Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri18teoria e ricercaL’organizzazione come denaro. Lo ...

teoria e ricerca

L’organizzazione come denaro. Lo scambio sociale nelle associazioni

Davide La Valle
p. 130-146

Testo integrale

1. Introduzione

1La teoria dello scambio sociale, avviata negli anni cinquanta da Homans (1950; 1958; anche Blau 1955; Thibaut e Kelley 1959) e maturata nel decennio successivo (Homans 1961; Blau 1964; Emerson 1962), ha conosciuto recentemente un periodo di nuovo sviluppo (Collins 1987; 1993; 1996; Cook 1987; Cook, Molm e Yamagishi 1993; Coleman 1990).

2Questa crescita di importanza è legata alla capacità della teoria di applicare alla sociologia il paradigma della scelta razionale. Un paradigma che ha diversi vantaggi, tra cui in particolare a) la possibilità di produrre spiegazioni non ad hoc ma capaci di generalizzazione b) la costruzione di un edificio teorico rigoroso, le cui articolazioni mantengono il riferimento ad un corpo comune, in grado di produrre risultati cumulativi.

3Nella sua formulazione attuale la teoria ha comunque dei limiti. Uno dei più importanti è l’incapacità sinora mostrata di spingere davvero sino in fondo l’analogia proposta: di applicare integralmente il modello dello scambio economico alla teoria sociologica. Il problema teorico non ancora risolto a questo riguardo è quello del denaro.

4I sociologi hanno mostrato come la nozione di scambio possa essere utile per analizzare non solo le transazioni che hanno come oggetto i beni tradizionalmente considerati dagli economisti ma pure quelle relazioni sociali nelle quali in gioco sono valori immateriali, legati alla dimensione del simbolico. Vi è anche un certo accordo sul fatto che la approvazione-considerazione possa rappresentare per lo scambio sociale qualche cosa di analogo a ciò che il denaro è nello scambio economico; Homans (1975, p. 55) ad esempio scrive che la approvazione è un «mezzo generalizzato», usato nella interazione per ottenere una vasta gamma di benefici.

5Il denaro però non è solo un mezzo generalizzato: è una forma di deposito e misura del valore che è in grado di circolare nel sistema sociale. Ed è proprio questa capacità di circolazione che rende il denaro un fenomeno basilare per l’economia: basilare da un lato per i sistemi economici concreti, dall’altro per la struttura teorica della disciplina.

6Niente di simile è stato sinora individuato per lo scambio sociale. L’ulteriore sviluppo della teoria è allora ostacolato dalla mancanza di una soluzione soddisfacente a questo problema (una nozione come quella di mercato, ad esempio, difficilmente è proponibile per la dimensione sociale sino a che non sappiamo se in questa sfera esiste qualche cosa di analogo al denaro).

  • 1 Per «organizzazione» intendo qui «la struttura delle principali relazioni formalmente previste e co (...)

7Questo è il tema affrontato dall’articolo. Il primo capitolo presenta in maniera sintetica il modello di scambio sociale utilizzato e introduce il problema. Il secondo capitolo inizia ad affrontare la questione della circolazione del mezzo di scambio del valore sociale. I capitoli successivi espongono la tesi centrale dell’articolo: nella società moderna è l’organizzazione1 a rappresentare uno strumento per molti versi analogo al denaro.

2. Il modello di scambio sociale utilizzato

8Nella letteratura esistono ormai diversi modelli di scambio sociale; e in realtà ognuno degli autori più importanti presenta un proprio approccio, che ha elementi di differenza rispetto a quello degli altri.

9La prospettiva qui adottata integra alcuni punti del lavoro di Homans con quello di Parsons (1964a e b; 1969). Di Parsons viene usata la teoria dei mezzi generalizzati e simbolici di interscambio, che individua quattro principali strumenti di regolazione sociale: il denaro, il potere, l’impegno ai valori e l’influenza basata sul prestigio; l’interesse in questa sede è centrato sulla influenza, quale mezzo che svolge nel sottosistema integrativo funzioni analoghe a quelle svolte dal denaro nel sottosistema adattivo. Poiché però questo particolare modello di scambio sociale, di derivazione parsoniana, è stato sviluppato in precedenti lavori, non mi fermerò qui a presentarlo in maniera approfondita (rimando il lettore a La Valle 1992a; 1994; 1995b; 1996), limitandomi ad una schematica introduzione.

  • 2 Il modello ha elementi di contatto anche con l’analisi di Mead; significative a questo proposito le (...)

10L’idea base è che la considerazione – nelle sue varie forme: stima, rispetto, prestigio, status, reputazione – rappresenti lo strumento con cui ricompensiamo e quindi incentiviamo la erogazione di comportamenti espressivi di modelli culturali condivisi. Comportamenti di questo tipo costituiscono per lo scambio sociale ciò che i beni di utilità sono per lo scambio economico: elementi che hanno carattere di valore per l’individuo, in quanto rispondono ad un bisogno della personalità. Questi comportamenti sono infatti ciò che nella interazione permette di alimentare il «sistema di significati»2 interiorizzati dell’individuo.

11La considerazione, nella sua forma pura, non è uno di questi beni dal valore in sé: è il mezzo per lo scambio di questi beni. In modo analogo al denaro non ha «valore d’uso» ma solo «valore di scambio»: vale solo se accettata da altri (come le banconote di un paese possono diventare pezzi di carta senza alcun valore presso una nazione straniera, così il prestigio di cui godiamo presso un determinato gruppo sociale può diventare senza alcun valore presso un gruppo sociale che non lo riconosce). Ma se non ha valore in sé, perché la considerazione viene accettata? Viene accettata in base alla aspettativa di poterla a sua volta scambiare in futuro con beni dal valore in sé: viene accettata perché genera ciò che Parsons ha definito influenza sociale. Come il denaro, la considerazione è una sorta di deposito del valore: è una promessa di pagamento, il riconoscimento di un debito che si pagherà in futuro sottomettendosi alla autorità di colui cui la considerazione è stata attribuita (ripagando quindi con comportamenti il debito contratto in valore sociale). Ancora, come il denaro, la considerazione opera quale misura del valore: la considerazione attribuita in una relazione sociale misura il grado in cui il comportamento dell’altro realizza i modelli culturali istituzionalizzati (interiorizzati e condivisi) in quella relazione; misura appunto il valore sociale del comportamento (si noti come da un punto di vista sistemico si tratti di una misura del contributo dato alla solidarietà del gruppo sociale).

12Sino a che punto può spingersi questo parallelo tra scambio economico e scambio sociale?

  • 3 Nella letteratura è stato però fatto notare a Blau come gli obblighi inerenti al riconoscimento di (...)

13Secondo Blau (1989, pp. 93-97 e 314-315) una differenza basilare tra i due tipi di scambio è che solo il secondo si basa su «obbligazioni non specificate». Quando una persona fa un favore ad un’altra, crea in quest’ultima delle obbligazioni il cui contenuto non è precisato3; il riconoscimento di considerazione genera delle aspettative circa una restituzione la cui esatta natura non è contrattata in anticipo dalle parti. A differenza dello scambio economico, lo scambio sociale – scrive Blau – si basa quindi sulla fiducia, fiducia che l’altro adempirà alle proprie obbligazioni e restituirà il debito contratto. La fiducia è l’essenza dello scambio sociale.

14Blau ha ragione nel dire che lo scambio sociale si basa sulla fiducia: quando otteniamo comportamenti riconoscendo all’altro considerazione cediamo una promessa di pagamento; chi riceve considerazione agisce in base alla fiducia che l’altro adempirà all’obbligo contratto, ovvero in base alla aspettativa che la considerazione ricevuta non perderà il suo valore e verrà successivamente riconosciuta. Blau però non si accorge che lo stesso accade nello scambio economico mediato dal denaro. Quando paghiamo con il denaro diamo in cambio di beni un mezzo che non ha valore in sé ovvero, come ricorda Simmel (1984, pp. 262-263; tra i classici cfr. anche Tönnies 1963, pp. 88-89 e 228; Weber 1968, cap. vi) una promessa di pagamento. Chi accetta il denaro agisce in base alla aspettativa che questa promessa di pagamento verrà adempiuta. Ma anche in questo caso lo scambio si basa sulla fiducia (Simmel 1984, p. 263): fiducia che il denaro, mantenendo il suo valore, verrà nuovamente accettato in cambio di beni.

15Blau sbaglia nel ritenere l’elemento della fiducia ciò che caratterizza lo scambio sociale rispetto allo scambio economico; non perché il primo non abbia a base la fiducia ma perché questa opera anche nel secondo. Concentrandosi sulla presenza della fiducia nello scambio sociale e sulla sua assenza nello scambio economico, Blau si limita a sfiorare il vero problema. Ciò che avrebbe dovuto notare è che quando in uno scambio economico io accetto del denaro in cambio di beni, la fiducia, che pure è presente, non è relativa al partner di quello scambio ma è istituzionalmente fondata. Se vendo la mia automobile, accetto il denaro del compratore non in base alla fiducia che questa stessa persona accetterà in futuro il denaro che mi ha dato, quanto che anche altri lo accetteranno. Ho fiducia cioè nella capacità di circolazione del denaro; una fiducia che nelle società moderne è sostenuta dalle banche e, tramite la banca centrale, in ultima analisi dallo stato.

  • 4 Il problema dello scambio sociale allargato è stato comunque toccato da Ekeh (1974; ma cfr. sopratt (...)
  • 5 Il tema è trattato anche all’interno della letteratura sulla fiducia (su varie forme di fiducia ins (...)

16La teoria dello scambio sociale si è generalmente fermata a transazioni di tipo elementare4: l’individuo A fa un favore a B e questi ricambia con considerazione; se la fiducia non è male accordata, B pagherà in futuro questo debito con il proprio comportamento. La fiducia è in questo caso di natura personale: è fiducia in una persona particolare. Nel caso dello scambio economico invece il denaro che B dà ad A circola nel sistema economico: serve per comperare beni da altri (A lo accetta non perché ha fiducia in B ma perché ha fiducia nel denaro: perché è ragionevolmente certo che altri lo accetteranno a loro volta). Questo è possibile perché esistono istituzioni del sistema economico che, vigilando sulla circolazione del denaro, sostengono la fiducia della gente nella accettabilità di un mezzo di scambio che non ha valore in sé. La fiducia in questo caso non è riposta su un particolare individuo, non nasce da un rapporto personale; poggia invece su un apparato di istituzioni5.

17La domanda cruciale per lo sviluppo della teoria dello scambio sociale allora è: il particolare medium di questo scambio, la considerazione sociale, può avere una circolazione analoga a quella del denaro? Esistono meccanismi che ne garantiscono la accettabilità e che in questo modo ne permettono la circolazione nel sistema sociale?

3. La circolazione della considerazione sociale

18Ma prima ancora: in che senso la considerazione circola nel sistema sociale? La considerazione che B dà ad A può essere da quest’ultimo accettata non solo perché lo stesso B in futuro la riconoscerà ma perché anche altri la riconosceranno?

19La nozione utile per rispondere a queste domande mi sembra quella di reputazione: una forma di considerazione che appunto circola nel sistema sociale. Supponiamo che in un gruppo di colleghi, ad esempio di dipendenti di una banca, l’attore A creda nel valore della correttezza e si comporti in modo coerente a questo criterio nella relazione con l’attore B. Un comportamento di questo genere può avere degli effetti non solo nella relazione di A con B ma anche in quella di A con altri colleghi: appunto perché contribuisce a formare la sua reputazione all’interno di quel sistema sociale. La decisione di A circa il modo di comportarsi nei confronti di B è spesso orientata dalla prospettiva di guadagnare considerazione non solo presso B ma più in generale all’interno del gruppo sociale; una considerazione che sotto forma di reputazione appunto circola in quel sistema sociale.

20Da che cosa dipende questa capacità di circolazione? In genere dalla esistenza di rapporti di fiducia personale tra i membri di quel gruppo. Se l’attore C ha fiducia in B, quando quest’ultimo gli riferisce del comportamento corretto di A nei suoi confronti, A sale nella stima anche di C. All’interno di gruppi sociali ristretti, la circolazione della considerazione dipende spesso dalla esistenza di una catena i cui anelli sono costituiti da rapporti di fiducia personale tra i singoli individui: è la fiducia di un particolare individuo nei confronti di un altro – in questo caso di C nei confronti di B – che rende possibile la circolazione della considerazione di A.

21Nel sistema economico invece il denaro circola tra persone che non solo non si conoscono ma neppure condividono la fiducia in una terza persona: come detto, la fiducia nel denaro è istituzionalmente garantita. Esistono forme analoghe di considerazione sociale, la cui circolazione non dipende da una fiducia di natura personale?

22Per iniziare a rispondere consideriamo la formazione di un piccolo movimento sociale: un gruppo di operai che nel reparto di una fabbrica si mobilita contro il datore di lavoro per difendere quello che ritiene il salario «giusto». Il comportamento di chi partecipa alla mobilitazione ha per gli altri carattere di valore sociale (il comportamento dell’operaio A a difesa del salario «giusto» ha una valenza espressiva: serve a sostenere modelli di valore interiorizzati nella personalità anche degli altri membri del gruppo). Nel gruppo la leadership può svilupparsi come risultato di questo scambio sociale: l’operaio che più degli altri si impegna nella azione collettiva, offre più di quanto riceva dagli altri comportamenti che all’interno di quel gruppo hanno valore sociale. In questo modo egli accumula considerazione presso i compagni e può progressivamente acquisire capacità di leadership (diventa una persona ascoltata, i cui consigli hanno peso, i cui orientamenti sono seguiti; sul rapporto tra considerazione sociale e leadership cfr. Homans 1950; 1975; più in generale Hollander 1964; 1978; in psicologia sociale il tema è studiato sotto l’etichetta della influenza).

23Due aspetti di questo proposta teorica vanno sottolineati. Il primo è la possibilità di spiegare con il paradigma della scelta razionale perché spesso l’esistenza di un gruppo venga a dipendere dalla disponibilità di un leader. In una prospettiva di scambio sociale il leader è colui che più degli altri produce valore sociale: principalmente da lui allora viene a dipendere il sostegno a quei valori interiorizzati su cui l’integrazione sociale del gruppo si basa. È attraverso quella rete di scambi sociali su cui si fonda la leadership, che ciò che prima costituiva solo un aggregato di individui diventa un soggetto solidale.

24Il secondo aspetto da sottolineare è che all’interno di questo modello anche la fiducia può essere studiata come risultato di una scelta razionale. Per i seguaci fidarsi del leader significa accettarne gli orientamenti: ovvero dare comportamenti in cambio di considerazione, riconoscendo la influenza precedentemente attribuita al leader. Ma allora in una ottica di scambio sociale accettare le decisioni del leader (riconoscere la sua influenza) non significa nient’altro che restituire (una parte di) quanto ricevuto in valore sociale. Dunque «fidarsi» è razionale nella misura in cui nella relazione con il leader l’attore abbia ottenuto valore sociale in misura per lui superiore a quanto adesso gli viene richiesto: perché in questo modo il bilancio della relazione rimane positivo; e accettando la leadership il membro del gruppo non fa che restituire una parte del valore sociale ricevuto.

25In questo esempio l’influenza continua comunque ad essere guadagnata attraverso relazioni di tipo personale: l’influenza del leader A sui compagni B, C e D è frutto di relazioni dirette tra A e B, tra A e C, tra A e D. Ogni operaio conosce personalmente il leader e attraverso questa conoscenza costruisce in maniera progressiva quella fiducia (risultato dei precedenti comportamenti di valore sociale erogati da A) che rende possibile l’esercizio della leadership.

26Supponiamo però adesso che il movimento si estenda ad altri reparti della fabbrica e che non tutti gli operai possano conoscere personalmente il leader. Anche in questo caso l’uso della influenza continua ad essere possibile grazie al meccanismo a sequenza per la diffusione della reputazione considerato più sopra. Può accadere che i nuovi venuti conoscano, se non tutti, almeno qualcuno dei membri del gruppo iniziale e che accettino la influenza del leader in base alla fiducia personale in queste persone che lo conoscono.

27Ma cosa accade se il movimento si estende ulteriormente, oltre l’ambito locale, espandendosi ad esempio a livello nazionale? Se cioè il gruppo cresce oltre il punto in cui è possibile l’esistenza di una catena di fiducia fondata su relazioni di conoscenza personale?

28In questo caso il movimento deve abbandonare l’informalità e costruire una organizzazione: deve istituire delle cariche, degli organi decisionali, formalizzare una gerarchia di posizioni e responsabilità. Questo implica la rinuncia alla influenza come strumento di regolazione sociale? L’uso di quest’ultima è cioè legato esclusivamente a relazioni di tipo personale, oppure, per tornare alla domanda cruciale, esistono forme di influenza in grado di circolare anche in assenza di relazioni personali?

4. La organizzazione come forma di denaro sociale

29In effetti lo sviluppo di una organizzazione formale generalmente coincide con la crescita di peso nei rapporti interni delle relazioni di potere e di scambio economico (ovvero di modalità regolative diverse dall’influenza). Potere e denaro sono particolarmente importanti proprio per quei sistemi di interazione nei quali le relazioni tra i membri non possono essere basate su una fiducia maturata in rapporti di conoscenza personale.

30Questo però non implica assenza di influenza.

  • 6 Nella Cgil la differenziazione economica tra le diverse posizioni sociali interne non è molto rilev (...)

31Rifacciamoci ad un caso concreto, il vertice della più grande organizzazione sindacale italiana, la Cgil. Il segretario generale della Cgil è un funzionario che, in quanto riceve uno stipendio, intrattiene una relazione di scambio economico con questa organizzazione. Il suo rapporto con la Cgil non è però riducibile a questo tipo di relazione sociale; la motivazione che è alla base del suo impegno non è esclusivamente, forse neppure principalmente, di tipo economico6. Né d’altronde questo rapporto è riducibile ad una relazione di potere (La Valle 1992b).

32Il segretario della Cgil è anche il leader di una associazione: una persona il cui impegno è motivato dallo sforzo di realizzare valori e obiettivi condivisi da un particolare gruppo sociale; e che in cambio di questo impegno riceve una ricompensa (anche) sotto forma di considerazione – in termini di stima, rispetto, prestigio, status, reputazione – dai membri di quel gruppo.

33In effetti questo tipo di organizzazione può funzionare efficacemente solo se vi è un certo grado di fiducia nei suoi dirigenti: se gli aderenti si riconoscono nel leader, danno peso ai suoi orientamenti e, entro certi limiti, sono disposti a seguirli; se cioè gli attribuiscono influenza sociale (La Valle 1992b).

34Da dove viene questa influenza? Poiché gli aderenti alla Cgil sono diversi milioni, l’influenza del leader non può essere ottenuta attraverso relazioni di natura personale con ciascuno di essi; né può essere il risultato di una reputazione che si diffonde semplicemente attraverso una catena di relazioni comunque di natura personale.

35La influenza in questo caso deriva invece direttamente dalla carica ricoperta all’interno della organizzazione: chi arriva alla carica di segretario generale della Cgil, anche se non è personalmente conosciuto da gran parte dei membri della organizzazione, acquisisce questo capitale di influenza. In effetti quando cambia il segretario, l’influenza necessaria al funzionamento di questa organizzazione non viene meno: almeno per una parte importante, proprio in quanto connessa alla carica, passa automaticamente alla nuova persona che la ricopre.

36Ma perché gli aderenti alla Cgil danno fiducia e riconoscono influenza ad una persona che non conoscono? Si tratta di un affidamento irrazionale?

37Non necessariamente, perché in questo caso ad agire da garanzia è la organizzazione stessa. Al vertice della Cgil, alla carica di segretario generale, non si arriva per caso: ma attraverso un lungo processo di selezione messo in atto all’interno di quel sistema sociale, selezione che serve appunto a garantire ai membri che chi arriva a quella posizione possiede i requisiti sociali (le qualità, i valori, le competenze) necessari all’adempimento del ruolo. Selezionando l’accesso alle cariche interne, è la organizzazione stessa che garantisce agli aderenti la influenza del leader. La organizzazione garantisce la possibilità di avere fiducia nel possesso, da parte della persona che ricopre quella carica, di certe qualità sociali; qualità il cui possesso ogni membro non deve verificare di persona. Il risultato è che gli iscritti possono riporre nel leader della Cgil, anche quando non lo conoscono personalmente, una fiducia istituzionalmente sostenuta e garantita: la fiducia nel leader è in questo caso fiducia nell’insieme della organizzazione; è fiducia tout court nella Cgil.

38Ora, questo vale non solo per il segretario generale, ma per l’intera gerarchia di posizioni sociali che compone l’organizzazione della Cgil: vale per gli altri segretari confederali, i membri del direttivo nazionale, i segretari locali, i funzionari e così via. Anche queste posizioni godono, sia pure in misura diversa, di considerazione-influenza all’interno della Cgil: una considerazione generata non dalla persona ma dalla carica. Così il funzionario centrale della Cgil che arriva in una nuova provincia, anche se non è personalmente conosciuto dagli iscritti locali, gode comunque presso di loro di un certo capitale di influenza. Questo non è il risultato di quanto quella persona ha dimostrato di essere degna di fiducia in un rapporto diretto di scambio sociale con ciascuno degli iscritti; il funzionario ne fruisce invece in quanto mandato dalla Cgil, in quanto parte di quella organizzazione: che garantisce per lui, rendendo non irrazionale una certa misura di fiducia nei suoi confronti. L’organizzazione della Cgil costituisce, ai suoi vari livelli, un articolato sistema di influenza sociale la cui circolazione è garantita dalla gerarchia di posizioni sociali formalizzate al suo interno.

  • 7 L’analisi può essere tradotta in termini di scelta razionale. Abbiamo visto nel terzo capitolo come (...)

39Questo significa che è la carica formale all’interno della organizzazione a produrre considerazione e influenza? Non esattamente. Se il segretario nell’esercizio del suo incarico si dimostrasse una persona non degna di fiducia (se ad esempio si scoprisse che è un incapace o che è segretamente stipendiato dalla Confindustria) la considerazione di cui gode verrebbe intaccata e con essa l’influenza; anche se, per ipotesi, la carica formale per un certo periodo potesse essere mantenuta. Non è la carica di per sé a produrre la considerazione: la carica segnala e in una certa misura garantisce il possesso delle qualità sociali (elementi giudicati tali all’interno di quel sistema di interazione) da cui l’influenza basata sulla considerazione è derivata. La carica formale nella organizzazione è uno strumento che segnala il possesso di certi beni di valore sociale da parte della persona che la ricopre, favorendo la circolazione della relativa influenza; rendendone cioè la accettazione un affidamento non irrazionale anche in assenza di conoscenza personale7.

40Ma se la gerarchia di posizioni sociali formalizzate serve a sostenere la circolazione di un mezzo di scambio (l’influenza basata sulla considerazione) che non ha valore in sé, rendendo possibile la fiducia nella sua accettabilità, la conclusione da trarne è che l’organizzazione funziona come una forma di denaro sociale; una forma particolare in quanto opera sulla base di una fiducia istituzionalmente garantita.

41Un piccolo movimento sociale non ha bisogno di cariche formali: perché la circolazione della influenza è garantita da un rapporto di conoscenza diretta tra i membri. Ognuno conosce personalmente l’altro; la leadership è il risultato di scambi sociali diretti; la fiducia nel leader è fiducia in una persona che si conosce personalmente, non c’è bisogno di una garanzia esterna per accettarne l’influenza. Quando però il movimento cresce oltre il raggio della interazione faccia a faccia, perché l’influenza possa ancora essere utilizzata come strumento di regolazione sociale interna è necessaria una struttura di posizioni sociali formalizzate: questo rende possibile ai membri affidarsi a decisioni prese a loro nome da persone che pure non conoscono direttamente, senza che la loro fiducia costituisca un azzardo irrazionale. È la stessa organizzazione a generare questa fiducia.

42Lo scambio sociale si libera dai limiti della interazione faccia a faccia. La influenza basata sulla considerazione viene usata per ottenere comportamenti non solo presso chi la ha originariamente attribuita ma anche presso altri. L’influenza che è stata guadagnata da A nella relazione con B, viene riconosciuta anche da altri che la accettano grazie alla garanzia prestata dalla organizzazione; l’influenza circola all’interno di quel sistema sociale.

43Allora lo sviluppo delle organizzazioni che caratterizza la società moderna va considerato un fenomeno per molti versi simile alla monetarizzazione dell’economia: simile, in particolare, «al cambiamento che si è verificato nelle transazioni economiche quando la nota personale venne ad essere accettata come trasferibile, cioè come una forma di denaro» (Coleman 1990, p. 169). È un fenomeno che va posto accanto alla diffusione della banconota, una forma di denaro-simbolo garantito dalle banche, che ha favorito l’espansione dei traffici commerciali. Le organizzazioni producono una forma di denaro sociale, l’influenza, che è in grado di circolare nella società in base ad una fiducia istituzionalmente garantita, in modo analogo a come le banche emettono moneta in grado di circolare nell’economia.

44In effetti la banconota nasce come «Nota» rilasciata dal «Banco» che certifica il deposito – quindi il diritto del portatore a ritirare – determinati beni, in genere monete d’oro o d’argento (una forma di denaro la cui accettabilità era garantita dal valore intrinseco). Nella società moderna la circolazione di queste «banco-note» ha affiancato e in gran parte sostituito come mezzo di pagamento le monete metalliche. Ma la banconota è all’origine e in senso stretto una promessa di pagamento (emessa dalla banca, la quale nella nota dichiara che «Pagherà a vista al portatore» la somma indicata) che per circolare ha bisogno della fiducia di chi deve accettarla; una fiducia in questo caso sostenuta dalla banca.

45Anche nel caso dello scambio sociale io posso pagare con una promessa: la stima personale data in cambio di comportamenti di valore sociale è un pagamento di questo tipo. Che l’altro accetta se ha fiducia in me: fiducia che questa promessa di pagamento verrà da me onorata. Il problema però è che questo tipo di considerazione non necessariamente verrà accettata da altri. La stima personale di un amico non necessariamente aumenta la considerazione di cui godiamo presso altri, il nostro status nella società; è un mezzo di pagamento che non circola nel sistema sociale.

46Nel sistema sociale è la gerarchia di posizioni codificate all’interno di una organizzazione formale che può rispondere a questo problema: generando forme di considerazione sociale che circolano in quanto garantite dalla fiducia non in una singola persona ma nelle istituzioni che le hanno emesse.

5. La organizzazione come denaro: un altro punto di vista

47Il modello dello scambio presuppone due posizioni: quella dell’attore (A) che accetta il denaro in cambio di beni e quella dell’attore (B) che usa il denaro per ottenere questi beni.

48Sinora la tesi dell’articolo è stata sviluppata principalmente dal punto di vista di A, dell’attore cioè cui la considerazione di B, per assicurarne la accettazione, deve essere garantita. La tesi deve però avere un senso anche dall’altro punto di vista: quello dell’attore (B) che questa considerazione utilizza. Anche da questo punto di vista la organizzazione deve rappresentare un fenomeno sociale analogo al denaro (più precisamente, alle forme moderne del denaro).

49In effetti in questo caso l’evidenza della teoria è ancora più immediata. La organizzazione opera come il denaro perché, come il denaro, agisce quale strumento di incentivazione: un mezzo usato per ottenere dagli attori comportamenti di cui altri attori o il sistema nel suo insieme hanno bisogno.

50Ciò a cui mi riferisco è il fatto che l’organizzazione, in quanto gerarchia, individua una scala di posizioni sociali salire lungo la quale non è indifferente per gli individui: è una ricompensa che spesso contribuisce ad orientarne la attività. È normale che chi entra ai livelli più bassi nella gerarchia ad esempio di una banca, aspiri a diventarne un giorno funzionario o direttore; questo stimolo non è senza importanza per il funzionamento di quel sistema di interazione.

  • 8 In un testo classico della letteratura sulle organizzazioni, Barnard (1970, p. 134) è arrivato a di (...)

51È vero che alla ascesa sociale dentro la gerarchia organizzativa è generalmente collegata la graduatoria economica e quella del potere: e proprio il reddito e/o il potere possono costituire gli incentivi ricercati dall’attore nella scalata ai gradini superiori della gerarchia. L’aspetto da sottolineare però è che le diverse posizioni sociali spesso rappresentano anche di per sé, vale a dire indipendentemente dal reddito e dal potere che ad esse può essere collegato, un incentivo per i membri del sistema sociale: proprio perché individuano diverse misure di considerazione sociale8. Anche se empiricamente nelle organizzazioni la scala del reddito, del potere e della considerazione sociale possono andare di pari passo, la capacità incentivante della stima, del rispetto, del prestigio, della influenza che l’accesso a posizioni sociali elevate fornisce, non è riducibile alla dimensione economica e a quella del potere.

52L’organizzazione allora è un fenomeno analogo al denaro perché, in quanto gerarchia di posizioni sociali, agisce come un mezzo usato per governare il comportamento degli attori.

53Un mezzo, peraltro, particolarmente importante perché offre un tipo di considerazione che, come le forme moderne del denaro, circola anche in assenza della fiducia maturata in relazioni personali. Chi si impegna in una grande organizzazione per salire nella gerarchia interna, ha come incentivo non solo e non tanto la considerazione che in questo modo otterrà dagli individui che lo conoscono personalmente ma quella di un arco molto più vasto di persone: che in futuro gli riconosceranno considerazione, anche senza conoscerlo, in funzione della posizione raggiunta dentro la organizzazione. Se guardiamo alla nostra società, vediamo che è in primo luogo la posizione conquistata nelle organizzazioni formali a certificare e garantire il «valore sociale» riconosciuto ad una persona. La carriera dentro una università, una banca, una impresa è importante per l’individuo appunto perché fornisce una considerazione che circola nel sistema sociale, venendo accettata in modo generalizzato. L’attore dà il suo impegno in cambio di una ricompensa in considerazione che egli spenderà (e/o investirà) presso persone che magari oggi non conosce ma che gli riconosceranno stima e prestigio in virtù di questo tipo di posizione sociale ottenuta.

54Le cariche di vertice di una grande organizzazione hanno un potere incentivante particolare, in genere superiore a quello legato alla leadership di un piccolo gruppo informale: non perché sia maggiore la misura di considerazione ottenibile (il leader carismatico di un piccolo movimento può fruire di una considerazione estremamente elevata presso i suoi seguaci) ma perché più alto è il numero dei soggetti disposti ad accettarla nella società. La creazione di organizzazioni formali, in modo analogo a come accade nel sistema economico con la emissione di banconote, mette così a disposizione del sistema sociale un mezzo di pagamento particolarmente importante proprio perché in grado di circolare.

55Non a caso, a ulteriore conferma della tesi, possiamo notare come anche in questo campo risulti applicabile il modello della inflazione/deflazione.

56Si consideri ad esempio l’organizzazione della ricerca scientifica nelle università: la creazione di nuove università o la espansione di quelle esistenti, mettendo a disposizione nuove cattedre per la carriera dei docenti, può incentivare la produzione scientifica di chi lavora in questo settore e in questo modo avere un effetto positivo sul funzionamento del sistema. Questo effetto positivo si ha però solo se alla proliferazione dei titoli corrisponde un incremento effettivo delle qualità sociali (in questo caso le competenze e i valori sociali richiesti al professore universitario) che quei titoli certificano; se non è così, se all’aumento delle cattedre non corrisponde quello dei valori sociali, l’effetto è di tipo inflazionistico: si riduce la fiducia della gente nella accettabilità dei titoli. Cade da un lato la fiducia del pubblico nella capacità di questi titoli di garantire l’effettivo possesso delle qualità sociali, dall’altro e parallelamente il loro potere incentivante per chi li detiene. Poiché cade il valore reale della considerazione che la gente riconosce alla posizione di professore universitario, diminuisce la sua capacità di incentivazione. In questo caso l’inflazione, togliendo valore sociale ai titoli circolanti, ha un risultato finale negativo per il funzionamento del sistema.

57D’altra parte, è necessario evitare anche il rischio opposto, quello della deflazione: se il sistema non mette in circolazione titoli sufficienti, rischia di non avere «moneta» in misura congrua ad incentivare la erogazione delle qualità sociali che pure sarebbero disponibili. Se il sistema universitario non si sviluppa, se non mette in circolazione titoli adeguati a compensare le qualità sociali esistenti per la ricerca scientifica, non vi sono mezzi di pagamento sufficienti ad incentivare il livello di produzione sociale che pure sarebbe possibile. In questo caso il sistema sottoutilizza le proprie risorse, producendo meno di quanto sarebbe in grado di fare.

6. Conclusioni

58La tesi presentata in questo articolo – la organizzazione come denaro – ha alcune assonanze con il lavoro di Williamson (1987; ma cfr. anche Simon 1958; Arrow 1974). In effetti al cuore della argomentazione di Williamson è la nozione di «gerarchia» come strumento di governo delle relazioni sociali alternativo al mercato. Nella concezione di Williamson, dentro la «gerarchia» la relazione di lavoro è sottoposta ad una particolare modalità di regolazione sociale, che riduce i costi di transazione inerenti al meccanismo economico.

  • 9 Quantomeno, Williamson non distingue tra potere e influenza (una distinzione la cui necessità si in (...)

59Nonostante l’assonanza, le due prospettive sono però diverse. Non solo perché Williamson mette a confronto gerarchia e mercato, mentre qui l’organizzazione è paragonata non al mercato ma al denaro. È diversa soprattutto perché la gerarchia cui guarda Williamson è composta da gradini di potere più che di considerazione: è principalmente nel potere9 che Williamson individua quella modalità regolativa delle relazioni sociali alternativa al mercato, che serve a garantire che certe prestazioni e certi comportamenti vengano erogati comunque, indipendentemente dai vantaggi economici ad essi direttamente collegati.

60L’idea della organizzazione come denaro si basa invece sulla individuazione di una forma di relazione sociale e di uno strumento regolativo differenti non solo dallo scambio economico ma anche dal rapporto di potere: la proposta teorica ha al centro il concetto di scambio sociale e quello di considerazione come medium.

61Il riferimento a Williamson serve però a ricordare come le organizzazioni siano sistemi di interazione sociale cui in genere è connessa anche la dimensione del potere (così come del resto quella dello scambio economico). Studiare le organizzazioni esclusivamente dal punto di vista dello scambio sociale significa allora cogliere solo un aspetto particolare di questo fenomeno complesso; un aspetto che va considerato assieme ad altri.

  • 10 In realtà Weber formulando le caratteristiche tipiche della organizzazione burocratica mette insiem (...)

62In effetti, se guardiamo alla impresa nel capitalismo industriale troviamo spesso un tipo di organizzazione la cui gerarchia interna riflette una diversa distribuzione non tanto della considerazione quanto delle opportunità economiche: che dà ad alcuni la possibilità di comandare e ad altri l’obbligo di ubbidire; il rapporto tra operaio e datore di lavoro nell’impresa capitalistica segue la logica dello scambio economico più che quella dello scambio sociale. Mentre se guardiamo alla burocrazia possiamo trovare una gerarchia legata in primo luogo a relazioni di potere: ad una scala di posizioni sociali fondata non sullo scambio (un tipo di relazione dalla quale entrambi i partner traggono un vantaggio diretto, sia esso economico o sociale) ma su «un dovere di obbedienza che viene preteso prescindendo da ogni motivo o interesse» della parte cui l’obbedienza è richiesta (Weber 1968, p. 247)10.

63L’impresa e la burocrazia appaiono cioè modelli di organizzazione fondati sulla prevalenza come modalità di regolazione sociale interna rispettivamente dello scambio economico e della relazione di potere. Possiamo chiederci se esista un terzo modello, il cui funzionamento segua invece più da vicino la logica dello scambio sociale. Probabilmente questo modello va cercato nelle associazioni: un tipo di organizzazione che spesso nasce per realizzare idee e valori condivisi dai membri (che dunque, nell’ottica della proposta qui presentata, produce principalmente valore sociale) e al cui interno particolarmente rilevante per incentivare l’impegno dei membri è il ruolo delle ricompense non economiche (la approvazione sociale, la stima e il rispetto dei compagni).

64Più di altre, sono forse le associazioni a rappresentare forme evolute di denaro sociale nella società moderna.

Torna su

Bibliografia

Arrow K. J. (1974), The Limits of Organization, New York, Norton.

Barnard C. J. (1938), Le funzioni del dirigente. Organizzazione e direzione, Torino, Utet, 1970.

Blau P. M. (1955), The Dynamics of Bureacracy, Chicago, University of Chicago Press, 1963.

Id. (1964), Exchange and Power in Social Life, New Brunswick, N. J., Transaction, 1989.

Butler R. (1985), L’efficienza organizzativa nei mercati, nelle gerarchie e nei collettivi, pp. 317-346 in Organizzazione e mercato, a cura di R. C. D. Nacamulli e A. Rugiadini, Bologna, il Mulino.

Chadwick-Jones J. K. (1976), Social Exchange Theory: Its Structure and Influence in Social Psychology, London, Academic Press.

Coleman J. S. (1990), Foundations of Social Theory, Cambridge, Harvard University Press.

Collins R. (1987), Interaction Ritual Chains, Power and Property, pp. 193-206 in The Micro-Macro Link, a cura di Jeffrey C. Alexander, Bernard Giesen, Richard Münch e Neil J. Smelser, Berkeley-CA, University of California Press.

Id. (1993), Emotional Energy as the Common Denominator of Rational Choice, «Rationality and Society» 5:203-230.

Id. (1996), Can Rational Action Theory Unify Future Social Science?, pp. 329-342 in James S. Coleman, a cura di Jon Clark, London, Farmer.

Cook K. S. (a cura di) (1987), Social Exchange Theory, Newbury Park CA, Sage.

Cook K. S., Molm L. D. e Yamagishi T. (1993), Exchange Relations and Exchange Networks: Recent Developments in Social Exchange Theory, pp. 296-322 in Theoretical Research Programs. Studies in the Growth of Theory, a cura di Joseph Berger e Morris Zelditch, Jr. Stanford, Stanford University Press.

Ekeh P. P. (1974), Social Exchange Theory. The Two Traditions. Cambridge, Harvard University Press.

Emerson R. M. (1962), Power-Dependence Relations, «American Sociological Review» 27:31-41.

Gallino L. (1978), Dizionario di sociologia. Torino, Utet, 1988.

Giddens A. (1990), Le conseguenze della modernità. Fiducia e rischio, sicurezza e pericolo. Bologna, Il Mulino, 1994.

Heat A. (1968), Economic Theory and Sociology: a Critique of P. M. Blau’s Exchange and Power in Social Life, «Sociology» 2:273-292.

Id. (1976), Rational Choice and Social Exchange, Cambridge, Cambridge University Press.

Hollander E. P. (1964), Leaders, Groups and Influence, New York, Oxford University Press.

Id. (1978), Leadership Dynamics, New York, The Free Press.

Homans G. C. (1950), The Human Group, New York, Harcourt, Brace and World.

Id. (1958), Social Behavior as Exchange, «American Journal of Sociology» 63:597-606.

Id. (1961), Le forme elementari del comportamento sociale, Milano, Angeli, 1975.

La Valle D. (1992a), Denaro, prestigio e regolazione sociale. Mercato senza capitalismo, Bologna, il Mulino.

Id. (1992b), L’influenza come strumento di regolazione delle associazioni, «Stato e mercato», n. 36:429-456.

Id. (1994), Social Exchange and Social System. A Parsonian Approach, «Sociological Perspectives» 37: 585-610.

Id. (1995a), Keynes e Parsons. Economia e sociologia come sistemi sociali, «Stato e mercato» n. 45:381-408.

Id. (1995b), La considerazione come strumento di regolazione sociale. Un modello econometrico del sistema di relazioni industriali italiano 1960-1994, Trento, Università degli studi di Trento.

Id. (1996), Scambio e utilitarismo. Ordine e disordine nei sistemi sociali, «Quaderni di sociologia», n. 12:51-68.

Luhmann N. (1989), Familiarità, confidare e fiducia: problemi e alternative, pp. 123-140 in Le strategie della fiducia. Indagini sulla razionalità della cooperazione, a cura di Diego Gambetta, Torino, Einaudi.

Mutti A. (1994), Fiducia, pp. 79-87 in Enciclopedia delle scienze sociali. Roma, Istituto della Enciclopedia italiana.

Ouchi W. G. (1980), Markets, Bureaucracies, and Clans, «Administrative Science Quarterly» 25:120-142.

Parsons T. (1947), Introduction, pp. 3-86 in Max Weber, The Theory of Social and Economic Organization. New York, The Free Press.

Id. (1951), The Social System, Glencoe, IL, The Free Press, 19764.

Id. (1964b), Structure and Process in Modern Society, Glencoe, IL, The Free Press.

Id. (1969), Politics and Social Structure, New York, The Free Press.

Powell W.W., Di Maggio P. J. (a cura di) (1991), The New Institutionalism in Organizational Analysis, Chicago, The University of Chicago Press.

Roniger L. (1992), La fiducia nelle società moderne. Un approccio comparativo, Messina, Rubbettino.

Shapiro S. P. (1987), The Social Control of Impersonal Trust, «American Journal of Sociology» 93:623-658.

Simmel G. (1900), Filosofia del denaro, Torino, Utet, 1984.

Simon H. A. (1957), Models of Man: Social and Rational, New York, Wiley.

Id. (1947), Il comportamento amministrativo, Bologna, il Mulino, 1958.

Thibaut J., Kelley H. H. (1959), The Social Psychology of Group, New York, Wiley.

Tönnies, Ferdinand (1887), Comunità e società, Milano, Comunità.

Turner J. H. (1993), A «Pure Theory» Research Program on Microdynamics, pp. 105-135 in Theoretical Research Programs. Studies in the Growth of Theory, a cura di Joseph Berger e Morris Zelditch, Jr. Stanford, Stanford University Press.

Wallace R. A., Wolf A. (1980), La teoria sociologica contemporanea, Bologna, il Mulino, 1985.

Weber M. (1922), Economia e società. Vol. 2. Milano, Comunità, 1968.

Williamson, Oliver E. (1986), Le istituzioni economiche del capitalismo. Imprese, mercati, rapporti contrattuali, Milano, Angeli, 1987.

Zucker L. G. (1986), Production of Trust, Institutional Sources of Economic Structure, 1840-1920 , «Research in Organizational Behavior» 8:53-111.

Id. (1991), The Role of Institutionalization in Cultural Persistence, pp. 83-107 in The New Institutionalism in Organizational Analysis, a cura di Walter W. Powell e Paul J. Di Maggio, Chicago, The University of Chicago Press.

Torna su

Note

1 Per «organizzazione» intendo qui «la struttura delle principali relazioni formalmente previste e codificate» (Gallino 1988, 476) in un sistema di interazione sociale; usando una accezione restrittiva che è sinonimo di organizzazione formale. Come nota Gallino, questo è solo uno dei possibili significati attribuiti al termine. Non utilizzo qui la distinzione tra associazione, come gruppo fondato su fini condivisi dai membri, e organizzazione, come gruppo la partecipazione al quale è invece di carattere strumentale, distinzione peraltro anch’essa di uso corrente in sociologia.

2 Il modello ha elementi di contatto anche con l’analisi di Mead; significative a questo proposito le osservazioni di Turner (1993).

3 Nella letteratura è stato però fatto notare a Blau come gli obblighi inerenti al riconoscimento di status possano essere, e spesso siano, ben determinati e quindi valutabili in anticipo dalle parti (Wallace e Wolf 1985, p. 254; altre osservazioni critiche alle differenze che Blau pone tra scambio economico e scambio sociale sono in Heat 1968; 1976; Chadwick-Jones 1976, p. 295).

4 Il problema dello scambio sociale allargato è stato comunque toccato da Ekeh (1974; ma cfr. soprattutto Coleman 1990, cap. 6), in una ottica diversa da quella qui proposta.

5 Il tema è trattato anche all’interno della letteratura sulla fiducia (su varie forme di fiducia institutionally based cfr. in particolare Zucker 1986; anche Shapiro 1987; Roniger 1992; Giddens 1994; Mutti 1994; uno degli aspetti più studiati fa riferimento al sistema delle professioni: poiché qui la letteratura è davvero molto vasta, rimando ai riferimenti bibliografici riportati in La Valle 1992, p. 198). Una parentela, sia pure non stretta, con la tesi di questo articolo ha il lavoro di Powell e Di Maggio (1991): che mostra come le strutture organizzative servano spesso a fini di natura «cerimoniale», a convincere cioè altri attori della legittimità, affidabilità, razionalità della organizzazione.

6 Nella Cgil la differenziazione economica tra le diverse posizioni sociali interne non è molto rilevante (mentre è molto rilevante la differenza in termini di considerazione e influenza). In genere poi il segretario generale della Cgil è una persona che per capacità e conoscenze potrebbe guadagnare di più lasciando il sindacato per altri tipi di impiego: la sua scelta e il suo impegno non sono cioè orientati in primo luogo da un calcolo di convenienza economica.

7 L’analisi può essere tradotta in termini di scelta razionale. Abbiamo visto nel terzo capitolo come la fiducia sia interpretabile nell’ottica dello scambio: è nella misura in cui ego ha ricevuto da alter valore sociale in misura superiore a quanto adesso gli viene richiesto, che diviene per lui razionale accettare la influenza (ovvero fidarsi di alter). Il ruolo della organizzazione è rendere più facile questo scambio, spostando il bilancio di ego dalla relazione con un attore particolare a quella con un sistema sociale. Perché la fiducia sia il risultato di un calcolo razionale, non è più necessario che il bilancio sia positivo nella relazione con quel particolare individuo; è sufficiente che nella relazione con l’insieme della organizzazione ego abbia ricevuto valore sociale in misura per lui superiore a quanto ora gli viene richiesto.

8 In un testo classico della letteratura sulle organizzazioni, Barnard (1970, p. 134) è arrivato a dire che «le opportunità di distinzione, di prestigio, di potere personale, e il raggiungimento di posizioni di dominio sono molto più importanti che le ricompense materiali nello sviluppo di tutti i tipi di organizzazioni, incluse le organizzazioni d’affari … Anche in organizzazioni strettamente economiche, in cui si suppone sia meno vero, il denaro senza distinzione, prestigio, posizione, è così chiaramente inefficace che è raro si possa anche temporaneamente usare come stimolo un maggior guadagno se accompagnato da una perdita di prestigio. Almeno per brevi periodi vengono spesso accettate ricompense materiali inferiori qualora sia assicurata la possibilità di distinguersi; e di solito si presume che le ricompense materiali debbano seguire a, o derivare da, o anche che sono rese necessarie dal conseguimento di distinzione e prestigio. Un’esperienza illimitata mostra che … il valore reale di differenze nelle ricompense monetarie è nel riconoscimento o nella distinzione che si presume esse conferiscano …».

9 Quantomeno, Williamson non distingue tra potere e influenza (una distinzione la cui necessità si intravede invece nel lavoro di Ouchi 1980 e Butler 1985). Simon invece usa ampiamente la nozione di influenza: in una accezione però diversa, e più generale, da quella qui proposta; la autorità, anche in quella forma che è basata sul potere, per Simon essendo uno strumento della influenza. In questo articolo invece, seguendo l’uso parsoniano, potere e influenza rappresentano due diversi strumenti di regolazione sociale. Il potere, anche laddove sia legittimato, è basato sulla minaccia di una «sanzione situazionale negativa» in caso di inadempienza. Il caso della influenza individua invece una relazione di carattere volontaristico basata sullo scambio: nella quale la accettazione degli orientamenti di ego è legata ai vantaggi diretti che anche alter ottiene dalla relazione.

10 In realtà Weber formulando le caratteristiche tipiche della organizzazione burocratica mette insieme due tipi che qui invece vengono distinti; per questo è criticato da Parsons (1964c, pp. 58-60).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Davide La Valle, « L’organizzazione come denaro. Lo scambio sociale nelle associazioni »Quaderni di Sociologia, 18 | 1998, 130-146.

Notizia bibliografica digitale

Davide La Valle, « L’organizzazione come denaro. Lo scambio sociale nelle associazioni »Quaderni di Sociologia [Online], 18 | 1998, online dal 30 novembre 2015, consultato il 27 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1483; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1483

Torna su

Autore

Davide La Valle

Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale - Università di Trento

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search