Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri19note criticheRealtà plurali e condotta pluralista

note critiche

Realtà plurali e condotta pluralista

Filippo Barbano
p. 137-146

Testo integrale

1Le Lobbies e il Lobbismo, temi socio-politologici che, nella nostra letteratura, sono poco trattati, o, quanto meno, considerati con sospetto e diffidenza, hanno fatto scrivere che: «Già altre volte, l’affermarsi di nuovi fenomeni politici ha imposto revisioni anche drastiche nella teoria della democrazia. Il caso più noto è quello degli adattamenti che hanno richiesto il fatto e le teorie delle élites. Lo stesso avverrà verosimilmente con le lobbies. Il loro affermarsi come componente organica delle forze che concorrono alla vita democratica ha finora trovato eco piccola nella teoria della democrazia». Così Luigi Graziano, in un suo lavoro di qualche tempo fa: Lobbying, pluralismo, democrazia (Roma, La Nuova Italia Scientifica, 1995) un libro che, anch’esso, non mi pare abbia avuto un’eco più di tanta, ed una adeguata attenzione. Il che va ben al di là della prudenza, del resto doverosa, da porre in un paese in cui le possibilità di corruzione sono diffuse ad ogni livello della vita politica, quando si voglia o si debba parlare della esistenza degli interessi emergenti nella società civile, e della presenza dei gruppi di interesse e di pressione nel parlamento e nel governo; ed ove per Lobby si intenda: «Gruppo di persone potenti e con interessi comuni, in grado di influenzare le scelte degli uomini politici, spec. in campo economico» (cfr. il Grande Dizionario Illustrato della Lingua Italiana, a cura di G. Gabrielli, Milano, Mondadori, 1989, p. 2023).

2Una seconda ragione dello scarso interesse italiano per Lobbies, Lobbying e Lobbismo, è l’innesto di questi temi nell’analisi del Pluralismo, altro tema da noi assai convenzionalmente vissuto e direi anche tartufescamente inteso. Alla guida del governo di centro sinistra Massimo d’Alema, riferendosi alla proliferazione dei partiti in Italia, ha dichiarato che una simile condizione di «pluralismo» deve essere superata. «Ma come?». Luigi Graziano, un politologo che non solo nel lavoro sopra ricordato, ma in molte altre circostanze si è occupato ripetutamente del Pluralismo, non ha esitato a dire che quella del Pluralismo è ancora nozione «vaga e confusa».

3Negli Stati Uniti il fenomeno del Lobbismo è più rilevante che altrove. Graziano che l’ha studiato direttamente su fonti primarie e secondarie rileva il modo difforme con il quale, spesso, da un lato, cresce l’ideologia della democrazia, e, dall’altro, è in ritardo l’analisi empirica dei processi di democratizzazione (il neopluralismo, per esempio). Si tratta di un rilievo disciplinare, ma anche di natura epistemologica, circa una più o meno esplicita idiosincrasia tra Teoria (nominalistica, definizionistica, e/o formalistica della democrazia) e Ricerca (osservativa, descrittiva, sperimentale) dei processi democratici. O, in altri termini ancora, di un rilievo circa la distanza tra Teoria della politica e Ricerca delle basi o dei referenti sociologici della politica.

4Nella Enciclopedia delle Scienze sociali (Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 1996) opera molto drastica nella selezione dei lemmi sociologici, la voce Lobby e derivate non compare, mentre compaiono più tradizionalmente le voci Gruppo di interesse, e, Gruppo di pressione, la cui notorietà risale agli anni del secondo dopoguerra. Lobby designa l’organizzazione lobbistica; Lobbista è il personale interno o esterno all’organizzazione, attraverso cui si attua la rappresentanza degli interessi lobbistici; Lobbismo è l’insieme di tecniche e di attività che consentono la rappresentanza politica degli interessi organizzati. La scelta osservativa e descrittiva non può che riguardare il campo storico della democrazia americana. Nei giudizi sul Lobbismo che diffusamente si danno nel nostro paese non è da escludere anche un certo qual noto antiamericanismo. La scelta statunitense è legittimata dalle specificità che sono venute ad assumere, nella esperienza e nella teoria americana dei gruppi sociali, la storia e la politica dei gruppi, che hanno massimamente attratto la ricerca sociale e po-litica statunitense, diversamente dal contesto europeo, più spesso attratto dalla politica dei partiti di massa e dai sistemi di partito.

5Con la lettura del lavoro in parola non dovrebbe sfuggire al lettore italiano che il Lobbismo non è unicamente fenomeno emergente al sommo dei processi di decisione. Per mettere il fenomeno delle lobbies alla luce del sole, senza nasconderlo nel groviglio degli interessi che circondano il potere e le sue risorse, tre aspetti sono soprattutto da cogliere, massimamente caratterizzanti. Per il primo aspetto si deve dire che, il Lobbismo, non essendo solo un fenomeno lievitante ai vertici dei processi di decisione, non è quindi senza radici nella società civile. Al contrario, il Lobbismo ha le sue radici in quel processo già da tempo riconosciuto nell’analisi sociale come associazionismo, processo del quale la Lobby, come associazione, fa parte. Le connessioni storico-analitiche tra il fenomeno lobbistico, l’associazionismo, l’associazione, i gruppi e la politica dei gruppi sono di tutto rilievo nel contesto statunitense, ove le connessioni in parola rappresentano, per così dire, una rete orizzontale, prima ancora che una dimensione verticale del potere, come convenzionalmente si potrebbe credere, osservando l’inquietante brulichio delle lobbies al top dei processi di decisione, e la loro pervicace azione di «entrata laterale».

6Secondo aspetto caratterizzante il lobbismo statunitense: ha a che fare con la competenza, l’informazione tecnico-professionale, e conseguenti capacità di leadership, di efficacia e rendimento democratico. Tutte doti che, per esempio, vengono date per implicite nelle élites politiche e nelle classi dirigenti, senza peraltro che – com’è noto – tali doti si trovino in maniera così diffusa e sufficiente. La Lobby, rispetto alla relativa incompetenza ed inefficacia democratica degli elettori, ed ancora più degli eletti, rappresenta una expertise tecnica ed una esperienza politica delle quali i gruppi ed i loro staff sono normalmente portatori nei campi in cui operano. I rapporti tra competenza e democrazia trovano nella esperienza del lobbismo interessanti soluzioni al convenzionale e tradizionale dilemma tecnica-politica. «Siamo… nel campo non della rappresentanza generica, come quella del deputato, ma di quella tendenzialmente da mandato conseguita per familiarità con il processo politico e i suoi attori chiave, e competenza in specifiche policy areas».

7Il Lobbying è massimamente comunicazione. Terzo aspetto: la natura specialistica della comunicazione di gruppo, come dell’intero modo lobbistico di rappresentazione. Graziano in proposito rileva che. «La stessa logica di specializzazione presiede ai rapporti con i mass-media … poche risorse aprono o rendono arduo l’accesso ai decisori come l’immagine che i media danno di una questione e delle posizioni su di essa assunte da un gruppo. Per essere autorevole un’organizzazione deve idealmente coprire tutte e solo le materie in cui ha interesse diretto ed expertise specifica. La specializzazione gioca infine all’interno della «comunità» d’interessi di cui il gruppo fa parte, il lobbismo essendo un gioco d’influenza che le associazioni normalmente praticano d’intesa con altri gruppi e non isolatamente» (cfr. L. Graziano cit., p. 14-16).

8Il quadro emergente dalla storia e dalla esperienza statunitense in fatto di Lobbismo, risulta abbastanza contrastante con la cattiva reputazione che da noi ha il fenomeno e con la deludente nomea delle Lobbies, attività che malgrado tutto hanno invece a che fare con l’organizzazione democratica della politica, e le cui ragioni e motivazioni possono essere fatte risalire al Primo emendamento (1791) alla Costituzione statunitense che sancisce il «diritto del popolo di riunirsi pacificamente e rivolgere petizioni al governo».

9Per comprendere bene l’esperienza americana bisogna porre prima di tutto ogni attenzione al carattere non preliminarmente istituzionale del Lobbismo. Il fatto è che il Lobbismo, malgrado momenti istituzionalmente regolati (nel corso delle audizioni per esempio) si è sempre sviluppato e si evolve tuttora in maniera eminentemente informale: gioco irriducibilmente personalizzato, che si nutre soprattutto di fiducia e rapporti personali; è difficile tracciare una linea tra Lobbying e amicizia; la personalizzazione dei rapporti lobbistici fa parte appunto della loro informalità (cfr. Graziano cit., pp. 24-46).

10Perché il lobbismo possa contribuire efficacemente all’attività democratica, le enormi diversità di contesto, per esempio di quello italiano rispetto a quello statunitense, non possono certo essere sottaciute. Negli usa i campi, le «arene» dell’operare lobbistico sono: il Congresso ed i Congressmen, quando essi siano disposti a presentare una proposta di legge promossa da questa o quella Lobby; l’Esecutivo; l’Ufficio del Presidente; i Dipartimenti e le Agenzie Federali; nonché il processo di formazione del Bilancio che unisce Legislativo ed Esecutivo.

11La regolamentazione giuridica del Lobbismo fa capo al Federal Regulation of Lobbying Act (1946) dal quale si evincono quattro fondamentali criteri: le persone, i contributi, le spese, la legislazione: nella finalità sia di «svelare a legislatori e pubblico l’identità dei mandanti, dei rappresentanti, i mezzi coinvolti, sia di dare trasparenza al libero gioco degli interessi legislativi». Il principio di pubblicità (disclosure) informa l’intero sistema americano di regolazione, comprendendo anche il Lobbying, i cui limiti e vincoli sono sottoposti agli interessi legislativi preordinati: alla tutela dell’interesse pubblico; al diritto pubblico di sapere secondo il principio di responsabilità alla base dell’idea democratica di rappresentanza; al diritto di autoprotezione del Congresso e a difesa dell’integrità dei Congressmen.

12Nel lavoro in parola, l’autore, discutendo i rapporti del Lobbying con l’Esecutivo, fa riferimento ad un processo storico di «politicizzazione della burocrazia»: conseguente all’espansione dell’intervento pubblico (dagli anni del New Deal); all’estendersi di forme di «cooperazione» tra burocrazia federale e «volontarismo»; e alla crescente complessità dell’amministrazione. Il tutto in una cultura politica coinvolgente la burocrazia Usa con la società: programmi ed organizzazione, in un contesto dei rapporti di stato e società molto diverso da quello europeo, continentale e massimamente italiano. Diversità, vien fatto di notare, ben espressa da ciò che si intende da noi per «sfera pubblica», ove l’aggettivo «pubblico» connota assai strettamente un esclusivo ambito giuridico-amministrativo burocratico. Il che ha probabilmente influenzato in Italia anche la recezione della tematica delle Public policies, confondendo le policies con la proceduralizzazione dell’operare e dei controlli democratici ad uso e consumo dei partiti.

13Nel perenne inesausto clamore su scuola pubblica e scuola privata in Italia, certamente alimentato anche dall’inveterato centralismo del nostro complessivo sistema di Istruzione ed Educazione nazionale, da noi è perfino impensabile che, per esempio, a proposito di attività lobbistiche, ci si possa imbattere nella presenza di formazioni associative universitarie come la National Association of States University and Land-Grant Colleges (nasulgc), la più antica associazione americana di università (1887) composta da oltre 150 istituzioni, spina dorsale del sistema universitario pubblico; o come la Association of American Universities, sorta nel 1900, e costituita da 59 università private, la crema del sistema accademico americano. Un associazionismo che può dar vita ad iniziative di lobbismo non diverse da quelle poste in essere, in un altro campo, dalla Handgun Control Inc., per la regolamentazione della diffusione delle armi da fuoco e la prevenzione della violenza da esse indotta, munita di un efficace Comitato di azione politica (Political Action Committee: PACS) contro i possessori ed i produttori di armi che si raccolgono nella agguerrita National Rifle Association; oppure, dall’Advocacy Institute, che rappresenta una divisione del lavoro nel mondo lobbistico, essendo esso un centro di formazione di lobbisti dedicati ad «interessi pubblici» (lotta al tabagismo, anti-alcolista ecc.).

14Interessanti casi di arene lobbistiche, quello dell’Higher Education Reauthorization Act (1992), nato nel clima dei «diritti civili» kennediano, nel progetto johnsoniano di «grande società» mirante a trasformare una università prevalentemente bianca, maschile e di classe media in un sistema aperto a tutte le razze, entrambi i sessi, tutti i livelli socioeconomici e tutte le età. «Reautorizzazione» che, ogni cinque anni, mobilita le Università statunitensi e le associazioni, cui si è fatto cenno più sopra. Nonché il caso della National Science Foundation, a proposito di rapporti tra scienza-ricerca scientifica-stato e fondi pubblici, e di quell’importante canale del lobbying che sono le Agenzie federali: unità amministrative in possesso di tutti i poteri per amministrare specifici settori di attività o di produzione responsabili di fronte al Congresso. Come la politica della scienza di un paese può avere fondi dallo stato senza perdere l’autonomia e l’indipendenza di università e laboratori non governativi?

15Va detto che, dagli immediati anni del secondo dopoguerra il Lobbismo è mutato profondamente. Prima di tutto, il Lobbying, da operare «indiretto», tra attori professionisti, gruppi e loro rappresentanti, congressmen, amministratori e staff, ha acquistato nuovi attori, nuove tecniche, che caratterizzano non solo una differenziazione sistematico-funzionale ma anche una innovazione storica. Si tratta, in breve, del passaggio ad un Lobbying «indiretto», alla formazione di Coalizioni interassociative, forma molto frequente di organizzazione di importanza strategica per il Lobbying; coalizioni a supporto di agenzie federali da parte di gruppi di «clienti»: per esempio coalizioni università-industria, centrate su problemi di tassazione; alleanze tipicamente politiche come quella stretta tra la Handgun Control e associazioni delle forze di polizia (cfr. Graziano cit., pp. 72-83).

16Una ulteriore tecnica, il cosiddetto Grassroots Lobbying: ogni tentativo di influire sulla legislazione con mezzi volti a influenzare le opinioni del pubblico o di un suo settore. Si tratta di una forma di mobilitazione diversa dalla tradizionale partecipazione politica. Vien fatto di chiedersi se il Grassroots Lobbying, in quanto differisce dalla partecipazione partitica, sia qualche cosa di più di una semplice diversificazione funzionale della attività dei sistemi politici. A loro volta, le attività legate alle forme di finanziamento elettorale, hanno dato luogo, nell’operare lobbistico, ad innovazioni tecnico-organizzative come, per esempio, i Comitati di azione politica (Political Action Committees: pacs), i quali realizzano un incontro tra volontarismo ed organizzazione. Dal 1946, osserva Graziano, i pacs hanno segnato «la prima invasione della politica elettorale americana da parte di gruppi di interesse sull’intero spettro di issues e deologie» (cfr. pp. 92-115). Le tabelle che registrano le modalità di influenza dei pacs sul funzionamento del Congresso sono particolarmente interessanti (cfr. p. 114).

17La ricerca di Graziano nel mondo del Lobbismo statunitense a livello federale è tanto lontana dalla cultura e dalle credenze diffuse in Italia in proposito, che quasi si è tentati di spiegare, con tale lontananza e relativa estraneità, la scarsa attenzione avuta in Italia dalla ricerca in parola. Ciò si deve però anche, bisogna dire, all’aver trascurato qualche occasione propizia per uscire dalla esclusività contestuale del tema, e per proporre qualche riflessione, qualche spunto di comparazione in ordine, per esempio, a contesti diversi, in particolare quello italiano, che dal Lobbismo statunitense come forma di nuovo pluralismo potrebbe molto opportunamente ricevere indicazioni relativamente sia alla organizzazione democratica che alle relazioni partitiche nella politica. Mi limito a qualche spunto. Guardo alla invadenza dei partiti come portatori di interessi per rappresentare i quali vanno alla caccia del potere.

18Prima di tutto ci si potrebbe interrogare sui rapporti (diretti o inversi) del Lobbismo statunitense con il Partitismo continentale (europeo), e cioè il rapporto diretto tra la relativa assenza storico-politica di un partitismo di tipo continentale in usa e l’associazionismo dei gruppi e quindi l’evoluzione del Lobbismo, fino a divenire, in quel paese, una componente informale della organizzazione della politica. Ci si può chiedere, in altri termini, se non sia il pervasivo istituzionalismo partitico continentale a condizionare una partitica possessiva organizzazione degli interessi; o se non sia l’informalismo relativo dei partiti americani a lasciare spazio alle associazioni e ad una organizzazione della politica che dia alternative alla esclusiva rappresentanza e conduzione partitica degli interessi.

19Nella variante americana, il Lobbying è sia una forma di divisione dell’attività politica come politica di pressione, sia una forma di differenziazione specializzativa che va oltre l’attività dei tradizionali gruppi di interesse e di pressione degli anni Cinquanta. Questa evoluzione del Lobbying come divisione del lavoro nella organizzazione della politica è di grande interesse per le sue strette connessioni con il tema relativo alla nuova «forma» partito. Non ci si trova più di fronte ad isolati, per quanto numerosi, gruppi di pressione, ma a vere e proprie comunità o sottosistemi lobbistici, con una intensa divisione del lavoro, e solidarietà di interessi legati alle politiche pubbliche e alla policy community, comprendente un sottosistema lobbistico e le sue controparti rappresentate dalle Agenzie federali, nel congresso e nei membri influenti delle Commissioni con giurisdizione sulle materie di interesse (cfr. Graziano cit., p. 23). Più si va avanti a considerare l’evoluzione del lobbismo nella democrazia americana più ci si accorge che questa tematica non ha solo un valore in sé e per sé. Graziano fa sfociare le sue riflessioni sul lobbismo nella tematica del pluralismo, che ne viene condizionata. Riprendiamo, invece, il tema dello sviluppo del lobbismo statunitense, dal punto di vista della organizzazione democratica della politica, evitando di essere scambiati per acritici cultori del lobbismo.

20Il carattere informale delle relazioni lobbistiche, in aggiunta al radicato associazionismo, alla rete di competenze specialistiche tecniche e comunicazionali che la Lobby può rappresentare, aprono un campo di osservazioni oltremodo ampio e suggestivo per le connessioni della fenomenologia lobbistica con la fenomenologia del partito politico. Non che la Lobby sostituisca in sé e per sé il partito, come verrebbe fatto di credere mentre si traggono drammaticamente le conseguenze della partitocrazia, del sistema clientelare dei partiti, della frammentazione partitinistica, della crescente distanza dei cittadini dai partiti. Ma se il Lobbismo non può diventare una alternativa, un sostitutivo del Partitismo, tutto all’inverso, il Partitismo, nella sua attuale crisi fatta di intricate questioni di rappresentanza di interessi e di costi della politica, può trovare nella attività e teoria del Lobbismo, così come si è sviluppato nella democrazia statunitense e malgrado ogni controindicazione, una ricca serie di contributi e sperimentazioni; sia dal punto di vista della organizzazione della politica e della partecipazione, sia dal punto di vista dell’incorporamento della teoria e della prassi del Lobbismo nella teoria e nella prassi della democrazia egualitaria.

21La tematica del Lobbying e del Lobbismo – come ho già detto prima – sfocia in quella del Pluralismo, e qui la rete dei percorsi si fa, se possibile, ancora più ampia e complicata. Nei molteplici punti della sutura dei due campi di osservazione (Lobbismo e Pluralismo), si addensa una selva di materiali espositivi su gruppi, interessi organizzati e sistemi di rappresentanza. Per venire a capo di tutto ciò suggerisco che del Pluralismo come categoria sociopolitologica si possano dare tre generi: Pluralismo storico-sociale; Pluralismo storico-politico; Pluralismo storico-epistemico. Fasi del primo: pluralismo feudale, moderno, contemporaneo (neopluralismo) e nuovo pluralismo. Il punto di vista storico-politico raduna in sé convenzionalmente tre famiglie di scrittori del pluralismo: Liberal-democratico, Cristiano-sociale, Socialista. Il punto di vista storico epistemico, o di antropologia della conoscenza del pluralismo (agire partecipativo) ne riguarda gli aspetti normativi, analitici, sperimentali.

22Dal pluralismo feudale si differenziò il pluralismo moderno, coincidente con la nascita della democrazia moderna, come forma di legittimazione delle differenze (parti, diversità, dissensi…). Legittimazione formale, nel senso che essa è storicamente messa continuamente alla prova da molteplici processi di differenziazione, a partire dall’esistenza di «società parziali», di contrasti tra «società civile» e «stato», di associazioni molteplici e di gruppi diversi, il cui pluralismo crea problemi di conciliazione tra interessi comuni; un pluralismo di volta in volta «reattivo» alla monarchia, allo stato unitario, ai regimi totalitari, alle democrazie elettoralistico-quantitative. «Consideriamo il pluralismo come fenomeno che si manifesta di nuovo in ogni epoca»: S. Ehrlich Pluralism on and off Course, 1982 (cit. in Graziano, p. 151). «Ogni epoca dà vita ad una nuova struttura di interessi; di qui l’importanza di una corretta comprensione del concetto di interesse quando riflettiamo sul pluralismo».

23Diverso il pluralismo degli anni trenta: dottrinario, più prescrittivo che descrittivo, rivolto alla democrazia ma antinazionale, cultore dei gruppi e delle società intermedie, rispetto al pluralismo degli anni del secondo Dopoguerra, rivolto alla democrazia occidentale, cultore dei gruppi di interesse e di pressione e che sfocia nella group theory of politics. «La società è composta da una pluralità di gruppi o di centri di potere, anche in contrasto tra loro, ed è sempre possibile a ciascuno di questi gruppi limitare, controllare, ostacolare e, al limite, eliminare, tanto i gruppi avversari quanto quei gruppi che decidessero di imporsi in maniera esclusiva» (cfr. G. Sola, Storia della scienza politica. Teorie, ricerche e paradigmi contemporanei, Roma, La Nuova Italia Scientifica, 1996, p. 223). Le trasformazioni che si sono susseguite dagli anni Settanta compresi, hanno fatto parlare di un «nuovo pluralismo». Si è assistito allo sviluppo esponenziale delle organizzazioni presenti a Washington, alla comparsa di figure nuove come le «lobbies dei cittadini» (anti-tabacco, pro-aborto ecc.), mentre l’economia politica dello Stato sociale lavorava in profondità i rapporti tra governo e società. Ne è emersa una frammentazione che ha fatto parlare di crisi della «filosofia pubblica», crisi cioè di un comune terreno d’incontro e di conflitto, e di offuscamento dell’interesse pubblico (cfr. Graziano cit., p. 215).

24L’espressione «nuovo pluralismo» può avere due significati: l’uno riguardante ciò che, tra i generi del pluralismo, abbiamo chiamato più sopra pluralismo storico-epistemico e, secondo significato, riguardante lo sviluppo dei processi di differenziazione avvenuti nell’ambito evolutivo del pluralismo storico-sociale. La moltiplicazione dei gruppi induce gli scrittori del pluralismo a formulare classificazioni, oppure ad escogitare sistemi di gruppi, così come, da noi, si parla di sistemi di partito. L’impressione finale sul «nuovo pluralismo» e sulla letteratura in proposito, ivi compreso il lavoro di Luigi Graziano, è quella di una relativa inadeguatezza del genere di riflessione (teoria) storico epistemica, rispetto alla quantità di informazione nuova sui generi storico sociale e storico politico. Inadeguatezza di riflessione normativa, analitico-descrittiva, sperimentale, perché il pluralismo sia innovativamente riconsiderato come una condotta, un agire intenzionale, in condizioni determinate. Ma riprenderò tra poco questo discorso.

25Sul «nuovo pluralismo» c’è da aggiungere che il suo scenario sono stati i movimenti dei diritti civili, la formazione del Welfare State, a partire dalla guerra contro la povertà dell’età kennediana, ed il movimento dei neri, donde il diffondersi di gruppi che reclamano diritti, più che interessi, e interessi ideali, più che benefici tangibili. Con l’avvento dello Stato sociale le domande ed i processi da cui nascono nuove aggregazioni sorgono sempre più dall’interno dello Stato che da pressioni esterne. Oltre, dunque, la diffusione del potere in seno al congresso, la riforma del bilancio e i Pacs, il nuovo pluralismo è contrassegnato da tre novità: Lobbies del settore pubblico; Issues networks; Gruppi di cittadini (cfr. Graziano pp. 243,239,232).

26Nell’ambito del genere storico epistemico del pluralismo, uno dei livelli più alti finora raggiunto è senza dubbio quello toccato da Robert A. Dahl, un autore che già molto per tempo aveva proposto una sistemazione teorica che collegava ricerca dei gruppi e teoria democratica (A Preface of Democratic Theory, 1956). Da un pluralismo come pluralità per effetti differenziatori di attività associative, organizzative, partecipative, ad un pluralismo del quale gli usa più che un modello imitabile sono un’area di sperimentazione storico politica. Dahl argomenta che difficilmente possiamo permetterci di interpretare la politica democratica espungendone il pluralismo. L’assunto originario è che, se la maggioranza governa solo ex post attraverso le elezioni, la democrazia più che un governo della maggioranza è governo di minoranze. Il principio numerico, argomenta ulteriormente Dahl, ignora le differenze di intensità: È possibile che si diano maggioranze tiepide e minoranze intense, che cioè sentono più fortemente un problema? L’interrogativo sembra fatto apposta per mettere in evidenza la politica dei gruppi, il cui attivismo politico come indice di preferenze offre risposte al non facile problema dell’intensità. Importante è anche distinguere tra fasi elettorali e fasi interelettorali, tra fasi del prevoto e fasi del postvoto. Le fasi elettorali sono quelle più interessanti per l’attività dei gruppi e delle minoranze intense. Cosicché, spazio dell’intensità, e tempo dell’agire hanno grande rilevanza nell’ambito epistemico del pluralismo.

27Il livello di riflessività storico epistemica più noto è raggiunto da Dahl includendo il pluralismo in ciò che egli chiama «poliarchia». Le condizioni che rendono possibile la poliarchia si traducono in «norme» che possono essere socializzate e quindi apprese (nella loro efficacia procedurale) quanto più è l’accordo su di esse e sui fini sostanziali della politica pubblica. Il pluralismo, secondo Dahl, esige dunque il realizzarsi di una dialettica di differenziazione-unità. Tanto maggiore il disaccordo sulle politiche quanta più autonomia sociale dei gruppi, tanto meglio se il conflitto si spoliticizza.

28Nuovi soggetti del pluralismo protagonizzano la parte terza del lavoro di Graziano dedicata al Sistema dei gruppi e a squilibri nella rappresentanza dal 1960 al 1990. È certo la parte più ardua, sia per l’affollarsi d informazioni osservative e di ricerca empirica, sia per il bisogno del lettore di vedere come si possa sciogliere il nodo dei procellosi rapporti di Lobbismo-Pluralismo. Arrivano nuovi soggetti del pluralismo, per esempio, i «gruppi di cittadini» (diversi dai gruppi occupazionali tradizionali, secondo una distinzione di J. L. Walker, Mobilizing Interest Groups in America. Patrons, Professions, and Social Movements, The U. of Michigan Press, Ann Arbor, 1991) – che nascono sulla scia di ampi movimenti sociali come ambientalismo, diritti civili, condizione della donna. A proposito di soggetti del nuovo pluralismo si sottolinea il superamento dei cosiddetti «Triangoli di ferro», ossia di quei gruppi costituiti: a) dai burocrati responsabili di un dato settore, b) dai membri della commissione parlamentare che ha competenza nella stessa area, e, c) dalle organizzazioni che rappresentano gli interessi in essa coinvolti. «In questo caso – ha rilevato G. Sola – gli attori sono dotati di un potere effettivo e spesso irresponsabile: la loro competenza e la loro specializzazione consentono di escludere avversari ed estranei dal processo decisionale e, soprattutto, di tenerli lontani dalla formazione dell’agenda dei problemi su cui decidere» (cfr. G. Sola cit., p. 247). A quei «Triangoli di ferro» si sono venuti via via sostituendo i cosiddetti «Issues networks»: nuove politiche in settori tecnologicamente nuovi e dalle vaste implicazioni sociali; di interesse materiale secondario rispetto all’«impegno intellettuale ed emotivo» che lega alla rete; confini labili e mutevoli fra rete e ambiente; i problemi definiscono gli interessi e non viceversa; sapere ciò che è giusto fare. Gli «Issues networks» non supererebbero però del tutto i tradizionali «Triangoli di ferro», ma aggiungerebbero alla maggiore partecipazione più tecnocrazia da parte degli specialisti (cfr. Graziano cit., pp. 239-242).

29I soggetti del pluralismo, cosiddetti «gruppi d’interesse pubblico» oltreché «anello debole» (Graziano) rimangono per il lettore un vero e proprio geroglifico, vuoi per ragioni definitorie: «gruppi che non servono gl’interessi esclusivi dei loro membri», dilemma degli incentivi di M. Olson e alternativa di B. A. Weisbrod nella funzione rimediale dei gruppi: riparare alle istanze non rappresentate o dimenticate nel mercato; movimenti sociali che possono far leva su standard di equità condivisi dalla popolazione…; vuoi per le difficoltà di trasferire a cause pubbliche i metodi della lobby, saltando dal tradizionale riformismo alle nuove condizioni degli «interessi diffusi»: nuova classe media, più avanzata cultura di gruppo ed organizzazione rispetto all’individualismo e al moralismo precedenti l’epoca del riformismo; sviluppi dell’elettronica, fattori di leadership (cfr. Graziano, p. 249).

30Le conclusioni sul lobbismo: «smettere di pensare alle lobbies come schermi equivoci d’interessi economici forti» (cfr. Graziano, p. 271); «Possiamo accogliere le lobbies nell’armamentario della democrazia solo se riaffermiamo la democrazia come ambito dell’eguaglianza» (p. 270). Sono tali conclusioni che pongono al nuovo pluralismo, teoria e pratica, il problema di un più adeguato statuto storico epistemico, nel divario tra il sistema esclusivo degli interessi organizzati di lobbies e partiti e il sistema egualitario della democrazia. Il geroglifico dei gruppi «politici», nel senso di affermare finalità trascurate o emarginate dal mercato è, in fondo, il geroglifico dei rapporti pluralismo-cultura, cioè del significato della cultura politica, come adeguata a determinare una attività pluralistica «cultura della fiducia, della cooperazione e dell’azione collettiva. Qui la speranza … è che si metta in moto un circolo virtuoso fra cultura e istituzioni, fra pratica della difesa aperta organizzata dagli interessi e l’accettazione dei vincoli senza i quali il sistema degenera» (cfr. Graziano cit., p. 272). In questo finale, un contributo riflessivo sul pluralismo «è colto da Graziano anche nel filosofo Michel Walzer, e nella sua opera Sfere di giustizia. In difesa del pluralismo e dell’eguaglianza (1983), la cui concezione di una «eguaglianza complessa» rappresenta un contributo epistemico notevole da associare alla concezione dell’intensità del partecipare secondo Dahl.

31Non c’è dubbio che l’impegno più grave e scoraggiante che il pluralismo pone storicamente, si trovi nel campo dell’operare politico democratico. Anche se oggi le prove che ci sono richieste dal pluralismo come pluralità di fatto e differenziazione sono molteplici: culturali e religiose, linguistiche e etniche, globali e locali, economiche e ambientali ecc. Viviamo quotidianamente immersi in un mare di diversità che moltiplicano i nostri problemi di identità. Navighiamo nella pluralità come dato di fatto della diversità, ma non ci riconosciamo in un pluralismo come attività di composizione delle fratture e ricomposizione dell’unità. Noi siamo oggettivamente plurali, ma non siamo pluralisti. I partiti si considerano legittimamente plurali, ma non sono pluralisti, gli uomini di partito si dichiarano pluralisti ma sono egoisticamente plurali. Ma che cosa vuol dire essere «pluralisti»? Avere bensì virtuali atteggiamenti di comprensione e di tolleranza ma, soprattutto, porre realmente in essere comportamenti organizzativi e relazionali volti alla ricomposizione della pluralità, il che implica una antropologia del pluralismo, che ne integri lo statuto storico epistemico, normativo, analitico, sperimentale. I «meccanismi precisi ci sfuggono» dice Graziano a proposito del «circolo virtuoso» cultura-pluralismo (cfr. p. 272). Il fatto è che se è forte la diversità è ancora debole l’esperienza del suo superamento ed il riconoscimento del pluralismo come prova, il che richiede anche un riconoscimento della politica come sperimentazione, piuttosto che come possesso del potere.

32L’agitato campo degli interessi, dei loro gruppi ed organizzazioni, è stato attraversato con grande determinazione a partire dalle ricerche degli anni Ottanta. Al termine del viaggio, qualche volta quasi ossessivo nel susseguirsi senza tregua di scenari, paesaggi e coreografie del lobbismo, rispettando, del resto, all’estremo, fonti e intenti di ricerca, nel rapporto di Ricerca e Teoria si ha l’impressione che, mentre il Lobbismo degli anni Ottanta e Novanta avrebbe dovuto rappresentare il nuovo pluralismo, il pluralismo come sperimentazione e prova delle differenziazioni rischia di consumarsi nel lobbismo. Forse per questo esso ha trovato finora «eco piccola o quasi nulla nella teoria democratica».

33A misura che lo statuto storico sociale e quello politico del pluralismo venivano da studi e ricerche progressivamente esplorati, indagati ed arricchiti di importanti e decisive informazioni è cresciuto il divario tra Ricerca e Teoria: lo statuto riflessivo, storico epistemico, antropologico del pluralismo come prova. La conclusione di chi scrive è che per pluralismo si deve intendere non solo il risultato di fatto differenziatore di processi associazionistici, organizzativi, partecipativi, ma che sia esso stesso una attività, una antropologia, un tipo di agire sociale e per il quale si introduce nella teoria della democrazia un principio differenziatore da quello individualistico, quale invece viene posto a fondamento della teoria individualistica della democrazia, nel cui orizzonte teorico non rientra, per esempio, la presenza dei gruppi, mentre diritti civili come quelli di associazione fanno riferimento solo ad individui. Il pluralismo è un agire intenzionale e per questo di grande vitalità simbolica, che tuttavia rischia di perdersi nella morta gora del politicismo triviale (trasformismo).

34È facile pensare che la tematica del pluralismo come agire intenzionale e simbolico possa trovare efficaci contributi al suo statuto storico epistemico nella tradizione della teoria dell’azione, della rational choice, dei giochi linguistici, nonché nella filosofia e nella etica politica. Ma c’è una contestualità temporale del Pluralismo con la Sociologia del comportamento che fa pensare al Comportamentismo degli anni Cinquanta e Sessanta, se non direttamente come ad una fonte per una teoria antropologica del pluralismo, ad un esemplare mutamento antiformalistico nella teoria della democrazia, ad una svolta verso un pluralismo come condotta, per esempio nel senso di sgominare le tradizionali nozioni politologiche della pluralità come diversità di fatto, meramente quantitative, proporzionalistiche, possibilmente sommatorie. Come, nel contesto statunitense degli anni in parola, la combinazione di pluralismo ed elitismo ha arricchito lo scenario degli oggetti del pluralismo, così la combinazione del nuovo pluralismo con un nuovo comportamentismo può arricchire lo scenario dei soggetti del pluralismo. Nella quantità di significati, più o meno vivi, del Comportamentismo, oggi, può essere considerata sempre più vitale la sua fiducia nella condotta dell’uomo che vive in società. Ci vuole una notevole dose di questa fiducia per sapere e potere rimuovere l’ostacolo epistemologico che sembra oggi rendere la teoria e la prassi del pluralismo compiti estremi, cioè posti all’estremo limite delle umane capacità e possibilità.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Barbano, « Realtà plurali e condotta pluralista »Quaderni di Sociologia, 19 | 1999, 137-146.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Barbano, « Realtà plurali e condotta pluralista »Quaderni di Sociologia [Online], 19 | 1999, online dal 30 novembre 2015, consultato il 24 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1461; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1461

Torna su

Autore

Filippo Barbano

Dipartimento di Scienze Sociali - Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search