli occupati autonomi.

25 Una tesi di questo genere dovrebbe essere corroborata mediante ricerche a livello individuale (o di famiglia), per evitare di cadere nella fallacia ecologica, che, come è noto, si manifesta quando si attribuiscono agli individui i risultati di analisi condotte a livello aggregato.

26 Per descrivere tale situazione molti parlano di economia «etnica», anche se l’espressione è criticabile. Per il concetto di economia «etnica» vedi Ambrosini (1999) e Reyneri e Payar (2000); per la critica all’uso di tale concetto riferito alla comunità cinese di Prato vedi Marsden (1994), Ceccagno (1997), Colombi et al. (1999).

27 Nel Primo rapporto è stato proposto anche un altro indicatore di integrazione socio-economica: «un basso livello di turn over è un elemento dell’integrità della persona immigrata sia perché aumenta la continuità e sicurezza del reddito, sia perché riduce la percezione di ingiustizia e sfruttamento. E, presumibilmente, dovrebbe favorire un’interazione meno conflittuale: l’immigrato diventa uno stabile compagno di lavoro» (Zincone, 2000b, 64). Queste osservazioni sono condivisibili; non abbiamo inserito nella tab. 2.1 tale indicatore perché è rilevabile solo mediante indagini a livello individuale. Per lo stesso motivo non sono stati inseriti indicatori relativi alla sicurezza sul lavoro (vedi al riguardo Giovani e Savino, 2001).

28 Nel Secondo Rapporto i dati più recenti continuano a documentare la gravità di questo problema per gli immigrati (Tosi, 2001).

29 Lo sostengono, tra gli altri, Folini, Mori e Spagli (1998, 8) e Natale e Strozza (1997, 269).

30 A tal fine, in un’analisi nazionale a livello di comunità, Natale e Strozza (1997, 378) calcolano un «indice di dissimilarità territoriale», i cui valori sono dati dalle semisomme delle differenze percentuali prive di segno tra la distribuzione provinciale dei cittadini italiani e quella dei permessi di soggiorno (relativi alle diverse comunità). Se l’analisi è condotta a livello più disaggregato (ad esempio, per provincia) è necessario confrontare la distribuzione dei cittadini italiani e quella dei permessi di soggiorno a livello comunale (per le diverse comunità).

31 Per un’analisi relativa al periodo 1991-95 vedi Natale e Strozza (1997, 73-76); per gli anni 1998-99 vedi Golini, Strozza e Amato (2001, 119).

32 Per la comunità cinese questo indicatore non risulta valido, in quanto i ricongiungimenti avvengono in modo abbastanza ravvicinato rispetto all’insediamento iniziale, soprattutto per la peculiarità dell’organizzazione economica centrata sull’impresa familiare e del sistema migratorio basato sull’arrivo dei nuclei familiari piuttosto che dei singoli (Bortolotti e Tassinari, 1992; Colombi et al., 1999). I ricongiungimenti avvengono dunque a prescindere dal livello di integrazione. Superata la prima fase dell’immigrazione, l’indicatore può invece essere considerato valido – lo ha rilevato Francesca Pirami (2000) sulla base di interviste agli studiosi e agli operatori del Centro ricerche e servizi per l’immigrazione del comune di Prato. Queste argomentazioni si possono estendere anche all’indicatore «grado di squilibrio per genere».

33 Per un’analisi dello squilibrio delle distribuzioni per genere delle 15 comunità numericamente più consistenti alla fine degli anni ’90 in Italia vedi Golini (2000, 136-7).

34 È preferibile ricorrere ai dati dell’anagrafe piuttosto che a quelli del Ministero per le ragioni segnalate in precedenza.

35 Il sondaggio sull’opinione di un campione di cittadini italiani commissionato all’Ispo dalla Commissione fornisce risultati poco rassicuranti: «il 41% degli intervistati si trova d’accordo con l’affermazione «i matrimoni con gli immigrati di solito finiscono male’, e il 61,1% del campione non si trova d’accordo con la frase «non mi opporrei al matrimonio di mia figlia con un immigrato»» (Zincone, 2001b, 64).

36 Informazioni sulle coppie miste (incluse le unioni di fatto) sono raccolte nel censimento (per un’analisi di dati relativi al censimento del 1991 vedi Natale e Strozza, 1997, 325-330).

37 Alcuni studiosi interpretano il tasso di denunciati (di condannati, di arrestati) tra gli stranieri come un indicatore della propensione alla discriminazione da parte delle forze dell’ordine e della magistratura (vedi in particolare Palidda, 1995). Anche chi sostiene questa tesi potrebbe stabilire una connessione tra comportamenti (etichettati come) devianti e mancanza di integrazione. Una ricerca condotta da Baldacci e Natale (1995) a livello provinciale ha riscontrato solo una debole relazione negativa fra un indice di devianza e un indice di integrazione socio-economica degli immigrati.

38 La devianza si può imputare anche a ragioni economiche e culturali; per una valutazione del contributo delle diverse teorie rispetto all’interpretazione della criminalità degli immigrati in Italia vedi Barbagli (1998, 127-41; vedi anche Marotta, 1995).

39 Barbagli corrobora con dati empirici la tesi che individua nei clandestini e negli irregolari coloro che tendono a commettere più frequentemente i reati (1998, 108-110 e 117).

40 Analizzando il comportamento degli utenti dei servizi sanitari si possono rilevare differenze significative tra stranieri e italiani (Merceca, 2001). Zincone (2000b, 88) osserva che «più spesso delle italiane… le donne immigrate ricorrono all’interruzione della gravidanza. Fare figli per loro è un lusso, e questo è un gravissimo limite all’integrità della persona». L’indicatore «numero di interruzioni volontarie della gravidanza sul totale delle donne immigrate in età feconda» è spesso usato nelle ricerche sul livello di integrazione delle donne immigrate (vedi ad esempio Tassinari e Miraglia, 1999).

41 Fra i censiti il 24% ritiene buono il livello di conoscenza della lingua italiana, il 39,1% sufficiente, il 36,9% insufficiente – un dato che probabilmente risente della scarsa desiderabilità sociale di quest’ultima risposta (Bonifazi, 1998, 247).

42 Sui concetti di aspetto indicante e aspetto estraneo vedi Marradi (1987, cap. 3).

43 Vedi sul punto Zanfrini (1998, 57) e la letteratura ivi citata.

44 In sede di interpretazione, si dovrebbe anche considerare il fatto che in alcune comunità (in particolare, quelle di religione musulmana) le separazioni e i divorzi sono fortemente stigmatizzati.

45 La propensione a ricorrere ai canali ufficiali appare inoltre fortemente differenziata tra le diverse comunità (vedi Lodigiani, 1997; Caritas, 1999, 279-84; vedi anche le elaborazioni fornite sul sito Internet dalla Fondazione Cariplo-ismu, http://www.ismu.org).

46 Ad esempio, Cartocci (1992, 5) ha rilevato che in Italia la proprietà di un’abitazione è un indicatore di status socio-economico; a livello comunale la percentuale di abitazioni di proprietà si può invece considerare un indicatore di marginalità socio-economica, dato che la quota di proprietari è elevata nelle zone di esodo, come quelle interne e montane, e ridotta nelle zone urbane di immigrazione, in cui vanno a vivere le giovani coppie.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Tab. 1.2 Alcuni tipi di inserimento degli immigrati enucleati dai ricercatori italiani11
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1345/img-1.jpg
File image/jpeg, 408k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Erika Cellini e Roberto Fideli, « Gli indicatori di integrazione degli immigrati in Italia. Alcune riflessioni concettuali e di metodo »Quaderni di Sociologia, 28 | 2002, 60-84.

Notizia bibliografica digitale

Erika Cellini e Roberto Fideli, « Gli indicatori di integrazione degli immigrati in Italia. Alcune riflessioni concettuali e di metodo »Quaderni di Sociologia [Online], 28 | 2002, online dal 30 novembre 2015, consultato il 25 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1345; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1345

Torna su

Autori

Erika Cellini

Dipartimento di Scienza politica e Sociologia – Università di Firenze

Articoli dello stesso autore

Roberto Fideli

Dipartimento di Scienza politica e Sociologia – Università di Firenze

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search