Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri14la società italiana / Nelle città...Travagli urbani a Bari. Trasforma...

la società italiana / Nelle città del Sud qualcosa di nuovo?

Travagli urbani a Bari. Trasformazioni sociali e governo locale in una città del Mezzogiorno

Franco Chiarello
p. 21-41

Testo integrale

1. Premessa

  • 1 Fino a qualche mese fa Bari era anche, insieme con Verona, l’unica delle dodici grandi città italia (...)

1Dal punto di vista politico-amministrativo, Bari presenta almeno due caratteristiche peculiari rispetto alle altre realtà metropolitane del Mezzogiorno: è l’unica delle quattro grandi città meridionali i cui elettori hanno affidato il governo locale ad un’amministrazione di centro-destra1, per di più eleggendo il loro sindaco al primo turno con il 56 per cento dei voti. In teoria, la giunta comunale avrebbe dovuto essere quindi molto solida e ben al riparo dalle eventuali imboscate di un’opposizione peraltro non molto radicata nel tessuto sociale cittadino. Invece, da quando si è insediata a Palazzo di Città, questa amministrazione appare perennemente sull’orlo di una crisi di nervi, minata dai continui contrasti tra il sindaco e la maggioranza che dovrebbe sostenerlo. Quest’ultima, infatti, non ha mai accettato di buon grado la nomina di assessori non concordata con i partiti della coalizione. Inoltre, su alcune grosse operazioni (edificazione di un centro direzionale, costruzione di un inceneritore nel cuore di un quartiere cittadino, ristrutturazione del sistema ferroviario urbano...) si sono create violente contrapposizioni sia tra sindaco e maggioranza, sia tra i partiti che compongono quest’ultima.

  • 2 A questa seguirà più tardi quella che ha portato il sindaco di Trieste, R. Illy, a dimettersi per e (...)
  • 3 Al momento in cui queste note vengono licenziate, l’amministrazione comunale esce da un ulteriore p (...)

2All’inizio del 1997, questo stato di fibrillazione si è trasformato in conflitto aperto ed ha portato alle dimissioni del primo cittadino. Si tratta della prima crisi avvenuta in un comune metropolitano dopo la nuova legge sull’elezione diretta del sindaco2. L’aspro scontro è stato alla fine ricomposto, sebbene non nella sede in cui si era creato e tra coloro che ne erano i diretti protagonisti, bensì, secondo le più collaudate tradizioni della Prima Repubblica, a Roma. Così, le dimissioni sono rientrate in tempo utile per evitare il commissariamento del comune e l’indizione di nuove elezioni grazie ai buoni uffici dei vertici nazionali del Polo delle Libertà, giustamente preoccupati di apparire come una forza incapace di assicurare un governo stabile ad una delle poche città amministrate dalla coalizione di centro-destra. Tuttavia, se i motivi del conflitto tra il sindaco e la sua maggioranza erano chiari, non altrettanto lo sono i termini in base ai quali esso si è ricomposto né si può dire se e quanto il nuovo accordo è destinato a durare3.

3Oltre che per la sua oggettiva rilevanza nel panorama politico nazionale, questa premessa su alcuni contingenti episodi che riguardano l’amministrazione cittadina è doverosa perché costituisce un indizio dello stato di profondo disagio che attraversa la città e le sue istituzioni politiche e ci aiuta a capire le considerazioni che saranno sviluppate nel seguito di queste pagine.

2. Uno sguardo retrospettivo

4Ad osservare i dati del Censimento del 1991, Bari sembra in parte sottrarsi all’immagine di degrado offerto dalle altre grandi città del Mezzogiorno, dalle quali si distingue per la presenza di squilibri sociali meno appariscenti e per il suo maggiore dinamismo economico.

5Innanzi tutto, sotto il profilo della concentrazione residenziale, nella città vive una quota consistente, ma declinante della popolazione dell’area metropolitana (circa due terzi nel 1991 contro i quasi tre quarti di venti anni prima) e in quest’ultima continua a risiedere la stessa quota di popolazione di venti anni fa, cioè appena un terzo della popolazione della provincia, nonostante che questa sia notevolmente cresciuta nel ventennio 1971-91 (+13,2 per cento). Per rendersi maggiormente conto che sotto il profilo demografico Bari non è una città molto congestionata, basta considerare che, se la quota di residenti rispetto all’area metropolitana non è nel comune particolarmente bassa (lo è di più a Napoli e Catania, ma non a Palermo, Bologna e Torino), lo è invece nettamente la quota di residenti nell’area metropolitana rispetto alla provincia, che è la più bassa tra tutte le conurbazioni che circondano le grandi città italiane. I processi di suburbanizzazione ad ampio raggio, che s’irradiano anche verso i comuni esterni all’area metropolitana di Bari, indicano che nel territorio barese si sono verificate definite interazioni tra processi di dislocazione della popolazione e assetti spazialmente distribuiti delle attività economiche, che hanno alleggerito la città da intensi fenomeni di congestione residenziale. Lo dimostra anche il fatto che Bari ha una densità abitativa di appena tre abitanti per kmq, una delle più basse tra le grandi città italiane, al cui vertice si collocano Napoli, che ha una densità abitativa tre volte superiore, e Milano e Torino, in cui tale densità è più del doppio di quella barese.

6Insomma, il capoluogo pugliese non ha problemi di sovrappopolazione né come territorio comunale, né come area metropolitana. E tuttavia presenta il paradosso di essere una città altamente congestionata sia per quanto riguarda l’ambiente costruito (con corrispondente assenza di spazi verdi), sia per quanto riguarda il traffico urbano e l’inquinamento atmosferico.

7La congestione urbana è addebitabile soprattutto ad una attività edificatoria, che è proseguita a ritmi elevati anche negli anni Ottanta, nonostante la riduzione della domanda di abitazioni e della popolazione residente. Le nuove costruzioni sono destinate in parte ad un uso residenziale, soprattutto nelle tipologie abitative medio-alte che sfruttano aree pregiate del territorio cittadino e che si configurano in larga misura come beni posizionali. Per il resto, la costruzione di nuovi edifici è destinata alle attività economiche indotte nel tessuto urbano dai processi di terziarizzazione, che continuano a concentrarsi prevalentemente nel centro di Bari e che attraggono quotidianamente un numero elevato di individui provenienti da altre zone della città e da altri comuni.

8In secondo luogo, il relativo dinamismo di Bari trova conferma nella quota di occupati nell’industria manifatturiera: essa è la più elevata tra i grandi centri meridionali, mentre – almeno fino alla fine degli anni Ottanta – la sua vocazione edilizia è testimoniata da una maggior presenza di addetti al settore delle costruzioni rispetto alle città del centro-nord. D’altra parte, a Bari anche i servizi alla produzione attraggono un’occupazione superiore a quella che si registra nelle altre città meridionali, sebbene la vocazione terziaria del capoluogo pugliese non sembra essere alimentata – se non in misura assai contenuta – da una domanda di servizi specialistici espressa dalle imprese industriali e commerciali o generata dai flussi turistici. Tutto ciò si traduce anche nella presenza di una quantità di laureati superiore a quella esistente negli altri grandi centri urbani del Sud e di un tasso di disoccupazione ufficiale che, pur restando elevato in confronto a quello delle città del centro-nord, è tuttavia largamente inferiore rispetto a quelli di Napoli, di Palermo e di Catania. Anche le donne presenti ufficialmente sul mercato del lavoro sono a Bari più numerose che nelle altre città del Mezzogiorno, sebbene esse abbiano poi notevoli difficoltà a trovare un’occupazione.

9Per quanto riguarda il mercato del lavoro, in particolare quello dei giovani e delle donne, tra le grandi città italiane Bari si situa dunque (insieme con Genova, Torino e Roma) in una posizione intermedia tra situazioni urbane con forti sintomi di disagio (Napoli, Palermo e Catania) e situazioni dove questo non appare particolarmente evidente (Milano, Bologna, Firenze, Verona). In definitiva – come ha recentemente osservato Ada Becchi – «tra le città del Mezzogiorno Napoli si conferma come quella per cui gli indicatori di disagio raggiungono i livelli più elevati, mentre Bari si situa nella posizione opposta, con valori degli indicatori che spesso si avvicinano a quelli registrati per le città centrosettentrionali» (Becchi, 1996, p. 895).

10Per converso, Bari si riavvicina alle altre città meridionali dal punto di vista dell’articolazione delle disuguaglianze interne allo spazio urbano. In particolare, le periferie più degradate e il centro storico sono le aree nelle quali si ritrovano segregate le famiglie delle classi più svantaggiate, così da confermare una corrispondenza tra gerarchie spaziali e gerarchie sociali, che solo in pochi casi risulta alterata dall’insediamento nei quartieri centrali di popolazione ad alto reddito. Alla formazione di queste disuguaglianze sociali e territoriali sembrano aver contribuito certamente circostanze esterne di varia natura e le stesse politiche nazionali, ma esse sono soprattutto il risultato di precise strategie messe in atto dalle classi dirigenti a livello locale.

11A sei anni di distanza, l’immagine relativamente prospera di Bari disegnata dai dati dell’ultimo censimento appare seriamente compromessa. Anche se non ci sono dati aggiornati di fonte ufficiale, non è difficile rendersi conto che oggi nella città i sintomi del declino prevalgono nettamente su quelli dello sviluppo. In questo periodo Bari sembra aver bruciato gran parte delle sue ambizioni di ritagliarsi un ruolo di preminenza nella geografia delle grandi città del Mezzogiorno e delle sue velleità di aprirsi alle sfide della globalizzazione, inserendosi, seppure in posizione decentrata, nella rete del sistema urbano transnazionale.

12I segni del declino della città sono visibili dappertutto: nella congestione delle aree centrali e nel degrado delle periferie, nella crisi di settori trainanti dell’economia locale e nell’inefficienza dei servizi pubblici, e si avvertono palpabilmente nel clima di tensione e di sfiducia che circola nei rapporti sociali quotidiani. Non è un caso che tale declino sia nettamente evidenziato da tutti i sondaggi condotti da istituti specializzati, i quali – pur nella differenza nelle metodologie adottate – concordano nel collocare sistematicamente Bari agli ultimi posti delle classifiche nazionali quanto ad efficienza dei servizi e a condizioni di vivibilità.

13Peraltro, come cercheremo di mostrare, non vi sono segnali convincenti per ritenere che finora la decadenza di Bari sia stata efficacemente contrastata dall’attuale amministrazione comunale, la quale di questa condizione della città sembra essere la proiezione fedele piuttosto che rappresentare la sponda istituzionale di un percorso di rinascita.

14Per cercare di ricostruire sommariamente i processi che hanno provocato questa decadenza, è necessario partire proprio dagli anni rispetto ai quali i dati testimoniano un certo ‘successo’ della città. La tesi che intendiamo sostenere è che la crescita degli anni Ottanta segnalata dalle statistiche ufficiali poggiava su basi molto fragili, in quanto i risultati che essa ha conseguito nel breve periodo sono stati possibili non solo in virtù di una sistematica manipolazione delle regole basilari del mercato, ma anche a prezzo dell’erosione delle risorse extramercantili, in particolare di quelle attinenti alla qualità urbana, che avrebbero potuto assicurare alla città uno sviluppo durevole.

3. Declinar crescendo

15Ai dati statistici non si possono chiedere più informazioni di quante possono ragionevolmente darne: essi sono in grado di rivelare alcuni importanti aspetti di una realtà, mentre altri sfuggono alla quantificazione senza per questo essere meno concreti e decifrabili. Rispetto al periodo al quale si riferiscono – gli anni Ottanta – le statistiche ufficiali non colgono, se non in maniera molto parziale, i sintomi di un degrado più profondo della città che paradossalmente ne accompagnavano la crescita. Più precisamente, quei dati costituiscono l’ultimo riverbero di una fase di ascesa dietro alla quale si nascondeva un declino strisciante. Per molti aspetti Bari offriva in quegli anni segnali di crescita reale, ma, a ben guardare, questa rivelava una consistenza la cui fragilità era direttamente proporzionale ai fasti con cui veniva celebrata dai suoi operatori economici, dai suoi mentori politici e accreditata presso l’opinione pubblica dai mezzi di comunicazione di massa.

16In effetti, in questi anni il tratto inconfondibile dello sviluppo della città risiede nel fatto che esso si realizza nel segno di una dimensione dell’utilità la cui unica misura è quella dell’interesse individuale immediato. Il dinamismo della città rivela in tal modo una cultura della modernità per molti aspetti ‘deviata’, sia perché l’inserimento di ogni sfera di attività in una logica di scambio economico tende ad erodere sistematicamente le risorse ‘di contesto’ – culturali, sociali e urbane – atte a garantire vantaggi individuali e collettivi di lungo periodo, sia perché il suo successo si fonda sempre meno sulla capacità di competere sul mercato e in misura crescente su attività economiche dipendenti da opportunità politiche (piani urbanistici, appalti, convenzioni, ecc.), il cui sviluppo distorto tende a colpire quella ‘prevedibilità’ che Weber considerava una condizione essenziale del calcolo economico.

17Com’è noto, Weber distingueva tra ‘acquisitività di mercato’ e ‘acquisitività politicamente orientata’, collegando la prima alle capacità dei soggetti di migliorare la propria condizione sfruttando le opportunità esistenti nell’arena economica, mentre nella seconda prevale lo sfruttamento dei rapporti con il potere politico. In entrambe i casi vengono messe in campo risorse significative, ma con esiti opposti dal punto di vista economico e sociale. Infatti, quando si integrano con comportamenti acquisitivi di mercato, queste risorse tendono a favorire lo sviluppo e a preservare le condizioni della sua riproduzione nel tempo, mentre quando s’intrecciano con comportamenti acquisitivi politicamente orientati tendono a scoraggiarlo. Ciò avviene in quanto nelle istituzioni politiche vengono introdotte dosi eccessive di particolarismo, che abbassano l’efficienza complessiva dell’intervento pubblico e la sua capacità di offerta di servizi collettivi e in quanto, per altro verso, vengono ristretti gli spazi di formazione dell’imprenditorialità economica e di comportamenti razionali di mercato, i quali risultano penalizzati anche dalla concorrenza che subiscono dalle attività politicamente protette.

18In questa situazione, i fenomeni di corruzione politica e di inquinamento criminale hanno trovato terreno fertile anche a Bari e l’hanno resa, anche sotto questo profilo, assai simile alle altre città meridionali, nelle quali l’intreccio mafia-politica-affari si era consolidato da più tempo.

19Questo aspetto della crescita recente di Bari, che peraltro riecheggia una più generale tendenza autodistruttiva del capitalismo – magistralmente diagnosticata due decenni orsono da F. Hirsch sulla scia di altri importanti pensatori (da Marx a Schumpeter, a Horkheimer) – è stato lucidamente rilevato da F. Cassano quando osserva che «la stessa utilità mercantile, per poter durare e rafforzarsi, ha bisogno di una sfera di relazioni extramercantili, del mantenimento in efficienza delle condizioni sociali che permettono un ordinato svolgersi del traffico stesso. In altri termini, l’utile quando viene misurato unicamente sulla sola scala dell’interesse individuale e di breve periodo, non produce dinamismo ma solo la commercializzazione e la mercificazione di tutti gli ambiti di vita, anche di quelli la cui permanenza fuori dello scambio è una condizione di vita del traffico stesso» (Cassano, 1997, p. 15).

20Tuttavia, non è stato sempre così e la tendenza ad arricchirsi mettendo a repentaglio le stesse condizioni che quell’arricchimento rendevano possibile, questa spinta a ‘declinar crescendo’, non rappresenta lo sbocco ineluttabile di un processo sviluppatosi in modo lineare. Questo movimento rappresenta in realtà l’esito estremo di un tratto originario dell’identità barese: quello costituito da un’intraprendenza e da un pragmatismo mercantili che, da un lato, contrapponevano Bari all’indolenza e al parassitismo un po’ snobistico di altre città del Mezzogiorno – prima fra tutte Napoli, che ai baresi è sempre apparsa irretita dalla sua stessa tradizione e impigliata nel suo passato di grande capitale – e, dall’altro, la spingevano a prendere le distanze dal proprio entroterra contadino, che dall’alto della città moderna appariva annichilito da un rassegnato immobilismo. Tuttavia, l’operosità e la concretezza che forgiavano quello spirito mercantile intanto avvenivano in larga misura all’ombra di un ‘calcolo economico’ non ancora inquinato da un rapporto perverso con la politica, ma probabilmente erano anche mitigate da una certa dimensione di ‘douceur’, di cortesia e di gentilezza, che molti filosofi del 18° secolo – da Montesquieu a Paine – ritenevano connaturata all’attività commerciale e che serviva a tenere a bada la trasformazione di questa vitalità mercantile in affarismo senza regole e senza limiti.

21Pur ispirandosi ad un’ideologia acquisitiva basata sul tenace perseguimento dell’interesse personale, l’originario dinamismo di Bari incontrava infatti un limite naturale – si potrebbe dire quasi una soglia di sostenibilità – oltre che nell’ampiezza contenuta delle sue stesse dimensioni operative, che non erano tali da compromettere seriamente la qualità dell’ambiente sociale in cui operava e la sua valenza di ‘esternalità’ positiva di lungo periodo, anche in una percezione non angusta della convenienza economica, rispetto alla quale l’affetto per la città, lungi dall’essere in contraddizione, talvolta si coniugava con un’apertura culturale che lo induceva a non essere indifferente al suo valore come bene collettivo. Sappiamo, per esempio, che fu una miscela di questi ingredienti di interesse e di ‘douceur’, di prestigio personale e di forte identificazione con la città ad indurre alcuni tra i più facoltosi esponenti della borghesia mercantile barese a costruire il teatro Petruzzelli all’inizio di questo secolo. E non va dimenticato che, oltre che ricchi commercianti, i fratelli Petruzzelli erano anche protagonisti della vita amministrativa locale, dal momento che uno dei due era consigliere comunale e che il teatro fu progettato da un loro cognato che svolgeva le funzioni di ingegnere capo al comune di Bari (Persichella, 1983).

22Questo limite dell’operosità commerciale di Bari comincia ad essere messo in discussione a partire dagli anni Sessanta e poi abbondantemente superato nei ‘gloriosi’ anni Ottanta, quando quell’operosità, che nel frattempo aveva contagiato anche alcuni comparti dell’industria manifatturiera, è costretta a cedere progressivamente il passo all’attivismo di un nuovo ceto imprenditoriale, che irrompe sulla scena cittadina e si costituisce attorno ad alcuni settori economici a metà strada fra il commercio e l’industria – quelli legati alla rendita urbana, all’espansione dell’attività edilizia e ai servizi sanitari convenzionati – enormemente remunerativi perché direttamente dipendenti dalla protezione politica. È in questo trentennio che prende quota lo sfruttamento intensivo del territorio urbano. Durante questo periodo si risolve drasticamente l’ambivalenza che caratterizzava l’originaria identità mercantile della città e progressivamente si consuma il processo di trasformazione dello spirito degli affari in un affarismo per il quale, dietro le ricorrenti apologie del Mercato, l’unico mercato che conta veramente è quello regolato dalla politica e sostenuto dalla spesa pubblica (Amendola, 1994).

23Gli anni Sessanta sono infatti gli anni dello sviluppo delle funzioni burocratico-amministrative e industriali della città, la quale accresce la sua popolazione e subisce un drammatico stravolgimento del suo tessuto urbanistico, sia nel centro murattiano che nelle nuove periferie popolari, ad opera di una rampante imprenditoria edile sostenuta dalle varie amministrazioni locali. Sono questi gli anni in cui si consolida il «partito del mattone», il quale accumula enormi fortune divorando letteralmente la città. Si calcola che in questo decennio siano state costruite circa quarantamila nuove abitazioni. Assumono pertanto dimensioni problematiche i fenomeni di congestione urbana del centro cittadino, determinata dal sovrapporsi in uno spazio limitato di un numero crescente di residenti, di pendolari e di ‘utenti della città’, attratti dalle opportunità offerte da una diversificata struttura commerciale e dalla presenza dei centri nevralgici dell’amministrazione pubblica.

24Nel decennio successivo continua l’assedio edilizio al territorio urbano. Prosegue, sebbene con ritmi meno frenetici rispetto al decennio precedente, la costruzione di abitazioni nella città, ma con l’aumento dei redditi inizia a diffondersi anche il fenomeno delle ‘seconde case’, un settore che attrae notevoli investimenti immobiliari nelle frazioni costiere. Nel giro di pochi anni, il litorale vicino alla città (ma anche alcune pregiate zone collinari dell’entroterra) vengono rapidamente invase da ‘parchi’ residenziali e da ville di ogni tipo. La popolazione barese non aumenta ai ritmi previsti nel decennio precedente, ma ciò non toglie che si accentuino sia i fenomeni di congestione del traffico urbano nelle aree centrali della città, sia il degrado delle periferie provocato dalla carenza di servizi pubblici, da una disoccupazione crescente e dall’insorgere di allarmanti fenomeni di microcriminalità.

25Negli anni Ottanta la cementificazione dei residui spazi di territorio urbano diventa ancora più pervasiva, mentre un dilagante abusivismo edilizio porta alla distruzione dei pochi tratti di costa ancora rimasti liberi. L’esempio più clamoroso in tal senso è quello costituito dalla costruzione di circa 500 ville localizzate in aree della fascia costiera a sud di Bari che nel Piano regolatore erano destinate a verde pubblico. Intanto, nel 1991 la popolazione censita nel comune risulta inferiore di 30 mila unità rispetto a dieci anni prima (–8 per cento). Tale perdita va principalmente attribuita al movimento migratorio che, nel decennio 1981-1991, fa registrare a Bari un saldo negativo di circa 37 mila unità, mentre nello stesso periodo continua a mantenersi ancora positivo il saldo naturale. Tuttavia, il centro cittadino continua a presentare un’elevata congestione diurna per effetto della presenza di strutture terziarie che richiamano ampie quote di popolazione lavoratrice pendolare e di ‘consumatori di città’, mentre si spopola di sera e nei giorni festivi, quando sono chiusi gli uffici, le banche e i negozi. Negli anni Ottanta, tra le dodici grandi città italiane Bari fa registrare – dopo Milano e Firenze e insieme con Bologna – uno dei valori più elevati nel rapporto tra popolazione lavoratrice e studentesca in entrata da altri comuni e popolazione residente (26,1 per cento). Questo è confermato anche dal rapporto tra la popolazione in entrata da altri comuni e il totale della popolazione in movimento nella città (36,5 per cento), mentre, con il 12,6 per cento, Bari si colloca all’ultimo posto quanto al rapporto tra popolazione in uscita e popolazione in entrata (Persichella, 1997).

26In questi anni, l’intreccio tra politica e affari, alimentato dalla speculazione edilizia e dalla formidabile espansione delle strutture sanitarie private – a spese di un’inefficienza della sanità pubblica che va ben oltre i tradizionali livelli fisiologici del settore nel Mezzogiorno e che molti ritengono deliberatamente perseguita – diventa il tratto dominante del panorama economico cittadino e, all’occasione, non disdegna di allargarsi alle bande criminali che agiscono sul territorio locale. Quanto ad intreccio tra politica e affari e a fenomeni di corruzione Bari appare così perfettamente allineata alle altre grandi città meridionali, dalle quali pure pretende di distinguersi per i suoi tratti di modernità. Negli anni Ottanta, l’allineamento del capoluogo pugliese alle altre aree urbane del Sud è confermato dal fatto che anch’essa paga il sovrapprezzo tipicamente meridionale rispetto alla corruzione esistente al Nord: anche a Bari, infatti, al tavolo dello scambio corrotto tra politica e imprenditoria si aggiunge, come terzo commensale, la criminalità organizzata, la quale diventa un attore determinante per garantire – in ogni senso – il buon fine delle operazioni economiche e probabilmente anche consensi elettorali ai partiti di governo.

27A Bari, l’intreccio tra questi soggetti esprime in breve tempo una potenza notevole, anche perché i vantaggi che esso assicura ai suoi protagonisti si diffondono – secondo un classico meccanismo di ‘sgocciolamento’ (trickle down) – anche all’interno di fasce non trascurabili delle classi subalterne. Questo fa sì che la ricchezza prodotta dai settori politicamente protetti e i consistenti flussi di trasferimenti pubblici alle famiglie, tipici di un’economia assistita, non solo hanno l’effetto di attenuare il malessere sociale e di occultare le ferite inflitte alla città, ma assicurano anche a questo modello vaste aree di consenso.

28È soprattutto durante questo decennio che Bari in parte diventa – ma ancor più ama rappresentarsi come – un caso di successo nel panorama meridionale, sebbene gli osservatori più attenti avvertano l’esistenza di numerosi ostacoli che impediscono alla città di crescere ulteriormente. È in questi anni che il capoluogo pugliese accarezza il sogno di imporsi come un polo di sviluppo fondato sulla diversificazione della struttura economica e sulla presenza di significative ‘economie da agglomerazione’, che lo rende un habitat ideale per la crescita di un moderno settore dei servizi e un centro ad elevata specializzazione terziaria. Limitata densità urbana, reddito pro capite superiore a quello di Napoli e Palermo, elevato valore pro capite dei consumi privati, diversificazione del tessuto economico, buona specializzazione nel terziario superiore di mercato: sono questi i principali ingredienti che inducono Bari a considerarsi un’area leader all’interno del Mezzogiorno e le fanno intravedere la possibilità di sostituirsi a Napoli come nuova capitale ‘morale’ del Sud.

29Un ricercatore locale, assessore comunale all’innovazione fino all’ultimo rimpasto della giunta, esprime un parere condiviso da molti quando osserva che la presenza di queste risorse rappresenta una proiezione in chiave innovativa dell’antico humus mercantile della città. Nel ricercare i fattori che negli anni Ottanta hanno fatto di Bari una realtà vivace ed originale, egli ne individua le radici nel fatto che in passato «strati sociali basati su elementi ascritti – come l’aristocrazia di sangue – hanno storicamente detenuto un peso sempre quantitativamente e ‘politicamente’ limitato; ciò ha fatto sì che a Bari – città di poca nobiltà e di molti mercanti – abbia potuto crescere e svilupparsi un ambiente sociale estremamente premiante di fronte a comportamenti acquisitivi» (Napoli, 1993, pp. 163-164).

30Poco dopo, lo stesso ricercatore aggiunge che per comprendere a fondo il dinamismo dell’area barese negli anni Ottanta occorre prendere in considerazione un altro fattore di tipo culturale: «...senza grandi tradizioni di prestigio, la città è infatti costretta a misurarsi con il presente, a misurarsi con la realtà, sviluppando una cultura pragmatica che assicura una continuità senza scosse allo sviluppo. Rinuncia e rassegnazione non trovano invece qui quel terreno fertile costituito dalla possibilità del rifugio nella memoria di un passato storico di grande e splendida capitale. Forse allora il grande vantaggio di cui la città può beneficiare sta proprio nell’essere una città giovane, passata in poco più di un secolo da una dimensione locale ad una più propriamente ‘metropolitana’. Ed è tale velocità di evoluzione che consente di sfuggire all’insidia regressiva che si nasconde nella contemplazione di tradizioni accumulate nel lungo periodo» (Napoli, 1993, pp. 164-165; su questo punto si veda anche Cassano, 1997).

31Troviamo qui esposta in maniera esemplare la riproposizione attuale di un’attitudine antica, che per strada dimentica però che in essa erano presenti anche elementi di mitigazione che le impedivano di espandersi fino al punto di sciupare irreversibilmente le risorse ambientali e la qualità dei ‘beni pubblici’ che la rendevano possibile. Peraltro, lo stesso autore è costretto a riconoscere che le capacità imprenditive esistenti nella città si scontrano con notevoli ‘diseconomie da congestione’, con una scarsa dotazione di infrastrutture materiali e immateriali, con le inefficienze dei servizi pubblici e con una cattiva qualità dell’ambiente urbano. Egli deve quindi ammettere che il superamento di queste diseconomie rappresenta una condizione irrinunciabile per la sopravvivenza dello stesso dinamismo imprenditoriale, in quanto il miglioramento della qualità complessiva dell’ambiente urbano è un obiettivo che, nella misura in cui riesce a rispondere all’aspirazione dei cittadini a migliori condizioni di vita e contemporaneamente a rafforzare la competitività complessiva della città, può saldare e rendere pienamente compatibili esigenze sociali e interessi economici. Ciò nonostante, il limite di questa posizione sta nel fatto che il riconoscimento dell’esistenza di tali diseconomie non viene collegato alla logica intrinseca di un calcolo economico che, sempre più ripiegato sul perseguimento dell’interesse di breve periodo, è indotto a mercificare tutti gli ambiti di vita e, in determinati casi, a non farsi scrupolo di ricorrere a tutti i mezzi, anche a quelli della corruzione politica e della connivenza con la criminalità.

4. Declinar declinando

32Gli anni più recenti della storia di Bari sono quelli in cui tutti i fattori di crisi e di degrado giungono a maturazione e confluiscono in un unico alveo, acuiti peraltro dalle difficoltà economiche che investono l’intero Paese. La principale differenza rispetto agli anni Ottanta risiede nel fatto che questa decadenza appare oggi diffusamente avvertita, non si cela più dietro il paravento illusorio della crescita e dietro la pretesa di una modernità eccentrica rispetto al resto del Mezzogiorno. L’aspetto più drammatico di questa situazione è che il ricongiungimento dell’immagine della città con sua realtà sembra comportare anche la perdita della speranza di trovare – o meglio ritrovare – una via allo sviluppo fondata sull’equilibrio e sulla misura. Sembra che Bari non riesca a scorgere nei suoi orizzonti una dimensione diversa, che sia in grado di sottrarla al pendolarismo tra illusione e depressione. Il paradosso degli anni Novanta, quasi una nemesi storica per la città, è che essa, che in passato ha costruito la sua immagine e le sue fortune in opposizione alla rassegnazione dominante nel Mezzogiorno, si scopre oggi profondamente rassegnata, proprio mentre altre aree del Sud sembrano impegnate a sfuggire a questa condizione.

33Il simbolo della spensierata ‘grandeur’ degli anni Ottanta era stato la costruzione dello stadio ‘S. Nicola’, eretto in occasione dei mondiali di calcio ‘Italia 90’, proposto come il centro di un’avveniristica Cittadella dello Sport animata da cittadini salutisti e rimasto invece un gigantesco monumento lunare in mezzo ad un deserto di asfalto, come nelle migliori tradizioni del gigantismo terzomondista di Rio de Janeiro o di Città del Messico. L’evento che simbolicamente ratifica invece la crisi delle ambizioni della città e fa da spartiacque tra l’illusione e la rassegnazione ha un nome e una data: il rogo del teatro Petruzzelli avvenuto la notte del 27 ottobre del 1991.

  • 4 Il Comune è infatti proprietario del suolo su cui sorge il teatro, mentre la struttura è di proprie (...)

34Qualche giorno dopo l’incendio, un giornalista del «Corriere della sera» acutamente interpretò questo crimine come un’operazione di ‘mafia keynesiana’, avanzando la terribile ipotesi che esso fosse stato compiuto per lucrare sui finanziamenti pubblici che sarebbero arrivati per la ricostruzione del teatro. Se questa ipotesi dovesse trovare conferma, non sarebbe azzardato considerare quel misfatto come una manifestazione estrema della sindrome affaristica che si era da tempo impadronita della città: chi ha distrutto il Petruzzelli ha dato un prezzo alla cultura e non ha esitato a darle fuoco pur di realizzare il suo profitto. A quasi sei anni di distanza, l’amministrazione comunale non riesce a trovare un accordo con la proprietà del teatro per avviarne la ricostruzione4, mentre sull’incendio è in corso di svolgimento un processo per accertare responsabilità e moventi. Così come in tribunale sono finite altre vicende che nel corso degli anni Ottanta hanno scandito la vita economica cittadina: da quelle relative alla costruzione dello stesso stadio a quelle che riguardano le Case di Cura Riunite, un impero di cliniche private costruito nel giro di pochi anni da un rampante imprenditore locale grazie al sostegno di potenti uomini politici e alla connivenza con la criminalità organizzata.

  • 5 Il settore Giardini del Comune calcola una media cittadina di verde di 1,17 metri quadri per abitan (...)

35La litania dei problemi che danno corpo alla decadenza di Bari è molto lunga e non si discosta molto da quelli che affliggono le altre città del Mezzogiorno: disoccupazione ed esclusione sociale crescenti; ulteriore emarginazione delle periferie e del borgo antico, cui si è aggiunto il degrado del centro murattiano, una bruttura da benestanti senza neppure la giustificazione dell’indigenza; congestione del traffico e inquinamento; inefficienza dei servizi pubblici; vistosissima carenza di aree verdi5; insufficiente dotazione di infrastrutture (trasporto aereo e marittimo, collegamenti ferroviari con Napoli, Roma e altri centri del Mezzogiorno, approvvigionamento idrico ed energetico...); criminalità organizzata e devianza minorile.

36L’apparato manifatturiero della città accusa chiari sintomi di fatica, se non di vera e propria deindustrializzazione, mentre in crisi profonda appaiono l’edilizia, le attività commerciali tradizionali e quel terziario superiore (ricerca, servizi specialistici alle imprese, strutture finanziarie...) cui Bari molto affidava le sue prospettive di specializzazione per conquistare una posizione di leadership nel Mezzogiorno e per inserirsi con successo nella rete delle città transnazionali.

37Per quanto riguarda il settore delle costruzioni e il commercio, tradizionali punti di forza del tessuto economico cittadino, le loro attuali difficoltà sono imputabili certamente alla debolezza della domanda interna conseguente alla diminuzione del potere d’acquisto delle famiglie. Ovviamente, la crisi non risparmia nessuno e produce frustrazioni tanto più violente quanto più la fiducia nella crescita ininterrotta della domanda aveva indotto ad allargare le attività commerciali o ad acquisire nuovi terreni con la certezza di edificare e vendere come sempre era avvenuto in passato: pubblicizzando il progetto e vendendo gli appartamenti sulla carta, così da ottenere la liquidità necessaria per finanziare i lavori di costruzione.

38Con la crisi economica, la percentuale di fallimenti di imprese ha raggiunto a Bari dimensioni superiori a quelle che si registrano nelle altre città del Mezzogiorno, anche perché le banche locali non sono più nelle condizioni di concedere prestiti di favore, come avevano invece fatto in passato. In questo modo, la principale banca della città e della regione è riuscita ad accumulare tante di quelle ‘sofferenze’ da essere costretta, un paio d’anni fa, a cedere la proprietà ad un grande gruppo bancario nazionale, il quale, dopo l’acquisto, ha trasferito lontano da Bari le principali funzioni direzionali dell’azienda.

39Dal canto loro, le imprese edili della città, che per anni hanno prosperato grazie allo sfruttamento intensivo dei suoli urbani e grazie alle connivenze con gli apparati politici, sembrano avere scarse capacità di riconvertire le loro attività al recupero e alla riqualificazione del patrimonio edilizio. È possibile che ciò dipenda dall’esistenza di una cultura imprenditoriale e di un’organizzazione produttiva poco adatte a questo tipo di operazioni; ma è anche probabile che per molti costruttori non dev’essere facile abituarsi all’idea di gestire un’impresa da cui ricavare soltanto profitto, dopo che per diversi anni questo profitto ha rappresentato una quota irrisoria rispetto ai lauti proventi della speculazione urbana.

40Per quel che concerne il commercio, occorre ricordare che Bari è stata per lungo tempo l’emporio non solo della provincia, ma in buona misura anche della regione. In passato, le famiglie pugliesi venivano nel capoluogo per fare gli acquisti importanti e i piccoli commercianti si rifornivano regolarmente dai grossisti del centro. Oggi le cose sono cambiate. Infatti, alla crisi del commercio barese contribuisce certo la stagnazione economica, ma anche la concorrenza esercitata sugli esercizi cittadini dagli ipermercati e dagli shopping center sorti di recente nella cintura metropolitana e da una più diffusa presenza di strutture commerciali nei centri urbani della provincia, alcuni dei quali, oltre a registrare un’ampiezza demografica consistente (su 47 comuni, sei hanno una popolazione superiore a 50 mila abitanti e altri sei tra i 30 e i 50 mila abitanti), sono anche il baricentro di sistemi produttivi locali molto attivi. Le difficoltà del settore a Bari sono infine aggravate dalla scarsa capacità di innovazione che gli operatori locali manifestano di fronte all’acuirsi della concorrenza. Senza la capacità di specializzarsi su prodotti e servizi destinati a specifici segmenti di mercato e senza una politica del governo locale finalizzata a ricostituire una città ospitale, decongestionata, dotata di servizi pubblici efficienti e di infrastrutture urbane adeguate ad attrarre le persone e a favorirne la mobilità, è oltremodo difficile pensare che il commercio cittadino possa riprendersi. Il miglioramento dell’habitat e dei servizi pubblici assume infatti una rilevanza strategica non solo per migliorare le condizioni di vita dei cittadini, ma anche per rendere economicamente competitiva una realtà urbana come Bari.

41Occorre osservare, peraltro, che per diventare veramente competitiva la città avrebbe dovuto (e dovrebbe in futuro, se vuole riprendersi) alleggerirsi della cultura ‘terragna’ che in larga misura la contraddistingue e mettere molto più Mediterraneo nel proprio motore; avrebbe dovuto (dovrebbe) guardare verso Levante certo con la prospettiva di intensificare gli scambi economici, ma anche con la disponibilità a lasciarsi coinvolgere dalle culture che si affacciano sul Mediterraneo, con la capacità di recepirle come una potenziale risorsa, e non solo come un limite, per lo sviluppo. Finora, a Bari il Mediterraneo è stato una specie di ‘leggenda metropolitana’, una retorica da sciorinare alle inaugurazioni ufficiali della Fiera del Levante o un prosaico pretesto per farsi attribuire i finanziamenti pubblici necessari ad organizzare le manifestazioni dei ‘Giochi del Mediterraneo’, invece che un progetto costruito su una effettiva proiezione della città verso il suo mare. Infatti, come ha ancora notato F. Cassano, «nella città c’è pochissimo Oriente rispetto a quello che potrebbe (e dovrebbe) esserci se questa retorica del Levante fosse più vera e radicale» (Cassano, 1997, p.5). Per molto tempo Bari ha costruito le sue fortune ispirandosi a Milano e, se ha guardato verso il Mediterraneo, lo ha fatto con gli occhi del Nord: tant’è vero che la città ha da tempo divorziato dal mare, trascurando quella grande risorsa che potrebbe essere il suo porto e condannando all’emarginazione quella parte di sé – il borgo antico – che verso il mare è naturalmente protesa e delle città di mare ancora custodisce le atmosfere.

42La crisi attuale investe pesantemente anche le istituzioni scientifiche e culturali della città: in primo luogo l’Università e il Politecnico, che insieme costituiscono la più grande istituzione culturale e, dal punto di vista economico, la più grande azienda della città. Da parte loro, queste istituzioni sono certo affette da una presbiopia che, se da un lato consente loro di intrattenere intensi scambi culturali con tutto il mondo, dall’altro raramente le rende capaci di comunicare con il tessuto sociale dentro cui sono insediate e di rendere meno labile ed occasionale il loro rapporto con la città. Tuttavia, bisogna anche aggiungere che l’amministrazione comunale in carica presta scarsissima attenzione all’università: finora non è riuscita né ad utilizzarne le competenze scientifiche ai fini della crescita culturale e dello sviluppo socio-economico della città, né ad assicurarle strutture adeguate ad accogliere convenientemente gli 80 mila studenti che vi sono iscritti.

43In gravi difficoltà finanziarie e gestionali si trova il consorzio Tecnopolis, uno dei primi parchi scientifici italiani, a lungo celebrato come una delle perle della città, il cui prodotto e le cui attività di fertilizzazione tecnologica dell’ambiente socio-economico locale sono da tempo avvolte nel mistero. Tristemente chiusi o agonizzanti sono infine altri ‘contenitori’ culturali (il teatro Piccinni, il teatro Margherita, l’auditorium ‘Nino Rota’, la Biblioteca nazionale, la Chiesa Russa e alcuni musei), mentre l’Accademia di Belle Arti, dopo varie peripezie, è stata costretta a trasferirsi in un altro comune della provincia per trovare una sede idonea allo svolgimento delle sue attività.

5. Il paradosso di Tocqueville

44Naturalmente, l’attuale amministrazione comunale non porta, in quanto tale, alcuna responsabilità dei processi di declino che nel recente passato hanno segnato la vita di Bari; né sarebbe ragionevole pretendere che in poco più di due anni – tanti ne sono trascorsi dal suo insediamento – essa potesse risolvere gli enormi problemi ereditati dal passato.

45A rigore, anche il fatto che questi problemi siano tuttora drammaticamente all’ordine del giorno e che per nessuno di essi, salvo qualche minore eccezione, sia possibile scorgere soluzioni ravvicinate, può necessariamente suonare come un giudizio negativo sull’operato del sindaco e dei suoi assessori. Spesso gli interventi di un’amministrazione, soprattutto quando hanno a che fare con questioni di grande complessità, producono i loro effetti soltanto in tempi medio-lunghi, che talvolta eccedono la durata di una legislatura. È anche vero, peraltro, che la vita dei cittadini di una comunità può essere modificata, in meglio o in peggio, da una serie di fattori non direttamente collegabili con le scelte dell’amministrazione locale, per cui appare difficile distinguere i cambiamenti prodotti dall’azione amministrativa da quelli che dipendono da altre cause. A tutto questo bisogna infine aggiungere che se da un lato la nuova legge elettorale dei comuni attribuisce ai sindaci rilevanti poteri ed ha quindi innescato un processo di semplificazione dei meccanismi del governo locale e di responsabilizzazione diretta dei rappresentanti istituzionali, dall’altro i nuovi amministratori hanno trovato sul loro cammino altre difficoltà ed ostacoli di non poco rilievo.

  • 6 A dire il vero, non mancano, anche nel Mezzogiorno, casi di comuni che sembrano ben incamminati sul (...)

46Traendo spunto da alcune recenti riflessioni sull’esperienza amministrativa a livello locale, due di questi ostacoli meritano di essere segnalati. Innanzi tutto, le amministrazioni di molti comuni meridionali incontrano serie difficoltà ad esprimere una nuova cultura dello sviluppo fondata sulla capacità sia di mettere in valore le risorse locali, sia di recuperare risorse esterne che, dopo la fine dell’intervento straordinario per il Mezzogiorno, non possono essere più intercettate attraverso i tradizionali canali clientelari e di sottogoverno. Un esempio clamoroso, a questo proposito, è costituito dall’incapacità di molti enti locali del Sud – tra cui spicca il Comune di Bari – di utilizzare i fondi destinati alle regioni svantaggiate dai programmi d’intervento dell’Unione Europea. Quelle risorse restano in massima parte inutilizzate proprio perché l’accesso ad esse richiede competenze tecniche, capacità progettuali e condizioni di trasparenza amministrativa che la stragrande maggioranza delle amministrazioni locali meridionali non possiede6.

47Questo introduce – ed è il secondo ostacolo – il problema dei rapporti tra le amministrazioni comunali e gli apparati burocratici nazionali e locali. I rapporti con i ministeri costringono spesso i sindaci a defatiganti trasferte nella capitale, dalle quali, tra infiniti rinvii e palleggiamenti burocratici, essi tornano il più delle volte senza aver concluso nulla, ma con la netta sensazione che lo Stato accentrato opponga una strenua resistenza a cedere qualcuno dei suoi poteri alla periferia. Se a ciò si aggiungono gli intralci posti all’azione amministrativa dalla burocrazia locale, molte delle attese di maggiore efficienza generate dall’elezione diretta dei sindaci risultano notevolmente ridimensionate. Un’indagine condotta nel 1995 dal Censis tra 140 sindaci e assessori di 85 comuni capoluogo indica che, mentre per la stragrande maggioranza degli amministratori del Nord (oltre l’80 per cento) i maggiori ostacoli alla loro azione provengono dalla farraginosità delle procedure, tra i loro colleghi del Sud prevale la difficoltà di rapporti con la struttura burocratica locale (difficoltà segnalata dal 76,5 per cento degli intervistati contro una media del campione nazionale del 49 per cento) (Censis, 1995).

48In entrambe i casi, caduti nella rete della burocrazia, progetti di rilevante utilità pubblica, indispensabili per migliorare la vita quotidiana dei cittadini, restano spesso bloccati da una crescente inflazione normativa e da lentezze procedurali senza che sia neppure garantita la correttezza e la trasparenza degli atti amministrativi. Anzi, è del tutto lecito pensare che vi sia una relazione diretta tra accanimento legislativo, complessità delle procedure burocratiche e fenomeni di corruzione.

49Occorre infine aggiungere che un altro grosso problema delle nuove amministrazioni è costituito dai rapporti tra sindaco eletto dal popolo e le forze politiche che lo sostengono. Questo è probabilmente il punto di maggiore sofferenza della sperimentazione della legge 81/93, la quale non ha finora conseguito l’obiettivo di garantire una maggiore stabilità dei governi locali, se si considera che nel 1996 vi sono stati 245 scioglimenti anticipati dei Consigli comunali contro appena 190 nel 1992, anno precedente l’entrata in vigore della nuova legge (Vandelli, 1997).

50Anche nel caso di Bari la nuova legge elettorale non ha consentito al sindaco di svincolarsi dai condizionamenti dei partiti. Nei due anni trascorsi dal suo insediamento, la vita dell’attuale amministrazione è stata punteggiata da continue polemiche tra il sindaco e la sua maggioranza. Al primo cittadino si imputa di non prestare attenzione alle proposte avanzate dalle forze politiche della coalizione, mentre queste ultime vengono accusate di volere continuamente intromettersi nelle scelte del sindaco e della giunta. Come si è ricordato all’inizio, la litigiosità tra questi soggetti è stata talmente aspra da aver provocato in un caso le dimissioni del sindaco, poi rientrate grazie ad un accordo trovato all’ultimo momento, mentre in molti altri casi la ricomposizione dei contrasti è avvenuta dopo logoranti trattative che hanno ulteriormente rallentato un’azione di governo già di per sé poco dinamica.

51Non vi è dubbio che queste difficoltà di ordine generale e quelle più specificamente riferibili alla situazione locale hanno influito negativamente sull’attività dell’amministrazione e quindi sui risultati da essa conseguiti. Tuttavia, per esprimere una valutazione più completa sulle capacità dell’attuale amministrazione di contrastare con successo il disagio della città, occorre non limitarsi a considerare soltanto ciò che finora è stato realizzato, ma è necessario andare oltre e vedere se gli interventi attuati sono parte di un disegno complessivo e se in essi è possibile cogliere una filosofia che contenga un’idea di città, un modo di intendere il suo sviluppo e i rapporti sociali che la costituiscono.

52A dire il vero, è molto difficile scorgere nell’operato dell’amministrazione la presenza di un progetto per Bari. L’impressione che si ha è che il sindaco e la sua giunta navighino a vista e che ci si trovi quindi di fronte ad una sequenza assai casuale di interventi, dai quali è difficile desumere le linee di un’organica azione di contrasto del declino urbano e, meno che mai, un’ipotesi di ricostruzione della città. Tuttavia, quando si riescono intravedere i barlumi di un disegno complessivo, i tratti che lo definiscono non sembrano essere quelli che si oppongono al declino, ma semmai quelli che lo riproducono e lo accentuano.

53Innanzi tutto, a differenza di quanto è avvenuto in altre città del Mezzogiorno (Napoli, Palermo), è arduo rintracciare nell’operato dell’amministrazione un qualsiasi sforzo culturale teso a recuperare tra i cittadini quel senso di appartenenza e di orgoglio civico, che costituiscono un prezioso capitale sociale, senza il quale a Bari non è pensabile alcun progetto di ricostruzione.

  • 7 Recenti stime dell’ocse indicano che nei paesi maggiormente industrializzati il costo della congest (...)

54In secondo luogo, i progetti esistenti continuano a proporre ulteriori edificazioni immobiliari nel centro cittadino, con la conseguenza ovvia di accentuare quelle ‘diseconomie da congestione’ che – come si è visto – rappresentano l’ostacolo più rilevante ad un equilibrato sviluppo della città. Un esempio è costituito dal modo in cui si sta affrontando uno dei più annosi problemi di Bari, quello rappresentato dal cosiddetto ‘nodo’ ferroviario, un fiume di binari che attraversa la città e impedisce un ordinato traffico urbano. Mentre dalla ristrutturazione del ‘nodo’ ferroviario i cittadini si attenderebbero la creazione di un efficiente sistema di trasporto metropolitano in grado di alleggerire finalmente il centro della città dalla pressione del traffico automobilistico7, nel progetto dell’amministrazione questo aspetto appare del tutto marginale rispetto alla costruzione di una gigantesca piastra d’acciaio che dovrebbe coprire i binari e sulla quale dovrebbero sorgere quattro torri di cemento destinate ad ospitare uffici e centri commerciali.

55Sembra quasi che l’attuale amministrazione sia fermamente risoluta a non lasciarsi trascinare in una situazione che l’autore di un lucido saggio sui nuovi sindaci indica come ‘il paradosso di Tocqueville’ (Vandelli, 1997). Infatti, se una buona amministrazione, migliorando la qualità della vita dei suoi cittadini, può anche elevarne in maniera proporzionale le aspettative fino a renderli paradossalmente più critici – sì che il miglioramento può causare difficoltà per la stessa amministrazione che lo ha prodotto – quella barese si guarda bene dal correre il rischio di essere additata come responsabile di un simile stato di insoddisfazione.

56Insomma, se esiste una filosofia che ispira l’attuale amministrazione, questa non sembra contenere elementi di discontinuità rispetto a quella che ha orientato le politiche urbane degli ultimi 40 anni e che ha condotto la città a perseguire un protagonismo effimero che, per affermarsi, non ha esitato a distruggere le basi che gli avrebbero consentito di durare nel tempo. In sostanza, questa filosofia ripropone un’idea di modernità che non riesce pensare se stessa se non in opposizione al bene collettivo rappresentato dal contesto urbano dentro il quale è inserita.

57Se non si riferisse al governo locale di Bari, l’affermazione che una simile concezione è oggi del tutto superata e che la divaricazione tra qualità della vita urbana e sviluppo economico non è più proponibile andrebbe oltre i limiti dell’ovvio. Come pure sarebbe banale ricordare come sia ormai largamente acquisita la convinzione che, a livello locale, l’elaborazione di politiche orientate alla produzione di beni pubblici abbia conseguenze rilevanti non solo sul benessere dei cittadini, ma anche sulle prospettive di successo economico (ocse, 1994).

58Sebbene non sia affatto casuale che negli ultimi anni Bari abbia subìto parallelamente un deterioramento della qualità della vita e un peggioramento della sua competitività economica, le nuove classi dirigenti della città appaiono refrattarie a recepire acquisizioni così ovvie e i loro comportamenti continuano ad ispirarsi con ostinata coerenza alla stessa filosofia modernista che aveva guidato i loro predecessori della Prima Repubblica.

59Ad una filosofia che considera irrilevante la qualità urbana sembra rispondere anche la disattenzione verso le residue testimonianze del passato: di quello prossimo rappresentato emblematicamente dai teatri distrutti o chiusi e di quello remoto custodito nel borgo antico della città. Da tempo considerato alla stregua di un ‘ceppo feudale’ inservibile per assicurare alla città una moderna crescita sociale ed economica, oggi quel passato potrebbe invece tornare molto utile a Bari: potrebbe essere una ‘benedizione feudale’ in grado di alleviare le ferite che le sono state inflitte dal saccheggio edilizio cui è stata sottoposta e proteggerla dalla decadenza in cui sta precipitando. Nel dopoguerra, Napoli e Palermo hanno subìto devastazioni non meno feroci di quelle sofferte dal capoluogo pugliese, ma il loro passato splendore di capitali, che da Bari è stato sempre considerato come un segno di regressione, non solo ha loro consentito di resistere e di conservare la loro bellezza, ma oggi costituisce una grande risorsa per il loro futuro.

60Per questo, teatri e città vecchia dovrebbero essere riaperti al pubblico. I primi continuano, invece, a rimanere tristemente chiusi e la seconda a restare isolata, anche se, situata nel cuore della città e circondata su tre lati dal mare, essa vanta un patrimonio di risorse ambientali e culturali che contrasta visibilmente con l’emarginazione a cui è stato condannata da più di mezzo secolo dalle politiche urbane delle varie amministrazioni locali che si sono succedute al governo della città. Quest’isolamento ha profondamente alterato l’identità originaria del borgo antico e favorito al contempo l’insorgere di un altro tipo di identità, quella reattiva rielaborata sul versante della devianza, che ha trovato nella criminalità organizzata una sponda in grado di offrire non solo ‘lavoro’ e denaro, ma anche regole e legami sociali.

61Il patrimonio di risorse esistente nel centro storico rappresenta invece un’opportunità per valorizzare l’altro tipo di identità che quest’area custodisce: quella che si è consolidata nel rapporto con la storia e con la tradizione. Riabilitato nella sua parte antica, questo rapporto potrebbe altresì aiutare l’intera città a ritrovare una dimensione meno angusta del suo dinamismo mercantile, rendendola di nuovo capace di coniugarlo con l’affetto per i luoghi e per le testimonianze che essi conservano. Sotto questo profilo, la rinascita del borgo antico rappresenterebbe una grande occasione per l’intera città, oltre che per i cittadini che vi risiedono.

62In realtà, l’attuale amministrazione ha di recente reso operativo un piano di recupero del centro storico, tecnicamente strutturato e corredato delle necessarie risorse finanziarie per realizzarlo (si tratta del Programma di Iniziativa Comunitaria ‘Urban’), che era stato presentato dalla precedente giunta comunale. Tuttavia, ciò che colpisce in questo piano non è tanto la maggiore o minore rilevanza dei singoli interventi che esso prevede quanto l’assenza di una struttura connettiva in grado, da un lato, di legare tra loro gli specifici interventi interni al quartiere (riqualificazione urbana, potenziamento dei servizi pubblici, promozione delle attività economiche, formazione e occupazione) e, dall’altro, di raccordarli con un progetto più generale per Bari. È lecito nutrire forti dubbi che nelle intenzioni dell’amministrazione comunale quel piano sia parte di un disegno politico-culturale più ampio, volto a ridisegnare le attuali gerarchie urbane e a recuperare il senso complessivo della città. Un disegno, in altri termini, da cui emerga la consapevolezza che la rivitalizzazione insieme economica, sociale e culturale del borgo antico e il recupero della sua identità positiva rappresentano un’occasione irripetibile per la rinascita dell’intera città.

63Ancora una volta il limite più grande di questa amministrazione appare quello di non riuscire a cogliere che la vera sfida che Bari oggi ha di fronte a sé è quella di ripensare profondamente e autocriticamente se stessa, di non illudersi di poter costruire un futuro accettabile lavorando con gli stessi materiali del passato. Bari ha poche speranze di risorgere finché non ci si renderà conto che il perseguimento esclusivo degli interessi privati non produce automaticamente il benessere collettivo, ma che, anzi, è attraverso il miglioramento della qualità della vita collettiva, attraverso la creazione di uno spazio pubblico significativo nel quale trovino posto nuove reti di relazioni sociali, che si possono favorire e rendere più solidi anche gli interessi individuali. Senza questa consapevolezza, le competenze tecniche che l’attuale amministrazione si attribuisce non sono sufficienti; né basterebbe essere sicuri che essa agisce secondo canoni irreprensibili di trasparenza e di correttezza amministrativa. Finora, il sindaco e i suoi assessori non hanno tradotto in innovazioni concrete le novità che i loro nomi promettevano e che le condizioni della città richiedono con indifferibile urgenza. Si tratta certamente di novità di cui nessuno può sottovalutare l’importanza, se confrontate con ciò che è avvenuto in passato, ma che non bastano a garantire interventi adeguati a fronteggiare il declino della città. Senza una nuova cultura dello sviluppo anche l’amministrazione più qualificata e scrupolosa non può riuscire infatti, in un contesto così compromesso, a rompere i circuiti che hanno consentito il dilagare del degrado e a rovesciare la direzione dei processi involutivi di cui abbiamo cercato di mostrare la gravità.

Torna su

Bibliografia

Amendola G. (1994), Brutta e impossibile, «Micromega», 1.

Becchi A. (1996), Città e forme di emarginazione, in AA.VV., La storia dell’Italia contemporanea, Torino, Einaudi.

Cassano F. (1997), Mal di levante, Roma-Bari, Laterza.

Censis (1995), 29° rapporto sulla situazione sociale del Paese, Milano, F. Angeli.

Napoli A. (1993), L’area barese alla soglia degli anni Novanta: economia e società, in W. Morgese (a cura di), La città metropolitana. Problematiche ed evidenze, Bari, Cacucci.

Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) (1994), Cities for the 21st Century, Parigi.

Persichella V. (1983), Il «Politeama Petruzzelli»: dal «laissez faire» al progetto?, in P. Moliterni, V. Attolini, E. Persichella, «Vissi d’arte». Gli 80 anni del Petruzzelli: il mito e le vicende, Bari, Edizioni dal Sud.

Id. (1997), Le popolazioni baresi negli ultimi quaranta anni. Movimenti e mutamenti demografici e sociali, in AA.VV., Storia di Bari, vol. IV, Roma-Bari, Laterza.

Vandelli L. (1997), Sindaci e miti. Sisifo, Tantalo e Damocle nell’amministrazione locale, Bologna, il Mulino.

Viesti G. (1997), Nuove infrastrutture per lo sviluppo economico di Bari. Dattiloscritto.

Torna su

Note

1 Fino a qualche mese fa Bari era anche, insieme con Verona, l’unica delle dodici grandi città italiane ad essere amministrata dal Polo delle Libertà. Con le elezioni amministrative della primavera del 1997, a questi due comuni si è aggiunto anche quello di Milano.

2 A questa seguirà più tardi quella che ha portato il sindaco di Trieste, R. Illy, a dimettersi per essere poi rieletto al secondo turno delle elezioni amministrative della scorsa primavera con la stessa coalizione dell’Ulivo.

3 Al momento in cui queste note vengono licenziate, l’amministrazione comunale esce da un ulteriore periodo di fibrillazione che si è risolto con un autentico colpo di scena: Giuseppe Tatarella, parlamentare e capogruppo di Alleanza Nazionale alla Camera dei Deputati, nonché vicepresidente della Commissione bicamerale per le riforme istituzionali ed ex vicepresidente e ministro del governo Berlusconi, è stato nominato assessore comunale alla cultura e al turismo. Non mi risulta che in Italia esistano altri casi del genere. Sono in molti a pensare che, di fatto, Bari abbia un nuovo sindaco senza passare per una nuova consultazione elettorale: «Tatarella supersindaco» è infatti il titolo che un quotidiano locale ha dedicato all’avvenimento.

4 Il Comune è infatti proprietario del suolo su cui sorge il teatro, mentre la struttura è di proprietà degli eredi dei fratelli Petruzzelli.

5 Il settore Giardini del Comune calcola una media cittadina di verde di 1,17 metri quadri per abitante contro uno standard minimo previsto per legge di 9 metri quadri per abitante, portato ad 11 nel Piano Regolatore Generale redatto da L. Quaroni nel 1965. Vi è chi ritiene però che il calcolo effettuato dal Comune sia notevolmente sovradimensionato e che in realtà la densità di verde cittadino non vada oltre i 20 centimetri quadrati per abitante.

6 A dire il vero, non mancano, anche nel Mezzogiorno, casi di comuni che sembrano ben incamminati sulla strada della riconversione ad una nuova cultura dello sviluppo. Anzi, il loro numero sembra in crescita. Si tratta tuttavia di casi ancora sporadici e comunque tra questi non figura certo il comune di Bari.

7 Recenti stime dell’ocse indicano che nei paesi maggiormente industrializzati il costo della congestione da traffico urbano – in termini di tempo/lavoro, di spreco di energie e di inquinamento – raggiunge in media il 5 per cento del Prodotto interno lordo. Nel caso di Bari, ciò equivarrebbe ad un costo annuo intorno ai 500 miliardi di lire. (Viesti, 1997).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Franco Chiarello, « Travagli urbani a Bari. Trasformazioni sociali e governo locale in una città del Mezzogiorno »Quaderni di Sociologia, 14 | 1997, 21-41.

Notizia bibliografica digitale

Franco Chiarello, « Travagli urbani a Bari. Trasformazioni sociali e governo locale in una città del Mezzogiorno »Quaderni di Sociologia [Online], 14 | 1997, online dal 30 novembre 2015, consultato il 04 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1509; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1509

Torna su

Autore

Franco Chiarello

Dipartimento di Scienze Storiche e Sociali – Università di Bari

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search