Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri19teoria e ricercaRivendicando il ruolo della tipol...

teoria e ricerca

Rivendicando il ruolo della tipologia

Alberto Marradi e Francesca Rodolfi
p. 102-136

Note della redazione

I parr. 1-5 sono stati redatti da Alberto Marradi; i parr. 6-10 sono stati redatti da Francesca Rodolfi.

Testo integrale

1Intendiamo rivendicare il ruolo portante delle operazioni classificatorie, e in particolare della costruzione di tipologie, nelle scienze umane. Tale ruolo è stato riconosciuto come centrale in tutto lo sviluppo del pensiero occidentale sin dai tempi di Aristotele, ma da un paio di secoli viene ridimensionato molto al di là di quello che sembra opportuno, per ragioni che esamineremo dopo aver ricordato le caratteristiche di classificazioni e tipologie nella dottrina classica.

1. La dottrina classica e i suoi problemi

21.1. Nella dottrina classica, i generi si suddividono in specie considerando un (solo) aspetto dell’intensione del concetto di genere (aspetto che i filosofi scolastici hanno chiamato fundamentum divisionis) e articolandolo. Se il fundamentum è uno solo, queste specie si dicono classi.

3I confini fra le classi sono rigidamente delimitati: data una qualsiasi coppia di classi, nessun referente dev’essere attribuibile ad entrambe le classi della coppia (mutua esclusività). La dottrina classica vuole anche che il complesso delle classi istituite con una classificazione sia esaustivo: ogni possibile referente del concetto di genere che si è articolato classificando dev’essere stato assegnato ad una delle classi. Considerate insieme, la mutua esclusività di ogni possibile coppia di classi e l’esaustività del loro complesso garantiscono che ogni referente del concetto di genere sia assegnato ad una ed una sola delle classi che lo specificano.

4I requisiti della dottrina classica sono perfettamente ragionevoli, ed è abbastanza agevole rispettarli quando i referenti che si vogliono classificare sono pensati a tavolino. I problemi nascono allorché si vuole applicare la classificazione a referenti tangibili (come minerali, piante, animali) e anche non tangibili, ma indirettamente esperibili, come sensazioni, sentimenti, e così via. Teofrasto, allievo e successore di Aristotele come direttore del museo-biblioteca-orto botanico del Lyceum, fu il primo a rilevare l’esistenza di innumerevoli gruppi intermedi fra le specie riconosciute. Venti secoli dopo gli fece eco Buffon (1749-88), direttore dei reali orti botanici del Lussemburgo a Parigi. Come osservava Jevons, «le forme viventi non ammettono rigorose linee di demarcazione» (1874, p. 724), e ogni categorizzazione è in qualche misura una forma di violenza.

5Di conseguenza, non sempre l’appartenenza di un referente a una delle classi arbitrariamente costituite è determinabile in modo univoco (sì o no). Talvolta è una questione di grado, come hanno sostenuto i cognitivisti (Rosch, 1973; Lakoff, 1987), appoggiandosi a interessanti ricerche empiriche.

6Inoltre, un referente può essere attribuito (da osservatori diversi, o anche dallo stesso osservatore in momenti diversi) a classi diverse della stessa classificazione: l’obiettivo della mutua esclusività di ogni coppia di classi viene infatti conseguito solo stabilendo delle regole irrealisticamente semplici e rigide – che spesso vengono poi applicate in modo aleatorio e incoerente.

7Peraltro, spesso le classificazioni sono effettuate – anche nelle scienze umane – in modo assai meno rigoroso: alcune classi sono illustrate a fondo, altre meno; i loro confini, e persino il loro numero, sono talvolta lasciati vaghi. Comunque, il mero fatto di essere giustapposto a uno o più concetti in una struttura di alternatività distingue un concetto di classe da un concetto qualsiasi, e la classificazione dalla denominazione (Mill, 1843, iv. vii. 1). Anche se i confini fra le classi non sono rigidi come si ritiene auspicabile, un concetto di classe, per il fatto di appartenere ad una classificazione, ha un’intensione – e quindi un’estensione – molto più delimitata del corrispondente concetto considerato isolatamente.

8L’osservazione più importante da fare è che, essendo frutto di un arbitrario intervento del soggetto pensante su un qualche settore della realtà, le classificazioni non sono né vere né false. «Un modo di segmentare non è né vero né falso» osserva Bateson (1972/1976, p. 137). Lo stesso si può dire, oltre che naturalmente per i concetti, per le tipologie e le tassonomie. Creiamo queste strutture concettuali per organizzare i nostri referenti, ma ciò non implica (o meglio, non dovrebbe implicare) affatto la pretesa che la realtà sia organizzata proprio in quel modo.

9Se è vero che concetti e strutture concettuali non affermano nulla circa i loro referenti, e quindi non sono pensabili come veri o falsi, è vero anche che essi sono componenti necessarie di tutte le affermazioni possibili, e in un certo senso le predispongono; individuano infatti oggetti cognitivi a proposito dei quali si potranno formulare affermazioni pensabili, e talvolta empiricamente controllabili, come vere o false. Il fatto che una classificazione non sia né vera né falsa non comporta affatto la conclusione che ogni classificazione sia equivalente e intercambiabile con ogni altra. Il confronto tra classificazioni alternative dovrà però essere condotto in base ad altri criteri: una valutazione (in larga misura rimessa alla conoscenza tacita, non esplicitabile e meno che mai formalizzabile) del grado di corrispondenza fra le soglie divisorie fra le classi e le zone di maggiore discontinuità nell’insieme dei referenti; l’utilità per specifici scopi cognitivi e/o operativi; una valutazione di quanto bene siano bilanciate la sensibilità (che induce a moltiplicare le classi per accrescere la precisione con cui sono rappresentate le caratteristiche dei referenti) e la parsimonia (che invece suggerisce di limitare il numero delle classi per mantenerne un miglior controllo concettuale).

 

  • 1 Peraltro in linguistica si tende ad usare il termine ‘tipo’ anche quando il fundamentum è uno solo, (...)

101.2. Mentre una classificazione si produce articolando un solo fundamentum divisionis, una tipologia viene prodotta articolando simultaneamente due o più fundamenta, cioè due o più aspetti dell’intensione di un concetto di genere. In tal modo, anziché una serie unidimensionale di classi, si crea un insieme n-dimensionale di tipi (dove n è il numero dei fundamenta). Un tipo è pertanto un concetto la cui estensione è l’intersezione delle estensioni delle n classi che vengono combinate per formarlo1.

11Ogni tipo è il prodotto logico di n classi (una per ciascun fundamentum), e quindi gode della proprietà commutativa di tutti i prodotti (Cohen e Nagel, 1934, p. 123). Ciò significa che l’ordine in cui sono considerati i vari fundamenta è irrilevante: il tipo delle persone di nazionalità italiana e di professione medici coincide con il tipo dei medici che hanno nazionalità italiana.

  • 2 Li richiamiamo in breve: spesso si categorizzano referenti che presentano variazioni continue tra l (...)

12Nella dottrina classica, i tipi devono essere mutuamente esclusivi e complessivamente esaustivi come le classi. Ma i problemi che abbiamo evidenziato a proposito dell’attività classificatoria2 si presentano inalterati anche a proposito dell’attività tipologica. E anche i tipi, come le classi, non si possono ritenere né veri né falsi, ma solo utili, plausibili, in varia misura sensibili o parsimoniosi.

13A proposito di sensibilità, si può ragionevolmente ritenere che più aumenta il numero dei fundamenta considerati, e di conseguenza il numero delle suddivisioni (vedine il motivo poco più avanti), più aumenta la probabilità che ogni singolo referente si avvicini a uno dei tipi astrattamente definiti. Questa ragionevole aspettativa non deve peraltro indurci a ritenere che un referente empirico debba, o possa, corrispondere esattamente al tipo astratto cui è attribuito (Tiryakian, 1968, p. 179).

14Oltre che per via intensionale – cioè articolando più fundamenta simultaneamente – una tipologia può essere costruita per via estensionale. Ciò si ottiene raggruppando, con tecniche come la cluster analysis, oggetti o eventi di un insieme in due o più sottoinsiemi in modo da massimizzare la somiglianza fra membri dello stesso sottoinsieme e la diversità fra membri di sottoinsiemi diversi. Dato che le proprietà considerate in questa operazione sono naturalmente più di una, il risultato sarà una tipologia piuttosto che una semplice classificazione.

15Anche nel prodotto logico che costituisce una tipologia, come per tutti gli altri prodotti, il numero dei tipi (talvolta indicato come la «potenza» della tipologia) è una funzione moltiplicativa del numero di classi in ciascuno dei fundamenta considerati. Questa circostanza ha tre conseguenze negative: 1) il numero dei tipi è alto anche se si combinano solo pochi fundamenta con poche classi ciascuno, e in ogni altro caso è altissimo; 2) è probabile che alcuni dei tipi così costruiti siano una mera possibilità logica, priva di interesse pratico, e magari anche concettuale; 3) è ancora più probabile che alcuni tipi abbiano estensione nulla o ridottissima, cioè abbiano pochi o nessun referente. «Non è detto che tutti i tipi che risultano dalla combinazione dei fundamenta divisionis abbiano lo stesso grado di corrispondenza a situazioni reali: alcuni tipi potranno risultare meglio caratterizzati e più centrali di altri come strumento di analisi» (Crespi, 1993, p. 101).

16Spetta alla ricerca empirica rilevare quali tipi costituiti dalla combinazione delle classi trovino referenti significativi e quali non. Per il sociologo americano Stinchcombe (1968, p. 47) mostrare che alcune combinazioni astrattamente possibili non hanno riscontro nella realtà è la principale funzione della riflessione tipologica nella scienza. Per il linguista danese Hjelmslev, chiedersi perché alcune combinazioni sono possibili, mentre altre non lo sono, è la domanda affrontando la quale ci si avvicina di più a cogliere la natura del fenomeno linguistico (Hjelmslev 1943/1968, p. 10).

  • 3 È quanto fa sistematicamente Parsons in buona parte delle sue opere, e quanto fanno ad esempio anch (...)

17D’altra parte, riflettere sull’astratta combinazione di caratteristiche che costituiscono un tipo può suggerire nuovi concetti, utili per considerare alcuni aspetti della realtà studiata sotto un diverso punto di vista3.

18Le osservazioni circa la regolare presenza, o assenza, di una certa caratteristica tenderanno ad arricchire l’intensione di un concetto di tipo. Uno degli esiti auspicabili del riscontro empirico dei tipi creati in astratto è la scoperta, o intuizione, che l’intensione di un tipo è più articolata di quello che sarebbe implicato dal prodotto logico delle intensioni delle classi che lo formano. «Quando uno psicologo descrive il tipo introverso, egli spera che la ricerca troverà sempre nuovi attributi che entrano in quella particolare combinazione» (Lazarsfeld, 1937, p. 129). Si potranno sviluppare spiegazioni del fenomeno, si predirà la presenza o assenza di altre caratteristiche; in tal modo quel dato concetto di tipo acquisterà un certo grado di autonomia semantica rispetto ai concetti di classe dei quali originariamente era il prodotto logico.

2. Riduzione e ricostruzione di tipologie

19Un rimedio abituale alla proliferazione del numero dei tipi è la riduzione di tale numero, e quindi della complessità della tipologia. Anziché eliminarli (il che vanificherebbe l’esaustività), si procede aggregando due o più tipi in uno solo, che avrà estensione più vasta e intensione meno articolata (Hempel e Oppenheim, 1936). Il processo di aggregazione deve essere governato da considerazioni di prossimità semantica fra i tipi (alla luce degli scopi per cui è costruita la tipologia), temperate dall’opportunità di bilanciare la loro estensione. Non è opportuno fondere due tipi, quale che sia la loro prossimità semantica, se la loro estensione congiunta soverchia le estensioni degli altri tipi.

20Alcuni autori operano una riduzione esplicitamente, giustificando l’operazione nel complesso e i suoi singoli passaggi (ad es. Fromm, in Horkheimer, Fromm e Marcuse, 1936 e Merton, 1949, vedi oltre, § 9; Huntington, 1968, vedi §10). Altri la operano senza giustificarla, e magari neppure menzionarla (v. ad es. Nie e Verba, 1975, vedi oltre, § 10; Fromm, 1929, vedi § 6; Sorokin, 1947, vedi § 9).

21È normale che nella vita quotidiana si formino concetti di tipo senza preoccuparsi di stabilire preliminarmente i fundamenta divisionis e di considerare tutte le possibili combinazioni. Peraltro, si può dire lo stesso anche per molte delle tipologie pubblicate nelle scienze sociali: tra le più note, le tipologie di sistemi politici di Shils (1958) e di Friedrich (1970); la tipologia dei tipi libidici di Freud (1931, vedi oltre, § 6); le due tipologie dei gruppi e delle società globali di Gurvitch (1950, vedi oltre, § 9); la tipologia di venditrici (shop-girls) di Wright-Mills (1951).

22Talvolta studiosi diversi dall’autore si sono industriati a ricostruire inferenzialmente i fundamenta impliciti in una nota tipologia. Questa operazione, che Lazarsfeld ha chiamato «substruzione» (1937) e poi «ricostruzione» (dal 1962 in poi), è stata eseguita dallo stesso Lazarsfeld sulla tipologia delle relazioni di autorità proposta da Fromm e sulla tipologia di norme sociali proposta da Kingsley Davis (Lazarsfeld e Barton, 1951; vedi anche oltre, § 7). Altre note ricostruzioni sono state operate da Parsons (1951) sulla tipologia di suicidi proposta da Durkheim (1897), da Smelser (1976; vedi anche oltre, § 9) sulla tipologia weberiana delle forme di autorità e da Capecchi (1966; vedi anche oltre, § 9) sulla tipologia mertoniana delle forme di orientamento all’azione sociale.

23L’importanza della ricostruzione è stata correttamente percepita dagli studiosi sensibili agli aspetti metodologici; qualcuno la ha giudicata addirittura coessenziale alla stessa classificazione: «Lo scopo della classificazione… è ordinare i tipi noti, mostrandone somiglianze e differenze,… identificando il sistema sottostante delle proprietà… e individuando i tipi non ancora studiati che sono generati dallo stesso sistema» (Berger e Zelditch, 1968, p. 447).

3. La fallacia essenzialista

  • 4 Non solo occidentale: ad esempio la dottrina indiana delle categorie, contenuta nel Vaisesika sutra(...)
  • 5 Questa fallacia di reificazione delle categorie non è stata certo una caratteristica del solo pensi (...)

24Non è stato affatto facile per il pensiero occidentale4 raggiungere la piena comprensione della natura stipulativa di classificazioni e tipologie, cioè del fatto che esse organizzano il nostro pensiero attorno alla realtà, ma non sono in sé pensabili come vere o false. Nella Grecia della tarda classicità (periodo aristotelico e alessandrino) si praticava la classificazione come esercizio intellettuale; ma una volta prodotti e accettati, questi strumenti intellettuali erano concepiti, dalle stesse scuole filosofiche che li avevano elaborati, come un fedele rispecchiamento delle divisioni e delle gerarchie esistenti nella realtà5.

25Platone pensava che ogni entità avesse una forma ideale, cui corrispondeva un concetto tipologico nella mente. I suoi 5 μέγιστα τϖν γενϖ (i più grandi di tutti i generi), così come le 10 categorie dei pitagorici, erano visti come attributi sia dell’essere sia del pensiero.

  • 6 Gli oggetti classificati erano quasi sempre animali e painte: per questo motivo dala grecità in poi (...)

26Per Aristotele, la gerarchia fra generi, specie e sottospecie di animali e piante6 aveva natura ontologica, e quindi fissa e indipendente dall’attività conoscitiva dell’uomo; l’osservazione empirica dei vari esemplari serviva ad enucleare i caratteri accidentali e variabili, isolando la sostanza di ciascun genere e di ciascuna specie entro il suo genere. L’attività tassonomica, che – attribuendo gli individui alle specie e le specie ai generi – scopriva e definiva le caratteristiche necessarie e immutabili di specie e generi, produceva la forma ideale di conoscenza, perché collocava ogni pianta e ogni animale al suo posto nell’ordine cosmico, ed esplicitava i criteri con cui quell’ordine è strutturato. Anche le modifiche eventualmente apportate dall’adattamento all’ambiente erano considerate accidentali, non tali da intaccare la natura eterna e immutabile delle specie. «La definizione aristotelica [di specie] non lascia posto ai cambiamenti… Se le specie cambiano, esse non esistono, perché le cose che mutano non possono esser definite e di conseguenza non esistono» (Ghiselin, 1969/1981, p. 87).

  • 7 Per essenzialismo si intende la tesi che il pensiero umano coglie – o può cogliere – l’essenza dell (...)

27Appena una generazione dopo Aristotele, il suo allievo Teofrasto (vedi sopra, § 1.1) manifestò invece la convinzione che le specie animali e vegetali fossero instabili ed evolvessero rapidamente; qualche secolo dopo il neo-platonico Porfirio di Tiro prendeva chiaramente le distanze dall’essenzialismo7 della filosofia greca classica: «Intorno ai generi e alle specie non dirò se essi sussistano o siano posti soltanto nell’intelletto; né, nel caso che sussistano, se siano separati dalle cose sensibili o situati nelle stesse cose sensibili ed esprimenti i loro caratteri uniformi» (Isagoge alle Categorie).

  • 8 Nella dottrina di Aristotele, la διαϕορά (differenza) è quell’attributo che distingue una data spec (...)
  • 9 La seconda di queste frasi fa pensare che Linné sia convinto di essere riuscito ad individuare le s (...)

28Ma questo punto di vista era molto in anticipo sui tempi: per secoli e secoli nelle scholae dell’Occidente si insegna a definire per genus et differentiam («per genere prossimo e differenza specifica»)8, e i logici scolastici sviluppano con notevole finezza la dottrina aristotelica della classificazione. Per tutto il Medio Evo si continua a ritenere universalmente che le tassonomie aristoteliche riproducano l’ordine della creazione; all’alba dell’età moderna, nello stesso spirito sono concepite ed accettate le tassonomie di Mattioli, Cesalpino, Bauhin, Aldrovandi, John Ray, che sostituiscono quelle aristoteliche. Lo stesso Linné in pieno Settecento resta un convinto assertore dell’essenzialismo e della fissità delle specie: «Species tot sunt quot diversas formas ab initio produxit Infinitum Ens… Species tot numeramus quot diversae formae in principio creatae sunt» (1770, § 157)9.

29Si può dire che nelle attività classificatorie/tipologiche si manifestava nel modo più evidente la fallacia essenzialista, cioè la convinzione – di origine parmenideo-platonica prima ancora che aristotelica – che il pensiero fosse in grado di attingere le essenze; convinzione che ha generato innumerevoli confusioni fra i piani ontologico e gnoseologico.

4. L’evoluzionismo, il sopravvivere della fallacia essenzialista, l’emergere della fallacia scientista

304.1. Per ancora un secolo dopo Linné, botanici e zoologi continuano a credere che le specie vegetali e animali esistano, in numero e con caratteristiche immutate, sin dalla creazione. Fra le voci dissenzienti, Buffon (vedi sopra, § 1.1), Goethe, che criticava Linné, e soprattutto Lamarck, allievo di Buffon. Per Lamarck, gli organismi si modificano per adattarsi all’ambiente, e trasmettono tali modifiche per via ereditaria. Le specie si sviluppano così l’una dall’altra, dalle più semplici alle più complesse (1809; 1815-22).

31Questa prima versione dell’evoluzionismo non convince la maggioranza dei naturalisti. Georges Cuvier mobilita le prime conoscenze sui fossili e argomentazioni di anatomia comparata per sostenere con autorevolezza la tesi della stabilità morfologica delle specie (1800-1815). La tesi della fissità delle specie vegetali e animali sarà abbandonata solo sul finire dell’800, sotto i colpi di Darwin, che la condanna già nel titolo della sua opera principale (1859). Solo il successo del darwinismo mise fine alla convinzione che le specie animali e vegetali fossero restate immutate dai giorni della creazione. Una comunità scientifica irretita da un’ontologia statica fu finalmente costretta a prestare attenzione alla dimensione diacronica; la filogenesi sostituì la morfologia come criterio-guida, e le tassonomie furono reinterpretate come genealogie (Ghiselin 1969).

  • 10 Secondo una corrente di zoologi e botanici contemporanei, i cladisti, quest’uso disinvolto degli st (...)

32D’altra parte, gli evoluzionisti caddero per la via opposta nello stessa fallacia degli essenzialisti, confondendo il piano gnoseologico e quello ontologico. Trovate colpevoli di un’ontologia errata, classificazioni e tassonomie furono screditate anche come strumenti cognitivi, e gli evoluzionisti le ripudiarono come anticaglie da conservatori. Thomas Henry Huxley, il maggiore degli evoluzionisti inglesi dell’Ottocento, proclamò (1881) che era l’ora di smettere di impantanarsi nella semantica e nelle definizioni10.

 

334.2. I naturalisti che hanno continuato a dedicarsi a classificazioni e tassonomie hanno finito comunque per darne interpretazioni essenzialiste. La ricerca della «classificazione naturale», che già preoccupava Linné (vedi sopra, nota 10), divenne il tema dominante in zoologia e botanica nella seconda metà dell’800. Come hanno rilevato Sneath e Sokal (1973, p. 19), «nei primi tempi ciò significava una classificazione che fosse in accordo con la natura, contrapposta ad una artificiale ed arbitraria». Poi i più avvertiti trasferirono il concetto dal piano ontologico a quello epistemologico, reinterpretando ‘naturale’come «utile per un’ampia gamma di generalizzazioni induttive» (Gilmour 1940, p. 466) e «dotato di rilievo sistematico» (Huxley 1940, p. 15). Tuttavia, in pieno Novecento, in un testo classico dell’empirismo logico si poteva ancora leggere che «una classe naturale è basata sul carattere fondamentale delle cose» (Lenzen 1938, p. 32). Tutto sommato, è difficile dar torto al grande zoologo Ernst Mayr quando rileva che «il concetto di classificazione naturale è così permeato di ideologia essenzialista-creazionista che il suo uso provoca inevitabilmente dei malintesi» (1969, p. 67).

 

34Il problema non riguarda solo le scienze naturali: Parsons, Sorokin, Durkheim sono stati accusati di reificare le loro tipologie, cioè di attribuire status ontologico ai tipi da loro stessi creati (l’accusa è di Mc Kinney, 1966, pp. 17-18); il sofisticato epistemologo argentino Mario Bunge ha sostenuto che «se la classificazione è adeguata… la classe, un prodotto dell’attività intellettuale, avrà uno status oggettivo» (1959/1970, pp. 292-3). «La reificazione delle tipologie è una tentazione e un trabocchetto ricorrente» giudica Tiryakian (1968, p. 177); ciò in tutte le attività intellettuali, se anche il matematico Whitehead la individuò e la battezzò «fallacia della concretezza fuori luogo».

35È difficile accettare l’idea che «generi e specie sono la creazione arbitraria della mente del naturalista» (Jevons 1874, p. 725) e che «altri avrebbero potuto operare il raggruppamento in altri modi» (Kuhn 1974, p. 507). Il fatto che noi creiamo queste strutture concettuali non conferisce loro «alcuna eccellenza esclusiva; ci saranno senz’altro molte strutture alternative, ciascuna con i suoi vantaggi e svantaggi» (Jevons 1874, p. 677). «Non ci sarebbe niente di strano a dichiarare che ci sono più tassonomie alternative, ciascuna con i suoi criteri. Ma questo non sembra accettabile da molti… Perché il punto di vista che c’è una sola tassonomia corretta è così radicato?» si chiede Lakoff (1987, p. 21). E Toraldo di Francia osserva: «è piuttosto grottesco» che, dopo aver costruito noi stessi classi e tipi, «cominciamo a domandarci quali sono le loro proprietà necessariamente vere in natura» (1986, p. 189; corsivo nostro).

 

  • 11 Come si è visto, questo risultato indiretto era stato ottenuto senza molto scalfire l’interpretazio (...)

364.3. Gli evoluzionisti avevano attaccato, a rigore, solo l’interpretazione essenzialista di classificazioni, tipologie e tassonomie; solo indirettamente il loro attacco aveva gettato discredito su quegli strumenti intellettuali in se stessi11. Un attacco diretto al ruolo delle operazioni classificatorie e tipologiche è stato invece sferrato da empiristi logici, comportamentisti e operazionisti, secondo i quali tutte le scienze si sarebbero potute sviluppare solo imitando la scienza-paradigma, la fisica dell’Ottocento. Poiché in fisica – si sosteneva – la classificazione è stata superata dalla misurazione, tutte le scienze che volevano conseguire gli stessi successi raggiunti dalla fisica dovevano abbandonare le attività classificatorie in favore della misurazione.

37Talvolta questa tesi è stata suggerita sottilmente: «il concetto di tipo ha svolto un ruolo significativo in varie fasi dello sviluppo della scienza. Molti dei suoi usi hanno ormai soltanto interesse storico; ma certe discipline, specialmente la psicologia e le scienze sociali, hanno continuato fino ad oggi ad impiegare concetti tipologici» (Hempel 1952, p. 66). Altre volte il feticcio della misurazione, insieme con le sue motivazioni, si è manifestato più scopertamente: «se la misurazione dei fenomeni sociali è possibile, il cammino delle scienze sociali conduce sullo stesso difficile ma non insuperabile terreno sul quale la fisica e le altre scienze hanno progredito fino ai loro cospicui trionfi attuali… Il cammino della scienza ci attrae sia per i risultati che può raggiungere sia per il prestigio accademico e pubblico» (Lundberg 1938, pp. 197 e 200).

38Sono state sollevate obiezioni a vari passaggi di questa argomentazione:

  1. Ammesso che anche le scienze sociali vogliano raggiungere il prestigio delle scienze fisiche, non si può dare per scontato che debbano, o anche possano, farlo battendo le stesse strade. Tra i molti che lo hanno affermato, epistemologi (Husserl 1954; Kaplan 1964; Mokrzycki 1983; Bruschi 1996), psicologi (Mackenzie e Mackenzie 1974; Parisi e Castelfranchi 1978), antropologi (Evans Pritchard 1963; Leach 1968), sociologi (Merton 1949; Znaniecki 1950 e 1969; Mc Kinney 1966; Rex 1971; Collins 1975; Giddens 1976; Duncan 1984; Crespi 1985), politologi (Bay 1965; Heckscher 1963), economisti (Hayek 1952) e anche fisici e astronomi (Whewell 1840; Cini 1994).

  2. Vari altri strumenti, oltre alla misurazione, e molti altri fattori hanno contribuito ai successi della fisica: lo hanno rilevato fra gli altri Russell (1931), Zetterberg (1954), Rosenblith (1961), Kuhn (1962), Kaplan (1964), Wiener (1964), Simon (1978), Berka (1983).

  3. La misurazione non sostituisce ma integra la classificazione, perché la scelta di un’unità di misura segmenta il continuum di una proprietà in una serie di classi che hanno tutte le caratteristiche delle classi di uno schema di classificazione, e in più rapporti quantitativi fra loro. Lo hanno osservato McGregor (1938), Parsons (1938), Schumpeter (1939), Bunge (1967), Duncan (1984). Concorda anche l’autore di uno dei testi classici dell’approccio comportamentista alla ricerca sociale: «ogni livello di misurazione include, come requisito minimo, una procedura di classificazione» (Blalock 1960/1970, p. 28).

  4. I fisici misurano proprietà che concepiscono come continue e per le quali hanno stabilito delle unità di misura. Ma nelle scienze sociali le proprietà del genere sono assai poco numerose (Sorokin 1937-41; Lazarsfeld e Thielens 1958; Kaplan 1964; Kanger 1972; Clark 1977; Wolins 1978; Eiser 1980; Berka 1983).

 

39Nel periodo in cui le scienze sociali sono state dominate dall’empirismo logico e dal comportamentismo, e quindi hanno sofferto di un complesso di inferiorità particolarmente acuto verso la fisica, termini sospetti di contaminazione per la loro origine filosofica, come ‘classificazione’, ‘tipologia’e ‘tassonomia’, sono stati banditi. La Encyclopedia of the Social Sciences del 1930 non contemplava neppure una di queste tre voci. La International Encyclopedia of the Social Sciences del 1968 prevedeva solo la voce ‘typology’. Per lo stesso sospetto di contaminazione filosofica, neppure al termine ‘teoria’quelle due enciclopedie avevano dedicato una voce – per quanto ciò possa apparire inconcepibile nell’attuale temperie epistemologica.

40Anche nella presente fase di reazione contro neopositivismo e behaviorismo, i pregiudizi sul ruolo delle attività classificatorie e tipologiche non sono affatto superati. Anche secondo uno dei maggiori esponenti della sociologia anti-positivista, «la ricerca di schemi categoriali eleganti e onni-comprensivi non è certo l’essenza di una scienza esplicativa» (Collins 1975, p. 114). Si sostiene anche che «lo stesso successo di una classificazione tipologica può. . congelare il livello della spiegazione… Le classificazioni tipologiche nelle scienze sociali sono in parte responsabili del ritardo di una più potente spiegazione teoretica» (Tiryakian 1968, p. 179).

  • 12 O, per dirla con il Wittgenstein del Tractatus, gli «stati del mondo».

41Si può sostenere che la convinzione della superiorità del sapere assertorio (teorie e spiegazioni) sul sapere non assertorio (concetti, classificazioni ecc.) ha le sue radici in un residuo tenace di realismo gnoseologico (l’assunto che i nostri concetti ritraggano fedelmente gli oggetti)12 e di «certismo» epistemologico – neologismo col quale designo la convinzione che si possa stabilire con certezza la verità/falsità delle nostre asserzioni attorno al mondo. Se i nostri concetti – compresi i concetti classificatori e tipologici – ritraggono fedelmente i loro referenti, li possiamo considerare non-problematici, e concentrarci sugli asserti o sistemi di asserti (ipotesi, teorie, modelli, leggi, spiegazioni), che ci diranno come gli oggetti si comportano, gli eventi causano altri eventi, gli «stati del mondo» evolvono, etc.

42Il ripudio di una gnoseologia realista – tutt’altro che acquisito malgrado le critiche all’essenzialismo – comporta la consapevolezza del fatto che i concetti sono strumenti del nostro rapporto cognitivo con la realtà, e come tutti gli strumenti non sono né veri né falsi, ma sono più o meno utili, più o meno appropriati. Il miglioramento del patrimonio concettuale (quindi dei nostri schemi classificatori, tipologici e tassonomici) è pertanto un’opera cruciale di affinamento degli strumenti. L’angosciosa questione se classificazioni e tipologie debbano essere considerate conoscenza o preliminari alla conoscenza (Gil 1981, p. 1024) può essere risolta da ciascuno senza drammi, a seconda di come egli giudicherebbe la familiarità col lessico di una lingua: è essa stessa conoscenza, o solo preliminare alla conoscenza di ciò che può esser detto in quella lingua?

  • 13 Alludo al fatto che nelle scienze umane da un secolo a questa parte vengono designate come ‘misuraz (...)

43Alla luce di queste considerazioni, sostenere che l’attività classificatoria ha bloccato lo sviluppo di una scienza esplicativa potrebbe suonare come sostenere che Pierino non sa ancora dire nulla in inglese perché ha perso tutto il tempo a imparare i termini di quella lingua. D’altra parte, sostenere che la misurazione è più scientifica della classificazione potrebbe suonare come sostenere che una certa lingua, essendo «aggettivale», dovrebbe essere parlata sostituendo sempre i nomi con gli aggettivi, o mascherando i nomi da aggettivi13.

44È congeniale alla scienza affrontare ciascun problema con lo strumento adeguato, non usare lo stesso strumento per qualunque problema. Non ci sono strumenti scientifici o non scientifici di per sé, ed ogni gerarchia di strumenti in termini di dignità scientifica, indipendentemente dai problemi e dagli scopi, è priva di senso.

 

45Questi, in sintesi, i motivi per cui ci è sembrato opportuno levare una protesta contro l’immagine indebitamente riduttiva del ruolo delle tipologie – frutto di una riflessione epistemologica che si può giudicare superficiale e attardata ai canoni di un positivismo ottocentesco.

46Dopo un breve excursus che mostra la straordinaria varietà dei significati attribuiti al termine nel corso dei secoli e nelle varie discipline, scientifiche e non, ricorderemo alcune delle principali tipologie proposte nelle scienze umane e in filosofia politica, per sottolineare l’importanza del contributo che la riflessione tipologica ha dato al patrimonio di tali discipline, e quindi al pensiero umano in generale.

5. Origine e accezioni del termine

47Il termine ‘tipologia’deriva dal greco τυπος (impronta, conio, modello) combinato con la radice λογος (discorso, ragione). Il significato originario del termine τυπος sopravvive in italiano in una delle accezioni del termine ‘tipo’, passata nei composti ‘tipografia’, ‘tipografico’. Peraltro anche nel greco classico le accezioni principali del termine τυπος hanno subìto un rapido processo di metaforizzazione (passaggio da referenti tangibili a referenti non tangibili) – osservabile anche in χαρακτηρ (carattere), che anch’esso significava originariamente impronta.

48Il senso etimologico del termine italiano ‘tipologia’(come dell’identico termine spagnolo e dei paralleli termini typology in inglese, typologie in francese e tedesco) è quindi qualcosa come «dottrina dei tipi» o «riflessione sui tipi».

49Nel corso dei secoli e per la proliferazione e divaricazione delle discipline, da questo senso originario sono state derivate – come naturale – altre accezioni.

50In teologia, e in particolare nella patristica, per ‘tipologia’ si intese lo studio di episodi e persone descritte nell’Antico Testamento (tipi) per individuare precorrimenti allegorici di episodi e persone del Nuovo Testamento (anti-tipi). Questo programma di ricerca, che in Origene e in altri padri aveva la funzione di sottolineare la continuità e la comune ispirazione divina dei due testi, e in questo senso fornì spunti all’arte sacra nel Medio Evo, divenne poi un’esercitazione e uno sfoggio di abilità retorica, cadde in discredito e venne abbandonato.

51Nel campo della produzione artistica il termine venne a designare non solo uno strumento intellettuale, ma anche una specifica disciplina che persegue l’esigenza di introdurre un qualche ordine – in base a criteri funzionali, oppure formali/stilistici, oppure iconografici, e così via – nella molteplicità delle opere d’arte. Spesso ai tipi individuati venne attribuita una forte valenza normativa, come nella teoria dei generi di Leon Battista Alberti, ripresa da Poussin, Watelet e altri, che dominò in pittura fino alla rivoluzione impressionista.

52Blondel, architetto e storico dell’architettura francese, si richiamò esplicitamente al senso originario (impronta) del termine τυπος legandolo alle particolari finalità di ciascun edificio (1771-77). Durand confrontò edifici antichi e moderni entro ciascun tipo di una tipologia funzionale (1807). Nel quadro del revival neoclassico della prima metà dell’800, l’architetto Quatremère de Quincy (1832) precorse gli economisti e Weber formulando il concetto di tipo ideale e la relativa espressione. Traendo legittimazione dalla Poetica di Aristotele, non di rado i tipi individuati venivano ordinati con criteri assiologici, attribuendo il primato alle opere d’arte di soggetto religioso o storico.

53Spesso lo studio dei tipi era contrapposto, o quanto meno giustapposto, allo studio delle forme (morfologia), che si limita ai caratteri esteriori mentre la tipologia individuerebbe tratti comuni più fondamentali, strutturali o latenti. A questo principio si ispirano per esempio le radicali innovazioni (rispetto a Linné) introdotte da Cuvier nelle sue tassonomie zoologiche (1800-1815).

  • 14 Ad esempio Pfister (1928), Tenbruck (1959). Per un legame con Jellinek più forte della mera adozion (...)

54Nelle scienze sociali moderne i primi a sottolineare l’importanza del concetto di tipo come strumento intellettuale sono gli economisti Walras e Menger. Entrambi contrappongono «tipi reali» e «tipi ideali», questi ultimi orientati a una conoscenza che «trascende l’immediata esperienza» (Menger 1883, p. 34; cfr. Walras 1874-77, I, p. 150). Secondo alcuni14 si troverebbero qui, e non nell’opera di Jellinek (1900) – che pure usa il termine Idealtypus – gli antecedenti del dibattuto concetto weberiano di tipo ideale come modello di riferimento e confronto con funzioni euristiche e comparative (Weber 1904; 1903-06).

6. Principali tipologie in psicologia e psicoanalisi

55Nella Grecia classica, quando una specializzazione in psicologia era di là da venire, erano filosofi e medici a prestare grande attenzione ai tipi di temperamento. In merito, la più famosa tipologia dell’antichità greca sono i Caratteri di Teofrasto, cui si è ampiamente ispirato La Bruyère per la sua raccolta. I medici greci Ippocrate e Galeno basarono la loro classificazione dei temperamenti sulla dottrina classica dei quattro elementi (terra, aria, acqua, fuoco) corrispondenti a secco, freddo, umido, caldo, e dei quattro umori del corpo (sangue, bile bianca, bile nera, flemma).

56Ippocrate individuò due tipi opposti di complessione fisica deviante dalla norma (il tisico, lungo e magro, e l’apoplettico, basso e massiccio), che comportavano sia particolare predisposizione a differenti malattie sia accentuazione di tratti psicologici diversi. Trattati di scuola aristotelica giuntici anonimi tracciavano paralleli convenzionali fra l’aspetto fisico (leonino, volpino, cavallino) e particolari temperamenti. Questi paralleli divennero popolarissimi nell’Europa del ’500 e ’600, al punto che Giorgio II d’Inghilterra bandì nel 1743 ogni pubblicazione fisiognomica – tale era il nome della disciplina.

57Discipline analoghe continuarono comunque a prosperare anche in epoca positivista: la frenologia dei due anatomisti francesi Gall e Spurzheim riconduceva i tipi di temperamento a particolari forme, sporgenze e rientranze del teschio; ancora nei primi decenni di questo secolo i giovani venivano talvolta invitati a consultare il frenologo prima di intraprendere una carriera. Rostan (1828) propose una vera e propria tipologia «costituzionale» individuando i tipi digestivo e muscolare e i due sottotipi respiratorio e celebrale, che vennero in seguito ripresi con l’impiego di denominazioni parzialmente diverse dai tedeschi Carus (1852) – che individuò i tipi flemmatico e atletico e i due sottotipi astenico e celebrale – e Beneke (1878), che basandosi sull’associazione tra tipi costituzionali e specifiche patologie suggerì una tripartizione fra i tipi rachitico, carcinomatoso e scrofoloso (vedi Caprara e Luccio, 1986, introduzione).

58Negli anni venti Ernst Kretschmer, uno psichiatra tedesco, tornò a sostenere (1921) una corrispondenza biunivoca tra fisico e personalità, introducendo però il concetto di displasia, ovvero mescolanza tra i tipi. Egli, come altri prima, estese il concetto di tipo al di là della dimensione morfologica fino ad includere il temperamento; la sua tipologia comprendeva i tipi picnico, atletico, astenico e displastico. E negli anni quaranta lo psicologo americano William Sheldon fece ampio ricorso a interviste e tests, oltre che a accurate misurazioni di varie grandezze corporee (1940; 1942), per giustificare i tre tipi che proponeva: endomorfo (grassoccio e dedito ai piaceri fisici), mesomorfo (muscolare e attivo) ed ectomorfo (magro, riflessivo).

59L’altro filone dell’insegnamento classico, quello di Galeno, riconduceva il carattere ad umori interni piuttosto che ad aspetti strutturali evidenti. In tal modo Galeno aveva distinto quattro tipi: sanguigno, collerico, melanconico, flemmatico. Kant prese tanto sul serio quella dottrina da escludere la possibilità di tipi intermedi fra quelli individuati dal medico greco (1798). Si deve a Wundt (1873-74) l’interpretazione in chiave moderna della quadripartizione classica in termini di dimensioni della personalità, sottostanti ai tipi individuati. Egli abbandonò la tesi della natura assoluta dei tipi enucleando le dimensioni trasversali dell’emotività (o nevroticismo) e dell’estroversione-introversione. Lungo questo filone lo psicologo Eysenck (1953) ha indagato la struttura della personalità individuando più livelli, il primo dei quali è costituito dal tipo fondamentale di temperamento (neuroticism/extroversion-introversion/psychoticism) mentre gli altri sono tratti psicologici quali socevolezza, impulsività, attività, vivacità, eccitabilità.

60La tipologia dei caratteri sociali di Aristotele (Etica, libri iii, iv e v) influenza gli studi di Dilthey sulle visioni del mondo (1883), e inoltre molti psicologi e psicoanalisti tedeschi. Spranger (1914) distingue cinque tipi psichici: teoretico/sociale/estetico/economico/religioso. Jung (1921/1993, vol. ii) propone una tipologia canonica, che in primo luogo distingue due tipi psicologici generali: quello introverso e quello estroverso (che a rigore sono classi, in quanto basate su un solo fundamentum, l’atteggiamento verso l’oggetto) e poi li combina con una delle quattro «funzioni primarie» (si tratta di due coppie di funzioni, quelle razionali o giudicative: pensiero/sentimento, e quelle irrazionali o percettive: sensazione/intuizione). Dalla combinazione dei due fundamenta Jung ricava otto «tipi puri»: tipo di pensiero estroverso/introverso, tipo di sentimento estroverso/introverso, tipo sensoriale estroverso/introverso, tipo intuitivo estroverso/introverso. I primi quattro sono tipi razionali, gli altri sono tipi irrazionali.

61Jung ha successivamente considerato il ruolo della funzione secondaria, la cui natura sarebbe diversa, ma non opposta alla funzione principale (se in un individuo prevale il pensiero la funzione secondaria non può essere il sentimento). Con l’introduzione di un terzo fundamentum il numero dei tipi possibili, e le difficoltà di Jung nell’interpretarli, aumentano in modo esponenziale (cfr. sopra, § 1.2). Jung ha sviluppato lo studio della personalità anche in senso diacronico e comparato ed è giunto per questa strada a formulare il concetto di archetipo, inteso come impronta primordiale della psiche che ne struttura l’orientamento.

62Allo scopo di studiare tratti e atteggiamenti tipici nei diversi gruppi di status Fromm (1929) scelse come fundamenta tre macro-dimensioni («idee politiche generali», atteggiamento verso l’autorità e atteggiamento verso il prossimo), ciascuna definita operativamente mediante un certo numero di domande più specifiche. Le domande relative alla dimensione «idee politiche» riguardavano il giudizio su come migliorare il mondo, la valutazione degli uomini più importanti della storia e del presente, l’opinione sul come impedire un nuovo conflitto mondiale, l’opinione sui responsabili dell’inflazione. La tipologia veniva costruita combinando le posizioni dei soggetti sulle tre dimensioni, dopo averle sintetizzate in tre profili: autoritario/ribelle/incline al compromesso. I tipi possibili erano dunque ventisette (3×3×3); di fatto Fromm ignorò le combinazioni meno caratterizzabili e ne individuò solo nove, senza peraltro denominarle.

63Con questa tipologia è interessante confrontare quella formulata più tardi da Adorno nel quadro della celebre ricerca sulla personalità autoritaria (1950, vol. ii, cap. xix) svolta insieme agli psicologi Frenkel-Brunswik, Levinson e Sanford. La tipologia si basa sulla combinazione di variabili cardinali ricavate dall’impiego della nota scala f, costituita da una serie di frasi atte a rilevare le tendenze autoritarie nei soggetti. Adorno elabora i tipi a partire dai punteggi alti o bassi sulla scala f, e dal modo in cui quei punteggi complessivi vengono raggiunti (punteggi sulle specifiche variabili componenti la scala f). Un punteggio alto sulla scala f caratterizza i tipi «convenzionale», «autoritario», «ribelle», «eccentrico», «manipolativo»; associati invece a un punteggio basso sulla scala f sono i tipi «rigido», «protestatario» (opposto al tipo autoritario), «impulsivo» (opposto del tipo ribelle), «indulgente» (opposto al tipo manipolativo), «liberale autentico».

64Sigmund Freud ha distinto (1931) tre tipi libidici principali, individuando alcuni tratti caratteristici che non pare tuttavia possibile ricondurre a precisi fundamenta divisionis. Il «tipo erotico» è dominato dall’angoscia di perdere l’amore; il suo interesse principale è la vita amorosa: amare, ma soprattutto essere amato. Rappresenta le esigenze pulsionali elementari dell’Es, cui altre istanze psichiche hanno dovuto arrendersi. Il «tipo ossessivo» è dominato dall’angoscia morale e dipende da se stesso piuttosto che dall’esterno (come invece il tipo erotico); sviluppa un alto grado di autonomia e si distingue per la predominanza del Super-Io che si separa dall’Io. Infine il «tipo narcisistico» si caratterizza essenzialmente in modo negativo. Nessuna tensione tra Io e Super-Io, nessun predominio dei bisogni erotici; l’amare prevale sull’essere amati. Ai tre tipi «libidici puri» Freud associa diverse patologie: isteria, nevrosi ossessiva, psicosi (1931/1979, pp. 55-58).

7. Principali tipologie in linguistica

65L’individuazione dei tipi cui apparterrebbero le lingue è un approccio assai diffuso nella linguistica moderna.

  • 15 Come già osservato (§ 1.2) in linguistica si chiamano ‘tipo’ e ‘tipologia’ strumenti concettuali ch (...)

66Von Humboldt pare essere stato il primo (1836) a introdurre in linguistica il concetto di tipo, derivandolo direttamente da Goethe, che nella sua morfologia comparata aveva elaborato una teoria dei tipi organici intendendo per tipo il principio di formazione di un organismo (cfr. Di Cesare 1991, p. 56 ss.). Il linguista prussiano distingue tre tipi di lingue: isolanti/flessive/incorporanti. Alla base di questa tripartizione è un unico fundamentum: la struttura morfologica dei termini15. Anche Schlegel (1808) aveva distinto lingue isolanti/agglutinanti/flessive sulla base della struttura morfologica (assente/basata su impiego di affissi/ con flessione) dei termini. Tuttavia, anticipando quella che a partire da Sapir sarà un’idea-guida degli studi tipologici in linguistica, Von Humboldt sostenne che dei vari tipi si trovano tracce più o meno marcate nella maggior parte delle lingue.

67Sapir (1921, cap. vii) ha formulato una tipologia canonica combinando tre fundamenta. Il primo è il tipo fondamentale di appartenenza della lingua (in base alla natura dei concetti designati), le cui categorie sono quattro: puro relazionale semplice, puro relazionale complesso, misto relazionale semplice, misto relazionale complesso; il secondo è la tecnica (isolante/agglutinante/fusiva/simbolica); il terzo il grado di sintesi (sintetico/polisintetico/analitico). Il primo fundamentum ha natura tipologica perché è ricavato dalla combinazione di due caratteri (puro/misto; semplice/complesso). Sapir non etichetta i tipi ricavati dalla combinazione dei tre criteri ma segnala una o più lingue come esempi di ciascun tipo. In linguistica la proposta di Sapir è stata rivoluzionaria perché, contemperando criteri strutturali, funzionali e semantici, evitava di istituire le barriere rigide e innaturali fra le lingue prodotte da classificazioni basate su un solo fundamentum, anche se presentate come «tipologie».

68Una importante tipologia che articola quella di Schlegel-Humboldt nella direzione auspicata da Sapir è stata proposta da Vladimir Skalicka (1979); i suoi cinque tipi (flessivo, agglutinante, isolante, polisintetico, introflessivo) sono individuati tenendo conto di una grande varietà di fundamenta (equilibrio vocali/consonanti, ricorso a forme subordinate anziché a forme verbali nominali, grado di differenziazione delle varie parti del discorso e grado di rigidità del loro ordine di successione nel discorso, forme e grado di ricorso a prefissi, affissi e suffissi, e così via). Questo prodotto intellettuale può forse essere considerato una tipologia canonica di straordinaria complessità, sulla quale l’autore ha operato una riduzione con criteri non esplicitati ma chiaramente ispirati ad una grande aderenza alle molteplici articolazioni dei referenti empirici (i linguaggi attuali o storicamente documentati).

8. Principali tipologie in antropologia

69Lo studio dei sistemi di parentela, forse il tema più classico della ricerca antropologica, è stato affrontato facendo ampiamente ricorso a tipologie.

70Nel volume Ancient Society (1877) Morgan propose una tipologia generale dei sistemi di parentela che distingueva due tipi strutturali (il sistema classificatorio e il sistema descrittivo) sulla cui base era possibile classificare tutti i sistemi di parentela conosciuti. Il fundamentum divisionis era costituito dalla presenza o assenza di una distinzione tra parenti in linea diretta e parenti collaterali, ad esempio tra padre e fratelli del padre. I sistemi che Morgan chiamò «classificatori» ignorano tale distinzione, mentre nei sistemi descrittivi essa è effettuata mediante l’uso di termini differenti per designare le due categorie di parentela. Con un approccio tipicamente evoluzionista, Morgan sostenne che il sistema classificatorio caratterizzava le società primitive, nelle quali era frequente il matrimonio di gruppo, mentre il sistema descrittivo era seguito dalle società civilizzate. Sottolineava inoltre il fatto che i sistemi terminologici impiegati per descrivere le relazioni parentali tendevano a rispecchiare le forme di organizzazione sociale, cioè le relazioni che si vengono a determinare nei diversi tipi di famiglia.

71In opposizione alla classificazione di Morgan, Kroeber sostenne che le nomenclature relative alla parentela sono classificabili in base alle scelte che ciascuna lingua opera entro una serie di otto dicotomie, ma non hanno alcun rapporto con l’organizzazione delle relazioni sociali e di parentela (1909). Kroeber riteneva che solo i termini possono essere definiti ‘classificatori’, ma non i sistemi – ciò probabilmente in base alla constatazione che anche i sistemi europei impiegano termini di tipo classificatorio (come ‘nonno’, ‘zio’, ‘cugino’). I fundamenta sulla cui base si costituiscono i numerosi tipi di nomenclatura di parentela sono allora: il riferimento alla generazione, la relazione rilevante (lineare/collaterale), il riferimento alla differenza di età entro la stessa generazione, il riferimento al sesso del parente, il riferimento al sesso della persona che designa i parenti, il riferimento al sesso della persona tramite della relazione di parentela, la natura del legame (parentela di sangue/parentela acquisita), il riferimento alla presenza in vita della persona tramite della relazione di parentela. In realtà Kroeber non denominò i tipi sulla base di quanti/quali fundamenta erano impiegati: si limitò a classificare le lingue sulla base del numero dei fundamenta impiegati. Ad esempio la nomenclatura inglese del sistema di parentela risultava considerare solo quattro degli otto fundamenta; i linguaggi degli indiani del Nord America ne consideravano invece da sei a otto.

72Levi-Strauss ha posto alla base dello studio dei sistemi di parentela il concetto di scambio, individuandone due forme principali, lo scambio generalizzato e lo scambio ristretto. A suo avviso «ci sono solo tre possibili strutture elementari di parentela; queste tre strutture si costituiscono per mezzo di due forme di scambio. A loro volta esse dipendono da un solo carattere differenziale, cioè dal carattere armonico o disarmonico del sistema considerato… carattere che deriva dal rapporto tra regola di residenza e regola di filiazione… Il regime armonico tende ad essere associato con lo scambio generalizzato, il regime disarmonico con lo scambio ristretto» (1947/1969, p. 631). Le tre strutture elementari dello scambio sono denominate rispettivamente bilaterale, matrilineare, patrilineare, e sono distinguibili per il carattere del ciclo cui danno luogo (nullo/lungo/corto) e per la formula di riferimento:

73(A←→B; A→B e B→A; A→B→C).

74Anche nello studio della famiglia e nella descrizione delle differenti forme di organizzazione familiare l’individuazione di una tipologia costituisce per la maggior parte degli autori il risultato finale del lavoro analitico condotto: così se Malinowski (1944) affermò il carattere universale del tipo di famiglia «individuale» (o monogamica) e Lowie (1948) sostenne l’universalità del tipo di famiglia «bilaterale», si deve a Murdock (1949) l’elaborazione di una vera e propria tipologia che distingue i tipi della famiglia nucleare, della famiglia estesa e della famiglia poligamica (le ultime due prodotte da diverse modalità di associazione di più famiglie nucleari); la famiglia poligamica poteva poi assumere tre possibili forme (sotto-tipi) in base alla natura della relazione su cui la famiglia stessa veniva a fondarsi: poliandria, poliginia o matrimonio di gruppo.

75Anche per la classificazione di altri gruppi di parentela, diversi dalla famiglia, molti autori hanno proposto tipologie più o meno articolate: Lowie (1920) si dedicò ad una tipologia dei soli gruppi bilaterali distinguendo sibs patrilineari e matrilineari, totemici, organizzati in metà; Radcliffe-Brown (1935; 1952) aveva distinto sistemi cognatizi, sistemi di diritto paterno/materno e sistemi di lignaggi doppi. Murdock (1949) individuò più di un criterio di classificazione, cioè la residenza e la discendenza dei gruppi ed una combinazione di questi due criteri. In tal modo egli propose una tripartizione entro cui dovevano rientrare tutti i diversi gruppi parentali: gruppi residenziali (i diversi tipi di famiglie), gruppi consanguinei (gruppi basati sulla regola della discendenza unilineare, patrilineare o matrilineare, sulla regola della discendenza doppia, e sulla regola della discendenza bilaterale), gruppi di compromesso (ad es. i clan che si basano sia su una regola di residenza sia su una regola di discendenza).

76Si deve a Malinowski (1944) una tipologia di istituzioni sociali definite come sistemi organizzati di attività intenzionali, con una struttura definita ed universale basata sulla natura dei bisogni o principi d’integrazione che essi soddisfano. I principi individuati sono: principio riproduttivo (famiglia, clan), principio della vicinanza territoriale (municipalità, villaggi, città, ma anche gruppo di vicinato, tribù, banda), principio dell’identità (gruppi di età, sesso o definiti in base ad altre caratteristiche fisiche), principio dell’associazione a fini comuni (clubs, associazioni ricreative, società segrete, logge), principio del livello di abilità o istruzione comune (gruppi professionali, corporazioni, imprese, scuole, accademie, esercito, chiese), principio del rango (classi e stati).

77Seguendo l’interpretazione di Tullio-Altan (1971), alla base dell’operazione classificatoria di Malinowski sono individuabili due fundamenta: la funzione assolta entro il sistema e il bisogno individuale soddisfatto dall’istituzione (metabolismo, riproduzione, protezione del corpo, sicurezza, sviluppo, salute, etc.); il concetto di funzione coinciderebbe quindi con la capacità di soddisfare i bisogni umani. Dimensione che è invece del tutto estranea nell’approccio dell’altro classico della scuola funzionalista, Radcliffe Brown, che riconobbe l’esistenza di soli «bisogni del sistema sociale», come risulta dalla sua tipologia di forme di adattamento (1952). In essa vengono individuati l’adattamento ecologico (del sistema sociale all’ambiente naturale), l’adattamento istituzionale (delle strutture al sistema), l’adattamento individuale (socializzazione dell’individuo al sistema).

 

78Franz Boas elaborò una tipologia dei tipi umani (razze) sulla base dei seguenti fundamenta: pigmentazione, capigliatura, proporzione del corpo, forma del viso (1911). I tipi individuati erano il mongolide, l’europeo, il negro, l’australiano, il pigmeo. Boas intendeva opporre la sua tipologia alla distinzione di von Frisch tra europei e boscimani/ottentotti basata sull’equiparazione dei primi ad animali addomesticati e dei secondi ad animali selvatici (compiuta in modo generico in base ai caratteri dell’ossatura). Boas ritenne, al contrario, che il mutamento morfologico osservabile tra i diversi tipi umani fosse ascrivibile a fattori come l’alimentazione e l’uso del corpo, la selezione naturale, l’incrocio tra razze diverse.

79La Benedict, allieva di Boas, sostenne la necessità di orientare l’antropologia verso la conoscenza del temperamento dei popoli, cioè del sostrato affettivo e ideologico che plasma la fisionomia, istituzioni e comportamenti di una società; sostrato che denominò «modello». Nello studio della Benedict è esplicito il riferimento alla bipartizione di Spengler – che a sua volta si rifaceva a Nietzsche – tra culture apollinee e dionisiache; l’antropologa la applicò a due culture primitive e descrisse il modello «apollineo» degli zuñi, dignitosi, socevoli ed equilibrati, e il modello «dionisiaco» degli indiani delle pianure, rudi e violenti (1934). Nel suo studio la Benedict condanna esplicitamente l’interpretazione essenzialista dei risultati delle operazioni classificatorie: «le configurazioni di cui abbiamo parlato non sono tipiche nel senso che rappresentano un complesso fisso di tratti essenziali. Ognuna di esse è un raggruppamento casuale di caratteri… Nessun tentativo potrebbe essere più votato all’insuccesso che il voler caratterizzare tutte le culture come esponenti di un numero limitato di tipi selezionati e fissi. Definire per categorie diventa un rischio quando queste categorie si prendano per universalmente necessarie, applicabili indiscriminatamente a tutte le culture e a tutti gli eventi… Non vi è una legge ma forme e caratteristiche diverse che un atteggiamento predominante può assumere» (1934/1970, p. 237).

80Ispirandosi all’impostazione della Benedict, Margaret Mead condusse uno studio comparato sul temperamento in tre società arcaiche (1935), che smentì la tesi dell’origine sessuale dei temperamenti, e in particolare la bipartizione occidentale tra due tipi polari costituiti da un temperamento femminile ed uno maschile. Studiando le tribù Arapesh, Mundugumor, Ciambuli, la Mead concluse che i tratti del temperamento non hanno origine sessuale, ma sono condizionati socialmente. Non emersero infatti differenze di temperamento fra i due sessi in due delle tre tribù studiate (in una entrambi i sessi risultarono connotati da tratti che nella società occidentale sarebbero considerati femminili, nell’altra entrambi da tratti «maschili»). Nel terzo caso la Mead rilevò invece sostanziali differenze tra il temperamento di maschi e femmine, ma i rispettivi tratti risultarono esattamente ribaltati rispetto alla nostra cultura (ossia le donne e non gli uomini mostravano caratteri che nella società occidentale sarebbero considerati maschili, e viceversa).

9. Principali tipologie in sociologia

81Numerose le tipologie proposte in sociologia allo scopo di raggruppare gli ordinamenti sociali esistenti o possibili. Auguste Comte teorizzò l’evoluzione delle società attraverso i tre tipi: il teologico, il metafisico e il positivo (1830-1842). Herbert Spencer (1876-1896) classificò le società in base al numero di organizzazioni componenti e al carattere dell’organizzazione prevalente, riducendo a due i tipi principali: la «società militare» e la «società industriale».

82La nota distinzione operata da Tönnies (1887) tra Gemeinschaft (comunità) e Gesellschaft (società) è fondata sulla combinazione di tre fundamenta dicotomici (che lui chiama ‘antitesi’): ordinamento, diritto, morale. È possibile considerare i due tipi come il risultato di un’operazione di riduzione dello spazio costituito da otto tipi (2×2×2 categorie). La combinazione denominata «comunità» associa un ordinamento fondato sul consenso della volontà, il diritto inteso come sistema di norme coercibili ed una morale espressione della religione; la «società» è invece caratterizzata dalla coesistenza di un ordinamento fondato sulla convenzione, del diritto come sistema di convenzioni intese a tenere distinte volontà arbitrarie, di una morale espressione dell’opinione pubblica. Nel suo studio sul villaggio messicano di Tepoztlàn, Redfield (1930) tenne presente la tipologia di Tönnies giungendo alla conclusione che l’organizzazione sociale in quel luogo si trovava a metà strada fra la più semplice forma di associazione fra individui – il tipo di società «folk» – e l’organizzazione sociale della grande città («demos»), rispettivamente corrispondenti alla comunità e alla società di Tönnies.

83Martindale (1960) ha adottato i termini Gemeinschaft e Gesellschaft ma li ha definiti sulla base di sei fundamenta dicotomici: relazione sociale dominante; istituzione centrale; natura dell’individuo nell’ordine sociale; forma della ricchezza; legge; ordinamento delle istituzioni e natura del controllo sociale.

84Durkheim (1893) ha invece distinto tra società fondate sulla solidarietà meccanica e società basate sulla solidarietà organica. I fundamenta divisionis sono la coincidenza (o meno) della coscienza individuale con la coscienza collettiva e la natura del diritto. La solidarietà meccanica si basa sul diritto repressivo (caratterizzato dai concetti di pena, espiazione); la solidarietà organica sul diritto «restitutivo». Ad avviso di Durkheim i due tipi alternativi di solidarietà si susseguono in relazione al grado di sviluppo delle società umane: la divisione del lavoro tende ad accompagnare la crescita in termini numerici delle società, e comporta specializzazione e anche incivilimento (perché viene dato spazio anche a lavori di tipo artistico-culturale). La divisione del lavoro tende a sostituire, come principio cardine, la coscienza collettiva che si indebolisce, e costituisce il fondamento della solidarietà societaria (organica).

85In termini di solidarietà è espressa anche la tipologia di forme di organizzazione sociale proposta da Mannheim che individua tre tipi, intesi come fasi successive: la coesione basata sulla solidarietà dell’orda, la coesione sociale basata sulla concorrenza individuale e l’organizzazione fondata sulla solidarietà superindividuale del gruppo (1955).

86Nella tradizione sociologica nota come «teoria del conflitto», le società sono state classificate sulla base del sistema di classe vigente. Marx e Engels (1848) distinsero quattro tipi di formazione economico-sociale: asiatica, antica, feudale e borghese; è possibile considerare come fundamentum la presenza/assenza di specifiche classi. Habermas (1973) ha rielaborato la tipologia marxiana individuando i tipi di civiltà primitiva, tradizionale, moderna (con i sottotipi costituiti dalle civiltà capitaliste liberali o organizzate e post-capitaliste) e post-moderna.

87Gurvitch ha proposto una tipologia di «società globali» (1950, cap. 7) basata su otto fundamenta. I tipi individuati, mediante operazioni che peraltro l’autore non illustra in modo dettagliato, sono: teocrazie carismatiche, società patriarcali, società feudali, società in cui dominano le città-stato, società che danno origine al capitalismo e all’assolutismo illuminato e società democratico-liberali.

88Alcuni sociologi hanno spostato l’attenzione dall’organizzazione sociale ai processi sociali. Negli anni venti, Ross (1920) individuò quattro tipi di processo: associazione, dominio, sfruttamento, opposizione; Park e Burgess (1921) analizzarono i processi sociali sulla base di un fundamentum di natura composita – il grado di complessità – individuando i tipi della competizione, del conflitto, dell’assestamento e dell’assimilazione.

 

89Numerose le tipologie proposte anche in tema di azione sociale. Max Weber ne ha distinto quattro tipi: tradizionale, affettiva, razionale rispetto al valore, razionale rispetto al fine: «questi tipi di orientamento non costituiscono affatto, naturalmente, una classificazione esauriente dei modi di orientamento dell’agire, ma sono tipi concettualmente puri – creati per scopi sociologici – ai quali l’agire reale si avvicina più o meno» (1922/1961, p. 23). La categorizzazione di Weber pare operata in base ad un unico fundamentum (la natura dell’orientamento dell’azione), quindi a rigore è una classificazione, non una tipologia. Seguendo la strada indicata da Weber, che riteneva possibile analizzare mediante la sua tipologia sia la struttura del carattere, sia la struttura sociale, Riesman ha proposto la tesi dell’evoluzione del carattere sociale in relazione con il ritmo di incremento demografico, attraverso tre tipi di personalità o di orientamento all’azione: il tipo diretto dalla tradizione, quello auto-diretto e quello etero-diretto (1950). La prevalenza di uno dei tipi di personalità caratterizza anche la società in cui gli individui vivono. La società diretta dalla tradizione richiama sia la Gemeinschaft di Tönnies sia la società «folk» di Redfield (vedi sopra).

90Anche Parsons (1951) si ispirò chiaramente a Weber quando distinse due tipi di orientamento «di scopo» e «di valore», caratterizzati da differenti modelli di riferimento sul piano cognitivo, affettivo e valutativo.

91La tipologia di orientamento all’azione sociale proposta da Merton (1949) è basata su due fundamenta: l’atteggiamento verso i mezzi istituzionalizzati e l’atteggiamento verso i fini; per entrambi Merton prevede tre categorie: accettazione/rifiuto/sostituzione. Entro lo spazio tipologico l’autore ricava, operando una riduzione, cinque tipi di orientamento all’azione: conformità, innovazione, ritualismo, rifiuto, ribellione. Risulta comunque possibile concettualizzare e denominare le altre quattro combinazioni che Merton non ha individuato; Capecchi infatti (1966) le ha denominate «estraniamento», «rivoluzione nel sistema», «opposizione», «esasperazione».

92A Lockwood si deve una tipologia della figura di operaio, costruita utilizzando sei fundamenta collegati a due macro-dimensioni: la situazione lavorativa dell’operaio e la struttura della comunità cui appartiene. I tre fundamenta dicotomici individuati per il primo aspetto sono: l’impegno verso il lavoro, l’interazione e il grado di identificazione con il datore di lavoro e con i colleghi; i fundamenta relativi alla struttura comunitaria in cui l’operaio è inserito sono: sistema di interazione di status, tipo di comunità occupazionale, grado di differenziazione occupazionale. Dalla combinazione dei fundamenta emergono tre tipi di operaio: il «deferente» e il «proletario» – definiti ‘tradizionali’ da Lockwood – e il «privatizzato» (1966). Successivamente egli individuò un quarto tipo, etichettato «classe media» (1975).

93Pochi anni dopo Parsons formulò una tipologia (che peraltro chiamò ‘classificazione’) di orientamento deviante che «riproduce nelle sue linee essenziali, dal punto di vista motivazionale, la classificazione formulata qualche anno fa da Merton» (1951/1981, p. 266). La tipologia parsonsiana combina due fundamenta entrambi dicotomici: la motivazione dell’orientamento deviante (predominio della conformità o del distacco) e il carattere dell’orientamento all’azione (attivo/passivo); i tipi individuati sono l’orientamento in vista di una prestazione forzata, la ribellione, l’acquiescenza forzata nelle aspettative di status, la rinuncia. A quanto scrive lo stesso Parsons, se i suoi due tipi di conformità forzata corrispondono ai tipi mertoniani di innovazione e distacco, la corrispondenza tra la sua tipologia e quella di Merton è da ritenersi pressoché perfetta, considerato anche che i due tipi di distacco forzato sono denominati con gli stessi termini impiegati da Merton: ribellione e rinuncia. Il quinto tipo di Merton, la conformità, è per definizione fuori dalla tipologia parsonsiana in quanto orientamento di natura non deviante.

94Come è noto, Parsons era maestro nel produrre una serie di tipologie in cui ad ogni tipo (inteso come prodotto logico di categorie) riusciva a dare un’interpretazione sostanziale. In The Social System (1951) sono numerosissime le tipologie che combinano due o tre delle sue pattern variables. Egli distingue, ad esempio, quattro tipi principali di struttura sociale combinando l’orientamento di valore (universalismo/particolarismo) e la modalità di conseguimento dello status sociale (realizzazione/ascrizione); individua così i quattro tipi o modelli sociali: «universalistico di ascrizione», «universalistico di realizzazione», «particolaristico di realizzazione», «particolaristico di ascrizione» (1951/1981, p. 190). Un altro esempio è la tipologia delle «forme di attaccamento» che ottiene combinando le due dicotomie affettività/neutralità e specificità/diffusione; i tipi individuati sono: «recettività», «amore», «approvazione» e «stima» (ivi, p. 137). Egli ha inoltre ricostruito (come ricordano Lazarsfeld e Barton, 1951, pp. 176-77) lo spazio tipologico relativo ai tre tipi di suicidio individuati da Durkheim (1897), enucleando i due fundamenta che ne sono alla base: esistenza o meno di norme e loro orientamento (universalista o particolarista).

95Un’interessante tipologia di agire sociale, formalmente impeccabile malgrado la grande complessità, è stata formulata di recente da Crespi (1993). Essa si basa sulla combinazione di proprietà ascrivibili al soggetto – accettazione/opposizione (atteggiamento dell’attore sociale nei confronti del sistema) e atteggiamento attivo/passivo dell’attore sociale – e proprietà che dipendono dal contesto (carattere rigido/flessibile del sistema riguardo al sistema di significati codificati e convergenza/divergenza tra il mondo di significati della società e quello di individui o gruppi). I tipi di agire individuati in questo spazio tipologico costituito dalle combinazione di quattro fundamenta dicotomici sono tutti interpretati e denominati da Crespi.

96Non mancano tipologie ancora più complesse di quella appena illustrata; Gurvitch (1963) ne ha proposta una che individua 15 fundamenta sulla cui base distinguere i gruppi sociali: contenuto (gruppi unifunzionali/ multifunzionali/ sovrafunzionali), ampiezza, durata, ritmo di interazione, grado di dispersione dei membri, base di formazione, modo di accesso, grado di esteriorizzazione, funzione, orientamento (di divisione/di unione), modo di penetrazione da parte della società globale, grado di compatibilità tra raggruppamenti, modo di costrizione, principio che regge l’organizzazione, grado di unità. L’autore approfondisce un solo tipo (la classe sociale), costruito combinando solo sei fundamenta fra quelli menzionati.

97Anche Sorokin (1947), che in più occasioni ha criticato come scorrette le tipologie di altri autori (Spencer, Ross, Park e Burgess, Malinowski; le prime tre sono state presentate sopra), elabora i suoi sette tipi di mentalità culturale (ideazionale ascetica/sensistica attiva/ideazionale attiva/idealistica/sensistica passiva/sensistica cinica/pseudo-ideazionale) combinando una dozzina di fundamenta (quattro caratteri fondamentali e nove proprietà «complementari») e operando una riduzione non ricostruibile, in quanto scorretta dal punto di vista strutturale (1937-41/1975, pp. 147-48).

98Fromm (in Horkheimer, Fromm e Marcuse, 1936) costruisce una tipologia dei rapporti di autorità in famiglia. riducendo esplicitamente lo spazio formato da due fundamenta tricotomici: autorità esercitata dai genitori (forte, media, debole) e atteggiamento dei figli (accettazione totale, media, debole). Entrambe le proprietà hanno natura tipologica, essendo ricavate dalla combinazione di altre due dicotomie (forma di esercizio dell’autorità dei genitori: dare punizioni corporali/interferire nelle attività dei figli; atteggiamento dei figli: fiducia nei genitori/ propensione al conflitto con loro). Fromm identifica quattro tipi: autorità completa, autorità semplice, mancanza di autorità, ribellione. A scopi illustrativi Lazarsfeld e Barton (1951, pp. 177-78) si sono applicati al compito di ricostruire lo spazio integrale di questa tipologia – esempio ideale a tale scopo data la chiarezza del percorso intellettuale seguito da Fromm.

99Lo stesso Lazarsfeld ha fatto ampio ricorso a tipologie nella sua meritoria opera di sistemazione degli strumenti concettuali del metodologo. La più nota concerne le proprietà relative ad unità di analisi «collettive», che egli distingue in strutturali, analitiche (o aggregate) e globali (Lazarsfeld e Menzel, 1961, pp. 369 sgg.).

100Analizzando i tipi weberiani di autorità, Smelser ricostruisce specificamente il tipo dell’autorità carismatica (1976/1982, pp. 173-174) ed enuclea sei fundamenta che sarebbero alla base della tipologia di Weber: condizione della devozione, oggetti psicologici della devozione, tipo di gruppo, tipo di staff amministrativo, condizioni di reclutamento e avanzamento, rapporto con l’economia.

10. Principali tipologie in filosofia politica e scienza politica

101In filosofia politica è classica la tipologia dei regimi formulata da Aristotele (Politica), sulla base di due fundamenta: il numero di governanti (uno solo/alcuni/molti) ed il loro orientamento (al bene pubblico o al loro interesse personale). Combinando i fundamenta Aristotele individua sei tipi di regime politico; tre (monarchia, aristocrazia e politia) sono fisiologici e tre sono la loro versione degenerata: rispettivamente tirannide, oligarchia e democrazia.

102Questa tipologia, che ha ispirato la dottrina politica classica, è stata ripresa da vari politologi (vedi oltre). Essa sembra più adeguata della classificazione dei regimi politici degenerativi (rispetto al tipo ideale costituito dal governo dell’uomo giusto) proposta da Platone (La Repubblica), che in letteratura viene menzionata come tipologia pur avendo un solo fundamentum, il principio su cui si basa il regime. La classificazione di Platone distingue la timocrazia (governo fondato sull’onore), l’oligarchia (fondata sul censo), la democrazia (il cui principio-base è la libertà), la tirannide.

103Una proposta che sembra ricalcare quella platonica è stata formulata da Lasswell e Kaplan (1950/1979, p. 225), che classificano le forme di dominio, delle rispettive élites e dei rispettivi dominanti, a partire dalla natura del valore dominante. Laddove il valore dominante è il rispetto, l’élite è costituita dai nobili, la forma di dominio è l’aristocrazia, i dominanti sono gli aristocratici; al valore dominante ‘rettitudine’ i due autori associano l’élite dei «giusti», la forma di dominio che chiamano etocrazia, e quindi gli etocrati. Gli stessi autori hanno proposto anche una tipologia canonica delle forme di influenza (e di potere) sulla base di due fundamenta: la natura del valore della sfera, cioè il valore implicato nelle linee di condotta influenzate, e la natura del valore di base, ovvero la condizione dell’esercizio dell’influenza o del potere. La combinazione di questi due fundamenta (che vengono articolati mediante le stesse categorie: potere, rispetto, rettitudine, affetto, benessere, ricchezza, abilità, sapere) produce un alto numero di tipi di influenza. Ad esempio, laddove il potere è sia valore dominante nella sfera sia valore di base, il tipo di influenza è denominato potere politico; la combinazione del rispetto come valore di base e del benessere come valore della sfera produce un tipo di influenza che gli autori chiamano «carisma»; le due combinazioni dei valori di affetto e di rettitudine danno luogo ai tipi di influenza denominati «influenza morale» e «devozione» (ivi, p. 102).

104Anche Apter ha formulato una tipologia delle forme di autorità, o di regime politico, combinando due fundamenta dicotomici: valori dominanti (strumentali o consumatori) e tipo di autorità (gerarchica o piramidale). I quattro tipi risultanti sono: regime gerarchico con valori strumentali, gerarchico con valori consumatori, regime piramidale con valori strumentali, piramidale con valori consumatori. Ad ognuno di questi tipi di regime si accompagna un modo specifico di affrontare il problema della modernizzazione da parte delle società (1965, p. 256). Apter non giustifica gli esempi scelti per illustrare i tipi, tranne il caso del Marocco che rappresenta il modello del regime gerarchico in cui il leader carismatico (re Hassan ii) usa il proprio potere personale in modo strumentale per legittimare il cambiamento.

105Un’altra tipologia di sistemi politici è proposta da Huntington (1968), che prende in considerazione tre fundamenta: il livello di istituzionalizzazione (alto/basso, cui associa la distinzione società sviluppate / non sviluppate), la partecipazione politica (alta/media/bassa) e la stabilità del sistema politico, cioè il rapporto tra i primi due (i livelli di istituzionalizzazione e di partecipazione). Quest’ultimo è a sua volta una tipologia sulla quale Huntington ha operato una tipica riduzione. Infatti da uno spazio formato da sei (2×3) celle ha ricavato due tipi, corrispondenti l’uno alla combinazione di un alto grado di istituzionalizzazione e di un grado di partecipazione medio o basso, l’altro alla combinazione di una bassa istituzionalizzazione con una partecipazione media o alta. I due tipi costituiscono quindi le due categorie della terza variabile (appunto il rapporto tra partecipazione e istituzionalizzazione) e sono denominati ‘società civili’ e ‘società pretoriane’.

106La tipologia di sistemi politici è poi ottenuta combinando due fundamenta: «il livello della partecipazione politica e la classificazione del grado di istituzionalizzazione rispetto alla partecipazione» (1968/1975, p. 91). Il primo prevede tre categorie (partecipazione alta/media/bassa); il secondo, come si è visto, ne prevede due (società civili/società pretoriane). I sei tipi di sistema politico individuati dall’autore sono: ‘organico’, ‘whig’, ‘partecipante’, ‘oligarchico’, ‘radicale’, ‘di massa’; per ogni tipo viene proposto un esempio. Huntington riconduce questi tipi a quelli aristotelici: il livello di partecipazione politica richiamerebbe infatti il numero di governanti, mentre la distinzione basata sul rapporto tra istituzionalizzazione e partecipazione (ovvero la distinzione tra società pretoriane e società civili) ricalcherebbe la distinzione classica basata sull’orientamento dei governanti (interesse personale o collettivo).

107Il politologo americano è un instancabile produttore di tipologie: una riguarda le configurazioni del potere (ivi, p. 160), e combina i due fundamenta distribuzione del potere (concentrato/diffuso) e sua estensione (ristretta/ampia). I tipi risultanti sono: monarchia assoluta, feudalesimo, dittatura totalitaria, democrazia costituzionale.

108Un’altra tipologia proposta da Huntington riguarda i sistemi politici «tradizionali» (ivi, p. 167) e prende in considerazione il grado di concentrazione del potere politico (centralizzato/struttura burocratica o diffusa / organizzazione feudale) e il ruolo del monarca (attivo/passivo). Huntington non ha denominato i quattro tipi risultanti, limitandosi ad esemplificarli in modo piuttosto sommario (ad esempio: un ruolo attivo del monarca associato ad un’organizzazione centralizzata accomuna impero romano, Etiopia e Cina; un ruolo attivo combinato con una struttura di potere diffusa caratterizza invece l’Europa medioevale).

109Almond e Powell (1966) hanno formulato una nota tipologia dei regimi democratici considerando il grado di differenziazione strutturale e il carattere della cultura politica. Riducendo il numero dei tipi i due autori ne hanno individuati tre: il primo è caratterizzato da elevata differenza tra i vari partiti politici e altri gruppi di interesse e da una cultura politica partecipativa abbastanza omogenea; il secondo da strutture che tendono ad essere dipendenti le une dalle altre e da una cultura frammentata; nel terzo tipo l’egemonia di una struttura sulle altre si combina con una cultura frammentata. Lijphart (1968) ha invece combinato il carattere della cultura politica (omogenea o divisa) con il comportamento delle élites (conflittuale e consensuale) ricavando quattro tipi: democrazia consociativa, democrazia centrifuga, democrazia centripeta e democrazia depoliticizzata. Alcuni anni più tardi (1984) il politologo olandese ha proposto una tipologia irrituale basata sull’identificazione di un fundamentum discriminante per la distinzione dei regimi democratici, ovvero la natura del consenso (maggioritario o tendenzialmente più ampio), e su una serie di altre dimensioni rilevanti e collegate al principio di fondo: natura dei poteri legislativo ed esecutivo, carattere dei loro rapporti, sistema elettorale, organizzazione amministrativa, numero di partiti, esistenza di forme di democrazia diretta. Sulla base di queste dimensioni egli ha individuato due tipi polari: il modello Westminster e il modello consensuale.

110Giovanni Sartori (1976; 1982) ha individuato una tipologia di multipartitismi combinando il numero dei partiti presenti ed il grado di distanza ideologica (alta/bassa) fra loro; solo i due tipi polari sono denominati: limitato numero di partiti e bassa distanza ideologica caratterizzano il tipo di multipartitismo «moderato»; il tipo «polarizzato» è invece contraddistinto da alto numero di partiti fra i quali esistono forti fratture ideologiche.

111Una tipologia interessante e complessa delle forme di partecipazione politica (Nie e Verba, 1975, vol. iv) combina quattro fundamenta: il grado di iniziativa associato all’attività, la presenza di conflitto, il tipo di influenza esercitata, l’ampiezza dell’esito. Intento degli autori è distinguere sulla base di queste quattro dimensioni un certo numero di attività politiche: la campagna elettorale, la collaborazione a gruppi, il voto, il prendere contatto con dirigenti politici per problemi collettivi o personali. Nella loro proposta è quindi implicita una riduzione dello spazio, dato che il numero dei tipi possibili, considerando il numero di categorie individuate per ogni fundamentum, sarebbe uguale a 3×2×3×4, ovvero 72. L’attività di campagna elettorale è caratterizzata da un grado di iniziativa medio, presenza di conflitto, influenza intensa ed esito collettivo, mentre il prendere contatto con dirigenti per problemi personali è un’attività caratterizzata da alto grado di iniziativa, assenza di conflitto, scarsa pressione ed esito particolaristico.

Torna su

Bibliografia

Adorno T., et al. (1950), The Authoritarian Personality, New York, Harper & Row, tr. it., La personalità autoritaria, Milano, Comunità, 1982.

Almond G. A., Powell G. B. (1966), Comparative Politics: A Developmental Approach, Boston, Little, Brown, tr. it., Politica comparata, Bologna, Il Mulino, 1970.

Apter D. (1965), The Politics of Modernization, Chicago University Press.

Aristotele, Politica, tr. it., Roma, Laterza, 1993.

Bateson G. (1972), Steps to an Ecology of Mind, San Francisco, Chandler, tr. it., Verso un’ecologia della mente, Milano, Adelphi, 1976.

Bay C. (1965), Politics and Pseudopolitics. A Critical Evaluation of Some Behavioral Literature, «American Political Science Review», lix, 1, pp. 39-51.

Benedict R. (1934), Patterns of Culture, Boston, Houghton Mifflin, tr. it., Modelli di cultura, Milano, Feltrinelli, 1970.

Beneke F. W. (1878), Die anatomischen Grundlagen der Konstitutionsanomalien des Menschen, Marburg.

Berger J., Zelditch M. (1968), Recensione di T. Parsons: Sociological Theory and Modern Society, «American Sociological Review», xxxiii, 3, pp. 446-50.

Berka K. (1983), Measurement. Its Concepts, Theories and Problems, Dordrecht, Reidel.

Blalock H. M., Social Statistics, New York, McGraw-Hill, 1960, tr. it., Statistica per la ricerca sociale, Bologna, Il Mulino, 1970.

Blondel J. F. (1771-77), Cours d’architecture, Paris.

Boas F. (1911), The Mind of Primitive Man, New York, MacMillan, tr. it., La mente dell’uomo primitivo, Roma, Laterza, 1995.

Bruschi A. (1996), La competenza metodologica. Logiche e strategie nella ricerca sociale, Roma, nis.

Buffon [G. L. Leclerc, conte di] (1749-88), Histoire naturelle, Paris.

Bunge M. A. (1959), Causality. The Place of the Causal Principle in Modern Science, Cambridge, Harvard University Press, tr. it., La causalità. Il posto del principio causale nella scienza moderna, Torino, Boringhieri, 1970.

Bunge M. A. (1967), Scientific Research II. The Search for Truth, New York, Springer.

Cain A. J. (1974), Classification: Biological, in The New Encyclopedia Britannica, vol. IV, pp. 683-691.

Capecchi V. (1966), Typologies in Relation to Mathematical Models, «Ikon», n. 58, pp. 1-62.

Caprara G. V., Luccio R. (1986), Teorie della personalità, Bologna, Il Mulino.

Cini M. (1994), Un paradiso perduto. Dall’universo delle leggi naturali al mondo dei processi evolutivi, Milano, Feltrinelli.

Clark R. (1977), The Design and Interpretation of Experiments, in Allen J. P. B. e Davies A. (a cura di), Testing and Experimental Methods, London, Oxford University Press, pp. 105-45.

Cohen M. R., Nagel E. (1934), An Introduction to Logic and Scientific Method, New York, Harcourt.

Collins R. (1975), Conflict Sociology: Toward an Explanatory Science, New York, Academic Press, tr. it., Sociologia, Bologna, Zanichelli, 1980.

Comte A. (1830-1842), Cours de philosophie positive, Paris, tr. it., Corso di filosofia positiva, Torino, 1967.

Crespi F. (1985), Le vie della sociologia. Problemi, teorie, metodi, Bologna, Il Mulino.

Crespi F. (1993), Evento e struttura, Bologna, Il Mulino.

Cuvier G. (1800-1815), Leçons d’anatomie comparée, Paris.

Darwin C. (1859), On the Origin of the Species by Means of Natural Selection, London, tr. it., L’origine della specie, Torino, Einaudi, 1959.

Dilthey W. (1883), Einleitung in die Geisteswissenschaften, Leipzig, Teubner, tr. it., Introduzione alle scienze dello spirito, Torino, Paravia, 1947.

Di Cesare D. (1991), Introduzione a Humboldt (1836), tr. it., La diversità delle lingue, Roma, Laterza.

Duncan O. D. (1984), Notes on Social Measurement. Historical and Critical, New York, Russell Sage Foundation.

Durand J. N. L. (1807), Recueil et parallèle des édifices de tout genre: anciens et modernes, Paris.

Durkheim E. (1893), La Division du Travail Social, Paris, Alcan, tr. it., La divisione del lavoro sociale, Milano, Comunità, 1971.

Durkheim E. (1897), Le Suicide, Paris, Alcan, tr. it., Il suicidio, Milano, Rizzoli, 1992.

Eiser J. R. (1980), Cognitive Social Psychology, New York, McGraw-Hill.

Evans-Pritchard E. E. (1963), Essays in Social Anthropology, New York, Free Press.

Eysenck H. J. (1953), The Structure of Human Personality, London, Methuen.

Freud S. (1931), Libidinal Types, tr. it., Tipi Libidici, in Opere, vol. xi, Torino, Boringhieri, 1979.

Friedrich C. J. (1970), Politik als Prozess der Gemeinschaftsbildung, Opladen, Westdeutscher Verlag.

Fromm E. (1929), Arbeiter und Angestellte am Vorabend des Dritten Reiches. Eine sozialpsychologische Untersuchung, tr. it., Lavoro e società agli albori del Terzo Reich. Un’indagine di psicologia sociale, Milano, Mondadori, 1982.

Ghiselin M. T. (1969), The Triumph of the Darwinian Method, Berkeley, University of California Press, tr. it., Il trionfo del metodo darwiniano, Bologna, Il Mulino, 1981.

Giddens A. (1976), New Rules of the Sociological Method, London, Hutchison, tr. it., Nuove regole del metodo sociologico, Bologna, Il Mulino, 1979.

Gil F. (1981), Sistematica e classificazione, in Enciclopedia Einaudi, vol. viii, pp. 1024-1044.

Gilmour J. S. L. (1940), Taxonomy and Philosophy, in Huxley J. (a cura di), The New Systematics, Oxford, Clarendon Press.

Greenberg J. H. (1957), The Nature and Use of Linguistic Typologies, «International Journal of American Linguistics», n. 2, pp. 68-77.

Greenstein F., Polsby N. W. (a cura di) (1975), Handbook of Political Science, New York, Addison-Wesley.

Gurvitch G. (1963), La vocation actuelle de la sociologie, Paris, Presses Universitaire de France, tr. it., La vocazione attuale della sociologia, Bologna, Il Mulino, 1965.

Habermas J. (1973), Legitimationsprobleme in Spätkapitalismus, Frankfurt, Suhrkamp, tr. it., La crisi della razionalità nel capitalismo maturo, Roma, Laterza, 1975.

Harrington J. (1656), The Commonwealth of Oceana, London.

Hayek F. A. von (1952), The Counter-Revolution of Science. Studies on the Abuse of Reason, Glencoe, Free Press, tr. it., L’abuso della ragione, Firenze, Vallecchi, 1967.

Heckscher G. (1963), General Methodological Problems, in Eckstein H., Apter D. (a cura di), Comparative Politics: A Reader, New York, Free Press, pp. 35-52.

Hempel C. G. (1952), Typological Methods in the Natural and the Social Sciences, in Natanson M. (a cura di) Philosophy of the Social Sciences: A Reader, New York, Random, pp. 155-171.

Hempel C. G. (1961), Fundamentals of Taxonomy, in Zubin (1961).

Hempel C. G., Oppenheim P. (1936), Der Typusbegriff im Lichte der neuen Logik, Leyden.

Hennig W. (1966), tr. ingl., Phylogenetic Systematics, Urbana, University of Illinois Press, 1979.

Hjelmslev L. T. (1943), Omkring sprogteoriens grundlaeggelse, «Köbenhavn Universitets Aarsfest», pp. 3-133, tr. it., I fondamenti della teoria del linguaggio, Torino, Einaudi, 1968.

Horkheimer M., Fromm E., Marcuse H. (1936), Studien Über Autorität und Familie, Paris, Alcan.

Humboldt K. W. von (1836), Ueber die Verschiedenheit des menschlichen Sprachbaues und ihren Einfluss auf die geistige Entwicklung des Menschengeschlechts, Berlin, Königl. Preuss. Akademie des Wissensch., tr. it., La diversità delle lingue, Roma, Laterza, 1991.

Hunt J. M. U. (a cura di) (1944), Personality and the Behavior Disorders, New York, Ronald Press.

Huntington S. (1968), Political Order in Changing Societies, New Heaven, Yale University Press, tr. it., Ordinamento politico e mutamento sociale, Milano, Angeli, 1975.

Husserl E. (1954), Die Krisis der Europäischen Wissenschaften und der Transzendentale Phänomenologie, Den Haag, Nijhoff.

Huxley J. (a cura di) (1940), The New Systematics, Oxford, Clarendon Press.

Huxley T. H. (1881), Science, Culture and Other Essays, London, Mac Millan.

Jellinek G. (1900), Allgemeine Staatslehre, Berlin, Haering, tr. it., Dottrina generale dello Stato, Milano, Giuffré, 1949.

Jevons W. S. (1874), The Principles of Science. A Treatise on Logic and Scientific Method, London, MacMillan.

Jung C. G. (1921), Psychologischen Typen, Zurich, Rascher, tr. it., Tipi psicologici, Milano, Mondadori, 1993.

Kanger S. (1972), Measurement: An Essay in Philosophy of Science, «Theoria» xxxviii, 1, pp. 1-44.

Kant I. (1798), Anthropologie in pragmatischer Hindsicht, Könisberg, Nicolovius, tr. it., Antropologia pragmatica, Bari, Laterza, 1969.

Kaplan A. (1964), The Conduct of Inquiry, San Francisco, Chandler.

Kretschmer E. (1921), Körperbau und Charakter, Berlin, Springer.

Kroeber A. (1909), Classificatory Systems of Relationship, «Journal of the Royal Anthropological Institute» xxxix, pp. 77-84.

Kuhn T. S. (1962), The Structure of Scientific Revolutions, Chicago University Press.

Kuhn T. S. (1974), Second Thoughts on Paradigms, in Suppe F. (a cura di), The Structure of Scientific Theories, Urbana, University of Illinois Press, pp. 459-482 e rejoinder, pp. 500-17.

Lakoff G. (1987), Women, Fire, and Dangerous Things. What Categories Reveal About the Mind, Chicago University Press.

Lamarck Jean Baptiste de Monet de (1809), Philosophie zoologique.

Lamarck Jean Baptiste de Monet de (1815-22), Histoire naturelle des animaux sans vertèbres.

Lasswell H., Kaplan A. (1950), Power and Society, New York, Vintage Press, tr. it., Potere e società, Milano, Etas Kompass, 1979.

Lazarsfeld P. F. (1937), Some Remarks on the Typological Procedures in Social Research, «Zeitschrift für Sozialforschung», VI, pp. 119-39.

Lazarsfeld P. F., Barton, A. H. (1951), Qualitative Measurement in the Social Sciences: Classifications, Typologies, and Indices, in Lerner D., Lasswell H. (1951), pp. 155-92.

Lazarsfeld P. F., Menzel H. (1961), On the Relation between Individual and Collective Properties, in Etzioni A. (a cura di), Complex Organisation, New York, Holt, Rinehart and Wiston, pp. 422-440. tr. it., Relazioni tra proprietà individuali e proprietà collettive, in Lazarsfeld P. F., Metodologia e ricerca sociologica, Bologna, Il Mulino, 1967, pp. 369-392.

Lazarsfeld P. F., Thielens W. jr. (1958), The Academic Mind, New York, Free Press.

Leach E. R. (1968), The Comparative Method in Anthropology, in International Encyclopedia of the Social Sciences, vol. I, pp. 339-45.

Lenzen V. F. (1938), Procedures of Empirical Science, in International Encyclopedia of Unified Science, vol. I, pp. 279-339.

Lerner D., Lasswell H. D. (a cura di) (1951), The Policy Sciences, Stanford, University Press.

Lévi-Strauss C. (1947), Les structures élementaires de la parenté, Paris, Presses Universitaire de France, tr. it., Le strutture elementari della parentela, Milano, Feltrinelli, 1969.

Lijphart A. (1968), Typologies of Democratic Systems, «Comparative Political Studies», 1, pp.

Lijphart A. (1984), Democracies, New Haven, Yale University Press, tr. it., Democrazie, Bologna, Il Mulino, 1984.

Linné C. von [Carolus Linnaeus] (1770), Philosophia Botanica, Stockholm.

Lockwood D. (1966), Sources of Variation of Working-Class Images of Society, «Sociological Review», tr. it., in Paci M., Immagini della società e coscienza di classe, Padova, Marsilio, 1969, pp. 139-156.

Lockwood D. (1975), in Blumer M., Images of Society.

Lowie R. (1920), Primitive Society, New York, Boni & Liveright.

Lowie R. (1948), Social Organisation, New York, Rinehart.

Lundberg G. A. (1938), The Concept of Law in the Social Sciences, «Philosophy of Science», V, 2, pp. 189-203.

Mackenzie B. D., Mackenzie S. L. (1974), The Case for a Revised Systematic Approach to the History of Psychology, «Journal for the History of the Behavioral Sciences», x, 3, pp. 324-47.

Malinowski B. (1944), A Scientific Theory of Culture, Chapel Hill, University of North Carolina Press, tr. it., Teoria scientifica della cultura, Milano, Feltrinelli, 1962.

Mannheim K. (1955), Mensch und Gesellschaft in Zeitalter des Umbaus, Leiden, Sijthoff, tr. it., Uomo e società in un’età di ricostruzione, Milano, Comunità, 1959.

Martindale D. (1960), The Nature and Types of Sociological Theory, Boston, Houghton Mifflin, tr. it., Tipologia e storia della tipologia sociologica, Bologna, Il Mulino, 1968.

Marx K., Engels F. (1848), Manifest der Kommunistischen Partei, London, tr. it., Manifesto del Partito Comunista, Roma, Laterza, 1958.

Mayr E. (1969), Principles of Systematic Zoology, New York, McGraw-Hill.

Mc Gregor D. (1935), Scientific Measurement and Psychology, «Psychological Review», xlii, pp. 246-66.

Mc Kinney J. C. (1966), Constructive Typology and Social Theory, New York, Appleton-Century-Crofts.

Mead M. (1935), Sex and Temperament in Three Primitive Societies, New York,

Morrow, tr. it., Sesso e temperamento in tre società primitive, Bologna, Il Mulino, 1983.

Menger C. (1883), Untersuchungen über die Methoden der Sozialwissenschaften und der politische Ökonomie insbesondere, Leipzig, Duncker & Humblot, tr. it., Il metodo nella scienza economica, Torino, 1937.

Merton R. K. (1949), Social Theory and Social Structure, Glencoe, Free Press, tr. it., Teoria e struttura sociale, Bologna, Il Mulino, 1992.

Mill J. S. (1843), A System of Logic. Ratiocinative and Inductive, London, Longmans.

Mills C. W. (1951), White Collar. The American Middle Class. Oxford University Press, tr. it., Colletti bianchi. La classe media americana, Torino, Einaudi, 1966.

Mokrzycki E. (1983), Philosophy of Science and Sociology. From the Methodological Doctrine to Research Practice, London, Routledge & Kegan.

Montesquieu C. L. de Secondat, barone di (1748), L’esprit des lois, Genève.

Moore T. M (1973), (a cura di), Cognitive Development and the Acquisition of Language, New York.

Morgan H. L. (1877), Ancient Society or Researches in the Lines of Human Progress from Savagery, through Barbarism, to Civilization, Chicago, Kerr, tr. it., La società antica, Milano, Feltrinelli, 1970.

Murdock G. P. (1949), Social Structure, New York, MacMillan, tr. it., La struttura sociale, Milano, Etas Kompass, 1971.

Nie N. H., Verba S. (1975), Political Participation, in Greenstein F., Polsby M. W. (a cura di), Handbook of Political Science, Reading, Addison-Wesley, vol. IV.

Parisi D., Castelfranchi C. (1978), Una definizione della psicologia cognitivista, in Kanizsa G., Legrenzi P. (a cura di), Psicologia della gestalt e psicologia cognitivista, Bologna, Il Mulino, pp. 63-84.

Park R. E., Burgess E. W. (1921), Introduction to the Science of Sociology, University of Chicago Press.

Parsons T. (1938), The Role of Theory in Social Research, «American Sociological Review», III, 1, pp. 13-20.

Parsons T. (1951), The Social System, Glencoe, Free Press, tr. it., Il sistema sociale, Milano, Comunità, 1981.

Parsons T., Shils E. (1951), Toward a General Theory of Action, Cambridge, Harvard University Press.

Pfister B. (1928), Die Entwicklung zum Idealtypus. Eine methodologische Untersuchung über das Verhaltnis von Theorie und Geschichte bei Menger, Schmoller und Max Weber, Tübingen, Mohr.

Platone, Repubblica, tr. it., Milano, Mondadori, 1989.

Popper K. R. (1963), Conjectures and Refutations: the Growth of Scientific Knowledge, London, Routledge & Kegan, tr. it., Congetture e confutazioni, Bologna, Il Mulino, 1989.

Quatremère De Quincy A. C. (1832), Dictionnaire historique de l’architecture, Paris.

Radcliffe Brown A. R. (1935), On The Concept of Function in Social Science, «American Anthropologist», xxxvii, pp. 394-402.

Radcliffe Brown A. R. (1952), Structure and Function in Primitive Society, London, Free Press, tr. it., Struttura e funzione nella società primitiva, Milano, Jaca Book, 1960.

Ramat P. (1976), (a cura di), La tipologia linguistica, Bologna, Il Mulino.

Redfield R. (1930), Tepoztlàn: A Mexican Village, University of Chicago Press.

Redfield R. (1955), The Little Community, University of Chicago Press.

Remotti F. (1973), I sistemi di parentela, Torino, Loescher.

Rex J. (1971), Typology and Objectivity: A Comment on Weber’s Four Sociological Methods, in Sahay A. (a cura di), Max Weber and Modern Sociology, London, Routledge & Kegan, pp. 17-36.

Riesman D. et al. (1950), The Lonely Crowd, New Haven, Yale University Press, tr. it., La folla solitaria, Bologna, Il Mulino, 1983.

Riggs F. W. (1964), Administration in Developing Countries: The Theory of Prismatic Society, Boston, Houghton Mifflin.

Riggs F. W. (1984), Development, in Sartori G. (a cura di), Social Science Concepts: A Systematic Analysis, London, Sage, pp. 125-203.

Rodolfi F. (1997), K. Popper: la scienza a un solo livello, «Quaderni di Sociologia», XLI, 14, pp. 99-119.

Rosch E. H. (1973), On the Internal Structure of the Perceptual and Semantic Categories, in Moore (1973).

Rosenblith W. A. (1961), The Quantification of the Electrical Activity of the Nervous System, in Lerner D. (a cura di), Quality and Quantity, Glencoe, Free Press.

Ross E. A. (1920), The Principles of Sociology, New York, The Century Company.

Rostan L. (1828), Cours élémentaire de l’hygiène, Paris.

Roth G. (1971), The Genesis of the Typological Approach, in Bendix R., Roth G. (a cura di), Scholarship and Partisanship: Essays on Max Weber, Berkeley, California University Press.

Russell B. (1931), The Scientific Outlook, London, Allen and Unwin, tr. it., La visione scientifica del mondo, Bari, Laterza, 1982.

Sapir E. (1921), Language. An Introduction to the Study of Speech, New York, Harcourt, tr. it., Il linguaggio. Introduzione alla linguistica, Torino, Einaudi, 1971.

Sartori G. (1976), Parties and Party System, New York, Cambridge University Press.

Sartori G. (1982), Teoria dei partiti e caso italiano, Milano, Sugarco, 1982.

Schlegel F. von (1808), Über die Sprache und Weisheit der Indier, Heidelberg, Mohr & Simmer.

Schumpeter J. A. (1939), Business Cycles, New York, McGraw-Hill.

Sheldon W. (1940), The Varieties of Human Physique: An Introduction to Constitutional Psychology, New York.

Sheldon W. (1942), The Varieties of Temperament: A Psychology of Constitutional Differences, New York.

Sheldon W. (1944), Constitutional Factors in Personality, in Hunt (1944).

Shils E. (1958), Political Development in the New States, Mouton, The Hague.

Simon H. A. (1978), Information Processing Theory of Human Problem Solving, in Estes W. K. (a cura di), Handbook of Learning and Cognitive Processing, Hillsdale, Erlbaum.

Skalicka V. (1979), Typologische Studien, Wiesbaden.

Smelser N. J. (1976), Comparative Methods in the Social Sciences, Prentice-Hall, Englewood Cliffs, tr. it., La comparazione nelle scienze sociali, Bologna, Il Mulino, 1982.

Sneath P. H. A., Sokal R. R. (1973), Numerical Taxonomy, San Francisco, Freeman.

Sorokin P. A. (1937-41), Social and Cultural Dynamics, Totowa, Bedminster Press, tr. it., La dinamica sociale e culturale, Torino, Utet, 1975.

Sorokin P. A. (1947), Society, Culture, and Personality: Their Structure and Dynamics. A System of General Sociology, New York, Harper.

Spencer H. (1876-1896), The Principles of Sociology, London, Williams & Noorgate.

Spranger F. E. (1914), Lebensformen: Geisteswissenschaftliche Psychologie und Ethik der Personlichkeit, Halle.

Stinchombe A. L. (1968), Constructing Social Theories, New York, Harcourt.

Tenbruck F. (1959), Die Genesis der Methodologie Max Webers, «Kölner Zeitschrift fur Soziologie», xi, pp. 573-630.

Tiryakian E. A. (1968), Typologies, in International Encyclopedia of the Social Sciences, vol. xvi, pp. 177-85.

Tönnies F. (1887), Gemeinschaft und Gesellschaft, Leipzig, Reislad, tr. it., Comunità e Società, Milano, Comunità, 1963.

Toraldo di Francia G. (1986), Le cose e i loro nomi, Bari, Laterza.

Troeltsch E. (1922), Moderne Geschichtsphilosophie, in Troeltsch E., Gesammelte Schriften, Tübingen, Mohr, vol. ii.

Tullio Altan C. (1971), Manuale di antropologia culturale, Milano, Bompiani.

Walras L. (1874-77), Eléments d’économie politique pure, Lausanne.

Weber M. (1903-1906), Roscher und Knies und die logischen Probleme der historischen Nationaloekonomie, ristampato in Weber, Gesammelte Aufsätze zur Wissenschaftslehre, Tübingen, Mohr, 1922.

Weber M. (1904), Die Objektivität sozialwissenschaftlicher und sozialpolitischer Erkenntnis, «Archiv für Sozialwissenschaft und Sozialpolitik», xix, pp. 22-87.

Weber M. (1922), Wirtschaft und Gesellschaft. Grundriss der verstehende Soziologie, Tübingen, Mohr, tr. it., Economia e Società, Milano, Comunità, 1961.

Weber Schnitger M. (1926), Max Weber. Ein Lebensbild, Tübingen, Mohr.

Whewell W. (1840), The Philosophy of Inductive Sciences Founded upon their History, London, Parker.

Wiener N. (1964), God and Golem. A Comment on Certain Points where Cybernetics Impinges on Religion, Cambridge, The mit Press, tr. it., Dio e Golem, Torino, Boringhieri, 1964.

Wolins L. (1978), Interval Measurement: Physics, Psychophysics and Methaphysics, «Educational and Psychological Measurement», xxxviii, 1, pp. 1-10.

Wundt W. (1873-74), Grundzuge der physiologischen Psychologie, Liepzig, Engelmann, vol. iii.

Zetterberg H. L. (1954), On Theory and Verification in Sociology, Totowa, Bedminster Press.

Znaniecki F. (1950), European and American Sociology After Two World Wars, «American Journal of Sociology», lvi, 3, pp. 217-21.

Znaniecki F. (1969), On Humanistic Sociology, University of Chicago Press.

Zubin J. (a cura di) (1961), Field Studies in Mental Disorders, New York, Grune & Stratton.

Torna su

Note

1 Peraltro in linguistica si tende ad usare il termine ‘tipo’ anche quando il fundamentum è uno solo, e di conseguenza il termine ‘tipologia’ in luogo di ‘classificazione’ (vedi per es. Greenberg, 1957).

2 Li richiamiamo in breve: spesso si categorizzano referenti che presentano variazioni continue tra loro; l’appartenenza di uno specifico referente all’una o all’altra categoria è spesso una questione di grado, e si può ritenere plurima anziché esclusiva.

3 È quanto fa sistematicamente Parsons in buona parte delle sue opere, e quanto fanno ad esempio anche Lasswell e Kaplan nella loro tipologia delle forme di dominio (vedi oltre, § 10). Particolarmente versato e creativo in questa attività di concettualizzazione (e conseguente denominazione) si è mostrato anche il sociologo e politologo Riggs (1964; 1984).

4 Non solo occidentale: ad esempio la dottrina indiana delle categorie, contenuta nel Vaisesika sutra (I secolo d.C.), ha le stesse caratteristiche delle dottrine aristoteliche.

5 Questa fallacia di reificazione delle categorie non è stata certo una caratteristica del solo pensiero greco. Sul punto vedi oltre, § 4.2.

6 Gli oggetti classificati erano quasi sempre animali e painte: per questo motivo dala grecità in poi le vicende della classificazine come strumento intellettuale si sono intrecciate con quelle delle scienze naturali. Sino a tempi recenti, e in qualche misura tuttora, i termini ‘classificazione’ e ‘tassonomia’ sono addirittura considerati sinonimi di ‘botanica’ , o di ‘zoologia’.

7 Per essenzialismo si intende la tesi che il pensiero umano coglie – o può cogliere – l’essenza delle cose: lo fa per via meramente speculativa, penetrando al di sotto delle apparenze, secondo Platone; lo fa osservando le caratteristiche che si presentano costanti, e trascurando le altre, secondo Aristotele. Per una critica di questa fallacia vedi ad es. Popper (1963).
Si noterà come nel brano citato Porfirio non sottoscriva né la versione platonica né la versione aristotelica dell’essenzialismo. Porfirio di Tiro è l’autore del celebre «albero», che per tutto il Medio Evo venne insegnato nelle scholae dell’Occidente europeo come il non plus ultra dell’abilità classificatoria.

8 Nella dottrina di Aristotele, la διαϕορά (differenza) è quell’attributo che distingue una data specie dalle altre specie entro lo stesso genere.

9 La seconda di queste frasi fa pensare che Linné sia convinto di essere riuscito ad individuare le specie della creazione. Al contrario, egli riconosce più volte l’artificiosità della sua classificazione, basata spesso su un solo carattere; dichiara di aspirare a un «metodo naturale», basato sul complesso dei caratteri. Ma le conoscenze del suo tempo erano ancora insufficienti.

10 Secondo una corrente di zoologi e botanici contemporanei, i cladisti, quest’uso disinvolto degli strumenti concettuali ha portato certi evoluzionisti a definire alcune specie in modo «parafiletico» (cioè caratterizzandole solo per la comune assenza di un attributo: Hennig 1966) oppure «plesiomorfico» (cioè mediante caratteristiche che invece sono proprie anche di altre specie, o dell’intero genere: Cain 1974, p. 685).

11 Come si è visto, questo risultato indiretto era stato ottenuto senza molto scalfire l’interpretazione essenzialista che davano di quegli strumenti gli studiosi che continuavano ad usarli.

12 O, per dirla con il Wittgenstein del Tractatus, gli «stati del mondo».

13 Alludo al fatto che nelle scienze umane da un secolo a questa parte vengono designate come ‘misurazione’ procedimenti che con la misurazione non hanno nulla a che vedere.

14 Ad esempio Pfister (1928), Tenbruck (1959). Per un legame con Jellinek più forte della mera adozione del termine si pronunciano la moglie e biografa Marianne (Weber 1926) e Troeltsch (1922). Sull’argomento si veda anche Roth (1971).

15 Come già osservato (§ 1.2) in linguistica si chiamano ‘tipo’ e ‘tipologia’ strumenti concettuali che nelle altre discipline si chiamano ‘classe’, ‘classificazione’.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Alberto Marradi e Francesca Rodolfi, « Rivendicando il ruolo della tipologia »Quaderni di Sociologia, 19 | 1999, 102-136.

Notizia bibliografica digitale

Alberto Marradi e Francesca Rodolfi, « Rivendicando il ruolo della tipologia »Quaderni di Sociologia [Online], 19 | 1999, online dal 30 novembre 2015, consultato il 25 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1457; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1457

Torna su

Autori

Alberto Marradi

Articoli dello stesso autore

Francesca Rodolfi

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search