Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri16note criticheModernizzare la politica: il caso...

note critiche

Modernizzare la politica: il caso delle politiche ambientali

Sergio Scamuzzi
p. 111-113

Testo integrale

1Istituzionalizzare il mutamento è uno dei cardini della modernizzazione che in politica vuol dire sviluppare istituzioni in grado di incanalare la partecipazione e offrire risposte di governo, secondo una concezione classica ben nota. Se modernizzare le politiche può quindi voler dire istituzionalizzare la capacità innovativa necessaria a risolvere problemi che vengono man mano socialmente costruiti come oggetto di trattamento del sistema politico, le politiche ambientali rappresentano un caso di studio di grandissimo interesse. Dobbiamo perciò essere grati a Rodolfo Lewanski di offrirci nel suo recente volume Governare l’ambiente. Attori e processi della politica ambientale (Bologna, il Mulino, 1997) un’esposizione sistematica di tali politiche ispirata a questa chiave interpretativa.

2Andando oltre il testo, ma pescando in esso a piene mani, ricapitoliamo alcune buone ragioni per tale chiave.

 

3Se problemi ambientali sono stati posti all’attenzione pubblica qua e là nella storia, a cominciare forse da quell’editto che nel 1341 impedì ai fabbri in alcuni paesi tedeschi di bruciare antracite il cui fumo danneggiava la vegetazione, certamente l’emergenza divenuta issue politica dei disastri ambientali è fenomeno più recente, all’origine di nuove istituzioni (ministeri, agenzie) e politiche ambientali in Italia e all’estero, e collegata al maggiore impatto sull’ambiente dell’industrializzazione rispetto ad altri modi di produrre. Le prime leggi riguardarono per es. lo smog e la legislazione – che nel caso italiano l’A. ricostruisce anche puntualmente (v. la bella sinossi alle pp. 54-59) – appare poi evolversi da singoli provvedimenti isolati ad una rete interconnessa di interventi.

 

  • 1 Un caso interessante è studiato da M. Cardano, Lo specchio, la rosa e il loto, Roma, Seam, 1997.

4Entra in gioco a questo punto un mutamento culturale tipicamente moderno, parallelo al ben noto shift dal materialismo al postmaterialismo, che è l’affermazione anche nella cultura politica e grazie a nuovi soggetti (partiti e movimenti fioriti dagli anni 70, essendo forse il primo stato fondato in Nuova Zelanda nel 1973) del paradigma ambientale su quello sviluppista, l’uno a favore della compatibilità tra sviluppo e ambiente e l’altro contrario o indifferente ad essa. È interessante notare che tale shift culturale si sovrappone a quello politico tra destra e sinistra in paesi un po’ più arretrati come l’Italia – a gustose osservazioni si prestano posizioni e decisioni politiche in materia ambientale di esponenti di Alleanza Nazionale, Forza Italia o del vecchio Partito Liberale – mentre si è affermato anche tra i conservatori o è comunque trasversale al cleavage destra/sinistra in paesi più avanzati, come la Germania. La stessa cultura ambientalista sembra modernizzarsi al suo interno evolvendo verso una declinazione più pragmatica e meno fondamentalista del paradigma, pur resistendovi manifestazioni a loro volta riconducibili a classici backlash della modernità1.

  • 2 R.Lewanski, Gli stili nazionali della politica ambientale, in S. Scamuzzi (a cura di) Costituzioni, (...)

5Ma entra in gioco anche un indicatore preciso e dirimente di modernizzazione politica, consistente nello stile politico che diventa da reattivo e frammentato proattivo e sistematico, responsabile e non rituale. Ciò indica precisamente una raggiunta capacità istituzionalizzata di assunzione e trattazione del problema – l’efficace tipologia accennata dall’A. in questo libro era stata più ampiamente sviluppata e documentata comparativamente in un altro nei suoi numerosi studi2. Anche in questo caso il confronto internazionale mostra quanto recente sia l’assunzione di questo stile e quanto lontana ancora da parte del sistema politico italiano, malgrado una serie di significativi progressi compiuti.

 

6Le politiche ambientali sono politiche nuove e «moderne», anzi per certi aspetti di tarda modernità, anche perché al loro studio ben si adattano modelli del policy making «postpartitico» e «poststatuale» che ne fanno casi esemplari di queste più recenti forme della politica nelle società modernizzate. Esse infatti vedono tra gli attori un ruolo centrale dei gruppi d’interesse e derivano il loro carattere pubblico dal problema trattato – l’ambiente è bene pubblico e collettivo in senso forte – e non dal soggetto che lo tratta, essendo spesso l’amministrazione pubblica solo uno dei tanti soggetti del processo decisionale che vede invece un’ampia partecipazione pluralistica. L’attivazione del processo, quando vengono toccati aspetti distributivi di costi, vincoli e risorse che suscitano reazioni di difesa o strategie di appropriazione anche trasversali ai partiti, ove esistano, e particolarmente evidente in Italia dove costituisce forse l’unico vero momento di mobilitazione di attenzione all’ambiente da parte della maggioranza delle istituzioni politiche mentre in altri paesi anche altri momenti sono importanti. Ciò non rende certo tale processo politico più adeguato ad affrontare i problemi sul tappeto, essendo la questione ambientale per sua natura dotata di costi certi e immediati a fronte di benefici diffusi e dilazionati. Una difficoltà ulteriore della realtà italiana e che presenta reticoli frammentati di conflitti instabili, tali da estremizzare il pluralismo dei soggetti e la volatilità delle decisioni.

 

  • 3 Tra loro W. van den Daele et al. (a cura di) Geplante Forschung, Frankfurt, Suhrkamp, 1979 e L. Gal (...)

7Tra i soggetti delle politiche pubbliche ambientali in genere spicca il ruolo degli scienziati e degli esperti, più che in altre politiche che trattano problemi più visibili e immediatamente accessibili al senso comune, e riemerge così spesso la tentazione di un trattamento tecnocratico del problema, abbastanza regolarmente rintuzzata dall’esperienza reale. Tale fenomenologia è un terreno di falsificazione eccellente della teoria della scientificizzazione della politica come cardine della modernità comtiana e può essere una verifica dell’opposta teoria della secolarizzazione radicale e di cambiamenti radicali di modelli del mondo e del sapere, che investe anche la scienza del Novecento nella sua natura epistemologica e nella sua avalutatività Ben pochi sociologi della scienza se ne sono accorti appieno3.

  • 4 A. Giddens, Conseguenze della modernità, Bologna, il Mulino, 1990, cap. v.

8Di un ulteriore tratto della modernizzazione avanzata la politica ambientale è osservatorio quasi privilegiato: la globalizzazione. Globale per eccellenza, oltre che pubblico, è l’ambiente naturale in molte sue manifestazioni. La dimensione internazionale della politica ambientale, oggetto di ampia trattazione nel volume di Lewanski (capp. vi e vii), dovrebbe essere la risposta adeguata a questa natura del problema. Alcuni accordi e protocolli di cooperazione internazionale, per es. sulle piogge acide, sull’ossido di azoto e i componenti gas volatili dell’aria, tracciano la strada, malgrado l’anarchia internazionale tolga ad essi efficacia cogente, li renda soft law per un termine tecniche a dire il vero non poco eufemistico. La sicurezza ambientale subentra alla sicurezza militare e sale di rilevanza nell’agenda internazionale, nota il nostro autore, e così si realizza quel paradigma di postmodernità che Giddens traccia come sbocco della modernizzazione4. Lo spostamento dei poteri dagli stati nazionali verso livelli di governo più elevati, come quello europeo, o più bassi, come le regioni, ha nella politica ambientale una delle sue principali manifestazioni, come testimoniano precisi indicatori quali la produzione normativa sempre più orientata da questi livelli anche negli stati nazionali e l’azione dei gruppi di pressione, spostatisi a livello europeo, come ben dimostra il caso della fissazione degli standard di emissione dei veicoli e dei relativi conflitti.

 

9La modernizzazione (ecologica) può diventare per Lewanski una possibile idea guida di un progetto in grado di coagulare consensi e produrre migliori prestazioni, sull’onda dell’esempio tedesco, per un patto tra gruppi d’interesse economici e movimento ambientalista per obiettivi di Economy, Environment and Equity. Ma non si tratta di un processo spontaneo: volontà politiche precise in campo culturale e nei confronti della pubblica amministrazione sono necessarie ad animarlo. Un tale giacobinismo pluralista, espressione non certo usata dal nostro autore, sempre molto sobrio anche nelle conclusioni prescrittive, può rafforzare la domanda ambientale, assai eterodeterminata (dall’Unione Europea) nel caso italiano, e l’offerta, prodotta da un’amministrazione che si auspica meglio dotata di risorse economiche e umane (i vari specialismi richiesti) e orientata ai risultati più che al formalismo dei mezzi e delle norme, capace di apprendere innovazioni, integrare politiche, negoziare con la società civile, al modo in cui vari esempi di paesi europei e gli Stati Uniti insegnano.

 

10Considerazioni come queste propongono al lettore un ulteriore esercizio sulla modernizzazione, sia pure estrinseco alla questione ambientale, consistente nell’applicazione del medesimo approccio ad altre policies, oggetto di attenzione selettiva di alcuni volumi di una nuova collana del Mulino da poco lanciata. Si potrebbero scoprire facilmente delle analogie nei limiti del loro modus operandi, forme diverse della stessa arretratezza sulla strada della modernizzazione che richiede un rilancio nel caso italiano, rilancio invece già in parte avvenuto o in corso in altri paesi europei. La politica ambientale, con tutte le sue caratteristiche istituzionali così ben trattate in questo volume, è uno specchio fedele del deficit di modernizzazione di tutto il sistema politico italiano e delle possibilità e vie della modernizzazione in corso nei sistemi politici delle società avanzate, ben lontano dalle previsioni d’inevitabile declino della politica o diffusione dell’impoliticità d’impronta postmoderna.

Torna su

Note

1 Un caso interessante è studiato da M. Cardano, Lo specchio, la rosa e il loto, Roma, Seam, 1997.

2 R.Lewanski, Gli stili nazionali della politica ambientale, in S. Scamuzzi (a cura di) Costituzioni, razionalità, ambiente, Torino, Bollati Boringhieri, 1996.

3 Tra loro W. van den Daele et al. (a cura di) Geplante Forschung, Frankfurt, Suhrkamp, 1979 e L. Gallino, Modelli del mondo e mappe cognitive negli indicatori socioambientali, in Istituto per l’Ambiente, Rapporto finale dell’indagine su indicatori socioambientali, Milano, 1996.

4 A. Giddens, Conseguenze della modernità, Bologna, il Mulino, 1990, cap. v.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Sergio Scamuzzi, « Modernizzare la politica: il caso delle politiche ambientali »Quaderni di Sociologia, 16 | 1998, 111-113.

Notizia bibliografica digitale

Sergio Scamuzzi, « Modernizzare la politica: il caso delle politiche ambientali »Quaderni di Sociologia [Online], 16 | 1998, online dal 30 novembre 2015, consultato il 26 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1531; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1531

Torna su

Autore

Sergio Scamuzzi

Dipartimento di Scienze Sociali - Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search