Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri21la società italiana / Protesta se...Presentazione

la società italiana / Protesta senza movimenti?

Presentazione

Mario Diani
p. 3-13

Testo integrale

Sono grato ad Alberto Baldissera per il suo incoraggiamento nelle varie fasi di questo lavoro, e per i suoi commenti su una versione preliminare di questa introduzione.

1Il titolo di questa sezione speciale ne riassume in un certo senso anche l’ipotesi di fondo: vale a dire, che l’Italia degli ultimi anni presenti una relazione tra protesta e movimenti tutt’altro che scontata. Della prima (che identifico con forme di azione collettiva non convenzionali e non istituzionali, volte a esercitare pressione dall’esterno sugli attori politici: della Porta e Diani, 1997, 193-197) abbiamo avuto in questo periodo molti esempi, su temi che vanno dall’ambiente all’ordine pubblico, dalla corruzione all’immigrazione alle tasse, senza dimenticare la persistente rilevanza di temi di conflitto più «tradizionali» come pensioni e welfare (si pensi alle iniziative sindacali contro il governo Berlusconi nel 1994). I secondi, invece, sembrano latitare, perlomeno se con questo termine si intendono delle reti sociali di organizzazioni e individui, cementate da specifiche solidarietà, in grado di elaborare interpretazioni del mondo che collochino i singoli eventi di protesta all’interno di progetti politici più ampi, dai confini spazio-temporali meno circoscritti, e in grado di operare distintamente dalla sfera elettorale (Diani, 1992).

2Molto è stato scritto in questi anni sulla crisi del sistema partitico italiano, sull’emergere di nuove formazioni politiche, sull’instabilità istituzionale – e più in generale sociale – che ne è derivata (tra molti altri: Biorcio, 1997; Diamanti, 1993; Mannheimer e Sani, 1994; Negri e Sciolla, 1996). Assai meno sappiamo di quanto è accaduto sul terreno della partecipazione politica di base, ed in particolare della protesta dei cittadini. A questi fenomeni ci si è infatti riferiti soprattutto per illustrare il rapporto tra protesta ed emergere di nuovi partiti, ovvero il potenziale contributo delle mobilitazioni dei cittadini alla rivitalizzazione delle organizzazioni politiche tradizionali. Molto si è detto inoltre – più o meno a proposito – sulla capacità supplettiva del volontariato, dal punto di vista dell’articolazione della domanda politica così come da quello dell’implementazione delle politiche pubbliche (per una discussione critica vedi Ranci, 1992).

  • 1 Si pensi ad esempio a come le posizioni che sottolineavano l’irriducibilità dei movimenti a categor (...)

3La sezione monografica di questo fascicolo integra i contributi appena menzionati proponendo uno sguardo «dal basso» alla partecipazione politica dei cittadini, con saggi di Marco Giugni sulle proteste ecopacifiste in prospettiva comparata, Massimiliano Andretta sull’azione collettiva a Palermo, Donatella della Porta sui conflitti intorno all’immigrazione, e Nicholas Dines sui centri sociali a Napoli. Senza pretese di generalizzazione, la lettura di quattro casi specifici offre utili spunti per chi intende guardare al caso italiano da un punto di vista di «democrazia populista» (Dalton, 1988). Non si tratta di opporre in maniera rigida la politica dei movimenti alla politica «istituzionale» dei partiti e dei gruppi di interesse, riproducendo le incomprensioni che hanno caratterizzato in passato il dialogo tra chi si pensava preconizzasse la scomparsa dei partiti e chi ne riaffermava caparbiamente la centralità1. Questa sezione può anzi essere letta come un tentativo di riorientare quel dibattito. Punto di partenza dei contributi qui presentati è infatti il riconoscimento della rilevanza della distinzione tra protesta e movimenti così come della complessa relazione tra partiti, ed altre organizzazioni di rappresentanza consolidate, e organizzazioni più recenti.

  • 2 In particolare Giugni (e per molti versi anche della Porta [1995]) condivide la visione di Tilly de (...)

4La realtà tuttavia è poco sensibile alle formule a effetto, e «Protesta senza movimenti?» non fa eccezione. I saggi qui raccolti suggeriscono un quadro più ricco e problematico di quello che una separazione troppo netta dei due termini potrebbe suggerire. La distinzione mi pare comunque un utile punto di partenza per tracciare un profilo della partecipazione politica «non ortodossa» nel nostro paese. Non è questa la sede per proporre una ricostruzione adeguata del concetto di movimento, un tema su cui tra l’altro gli autori dei lavori qui pubblicati hanno posizioni differenziate2. Conviene invece illustrare alcune delle ragioni per cui è opportuno riconoscere una distinzione tra protesta politica e movimenti.

  • 3 Questi elementi possono operare in modo differente a seconda delle risposte che i destinatari della (...)

5In primo luogo, ridurre i movimenti sociali a protesta politica senza ulteriori qualificazioni ci spinge a trattarli come aggregati di casi di protesta indipendenti tra loro. Diventa quindi secondario prestare attenzione ai fattori che possono stabilire connessioni tra i singoli episodi di protesta, rendendoli parte di una sfida collettiva più ampia, e sostenuta nel tempo. Questi fattori includono le organizzazioni in grado di promuovere e coordinare numerosi eventi di protesta, integrando così avvenimenti altrimenti isolati nel tempo e nello spazio; le reti personali di solidarietà e collaborazione tra i singoli attivisti; i modelli culturali che gli attori impegnati nei movimenti sono in grado di produrre, e le identità collettive che si sviluppano intorno a essi3. Tanto più l’interazione tra reticoli informali, organizzazioni, e produzione di simboli e identità consente agli attori di individuare convergenze e connessioni tra diversi eventi di protesta, tanto più possiamo parlare di movimenti. Le implicazioni di questo assunto sono sostanziali: cento (o mille, o diecimila) avvenimenti di protesta locale su temi ambientali assumono un significato affatto diverso se si tratta di risposte ad hoc a temi circoscritti, o se intorno a essi si mobilitano attivisti con solidi legami organizzativi extra-locali, organizzazioni con un ambito di azione più esteso, e/o se gli attori in essa impegnati si definiscono e sono percepiti come parte di uno sforzo collettivo più ampio.

6In secondo luogo, mentre molti degli studiosi dei movimenti si concentrano sulla loro dimensione politica, altri prestano maggiore attenzione alla loro dimensione culturale e simbolica (Melucci, 1982 e 1984). Non si tratta di opporre qui interpretazioni «politico-strutturaliste» a interpretazioni «culturaliste»; né semplicemente di riconoscere l’esistenza di movimenti che si concentrano prevalentemente sulla produzione di valori e stili di vita diversi, per cui la dimensione politica e pubblica dell’azione risulta marginale. Occorre invece confrontarsi con la crescente difficoltà di individuare il confine tra ciò che è politico e ciò che non lo è anche all’interno di azioni collettive che è comunque legittimo e utile analizzare anche come forme di protesta politica. L’esempio dell’ambientalismo è ancora una volta illuminante. Anche se è possibile interpretarlo come fenomeno politico, sarebbe difficile negarne la portata di innovazione culturale e la sfida che esso pone a modalità consolidate di interpretazione del rapporto uomo-natura.

7In sintesi, non tutta la protesta si traduce immediatamente in movimento, e non tutti i movimenti sono necessariamente ed esclusivamente manifestazioni di protesta politica. Riconoscere la natura problematica del nesso tra protesta politica e movimenti ci aiuta a mettere a fuoco alcune domande importanti per la comprensione degli sviluppi recenti nel nostro paese:

  • Quali sono le basi dell’identità degli attori impegnati nei conflitti attuali? La collocazione sociale e di status? La dimensione territoriale, etnica o di genere? I riferimenti valoriali? L’adozione di specifici stili di vita?

  • Quali forme organizzative garantiscono continuità alle diverse proteste, se di continuità è legittimo parlare? Si tratta di organismi largamente indipendenti e relativamente stabili nel tempo, di gruppi informali, di comitati ad hoc, o di organizzazioni istituzionalizzate come partiti o gruppi di interesse economico?

  • Qual è la forma e la composizione delle coalizioni alla base delle proteste recenti? Si tratta di soggetti prevalentemente associabili all’area politica e culturale della sinistra, per quanto vaga questa connotazione possa apparire in questo momento? O non è piuttosto possibile individuare un ricorso crescente alla protesta da parte di soggetti con un orientamento politico e culturale più eterogeneo? Più specificamente, è possibile registrare un crescente ricorso all’azione diretta da parte di individui e gruppi che si ricollegano più o meno direttamente all’area della destra?

  • Infine, è possibile registrare un’evoluzione nei repertori di azione collettiva, vale a dire, nelle forme che gli attori mobilitati utilizzano per sostenere le loro domande e/o attirare l’attenzione pubblica sulle loro posizioni?

8Si potrebbe dubitare dell’opportunità di affrontare questi interrogativi riferendosi in modo specifico agli «anni novanta». Un’espressione di questo tipo suggerisce in effetti una periodizzazione che, come sovente accade, può risultare arbitraria. Sembra tuttavia possibile muovere dall’ipotesi che l’azione collettiva in questo periodo differisca in alcuni tratti significativi dai periodi precedenti – senza essere per questo necessariamente «nuova». Se gli anni settanta erano stati caratterizzati da forte radicalizzazione delle forme dell’azione e forti livelli di partecipazione politica, gli anni ottanta presentavano un profilo differente, se non opposto. La fine della stagione dei movimenti aveva lasciato spazio a visioni dell’azione collettiva come impegno parziale e ad hoc, da rendere compatibile – anzi in molti casi da subordinare – al perseguimento di varie forme di «felicità privata» (Melucci, 1984). Protesta ve ne era certamente stata molta, dalle mobilitazioni contro i missili Cruise alle campagne anti-nucleari, alla Pantera. Aveva però assunto un carattere distintamente monotematico. Il movimento ecologista è la più evidente rappresentazione di questo orientamento: persegue obiettivi politici definiti seppur nel quadro di una filosofia globale; sottolinea il nesso tra impegno pubblico e trasformazione degli stili di vita, anche se con una debole componente controculturale esplicita (Diani, 1988). L’orientamento dominante è stato al riallineamento del sistema politico piuttosto che alla sua destrutturazione, coerentemente del resto con un clima che prestava scarsa attenzione all’impegno politico.

9Gli anni novanta sembrano presentare alcune differenze rilevanti rispetto ai modelli precedenti. In particolare, si accentua la scissione tra radicalizzazione e intensità della partecipazione – e della passione – politica. Se la seconda rimane in genere poco intensa, la radicalizzazione del conflitto politico è assai elevata, con forte peso di movimenti antisistema e di organizzazioni politiche, che mettono in discussione i confini dello stato (la Lega Nord) e/o la legittimità dell’intero sistema politico-istituzionale (Lega e Forza Italia). Si moltiplicano inoltre – come minimo, diventano più visibili – le mobilitazioni di vari gruppi sociali, in specie di ceto medio, contro le minacce al loro status derivanti da fenomeni «interni» (criminalità) o «esterni» (immigrazione). Va inoltre registrata la persistente vitalità dei centri sociali e la loro nuova visibilità, ad esempio a Milano, grazie al conflitto tra il Leoncavallo e l’amministrazione comunale leghista, o più di recente in Piemonte in occasione dei conflitti intorno all’alta velocità. La vitalità di un’area di dissenso politico radicale non pare riducibile a etichette come «il disagio giovanile» o a forme di manifestazione controculturale. Essa sembra piuttosto segnalare una continuità della politica antagonista che attinge direttamente agli anni settanta. Questi due punti emergono nitidamente dall’analisi di Dines, riportata in questo fascicolo: egli sottolinea in particolare l’inapplicabilità della categoria di «giovane» al fenomeno dei centri sociali. Nel complesso, nell’Italia degli anni novanta la definizione di identità collettive emerge di nuovo come problema centrale, mentre si moltiplicano i conflitti che investono nozioni fondamentali di cittadinanza e i relativi diritti.

  • 4 Le condizioni della corretta applicabilità di questo approccio, in particolare per quanto riguarda (...)

10Fin qui per quanto riguarda le ipotesi di partenza. Come si collocano gli specifici saggi rispetto a esse? E in quale misura le correggono o falsificano? Due degli studi presentati, di Marco Giugni e Massimiliano Andretta, utilizzano il metodo dell’analisi degli eventi di protesta (protest event analyis). Basato sull’esame sistematico dei resoconti dei giornali, questo approccio ha conosciuto di recente una notevole diffusione tra gli studiosi dell’azione collettiva. Esso permette infatti di osservare l’evoluzione nel tempo di fenomeni su cui è difficile reperire dati sistematici4. Marco Giugni ricostruisce l’evoluzione nel lungo periodo (1975-1995) delle mobilitazioni ecologiste, anti-nucleari e pacifiste, comparando il caso italiano con quello di paesi assai diversi quanto a cultura politica e assetto istituzionale, Svizzera e Stati Uniti. Massimiliano Andretta analizza invece le attività di protesta in un caso di grande rilevanza, anche se per molti versi atipico, come quello di Palermo tra il 1981 e il 1996.

11Donatella della Porta adotta un approccio storico-qualitativo per tracciare il profilo delle mobilitazioni dell’ultimo decennio intorno alla questione dell’immigrazione. Il suo contributo esplora in particolare l’intersezione tra azione autonoma dei cittadini, organizzazioni politiche tradizionali, e nuove associazioni di immigrati, intorno a questo specifico nucleo conflittuale. Pur non fondandosi, se non in minima parte, su dati quantitativi sistematici, il suo studio condivide con quelli di Giugni e Andretta il riferimento alla prospettiva teorica del «processo politico» e, più in generale, un approccio a cavallo tra la sociologia e la scienza politica. L’articolo di Nicholas Dines muove invece da premesse affatto differenti. Vicino ai cultural studies, Dines offre una ricca ricostruzione del fenomeno dei centri sociali a Napoli. Egli non si limita peraltro alla descrizione di una specifica esperienza locale; la pone invece in relazione a mobilitazioni analoghe in altre parti del paese, in particolare nel Nord. Dines sottolinea inoltre la persistente rilevanza dell’azione politica all’interno di esperienze che non sembra corretto liquidare come manifestazioni di controculture marginali.

12Nonostante la loro eterogeneità, questi contributi convergono su alcune indicazioni importanti. La prima riguarda la crescente rilevanza della dimensione locale dei conflitti. Da punti di vista diversi, tutti gli autori mostrano come l’azione collettiva sia difficilmente comprensibile senza un esplicito riconoscimento del fatto che essa si sviluppa in riferimento a specifiche realtà locali. Sul versante più direttamente politico, notano Andretta e della Porta, le caratteristiche della protesta diventano comprensibili soltanto guardando alla configurazione specifica delle opportunità politiche nelle aree oggetto di studio. Queste osservazioni non si applicano ai soli attori di orientamento riformista. Dines mostra come anche l’azione di chi assume posizioni esplicitamente anti-istituzionali finisca per essere condizionata dalle – e comprensibile in relazione alle – scelte politiche delle amministrazioni e del sistema politico locale. Occorre peraltro riconoscere anche l’importanza di fattori transnazionali o internazionali sulle forme dell’azione collettiva. Il saggio di della Porta offre un ottimo esempio dell’importanza di questo secondo elemento. Infine, Giugni mette in luce come il peso della dimensione locale nei conflitti vari a seconda del tipo di movimento, e sia particolarmente marcata nel caso dell’ecologismo, assai meno per quanto riguarda invece le mobilitazioni antinucleari o pacifiste.

13La dimensione locale non è però soltanto una fonte di risorse e opportunità – o di vincoli – politici e organizzativi. È anche una fonte di identità di primaria importanza. Nel riferimento al territorio, assai più che alla condizione giovanile, Dines individua ad esempio la principale fonte di identità dei centri sociali napoletani. È il territorio, e i rapporti sociali che in riferimento a esso si sviluppano, a definire il sentimento di appartenenza di chi si identifica con l’area «antagonista»; è il territorio, e in particolare il suo sfruttamento – o abbandono – a facilitare l’identificazione degli avversari dei centri sociali.

14Conflitti che hanno tra le loro poste anche, se non esclusivamente, il controllo del territorio sono alla base delle mobilitazioni di cui si occupano della Porta e Andretta. Per quanto diverse, criminalità e immigrazione sono infatti rappresentabili come altrettante «minacce» alla capacità dei cittadini di fruire di spazi pubblici vitali. Che tali rappresentazioni siano egualmente accettabili sul piano etico e politico è assai dubbio; che esse sottolineino ancora una volta la forte relazione tra azione collettiva e territorio è altrettanto inoppugnabile. Da questo punto di vista il caso palermitano è particolarmente significativo. Lo sviluppo di azioni coordinate tra il movimento antimafia e mobilitazioni su temi come l’ambiente o la condizione femminile è infatti facilitato da uno «schema interpretativo dominante» (Snow e Benford, 1992) incentrato sulle caratteristiche della società locale. Il riferimento a quest’ultima permette di associare il controllo mafioso del territorio alla devastazione ambientale e alla subordinazione della donna nella famiglia e nella società. Abbiamo qui un caso di movimento su temi di legge e ordine che però è vicino ai «nuovi» movimenti (nuovi in senso puramente denotativo) e che combina in maniera inusuale orientamenti materialisti e postmaterialisti.

  • 5 Non è il caso di proporre qui un modello astratto del rapporto tra forme organizzative e movimenti. (...)

15Senza specifiche strutture organizzative di supporto, la produzione simbolica e identitaria è tuttavia difficilmente sostenibile nel tempo. In particolare l’emergere di una specifica identità, e soprattutto il suo consolidamento, saranno facilitati, se non garantiti, dallo sviluppo di forme organizzative autonome5. A questo proposito i contributi qui presentati offrono indicazioni ambigue. In primo luogo non è chiaro in quale misura i conflitti degli ultimi anni abbiano generato organizzazioni autonome, dotate di una distinta capacità di azione. Della Porta osserva come gli attori principali del fronte pro-immigrati nei conflitti intorno all’immigrazione siano stati organizzazioni politiche tradizionali (partiti, sindacati, o associazioni di volontariato) mentre le associazioni di immigrati hanno giocato un ruolo meno rilevante. Le stesse organizzazioni avrebbero garantito la continuità delle mobilitazioni nel tempo. In questo caso saremmo di fronte a mobilitazioni sostenute nel tempo, ma con una modesta capacità da parte dei diretti interessati di sviluppare una struttura organizzativa ed una identità autonoma. Sembra inoltre difficile collocare le mobilitazioni anti-immigrati in un progetto politico più ampio. Esse si caratterizzano infatti per la loro base strettamente locale e per l’essere promosse da comitati spontanei, restii ad accettare una tutela politica da parte di formazioni come la Lega Nord o An. Se il fronte pro-immigrati suggerisce una dinamica «da istituzione (piuttosto che da movimento) a istituzione», il fronte anti-immigrati richiama invece un processo «da protesta (locale) a protesta».

16Il caso palermitano sembra presentare maggiore innovazione organizzativa. Andretta mostra infatti come nella fase conclusiva del periodo da lui analizzato (dalla fine degli anni ottanta al 1996) le organizzazioni istituzionali della sinistra vengano in parte sostituite nelle attività di protesta da organizzazioni la cui identità si definisce in specifico riferimento a iniziative antimafia, ambientaliste, femministe, ecc. Questo mutamento nel profilo organizzativo della protesta potrebbe essere dovuto al successo elettorale del centro-sinistra a Palermo nel 1993, e alla maggiore moderazione che eventi del genere solitamente inducono nelle organizzazioni di sinistra. D’altro canto, il fatto che la Rete fosse un’espressione del movimento antimafia piuttosto che della sinistra storica suggerisce che il nesso tra successo elettorale e smobilitazione potrebbe essere, nel caso palermitano, più incerto.

17L’esperienza dei centri sociali sembra essere quella che più si avvicina a un modello di movimento in quanto rete di organizzazioni dotate di una specifica identità e, in particolare, di movimento basato su strutture partecipative e di massa (Diani e Donati, 1998). La forte polemica con la politica istituzionale facilita l’emergere di tale identità. Al tempo stesso la presenza di forme di coordinamento nazionali garantisce un minimo di integrazione organizzativa tra i diversi centri, senza peraltro minarne l’autonomia di azione. Il profilo dell’area dei centri sociali tracciato da Dines ne sottolinea in effetti l’elevata segmentazione. Questa ha sia radici nazionali, come nel caso della polemica tra i centri sociali del Nord-est, o il Leoncavallo di Milano, e quelli del Sud circa l’opportunità di collaborazioni strumentali con le istituzioni; ma ha anche radici locali, vista la reticenza dei centri napoletani a promuovere iniziative comuni.

18L’evidenza disponibile suggerisce allora che in alcuni casi (mobilitazioni anti-immigrati) le proteste sembrano scarsamente coordinate tra loro (anche se non si può trascurare il ruolo dei partiti di centro-destra nel garantire un referente politico alle proteste locali, il loro coinvolgimento diretto nelle mobilitazioni sembra nel migliore dei casi variabile). In altri casi (mobilitazioni pro-immigrati) il ruolo di coordinamento sembra essere prevalentemente assunto da organizzazioni istituzionalizzate della sinistra e del solidarismo cattolico. In altri casi ancora (le mobilitazioni a Palermo) la continuità delle iniziative sembra garantita almeno in parte da organizzazioni autonome, legate in particolare al movimento antimafia. Tra le esperienze di azione collettiva analizzate, l’unica dotata di identità e di forme organizzative autonome e forti è quella dei centri sociali.

19Sintetizzando, un modello organizzativo ad hoc, a bassa identità e bassa continuità nel tempo, sembra dominante in mobilitazioni di tipo reattivo come quelle anti-immigrati. Forme organizzative continuative nel tempo, ma dipendenti in larga misura dal supporto di organizzazioni istituzionali consolidate, sembrano caratterizzare le proteste intorno a progetti di tipo riformatore, come quelle pro-immigrati o quelle antimafia. Forme di tipo controculturale con una modesta capacità di coordinamento centrale ma una forte identità specifica sembrano invece associabili a forme di azione antagonista. Quello che manca da questo quadro è un modello organizzativo autonomo e specifico, in grado di legare proteste eterogenee in un progetto politico di lunga durata, e di costruire intorno a esso una identità peculiare. Sembrano per il momento mancare dalla scena organizzazioni in grado di promuovere campagne distinte su scala nazionale su temi come immigrazione o criminalità; in grado cioè di assumere il ruolo giocato dalle organizzazioni extraparlamentari nei movimenti dei primi anni settanta, o da gruppi come Legambiente o il wwf nelle mobilitazioni ecologiste degli ultimi vent’anni. Come Giugni suggerisce, tuttavia, la presenza di organizzazioni non caratterizza soltanto i conflitti ambientali in Italia, ma anche quelli in Svizzera o negli Stati Uniti: né i conflitti pacifisti ne’ quelli antinucleari sembrano avere attratto (ovvero, in molti casi, generato) organizzazioni di rilievo paragonabile a quelle ambientaliste.

20Un altro tema importante riguarda la composizione sociale e gli orientamenti degli attori impegnati nella protesta. Uno dei tratti distintivi della politica nell’Italia degli anni novanta sembra essere la crescente propensione della destra a ricorrere alla protesta, un tema sovente trascurato da chi si occupa di azione collettiva nel nostro paese (vedi però Baldissera, 1988). Il caso dell’immigrazione in particolare – ma ve ne sono altri, purtroppo non esaminati dalle analisi qui presentate, come la protesta fiscale o quella promossa dai comitati di quartiere su questioni di ordine pubblico – suggerisce la diffusione di un repertorio di azione diretta, tradizionalmente proprio dei movimenti di sinistra, «storica» e «nuova», a settori sociali tendenzialmente estranei, e spesso ostili, a quella cultura politica. Siamo di fronte in particolare a mobilitazioni promosse da strutture organizzative flessibili come i comitati locali, che spesso intrattengono un rapporto con i partiti di destra, pur badando a conservare un’ampia autonomia da questi ultimi.

21Sarebbe naturalmente improprio, e il saggio di della Porta lo sottolinea, connotare tutte le mobilitazioni anti-immigrati come dominate da attori con orientamenti ideologici di destra. Si tratta però di azioni collettive che coinvolgono massicciamente – e con una visibilità non raggiunta nel recente passato – soggetti di ceto medio e di orientamento politico moderato, in linea di principio ostili alla protesta politica esplicita, e restii a farvi ricorso. La mobilitazione diretta della destra sembra incoraggiata dalla colorazione politica opposta di molte delle amministrazioni locali – nonché, a partire dal 1996, del governo centrale. Laddove invece il profilo del principale destinatario della protesta è fortemente identificato con la destra – come a Palermo sino ai primi anni novanta – l’orientamento politico degli attori mobilitati è ancora, nota Andretta, marcatamente di sinistra.

22I casi qui presentati suggeriscono allora un profilo dell’azione collettiva in Italia come caratterizzata da un forte ancoraggio (politico-organizzativo e simbolico) nelle diverse realtà locali; un forte ruolo giocato nella sua promozione da organizzazioni politiche tradizionali; un basso grado di autonomia organizzativa se non intorno a mobilitazioni circoscritte e di tipo reattivo, con l’eccezione dell’ambientalismo e, su basi affatto diverse, dei centri sociali; un profilo sociale e politico degli attori impegnati nella protesta più differenziato rispetto agli anni settanta o ottanta, con una presenza visibile e significativa della destra. Le indicazioni di questo fascicolo non si prestano ovviamente a generalizzazioni indebite: suggeriscono tuttavia alcune ipotesi di lettura della realtà italiana che sarebbe opportuno controllare in maniera più sistematica.

Torna su

Bibliografia

Baldissera A. (1988), La svolta dei quarantamila. Dai quadri Fiat ai Cobas, Milano, Edizioni di Comunità.

Biorcio R. (1997), La Padania promessa. La storia, le idee e la logica d’azione della Lega Nord, Milano, il Saggiatore.

Dalton R. (1988), Citizen Politics in Western Democracies, Chatham, nj, Chatham House.

della Porta D. (1995), Social Movements, Political Violence, and the State, Cambridge, Cambridge University Press.

della Porta D. e Diani M. (1997), I movimenti sociali, Roma, nis/Carocci.

Diamanti I. (1993), La Lega. Geografia, storia e sociologia di un nuovo soggetto politico, Roma, Donzelli.

Diani M. (1988), Isole nell’arcipelago. Il movimento ecologista in Italia, Bologna, il Mulino.

Id. (1992), The Concept of Social Movement, «Sociological Review», xl, pp. 1-25.

Diani M. e Donati P. (1998), Mutamenti organizzativi nei movimenti ambientalisti europei. Un modello di analisi, «Quaderni di scienza politica», v, pp. 377-406.

Fillieule O. (1997), Strategies de la Rue, Paris, Presses de la fnsp.

Giugni M., McAdam, D. e Tilly C. (a cura di) (1998), From Contention to Democracy, Lanham, MD, Rowman e Littlefield.

Hug S. e Wisler D. (1998), Correcting for Selection Bias in Social Movement Research, «Mobilization», iii, pp. 141-61.

Kriesi H., Koopmans R., Duyvendak J.W., e Giugni M. (1995), New Social Movements in Western Europe, Minneapolis/Londra, University of Minnesota Press/ucl Press.

Mannheimer R. e Sani G. (1994), La rivoluzione elettorale. L’Italia tra la prima e la seconda Repubblica, Milano, Anabasi.

Melucci A. (1982), L’invenzione del presente. Movimenti, identità, bisogni individuali, Bologna, il Mulino.

Id. (a cura di) (1984), Altri codici. Aree di movimento nella metropoli, Bologna, il Mulino.

Negri N. e Sciolla L. (a cura di) (1996), Il paese dei paradossi. Le basi sociali della politica in Italia, Roma, nis/Carocci.

Pasquino G. (1986). Partecipazione politica, gruppi e movimenti, in Pasquino G. (a cura di) Manuale di scienza della politica, Bologna, il Mulino.

Ranci C. (1992), La mobilitazione dell’altruismo. Condizioni e processi di diffusione dell’azione volontaria in Italia, «Polis», vi, pp. 467-505.

Rucht D., Koopmans R. e Neidhardt, F. (a cura di) (1998), Acts of Dissent, Berlino, Sigma.

Snow, D.A. e Benford R.D. (1992), Master Frames and Cycles of Protest, in Morris A. e Mueller C. (a cura di), Frontiers in Social Movement Theory, New Haven, Yale University Press.

Tarrow S. (1989), Democracy and Disorder. Protest and Politics in Italy 1965-1975. Oxford, Clarendon Press (trad. it. Democrazia e disordine, Laterza, Bari, 1990).

Id. (1998), Power In Movement. Social Movements, Collective Action And Politics (2a edizione), New York/Cambridge, Cambridge University Press.

Tilly C. (1994), Social Movements as Historically Specific Clusters of Political Performances, «Berkeley Journal of Sociology», xxxviii, pp. 1-30.

Torna su

Note

1 Si pensi ad esempio a come le posizioni che sottolineavano l’irriducibilità dei movimenti a categorie politiche, senza negare però la rilevanza di quest’ultime (Melucci, 1982), siano state considerate un attacco all’idea stessa di un ruolo dei partiti e della mediazione politica nella società postindustriale (Pasquino, 1986, 223-224).

2 In particolare Giugni (e per molti versi anche della Porta [1995]) condivide la visione di Tilly dei movimenti come «sfida sostenuta ai detentori del potere in nome di una popolazione vivente sotto la loro giurisdizione, condotta attraverso azioni ripetute che sottolineano la consistenza, il valore, l’unità, e il supporto di quella popolazione per la causa» (Tilly, 1994, 7). Personalmente preferisco pensare ai movimenti come reticoli sociali, consistenti di individui e gruppi, legati da identità specifiche intorno a forme di azione collettiva conflittuale (Diani, 1992).

3 Questi elementi possono operare in modo differente a seconda delle risposte che i destinatari della protesta e le istituzioni forniscono all’azione collettiva (Tarrow, 1998; della Porta, 1995; Giugni, McAdam, e Tilly, 1998).

4 Le condizioni della corretta applicabilità di questo approccio, in particolare per quanto riguarda la validità e l’affidabilità dei dati, sono state di recente oggetto di un ampio dibattito, a cui rinvio (Kriesi, Koopmans, Duyvendak, e Giugni, 1995, 253-273; Hug e Wisler, 1998; Fillieule, 1997; Rucht, Koopmans, e Neidhardt, 1998).

5 Non è il caso di proporre qui un modello astratto del rapporto tra forme organizzative e movimenti. Tuttavia, esperienze come quelle del movimento per la pace degli anni ottanta suggeriscono che l’assenza di infrastrutture organizzative autonome rende più difficile il consolidamento di una specifica identità e capacità di azione.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Mario Diani, « Presentazione »Quaderni di Sociologia, 21 | 1999, 3-13.

Notizia bibliografica digitale

Mario Diani, « Presentazione »Quaderni di Sociologia [Online], 21 | 1999, online dal 30 novembre 2015, consultato il 24 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1397; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1397

Torna su

Autore

Mario Diani

Department of Government - University of Strathclyde (Glasgow)

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search