Navigazione – Mappa del sito
la società italiana / Usi alternativi della rete

Il potere dei codici: crittografia, cypherpunk e movimenti sociali

Luciano Paccagnella
p. 48-63

Testo integrale

1. Le insidie della comunicazione in rete

1Negli ultimi anni, il raggiungimento di una «massa critica» di utilizzatori di Internet ha dato una spinta fenomenale alla diffusione di questo nuovo mezzo di comunicazione, tanto che oggi gli indirizzi telematici appaiono un po’ ovunque: negli spot pubblicitari, sui biglietti da visita, nelle comunicazioni istituzionali. Possedere un recapito elettronico ed essere in grado di comunicare via computer è rapidamente diventato un requisito necessario per mantenere una rete completa di relazioni sociali. Questa diffusione accelerata della comunicazione mediata dal computer (cmc) apre il campo a urgenti riflessioni sulla natura, le possibilità e i rischi delle relazioni online (Paccagnella, 2000). Emergono chiaramente, a questo proposito, alcune istanze su cui prendono vita anche nuove forme di azione collettiva e nuovi embrioni di movimenti sociali, che presentano con particolare evidenza un salto qualitativo rispetto ai movimenti dell’era industriale. Propongo due esempi.

2L’Italia è stato uno dei primi paesi al mondo a permettere ai propri cittadini, nell’anno 2000, di presentare la dichiarazione dei redditi in forma completamente elettronica attraverso Internet. Chi si è avvalso di questa possibilità ha potuto compilare il modello Unico 2000 sul proprio personal computer, seguendo le istruzioni riportate direttamente dal programma e inviando infine il file compilato al Ministero delle Finanze utilizzando un comune browser web come Internet Explorer o Netscape Navigator. Un’operazione così importante e basilare come la definizione del rapporto fiscale tra il cittadino e lo Stato è quindi avvenuta interamente in forma di comunicazione mediata dal computer. In realtà è rimasto un solo passaggio al di fuori dei canali della cmc: la comunicazione del codice personale con il quale autenticare la dichiarazione. I contribuenti interessati hanno dovuto infatti registrarsi preventivamente presso il sito del Ministero e attendere l’invio tramite posta ordinaria (su carta, per intenderci) di un codice alfanumerico segreto, prima di poter inviare la dichiarazione. La necessità, ovviamente, era quella di riuscire in qualche modo a evitare le dichiarazioni false.

3Un’esigenza del tutto analoga, ma che coinvolge un numero ben più ampio di soggetti, costituisce uno dei maggiori ostacoli attuali allo sviluppo del commercio elettronico. Un contratto di acquisto stipulato via rete, infatti, indipendentemente dal suo importo e dalla sua importanza deve offrire almeno due garanzie: entrambi i contraenti devono poter essere certi delle rispettive identità (se Mario Rossi ordina l’acquisto di un libro via Internet, il venditore deve essere certo che l’ordine provenga effettivamente da tale acquirente); in secondo luogo, l’impegno contratto dalle parti deve essere non revocabile (dopo aver compiuto l’ordine, Mario Rossi non potrà più negare di avere effettivamente sottoscritto quel contratto di acquisto).

4Le soluzioni adottate finora per risolvere questo problema sono del tutto inadeguate e transitorie: quella adottata dal Ministero delle Finanze per Unico Online 2000 è scomoda e macchinosa, nulla più che un espediente di emergenza. La soluzione corrente nella maggior parte dei siti di commercio elettronico, a sua volta, non fa altro che aggirare il problema, basandosi su uno strumento di pagamento (la carta di credito) intrinsecamente del tutto insicuro. La transazione online tramite carta di credito, inoltre, non offre alcuna garanzia di non revocabilità: a testimonianza dell’avvenuto acquisto non esiste nemmeno la firma fisica dell’acquirente, necessaria invece negli acquisti con carta di credito offline nei normali negozi. Gli istituti di credito sono perfettamente consapevoli del problema e loro malgrado non esitano a rimborsare interamente, senza chiedere altre spiegazioni, tutti quei clienti che denunciano un addebito non riconosciuto sulla loro carta di credito riconducibile a un acquisto via Internet.

5A un livello più generale si tratta allora di certificare in modo accettabile l’identità di chi comunica in rete. Come vedremo, non sempre l’identità di cui essere certi deve coincidere con quella anagrafica. È necessario però, affinché in rete si possa sviluppare qualcosa di più di una relazione estemporanea, poter riconoscere la continuità nel tempo degli interlocutori con cui si comunica, siano essi partner commerciali, clienti, fornitori, colleghi di lavoro o semplici amici.

6Accanto a questo bisogno di riconoscimento dell’identità del proprio interlocutore esiste un secondo bisogno che per molti aspetti è correlato e speculare al primo: il bisogno di privacy. In quanto difesa della sfera privata individuale, il concetto di privacy (per il quale curiosamente continua a mancare un termine appropriato nella lingua italiana) è una delle grandi eredità dell’era moderna. È solo in epoca moderna, successivamente alla rivoluzione francese, che si afferma il concetto stesso di individuo come soggetto autonomo dalla società di cui è parte. Ora che la modernità sembra essere alle nostre spalle, la dimensione individuale raggiunge un’importanza mai avuta in passato. L’individuo si trova a compiere scelte e a sostenere responsabilità che prima non conosceva (Melucci, 1996a).

  • 1 È solo il caso di ricordare che il protocollo tcp/ip, la «lingua» di Internet, non prevede ancora a (...)

7Con la diffusione delle tecnologie digitali di gestione e trasmissione delle informazioni il bisogno di privacy si presenta rinnovato: copiare i dati contenuti su un disco fisso è estremamente facile ed economico. La comunicazione che transita in rete è a sua volta liberamente accessibile a occhi estranei1. Di buona parte della vita privata di un individuo viene tenuta traccia attraverso dispositivi digitali – pensiamo ai documenti contenuti nel nostro computer e alla corrispondenza email, ma anche a tutte quelle operazioni quotidiane cui non si fa quasi più caso: la spesa al supermercato con la fidelity card, i pagamenti dell’autostrada con le tessere prepagate, le conversazioni telefoniche, perfino il semplice passeggiare con un telefono cellulare appeso alla cintura, che ogni sei minuti provvede a comunicare la propria posizione alla cella più vicina (che a sua volta invia questi dati alla centrale di controllo, dove vengono archiviati).

8Su questo tema l’Italia si trova di nuovo, almeno apparentemente, all’avanguardia: la Legge 675 del 31 dicembre 1996, nota proprio come legge sulla privacy, indica la direzione in cui si stanno muovendo tutti i parlamenti europei. Tuttavia l’esperienza italiana mostra anche i limiti di una soluzione di questo tipo: per la maggior parte dei soggetti interessati (singoli cittadini, imprese, associazioni) la legge sulla privacy è sinonimo soprattutto di complicazioni burocratiche e di qualche firma in più. A essere inadeguato non è tanto il contenuto della legge, quanto piuttosto la logica stessa con cui è stato affrontato il problema: di fronte a un bisogno di riservatezza, per definizione riguardante i singoli soggetti (individuali o collettivi) si è risposto con l’appello a un’autorità centrale, lo Stato nazionale o il Garante. Il Grande Fratello rimane così fermamente nell’immaginario collettivo perché egli è proprio colui che si sottrae agli antiquati apparati legislativi nazionali: è la multinazionale, il gruppo di pressione, l’agenzia di controllo, ma anche il proprio datore di lavoro o il vicino di casa, dotati di strumenti e tecnologie (comprati via Internet per pochi dollari) praticamente invisibili e dunque difficilmente controllabili.

9Sulla base di una grande ambivalenza strutturale di fondo intrinseca della società dell’informazione si sviluppano conflitti inediti. Nelle prossime pagine presenterò gli elementi e gli attori principali di un’arena conflittuale specifica, che prende vita dall’espressione dei bisogni menzionati sopra. L’esposizione si inoltrerà anche in pochi, fondamentali dettagli tecnici, indispensabili per comprendere in modo accurato i termini della questione e tuttavia spesso del tutto ignorati da chi pensa che sia ancora possibile scindere la tecnica dalle sue conseguenze sociali. Proporrò alcune considerazioni di ordine teorico-generale nelle conclusioni.

2. La crittografia a chiave pubblica

10Prima di mostrare come il conflitto riveli nuovi schieramenti, nuovi attori e nuove forme di mobilitazione, è importante evidenziare lo stretto legame tra società, bisogni e tecnologia. Si tratta di un legame di tipo circolare: le scelte di sviluppo della società comportano una selezione delle direzioni intraprese dalla ricerca tecnologica, che affronta determinate questioni e non altre. A sua volta la tecnologia disponibile, allo stesso tempo risponde e determina alcuni dei bisogni dell’individuo, i quali retroagiscono anche sull’evoluzione dei costumi. Si tratta allora di non considerare la tecnologia come una forza indipendente ed estranea alla società che la produce, ma piuttosto come elemento di un sistema in equilibrio precario e dinamico. Le tecnologie microelettroniche, i personal computer e le reti telematiche, per esempio, costituiscono risposte alle esigenze precise di una società basata sull’informazione, ma ne costituiscono anche i presupposti indispensabili.

11È in questa ottica circolare che vanno analizzati anche gli strumenti che oggi la tecnologia mette a disposizione per soddisfare in modo specifico i bisogni di cui ho parlato più sopra. In particolare, il bisogno di riconoscimento dell’identità e il bisogno di privacy possono oggi essere soddisfatti in modo relativamente semplice ed efficace attraverso l’uso di strumenti di crittografia.

12La crittografia nasce come scienza di elaborazione delle informazioni ed è quindi uno degli strumenti più adatti a rispondere a molte delle esigenze attuali. Ma la crittografia è anche strettamente legata alla matematica e come tale è un’attività che ha impegnato l’uomo per quasi tutta la sua storia: si usa far risalire le prime tecniche crittografiche all’impero romano. L’ambito di sviluppo di queste tecniche, fin d’allora, è sempre stato quello militare: l’esigenza di Giulio Cesare era verosimilmente quella di inviare un messaggero con gli ordini destinati alle truppe situate alla periferia dell’impero, senza che questi ordini potessero essere letti dal nemico nel caso in cui il messaggero fosse stato catturato. L’esigenza si è mantenuta la stessa per i comandi delle truppe naziste e di quelle alleate durante la seconda guerra mondiale, in cui gli ordini venivano inviati attraverso le nuove tecnologie di radiotrasmissione, facilmente intercettabili. Si comprende allora l’estrema importanza strategica della supremazia in questo campo, capace – ancora oggi – di far vincere o perdere un conflitto bellico con conseguenze vitali per milioni di persone (De Landa, 1991; Winterbotham, 1974).

  • 2 Lo standard paneuropeo di telefonia mobile Gsm, contrariamente al vecchio standard etacs, prevede c (...)

13Alla luce di quanto detto a proposito del rapporto circolare tra società, bisogni e tecnologia, non è un caso che da pochi anni – dopo secoli di sviluppo e diffusione limitati a pochi specialisti – gli strumenti crittografici siano diventati accessibili a chiunque e abbiano accresciuto notevolmente la loro efficacia e il loro ambito di applicazione. La potenza di calcolo di un normale personal computer e il software disponibile permettono oggi di mantenere i dati digitali accessibili solo agli operatori legittimi. La crittografia sta entrando quindi in molti momenti della vita quotidiana: possiamo provvedere personalmente a proteggere i nostri messaggi email e gli archivi conservati sui dischi fissi dei nostri computer. Ma ci affidiamo, talvolta inconsapevolmente, a strumenti di crittografia anche ogni volta che utilizziamo un bancomat o parliamo con un telefono cellulare Gsm2.

  • 3 All’origine della generazione delle due chiavi vi è in genere una funzione matematica «non reversib (...)

14Inoltre, un grande balzo in avanti si è avuto negli ultimi due decenni con l’avvento delle applicazioni pratiche (rese possibili proprio grazie alla disponibilità di potenza di calcolo a basso costo) di un particolare tipo di crittografia, conosciuta come «crittografia a chiave pubblica» (o anche «crittografia a doppia chiave»). Contrariamente alla crittografia tradizionale, in cui la chiave (segreta) di codifica è la stessa necessaria in seguito per decodificare il messaggio, la crittografia a chiave pubblica prevede due chiavi distinte, collegate tra loro da una relazione matematica3 ma tali che dal possesso di una delle due chiavi non sia in alcun modo possibile ottenere anche l’altra. Ogni utente (singolo individuo, azienda, organizzazione) possiede quindi una chiave «pubblica» e una chiave «privata» (o «segreta»), entrambe uniche; la chiave pubblica potrà e dovrà essere diffusa liberamente e servirà a chiunque vorrà codificare un messaggio in modo tale che solo l’utente in possesso della corrispondente chiave privata potrà poi decodificare.

15Naturalmente non è possibile esporre qui nei dettagli i principi matematici su cui si basa tale tipo di crittografia, né le tecniche del suo utilizzo, per le quali esistono ormai numerosi testi specifici (per una trattazione accuratissima, semplice ed esauriente si veda Schneier, 1996 oppure, con un formato più divulgativo e in italiano, Giustozzi et al., 1999). Ciò che importa, piuttosto, sono le conseguenze pratiche e sociali della crittografia a chiave pubblica. Mi limiterò a elencarne due tra le più importanti.

16Anzitutto, la crittografia a chiave pubblica elimina il problema dello scambio della chiave segreta. La crittografia tradizionale prevede che i due interlocutori, o comunque tutti coloro che intendono poi accedere ai dati codificati, concordino e conoscano una chiave segreta di codifica/decodifica. Di solito ciò non costituisce un problema se questi soggetti possono incontrarsi di persona in un luogo sicuro ed esente da intercettazioni. Diventa al contrario un problema insormontabile se gli interlocutori vivono in luoghi fisici diversi, come spesso accade quando la comunicazione avviene attraverso la posta elettronica. In questo caso la chiave segreta dovrebbe essere trasmessa attraverso la rete, con il rischio di essere a sua volta intercettata vanificando tutto il sistema crittografico di cui deve essere garante. Con la crittografia a chiave pubblica non è più necessario che gli interlocutori condividano alcuna chiave segreta: sarà sufficiente lo scambio delle rispettive chiavi pubbliche, che possono essere intercettate da terze parti senza alcuna compromissione dei successivi messaggi codificati.

  • 4 Tutti i principali siti di commercio elettronico oggi presenti su Internet utilizzano il modulo ssl(...)

17Com’è comprensibile, si tratta di una tecnica particolarmente adatta a tutelare le comunicazioni a distanza – cioè una delle forme comunicative oggi sempre più importanti nelle relazioni amicali e professionali. Il suo campo di applicazione è ben più ampio della semplice corrispondenza tra amici: è grazie alla crittografia a chiave pubblica, per esempio, che è possibile pensare al commercio elettronico. In quale altro modo sarebbe possibile acquistare un bene via web da un sito collocato in un altro continente, inviando i dati (riservati) della nostra carta di credito con la certezza che questi non possano essere letti da occhi estranei lungo la strada?4

18Oltre a consentire la comunicazione senza lo scambio di una chiave segreta, la crittografia a chiave pubblica offre un’altra fondamentale applicazione: permette infatti la generazione di una firma elettronica che certifica la provenienza di un messaggio (ovviamente il messaggio può contenere qualsiasi tipo di informazione: può essere un documento, un ordine di acquisto, un software, eccetera). Nelle sue linee generali il procedimento è abbastanza semplice: il mittente utilizza la sua chiave segreta per generare un certificato relativo a un certo messaggio; tale certificato (la cosiddetta firma elettronica o firma digitale) è legato da relazioni matematiche sia alla chiave segreta del mittente, sia al contenuto del messaggio che viene firmato: un messaggio anche solo leggermente diverso (è sufficiente spostare una virgola) genererebbe un differente certificato. Tutto ciò è facilmente verificabile dal destinatario, che con il solo possesso della chiave pubblica del mittente (senza quindi aver bisogno di alcun codice segreto) è in grado di assicurarsi che: a) il messaggio che riceve assieme alla relativa firma elettronica proviene effettivamente da una determinata persona (o almeno da qualcuno che ha accesso a una determinata chiave segreta); b) il messaggio non è stato modificato in alcun modo dopo la firma del suo autore.

  • 5 Dopo aver risolto i problemi della riservatezza delle comunicazioni e della firma elettronica, all’ (...)

19È facile comprendere come una certificazione elettronica di questo tipo, quando implementata da software semplice e amichevole, risponda con praticità ed efficacia a esigenze già diffuse in tutti gli ambiti della vita sociale. Serve tra amici, per evitare gli scherzi dei burloni sempre presenti sulla rete; ma serve soprattutto per dare un peso ufficiale e una validità legale a tutte quelle procedure destinate a essere eseguite sempre più spesso online. Servirà nel prossimo futuro per firmare la dichiarazione dei redditi presentata per via telematica, così come per certificare le operazioni di voto elettronico e in generale qualsiasi tipo di rapporto tra il cittadino e i prossimi uffici telematici delle amministrazioni pubbliche. Ovviamente, sarà un altro elemento indispensabile per il definitivo affermarsi del commercio elettronico5 in quanto la firma digitale avrà valore di vincolo contrattuale.

20Ancora una volta, l’Italia è stato uno dei primi paesi a collocare in modo preciso la firma elettronica nel proprio ordinamento giuridico, attraverso la Legge 59 del 15 marzo 1997 (nota come legge Bassanini, dal nome del ministro proponente) e il successivo dpr 513 del 10 novembre 1997. Attualmente l’aipa (Autorità per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione) è al lavoro per indicare al Consiglio dei Ministri le norme regolamentari di attuazione della legge.

3. La crittografia vista «dal basso»

21Dunque disponiamo già della tecnologia necessaria per risolvere alcuni dei problemi specifici del commercio elettronico e dei rapporti telematici con le amministrazioni pubbliche. Ma, come spesso accade, la soluzione di alcuni problemi ne mette in luce di nuovi. È qui che si sviluppano i conflitti di cui ho parlato all’inizio e che intendo ora affrontare più esplicitamente.

22L’importanza estrema della crittografia nell’ambito militare e nell’ordine interno degli Stati ha da sempre spinto le istituzioni di controllo sociale a tentare di limitare la diffusione di questi strumenti. La forma giuridica in assoluto più famosa di tale tentativo è l’itar (International Traffic in Arms Regulations), un insieme di leggi entrate in vigore negli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale, con le quali il commercio e l’esportazione degli algoritmi di crittografia viene equiparato a quello delle armi da guerra. Molti altri paesi sia tra i regimi totalitari, sia tra le democrazie occidentali, prevedono leggi che limitano l’esportazione o anche solo l’utilizzo privato individuale di strumenti di crittografia, prevedendo di solito pene sorprendentemente severe per i trasgressori. Questi provvedimenti legislativi vengono giustificati dal fatto che gli strumenti di crittografia moderni sono eccezionalmente robusti e svolgono il loro compito «troppo» bene: nessuno, se non i legittimi destinatari, è in grado di violare il sistema e accedere ai dati codificati con questi strumenti. In questo modo viene sottratta allo Stato la possibilità di individuare e di difendersi da alcune forme di devianza. In altre parole il rischio è che la crittografia venga usata per comunicare da parte di nemici esterni (spie internazionali) e interni (criminalità organizzata), vanificando le normali operazioni di intercettazione usate dalle autorità investigative.

  • 6 A partire dai primi anni novanta l’Fbi statunitense si è ripetutamente scontrato con le compagnie t (...)
  • 7 È questa la proposta che ha suscitato grande clamore negli Stati Uniti (Gurak, 1997), ma è anche la (...)

23Si apre così una serie di dilemmi, finora solo parzialmente affrontati in sede pubblica. È ammissibile che lo Stato mantenga comunque una possibilità di controllo sulle comunicazioni private dei suoi cittadini, al limite anche rallentando lo sviluppo tecnologico pubblico?6 E in caso affermativo, naturalmente, chi controlla i controllori? Considerato che la crittografia non è altro che matematica applicata e che chiunque, potenzialmente, è in grado di programmare il proprio software crittografico, è possibile limitare la conoscenza disponibile ai cittadini con un provvedimento legislativo? Si può bloccare la diffusione di un software con gli stessi strumenti con cui si blocca l’esportazione di un carro armato? Come si deve giudicare la proposta di alcuni governi di dotare i cittadini di strumenti di crittografia «deboli», tali cioè che possano essere facilmente violati, all’occorrenza, dagli organi di polizia?7

24Si tratta evidentemente di questioni che, seppure legate alla semplice disponibilità di alcuni strumenti tecnologici, hanno un’enorme rilevanza sociale e politica. Dove le risposte date a tali questioni divergono, si sviluppa il terreno del conflitto. Ad un primo livello di azione questa conflittualità rimane non radicale, non mette in discussione il ruolo dello Stato, ma si limita a contestarne alcune scelte specifiche. Ad un secondo livello, invece, prendono forma dei veri e propri movimenti antagonisti che con forme e modalità di azione inedite si pongono al di fuori dei limiti di compatibilità del sistema (Melucci, 1991). Questo secondo livello di azione, e in particolare quello rappresentato dal movimento cypherpunk, verrà esaminato nel prossimo paragrafo. Per ora mi limito a segnalare alcuni fatti significativi, che ritengo siano buoni indicatori delle dimensioni empiriche assunte dai dilemmi a cui ho accennato.

  • 8 Il timore ricorrente in questi casi è che il software contenga delle backdoor, cioè delle funzioni (...)

25Come prima cosa, dopo aver chiarito i presupposti di base e l’importanza attuale delle tecniche crittografiche, è necessario citare la vicenda che negli ultimi anni ha catalizzato l’attenzione pubblica sui problemi degli algoritmi di crittografia e della loro diffusione. Mi riferisco alla storia del pgp. Il pgp (acronimo per Pretty Good Privacy) è un software di crittografia a chiave pubblica sviluppato a partire dai primi anni novanta. Alcune caratteristiche lo hanno reso famoso in tutto il mondo: è stato sviluppato in modo indipendente da una persona (l’americano Philip Zimmermann) che si è fin da subito avvalsa dell’aiuto di una folta schiera di collaboratori (consulenti, ricercatori, esperti di matematica e di codici crittografici) per perfezionare il software e per sviluppare le versioni successive. Il funzionamento interno del software è del tutto pubblico e trasparente: sono cioè disponibili i codici sorgenti che permettono di verificare le singole istruzioni che il programma impartisce all’hardware. Assente nei sistemi crittografici sostenuti dalle autorità governative e nella maggior parte dei prodotti commerciali disponibili sul mercato, la disponibilità dei sorgenti ha garantito al pgp una grande fiducia da parte dei suoi utilizzatori, sicuri di poter contare su un software privo di «trucchi»8. È stato infine distribuito attraverso la rete in modo libero e gratuito. L’insieme di queste caratteristiche ha generato una «massa critica» di utilizzatori che ne hanno fatto uno standard.

  • 9 Dopo aver fondato la pgp Inc., Zimmermann ha venduto la sua creazione a Network Associates, importa (...)

26Lo sviluppo del pgp si è però scontrato con le limitazioni imposte dal governo statunitense relative all’esportazione di crittografia robusta. Il pgp è stato infatti diffuso su tutto il pianeta attraverso i mille canali di Internet, anche all’insaputa e indipendentemente dalla volontà dichiarata del suo autore originario, che si è comunque visto accusare di aver attentato alla sicurezza nazionale. Philip Zimmermann ha subito per anni pressioni legali e disagi personali gravissimi di vario tipo. Per molti osservatori è divenuto addirittura il simbolo dell’inadeguatezza dello Stato nazionale di fronte alle nuove forme della società. Tuttavia Zimmermann non è un sovversivo: è un cittadino americano orgoglioso di essere tale e un ottimo esempio di imprenditore della new economy9. Una storia ancora più paradossale è toccata a Daniel Bernstein, professore di matematica all’Università di Berkeley in California, al quale è stato formalmente proibito di pubblicare su Internet i risultati delle sue ricerche su argomenti inerenti agli algoritmi di crittografia e che si è visto addirittura diffidare dal tenere alcune lezioni perché nella sua classe erano presenti degli studenti stranieri.

  • 10 Le leggi statunitensi sull’esportazione e l’uso della crittografia sono state rese meno restrittive (...)

27Casi come questi hanno sollevato un coro di proteste e si sono risolti con un riconoscimento pubblico dell’inattualità della legge e infine con la sua modifica10. Tuttavia, anche una volta che siano state corrette le anomalie più assurde ed evidenti, queste vicende testimoniano di problemi che non possono essere risolti con una semplice modifica delle procedure ma sono invece radicati nella struttura delle forme di governo attuali, anche se queste non vengono messe esplicitamente in discussione.

28Ulteriori segnali provengono dall’estensione delle forme di cooperazione che si stanno attuando attraverso le reti telematiche e dalle politiche con cui spesso vengono distribuiti i relativi prodotti. Il riferimento in questo caso è al free software movement, che indirizza anche lo sviluppo di buona parte del software di crittografia attuale a causa dei requisiti di base a cui questo deve rispondere per acquistare credibilità (trasparenza assoluta, pubblica disponibilità del codice sorgente, possibilità di peer reviewing e apertura a sviluppatori indipendenti). Il movimento per il free software nasce sulla base di alcune possibilità tecniche (gli strumenti di cooperazione in rete) e sostiene un particolare modello di sviluppo sociale (basato sulla condivisione della conoscenza e sull’adozione di standard aperti e non proprietari – si veda, in proposito, il contributo di Mariella Berra e Raffaele Meo in questo numero dei Quaderni di Sociologia), ma non si presenta come un movimento antagonista, nonostante alcuni dei suoi presupposti potrebbero facilmente spingerlo in questa direzione.

29Infine, a proposito dei risultati della cooperazione internazionale in rete applicata alla crittografia e del suo impatto sulle politiche governative, va riservato un cenno ad alcune iniziative pubbliche eclatanti avvenute negli ultimi anni, che hanno dimostrato la forza che può assumere l’azione collettiva organizzata con gli strumenti telematici. Queste iniziative hanno previsto la rottura, annunciata e avvenuta pubblicamente, di alcune chiavi di crittografia considerate sicure. In particolare, nel 1997 ha avuto luogo l’operazione des challenge: migliaia di utilizzatori di Internet hanno messo gratuitamente a disposizione la potenza di calcolo inutilizzata dei propri computer. Coordinati via rete e dotati di un apposito software client, hanno generato un gigantesco calcolatore virtuale distribuito, formato da oltre 70.000 computer messi assieme, che ha attaccato con successo in soli 96 giorni un messaggio codificato con des (Data Encryption Standard), lo standard federale ufficiale di crittografia che i servizi segreti statunitensi sostenevano essere impenetrabile.

30Analoghi episodi sono avvenuti ai danni di chiavi rsa (un algoritmo utilizzato anche in alcune versioni del pgp) di lunghezza ridotta. Il messaggio che si è voluto lanciare con queste azioni è che non si può essere utilizzatori passivi della tecnologia che ci viene proposta (messaggio, questo, comune a quello del movimento hacker) e che, nell’ambito delle scelte relative allo sviluppo tecnologico, non si può rinunciare a un ruolo critico e propositivo nei confronti dell’autorità pubblica. Tra le cose emerse in seguito a iniziative come il des challenge, va segnalata la convergenza di interessi tra soggetti tradizionalmente distanti tra loro: a rivendicare un allentamento del controllo nazionale sugli strumenti crittografici sono stati sia il movimento per i diritti civili (in nome della libertà dell’individuo), sia il mercato dell’Information Technology e più in generale tutto il mondo del commercio (in nome delle possibilità di tutela delle proprie informazioni e delle relazioni con l’estero).

4. Cypherpunk: un nuovo movimento sociale?

  • 11 Si aprirebbe qui un vasto e interessante campo di ricerca. Alcuni esempi di comportamenti devianti (...)

31A questo punto dovrebbe essere chiaro, dagli esempi riportati fin qui, che oggi si stanno delineando nuovi attori sociali con esigenze e interessi che attraversano su piani diversi i vecchi schieramenti della società industriale. Continuano a esistere le esigenze storiche degli stati nazionali, assieme a quelle dei nuovi organismi di controllo transnazionali. Entrambi sono impegnati nell’etichettamento (nel senso classico della labeling theory) di nuove categorie di devianze relative alla gestione della conoscenza e delle risorse immateriali11. Emergono tuttavia anche soggetti portatori di condotte difficili da collocare: hacker, programmatori di free software, imprenditori della new economy, attivisti per i diritti civili, soggetti politici radicali e antagonisti come alcuni (e solo alcuni) dei protagonisti delle proteste di piazza contro l’Organizzazione mondiale per il commercio (Ceri, 2000) o contro l’industria biotecnologica. A questi si aggiungono i vari organismi di autogoverno di Internet (fortemente motivati a mantenere la propria autonomia dalle istituzioni tradizionali) e naturalmente le nuove, enormi, multinazionali dell’informazione (telefonia, connettività, software, intrattenimento).

32Il tema della crittografia, che ho usato finora solo come esempio di cristallizzazione empirica di questioni più generali, si presta particolarmente bene a evidenziare il complesso intreccio di motivazioni e interessi nascosto dietro l’apparenza di un soggetto unitario. In particolare, una dettagliata analisi delle azioni di protesta condotte negli Stati Uniti alla fine degli anni novanta contro la proposta da parte del governo di uno standard di crittografia «debole» (il cosiddetto Clipper Chip) ha rivelato in chiave critica la frammentarietà degli attori, la superficialità e talvolta l’uso demagogico degli strumenti di comunicazione telematica da parte degli stessi attivisti (oltre che del governo), la contraddittorietà degli obiettivi, il ruolo egemonico di alcune lobbies (Gurak, 1997). Lo stesso carattere di eterogeneità dei soggetti dietro l’apparenza di un’azione collettiva unitaria lo si ritrova anche in altre analisi di movimenti legati alle nuove tecnologie (Formenti, 2000; Paccagnella, 2001) e costituisce più in generale uno degli elementi distintivi di tutti i «nuovi movimenti sociali» (Melucci, 1991, 1996b).

  • 12 «Movimento sociale» è un termine sociologico preciso, da non usare in senso vago. Per quanto mi rig (...)

33È necessaria quindi grande cautela nel cercare di individuare un movimento sociale dietro le occasioni di conflitto che ho descritto. La stessa nozione di «movimento sociale» può essere conservata solo a patto di intenderla in senso rigoroso12 ma non essenzialista: più che un attore, un movimento è un sistema di azione.

34Rimane da chiederci, allora, se nonostante tutto sia possibile riconoscere i tratti di un movimento sociale tra gli spazi di azione (mobilitazioni, proteste, promozione e scrittura di nuovo software, azioni di sensibilizzazione) legati alla gestione dei codici di crittografia nelle società complesse. Per tentare di rispondere a questa domanda ci si può rivolgere finalmente alle forme di conflittualità più radicali aperte su questo terreno. Qui incontriamo i cypherpunk.

35«Cypherpunk» è un termine nato all’inizio degli anni novanta che intendeva richiamarsi, con un pizzico di ironia, al più conosciuto movimento cyberpunk (Scelsi, 1990). Se i cyberpunk si proponevano come eredi dell’antagonismo radicale (punk) potenziati da un uso critico quanto massiccio delle nuove tecnologie (cyber), i cypherpunk sono portatori di una visione più specifica. Le nuove tecnologie a cui si riferiscono sono sì personal computer, reti telematiche, supporti di archiviazione digitali, canali comunicativi a larga banda, dispositivi microelettronici personali e così via, ma anche e soprattutto le nuove tecnologie crittografiche (cypher in inglese significa «cifrario» e il verbo to cypher significa «scrivere in cifra, crittografare»). Un termine equivalente a cypherpunk è cryptoanarchism. I recenti sviluppi della crittografia permettono infatti di immaginare, per il prossimo futuro, uno scenario sociale in cui non c’è più spazio per lo Stato nazionale, né per altre autorità territoriali. Si tratta di una prospettiva estrema, provocatoria, visionaria, presentata in alcuni celebri «manifesti» reperibili in rete13.

36La visione cypherpunk porta alle estreme conseguenze l’adozione diffusa di sistemi di crittografia a chiave pubblica, di firma elettronica e di denaro anonimo digitale, sommati all’orizzontalità e decentramento delle comunicazioni permesse dalle reti telematiche. Non si limita a reclamare un minore controllo statale sugli strumenti crittografici, ma ne programma esplicitamente la completa eliminazione attraverso alcuni passaggi fondamentali:

  • rifiuto dell’identità anagrafica: il nome anagrafico univoco e immutabile è necessario solo nei rapporti tra il cittadino e lo stato, non nei rapporti tra liberi individui, per i quali è sufficiente uno pseudonimo;

  • gestione delle chiavi pubbliche orizzontale e informale: se la chiave pubblica di un individuo diventa l’unica conferma della sua identità, si pone il problema di certificare l’autenticità delle chiavi. I cypherpunk propongono un sistema rizomatico basato su catene di firme reciproche, il contrario dell’Authority centrale prevista dalla recente legge italiana sulla firma elettronica e dai regolamenti di attuazione elaborati dall’aipa;

  • il denaro digitale e la fine dei sistemi fiscali nazionali: tutte le transazioni economiche possono avvenire attraverso la rete, tra attori anonimi da un punto di vista anagrafico (ma con una reputazione acquistata «sul campo» e certificata dalla propria chiave pubblica) e con una forma di denaro contante digitale (digi-cash). Questo comporta appunto il collasso del sistema fiscale, impossibilitato a tenere traccia delle transazioni effettuate;

  • inarrestabilità e irreversibilità dell’informazione: l’avvento di questo scenario non si può evitare. Così come lo Stato non è riuscito a fermare la diffusione del pgp, allo stesso modo la criptoanarchia è il nostro destino, che ci piaccia o no. Tanto vale attrezzarsi adeguatamente fin da subito.

  • 14 Allo stesso modo sono già attivi tutti gli altri strumenti che permetterebbero l’utopia criptoanarc (...)

37I cypherpunk sanno che si tratta di provocazioni, ma sono anche convinti che tali provocazioni non siano altro che l’interpretazione estremizzata di tensioni e possibilità già oggi perfettamente riconoscibili nella società dell’informazione. Il denaro contante (e quindi anonimo) digitale, per esempio, è già una realtà (Dorn, 1997), frenata per ora solo dalla diffidenza dei potenziali utilizzatori e dalla spada di Damocle della sua incerta posizione legale14.

38Pur «cugini» dei cyberpunk, i cypherpunk hanno dei legami meno diretti con le culture antagoniste degli anni settanta e ottanta. Politicamente si dichiarano anarchici, ma in alcuni casi il loro anarchismo assomiglia molto a una forma di liberismo economico assoluto, tanto che vengono spesso accostati ai portatori di un’altra visione politica molto diffusa negli ambienti hi-tech, l’anarcocapitalismo. Di fatto, il termine cypherpunk è stato coniato nell’ambito di un gruppo relativamente ristretto di persone, gran parte delle quali si conoscevano già fisicamente condividendo l’ambiente di lavoro e di vita nella baia di San Francisco. Nel 1993, il secondo numero della rivista californiana Wired (che si è rivelata poi uno dei maggiori successi editoriali degli ultimi anni) dedicò un fortunato articolo alle idee di questo gruppo (Levy, 1993) e lanciò definitivamente il termine «cypherpunk», che calamitò improvvisamente l’interesse degli utilizzatori di Internet di tutto il mondo.

  • 15 Ci si può iscrivere alla mailing list inviando un messaggio a majordomo@toad.com con il testo «subs (...)

39Oggi il termine designa sia il gruppo di persone originario (che continuano a organizzare incontri fisici periodici sulla costa californiana), sia l’attivissima e influente comunità virtuale radunata attorno alla lista di discussione omonima15 (che comprende anche il primo gruppo, così come decine di individui che vi partecipano da tutto il mondo), sia infine un movimento più generale che, coordinandosi attraverso le reti e facendo ampio uso di alta tecnologia, condivide e sostiene l’uso degli strumenti di crittografia per sottrarsi al controllo statale. Se il gruppo originario era formato soprattutto da professionisti dell’information technology e da animatori della new economy (di cui Wired è oggi diventata la rivista di riferimento), in Europa il recepimento delle istanze cypherpunk si è sovrapposto a una cultura politica libertaria più che liberale (come d’altra parte è avvenuto anche per le proposte hacker e cyberpunk).

40Il movimento cypherpunk possiede dei confini precisi (un certo atteggiamento verso la tecnologia e una visione politica antiautoritaria) che consentono ai suoi membri di riconoscersi e farsi riconoscere, è attraversato da reti di solidarietà (che si esprimono per esempio nella vasta collaborazione internazionale per lo sviluppo di nuovo software crittografico libero e gratuito) ed esprime un conflitto che, mettendo in discussione l’autorità dello Stato, investe la struttura del sistema in cui prende forma. Tuttavia rimane un movimento trasversale rispetto ai concetti tradizionali di «destra» e «sinistra», esprimendo in pieno quelle caratteristiche di frammentarietà, decentramento, ambivalenza che sono state descritte a proposito dei nuovi movimenti sociali.

5. Conclusioni

41Nelle pagine precedenti ho voluto presentare alcuni specifici nodi della società dell’informazione. Si tratta di questioni direttamente legate allo sviluppo tecnologico e agli strumenti oggi disponibili; sono questioni apparentemente circoscritte, nel senso che non sembrano ancora interessare personalmente la maggior parte della popolazione e richiamano alla mente scenari da fantascienza. In realtà, così come è accaduto negli ultimi cinque anni con l’avvento di Internet, sono convinto che entreranno a far parte delle nostre pratiche quotidiane con una velocità inaspettata. È necessario allora, in primo luogo, saper riconoscere i dilemmi etici e politici nascosti dietro i diversi modelli di diffusione e sviluppo degli strumenti di crittografia, per evitare che tali dilemmi siano affrontati per noi da un potere sempre meno visibile.

42In secondo luogo, ho voluto soffermarmi sul movimento cypherpunk senza darne una descrizione folkloristica, ma piuttosto tentando di evidenziarne alcuni aspetti che ne fanno un soggetto di azione completamente interno a una logica e una società post-materiali. Questi aspetti, tradotti in termini più generali, possono essere sintetizzati nei seguenti punti:

  • nella società dell’informazione il conflitto si esprime sempre più nell’elaborazione di codici alternativi a quelli dominanti (nel caso dei cypherpunk questa affermazione assume carattere letterale);

  • l’esercizio del potere, legato da sempre alla gestione della conoscenza, non assume più la forma di un limite alla diffusione di informazioni scarse, bensì quella del controllo a monte di un’informazione sovrabbondante (dal divieto di esportazione del pgp si è passati rapidamente alla preparazione di un terreno in cui solo alcuni tipi di crittografia saranno ufficialmente accettati);

  • la diffusione della conoscenza è un processo irreversibile: la nozione di responsabilità diventa il terreno di confronto tra l’individuo e la società (affidando alla responsabilità individuale l’uso potenzialmente antisociale degli strumenti di crittografia, i cypherpunk non compiono un generoso atto di fiducia nel genere umano, ma piuttosto indicano un punto di passaggio inevitabile);

  • lo stato-nazione cede di fronte alla planetarizzazione della società, che va considerata ormai come un unico sistema in cui il «centro» e la «periferia» cambiano a seconda del punto di osservazione e producono effetti a catena su tutti gli altri elementi del sistema (imporre norme nazionali sulla crittografia non ha più alcun senso e perfino gli Stati Uniti hanno dovuto adeguare la propria normativa a quella della maggior parte degli altri paesi).

43Dietro le loro sembianze esoteriche, cypherpunk e crittografia ci mostrano il volto di una società profondamente diversa da quella industriale, in cui il conflitto e i movimenti sociali non si muovono più in una direzione finalistica ma sono segnati da ambivalenze e contraddizioni. Al singolo individuo e alla collettività rimane il difficile compito di ricomporre queste contraddizioni e di trovare il proprio ruolo nel mutamento sociale.

Torna su

Bibliografia

Ho indicato solo pochi riferimenti principali reperibili su carta. Per quanto riguarda le questioni tecniche specifiche e i dettagli dei fatti di cronaca citati nell’articolo, rimando alla consultazione dei motori di ricerca in rete e all’immensa documentazione disponibile online.

 

Ceri P. (2000), A Seattle è nato un movimento globale, «il Mulino», 384, pp. 15-24.

De Landa M. (1991), War in the age of intelligent machines, Urzone; trad. it. La guerra nell’era delle macchine intelligenti, Milano, Feltrinelli, 1996.

Dorn J. A. (1997), The future of money in the information age, Cato Institute; trad. it. Il futuro della moneta, Milano, Feltrinelli, 1998.

Formenti C. (2000), Incantati dalla rete. Immaginari, utopie e conflitti nell’epoca di Internet, Milano, Raffaello Cortina.

Giustozzi C., Monti A. e Zimuel E. (1999), Segreti Spie Codici cifrati. Crittografia: la storia, le tecniche, gli aspetti giuridici, Milano, Apogeo.

Gurak L. (1997), Persuasion and Privacy in Cyberspace. The Online Protests over Lotus Marketplace and the Clipper Chip, New Haven, Yale University Press.

Levy S. (1993), Crypto rebels, «Wired», 1, 2, maggio-giugno.

Melucci A. (1991), L’invenzione del presente. Movimenti sociali nelle società complesse, Bologna, Il Mulino.

Id. (1996a), The playing self. Person and meaning in the planetary society, Cambridge, Cambridge University Press.

Id. (1996b), Challenging codes. Collective action in the information age, Cambridge, Cambridge University Press.

Paccagnella L. (2000), La comunicazione al computer. Sociologia delle reti telematiche, Bologna, il Mulino.

Id. (2001), Online Community Action: Perils and Possibilities, in C. Werry e M. Mowbray (a cura di), Online Communities: Commerce, Community Action, and the Virtual University, Englewood-Cliffs, Prentice Hall.

Scelsi R. (a cura di) (1990), Cyberpunk. Antologia di testi politici, Milano, ShaKe.

Schneier B. (1996), Applied Cryptography. Protocols, Algorithms, and Source Code in C, New York, Wiley.

Winterbotham F. (1974), The Ultra Secret, Balzac Limited; trad. it. Ultra secret. La macchina che decifrava i messaggi segreti dell’Asse, Milano, Mursia, 1976.

Torna su

Note

1 È solo il caso di ricordare che il protocollo tcp/ip, la «lingua» di Internet, non prevede ancora alcuna forma di protezione dei dati in transito attraverso i vari nodi, che possono quindi essere letti da chiunque abbia il controllo di almeno uno dei computer situati lungo il tragitto e sia dotato di un software di monitoraggio dei pacchetti.

2 Lo standard paneuropeo di telefonia mobile Gsm, contrariamente al vecchio standard etacs, prevede che la comunicazione tra il terminale mobile (il telefono) e la cella avvenga in forma codificata, impedendone l’intercettazione tramite i comuni scanner a radiofrequenza. Tuttavia pare, da studi accurati di ricercatori indipendenti, che l’algoritmo utilizzato (denominato a5) sia stato deliberatamente indebolito per consentire comunque l’intercettazione delle comunicazioni da parte delle forze dell’ordine. Questo fatto, sottratto finora al dibattito pubblico, si presterebbe a sollevare numerose considerazioni.

3 All’origine della generazione delle due chiavi vi è in genere una funzione matematica «non reversibile», cioè tale che sia agevolmente calcolabile in una direzione ma che l’operazione inversa, seppure teoricamente possibile, richieda un tempo di calcolo enormemente lungo (di solito nell’ordine di migliaia o milioni di anni di calcolo). Un esempio è la fattorizzazione del prodotto di due numeri primi con molte decine di cifre, alla base dell’algoritmo rsa, uno dei più diffusi algoritmi di crittografia a chiave pubblica.

4 Tutti i principali siti di commercio elettronico oggi presenti su Internet utilizzano il modulo ssl (Secure Socket Layer) per le transazioni sicure, che consiste in pratica nell’invio all’utente della chiave pubblica del sito, con la quale il browser dell’utente codificherà il messaggio contenente i dati sensibili. Tutto questo avviene in modo trasparente, cioè senza che l’utente debba rendersene conto.

5 Dopo aver risolto i problemi della riservatezza delle comunicazioni e della firma elettronica, all’e-commerce mancherà ancora un sistema di pagamento adeguato ai tempi. Sul superamento di quest’ultimo ostacolo si sta assistendo a una sfida tra proposte concorrenti. Nelle prossime pagine accennerò alla più radicale tra queste proposte: il contante digitale (digi-cash).

6 A partire dai primi anni novanta l’Fbi statunitense si è ripetutamente scontrato con le compagnie telefoniche (oltre che con le associazioni per i diritti civili) per i suoi tentativi di rallentare lo sviluppo digitale dell’infrastruttura telefonica nazionale. Il motivo ufficiale era proprio quello di non essersi ancora dotato di adeguate apparecchiature di intercettazione adatte alle nuove tecnologie.

7 È questa la proposta che ha suscitato grande clamore negli Stati Uniti (Gurak, 1997), ma è anche la direzione in cui stanno lavorando (con molto meno clamore) i Parlamenti europei. Lo stesso Garante italiano per la privacy si è più volte detto favorevole a una soluzione di questo tipo, che viene comunemente indicata con il nome di key escrow.

8 Il timore ricorrente in questi casi è che il software contenga delle backdoor, cioè delle funzioni non documentate che permettono, solo a chi le conosce, di violarne l’integrità.

9 Dopo aver fondato la pgp Inc., Zimmermann ha venduto la sua creazione a Network Associates, importante azienda che opera nel campo della sicurezza informatica e che oggi si occupa delle versioni commerciali del pgp e del loro supporto tecnico.

10 Le leggi statunitensi sull’esportazione e l’uso della crittografia sono state rese meno restrittive da una serie di provvedimenti recenti, tesi soprattutto a semplificare il commercio con l’estero delle aziende americane.

11 Si aprirebbe qui un vasto e interessante campo di ricerca. Alcuni esempi di comportamenti devianti relativi alla gestione delle informazioni che sono stati etichettati recentemente e sono divenuti reati a tutti gli effetti in alcuni paesi occidentali sono la condivisione delle informazioni (si veda il caso di Napster, software di file-sharing) e la trasformazione della forma in cui sono organizzate le informazioni che si detengono legittimamente (è il caso del reverse-engineering del software).

12 «Movimento sociale» è un termine sociologico preciso, da non usare in senso vago. Per quanto mi riguarda adotto per tale termine la definizione data da Alberto Melucci: «Un movimento sociale è un’azione collettiva il cui orientamento comporta solidarietà, manifesta un conflitto e implica la rottura dei limiti di compatibilità del sistema a cui l’azione si riferisce» (Melucci, 1991, p. 21).

13 In particolare A Cypherpunk’s Manifesto, di Eric Hughes, scritto nel 1993 (http://www.t0.or.at/crypto/crypmani.htm) e The Crypto Anarchist Manifesto, di Tim May, scritto nel 1988 (http://www.austinlinks.com/Crypto/crypto-anarchist.html).

14 Allo stesso modo sono già attivi tutti gli altri strumenti che permetterebbero l’utopia criptoanarchica: sistemi di invio di posta anonima (anonymous remailer e nym server), di navigazione anonima sul web (public proxy e web anonymizer), di gestione di siti e di indirizzamento anonimo (freenet, rewebber e onion routing), di dissimulazione dei dati codificati (steganografia).

15 Ci si può iscrivere alla mailing list inviando un messaggio a majordomo@toad.com con il testo «subscribe cypherpunks-unedited».

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Luciano Paccagnella, « Il potere dei codici: crittografia, cypherpunk e movimenti sociali », Quaderni di Sociologia, 23 | 2000, 48-63.

Notizia bibliografica digitale

Luciano Paccagnella, « Il potere dei codici: crittografia, cypherpunk e movimenti sociali », Quaderni di Sociologia [Online], 23 | 2000, online dal 30 novembre 2015, consultato il 17 octobre 2019. URL : http://journals.openedition.org/qds/1361 ; DOI : 10.4000/qds.1361

Torna su

Autore

Luciano Paccagnella

Dipartimento di Studi sociali e politici - Università Statale di Milano

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals