Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri14la società italiana / Nelle città...Presentazione

la società italiana / Nelle città del Sud qualcosa di nuovo?

Presentazione

Sergio Scamuzzi
p. 3-4

Testo integrale

1Sono vicine alla loro prima scadenza elettorale le nuove amministrazioni locali, insediatesi in importanti città del Sud come Bari, Napoli, Catania con la prima applicazione della nuova legge elettorale. Si tratta della prima riforma istituzionale realizzata e molte speranze, o timori, relativi agli effetti attesi da un sistema elettorale maggioritario giungono così ad un controllo effettivo. La principale attesa verte sulla governabilità, considerata in termini di stabilità e durata degli esecutivi locali e di realizzazioni di conseguenza possibili da parte di questi esecutivi, e sulla possibilità di un’alternanza netta tra schieramenti di destra e di sinistra al governo locale. Altre attese vertono sulla riduzione del ruolo dei partiti a vantaggio del ruolo del sindaco, investito personalmente, quasi carismaticamente, dal meccanismo elettivo e dalla responsabilità di nomina dei collaboratori nelle giunte. Collegate a queste sono altre attese, come quella di ritorno alla legalità di amministrazioni inficiate dalla corruzione e dal clientelismo, grazie anche alla collegata innovazione amministrativa che ha responsabilizzato i dirigenti nei confronti del personale di nomina politica.

2Mentre volge al termine il loro primo mandato, sorge il quesito se queste nuove amministrazioni si siano caratterizzate in modo innovativo anche nella loro azione e abbiano così soddisfatto le attese riposte dai riformatori. La sfida è particolarmente severa nelle aree metropolitane del Sud Italia che certamente presentano problemi sconosciuti o più difficili di quelle del Nord e del Centro ed ereditano condizioni politiche e amministrative tutte particolari. La sola leva istituzionale e amministrativa può sembrare perciò stesso inadeguata, la sfida persa in partenza e l’ipotesi di effetti innovativi attesi dalla riforma istituzionale e amministrativa destinata a essere smentita.

3Invece non è stato così o quantomeno la realtà è assai più complicata di quella descritta finora e questa sua complicazione ha offerto risorse, o ne ha sollecitato la invenzione, agli attori sociali che hanno cercato strade innovative.

4Infatti se allarghiamo, sociologicamente, lo sguardo non possiamo non notare che queste amministrazioni hanno operato in un contesto economico, sociale e culturale diverso dal passato. Una nuova imprenditorialità si è fatta strada in alcune aree del Sud; ovunque si è verificata una riduzione dell’assistenzialismo pubblico che ha messo in crisi le forme consolidate del clientelismo e i vecchi partiti; molte economie locali e urbane hanno dovuto cercare una riconversione o sono cadute in un più forte degrado; nuovi movimenti antimafia e per la legalità si sono affermati con forme di mobilitazione soggette a cicli ma nel complesso non effimere, si sono diffusi a tutta la popolazione, strati popolari ed élites dirigenti pubbliche e private, e articolati in associazioni, manifestazioni e riti di massa, climi di opinione pubblica che hanno rotto con effetti tangibili un clima passato di accettazione della illegalità diffusa e hanno sostenuto l’azione della magistratura, oltre ad essere alimentati dall’effetto dimostrativo di alcuni suoi successi; gli stessi mutamenti del voto denunciano le forti attese suscitate nell’opinione pubblica dal cambiamento istituzionale, pur scontando una tradizione opportunistica progovernativa di una parte consistente dell’elettorato.

5Vari sociologi e storici – Bevilacqua, Bottazzi, Catanzaro, Constabile, Fantozzi, Lupo, Mutti, Pugliese, Sciarrone, Sgroi, Trigilia per citare solo alcuni degli autori dei più recenti contributi – e riviste – tra cui «Meridiana» e gli stessi «Quaderni di Sociologia» – non hanno mancato di cogliere tempestivamente queste novità. Ma molto resta ancora da analizzare e riportare in una forma teoricamente mediata e lontana dalle retoriche di schieramento, pur pressanti quando la materia è così calda e viva.

 

6I saggi presentati in questo fascicolo dei «Quaderni di Sociologia» offrono un bilancio di successi, difficoltà e limiti di queste amministrazioni locali, di sinistra e di destra, inserendo la loro azione nel contesto sociale di problemi e innovazioni delle realtà del sud Italia in cui esse hanno operato: Napoli, Bari, Catania. Sarebbe augurabile in un prossimo futuro che altre ricerche completassero il quadro con importanti città, come Palermo o Taranto, e altre minori ma non meno interessanti per motivi diversi (Melfi, tra tutte). Ma già questo primo approfondimento parziale getta luce su quanto c’è di nuovo al sud e si dimostra significativo sia per conoscere meglio il Sud sia per trattare con modelli non troppo semplificati tematiche generali delicate come le riforme istituzionali e amministrative.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Sergio Scamuzzi, « Presentazione »Quaderni di Sociologia, 14 | 1997, 3-4.

Notizia bibliografica digitale

Sergio Scamuzzi, « Presentazione »Quaderni di Sociologia [Online], 14 | 1997, online dal 30 novembre 2015, consultato il 27 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1506; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1506

Torna su

Autore

Sergio Scamuzzi

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search