Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri16teoria e ricercaI quadri teorici della sociologia...

teoria e ricerca

I quadri teorici della sociologia dell’ambiente tra costruzionismo sociale e oggettivismo strutturale

Fulvio Beato
p. 41-60

Testo integrale

1. La teoria sociale dell’ambiente come teoria della crisi ambientale

1Nel presente lavoro si assumerà che la teoria sociale dell’ambiente si costituisce innanzi tutto come teoria della crisi ambientale. Essa, in altri termini, si presenta come risposta nel campo del sapere ad un complesso di accadimenti e di fenomeni critici che hanno segnato il rapporto natura-società. In tal senso la teoria sociale, e soprattutto la teoria sociologica, si configura come teoria della crisi ambientale ma al contempo anche come teoria di una relazione inedita poiché i sistemi presi in considerazione non sono più soltanto i sistemi sociali ma anche i sistemi ambientali.

2Come definiamo la crisi ambientale? Sul piano delle relazioni oggettive essa si presenta come alterazione degli equilibri ecosistemici attraverso l’immissione nell’ecosfera di materie e sostanze residue dei processi produttivi ed in generale delle attività umane ed attraverso la sottrazione continua e distruttiva di parti della natura fino a far diventare consapevolezza sociale il possibile esaurimento delle risorse.

3Ora deve essere sottolineato che la società (comunità scientifiche, opinione pubblica, ecc.) parla di crisi ambientale in modo autoreferenziale ed antropocentrico: la crisi ambientale si produce, e soprattutto si disvela, quando l’insieme delle alterazioni ecosistemiche assume la figura della minaccia, quando la società si è mutata in Risikogesellschaft (Beck, 1986), cioè quando essa si è auto-riprodotta come società del rischio. Si genera allora un assetto relazionale fra ambiente naturale e società umane che si auto-alimenta e fa concrescere i due poli nel loro configurarsi come pericolo reciproco. Si tratta, come appare evidente, di una relazione circolare: il sistema sociale opera negativamente sul sistema ambientale che a sua volta opera negativamente sulla società (Società→Ambiente → Società).

4Si è trattato di un processo assolutamente «oggettivo»: la consapevolezza sociale ed il dibattito pubblico si sono generati nel fuoco della crisi ed hanno contribuito a determinare l’altro ineludibile versante del problema ambientale: quello della Politica. La crisi si compie nella sua totalità quando, accanto ed oltre il «movimento degli indicatori ambientali» (che misura, ad esempio, il CO2 che altera la qualità dell’aria ed il ciclo del carbonio), nascono i movimenti sociali ambientalisti, l’environmental concern, i Ministeri e le Agenzie per l’ambiente, le politiche pubbliche ambientali con la trama dei loro conflitti e delle loro negoziazioni, quando le scienze dell’uomo e della società tematizzano così strettamente l’oggetto ambientale da specializzarsi in discipline istituzionalizzate (economia dell’ambiente, sociologia dell’ambiente, diritto ambientale, policy analysis ambientale, storia dell’ambiente, etica ambientale, ecc.).

5Definiamo allora in generale la teoria sociale dell’ambiente come quel complesso organico di proposizioni concernenti la relazione di crisi che si è stabilita fra l’ambiente naturale e le società umane, tra natura e cultura.

 

  • 1 Sull’affermazione di nuove prospettive teoriche nel campo della sociologia dell’ambiente vedi l’int (...)

6Nell’articolo verranno esposti criticamente taluni quadri teorici che sono segnati da una comune, ancorché non sovrapponibile, base concettuale. Tale base verrà designata come approccio oggettivo strutturale (naturalistico, realista, istituzionale, macro). Verrà in seguito ricostruita e valutata una dimensione che solo recentemente si è affermata in campo internazionale soprattutto sotto la spinta sempre più influente dei cultural studies1 e del contestuale declino delle epistemologie positiviste. Si tratta delle posizioni teorico-metodologiche soggettivo-costruzioniste (micro, attivistiche, talvolta idealistiche, linguistico-espressive) che hanno comportato una innovazione nel dibattito teorico relativo al rapporto ambiente-società collocandosi prima di tutto criticamente rispetto alle teorie sociologiche che hanno segnato la genesi storica e concettuale della sociologia dell’ambiente: lo strutturalismo ecologico di Catton e Dunlap, il cosiddetto New Ecological Paradigm. Il paragrafo conclusivo cercherà di «armonizzare», laddove possibile, le due prospettive proponendo un programma di ricerca che, nel rifiuto di ogni sincretismo, tenterà di mettere a frutto tanto la dimensione del soggetto-attore con le sue prerogative definizionali quanto quella delle strutture oggettive sociali e naturali.

2. Lo strutturalismo political economy di Allan Schnaiberg

  • 2 Vedi Schnaiberg, 1975; 1980; Schnaiberg e Gould, 1994.

7Sociologo scarsamente letto in Italia, Allan Schnaiberg elabora un approccio chiaramente strutturale nel senso che il tema maggiormente approfondito nella sua opera2 è quello che emerge dall’analisi delle conseguenze sociali e politiche dei limiti ecologici e della interdipendenza tra i sistemi sociali ed i sistemi ambientali. Centrali sono infatti, nella sua sociologia, il meccanismo della produzione (treadmill of production) ed i modelli idealtipici di soluzione politica delle tensioni ambientali prodotte dallo sviluppo economico. Il treadmill of production, più che come una forma tecnico-economica di produzione, viene concepito dall’Autore come un sistema politico-economico affermatosi nelle società industriali moderne, soprattutto negli Stati Uniti d’America. C’è una logica inerente ad una siffatta forma sociale che risiede nel conflitto fondamentale e permanente (The enduring conflict reca in titolo un suo recente lavoro: vedi Schnaiberg e Gould, 1994) tra la società capitalistica avanzata, i valori della giustizia sociale ma anche le strutture bio-fisiche dell’ambiente globale.

8Muovendo da una nozione di ambiente così come essa viene definita dall’ecologia scientifica, ed in ciò condividendo l’approccio dei sociologi del «nuovo paradigma ecologico», Schnaiberg pensa al sistema ecologico come «sustenance base», vale a dire come un ambiente che, oltre a costituirsi come fonte di gratificazioni per l’umanità, viene riguardato fondamentalmente come fonte di sostentamento (vedi, per una analisi più dettagliata, Beato, 1997). Esso è prima di ogni altra cosa un locus che fornisce i supporti materiali capaci di garantire l’esistenza fisica delle società umane. Una analisi sociologica delle relazioni che si instaurano tra sistemi sociali e sistemi ambientali focalizza allora prioritariamente la struttura produttiva dell’ambiente bio-fisico e la connette alla struttura produttiva delle società moderne. Tra queste due strutture esistono molte similarità. I sistemi ecologici sono costituiti da attori viventi inseriti in una matrice strutturata da habitat e da nutrienti inorganici. Si tratta di sistemi che possiedono una funzione produttiva consistente nella creazione di materia vivente (la biomassa), creazione che si esplica attraverso le fasi della nascita, dello sviluppo e del declino. E tuttavia Schnaiberg non cade nell’ingenuità biocentrica di situare in un assetto complanare le società umane e le comunità biotiche non umane. La regolazione della produzione economica e quella della produzione riferita alla struttura trofica degli ecosistemi si basano su principi non assimilabili e l’ecologia, la scienza biologica dell’ambiente, non può essere confusa con la scienza economica. Anzi, dalla sostanziale eterogeneità tra i sistemi socio-economici ed i sistemi naturali si generano i problemi attuali del rapporto uomo-natura ed il conflitto di relazione tra le società umane e gli assetti ambientali.

9Si è parlato della centralità del concetto di treadmill of production. Vediamone ora qualche specificazione funzionale, vale a dire i modi di operare nella trama dei nessi che lo relazionano alle strutture ed alle dinamiche ambientali.

  • 3 La letteratura su questo dibattito, tutt’altro che spento, è ormai sterminata. Basti qui segnalare (...)

10Giova ricordare che negli anni Settanta il dibattito scientifico e politico negli Stati Uniti (ma in parte anche in Europa) era segnato dalla diatriba tra le diverse interpretazioni della crisi ambientale. Ai Populationists (i coniugi Ehrlich e Garrett Hardin) si opponevano i Technologists (Commoner) mentre sui consumi nella società opulenta si direzionavano altri Autori e soprattutto talune espressioni del movimento ambientalista3. Ma anche la crescita economica quantitativamente intesa rientrava nel novero delle macro-variabili a cui erano ricondotte, talvolta enfaticamente, le possibilità di comprensione scientifica della grave (sulla portata c’era un sostanziale accordo) environmental deterioration della biosfera e dei singoli ecosistemi (urbani, rurali, marini, fluviali, etc.). Il contributo di Schnaiberg può essere a sua volta agevolmente compreso allorché venga preso in considerazione il suo modo di atteggiarsi rispetto a questa discussione che era sì scientifica ma anche politico-valoriale poiché ad una struttura causale data, relativa ai mutamenti ambientali, si faceva corrispondere, come appare ovvio, una strategia di politica pubblica ambientale (ad es. centrata sul controllo demografico oppure sull’innovazione tecnologica).

11Schnaiberg critica innanzi tutto l’accentuazione della mono-causalità che di fatto sottintende, anche se non esplicitamente, i quattro assi interpretativi principali individuati ma si pone oltre una siffatta prospettiva. Il ragionamento esibito merita di essere valorizzato poiché le possibilità stesse di una fondazione sociologica dell’analisi ambientale (quale che sia il paradigma di riferimento) risiede proprio, a nostro modo di vedere, nel superamento metodologico delle «nude» variabili del mutamento tecnologico, dell’espansione della popolazione, della crescita economica e della diffusione massiva dei consumi. Esse, tutte insieme e contemporaneamente, possiedono indubbiamente una loro validità esplicativa (come negare l’influenza della crescita demografica, ad esempio?) e tuttavia noi non potremmo mai spiegare e comprendere la crisi ambientale senza ricondurre le quattro macro-variabili ad una radice che le sorregge tutte, vale a dire la struttura sociale e la «struttura della struttura», potremmo chiosare, che è costituita dalla dinamica dell’espansione del treadmill (meccanismo, congegno, ingranaggio) della produzione che coinvolge ed integra non solo il processo economico in senso stretto ma anche la cultura, la scienza e lo stesso operare dello Stato nelle società capitalistiche avanzate (si veda tutto il cap. v di Environment: From Surplus to Scarsity, 1980).

12La logica di questo meccanismo è una logica della necessità: esso non può fare a meno di svilupparsi incessantemente (appare ovvio, in questa analisi, un richiamo implicito alla stringente analisi di Marx sulla riproduzione allargata) ma in questo sviluppo altrettanto necessariamente esso erode le basi ambientali della società umana nel mentre altera gli equilibri ecosistemici. Da questo meccanismo sorgono i problemi ambientali della società contemporanea che a loro volta si costituiscono come una restrizione potenziale della successiva espansione della produzione.

13Come è possibile svincolarsi da questa che viene definita una autentica contraddizione? Tre sono le sintesi possibili. La sintesi puramente economica con una ininterrotta espansione della produzione e con impatti ambientali e sociali negativi; la gestione della scarsità, caratterizzata da una protezione ambientale limitata e con prospettive di vulnerazione sociale soprattutto nei confronti delle forze di lavoro; la sintesi ecologica, auspicata da Schnaiberg, nella quale l’impiego di tecnologie appropriate si coniuga con una equa distribuzione degli incrementi del surplus. Ad una accresciuta uguaglianza sociale dovrà corrispondere, in questa ottica, una diminuzione della produzione e del consumo.

14L’analisi di Schnaiberg, pur nella ricchezza della trattazione dei nessi che si stabiliscono tra qualità ambientale e società capitalistico-industriale, scade talvolta nell’ingenuità analitica di certo neo-marxismo americano, come ad esempio quando individua una Socioenvironmental dialectic: esiste una continua tensione fra una tesi (l’espansione della produzione) ed una antitesi (i limiti ecologici). Questa tensione dialettica può essere ridotta, se non cancellata, in vari modi nei diversi periodi storici. Le soluzioni (la sintesi) sono quelle prima brevemente segnalate.

15La dimensione socio-politico-weberiana della ricerca di questo primo sociologo dell’ambiente statunitense non può in questa sede essere delineata. Basti indicare che le sue analisi critiche costituiscono dei riconosciuti luoghi di riferimento (vedi ad esempio le due rassegne di Buttel) per la comprensione approfondita delle grandi politiche pubbliche elaborate ed implementate negli Stati Uniti negli anni Settanta, politiche che costituiranno poi il quadro orientativo per molte altre politiche pubbliche ambientali nazionali (si pensi solo alla National Environmental Policy Act ed alla procedura della valutazione di impatto ambientale).

3. Il «nuovo paradigma ecologico» di Catton e Dunlap ed il passaggio alla post-exuberant age

  • 4 Vedi Catton, 1980; Catton e Dunlap, 1978; 1980; Dunlap, 1980; 1982; 1992; 1994; Dunlap e Catton, 19 (...)

16Anche il modello analitico elaborato da Catton e Dunlap, ormai universalmente conosciuto come New Ecological Paradigm, dovrà fare i suoi conti teorici e metodologici con il dibattito degli anni Settanta sulle cause (e sulle conseguenze) della crisi ambientale. In modo molto semplificato si può asserire che l’operazione intellettuale di Catton e Dunlap sia consistita in una annessione trasformatrice delle macro-variabili che erano al centro dei tentativi delle scienze sociali di fornire una risposta esplicativa alla crisi ambientale pensata come irreversibile. Nel modello elaborato dai due sociologi statunitensi4 vengono senz’altro accolti i grandi sotto-sistemi della popolazione e della tecnologia (sotto-sistema economico) ma essi verranno inseriti in una trama di interconnessioni sistemiche strutturata anche dal sistema sociale in senso stretto, dalla cultura e dalla personalità. Ora queste cinque macro-variabili trasformano indubbiamente l’ambiente naturale ma esso a sua volta retroagisce sulla popolazione, sulla tecnologia-economia, sul sistema della società, sulla cultura e sulla personalità in una circolarità causale che Catton e Dunlap non temono possa essere tacciata di determinismo ambientale. Come si vedrà, l’insistenza sui limiti posti dall’ambiente biofisico alle società umane verrà fatta propria senza nessuna remora anche perché essa veniva mutuata dall’ambientalismo scientifico statunitense e dall’ambientalismo dei nuovi movimenti sociali.

17Una proposta siffatta dovrà indubbiamente porsi in modo conflittuale e critico con la sociologia classica e con le sociologie contemporanee (neo-marxismo, Scuola di Francoforte, interazionismo simbolico, struttural-funzionalismo, ecc.) le quali ultime verranno a trovarsi per così dire sullo stesso piano epistemico quando debbano confrontarsi con la realtà dei sistemi ambientali: tutte la mettono in parentesi. L’argomentazione elaborata dai due Autori appare molto semplice e tuttavia essa, forse a ragione di questa linearità espositiva, si rivela estremamente cogente. Si sono prodotti dei mutamenti ecologici così profondi da rimettere in discussione molto seriamente non solo i modelli comportamentali della società contemporanea ma anche le strutture teoretiche della sua scienza, la sociologia. A questo proposito vengono fatte valere delle condizioni esplicative chiaramente storiche. La sociologia ha trovato la sua affermazione in un’epoca nella quale l’umanità sembrava essere esente dalle costrittività dei vincoli ecologici. Le assunzioni ed i presupposti etico-politici della disciplina, che si era affermata in una fase storica di crescita esuberante, hanno inculcato nella sociologia una visione del mondo, o paradigma, che di fatto ha impedito il riconoscimento di significati sociali nell’odierna realtà ambientale segnata da una crisi profonda e soprattutto mai prima esperita. È da questa riconosciuta impotenza della scienza della società a registrare, quand’anche criticamente, questa nuova costituzione del reale sociale ed insieme ambientale che nasce l’esigenza di elaborare un nuovo paradigma capace di misurarsi analiticamente con il nuovo, conflittuale rapporto che la società umana ha ormai stabilito con l’ambiente naturale.

  • 5 L’età dell’abbondanza parte dalla scoperta dell’America e dura circa 400 anni, fino a quando cioè s (...)

18Alla società e ad un’epoca «post-esuberante»5 deve corrispondere una scienza sociale capace di riconvertire i propri principi epistemologici e metodologici. L’ambizioso programma originario avrà poi come esito quello della costituzione-istituzionalizzazione di una nuova scienza sociologica anche se vanno segnalate talune tendenze, soprattutto europee, – vedi ad esempio i contributi «generalisti» di Morin, Giddens, Luhmann, Beck – che tuttavia si svilupperanno in modo autonomo.

19Va osservato che il vecchio paradigma sociologico – antropocentrico e socio-centrico – non viveva e non vive nel vuoto sociale: era l’intera cultura occidentale che si alimentava di un ottimismo generato dalle supposte sconfinate potenzialità umane che avevano tuttavia una non irrilevante base storico-fattuale: dalla scoperta dell’America, che aveva fortemente ampliato l’habitat umano, alla rivoluzione industriale che aveva messo a disposizione degli uomini risorse crescenti e, aggiungiamo noi, risorse qualitativamente diverse (si pensi solo alle nuove fonti energetiche). In sostanza, dicono Catton e Dunlap, richiamando Klausner (1971), la cultura e la struttura della società erano (e sono ancora) segnate da un marcato «eccezionalismo umano», vale a dire dalla convinzione dell’esistenza di una discontinuità evolutiva tra l’uomo, the symbolizer, e tutte le altre specie viventi.

20D’altro canto sono le stesse strutture esplicative della disciplina a costituirsi come socio-centriche. I suoi Autori classici (Marx, Weber, Durkheim) non prenderanno mai in seria considerazione l’ipotesi dell’esistenza di determinanti fisiche e biologiche che possano aiutare a comprendere il comportamento sociale e l’organizzazione stessa della società. La spiegazione sociologica, possiamo chiosare, sarà sempre una spiegazione sociale dal momento che le macro-variabili ambientali verranno sempre e sistematicamente espunte dalle strutture esplicative della sociologia.

21Il rinnovamento della scienza della società deve dunque partire da due insiemi di fatti, uno culturale (l’inadeguatezza della mainstream sociology), l’altro storico-sociale-naturale (le modificazioni dell’ambiente naturale con i loro impatti negativi sulle stesse società umane). Tale rinnovamento deve assumere la forma di un nuovo paradigma sociologico e non solo quello interno ad una nuova specializzazione.

  • 6 Vedi, per una esposizione più completa intorno al sistema di assunzioni del nuovo paradigma eco-soc (...)

22Le assunzioni fondamentali del «nuovo paradigma ecologico» possono essere sintetizzate nel modo seguente6.

23Gli uomini possiedono indubitabilmente caratteristiche uniche se confrontate con quelle delle altre specie (cultura, tecnologia, ecc.) e tuttavia essi sono ugualmente coinvolti nel sistema delle interdipendenze ecosistemiche.

24Le vicende umane sono influenzate non solo da fattori sociali e culturali ma anche da fattori connessi alla struttura ed ai processi dei sistemi naturali. Da ciò deriva la non totale prevedibilità delle conseguenze delle azioni umano-sociali.

25Le società umane dipendono da un ambiente biofisico finito che impone potenti limitazioni della capacità di carico. Pur nella possibilità umana di una espansione di questa capacità di carico, rimane il fatto concreto che le leggi ecologiche, che sono leggi biologiche, non possono essere cancellate.

  • 7 «La cause déterminante d’un fait social doit être cherchée parmis les faits sociaux antécédents, et (...)

26Le assunzioni del nuovo approccio sociologico meritano più di un commento e tuttavia, in questa sede, basterà sottolineare la loro innovatività rispetto alle assunzioni, implicite o esplicite, del paradigma antropo-socio-centrico della sociologia istituzionale così fortemente segnata dagli indubbi successi storici dell’industria, della tecnologia e della scienza. Guardiamo soprattutto alle assunzioni relative alla causalità sociale che, se certamente non costituiscono una filiazione diretta dei mutamenti del sistema sociale, indubitabilmente risentono del «clima» culturale che questi mutamenti finiscono per produrre. La sociologia scientifica, che nasce con Durkheim, trova i suoi fondamenti latamente metodologici nell’asserzione secondo la quale la ricerca delle cause dei fatti sociali deve guardare ad altri fatti sociali e ciò in un contesto di dibattito scientifico le cui istanze critiche erano rivolte alle spiegazioni psicologiche che tuttavia trascinavano con sé anche i fattori esplicativi fisici e biologici7.

27Ma non si creda che la nuova sociologia dell’ambiente, così come viene formulata dall’oggettivismo ecologico-sociale di Catton e Dunlap, tralasci di considerare polemicamente l’altro grande versante della storia del pensiero sociologico, quello che, trovando le proprie fonti originarie in Max Weber, si sviluppa con l’opera di Mead, Cooley, Thomas fino ai costruzionisti contemporanei. Come è ben noto, tale prospettiva pone l’accento analitico sulla necessità di comprendere i modi attraverso i quali gli individui definiscono la loro situazione soprattutto quando tentano di spiegare a se stessi le proprie azioni. Si potrebbe allora asserire che lo scenario ambientale, naturale e/o costruito, assurge per così dire a dignità ontologica solo quando i partecipanti dell’azione designano l’ambiente biofisico come parte significativa della situazione. La messa ai margini di ogni riferimento alla realtà ambientale nella sociologia deriva soprattutto da questa concezione dell’azione sociale e dell’attore sociale.

4. Il costruzionismo nella teoria dei social problems

28Ciò che caratterizza fondamentalmente l’analitica costruzionista è da ricercare nella dimensione ontologica, vale a dire nella concezione del reale sociale. L’ontologia sociale del costruzionismo è infatti inequivocabilmente relativista. L’apprensione della (delle!) realtà acquista la forma della pluralità conoscitiva poiché essa è mentalmente e socialmente costruita dalle varie singolarità (individui o gruppi): «Constructions are not more or less “true”, in any absolute sense, but simply more or less informed and/or sophisticated» (Guba e Lincoln, 1994, p. 111).

29Appare immediatamente individuato, in questa essenziale caratterizzazione, il referente critico del costruzionismo sociale: il positivismo ed ogni tentativo, a noi pare, di applicare il modello scientifico ai saperi formalizzati dell’uomo e della società. Valori e bias, i veri spettri dell’analisi scientifica consolidata, non solo vengono riconosciuti ma anche considerati di fatto come ineludibili nel concreto processo di ricerca. Dirà l’antropologa sociale Mary Douglas: anche gli scienziati e gli esperti (del rischio) sono biased! I quadri teorici della sociologia dell’ambiente di tipo costruzionista mutuano tuttavia i propri fondamenti scientifici da percorsi e paradigmi che solo attraverso una lunga catena di mediazioni possono essere ricondotti alla filosofia ed alla sociologia fenomenologiche o alle recenti filosofie costruzioniste-relativiste (Goodmann, Gergen, ecc.).

30Prenderemo in esame in questa sede due assi di riferimento teorici della sociologia dell’ambiente e del rischio: il costruzionismo dei social problems (Hannigan, Yearley, ecc.) e la più consolidata teoria culturale del rischio ambientale di Mary Douglas e della sua scuola, anche in virtù del fatto che queste due elaborazioni-sistemazioni si allontanano da ogni radical constructivism, a noi pare, per approssimarsi a quello che può essere definito come «costruzionismo contestuale».

31Il punto di vista costruzionista segna la sociologia dell’ambiente arricchendone indubitabilmente le sue premesse teoriche attraverso una critica insistita degli assunti oggettivisti che avevano accompagnato la sua fondazione negli Stati Uniti negli anni Settanta. Il «nuovo paradigma ecologico» di Catton e Dunlap ed il marx-weberismo di Schnaiberg, pur situandosi su assi di riferimento paradigmatico molto differenziati, assumono, agli occhi dei critici costruzionisti, una configurazione inequivocabilmente anti-soggettivista, macro-strutturale e fiduciosamente esplicativa (la ricerca delle cause sociali della crisi ambientale).

32Uno dei punti di ingresso di questa critica parte dalla premessa che la crisi ambientale debba essere letta sostanzialmente come social problem, vale a dire come un mutamento che interferisce con il sistema dei valori che definiscono ciò che è bene, importante e desiderabile in un sistema sociale storicamente determinato (qui la qualità della vita ma anche la fruizione estetica della natura). I teorici dell’ambiente come problema sociale (Buttel e Taylor, 1992; Capek, 1993; Freudenburg e Pastor, 1992; Green, 1997; Hannigan, 1995; Yearley, 1992 e 1996), al fine di recuperare alla prospettiva costruzionista la teoria delle relazioni che si instaurano tra natura e società, attingeranno ad un dibattito coevo alla nascita della sociologia dell’ambiente (prima metà degli anni Settanta), quello che opponeva alla fondazione struttural-funzionalista della teoria dei social problems un atteggiamento meno fiducioso nella possibilità e nella capacità della scienza sociale di definire oggettivamente ciò che fa di un fenomeno sociale un riconosciuto problema della società. Si tratta di una tematica ormai da manuale e tuttavia essa non pare molto recepita nella sociologia italiana per cui è opportuno fornire in questa sede almeno le sue coordinate fondamentali.

33In questo complesso di problemi teorici e metodologici non è mancato l’articolo seminal. Questo punto di avvio e di rottura è rappresentato da un citatissimo lavoro di Spector e Kitsuse del 1973 nel quale l’oggettivismo struttural-funzionalista (vedi ad esempio Merton e Nisbet, 1971) assumeva l’esistenza di problemi sociali oggettivi, chiaramente identificabili e generati da rilevabili condizioni sociali (si pensi alle ricerche sulla violenza, la salute mentale, le patologie socio-ambientali, la discriminazione razziale, ecc.). I due Autori – che forniranno poi una compiuta visione della loro prospettiva in un libro fortunato apparso quattro anni dopo la pubblicazione del loro primo articolo (vedi Spector e Kitsuse, 1977) – rifiutano una concettualizzazione dei problemi sociali come condizioni sociali statiche e parlano piuttosto di una «sequenza di eventi» che si sviluppa sulla base di definizioni collettive. Da ciò consegue una concezione del social problem come «...una attività di gruppo che formula e presenta richieste e rivendicazioni ad organizzazioni, agenzie ed istituzioni relative a talune condizioni sociali selezionate (putative)» (Spector e Kitsuse, 1977, p. 146). In questa definizione scorgiamo una forte componente di soggettività che conduce a definire un problema sociale non più in termini di struttura sociale ma in termini di attribuzioni di significato: un fenomeno sociale, per l’approccio definizionale, diventa social problem solo quando degli attori sociali individuali e/o collettivi lo recepiscono e lo trattano come social problem.

34I sociologi ambientali costruzionisti, anche se in grado variabile, faranno ricorso a questo quadro teorico quando sposteranno l’attenzione dalla ricerca delle cause della crisi ambientale (industrializzazione, consumi, crescita demografica, espansione economica, tecnologie, urbanizzazione, chimicizzazione dell’agricoltura, ecc.) ai concreti e quotidiani comportamenti ed atteggiamenti dei diversi attori sociali nel loro fronteggiarsi, negoziare, competere, ecc. in relazione alle diverse fenomenologie ambientali percepite e lette come contrarie alla desiderabilità sociale diffusa.

  • 8 Hannigan, 1995, p. 35, chiosando il pensiero di Spector e Kitsuse, ritiene che «...claims were comp (...)

35Mutano quindi le stesse domande conoscitive: chi sono i claims-makers? Come si configura il claims-making process? Qual è la vera natura delle diverse forme dei claims?8

36Secondo Hannigan, il cui testo (1995) costituisce a tutt’oggi il maggior contributo all’approccio costruzionista nell’ambito della sociologia dell’ambiente, nello studio del processo di costruzione dei problemi ambientali si possono distinguere tre attività fondamentali che definiscono anche tre fasi distinte di azione sociale. La prima concerne l’azione di «montaggio» delle richieste che delimitano un problema ambientale. L’assemblaggio delle rivendicazioni da segnalare consiste nell’attività iniziale di scoperta ed elaborazione del problema. Si tratta di un impegno che si esplica in molte attività tecniche ed al contempo politiche in senso lato: denominare il problema, fornirgli identità specifica distinguendolo da altri problemi prossimi o più ampi (il problema del benzene distinto dal più esteso problema dell’inquinamento atmosferico, ad esempio), determinare le basi morali, scientifiche e legali e soprattutto individuare il referente pubblico o privato sul quale ricade l’azione di miglioramento della situazione negativa stabilitasi o la responsabilità pubblica del fenomeno segnalato come socialmente indesiderabile. La scoperta del problema ambientale può originarsi dalla consapevolezza e dalla conoscenza dei gruppi più disparati: dalle comunità scientifiche, che hanno un grande ruolo nella individuazione e segnalazione pubblica dei problemi ambientali, alle comunità territoriali nelle quali si producono eventi che poi si costituiranno come preoccupazioni sociali nazionali o perfino internazionali. Una seconda fase concerne la «presentazione» e l’affermazione del problema rispetto alle quali il moral entrepreneur (gruppo informale, associazione ambientalista, ecc.) ha di fronte due compiti distinti: guadagnare l’attenzione pubblica e svolgere un’opera di legittimazione delle rivendicazioni che presenta alla platea dei soggetti da persuadere e coinvolgere. Richiedere e perfino ottenere attenzione non costituiscono tuttavia una condizione bastante ad affermare una nuova questione nell’agenda del dibattito pubblico (Solesbury, 1976). Infatti un problema ambientale emergente deve conquistare la sua legittimazione in una arena multipla (Hannigan, 1995, p. 47): quella dei media, quella del governo e quella rilevantissima della comunità scientifica (terza fase).

5. Il costruzionismo ben temperato della teoria culturale del rischio tecnologico-ambientale

  • 9 Vedi, per tutti, Krimsky e Golding, 1992. Sia consentito un rinvio anche a Beato, in corso di stamp (...)

37Molti dei problemi ambientali oggi entrati nell’arena del dibattito pubblico, quand’anche collocati su diversi livelli del ciclo di attenzione, hanno in posizione assolutamente centrale il problema della percezione e dell’accettazione sociale del rischio. Si tratta di un campo di indagine molto affermato internazionalmente ed intorno al quale si è prodotta una miriade di studi e di ricerche. Esso ha anche sollecitato un impegno di studio volto alla costruzione di quadri teorici concernenti l’esperienza sociale del rischio nelle società complesse9. In questa sede sarà sufficiente delineare un semplice abbozzo della più conosciuta teoria costruzionista del rischio (ambientale e tecnologico, sostanzialmente), anche se si tratta, a nostro modo di vedere, di un costruzionismo ben temperato e temperato proprio dalla forza di determinazione del vincolo sociale durkheimiano. La teoria culturale del rischio trova il suo luogo di riferimento ormai obbligato nell’opera dell’antropologa sociale Mary Douglas ma anche nei contributi di altri studiosi a lei intellettualmente vicini per cui si è potuto a ragione parlare di una scuola di pensiero.

38Alla base della teorizzazione culturale del rischio si pone un referente critico costituito da un approccio e da uno stile di ricerca: il modello dell’attore razionale che espunge dal proprio universo scientifico la cultura, l’ideologia, la morale, l’esperienza vissuta, i bias, in definitiva la politica e l’idea di giustizia. Quando lateralizza la cultura, dice Mary Douglas, l’analista del rischio fa proprio il presupposto che tutti gli esseri umani possiedano le stesse risposte e preferenze che sono gelosamente custodite nella filosofia utilitaristica. Gli analisti cui si rivolge l’aspra polemica dell’antropologa sono gli psico-metrici del rischio le cui teorie cognitive non possono essere condivise. L’antropologa inglese ritiene in sostanza che la psiche umana si presenti come una capacità intellettiva in primo luogo sociale.

39Come è ben noto, il nucleo centrale del pensiero di Mary Douglas è da identificare nella metodologia griglia/gruppo che taluni, forse con maggior adeguatezza epistemologica, definiscono come teoria. Vediamone ora la dimensione genetica e la forma costitutiva muovendo dai nessi che legano l’individuo al gruppo sociale inteso in senso macro-strutturale.

40Il discorso teorico dell’antropologa inglese muove criticamente dalla polarizzazione che il pensiero sociologico ha operato tra l’individuo ed il comportamento di gruppo. E tuttavia l’Autrice non si costringe ad una scelta reciprocamente esclusiva tra il polo dell’individualismo metodologico ed il polo olistico dell’istanza collettiva ma assume entrambi come problema di metodo (e di teoria) dichiarandoli esplicitamente compresenti nel lavoro dell’analisi scientifica dei fenomeni sociali. L’agente sociale, in siffatta prospettiva, non ha di fronte un campo sterminato di libertà per la sua azione ma nemmeno una struttura di vincoli immobilizzanti la scelta. Egli possiede invece un orizzonte di possibilità nelle sfere della normatività sociale (prescrizioni) e della dimensione collettiva (gruppo). Appare quindi centrale comprendere come viene concepito il contesto sociale. Va innanzi tutto esplicitato che esso è caratterizzato dalla non rigidità nei confronti dell’individuo nel senso che non emana prescrizioni e regole unilaterali. Ma ciò non basta a qualificare una relazione compiuta tra individuo e società. Precorrendo, a nostro avviso, la teoria della strutturazione sociale di Antony Giddens (vedi Giddens, 1984), la Douglas assegna all’individuo (l’attore sociale di Giddens) una capacità ininterrotta («minuto per minuto») di trasformazione dell’ambiente sociale stesso. Meglio si vedrà, quando verrà illustrata la celeberrima metodologia griglia/gruppo, quali siano il significato ed il ruolo dell’individuo nella struttura e nella dinamica sociale. Si sottolineerà invece fin d’ora l’influenza avuta dall’opera di Durkheim nella costruzione teorica di questa antropologa che vuole trovare un sicuro ancoraggio socio-strutturale ai fenomeni della cultura umana al fine di garantire un solido punto fermo alla quasi infinita negoziabilità degli schemi che quella cultura elabora. Il grande sociologo francese viene infatti esplicitamente richiamato per uno dei suoi concetti fondamentali, quello di coscienza collettiva (vedi Durkheim, 1893, 1912; Durkheim e Mauss, 1903) che agisce sull’individuo stabilendo delle regole, la cui inosservanza comporta sanzioni e punizioni, ed elaborando sistemi di giustificazione. Ed infatti ciascuno schema di ricompense e punizioni «modella» il comportamento individuale. Come si potrà agevolmente notare, ci troviamo di fronte ad una definizione forte del contesto sociale. E tuttavia, anche se viene marcata la cogenza del sociale, l’approccio rimane inequivocabilmente di tipo culturale. Del campo culturale, considerato nella sua globalità, un siffatto modo di porsi verso l’oggetto di indagine sottopone a selezione le credenze ed i valori del soggetto che «...sono derivabili come giustificazioni per l’azione e che [...] formano un’implicita cosmologia» (Douglas, 1982, p. 298 della trad. it.).

  • 10 Abbiamo messo a frutto e rielaborato, nella costruzione di un quadrante tipologico delle razionalit (...)

41Ma come si relaziona più concretamente l’individuo alla società? Nella procedura metodologica elaborata dalla Douglas la dimensione di individuazione viene chiamata «griglia» (grid) e la dimensione di incorporazione sociale viene definita come «gruppo». Vediamone ora i tratti fondamentali sottolineando le implicazioni più rilevanti per una prospettiva analitica concernente il rischio come costruzione socio-culturale10.

42Dalla intersezione dei due assi si generano quattro quadranti tipologici che individuano altrettanti ambienti sociali cui corrispondono razionalità e culture diverse.

43Il primo quadrante (griglia debole, gruppo debole) rappresenta e tipizza l’ambiente sociale dell’individualismo di mercato. La sua figura sociale rappresentativa è da identificare nell’imprenditore capitalistico (ma anche nell’imprenditore politico) sciolto dai vincoli del gruppo, della tradizione, delle prescrizioni consolidate. Per questo esso è un innovatore che ha un suo modo e una sua logica quando seleziona i rischi: preso dall’interesse del rischio economico lateralizza il rischio tecnologico-ambientale. «In tali culture – dice la Douglas – saranno biasimati gli individui che non assumono rischi nel proprio interesse» (1991, p. 11). Si tratta evidentemente di una razionalità e di una cultura autosufficienti.

44Al polo opposto del quadrante si situano tutte le gerarchie (griglia forte, gruppo forte). La figura tipica è qui data dal burocrate che agisce orientato da un gruppo avvolgente ma anche da una forte griglia di prescrizioni sociali. Preso nella logica del suo mandato sociale, il burocrate non prende iniziative poiché esso è per definizione un esecutore di decisioni altrui (applica la legge, gli ordinamenti, le regole organizzative). La sua razionalità è una razionalità tipicamente procedurale.

45I soggetti che si ritraggono dal gruppo, pur mantenendo una forte dipendenza dai prescrittori di norme e di comportamenti (gruppo debole, griglia forte), sono le figure del silenzio. Nascosti nelle loro piccole nicchie autoprotette, rifuggono dalla scena pubblica. Gli isolati – gerarchizzati, atomizzati e disconnessi – sono inguaribilmente fatalisti. La loro cultura del rischio è infatti una cultura eminentemente fatalista. E ciò vuol dire innanzi tutto che l’evento negativo è considerato come semplicemente ineluttabile. Tutto può accadere e non vale la pena impegnarsi.

46Quale razionalità orienta quell’ambiente sociale che per così dire rifiuta tutte e tre le sfere sociali e le concezioni del mondo e della vita fin qui fuggevolmente delineate? Nella situazione di gruppo forte e griglia debole può essere collocato il mondo del dissenso politico e sociale e quindi anche l’ambientalismo militante come interprete moderno della cultura di setta. Tale cultura rifiuta l’individualismo imprenditivo e l’individualismo dell’isolato. Essere ai margini della società implica innanzi tutto una coscienza netta di quella che con linguaggio luhmanniano chiameremo la distinzione sistema-ambiente ma soprattutto implica un’azione di claims-making non compromissoria che denuncia il rischio tecnologico-ambientale il quale viene sovente amplificato.

  • 11 Deve essere sottolineato che la teoria culturale del rischio, accanto a vasti consensi, ha anche su (...)

47Qual è stato il contributo specifico fornito11 dalla teoria culturale alle teorie sociologiche che hanno assunto la nuova categoria del rischio e le sue dimensioni empirico-comportamentali come oggetto di ricerca?

48La sua tesi di base può essere espressa nel modo seguente: i rischi vengono definiti, percepiti e selezionati dalle persone, dai gruppi e dalle istituzioni in modo diverso corrispondentemente alla loro collocazione in diversi contesti sociali e culturali. Ciò significa che il rischio costituisce il prodotto di una costruzione sociale.

49A differenza di molti commentatori che catalogano senza problemi la ricerca della Douglas all’interno della poliedrica famiglia delle epistemologie costruttiviste (per tale poliedricità vedi l’utile lavoro di sintesi di Le Moigne, 1995), ci sia consentito sostenere che un fondamentale motivo di interesse della teorizzazione di Mary Douglas e della sua scuola risiede nel tentativo di conciliare le istanze progettuali e generatrici di realtà dell’attore individuale con la forza di condizionalità della coscienza collettiva la quale, d’altro canto, costituisce anche il solido fondamento delle configurazioni culturali. A ragione è stato rivendicato, con riferimento alla teoria culturale, un relativismo vincolato (constrained relativism) il cui programma scientifico è indubbiamente quello di rigettare contemporaneamente l’unilateralità ingenuamente oggettivista del cosiddetto realismo ed il soggettivismo estremo del costruzionismo rescisso da ogni vincolo sociale (vedi Thompson, Ellis, Wildavsky, 1990, p. 25).

6. Verso un costruzionismo contestuale?

50È possibile superare l’antinomia costruzionismo/oggettivismo che, come tanti altri dualismi ossificati della sociologia, rischia di minare alla base la giovane scienza sociale del rapporto natura-società che chiamiamo sociologia dell’ambiente? Il dibattito internazionale suggerisce un certo ottimismo, anche se le cautele sono a nostro avviso d’obbligo visto che il nucleo centrale della discussione non sembra affatto accademico ma penetra alle radici della sostanza stessa della sociologia come scienza della società. Se è innegabile, come sostiene Luhmann (1986), che l’ambiente diviene un problema della sociologia quando esso acquista «risonanza sociale» è altrettanto innegabile che il rapporto critico ambiente-società pre-esiste al pur rilevante discorso pubblico e soprattutto al discorso scientifico dell’analista. D’altro canto le attività definizionali degli attori sociali come possono costituirsi, e soprattutto essere scientificamente descritte ed interpretate, in assenza di ogni riferimento alle condizioni sociali ed ambientali che non bisogna temere di definire oggettive? Il problema qui fuggevolmente delineato richiama le due classificazioni del costruzionismo sociale elaborate nel contesto di una nuova auspicabile teoria dei social problems. Due sono le versioni contemporanee del costruzionismo sociale. Una che si potrebbe definire del costruzionismo stretto, l’altra che può essere chiamata del costruzionismo contestuale (vedi Best, 1989).

51Si è visto quale sia il contenuto della definizione strutturale dei problemi sociali in quanto ambiti della teoria sociologica: l’essenza del problema sociale risiede nelle condizioni sociali oggettive che sono fonte di minaccia e di preoccupazione per l’individuo e per la società. La posizione detta oggettivista si oppone ad ogni prospettiva costruzionista. Quest’ultima, a sua volta, si articola nei due costruzionismi sopra richiamati. Si sosterrà in questa sede l’ipotesi che l’approccio contestuale può costituire una linea di interconnessione nella difficile opera di integrazione e/o di superamento del dualismo tra l’approccio strutturale e quello definizionalista.

52L’asse di differenziazione tra le due prospettive costruzioniste risiede nel ruolo dell’analista-sociologo e concerne la condizione se egli debba o non debba avanzare giudizi di valore (ma secondo noi soprattutto di fatto) intorno alle rivendicazioni (claims) ed alle definizioni che gli attori sociali formulano in relazione alle attività che costituiscono il problema sociale. Deve o non deve l’analista monitorare la validità delle asserzioni del soggetto partecipante? La prospettiva del costruzionismo contestuale asserisce la necessità di tale controllo. Le definizioni-domande dell’attore debbono essere confrontate con la natura delle condizioni sociali così come vengono documentate dalla scienza sociale. Tale operazione è parte integrante dell’analisi dei problemi sociali.

53L’approccio soggettivista ritiene arbitrario ogni ricorso ad attività valutative-comparative dell’osservatore poiché ciò lo pone «al di fuori» della situazione sociale indagata. Le condizioni sociali veramente reali sono soltanto le attività di claims-making. Come è stato sottolineato, gli oggetti dell’approccio costruzionista-contestuale e quelli del costruzionismo radicale finiscono per assumere delle realtà differenti poiché si riferiscono a «very different things» (Best, 1989, p. xviii). In sostanza nel costruzionismo rigido ciò che veramente conta è il giudizio soggettivo, cioè le varie forme di claims-making (ad esempio l’affermazione che X è un problema sociale e tutti i modi argomentativi capaci di sostenerlo-dimostrarlo). Il costruzionista radicale ritiene in definitiva di non dover fare nessuna assunzione in relazione alla realtà oggettiva. Ciò che davvero costituisce il focus della sua analisi risiede in ciò che gli attori dicono intorno a questa realtà.

54Si può conclusivamente osservare che il lavoro di ricomposizione-integrazione si presenta indubitabilmente arduo soprattutto quando si pensi che è necessario mettere in sintonia lo strutturalismo politico-economico (ad es. Schnaiberg), l’oggettivismo ecologico e causalista del New Ecological Paradigm, il costruzionismo sociale, anche se nelle sue versioni più vicine al contesto sociale e storico. E tuttavia taluni orientamenti della sociologia dell’ambiente statunitense (vedi ad es. Buttel, 1996) invitano a muoversi verso tale direzione. D’altro canto una più convinta assunzione dell’agire politico può arricchire l’insieme delle prospettive sopra richiamate. Un lavoro relativamente recente (vedi Murphy, 1994) elabora una teoria neo-weberiana che configura una «ecologia dell’azione sociale» che non riduce la sociologia dell’ambiente all’analisi delle costruzioni e delle percezioni sociali ma nemmeno alla nuova ecologia umana bio-centrica ed indifferente nei confronti dell’analisi del potere. Deve essere inoltre sottolineato che anche i sostenitori di un costruzionismo non rescisso di nessi con i «fatti sociali» (vedi Hannigan, 1995) prospettano una inserzione più esplicita delle relazioni di potere nell’analisi del nesso ambiente-società.

55È probabile che il bridge che ormai molti auspicano tra l’attore ed il sistema (sociale ma anche ambientale) debba essere ricercato nella trama complessa dei network dell’agire politico. Per questa via si potrà forse aprire una porta d’accesso alla elaborazione di una sociologia delle politiche pubbliche ambientali che non prenda in esame soltanto gli attori sociali più visibili nell’arena intermittente e conflittuale del dibattito pubblico ambientale.

56Uno dei modi più interessanti ai fini di un rinnovamento e di un affinamento analitico degli studi di sociologia dell’ambiente è da vedere, a nostro avviso, nell’elaborazione e nell’applicazione, da parte degli attori sociali claims-makers, di strategie retoriche volte alla persuasione dell’uditorio al quale si richiede di modificare le proprie opinioni. In questa prospettiva acquista rilevanza la ricerca sui sistemi di argomentazione adottati che ci consentono di cogliere, finanche negli stili espressivi, l’identità dell’attore sociale coinvolto, i suoi modi di relazionarsi all’alter individuale e collettivo e, soprattutto, il senso riposto della sua azione. Ma qui si aprono degli interrogativi che reclamano l’analisi della distribuzione del potere: qual è l’esito pratico delle pur elaborate strategie retorico-argomentative? Il lungo ed impegnativo processo di costruzione del problema ambientale produce una «risposta» adeguata alla sua rilevanza? Perché taluni problemi diventano efficace politica pubblica ed altri sono perennemente destinati alla fase del claims-making process, vale a dire in buona sostanza all’insuccesso politico? Quali forze sociali e politiche si oppongono di fatto alla concreta implementazione di una particolare policy ambientale che ha pur superato la fase della decisione pubblica e quindi della legittimazione formale? (si pensi solo al caso italiano!). Non basta davvero ad una sociologia del rapporto ambiente-società la descrizione anche approfondita degli attori sociali coinvolti (corsi di azione, intenzionalità, definizioni, percezioni, concezioni, bias, ecc.): è necessario «sorreggere» tutto questo lavoro dell’attore analizzando il contesto sociale, politico e storico (ma anche bio-fisico) nel quale esso si esplica. Un costruzionismo senza l’analisi delle reti di potere (politico, economico, simbolico-culturale, ecc.) è vuoto; un oggettivismo che pone ai margini della ricerca l’attore sociale e le sue attività semantico-definizionali è cieco.

Torna su

Bibliografia

Beato F. (1997), Crisi ambientale, sviluppo sostenibile, equità, in Trapanese E. (a cura di), Sociologia e modernità. Problemi di storia del pensiero sociologico, Roma, La Nuova Italia Scientifica, pp. 217-244.

Id. (19982), Rischio e mutamento ambientale globale. Percorsi di sociologia dell’ambiente, Milano, Angeli.

Id. (in corso di stampa), Le teorie sociologiche del rischio, in De Nardis P. (a cura di), Le nuove frontiere della sociologia, Roma, La Nuova Italia Scientifica.

Beck U. (1986), Risikogesellschaft. Auf dem Weg in eine andere Moderne, Frankfurt am Main, Suhrkamp Verlag; trad. ingl. Risk Society. Toward a New Modernity, London, Sage, 1992.

Best J. (ed.) (1989), Images of Issues: Typifyng Contemporary Social Problems, New York, Aldine de Gruyter.

Buttel F. H. (1986), Sociologie et environnement: la lente maturation de l’écologie humaine, «Revue internationale des sciences sociales», XXXVIII, 3, pp. 359-369.

Id. (1987), New Directions in Environmental Sociology, «Annual Review of Sociology», 13, pp. 465-488.

Id. (1996), Environmental and Resource Sociology: Theoretical Issues and Opportunities for Synthesis, «Rural Sociology», 61, 1, pp. 56-76.

Buttel F., Taylor P. (1992), Environmental sociology and global environmental change: A critical assessment,«Society and Natural Resources», 5, 3, pp. 211-230.

Capek S. M. (1993), The «environmental justice» frame: A conceptual discussion and an application, «Social Problems», 40, pp. 5-24.

Catton W. R. Jr. (1980), Overshoot. The Ecological Basis of Revolutionary Change, Urbana, University of Illinois Press.

Catton W. R. Jr., Dunlap R. E. (1978), Environmental Sociology: a New Paradigm, «The American Sociologist», 13, 1, pp. 41-49.

Id. (1980), A New Ecological Paradigm for Post-Exuberant Sociology, «American Behavioral Scientist», 24, 1, pp. 15-47.

Commoner B. (1971), The Closing Circle, New York, Knopf; trad. it. Il cerchio da chiudere, Milano, Garzanti, 1972.

Douglas M. (1970), Natural Symbols: Explorations in Cosmology, London, Barrie and Rockiff; Harmondsworth, Penguin; trad. it. I simboli naturali. Sistema cosmologico e struttura sociale, Torino, Einaudi, 1979.

Id. (1982), In the Active Voice, London, Routledge & Kegan Paul; trad. it. parziale Antropologia e simbolismo. Religione, cibo e denaro nella vita sociale, Bologna, Il Mulino, 1985.

Id. (1985), Risk Acceptability According to the Social Sciences, New York, Russel Sage Foundation; trad. it. Come percepiamo il pericolo. Antropologia del rischio, Milano, Feltrinelli, 1991.

Id. (1991), Introduzione all’edizione italiana a Idem., Come percepiamo il pericolo. Antropologia del rischio, Milano, Feltrinelli, pp. 7-14. La traduzione italiana è stata condotta su Douglas M., 1985.

Douglas M., Wildavsky A. (1982), Risk and Culture. An Essay on the Selection of Technical and Environmental Dangers, Berkeley, Los Angeles, London, University of California Press.

Duclos D. (1994), Quand la tribu des modernes sacrifie au Dieu risque, «Déviance et Société», 18, 3, pp. 354-364.

Dunlap R. E. (1980), Paradigmatic Change in Social Science, «American Behavioral Scientist», 24, 1, pp. 5-14.

Id. (1982), Ecological Limits: Societal and Sociological Implications, «Contemporary Sociology», 11, pp. 153-160.

Id. (1992), From Environmental to Ecological Problems, in Calhoun C., Ritzer G. (eds.), Social Problems, New York, McGraw-Hill, pp. 707-737.

Id. (1994), Limitations of the social constructionist approach to environmental problems, Paper presented to the XIIIth World Congress of Sociology, Bielefeld, Germany.

Dunlap R. E., Catton W. R. Jr. (1979), Environmental Sociology, «Annual Review of Sociology», 5, pp. 243-273.

Id. (1992/3), Towards an ecological sociology: the development, current status, and probable future of environmental sociology, «The Annals of International Institute of Sociology», 3, pp. 263-284.

Dunlap R. E., Mertig A. G. (eds.) (1992), American Environmentalism. The U. S. Environmental Movement, 1970-1990, Philadelfia, Washington, London, Taylor & Francis.

Dunlap R. E., Michelson W. (in press), Handbook of Environmental Sociology, Westport, Greenwood Press.

Durkheim E. (1893), De la division du travail social, Paris, Alcan; trad. it. La divisione del lavoro sociale, Milano, Edizioni di Comunità, 1977.

Id. (1895), Les règles de la méthode sociologique, Paris, PUF, 1990; trad. it. Le regole del metodo sociologico, Milano, Edizioni di Comunità, 1963.

Id. (1912), Le formes élémentaires de la vie religieuse, Paris, Alcan; trad. it. Le forme elementari della vita religiosa, Milano, Edizioni di Comunità, 1982.

Durkheim E., Mauss M. (1903), De quelques formes primitives de classification: contribution a l’étude des représentations collectives, «L’Année sociologique», VI, pp. 1-72; trad. it. in Durkheim E., Hubert H. e Mauss M., Le origini dei poteri magici, Torino, Boringhieri, 1977, pp. 15-92.

Ehrlich P. R., Ehrlich A. H. (1972), Population, Resources, Environment: Issues in Human Ecology, San Francisco, W. H. Freeman.

Freudenburg W. R., Pastor S. (1992), Public responses to technological risk: Toward a sociological perspective, «The Sociological Quarterly», 33, pp. 389-412.

Funtowicz S. O., Ravetz J. R. (1985), Three Types of Risk Assessment: A Methodological Analysis, in Covello V. T., Mumpower J. L., Stallen P. J. M., Uppuluri V. R. R. (eds.), Environmental Impact Assessment, Technology Assessment, and Risk Analysis. Contributions from the Psychological and Decision Sciences, Berlin, Heidelberg, Springer-Verlag, pp. 831-848.

Giddens A. (1984), The Constitution of Society, Cambridge, Polity Press; trad. it. La costituzione della società. Lineamenti di teoria della strutturazione, Milano, Edizioni di Comunità, 1990.

Green J. (1997), Risk and Misfortune: A Social Construction of Accidents, London, UCL Press.

Guba E. G., Lincoln Y. S. (1994), Competing Paradigms in Qualitative Research, in Denzin N., Lincoln Y. S. (eds.), Handbook of Qualitative Research, London, Sage, pp. 105-117.

Hannigan J. A. (1995), Environmental Sociology: A Social Constructionist Perspective, London and New York, Routledge.

Hardin G. (1968), The tragedy of the commons, «Science», 162, pp. 1243-1248.

Klausner S. Z. (1971), On Man in His Environment, San Francisco, Jossey-Bass.

Krimsky S., Golding D. (eds.) (1992), Social Theories of Risk, Westport and London, Praeger Publishers.

Le Moigne J.-L. (1995), Les épistémologies constructivistes, Paris, PUF.

Luhmann N. (1986), Ökologische Kommunikation. Kann die moderne gesellschaft sich auf ökologische Gefährdungen einstellen?, Opladen, Westdeutscher Verlag Gmbh; trad. it. Comunicazione ecologica. Può la società moderna adattarsi alle minacce ecologiche?, Milano, Angeli, 1989.

Merton R. H., Nisbet R. A. (1971), Contemporary Social Problems, 3rd edn., New York, Harcourt Brace World.

Murphy R. (1994), Rationality and Nature: A Sociological Inquiry into a Changing Relationship, Boulder, Westview Press.

Rayner S. (1992), Cultural Theory and Risk Analysis, in Krimsky S., Golding D. (eds.), Social Theories of Risk, Westport and London, Praeger Publishers, pp. 83-115.

Schnaiberg A. (1975), Social synteses of the societal-environmental dialectic: the role of distributional impacts, «Social Science Quarterly», vol. 56, pp. 5-20.

Id. (1980), The Environment. From Surplus to Scarcity, New York, Oxford University Press.

Schnaiberg A., Gould K. A. (1994), Environment and Society. The Enduring Conflict, New York, St. Martin’s Press.

Schneider J. W. (1985), Social Problems Theory: The Constructionist View, «Annual Review of Sociology», 11, pp. 209-229.

Schwarz M., Thompson M. (1990), Divided We Stand. Redefining Politics, Technology and Social Choice, Hemel Hempstead, Harvester Wheatsheaf; trad. it. Il rischio tecnologico. Differenze culturali e azione politica, Milano, Edizioni Guerini e Associati, 1993.

Solesbury W. (1976), The environmental agenda: An illustration of how situations may become political issues and issues may demand responses from government or how they may not, «Public Administration», 54, pp. 379-397.

Spector M., Kitsuse J. I. (1973), Social problems: A Reformulation, «Social Problems», 20, pp. 145-159.

Id. (1977), Constructing Social Problems, Menlo Park, CA, Cummings.

Thompson M., Ellis R., Wildavsky A. (1990), Cultural Theory, Boulder e Oxford, Westview Press.

Yearley S. (1992), The Green Case: A Sociology of Environmental Issues, Arguments and Politics, London, Routledge.

Id. (1996), Sociology, Environmentalism, Globalization, London, Sage.

Torna su

Note

1 Sull’affermazione di nuove prospettive teoriche nel campo della sociologia dell’ambiente vedi l’interessante analisi di Buttel (1996) che guarda al più ampio contesto extra-disciplinare. Si leggano, dello stesso Autore, anche le due ottime rassegne critiche (1986 e 1987) sulla nuova scienza sociale dell’ambiente.

2 Vedi Schnaiberg, 1975; 1980; Schnaiberg e Gould, 1994.

3 La letteratura su questo dibattito, tutt’altro che spento, è ormai sterminata. Basti qui segnalare i riferimenti bibliografici più noti: Commoner, 1971; Ehrlich e Ehrlich, 1972; Hardin, 1968. Per una rivisitazione sociologica si veda anche Dunlap, 1992.

4 Vedi Catton, 1980; Catton e Dunlap, 1978; 1980; Dunlap, 1980; 1982; 1992; 1994; Dunlap e Catton, 1979; 1980; 1992/3; Dunlap e Mertig, 1982; Dunlap e Michelson, in press.

5 L’età dell’abbondanza parte dalla scoperta dell’America e dura circa 400 anni, fino a quando cioè si afferma la consapevolezza pubblica che siamo entrati in una fase storica di scarsità (vedi Catton e Dunlap, 1980).

6 Vedi, per una esposizione più completa intorno al sistema di assunzioni del nuovo paradigma eco-sociologico, Catton e Dunlap, 1980, soprattutto alle pp. 31-37. Sia consentito inoltre un rinvio a Beato, 19982.

7 «La cause déterminante d’un fait social doit être cherchée parmis les faits sociaux antécédents, et non parmi les états de la conscience individuelle» (Durkheim, 1895, p. 109 della trad. it. 1990).

8 Hannigan, 1995, p. 35, chiosando il pensiero di Spector e Kitsuse, ritiene che «...claims were complaints about social conditions which members of a group perceived to be offensive and undesirable». A nostro modo di vedere il termine claim sintetizza il significato polidimensionale di rivendicazione di un diritto, richiesta, lamentela, istanza sociale, protesta, denuncia, esigenza, domanda sociale (ad esempio la cosiddetta «domanda sociale di ambiente»). Gli stessi Autori forniscono esempi di concrete pratiche sociali al fine di illustrare il contenuto del claims-making process. Tali pratiche sono: richiedere servizi sociali, organizzare sottoscrizioni, fare esposti, intraprendere azioni legali, organizzare conferenze stampa, scrivere lettere di protesta, opporsi alle politiche pubbliche dei governi o sostenerle, ecc. (vedi inoltre Schneider, 1985, al quale si rinvia anche per una accurata rassegna delle ricerche).

9 Vedi, per tutti, Krimsky e Golding, 1992. Sia consentito un rinvio anche a Beato, in corso di stampa.

10 Abbiamo messo a frutto e rielaborato, nella costruzione di un quadrante tipologico delle razionalità dei soggetti percettori del rischio, i lavori di Douglas, 1970, 1982; Duclos, 1994; Rayner, 1992; Schwarz e Thompson, 1990.

11 Deve essere sottolineato che la teoria culturale del rischio, accanto a vasti consensi, ha anche suscitato critiche argomentate (per una rassegna, vedi Rayner, 1992). In relazione alla collocazione dell’ambientalismo contemporaneo assimilato arbitrariamente, secondo alcuni, alla setta basterà qui citare il contributo critico di Funtowicz e Ravetz (1985).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Fulvio Beato, « I quadri teorici della sociologia dell’ambiente tra costruzionismo sociale e oggettivismo strutturale »Quaderni di Sociologia, 16 | 1998, 41-60.

Notizia bibliografica digitale

Fulvio Beato, « I quadri teorici della sociologia dell’ambiente tra costruzionismo sociale e oggettivismo strutturale »Quaderni di Sociologia [Online], 16 | 1998, online dal 30 novembre 2015, consultato il 30 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1520; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1520

Torna su

Autore

Fulvio Beato

Facoltà di Sociologia - Università «La Sapienza», Roma

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search