Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri28note criticheLa valutazione tra arte e scienza

note critiche

La valutazione tra arte e scienza

Paolo Parra Saiani
p. 135-144

Testo integrale

Desidero ringraziare vivamente per le osservazioni ed i consigli ricevuti durante le varie fasi della stesura Alberto Baldissera, Claudio Bezzi, Guido Lazzarini, Alberto Marradi, Mauro Palumbo e Nicoletta Stame.

Give a small boy a hammer,
and he will find that everything he encounters needs pounding.
(Kaplan 1964, 28)

1. Note introduttive

  • 1 Seppure con alcune eccezioni: si veda ad esempio Boileau (1987).

1Negli ultimi anni si è manifestata in Italia una crescente attenzione nei confronti della valutazione. Le opere in tema già presenti nel panorama editoriale italiano si concentravano su alcuni aspetti specifici della pratica della valutazione, dando spesso per scontati i presupposti teorici di riferimento1, da rintracciare tra la copiosa letteratura straniera – prevalentemente statunitense.

  • 2 Uso il termine multidisciplinare nell’accezione proposta da Alessandro Bruschi (1999, 159-160), sec (...)

2Il processo di avvicinamento di studiosi afferenti a discipline diverse ad un tema multidisciplinare2 quale è la valutazione è passato attraverso numerosi convegni e pubblicazioni, che hanno favorito la divulgazione delle tematiche proprie della valutazione, senza però giungere ad un salto di qualità, ad un vera e propria diffusione di conoscenze comuni o – quanto meno – ad un linguaggio condiviso.

  • 3 Il 2000 vede la costituzione di una nuova collana dell’Associazione Italiana di Valutazione (Aiv) p (...)

3Tale lacuna sembra colmata – almeno in parte – da alcuni volumi recentemente pubblicati in Italia da autori da tempo impegnati in questo campo, che evidentemente hanno percepito l’assenza – o per lo meno la carenza – di una base di appoggio, di un humus concettuale e terminologico3.

2. Per una teoria della valutazione

  • 4 Col termine ‘approccio’ l’Autrice designa «un insieme di modelli diversi», distinguendolo pertanto (...)
  • 5 Ideale proseguimento della cronologia elaborata nel precedente volume del 1998; se la cronologia me (...)

4Mauro Palumbo, in Il processo di valutazione. Decidere, programmare, valutare (Milano, Franco Angeli, 2001) propone una riflessione generale sulla valutazione che affronti in modo critico i principali nodi concettuali e teorici, tentando di limitare gli ampi margini di ambiguità e di sovrapposizione tra termini diversi. L’opera di chiarificazione concettuale si apre con il primo capitolo, di Nicoletta Stame, che ordina i principali approcci4 alla valutazione in una tipologia5, e continua nel terzo capitolo, ove si propone una precisazione del concetto di valutazione, indicandone oggetto, finalità e procedure; con ‘valutazione’ si designa pertanto

un’attività cognitiva volta «a fornire un giudizio su un’azione (o complesso di azioni coordinate) intenzionalmente svolta o che si intende svolgere, destinata a produrre effetti esterni, che si fonda su attività di ricerca delle scienze sociali e che segue procedure rigorose e codificabili» (p. 59).

5Si rivendica l’autonomia della valutazione come scienza (p. 47), ricordando con Enzo Campelli che «per sapere scientifico si intende quello il cui procedere inferenziale è governato in misura significativa, seppure certamente tutt’altro che esaustiva, da specifiche regole, pubbliche e pubblicamente replicabili» (1999, 13). Il criterio suggerito da Campelli, infatti, rinvia alle «modalità di costruzione del discorso scientifico, piuttosto che a caratteristiche “oggettive”, e per così dire fattuali, degli asserti in cui tale discorso si sostanzia» (ivi, 14).

6Quanto distingue l’attività di valutazione come attività scientifica dalla normale espressione di un giudizio è il rigore e la codificabilità delle procedure: in ciò risiede uno dei passaggi fondamentali del volume, ovvero la questione dell’avalutatività nelle scienze sociali, già sollevata da Weber. Il giudizio che caratterizza la valutazione «deve essere fondato su criteri coerenti rispetto alle finalità, all’oggetto e al contesto e assegnato con procedure scientifiche o, quanto meno, che della scientificità rispettino i requisiti della pubblicità e della totale trasparenza, oltre che replicabilità e controllabilità empirica» (p. 64). Nella seconda delle due schede che concludono il capitolo l’Autore ripropone alcuni passi di Weber concernenti il tema dell’avalutatività, commentandole e traendone «indicazioni importanti circa le finalità e i tipi di valutazione» (p. 99), e in particolare per quanto concerne il processo decisionale. Il politico viene raffigurato racchiuso «nel doppio cerchio di fuoco delle conseguenze delle sue scelte e della loro coerenza (delle scelte in sé, dei risultati voluti e non voluti, dei mezzi utilizzati) con i valori» (p. 101).

  • 6 Che rielabora una definizione proposta da Schneider e Ingram (1990, 79).

7Sono poi approfonditi i nessi tra valutazione e processi decisionali; ripercorrendo sinteticamente le definizioni di ‘politica pubblica’ proposte in letteratura, l’Autore definisce le politiche pubbliche «come un insieme coordinato di azioni, ispirate da una o più finalità e indirizzate verso uno o più obiettivi (spesso in risposta a problemi o bisogni collettivi) di cui è titolare, in via diretta o indiretta, un soggetto pubblico» (p. 106). Per Palumbo6 le caratteristiche fondamentali delle politiche pubbliche sono i) un’azione intenzionale; ii) la titolarità riconducibile ad un soggetto pubblico; iii) la presenza di regole; iv) gli strumenti che forniscono motivazioni (positive o negative), ma soprattutto v) la presenza di una (o più) teoria causale che leghi le azioni degli attuatori ai comportamenti delle popolazioni obiettivo e questi ai risultati attesi (p. 106). È chiaro ed esplicito il parallelo con le scienze sociali, nelle quali rivestono un’importanza sostanziale lo studio della congruenza tra comportamento atteso ed effettivo, i “meccanismi” operanti all’interno dei programmi, i quali a loro volta richiamano l’importanza degli “effetti perversi”.

8Ampio spazio è dedicato agli scarsi, talvolta assenti, collegamenti tra programmazione e processi valutativi – difficoltà di comunicazione rafforzate dal sempre minore tasso di prevedibilità dei fenomeni sociali (p. 138). La principale causa della complessità specifica dei sistemi sociali è individuata «nella riflessività degli attori sociali, ovvero nel fatto che essi incorporano nella loro azione rappresentazioni dotate di senso delle ragioni e dei presumibili effetti dell’azione stessa […] e, in aggiunta, sviluppano riflessioni attorno agli esiti delle azioni svolte in precedenza e alla luce di tali riflessioni orientano il loro agire futuro» (p. 139).

9Il mancato o incompleto collegamento tra programmazione e processi valutativi può essere dovuto altresì alla pluralità di obiettivi riscontrabili, alcuni dei quali possono essere inespressi o addirittura inconsapevoli. Spesso le finalità ultime di un programma sociale sono di ordine politico, burocratico o finanziario, mascherate sotto forma di finalità sociali e rispondenti a indirizzi politico-sociali assai più ampi ed astratti di quelli che governano la sua formulazione e la sua attuazione. La valutazione della congruenza tra obiettivi e strumenti di intervento presenta pertanto alcune difficoltà legate alla necessità di individuare i veri obiettivi di ciascun intervento e, nel caso di più obiettivi, di definirne l’ordine d’importanza.

10L’esplicitazione della sfera motivazionale e dei criteri ad essa riconducibili permetterebbe l’emergere di considerazioni solitamente in ombra nell’ambito dei processi decisionali – gli “obiettivi latenti” – riportando la discussione sul confronto tra sistemi differenti di valore. Come affermava Max Weber, «nella discussione dei mezzi non soltanto appare che i vari individui hanno inteso qualcosa di completamente diverso sotto tale scopo che si supponeva preciso, ma in particolare risulta che proprio il medesimo scopo è voluto su basi ultime differenti, e che ciò influenza la discussione sui mezzi […] In ogni altro caso, che non sia puramente tecnico, la valutazione cessa di essere univoca, e si presentano delle valutazioni che non possono venir determinate su base puramente economica» (1917/1958, 358-359).

11Dopo aver descritto i modelli di analisi dei processi decisionali più diffusi in letteratura (della razionalità assoluta, processuale, incrementale, garbage can, mixed scanning), l’Autore opta per il modello a razionalità processuale, ritenuto il più adeguato a recepire i contributi positivi degli altri approcci così come degli sviluppi del dibattito sulla crisi della modernità e sul post-moderno. È anche il più utile sul versante della prefigurazione, ovvero «della possibilità e necessità di operare attraverso la definizione di scenari regionali e locali i quali, sintetizzando i dati strutturali e congiunturali, mettano in luce i vincoli e le opportunità derivanti dal contesto interno ed esterno in cui operano sistemi economici aperti» (pp. 167-168). Tale sentiero di riflessione si potrebbe definire, secondo Mauro Palumbo, «delle nuove frontiere della previsione in una società complessa e riflessiva»; esso porta a privilegiare procedure e tecniche di ricerca «che concepiscono l’informazione come atto di consapevole coproduzione del dato da parte di osservatore ed osservato» (p. 169). Sul piano della pratica valutativa, il rigore metodologico è coniugato alla tendenza a coinvolgere nella valutazione i soggetti valutati, tendenza ispirata ad un approccio metodologico post-positivista.

12Sulla base di un’impostazione già adottata dall’Autore in precedenti lavori, viene proposto uno schema di valutazione nel quale una politica è caratterizzata dall’individuazione di obiettivi da conseguire, dalla risposta a bisogni, questioni e problemi preesistenti, formulata sulla base di determinate finalità all’interno di una serie di vincoli e di competenze e consistente nell’impiego di una certa quantità di risorse attraverso un processo di attuazione (pp. 174-175). Ogni processo decisionale è dotato di quattro riferimenti principali, costituiti dall’asse bisogni-risorse da un lato e dall’asse finalità-vincoli dall’altro, con un chiaro riferimento allo schema Agil proposto da Talcott Parsons e rielaborato secondo un approccio relazionale da Pierpaolo Donati (1991).

13Particolare attenzione, infine, è volta alle connessioni con i processi decisionali pubblici, italiani e non – segnatamente europei. Nel capitolo conclusivo, il settimo, si considerano i tipi di valutazione in via di codificazione in ambito comunitario, affrontando alcuni problemi di particolare rilievo nella valutazione dei programmi comunitari e confrontandosi anche con la nuova disciplina dei Fondi Strutturali. Si criticano alcuni assunti che rendono incoerenti i criteri sottostanti ai processi valutativi.

3. Metodologia e valutazione

14La necessità di colmare una lacuna terminologica e concettuale induce anche Claudio Bezzi, in Il disegno della ricerca valutativa (Milano, Franco Angeli, 2001), a dedicare ampio spazio a chiarire le impostazioni di fondo che indirizzano la visione della valutazione, le «pietre miliari». Egli affronta pertanto la distinzione tra “valutazione” e “ricerca valutativa”, il problema dei valori e della responsabilità del valutatore verso gli interessi in campo, le conseguenze metodologiche dell’approccio ontologico complessivo. La tesi di fondo dell’Autore è che «occorre lavorare per coniugare l’intuizione costruttivista in merito alle realtà multiple, la costruzione sociale della realtà, gli effetti del contesto, etc., alla logica sistemica realista attenta ad affidabilità della ricerca valutativa e fedeltà dei suoi risultati, condizioni indispensabili per una valutazione efficace, credibile, e specialmente utilizzabile» (p. 94, nota 37).

15Il terzo capitolo è ancora dedicato all’approfondimento dei problemi concettuali; sulla base di una rilettura delle principali definizioni di valutazione presenti in letteratura, si giunge a proporre una definizione-guida, presentata non tanto come «una nuova definizione, quanto un assemblaggio dei migliori punti di vista, organizzati a scopi didattici» (p. 55). Per valutazione si intenderà

principalmente (ma non esclusivamente) un’attività di ricerca sociale applicata, realizzata, nell’ambito di un processo decisionale, in maniera integrata con le fasi di programmazione, progettazione e intervento, avente come scopo la riduzione della complessità decisionale attraverso l’analisi degli effetti indiretti ed indiretti, attesi e non attesi, voluti o non voluti, dell’azione, compresi quelli non riconducibili ad aspetti materiali; in questo contesto la valutazione assume il ruolo peculiare di strumento partecipato di giudizio su azioni socialmente rilevanti, accettandone necessariamente le conseguenze operative relative al rapporto fra decisori, operatori e beneficiari dell’azione (p. 55-56).

16Claudio Bezzi accosta la valutazione alla ricerca (p. 25) e sottolinea l’importanza del rigore metodologico, a partire dal processo definito ‘disegno della ricerca valutativa’, con ciò intendendo

il «disegno della ricerca sociale applicato alla valutazione, e quindi quell’insieme di riflessioni e procedure che conducono il valutatore a realizzare concretamente una ricerca valutativa a partire dal problema cognitivo iniziale che costituisce il suo mandato» (p. 175).

17Bezzi ricorda anche che il disegno della ricerca valutativa non differisce «nella sostanza, da quello tradizionale della ricerca sociale, ma include modalità riflessive e conseguenze operative che lo caratterizzano come peculiare, almeno nel procedere concreto» (p. 175). Nel corso del capitolo, pertanto, sono presentati molti aspetti dell’attività valutativa, dai disegni di ricerca veri e propri, all’illustrazione delle tappe del disegno valutativo, alla definizione degli obiettivi – e del compito – della valutazione, senza tuttavia trascurare gli aspetti organizzativi, quali la ricognizione delle risorse e dei vincoli, la gestione della ricerca (il management). Del disegno di ricerca si commentano alcune fasi fondamentali, quali la riduzione semantica dei concetti rilevanti, ovvero «il processo di scomposizione dal concetto agli indicatori» (p. 226), con alcune possibili applicazioni. Particolare attenzione è rivolta anche all’analisi dell’attività di ricerca, ovvero i) l’analisi del campo semantico dell’evaluando; ii) l’attribuzione di valori diversi agli indicatori; iii) la trasformazione delle due precedenti fasi in procedimenti di misurazione, conteggio e classificazione (p. 242).

  • 7 Il Quadro logico è una matrice che incrocia i diversi livelli del programma in questione con tre el (...)
  • 8 Su queste scale, si vedano Marradi (1993, § 5.2; 1998), Tusini (1998).
  • 9 Per autonomia semantica si intende «il grado in cui il termine o espressione che etichetta una moda (...)

18Il volume propone infine in modo volutamente schematico e sintetico i principali approcci e le tecniche più diffuse, dalla valutazione basata sui testi al ricorso a indicatori sociali e indici, all’indagine con questionario, dall’approccio sperimentale alla valutazione tramite interviste ermeneutiche, per arrivare al coinvolgimento degli esperti, al metodo Delphi, alla Nominal group technique ed altre che qui non si elencano. Una critica viene rivolta alla pratica della valutazione costruita attorno al Quadro logico7, che è sì un semplice «strumento cognitivo utile e interessante, ma che viene solitamente interpretato in forma piuttosto riduttiva» (p. 295) nell’ambito dei Fondi strutturali. Particolarmente interessante è la presentazione della Scala delle priorità obbligate (Spo), «tecnica basata sul giudizio di esperti che sfrutta il valore ordinale del giudizio espresso tramite scale autoancorate» (p. 372). La tecnica è un’elaborazione di scale autoancoranti8, particolarmente utile per stabilire non quanto vale ogni oggetto sottoposto a giudizio, ma in che ordine è collocabile: la bassa autonomia semantica9 del valore di posizione (ordinale) permette infatti di costruire la cornice valoriale alla quale ricorrere nella valutazione (p. 373).

  • 10 Ad esempio a p. 252 si parla di «misurazione degli indicatori».
  • 11 Come d’altronde riconosce lo stesso Autore quando afferma che «il concetto di misurazione è in ques (...)

19Nei confronti dell’ottimo volume di Claudio Bezzi, una sola critica: perché ostinarsi – coscientemente – ad impiegare il termine misurazione?10 Nonostante la nota esplicativa metta in guardia contro gli abusi del termine, «fortemente connotato da un’aura deterministica e positivistica» (p. 225, nota 25), e l’avvertenza di voler usare il termine «con un’estensione semantica del relativo concetto che lo priva di tale connotazione» (ibidem), si continua a proporre un termine dalle fortissime connotazioni scientiste11, quasi a rivendicare da parte della valutazione il proprio posto nel campo della scienza. Senza contare l’effetto «volano»: se in uno dei primi manuali dedicati alla valutazione e sicuramente tra i più influenti per il futuro (almeno così ci si augura) si introducono – pur tra riserve debitamente esplicitate – termini inappropriati, non si rischia di perpetuarne l’uso scorretto? «D’altronde», si dirà, «lo scrive “il” Bezzi!».

4. La tradizione e l’eredità statunitensi

20Il volume di Nicoletta Stame L’esperienza della valutazione (Roma, SEAM, 1998) tratta della valutazione delle politiche pubbliche, considerata un’operazione di ricerca teorica e di azione pratica di vasto respiro, tesa alla comprensione della via per migliorare i programmi sociali e il rendimento delle istituzioni sviluppando le capacità degli attori sociali.

21Per l’Autrice valutare significa

analizzare se un’azione intrapresa per uno scopo corrispondente ad un interesse collettivo abbia ottenuto gli effetti desiderati o altri, ed esprimere un giudizio sullo scostamento che normalmente si verifica, per proporre eventuali modifiche che tengano conto delle potenzialità manifestatesi. La valutazione è quindi un’attività di ricerca sociale al servizio dell’interesse pubblico, in vista di un processo decisionale consapevole: si valuta per sapere non solo se un’azione è stata conforme ad un programma esistente, ma anche se il programma è buono. Si tratta di un procedimento messo in moto da una domanda di valutazione da parte di un committente pubblico (e/o offerta di valutazione da parte del valutatore). Esso si articola in un disegno della valutazione […] e una ricerca empirica […]; e infine sfocia in una discussione dei risultati e una proposta al pubblico (p. 9).

22Obiettivo prefissato è ricostruire il percorso compiuto dalla valutazione attraverso l’esperienza statunitense, rendendo conto di come le diverse pratiche si siano affermate e sviluppate anche in relazione ai principali filoni teorici, identificati nel positivismo e nel pragmatismo (p. 33).

23Nicoletta Stame ricorda che la valutazione «si è imposta negli anni ’60 negli Stati Uniti come un’operazione di verifica e generalizzazione di esperimenti sociali innovativi come quelli della “Guerra alla povertà”» (p. 10). All’origine del suo successo si possono individuare da un lato il rapido sviluppo delle scienze sociali, dall’altro la pratica di governo basata sulla programmazione per obiettivi. Se si considera che il legislatore italiano non è mai stato lungimirante, al punto che l’espressione più adatta a definire le politiche italiane è «incrementalismo sconnesso», non ci si può stupire se la ricerca valutativa nostrana ha subìto tali ritardi, e se ci si trova ancora oggi – giustamente – a riproporre tematiche teoriche a discapito degli aspetti orientati alla pratica.

24Il capitolo iniziale mira ad individuare gli elementi costitutivi di una teoria della valutazione, soffermandosi su alcuni aspetti costitutivi che differenziano la valutazione da altri tipi di analisi, ovvero «l’azione che ne è oggetto, il tipo di ricerca che essa svolge, il giudizio che formula» (p. 15). Già Carol Weiss (1972, 6 e ss.) e James Coleman (1972, 3-4) richiamavano l’attenzione sulle differenze tra ricerca valutativa e altri tipi di ricerca, mentre Smith (1975, 296) tendeva a sottolinearne le somiglianze.

25Viste le finalità del volume, l’azione considerata è l’azione pubblica – programmata o meno – che si avvale di fondi messi a disposizione di beneficiari (p. 15). L’attività di ricerca che «dà corpo alla valutazione si caratterizza per il suo oggetto (il confronto tra l’azione svolta ed il suo programma) e per il suo scopo (il miglioramento della situazione)», con una particolare attenzione al rapporto che si viene a creare «tra i vari elementi che compongono, anche se implicitamente, un’azione (obiettivi, mezzi, risultati), per studiarne l’efficacia (produce gli effetti desiderati) e l’utilità (produce effetti che rispondono a problemi esistenti, in modo equo)» (p. 16). Si affronta quindi il parallelo tra azione e valutazione, un parallelo definito «sfasato» (p. 18), in quanto se la valutazione presuppone l’azione e il programma, tuttavia «si muove su un piano e con tempi autonomi» (p. 18); come affermava Carol Weiss (1972, 31), i decisori pubblici rispondono alle esigenze del ciclo economico (e politico, aggiungeremmo noi) piuttosto che a quelle del ciclo della ricerca, e vogliono risultati rapidi.

26Il quinto capitolo è dedicato alla «operazione chiamata valutazione»: si tenta di passare dalla teoria alla pratica, e si affrontano le domande della valutazione, i disegni di valutazione, il coinvolgimento delle risorse umane nel programma e nella sua valutazione. Concetti fondamentali sono anche qui causalità ed efficacia; si sottolinea che il compito del valutatore debba «tendere a capire per quali passaggi e mediazioni […] un programma dovrebbe dare un risultato» (p. 151). Quindi – richiamando Elster – riafferma la necessità di lavorare sui meccanismi.

5. Riflessioni conclusive

  • 12 D’altronde, come ricorda Mauro Palumbo (2001, 58), quanto ad «approcci rivali e allo scarso consens (...)

27Da quanto visto sinora, si può constatare come l’attività di valutazione e la relativa ricerca – non solo in Italia – stiano attraversando un periodo di consolidamento, un periodo nel quale sembra assestarsi un corpus di conoscenze condivise e nel quale si lotta per un’affermazione accademica e scientifica. Non è questa la sede per stabilire se la valutazione possa costituirsi come scienza autonoma, né se lo potrà, ma è chiara l’analogia con il dibattito epistemologico mai sopito nelle scienze sociali, con i richiami a Kuhn e alla necessità di riscontrare l’esistenza di un paradigma condiviso dalla comunità scientifica affinché si possa parlare di una “scienza matura”12.

  • 13 Il termine «triangolazione» è mutuato dalla pratica di stabilire l’esatta posizione di un dato ogge (...)

28Nel passato si è spesso constatata una polarizzazione tra valutatori che impiegano tecniche standard e valutatori che le rifiutano, associata ad una tensione ricorrente tra chi considerava la valutazione un processo di misurazione e chi la considerava un processo di interpretazione e costruzione della realtà. In tempi più recenti la valutazione è stata avvicinata da prospettive pluralistiche, fenomeno ben denotato dal termine triangolazione13 e dal tentativo di adottare gli approcci più appropriati al contesto in oggetto.

  • 14 Su tali aspetti, si veda Feyerabend (1975). L’espressione ‘valutazione come arte’ è stata ripresa a (...)
  • 15 È bene precisare che l’analogia di Davis è riferita al metodo dello scienziato.

29E qui ancora corre il parallelo tra valutazione e scienze sociali, con il richiamo alla necessità di adattare le tecniche della valutazione ai programmi da valutare, e quindi di impiegare la fantasia nel metodo di valutazione; d’altronde, l’essenziale del concetto di ‘metodo’ è «nella scelta delle tecniche da applicare, nella capacità di modificare tecniche esistenti adattandole ai propri specifici problemi, e di immaginarne delle nuove» (Marradi 1996, 83). In questo la valutazione – riprendendo la nota analogia di Feyerabend – è vicina all’arte14: «l’artista ha strumenti, idee, convinzioni, ha certe capacità tecniche, ha un occhio esercitato che vede il mondo in un certo modo, ha dinanzi a sé non solo le opere di scienziati, teologi, politici, e deve ora paragonare tutto ciò a un’istanza indipendente dall’operare dell’uomo, appunto “la realtà”» (1984, 122). E tuttavia l’analogia – seppure suggestiva – finisce qui. Anziché considerare la valutazione «un’arte i cui caratteri espliciti rivelano solo una parte esigua delle sue possibilità e alle cui regole non è mai consentito creare difficoltà insormontabili all’inventiva umana» (ivi, 7), ci piace pensare il processo valutativo come «l’architettura, in cui si può mostrare creatività lavorando con materiali grezzi caratterizzati da limitate proprietà ingegneristiche, e per committenti con bilanci vincolanti e obiettivi precisi»15 (Davis 1964, 267-268).

  • 16 Come ricorda Kaplan (1964, 29), «what is objectionable is not that some techniques are pushed to th (...)

30Se arte dev’essere, è l’arte della scelta delle tecniche, scelta libera da gabbie mentali e dalla pretesa di giudicare alcune tecniche più scientifiche di altre16. Come ricorda Bruschi, se la scelta della tecnologia «viene fatta prima di definire il problema, la relazione di complementarità del qualitativo e del quantitativo si trasforma in una di contraddittorietà: e lo strumento diviene un talismano salvifico» (1996, 253), un pretesto totemico per un «parrocchialismo metodologico» (Smith 1975, 272) straordinariamente simile alla legge dello strumento di Kaplan messa in epigrafe.

Torna su

Bibliografia

Bezzi C. (2001), Il disegno della ricerca valutativa, Milano, Franco Angeli.

Boileau A. M. (1987), Ricerca valutativa, in De Marchi F., Ellena A. e Cattarinussi B. (a cura di), Nuovo dizionario di sociologia, Milano, Ed. Paoline, pp. 1766-1782.

Bruschi A. (1996), La competenza metodologica. Logiche e strategie nella ricerca sociale, Roma, Carocci.

Id. (1999), Metodologia delle scienze sociali, Milano, Bruno Mondadori.

Campelli E. (1999), Da un luogo comune. Elementi di metodologia delle scienze sociali, Roma, Carocci.

Coleman J. S. (1972), Policy Research in Social Science, Morristown, General Learning Press.

Cronbach L. J. et al. (1980), Toward Reform of Program Evaluation, San Francisco, Jossey Bass.

Davis J. A. (1964), «Great Books and Small Groups»: an Informal History of a National Survey, in Hammond P. E. (a cura di), Sociologists at Work, New York, Basic Books.

Donati P. (1991), Teoria relazionale della società, Milano, FrancoAngeli.

Elster J. (1989), Nuts and Bolts for the Social Sciences, Cambridge, Cambridge University Press; trad. it. Come si studia la società, Bologna, Il Mulino, 1993.

Feyerabend P. K. (1975), Against Method. Outline of an Anarchistic Theory of Knowledge, London, New Left Books.

Id. (1984), Scienza come arte, Bari, Laterza.

Kaplan A. (1964), The Conduct of an Inquiry. Methodology for Behavioral Science, New York, Harper & Row.

Marradi A. (1980-81), Misurazione e scale: qualche riflessione e una proposta, «Quaderni di Sociologia», xxix, n. 4, pp. 595-639.

Id. (19843), Concetti e metodo per la ricerca sociale, Firenze, Giuntina.

Id. (1993), L’analisi monovariata, Milano, FrancoAngeli.

Id. (1996), Metodo come Arte, «Quaderni di Sociologia», xl, n. 10, pp. 71-92.

Id. (1998), Termometri con vincolo di ordinalità: il “gioco della torre” consente di aggirare la tendenza alla desiderabilità sociale?, «Sociologia e Ricerca Sociale», xix, n. 57, pp. 49-59.

Palumbo M. (1995), Indicatori e valutazione di efficacia delle policies, «Sociologia e Ricerca Sociale», n. 47-48, pp. 317-341.

Id. (2001), Il processo di valutazione. Decidere, programmare, valutare, Milano, Franco Angeli.

Parra Saiani P. (1999), Percorsi di formazione tra politiche attive del lavoro e politiche sociali, in Lazzarini G. e Cugno A. (a cura di), Sfide formative in uno scenario in transizione, Milano, FrancoAngeli, pp. 221-242.

Id. (2000), Quale valutazione per le politiche attive del lavoro, in Franchi M. e Palumbo M. (a cura di), La valutazione delle politiche del lavoro e della formazione, «Sociologia del lavoro», n. 77, pp. 89-102.

Id. (2001), Précarité de l’emploi et risques émergents. Vers une approche multidimensionnelle à l’évaluation des politiques sociales, Actes des Huitièmes Journées de Sociologie du Travail Marchés du travail et différentiations sociales. Approches comparatives, Aix-en-Provence, Laboratoire d’Economie et de Sociologie du Travail (Lest), pp. 143-151.

Id. (ics), Triangolazione e processi valutativi, «Rassegna Italiana di Valutazione».

Smith H. W. (1975), Strategies of Social Research. The Methodological Imagination, Englewood Cliffs, Prentice-Hall.

Stame N. (1998), L’esperienza della valutazione, Roma, Seam.

Id. (2001), Tre approcci principali alla valutazione: distinguere e combinare, in Palumbo M., Il processo di valutazione. Decidere, programmare, valutare, Milano, FrancoAngeli, pp. 21-46.

Tusini S. (1998), Fedeltà dei dati sugli atteggiamenti: un confronto fra tre versioni del termometro dei sentimenti, «Sociologia e Ricerca Sociale», xix, n. 57, pp. 60-73.

Weber M. (1917), Der Sinn der “Wertfreiheit” der soziologischen und ökonomischen Wissenschaften in Max Weber, Gesammelte Aufsätze zur Wissenschaftslehre, Tübingen, Mohr, 1922, 2a ed. a cura di J. Winckelmann, 1951; trad. it. Il significato della «avalutatività» delle scienze sociologiche e economiche, in Max Weber, Il metodo delle scienze storico-sociali, Torino, Einaudi, 1958, pp. 309-375.

Weiss C. H. (1972), Evaluation Research. Methods of Assessing Program Effectiveness, Englewood Cliffs, Prentice-Hall.

Torna su

Note

1 Seppure con alcune eccezioni: si veda ad esempio Boileau (1987).

2 Uso il termine multidisciplinare nell’accezione proposta da Alessandro Bruschi (1999, 159-160), secondo il quale l’interdisciplinarietà implica una trasformazione delle diverse discipline, un loro «prodotto», «tale da generare una nuova teoria», mentre con multidisciplinarietà si designa il ricorso a teorie di discipline diverse, «ma non per fonderle in teorie più generali, bensì per descrivere e spiegare meglio eventi specifici».

3 Il 2000 vede la costituzione di una nuova collana dell’Associazione Italiana di Valutazione (Aiv) presso l’editore Franco Angeli, nella quale sono apparsi alcuni volumi di grande rilievo teorico e che prevede la pubblicazione annuale dello “stato dell’arte” italiano. Oltre ai volumi di Mauro Palumbo e Claudio Bezzi considerati nella presente nota, sono apparsi, tra gli altri, Valutazione 2000. Esperienze e riflessioni, a cura di Mauro Palumbo, e Valutazione 2001. Lo sviluppo della valutazione in Italia, a cura di Nicoletta Stame.

4 Col termine ‘approccio’ l’Autrice designa «un insieme di modelli diversi», distinguendolo pertanto dal termine ‘paradigma’ (p. 25).

5 Ideale proseguimento della cronologia elaborata nel precedente volume del 1998; se la cronologia metteva «al centro dell’attenzione il rapporto tra valutazione e politica» (p. 22), assumendo una funzione prettamente speculativa, la tipologia qui elaborata ha una funzione più operativa e presenta i diversi approcci basandosi «sul modo in cui essi sono percepiti attualmente, al di là delle loro vicissitudini storiche» (p. 25); vedi infra.

6 Che rielabora una definizione proposta da Schneider e Ingram (1990, 79).

7 Il Quadro logico è una matrice che incrocia i diversi livelli del programma in questione con tre elementi di controllo gestionale strategici (Bezzi, 2001, 300).

8 Su queste scale, si vedano Marradi (1993, § 5.2; 1998), Tusini (1998).

9 Per autonomia semantica si intende «il grado in cui il termine o espressione che etichetta una modalità assume significato senza dover ricorrere alle etichette delle altre modalità o dell’intera variabile» (Marradi 1995, 34).

10 Ad esempio a p. 252 si parla di «misurazione degli indicatori».

11 Come d’altronde riconosce lo stesso Autore quando afferma che «il concetto di misurazione è in questo senso emblematico […] la misurazione diviene quasi un feticcio, una dichiarazione d’intenti, o forse semplicemente un tentativo di esorcizzare una realtà che, al contrario, è intrinsecamente sfuggente, poliedrica» (p. 68). Per una critica circostanziata degli usi ideologici di questo termine, si veda Marradi (1980-81).

12 D’altronde, come ricorda Mauro Palumbo (2001, 58), quanto ad «approcci rivali e allo scarso consenso in tema di tecniche e strategie di ricerca, […] la sociologia ne [è] afflitta fin dalla nascita, senza per questo rinunciare a proporsi come disciplina scientifica».

13 Il termine «triangolazione» è mutuato dalla pratica di stabilire l’esatta posizione di un dato oggetto partendo da più punti di osservazione: usare più di un punto di riferimento permetterebbe una maggiore accuratezza nel processo di rilevazione. Per ulteriori approfondimenti sul tema si veda Parra Saiani (ics).

14 Su tali aspetti, si veda Feyerabend (1975). L’espressione ‘valutazione come arte’ è stata ripresa anche da Cronbach et al. (1980) in un testo che ha ampiamente influenzato il dibattito dei valutatori. Per una rassegna ed un commento delle altre metafore si veda Stame (1998, cap. 4).

15 È bene precisare che l’analogia di Davis è riferita al metodo dello scienziato.

16 Come ricorda Kaplan (1964, 29), «what is objectionable is not that some techniques are pushed to the utmost, but that others, in consequence, are denied the name of science».

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Paolo Parra Saiani, « La valutazione tra arte e scienza »Quaderni di Sociologia, 28 | 2002, 135-144.

Notizia bibliografica digitale

Paolo Parra Saiani, « La valutazione tra arte e scienza »Quaderni di Sociologia [Online], 28 | 2002, online dal 30 novembre 2015, consultato il 26 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1348; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1348

Torna su

Autore

Paolo Parra Saiani

Centro Studi di Sociologia e Antropologia Economica – Facoltà di Economia e Management «Luigi Einaudi» – Università di Torino

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search