Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri21la società italiana / Protesta se...Immigrazione e protesta

la società italiana / Protesta senza movimenti?

Immigrazione e protesta

Donatella della Porta
p. 14-44

Testo integrale

Una prima stesura di questo articolo è stata presentata alla conferenza su «The Impact of Increased Economic Integration on Italy and the Rest of Europe», organizzata da Sam Barnes e Miriam Golden alla Georgetown University, Washington d.c., nella primavera del 1999. Desidero ringraziare loro e gli altri partecipanti alla conferenza per gli utili stimoli e commenti.

1Milano, 16 gennaio 1999. I partiti del Polo organizzano a Milano una manifestazione contro il crimine. Alleanza Nazionale e Forza Italia accusano il governo di debolezza nei confronti di criminalitè e immigrazione clandestina e domandano maggiori poteri per polizia e sindaci, citando a modello Rudolph Giuliani. Il sindaco di Milano partecipa al corteo. Nello stesso giorno e nella stessa città, il governatore della Banca d’Italia Antonio Fazio, nel suo discorso di ringraziamento per la laurea in economia ricevuta honoris causa alla Università Cattolica afferma che, in sistemi demografici dove il numero dei giovani declina, l’ingresso di lavoratori stranieri può essere un arricchimento («La Repubblica», 17 gennaio 1999).

 

2Firenze, 17 gennaio 1999. La Confcommercio indice una dimostrazione contro spacciatori, prostitute e venditori ambulanti abusivi. Diciassette comitati locali partecipano all’incontro, accusando il sindaco di centro-sinistra di non fare abbastanza per fermare il «degrado» della città.

 

3Milano, 13 febbraio 1999. I sindacati guidano un corteo «per una città sicura e solidale». Circa 100.000 lavoratori e cittadini – «di vari colori» come diranno i media – partecipano alla manifestazione; fra loro è il sindacato di polizia siulp. Prima dell’inizio del corteo, l’arcivescovo di Milano, Carlo Maria Martini incontra i sindacati e i rappresentanti delle comunità straniere in Italia invitando a «trovare i giusti punti di equilibrio tra solidarietà, legalità e sicurezza». Il segretario della cgil, Sergio Cofferati, ricorda che «la società multietnica è nel nostro futuro» («La Repubblica» 14 febbraio 1999).

 

4Torino, 14 febbraio 1999. La Lega organizza una messa in latino in Piazza di Porta Palazzo, dove un mese prima l’Imam di Torino aveva celebrato la fine del Ramadan. Trecento fedeli assistono alla cerimonia religiosa, durante la quale vengono spesso evocati episodi simbolici della guerra tra cristiani e musulmani, come la battaglia di Lepanto nel 1571 e l’assedio turco di Vienna nel 1638. La zona è piena di manifesti della Lega, dove si legge: «Stop ai clandestini, zona controllata dai volontari verdi». Il prete che celebra la messa, seguace di Monsignor Lefebvre, dice ai fedeli: «siamo qui per riprendere possesso di questa piazza… non vogliamo fonderci, non vogliamo sparire nel calderone del mondialismo dove tutto è uguale… Non abbiamo niente contro i mussulmani, basta che si convertano. Perché non è vero che tutti gli dei sono eguali. Il nostro è quello vero» («La Repubblica», 15 febbraio 1999). Pochi giorni dopo, la Lega indice un referendum contro la nuova legge sull’immigrazione. Umberto Bossi spiega che «l’America utilizza vari strumenti per impadronirsi del dominio mondiale: tra questi c’è la globalizzazione … con questo referendum vogliamo dire no alla cancellazione dei popoli e delle culture» («La Repubblica», 19 febbraio 1999).

 

5Come questi stralci di cronaca recente bene illustrano, in Italia, come quasi ovunque nei paesi della Unione Europea, l’immigrazione extra-comunitaria è divenuta uno dei temi più conflittuali nel dibattito politico. L’oggetto del contendere riguarda una delle principali sfide per l’integrazione europea: lo sviluppo di una nuova cittadinanza. Se la costruzione di una «cittadinanza europea» è ancora ad uno stadio iniziale, più rapidamente si è invece definita l’immagine dello straniero: l’immigrato dall’esterno dei confini dell’ue, l’extracomunitario, appunto. E contro gli extracomunitari si sono infatti coagulati una serie di azioni di protesta, più o meno strutturate da imprenditori politici. Allo stesso tempo, comunque, la presenza degli immigrati ha portato a mobilitazioni per un allargamento dei diritti di cittadinanza a tutti i residenti, a prescindere dalla loro nazionalità.

1. Immigrazione e protesta: una introduzione

6Nonostante la sua rilevanza politica, la protesta sul tema dell’immigrazione – contro gli stranieri o in solidarietà con essi – è un terreno di studio relativamente poco esplorato e, soprattutto, dove i frammenti di ricerca esistenti si collocano all’interno di tradizioni disciplinari diverse e, in buona misura, non comunicanti tra loro. La letteratura sui movimenti sociali si è specializzata infatti nell’analisi dei movimenti della sinistra libertaria – movimento ecologista e movimento delle donne, soprattutto – lasciando prevalentemente scoperte le mobilitazioni su temi difficilmente definibili come «postmaterialisti» e, ancor di più, sui movimenti «distasteful» della destra (della Porta e Diani, 1997, cap. 1). Di movimenti pro-immigrati si è parlato, peraltro non molto, nel filone di letteratura sull’etnicità, che si è concentrato sulle organizzazioni degli immigrati, collegando le loro caratteristiche con quelle dei gruppi immigrati stessi: la loro concentrazione territoriale, la loro base sociale, le loro capacità organizzative (Soysal, 1994, 85; cfr. anche Rex, 1994). Dall’altra parte, le mobilitazioni anti-immigrati sono state analizzate soprattutto nella loro ala più radicale – nella ricerca sul razzismo o in quella sui partiti dell’estrema destra (ad esempio, Bjorgo e Witte, 1993; Koopmans e Kriesi, 1997).

7Divisi tematicamente, questi filoni di ricerca sono anche difficili da combinare data la profonda diversità nell’approccio. Nella letteratura sul razzismo ha prevalso infatti una concezione dell’azione collettiva prevalentemente irrazionale, dove gli immigrati divenivano il capro espiatorio dell’insofferenza individuale legata a privazione relativa (disoccupazione, crisi del welfare, ecc.) o perdita di riferimento valoriale (insicurezza, anomia, ecc.). La letteratura sui movimenti della sinistra libertaria è stata invece a lungo dominata da un approccio razionale, che vede gli attori collettivi come capaci di mobilitare le risorse sociali e istituzionali presenti nell’ambiente e utilizzarle in vista di fini di trasformazione sociale e politica. Solo di recente, l’attenzione si è estesa alle risorse simboliche.

  • 1 Ibid. Simile a quella tedesca è la situazione in Svizzera (Giugni e Passy 1998).
  • 2 Anche in Francia, comunque, soprattutto nell’ultimo decennio, le associazioni degli immigrati si so (...)

8Non solo l’emergere contemporaneo delle mobilitazioni anti-immigrati e pro-immigrati, ma anche la loro costante interazione, se non altro sul piano simbolico, renderebbe invece estremamente proficua un’analisi parallela di entrambe. In questa direzione, un progetto di ricerca comparato su Germania, Gran Bretagna, Svizzera, Francia e Olanda al momento in corso si propone di guardare ai due tipi di movimento, considerando per entrambi sia le opportunità politiche presenti nell’ambiente che gli schemi interpretativi attraverso cui queste circostanze acquistano significato per gli attori (Koopmans e Statham, 1998a). L’ipotesi principale della ricerca è che la mobilitazione sull’immigrazione è influenzata, su entrambi i fronti, da una struttura delle opportunità politiche, dove ampio spazio viene dato ai diritti di cittadinanza disponibili per gli immigrati, e da una struttura delle opportunità culturali, legata in particolar modo alle concezioni diffuse sull’immigrazione. Le differenze nell’entità e nel tipo di protesta deriverebbero sia dalla definizione nazionale della cittadinanza, con la classica distinzione tra jus soli e jus sanguinis (Brubaker, 1994), che dalle «differenti etichette simboliche che le nazioni assegnano agli immigrati» (Koopmans e Statham, 1998b, 10). Secondo i primi risultati di quella ricerca, ad esempio, mentre nella Gran Bretagna, che riconosce uno status specifico ai gruppi etnici, questi tendono a intervenire di più nel dibattito politico, focalizzando le loro richieste sulla politica interna, in Germania, dove la definizione degli immigrati considerati come Gastarbeiter (lavoratori ospiti) sottolinea il loro status precario, gli immigrati intervengono poco nel dibattito politico interno, restando la loro attenzione concentrata sui paesi d’origine1. O ancora, in Germania, una definizione etnica della cittadinanza (jus sanguinis) avrebbe dato risonanza ai movimenti xenofobi, e la debolezza dello status giuridico degli immigrati avrebbe ridotto la loro capacità di azione collettiva, lasciando la mobilitazione antirazzista nelle mani dei gruppi locali. In Francia, invece, una definizione territoriale della cittadinanza (jus soli), garantendo i pieni diritti ad una seconda generazione di immigrati, avrebbe facilitato la loro partecipazione alla vita politica francese, nonostante una concezione culturale assimilazionista riducesse la possibilità di rappresentazioni di tipo etnico2. In Gran Bretagna, un approccio multiculturale, legato ad un modello di cittadinanza coloniale – con una definizione della cittadinanza come soggezione allo stesso dominio (Castles e Miller, 1993) – avrebbe invece favorito un intervento degli immigrati come gruppo etnico.

9Questa enfasi sulle condizioni nazionali non è condivisa da chi ha sostenuto che, in particolare sul tema dell’immigrazione, una sempre maggiore rilevanza assumono le variabili sovranazionali. Non solo i flussi migratori sono determinati da trasformazioni dell’economia globale (Hollifield, 1992), ma le rivendicazioni degli immigrati vengono elaborate sempre più in termini di diritti umani universali (Jacobson, 1996, 9). Si è parlato, infatti, di «una trasformazione nel più rilevante principio di organizzazione dell’appartenenza nella politica contemporanea… Diritti e obbligazioni individuali, che un tempo erano collocati storicamente nello stato-nazione, si sono sempre più spostati su un piano universalistico, trascendendo le frontiere di un singolo stato nazione» (Soysal, 1994, 164). A livello politico, le organizzazioni intergovernative – prima fra tutte, l’Unione Europea (ue) – sono state considerate come principali loci del potere di definizione del tema dell’immigrazione: attorno a loro si sono formate di conseguenza numerose organizzazioni non governative internazionali. Se un approccio più pessimista ha visto l’Europa trasformarsi sempre più in una fortezza chiusa agli immigrati, percepiti come problemi di sicurezza interna (terroristi, criminali ecc.), altri hanno visto nell’ue una nuova opportunità per l’estensione dei diritti di cittadinanza anche agli immigrati.

10Come cercheremo di argomentare in quanto segue, il caso italiano indica che opportunità nazionali e opportunità internazionali si intrecciano nell’influenzare le mobilitazioni sul tema dell’immigrazione. Le precondizioni socio-economiche per la protesta sono chiaramente influenzate dalle trasformazioni nell’economia globale, ma presentano anche peculiarità nazionali. Gli schemi interpretativi simbolici per analizzare le nuove sfide dell’immigrazione e della cittadinanza vengono importati dall’estero, ma sono anche poi adattati alle radici locali. Le istituzioni della cittadinanza hanno diverse radici nazionali, che continuano ad avere i loro effetti ancora oggi, ma l’ue spinge, in questo campo come in altri, verso un inevitabile avvicinamento tra i diversi modelli nazionali.

11Al di là della rilevanza delle tradizioni nazionali e dei processi globali (o, almeno, europei) nell’influenzare le condizioni socio-economiche, culturali e istituzionali della mobilitazione sull’immigrazione, si deve comunque aggiungere che il suo sviluppo è fortemente influenzato dalla configurazione politica nazionale. Se le variabili relative a istituzioni e concezioni della cittadinanza non sono certo ininfluenti, le caratteristiche specifiche delle mobilitazioni dipendono dal contesto politico contingente, dalla disponibilità di imprenditori politici disponibili a «cavalcare» un certo tema, dalle loro specifiche tradizioni culturali, dalla loro capacità di aggregare domande e trasmetterle al sistema politico. Si vedrà infatti che di movimenti pro-immigrati e di movimenti anti-immigrati si può parlare solo in senso molto lato. Più che attori dotati di (seppur vaghe) identità collettive e (seppur flessibili) reticoli organizzativi comuni, vi sono aggregati occasionali di soggetti diversi che, pur condividendo alcuni obiettivi «oggettivi», difficilmente si presenterebbero come parti di un progetto comune.

12Oggetto di questo articolo è dunque la protesta sull’immigrazione in Italia. In particolare, guardando alla ricerca condotta in altri paesi sullo stesso tema, cercherò di individuare somiglianze e differenze, possibili effetti della diffusione cross-nazionale di idee e della presenza di reticoli sovranazionali di attori collettivi, ma anche indicatori della persistente rilevanza del contesto nazionale. Utilizzando sia un’analisi secondaria dei frammenti di informazioni sul tema presenti in diversi filoni di letteratura che i primi dati raccolti nel corso di un «progetto pilota» sul caso di Firenze, descriverò innanzitutto alcune caratteristiche della mobilitazione sull’immigrazione in Italia, distinguendo una coalizione pro-immigrati e una coalizione anti-immigrati. Successivamente, discuterò il grado relativo di influenza delle opportunità sociali, culturali e istituzionali presenti a livello nazionale, e di quelle presenti invece a livello sovranazionale (prevalentemente europeo), soffermandomi quindi sulle caratteristiche della configurazione politica.

2. La protesta sull’immigrazione in Italia

13A partire dalla fine degli anni ottanta, in Italia come nelle altre democrazie europee, il tema dei limiti all’immigrazione e dei diritti degli immigrati ha iniziato a polarizzare l’opinione pubblica. Una coalizione «pro-immigrati» ha sottolineato la necessità di integrare gli immigrati estendendo i diritti civili, politici e sociali a tutti i residenti, a prescindere dalla loro nazionalità; una coalizione «anti-immigrati» ha chiesto una chiusura delle frontiere e la difesa della cultura e delle condizioni materiali degli autoctoni.

2.1. La coalizione pro-immigrati

14Le principali caratteristiche della mobilitazione pro-immigrati in Italia sono il ruolo di patronato svolto dalla sinistra istituzionale e, soprattutto, dai sindacati; il forte coinvolgimento del Terzo Settore nell’implementazione delle politiche di integrazione degli immigrati; e la posizione estremamente debole dei rappresentanti delle comunità di immigrati. Infatti, in Italia, «i sindacati, le Chiese, gli organi di self-help adempiono, in determinati contesti, alle medesime funzioni che altrove sono devolute all’associazionismo immigrato» (ismu, 1998, 209).

15Secondo il Censis, all’inizio degli anni novanta erano presenti in Italia 266 associazioni di immigrati, spesso comunque organizzativamente deboli, e solo in pochi casi riconosciute e sostenute dalle ambasciate dei paesi di provenienza. Altre 196 associazioni impegnate nel settore erano composte solo da italiani oppure miste (Censis, 1991, in Campani, 1994, 145). Alcune di esse erano emerse negli anni settanta in solidarietà con i rifugiati politici dall’America Latina e dall’Eritrea e avevano poi esteso, all’interno di un discorso anti-imperialista, il loro raggio di interesse anche agli immigrati «economici» provenienti da altri paesi. Altre sono state fondate alla metà degli anni ottanta in ambienti vicini a partiti e associazioni sia cattoliche che di sinistra per fare pressione per una legge sull’immigrazione. Molti gruppi si sono poi formati all’interno della famiglia della sinistra libertaria (della Porta e Rucht, 1995; anche della Porta 1996) – in particolare, nel movimento pacifista e in quello ecologista – altri all’interno dei sindacati.

16Le prime rivendicazioni a favore dei diritti degli immigrati sono venute infatti, alla metà degli anni ottanta, da una coalizione di gruppi cattolici (come la Caritas o la Comunità di Sant’Egidio), associazioni un tempo attive sul tema degli italiani emigrati all’estero (come l’Istituto Fernando Santi e la Federazione italiana lavoratori emigrati e famiglie, vicina alla sinistra tradizionale) e sindacati (Campani, 1994; Veuglers, 1994). La questione dei diritti degli immigrati venne sollevata dal Comitato per una legge giusta – fondato nel 1985 da Acli, Caritas, sindacati e varie associazioni laiche – con l’obiettivo di fare pressione sui partiti e sensibilizzare l’opinione pubblica (Veugelers, 1994, 37). Questi gruppi svilupparono un discorso inclusivo di solidarietà «usando una strategia di “mediazione degli interessi”, mentre le diverse organizzazioni si alleavano per far pressione sui loro differenti protettori nel sistema partitocratico. L’effetto fu di rendere l’immigrazione un argomento politico trasversale ai partiti, ma poco tematizzato» (Statham, 1998, 27). Non a caso, sia il Pci che la Dc avevano politici coinvolti nella mobilitazione pro-immigrati. Almeno fino alla fine degli anni ottanta, le associazioni etniche mantennero invece una strategia di «sopravvivenza marginalizzata»: «gli immigrati avevano difficoltà a elaborare una identità collettiva nella sfera pubblica e non avevano riconoscimento da parte delle istituzioni politiche» (Statham, 1998, 25).

17Il tema dell’immigrazione divenne via via più rilevante a partire dal 1989 – in particolare dopo il corteo di protesta che seguì l’assassinio, avvenuto in agosto a Villa Literno, di un rifugiato politico sudafricano, Jerry Masslo. In quella occasione, tutti i partiti stigmatizzarono l’omicidio, e molti parlamentari presero parte al funerale, mentre i media diffondevano messaggi di tolleranza e integrazione. Nello stesso anno, centinaia di migliaia di persone parteciparono alla prima marcia nazionale contro il razzismo, tenutasi a Roma il 7 ottobre. Nel 1990 e 1991, la crisi albanese, con l’ondata di rifugiati sbarcati sulla costa pugliese, polarizzò comunque il dibattito sull’immigrazione. Mentre nel 1990, gli albanesi vennero accolti a Brindisi con tutti gli onori («Era un trionfo… c’erano sindaci e prefetti, parlamentari e cardinali», citato in Bonifazi, 1998, 99), gli sbarchi del 1991 produssero un clima di preoccupazione – accresciuto dall’evidente impreparazione dello stato italiano.

18Proprio come reazione ai primi episodi di violenza, ci fu in questo periodo una crescita nel numero delle associazioni pro-immigrati – fra loro, il gruppo di sinistra Italia–Razzismo – mentre veniva fondata una Consulta sui temi dell’immigrazione, formata da rappresentanti di associazioni degli immigrati, gruppi di interesse, sindacati e pubblica amministrazione. Circa 250 associazioni di immigrati presero parte alla prima conferenza internazionale sull’immigrazione nel giugno del 1990. Il discorso dominante era quello del «buon immigrato», che «stava solo esercitando il suo diritto di fare ciò che molti emigrati italiani avevano già fatto in passato… contrapposto al “cattivo” razzista, minoranza indesiderabile della comunità nazionale» (Statham, 1998, 29-30).

  • 3 Secondo la Fondazione italiana per il volontariato (1996), nel 1995, il 13% delle associazioni di v (...)

19I gruppi pro-immigrati si mobilitarono a diversi livelli. Nel 1992 venne creato un «Patto nuovi diritti di cittadinanza per un parlamento anti-razzista» da associazioni volontarie – incluse poche organizzazioni di immigrati – per sponsorizzare candidati al parlamento di vari partiti, e contribuì all’elezione di 90 di essi e all’estensione agli immigrati di alcuni diritti sociali e civili. Aumentò inoltre il numero delle associazioni di volontariato che offrivano agli immigrati servizi quali corsi di italiano, vitto e alloggio per situazioni di emergenza, attività sociali e culturali3. Accanto alle associazioni specializzate sul tema dell’immigrazione, cominciarono ad occuparsi di integrazione degli immigrati anche associazioni già impegnate su gruppi marginali, aiuti al Terzo Mondo e difesa dei diritti civili (Allasino, Babtiste e Bulsei, 1995). La tradizionale debolezza del welfare state per i settori marginali della popolazione, insieme all’ampia percentuale di immigrati occupati in varie forme di lavoro nero, accentuò la loro dipendenza dal volontariato, capace di garantire diritti informali a coloro che non erano riconosciuti come portatori di diritti dallo stato (Zincone, 1994).

  • 4 A Firenze, il Cospe è riuscito ad avere accesso a numerosi finanziamenti dell’ue, che ha anche sost (...)

20In questo settore di intervento come in altri, il volontariato si presenta come estremamente eterogeneo, con una netta distinzione tra le tradizionali associazioni cattoliche, con un intervento di tipo «caritatevole», e le più recenti associazioni di «tutela dei diritti», nate spesso all’interno dei movimenti sociali della sinistra libertaria. Come conferma una ricerca su Firenze (Burbui, 1997), le organizzazioni cattoliche sono infatti specializzate nell’offerta di servizi (in particolare in relazione all’emergenza abitativa), mentre le associazioni laiche intervengono nella difesa (anche attraverso ricorsi legali) dei diritti degli immigrati, focalizzando l’attenzione sui bisogni culturali dei diversi gruppi etnici e sull’educazione alla tolleranza dei cittadini italiani. Nel nuovo associazionismo laico, c’è una sostituzione della categoria neutrale del «povero» con quella, socialmente caratterizzata, di «marginale»; parallelamente, l’obiettivo si sposta dalla carità all’implementazione dei diritti di cittadinanza. Dal punto di vista organizzativo, le associazioni laiche, che coinvolgono persone mediamente più giovani, sono più specializzate, danno una importanza crescente alla formazione professionale dei loro membri, e hanno anche spesso personale stipendiato. Ancora per i gruppi nuovi, vi sono contatti frequenti con la pubblica amministrazione (che coinvolgono 9 delle 10 associazioni analizzate nella citata ricerca su Firenze), che spesso sfociano in sostegno economico – specialmente nella forma del contracting out di specifici servizi – in alcuni casi di dimensioni sostanziose (un’organizzazione ha un bilancio annuale di un miliardo e mezzo di lire; una di 900 milioni; e altre due di circa 500 milioni ciascuna) (Burbui, 1997)4. Come ha notato Giovanna Zincone, «la disponibilità dello stato a delegare una parte delle proprie funzioni ad organizzazioni della società civile dipende dalla forza e dalla lealtà delle associazioni stesse» (1994, 29). Anche nei nostri casi, infatti, una sorta di «protezione politica» sembra caratterizzare il rapporto delle amministrazioni locali rispetto alle associazioni di volontariato.

  • 5 In alcuni casi sono le stesse autorità – Ufficio immigrati e Prefettura – ad indirizzare ai gruppi (...)

21Molte delle associazioni che hanno elaborato il tema dell’immigrazione all’interno di un discorso di diritti civili sono state fondate negli anni novanta in risposta ad attacchi razzisti contro gli immigrati. Nel caso di Firenze, ad esempio, molti gruppi sono stati formati da attivisti di vari movimenti sociali dopo la Marcia dei cittadini indifesi, guidati da associazioni di commercianti nel 1990 contro gli ambulanti irregolari, e l’aggressione organizzata a cittadini extra-comunitari durante il carnevale dello stesso anno. Pochi giorni dopo l’aggressione, oltre 40.000 persone presero parte al corteo indetto da diciannove comunità di immigrati, sindacati e associazioni di volontariato. Negli anni novanta, anche associazioni della sinistra più radicale, come il Movimento di lotta per la casa o il Centro popolare autogestito a Firenze, hanno cominciato a intervenire sul tema dell’immigrazione, offrendo spesso anche servizi agli immigrati5.

  • 6 Sia la Cgil che la Cisl hanno un Uffici stranieri; la Cgil ha anche un Coordinamento immigrati (dei (...)

22Un’altra peculiarità del caso italiano è il ruolo preponderante dei sindacati all’interno della coalizione pro-immigrati. Infatti, «i sindacati sono stati, in questi anni, uno degli attori che ha prestato maggiore attenzione alle condizioni degli immigrati … mirando sempre all’eguaglianza normativa e retributiva» (Bonifazi, 1998, 89). I sindacati italiani, per cultura egualitari, hanno agito «per evitare abusi contro la parte debole della forza lavoro ma anche e soprattutto per evitare una competizione internazionale tra lavoratori» (Zincone, 1994, 9). Fin dalle prime leggi sull’immigrazione, i sindacati hanno infatti surrogato le debolezze della pubblica amministrazione, offrendo consulenza e protezione legale agli immigrati. Dato comunque il basso livello di sindacalizzazione degli immigrati, l’azione dei sindacati è stata di tipo avocativo piuttosto che rappresentativo (Zincone, 1994, 83)6.

23Per quanto riguarda le associazioni degli immigrati, alcuni canali di accesso alle istituzioni si sono aperti nel corso degli anni novanta. Per esempio, a Firenze, dopo la menzionata aggressione razzista, l’amministrazione comunale aprì un Ufficio immigrazione che organizzava incontri tra gli amministratori pubblici e rappresentanti di comunità straniere, associazioni di volontariato e sindacati. A livello provinciale, la Conferenza permanente sull’immigrazione, focalizzata sull’integrazione culturale degli immigrati, coinvolge anche rappresentanti delle comunità immigrate. Anche alle Consulte regionali sull’immigrazione partecipano, oltre ad amministratori pubblici e sindacati, anche associazioni di immigrati. Ancora il caso fiorentino indica che alcune associazioni etniche – come quelle degli egiziani e degli eritrei – sono ben strutturate e capaci di ottenere finanziamenti dai governi locali e regionale.

24Nonostante questi segnali di mutamento, comunque, le associazioni degli immigrati rimangono prevalentemente deboli e non integrate. Ancora a proposito del caso fiorentino, molte di esse lamentano gli scarsi contatti con l’amministrazione locale, mentre rappresentanti delle comunità immigrate descrivono l’Ufficio immigrati come un «ufficio postale» – dove gli immigrati senza domicilio permanente ricevono la posta – con una scarsa conoscenza dei problemi degli utenti. Anche le associazioni composte da italiani impegnate sul tema dell’immigrazione hanno interazioni spesso difficili con quelle costituite su basi etniche: alcuni dei gruppi locali sono accusati dai rappresentanti delle comunità etniche di monopolizzare i contributi economici pubblici sul tema dell’immigrazione; altre di strumentalizzare il tema dell’immigrazione per i loro fini politici. Gli stessi rappresentanti dei gruppi etnici denunciano infine i contrasti tra le varie comunità, che ostacolano una possibile azione comune (Auzmendi, Bartolozzi, Chiarantini, Fabbri, 1998). In generale, conflitti interni hanno a lungo ostacolato la nomina dei rappresentanti delle minoranze etniche nelle consulte regionali (Zincone, 1994, 81).

25Sintetizzando, la coalizione pro-immigrati è caratterizzata in Italia dalla debolezza delle organizzazioni di immigranti e dal ruolo importante giocato invece da: a) associazioni di volontariato cattoliche, che inseriscono il tema dell’immigrazione all’interno di un discorso tradizionale di assistenza caritatevole; b) sindacati e gruppi sinistra, che affrontano il tema dell’immigrazione all’interno di un discorso di solidarietà e difesa di diritti.

2.2. La coalizione anti-immigrati

26Le mobilitazioni contro l’immigrazione si sono sviluppate in Italia più tardi che in altri paesi europei. Nel 1984, la Commissione d’inchiesta del Parlamento europeo su fascismo e razzismo osservava che, nel nostro paese, il numero di episodi di razzismo era ancora molto basso (in Campani, 1993, 517). Solo nel 1987 l’immigrazione cominciò a essere tematizzata come problema nazionale. Come notava allora Luigi Manconi, «le attuali condizioni di sviluppo della nostra comunità nazionale – lo stadio raggiunto dal processo di civilizzazione – sembrano non consentire manifestazioni aperte di razzismo ideologico (quello che esalta l’appartenenza a una razza indicata come superiore…) o biologistico (quello che accredita una scala gerarchica delle etnie, ordinate secondo criteri di evoluzione). All’opposto emerge da molte fonti il bisogno di chi «incontra» l’immigrato di autorappresentarsi come non-razzista, anti-razzista, tollerante e animato da sentimenti filantropici… In ogni caso, l’insistente autorappresentarsi come “non-razzisti” non impedisce il manifestarsi di un’altra tendenza: quella alla periodica stereotipizzazione di gruppi e comunità» (Manconi, 1990, 46-47). È solo nel 1991 che un «razzismo ordinario» emerge in Italia (Balbo e Manconi, 1992, 30). Negli anni novanta, tre principali attori possono essere rintracciati nella coalizione anti-immigrati: una tradizionale mobilitazione di nazionalismo di destra; il razzismo violento; la protesta localista sui temi della sicurezza.

27Il primo tipo di attore normalmente coinvolto nelle mobilitazioni anti-immigrati non è particolarmente forte in Italia – almeno se confrontato con Francia o Germania. Nessun partito è nato sul tema del controllo dell’immigrazione, e i partiti di destra esistenti hanno avuto posizioni ambigue rispetto a esso. L’estrema destra ha tradizionalmente fondato la sua identità sull’anticomunismo e solo occasionalmente ha lanciato campagne anti-stranieri. Nel 1988, vi furono alcuni tentativi di imitazione del francese Front National, che comunque vennero presto abbandonati.

28Per varie ragioni, infatti, il principale partito dell’estrema destra italiana, l’Msi, è stato molto titubante a imboccare la strada della mobilitazione xenofoba. Eletto segretario nazionale del partito nel 1990, Pino Rauti propose un insieme di elementi derivanti dalla tradizione del fascismo-movimento insieme a elementi della nuova destra, cercando di attrarre almeno una parte dell’elettorato di un Pci in crisi attraverso la «ricollocazione» del suo partito, con slogans anti-occidentali e anticapitalisti, ma anche con «elementi inediti (e non conciliabili con la tradizione culturale missina) quali la tolleranza e il diritto al dissenso, la plausibilità delle differenze e la difesa dell’ambiente … Grazie a queste acquisizioni culturali il Msi, contrariamente agli altri partiti dell’estrema destra europea, rifiuta decisamente il razzismo (anche se alcune frange giovanili indulgono ad atteggiamenti ambigui soprattutto nei confronti degli ebrei più che verso gli immigrati di colore)» (Ignazi 1994, 183). Almeno per quanto riguarda quest’ultimo punto, la segreteria Fini non tornerà indietro rispetto ad un approccio non xenofobo. Per il Msi e poi per Alleanza nazionale (An), un’esposizione nella lotta contro l’immigrazione, pur presentandosi come possibile surrogato del declinante anti-comunismo, rischiava però di far stigmatizzare come razzista una destra che invece sperava sempre più in un pubblico riconoscimento come partito pienamente democratico.

  • 7 Nel 1990, ad esempio, circa il 46% dei delegati al xvi Congresso dell’Msi approvava l’affermazione (...)

29Ciò non vuol dire che la destra istituzionale non abbia preso parte alla mobilitazione anti-immigrati. Pur denunciando le «stupidità para-razziste» della Lega Nord, l’Msi chiese spesso maggiori controlli alle frontiere contro la presunta «islamizzazione dell’Europa». I documenti del partito denunciavano il miscuglio etnico come pericoloso sia per i paesi di origine degli immigrati che per l’Europa. Gli immigrati erano accusati di «snaturalizzare» la cultura italiana, portando il pericolo di un imbastardimento culturale (Manconi, 1990, 53). L’Msi e poi An hanno spesso votato in parlamento contro leggi sull’immigrazione considerate troppo liberali, e molti dei loro dirigenti a livello locale hanno organizzato campagne contro l’apertura di ostelli per immigrati e campi nomadi. Nel bacino di reclutamento dell’Msi, in parte passato ad An, sono sopravvissuti sentimenti e stereotipi razzisti7.

30Alla fine degli anni ottanta, nella sua azione di «protezione dell’italianità», l’Msi trovò un alleato nel sistema dei partiti: il Partito repubblicano italiano (Pri). Se l’Msi cercava di emulare il Fronte Nazionale di Le Pen, il Pri mirava a consolidare su questo tema il suo ruolo di rappresentante della classe dirigente economica. Durante la discussione della legge Martelli, il Pri chiese infatti restrizioni all’accesso per gli immigrati. Questa strategia si rivelò comunque fallimentare per il partito, distante, sia per tradizioni ideologiche che per il background sociale della sua base di riferimento, dal razzismo.

31Fu invece la Lega a prendere, negli anni novanta, la guida politica della coalizione anti-immigrati, combinando la richiesta di indipendenza per il ricco Nord, con toni razzisti verso i meridionali, prima, e gli immigrati «extracomunitari», poi. Almeno in una prima fase, la definizione etnica di se stessi ha facilitato una definizione etnica dell’altro, del nemico. Un radicato antagonismo contro i meridionali (del Sud Italia) – considerati come invasori del Nord, permeati da una cultura mafiosa, economicamente e socialmente arretrati, e politicamente «protetti» – si è estesa facilmente anche agli altri «meridionali», gli immigrati dal Sud (e dall’Est) del mondo. È stato infatti osservato che «la Lega possedeva gli “strumenti culturali” per dare una definizione etnica dei criteri dell’appartenenza alla comunità politica … e fu capace di fare dell’immigrazione una chiave interpretativa del fallimento della “prima repubblica”» (Statham, 1998, 52). La tradizionale opposizione tra un Nord laborioso e un Sud ozioso «si tradusse in intolleranza verso l’alterità culturale di immigrati e omosessuali» (Koopmans e Statham, 1999, 21). Partito regionalista, la Lega ha inserito il tema dell’immigrazione all’interno di un discorso di trasformazione della cittadinanza. Se il tentativo di elaborare una identità etnica, sempre presente nella Lega, ha avuto intensità diverse nelle diverse fasi della sua evoluzione, anche il neopopulismo, altra importante componente del discorso leghista (Diani, 1996; Biorcio, 1997), è stato alla base di una difesa della cultura «popolare» autoctona contro le minacce di invasione.

32Il discorso fondamentalmente xenofobo della Lega rifletteva, e certamente stimolava, atteggiamenti presenti nella sua base. Ad esempio, nel 1990, il 26,3 degli elettori della Lega risponde di avere votato per quel partito perché difende la Lombardia da troppi immigrati e stranieri, ed il 21,9% definisce il Sud come un ostacolo allo sviluppo (Mannheimer, 1991, 144). L’anno successivo, il 61% degli elettori della Lega dichiarava sfiducia nei meridionali, contro un 39% degli elettori della Dc e il 34,5% di quelli del Partito democratico della sinistra (Pds) e di Rifondazione (Biorcio, 1997, 141). In modo simile, gli elettori della Lega si differenziano dagli altri sul tema dell’immigrazione. Nel 1991, il 53,7% degli elettori della Lega afferma che gli immigrati extracomunitari fanno aumentare delinquenza e droga; e secondo il 32,3% occorre vietarne l’ingresso (Biorcio, 1997, 156). Nel 1994, è addirittura il 76% di coloro che hanno intenzione di votare per la Lega a ritenere gli immigrati causa di un aumento della delinquenza (contro una media del 50%) (Eurobarometro, 1994, cit. in Biorcio, 1997, 161). Seppure chiedendo aiuti per i paesi d’origine, la Lega si è infatti mobilitata ripetutamente per una restrizione dell’immigrazione e dei diritti degli immigrati.

  • 8 Su 300 persone indiziate di crimini razzisti, 142 avevano tra 18 e 20 anni; 84 tra 21 e 23; dei 50 (...)

33Alla fine degli anni ottanta crebbe anche la violenza razzista (Caritas, 1990). Dopo l’assassinio di Jerry Masslo nel 1989 e l’aggressione del carnevale del 1990 a Firenze, azioni violente contro gli immigrati si susseguirono, con episodi di particolare brutalità a Roma, Torvajanica, Caserta, e Pisa (Colombo, 1997). Su 199 aggressioni con motivazioni razziste fra il 1990 e il 1993, il 40% avvenne nel Lazio. In alcuni casi, le sezioni locali dell’Msi e poi di An, in special modo i gruppi giovanili dei due partiti, furono coinvolti nella violenza (Famiglietti e Farro, 1997). Per quanto riguarda la destra radicale, mentre le organizzazioni più strutturate hanno un approccio terzomondista, poco permeabile alla mobilitazione razzista, il forte attaccamento territoriale spiega il frequente coinvolgimento negli episodi di violenza xenofoba di gruppi di skinheads (come, ad esempio, a Firenze e a Ostia). Nel perpetrare le loro azioni criminali, gli skinheads, spesso collegati ai gruppi «ultras» del calcio, interagiscono con gruppetti di giovani non-politicizzati delle periferie delle grandi città (nove aggressioni di questo tipo avvennero a Ostia tra il 1992 e il 1993)8. Le aggressioni agli immigrati hanno preso talvolta dimensioni di piccole sommosse – è il caso di Milano nel 1993, Genova nel 1992 e nel 1995, Torino nel 1996.

34In questi casi, il razzismo violento ha interagito con mobilitazioni sui temi della sicurezza e del degrado urbano. Negli anni novanta, infatti, le protesta contro la criminalità si sono intrecciate con espressioni di quello che Balbo e Manconi (1992) hanno definito come «razzismo addizionale», che pone l’accento sulla devianza degli immigrati (diversamente dal «razzismo competitivo», che si oppone alla competizione degli immigrati nel lavoro e nei servizi sociali, o del «razzismo culturale», per la difesa della cultura locale da ogni contaminazione). In Italia come altrove, i sentimenti di ostilità agli immigrati sono cresciuti insieme al senso di insicurezza legato alla fase di bassa congiuntura economica a livello internazionale che ha interagito, nel nostro paese, con la crisi politica prodotta dallo svelamento di una corruzione particolarmente radicata.

35È soprattutto dopo il 1992 che il discorso pubblico sull’immigrazione ha iniziato a essere dominato dal collegamento tra immigrazione e crimine. Gli immigrati hanno infatti cominciato a essere sovrarapresentati non solo nelle statistiche criminali della polizia, ma anche nelle pagine di cronaca nera dei giornali. Negli anni novanta, «la stampa aveva spostato progressivamente la sua attenzione dal problema dell’accoglienza a quello del controllo e degli strumenti per fermare una pressione migratoria che veniva descritta come inarrestabile e sempre più minacciosa. L’immagine prevalente divenne quella della “minaccia”, “l’esercito che invade e prende d’assalto”, … e l’immigrato veniva identificato con “il clandestino”, “l’irregolare”, “l’illegale”» (in Bonifazi, 1998, 99). In molte delle grandi città, soprattutto del Centro-nord, comitati di cittadini si sono mobilitati sul tema della criminalità, collegandolo a quello dell’immigrazione illegale.

36Estremamente disomogenei al loro interno, questi comitati tendono a condividere comunque alcune caratteristiche. Dal punto di vista sociale, innanzitutto, essi non si sviluppano nei quartieri-dormitorio o nei «ghetti» poveri delle grandi città. È stato infatti scritto che «i Comitati – attore in qualche modo tipico (almeno nella sua forma più pura) delle grandi concentrazioni urbano-industriali del Nord del paese (Milano, Torino, Genova) – non nascono nei ghetti o negli slums ma nei quartieri centrali e pericentrali, nei centri storici e nelle aree che a essi fanno corona: luoghi caratterizzati da una spiccata multifunzionalità e da un forte dinamismo» (Petrillo, 1999, 7). In questi contesti, se i dirigenti dei comitati provengono prevalentemente dal ceto medio, con alti livelli di istruzione, la membership è socialmente eterogenea e l’interclassismo è, infatti, un elemento che domina anche l’autorappresentazione dei comitati – come sottolinea, ad esempio, un documento di un comitato genovese che parla di «operai, pensionati, medici, avvocati, architetti, casalinghe, commercianti, artigiani, portuali, docenti universitari, studenti accomunati dal desiderio di salvare il loro quartiere» (cit. in Petrillo, 1999, 13).

37Le risorse per la mobilitazione vengono talvolta proprio dai movimenti della sinistra libertaria. A Genova, ad esempio, «questi soggetti si riveleranno di estrema importanza: attraverso di loro saperi e tecniche organizzative preziosi vi verranno trasfusi da altre stagioni e da altri movimenti; la capacità di gestire forme di lotta evolute ed organizzare manifestazioni di massa, la conoscenza dei meccanismi simbolici della mobilitazione, l’abilità nel padroneggiare le risorse comunicative più avanzate, avranno un ruolo determinante nella costituzione e nei successi del nuovo attore collettivo» (Petrillo, 1999, 21). Dei movimenti del passato, i comitati riprendono una struttura organizzativa che, nonostante la presenza spesso di statuti formali, si mantiene non-gerarchica e flessibile, con rari momenti di coordinamento per occasionali mobilitazioni cittadine. La struttura della mobilitazione è a fisarmonica, ampliandosi nei momenti di mobilitazione di massa e restringendosi nuovamente nelle fasi di latenza.

  • 9 Dal Lago (1999) ha parlato di «tautologia della paura» a proposito del rinforzo reciproco tra senti (...)

38Anche le forme d’azione riprendono spesso il repertorio dei movimenti della sinistra, andando dalle manifestazioni di massa alle provocazioni simboliche (come piante e scatoloni collocati davanti ai negozi a Firenze per allontanare i venditori extra-comunitari). Manifesti e volantini, uniti ad una notevole capacità di interazione con la stampa locale, sono strumenti di comunicazione spesso adoperati dai comitati, insieme a petizioni e lettere alla stampa, mostre, comizi, concerti e feste di quartiere. In alcuni casi, gruppi di vigilantes disarmati si sono organizzati in alcune zone o sono state assunte guardie giurate – in entrambi i casi l’obiettivo dichiarato è stata la protesta contro il degrado, più che la speranza di produrre effetti duraturi di scoraggiamento della criminalità. Spesso questi gruppi hanno fatto pressione in vario modo sulle autorità locali per ottenere una maggiore presenza della polizia sul loro territorio – ottenendo, ad esempio nel caso fiorentino, una istituzionalizzazione della loro partecipazione alla Conferenza permanente per la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica organizzata dalla prefettura. A Genova come a Firenze e Milano, i comitati appaiono caratterizzati da canali di accesso agli amministratori, privilegiando comunque gli apparati repressivi: questura, prefettura, polizia, carabinieri, vigili urbani. I comitati hanno avuto anche spesso successo, per quanto temporaneo, nelle loro richieste di interventi di «bonifica» dei loro quartieri dalla criminalità visibile, e in generale dagli immigrati che vengono comunque percepiti come fonte di insicurezza9.

39Il principale schema interpretativo è la difesa dell’identità locale contro la criminalità, combinato con richieste di sicurezza e equità. L’attenzione dei comitati si concentra innanzitutto sulla «criminalità fastidiosa» – spaccio, prostituzione – che viene vista come fonte di pericolo fisico, ma soprattutto di fastidio psicologico («spettacolo indecoroso»). L’equazione tra criminalità e immigrazione è così sintetizzata da un esponente di un comitato genovese: «l’immigrazione… che fondamentalmente a Genova è stata gestita dalla malavita, l’immigrazione ha fatto sì che lo spaccio – che era organizzato in una certa maniera – sia diventato più capillare» (cit. in Dal Lago, 1999, 33). In generale, la propria azione è presentata come «orientata a difendere i diritti di cittadinanza», contro la criminalità che «colpisce i più deboli»; un intervento volto ad «evitare ondate di razzismo», la ricerca della «sicurezza come precondizione per tutto il resto», «condizione per una convivenza civile» (Palidda, 1994, 33); il rifiuto di «essere considerati come cittadini di serie B» (Alfaioli, Colomba e Illusi, 1994). L’appartenenza al comitato rafforza poi le identità territoriali, dando «un senso di appartenenza ad un villaggio» – nelle parole di un esponente di un comitato milanese, «non ci conoscevamo, poi ci siamo conosciuti, abbiamo dato vita ad un sistema di relazioni che è forse il patrimonio più bello, più ricco di questa esperienza, che è un fatto di appartenenza, di identità» (Palidda, 1994, 33). Bisogna aggiungere che, come indica ad esempio una prima indagine su cinque comitati fiorentini, l’intervento contro la criminalità (in particolare spaccio di droga) si intreccia con mobilitazioni su traffico, ambiente, servizi, cultura, giovani. Sui temi dell’ordine pubblico intervengono infatti spesso gruppi già attivi in questi altri settori. Accanto a richieste di maggiore presenza delle forze dell’ordine, e dell’istituzione di vigili di quartiere, vi sono attività di reinserimento di tossicodipendenti e richieste di maggiore partecipazione dal basso – ad esempio, i comitati fiorentini chiedono una partecipazione alle riunioni della giunta – oltre che di finanziamenti per le attività associative di base (Alfaioli, Colomba e Illusi, 1994, 12).

40Con poche eccezioni, comune ai comitati è anche il rifiuto di identificarsi con una parte politica. Se spesso consiglieri comunali dell’Msi e poi di An, e anche della Lega hanno tentato di mettersi alla guida di queste mobilitazioni, in altri casi (come ad esempio a Firenze) comitati contro la criminalità sono stati fondati da ex-attivisti del Pds. In genere, poi, i comitati hanno sottolineato con forza la loro natura apartitica – anzi si sono presentati spesso come alternativa ai partiti e al loro fallimento, «fenomeno di modernizzazione della politica», contro «una tradizione che delegava tutto ai partiti». Secondo uno dei dirigenti del coordinamento dei comitati milanesi, «Ci sono stati in passato dei tentativi di portarci da una parte politica, ma noi lo abbiamo detto chiaramente: ognuno sceglie chi vuole, ma il comitato è politico, non partitico»; «i fascisti e la Lega sono arrivati pensando di andare alla grande e invece li abbiamo zittiti perché la gente non ci credeva più» (cit. in Palidda, 1994, 30).

41Sintetizzando, la protesta anti-immigrati in Italia appare caratterizzata dalla prevalenza del discorso «etnico-nazionalistico» della Lega rispetto al nazionalismo classico della destra, e dalla diffusa presenza di comitati locali che affrontano il tema dell’immigrazione all’interno di una richiesta di sicurezza, o di «legge e ordine».

3. Opportunità nazionali, opportunità internazionali e la mobilitazione sull’immigrazione: il caso italiano in prospettiva comparata

42Come spiegare le principali caratteristiche della mobilitazione sul tema dell’immigrazione in Italia? Possiamo trovare nella protesta su questi temi indizi di una «globalizzazione» – o almeno «Europeizzazione» dell’azione collettiva – o rimangono dominanti le condizioni presenti nel sistema nazionale? Come interagiscono condizioni «oggettive» e percezioni soggettive? E come intervengono le caratteristiche contingenti della configurazione del potere sulle forme della protesta?

3.1. Condizioni strutturali, percezione simbolica ed emergere del conflitto sull’immigrazione

43L’emergere dei conflitti sull’emigrazione può essere collegata innanzitutto all’emergere di interessi – o meglio, alla difesa di interessi – che gli immigrati metterebbero in pericolo. Si è infatti parlato addirittura di una specifica soglia (un fatidico 5%) oltre la quale gli immigrati creerebbero inevitabilmente reazioni sociali e politiche. La mobilitazione pro-immigrati potrebbe essere anch’essa collegata a quella soglia – maggiore il numero degli immigrati, maggiore a parità di altre condizioni, la loro capacità di organizzarsi – oltre che all’innescarsi di una reazione al movimento anti-immigrati.

  • 10 Altre fonti parlano di un totale di 5,6 milioni di immigrati tra il 1946 e il 1965 (Bonifazi 1998, (...)

44A questo proposito, si deve ricordare che, in Italia, la presenza degli immigrati rimane sostanzialmente bassa rispetto ad altri paesi europei. Il nostro è stato tradizionalmente un «paese di emigrazione»: più di tre milioni di persone hanno lasciato il paese tra 1950 e il 1960; altri tre milioni tra il 1961 e il 1972; e ancora 1.200.000 tra il 1973 e il 1986 quando comunque il flusso migratorio divenne, per la prima volta, positivo10. Solo nel 1990 gli immigrati raggiunsero l’1% della popolazione, contro il 9% in Belgio, l’8% in Germania e il 5% in Olanda. Le richieste di asilo ebbero un primo picco nel 1987 (11.050) ed un secondo nel 1991 (26.472), con un improvviso declino (6042) nel 1992, cadendo successivamente al di sotto delle 2000 unità. Un livello comparativamente molto basso se consideriamo che nello stesso periodo la Germania ha raggiunto 438.191 domande. Infatti, tra il 1987 e il 1996, la media di domande d’asilo per 100.000 residenti è di 2,32 in Germania, 0,60 in Francia, e appena 0,10 in Italia (Husbands, 1997).

45Seppure limitato in termini assoluti, il numero degli immigrati è comunque aumentato piuttosto rapidamente negli anni recenti. Il tasso di crescita della popolazione straniera era di 7,2% tra il 1981 e il 1985, più che raddoppiando (con il 16,7%) tra il 1986 e il 1990 (Veugelers, 1994, 35); tra il 1990 e il 1998, il numero degli immigrati è cresciuto poi di più del 150%, raggiungendo un totale di 1.250.000 immigrati regolari. La crescita dell’immigrazione in Italia è derivata in parte dalle scelte degli altri paesi europei, tradizionalmente considerati come zone di emigrazione. È stato infatti quando questi paesi hanno cominciato a chiudere le loro frontiere che gli immigrati si sono orientati verso il nostro paese. La maggior parte degli immigrati sono dunque arrivati in Italia durante la così detta «seconda ondata» migratoria, quando l’immigrazione è stata motivata più da crisi nei paesi di origine degli immigrati che da espansione del mercato del lavoro nel paesi di accoglienza. L’Italia ha dunque dovuto iniziare ad affrontare il problema immigrazione con una popolazione straniera solo in parte integrabile dal punto di vista lavorativo.

46Non a caso, l’immigrazione è caratterizzata in Italia da una larga percentuale di immigrati irregolari. Fino alla metà degli anni ottanta, «un alto livello di clandestinità è conseguenza della coesistenza di leggi restrittive con regolamenti permissivi, e una diffusa tendenza dei datori di lavoro a infrangere la legge per assumere forza lavoro flessibile ed a buon mercato» (Veugelers, 1994, 36). Anche successivamente, una incerta posizione legale ha spinto gli immigrati sempre più nel mercato clandestino: «la partecipazione nelle attività illegali è in armonia con l’immagine che gli immigrati hanno del loro posto nella società italiana» (Colombo, 1997, 16). Infatti, i tassi di occupazione degli immigrati nell’economia informale sono molto alti: sia nel settore primario marginale del Sud, che nel settore industriale dinamico del Centro-nord. Un’altra caratteristica sociale degli immigrati italiani che rende difficile la loro integrazione è la loro eterogenea provenienza etnica. Con l’eccezione di cinesi e iraniani, gli altri gruppi nazionali sono molto piccoli e spesso soggetti anche ad un forte squilibrio di genere: alcuni gruppi etnici sono composti fino all’80% da uomini, altri mostrano percentuali simili per le donne (Campani, 1993, 516).

47Un tasso di presenza di immigrati tradizionalmente basso, la rapidità dell’incremento e le caratteristiche sociali dell’immigrazione potrebbe spiegare alcuni elementi della mobilitazione sul tema. Per quanto riguarda la coalizione anti-immigrati, la rapida crescita degli immigrati, e l’alta quota di clandestini può spiegare perché la protesta si è focalizzata sul tema della sicurezza. Il basso numero totale di immigrati può essere alla base della portata limitata degli appelli alla difesa della propria integrità culturale. Le condizioni sociali degli immigrati possono avere influenzato alcune caratteristiche della coalizione pro-immigrati – in particolare, la debolezza delle associazioni di immigrati, e il forte intervento del sindacato. Mentre la semilegalità riduce le capacità di organizzazione autonoma degli immigrati, l’effetto competitivo dell’immigrazione nell’economia informale (Venturini, 1996) potrebbe spiegare l’intervento del sindacato volto a inserire le quote deboli nel mercato del lavoro regolare.

48La condizione di debolezza sul mercato economico si è accompagnata tradizionalmente ad una debole protezione legale. L’Italia è stata caratterizzata non solo da un modello di cittadinanza restrittivo, basato sostanzialmente sullo jus sanguinis, ma anche da una legislazione tradizionalmente ostile agli immigrati. Fino al 1986 la condizione degli immigrati era definita dal Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza e dal regolamento a esso collegato, entrambi varati in periodo fascista (Bonifazi, 1998, 90). Entro tre giorni dall’ingresso nel paese lo straniero doveva presentarsi all’autorità di pubblica sicurezza, e vi erano anche forti restrizioni a residenza, movimento e diritti di proprietà. Disapplicate erano la convenzione di Ginevra del 1951, la convenzione n. 143 dell’International Labor Organization del 1975, e la raccomandazione no. 990 del Parlamento europeo del 1984. Il diritto d’asilo era limitato a quanto stabilito da alcuni trattati internazionali – e nei fatti, negli anni settanta, riconosciuto ai soli europei dell’Est. Fino alla metà degli anni ottanta, la legislazione esistente rendeva estremamente difficile l’assunzione regolare di un lavoratore straniero (Adinolfi, 1992, 14).

49La situazione ha iniziato comunque a mutare a partire dalla metà degli anni ottanta. Nel 1986, la prima legge sull’immigrazione (la n. 943/1986, «Norme in materia di collocamento e di trattamento dei lavoratori extracomunitari immigrati e contro le immigrazioni clandestine») ha fissato la direzione verso la quale si orienteranno anche gli interventi successivi: maggiori diritti per gli immigrati legali, e restrizioni agli ingressi. Essa ha riconosciuto infatti agli immigrati in occupazioni dipendenti «regolari» gli stessi diritti dei lavoratori italiani, e collegato l’ingresso di nuovi immigrati alle esigenze del mercato del lavoro. Nel 1990, la legge n. 39/1990 («Norme urgenti in materia di asilo politico, di ingresso e di soggiorno dei cittadini extracomunitari e di regolarizzazione dei cittadini extracomunitari ed apolidi già presenti nel territorio dello stato. Disposizione in materia di asilo»), detta Legge Martelli, ha seguito lo stesso percorso, del resto imposto dagli accordi di Schengen. Essa ha regolato il diritto d’asilo (garantendo comunque ampi poteri discrezionali alla polizia di frontiera), abolito le quote geografiche per i rifugiati, abrogato diverse norme del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, introdotto un sistema di visti, regolamentato le espulsioni e indicato la necessità di integrare socialmente gli immigrati (delegando la politica abitativa ai governi locali e stanziando fondi per le associazioni di volontariato attive nel settore). Entrambe le leggi hanno stabilito amnistie per favorire la regolarizzazione degli immigrati già presenti sul territorio.

50Nella seconda metà degli anni novanta, il governo di centro-sinistra ha continuato nella direzione dell’integrazione dei regolari e della chiusura delle frontiere. A livello regionale, diverse leggi hanno affrontato il tema della politica della casa (in particolare della prima accoglienza), dei servizi sociali e dell’istruzione per gli immigrati, offrendo sostegno finanziario ai gruppi attivi sul tema dell’immigrazione. La «Disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero» (la legge 40/1998) ha riconosciuto allo straniero – definito come cittadino di paesi esterni all’ue – una serie di diritti, tra cui l’intervento della pubblica amministrazione per favorire la sua integrazione attraverso assistenza sanitaria, istruzione scolastica per i bambini, qualificazione professionale per gli adulti. La legge ha accentuato il decentramento delle politiche di integrazione al livello locale, introducendo comunque una copertura a livello nazionale per questi compiti e «consigli territoriali» per coordinare gli interventi. Gli immigrati con un lavoro regolare e residenti da almeno sei anni hanno diritto a una «carta di soggiorno» che permette di rientrare in Italia senza bisogno di visto e dà accesso ad alcuni servizi. Per implementare le espulsioni, comunque, la legge stabilisce la custodia in «centri di temporanea residenza e assistenza», così come l’espulsione preventiva e l’accompagnamento alla frontiera».

  • 11 Solo alcuni governi locali (fra essi Bologna e Torino) hanno dato agli immigrati diritto di voto in (...)

51Partendo dunque da una totale assenza di legislazione sull’immigrazione, fra gli anni ottanta e gli anni novanta, l’Italia si è adattata alla politica comunitaria, con alcuni diritti sociali agli immigrati e un rafforzamento delle frontiere. È stato infatti osservato che, «dopo Bari, sia i politici che il pubblico hanno deciso che la futura politica dell’Italia rispetto all’immigrazione dal Secondo e Terzo Mondo era nelle mani del gruppo di Schengen» (Veugelers, 1994, 4). Anche in Italia, come in altri paesi europei, i diritti sociali sono stati i primi ad arrivare, seguiti da alcuni diritti civili ma non ancora da diritti politici (Zincone, 1994, 6)11. Rispetto a quella di altri paesi europei, la politica italiana sull’immigrazione presenta comunque alcune peculiarità. Essa è caratterizzata infatti da emergenzialità e reattività, oltre che da un alto livello di discrezionalità amministrativa. La delega al governo locale, e spesso al volontariato, di una serie di servizi determina inoltre una forte eterogeneità geografica nel trattamento degli immigrati (Zincone, 1994, 4 e 54).

52Queste condizioni istituzionali hanno certamente influenzato la mobilitazione sull’immigrazione. Dal punto di vista della protesta anti- immigrati, la debolezza del riconoscimento degli immigrati spiega le mobilitazioni contro la criminalità a livello locale, orientate spesso all’allontanamento di tutti gli immigrati da un certo territorio. Nel campo della mobilitazione pro-immigrati, diritti sociali incerti e assenza di diritti politici possono contribuire a spiegare il ruolo di patronato svolto da sindacati e volontariato e le difficoltà degli immigrati ad organizzarsi autonomamente (Veugelers, 1994, 46). La debolezza delle associazioni di immigrati potrebbe essere comunque anche conseguenza degli sviluppi a livello europeo, dove è stata osservata la tendenza ad affrontare l’immigrazione sempre più come tema di «sicurezza», e quindi «relativamente isolato dall’influenza di Commissione o Parlamento, che si erano orientati in questi anni verso politiche progressiste nel settore» (Favell, 1997, 3). La Corte europea di giustizia e la Corte europea per i diritti umani, così importanti in altri campi, si sarebbero «dimostrate tendenzialmente incapaci di affrontare problemi relativi a non-nazionali» (Favell, 1997, 3). Pochi dei paesi europei garantiscono diritti politici agli stranieri.

53In Italia come nel resto d’Europa, la pressione delle organizzazioni non governative attive a livello dell’ue hanno comunque contribuito a mantenere il tema dei diritti degli immigrati sull’agenda politica. In particolare, nel 1997, in occasione dell’Anno europeo contro il razzismo e la xenofobia, numerose associazioni attive in questo campo hanno ricevuto finanziamenti e legittimazione. Infatti, le organizzazioni anti-razziste «sono riuscite ad ottenere a livello europeo una legittimazione che permette loro di aggirare le sfere politiche nazionali. In effetti, esse agiscono come movimenti sociali elitari, delimitando un campo politico distinto da euro-valori e ideali transnazionali» (Favell, 1997, 5). Questi sviluppi tendono comunque a escludere dai finanziamenti le associazioni degli immigrati e a favorire i gruppi non-immigrati che sono così divenuti importanti mediatori a livello locale, nazionale e sovranazionale.

54Per spiegare l’emergere del conflitto sull’immigrazione occorre guardare, oltre che alla posizione sociale e legale dell’immigrato, anche alle percezioni che del fenomeno migratorio sono presenti nell’opinione pubblica. Secondo numerosi sondaggi, vi è stato infatti un rapido adeguamento dell’opinione pubblica italiana a quella dominante in altri paesi europei. Secondo l’Eurobarometro (n. 30), nel 1988 gli Italiani che pensavano che l’immigrazione era una cosa negativa erano appena il 7%, contro il 19% in Belgio, il 16% in Francia, il 15% in Germania, e il 14% in Danimarca (vedi Tab. 1). Inoltre, l’Italia aveva la più alta percentuale di intervistati che ritenevano necessario aumentare i diritti dei cittadini extra-comunitari (68% contro una media europea del 30%) (vedi Tab. 2). Gli italiani che erano pienamente d’accordo con il movimento antirazzista erano ben il 65% (rispetto ad una media europea del 47%, e molto bassi 30% in Germania, 34% nel Regno Unito, e 36% in Francia) (vedi Tab. 3). Questo atteggiamento è cambiato radicalmente negli anni novanta. Nel 1991, secondo un sondaggio Doxa, l’immagine dominante dell’immigrato è quella di un venditore ambulante; il 62% degli intervistati sono in disaccordo con chi considera gli immigrati come necessari a sostituire gli italiani nei lavori che questi non vogliono più fare, e il 44% è d’accordo su un diritto di priorità per gli italiani disoccupati (in Bonifazi 1998, 216-229). Secondo l’Eurobarometro del 1997, il sentimento che vi siano troppi stranieri nel proprio paese è diventato in Italia addirittura superiore rispetto alla media europea (45%): il 53% dell’Italia è infatti la percentuale più alta dopo quella di Grecia (71%) e Belgio (60%), e molto vicina a quella di Germania (52%), Francia e Danimarca (46%) (vedi Fig. 1). Nel 1999, secondo l’Eurisko, il 63% degli italiani pensa che gli immigrati fanno aumentare criminalità e disoccupazione e che dovrebbero tornare al loro paese («La Repubblica», 24 febbraio 1999).

Fig. 1. Numero di stranieri che vivono nei paesi dell'ue secondo la percezione dei cittadini.

Fig. 1. Numero di stranieri che vivono nei paesi dell'ue secondo la percezione dei cittadini.

Tab. 1. Opinione sulla presenza nel proprio paese di cittadini non appartenenti alla comunità europea (domanda: «A proposito delle persone che vivono in… [nome del paese] che non sono né … [cittadini del paese] né cittadini della ce: pensa che la loro presenza sia, per il futuro del nostro paese…»). Percentuale per paese.

b

dk

d

gr

e

f

irl

i

l

nl

p

uk

ec

Una cosa positiva

10

8

7

13

17

13

23

12

22

14

23

11

12

In parte, un bene

22

30

32

16

38

31

46

35

44

51

28

39

34

In parte, un male

33

33

28

19

16

28

9

24

17

17

13

25

24

Una cosa negativa

19

14

15

8

4

16

4

7

1

8

5

10

11

Nessuna risposta

16

15

18

44

24

12

18

23

17

10

31

16

19

Totale

100

100

100

100

99

100

100

101

101

100

100

101

100

Fonte: Eurobarometro, n. 30, 1988

Tab. 2. Estensione o riduzione dei diritti per i cittadini non-ce (domanda: «A proposito delle persone che vivono in… [nome del paese] che non sono né… [cittadini del paese] né cittadini della ce: pensa che si dovrebbe…». Percentuale per paese.

b

dk

d

gr

e

f

irl

i

l

nl

p

uk

ec

Aumentare i loro diritti

23

7

14

31

44

25

23

68

33

22

28

11

30

Lasciare le cose come stanno

36

49

51

27

29

42

48

13

53

53

40

52

39

Restringere i loro diritti

32

32

24

14

5

24

13

8

6

15

8

25

18

Nessuna risposta

9

13

11

28

22

9

17

12

8

10

25

13

13

Totale

100

101

100

100

100

100

101

101

100

100

101

100

100

Fonte: Eurobarometro, n. 30, 1988

Tab. 3a. Movimenti a favore del razzismo (domanda: «Ci sono movimenti e organizzazioni che prendono una particolare posizione sugli stranieri immigrati. Quali sono i vostri sentimenti in relazione a…?». Percentuale per i diversi paesi.

b

dk

d

gr

e

f

irl

i

l

nl

p

uk

ec

Approva totalmente

4

6

2

2

6

3

4

4

3

4

9

3

4

Approva in parte

8

10

8

2

4

8

11

4

6

5

5

8

7

Disapprova in parte

27

16

27

8

7

23

14

12

13

8

13

25

19

Disapprova totalmente

51

64

53

71

75

61

50

74

74

78

64

55

63

Non risponde

11

5

10

17

8

5

21

6

4

5

9

9

8

Totale

101

101

100

100

100

100

100

100

100

100

100

100

101

Fonte: Eurobarometro, n. 30, 1988

Tab. 3b. Movimenti contro il razzismo (domanda: «Ci sono movimenti e organizzazioni che prendono una particolare posizione sugli stranieri immigrati. Quali sono i vostri sentimenti in relazione a…?». Percentuale per i diversi paesi.

b

dk

d

gr

e

f

irl

i

l

nl

p

uk

ec

Approva totalmente

27

42

30

70

72

36

39

65

50

65

59

34

47

Approva in parte

30

31

34

20

8

26

19

18

29

19

18

32

24

Disapprova in parte

16

12

14

1

3

16

12

4

5

6

5

14

10

Disapprova totalmente

15

11

11

3

8

14

9

8

11

5

12

9

10

Non risponde

12

5

11

16

8

7

21

5

5

6

8

11

9

Totale

100

101

100

100

99

99

100

100

100

101

101

100

100

Fonte: Eurobarometro, n. 30, 1988

55Si può dunque dire che l’emergere delle mobilitazioni sull’immigrazione corrisponde ad una polarizzazione dell’opinione pubblica sul tema, con un allineamento dell’opinione pubblica italiana alla media europea. Anche in termini di definizione del sé e dell’altro, per gli italiani come per gli altri cittadini dell’ue, «il confine che i cittadini adoperano per definire “noi” e “loro” non corre più fra la propria nazione e le altre nazioni europee … ma piuttosto, all’interno del paese, tra i nativi e gli immigrati stranieri» (Fuchs, Gerhards e Roller, 1995, 175). Pur non potendo controllare gli effetti di una diffusione cross-nazionale sugli umori del pubblico, si può comunque notare, almeno nella parte «organizzata» di esso, l’importazione in Italia di schemi interpretativi elaborati in altri paesi. In particolare, nella coalizione pro-immigrati il discorso dei diritti differenziali per differenti gruppi culturali ha cominciato a emergere, in particolare nel nuovo volontariato. Nella coalizione anti-immigrati, la Lega ha cercato di motivare il rifiuto dello straniero extra-comunitario in nome della difesa dell’emergente cittadinanza europea. Anche le mobilitazioni sui temi della sicurezza hanno importato simboli e formule organizzativa (come quelle dei vigilantes disarmati) da simili mobilitazioni presenti in altri paesi europei (della Porta, 1998).

56Molte delle caratteristiche della mobilitazione sull’immigrazione non sono però comprensibili senza riferimento alle risorse simboliche e materiali degli imprenditori politici che hanno aiutato la formazione del conflitto sull’immigrazione. In particolare, la mobilitazione sull’immigrazione può essere letta come tipico esempio della tradizionale tendenza dei partiti politici alla cooptazione dei conflitti sociali, ma anche della crisi recente della rappresentanza basata sui partiti.

  • 12 L’identità nazionale è tradizionalmente debole nel nostro paese: non a caso, nel 1998 la percentual (...)

57In primo luogo, si è visto che nella seconda metà degli anni ottanta i partiti hanno dominato l’emergere della mobilitazione sul tema dell’immigrazione. Come si sa, nella costruzione dello stato nazionale le lealtà primarie sono andate ad attori per varie ragioni antagonisti rispetto allo stato – la Chiesa e il movimento socialista – mentre l’attaccamento territoriale si è sviluppato principalmente a livello locale (Rusconi, 1993)12. Ciò può spiegare, per quanto riguarda la mobilitazione anti-immigrati, la debolezza del discorso nazionalista classico, a vantaggio di una impostazione localistica, del resto osservabile anche in altri movimenti (della Porta e Andretta, 1999). Per quanto riguarda la mobilitazione pro-immigrati, la debolezza della lealtà allo stato nazionale, e la prevalenza invece di lealtà subculturali, può dare conto del ruolo importante giocato dalle associazioni legate a queste subculture: le associazioni cattoliche così come i sindacati e il nuovo associazionismo di sinistra. Entrambi permeati da una profonda sfiducia nello stato e nella pubblica amministrazione, i due tipi di associazioni hanno affrontato l’immigrazione all’interno del discorso più congeniale alle loro subculture di appartenenza: la carità per i cattolici; l’eguaglianza per la sinistra. Nessuno di questi schemi di riferimento riconosceva il diritto a un’organizzazione autonoma dei diversi gruppi etnici – e questo spiega il bisogno per gli immigrati di trovare patroni politici in subculture tradizionali che non ammettevano «multiculturalismo» (Statham, 1998, 25).

58La situazione cambia, per entrambe le coalizioni, nel corso degli anni novanta, a seguito della crisi dei partiti politici. Una caratteristica comune diventa allora la prevalenza, in entrambi i campi, di una mobilitazione localistica e pragmatica. Nel campo della mobilitazione anti-immigrati, la dominanza dei comitati locali riflette l’incapacità dei partiti di elaborare rivendicazioni più complessive, e la prevalenza di proteste localistiche. L’attenzione è infatti concentrata sul territorio, e la domanda principale è la «bonifica» di certe aree dalla presenza di possibili «fonti di pericolo». Il massimo del coordinamento si ha a livello cittadino, e anche questo limitato a momenti saltuari. La mobilitazione condivide con movimenti di protesta sulla difesa dell’ambiente, normalmente collegate alla sinistra, la logica del «perché proprio qui?» (Bobbio, 1999).

59Paradossalmente, comunque, una logica localistica – o almeno pragmatica – sembra dominare anche i movimenti del fronte opposto, che pure si appellano all’universalismo dei diritti umani. Sindacati e, soprattutto, associazioni di volontariato intervengono «qui ed ora», per risolvere i problemi degli immigrati presenti in un’area circoscritta. Anche in questo caso le prese di posizioni generali sono limitate, nonostante vi sia una maggiore capacità che nell’altro fronte di coordinarsi per manifestazioni a livello cittadino, o anche talvolta a livello nazionale. L’attività principale sembra essere comunque quella del servizio alla comunità – vuoi attraverso l’assistenza sociale agli immigrati, vuoi attraverso azioni nelle scuole o nei quartieri orientate ad accrescere la tolleranza tra diverse culture.

60Ciò non vuol dire comunque che questi attori non abbiano contatti istituzionali. Anzi, si è detto che in entrambi i fronti le interazioni con le istituzioni sono frequenti, soprattutto a livello locale. Particolarmente nel caso dei comitati, queste mobilitazioni saltano comunque la mediazione dei partiti, conquistando l’attenzione dei rappresentanti della pubblica amministrazione – in particolare di questori e prefetti – attraverso una capacità di coinvolgimento dei mass-media, che fanno da cassa di risonanza delle «angosce» dei «cittadini». Nel caso della mobilitazione pro-immigrati, sembra invece che la precedente azione di patronato esercitata dai partiti si traduca, nonostante l’indebolimento dei protettori del passato, in contatti privilegiati con le istituzioni, in particolare con le amministrazioni locali – e spesso in sostanziosi finanziamenti. Le capacità nei rapporti istituzionali si estende anzi alle interazioni con altri attori – portando capacità di attrarre finanziamenti (e legittimazione) anche da attori sovranazionali, prima fra tutti l’ue.

61Ancora in entrambi i casi, non sembra che la crisi delle capacità di mediazione dei partiti porti ad un riflusso nel privato, né ad un’esplosione anomica dei conflitti. Viceversa, l’indebolimento del patronato dei partiti sembra avere liberato una serie di energie e capacità accumulate nelle precedenti mobilitazioni e le abbia indirizzate verso un impegno orientato non più alla «politica assoluta» (Pizzorno, 1997), ma ad una condizione sperimentata come «immediata» e presentata come «circoscritta». Dai movimenti collettivi del passato, le risorse per l’azione collettiva si sono trasferite su entrambi i fronti, come capacità sia di promuovere protesta, che di utilizzarla nel rapporto con i mezzi di comunicazione e con le istituzioni. Anche da parte delle istituzioni del resto, le esperienze di mobilitazione del passato sembrano avere lasciato una maggiore disponibilità, per quanto selettiva, al negoziato, almeno con alcuni attori ritenuti degni di riconoscimento. Se in passato, però, il problema nella gestione del conflitto era piuttosto legato alla forte ideologizzazione degli attori della protesta, oggi viceversa esso sembra derivare dall’indebolimento della capacità delle istituzioni politiche di creare identità collettive «alte», e di mediare tra gli egoismi individuali.

4. Mobilitazioni sull’immigrazione e mutamenti nella rappresentanza: ipotesi conclusive

62Le mobilitazioni in solidarietà con gli immigrati e quelle per il «restringimento delle frontiere» sono state poco studiate e, quando lo sono state, sono state analizzate isolatamente le une dalle altre, all’interno di filoni di letteratura separati e non-comunicanti. In questo articolo, ho presentato alcune prime riflessioni sull’evoluzione delle proteste sul tema dell’immigrazione in Italia, sottolineando sia la rilevanza di questo tipo di mobilitazione nel panorama politico contemporaneo, che l’interazione – se non altro simbolica – tra proteste pro e contro gli immigrati. Ho quindi suggerito che entrambe possono essere spiegati attraverso un modello che prenda in esame le opportunità sociali, istituzionali e culturali disponibili, sia a livello nazionale che sovranazionale, per la mobilitazione, oltre che le caratteristiche degli imprenditori politici che si sono mobilitati nei due campi.

63Soprattutto in relazione a quest’ultimo aspetto, le mobilitazioni sul tema dell’immigrazione ci permettono alcune riflessioni sugli effetti delle trasformazioni nella rappresentanza politica sulla protesta. In Italia, i partiti hanno a lungo goduto di una sorta di monopolio della rappresentanza degli interessi, con una forte azione di patronato sui movimenti sociali. I partiti hanno dunque svolto contemporaneamente sia rappresentanza identificante – volta a «costituire, preservare, rafforzare le identità politiche… produrre simboli che servono ai membri di una collettività data per riconoscersi come tali, comunicarsi la loro solidarietà, concordare l’azione collettiva» (Pizzorno, 1983, 175) – che attività efficiente – attraverso la quale «i politici prendono decisioni direttamente intese a migliorare, o non lasciar peggiorare, la posizione relativa dell’entità collettiva che essi rappresentano nel sistema entro cui questa agisce» (Pizzorno, 1983, 175).

64La protesta sul tema dell’immigrazione sembra indicare un progressivo indebolimento della capacità dei partiti di agire sui due fronti. L’azione identificante diventa infatti appannaggio di nuovi soggetti, mentre i partiti mantengono il controllo delle istituzioni rappresentative e, quindi, dell’attività efficiente. Essi interagiscono con gli attori della protesta, si presentano come più o meno vicini a essi, mediano, cercano soluzioni, ma non sono più capaci di elaborare e fare accettare interpretazioni complessive sulle cause dell’insoddisfazione e delle possibili soluzioni. Queste attività identificanti vengono invece svolte da gruppi, associazioni di volontariato, comitati, sindacati, che poi rivolgono le loro richieste alle istituzioni, saltando la mediazione dei partiti. L’indebolimento dei partiti sembra poi avere effetto sul tipo di identità collettive emergenti, che rifiutano infatti le grandi ideologie, la ricerca dell’universale e il rinvio nel tempo della soddisfazione delle proprie rivendicazioni. In entrambi i campi infatti, seppure con profonde diversità, l’intervento si concentra sul livello locale e cerca un effetto immediato. Per i partiti, sembra quindi porsi la necessità di adattarsi ad un ruolo di mediazione «efficientista» di identità costituite altrove. Per gli imprenditori della protesta, che si trovano a gestire notevoli disponibilità all’azione collettiva «qui e subito», la scommessa sembra invece riguardare la capacità di stabilizzare nel tempo risorse di mobilitazione che appaiono al momento estremamente effimere.

Torna su

Bibliografia

Adinolfi A. (1992), I lavoratori extra-comunitari, Bologna, Il Mulino.

Alfaioli P., G. Colomba e Illusi I. (1994), I cittadini e la città, Firenze, Facoltà di Scienze Politiche, Corso di Governo Locale, contributo di ricerca.

Allasino E., Baptiste F. e Bulsei G.L. (1995), Gli incerti confini: Politiche per gli immigrati e politiche di lotte all’esclusione a Torino e Lione, «Polis», ix, pp. 23-44.

Auzmendi A., Bartolozzi M. C., Chiarantini C. e Fabbri M. (1998), Immigrazione e integrazione culturale a Firenze, Firenze, Facoltà di Scienze Politiche, Corso di Governo Locale, contributo di ricerca.

Balbo L. e Manconi L. (1992), I razzismi reali, Milano, Feltrinelli.

Biorcio R. (1997), La Padania promessa, Milano, Il Saggiatore.

Bjorgo, T. e Witte R. (a cura di) (1993), Racist Violence in Europe, New York, St. Martin’s Press.

Bobbio L. (1999), Un processo equo per una localizzazione equa, in Bobbio L. e Zeppetella A. (a cura di), Perché proprio qui? Grandi opere e opposizioni locali, Milano, Franco Angeli.

Bonifazi C. (1998), L’immigrazione straniera in Italia, Bologna, Il Mulino.

Brubaker R. (1992), Citizenship and Nationhood in France and Germany, Cambridge, MAHarvard University Press.

Burbui C. (1997), Politiche dell’immigrazione e associazioni di volontariato. Una ricerca sul caso fiorentino, Firenze, Facoltà di Scienze Politiche, tesi di laurea.

Campani G. (1993), Immigration and Racism in Southern Europe: the Italian Case, «Ethnic and Racial Studies», xvi, pp. 507-535.

Campani G. (1994), Ethnic Networks and Associations, Mobilisation and Immigration Issue in Italy, in Rex J. e Drury B. (a cura di), Ethnic Mobilisation in a Multi-Cultural Europe, Aldershot, Avebury.

Caritas (1990), Immigrazione: Dossier statistico, Roma.

Castles S. e Miller M.J. (1992), The Age of Migration. International Population Movements in the Modern World, New York, Macmillan.

Colombo A. (1997), Hope and Despair: «Deviant» Immigrants in Italy, «Journal of Modern Italian Studies», ii, pp. 1-20.

Dal Lago A. (1999), La tautologia della paura, «Rassegna italiana di sociologia», xl, pp. 5-41.

della Porta D. (1996), Movimenti collettivi e sistema politico, Roma-Bari, Laterza.

della Porta D. (1998), Police Knowledge, Public Order and the Media, comunicazione presentata alla conferenza su «Protest, the Public Sphere, and Public Order», Università di Ginevra, 9-10 ottobre.

della Porta D. e Andretta M. (1999), La campagna di protesta contro l’Alta Velocità in Toscana: tra ecologia e localismo, paper presentato alla conferenza annuale della Società italiana di scienza politica, Trieste, 22-24 settembre.

della Porta D. e Diani M. (1997), I movimenti sociali, Roma, Carocci.

della Porta D. e Rucht D. (1995), Social Movement Sectors in Context: A Comparison of Italy and West Germany, 1965-1990, in Jenkins J.C. e Klandermans, B.(a cura di), The Politics of Social Protest, Minneapolis, Minnesota University Press, 1995.

Diani M. (1996), Linking Mobilization Frames and Political Opportunities: Insights from Italian Regional Populism, «American Sociological Review», lxi, pp. 1053-69.

Eurobarometer (1988), Report n. 30, Brussels, European Commission.

Eurobarometer (1998), Report n. 48, Brussels, European Commission.

Eurobarometer (1998), Report n. 49, Brussels, European Commission.

Famiglietti A. e A. Farro (1997), Mobilization against Immigrants in Italy, Paper presented at the European Sociological Association, Essex.

Favell A. (1997), The Europeanization of Immigration Polics: Some Comments, comunicazione presentata alla conferenza su «Citizens, Immigration and Xenophobia in Europe: Comparative Perspective», Wissenschaftszentrum Berlin, novembre.

Fondazione italiana per il volontariato (1996), Volontariato e Terzo Settore. Quale legislazione, Roma.

Fuchs D., Gerhards J., e Roller E. (1995), Nationalism Versus Eurocentrism? The Construction of Collective Identities in Western Europe, in Martiniello M. (a cura di), Migration, Citizenship and Ethno-National Identities in the European Union, Aldershot, Avesbury.

Giugni M. e Passy F. (1998), The Impact of Collective Mobilization on Political Decisions over Immigration in Switzerland: A Preliminary Assessment, comunicazione presentata alla conferenza su «Protest Event Analysis», Berlin.

Hollifield J.F. (1992), Immigrants, Market, and States: The Political Economy of Post-War Europe, Cambridge, Harvard University Press.

Husbands C. (1997), Political Asylum: A Summary Comparative Analysis of Practices and Procedures in Western Europe, 1987-1996, comunicazione presentata alla conferenza su «Citizens, Immigration and Xenophobia in Europe: Comparative Perspective», Wissenschaftszentrum Berlin, Novembre.

Ignazi P. (1994), L’estrema destra in Europa, Bologna, Il Mulino.

ismu (1998), Terzo rapporto sulle migrazioni. 1997, Milano, Franco Angeli.

Jacobson D. (1996), Rights across Borders. Immigration and the Decline of Citizenship, Baltimore, The Johns Hopkins University Press.

Jopkee C. (1998), Asylum and State Sovereignty. A Comparison of the United States, Germany and Britain, «Comparative Political Studies», xxx, pp. 259-298.

Koopmans R. e Kriesi H. (1997), Citoyenneté, identité nationale et mobilisation de l’extreme droite. Une comparaison entre la France, l’Allemagne, les Pays-Bas et la Suisse, in Birnbaum P. (a cura di), Sociologie des nationalisme, Paris, puf.

Koopmans R. e Statham P. (1998a), The Contentious Politics of Migration and Ethnic Relations in Britain and Germany: An Opportunity Approach for Studying Public Claims and Collective Mobilization, comunicazione presentata alla conferenza su «New Directions in the Comparative Research on Racism and Xenophobia», Utrecht, 23-25 aprile.

Koopmans R. e Statham P. (1998b), Challenging the Liberal Nation-State? Postnationalism, Multiculturalism, and the Collective Claims-Making of Migrants and Ethnic Minorities in Britain and Germany, Working paper, Berlin.

Koopmans R. e Statham P. (1999), Ethnic and Civic Conceptions of Nationhood and the Differential Success of the Extreme Right in Germany and Italy, in Giugni M., McAdam D. e Tilly C. (a cura di), How Movements Matter, Minneapolis, University of Minnesota Press.

Manconi L. (1990), Razzismo interno, razzismo esterno e strategia del chi c’è c’è, in Balbo L. e Manconi L., I razzismi possibili, Milano, Feltrinelli.

Mannheimer R.(1991), Chi vota Lega e perché, in R. Mannheimer (a cura di), La Lega Lombarda, Milano, Feltrinelli.

Palidda S. (1994), Polizia e domanda di sicurezza a Milano, Firenze, Istituto Universitario Europeo, dattiloscritto.

Paolucci V., Pisani K., Innocenti S. e Toccafondi A. (1998), Associazioni a confronto, Firenze, Facoltà di Scienze Politiche, Corso di Governo Locale, comunicazione di ricerca.

Petrillo A. (1999), Insicurezza, migrazioni, cittadinanza, dattiloscritto in corso di stampa.

Pizzorno A. (1983), Sulla razionalità della scelta democratica, «Stato e mercato», 7 (ora in A. Pizzorno, Le radici della politica assoluta, Milano, Feltrinelli)

Pizzorno A. (1997), Le radici della politica assoluta, Milano, Feltrinelli.

Rex J. (1994), Introduction, in Rex J. e Drury B. (a cura di), Ethnic Mobilisation in a Multi-Cultural Europe, Aldershot, Avebury.

Rusconi G. E. (1993), Se cessiamo di essere una nazione, Bologna, Il Mulino.

Soysal Y. N. (1994), Limits of Citizenship. Migrants and Postnational Membership in Europe, Chicago, University of Chicago Press.

Statham P. (1998), The Political Construction of Immigration in Italy: Opportunities, Mobilization and Outcomes, Discussion paper fs iii 98-102, Wissenschaftszentrum Berlin.

Venturini A. (1996), Extent of Competition between and Complementarity among National and Thirld-World Migrant Workers in the Labour Market: An Exploration of the Italian Case, in Frey L. et al., The Jobs and Effects of Migrant Workers in Italy, Ginevra, Ilo.

Veuglers J. W. P. (1994), Recent Immigration Politics in Italy: A Short Story, «West European Politics», xvii, pp. 33-49.

Wihtol de Wenden C. (1997), Civic Associationism in France and Europe: New Trends, comunicazione presentata alla conferenza su «Citizens, Immigration and Xenophobia in Europe: Comparative Perspective», Wissenschaftszentrum Berlin, novembre.

Zincone G. (1994), Uno schermo contro il razzismo. Per una politica dei diritti utili, Roma, Donzelli.

Torna su

Note

1 Ibid. Simile a quella tedesca è la situazione in Svizzera (Giugni e Passy 1998).

2 Anche in Francia, comunque, soprattutto nell’ultimo decennio, le associazioni degli immigrati si sono professionalizzate e hanno stretto rapporti con il governo (Wihtol de Wenden 1997).

3 Secondo la Fondazione italiana per il volontariato (1996), nel 1995, il 13% delle associazioni di volontariato concentrava l’attività sugli immigrati. Molti di questi gruppi erano nati dopo il 1985: è il caso ad esempio di 8 delle 10 organizzazioni analizzate in una ricerca su Firenze (Burbui 1997, 142).

4 A Firenze, il Cospe è riuscito ad avere accesso a numerosi finanziamenti dell’ue, che ha anche sostenuto progetti di altre associazioni fiorentine attive sull’immigrazione.

5 In alcuni casi sono le stesse autorità – Ufficio immigrati e Prefettura – ad indirizzare ai gruppi più radicali gli immigrati clandestini (Paolucci, Pisani, Innocenti and Toccafondi 1998).

6 Sia la Cgil che la Cisl hanno un Uffici stranieri; la Cgil ha anche un Coordinamento immigrati (dei cui 55 membri, 44 sono immigrati), la Cisl ha un’Associazione oltre le frontiere; uffici per gli immigrati sono presenti nelle Camere del lavoro (Zincone 1994, 87-89).

7 Nel 1990, ad esempio, circa il 46% dei delegati al xvi Congresso dell’Msi approvava l’affermazione che «ci sono razze superiori e inferiori»; e il 44% sosteneva che «il potere finanziario è nelle mani degli ebrei» (Ignazi 1994, 82-4). Nel 1991, un quarto dei militanti del Fronte della gioventù si dichiarava antisemita (Ignazi 1994, 88-9).

8 Su 300 persone indiziate di crimini razzisti, 142 avevano tra 18 e 20 anni; 84 tra 21 e 23; dei 50 di cui si conosce l’occupazione, 15 erano studenti, 19 operai, 7 impiegati, 2 commercianti, e 7 disoccupati (Rapporto Eurispes, in «La Repubblica», 22-23 febbraio 1994).

9 Dal Lago (1999) ha parlato di «tautologia della paura» a proposito del rinforzo reciproco tra sentire dell’opinione pubblica e discorso dei media, mobilitato da imprenditori politico-morali, che diffondono la definizione dell’immigrato come minaccia.

10 Altre fonti parlano di un totale di 5,6 milioni di immigrati tra il 1946 e il 1965 (Bonifazi 1998, 78).

11 Solo alcuni governi locali (fra essi Bologna e Torino) hanno dato agli immigrati diritto di voto in referendum a livello locale.

12 L’identità nazionale è tradizionalmente debole nel nostro paese: non a caso, nel 1998 la percentuale di italiani con una identità nazionale esclusiva (invece che un’identità territoriale mista o europea) era la più bassa d’Europa (28% in Italia, con una media europea del 44%) (Eurobarometro n. 49:42).

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Fig. 1. Numero di stranieri che vivono nei paesi dell'ue secondo la percezione dei cittadini.
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1398/img-1.jpg
File image/jpeg, 36k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Donatella della Porta, « Immigrazione e protesta »Quaderni di Sociologia, 21 | 1999, 14-44.

Notizia bibliografica digitale

Donatella della Porta, « Immigrazione e protesta »Quaderni di Sociologia [Online], 21 | 1999, online dal 30 novembre 2015, consultato il 24 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1398; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1398

Torna su

Autore

Donatella della Porta

Dipartimento di Scienza della Politica e Sociologia - Università di Firenze

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search