Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri20note criticheUn progetto per la didattica dell...

note critiche

Un progetto per la didattica della metodologia della ricerca nelle scienze umane

Roberto Trinchero
p. 162-165

Testo integrale

1Il volume La survey in psicologia di Fulvia Ortalda (312 pagine, Carocci, 1998), è un manuale introduttivo alla ricerca survey nelle scienze umane. Scopo dichiarato del volume è fornire agli studenti intenti a scrivere una tesi di ricerca gli strumenti teorici e pratici per condurre tutte le fasi della ricerca in modo metodologicamente corretto. Due sono infatti le peculiarità del volume: a) il tentativo esplicito di dare al prodotto una «centratura sull’utente», che in questo caso è uno studente di psicologia con un buon bagaglio teorico che deve accingersi a svolgere una tesi di ricerca; b) il tentativo di superare il divario teoria-pratica nei manuali di metodologia della ricerca.

  • 1 Mi riferisco alla definizione di Metodologia della ricerca data da Boudon come «attività critica ch (...)
  • 2 Pellerey M., Progettazione didattica, Torino, Sei, 1994, p. 10.
  • 3 Tale corso, inserito nell’ambito del progetto Leda (Learning Environment for Distance Apprenticeshi (...)

2Centrare il prodotto sull’utente significa partire da un modello esplicito del fruitore, definito sulla base della propria esperienza didattica, che individui le specifiche esigenze dei destinatari del testo, la terminologia più appropriata, i modelli didattici adeguati ai loro specifici stili cognitivi. Il risultato è un testo chiaro e scorrevole che prende per mano lo studente e lo guida passo per passo nelle varie fasi della ricerca, dai momenti più «alti» della definizione delle ipotesi di ricerca a quelli più «bassi» del caricamento e della pulizia dei dati. L’attenzione verso la pratica concreta di ricerca è cruciale. Non di rado infatti ad una buona preparazione teorico-metodologica del laureando si affianca una sostanziale carenza nella capacità di realizzare concretamente una ricerca: come progettare un questionario? Come caricare i dati sul calcolatore? Come elaborarli? Questa conoscenza pratica, spesso assente (o appena accennata) in molti manuali di metodologia e tecniche della ricerca, costituisce il naturale complemento e l’indispensabile prerequisito per la «messa in opera» della conoscenza teorica. La scarsa attenzione alle connessioni tra teoria e pratica di ricerca provoca, a seconda dei casi, uno sbilanciamento delle competenze di chi è chiamato a far ricerca empirica a favore della sola dimensione critica1, con il risultato di formare laureati in scienze umane che possiedono una conoscenza organizzata non in funzione dell’agire, del saper fare, ma del sapere e basta; non del risolvere problemi, bensì del giudicare2. Sul versante opposto uno sbilanciamento delle competenze a favore della dimensione risolutiva porta spesso all’applicazione acritica di tecniche di ricerca a dati e situazioni fattuali che non offrono i necessari prerequisiti, con risultati ancora peggiori. Il tentativo di superare questo dualismo teoria-pratica, unito ad una maggior attenzione verso le caratteristiche cognitive dei fruitori del testo, rendono il lavoro di Fulvia Ortalda parte integrante di un vero e proprio progetto didattico, come dimostra l’affiancamento al testo stesso di un corso telematico3 liberamente fruibile a distanza, organizzato in unità didattiche e momenti di autovalutazione per il discente.

  • 4 Fornaca R., Di Pol R. S., Dalla certezza alla complessità. La pedagogia scientifica del ’900, Milan (...)

3Il modello verso cui tende tale progetto didattico è quello del mastery learning (l’apprendimento per la padronanza) in cui, anziché privilegiare i risultati di un ristretto numero di allievi maggiormente dotati, si tende a migliorare la qualità e l’estensione del prodotto formativo mediante una nuova articolazione delle esperienze (lezione in aula, libro di testo, corso telematico, esercitazioni pratiche guidate), una riorganizzazione e riprogettazione dei contenuti del corso, una personalizzazione dei percorsi formativi, che inducano il maggior numero possibile di discenti a sviluppare processi cognitivi, affettivi, pratici, tali da modificare profondamente le caratteristiche, l’estensione, la qualità del proprio apprendimento4. Questo significa un’organizzazione del testo con capitoli divisi in paragrafi brevi e concisi, ciascuno illustrante un numero limitato di concetti esplicitati sotto forma di obiettivi e contenuti all’inizio di ciascun capitolo, con abbondanza di esempi e costanti riferimenti alla pratica di ricerca.

4Se la metodologia della ricerca va intesa, come propone Boudon, come l’attività critica che si applica ai prodotti della ricerca e le tecniche di ricerca vanno intese come le procedure concrete di raccolta, riduzione, analisi dei dati, esiste un’area grigia che si dovrebbe occupare del sapere pratico, spesso implicito, non scritto ed acquisito con l’esperienza, relativo al «come si conduce una ricerca», che armonizzi e renda operativi i saperi metodologici, tecnici, e tutte le altre attività collaterali (dal reperimento del materiale bibliografico, al caricamento dei dati, alla preparazione di un system file) che sono una parte niente affatto secondaria del lavoro effettivo degli scienziati sociali, ma anche degli studenti che si accostano per la prima volta alla ricerca empirica e non possono affidarsi ad un bagaglio di esperienze precostituite. Proprio l’attenzione a questa area grigia è uno dei contributi preziosi del volume di Ortalda.

5La metodologia della ricerca ha per sua natura un orientamento tendenzialmente transdisciplinare, e il significato di questa affermazione è duplice: da un lato indica che pur essendo la formazione dei singoli metodologi legata ad una specifica scienza sociale, l’ambito di applicazione dei diversi tipi di ricerca va spesso molto al di là della singola disciplina; dall’altro indica che alla definizione e conduzione dei diversi tipi di ricerca concorrono più discipline, tra le quali troviamo la statistica, l’informatica, le discipline che si occupano dell’analisi dei testi, tanto per citarne alcune, e tra tali discipline la telematica è sicuramente l’ultima arrivata e quella che sembra offrire gli spunti maggiormente innovativi. Un altro dei punti di forza del testo, che lo rende unico nel suo genere almeno per quanto riguarda il panorama italiano, è proprio l’attenzione dedicata al ruolo delle tecnologie telematiche nel processo di ricerca, argomento al quale è dedicato il capitolo dell’indagine conoscitiva. In tale capitolo vengono descritti in modo sintetico i servizi di rete e l’uso delle risorse bibliografiche on-line.

6Elementi di novità sono presenti anche nel capitolo che si occupa della progettazione della ricerca. Alla trattazione teorica sulle varie fasi della ricerca, vista come processo decisionale, vengono affiancate informazioni non meno utili, quali concetti base di informatica, costi medi di distribuzione dei questionari e delle interviste faccia a faccia e telefoniche (informazione probabilmente scontata per gli «esperti» della ricerca ma non per i novizi). Attenzione particolare è dedicata alla raccolta dei dati. Il capitolo affianca ad una trattazione teorica semplice, ma esaustiva per gli scopi del libro, numerosi consigli pratici sulla formulazione delle domande del questionario, corredati da esempi di domande ben formulate e mal formulate. La preparazione dei dati viene trattata partendo da concetti semplici ma indispensabili, come data entry, system file, missing value, e descrivendo in dettaglio le operazioni da compiere per ottenere una matrice dei dati «pulita». Da qui si passa a descrivere i livelli di scala delle variabili e si introduce l’analisi dei dati, presentando sinteticamente i software principali e definendo i momenti della descrizione, della spiegazione, dell’interpretazione. Il libro presenta l’analisi dei dati dividendola in analisi monovariata, bivariata e multivariata. È da notare l’attenzione che viene prestata nell’illustrare i concetti matematici dell’elaborazione dei dati in un linguaggio semplice e intuitivo, adatto anche agli studenti di scienze umane con uno scarso background matematico, pur non perdendo nulla in rigore e scientificità dell’esposizione. L’esposizione dei fondamenti matematici di ciascuna tecnica viene accompagnata e messa in relazione con gli output prodotti dal calcolatore (e con i comandi per ottenerli tramite il package statistico spss), tutti commentati in modo dettagliato, in modo che lo studente impari a «leggerli» e ad associare i costrutti teorici ai risultati prodotti dalle elaborazioni.

  • 5 Ricolfi L., Elementi di analisi dei dati, dispense per il corso di Metodologia della ricerca psicos (...)

7I momenti della descrizione, della spiegazione, dell’interpretazione vengono messi in relazione con le famiglie di tecniche di analisi. L’analisi monovariata viene assimilata al momento della descrizione, e comprende il calcolo di distribuzioni di frequenza, indici di tendenza centrale e dispersione e relative rappresentazioni grafiche. L’analisi bivariata viene assimilata ai momenti della descrizione e della spiegazione. Per il primo momento viene illustrata la costruzione di tabelle a doppia entrata per le variabili categoriali, il calcolo del coefficiente di correlazione per le variabili cardinali. Per il secondo momento viene illustrata l’analisi della varianza per le relazioni tra variabili categoriali e cardinali, e la regressione semplice per le variabili cardinali. L’analisi multivariata viene assimilata ai momenti della descrizione, spiegazione, interpretazione. Il capitolo riporta l’interessante classificazione proposta da Ricolfi5 per le tecniche di analisi dei dati, il quale propone una bipartizione delle tecniche in multivariate (il «linguaggio delle variabili») e di assegnazione (il «linguaggio degli oggetti»). Al primo gruppo appartengono i modelli di dipendenza (modelli logit quando le variabili dipendenti e indipendenti sono categoriali, modelli manova quando le variabili dipendenti sono cardinali e quelle indipendenti sono categoriali, modelli di regressione quando le variabili indipendenti e dipendenti sono cardinali), i modelli di attribuzione o interpretazione (ad esempio l’analisi fattoriale), gli schemi e i modelli di scomposizione (modelli log-lineari, analisi delle componenti principali, analisi delle corrispondenze). Al secondo gruppo appartengono le tecniche di scaling (ad esempio lo scaling multidimensionale) e di clustering (analisi dei gruppi). Il capitolo approfondisce poi i modelli log-lineari per il momento della descrizione, la regressione multipla per il momento della spiegazione, l’analisi fattoriale per il momento dell’interpretazione.

8Tutte le tecniche vengono illustrate riferendosi ai corrispondenti listati del package statistico spss e sono corredate di interessanti esempi applicativi. L’attenzione verso l’aspetto applicativo delle tecniche è, come già detto, uno dei punti di forza del libro ed emerge particolarmente all’atto di spiegare le tecniche concrete di analisi, illustrate con esempi chiari e comprensibili e con costante riferimento ai listati spss. L’attenzione verso l’aspetto didattico precedentemente menzionata emerge in questa sezione con la presenza di appendici matematiche che illustrano concetti di base quali «coefficiente angolare» o «metodo dei minimi quadrati». La filosofia dei capitoli sull’analisi dei dati si potrebbe quindi riassumere in: poche tecniche (le principali, le più usate) ma spiegate in modo chiaro, preciso, pratico, in modo che lo studente possa agevolmente apprenderle e padroneggiarle. Il volume termina con alcuni consigli sulla presentazione dei risultati della ricerca, in cui sono presenti numerosi consigli sui pacchetti software disponibili sul mercato.

9Fin qui i pregi del volume. È opportuno ora spendere due righe sui maggiori demeriti. Il volume risulta essere abbastanza parziale, soprattutto per quanto riguarda le tecniche di analisi dei dati. Lo studente alle prime armi in tema di metodologia della ricerca dovrebbe avere a disposizione una panoramica più ampia, anche sintetica e con rimandi alla letteratura esistente, delle tecniche di analisi dei dati più comuni, all’interno della quale il volume potrebbe approfondirne alcune, che risulterebbero correttamente contestualizzate all’interno del panorama generale. Il tentativo di fornire una visione d’insieme delle tecniche, pur presente nel volume, è a mio avviso insufficiente. La tipologia proposta da Ricolfi non viene approfondita quanto meriterebbe. Uno dei possibili rischi è che lo studente inesperto creda che le tecniche presentate nel testo siano le uniche disponibili (o le uniche di agevole applicazione), con una conseguente visione distorta della situazione. Un altro demerito è la scarsa attenzione dedicata nel volume agli aspetti epistemologici della ricerca, che in un manuale introduttivo di metodologia della ricerca dovrebbero sempre essere presenti, data la carenza di formazione epistemologica della maggior parte dei corsi di laurea in scienze umane. Per finire, si potrebbe notare come al vasto spazio dedicato alle reti telematiche nell’indagine conoscitiva non corrisponda un analogo spazio dedicato alla trattazione dei questionari telematici, sempre più utilizzati per i vantaggi offerti in termini di economicità e rapidità di rilevazione, che nel volume sono appena accennati.

10Come si vede comunque i pregi del volume superano abbondantemente i difetti. Pur non offrendo nulla di particolarmente nuovo sul piano scientifico esso, in congiunzione con il prodotto telematico che lo accompagna, costituisce un interessante progetto didattico, e come tale va valutato.

Torna su

Note

1 Mi riferisco alla definizione di Metodologia della ricerca data da Boudon come «attività critica che si applica ai prodotti della ricerca» (Boudon R., Borricaud F., Dizionario critico di sociologia, Roma, Armando, 1991, p. 279).

2 Pellerey M., Progettazione didattica, Torino, Sei, 1994, p. 10.

3 Tale corso, inserito nell’ambito del progetto Leda (Learning Environment for Distance Apprenticeship) di Renato Grimaldi e Roberto Trinchero, è disponibile all’indirizzo Internet http://www.cisi.unito.it/progetti/leda/ortalda.

4 Fornaca R., Di Pol R. S., Dalla certezza alla complessità. La pedagogia scientifica del ’900, Milano, Principato, 1993, p. 386.

5 Ricolfi L., Elementi di analisi dei dati, dispense per il corso di Metodologia della ricerca psicosociale, Facoltà di Psicologia, Università di Torino, 1997.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Roberto Trinchero, « Un progetto per la didattica della metodologia della ricerca nelle scienze umane »Quaderni di Sociologia, 20 | 1999, 162-165.

Notizia bibliografica digitale

Roberto Trinchero, « Un progetto per la didattica della metodologia della ricerca nelle scienze umane »Quaderni di Sociologia [Online], 20 | 1999, online dal 30 novembre 2015, consultato il 30 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1428; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1428

Torna su

Autore

Roberto Trinchero

Dipartimento di Scienze dell’Educazione – Università di Torino

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search