Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri19note criticheUn singolare dialogo. L’intervist...

note critiche

Un singolare dialogo. L’intervista nella ricerca sociale

Mario Cardano
p. 147-157

Testo integrale

  • 1 La preferenza accordata nel testo alla locuzione «intervista discorsiva» (Rositi 1993), al posto de (...)
  • 2 La collana è promossa dalla Sezione di Metodologia dell’Associazione Italiana di Sociologia. Un esa (...)

1L’intervista è il più diffuso strumento di raccolta delle informazioni nelle scienze sociali (Fideli e Marradi 1996). La maggior parte della documentazione empirica da cui muovono le analisi sociologiche viene costruita nel contesto di questa singolare conversazione, nell’interazione tra un intervistatore che domanda e un intervistato che risponde. Nella ricerca sociale questa interazione assume una pluralità di forme; tra queste le principali sono l’intervista strutturata, l’intervista discorsiva1 e l’intervista di gruppo o focus group. L’attenzione per quest’ultima tecnica, nata in ambito accademico, ma sviluppatasi soprattutto nel mondo della ricerca di mercato (Krueger 1994), è, nel nostro paese, ancora modesta. Diverse sono invece le sorti delle altre due tecniche d’intervista non solo più diffuse ma, da qualche tempo, oggetto di una attenta analisi critica (Pitrone 1984; Marradi 1988; Sormano 1988; Marradi e Gasperoni 1992; Guala 1996). A queste tecniche di ricerca sono dedicati due tra i più recenti volumi della collana di metodologia delle scienze umane dell’editore Franco Angeli: il libro di Giampietro Gobo sull’intervista strutturata (Le risposte e il loro contesto. Processi cognitivi e comunicativi nelle interviste standardizzate, Milano, 1997) e quello di Paolo Montesperelli, sull’intervista discorsiva (L’intervista ermeneutica, Milano, 1998)2. Si tratta di due testi che, per ragioni diverse, si discostano dalla linea editoriale tracciata dai precedenti volumi, più vicini al côté della cosiddetta ricerca quantitativa, più inclini a presentare l’insieme delle soluzioni consolidate che a prospettare un quadro di problemi in buona misura ancora aperti.

2Il libro di Gobo si discosta dai volumi che lo precedono sotto quest’ultimo profilo. Le risposte e il loro contesto è infatti dedicato a una delle più convenzionali tecniche di ricerca, l’intervista strutturata, analizzata alla luce della più recente ricerca metodologica, sezionata con il bisturi della teoria, ma senza la stucchevole acrimonia che spesso accompagna questo genere di letteratura. Il cognitivismo e più in particolare la sociologia cognitiva (Cicourel 1973) costituisce la cornice teorica entro cui Gobo sviluppa le proprie osservazioni. Questa prospettiva – osserva Gobo – sposta l’attenzione dal comportamento dell’intervistatore a quello dell’intervistato o, detto altrimenti, dalle domande alle risposte (p. 16). In questa chiave l’intervista, restituita al mondo del dialogo, si qualifica come un processo interattivo, come una sequenza di «mosse» (p. 161), talvolta coerenti con gli obiettivi conoscitivi del ricercatore, altre volte meno.

  • 3 La distinzione tra i due piani, cognitivo e comunicativo, viene ribadita nel terzo capitolo, attrav (...)

3Il volume si articola in quattro capitoli, un capitolo di introduzione storica, cui seguono tre densi capitoli metodologici, organizzati dalla distinzione analitica (vedi p. 14) tra piano cognitivo e piano comunicativo3. Il primo capitolo, Il questionario e le sue ideologie, offre una concisa ricostruzione della storia del sondaggio, delle tappe fondamentali della sua diffusione e del clima culturale che la rese possibile (p. 17). Scopriamo così di dovere a La Play, ingegnere e poi sociologo, l’invenzione del questionario, messo a punto in Francia intorno al 1850. È tuttavia in Inghilterra, con Boothe e Rowntree, che il questionario mette le prime radici, sostenuto dalla consolidata tradizione di ricerca epidemiologica di questo paese. Ciò che nella Francia, così come nell’Inghilterra del xix secolo accomuna i pionieri del sondaggio è la sistematica combinazione del questionario con altre tecniche di ricerca, l’analisi secondaria di statistiche ufficiali, ma anche l’osservazione partecipante, coniugando senza remore metodi quantitativi e metodi qualitativi. Alla fine del xix secolo le inchieste sociali sbarcano oltreoceano, negli Stati Uniti, teatro prima della tormentata adolescenza e poi della florida maturità del questionario. Gobo ripercorre le tappe principali di questa irresistibile ascesa, dal tonfo del Literary Digest alle prese con l’inattesa vittoria elettorale di Roosvelt (p. 25), all’organizzazione delle prime istituzioni accademiche di ricerca, sino ai fasti dei tardi anni Sessanta, decretati dalla diffusione del computer e dallo sviluppo di tecniche di ricerca sempre più sofisticate. La diffusione del sondaggio si accompagna a un sensibile mutamento nella forma e nelle dimensioni dei questionari: sempre più voluminosi, con domande sempre più spesso irreggimentate in «batterie» e con una sensibile riduzione delle domande aperte o, detto altrimenti, dello spazio riservato all’intervista discorsiva, all’interno del questionario (vedi p. 29).

4Se il processo che ha condotto a questi esiti è sufficientemente chiaro, meno chiare sono le ragioni per le quali – oggi – queste scelte non debbano essere rimesse in discussione; perché l’intervista discorsiva non possa rientrare nel questionario. La risposta più comune, le domande aperte presentano difficoltà di codifica insormontabili, sembra quantomeno sbrigativa per almeno due ordini di ragioni. Sbrigativo è il giudizio sulle difficoltà di codifica delle domande aperte, cieco di fronte ai recenti sviluppi delle tecniche di analisi dei testi, penso in particolare alla computer-aided content analysis (Amaturo 1993; Losito 1993). Ancor più discutibile è l’assunto – spesso tacito – da cui muove questo lamento rituale, vale a dire il fatto che il naturale trattamento delle risposte a domande aperte sia la riduzione del senso di un testo a un codice alfanumerico. Nulla vieta di sostituire alla codifica, questionario per questionario, di tutte le domande aperte la costruzione, ad esempio, di un insieme di tipi ideali ancorati alla totalità del corpus testuale costituito dall’insieme delle risposte libere. Così come nulla impone di rivolgere le domande aperte a tutti gli intervistati, quando è possibile concentrare l’attenzione solo su di un sottoinsieme pertinente di casi. Soluzioni di questo genere potrebbero, forse, restituire al questionario la ricchezza e la flessibilità delle origini.

  • 4 Particolarmente istruttive al riguardo sono le minute osservazioni di Gobo attorno alle modalità de (...)

5Torniamo a Gobo. Il secondo capitolo de Le risposte e il loro contesto ci accompagna tra gli alambicchi del caotico laboratorio cognitivo entro cui gli individui, interrogati, restituiscono una risposta. La ragione per la quale l’autore ci trascina attraverso questo territorio così distante dalla geometria rassicurante della logica aristotelica è enunciata con perentoria chiarezza: «se vogliamo imparare a fare domande dobbiamo […] comprendere come gli individui ragionano» (p. 35). A questo scopo vengono delineati nei loro tratti essenziali i processi cognitivi che presiedono alla produzione delle risposte: la comprensione, inscritta – ancorché non esplicitamente – nel circolo ermeneutico; la memoria, descritta come un processo di costruzione nutrito tanto dalle informazioni che stanno nella nostra testa, quanto da quelle che stanno «là fuori», nel mondo (p. 41); e ancora, i processi inferenziali, ricondotti alle euristiche della disponibilità, della rappresentatività e dell’ancoraggio (p. 37). Il capitolo prosegue con l’analisi del comportamento di risposta, rappresentato come una sequenza (non necessariamente ordinata) di tre fasi: l’attribuzione di senso, la formazione del giudizio, la sua verbalizzazione. In tutte le fasi di questo processo un insieme composito di «incidenti cognitivi» attenta alla pertinenza delle risposte raccolte. Di questi incidenti il testo offre un repertorio ricco e ben documentato. Questi problemi hanno origine ora dalla formulazione delle domande ( «reazione all’oggetto», «curvilinearità», «falsa divergenza»), ora dall’organizzazione delle domande nel questionario, ora dall’ordine degli item in una «batteria», ora, infine, dal numero e dall’ordine delle modalità di risposta di volta in volta consentite. A ciò si aggiungono gli incidenti determinati dalla difficoltà del compito cognitivo assegnato agli intervistati o, più in generale, dalle differenze che separano il processo di risposta ipotizzato dal ricercatore e il concreto itinerario cognitivo seguito dagli intervistati. Il testo riporta al riguardo l’esempio delle domande che richiedono la formulazione di giudizi generali ma che, di norma, ottengono risposte costruite ancorando il quesito a una situazione specifica. I materiali presentati in questo capitolo attirano l’attenzione su di un problema tanto evidente quanto trascurato, quello dell’instabilità dei significati attribuiti alle domande che scandiscono il ritmo di un’intervista. Questo problema si coglie innanzitutto nella coincidenza, tutt’altro che perfetta, tra i significati consegnati dai ricercatori alle loro domande e i significati attribuiti loro dagli intervistati nel processo di elaborazione delle risposte (p. 111). Lo stesso problema si ripropone tra gli intervistati che, interpellati con il medesimo quesito, di fatto, rispondono a domande che la loro interpretazione rende diverse4.

  • 5 Alla famiglia delle soluzioni non convenzionali appartengono, ad esempio, l’estensione dello spazio (...)

6Queste considerazioni portano a riqualificare una pratica di ricerca che pochi prendono sul serio e di cui quasi nessuno dà conto nel resoconto della propria ricerca: il pre-test. Il pre-test, infatti, è il luogo in cui molti di questi nodi possono venire al pettine, il luogo dove molti di questi problemi possono trovare una soluzione, più o meno convenzionale5. Da ciò discende l’opportunità di corredare i risultati delle ricerche condotte con questionario di un dettagliato resoconto riflessivo sul pre-test che dia conto del disegno e dei maggiori risultati ottenuti.

7Il terzo capitolo analizza i fattori emotivi, comunicativi e culturali che modellano l’interazione tra intervistatore e intervistato. Vengono esaminate le conseguenze dell’umore e, più in generale, dello stato psichico dell’intervistato assieme all’impatto della coloritura emotiva della relazione che si stabilisce tra chi domanda e chi risponde. Più legati al profilo culturale dell’intervistato, emergono le linee di condotta ora improntate all’acquiescenza o yea-saying (p. 122), ora modellate dal desiderio di fornire risposte coerenti a quanto viene percepito come socialmente desiderabile (128), e ancora, i processi di autocensura dettati dalla definizione culturale dell’intervistato di quanto può essere detto a un estraneo e di quanto, invece, è bene tenere per sé (pp. 140-144). Il testo prende poi in esame le caratteristiche dell’intervistatore raccolte – in modo non del tutto convincente – sotto l’etichetta di convenzioni relative alle caratteristiche socio-demografiche. Si tratta di un tema cui la ricerca metodologica d’impostazione comportamentista ha dedicato tempo e risorse, tuttavia, senza pervenire a risultati di particolare momento. Le sole caratteristiche dell’intervistato che mostrano un impatto stabile e coerente sulla dinamica d’intervista sono quelle che, con Hannerz, possiamo definire come «attributi discriminanti di ruolo» (1980, trad. it. 1992: 279), ad esempio la razza nelle ricerche che mettono a tema le relazioni inter-etniche (p. 150). Maggiore sembra invece l’impatto delle caratteristiche culturali degli intervistati che modulano, con la propensione ad accettare l’intervista, anche la linea di condotta adottata nel fornire le risposte (pp. 151-158). Alcune osservazioni sul luogo dell’intervista, inteso come spazio fisico e simbolico, chiudono il capitolo.

  • 6 Su quest’ultimo tema rinvio al mio (1990, in particolare al par. 5).

8L’ultimo capitolo coniuga le prospettive cognitiva e comunicativa per cogliere «il questionario in azione» (p. 161), nel gioco di ruoli messo in scena nel corso di questa singolare interazione. Qui l’intervista viene osservate con gli occhi dell’antropologo. Viene così ricostruito il rituale del contatto e, subito dopo, il rito di iniziazione al questionario o, detto altrimenti, il processo di socializzazione ai tempi e ai modi appropriati dell’ascoltare e del rispondere. L’attenzione cade poi sulle risposte per sottolinearne il carattere pragmatico di reazioni – verbali o comportamentali – innanzitutto, alla situazione d’intervista. Le risposte si connotano così ora come «repliche», come contro-mosse motivate dal disagio suscitato dalla domanda (p. 184); ora come prestazioni, dettate più dall’obbligo di rispettare il contratto d’intervista che da uno scrupoloso esame della propria anima; ora come decisioni prese non già dall’intervistato, ma dall’intervistatore, coautore – in senso forte – dell’intervista (p. 188). Il testo prosegue con un’analisi degli strumenti diagnostici messi a punto per separare il grano dalle malerbe, documentandone ora l’inefficacia, ora la natura irrealistica degli assunti su cui poggiano6. Da tutto ciò l’autore trae la drastica conclusione che «soltanto alcune volte c’è coincidenza tra lo stato dell’intervistato e la (modalità di) risposta scelta» (p. 183). Ancor più radicale è la tesi, espressa in più luoghi del testo (pp. 43, 83, 195), che mette in dubbio l’esistenza di quanto con i questionari ci si prefigge di rilevare, gli atteggiamenti, su cui l’autore fa gravare il pesante sospetto di essere nulla più che un artefatto della tecnica di ricerca impiegata.

  • 7 Portato alle estreme conseguenze il situazionismo finisce per coincidere con il comportamentismo, s (...)

9Su entrambe le tesi ho qualche riserva. Nel caso della prima, riferita alla coincidenza tra risposte e stato dei casi, quel che fa problema è l’indeterminatezza. Il grado di corrispondenza tra risposte e stato dei casi sulle proprietà rilevate varia in ragione di una pluralità di fattori, il tipo di domanda (demografica, di atteggiamento o altro), le caratteristiche cognitive e culturali degli intervistati, l’argomento della ricerca, per indicarne solo alcuni. Ebbene, in alcuni casi – lascio al lettore immaginare quali – la corrispondenza tra risposte e proprietà può essere anche molto alta, in altri le cose possono andare altrimenti. Sulla seconda questione, lo statuto ontologico degli atteggiamenti, penso innanzitutto sia il caso di intendersi. Se nella definizione di atteggiamento l’accento cade sulla componente conativa, sulla tendenza all’azione, la tesi situazionista sostenuta dall’autore non può che essere condivisa; non foss’altro per la pletora di ricerche che documentano l’assoluta irrilevanza delle «tendenze all’azione» per l’azione fatta e finita (vedi Deutscher 1973). Altro è se nella definizione del concetto di atteggiamento facciamo tesoro della lezione dei classici, risalendo su, su, sino agli autori che per primi impiegarono questa nozione nel contesto di una teoria sociologica, Thomas e Znaniecki in The Polish paesant. In questo registro – più marcatamente cognitivo – l’atteggiamento si configura come un costrutto mentale chiamato a interpretare la situazione oggettiva dell’attore, definendone i contorni in vista di un corso d’azione. Definito in questi termini lo statuto ontologico dell’atteggiamento mi sembra più che solido7.

10Tornando al testo, questo si chiude con una serrata analisi delle convenzionali procedure di governo dell’interazione tra intervistato e intervistatore, concepite per minimizzare l’impatto dello strumento di osservazione, dell’intervistatore, sulla dinamica e sui risultati dell’intervista. All’immagine di un intervistatore guidato, e per questo paralizzato, da una fitta rete di regole, Gobo contrappone quella di un intervistatore ermeneuta (p. 206), cedendo idealmente il testimone a Montesperelli.

11«Scopo dell’intervista ermeneutica è esplorare il mondo della vita quotidiana mediante tecniche non direttive». Si apre così il volume, L’intervista ermeneutica, redatto per la collana di metodologia delle scienze umane da Montesperelli. La lettura del volume conduce, tuttavia, ad estendere la portata di questo contributo al di là dei confini di ciò che l’autore definisce come l’oggetto privilegiato di questa tecnica, «il mondo della vita quotidiana» (vedi pp. 66-69). In modo analogo l’esame del repertorio di ricerche ricondotte all’approccio che ispira il volume (nota 7, p. 132) e la considerazione delle proposte metodologiche che corredano il testo, dall’ermeneutica oggettiva alla grounded theory, conducono ad estendere la portata del testo all’intervista discorsiva tout court, una tecnica – ed è questa la specificità del volume – che Montesperelli porge al lettore privilegiando una chiave epistemologica, l’ermeneutica, e un determinato contesto di ricerca, il mondo della vita quotidiana.

  • 8 Vanno in questa direzione le osservazioni con le quali si chiude il capitolo (p. 48).

12Il volume si compone di quattro capitoli, perlopiù teoretici i primi due, tecnico-metodologici quelli che seguono. Il primo capitolo contiene una concisa ricostruzione della storia e, in questa chiave, di alcune nodi epistemologici e metodologici dell’approccio ermeneutico. Il privilegio accordato alla prospettiva storica rende, tuttavia, meno evidenti le differenze, soprattutto di metodo (vedi Madison 1988), che separano le correnti dell’ermeneutica contemporanea, differenze per le quali sembra più opportuno parlare, non già di ermeneutica, ma di ermeneutiche8. Mi riferisco in particolare alla contrapposizione tra l’ermeneutica fenomenologica di Wahrheit und Methode (Gadamer 1960) e l’ermeneutica metodica di Validity in Interpretation (Hirsch 1967) e alla proposta di mediazione tra queste due anime del pensiero ermeneutico elaborata da Ricoeur con la nozione di «arco ermeneutico» (1986).

  • 9 Per un’analisi critica di queste soluzioni si rinvia a Gobo (1993: 307) e al mio (1997: 46).
  • 10 Questo aspetto della proposta metodologica della grounded theory si attenua nei contributi più rece (...)
  • 11 A questo proposito si veda Marradi (1996: 83).

13La ricostruzione – necessariamente in pillole – della storia dell’ermeneutica consente all’autore di accostarsi ai principali nodi epistemologici e metodologici propri di quest’approccio, a cominciare da quello del delicato rapporto tra intentio autoris e intentio operis, ineludibile nell’interpretazione di un testo costruito nel contesto interattivo dell’intervista, di un testo di cui l’intervistatore è coautore (p. 36), e ancora, al problema più generale del rapporto tra testo e interpretazione, espresso da Montesperelli con i colori vividi della tesi quineiana dell’indeterminatezza della traduzione (p. 25). Viene inoltre messa a tema la conseguenza più ingombrante della scoperta heideggeriana del «circolo ermeneutico»: il rischio di rimanere imprigionati nel «cerchio delle proprie private presupposizioni» (Gadamer, 1960, trad. it. 1990: 315), gravati da una precomprensione che ostacola il comprendere (p. 23). Si tratta di problemi che, espressi altrimenti, abitano da tempo il dibattito metodologico nelle scienze sociali e per i quali sono state messe a punto diverse soluzioni. Penso in particolare al «postulato di adeguatezza» di Schütz e alle sue filiazioni nelle proposte metodologiche variamente declinate di member validation, host validation, member verification9. Penso, inoltre, alla proposta metodologica di Glaser e Strauss (1967) di rendere inoffensive le precomprensioni combinando la tensione a fare tabula rasa delle aspettative teoriche10 con la definizione di regole procedurali capaci di conferire rigore alla discovery of gronded theory. Penso, infine, alle soluzioni maturate a ridosso della cosiddetta svolta riflessiva (Steier 1991; Melucci 1998) che, abbandonato ogni riferimento alla concezione tarskiana della verità come corrispondenza, ancorano la plausibilità del discorso sociologico, delle interpretazioni di cui si compone, al resoconto riflessivo delle procedure che hanno reso possibile la costruzione del dato e la sua analisi11. Alla ricostruzione di questi aspetti del dibattito metodologico il testo di Montesperelli dedica solo un cenno (p. 23). Forse una maggior attenzione a questi temi avrebbe esteso la portata didattica del volume.

14Il capitolo si chiude con l’esposizione di un insieme di linee guida concepite per contenere il rischio – inerente al lavoro ermeneutico – di una «deriva infinita di senso» (Eco 1990: 5). Serve a questo scopo legare l’interpretazione a uno specifico obiettivo conoscitivo (vedi Gadamer 1960, trad. it. 1990: 420); individuare nel testo, nel suo senso letterale (Eco 1990) o nella sua struttura sintattica (Ricoeur 1986), un limite alle interpretazioni possibili; e ancora, affidare la propria interpretazione al giudizio di una «comunità di interpreti esperti» (p. 43).

  • 12 Questo è evidente per le correnti metodiche dell’approccio ermenuetico: da Dilthey a Betti, fino a (...)

15Da tutto ciò emerge con sufficiente chiarezza come da questa persuasione epistemologica non discenda necessariamente un rifiuto del metodo (vedi p. 32)12, ma che – presa sul serio – la proposta ermeneutica, imponga una radicale ridefinizione del metodo: un metodo, con Madison (1998: 28-9) diretto a sostenere piuttosto che sostituire il giudizio personale, un metodo che a una collezione di regole impersonali sostituisca un insieme di principi che impongano allo scienziato sociale la responsabilità della loro interpretazione in relazione al contesto entro il quale conduce la propria ricerca.

16L’illustrazione delle caratteristiche del mondo della vita quotidiana, così come emergono dal contributo della sociologia fenomenologica, costituisce il centro del secondo capitolo de L’intervista ermeneutica. Alla puntuale ricostruzione dei luoghi di maggior rilievo di questa proposta teorica Montesperelli accosta l’indicazione dei punti di contatto, ora con l’approccio ermeneutico (p. 51), ora con i nodi metodologici dipanati nei capitoli che seguono. In particolare Montesperelli definisce l’interazione che prende forma con l’intervista come un «evento straordinario» (p. 64) che spinge l’intervistato alla sospensione della sospensione del dubbio, ad abbandonare l’ «atteggiamento naturale» (Schütz 1971) aprendosi con ciò alla possibilità di ricostruire, con il proprio interlocutore, la topografia del mondo della vita quotidiana di cui è parte.

  • 13 Montesperelli non prende posizione al riguardo, ma mi sembra di capire che sia Gadamer l’autore che (...)
  • 14 È questo – detto per inciso – uno dei luoghi che mostrano con maggior nitore la distanza che separa (...)

17Alle tecniche, alla conduzione del colloquio e all’analisi della documentazione empirica, è dedicato il terzo capitolo del volume. Le indicazioni metodologiche proposte per la conduzione dell’intervista sono un esempio tra i più felici di «applicazione» alla ricerca sociale dei concetti gadameriani di «dialogo» e «ascolto»13. In questa fase delicata di costruzione del testo, Montesperelli sottolinea il primato del testo sull’interprete (cfr. Gadamer 1960, trad. it. 1990: 313), dell’intervistato sull’intervistatore, chiamato – innanzitutto – a un atteggiamento di «ascolto» (p. 84). Montesperelli attribuisce all’intervistato il compito di guidare l’intervista o, detto altrimenti, di dettare la domanda cui, con l’intervista ci si propone di trovare risposta (ibid.: 431-2). L’atteggiamento epistemologico viene qui modellato sul concetto greco di theoria che Gadamer presenta come una «partecipazione al reale, non un fare ma un patire» (ibid.: 157)14. L’interazione tra intervistatore e intervistato, leggiamo in L’intervista ermeneutica, deve approssimare quanto più possibile la conversazione ordinaria (p. 95), aprendosi alla possibilità di incontri ripetuti (p. 96). Con queste premesse non stupisce il suggerimento – che già con Gobo abbiamo iniziato ad apprezzare – di personalizzare le domande che l’intervistatore porge ai propri interlocutori (p. 113). Viene poi affrontata la delicata questione del numero di interviste necessario a conferire plausibilità alle proprie interpretazioni. Qui l’autore si rifà alle soluzioni metodologiche maturate nella scuola biografica francese e nel contesto della grounded theory con le nozioni di «saturazione» e di «theoretical sampling» (p. 87). A intervista conclusa, Montesperelli suggerisce di procedere a una trascrizione completa – domande comprese – del dialogo tra intervistato e intervistatore (p. 102); consegnando così alla fase successiva di analisi un testo cui viene restituita la propria «alterità». Per l’analisi dei testi d’intervista, l’autore incoraggia il lavoro di gruppo, l’organizzazione di una équipe di ricerca, possibilmente multidisciplinare che comprenda, oltre ai ricercatori, anche i collaboratori che hanno raccolto le interviste (p. 75). Il lavoro di gruppo, la costituzione di una piccola comunità di interpreti, costituisce un efficace antidoto alla sovrainterpretazione, consentendo, talvolta imponendo, di «rimettere in questione le proprie convinzioni» (p. 78).

  • 15 Va in questa direzione il più volte citato lavoro di Madison (1988).

18Decisamente meno prodiga di indicazioni è la parte dedicata alle procedure di analisi della documentazione empirica. Qui il testo si limita a suggerire alcune linee guida, prima tra tutte la disponibilità ad incontrare l’inatteso, facilitata, ora dal controllo critico esercitato sulle proprie precomprensioni (in questa direzione il richiamo ai «concetti sensibilizzanti» p. 78), ora alla valorizzazione dell’esperienza dell’urto tra il testo e il progetto interpretativo con cui ci si accosta ad esso (cfr. Gadamer 1960, trad. it. 1990: 315). Questa debolezza – la relativa povertà delle indicazioni procedurali a guida del lavoro interpretativo – costituisce uno, se non il maggiore, dei punti deboli dell’approccio ermeneutico, in cui, anche chi scrive, si riconosce. Non penso, tuttavia, che a questo problema non si possa trovare soluzione. Di certo è esclusa la possibilità di identificare regole che agiscano come ordini (Madison 1988: 28), ma, d’altro canto, mi sembra possibile arricchire il parco dei «principi» capaci di arbitrare il conflitto tra la diverse interpretazioni possibili15. Tra questi «principi» sembra doveroso includere il richiamo alla responsabilità di redigere un accurato resoconto riflessivo del proprio personale percorso interpretativo (cfr. Marradi 1996: 83). Questo tema è affrontato in più luoghi del testo (pp. 78 e 112), ma forse in modo un po’ troppo frettoloso, lasciando sullo sfondo il suo legame con la plausibilità o, per usare una locuzione passata di moda, con il «contesto della giustificazione».

  • 16 Il testo si confronta con altre due critiche all’intervista discorsiva, quella di atomismo e quella (...)
  • 17 Questo argomento viene utilizzato per disinnescare le obiezioni contro l’impossibilità di controlla (...)

19Il volume si chiude con una rassegna delle critiche che, comunemente, vengono rivolte alle ricerche condotte con questo approccio. Vengono esaminate le obiezioni che prendono di mira il processo di costruzione della documentazione empirica: dalle presunte distorsioni dovute all’interazione tra intervistatore e intervistato (p. 144), alla violazione del requisito di standardizzazione degli stimoli linguistici (p. 148); e ancora, quelle che puntano il dito contro la forma impressa alla rappresentazione delle informazioni: testi invece di «misure» (p. 127) e quelle, infine, che sollevano dubbi sulla giustifica asseribilità delle conclusioni sostantive sorrette da questo genere di ricerca (pp. 135,147,149)16. Il testo affronta questi temi intrecciando due diverse linee argomentative: una solida, l’altra meno. Lungo la prima, l’autore mostra, ora l’irrilevanza dell’obiezione, ad esempio contro la tesi della non standardizzazione degli stimoli; ora l’incongruenza tra l’obiezione e la peculiarità delle «regole di costruzione dell’oggetto» (Borutti 1991; 1996) che contraddistinguono l’intervista ermeneutica, ad esempio contro la tesi che denuncia l’arbitrarietà dell’intervento interpretativo. Altro è il tenore della seconda forma di argomentazione, tesa a mostrare come i problemi che affliggono l’intervista ermeneutica affliggano, del pari, anche l’intervista strutturata17.

  • 18 Su questo tema rinvio a Manghi (1996) e al mio (1997).

20Questo argomento trascina l’intervista discorsiva su di un terreno che non le è proprio, la costringe a battersi con un avversario, «l’intervista per riempire una matrice-dati» (p. 74), che – sul piano strettamente metodologico – stenta a riconoscere come tale. Con questo non intendo sostituire alla metafora della guerra di religione quella – altrettanto impropria – della riconciliazione. Tuttavia la contrapposizione, su questo terreno, tra intervista discorsiva e intervista strutturata non ha più senso di una partita giocata tra una squadra di baseball ed una di rugby: in assenza di regole comuni il gioco si trasforma in uno scontro difficilmente arbitrabile. Dire che, in fondo, in fondo, neppure i giocatori di rugby hanno una presa infallibile, per giustificare gli strike del proprio battitore non è del tutto fuori luogo, ma, ahimè, finisce per mettere in ombra le differenze che separano due giochi profondamente diversi. Il libro di Montesperelli, forse più di molti altri testi affini per argomento, ci ha aiutato a capire come e quanto le «regole di costruzione dell’oggetto» nell’intervista discorsiva siano diverse da quelle che governano il sondaggio. Queste differenze autorizzano a richiedere, per l’intervista discorsiva, una forma di arbitraggio propria, diversa da quella del gioco dell’intervista strutturata. Dunque, per concludere, a regole diverse di costruzione dell’oggetto sembra legittimo far corrispondere regole diverse di valutazione dell’appropriatezza delle pratiche di ricerca e di giustificata asseribilità dei risultati cui si perviene; ed è questo il terreno, di confronto e non già di scontro, su cui mi sembra più produttivo – anche sul piano retorico – accostare l’intervista discorsiva e l’intervista strutturata e, più in generale, i cosiddetti metodi quantitativi e qualitativi18.

Torna su

Bibliografia

Amaturo E. (1993), Messaggio simbolo e comunicazione. Introduzione all’analisi del contenuto, Roma, La Nuova Italia Scientifica.

Baldissera A. (1993), Verso un rilancio della sociologia italiana? A proposito di una collana di metodologia delle scienze umane, «Quaderni di sociologia», xxxvii, 6, pp. 152-163.

Borutti S. (1991), Teoria e interpretazione. Per un’epistemologia delle scienze umane, Milano, Guerini e associati.

Borutti S. (1996), Le assunzioni di tipo sintattico della qualità, dattiloscritto.

Capecchi V. (1985), Appunti per una riflessione sulla metodologia della ricerca in sociologia, «Quaderni di Sociologia», xxxii, 4-5, pp. 112-169.

Cardano M. (1990), Il conflitto nei sistemi di credenze, «Rassegna Italiana di Sociologia», xxxi, 2, pp. 215-235.

Cardano M. (1997), L’interpretazione etnografica. Sui criteri di adozione degli asserti etnografici, in F. Neresini (a cura di) Interpretazione e ricerca sociologica. La costruzione dei fatti sociali nei processi di ricerca, Urbino, Quattro Venti, pp. 17-52.

Cicourel A. (1973), Cognitive Sociology, Londra, McMillan.

Deutscher I. (1973), What We Say / What We Do, Glenview Ill., Scott Foresman and Company.

Eco U. (1990), I limiti dell’interpretazione, Milano Bompiani.

Fideli R. e Marradi A. (1996), Intervista, in Enciclopedia delle Scienze Sociali, vol. V, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, pp. 71-82.

Gadamer H. G. (1960), Wahrheit und Methode, Mohr, Tübingen (trad. it. Verità e metodo, Milano, Bompiani, 1990).

Glaser B., Strauss A. (1967), The Discovery of Grounded Theory, Chicago, Aldine.

Gobo G. (1993), Le forme della riflessività: da costrutto epistemologico a practical issue, «Studi di sociologia», xxxi, 3, pp. 299-317.

Guala C. (a cura di) (1996), Intervista e conversazione. Strategie di comunicazione e affidabilità dei dati, Genova, Costa & Nolan.

Hannerz U. (1980), Exploring the City: Inquiries Toward an Urban Anthropology, New York, Columbia University Press (trad. it. Esplorare la città, Bologna, Il Mulino, 1992).

Hirsch E. D. (1967), Validity in Interpretation, New Haven, Yale University Press (trad. it. Teoria dell’interpretazione e critica letteraria, Bologna, Il Mulino, 1983).

Krueger R. A. (1994), Focus Group. A Practical Guide for Applied Research, Newbury Park, Sage.

Losito G. (1993), L’analisi del contenuto nella ricerca sociale, Milano, Angeli.

Madison G. B. (1988), The Hermeneutics of Postmodernity, Bloomington, Indiana University Press.

Manghi S. (1996), La presenza del ricercatore. Appunti intorno all’idea di riflessività, in C. Cipolla e A. de Lillo (a cura di), Il sociologo e le sirene. La sfida dei metodi qualitativi, Milano, Angeli, pp. 242-262.

Marradi A. (1996), Metodo come Arte, «Quaderni di Sociologia», XV, 10, pp. 71-92.

Marradi A. e Gasperoni G. (1992), Costruire il dato 2. Vizi e virtù di alcune tecniche di raccolta delle informazioni, Milano, Angeli.

Melucci A. (a cura di ) (1998), Verso una sociologia riflessiva. Ricerca qualitativa e cultura, Bologna, Il Mulino.

Pitrone M. C. (1984), Il sondaggio, Milano, Angeli.

Ricoeur P. (1986), Du texte à l’action. Essais d’herméneutique ii, Parigi, Edition de Seuil (trad. it. Dal testo all’azione. Saggi di ermeneutica, Milano, Jaca Book).

Ricolfi L. (1995), La ricerca empirica nelle scienze sociali. Una tassonomia, «Rassegna Italiana di Sociologia», xxxvi, 3, pp. 389-418.

Rositi F. (1993), Strutture di senso e strutture di dati, «Rassegna Italiana di Sociologia», xxxiv 2, pp. 177-200.

Schütz A. (1971), The Stranger: An Essay in Social Psychology, in Collected Papers, The Hague, M. Nijhoff.

Sormano A. (1988), L’intervistatore come attore. Ovvero le infedeltà che non importa superare, «Rassegna Italiana di Sociologia», xxvi, 2, pp. 347-82.

Steier F. (a cura di) (1991), Research and Reflexivity, Londra, Sage.

Strauss A., Corbin J. (1994), Grounded Theory Methodology: An Overview, in N. K. Denzin, Y. S. Lincoln (a cura di), Handbook of Qualitative Research, Londra, Sage, pp. 273-285.

Torna su

Note

1 La preferenza accordata nel testo alla locuzione «intervista discorsiva» (Rositi 1993), al posto delle più consuete «intervista in profondità» e «intervista non-strutturata» ha due ragioni. La locuzione «intervista in profondità» cela una promessa che non sempre può mantenere: la profondità è qualcosa che non può essere garantita dal ricorso a una tecnica d’intervista e – del pari importante – che non può essere preclusa a chi preferisca fare altrimenti. Quanto alla seconda locuzione, «intervista non-strutturata», fa problema il fatto che una tecnica di ricerca sia definita non già per le sue prerogative, ma per le sue lacune: l’assenza di strutturazione. In modo analogo dovremmo definire «intervista non discorsiva» quella adottata nei sondaggi d’opinione, «osservazione non controllata», quella adottata dagli etnografi e via di questo passo.

2 La collana è promossa dalla Sezione di Metodologia dell’Associazione Italiana di Sociologia. Un esame critico dei primi cinque volumi della collana si trova in Baldissera (1996).

3 La distinzione tra i due piani, cognitivo e comunicativo, viene ribadita nel terzo capitolo, attraverso la metafora dell’analisi della varianza (p. 115).

4 Particolarmente istruttive al riguardo sono le minute osservazioni di Gobo attorno alle modalità delle scale Likert, in particolare sulle variazioni del significato attribuito al termine «abbastanza» nelle diverse regioni del nostro paese.

5 Alla famiglia delle soluzioni non convenzionali appartengono, ad esempio, l’estensione dello spazio riservato alle domande aperte e la proposta più radicale di ricorrere a diverse formulazioni di una stessa domanda, tante quanti sono i codici linguistici o le subculture che abitano il campione (vedi Capecchi 1985).

6 Su quest’ultimo tema rinvio al mio (1990, in particolare al par. 5).

7 Portato alle estreme conseguenze il situazionismo finisce per coincidere con il comportamentismo, solidali nella negazione della mediazione cognitiva dell’attore.

8 Vanno in questa direzione le osservazioni con le quali si chiude il capitolo (p. 48).

9 Per un’analisi critica di queste soluzioni si rinvia a Gobo (1993: 307) e al mio (1997: 46).

10 Questo aspetto della proposta metodologica della grounded theory si attenua nei contributi più recenti (vedi Strauss e Corbin 1994: 273).

11 A questo proposito si veda Marradi (1996: 83).

12 Questo è evidente per le correnti metodiche dell’approccio ermenuetico: da Dilthey a Betti, fino a Hirsch.

13 Montesperelli non prende posizione al riguardo, ma mi sembra di capire che sia Gadamer l’autore che più ha contribuito alla sua persuasione epistemologica.

14 È questo – detto per inciso – uno dei luoghi che mostrano con maggior nitore la distanza che separa l’approccio ermeneutico dal costruttivismo, persuasione epistemologica che pone l’accento sull’osservatore.

15 Va in questa direzione il più volte citato lavoro di Madison (1988).

16 Il testo si confronta con altre due critiche all’intervista discorsiva, quella di atomismo e quella della non diretta o completa ispezionabilità della base empirica (Ricolfi 1995: 394). Rispetto a quest’ultima l’autore esprime la propria preoccupazione a pagina 136, ma un atteggiamento più sollevato a pagina 143. Il problema della non piena ispezionabilità della base empirica affligge infatti altre tecniche di ricerca (prima tra tutte la ricerca etnografica), ma non l’intervista discorsiva, che, di norma, mette capo a una base empirica completamente ispezionabile. Quanto alla seconda critica, quella di «atomismo», non mi sento di condividere la tesi sostenuta nel testo per la quale questo problema riguarderebbe l’intervista strutturata ma non l’intervista ermeneutica (p. 130). La sola tecnica d’intervista al riparo dalla critica di atomismo è – pur con qualche riserva – l’intervista di gruppo o focus group.

17 Questo argomento viene utilizzato per disinnescare le obiezioni contro l’impossibilità di controllare la sincerità dell’intervistato (p. 133); le distorsioni dovute alla reciproca influenza di intervistato e intervistatore (p. 144); l’impossibilità di produrre «misure» in senso stretto (p. 127) e contro l’obiezione della non rappresentatività dei campioni (p. 149).

18 Su questo tema rinvio a Manghi (1996) e al mio (1997).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Mario Cardano, « Un singolare dialogo. L’intervista nella ricerca sociale »Quaderni di Sociologia, 19 | 1999, 147-157.

Notizia bibliografica digitale

Mario Cardano, « Un singolare dialogo. L’intervista nella ricerca sociale »Quaderni di Sociologia [Online], 19 | 1999, online dal 30 novembre 2015, consultato il 26 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1463; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1463

Torna su

Autore

Mario Cardano

Dipartimento di Ricerca Sociale - Università del Piemonte Orientale

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search