Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri24note criticheL’imprendi-attore: la Nuova Socio...

note critiche

L’imprendi-attore: la Nuova Sociologia Economica e la problematica dell’imprenditorialità

Filippo Barbera
p. 133-138

Testo integrale

  • 1 Lo stesso Swedberg ha promosso la diffusione di una Newsletter di sociologia economica, con l’obiet (...)
  • 2 Come noto, la differenza con la «vecchia» sociologia economica di Parsons e Smelser è che quest’ult (...)

11. Richard Swedberg è la figura di riferimento, in Europa, per la Nuova Sociologia Economica (nse nel testo)1, ovvero per quella prospettiva disciplinare che ha l’ambizione di applicare modelli di analisi di tipo sociologico allo studio di fenomeni economici2. Rappresentativa di questa ambizione analitica è una delle ultime fatiche di Swedberg: un’antologia di contributi da lui curata sul tema dell’imprenditorialità che offre al lettore una raccolta di saggi di scienziati sociali appartenenti a discipline diverse: Entrepreneurship (Oxford University Press, 2000).

2Lo stesso Autore ha curato, con N. Smelser, il «manifesto» della disciplina, l’Handbook of Economic Sociology (Princeton University Press, 1994) e con M. Granovetter l’antologia The Sociology of Economic Life (Westview Press, 1992). Si tratta anche di un Autore noto al pubblico italiano e di cui sono stati tradotti due importanti lavori: una raccolta di interviste con i protagonisti del rinnovato dialogo tra economisti e sociologi (Economia e sociologia, Donzelli, 1994) e una documentata biografia di Schumpeter (Joseph A. Schumpeter. Vita e opere, Bollati Boringhieri, 1998). I suoi lavori, quindi, si rivelano sempre preziosi per delineare le linee di tendenza della nse.

 

32. Entrepreneurship è diviso in quattro sezioni: ad un’introduzione del curatore (pp. 7-44), seguono tre sezioni tematiche brevemente introdotte dallo stesso Swedberg. La prima offre una rassegna delle diverse prospettive teoriche sul tema dell’imprenditorialità (pp. 45-160) e raccoglie saggi di economisti (J. Schumpeter, M. Blaug e L. Von Mises), sociologi (S. M. Lipset), storici dell’economia (A. Gerschenkron) e antropologi (F. Barth). La seconda (pp. 161-275) approfondisce il rapporto tra imprenditorialità, dimensioni di impresa e divisione dei ruoli tra management e imprenditore e offre quattro saggi suddivisi tra un economista (K. Arrow) e tre sociologi (R. M. Moss Kanter, H. E. Aldrich e M. Granovetter). L’ultima sezione (pp. 277-388) affronta alcune delle problematiche correnti nel dibattito sul tema e riunisce quattro contributi tra loro molto diversi: due saggi di sociologi (R. Burt e R. Waldinger, H. Aldrich e R. Ward), uno di un’antropologa (M. L. de Montoya) e un contributo di A. L. Saxenian, studiosa di scienze regionali.

4Organizzerò l’esposizione di questa Nota in due parti principali. Prima illustrerò alcuni degli obiettivi, di ordine didattico e scientifico, che giustificano la riproposizione di saggi non inediti. In questo contesto fornirò anche una sintesi delle ragioni del rinnovato interesse per il tema dell’imprenditorialità e introdurrò, utilizzando un recente contributo del «fondatore» della nse, tre chiavi di lettura alla problematica dell’imprenditorialità (cfr. M. Granovetter, Un’agenda teorica per la sociologia economica, «Stato e mercato», n. 60, 2000, pp. 349-382). Nella seconda parte del lavoro, queste stesse chiavi analitiche serviranno anche ad illustrare i contributi del volume. Infine, nelle conclusioni, introdurrò brevemente un tema trattato da alcuni saggi dell’antologia e di particolare interesse per la sociologia economica italiana.

 

  • 3 L’enfasi sul «come» della spiegazione è centrale nell’agenda teorica della nse (Cfr. M. Granovetter (...)

53. Scopo dell’antologia è, secondo il curatore (pp. 7-10), mostrare che le scienze sociali possono offrire un rilevante contributo non solo alla spiegazione (why?) dell’imprenditorialità o alla misurazione dei suoi effetti di sistema (what?), ma anche alla comprensione dell’effettivo comportamento dell’imprenditore (how?). L’attenzione per il «come» del fenomeno, inoltre, si accompagna al secondo obiettivo del volume: ovvero mostrare che le scienze sociali possono avere una rilevanza diretta per gli scopi pratici dell’azione imprenditoriale e non solo per la conoscenza teoretica del fenomeno3. Secondo Swedberg è possibile dividere il sapere sul tema dell’imprenditorialità in quattro classi (pp. 38-39): i) conoscenza pratica dell’imprenditore, utilizzata nella quotidianità dell’azione imprenditoriale, ii) conoscenza pratica sull’imprenditorialità, così come insegnata nelle business school, iii) contributo delle scienze sociali a proposito dell’imprenditorialità e con conseguenze pratiche per l’azione imprenditoriale, iv) contributo delle scienze sociali sul tema, ma senza conseguenze per la pratica dell’imprenditore. Data questa classificazione euristica, scopo del volume è argomentare la necessità di spostare il rapporto tra scienze sociali e imprenditorialità dal tipo di conoscenza propria del livello iv) a quella caratterizzante il livello iii).

6Le ragioni del rinnovato interesse della nse per il tema dell’imprenditorialità riguardano almeno due ordini di fenomeni: i) alcuni recenti mutamenti negli assetti socio-economici e ii) il confronto con le teorie rivali, in particolare con l’economia neo-classica e con la teoria della scelta razionale. Il curatore del volume si sofferma in modo sistematico sul primo aspetto (p. 8), da parte mia cercherò di argomentare anche l’utilità della seconda chiave di lettura. Rispetto al primo punto, appaiono rilevanti la maggiore attenzione per le piccole-medie imprese, l’ideologia liberista che informa le politiche pubbliche affermatesi negli anni Ottanta in Usa e Inghilterra, i timori per la disoccupazione crescente e la convinzione che questa si possa risolvere solo creando nuove imprese e, da ultimo, lo spostamento di attenzione dal fenomeno macroeconomico delle cause dell’inflazione a quello microeconomico della capacità di innovazione delle imprese (cfr. anche C. Trigilia, Sociologia Economica, Bologna, Il Mulino, 1998, pp. 410-413). L’attenzione micro per la capacità di innovazione dell’impresa costituisce anche un terreno fertile su cui discipline diverse dialogano e si confrontano. Ad esempio, la political economy comparata si incontra con gli studi sulle trasformazioni del fordismo e sui nuovi modelli flessibili (cfr. M. Regini e C. Sabel (a cura di), Strategie di riaggiustamento industriale, Bologna, Il Mulino, 1989), nonché con la stessa nse che privilegia analisi maggiormente orientate verso il micro.

7Accanto a queste ragioni, però, ve ne sono altre che attengono più direttamente ad alcuni recenti sviluppi della nse ed è su queste che ora sposterò l’attenzione. L’argomento della formazione dell’imprenditorialità si collega a due temi cruciali della nse (Granovetter, op. cit.): i) un aspetto micro che riguarda la pluralità di motivazioni dell’azione imprenditoriale e le eccezionali doti cognitive dell’imprenditore, ii) un aspetto macro che tematizza l’influenza della struttura sociale sull’azione dell’imprenditore e sugli esiti economici. Vi è, infine, un terzo elemento che unifica alcuni dei contributi dell’antologia (Gerschenkron, Moss Kanter) e che è più rilevante nella sociologia economica italiana: il disegno intenzionale, tramite la leva delle politiche o del disegno organizzativo, di facilitazione e supporto all’attivazione o diffusione dell’imprenditorialità.

8Il tema delle motivazioni dell’imprenditore, in particolare, può essere colto ricordando una definizione di imprenditorialità riportata nell’introduzione dell’antologia (p. 9), secondo cui: «l’imprenditorialità è un processo per cui gli individui – all’interno e all’esterno delle organizzazioni – perseguono delle opportunità indipendentemente dai mezzi a loro disposizione». Si tratta, quindi, di una definizione che si affranca dalla modellistica dell’homo oeconomicus, il quale persegue i propri obiettivi entro un definito vincolo di bilancio. Come indicherò più oltre, l’aspetto motivazionale è stato un locus classico del dibattito sull’imprenditorialità, su cui hanno insistito economisti, psicologi sociali e anche sociologi ed è ora un tema centrale della nse. In alcuni importanti e recenti contributi della nse, infatti, vi è il tentativo di introdurre un modello di attore che, accanto alle tradizionali motivazioni consequenzialiste, consideri motivazioni non consequenzialiste: «Il più delle volte gli attori si comportano sulla base di precise concezioni circa l’azione più appropriata e norme e convenzioni condivise vengono elaborate, apprese e assorbite all’interno di definiti gruppi sociali, secondo meccanismi esplicitamente svincolati dal perseguimento razionale del proprio interesse» (Granovetter, op. cit., p. 358).

9Il punto ii), centrale in molti recenti contributi della nse così come nell’antologia curata da Swedberg, riflette l’idea che la figura dell’imprenditore, oltre a dover possedere le doti cognitive esaltate dalla cosiddetta Scuola Austriaca di economia e ad essere guidato da un mix di motivazioni anche non orientate alle conseguenze attese, deve anche essere embedded in un particolare tipo di struttura sociale. L’importanza di questo aspetto è tale che un’ulteriore, possibile, definizione di imprenditore sociale è proprio basata sulla capacità degli attori di connettere sfere sociali distinte, tra le quali esiste una differenza di valore e la cui unione dà quindi origine ad un profitto. In altri termini, come emerge da alcuni dei saggi contenuti nell’antologia (cfr. Granovetter, Barth e Burt), la possibilità dell’azione imprenditoriale è da collegarsi al tipo di reticoli sociali di cui l’imprenditore può disporre. Per questa via l’attenzione si sposta dalle caratteristiche individuali dell’imprenditore ai fattori strutturali che rendono possibile l’azione imprenditoriale. Si tratta di uno slittamento analitico simile a quello che contraddistingue gli studi sui rapporti tra organizzazione e imprenditorialità, dove l’enfasi si sposta dalle caratteristiche dell’organizzazione singola alle relazioni che questa intrattiene con le altre organizzazioni che ne costituiscono l’ambiente rilevante (cfr. i saggi di Gerschenkron, Aldrich e Saxenian). Per questa via si introduce anche una problematica cruciale, che nell’Antologia viene trattata solo parzialmente ma che meriterebbe ulteriori approfondimenti: la possibilità che l’azione imprenditoriale venga promossa da un attore collettivo, piuttosto che da un attore individuale.

 

  • 4 Una posizione simile è espressa anche da A. Smith, nella Teoria dei sentimenti morali, Rizzoli, Mil (...)
  • 5 Grazie soprattutto all’economia evoluzionista e all’economia dell’innovazione.

104. L’azione imprenditoriale, come ho più sopra ricordato, si qualifica prima di tutto per le particolari doti cognitive e le caratteristiche motivazionali dell’imprenditore. Dopo aver introdotto il concetto di imprenditorialità come nuova combinazione di risorse già esistenti, il saggio di Schumpeter si sofferma sulle caratteristiche motivazionali dell’imprenditore. L’azione imprenditoriale è guidata da tre ordini di motivazioni: i) la volontà e la sete di potere, ii) la bramosia di successo e iii) il piacere della realizzazione. Si tratta, secondo l’economista austriaco, di motivazioni non riconducibili alla logica costi-benefici dell’attore economico (pp. 69-70). La lontananza dalle motivazioni dell’attore modellizzato dall’economia marginalista, aumenta passando dalla prima alla terza classe, dove ritroviamo l’idea di un attore mosso dal piacere per i mezzi piuttosto che da quello per i fini4. Si tratta, per Schumpeter, del piacere del fare, contrapposto a quello dell’avere, dove l’attore: «ricerca le difficoltà, cambia per il gusto stesso del cambiamento, si delizia dell’impresa rischiosa. Questo insieme di motivazioni è il più nettamente antiedonistico dei tre» (p. 70). L’enfasi sulle componenti motivazionali dell’imprenditore non è così cruciale nell’altro «classico» della teoria economica dell’imprenditorialità, L. Von Mises. Questi, nel saggio qui discusso (pp. 89-109), sottolinea piuttosto le qualità cognitive dell’imprenditore e la sua capacità di anticipare gli eventi incerti, prevedendo la configurazione futura di domanda e offerta. Se gli agenti economici fossero tutti in grado di anticipare in modo esaustivo gli stati futuri del mercato, sostiene Von Mises (p. 89), l’imprenditore non guadagnerebbe e non perderebbe nulla. L’imprenditore è mosso dal perseguimento del profitto e questo corrisponde alla differenza tra i prezzi futuri dei prodotti, percepiti in modo privilegiato e corretto dall’imprenditore, e i prezzi correnti dei fattori di produzione. Se la differenza è positiva avremo il «profitto dell’imprenditore», se è negativa ci sarà la «perdita dell’imprenditore». La possibilità dell’errore introduce la seconda categoria, centrale in Von Mises, e che conferma la rilevanza dei fattori cognitivi per il ruolo dell’imprenditore: la possibilità dell’apprendimento dagli errori propri e altrui. Come argomentato nel saggio di M. Blaug (pp. 76-88), il contributo della «Scuola Austriaca», cui si dovrebbe aggiungere il contributo di Von Hayek, è stato per lungo tempo oggetto di culto per una minoranza di economisti «eterodossi» e solo di recente ha ripreso nuova vitalità5. La ragione di questo oblio è dovuta alla predominanza dell’economia neoclassica, alla correlata enfasi sulla statica comparata e sull’equilibrio del sistema economico. Qui il mutamento era dovuto solo a shock esogeni (ad esempio, dinamiche demografiche) che stimolavano processi omeostatici sino a che il sistema non raggiungeva un nuovo equilibrio. La Scuola Austriaca, al contrario, concepisce il mutamento dell’economia come un processo endogeno e l’imprenditore ne è uno degli elementi più importanti. Questa eredità intellettuale è stata raccolta da un allievo di Von Mises, I. Kirzner, di cui l’antologia non presenta, purtroppo, alcun contributo. Al lavoro di Kirzner, comunque, sia Swedberg che Blaug dedicano alcune considerazioni. Anche in Kirzner, centrale è l’enfasi sulla nozione di disequlibrio del sistema economico e sul potenziale ruolo dell’imprenditore nello sfruttamento di questi disequilibri in vista di un profitto (p. 84). Vi è però una sottile differenza tra Schumpeter e Kirzner: per il primo, l’imprenditore-innovatore trasforma una situazione di equilibrio in una di squilibrio, mentre per il secondo l’imprenditore sfrutta un disequilibrio del sistema e, attraverso il conseguimento di un profitto, lo riporta in equilibrio stabilizzando in questo modo i prezzi tra i diversi mercati. In Kirzner, cioè, sembra prevalere «l’orientamento ottimistico tipico della teoria della modernizzazione degli anni Cinquanta. L’imprenditore è colui che sa sfruttare le inefficienze, ne ricava profitti e, nel contempo, vi pone rimedio. Di conseguenza la sua azione porta al superamento dei vincoli imposti al progresso economico dall’esistenza di differenziali di prezzo o dall’impossibilità di scambiare tra loro certe merci permettendo così all’economia di sviluppare tutte le sue potenzialità» (Granovetter, op. cit., p. 364).

11L’influenza esercitata dalla definizione di Schumpeter è tale che anche un «classico» della sociologia come Lipset (pp. 110-128) vi si richiama in modo diretto (p. 116). Per Lipset l’azione imprenditoriale implica la rottura di routine pregresse e, di conseguenza, l’imprenditore è una sorta di deviante che rifiuta le modalità tradizionali di condurre l’attività economica. Il controllo sociale può poi essere meno efficace per quei soggetti relativamente poco radicati nella società e da ciò discende anche la relazione privilegiata, trattata da Granovetter (pp. 244-275) e da Waldinger, Aldrich e Ward (pp. 356-388), tra immigrazione e imprenditorialità. In questa direzione è esemplare il saggio dell’antropologo Barth (pp. 139-160). Questi mostra come, in una tribù del Sudan, la presenza di sfere di scambio distinte e composte da beni non commensurabili, ha costituito un’opportunità strutturale per dei mercanti arabi che, non essendo sottoposti alle norme e routine comunitarie che imponevano di tenere separate le due sfere, sono stati in grado di sfruttare questo particolare tipo di «buco strutturale». Per questa via, il contributo dei sociologi e degli antropologi alla problematica dell’imprenditorialità introduce, accanto all’importanza dei fattori micro, la centralità della struttura sociale. Questo aspetto costituisce l’architrave del contributo sociologico contemporaneo forse più conosciuto sul tema, la teoria dei «buchi strutturali» di R. Burt (pp. 281-307). Anche in questo caso, l’imprenditorialità è simmelianamente costituita dalla capacità di connettere reticoli altrimenti separati: «Quando si ha l’opportunità di assumere il ruolo del tertius gaudens, si diventa imprenditori nel senso letterale del termine – una persona che crea profitto per la propria collocazione in mezzo ad altri due» (Burt, p. 301).

12Un analogo spostamento di focus analitico, dall’attore al contesto, si riscontra negli studi sul rapporto tra organizzazione e imprenditorialità. I saggi di Aldrich (pp. 211-228) e Saxenian (pp. 308-331) offrono un esempio di questo orientamento. Secondo Aldrich, la possibilità di successo dell’azione imprenditoriale dipende dal diverso momento di fondazione dell’impresa rispetto all’intero ciclo di vita di quella particolare popolazione organizzativa. All’inizio del ciclo, i tassi di fallimento sono molto elevati e si paga «l’onere della novità», mentre man mano che si diffonde quella specifica popolazione i tassi di sopravvivenza crescono. La relazione con il contesto è costitutiva anche del saggio di Saxenian, che spiega la straordinario successo economico della Silicon Valley con la formazione di reticoli interorganizzativi tendenzialmente orizzontali e che non si esauriscono nella contingenza della transazione di mercato. Qui Saxenian introduce anche il concetto di innovazione congiunta (complementary innovation) e mostra, attraverso tre studi di caso, come la produzione di innovazione sia il frutto di un lavoro incrementale di più organizzazioni connesse in rete.

 

135. Secondo Swedberg (p. 279) il saggio di Saxenian introduce anche un ulteriore argomento, con cui mi avvio a concludere. I reticoli tra imprese nella Silicon Valley sono nati anche grazie all’interazione, spontanea e diretta verso fini non economici, tra i residenti nella zona. È possibile, si chiede Swedberg, introdurre intenzionalmente luoghi e contesti di socializzazione adatti allo sviluppo di reticoli siffatti? Oppure si tratta di processi essenzialmente non programmabili? Si introduce così il tema, trattato anche nei saggi di Moss Kanter (pp. 167-210) e di Gerschenkron (pp. 129-138) della creazione intenzionale di elementi che facilitino lo sviluppo e la diffusione dell’imprenditorialità. Secondo Moss Kanter, è possibile introdurre un disegno organizzativo utile allo nascita e sviluppo dell’innovazione: in questo modo, il focus si sposta dalle caratteristiche quasi eroiche dell’imprenditore schumpeteriano a quelle del corporate entrepreneur, figura più ordinaria e operante all’interno di un’organizzazione già attiva. Il lavoro di Moss Kanter introduce un ulteriore tema, a questo correlato, e centrale anche nel saggio di Arrow (pp. 229-243): ovvero, la relazione tra imprenditorialità, da una parte, e forma, processo e strategie delle organizzazioni economiche, dall’altra. La struttura organizzativa, argomenta Arrow, in particolare la maggiore o minore distanza tra i diversi ruoli incaricati delle decisioni di ricerca e sviluppo e di quelle relative alla strategia economica dell’impresa, è cruciale nell’influenzare il tipo di innovazione a cui tende l’impresa. Se le decisioni sono «vicine» o, al limite, coincidono nello stesso ruolo è probabile che si investa in progetti originali e ad alto rischio, mentre accade il contrario se le decisioni sono «lontane» o attengono a ruoli nettamente separati.

14Tornando al tema della produzione intenzionale di elementi di contesto favorevoli all’attivazione dell’imprenditorialità, il saggio di Gerschenkron si concentra sul ruolo dei sostituti funzionali dell’azione imprenditoriale nei processi di sviluppo. Egli critica quelle teorie che pongono eccessiva enfasi sui «prerequisiti» dell’imprenditorialità e sostiene che si è avuto sviluppo di fenomeni imprenditoriali anche in assenza di queste precondizioni. Centrale, in questo caso, è il ruolo delle politiche pubbliche nel supplire a queste mancanze. Si tratta di temi importanti anche nella sociologia economica nostrana (cfr. A. Bagnasco, Tracce di comunità, Bologna, Il Mulino, 1999, pp. 101-106 e C. Trigilia, «Capitale sociale e sviluppo locale», Stato e mercato, n. 57, 1999, pp. 419-440). Patti territoriali, Agenzie di sviluppo locale, Consorzi tra imprese e Incentivi alla formazione dell’imprenditorialità giovanile, sono temi e problemi a cui il testo curato da Swedberg mette a disposizione una valida cassetta degli attrezzi.

15Ho cercato, nella brevità di questa nota, di mostrare l’importanza della problematica dell’imprenditorialità, sia a fini scientifici che didattici. L’imprenditorialità è un tema cruciale della nse. Ha il pregio di focalizzare l’attenzione della disciplina su un argomento empiricamente molto rilevante e attuale, stabilendo nel contempo i confini della nse rispetto ad altri orientamenti teorici, a questa contigui ma distinti. Dal punto di vista didattico, inoltre, i recenti mutamenti degli ordinamenti universitari pongono alle scienze sociali la sfida di selezionare temi caratterizzati da una forte dimensione applicativa ma che, allo stesso tempo, non facciano perdere alle diverse discipline il valore teoretico e le radici intellettuali che le contraddistinguono. L’antologia curata da Swedberg rappresenta un utile contributo anche in questa direzione.

Torna su

Note

1 Lo stesso Swedberg ha promosso la diffusione di una Newsletter di sociologia economica, con l’obiettivo di socializzare lo stato dell’arte della disciplina nei diversi paesi europei. Maggiori informazioni e i numeri già pubblicati si possono scaricare dal sito: http://www.siswo.uva.nl/es [link non raggiungibile: 01/02/2017].

2 Come noto, la differenza con la «vecchia» sociologia economica di Parsons e Smelser è che quest’ultima si occupava delle condizioni sociali del funzionamento del sotto-sistema economico e non intendeva spiegare, con strumenti sociologici, fenomeni strettamente economici (ad esempio la formazione di un prezzo di equilibrio).

3 L’enfasi sul «come» della spiegazione è centrale nell’agenda teorica della nse (Cfr. M. Granovetter, La vecchia e la nuova sociologia economica, p. 223, in La forza dei legami deboli e altri saggi, Napoli, Liguori, 1998).

4 Una posizione simile è espressa anche da A. Smith, nella Teoria dei sentimenti morali, Rizzoli, Milano, 1995. Il piacere per i mezzi, poi, rappresenta anche la molla dell’azione collettiva in A. O. Hirschman, Felicità privata e felicità pubblica, Bologna, Il Mulino, 1995.

5 Grazie soprattutto all’economia evoluzionista e all’economia dell’innovazione.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Barbera, «L’imprendi-attore: la Nuova Sociologia Economica e la problematica dell’imprenditorialità»Quaderni di Sociologia, 24 | 2000, 133-138.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Barbera, «L’imprendi-attore: la Nuova Sociologia Economica e la problematica dell’imprenditorialità»Quaderni di Sociologia [Online], 24 | 2000, online dal 30 novembre 2015, consultato il 19 janvier 2021. URL: http://journals.openedition.org/qds/1465; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1465

Torna su

Autore

Filippo Barbera

Dipartimento di Scienze Sociali – Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search