Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri18la società italiana / Nella rete ...Gli insediamenti mafiosi nelle ar...

la società italiana / Nella rete criminale

Gli insediamenti mafiosi nelle aree «non tradizionali»

Monica Massari
p. 5-27

Note della redazione

Le opinioni espresse in questo saggio riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autrice.

Testo integrale

1. L’espansione mafiosa nell’Italia centro-settentrionale

  • 1 Cfr. Commissione Parlamentare di inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle associazioni criminali (...)

1Sfogliando la Relazione della Commissione Parlamentare Antimafia riguardante Insediamenti ed infiltrazioni di soggetti ed organizzazioni mafiose in aree non tradizionali, si resta oltremodo colpiti dalla molteplicità di aggettivi usati dal relatore per descrivere il fenomeno mafioso presente nelle regioni dell’Italia centro-settentrionale: inafferrabile, insidioso, sofisticato, mutevole, camaleontico, insinuante, capillare, permeante, molecolare…1

  • 2 Carlo Smuraglia, La mafia al Nord, Soveria Mannelli, Rubbettino Editore, 1994, p. 7.

2La varietà semantica, in realtà, sembra bene esprimere le difficoltà interpretative con cui lo studioso risulta inevitabilmente scontrarsi qualora volesse cercare di indagare sui processi e le modalità di infiltrazione e di insediamento delle associazioni mafiose in contesti territoriali differenti da quelli di origine, «[…] una complessità che se non dipanata diventa inconoscibilità ed inafferrabilità dei fenomeni»2.

  • 3 A tal riguardo, appaiono significative le parole di alcuni sindaci e amministratori di grandi città (...)

3A partire dalla seconda metà degli anni ’80 il fenomeno dell’emergenza mafiosa in regioni storicamente non abitate da manifestazioni criminali di particolare pericolosità inizia a ricevere un’attenzione specifica da parte dell’opinione pubblica. La supposta «novità» del fenomeno stimola un acceso dibattito fra i rappresentanti delle istituzioni politico-amministrative locali – spesso orientati a negare la realtà di una presenza che avrebbe potuto comportare una sensibile perdita di immagine per la città e la regione nel suo complesso3 – ed esponenti delle forze investigative e giudiziarie, che, quotidianamente, avvertivano segnali preoccupanti di inquinamento del tessuto economico e sociale ad opera di sodalizi mafiosi provenienti dalle aree di più antico insediamento.

  • 4 Commissione Parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia in Sicilia, Relazione sui lavori svol (...)
  • 5 Commissione Parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia in Sicilia, Relazione conclusiva, (re (...)

4A ben vedere, sin dai primi anni ’70, il dibattito parlamentare sul fenomeno mafioso risulta soffermarsi – seppure in modo non sistematico – sulle cosiddette «ramificazioni territoriali della mafia»4. Il processo di progressivo allargamento delle basi territoriali delle famiglie mafiose e del ventaglio delle loro attività su scala locale ed interregionale rappresenta un elemento di riflessione a cui i componenti della Commissione Antimafia dedicano la propria attenzione. Analizzando i risultati a cui gli investigatori palermitani erano pervenuti attraverso una vasta operazione di polizia che, nel luglio 1971, aveva condotto alla denuncia di centoquattordici persone, i commissari dell’Antimafia sottolineano come basti «[…] scorrere l’elenco dei luoghi in cui queste persone vennero arrestate […] per avere una mappa, non completa, ma certo indicativa, di quelle che erano allora le presenze e le infiltrazioni mafiose in Sicilia e nel resto d’Italia»5.

  • 6 Trasferitosi da Partinico a Pomezia, in provincia di Roma, sin dal febbraio 1952.
  • 7 Commissione Antimafia, Relazione Carraro, op. cit., p. 279: Coppola, in particolare, nel periodo di (...)
  • 8 Ivi, p. 412.

5Il Lazio e la Lombardia appaiono le regioni in cui gli individui denunciati, per lo più di origine siciliana, risultavano aver costituito veri e propri nuclei associati all’associazione mafiosa di provenienza. I nomi di Frank Coppola6 – noto esponente della mafia italo-americana -–, di Luciano Leggio e di Natale Rimi ricorrono spesso nei rapporti degli investigatori laziali, che sottolineano, in termini inquietanti, come i mafiosi in questione fossero riusciti ad inserirsi con successo nell’ambiente locale e ad infiltrarsi, attraverso una presenza diretta o compiacenti amicizie, nell’apparato stesso della pubblica amministrazione7. La Lombardia, ed in particolare la zona di Milano, rappresenta sin dalla fine degli anni ’50 la regione in cui alcuni boss strettamente legati a Cosa nostra scelgono di stabilire la propria residenza per meglio gestire ed organizzare alcuni mercati particolarmente lucrosi: il traffico internazionale di preziosi, soprattutto di brillanti – che aveva ampie ramificazioni in Francia ed in Svizzera – ed il contrabbando di stupefacenti verso il nord Europa svolto ora in collaborazione ora in contrapposizione con i gruppi corsi e marsigliesi8.

  • 9 Joe Adonis soggiornò a Milano dal 1958 al 1971: cfr. Portanova M., Rossi G., Stefanoni F., Mafia a (...)
  • 10 Il 1962 fu l’anno della morte di Lucky Luciano, cfr. ibidem.
  • 11 Uno dei più importanti fu il cosiddetto summit di via Generale Govone, svoltosi a Milano nel giugno (...)
  • 12 In particolar modo il sequestro dell’industriale Pietro Torielli rapito a Vigevano (Pavia) nel dice (...)
  • 13 Requisitoria del pubblico ministero Caizzi del 10 novembre 1975, cit. in Portanova M., Rossi G., St (...)

6Il trasferimento a Milano del mafioso italo-americano Joe Adonis9 costituì il momento di avvio di una nuova strategia, di un modo diverso di concepire i rapporti fra il ceppo storico dell’organizzazione – composto dagli uomini d’onore che risiedevano stabilmente in Sicilia –, le nuove leve della mafia che si andavano costituendo in diversi centri urbani dell’Italia settentrionale ed i network criminali internazionali. La levatura criminale di Joe Adonis – che dal 1962 in poi sarà il più autorevole rappresentante di Cosa nostra americana in Italia10 – rappresentò senza dubbio una garanzia essenziale per lo svolgimento dei traffici illeciti internazionali e per la realizzazione di una strategia unitaria fra le diverse famiglie affiliate al sodalizio siciliano. Questa ipotesi sarebbe confermata dal fatto che proprio in questi anni si svolsero a Milano diversi summit11 – a cui parteciparono vari esponenti delle «famiglie» siciliane – tesi a definire il nuovo assetto di alcune attività illecite particolarmente lucrose: il traffico di droga e l’organizzazione dei sequestri di persona. Proprio nel corso delle indagini su alcuni rapimenti12 che sollevarono, negli anni ’70, forti clamori nell’opinione pubblica, gli inquirenti sottolineano più volte come il grado di penetrazione mafiosa nella regione lombarda fosse tale da destare seria preoccupazione: «La sperimentata tecnica di crescita delle pseudostrutture parassitarie e mafiose è stata esportata e applicata con successo in un ambiente certamente permeabile nella sua apparente estraneità»13.

  • 14 Commissione Antimafia, Relazione Carraro, op. cit., p. 279.
  • 15 Ivi, p. 280.
  • 16 Ibidem.

7Sempre nei primissimi anni ’70, la stampa aveva ripetutamente richiamato l’attenzione su gravi episodi di intimidazione messi in opera nei confronti di lavoratori meridionali immigrati in Piemonte, in particolar modo nella zona di Torino e di Bardonecchia14. Buona parte degli operai provenienti dal Mezzogiorno – soprattutto calabresi –, per poter essere avviata al lavoro nelle imprese edili e nel settore delle opere di manutenzione e pulizia di complessi industriali, doveva sottostare alle richieste ed ai metodi – spesso violenti – di intermediari abusivi di manodopera che gestivano il mercato delle braccia nelle diverse zone di competenza. Questi intermediari non solo percepivano un compenso dalle imprese che, evadendo i contributi previdenziali ed antinfortunistici, risparmiavano considerevoli somme di denaro, ma trattenevano, spesso con la forza, grosse percentuali dalle paghe dei lavoratori ingaggiati15. Il fenomeno era talmente diffuso che nel biennio 1969-1970 arrivò ad interessare il 70-80 per cento della manodopera complessivamente impiegata nel settore dell’edilizia16.

  • 17 Solo durante la XI Legislatura la Commissione Antimafia dedicherà una relazione specifica agli inse (...)

8Il sequestro di persona, l’intermediazione ricattatoria nell’ambito dell’assunzione di manodopera, gli interessi nella gestione dei locali notturni e dei mercati ortofrutticoli ed il traffico di stupefacenti rappresentano i settori in cui la mafia trapiantata nelle regioni settentrionali sembrava operare più frequentemente. Eppure, nonostante vi fossero già da tempo segnali inequivocabili sulla crescente gravità del fenomeno, bisognerà aspettare circa venti anni prima che il dibattito sulle cosiddette ramificazioni territoriali della mafia potesse assumere termini nuovi e forma sistematica17.

2. Le «cause» di insediamento

  • 18 Commissione Antimafia, Relazione Cattanei, op. cit., p. 150.
  • 19 Pino Arlacchi, «La questione criminale in Italia», Roma, dattiloscritto, p. 7.
  • 20 Commissione Antimafia, Relazione Carraro, op. cit., p. 408.

9Fra le cause che hanno portato la mafia in «zone assai lontane dalla mentalità mafiosa, per posizione geografica, per cultura e per costume»18 troviamo un fattore intimamente connesso al processo di mutamento che aveva investito, nel corso degli anni ’70, le principali consorterie mafiose del nostro Paese, inducendole ad agire ed a pensare al di fuori della cultura tradizionale. Il processo di identificazione delle élites criminali nelle forze del mercato subì, in questi anni, una forte accelerazione. Il progressivo coinvolgimento nel mercato della droga e la contestuale espansione dei traffici illeciti e dell’industria del delitto comportarono un superamento dell’ambito territoriale di riferimento: la mafia, secondo questa impostazione, «esce» dai confini tradizionali al seguito del traffico di stupefacenti che trovò, nelle città settentrionali, un mercato interno particolarmente redditizio. Nel corso degli anni ’70, le cosche mafiose furono in grado di immettere progressivamente nel mercato italiano una crescente quantità di eroina di alta qualità a prezzi molto competitivi, stimolando in modo determinante la crescita della domanda interna19. Le necessità connesse al mercato della droga indussero un allargamento territoriale degli interessi perseguiti dalle organizzazioni mafiose e determinarono la creazione di «centrali operative» dislocate in diverse località dell’Italia centro-settentrionale. In un rapporto del 1971 del Questore di Palermo alla Commissione Antimafia si legge che in seguito allo «[…] spostamento di grossi mafiosi in altre località d’Italia, […], la Sicilia non è più la «sede base» del traffico per gli usa, ma si è creato un nuovo asse che tocca Napoli, Roma, Milano, Torino e Genova»20.

  • 21 Ministero dell’Interno, Rapporto sul fenomeno della criminalità organizzata (anno 1994), Roma, Tipo (...)
  • 22 Commissione Parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle associazioni criminali simila (...)

10Per la loro posizione strategica nel commercio delle droghe pesanti, sono proprio le «piazze» delle grandi aree metropolitane a diventare uno dei principali snodi delle dinamiche di integrazione della società criminale21: consorterie mafiose di origine diversa si trovarono, così, ad interagire in vista del perseguimento di interessi comuni, senza che alcuna di esse assumesse un ruolo di preminenza egemonica nella gestione del mercato, poiché la grande quantità di sostanze stupefacenti oggetto del traffico consentiva ad ognuna spazi consistenti di attività22.

  • 23 Commissione Antimafia, Relazione Carraro, op. cit., p. 288.

11Procedendo nell’analisi delle cause che hanno sollecitato il fenomeno della cosiddetta «immigrazione mafiosa», è opportuno sottolineare come, nelle nuove sedi, i mafiosi abbiano trovato una maggiore facilità di mimetizzazione e l’assenza di collaudati strumenti di difesa sociale23. Ciò ha agevolato la parziale riproduzione di un fenomeno che si riteneva in altri tempi tipico dell’ambiente meridionale. L’oggettiva sottovalutazione di alcuni segnali, la resistenza culturale ad ammettere l’esistenza di insediamenti mafiosi in territori considerati sani ed, in alcuni casi, l’assenza di vigilanza da parte delle istituzioni e dell’opinione pubblica hanno favorito, di fatto, un inquinamento progressivo del tessuto socio-economico. Se, da un lato, sono state evidenti le responsabilità di alcuni rappresentanti politici locali, poco solerti nel mantenere alta la soglia di attenzione sul fenomeno, dall’altro è necessario evidenziare come accanto ad un’infiltrazione visibilmente «deviante» – caratterizzata dal ricorso a pratiche cruente – sia stata presente un’infiltrazione «sommersa», camaleontica, che ha portato, in alcuni casi, ad un vero e proprio controllo di alcuni settori delle economie locali.

  • 24 L’uso economico della risorsa «violenza» rappresenta uno degli elementi di differenza fra le strate (...)
  • 25 Commissione Antimafia, Relazione Carraro, op. cit., p. 282.
  • 26 Fra questi destarono particolare allarme gli omicidi di Ignazio Norrito nel 1954 vicino Varese e di (...)

12L’analisi delle strategie con cui la criminalità organizzata si insinua nelle regioni centro-settentrionali evidenzia come spesso non vi sia un ricorso sistematico all’uso specializzato della violenza e del terrore. L’entità degli affari e dei traffici svolti in questi contesti è tale da sconsigliare e disincentivare qualsiasi intervento traumatico che possa, in qualche modo, destare l’attenzione degli inquirenti e delle forze dell’ordine. Il ricorso alla violenza – in particolar modo alla violenza omicida – è dettato, più che mai, da criteri di economicità: esso rappresenta l’extrema ratio qualora non siano possibili altre forme di «intervento»24. «L’omicidio […] rimane anche al Nord lo strumento di cui si serve la delinquenza mafiosa per imporre, soprattutto all’interno del clan, il rispetto delle proprie regole»25; sarebbero da inquadrare in questa logica gli omicidi mafiosi avvenuti al di fuori delle regioni tradizionali, fra cui, i primi, furono eseguiti in Lombardia a partire dalla metà degli anni ’5026. Il conflitto è visto come un fatto eccezionale, da evitare con ogni mezzo o da risolvere altrove, anche avvalendosi del potere e dell’autorità delle associazioni-madri residenti nei luoghi di origine.

13La terza «causa» che ha determinato l’insediamento di nuclei mafiosi nelle regioni in esame è stata la fuga dalle zone di origine di soggetti appartenenti a «famiglie» locali. La necessità di sottrarsi a vendette o a faide familiari ha spinto alcuni individui a trasferirsi in zone considerate più tranquille dove, grazie anche a pratiche di solidarietà «etnica» e parentale, sono riusciti ad inserirsi nella gestione dei traffici illeciti ed a costituire, in tal modo, un nucleo criminale associato a quello di origine, anche se spesso autonomo da un punto di vista operativo. Il clan Madonia, ad esempio, originario di Gela, «decise» di espandersi al di fuori dei confini regionali a causa della sanguinosa guerra che in Sicilia lo vedeva contrapposto al clan Iannì-Cavallo. La base logistica fu collocata a Busto Arsizio ed aveva il compito di coordinare i vari gruppi associati che si andavano costituendo nelle città del Centro-Nord; tali gruppi godevano di una certa autonomia, ma mantenevano, tra loro, contatti reciproci di vario tipo.

  • 27 Nella Sentenza contro Al Barrage Ibrahim Alì + 38, emessa dal Tribunale di Firenze, ii Sezione Pena (...)
  • 28 Direzione Investigativa Antimafia, Criminalità organizzata in Emilia Romagna. La Mafia, dicembre 19 (...)

14L’analisi della carriera criminale di uno dei personaggi di maggior spicco della famiglia catanese dei «Cursoti» – Jimmy Miano – rivela come il trasferimento nella zona di Milano, avvenuto verso la fine degli anni ’70, sia stato determinato dalla consapevolezza della disaffezione nei suoi confronti da parte di alcuni elementi della «famiglia» di origine27. Jimmy Miano era considerato il capo indiscusso della filiale lombarda dell’associazione mafiosa che faceva capo all’autoparco di via Salomone a Milano, vero e proprio snodo «commerciale» e centro di smistamento di armi e stupefacenti fra il nord, il centro ed il sud dell’Italia. Tutte le principali famiglie mafiose che operavano in Lombardia, Emilia Romagna e Toscana venivano coordinate da Giacomo Riina, anziano esponente della «famiglia» corleonese, residente in provincia di Bologna (Budrio), «controllore e gestore delle attività mafiose dell’Italia centro-settentrionale»28.

  • 29 Commissione Antimafia, Relazione Carraro, op. cit., p. 283.
  • 30 Il termine «potere» è qui usato secondo un’accezione «estensiva»: esso comprende anche fenomeni qua (...)

15Le tre cause di diffusione del fenomeno mafioso indicate finora – espansione dei traffici illeciti, facilità di mimetizzazione e assenza di collaudati strumenti di difesa sociale, fuga dalle zone di origine – potrebbero essere ricondotte a dinamiche tutte interne al mondo criminale. Questa tesi farebbe orientare l’analisi verso l’esistenza di una sorta di progetto strategico di espansione e di insediamento: i mafiosi «[…] hanno saputo sfruttare appieno le occasioni ad essi offerte da una società sviluppata ed opulenta, sia per realizzare i propri fini, sia per meglio garantirsi la libertà»29. Tale strategia, lungi dal costituire un progetto unitario ed uniforme basato esclusivamente su un calcolo razionale dei costi e dei benefici legati all’insediamento in aree nuove, potrebbe aver rappresentato, di volta in volta, una delle risposte fornite dal gruppo mafioso, o da singoli affiliati, ad esigenze operative legate sia alla sfera delle attività lecite ed illecite, sia alla sfera del potere30 e del prestigio all’interno dell’universo criminale.

 

16Un gruppo di ipotesi alternative a quelle esposte nelle pagine precedenti vede nell’insediamento di nuclei mafiosi nelle aree non tradizionali una conseguenza perversa di alcune disposizioni dell’autorità giudiziaria – come nel caso dei soggiorni obbligati e della detenzione di soggetti legati alla criminalità organizzata in contesti differenti da quelli di origine – o delle alterazioni indotte dal boom migratorio degli anni ’50 e nel tessuto demografico di determinate aree. L’interpretazione basata sulla esistenza di un progetto espansionistico lascerebbe il passo ad una visione più «casuale» che vede nella diffusione progressiva della criminalità mafiosa nelle regioni del Centro-Nord l’effetto di un processo di vera e propria contaminazione. Questo secondo gruppo di ipotesi fa riferimento a dinamiche esterne al mondo criminale, in quanto rappresentano l’effetto indesiderato delle decisioni e delle misure di sicurezza adottate dalle autorità pubbliche o di mutamenti demografici legati ai flussi migratori del secondo dopoguerra.

  • 31 Commissione Antimafia, Audizione del collaboratore di giustizia Gaspare Mutolo, Seduta di Martedì 9 (...)

17L’utilizzo del soggiorno obbligato come misura di prevenzione viene considerato come una delle «cause» principali di ramificazione territoriale della mafia. La presenza di un numero consistente di soggiornanti obbligati in alcune regioni settentrionali ha rappresentato sia una causa diretta di proliferazione di fenomenologie di tipo mafioso, sia un elemento concorrente di rafforzamento di strutture criminali già presenti in loco. Secondo il collaboratore di giustizia Gaspare Mutolo, il soggiorno obbligato «[…] è stata una cosa buona in quanto ci ha dato modo di contattare altre persone, di conoscere luoghi diversi, altre città, zone incontaminate dalla delinquenza organizzata»31.

  • 32 Estendendo la norma del 1956 che prevedeva il confino per coloro che erano abitualmente dediti ai t (...)

18L’isolamento a cui tali individui dovevano essere sottoposti mediante l’allontanamento dalla terra d’origine si è, in realtà, tramutato nel suo esatto opposto: nella ricostituzione, in un contesto differente, di quei legami di tipo amicale e parentale che il mafioso avrebbe dovuto recidere del tutto. L’istituto del soggiorno obbligato, introdotto per legge nel 196532, ha, di fatto, agevolato la costituzione di presenze stabili non solo dei soggetti prevenuti, ma anche delle loro famiglie e di altri personaggi ad essi legati in vario modo. Alcune cittadine dell’Italia centro-settentrionale hanno rappresentato la base logistica ed operativa di numerosi soggiornanti obbligati – talvolta provenienti dalla stessa famiglia mafiosa – che si trovavano a trascorrere, in alcuni casi, il periodo di prevenzione nel medesimo luogo.

  • 33 Commissione Antimafia, Relazione Carraro, op. cit., p. 289.
  • 34 Cfr. Ivi, p. 290, Prospetto relativo alla distanza dei comuni di soggiorno dai rispettivi capoluogh (...)

19Secondo i primi dati forniti dalla Commissione Antimafia33, nel periodo 1961-1972 il numero dei soggiornanti obbligati inviati in località del Centro-Nord era così distribuito: la Lombardia, con il 15,05 per cento delle presenze, era la regione a maggiore densità, seguita dal Piemonte con l’11,19 per cento, l’Emilia Romagna con il 10,1 per cento e la Toscana con il 9,08 per cento. Nonostante il fenomeno, negli anni successivi, sia andato diminuendo, è possibile notare come, durante un decennio, un numero consistente di mafiosi sia stato trasferito dalle regioni meridionali – ed in particolar modo dalla Sicilia – in diversi comuni dell’Italia centro-settentrionale, comuni che distavano pochi chilometri dai grandi centri metropolitani34. Queste sembrano, fra l’altro, le regioni in cui risultano essere tuttora presenti i principali raggruppamenti mafiosi attivi nelle aree non tradizionali.

  • 35 Ivi, p. 291. L’intermediazione ricattatoria nel settore dell’assunzione di manodopera di origine me (...)

20Talvolta i mafiosi sono riusciti a stabilire solidi rapporti con gli immigrati meridionali presenti in zona ed a raggiungere in questi ambienti una «posizione di egemonia da sfruttare poi per fini illeciti»35. In altri casi hanno saputo creare collegamenti stabili con gli ambienti della malavita locale che spesso hanno rappresentato, di fatto, un serbatoio di manodopera criminale da cui selezionare gli elementi migliori: il tradizionale requisito della comune appartenenza territoriale – indispensabile per l’affiliazione all’associazione – non risulta, nelle aree non tradizionali, sempre rispettato. Il carcere ha costituito, da questo punto di vista, un luogo importante in cui conoscere e farsi conoscere: un luogo in cui far valere la propria reputazione mafiosa, ma, al contempo, in cui tessere i primi legami con gli esponenti della criminalità autoctona.

  • 36 Il caso lucano desta particolare attenzione; nel corso del 1995 la dia ha redatto un interessante r (...)

21È difficile identificare, nei singoli contesti territoriali, quale «causa» specifica abbia, di fatto, favorito il processo di propagazione della delinquenza organizzata. Spesso il progetto strategico di espansione è stato affiancato da dinamiche più contingenti che hanno poi agevolato lo sviluppo di vere e proprie proiezioni delle associazioni mafiose tradizionali in queste regioni e che, in alcuni casi, hanno condotto all’emergere di formazioni criminali autoctone che risultano ispirarsi ai metodi d’azione caratteristici dei sodalizi mafiosi. L’appetibilità economica di talune aree, unitamente alla maggiore possibilità di mimetizzazione in un contesto tradizionalmente sgombro da fenomenologie criminali di questo tipo, l’ampliamento dei confini territoriali e finanziari dei principali mercati illeciti ed il mutamento nella composizione demografica di numerose città industriali hanno rappresentato delle «cause» di espansione principalmente nelle cosiddette aree non contigue alle regioni meridionali: l’Italia settentrionale. Nelle aree di confine invece – soprattutto in Basilicata36 ed in una fase iniziale in Puglia – sembrerebbe che fattori contingenti, casuali abbiano avuto la meglio. Sia le carceri pugliesi che quelle lucane hanno rappresentato un luogo di reclusione per numerosi pregiudicati campani, calabresi e siciliani: ciò ha permesso ad alcuni esponenti della criminalità locale di ampliare conoscenze ed affinare ulteriormente tecniche e modalità operative. Tali regioni hanno inoltre costituito, in determinati periodi, vere e proprie aree strategiche utilizzate come supporto logistico ai traffici in transito, rifugio per i latitanti o deposito di merce «scottante».

3. Le modalità di emersione

22All’analisi delle «cause» che hanno determinato la propagazione di questo tipo di fenomenologia criminale è intimamente connesso l’esame delle modalità di emersione dei gruppi mafiosi nei contesti in esame.

  • 37 Commissione Antimafia, Relazione sull’esito del sopralluogo a Milano di un gruppo di lavoro della C (...)

23La letteratura identifica due tipi principali di diffusione: il processo di colonizzazione ed il meccanismo di imitazione. Il primo caso fa riferimento all’insediamento diretto di individui e/o gruppi mafiosi provenienti da aree di antica criminalità. Nella maggior parte dei casi non assistiamo al vero e proprio trasferimento della «casa-madre», quanto, piuttosto, alla costituzione di un nucleo di individui più o meno circoscritto che si caratterizza come gruppo associato al clan di riferimento o – secondo il linguaggio mafioso – «locale» situato in altra regione: uomini, risorse ed apparati organizzativi vengono parzialmente decentrati in alcune zone di interesse, spesso grazie all’appoggio di soggetti che svolgono la propria attività localmente. Le organizzazioni di tipo mafioso insediatesi al Nord non hanno troncato «il cordone ombelicale che le lega alle associazioni di appartenenza; pur se qualche rappresentante delle nuove generazioni, adeguandosi ad una gestione senza manifestazioni di violenza e mimetizzata al massimo (quella che consente la più serena trattazione degli «affari»), ha cercato di creare locali centrali di comando, tuttavia gli ordini per le questioni di maggior importanza provengono sempre dagli organismi direttivi rimasti nelle regioni di provenienza»37.

  • 38 In particolar modo le sentenze giudiziarie e le fonti investigative.

24Alcune delle fonti consultate38 sottolineano come i caratteri tradizionali delle formazioni mafiose tendano ad attenuarsi notevolmente nel corso del processo di adattamento all’ambiente. I gruppi provenienti dalle aree di antica criminalità si trovano ad agire al di fuori del contesto sociale e culturale tradizionale e devono confrontarsi con un mondo delinquenziale autoctono preesistente: ciò spesso comporta, secondo differenti gradi di intensità, una ridefinizione della propria configurazione interna.

25Nelle aree tradizionali i rapporti fra i sodalizi mafiosi e la criminalità comune erano solitamente incentrati sulla concessione di ambiti di azione autonomi. Cosa Nostra è sempre stata interessata ad operare in ambienti non turbati da fenomeni criminali in grado di destare allarme sociale e, di conseguenza, di innescare l’azione repressiva delle agenzie di contrasto.

  • 39 cfr. Pino Arlacchi, «Criminalità organizzata, gangsterismo, bande giovanili», dattiloscritto, Roma, (...)

26Nelle aree non tradizionali è possibile individuare tre principali strategie che caratterizzano i rapporti dei gruppi mafiosi con gli altri attori dell’underworld39.

27A volte i rapporti fra la criminalità organizzata e le gangs locali tenderanno a strutturarsi secondo una dimensione contrattuale basata su un riconoscimento alquanto ampio dell’autonomia operativa delle formazioni minori. Queste ultime assumeranno, in molti casi, una posizione di centralità nell’ambiente criminale locale grazie alla maggiore conoscenza ed integrazione nelle reti del potere lecito ed illecito cittadino. Il sistema dei contratti tenderebbe ad affermarsi in un contesto caratterizzato da una domanda crescente di beni e servizi illeciti e da una bassa offerta di manodopera criminale, grazie al buon livello di integrazione sociale esistente nell’ambiente circostante. In alcune aree del nord Italia sembrerebbe che fra interessi mafiosi e gangsterismo urbano si sia stabilito proprio questo tipo di patto. Tale modello relazionale non comporta alcuna forma di identificazione o di fusione di modalità di azione: le caratteristiche, le risorse e le posizioni dei due attori restano ben distinte.

28In altri contesti è spesso avvenuto che gruppi illeciti provenienti da aree di antica criminalità – o singoli esponenti di tali sodalizi – attuassero una vera e propria strategia espansionistica di incorporazione delle bande locali all’interno di entità criminali di un certo spessore. Basta scorrere i nomi degli imputati in processi per mafia in alcune regioni dell’Italia centro-settentrionale per notare come i luoghi di nascita di molti individui – coinvolti come gregari o, in alcuni casi, come co-organizzatori nelle attività illecite – non siano le «solite» regioni meridionali, ma le città del Nord.

29Gli affiliati legati a tali mega-raggruppamenti criminali sono spesso caratterizzati da una sostanziale eterogeneità socio-culturale legata alla labilità dei criteri di selezione adottati ed al diverso background criminale di riferimento: bande giovanili, gangster urbani, delinquenti professionisti, membri di famiglie mafiose. La politica «imperialista» messa in atto dai promotori di questi sodalizi si è espressa spesso nell’attuazione di strategie di dominio territoriale molto delicate – quali le estorsioni ed il racket – necessarie per incrementare le entrate illecite e reperire i mezzi di sostentamento per la manovalanza. Grazie alle estorsioni tali gruppi forniscono occasioni di lavoro ai propri soldati, mantengono le famiglie dei detenuti e provvedono alle spese giudiziarie degli affiliati.

  • 40 Ibid., p. 4.

30La strategia di incorporazione comporta, però, alcune diseconomie legate principalmente alla grandezza numerica del raggruppamento ed alla tendenziale visibilità delle attività praticate40. Fatta eccezione per la Lombardia ed il Piemonte – luoghi in cui le famiglie mafiose di origine meridionale sono giunte a detenere un vero e proprio controllo del territorio -–, in altre regioni i sodalizi mafiosi tendono a mantenere un basso profilo che, secondo gli investigatori, costituisce spesso una scelta strategica volta a non attirare l’attenzione degli apparati di contrasto con manifestazioni platealmente criminali.

  • 41 Direzione Centrale della Polizia Criminale, Relazione sull’attività delle organizzazioni criminali (...)

31La strategia che risulta essere stata perseguita con maggiore frequenza nei contesti in esame è quella che vede i gruppi criminali organizzati e le bande locali accordarsi secondo concessioni reciproche sia sul piano territoriale, che sul piano settoriale. Le famiglie mafiose manterranno il controllo sulle attività più redditizie, lasciando alle gangs la gestione delle attività «minori» (rapine, furti, spaccio al minuto di droga). Tale sistema sembra essere vantaggioso per entrambe le parti: le famiglie mafiose disporranno di una forza d’urto militare e di una rete informativa molto più ampie, le bande giovanili ed i gangsters otterranno una garanzia di protezione sia nei confronti dei gruppi rivali, che nei riguardi degli apparati di contrasto. La situazione emersa a Milano durante gli anni ’70 sembra rappresentare un esempio concreto di come tale strategia sia stata realizzata in una delle regioni in cui il grado di infiltrazione mafiosa ha ormai raggiunto proporzioni allarmanti. Nei primi anni ’70, nella capitale lombarda, iniziò a delinearsi una struttura criminale composta, da un lato, dai clan catanesi e palermitani che gestivano il traffico di stupefacenti ed il riciclaggio del denaro proveniente dai traffici illeciti e, dall’altro, dalla malavita locale dedita per lo più al mercato della prostituzione ed al controllo del gioco d’azzardo. Francis Turatello, figlio di immigrati meridionali e cresciuto nella zona di Lambrate, era considerato uno dei personaggi centrali nel delicato equilibrio esistente fra i clan siciliani e camorristi e la delinquenza cittadina. Le bische gestite dagli uomini di Turatello rappresentavano il luogo ideale per infiltrarsi nelle maglie della criminalità locale, per conoscere persone dell’ambiente e per reclutare manovalanza. Il clamore suscitato dalle gesta del clan Turatello rappresentava, inoltre, un fattore in grado di distogliere l’attenzione degli investigatori dalle attività delle famiglie mafiose vere e proprie41.

  • 42 Si fa riferimento al processo contro il clan Epaminonda, che vide coinvolti 119 imputati con l’accu (...)
  • 43 Così recita la motivazione della sentenza emessa dalla ii Corte d’assise d’ Appello di Milano l’11 (...)
  • 44 Ministero dell’Interno, Rapporto sul fenomeno della criminalità organizzata (anno 1995), cit., p. 1 (...)

32L’identificazione concreta della strategia messa in atto in un determinato contesto non appare sempre agevole; la capacità camaleontica di queste entità di adattarsi alle singole realtà, di assumere connotati diversi, quasi impenetrabili o, comunque, difficilmente riconoscibili non consente di tracciare un quadro netto. Risulta, però, oltremodo necessario tenere ben presenti le molteplici forme assunte dalle associazioni mafiose nelle aree di nuovo insediamento. Nella sentenza di appello del primo maxiprocesso celebrato in una regione del nord Italia42, i giudici milanesi non riconobbero nel gruppo facente capo ad Angelo Epaminonda – catanese, intimamente collegato al gruppo dei «cursoti» – gli estremi dell’associazione a delinquere di stampo mafioso, con la seguente motivazione: «Le ripetute variazioni individuali al piano comune, una pressoché generalizzata autonomia in termini economici rispetto a taluni settori dell’attività criminosa e inoltre il requisito del tutto anomalo costituito dalla mobilità interna tradottosi in adesioni e recessi suggeriti da contingenti necessità e i ripetuti scioglimenti dei gruppi, non si conciliano con l’essenza stessa del vincolo associativo di tipo mafioso»43. Ma è la natura stessa del «vincolo mafioso» e la sua manifestazione, per così dire, esteriore ad aver assunto sembianza polimorfiche. Nell’analizzare le proiezioni della ’Ndrangheta in varie regioni d’Italia, il Ministero dell’Interno sottolinea, infatti, come non sia possibile, allo stato attuale, parlare di consorterie criminali riconducibili ad una sola tipologia: «si possono individuare, infatti, associazioni malavitose presenti sul solo mercato criminale; altre operanti sia su quello illecito che lecito, ed altre ancora attive esclusivamente nel settore legale, come fase terminale del riciclaggio. Queste differenziazioni, che poi danno luogo ad una stratificazione, sono il risultato di processi di trasformazione interna, ma anche di saldature con elementi eterogenei esterni»44.

 

33La seconda forma di diffusione è individuabile nel processo di imitazione, che fa riferimento alla tendenza, da parte dei gruppi delinquenziali autoctoni, ad emulare e riprodurre le strategie di azione e gli assetti organizzativi tipici delle «famiglie» mafiose.

34Per molti soggetti della malavita locale il modello mafioso appare ricco di prospettive e degno di imitazione, anche se gli aggiustamenti continui a cui tale modello viene sottoposto contribuiscono a rendere sempre più confusi i contorni del fenomeno.

35L’assetto strutturale tipico della famiglia mafiosa rappresenta, per questi attori, un modello vincente di organizzazione in grado di fornire delle risposte ad alcuni dei problemi principali con cui le neo-entità si trovano a scontrarsi, primo fra tutti il problema di riuscire a fondare ed a mantenere un «ordine» al proprio interno. Spesso l’adozione di alcuni criteri – ispirati al principio gerarchico o a quello della diversificazione delle funzioni e delle competenze – che non rendano conflittuale l’attribuzione delle quote individuali di potere risulta essere alla base della sopravvivenza stessa del gruppo. Al di fuori delle regioni meridionali, gruppi ispirati al modello mafioso tendono a riprodurre modelli e regole comportamentali sostanzialmente analoghi a quelli tradizionali. In particolar modo nelle aree di confine, le organizzazioni criminali emulano e reiterano i medesimi rituali di iniziazione, le stesse strutture organizzative.

  • 45 Il caso pugliese – con l’avvento della Sacra Corona Unita oramai comunemente definita la «quarta ma (...)

36I due meccanismi di diffusione analizzati – colonizzazione ed imitazione – non sono sempre chiaramente distinguibili. Nella maggior parte dei casi è probabile che ci si trovi dinanzi ad una commistione, ad un intreccio fra i due processi: i gruppi mafiosi potrebbero rappresentare l’espressione dell’insediamento diretto di nuclei collegati a «famiglie» tradizionali oppure una fusione fra elementi indigeni ed elementi mafiosi. Colonizzazione ed imitazione potrebbero essere viste, inoltre, come due fasi intimamente connesse: in alcune regioni meridionali geograficamente confinanti con le aree di insediamento mafioso, è avvenuto che dopo un periodo iniziale di colonizzazione del territorio ad opera di gruppi criminali tradizionali – solitamente orientati a trarre profitto dalla gestione di traffici che, per motivi logistici, erano stati momentaneamente trasferiti in quelle aree –, subentrasse una fase di vera e propria autorganizzazione dei gruppi autoctoni, spesso segnata dall’emergere di figure carismatiche in grado di assumere la leadership della criminalità locale. Per la delinquenza del posto, la fase di colonizzazione rappresenterebbe non più un periodo di sottomissione passiva nei confronti di attori criminali esterni al contesto locale, ma una fase di vera e propria «socializzazione» alle strategie ed ai metodi di azione di una criminalità di ben più ampio spessore45.

  • 46 Si fa qui riferimento all’attività investigativa svolta dalla dia in occasione della strage di via (...)
  • 47 Vincenzo Ferro, studente in medicina, collabora con i magistrati di Firenze dal marzo 1996: cfr. Ri (...)

37I risultati di importanti attività investigative46 farebbero orientare l’analisi verso l’identificazione – accanto ai fenomeni di colonizzazione e di imitazione – di un terzo processo, che vedrebbe l’utilizzo di alcune regioni del Centro-Nord esclusivamente come aree strategiche funzionali allo svolgimento di talune attività o alla realizzazione di particolari azioni. Ciò non presupporrebbe l’insediamento stabile sul territorio regionale, secondo il modello della colonizzazione, ma l’identificazione di singoli referenti – «famiglie» o singoli esponenti di esse da tempo residenti nelle zone di interesse o, in alcuni casi, a «compaesani» non collegati all’organizzazione – in grado di svolgere localmente un ruolo di appoggio logistico. Alcune associazioni mafiose tradizionali sfrutterebbero, in tal modo, i legami di affiliazione o, in alcuni casi, i legami di sangue per poter disporre delle basi operative necessarie al perseguimento di particolari obiettivi. Le modalità organizzative attraverso cui risultano essersi svolte le fasi preparatorie della politica stragista messa in atto da Cosa nostra a Milano, Firenze e Roma nel corso del 1993 sembrerebbero confermare tale ipotesi. Vincenzo Ferro47, figlio dell’uomo d’onore di Alcamo Giuseppe Ferro, racconta ai magistrati come nell’ambiente in cui è vissuto nessuno si sarebbe potuto sottrarre ad una richiesta di favore proveniente da uomini con una reputazione mafiosa. Nel descrivere ai magistrati fiorentini i particolari della preparazione dell’attentato di Via dei Georgofili, il collaboratore di giustizia racconta di come fosse stato costretto – proprio dalle convenzioni implicite nel codice di comportamento di un individuo vissuto da sempre in un ambiente impregnato di mafiosità – a fornire agli esecutori materiali della strage la disponibilità di un appartamento di un suo parente – considerato estraneo alla vicenda – situato vicino Firenze, che fu utilizzato come centrale operativa per la preparazione dell’attentato.

4. Impresa e società segreta: la conformazione assunta dai sodalizi mafiosi nelle aree non tradizionali

38Il dibattito intorno agli insediamenti mafiosi presenti nelle regioni centro-settentrionali risulta spesso soffermarsi sulla questione della particolare conformazione strutturale ed organizzativa assunta da tali sodalizi nel momento in cui si trovano ad agire al di fuori del contesto tradizionale di riferimento.

  • 48 A. Block, East Side West Side: Organizing Crime in New York. 1930-1950, New Brunswick (n. j.), Tran (...)

39Secondo alcuni autori48 – e le evidenze empiriche sembrano confermare tale ipotesi – le associazioni mafiose si caratterizzano sia come delle «imprese» orientate alla massimizzazione dei guadagni derivanti dalla gestione dei traffici leciti ed illeciti, sia come «organizzazioni di potere» determinate ad imporre pretese di dominio territoriale.

40Come «imprese» sono interessate alla dimensione puramente economico-commerciale, come «organizzazioni di potere» tendono ad esercitare un rigido controllo sul territorio e ad esprimere una volontà di dominio sul versante politico-sociale. Nei contesti tradizionali le due dimensioni tendono ad interagire continuamente. Secondo questa prospettiva, la mafia, pur costituendo un fenomeno deviante, non può essere ricondotta unicamente ad una dimensione criminale.

41Nelle aree non tradizionali la «vocazione» affaristica tenderebbe a prevalere rispetto al progetto di dominio politico-sociale. L’accumulazione, il profitto, l’identificazione con le forze di mercato rappresenterebbero gli obiettivi principali degli uomini di onore attivi in queste regioni. Qui le associazioni mafiose sembrerebbero maggiormente orientate alla promozione degli interessi economici dei propri affiliati, piuttosto che ad un progetto di «signoria» in campo politico e sociale.

42In realtà le due sfere di interesse possono essere difficilmente separate: l’opportunità di conseguire elevati guadagni nel settore delle attività lecite è spesso subordinata alla possibilità di disporre di forme di collegamento più o meno strutturate con gli ambienti dell’establishment cittadino (basti pensare al settore degli appalti e dello smaltimento dei rifiuti).

  • 49 Il consiglio comunale di Bardonecchia è stato sciolto nel maggio 1995: cfr. Rocco Sciarrone, «La di (...)
  • 50 Si fa riferimento all’operazione denominata Duomo connection che fece emergere l’esistenza di un’as (...)
  • 51 Nelle telefonate intercettate dai carabinieri durante l’inchiesta, ricorrono frequentemente nomi qu (...)

43A ben vedere, infatti, anche in alcune regioni del Centro-Nord non mancano segnali preoccupanti di infiltrazione mafiosa nel settore amministrativo e politico locale. La capacità dei sodalizi mafiosi di influenzare a proprio vantaggio il processo di decision-making della pubblica amministrazione è risultato evidente in particolar modo in regioni come la Lombardia ed il Piemonte, dove i tentativi di inserimento all’interno delle amministrazioni locali hanno destato forti timori. Proprio in Piemonte si è verificato il primo caso di amministrazione comunale, situata in una regione del Nord, sciolta per mafia49. In Lombardia nel corso dell’autunno 1989 ha preso avvio una delle indagini50 che, più di tutte, ha messo a nudo il sistema di rapporti tra mafia e politica a Milano. L’inchiesta ha potuto accertare l’esistenza di un complesso reticolo di relazioni illecite fra uomini d’onore collegati ad importanti famiglie mafiose siciliane51, imprenditori insospettabili, politici e amministratori pubblici.

  • 52 Pino Arlacchi, «Cosa nostra come priorità assoluta della strategia antimafia dello Stato», Roma, da (...)

44Una delle caratteristiche peculiari delle associazioni mafiose – ed in particolar modo di Cosa nostra – è rappresentata dalla tendenza al confronto da pari a pari con lo Stato e con i suoi rappresentanti, «nonché all’infiltrazione in esso tramite relazioni occulte con esponenti dei suoi apparati e degli organismi elettivi, fino alla neutralizzazione, tramite corruzione e violenza, di chiunque si opponga al suo strapotere»52. Questa costituisce una delle risorse in grado di differenziare in modo determinante i sodalizi mafiosi da altri tipi di gruppo criminale, anche se solo Cosa nostra – grazie alla sua collaudata attitudine alla manipolazione ed all’assoggettamento di uomini ed istituzioni – è stata in grado di attuare tale strategia con sistematicità ineffabile. La radicata tradizione di governo territoriale e l’alto livello di formalizzazione e di segretezza al proprio interno hanno fatto sì che, nei contesti tradizionali, tale consorteria riuscisse ad esercitare un potere particolarmente esteso.

  • 53 Lungi dal voler criminalizzare la comunità meridionale immigrata in queste aree, è lecito pensare c (...)
  • 54 Un esempio di significativa ascesa sociale è costituito dalla carriera personale di uno dei protago (...)

45Non appare dunque casuale che i casi di accertata collusione fra ambienti criminali e settori politici si siano verificati – nell’Italia centro-settentrionale – proprio in quelle regioni in cui i sodalizi mafiosi originari delle aree meridionali risiedevano da più tempo ed in cui potevano disporre di un humus sociale potenzialmente favorevole, dato il grande flusso di lavoratori provenienti dalle aree del Mezzogiorno trasferitosi nel nord Italia a partire dal secondo dopoguerra53. Nel corso di più di venti anni di insediamento alcuni esponenti di famiglie mafiose lì residenti sarebbero riusciti non solo ad arricchirsi enormemente, ma anche ad acquisire uno status ed un’identità sociale apparentemente nuova, «di rispetto», utile per compiere un salto nella gerarchia sociale e per aspirare a divenire membri della classe dirigente locale54.

46In altre regioni non tradizionali l’assenza di queste due «precondizioni» – una prolungata permanenza di vere e proprie famiglie mafiose ed il radicamento di consistenti comunità immigrate provenienti dalle aree meridionali – potrebbe contribuire a spiegare come mai non ci troviamo, allo stato attuale, di fronte a infiltrazioni di un certo spessore nel settore politico-amministrativo. È necessario, comunque, tenere in debita considerazione la pluralità di strategie con cui tali attori sono in grado di misurarsi.

  • 55 Luciano Violante, Non è la Piovra. Dodici tesi sulle mafie italiane, Torino, Einaudi, 1994, p. 169.
  • 56 Ministero dell’Interno, Rapporto sul fenomeno della criminalità organizzata, 1994, op. cit., p. 55.
  • 57 Tommaso Buscetta è il primo, nel 1984, a parlare dei rapporti tra mafia e massoneria a proposito de (...)

47Nella Relazione sulle aree non tradizionali, la Commissione Antimafia ha chiaramente indicato i rischi di contaminazione, in alcune regioni, fra potere mafioso e network di potere illeciti, primo fra tutti la massoneria deviata. Le indagini dell’autorità giudiziaria, l’attività svolta dalla Commissione Antimafia durante la xi Legislatura ed il lavoro delle Commissioni Parlamentari d’inchiesta sul caso Sindona e sulla loggia massonica P2 hanno accertato come alcune logge massoniche «coperte» rappresentino il locus privilegiato di comunicazione fra capimafia ed esponenti dei pubblici poteri e delle professioni private55. Da almeno un decennio le maggiori consorterie mafiose risultano rivolgersi sempre più frequentemente ad un reticolo di lobbying illecito «para-massonico» per far fronte al «progressivo declino del consenso e dell’assuefazione popolare e alla sempre maggiore incisività dell’azione pubblica di contrasto»56. Numerosi collaboratori di giustizia hanno evidenziato come l’ingresso nelle logge di esponenti mafiosi corrisponda ad una scelta strategica ben precisa di avvicinamento e di infiltrazione rispetto agli ambienti politico-istituzionali57.

48Il doppio vincolo di solidarietà e di riservatezza lega in modo indissolubile i «fratelli» e rende, di conseguenza, più agevole l’inserimento di esponenti delle famiglie mafiose che, in tal modo, potranno disporre di uno strumento di potere formidabile per ottenere favori e privilegi in molti campi.

  • 58 Condotte dal gico di Firenze.
  • 59 La loggia era ospitata nell’ufficio dell’ingegner Angelo Fiaccabrino, imprenditore: cfr. Portanova (...)

49In Toscana vi sono, con molta probabilità, tutta una serie di condizioni che rendono tale ipotesi quanto meno consistente. Le indagini effettuate in riferimento all’autoparco di Via Salomone a Milano58 che, come si è visto, rappresentava il punto di incontro di buona parte delle famiglie mafiose attive in Lombardia, Emilia Romagna e Toscana, hanno accertato l’esistenza di un vasto reticolo criminale in cui accanto ai mafiosi erano presenti imprenditori, professionisti, poliziotti che frequentavano la medesima loggia massonica59. È lecito ipotizzare che alcuni degli esponenti delle consorterie mafiose attive nelle aree di più recente insediamento abbiano trovato nell’affiliazione alla massoneria «coperta» uno dei canali per poter accedere alla gestione delle risorse locali ed al processo decisionale pubblico. L’affiliazione strumentale alla massoneria deviata potrebbe svolgere la stessa funzione che, in altri contesti, ha svolto l’ingresso di individui strettamente legati alle cosche negli ambienti della politica locale. Anzi, la strategia di affiliazione massonica potrebbe sortire effetti maggiormente vantaggiosi, data l’invisibilità e la segretezza in cui sarebbero avvolti i «canali» attraverso cui definire l’accesso alle risorse oggetto delle transazioni.

5. Le relazioni all’interno della famiglia mafiosa: contratto di scopo e contratto di status

50Ritornando all’interrogativo che si poneva nelle pagine precedenti – se i gruppi mafiosi attivi in contesti non tradizionali si configurino più come «imprese» o, piuttosto, come «organizzazioni di potere» – appare opportuno sottolineare come, nonostante l’impetuoso processo di modernizzazione abbia portato i maggiori sodalizi criminali ad assumere una connotazione fortemente imprenditoriale, essi rimangano pur sempre dei centri di potere illecito. Nonostante le singole famiglie mafiose costituiscano delle vere e proprie imprese criminali, l’organizzazione nel suo complesso (in particolar modo Cosa nostra e ’Ndrangheta) si configura come una società segreta.

  • 60 Max Weber, Economia e Società, Milano, Comunità, 1961, p. 48, vol. ii.
  • 61 Georg Simmel, «Il segreto e la società segreta», in Sociologia, Milano, Comunità, 1989, p. 298.

51Esiste, in realtà, una certa discontinuità analitica fra l’organizzazione in quanto tale e le singole cosche, che può essere spiegata, da un punto di vista interpretativo, facendo riferimento al diverso tipo di relazioni esistenti fra i rispettivi membri. Utilizzando le categorie concettuali weberiane è possibile interpretare questa discontinuità, richiamando due differenti tipi di contratto relazionale: il contratto di scopo ed il contratto di status. Secondo Weber il contratto di scopo è riferibile a «[…] quelle stipulazioni che mirano soltanto a prestazioni o risultati concreti, per lo più economici, senza toccare lo status delle persone interessate, e quindi senza far sorgere in esse […] alcuna nuova qualità di “consociato”»60. Esso è paragonabile al tipo di relazione che lega i membri di un’amministrazione: è basato sul perseguimento di obiettivi specifici ed è continuamente soggetto a ridefinizioni, mutamenti, in ragione dell’estrema flessibilità delle situazioni circostanti. Alla base di questa relazione vi è una reciprocità di azioni fra gli attori del tutto oggettive e determinate: «L’individuo, in quanto membro del gruppo, è esclusivamente il portatore di una determinata prestazione»61. Questo tipo di prestazione riguarda esclusivamente interessi circoscritti e ben definiti, spesso individuali: ciò che interessa maggiormente è il contenuto immediato della relazione che, come sottolinea Simmel, assume la sua forma più esemplificativa nei «puri contributi in denaro».

  • 62 Cfr. le parole di Tommaso Buscetta in Pino Arlacchi, Gli uomini del disonore, Milano, Rizzoli, 1994 (...)

52All’interno del sodalizio criminale e delle singole «famiglie» ampia libertà è generalmente lasciata alle iniziative economiche individuali degli affiliati. Nel momento in cui un uomo d’onore decide di intraprendere personalmente delle attività illegali è tenuto solo ad informare, per correttezza e per conoscenza, i suoi superiori62.

  • 63 Max Weber, Economia e Società cit., p. 47.

53Le relazioni di status, invece, operano ad un differente livello: esse costituiscono delle relazioni di tipo assoluto e sono basate su un vincolo di affratellamento di cui il giuramento di fedeltà rappresenta il sigillo esteriore. I contratti di status, secondo Weber, «[…] avevano per contenuto una modificazione della qualità giuridica complessiva, della posizione universale e dell’habitus sociale delle persone»63. Essi abbracciano l’intera personalità, non hanno limiti prefissati: l’obbligo di fedeltà nei confronti dell’organizzazione e della «famiglia» è assoluto. Tutti i valori collegati ad una precedente appartenenza passano in secondo piano, gli obblighi morali, politici, sociali, affettivi si scolorano, si annullano: quando la «famiglia» chiama bisogna lasciare tutto ed obbedire, «chinare la testa» , dice Antonino Calderone, ricordando la propria esperienza di affiliazione a Cosa nostra.

54È opportuno sottolineare come soltanto uno sguardo che tenga conto di questa bidimensionalità dell’essere mafioso – la dimensione più propriamente definibile della militanza (contratto di scopo), da un lato, e la dimensione dell’appartenenza (contratto di status) dall’altro – potrà avere maggiori chances di riuscire a cogliere nella sua complessità la fenomenologia criminale presente anche nelle aree non tradizionali.

  • 64 L’ unione di scopo, secondo Max Weber, è liberamente pattuita allo scopo di un agire continuativo d (...)
  • 65 Ada Becchi, Guido Rey, L’economia criminale, Roma-Bari, Laterza, 1994, p. 82.

55In questi contesti, la dimensione della militanza potrebbe avere una visibilità maggiore rispetto alla dimensione dell’appartenenza. In alcune regioni centro-settentrionali i gruppi mafiosi sembrano agire esclusivamente per il perseguimento di obiettivi specifici di natura economica64, disinteressandosi del resto. Le «famiglie» sarebbero orientate più al controllo delle attività illecite e dell’underworld, che al governo della società nel suo complesso. Secondo alcuni autori, ciò sarebbe confermato dal fatto che, nelle aree tradizionali di origine, le famiglie mafiose (ed in particolare Cosa nostra) che privilegiano il controllo del territorio «abbiano maggiori remore a configurarsi come imprese criminali»65 tout court.

56Il confronto con realtà sociali, economiche e culturali profondamente diverse da quelle di provenienza ha comportato ed, in alcuni casi, favorito un processo di mutamento sia da un punto di vista strutturale che operativo ed organizzativo.

57Per quanto riguarda la struttura interna, buona parte dei gruppi mafiosi attivi nelle regioni del Centro-Nord risultano aver adottato un assetto organizzativo più agile, semplificato, funzionale alle esigenze del nuovo scenario. Il modello organizzativo rappresentato dalla società segreta di natura criminale – a cui le associazioni mafiose si erano tradizionalmente ispirate sin dalle prime origini – sembra aver subito rilevanti modifiche. Tali riflessioni appaiono supportate dalle dichiarazioni rese dai collaboratori di giustizia e dai riscontri effettuati dalle forze investigative che hanno permesso – dalla metà degli anni ’80 in poi – di definire con un grado crescente di approfondimento la sostanza più segreta di tali sodalizi.

  • 66 Anche la camorra disponeva di un codice normativo interno (il cosiddetto frieno), così come la Sacr (...)
  • 67 Max Weber, Le sette e lo spirito del capitalismo, Milano, Rizzoli, 1977, p. 39.

58Da tali fonti emerge come il modello organizzativo di queste associazioni faccia riferimento ad un patrimonio simbolico e culturale che risulta aver mantenuto, nel corso del tempo, una sorprendente continuità. Sia in Cosa nostra che nella ’Ndrangheta è stato possibile rinvenire la presenza di un corpus normativo in cui sono definite le «regole» principali del sodalizio66: le procedure di selezione e di ammissione dei nuovi membri (che devono dar prova di quella che Weber ha definito la «qualificazione etica»67 della persona), le cerimonie rituali e la formula di giuramento tese ad enfatizzare simbolicamente il momento di ingresso in un gruppo che tende visibilmente a sottolineare la propria alterità rispetto a qualsiasi altro tipo di comunità (familiare, politica, sociale,…), l’articolazione gerarchica dei ruoli, tutta una serie di norme di condotta e di sanzioni da applicare in caso di comportamento non conforme alle regole del sodalizio.

59Il gruppo nel suo insieme assume la segretezza come pratica d’azione ed habitus mentale in vista del perseguimento di obiettivi determinati.

  • 68 L’identità di costoro è conosciuta solo da una ristretta élite.
  • 69 Fra costoro troviamo: rapinatori, ladri, truffatori, esponenti della criminalità economica, amminis (...)

60Nelle aree non tradizionali l’esigenza di rafforzare ulteriormente la segretezza interna alla singola cosca risulta esprimersi principalmente nella drastica riduzione del numero degli individui formalmente affiliati alla «famiglia»68 e nella tendenziale espansione dell’esercito di «manovali» che costituiscono quella che è stata definita la «periferia della cosca». Essa consiste in un gruppo piuttosto ampio di soggetti che, pur non avendo vincoli formali o di sangue con gli aderenti alla famiglia, gravitano intorno ad essa per i più svariati motivi ed in modo saltuario, sulla base della convenienza e dell’interesse, senza coinvolgimenti più ampi69. Una delle cosche più numerose federata in Cosa nostra – il clan Santapaola – è riuscita, proprio attraverso questa strategia, ad incrementare notevolmente il proprio potere in Sicilia e nel resto di Italia.

61Il richiamo al patrimonio culturale tradizionale, profondamente intriso di elementi simbolici e rituali, tende ad essere meno frequente.

  • 70 Cfr. le parole del collaboratore di giustizia Domenico Casale in: Tribunale di Firenze, Ufficio del (...)

62Alcuni collaboratori di giustizia hanno sottolineato come non tutti i componenti delle associazioni mafiose presenti nelle aree del Centro-Nord siano stati affiliati formalmente; spesso solo coloro che detengono un ruolo di prestigio all’interno del gruppo e – elemento importante – che intrattengono rapporti diretti con membri dell’organizzazione attivi in altre regioni dell’Italia centro-settentrionale risultano aver formulato il giuramento70.

63Il ricorso al patrimonio simbolico e rituale tradizionale tende ad essere meno frequente, l’adesione alle regole previste dal corpus normativo interno diventa sempre più formale, le strategie adottate sono maggiormente orientate al raggiungimento del massimo profitto economico che non alla realizzazione di progetti di signoria territoriale.

  • 71 A questo proposito potrebbe essere significativo un confronto con la mafia pugliese che, pur consid (...)

64La particolare conformazione assunta nelle aree non tradizionali rende tali sodalizi maggiormente mimetizzabili con la delinquenza comune, ragione questa per cui a livello giudiziario si sono verificati, in alcuni casi, gravi errori di valutazione71. Le strategie di dissimulazione praticate hanno infatti contribuito ad aumentare in modo sorprendente l’impermeabilità di tali gruppi nei confronti di possibili azioni di contrasto.

Torna su

Bibliografia

Arlacchi P., La questione criminale in Italia, Roma, dattiloscritto.

Arlacchi P. (1990), Criminalità organizzata, gangsterismo, bande giovanili, Roma, dattiloscritto.

Arlacchi P. (1992), Cosa nostra come priorità assoluta della strategia antimafia dello Stato, Roma, dattiloscritto.

Arlacchi P. (1994), Gli uomini del disonore, Milano, Rizzoli.

Becchi A. , Rey G. (1994), L’economia criminale, Roma-Bari, Laterza.

Block A. (1982), East Side West Side: Organizing Crime in New York. 1930-1950, New Brunswick (N. J.), Transaction Press.

Chiari R. (1997), Strage dei Georgofili. Anatomia di un attentato, «il manifesto», Giovedì 6 marzo.

Commissione Parlamentare di inchiesta sul fenomeno della mafia in Sicilia (1972), Relazione sui lavori svolti e sullo stato del fenomeno mafioso al termine della v Legislatura, (relatore: Cattanei), v Legislatura, Roma, Tipografia del Senato, 31 marzo.

Commissione Parlamentare di inchiesta sul fenomeno della mafia in Sicilia (1976), Relazione conclusiva (relatore: Carraro), vi Legislatura, Roma, Tipografia del Senato, 4 febbraio.

Commissione Parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle altre associazioni criminali similari (1990), Relazione sull’esito del sopralluogo a Milano di un gruppo di lavoro della Commissione, X legislatura, Roma, Tipografia del Senato, 13 luglio.

Commissione Parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle altre associazioni criminali similari (1993), Audizioni del collaboratore di giustizia Gaspare Mutolo, XI Legislatura, Roma, Tipografia del Senato, 9 febbraio.

Commissione Parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle altre associazioni criminali similari (1994), Relazione sulle risultanze del gruppo di lavoro incaricato di svolgere accertamenti su insediamenti ed infiltrazioni di soggetti ed organizzazioni mafiose in aree non tradizionali (relatore: Smuraglia), XI Legislatura, Roma, Tipografia del Senato, 13 gennaio.

Del Freo A. (1991), Ronchetto, ciack si giudica, «Società civile», anno vi, n. 7, luglio.

Direzione Centrale della Polizia Criminale (1994), Relazione sull’attività delle organizzazioni criminali non tradizionali nell’Italia centro-settentrionale, dicembre.

Direzione Investigativa Antimafia (1995), Criminalità organizzata in Emilia Romagna. La Mafia, dicembre.

Gallino L. (1988), Dizionario di Sociologia, Torino, Utet.

Massari M. (1998), La Sacra Corona Unita. Potere e segreto, Roma-Bari, Laterza.

Ministero dell’Interno (anni 1992, 1994 e 1995), Rapporto sul fenomeno della criminalità organizzata, Roma, Tipografia del Senato.

Portanova M., Rossi G. e Stefanoni F. (1996), Mafia a Milano, Milano, Editori Riuniti.

Rossi G. (1992), Amicizie pericolose crescono, «Società civile», anno vii, n. 8, ottobre.

Sciarrone R. (1995), La diffusione della mafia nelle aree non tradizionali: il caso Piemonte, atti del Convegno La giovane ricerca italiana sulla grande criminalità, Sesto Fiorentino, 8-9 dicembre.

Simmel G. (1989), Il segreto e la società segreta, in Sociologia, Milano, Comunità.

Smuraglia C. (1994), La mafia al Nord, Soveria Mannelli, Rubbettino Editore.

Stajano C. (1991), Amicizie pericolose, «Società civile», anno vi, ottobre.

Stefanoni F. (1992), Milano, Cosa nostra, «Società civile», anno vii n. 8, ottobre.

Tribunale di Firenze (1993), Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari, Sentenza contro Angelucci Monica + 17, 28 ottobre.

Tribunale di Firenze (1994), ii Sezione Penale, Sentenza contro Al Barrage Ibrahim Alì + 38, 14 luglio.

Violante L. (1994), Non è la Piovra. Dodici tesi sulle mafie italiane, Torino, Einaudi.

Weber M. (1961), Economia e Società, Milano, Comunità.

Weber M. (1977), Le sette e lo spirito del capitalismo, Milano, Rizzoli.

Torna su

Note

1 Cfr. Commissione Parlamentare di inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle associazioni criminali similari, Relazione sulle risultanze del gruppo di lavoro incaricato di svolgere accertamenti su insediamenti ed infiltrazioni di soggetti e organizzazioni mafiose in aree non tradizionali, (relatore: Smuraglia), XI Legislatura, Roma, Tipografia del Senato, 13 gennaio 1994.

2 Carlo Smuraglia, La mafia al Nord, Soveria Mannelli, Rubbettino Editore, 1994, p. 7.

3 A tal riguardo, appaiono significative le parole di alcuni sindaci e amministratori di grandi città settentrionali che, in occasione di manifestazioni pubbliche o interviste agli organi di stampa, sono giunti ad esecrare come «miserabile» e «provocatore» chiunque provasse a sollevare la questione delle infiltrazioni mafiose nei contesti in esame: cfr. Corrado Stajano, «Amicizie pericolose», in Società civile, anno vi, n. 9, ottobre 1991, p. 5.

4 Commissione Parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia in Sicilia, Relazione sui lavori svolti e sullo stato del fenomeno mafioso al termine della v Legislatura, (relatore: Cattanei), Roma, v Legislatura, Tipografia del Senato, 31 marzo 1972, p. 148: è questa la prima Relazione che affronta il problema degli insediamenti mafiosi nell’Italia settentrionale.

5 Commissione Parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia in Sicilia, Relazione conclusiva, (relatore: Carraro), vi Legislatura, Roma, Tipografia del Senato, 4 febbraio 1976, p. 261.

6 Trasferitosi da Partinico a Pomezia, in provincia di Roma, sin dal febbraio 1952.

7 Commissione Antimafia, Relazione Carraro, op. cit., p. 279: Coppola, in particolare, nel periodo di residenza a Pomezia intraprese numerosissimi investimenti immobiliari, ottenendo licenze per l’esecuzione di lottizzazioni, per la costruzione di fabbricati, perpetrando tutta una serie di abusi grazie all’atteggiamento favorevole di amministratori e funzionari pubblici.

8 Ivi, p. 412.

9 Joe Adonis soggiornò a Milano dal 1958 al 1971: cfr. Portanova M., Rossi G., Stefanoni F., Mafia a Milano, Milano, Editori Riuniti, 1996, p. 7.

10 Il 1962 fu l’anno della morte di Lucky Luciano, cfr. ibidem.

11 Uno dei più importanti fu il cosiddetto summit di via Generale Govone, svoltosi a Milano nel giugno 1970, a cui parteciparono Giuseppe Calderone, Tommaso Buscetta, Tano Badalamenti, Salvatore Greco, Gerlando Alberti: cfr. Ivi, p. 10.

12 In particolar modo il sequestro dell’industriale Pietro Torielli rapito a Vigevano (Pavia) nel dicembre 1972 ed il sequestro di Luigi Rossi di Montelera rapito a Torino nel novembre 1973.

13 Requisitoria del pubblico ministero Caizzi del 10 novembre 1975, cit. in Portanova M., Rossi G., Stefanoni F., op. cit., pp. 27-28.

14 Commissione Antimafia, Relazione Carraro, op. cit., p. 279.

15 Ivi, p. 280.

16 Ibidem.

17 Solo durante la XI Legislatura la Commissione Antimafia dedicherà una relazione specifica agli insediamenti mafiosi nelle aree non tradizionali: cfr. nota 1.

18 Commissione Antimafia, Relazione Cattanei, op. cit., p. 150.

19 Pino Arlacchi, «La questione criminale in Italia», Roma, dattiloscritto, p. 7.

20 Commissione Antimafia, Relazione Carraro, op. cit., p. 408.

21 Ministero dell’Interno, Rapporto sul fenomeno della criminalità organizzata (anno 1994), Roma, Tipografia del Senato, 1995, p. 112.

22 Commissione Parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle associazioni criminali similari, Relazione sull’esito del sopralluogo a Milano di un gruppo di lavoro della Commissione, X Legislatura, Roma, Tipografia del Senato, 13 luglio 1990, p. 11.

23 Commissione Antimafia, Relazione Carraro, op. cit., p. 288.

24 L’uso economico della risorsa «violenza» rappresenta uno degli elementi di differenza fra le strategie attuate dai gruppi mafiosi e quelle caratteristiche delle formazioni di tipo gangsteristico.

25 Commissione Antimafia, Relazione Carraro, op. cit., p. 282.

26 Fra questi destarono particolare allarme gli omicidi di Ignazio Norrito nel 1954 vicino Varese e di Salvatore Licandro, nel 1955, a Como, entrambi da ricondurre a dei contrasti presenti nelle «famiglie» siciliane per la supremazia nel traffico di diamanti: cfr. Portanova M., Rossi G., Stefanoni F., Mafia a Milano, op. cit., p. 11.

27 Nella Sentenza contro Al Barrage Ibrahim Alì + 38, emessa dal Tribunale di Firenze, ii Sezione Penale, il 14 luglio 1994, si legge: «[…] Jimmy si accorse che una parte dei Cursoti lo stava tradendo e allora se ne andò e portò un gruppo di picciotti con sé», p. 79.

28 Direzione Investigativa Antimafia, Criminalità organizzata in Emilia Romagna. La Mafia, dicembre 1995, p. 83.

29 Commissione Antimafia, Relazione Carraro, op. cit., p. 283.

30 Il termine «potere» è qui usato secondo un’accezione «estensiva»: esso comprende anche fenomeni quali l’autorità, l’influenza, il dominio, la coercizione…: cfr. la voce «Potere» in Luciano Gallino, Dizionario di Sociologia, Torino, Utet, 1988, p. 515.

31 Commissione Antimafia, Audizione del collaboratore di giustizia Gaspare Mutolo, Seduta di Martedì 9 febbraio 1993, xi Legislatura, Roma, Tipografia del Senato, p. 1264.

32 Estendendo la norma del 1956 che prevedeva il confino per coloro che erano abitualmente dediti ai traffici illeciti.

33 Commissione Antimafia, Relazione Carraro, op. cit., p. 289.

34 Cfr. Ivi, p. 290, Prospetto relativo alla distanza dei comuni di soggiorno dai rispettivi capoluoghi di provincia.

35 Ivi, p. 291. L’intermediazione ricattatoria nel settore dell’assunzione di manodopera di origine meridionale ha rappresentato, soprattutto in Piemonte, uno dei fenomeni più preoccupanti.

36 Il caso lucano desta particolare attenzione; nel corso del 1995 la dia ha redatto un interessante rapporto sulla situazione criminale esistente in Basilicata, giudicando la regione particolarmente vulnerabile all’influenza della delinquenza mafiosa: cfr. Ministero dell’Interno, Rapporto sul fenomeno della criminalità organizzata (anno 1995), Roma, Tipografia del Senato, 1996, pp. 165-209.

37 Commissione Antimafia, Relazione sull’esito del sopralluogo a Milano di un gruppo di lavoro della Commissione, op. cit., p. 12.

38 In particolar modo le sentenze giudiziarie e le fonti investigative.

39 cfr. Pino Arlacchi, «Criminalità organizzata, gangsterismo, bande giovanili», dattiloscritto, Roma, 1990.

40 Ibid., p. 4.

41 Direzione Centrale della Polizia Criminale, Relazione sull’attività delle organizzazioni criminali non tradizionali nell’Italia centro-settentrionale, dicembre 1994, pp. 24-25.

42 Si fa riferimento al processo contro il clan Epaminonda, che vide coinvolti 119 imputati con l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso e che si concluse, in primo grado, nel febbraio 1988: cfr. Portanova M., Rossi G., Stefanoni F., op. cit., p. 62.

43 Così recita la motivazione della sentenza emessa dalla ii Corte d’assise d’ Appello di Milano l’11 luglio 1989, cit. in Ivi, p. 63.

44 Ministero dell’Interno, Rapporto sul fenomeno della criminalità organizzata (anno 1995), cit., p. 136.

45 Il caso pugliese – con l’avvento della Sacra Corona Unita oramai comunemente definita la «quarta mafia» – è, sotto questo aspetto, paradigmatico: cfr. Monica Massari, La Sacra Corona Unita. Potere e segreto, Roma-Bari, Laterza, 1998.

46 Si fa qui riferimento all’attività investigativa svolta dalla dia in occasione della strage di via dei Georgofili a Firenze.

47 Vincenzo Ferro, studente in medicina, collabora con i magistrati di Firenze dal marzo 1996: cfr. Riccardo Chiari, «Strage dei Georgofili. Anatomia di un attentato», il manifesto, giovedì 6 marzo 1997.

48 A. Block, East Side West Side: Organizing Crime in New York. 1930-1950, New Brunswick (n. j.), Transaction Press, 1982: l’A. parla di «enterprise syndicate» e di «power syndicate».

49 Il consiglio comunale di Bardonecchia è stato sciolto nel maggio 1995: cfr. Rocco Sciarrone, «La diffusione della mafia nelle aree non tradizionali: il caso Piemonte», atti del Convegno La giovane ricerca italiana sulla grande criminalità, Sesto Fiorentino, 8-9 dicembre 1995, p. 8.

50 Si fa riferimento all’operazione denominata Duomo connection che fece emergere l’esistenza di un’associazione a delinquere dedita ad un intenso traffico di stupefacenti i cui proventi erano reinvestiti principalmente nel settore immobiliare attraverso investimenti compiuti da imprenditori insospettabili, titolari di imprese organizzate in forma societaria: cfr. Franco Stefanoni, «Milano, Cosa nostra», in Società civile, anno 8, n. 7, luglio-agosto 1993, pp. 15-18.

51 Nelle telefonate intercettate dai carabinieri durante l’inchiesta, ricorrono frequentemente nomi quali Francesco Madonia, Pietro Vernengo, Nenè Geraci, Gaetano Fidanzati, i fratelli Grado, i fratelli Enea, le famiglie di Partinico, Resuttana, dell’Arenella, dell’Acquasanta e della Vergine Maria: cfr. Giampiero Rossi, «Amicizie pericolose crescono», in Società civile, anno 7, n. 8, ottobre 1992, pp. 15-17.

52 Pino Arlacchi, «Cosa nostra come priorità assoluta della strategia antimafia dello Stato», Roma, dattiloscritto, 1992, p. 5.

53 Lungi dal voler criminalizzare la comunità meridionale immigrata in queste aree, è lecito pensare che essa abbia rappresentato, in alcune situazioni, un serbatoio elettorale da cui attingere voti in occasione delle elezioni locali.

54 Un esempio di significativa ascesa sociale è costituito dalla carriera personale di uno dei protagonisti dell’inchiesta Duomo Connection, Antonino Carollo – figlio del boss siciliano Gaetano Carollo, inviato nei primi anni ’60 in soggiorno obbligato a Milano – considerato il capo dell’associazione mafiosa milanese. Durante le elezioni comunali del 1980, il «geom. Antonino Carollo» si presentò agli elettori di Cinisello Balsamo come «Un giovane per il nostro Comune» nelle liste della Democrazia Cristiana: cfr. Anna Del Freo, «Ronchetto, ciack si giudica», in Società civile, anno 6, n. 7, luglio 1991, p. 15.

55 Luciano Violante, Non è la Piovra. Dodici tesi sulle mafie italiane, Torino, Einaudi, 1994, p. 169.

56 Ministero dell’Interno, Rapporto sul fenomeno della criminalità organizzata, 1994, op. cit., p. 55.

57 Tommaso Buscetta è il primo, nel 1984, a parlare dei rapporti tra mafia e massoneria a proposito del tentativo golpista di Junio Valerio Borghese.

58 Condotte dal gico di Firenze.

59 La loggia era ospitata nell’ufficio dell’ingegner Angelo Fiaccabrino, imprenditore: cfr. Portanova M., Rossi G., Stefanoni F., op. cit., p. 257.

60 Max Weber, Economia e Società, Milano, Comunità, 1961, p. 48, vol. ii.

61 Georg Simmel, «Il segreto e la società segreta», in Sociologia, Milano, Comunità, 1989, p. 298.

62 Cfr. le parole di Tommaso Buscetta in Pino Arlacchi, Gli uomini del disonore, Milano, Rizzoli, 1994, p. 221.

63 Max Weber, Economia e Società cit., p. 47.

64 L’ unione di scopo, secondo Max Weber, è liberamente pattuita allo scopo di un agire continuativo diretto soltanto a perseguire gli interessi oggettivi dei propri membri: Max Weber, Economia e Società cit., p. 38.

65 Ada Becchi, Guido Rey, L’economia criminale, Roma-Bari, Laterza, 1994, p. 82.

66 Anche la camorra disponeva di un codice normativo interno (il cosiddetto frieno), così come la Sacra Corona Unita, il cui codice-statuto risulta essere stato in buona parte elaborato sul modello ’ndranghetista.

67 Max Weber, Le sette e lo spirito del capitalismo, Milano, Rizzoli, 1977, p. 39.

68 L’identità di costoro è conosciuta solo da una ristretta élite.

69 Fra costoro troviamo: rapinatori, ladri, truffatori, esponenti della criminalità economica, amministratori locali: Ministero dell’Interno, Rapporto sul fenomeno della criminalità organizzata (anno 1992), dattiloscritto, 1993, p. 147.

70 Cfr. le parole del collaboratore di giustizia Domenico Casale in: Tribunale di Firenze, Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari, Sentenza contro Angelucci Monica + 17, 28 ottobre 1993, p. 49.

71 A questo proposito potrebbe essere significativo un confronto con la mafia pugliese che, pur considerata fino alla metà degli anni ’80 come una «nuova» mafia, viene attualmente inserita nell’elenco delle mafie «tradizionali». Solo nel marzo 1990 – mediante la sentenza della Corte d’Appello di Lecce – vi è stato il riconoscimento giudiziario dell’esistenza della Sacra Corona Unita, nonostante il sodalizio fosse attivo nella regione sin dai primissimi anni ’80. Questi ritardi contribuirono, di fatto, a favorirne l’ascesa: Monica Massari, op. cit.
Per quanto riguarda le regioni centro-settentrionali, ci si è trovati, in alcuni casi, di fronte ad annullamenti di sentenze che avevano decretato la mafiosità di alcuni sodalizi. Nel febbraio 1992 la Prima Sezione della Cassazione – presieduta dal giudice Corrado Carnevale – annullò tutte le condanne per associazione di stampo mafioso inflitte nel novembre 1990 dalla Corte d’Assise d’Appello di Torino contro il cosiddetto clan dei catanesi: cfr. la Repubblica, 9 aprile 1992, p. 22. Nel novembre 1995 i giudici della Quinta Sezione Penale della Cassazione annullarono la sentenza della Corte d’Appello di Milano che aveva condannato i protagonisti della vicenda giudiziaria nota come Duomo connection: cfr. Il Giorno, mercoledì 15 novembre 1995, p. 29.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Monica Massari, « Gli insediamenti mafiosi nelle aree «non tradizionali» »Quaderni di Sociologia, 18 | 1998, 5-27.

Notizia bibliografica digitale

Monica Massari, « Gli insediamenti mafiosi nelle aree «non tradizionali» »Quaderni di Sociologia [Online], 18 | 1998, online dal 30 novembre 2015, consultato il 01 octobre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1472; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1472

Torna su

Autore

Monica Massari

Centre for International Crime Prevention - United Nations – Vienna

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search