Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri14teoria e ricercaKarl Popper: la scienza a un solo...

teoria e ricerca

Karl Popper: la scienza a un solo livello

Francesca Rodolfi
p. 99-119

Testo integrale

1. Premessa: i ‘livelli di focalizzazione’ del discorso sulla scienza1

  • 1 Da tempo nei suoi corsi universitari e post-universitari Alberto Marradi richiama l’attenzione su q (...)

11. Questo saggio propone una rilettura critica del pensiero epistemologico di Karl Popper, con un taglio analitico diverso da quello adottato nella maggior parte dei contributi critici che si trovano in letteratura, e tale da produrre conseguenze rilevanti e dirette per la ricerca sociale.

2La diversità risiede nella scelta del «livello di focalizzazione» come il criterio analitico meglio adatto a caratterizzare il pensiero dell’epistemologo austriaco e a differenziarlo dagli altri. La rilevanza di questa scelta per i problemi metodologici della ricerca sociale verrà mostrata nelle Conclusioni.

3Per illustrare cosa intendiamo per ‘livello di focalizzazione’ richiameremo una recente distinzione fra «pre-asserti» e asserti come strumenti di pensiero (Marradi 1994, par. 3). Per asserto si intende comunemente ogni formulazione che può essere pensata come vera o falsa (quindi per esempio una legge, o una teoria di tipo non gerarchico – una delle principali accezione del termine ‘teoria’).

4Per «pre-asserti» Marradi intende formulazioni che non possono essere pensate come vere o false – quindi i concetti e gli altri oggetti cognitivi che possono essere considerati il frutto di operazioni mentali sull’intensione/estensione dei concetti: le classi, i tipi e i taxa. Il termine ‘pre-asserti’ sottolinea il fatto che questi elementi sono combinati per formare asserti (e che gli asserti sono quindi composti da questi elementi).

5Questi sono i primi due livelli individuabili nella sfera del pensiero. Livelli successivi sono – come vedremo – le reti o sistemi di asserti, i paradigmi, e così via. Prima di approfondire il discorso sui livelli di focalizzazione è opportuno sottolineare che la preferenza per un determinato livello, e per gli oggetti cognitivi situati a quel livello, comporta conseguenze rilevanti sul piano della visione della scienza. È la natura dell’oggetto cognitivo ritenuto centrale, e il relativo livello di generalità privilegiato, che stabiliscono la priorità di alcuni problemi su altri e che in buona parte determinano anche le soluzioni date a quei problemi.

6A nostro avviso la riflessione di Popper sulla conoscenza scientifica e sulla sua crescita si colloca – seguendo l’impostazione tradizionale dell’epistemologia – al livello dei singoli asserti. A questo livello è pertinente il principio di verità/falsità: un asserto scientifico infatti afferma qualcosa intorno alla realtà ed è pertanto sottoponibile ad un controllo empirico quanto alla sua verità/falsità.

  • 2 Enunciati, proposizioni, leggi, ipotesi, teorie, a seconda dei termini privilegiati dai diversi aut (...)

7Popper affronta i temi più importanti – dal problema della demarcazione della scienza alla caratterizzazione del suo processo di sviluppo e alla natura della pratica di ricerca – a partire dal livello dei singoli asserti2. La proposta falsificazionista si colloca interamente a quel livello.

  • 3 I contributi dei principali esponenti di queste due tendenze interpretative del pensiero dell’epist (...)

8Non a caso anche in letteratura la tendenza a interpretare l’epistemologia di Popper avvicinandola al polo costituito dagli empiristi logici prevale sulla tendenza a collocare il suo contributo sul versante della cosiddetta nuova filosofia della scienza3.

 

92. Allo scopo di chiarire il concetto di livelli di focalizzazione è utile svolgere per brevi cenni un’analisi comparata della natura degli oggetti cognitivi privilegiati nelle concezioni di altri epistemologi, come Lakàtos, Kuhn e Laudan, che nel dibattito critico vengono abitualmente contrapposti a Popper.

10Lakàtos ha colto l’importanza del livello di generalità cui si collocano le diverse concezioni sulla scienza e, pur non tematizzando questo aspetto in modo esplicito, si è mostrato consapevole del fatto che il diverso livello cui sono collocate la sua visione e quella di Popper è un aspetto fondamentale del loro confronto intellettuale. L’epistemologo ungherese ha preso le distanze dallo instant fallibilism popperiano e ha ampliato il focus della riflessione sulla conoscenza scientifica ponendo al centro della sua visione un oggetto cognitivo situato ad un livello di generalità più alto di quello proprio del singolo asserto: il programma di ricerca (Lakàtos 1970; 1971). Egli dunque ha problematizzato il livello dei sistemi di asserti: il programma di ricerca si presenta infatti come un sistema di singole teorie strutturato in modo gerarchico, nel quale si possono distinguere un nucleo centrale di asserti caratterizzanti, e quindi inconfutabili, e una «cintura protettiva» di altri asserti sottoposti al controllo empirico (Lakàtos 1970/1978, pp. 46-47).

11Ad un livello di generalità più alto di quello cui sono collocati i programmi di ricerca è situato l’oggetto cognitivo al centro della visione di Kuhn (1962): il paradigma.

12Pur restando entro i confini di un approccio endo-scientifico (cioè trascurando – a differenza di Laudan: vedi oltre – i rapporti fra l’attività scientifica e i climi culturali, le ideologie, la pressione delle forze sociali), Kuhn ha privilegiato un oggetto cognitivo collocato ad un livello di generalità assai più ampio del sistema di asserti: un paradigma comprende infatti assunti metafisici e non, concetti portanti, pratiche di ricerca, forme di trasmissione del bagaglio di conoscenza tacita di una disciplina. L’evoluzione della scienza non si riduce alla sostituzione di un asserto con un altro, ma è un prodotto indiretto dell’applicazione del paradigma dominante in un periodo di «scienza normale».

13Laudan (1977) amplia ancora il focus, ponendo al centro dell’analisi un oggetto cognitivo che esula dall’ambito strettamente scientifico: la «tradizione di ricerca» collegata al clima culturale di un periodo nella società che fa da ambiente – nel senso della Teoria Generale dei Sistemi – alla comunità scientifica. A differenza del nucleo del programma di ricerca e del paradigma, la tradizione di ricerca può, ad avviso di Laudan, essere posta in discussione in ogni momento e può subire delle trasformazioni che non autorizzano di per sé a parlare di rivoluzione scientifica.

14Da quanto sopra illustrato emerge che ciascuno dei quattro autori ricordati non contraddice direttamente l’altro, ma amplia il focus dell’analisi, e di conseguenza trasforma il modo in cui guarda a ciascun problema, oltre che considerare problemi ulteriori. Pertanto, a rigore non è corretto porre in contrasto diretto concezioni che – pur investendo non di rado le medesime questioni – partono da punti di vista differenti (più o meno generali). Tali concezioni dovrebbero essere, piuttosto, esaminate quanto al loro grado di compatibilità.

2. Irrilevanza di concetti, termini, definizioni

  • 4 La decidibilità è un attributo degli oggetti cognitivi dei quali è possibile non solo pensare, ma a (...)

15Iniziamo l’analisi della concezione popperiana partendo dal livello strutturalmente più semplice, quello dei «pre-asserti» (concetti, termini, classificazioni, tipologie e tassonomie). A questi strumenti cognitivi non è ovviamente applicabile un giudizio di verità/falsità: un concetto può solo essere più o meno utile ad organizzare le nostre conoscenze e ad orientare i nostri ragionamenti. Il fatto che per natura concetti, classificazioni, etc. non siano decidibili4 ne fa delle presenze scomode agli occhi di coloro che considerano oggettività e certezza i requisiti caratterizzanti la scienza.

  • 5 Fra coloro che hanno posto in evidenza l’importanza della dimensione pre-assertoria nella conoscenz (...)

16D’altro canto è evidente che, essendo gli asserti costituiti da particolari combinazioni di concetti è difficile compiere una riflessione adeguata sulla scienza quando si pretende di ignorare il versante concettuale. Di questo aspetto cruciale solo pochi si sono mostrati consapevole, spingendosi a porre al centro del discorso sulla scienza proprio il livello dei pre-asserti. In particolare la tradizione filosofica che parte dagli alessandrini e, attraverso le obiezioni del cardinale Bellarmino alle tesi di Galilei, giunge ai convenzionalisti francesi degli inizi di questo secolo (Marradi 1987b)5.

17L’analisi della Tabella delle Idee che Popper ripropone in diverse opere permette di chiarire adeguatamente la sua posizione sul ruolo della conoscenza «pre-assertoria» nella scienza. Riproduciamo qui quella Tabella, che l’epistemologo presenta per la prima volta in un saggio del 1960 su Le fonti della conoscenza e dell’ignoranza:

IDEAS

that is

designations or terms
or concepts

statement or propositions
or theories

may be formulated in

words

assertions

which may be

meaningful

true

and their

meaning

truth

may be reduced, by way of

definitions

derivations

to that of

undefined concepts

primitive propositions

the attempt to establish (rather than reduce) by these means their

meaning

truth

leads to an infinite regress

18Popper costruisce la tabella proprio al fine di sottolineare l’importanza degli oggetti cognitivi presentati nella colonna di destra, a qualunque mondo (pensiero o linguaggio in questo caso) essi appartengano, purché siano collocati al livello cui è pertinente il concetto di verità. Dichiara infatti: «La nostra tabella delle Idee, nonostante la sua simmetria, contiene una colonna importante ed una priva di importanza: mentre la colonna di sinistra – parole e rispettivi significati – è senza importanza, la colonna destra – teorie e problemi connessi alla loro verità – è fondamentale. Le parole sono importanti solo come strumenti per la formulazione delle teorie, e i problemi di carattere terminologico dovrebbero essere evitati ad ogni costo» (1960/1972b, pp. 55-56).

19In effetti, nelle sue opere l’epistemologo austriaco si libera sempre con disinvoltura delle questioni terminologico-concettuali, assimilando i problemi che riguardano il significato a preoccupazioni essenzialiste, cioè riguardanti la natura della realtà.

  • 6 Ritiene infatti Popper che la scienza debba occuparsi dei soli aspetti decidibili (cfr. nota 4) alm (...)

20Consapevole della natura indecidibile dei pre-asserti e dell’impossibilità di porre fine alle discussioni che investono termini e significati, egli ritiene che si debba liberare radicalmente l’ambito scientifico da tali questioni, dichiarandole irrilevanti6.

  • 7 Nell’Autobiografia Popper rievoca uno specifico episodio della sua giovinezza, che ha pesato in mod (...)

21La natura indecidibile di concetti, classificazioni, etc. cozza anche con l’immagine popperiana di una scienza oggettiva: per questo egli giunge a bollare come perniciose tutte le attività intese ad approfondire l’analisi concettuale e a migliorare la precisione terminologica7. Ma la natura indecidibile dei concetti e la connessa difficoltà di definirli operativamente mette quanto meno in forse la possibilità di accertare in modo inequivoco la verità/ falsità degli asserti – che da concetti sono pur sempre costituiti.

22La resistenza di Popper ad ammettere il ruolo dei concetti nella scienza potrebbe apparire in parte riconducibile al suo rifiuto di seguire gli empiristi logici nella corrispondenza che essi teorizzano tra portata empirica e significato delle proposizioni: egli è infatti consapevole dell’indecidibilità delle questioni di significato. Ma dal legittimo rifiuto di quella tesi dell’empirismo logico Popper sembra avere tratto una profonda diffidenza per tutte le questioni che riguardano il significato; diffidenza che giustifica con una presa di distanza dalle posizioni essenzialiste, equiparando cioè l’analisi del significato all’analisi delle essenze.

23Nella sua aspra critica di tutti i tentativi volti a migliorare la precisione terminologica, egli la considera alla stregua della ricerca di certezza e la pone in relazione inversa con la chiarezza; in questa ottica si può capire anche l’apprezzamento che dichiara per la Babele linguistica. Scrive infatti: «Non credo alla teoria corrente che, allo scopo di rendere feconda una discussione, quelli che vi partecipano debbano avere molto in comune. Al contrario, credo che più diverso è il loro retroterra, più feconda sarà la discussione. Non c’è nemmeno bisogno di un linguaggio comune per iniziare: se non ci fosse stata la torre di Babele avremmo dovuto costruirne una. La differenza rende feconda una discussione critica. Le sole cose che devono avere in comune i partecipanti ad una discussione sono il desiderio di sapere e la buona volontà di imparare dall’altro, criticando severamente le sue idee – nella versione più forte che se ne può dare – e ascoltando ciò che ha da dire in risposta» (1982a/1984, p. 36).

24Si deve rendere atto che Popper ha quasi sempre (non sempre) rispettato la sua prescrizione di ignorare le questioni terminologiche: nei suoi scritti si trovano spesso, oltre alle compiaciute dichiarazioni di disinteresse al proposito, anche effettive confusioni terminologiche. Per darne conto è sufficiente prendere in esame il suo uso del termine ‘legge’. Scrive in proposito: «Le nostre leggi, o le nostre teorie, devono essere universali, cioè devono fare asserzioni intorno al mondo: intorno a tutte le regioni spazio-temporali del mondo» (1957b/1969, p. 58). E altrove: «Ciò condurrà alla costruzione di una legge falsificante; cioè una legge che potrà forse essere ad un livello così basso di universalità da non essere in grado di spiegare i successi della teoria sotto controllo, ma che suggerirà tuttavia un esperimento cruciale» (1971/1975b, p. 34).

  • 8 In un’altra occasione il numero dei sinonimi del termine ‘legge’ aumenta: «Il fatto che ho esaminat (...)

25Nel primo brano Popper usa i termini ‘legge’ e ‘teoria’ in modo intercambiabile: sottintende quindi che i due termini sono sinonimi, oppure che il destino di ogni teoria, una volta superati i controlli, sia quello di diventare una legge8. Inoltre i due brani presentano accezioni radicalmente diverse del termine ‘legge’: nel primo caso infatti esso designa – secondo l’accezione abituale – un asserto scientifico di portata generale, che è proposto come valido in tutte le circostanze possibili; nel secondo caso, invece, il termine sembra essere riferito alle «asserzioni ausiliarie» che – come Popper sostiene – sono tratte da una teoria come previsioni osservative da essa implicate e ne rendono possibile il controllo empirico.

26In varie occasioni, peraltro, Popper cerca di affermare la propria visione epistemologica ricorrendo a definizioni – occupandosi cioè dei termini e del loro significato – piuttosto che sottoporre a controllo empirico la propria teoria del progresso scientifico.

27Fa un’operazione del genere, non a caso, a proposito del termine ‘razionalista’: «Io sono un razionalista. Con il termine ‘razionalista’ intendo dire un uomo che desidera comprendere il mondo e imparare discutendo con gli altri... Con ‘discutendo con gli altri’ intendo, più specificamente, criticandoli, provocando la loro critica e cercando di trarne insegnamento». (1982a/1984, p. 36).

28Anche dei termini ‘probabilità’ e ‘grado di corroborazione’ Popper intende imporre l’accezione che risulta più coerente con la sua impostazione (1982a/1984, pp. 238 e 242-45). Egli fonda addirittura le proprie tesi gnoseologiche appoggiandosi ad una specifica definizione del termine ‘conoscenza’ – dissimulando questo pur strumentale interesse per le definizioni con l’ennesima dichiarazione di disprezzo per le questioni terminologiche (1968a/1975b, p. 168). Allo stesso modo si occupa di mostrare che la sua concezione oggettivista della natura degli asserti scientifici si giustifica in base alla distinzione di due diverse accezioni del termine ‘pensiero’ (1970a/1975b, pp. 393-95).

 

  • 9 D’altra parte, questo condurre la battaglia effettiva su un piano diverso da quello dichiarato (il (...)

29Pare dunque legittimo concludere che, pur sostenendo l’irrilevanza di concetti e termini nella scienza, anche Popper si mostra consapevole del fatto che le battaglie intellettuali sono condotte più efficacemente se impostate sul piano pre-assertorio9.

3. Il focus è sul livello degli asserti

3.1. Decidibilità degli asserti e riduzione della scienza al contesto della giustificazione

30Nella visione di Popper le teorie scientifiche sono generalmente intese come singoli asserti; esse devono approssimarsi quanto più è possibile alla verità, in quanto conseguire la verità è lo scopo della scienza: «Il nostro scopo, in quanto scienziati, è scoprire la verità circa il problema in esame; e dobbiamo considerare le teorie come seri tentativi per trovare la verità. Se non sono vere, possono rappresentare, evidentemente, importanti mezzi per il conseguimento della verità» (1963a/1972b, p. 419). Già in precedenza: «Lo storicismo confonde interpretazioni e teorie. Questo è uno dei suoi errori principali» (1944/1975, p. 133). In questo passo, il criterio che Popper impiega per effettuare la distinzione che accusa lo storicismo di trascurare non può che essere la decidibilità delle teorie in quanto singoli asserti.

  • 10 Ad esempio, in una delle numerose occasioni in cui esplicita chiaramente una visione della scienza (...)
  • 11 «È stato questo genere di difficoltà (che potremmo chiamare impossibilità di constatare direttament (...)

31Il focalizzarsi in maniera praticamente esclusiva sul concetto di verità comporta una conseguente focalizzazione sul livello dei singoli asserti10. Infatti la verità/falsità è la proprietà specifica di tale livello. Al livello dei pre-asserti – si è visto – non si può parlare di verità/falsità: né dei concetti, né delle classificazioni, né delle tipologie, e così via. A livello dei sistemi di asserti ciò che conta è il tipo di connessione che si stabilisce fra gli asserti: la sua natura, la sua forza. Quel particolare nesso fra asserti che prende il nome di ‘spiegazione causale’ è pensabile come vero o falso, ma non è a rigore decidibile come tale perché la causa potrebbe essere sempre un’altra11. Analogamente per la spiegazione teleologica, o per quella funzionale.

32Dunque, la proprietà di tutti indistintamente gli asserti è di poter essere pensati come veri o falsi. Se gli asserti non sono universali, cioè riguardano una popolazione limitata, la loro decidibilità come veri o falsi presenta soltanto (eventuali) problemi pratici, ma non problemi di principio. Se invece gli asserti sono universali, cioè riguardano l’universo, essi non possono essere dimostrati veri nemmeno in via di principio. La cosa è nota sin dai tempi del medico alessandrino Sesto Empirico (Chisholm 1941); è stata ribadita da Grosseteste, da Hume (1739, I), e poi sottolineata con forza dallo stesso Popper.

33Un asserto universale può però essere dimostrato falso: basta una prova contraria (ad destruendum sufficit unum, dicevano gli scolastici). Ecco perché Popper, per salvare la possibilità di formulare asserti universali nella scienza nega ogni ruolo all’induzione e sceglie il metodo ipotetico-deduttivo, in particolare il modus tollens. Su questo torneremo più avanti.

  • 12 Anche nelle scienze sociali Popper ritiene fondamentale la ricerca della verità; a suo avviso anche (...)
  • 13 Proprio per questo Popper giudica correttamente preferibili le teorie che hanno un alto grado di co (...)

34Il controllo empirico delle proposizioni rimane fondamentale perché su di esso Popper basa la possibilità di falsificare un asserto universale mediante il metodo ipotetico-deduttivo che prevede il controllo empirico di asserti singolari da esso derivati12. Come è noto, se le osservazioni confermano gli asserti che esplicitano una condizione al cui verificarsi la teoria in esame è da ritenere falsificata, esse automaticamente falsificano la teoria. E un asserto che non ha superato il controllo empirico – ovvero risulta falsificato – dovrebbe essere abbandonato, dal momento che la scienza deve tendere alla scoperta della verità13.

35Popper dedica e sollecita un’attenzione altrettanto esclusiva dei neo-positivisti al «contesto della giustificazione» (Reichenbach 1938), cioè a una forma di controllo empirico delle teorie nel quale il rapporto logico fra enunciati osservativi e enunciati teorici svolga un ruolo decisivo. Specularmente – e ancora come empiristi logici – Popper nega qualsiasi rilevanza al «contesto della scoperta». Nel suo ideale di scienza non c’è spazio per il processo di formulazione degli asserti perché esso non può essere analizzato logicamente.

36L’epistemologo austriaco si differenzia invece dai neo-positivisti nel sostenere che l’osservazione è theory laden, cioè determinata dalle teorie.

  • 14 Sulla distinzione fra conoscenza tacita e conoscenza esplicitata vedi Polanyi (1946 e 1966), e più (...)

37Popper argomenta la sua posizione mettendo in rilievo l’impossibilità di osservare alcunché senza ricorrere a conoscenze preesistenti, mostrando però di confondere gli asserti esplicitamente formulati e la conoscenza pre-assertoria14. Inoltre, sottolineando la dipendenza dell’osservazione dalle teorie egli mina alle fondamenta la portata della procedura di controllo empirico sulla quale ha inteso fondare la decidibilità degli asserti scientifici. Se si ammette che le nostre osservazioni sono determinate dalle stesse teorie che intendiamo sottoporre a controllo – e non semplicemente dalle nostre aspettative, o dal nostro bagaglio di conoscenza non esplicitate – è evidente infatti che si viene a istituire un nesso circolare tra teorie e osservazioni che contrasta con l’ideale popperiano di esperimento cruciale, e rende solo apparente la decidibilità degli asserti sotto controllo.

38Nella visione di Popper il progresso di una scienza avviene attraverso la confutazione di singoli asserti che non hanno superato il controllo empirico.

  • 15 Le teorizzazioni più accurate del modus tollens si devono a Robert Grosseteste e John Buridan. Cfr. (...)

39Ad avviso di Popper, come è noto e si è sopra accennato, l’esito negativo di un controllo empirico – e quindi la confutazione – comporta automaticamente l’eliminazione dell’asserto controllato: «Il metodo per prove ed errori è un metodo di eliminazione delle teorie false mediante asserti osservativi; e la sua giustificazione è assicurata dal puro rapporto logico di deducibilità che ci consente di asserire la falsità di certi asserti universali quando ammettiamo la verità di corrispondenti asserti singolari» (1957a/1972b, p. 100). Cioè dal modus tollens della logica medioevale15.

40Popper giudica insensati i tentativi di separare i due aspetti dello status logico e della rilevanza scientifica delle teorie, poiché ritiene la conquista della verità il fine dell’attività scientifica stessa. Il metodo basato su congetture e confutazioni si limita, tuttavia, a produrre asserti non falsificati, che non si possono mai considerare «veri».

3.2. Spostamenti apparenti del focus verso il livello dei sistemi di asserti

41Alcune dichiarazioni di Popper, almeno ad una prima lettura, possono configurare una sua attenzione positiva per il livello cui sono collocati i sistemi di asserti. Esse potrebbero suonare come elementi contrari alla tesi che ho fin qui sostenuto della sua tendenza a circoscrivere la riflessione epistemologica al livello dei singoli asserti.

42L’oggetto cognitivo che qui si designa con l’espressione ‘sistema di asserti’ è un oggetto complesso costituito da asserti singoli fra i quali esistono relazioni; in quanto tale un sistema (o rete) di asserti non è passibile di un giudizio di verità/falsità come un singolo asserto.

43Nel brano che segue Popper sembra distaccarsi dalla visione basata su singoli asserti privilegiando un livello più complesso: «Credo che dovremo abituarci all’idea che non si deve guardare alla scienza come a un ‘corpo di conoscenza’, ma piuttosto come a un sistema di ipotesi; cioè a dire, come a un sistema di tentativi di indovinare, o di anticipazioni, che non possono essere giustificati in linea di principio, ma con i quali lavoriamo fin tanto che superano i controlli, e dei quali non abbiamo mai il diritto di dire che sappiamo che sono ‘veri’ o ‘più o meno certi’, o anche ‘probabili’» (1934/1970, p. 351). Ma a una lettura attenta quest’affermazione non implica un effettivo ampliamento del focus in direzione di un oggetto più complesso, come potrebbe apparire limitandosi alla lettera dei termini scelti da Popper. In effetti, il termine ‘sistema’ pare accepito più nel significato di insieme di ipotesi: non si menziona alcuna relazione fra gli asserti, e quindi non si configura un oggetto cognitivo situato ad un livello superiore a quello cui sono collocati i singoli asserti: un mero insieme di asserti si trova infatti allo stesso livello del singolo asserto. D’altra parte, l’interesse centrale che orienta il brano è la possibilità di parlare di verità/probabilità/certezza in ambito scientifico; di questi tre termini-concetti, almeno i primi due sono attributi dei singoli asserti.

44Popper riconduce inoltre in modo esplicito la spiegazione scientifica al livello dei singoli asserti, come in questo caso: «Il compito della scienza è in parte teorico – spiegazione – e in parte pratico – predizione e applicazione tecnica... Il nostro punto di vista che è compito della scienza avanzare spiegazioni o (cosa che porta sostanzialmente alla stessa situazione logica) creare le fondamenta teoriche per la predizione e le altre applicazioni – questo punto di vista ci porta alla richiesta metodologica che le nostre teorie debbano essere controllabili» (1949a/1975b, pp. 456 e 464; corsivo mio). In altre parole, gli ampliamenti di focus sono spesso solo apparenti – e talvolta conseguono ad un uso disinvolto dei termini.

45Numerose affermazioni di Popper sui più vari problemi mostrano come strutture cognitive più articolate e complesse vengano costantemente «schiacciate» sul livello degli asserti. Ad esempio, nel terzo volume del Poscritto alla Logica Popper afferma: «In questo volume ho introdotto il termine ‘programma di ricerca metafisico’ per riferirmi al duplice carattere di queste importanti teorie cosmologiche: il loro carattere programmatico, che spesso plasma e determina il corso e lo sviluppo della ricerca scientifica; e il loro carattere (almeno inizialmente) incontrollabile e dunque metafisico» 1982b/1984, p. 46, corsivo mio).

46Nella dichiarazione che segue egli semplifica drasticamente anche la ricchissima intensione del concetto kuhniano di paradigma riducendolo ad una semplice teoria scientifica dominante: «Non sono d’accordo che la storia della scienza comprovi la sua [di Kuhn] dottrina che ‘normalmente’ abbiamo una teoria dominante – un ‘paradigma’ – in ogni campo scientifico, e che la storia di una scienza consista di una successione di teorie dominanti con periodi intermedi rivoluzionari di ‘scienza straordinaria’... Questa immagine della storia della scienza è in contrasto con i fatti come io li vedo. Infatti, fin anche dall’antichità c’era una discussione costante e fruttuosa tra teorie della materia dominanti e rivali» (1970b/1976, p. 125; corsivi miei).

47Popper restringe esplicitamente anche l’intensione del concetto di ideologia fino a collocarlo al livello di un asserto: «Utilizzerò il termine ‘ideologia’ per qualsiasi teoria non scientifica, o credo o visione del mondo che attiri e interessi la gente, scienziati compresi» (1975a/1977, p. 108, corsivo mio).

48Anche intere discipline scientifiche vengono ricollocate al livello degli asserti: il corpus degli asserti viene considerato il criterio per identificare una disciplina: «Un problema sorge dalla discussione di una qualche teoria, o dai controlli empirici che la sostengono; e le teorie, contrariamente agli oggetti di studio, possono costituire una disciplina (che potrebbe definirsi un gruppo non ben connesso di teorie, sottoposto a sfide, mutamenti e accrescimenti)» (1963b/1969, p. 119).

49Dichiarazioni come queste confermano che Popper ritiene onnipervasivo il livello cui si collocano gli asserti – un livello al quale gli oggetti sono valutabili in base al criterio di verità/falsità. Il fatto è – come ha di recente osservato uno studioso cinese – che «per Popper il modello dello sviluppo della scienza, vale a dire il tentativo e l’errore, diventa modello di tutta l’evoluzione culturale, e addirittura del comportamento umano. L’atteggiamento scientifico, o atteggiamento critico... diventa lo spirito essenziale della cultura. La conoscenza scientifica come valore supremo sommerge tutti gli altri valori culturali. Come risultato di tutto ciò Popper è costretto a sostituire l’intera cultura – la cultura scientifica e il mondo della cultura – con il mondo della scienza. Di conseguenza, egli è ancora scientista» (Ji Shu-li 1992, pp. 180-81).

4. La scienza a un solo livello

4.1. Decidibilità degli asserti e natura oggettiva della scienza

50L’influenza che l’empirismo logico, e in seguito il pensiero di Popper, hanno avuto sull’epistemologia sin dalla sua istituzionalizzazione come disciplina ha comportato la sedimentazione di un’idea della conoscenza scientifica rigidamente limitata al piano assertorio, che a mio avviso merita le critiche di inadeguatezza mosse dai pochi gnoseologi ed epistemologi che tendono a riportare l’attenzione anche sul livello pre-assertorio: soprattutto Toulmin (1972), Polanyi (1946; 1966) e Achinstein (1964; 1968) – ma anche il Lakàtos di Proof and Refutations (1963-64).

51Secondo Toulmin: «I filosofi della scienza (orientati in senso logico-formale) hanno identificato la creazione di sistemi logici, che è una valida tecnica della scienza fra le altre, con l’organizzazione concettuale della conoscenza, che è il suo fine più generale... Benché la creazione di sistemi logici occupi un posto indiscutibile nell’organizzazione concettuale della conoscenza, queste due attività non possono essere tout court identificate» (1971, p. 558; corsivi miei).

  • 16 Cui qualche anno dopo fa eco Lakàtos, sebbene in toni più sfumati : «Il crimine principale dei filo (...)

52La critica di Toulmin16 pare legittimamente riferibile all’epistemologia popperiana (certo non solo ad essa); del resto lo stesso autore ha espresso, nella sua opera più conosciuta, riserve ancor più stringenti sulla visione di Popper, ponendone in evidenza i limiti. Ad esempio, egli afferma: «Popper’s analysis of the ‘logic of scientific research’ has been concerned throughout with problems of formal proof and/or refutation. In opposition to the ‘verification’ criteria of his contemporaries in Vienna, he began by insisting that ‘falsifiability’ was the universal, timeless test of a genuinely progressive hypothesis... Later, he modified his position... conceding that certain hypotheses might, in some more positive sense, be ‘better corroborated’... Yet, at both stages, Popper’s question have been framed as question about the acceptability of proposition, rather than about the applicability of concepts; while his approved procedures of rational investigation have continued to be variants of those of earlier propositional logicians» (Toulmin 1972, pp. 480-481).

  • 17 Nell’affermazione di Lakàtos c’è un esplicito riferimento all’abilità con la quale Popper avrebbe i (...)

53Nella Logica della scoperta scientifica (1934) Popper non attribuiva ancora alla coppia concettuale vero/falso l’importanza che le accorderà in seguito. Ma – avverte Lakàtos con la sua fine sensibilità per i climi culturali – era difficile farlo in quegli anni, in cui la teoria della verità come corrispondenza stava subendo gli attacchi dei convenzionalisti e di Neurath: «Popper’s classical Logik der Forschung is consistent with the game of science being pursued simply for its own sake. Of course it is abundantly clear that Popper’s instinctive answer was that the aim of science was indeed the pursuit of Truth; but, inasmuch as in 1934 the correspondence theory was in eclipse, he thought he could do nothing but adopt a cautious position, which, in its formulations if not in its spirit, was entirely sceptical: science could at best – tentatively – detect error» (1974/1978, p. 155, corsivo mio)17.

54Comunque anche nelle pagine della Logica sono frequenti affermazioni che testimoniano di un Popper già orientato ad identificare la scienza con il livello degli asserti: «Il compito di formulare una definizione accettabile dell’idea di scienza empirica non è privo di difficoltà. Alcune di queste difficoltà sorgono dal fatto che esistono di necessità molti sistemi di teorie la cui struttura logica è molto simile a quell’unica che, in un’epoca particolare, rappresenta il sistema di scienza empirica comunemente accettato» (1934/1970, p. 20).

55Ed ecco come, alcuni anni dopo, Popper restringe l’ambito di intere discipline scientifiche: «Le teorie, contrariamente agli oggetti di studio, possono costituire una disciplina (che potrebbe definirsi un gruppo non ben connesso di teorie, sottoposto a sfide, mutamenti e accrescimenti)» (1952/1972b, p. 119).

56L’esistenza di un insieme di regole esplicite per la valutazione delle teorie condiviso dalla comunità scientifica rende oggettiva la scienza e i suoi risultati; in polemica con approcci epistemo-metodologici che ritiene inadeguati a garantire l’oggettività dell’attività scientifica e dei suoi prodotti, Popper insiste sulle garanzie offerte da un metodo sempre applicabile, secondo lo schema suggerito dalla procedura falsificazionista basata su congetture e confutazioni di singoli asserti.

4.2. Rivoluzione continua: il progresso scientifico si fonda su singoli esperimenti cruciali

57«Dei due criteri principali con cui è possibile spiegare l’accrescersi della scienza, l’uno, a differenza dell’altro, è pressoché irrilevante. Il primo spiega la scienza come accumulazione di conoscenza: in questa accezione essa è come una biblioteca (o un museo). Quanti più libri si accumulano tanto più cresce la conoscenza. L’altro la riconduce invece alla critica: la scienza si accresce attraverso un processo più rivoluzionario della mera accumulazione; un procedimento che comporta l’eliminazione, il mutamento, l’alterazione di tutte le sue parti, compreso il suo strumento principale: il linguaggio, in cui vengono formulati miti e teorie. Nella scienza, l’accumulazione della conoscenza è molto meno rilevante del mutamento rivoluzionario delle teorie» (1949b/1972b, p. 223). In questo passo Popper ricostruisce la natura del progresso scientifico in modo coerente con il suo modello di scienza fondato sul livello degli asserti.

58Il carattere rivoluzionario del progresso scientifico è strettamente associato con l’idea di selezione incessante, in vista della scoperta – o invenzione: sul punto Popper non è affatto chiaro (vedi sopra, par. 3. I.) – di asserti sempre migliori. La fedeltà al metodo ipotetico-deduttivo e all’immagine congetturale della scienza garantisce quindi ad avviso di Popper un continuo cambiamento rivoluzionario che produce asserti sempre migliori.

  • 18 Questo è il rilievo che muovono a Popper vari critici fra cui Giorello (1976), Parrini (1980), Pera (...)

59L’immagine del progresso scientifico fondato su esperimenti cruciali, dall’esito dirimente, esclude ovviamente il versante dell’attività scientifica i cui esiti non sono decidibili definitivamente: il concetto stesso di progresso è in sostanza inapplicabile al versante della conoscenza pre-assertoria. Alla luce di questa scelta di ridurre tutto al piano assertorio anche il carattere congetturale che egli attribuisce alla conoscenza scientifica, e la natura regolativa che caratterizza il concetto di verità che egli ritiene rilevante, sono insufficienti a corroborare la tesi della rottura dell’epistemologia popperiana con la visione epistemologica tradizionale, logicista e decidibilista. Anzi, per alcuni critici tali caratteri finiscono per costituire punti deboli nell’immagine di scienza che emerge dalla visione di Popper18.

Conclusioni

60La scelta di un epistemologo di studiare la scienza da un determinato punto di vista, ritenendo che il livello al quale esso è situato costituisca, o debba costituire, il livello cruciale dell’attività scientifica – così come la scelta dello scienziato di occuparsi di un certo oggetto cognitivo – sono, ovviamente, scelte del tutto legittime. Weber lo ha acquisito in modo definitivo alla riflessione epistemologica con il suo concetto di Wertbeziehung (1958).

61D’altra parte tali decisioni possono portare, in certi casi, a conseguenze criticabili. Una cosa infatti è adottare un certo punto di vista (livello, approccio, variabile indipendente) per guardare alla realtà che si studia. Altra cosa è ignorare la possibilità di adottare altri punti di vista – nel duplice senso di non mostrarsi personalmente in grado di adottarli, e di concepire i punti di vista altrui solo dopo averli riformulati nei termini del proprio. È qui che la lezione di Weber viene tradita e ribaltata.

  • 19 Lo stesso Antiseri – al quale si deve la divulgazione delle tesi di Popper in Italia – mostra di co (...)

62Uno dei tanti modi di farlo è ridurre – come ha fatto Popper – tutta l’attività scientifica a quella che di fatto è solo una attività fra le altre: la valutazione delle teorie concorrenti19.

63Chi si occupa – e afferma che ci si debba occupare – esclusivamente di asserti e della loro verità/falsità tende a ricercare nella scienza la possibilità di pronunciare giudizi definitivi che vadano oltre le semplici valutazioni di adeguatezza o plausibilità delle scelte compiute e dei risultati raggiunti.

  • 20 Impostazione cui direttamente si ricinduce il falsificazionismo popperiano, ancor più del verificaz (...)

64L’attenzione esclusiva per il livello degli asserti è qualcosa che Popper eredita da due correnti di pensiero che dichiara di esecrare: positivismo e neopositivismo; in realtà – lo abbiamo ampiamente documentato in queste pagine – egli condivide questo aspetto non secondario del pensiero neopositivista. Non secondario anche nei suoi effetti nei processi di auto-comprensione delle scienze sociali: anche ricerche mosse da semplici intenti esplorativi di uno specifico ambito di studio, e quindi lontanissime dall’impostazione ipotetico-deduttiva della fisica galileiano-newtoniana20, vengono non di rado presentate come tentativi di falsificare specifiche e precise ipotesi. Oppure, intere ricerche con questionari di cento domande, quindi almeno altrettante variabili, che possono generare migliaia di modelli, vengono presentate come ricerche tese a «falsificare una ipotesi».

65Infine, anche la ricerca «qualitativa» (dalle storie di vita alla sociologia visuale, alla ricerca etnografica), che rifiuta esplicitamente la strumentazione necessaria per sottoporre un’ipotesi a controlli credibili, viene ugualmente presentata come guidata da ipotesi (e non, più realisticamente, da semplici aspettative). Parlare di ipotesi, sforzarsi di enuclearne ex-post, a conclusione di un’indagine conoscitiva che invece, come spesso accade, è partita da semplici concetti sono pratiche molto frequenti anche nell’ambito della ricerca sociale; ciò accade perché continua a prevalere un certo orientamento epistemologico.

  • 21 Si pensi, per esempio, al Carnap dell’Aufbau (1928).

66Si è detto che Popper condivide con gli empiristi logici la responsabilità di questo approccio alla scienza. Il suo disprezzo per le questioni concettuali e terminologiche – non condiviso, questo, dagli esponenti del Circolo di Vienna21 – ha inoltre fornito una legittimazione all’estrema disattenzione per questi problemi di tutta la ricerca sociale nata con il behaviorismo, caratterizzata da un livello del tutto embrionale di elaborazione concettuale. Nei rapporti di ricerca, per non dire nei questionari, i concetti fondamentali della teoria sociologica sono operativizzati in maniera restrittiva, letterale. L’impegno politico diventa aver dato contributi finanziari alla campagna di un candidato; l’interesse politico si riduce al numero dei programmi televisivi ricordati; si conta il numero di associazioni (di qualsiasi tipo: il Ku Klux Klan insieme alle associazioni sportive) cui il soggetto è iscritto per stabilire la vitalità dei soggetti intermedi nella società civile. E così via. Quello che conta non è approfondire un concetto ma avere una variabile (possibilmente cardinale) da «incrociare» con altre.

67Tutto questo non sarà diretta conseguenza del disprezzo di Popper per la riflessione sui concetti, ma ne è certo un discendente molto prossimo.

68«Una scienza è vera solo se è falsificabile»: così Giulio Giorello (1994) ha intitolato il suo articolo commemorativo dedicato a Popper, riferendosi alla «rivoluzione» costituita dal falsificazionismo proposto dall’autore della Logik. Questa frase sembra appropriata anche come caption alle osservazioni critiche svolte fin qui: infatti solo se si identifica, come Popper, l’attività scientifica tout court con la valutazione di singole teorie, è possibile attribuire alla scienza globalmente intesa la proprietà di essere vera o falsa.

  • 22 La parzialità di questo approccio allo studio della scienza è stato criticata esplicitamente da una (...)

69Probabilmente, Popper stesso non avrebbe avuto esitazioni a sottoscrivere una frase del genere. Come abbiamo cercato di mostrare in queste pagine, le sue tesi epistemologiche sembrano condurre ad un’immagine parziale della pratica della ricerca scientifica, in cui non c’è spazio per attività che non riguardino la produzione e la valutazione di teorie: l’immagine di una scienza a un solo livello, appunto22.

Torna su

Bibliografia

Achinstein P. (1964), On the Meaning of Scientific Terms, «Journal of Philosophy», LXI, pp. 497-509.

Achinstein P. (1968), Concepts of Science: A Philosophical Analysis, Baltimore, The Johns Hopkins Press, 1968.

Alexander J. C. (1987), The Centrality of the Classics, pp. 11-57 in. Giddens A. e Turner J. (a cura di), Social Theory Today, London, Macmillan.

Antiseri D. (1966), Dal neopositivismo alla filosofia analitica, Roma, Abete.

Augelis N. (1989), Lakatos on the Evaluation of Scientific Theories, pp. 157-167 in Gavroglu K., Goudaroulis Y., Nicolacopoulos P. (a cura di), Imre Lakatos and the Theories of Scientific Change, Dordrecht, Kluwer.

Bouveresse R. (1981), Karl Popper, Paris, Vrin.

Buridan J., Quaestiones super octo Physicae libros, Paris.

Carnap R. (1928), Der logische Aufbau der Welt, Berlin, Weltkreis Verlag.

Chisolm R. M. (1941), Sextus Empiricus and Modern Empiricism, «Philosophy of Science», VIII, 3, PP. 371-387.

Cini M. (1990), Trentatré variazioni su un tema. Soggetti dentro e fuori la scienza, Roma, Editori Riuniti.

Collins R. (1975), Conflict Sociology: Toward an Explanatory Science, New York, Academic Press.

Crespi F. (1985), Le vie della sociologia, Bologna, Il Mulino.

Crombie A. C. (1955), Grosseteste’s Position in the History of Science in Callus D. A. (ed.), Robert Grosseteste Oxford, Clarendon Press,.

Curi U. (1983), La linea divisa. Modelli di razionalità e pratiche scientifiche nel pensiero occidentale, Bari, De Donato.

Gallino L. (1992), L’incerta alleanza. Modelli di relazioni tra scienze umane e scienze naturali, Torino, Einaude.

Gargani A. (1975), Il sapere senza fondamenti, Torino, Einaudi.

Gerstlé J. (1989), Concepts, théories et programmes de recherche, «Revue Internationale des Sciences Sociales», n. 122, pp. 673-681.

Giorello G. (1976), Il falsificazionismo di Popper, pp. 127-189 in Geymonat L. (a cura di), Storia del pensiero filosofico e scientifico, vol. VII, Milano, Garzanti.

Giorello G. (1994), Una scienza è vera solo se è falsificabile. Così parlò Sir Karl, il Kant del Novecento, «Il Corriere della Sera» 18 settembre.

Grosseteste R., De veritate et propositionibus.

Hempel C. G. (1970), On the ‘Standard Conception’ of Scientific Theories, in AA. VV., Minnesota Studies in the Philosophy of Science, vol. IV, pp. 142-163, Minneapolis, University of Minnesota Press.

Hooker C. A. (1981), Formalist Rationality: the Limitations of Popper’s Theory of Reason, «Metaphilosophy», XII, 3-4, pp. 247-267.

Hume D. (1739), A Treatise of Human Nature, London.

Ji Shu-li (1992), titolo originale ignoto all’autore del presente saggio; tr. it. Mondi delle culture e Mondo 3. Una discussione della teoria popperiana dei tre mondi, pp. 161-182 in Newton-Smith W.H. e Tianji J. (a cura di), Popper in Cina, Milano, Rusconi, 1994.

Koertge N. (1979), The Problem of Appraising Scientific Theories, pp. 228-251, in Asquith P. D. e Kyburg H. E. (a cura di), Current Research in the Philosophy of Science. Proceedings of the P.S.A. Critical Research Problem Conference, Michigan, East Lansing.

Kuhn T. (1969), The Structure of Scientific Revolutions, Chicago University Press (2a edizione con il Postscript del 1969).

Kuhn T. (1970), Logic of Discovery or Psychology of Research?, in Lakatos I. e. Musgrave A (a cura di), Criticism and the Growth of Knowledge, Amsterdam, North Holland. Citazioni dalla tr. it. Logica della scoperta o psicologia della ricerca?, pp. 69-93 in Lakàtos I. e Musgrave A. (a cura di), Critica e crescita della conoscenza, Milano, Feltrinelli, 1976.

Lakàtos I.(1963-64), Proof and Refutations, «British Journal for the Philosophy of Science», XIV, pp. 1-25; 129-139; 221-243; 296; 342.

Ripubblicato postumo in versione ampliata nel 1976 (a cura di J. Worrall e E. Zahar).Tradotto in Italia come Dimostrazioni e confutazioni. La logica della scoperta matematica, Milano, Feltrinelli, 1979.

Lakàtos I.(1970), Falsification and the Methodology of Scientific Research Programmes, pp. 91-196 in Lakatos I. and Musgrave A. (a cura di), Criticism and the Growth of Knowledge, Amsterdam, North Holland. Citazioni dall’edizione stampata alle pp. 8-101 in Lakatos I.(1978).

Lakàtos I.(1971), History of Science and Its Rational Reconstruction, pp. 91-135 in Boston Studies in the Philosophy of Science, vol. VIII (a cura di Buck R. C. e Cohen R. S.), Dordrecht, Reidel. Citazioni dall’edizione stampata alle pp. 102-138, in Lakatos I. (1978).

Lakàtos I. (1974), Popper on Demarcation and Induction, pp. 241-273, in Schilpp P. A. (a cura di), The Philosophy of Karl Popper, La Salle, Open Court, vol. I. Citazioni dall’edizione stampata alle pp. 139-167, in Lakatos I. (1978).

Lakàtos I. (1976), Understanding Toulmin, «Minerva», XIV, pp. 126-143. Citazioni dalla versione in italiano stampata alle pp. 288-313, in Lakàtos I., Matematica, scienza ed epistemologia, Milano, Il Saggiatore, 1985.

Lakàtos I. (1978), The Methodology of Scientific Research Programmes. Philosophical Papers, vol. I (a cura di Worrall J. e Currie G. P.), Cambridge University Press.

Laudan L. (1977), Progress and its Problems. Toward a Theory of Scientific Growth, Berkeley, University of California Press; tr. it., Il progresso scientifico. Prospettive per una teoria, Roma, Armando, 1979.

Laudan L. (1979), Historical Methodologies: an Overview and Manifesto, in Asquith P. D. e Kyburg H. E. (a cura di), Current Research in the Philosophy of Science. Proceedings of the P. S. A. Critical Problems Conference, Michigan, East Lansing, pp. 40-54.

Laudan L. (1984), Science and Values, Berkeley, University of California Press. Citazioni dalla tr. it. La scienza e i valori, Roma, Laterza, 1987.

Losee J. (1972), Historical Introduction to the Philosophy of Science.

Marradi A. (1987a), Concetti e metodo per la ricerca sociale, Firenze, Giuntina, 3a ed.

Marradi A. (1987b), Linguaggio scientifico o torre di Babele?, «Rivista Italiana di Scienza Politica», XVII, 1, pp. 135-156.

Marradi A. (1990), Classification, Typology, Taxonomy, «Quality and Quantity», XXIV, 2, pp. 129-157.

Marradi A (1994), Referenti, pensiero e linguaggio: una questione rilevante per gli indicatori, «Sociologia e Ricerca Sociale», 43, pp. 137-207.

Mc Mullin E. (1976), The Fertility of a Theory and the Unit of Appraisal in Science, pp. 395-432 in Essays in Memory of Imre Lakatos (a cura di Cohen R. S. et alii. Boston Studies in the Philosophy of Science, vol. XXXIX), Dordrecht, Reidel.

Newton-Smith W.H. (1981), The Rationality of Science, London, Routdledge.

Nickles T. (1985), Metodologia euristica e razionalità, pp. 87-116 in Pera M. e Pitt J. (a cura di), I modi del progresso. Teorie e episodi della razionalità scientifica, Milano, Il Saggiatore.

Parrini, P. (1980), La struttura logica del controllo empirico e il falsificazionismo di Popper in Parrini P., Una filosofia senza dogmi, Bologna, il Mulino.

Pera M. (1981), titolo della versione originale ignoto all’autrice del presente saggio. Pubblicato in AA.VV., On Scientific Discovery (Boston Studies in the Philosophy of Science), Dordrecht, Reidel. Riferimenti alla tr. it. Metodo induttivo e scoperta scientifica, pp. 49-77 in AA.VV., La scoperta scientifica. Aspetti logici, psicologici e sociali, Roma, Armando, 1984.

Polanyi M. (1946), Science, Faith and Society, Oxford University Press.

Polanyi M. (1966 ), The Tacit Dimension, London, Routledge.

Popper K. R. (1934) Logik der Forschung, Wien, Springer. Citazioni dalla tr. it. Logica della scoperta scientifica: il carattere autocorrettivo della scienza, Torino, Einaudi, 1970

Popper K. R. (1944-45), The Poverty of Historicism, «Economica», XI,

pp. 86-103 e 119-137; XII, pp. 69-89. Citazioni dalla tr. it. Miseria dello storicismo, Milano, Feltrinelli, 1975.

Popper K. R. (1949a), Natürgesetze und theoretische Systeme, pp. 43-60 in Moser S. (a cura di) Gesetz und Wirklichkeit, Innsbruck, Tyrolia. Citazioni dalla tr. it. Il recipiente e il faro: due teorie della conoscenza, pp. 445-473 in Popper K. R. (1975b).

Popper K. R. (1949b), Towards a Rational Theory of Tradition, «The Rationalist Annual», 1949. Citazioni dalla tr. it. Per una teoria razionale della tradizione, pp. 207-233 in Popper K. R. (1972b).

Popper K. R. (1953a), A Note on Berkeley as a Precursor of Mach and Einstein, «British Journal for the Philosophy of Science», IV. Citazioni dalla tr. it. Nota su Berkeley quale precursore di Mach e Einstein, pp. 287-301 in Popper K. R. (1972b).

Popper K. R. (1957a), Philosophy of Science: a Personal Report, in Mace C.A. (a cura di) British Philosophy in the Mid-Century, London, Allen & Unwin. Citazioni dalla tr. it. La scienza: congetture e confutazioni, pp. 61-115 in Popper K. R. (1972b).

Popper K. R. (1957b), The Aim of Science, «Ratio», I, 1, pp. 24-35. Citazioni dalla tr. it. Lo scopo della scienza, pp. 49-67 in Popper K. R. (1969).

Popper K. R. (1958a), On the Status of Science and of Metaphysics, «Ratio», I, 1, pp. 97-115. Citazioni dalla tr. it. Lo status della scienza e della metafisica, pp. 317-344 in Popper K. R. (1972b).

Popper K. R. (1960), On the Sources of Knowledge and of Ignorance, «Proceedings of the British Academy», XLVI. Citazioni dalla tr. it. Le fonti della conoscenza e dell’ignoranza, pp. 11-58 in Popper K. R. (1972b).

Popper K. R. (1963a), Truth, Rationality, and the Growth of Scientific Knowledge, pp. 215-250 in Popper K. R. (1963c). Citazioni dalla tr. it. Verità, razionalità, e accrescersi della conoscenza scientifica, pp.369-428 in Popper K. R. (1972b).

Popper K. R. (1963b), titolo della versione originale a me ignoto. Citazioni dalla tr. it. Problemi, scopi e responsabilità della scienza, pp. 121-158, in Popper K. R. (1969).

Popper K. R. (1963c), Conjectures and Refutations, London, Routledge & Kegan.

Popper K. R. (1968a), Epistemology Without a Knowing Subject, pp. 333-373 in Van Rootselaar B. and Staal J. F. (a cura di), Proceedings of the Third International Congress for Logic, Methodology and Philosophy of Science, Amsterdam. Citazioni dalla tr. it. Epistemologia senza soggetto conoscente, pp. 149-208, in Popper K. R. (1975b).

Popper K. R. (1968b), Theories, Experiences and Probabilistic Intuitions, pp. 285-303 inLakatos I. (a cura di) The Problem of Inductive Logic, Amsterdam, North Holland.

Popper K. R. (1969), Scienza e filosofia, Torino, Einaudi.

Popper K. R.(1970a), A Realist View of Logic, Physics, and History, in Yourgrau W. and Breck A. D. (a cura di), Physics,Logic and History, Plenum Press, pp. 1-30. Citazioni dall tr. it. Una visione realista della logica, fisica e storia, pp. 377-418, in Popper K. R. (1975b).

Popper K. R. (1970b), Normal Science and its Danger, pp. 51-58 in Lakatos I. and Musgrave A. (a cura di), Criticism and the Growth of Knowledge, Cambridge University Press. Citazioni dalla tr. it. La scienza normale e i suoi pericoli, pp. 121-28, in Lakàtos I. e Musgrave A. (a cura di), Critica e crescita della conoscenza, Milano, Feltrinelli, 1976.

Popper K. R.(1971), Conjectural Knowledge: My Solution of the Problem of Induction, «Revue internationale de Philosophie», nn. 1-2. Citazioni dalla tr. it. Conoscenza congetturale: la mia soluzione al problema dell’induzione, pp. 19-56, in Popper K. R. (1975b).

Popper K. R. (1972a), Two Faces of Common Sense: An Argument for Commonsense Realism and Against the Commonsense Theory of Knowledge, pp. 32-105, in Popper K. R. (1972c). Citazioni dalla tr. it. Due facce del sensocomune, pp. 57-148, in Popper K. R. (1975b).

Popper K. R. (1972b), Congetture e confutazioni, Bologna, il Mulino.

Popper K. R. (1972c), Objective Knowledge. An Evolutionary Approach, Oxford, Clarendon Press.

Popper K. R. (1974), Intellectual Autobiography, pp. 3-183, in Schilpp P. A. (a cura di), The Philosophy of Karl Popper, La Salle, Open Court, vol. I.

Popper K. R. (1975a), The Rationality of Scientific Revolutions,pp. 72-101 in Harré R. (a cura di), Problems of Scientific Revolution, Oxford, Clarendon Press. Citazioni dalla tr. it. La razionalità delle rivoluzioni scientifiche, pp. 89-122, in Harré R. (cur.), Rivoluzioni scientifiche e rivoluzioni ideologiche, Roma, Armando, 1977.

Popper K. R. (1975b), Conoscenza oggettiva. Un punto di vista evoluzionistico, Roma, Armando.

Popper K. R. (1982a), Postscript: After Twenty Years. Realism and the Aim of Science (a cura di W. Bartley), London, Hutchinson. Citazioni dalla tr. it. Poscritto alla Logica della scoperta scientifica: I. Il realismo e lo scopo della scienza, Milano, Il Saggiatore, 1984.

Popper K. R. (1982b), Postscript: After Twenty Years. Quantum Theory and the Schism in Physics (a cura di W. Bartley), London, Hutchinson. Citazioni dalla tr. it. Poscritto alla Logica della scoperta scientifica: III. La teoria dei quanti e lo scisma della fisica, Milano, Il Saggiatore, 1984

Popper K. R. (1984), Auf der Suche nach einer besseren Welt. Vorträge und Aufsätze aus dreissig Jahren, Munchen, Piper. Citazioni dalla tr. it. Popper K. R., Alla ricerca di un mondo migliore: conferenze e saggi di trent’anni di attività, Roma, Armando, 1989.

Redondi P. (1978), Epistemologia e storia della scienza. Le svolte teoriche da Duhem a Bachelard, Milano, Feltrinelli.

Reichenbach H.(1938), Experience and Prediction: an Analysis in the Foundations and the Structure of Knowledge, Chicago University Press.

Ricolfi L. (1995), La ricerca empirica nelle scienze sociali. Una tassonomia, «Rassegna italiana di Sociologia», XXXVI, n. 3, pp. 389-418.

Schilpp P. A. (a cura di) (1974), Essays in Honour of Karl Popper, La Salle, Open Court, II voll.

Toulmin S. E. (1971), From Logical System to Conceptual Population, «Boston Studies in the Philosophy of Science», vol. VIII (a cura Buck di R. C. e Cohen R. S.), Dordrecht, Reidel. Citazioni dalla tr. it. di alcuni brani in Lentini L., voce Epistemologia in Enciclopedia UTET: Gli strumenti del sapere contemporaneo, vol. I° (Le discipline), pp. 225-261 Torino,1985.

Toulmin S. E. (1972), Human Understanding, vol. I: The Evolution of Collective Understanding, Princeton University Press.

Weber M. (1922) Wirtschaft und Gesellschaft, Tubingen, Mohr; (tr. it., Economia e società, Milano, Ed. Comunità, 1980).

Weber M. (1958), Il metodo delle scienze storico-sociali, Torino, Einaudi. Raccolta di saggi in tedesco scritti tra il 1904 e il 1917.

Torna su

Note

1 Da tempo nei suoi corsi universitari e post-universitari Alberto Marradi richiama l’attenzione su quelli che potremmo definire i «livelli di focalizzazione», come il criterio fondamentale per distinguere gli approcci dei vari epistemologi. Tale distinzione fra i livelli è un approfondimento e un’articolazione della distinzione fra pre-asserti, asserti e nessi fra asserti che Marradi presenta nel par. 3.1 del saggio citato nel testo (Marradi 1994). Visto che tale articolazione per ora è inedita, è doveroso attribuirgliene la paternità originaria. Questo saggio dà conto di un personale tentativo di esplorare a fondo l’applicabilità di tale distinzione all’epistemologia di Popper.

2 Enunciati, proposizioni, leggi, ipotesi, teorie, a seconda dei termini privilegiati dai diversi autori.

3 I contributi dei principali esponenti di queste due tendenze interpretative del pensiero dell’epistemologo austriaco sono analizzati in Rodolfi (1997).

4 La decidibilità è un attributo degli oggetti cognitivi dei quali è possibile non solo pensare, ma anche stabilire la verità o la falsità.

5 Fra coloro che hanno posto in evidenza l’importanza della dimensione pre-assertoria nella conoscenza scientifica è opportuno ricordare anche Whewell, che ha costantemente sottolineato il ruolo dei concetti nell’attività degli scienziati soffermandosi soprattutto, in polemica con Mill, sulla loro rilevanza entro la procedura induttiva.

6 Ritiene infatti Popper che la scienza debba occuparsi dei soli aspetti decidibili (cfr. nota 4) almeno in via di principio, anche se i risultati possono non avere il carattere di certezza. Ad avviso di Popper, e di coloro che ritengono fondamentale il concetto di verità nellla scienza, tutto ciò che non decidibile su base logico-empirica rimane fuori dal mondo scientifico.

7 Nell’Autobiografia Popper rievoca uno specifico episodio della sua giovinezza, che ha pesato in modo determinante sul suo approccio allo studio della scienza, e che lo ha indotto a ritenere che termini e concetti siano semplicemente strumentali alla formulazione di asserti. «I must have been about fifteen. My father had suggested that I should read some of the volumes of Strindberg’s autobiography. I do not remember which of its passages prompted me, in a conversation with my father, to criticize what I felt was an obscurantist attitude of Strindberg’s: his attempt to extract something important from the ‘true’ meanings of certain words. But I remember that when I tried to press my objections I was disturbed, indeed shocked, to find that my father did not see my point. The issue seemed obviuos to me, and the more so the longer our discussion continued. When we broke it off late at night I realized that I had failed to make much impact. There was a real gulf between us on an issue of importance. I remember how, after this discussion, I tried stongly to impress on my self that I must always remember the principle of never arguing about words and their meanings, because such arguments are specious and insignificant» (1974a, 11, corsivo mio).

8 In un’altra occasione il numero dei sinonimi del termine ‘legge’ aumenta: «Il fatto che ho esaminato il problema degli esperimenti sociali prima di esaminare per esteso il problema delle leggi sociologiche – leggi o teorie o ipotesi o ‘generalizzazioni’ – non deve indurre a pensare che secondo me le osservazioni e gli esperimenti debbano in qualche modo logicamente precedere le teorie» (1944/1975, pp. 92-93).

9 D’altra parte, questo condurre la battaglia effettiva su un piano diverso da quello dichiarato (il controllo empirico delle teorie) non è certo una caratteristica del solo Popper: «Per controllare empiricamente due teorie (e quindi decidere quale è vera, se ce n’è una vera) sono necessarie tali e tante decisioni metodologiche che non è certo possibile eliminare il dubbio che l’esito dipenda da quella particolare combinazione di decisioni prese... Tutto sommato è quindi ragionevole che dottrine, scuole, singoli studiosi non si affermino dimostrando i meriti empirici delle proprie teorie, ma imponendo i propri concetti e i propri termini sul mercato dell’uso corrente fra gli studiosi del loro settore» (Marradi 1987b, pp. 151-152). Anche Alexander (1987, pp. 16-18) sostiene che il controllo empirico delle teorie non è il modo principale in cui si svolge il dibattito nelle scienze umane. Un ruolo più o altrettanto importante ha il richiamo ai classici, le argomentazioni assiologiche, il tentativo di imporre i propri termini e le proprie accezioni.

10 Ad esempio, in una delle numerose occasioni in cui esplicita chiaramente una visione della scienza centrata sugli asserti, Popper afferma: «My emphasis upon theories is connected with my thesis that ‘scientific knowledge’ may be regarded as subjectless: it may be treated as a system of theories-in-themselves» (1968b, p. 293; corsivo mio).

11 «È stato questo genere di difficoltà (che potremmo chiamare impossibilità di constatare direttamente un nesso causale) a indurre Hume a criticare radicalmente il concetto di causa, e molti autori di orientamento positivista a proclamarne o auspicarne l’espulsione dalla scienza. Come osservava Weber, le cause possono essere solamente ‘imputate’, non direttamente osservate» (Marradi 1994a, p. 143).

12 Anche nelle scienze sociali Popper ritiene fondamentale la ricerca della verità; a suo avviso anche in questo ambito esiste un solo metodo che offre la possibilità di impostare la valutazione delle teorie sul piano della loro approssimazione alla verità: si tratta del metodo basato sulla «logica situazionale», che riproduce il metodo ipotetico-deduttivo. Sull’inadeguatezza dell’approccio popperiano nelle scienze sociali e in particolare sui limiti di una visione dell’attività scientifica in questo campo scandita dalla sequenza «problemi-teorie-critiche» si veda il recente contributo di Ricolfi (1995). A suo avviso i «problemi» di cui parla Popper, che derivano dalla mancata corrispondenza tra asserti e controlli empirici, non si danno che del tutto eccezionalmente nelle scienze sociali, date la scarsa produzione di teorie e la difficoltà di controllo empirico delle medesime. In effetti «in situazioni di questo tipo è del tutto normale che la ricerca empirica non nasca e non si sviluppi a partire da problemi, ma molto più semplicemente a partire da domande, ossia da bisogni di conoscenza più o meno esplicitamente tradotti in insiemi di interrogativi sulla realtà» (Ricolfi 1995, p. 391). A tali interrogativi gli scienziati sociali cercano di rispondere mediante la costruzione di «schemi interpretativi, apparati categoriali, sistemi tipologici, definizioni o stipulazioni» (ibidem), ovvero per lo più investendo sul piano «pre-assertorio».

13 Proprio per questo Popper giudica correttamente preferibili le teorie che hanno un alto grado di controllabilità. In modo logicamente impeccabile egli ritiene la controllabilità di un asserto inversamente proporzionale alla sua probabilità. Questa, come è evidente, aumenta all’aumentare della vaghezza del contenuto dell’asserto; vaghezza che allo stesso tempo lo rende meno falsificabile.

14 Sulla distinzione fra conoscenza tacita e conoscenza esplicitata vedi Polanyi (1946 e 1966), e più recentemente Marradi (1994, p. 190).

15 Le teorizzazioni più accurate del modus tollens si devono a Robert Grosseteste e John Buridan. Cfr. Crombie (1955), Losee (1972, V.2.2).

16 Cui qualche anno dopo fa eco Lakàtos, sebbene in toni più sfumati : «Il crimine principale dei filosofi della scienza vecchio stile è stato quello di organizzare per proprio conto un nuovo gioco linguistico indipendente dalla scienza. Inoltre, i filosofi tradizionali volevano organizzare un gioco linguistico improprio, con regole esplicite – Wittgenstein direbbe ‘meccaniche’ – per distinguere la scienza dalla pseudoscienza e criteri espliciti per definire il progresso e il regresso all’interno della scienza. Essi cercarono persino di separare il linguaggio dal suo contesto sociale ed escogitarono un’immateriale ‘terzo mondo’ o mondo delle idee» (1976, p. 301).

17 Nell’affermazione di Lakàtos c’è un esplicito riferimento all’abilità con la quale Popper avrebbe impiegato – almeno nella Logica – termini ed espressioni per comunicare concetti e immagini che risultassero in sintonia con le tendenze epistemologiche dell’epoca. Pertanto, l’opinione di Lakàtos offre un sostegno alla nostra tesi (par. 2) circa l’incoerenza mostrata da Popper sul tema del ruolo dei pre-asserti.

18 Questo è il rilievo che muovono a Popper vari critici fra cui Giorello (1976), Parrini (1980), Pera (1981b), Nickles (1985), Augelis (1989).

19 Lo stesso Antiseri – al quale si deve la divulgazione delle tesi di Popper in Italia – mostra di condividere la nostra interpretazione quando afferma che: «l’attività del ricercatore scientifico consiste, per il nostro Autore, in primo luogo nel costruire proposizioni o sistemi di proposizioni, e secondariamente nell’esame sistematico di tali proposizioni. È fin da ora chiaro così che le scienze empiriche non sono niente altro che teorie o sistemi di ipotesi costruiti e verificati con determinati metodi» (1966, p. 125; corsivo mio).

20 Impostazione cui direttamente si ricinduce il falsificazionismo popperiano, ancor più del verificazionismo dei neo-positivisti.

21 Si pensi, per esempio, al Carnap dell’Aufbau (1928).

22 La parzialità di questo approccio allo studio della scienza è stato criticata esplicitamente da una minoranza di studiosi, tra i quali Polanyi (1946; 1966), Kemeny (1959), Achinstein (1968), Toulmin (1972), Collins (1975) e in Italia, negli ultimi anni, Crespi (1985), Gallino (1992), Marradi (1990; 1994), Ricolfi (1995).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Francesca Rodolfi, « Karl Popper: la scienza a un solo livello »Quaderni di Sociologia, 14 | 1997, 99-119.

Notizia bibliografica digitale

Francesca Rodolfi, « Karl Popper: la scienza a un solo livello »Quaderni di Sociologia [Online], 14 | 1997, online dal 30 novembre 2015, consultato il 04 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1537; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1537

Torna su

Autore

Francesca Rodolfi

Dipartimento di Scienza politica e sociologia – Università di Firenze

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search