Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri26/27Dalla società contadina alla soci...Le reti civiche fra comunità e me...

Dalla società contadina alla società delle reti

Le reti civiche fra comunità e mercato (1997)

Mariella Berra
p. 59-90

Note della redazione

Questo articolo si inquadra nell’ambito di un progetto di ricerca finanziato dal MURST con i fondi 40% «Innovazione tecnologica e riorganizzazione sociale: le reti civiche in Italia», che riguarda tre università Torino, Pavia e Parma. Al gruppo di ricerca, coordinato da M. Talamo, partecipano: N. Addario, M. Baglioni, M. Berra, A. Casiccia, G. Campanini, M. Rampazi, C. Truffelli e S. Vicari.

Testo integrale

1. Che cosa sono le reti civiche?

1Gli sviluppi nel campo delle telecomunicazioni e della trasmissione a distanza delle informazioni attraverso i sistemi più diversi dal telefono al cavo coassiale, dalle fibre ottiche fino alle onde radio, segnano un notevole mutamento nella qualità e quantità delle comunicazioni e degli scambi rendendoli più veloci, intensi, flessibili e frequenti. Di conseguenza i network informativi si vanno profilando come la nuova infrastruttura che ridefinisce e riorganizza tutti i settori dell’organizzazione sociale, dal sistema economico al lavoro, dal tempo libero al sistema educativo. L’esplosione di Internet, che consente la cooperazione attraverso una famiglia di protocolli comuni di milioni di calcolatori, ha reso possibile la comunicazione fra migliaia di reti, le ha rese visibili e, soprattutto, ha dato un grande impulso alla creazione di nuove iniziative aprendo quella straordinaria opportunità per cui da un qualsiasi punto del pianeta si può essere collegati in tempo reale con un qualsiasi altro punto.

2Anche in Italia paesi e città stanno organizzando il loro sistema di collegamenti telematici interni, relativi ad un’area geografica limitata, per fornire servizi e informazioni sulla zona e agli abitanti di una zona e essere presenti nella mappa telematica mondiale. Navigando sulle pagine elettroniche di Internet si possono trovare numerose indicazioni di paesi e città on line. Tante sono nomi senza ulteriori precisazioni, indici di pagine vuote, alcune semplici documenti programmatici e altre hanno obiettivi puramente informativi. Non molte sono quelle che si propongono contemporaneamente di mettere in rapporto il cittadino e l’amministrazione comunale, fornire servizi e promuovere una fattiva e concreta partecipazione sociale e politica. Fra queste pochissime sono quelle con servizi già in parte attivati.

  • 1 Un panorama delle reti civiche in Italia deriva dalla sintesi di più fonti on line. All’indirizzo: (...)

3Il nome rete civica implica troppo o troppo poco e dà solo parzialmente conto della significatività sul piano dei contenuti delle esperienze che in Italia si stanno continuamente sviluppando. Cercando su Internet le reti civiche si trovano diverse mappe che disegnano una realtà non omogenea non solo per il numero di casi indicati, ma, esclusi quelli ormai noti di grandi città, anche per le tipologie considerate1.

  • 2 L’indirizzo on line, dove si trova l’indicazione, è http://www.reti civiche.html.

4Fra le molte esperienze di reti commerciali, amatoriali, di altre reti a iniziativa privata operanti su un territorio le reti civiche vanno, dunque, individuate senza limitarsi a considerare le sole iniziative promosse dagli enti locali. All’interno di una realtà telematica in effervescenza la seguente definizione consente di fare un primo livello di chiarezza e, nel contempo, di tenere insieme esperienze eterogenee «La rete civica è un servizio che vuole creare relazioni interattive tra cittadini, amministrazioni locali e vari gruppi di associazioni. Questo progetto di comunicazione è un contributo per migliorare la qualità della vita quotidiana in modo semplice e razionale e con una conoscenza rapida delle informazioni. Si vuole fare in modo che il cittadino abbia a disposizione un sistema bidirezionale che mette in relazione gli utenti»2.

5I casi concreti già esistenti dimostrano come non esista un unico modello di città, paese e regione on line, ma come una varietà di attori e progetti si incontrino per dare vita a molteplici esperienze che mirano ad estendere lo spazio di comunicazione, discussione e interazione fra i cittadini e tra questi e le loro istituzioni.

  • 3 R. Ferrara, Gli accordi di programma, Cedam, Padova 1994.

6Le recenti leggi 142/90 sull’ordinamento delle autonomie locali e 241/90 sul procedimento amministrativo e il diritto di accesso ai documenti amministrativi hanno dato un impulso alle amministrazioni locali, in particolare ai comuni, verso l’uso delle tecnologie informatiche e l’organizzazione di sistemi telematici per porre in atto i criteri di economicità, efficacia e pubblicità, base di ogni atto della Pubblica Amministrazione, e per favorire la manifestazione di capacità propositive, gestionali, di controllo e sanzionatorie da parte dei cittadini3. È questa, indubbiamente, una delle ragioni che vede in Italia l’amministrazione locale come un soggetto oggi molto attivo nel promuovere le reti civiche. Accanto a queste ultime, caratterizzate da una forte enfasi sul rapporto cittadino/pubblica amministrazione e sulla democrazia elettronica, nascono reti locali, soprattutto nei piccoli centri, con finalità non commerciali, improntate alla pratica della autogestione e della produzione di socialità attraverso il fare comune, che spesso occupano spazi istituzionali vuoti anche con l’appoggio di enti pubblici. Ci sono, poi, iniziative che, pur non trovando negli attori pubblici istituzionali un forte sostegno, per le loro finalità di dare più diffusa possibilità di espressione e di azione alla società locale nei suoi diversi settori e articolazioni, per la tipologia dei servizi offerti, per l’orientamento non meramente utilitaristico meritano di essere ricomprese in questa categoria.

7La rete civica è, dunque, sia una rete creata dai cittadini per i cittadini, come ad esempio Milano nel cui statuto è espresso chiaramente che è fatta dagli utenti, sia una rete promossa dall’amministrazione locale che intende aprirsi ai cittadini, stabilire rapporti interattivi come ad esempio Lucca e Reggio Emilia o semplicemente fornire una struttura di supporto all’economia locale come Napoli e Catania.

8Si possono allora individuare gli elementi che caratterizzano una rete civica:

  • La tecnologia: da un terminale collegato a un calcolatore remoto via modem e linea telefonica fino a una struttura complessa, costituita da molti calcolatori variamente interconnessi.

  • Il territorio: la rete nasce e opera in un preciso contesto geograficamente delimitato, collega telematicamente i residenti e offre informazioni e servizi su una specifica area. Il territorio definisce l’identità, l’ambito di estensione, gli utenti, gli obiettivi, i principali contenuti dell’informazione della rete.

    • 4 Per una analisi delle reti si veda: A. Lomi, Reti Organizzative, Il Mulino, Bologna 1991 e il numer (...)

    La forma della relazione: essa è di scambio bilaterale interattivo, improntato a rapporti di simmetria4.

  • I contenuti: sono dati dalle informazioni e servizi che sono forniti attraverso le reti.

  • L’accesso: la rete deve essere inclusiva, cioè cercare di raggiungere il maggior numero di persone e non solamente gli utilizzatori tradizionali, chi possiede un computer e un modem. L’utilizzo esteso è infatti una condizione necessaria di sopravvivenza e di crescita della rete civica.

  • I fini: quelli specifici sono espressi nei singoli progetti. In generale il fine è quello di rendere più efficiente e facile, migliorandola, la vita quotidiana in un determinato luogo attraverso il mezzo tecnologico che consente una circolazione rapida e chiara dell’informazione.

  • Gli attori promotori: rappresentano diversi settori dell’organizzazione sociale. (amministrazione locale, istituzioni pubbliche e private, associazioni e gruppi di cittadini). Più importante di una loro specificazione è il loro coinvolgimento nel realizzare obiettivi di carattere locale e, anche, la disponibilità a sviluppare strategie di cooperazione attraverso strutture di reti.

9Le reti civiche possono essere considerate delle strutture che combinano la proprietà delle reti telematiche, quale la variazione immediata della dimensione della spazialità, con le identità dei luoghi e dei bisogni. Rappresentano un mezzo per ricostituire una forma particolare di comunità, in cui senso di appartenenza, un complesso di valori condivisi, un sistema di organizzazione sociale e di interdipendenza, abbiano sempre a fondamento principale l’appartenenza territoriale, ma l’interazione sia determinata più dalla accessibilità che dalla prossimità spaziale. Le rete civiche, incentrate su obiettivi e interessi locali, tracciano anche una strada che si apre e si immette nelle ampie autostrade informatiche mondiali.

  • 5 Il server mette a disposizione tutte le informazioni che sono state immagazzinate, le presenta sott (...)

10Si delinea un rilevante nodo problematico, che non concerne solamente l’adozione o meno del collegamento esteso ad Internet5, ma induce a riflettere, ad un livello generale, su quale possa essere il ruolo della rete civica nell’ambito di uno specifico contesto e nel rapporto fra questo e il mondo esterno.

2. Le funzioni delle reti civiche fra locale e globale

11È ormai ampiamente dimostrato come le reti telematiche favoriscano quel processo di globalizzazione dell’economia e della società che consente una intensificazione delle relazioni sociali indipendentemente dalla distanza per cui un evento verificatosi in un luogo ha una ripercussione immediata in un altro luogo. Si possono stabilire forti legami e interessi fra luoghi distanti e indebolire quelli con il proprio contesto di appartenenza. Di conseguenza essere inserito nella rete diventa una condizione di successo per territori, individui e imprese e questo obiettivo genera un continuo processo di conquista del punto più vicino alla posizione ritenuta centrale. La costruzione di reti civiche potrebbe porsi come uno strumento efficace per coordinare le esperienze e i progetti culturali e economici locali, aiutare a proporli all’esterno e a favorire lo scambio di risorse e conoscenze con altre realtà. Un esempio è quello della costituenda rete civica di Torre del Greco presso Napoli, promossa dall’amministrazione locale interessata più che alla trasparenza a diffondere la conoscenza della lavorazione del corallo e a promuoverne la vendita all’estero.

  • 6 Esiste una ampia letteratura sugli effetti economici e sociali della globalizzazione. Si vedano ad (...)

12Il miglioramento dei servizi e della comunicazione sul territorio e l’apertura verso l’esterno, agevolate dai collegamenti telematici, sono, comunque, obiettivi tra loro non in contrasto. Anzi nell’attuale fase di globalizzazione dei mercati, che rende facilmente sostituibili risorse che un tempo erano patrimonio di un determinato contesto e impone, a pena di esclusione, di fare parte di una rete mondiale, diventano complementari6.

13Per coloro che hanno difficoltà di accesso a reti telematiche private la rete civica locale pubblica o ad uso pubblico potrebbe porsi come un’utile struttura informativa, di servizio e di scambio. Nelle aree rurali o nei piccoli centri le reti telematiche locali possono aiutare a superare l’isolamento e attingere a risorse e servizi prodotti altrove. Nel Mezzogiorno di Italia, in assenza di un tessuto produttivo industriale e di vivaci associazioni imprenditoriali, la pubblica amministrazione attraverso la rete potrebbe svolgere un ruolo imprenditoriale e promozionale verso l’esterno e anche porsi a livello locale come scuola di formazione allargata per un uso diffuso di tecnologie telematiche. Ne sono un esempio le reti civiche di Bari e Napoli con obiettivi di promozione turistica.

  • 7 Particolare attenzione è stata data dalla letteratura economica al rapporto fra gli specifici conte (...)
  • 8 Si veda G. Mantovani, Comunicazione e identità. Dalle situazioni quotidiane agli ambienti virtuali, (...)

14Le reti civiche sono anche un importante strumento di riorganizzazione della realtà locale. Moltissime sono, infatti, le applicazioni collegate all’informatizzazione, da quelle che riducono l’onere di una serie di compiti burocratici a quelle di consulenza, informazione, formazione attraverso la teledidattica, dalla creazione di aree di discussione e comunicazione fino a politiche urbane di decongestione del traffico, con progetti di telelavoro. Le reti civiche possono diventare un presupposto per valorizzare le risorse locali, stimolare il senso di appartenenza ad un luogo favorendo la crescita di una cultura che si produce sul territorio e permettendone anche un confronto, un arricchimento e una diffusione all’esterno. Attraverso una riorganizzazione interna e un maggiore scambio con il mondo esterno il territorio locale può essere riqualificato quale nuovo e complesso contesto di interazione. Proprio nel ruolo di mediazione che sono in grado di svolgere fra locale e globale, un rapporto profondamente ridefinito dalla rivoluzione informatica, va ricercato il significato di queste iniziative. Va, cioè, analizzato se e come esse possano diventare quello strumento di integrazione fra comunità e mercato, in grado di facilitare la costruzione di una relazione reticolare e interattiva dei cittadini fra loro, con le loro istituzioni e con il mondo esterno7. Nelle comunicazioni in rete mediate dal computer (Comunication Mediated Computer), infatti, si combinano diversi tipi di relazioni, quelle fra individui, gruppi, organizzazioni e istituzioni, lungo una dimensione a corto (locale) e a ampio raggio (il mondo), in un modello che rende possibile l’interazione e la comunicazione fra tutti i partecipanti alla rete indipendentemente dai vincoli di tempo e di spazio8.

 

  • 9 K. Gutrhie e W. Dutton, The Politics of Citizen Access Technology: The Development of Public Inform (...)

15Un ulteriore elemento su cui riflettere riguarda la funzione attribuita alle reti civiche (pubbliche, private e miste) di importante strumento di partecipazione sociale e politica, in quanto sollecitano e rendono più intensi e frequenti i processi di comunicazione. Due politologi dell’Università di Irvine, Guthrie e Dutton, che hanno analizzato quattro di queste esperienze nel Sud della California, paragonano la progettazione e l’adozione di un sistema di informazione a livello comunitario ad una policy sulla partecipazione. In questo caso la politica come policy è incorporata nella tecnologia (embeddness) invece che in una legge e in un regolamento9. Di conseguenza le scelte tecnologiche circa le attrezzature, le tecniche, l’organizzazione delle persone e la loro attuazione ne determineranno l’uso e l’impatto. In particolare la capacità del sistema (memoria e numero degli utilizzatori) e l’accessibilità (numero dei terminali pubblici e costo di quelli privati) sono considerate dai due studiosi le principali scelte di politica tecnologica. Proprio l’uso e l’impatto incidono sull’intensità, l’estensione e la qualità della partecipazione. L’interattività e la bilateralità delle relazioni di rete, facilitata, ad esempio, dai servizi di teleconferenza e posta elettronica, favoriscono processi di partecipazione attiva. La stessa scelta sui nuovi servizi da fornire, se non in una fase iniziale, non spetta solo a chi gestisce le reti, ma è continuamente arricchita dallo scambio e dalla comunicazione reciproca fra gli utenti.

  • 10 Si veda M. Miccoli, Internet, ormai la usa un americano su quattro, in «La Repubblica», 9 settembre (...)

16Una diversa articolazione della comunicazione che rende i cittadini più attivi e informati è anche una occasione per avvicinare la pubblica amministrazione e gli organi politici di governo ai cittadini e stimolare un progressivo coinvolgimento di questi ultimi nella risoluzione dei problemi locali. La partecipazione attiva, che può indurre anche ad una maggior fiducia verso la propria comunità e le istituzioni, stimolare, quindi, il senso di appartenenza ad un luogo va, comunque, incentivata attraverso la qualità dei servizi offerti dalla rete. Infatti oltre all’accesso all’informazione è anche importante per l’utente poter padroneggiare lo strumento, essere in grado di individuare i contenuti di interesse per avviare processi di confronto e discussione. Costruire e mantenere una relazione bilaterale implica inventare modi nuovi di partecipazione A questo proposito sono interessanti alcuni dati forniti nell’agosto 1996 dal rapporto Internet Demographics Recontact Study. Mentre si segnala un incremento del 50% degli utenti nell’arco di sei mesi, al contempo si registra una diminuzione nell’uso delle aree per discussioni non interattive: oggi ai Forum partecipa il 14% degli utenti mentre nel 1995 il 24% utilizzavano le bacheche elettroniche10.

  • 11 Si veda N. Bobbio, Stato, governo e società, Einaudi, Torino 1985.

17Si possono a questo punto indicare in linea generale e astratta le molte possibili funzioni delle reti civiche: a) la conoscenza del territorio e un uso più agevole delle sue risorse; b) la diffusione di programmi di alfabetizzazione, alfabetizzazione informatica e navigazione; c) l’accesso universale alle grandi arterie di comunicazione telematica (ad esempio fornendo servizi di posta elettronica e il collegamento a Internet); d) la rottura dell’isolamento territoriale nei confronti dell’esterno e il ripristino di un senso di comunità all’interno attraverso sistemi di conferenze e scambio di informazioni; e) la crescita di una democrazia elettronica. Quest’ultimo obiettivo, come già accennato, rientra fra gli specifici progetti di molte reti civiche che i comuni stanno attivando in Italia. Esse favorirebbero la trasparenza della pubblica amministrazione. Attraverso la conoscenza diretta degli atti pubblici il cittadino potrebbe intervenire in modo preparato sulle decisioni di governo locale. Raggiungere questi ambiziosi scopi implica anche per le amministrazioni locali individuare nuovi modelli nella costruzione delle reti civiche, non replicare solamente in forma elettronica la vecchia città. Pensare al contrario potrebbe essere una indicazione per costruire la rete a partire dal punto di vista dei cittadini e non ricalcare un modello di organizzazione cittadina costruita attorno al municipio o in sua vece attorno alla tecnologia11.

18La consolidata esperienza nordamericana delle community networking per la pluralità di modelli organizzativi privati, pubblici, misti che, spesso, si integrano e combinano per offrire, a partire da un esteso riconoscimento dei diritti del cittadino, un servizio efficace al loro territorio e un confronto con la realtà esterna, costituisce un utile e significativo punto di riferimento per il caso italiano.

3. L’esperienza delle community networking

3.1. Due nobili antecedenti

19L’impulso verso un’intensa comunicazione interattiva, una partecipazione allargata dei membri della comunità ai processi decisionali, una tensione per il miglioramento delle condizioni di vita proprie e degli altri, maturato nel clima libertario e egualitario degli anni ’60, furono la base ideale per il nascere e l’estendersi di servizi informatici su base comunitaria.

  • 12 Queste indicazioni risultano dai diversi documenti e relazioni presentati all’incontro annuale «Tie (...)

20La diffusione dei personal computer, di sistemi operativi standardizzati, la riduzione dei costi delle telecomunicazioni, software di comunicazione, memorie di massa a basso costo, ne favorirono concretamente lo sviluppo e la crescita. L’obiettivo di costituire un punto di riferimento rilevante e utile per i membri della comunità, un orientamento all’equità, una tensione verso l’accesso universale con una particolare attenzione ai soggetti socialmente o culturalmente esclusi, sono l’essenza delle community networking o civic networking, che qui chiamerò CN12.

  • 13 Per una storia delle BBS si veda Giorgio Benaudi, La Bibbia del modem. Guida alla comunicazione att (...)

21Antecedenti delle CN sono stati le Public Library e i Bulletin Board Systems (BBS)13. Se è chiara la relazione fra BBS e CNS meno evidente è il rapporto con le attività delle biblioteche pubbliche. La prima BBS comunitaria, la Community Memory di Berkeley, risale alla metà degli anni ’70. Attraverso i terminali, cui ovviamente non si poteva accedere via modem, posti in luoghi molto frequentati come le biblioteche, negozi, lavanderie, gli abitanti di Berkeley potevano scambiarsi pubblicamente informazioni e opinioni.

  • 14 Fin dalla fine del secolo scorso le Public Libraries furono impegnate in campagne di alfabetizzazio (...)

22Per quanto riguarda le biblioteche pubbliche, va ricordato come rientri nelle funzioni e nelle tradizioni di queste ultime individuare tecnologie o strumenti e funzioni adeguate a rendere accessibili i loro servizi al maggior numero di persone e a metterle in grado di rispondere ai crescenti e mutevoli bisogni della comunità14.

23La decadenza urbana sfociata nei riots degli anni ’60, la crescita di una popolazione non colta, poco motivata alla lettura, ma bisognosa di informazioni sulle risorse pubbliche e private disponibili, sui diritti personali e politici, sui programmi di assistenza, determinarono una svolta negli indirizzi di alcune Public Library di grandi centri urbani, che vedevano con l’abbandono delle città da parte delle classi agiate, diminuire anche le loro sottoscrizioni. Negli anni ’60 un gruppo di bibliotecari radicali, il Congress for Change, promosse il servizio Information & Referral destinato a porsi come un punto di incontro e di riferimento informativo tra i bisogni e le risorse disponibili nella comunità. Non è un caso che una delle prime biblioteche a dare vita, già nel 1973, al servizio di I&R fu la Public Library di Detroit, città profondamente toccata dal decadimento urbano e dalle rivolte dei ghetti. Essa creò il servizio TIP (un acronimo che significava The Information Place): la biblioteca come la vecchia piazza cittadina doveva diventare centro di incontro fra pubblici diversi e di scambio di conoscenze e notizie. L’Information & Referral costituì un punto di partenza per fornire i servizi in collaborazione con altre organizzazioni, in particolare per costituire un punto di incontro fra domanda e offerta di risorse esistenti nella comunità, ma situate all’esterno delle biblioteche. Per fare questo fu necessario raccogliere e archiviare notizie sulla comunità. Queste pratiche hanno addestrato i bibliotecari a maneggiare ampi schedari di dati sulle loro comunità, a sviluppare servizi di informazione quotidiana, a sensibilizzarsi e confrontarsi con le nuove tecnologie e a diventare gli intermediari fra la biblioteca e altre organizzazioni operanti sul territorio. Le informazioni raccolte erano molto diverse dalle tradizionali informazioni bibliografiche che, contemporaneamente, si stavano informatizzando e venivano a formare altre banche dati in collegamento fra loro. Alla fine degli anni ’70 si formò una vera e propria sezione all’interno della PLA (Public Library Association), la Community Information Section (CIS), che definiva le linee per costituire i servizi di I&R. I bibliotecari delle CIS, allo stesso modo di come classificavano i libri e le altre risorse, costituirono un sistema per organizzare e schedare le migliaia di informazioni sulla comunità e renderne agibile l’utilizzazione. Dalla biblioteca le loro competenze si estesero all’ambiente esterno, un ambiente complesso formato da più gruppi di interesse. Le nuove tecnologie informatiche crearono un notevole supporto per lo svolgimento dei compiti di alfabetizzazione, I&R e computer timesharing, le tre funzioni essenziali delle biblioteche delle community network, che diventeranno parte dei servizi offerti dalle freenets. Le biblioteche si porranno anche come importanti punti di accesso, diffusi sul territorio, delle CN.

24Va detto che fino alla metà degli anni ’80 le Public Library e le CN fornirono servizi simmetrici per funzioni e proposte. Infatti, le tecnologie usate dai primi hackers erano estranee ai bibliotecari, così come i principi di organizzazione e raccolta delle informazioni sfuggivano agli ideatori delle CN che sottovalutavano la funzione dell’archiviazione e documentazione automatica, parte costitutiva della professionalità dei bibliotecari. Inoltre questi ultimi avrebbero potuto portare la loro esperienza di organizzazione, raccolta e archivio della informazione, ma soprattutto il grande patrimonio di capacità relazionali acquisite nella lunga esperienza di collaborazione con cittadini e altre organizzazioni. Di conseguenza alcune delle prime reti non beneficiarono del valore aggiunto dato dalla collaborazione di professionalità complementari. Il nuovo salto significò il connubio fra dimensione tecnologica e dimensione professionale e sociale.

25La storia delle CN e le loro più compiute e attuali espressioni pratiche che qui analizzo rappresenta una progressiva e fruttuosa combinazione di capacità tecnologiche con una cultura tesa a fare crescere il reciproco coinvolgimento di cittadini e istituzioni per attuare progetti comuni.

3.2. L’esperienza statunitense dalle BBS alla città cablata

  • 15 Per avere informazioni sulle community network si può scrivere a Cheril Collins che collabora con i (...)

26Le community network, conosciute sotto molti nomi: comunità telematiche, community bulletin board, civic networking, telecommunity systems e community information systems15, sono un sistema informatico delimitato geograficamente che offre un supporto alla comunità locale attraverso servizi che consentono l’informazione e la comunicazione gratuitamente o a basso prezzo. Alle base di queste iniziative si sommano la concezione ottimistica sugli effetti positivi della innovazione informatica sullo sviluppo economico e sociale, con la considerazione che l’informazione sia un bene di pubblica utilità. Le reti telematiche possono favorire modi di comunicare più decentralizzati e più democratici, che intensificano le relazioni interpersonali e portano ad una rottura dell’isolamento facilitando gli incontri personali faccia a faccia. Il loro uso, pertanto, deve essere disponibile e accessibile gratuitamente o a bassi costi per il maggior numero di persone.

27L’esperienza americana presenta una molteplicità di modelli che perseguono i più svariati obiettivi dai servizi di computer alla comunità, alle offerte di lavoro, alla raccolta di documenti, allo sviluppo economico, ai gruppi di self-help, a servizi di consulenze, addestramento e apprendimento a distanza, etc.

  • 16 Anne Beamish ha pubblicato una tesi di master in architettura al MIT di Boston dove ricostruisce i (...)

28Questa realtà ricca e in movimento è stata esemplificata e sistemata da Anne Beamish nella sua utile e documentata tesi di Master in architettura al Mit16. Sulla base dei promotori, degli scopi da quelli più utopici e idealisti a quelli orientati alla razionalizzazione dei servizi, è stata tentata una classificazione. I quattro principali modelli individuati sono anche una espressione delle scelte tecnologiche fatte inizialmente e degli investimenti economici, che hanno un impatto sulle risorse offerte dalla rete civica e di conseguenza su chi usa la rete, sul come e per quale fine viene utilizzata.

 

29Una esperienza diffusa negli Stati Uniti sono le BBS di vicinato. Queste strutture di modesta dotazione in hardware e software – si tratta spesso di un server sistemato in una abitazione privata – operano su una scala ridotta che riguarda progetti o servizi particolari e coinvolge pubblici specifici o aree di vicinato. Sono organizzate da una persona o da un gruppo di attivisti e i partecipanti alle volte si conoscono personalmente. La focalizzazione su specifici obiettivi di interesse cittadino come nel caso di Music a Boston rende i dibattiti, gli scambi di informazione molto vivaci e intensi. Queste strutture, peraltro non molto numerose, possono fare parte di un network cittadino più ampio.

 

  • 17 Le Freenets sono concentrate soprattutto negli Stati Uniti e in Canada. È interessante il modo in c (...)

30Le vere figlie del modello Public Library sono le Freenet, associazioni no profit basate sul volontariato, accomunate da una stessa filosofia indicata nel libro blu del dottor Grunder e da uno stesso software, il freeport. Esse offrono gratuitamente agli affiliati informazioni a livello locale e globale attraverso il loro esteso sistema e oggi anche attraverso Internet. Fanno parte del National Public Telecomputing Network (NPTN) sorto nel 1989 all’apposito scopo di diffondere software e strumenti metodologici per fondare altre freenets. Questa associazione è cresciuta enormemente e oggi costituisce una lobby che rappresenta e tutela gli interessi delle Freenet al Congresso negli USA e contribuisce alla organizzazione delle Freenet nel mondo. Attualmente contano più di 400. 000 affiliati e 33 siti operativi in quattro nazioni17.

31La prima Freenet nasce come bacheca elettronica nell’ospedale di Cleveland in Ohio nel 1984 per iniziativa del dottor Grunder, con l’obiettivo di facilitare la comunicazione fra i residenti e gli studenti di medicina con il personale medico specializzato. Il successo dell’esperimento fu così elevato che la locale compagnia telefonica e l’amministrazione delle cliniche universitarie di Cleveland decisero di estendere e sviluppare questo progetto. Oggi questa freenet, collegata con la Case Western Reserve University, offre ai suoi più di 35.000 aderenti servizi di posta elettronica mondiale, informazioni sulla città, sui suoi servizi e su temi di interesse generale e dispone di ampie aree, la piazza, il caffè, il chiosco, riservate a discussioni, conferenze, conversazioni. L’amministrazione locale collabora con aggiornamenti continui sui suoi servizi.

  • 18 Accanto ai servizi informativi la NTPN sta creando una corporazione per «Public Cybercasting», che (...)

32In molte di queste freenet, specie in Canada, l’accesso è stato facilitato anche dalla diffusione di terminali nelle biblioteche pubbliche. Le freenet operano prevalentemente in aree urbane, ma oggi stanno organizzando appositi programmi per le aree rurali e ampliando la offerta di servizi18. La gratuità del servizio e l’importanza degli information service ne ha segnato la continuità con il modello ideale della Public Library rispetto a reti commerciali come Compuservice o America-on-line.

  • 19 Le freespaces sviluppate dalla Telecommons Development Group sono nate da una cooperativa di lavora (...)

33Le freenet si stanno evolvendo da strumento di servizi in rete per gli affiliati in autostrada dell’informazione. Stanno nascendo le freespace, un nuovo modello che cerca di conciliare il mantenimento degli obiettivi con incertezza e rischio finanziario minori. Ai servizi usuali si vanno affiancando servizi a pagamento per fasce diversificate di utenti e si sta utilizzando un software che consenta una interfaccia grafica più amichevole19.

34Le Freenet per la loro diffusione, per la grande capacità di coinvolgimento in aree di discussione, si presentano come un potenziale straordinario strumento di comunicazione politica e un altrettanto straordinario mezzo di alfabetizzazione informatica, contribuendo in tale modo alla crescita di un mercato qualificato di utilizzatori di computer.

 

  • 20 Si veda S. Vicari, Stati Uniti, Francia, Italia. Autostrade, strade e sentieri, in «Problemi dell’I (...)

35Le city wide network sono reti sponsorizzate dal governo locale o regionale. Rispetto alle Freenet si caratterizzano per la forte presenza dell’amministrazione locale. Obiettivo principale è, dunque, quello di rendere accessibili i documenti e le informazioni della amministrazione locale ai residenti. Con il PEN (Peninsula Electronic Network) di Santa Monica in California, stato all’avanguardia nei progetti di informatizzazione dei servizi della pubblica amministrazione20, si inaugura nel 1989 una rete a circuito locale volta a fornire l’accesso elettronico all’informazione pubblica, offrire ai cittadini un mezzo alternativo di espressione delle loro esigenze e preferenze, provvedere un foro elettronico di discussione e uno strumento per la telealfabetizzazione dei residenti. Due sono state le difficoltà iniziali incontrate, che vale la pena tenere presente nell’attuale fase di progettazione delle reti civiche in Italia. Il PEN è stata la prima city network e, quindi, non è stato agevole, in assenza di modelli di riferimento, creare un sistema semplice da utilizzare e sufficientemente flessibile da poter essere facilmente migliorabile. La seconda, invece, non ha riguardato problemi di tecnologia e architettura della rete, ma quelli della trasparenza e della cooperazione dei diversi uffici pubblici al progetto. Anche in una realtà di burocrazia professionale come quella rappresentata dal sistema amministrativo statunitense, molti dipartimenti dell’amministrazione pubblica hanno opposto una resistenza ad un accesso più diretto da parte del pubblico. L’esperimento fu inizialmente sostenuto dalle biblioteche pubbliche, dal capo della polizia e da alcuni membri del consiglio comunale e, solo in seguito, molti dipartimenti si sono impegnati operativamente per rendere accessibile ai cittadini le informazioni degli uffici.

 

  • 21 Una buona rassegna sulla letteratura postindustriale si trova in D. De Masi (a cura di), L’Avvento (...)
  • 22 Si veda sull’argomento W. H. Dutton, J. G. Blumler e K. L. Kraemer (a cura di), Wired Cities: Shapi (...)

36– Il modello astratto di città cablata rimanda alle immagini di molta letteratura sulla società postindustriale degli anni ’70 dove tutto è organizzato elettronicamente e l’individuo usufruisce svincolato da spazio e tempo di qualsiasi tipo di informazione e di servizi. Questo fa parte di un futuro abbastanza lontano21. Il significato delle sperimentazioni in corso è quello di fornire elettronicamente servizi alla comunità nel suo complesso, mettendo in comunicazione attraverso reti fisiche attori diversi, i privati cittadini, il settore economico e le pubbliche istituzioni. Le città cablate presuppongono una strategia che pianifichi nel tempo gli interventi sul territorio e sia sufficientemente flessibile da adeguarsi ai mutamenti della tecnologia e della domanda sociale. La loro progettazione comporta capacità in grado sia di indirizzare che di prevedere il corso delle comunicazioni22.

  • 23 Si veda J. Borrows, Community Information Networking - An Overview, all’indirizzo http//ourworld.co (...)

37Un esempio di successo è la piccola città di Blackburg in Virginia che in diciotto mesi ha coinvolto un terzo della sua popolazione, mettendo in pratica lo scopo originale di collegare elettronicamente case, uffici, scuole, attività economiche e commerciali. Una partnership pubblico-privata, formata dalla amministrazione locale, dalla compagnia telefonica e da imprese di consulenza, ha dato vita a questo progetto Attraverso la rete sono disponibili informazioni sulla città e sulle sue diverse attività, aree di conferenza e comunicazione, il servizio Internet e il collegamento con l’amministrazione locale, cui è riservata una sezione. L’idea è quella ricorrente nella tradizione delle community networking di ricreare la vecchia piazza del villaggio dove la gente si incontra con i suoi vicini: «Mentre tutti pensano alla connessione globale qui la gente non se ne cura, è interessata alle cose di Blackburg», sostiene il direttore del progetto «Electronic Village» in Virginia, di cui questa prima esperienza di wired city fa parte23.

 

38L’esperienza degli Stati Uniti ci dice come non esista un particolare modello di rete civica, ma come convivano una pluralità e varietà di situazioni, che spesso si integrano e cooperano per rispondere alle esigenze dei diversi contesti. A conclusione, infatti, della sua ricerca, Anne Beamish suggerisce come l’ottimalità sarebbe rappresentata dalla combinazione dei migliori requisiti di ciascun tipo di CN: l’attenzione agli esclusi e il forte impegno allo sviluppo della comunità proprio delle freenet, l’alto livello di partecipazione dagli organi pubblici nelle reti governative, l’intimità delle reti di vicinato, la funzionalità dei servizi e dei collegamenti offerti dalle città cablate.

4. Le reti civiche in Italia

  • 24 Si veda P. Manacorda, Tecnologie della comunicazione. Strumenti strategici per la democrazia locale (...)

39La realtà delle reti civiche in Italia, come negli Stati Uniti, è dinamica per l’intervento di soggetti diversi, la combinazione di molte proposte, l’offerta di servizi in continua evoluzione. La rete dovrebbe muoversi secondo una logica sperimentale e incrementale, che deve interpretare realtà in movimento. Una volta definita la struttura, le funzioni dovranno venire continuamente rivedute e integrate. Non è possibile, pur in un ambito di razionalità limitata, individuare in astratto il modello più soddisfacente, in quanto le diverse esperienze presentano una loro autonomia e specificità. Esse non possono che essere improntate ad eterogeneità, eterogeneità di attori, di istituzioni e di luoghi. Non possono, cioè, offrire gli stessi servizi perché diversa è la loro origine, la loro storia, la loro architettura. Anche restringendo l’ambito alle reti civiche promosse dalle amministrazioni locali il livello di organizzazione interna, la conoscenza e l’uso delle tecnologie, la cultura politica sono molto disomogenee24. Un patrimonio tecnico e sociale di esperienze e di bisogni ha un effetto sulla forma e sui contenuti della rete. Non è pensabile una distribuzione uniforme sul territorio nazionale delle reti civiche, in quanto non sono la ripetizione di un servizio amministrativo. Possono, però, costituire uno strumento di diffusione di una cultura informatica uniforme e, contemporaneamente, esprimere le diverse culture dei contesti di origine.

  • 25 Una tesi di laurea di Monica di Bello ha analizzato le reti civiche in Italia. Le 69 reti civiche a (...)

40Si è detto come sia impossibile procedere ad una esatta quantificazione delle reti civiche esistenti. Ad una prima lettura, mettendo insieme più fonti di informazione e le diverse mappe sopra menzionate, raggiungono il numero di 95 con un maggior addensamento nell’area centro-meridionale. A parte le 25 ancora non attive, la maggior parte di queste sono ancora in fase di progettazione. Molte, soprattutto nel Sud, hanno obiettivi turistici. Non più di una decina offrono già alcuni servizi. Ad una analisi approfondita la mappa italiana cambia profondamente. Le reti si concentrano nell’area centro-settentrionale con un addensamento maggiore in Toscana e in Emilia Romagna25. Alcune sono promosse esclusivamente dalla amministrazione comunale come Lucca, Trieste, Torino, Sesto Fiorentino, Reggio Emilia, Bologna; altre dal Comune in collaborazione con l’Università e altri enti come Roma, Modena, Salerno; altre come Milano e Belluno da associazioni private.

41Le informazioni di queste reti sono sempre riportate in alcuni siti Internet. Dal punto di vista della loro architettura, cioè della loro organizzazione tecnologica, esse possono essere variamente collegate alla grande rete Internet. Alcune sono chiuse e non usano neppure la tecnologia di Internet. I messaggi viaggiano da un calcolatore all’altro della rete, ma non possono uscire su Internet. Un esempio è la rete di Pistoia, che difende l’amministrazione cittadina da ingerenze esterne, consentendo di entrare nella rete ai soli residenti. Ci sono, poi, molte BBS nate prima di Internet, circoscritte a realtà locali, che richiedono l’uso di specifici programmi, a cui è possibile collegarsi solo via modem e telefono.

42Altre sono chiuse, ma usano la tecnologia di Internet, per cui possono diventare parti di Internet a seconda della volontà di chi le gestisce e degli investimenti economici e tecnologici. La maggior parte delle reti civiche italiane rientrano in questa tipologia. Esempi sono Torino, Roma, Lucca, Bologna.

43Altre ancora sono parte di Internet: in questo caso si è collegati bilateralmente con qualunque altra macchina in ogni parte del mondo. Esempi di queste sono Modena, Reggio Emilia, Salerno e le molte reti con obiettivi turistici.

44Per tutti i tipi, i servizi forniti dai calcolatori collegati possono essere gratuiti oppure no. Tra i servizi a pagamento o meno c’è anche quello essenziale di connessione.

  • 26 L’esempio più emblematico è quello della Dygital City di Amsterdam, nata nel 1994. Questa rete, org (...)

45Le modalità di accesso a Internet sono differenti. Per quelle private, come Milano, l’affiliazione dà diritto di utilizzare Internet. Fra quelle in cui il comune è parte attiva le soluzioni adottate sono diverse e discusse. A Bologna è prevalsa l’idea dell’accesso esteso a tutti i cittadini. Roma si sta muovendo nella stessa direzione come Reggio Emilia. A Modena è fornito insieme al pagamento differenziato per fasce di utenza dell’accesso alla rete. A Torino è offerto gratuitamente mezz’ora al giorno a fini sperimentali, ma non si pensa in futuro di estendere i servizi di posta elettronica. A Pistoia la connessione è assente. I motivi di tali scelte non sono univoci, vanno dal costo del servizio a quello di evitare problemi di concorrenza con provider locali, fino a particolari filosofie alla base del servizio telematico pubblico. Si confrontano due tendenze diverse: quella dell’accesso, riservato solamente alla posta elettronica e alla consultazione di pagine web, esteso a tutti e quella che intende circoscrivere la comunicazione interattiva all’interno dello stretto ambito territoriale ed evitare il noto effetto Amsterdam, comune anche a molte esperienze di community network. Infatti l’offerta gratuita di Internet più volte ha spinto verso la comunicazione globale piuttosto che verso quella su specifici problemi locali fra cittadini26.

46La classificazione proposta dalla Beamish per la realtà nordamericana offre una guida orientativa della situazione italiana, che, tuttavia, presenta una sua originalità.

47Al modello delle community networking rappresentato dalle freenet si avvicina la rete civica di Milano. Essa è una associazione senza fini di lucro, promossa da studenti e docenti del Dipartimento di Informatica dell’Università, si basa sul lavoro volontario, tende a favorire rapporti interattivi fra i partecipanti, che devono rispettare e condividere il galateo di rete. Nella rete sono privilegiati sulla base delle consensus conference le aree di discussione. Dato lo scarso interesse dell’amministrazione comunale non è collegata, ad eccezione dell’Assessorato alla Cultura, con i servizi della pubblica amministrazione cittadina e non ha né prevede di avere in futuro punti di accesso in luoghi pubblici. Dà, però, informazioni sulla città e apre la discussione su temi di politica cittadina anche ai non residenti proponendo una sorta di cittadinanza virtuale. Alla rete si accede attraverso un software speciale o anche via Internet, di cui offre gratuitamente l’uso agli affiliati.

48In questa categoria si colloca anche la rete civica di Belluno promossa da una cooperativa e da una società di informazione basata sull’interscambio di informazioni fra la rete e i suoi utenti.

49In una linea di continuità fra freenet e BBS stanno nascendo spesso in piccoli centri numerose iniziative spontanee finalizzate a obiettivi specifici come ad esempio l’educazione telematica in collaborazione e collegamento con l’ente pubblico.

 

  • 27 Per maggiori informazioni si veda G. Dallara, C. Gattei, M. Palmirani e L. Gidi, Il progetto ESPRIT (...)

50Alla esperienza delle civic network si richiamano molte iniziative promosse dalle amministrazioni locali da sole o in collaborazione con altre organizzazioni pubbliche e private. L’esempio più antico e completo è quello del comune di Bologna che, come è noto, ha partecipato ai primi esperimenti di democrazia elettronica sostenuti dalla Comunità Economica Europea con il progetto City Card avviato nel 199427. L’obiettivo dell’amministrazione era quello di realizzare il comune telematico attraverso la distribuzione di punti di accesso nella città per informazioni sulla attività amministrativa e sui principali progetti, per sveltire e coordinare sul territorio l’attività di certificazione, favorire la espressione di opinioni e preferenze da parte dei cittadini su temi e proposte politiche di interesse locale. Inoltre con il servizio Dali (Delivery and Access to the Local Information and Services) si cerca di sviluppare una gestione intelligente dei messaggi inviati all’autorità comunale: il cittadino non è obbligato a conoscere l’organizzazione burocratica del Comune, ma l’ufficio destinatario viene individuato automaticamente dal sistema. La conoscenza del cittadino è anche facilitata dall’Ufficio Relazioni con il Pubblico in funzione dal marzo 1996 e, per l’informazione a livello della Comunità Europea, si prevede entro il 1996 l’apertura dell’Infopoint Europeo.

51Con il progetto Iperbole, Internet per Bologna e l’Emilia Romagna, del 1995 è stata ampliata l’area di intervento offrendo l’uso gratuito della rete per fini non commerciali a tutti i cittadini, l’utilizzo a tariffe ridotte alle piccole imprese e coinvolgendo associazioni e biblioteche per l’attività di alfabetizzazione informatica. Navigator utilizza l’ingresso di Iperbole e ricostruisce, in modo un po’ tradizionale secondo i critici, una cartografia della regione per facilitare il viaggio attraverso l’Emilia Romagna e farla conoscere nel mondo.

52La creazione dell’area metropolitana, di cui Bologna con altri 51 comuni della zona, nuovi nodi della rete, si è fatta promotrice in accordo con l’art. 17 della legge 142 del 1990, per realizzare una integrazione dei servizi e offrire una risposta più adeguata alle esigenze della città, indica una linea di sviluppo futuro promettente delle reti civiche.

  • 28 A Moncalieri la rete civica è costituita dal bancomat delle certificazioni. I residenti possono ott (...)

53Sull’onda delle grandi città che hanno dato il via ad investimenti massicci, molti piccoli comuni si sono attivati per la costituzione della loro piccola rete locale, che spesso consiste nella informatizzazione di servizi amministrativi di base e in notizie informative28. Un esempio è la rete civica di Desenzano del Garda, promossa dal locale Assessorato alla Cultura, nell’ambito di un progetto «OnDe di informatica civica» comunale, sul modello della rete milanese. Si tratta della prima esperienza che riguarda un comune di modeste dimensioni (22.000 abitanti), che mette a disposizione dei cittadini una rete gratuita su un numero telefonico urbano per la diffusione di informazioni a carattere pubblico e con servizi di posta elettronica.

 

54Torino si sta proponendo come la prima città cablata di Italia. Il progetto Torino 2000, frutto di una intesa fra Comune e Stet, parte del progetto europeo Iris (Interregional Information Society), si basa sull’informatica distribuita, su architetture aperte e su una rete di comunicazione a fibra ottica per la trasmissione digitale di dati, voce, immagini e video in modo da rendere più facile, veloce, completo e diffuso il collegamento fra cittadini, istituzioni e organizzazioni economiche. Sulla rete si affacceranno stazioni di lavoro e personal computer in grado di elaborare una grande quantità di informazioni in forma multimediale. Attraverso queste infrastrutture, in corso di realizzazione, si intende offrire e diffondere una serie di servizi telematici. La rete, nata dalla collaborazione fra il Centro elaborazione Dati del Comune e il CSI Piemonte, si integra con il piano del servizio telematico cittadino, che mira a coinvolgere le associazioni professionali, di categoria, volontariato, le scuole, le università. In questo ambito si inserisce la collaborazione con circa 250 associazioni e ordini professionali e con i diversi assessorati per la costruzione da parte di questi di pagine Web di informazione e dei servizi da offrire in rete e per incoraggiarli a porsi come un punto di riferimento in rete per i loro utenti. Inoltre attraverso un lavoro sperimentale con le scuole e le biblioteche, ritenuti i naturali punti di riferimento fra la pubblica amministrazione e l’utenza giovanile, si intende sviluppare e diffondere la conoscenza delle nuove tecnologie e far crescere una cultura attiva della tecnologia.

55La tendenza è quella di una integrazione organizzativa e tecnologica. Alla base del progetto di rete c’è la volontà di avviare un processo di semplificazione degli iter procedurali in modo tale che questi siano facilmente comprensibili e l’ingresso nel circuito telematico sia il più esteso possibile.

 

56In questa classificazione, pur nell’ampia definizione di reti civiche da me data inizialmente, non rientrano quelle iniziative promosse da provider privati, che offrono a pagamento servizi di informazione cittadina. Pur denominandosi reti civiche per il loro orientamento prevalentemente commerciale non rientrano nella grande famiglia delle community network come invece Milano. E neppure possono rientrare reti come Agorà, forse la più significativa esperienza italiana di rete spontanea per la ricchezza delle aree di discussione e dei servizi informativi offerti, che, però, non è collegata ad uno specifico contesto territoriale. Diverso è, invece, il caso di reti costruite dalle amministrazioni locali con obiettivi turistici, che si pongono in un’ottica non meramente commerciale di promozione di un contesto. Quello che ritengo importante è la possibile evoluzione verso l’integrazione di progetti e interventi diversi e la cooperazione, come nell’esempio della città cablata, fra più rappresentanti di interessi al fine di migliorare le condizioni di vita in una determinata zona.

  • 29 K. Gutrhie e W. Dutton, The Politics of Citizen Access Technology…, op cit., 1992.

57Un metodologia di analisi ricca di valore esplicativo sul piano empirico è quella di studiare le linee guida alla base del disegno della rete. Essa aiuta a capire le uniformità e specificità dei singoli casi e se e come il progetto iniziale sarà implementato. Non a caso questo metodo, suggerito da Guthrie e Dutton, si rifà alla implementation analysis delle politiche pubbliche29. La tecnologia presenta tutta la sua valenza di relazione sociale. Infatti le conoscenze e gli interessi tecnologici, le ideologie politiche, il tipo di rapporto con i cittadini, le aspettative dei cittadini nei confronti dei governi locali, l’intreccio fra le culture tecnologica, politica e amministrativa nei diversi contesti, il modo in cui differenti istituzioni sono disponibili alla cooperazione, il clima sociale e economico di un luogo hanno un forte impatto sulla natura della rete civica e, a volte, sulla sua stessa esistenza. Si spiegano così le diverse linee di indirizzo di alcune reti civiche importanti, in cui l’amministrazione locale svolge un ruolo centrale.

58A Torino prevale una volontà di sviluppare rapporti di cooperazione. Grande risalto, è, infatti, dato alle forme associative. Si ritiene necessaria la loro mediazione per risolvere i problemi del singolo utente che, individualmente, spesso non ha le competenze necessarie. Il rapporto, quindi, nell’ambito di un ampio sistema telematico, si stabilisce fra i singoli utenti con le associazioni e i servizi di base. Il cittadino singolo trova la sua considerazione all’interno di un’organizzazione che lo rappresenta e non con iniziative autonome. In questa linea si spiega, almeno nell’attuale fase, solamente l’accesso gratuito alla rete civica su numero telefonico urbano, mentre gli accessi diretti a Internet sono dati solo alle biblioteche e alle scuole che lo richiedono.

59A Bologna, che oggi offre i servizi più avanzati e dove pure è forte il coinvolgimento e la cooperazione con le molteplici e svariate associazioni cittadine, l’idea è quella di privilegiare il rapporto bilaterale cittadino/amministrazione locale. Principio ispiratore è la realizzazione attraverso strumenti telematici della democrazia partecipativa, che prevede un cittadino attento agli sviluppi della cosa pubblica, informato sugli avvenimenti politici, sociali e economici, in grado di scegliere tra alternative e impegnato in forme dirette di partecipazione. Sulla stessa linea di un progressivo sviluppo di un rapporto bilaterale diretto fra cittadino e pubblica amministrazione sono le reti civiche di Reggio Emilia, Sesto Fiorentino e Lucca e parzialmente Modena, più attenta quest’ultima alle attività economiche con servizi a pagamento.

60A Roma, rete nata da una collaborazione fra comune e università, decine di BBS sono state invitate e coinvolte a partecipare alla discussione del progetto iniziale nel 1995 e a collaborare portando avanti in modo organizzato attraverso collegamenti intersistemici la loro tradizionale funzione di addestramento e formazione informatica. Il fine è la massima estensione dell’accesso. L’originalità è data da due progetti in corso che riflettono la struttura terziaria della città. Uno il Roma Trade Traffic Decongestion Teleworking Program, nell’ambito del programma LIFE in accordo con il Ministero dell’Ambiente, concerne una sperimentazione di decentramento degli uffici urbani e di pendolarismo elettronico per risolvere i problemi di traffico e inquinamento. Il secondo, l’unico progetto concretamente avviato insieme alla pubblica amministrazione centrale, riguarda la creazione dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico (URLP) per facilitare il rapporto con il complesso sistema amministrativo.

61Comune a tutte queste esperienze è il forte il legame con il modello «Public Library» per i servizi di information & referral e per la costituzione di punti informativi distribuiti sul territorio.

62Si può ancora individuare nell’attuale tipo di cultura politica delle amministrazioni comunali un parziale disinteresse per la costruzione di queste iniziative in una regione, che ha visto nascere già nel 1995 due consistenti e vivaci esperienze di community network basate sul volontariato privato e pubblico: Milano e Desenzano sul Garda. Una tale indicazione fa riflettere sul caso piemontese in cui a differenza di Torino, Cuneo o Moncalieri che ha già avviato un servizio di certificazione elettronica distribuita sul territorio, le amministrazioni di Vercelli, Novara e Alessandria sembrano meno attive.

4.1. L’amministrazione in piazza

  • 30 I rischi del controllo per i cittadini non vanno sottovalutati. Per una analisi di questa problemat (...)

63Lo sforzo di rendere accessibile il comune in rete segnerebbe una rottura con una amministrazione accentrata e distante. L’applicazione delle tecnologie informatiche ai servizi pubblici rende indubbiamente più agevole quel passaggio oggi molto auspicato e oggetto di diversi provvedimenti legislativi dall’amministrazione autoritaria all’amministrazione amichevole. Il nuovo modello si presenterebbe come un panopticon rovesciato, non l’occhio onnipervasivo che controlla, ma una stanza di vetro in cui l’amministrazione si propone e si espone ai cittadini, accetta un confronto e una interazione più diretta. I punti di accesso, i terminali diffusi disegnerebbero tanti spazi sociali dove nasce il dialogo e si rafforza il legame tra i cittadini e le istituzioni, da cui parte l’esercizio del diritto all’informazione. Il modello non sarebbe il grande fratello o l’occhio elettronico che tutto registra e controlla30, ma la democrazia partecipativa descritta da Tocqueville.

64Le recenti riforme legislative sui diritti all’accesso diretto e sulla pubblicità delle informazioni e dei documenti amministrativi, sulla crescita degli ambiti di partecipazione, si muovono in questa direzione. Tuttavia la praticabilità di questi diritti comporta un forte impegno e una altrettanto forte capacità di innovazione organizzativa. L’obiettivo non è facile da realizzare. Si è detto delle resistenze opposte da una burocrazia professionale ad aprire gli uffici alla cittadinanza nell’esempio del PEN, la civic network dell’area di Santa Monica. Queste non sono certo minori in un sistema gerarchizzato dove si difendono vecchi privilegi e interessi corporativi, dove sono sedimentati comportamenti ritualistici e permangono forti diffidenze verso l’innovazione.

65Mettersi in piazza implica, almeno in linea teorica, un buon proposito da parte delle amministrazioni di impegnarsi a riorganizzare e potenziare i propri servizi interni, per passare nel corso del tempo da una posizione di vetrina sulla rete ad una reale operatività, per riempire di contenuti proposte interessanti per impegno e progettualità.

  • 31 Si prevede un’integrazione dei servizi sanitari. Ad esempio i medici di base potranno offrire ai lo (...)

66Una amministrazione più trasparente e più accessibile deve anche diventare più efficiente. L’innovazione e l’integrazione dei diversi servizi dell’amministrazione locale e centrale sono un presupposto determinante della consistenza, della qualità dei servizi offerti dalle diverse reti civiche e della loro appetibilità. Questo dipende dall’impegno e dalla responsabilità dei diversi uffici, dalla disponibilità alla collaborazione dei e fra i settori della pubblica amministrazione e fra questi e altri attori e organizzazioni. La qualità dei contenuti è, poi, un forte stimolo per aiutare il cittadino a superare i timori e iniziarsi all’alfabetizzazione informatica, a utilizzare la rete. A Bologna, ad esempio, è già stato attuato nel 1990 il CUP (Centro unico prenotazioni), il primo centro unificato di prenotazione europeo a dimensione metropolitana. Esso è una rete che riduce i passaggi burocratici e i tempi di attesa per l’utente e prevede una integrazione completa dei servizi sanitari31.

67Non è forse un caso che dove l’innovazione amministrativa è maggiormente consolidata, la rete civica proponga un rapporto interattivo bilaterale con l’universo dei cittadini secondo una logica di sperimentazione e di confronto critico. Avvicinarsi al cittadino implica accettarne anche il giudizio.

68Lo spazio aperto pervasivo delle reti telematiche è, infatti, per chi lo pratica uno spazio più trasparente. Consente di far conoscere casi diversi, metterli a confronto, svelarne i ritardi e le inefficienze. Come sul piano economico l’estensione planetaria delle reti telematiche indebolisce le isole commerciali e le rendite di monopolio in quanto aumenta per i clienti la conoscenza dell’offerta, così anche nel ristretto ambito delle reti civiche locali può svilupparsi un fenomeno analogo. Nel panopticon rovesciato si aprono momenti di confronto e concorrenza fra le molte e differenti realtà nazionali e locali, il che può essere anche uno stimolo per un miglioramento.

5. Ottimisti e pessimisti

69Le reti telematiche rappresentano come ogni nuova tecnologia un’opportunità e una sfida. Le nuove tecnologie della comunicazione possono essere una forza positiva che migliora la qualità della vita, offre una pluralità e varietà di prestazioni e favorisce la partecipazione da parte dei cittadini. Nello stesso tempo pongono il problema di essere attrezzati a rispondere alle sfide ed ai cambiamenti che il loro uso e la loro diffusione comporta.

70Gli effetti delle tecnologie sono ambivalenti e offrono facce diverse a seconda delle situazioni e dei contesti. Le reti di comunicazione permetterebbero la crescita di uno spazio sociale esteso, aperto, ricco di potenzialità di sviluppo; rappresenterebbero quella tecnica che consente all’umanità di unificarsi nella varietà delle sue culture (Morin, 1988) e di occupare in un abbraccio globale l’intero pianeta (McLuhan, 1964). Sul lato opposto si parla di crescita dell’atomizzazione e dell’isolamento come conseguenza di una esasperata individualizzazione delle esperienze comunicative(Boorstin, 1973). La tesi della partecipazione totale dell’umanità, sostenuta dal guru del Media Lab Nicholas Negroponte, è, ad esempio, confutata da un’altra computer science Ellen Ullmann, non a caso una donna, che dimostra come la cultura digitale escluda e precluda preparando pochi e riservando tanto tempo libero passivo a molti (Colombo, 1995).

71Qualsiasi mutamento che accresce il potere delle persone contemporaneamente esclude chi non se ne appropria. Soltanto una retorica della terza ondata può sostenere che informazione significa sempre e comunque potere. Il potere è il potere e l’informazione è particolarmente utile per coloro che già lo posseggono. Di conseguenza la società dell’informazione può rafforzare l’asimmetria del potere e escludere sempre di più chi non ce l’ha. Esiste il rischio che un mondo caratterizzato da una comunicazione sempre più veloce possa essere più unificato, collegato, ma anche più diviso. La velocità delle tecnologie non sempre corrisponde alla velocità del ricambio e dell’adeguamento sociale.

72Più che replicare ai profeti della società dell’informazione e ad un mito di crescita del potere attraverso le nuove tecnologie su un piano astrattamente teorico, penso che occorra valutare in concreto come avverrà e chi avrà l’accesso alle informazioni e intervenire, così, in modo adeguato.

73Le nuove tecnologie delle telecomunicazioni, date le loro caratteristiche di bene immateriale, offrono, infatti, un’immagine di apparente gratuità e di facile trasferibilità e acquisizione. Tuttavia gli effetti non sono scontati ed anche la loro crescita determina forti divisioni fra paesi, fra quelli più avanzati nella conoscenza e nell’uso delle NTIC (nuove tecnologie informatiche e della comunicazione) e quelli arretrati, stratifica per livelli di reddito e gradi di istruzione, discrimina per sesso e appartenenza sociale. Solamente dalla breve rassegna sopra presentata sulle reti civiche in Italia, si nota come la sistematicità, la complessità e la ricchezza di ogni progetto e iniziativa e i tempi di attuazione siano diversi fra il Centro-nord e il Sud, il che, come si è detto, non fa prevedere un risultato uniforme nel futuro. Diverso è, infatti, il livello di conoscenza accumulata, presupposto sostanziale di ogni rete civica. Questo dipende dalla diversità delle condizioni sociali e economiche, della cultura della pubblica amministrazione, della storia passata nei vari contesti.

74All’inizio di ogni esperienza e scoperta, che utilizza nuovi strumenti e nuove tecnologie, c’è solitamente un forte entusiasmo, si sviluppa quel golden vaporware che colora di positività e di luce ottimistica i nuovi eventi (Sterling, 1993). La teoria del vapore dorato sul dispiegamento della informazione e sulle NTIC, in genere, rimanda immagini molto allettanti sui loro effetti positivi sulla conoscenza, trasparenza, partecipazione democratica, come se la costruzione di reti telematiche significasse di per sé una possibilità di accesso e di diffusione di benessere e di crescita generalizzabile.

75Un rischio da evitare è, dunque, quello di creare nuove forma di deprivazione per quelli che non hanno le possibilità materiali e conoscitive di accesso. Le competenze linguistiche e culturali sono elementi altrettanto discriminanti e emarginanti delle ineguaglianze dovute ad una iniqua distribuzione delle risorse. Le reti civiche mettono in contatto persone, conoscenze e istituzioni, ma il loro utilizzo può privilegiare chi già possiede l’alfabetizzazione informatica e i mezzi per usarle.

  • 32 Per quanto riguarda la Digital City di Amsterdam la ricerca condotta da K. Schalken e P. Tops dal t (...)

76Una survey condotta dalla Digital City di Amsterdam per capire l’identità degli utenti e le ragione per cui la rete veniva utilizzata ha evidenziato come l’accesso alla rete non toccava un pubblico indifferenziato, ma, almeno nella fase iniziale, i maschi di classe media. Le freenet si sono sviluppate in modo consistente nelle aree urbane e solo recentemente si è pensato di diffonderle nelle zone rurali. Le inchieste condotte in alcune città francesi sull’uso delle teleconferenze telefoniche hanno messo in evidenza come l’offerta di servizi aggiuntivi accresca la «telesocialité» di chi già usa questi strumenti. In Italia la ricerca «Casa e Tecnologia» del giugno 1995 sulle tendenze rilevanti nel consumo tecnologico delle famiglie italiane presenta risultati non incoraggianti. Il 52% dispone di una dotazione tecnologica di pura sussistenza. Più della metà delle famiglie italiane si pone lungo una soglia di povertà tecnologica, un terzo rappresenta un mercato che si può aprire solo nel medio-lungo periodo e solo un quarto è pronto ad affrontare l’era multimediale32. Sempre in Italia i recenti dati Istat sui livelli di scolarità e sulla distribuzione dei redditi per famiglie e aree territoriali disegnano una realtà fortemente squilibrata.

77Garantire una reale partecipazione dei cittadini attraverso la costruzione di un sistema di informazione a livello comunitario implica, come si è detto all’inizio di questo scritto, preoccuparsi sul piano strutturale della capacità del sistema e della accessibilità e, su un piano sostanziale, dei contenuti che passano in questa struttura. Offrire uno spazio comune di informazione, come sostiene il rapporto Delors, fornire, cioè, un servizio al maggior numero di utenti-cittadini, riguarda il supporto tecnico, l’estensione della cablatura, l’utilizzo di linguaggi amichevoli, la riduzione dei costi e rappresenta una condizione necessaria per l’esistenza e il successo delle reti civiche. Diffonderne la capacità di uso, far crescere una cultura attiva della tecnologia sul territorio, offrire servizi validi e efficienti, costruire uno spazio comune di contenuti è l’ulteriore condizione per ridistribuire i saperi e, attraverso questi, anche i poteri e sviluppare una democrazia elettronica sostanziale. Quando si dice, infatti, che le reti telematiche, di cui le reti civiche costituiscono una applicazione, sono mezzi di comunicazione per utenti evoluti, non ci si riferisce solamente alla conoscenza del linguaggio informatico, ma anche alle telecapacità che sono costituite da capacità di sintesi, selezione e autonomia di lettura.

78L’ottimismo e il pessimismo riguardano non solo le funzioni e gli effetti delle reti civiche in Italia sull’organizzazione sociale, ma anche la loro futura crescita e il loro futuro sviluppo. A mio parere, sono esperienze destinate ad estendersi.

  • 33 Si veda l’intervista a U. Eco di V. Zambardino, Internet? È una top model, in «Il Venerdì di Repubb (...)

79Si tratta, comunque, ancora di costruzioni previsive, incerte nella loro effettività operativa e, quindi, nel loro impatto, circondate da una cortina di vapore dorato. Quello che conta sono le linee guida alla base di queste iniziative. L’esperienza bolognese con il progetto Multiarcarde offre una indicazione positiva e interessante33. Essa rappresenta una proposta di estensione reale della partecipazione attraverso la formazione di telecapacità e la crescita della collaborazione fra i cittadini per creare progetti integrati di area. Una iniziativa di apertura verso i diversi e plurimi gruppi di interesse locale con una prospettiva di fornire strumenti di conoscenza a partire dal proprio specifico, ma disponibile al confronto e allo scambio con il mondo. In tale modo la rete civica può effettivamente combinare le potenzialità proprie delle tecnologie telematiche con le identità dei luoghi e dei bisogni.

Torna su

Bibliografia

Bagnasco A. (1994), Fatti sociali formati nello spazio. Cinque lezioni di sociologia urbana e regionale, Franco Angeli, Milano.

Belloni M.C., Rampazi M. (a cura di) (1996), Luoghi e Reti. Tempo, spazio, lavoro nell’era della comunicazione telematica, Rubbettino, Cosenza.

Berra M. (a cura di) (1995), Ripensare la tecnologia. Informatica, occupazione e sviluppo regionale, Bollati & Boringhieri, Torino.

Boorstin D. J. (1973), The Americans: The Democratic Experience, Vintage, New York (trad. it. F. Angeli, Milano 1996).

Catanzaro R., Ceri P. (a cura di) (1995), Comunicare nelle metropoli, Utet, Torino.

Colombo F. (1995), Confucio nel Computer, Rizzoli, Milano.

Durand M. F., Levy J., Retaillé D. (1996), Le monde espaces et systèmes, Presse de la Fondation Nationale des Sciences Politiques & Dalloz, Paris.

Gallino L. (1991), Informatica e scienze umane. Lo stato dell’arte, Franco Angeli, Milano.

Gutrhie K. e Dutton W. (1992), The Politics of Citizen Access Technology: The Development of Public Information Utilities in Four Cities, «Policy Studies Journal», 20, Winter, pp. 574-597.

Koob S. (1992), The Global City, New York, London, Tokyo, Princeton University Press, Princeton N. J.

Levy S. (1996), Hackers. Gli eroi della rivoluzione informatica, Shake Edizioni, Milano.

Lyon D. (1994), The Electronic Eye: The Rise of Surveillance, Polity Press, Cambridge, U.K.

Mantovani G. (1995), Comunicazione e identità. Dalle situazioni quotidiane agli ambienti virtuali, Il Mulino, Bologna.

Marra E. (1996), La città dei dati, in Marra E. e Romita T. (a cura di), L’Officina dei dati, Gramma, Perugia.

Martinotti G. (1996), Ordine e disordine nella città delle cose e nella città dei dati, in Clementi A., De Matteis G., Palermo P.C. (a cura di), Le forme del territorio italiano, vol. I, Temi e immagini del mutamento, Laterza, Bari.

Mattelart A. (1994), L’invention de la communication, La Découverte, Paris.

Mc Luhan M. (1967), Gli strumenti del comunicare, Il Saggiatore, Milano.

Morin E. (1988), Pensare l’Europa, Feltrinelli, Milano, p. 155.

Naisbit J. (1996), Il paradosso della globalizzazione, Angeli Milano.

Negroponte N. (1995), Essere digitali, Sperling & Kupfer, Milano.

Oldenburg R. (1991), The Great Good Place: Cafes, Coffee Shops, Community Centers, Beauty Parlors, General Stores, Bars, Hangouts and How They Get You Through The Day, Paragon House, New York.

Omahe K. (1996), La fine dello Stato-nazione. L’emergere delle economie regionali, Baldini & Castoldi, Milano.

Rheingold H. (1993), Virtual Community, Addison: Wesley, Reading, MA.

Sterling B. (1993), Giro di vite con gli hackers, Shake edizioni, Milano.

Thompson J. B. (1995), The Media and Modernity. A Social Theory of The Media, Polity Press, Cambridge (Mass.).

Tocqueville A. (1968), La democrazia in America, Utet, Torino.

Tofler A. (1994), Creating a New Civilization. The Politic of the Third Wave, The Progress & Freedom Foundation, Washington-Atlanta.

Turkle S. (1995), Life on the Screen: Identity on the Age of Internet, Simon & Schuster, New York.

Veltz P. (1996), Mondialisation, villes et territoires. L’èconomie de l’archipelle, Puf, Paris.

Wackerman G. (1995), De l’espace national à la mondialisation, Ellipses, Paris.

Torna su

Note

1 Un panorama delle reti civiche in Italia deriva dalla sintesi di più fonti on line. All’indirizzo: Http://www.specialnet.cmt.it/esplorare/reticiviche.html sono solo sei; all’indirizzo: http://dimtel.nit.it/Dimteland/sitivari/reticiviche.html sono sedici; a quello: http:www.nets.media.it/concov/retihtml sono cinquantanove; a quello: http.//www.itol.it/Menu/Turismo/reticiviv.html sono quaranta; e infine a: http:// www.ibenet.it/rete/civica sono trentotto.

2 L’indirizzo on line, dove si trova l’indicazione, è http://www.reti civiche.html.

3 R. Ferrara, Gli accordi di programma, Cedam, Padova 1994.

4 Per una analisi delle reti si veda: A. Lomi, Reti Organizzative, Il Mulino, Bologna 1991 e il numero 1 del marzo 1996 della «Rassegna Italiana di Sociologia», interamente dedicato all’analisi di rete.

5 Il server mette a disposizione tutte le informazioni che sono state immagazzinate, le presenta sotto forma di ipertesto, cioè con alcune parole evidenziate rispetto ad altre che, se cliccate rinviano ad altre pagine. In Internet questi click possono rimandare a pagine situate su altri server in un punto qualsiasi del globo, nelle LRC (reti civiche locali) consentono di navigare fra le informazioni memorizzate nella specifica rete.

6 Esiste una ampia letteratura sugli effetti economici e sociali della globalizzazione. Si vedano ad esempio per i diversi aspetti storico, sociale, tecnologico e economico: I. Wallerstein, Il sistema mondiale dell’economia moderna, il Mulino, Bologna 1978-1982; M. Castells e J. Henderson, Techno-economic Restructuring, Socio-political Processes and Spatial Transformation: a Global Perspective, in Global Restructuring and Territorial Development, Sage, London 1987; C. Freeman e J. Hagedoorn, Globalization of Technology, Report for the FAST Program Commisssion of the European Community, giugno 1992; G. Wackerman De l’espace national à la mondialisation, Ellipses, Paris 1995.

7 Particolare attenzione è stata data dalla letteratura economica al rapporto fra gli specifici contesti territoriali regionali e la globalizzazione dell’economia. In inglese questo rapporto globale locale è sintetizzato dalla parola «glocalization», che è stata usata nell’accezione economica per designare la tendenza attuale di grosse imprese a delegare una parte dei loro poteri a managers autoctoni meglio in grado di percepire le specificità locali nei metodi di gestione e di produzione. Si veda, Le vingt mots des années ’90 in «Courier International», 16 gennaio 1991. La letteratura economica di impresa ha coniato il concetto di glocalizzazione e lo ha ampiamente utilizzato per indicare, ad un livello generale, come la specificità dei contesti giochino un ruolo importante negli stessi processi di produzione e di gestione delle imprese. Si veda ad esempio il recente libro di K. Omahe, La fine dello Stato-nazione. L’emergere delle economie regionali, Baldini & Castoldi, Milano 1996. Tuttavia il territorio entra nel gioco economico anche come matrice di organizzazione e di interazione sociale. Antecedenti di una interpretazione sociologica del concetto di glocalizzazione si trovano nelle analisi di J. Naisbits sull’emergere di un nuovo regionalismo e sull’enfasi posta nell’idea di agire localmente pensando globalmente. Anche l’analisi di Yoneji Masuda, quando nel descrivere la città del futuro «Computopia», sostiene lo stretto intreccio di una crescita di una democrazia rappresentativa a livello locale con lo spirito della globalizzazione, rimanda ad un concetto sociale di glocalizzazione. Cfr. J. Naisbitt, Megatrends. The New directions Transforming Our Lives, Warner Books, New York 1982; Y. Masudaa, Information Society as Post-Industrial Society, World Future Society 1981. Recentemente il termine glocale è stato utilizzato da A. Bonomi, Il trionfo della moltitudine, Bollati & Boringhieri, Torino 1996. Il glocale per questo autore sta a significare: «un locale intriso e attraversato dalla modernità, un luogo in grado di stabilire le relazioni lunghe con il mondo, oltre le relazioni corte, faccia a faccia, di una comunità che non è più». Si veda A. Bonomi, Il trionfo della moltitudine, Bollati & Boringhieri, Torino 1996, p. 28. Sulla base di un significato sociale di glocalizzazione come «rapporto dei cittadini fra di loro, con le loro istituzioni e con il mondo esterno» viene sostenuto come la costituzione di reti telematiche locali pubbliche o ad uso pubblico, che aiutino a riorganizzare lo spazio locale, possa svolgere una funzione non indifferente anche sul piano economico. Si veda M. Berra, Spazio economico spazio sociale, in M.C. Belloni, M. Rampazi (a cura di), Luoghi e Reti. Tempo, spazio, lavoro nell’era della comunicazione telematica, Rubbettino, Cosenza 1996.

8 Si veda G. Mantovani, Comunicazione e identità. Dalle situazioni quotidiane agli ambienti virtuali, Il Mulino, Bologna 1995.

9 K. Gutrhie e W. Dutton, The Politics of Citizen Access Technology: The Development of Public Information Utilities in Four Cities, in «Policy Studies Journal» 20, Winter, 1992, pp. 574-597.

10 Si veda M. Miccoli, Internet, ormai la usa un americano su quattro, in «La Repubblica», 9 settembre 1996.

11 Si veda N. Bobbio, Stato, governo e società, Einaudi, Torino 1985.

12 Queste indicazioni risultano dai diversi documenti e relazioni presentati all’incontro annuale «Ties that Bind» sulle community network che si tiene in New Messico negli Stati Uniti. Per questa ricerca sono stati analizzati alcuni papers presentati negli anni 1994 e 1995. Un buon indirizzo per iniziare la ricerca sulle community network è: http://www.sils.umich.edu/Community/Community.html.

13 Per una storia delle BBS si veda Giorgio Benaudi, La Bibbia del modem. Guida alla comunicazione attraverso il computer, Muzio, Padova 1994.

14 Fin dalla fine del secolo scorso le Public Libraries furono impegnate in campagne di alfabetizzazione per promuovere la lettura dei libri e si collegarono al lavoro dei social workers. Sulle funzioni di queste ultime e sul collegamento con la nascente scienza sociale si veda il primo capitolo di M. Tirabassi, Il faro di Beacon Street. Social Workers e immigrate negli Stati Uniti(1910-1939), F. Angeli, Milano 1990.

15 Per avere informazioni sulle community network si può scrivere a Cheril Collins che collabora con il «Centro Morino» dove vengono raccolte molte delle esperienze di community network. L’indirizzo di posta elettronica è ccollins@Morino. org.

16 Anne Beamish ha pubblicato una tesi di master in architettura al MIT di Boston dove ricostruisce i quattro principali modelli di rete civica negli Stati Uniti e in Canada qui ripresi. La tesi è disponibile su WWW at:http//alberti.mit.edu/arch/ 4.207/anneb/thesis/toc.html. Essa contiene anche una ricca bibliografia e riferimenti elettronici alle principali reti civiche accessibili via Internet.

17 Le Freenets sono concentrate soprattutto negli Stati Uniti e in Canada. È interessante il modo in cui si origina e successivamente si amministra una CN. Una CN è progettata, utilizzata e amministrata da una comunità. Le comunità che sono interessate a stabilire un’ampia rete civica basata su questo modello si associano al NTPN e ricevono assistenza tecnica e organizzativa, molte informazioni e software, sistemi per interscambi di posta. La costituzione di una rete si stima costi dai duecento ai quattrocento milioni. Il comitato, come si costituisce, raccoglie i fondi, si affilia alla organizzazione delle freenets da cui riceve l’assicurazione che nessun’altra rete di questo tipo verrà impiantata nella zona. Inoltre riceve i servizi, paga un contributo annuale al NTPN che in cambio offre informazioni qualificate.

18 Accanto ai servizi informativi la NTPN sta creando una corporazione per «Public Cybercasting», che dovrebbe avere la funzione di fornire libero accesso ai sistemi di informazione e comunicazione, sviluppando servizi di alta qualità, speciali programmi formativi, progetti di alfabetizzazione informatica per i giovani dai quattro ai 12 anni, per i vecchi, gli handicappati, le donne e le minoranze etniche.

19 Le freespaces sviluppate dalla Telecommons Development Group sono nate da una cooperativa di lavoratori dell’Università di Guelph in Ontario. Esse si propongono di fornire spazi commerciali e servizi a pagamento, inoltre di usare software graficamente più accessibili, fornire servizi e gestire il calcolatore centrale non solo attraverso il volontariato, ma attraverso professionisti pagati e promuovere i collegamenti con agenzie governative e commerciali.

20 Si veda S. Vicari, Stati Uniti, Francia, Italia. Autostrade, strade e sentieri, in «Problemi dell’Informazione», a. xiii, n. 4, dicembre 1993, pp. 393-408.

21 Una buona rassegna sulla letteratura postindustriale si trova in D. De Masi (a cura di), L’Avvento Postindustriale, F. Angeli, Milano 1985. Altre indicazioni si trovano in T. Forester (a cura di), The Information technology Revolution, Basil Blackwell, London 1985 e in D. Lyon, La società dell’informazione, Il Mulino, Bologna 1991.

22 Si veda sull’argomento W. H. Dutton, J. G. Blumler e K. L. Kraemer (a cura di), Wired Cities: Shaping the Future of Communications, G. K. Hall and Co., Boston 1987.

23 Si veda J. Borrows, Community Information Networking - An Overview, all’indirizzo http//ourworld.compuserve.com/homepages/jey/cominfo.htm. Per ulteriori notizie sul BEV(Blacksbourg Electronic Village) si veda BEV 1994 «Above the BEV Project», documento disponibile a WWW:htpp://www.bev.net.

24 Si veda P. Manacorda, Tecnologie della comunicazione. Strumenti strategici per la democrazia locale e l’amministrazione «amichevole», in R. Catanzaro e P. Ceri (a cura di), Comunicare nella metropoli, Utet, Torino 1995 e M. Losano, Con il computer verso una burocrazia più benevola, in M. Berra (a cura di), Ripensare la tecnologia, Bollati & Boringhieri, Torino 1995 ; si veda ancora G. Duni, Dall’informatica amministrativa alla teleamministrazione, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma 1993.

25 Una tesi di laurea di Monica di Bello ha analizzato le reti civiche in Italia. Le 69 reti civiche attive sulle 95 considerate sono così distribuite sul territorio nazionale: al Centro sono presenti il 43.4 delle reti; al Nord il 36.2, al Sud il 18. Le regioni dove la presenza è più consistente sono la Toscana con 9 reti, seguita dall’Emilia con 8 reti. Le uniche regioni in cui si rileva l’assenza di questi progetti sono la Valle d’Aosta e la Basilicata.

26 L’esempio più emblematico è quello della Dygital City di Amsterdam, nata nel 1994. Questa rete, organizzata da associazioni e gruppi privati, nelle prime dieci settimane di vita ha registrato circa 1700 iscrizioni al giorno. La maggior parte, però, utilizzava il server per collegarsi a Internet. Altre inchieste, condotte sulle freenets e anche sul PEN di Santa Monica, dimostrano come siano molto utilizzate la posta elettronica, Internet e IRC. I servizi meno richiesti riguardano i database del comune e degli uffici amministrativi.

27 Per maggiori informazioni si veda G. Dallara, C. Gattei, M. Palmirani e L. Gidi, Il progetto ESPRIT City Card, in «Inchiesta», n. 106, ottobre-dicembre 1994, pp. 47-60. Inoltre Bologna è parte del gruppo «Telecity» che comprende circa 70 città europee fra cui Barcellona in Spagna e Wansbeck in Inghilterra. Alla base di questo progetto della Comunità Economica Europea è l’evoluzione della rete civica da fornitrice di attività informative a attività di accesso alle banche dati comunali, alla comunicazione intelligente fra cittadini e amministrazione locale. Si veda anche Programma Comunitario Esprit all’indirizzo http://www, comune.bolologna.it/Bologna/EuroProgetti//CChtm.

28 A Moncalieri la rete civica è costituita dal bancomat delle certificazioni. I residenti possono ottenere certificati in alcuni punti del paese attraverso il tesserino del codice fiscale. A Settimo Torinese il comune ha avviato una sperimentazione per fornire informazioni sui servizi ai cittadini e favorire la comunicazione fra le diverse associazioni.

29 K. Gutrhie e W. Dutton, The Politics of Citizen Access Technology…, op cit., 1992.

30 I rischi del controllo per i cittadini non vanno sottovalutati. Per una analisi di questa problematica si veda D. Lyon, The Electronic Eye, Polity Press, Cambridge (U. K.) 1995.

31 Si prevede un’integrazione dei servizi sanitari. Ad esempio i medici di base potranno offrire ai loro assistiti prenotazioni e informazioni e ricevere dalla ASL (Aziende sanitarie locali) refertazioni e altre notizie cliniche. Si veda M. Moruzzi, Pubblico e privato nella direzione del sistema integrato per scopi sociali. Il CUP di Bologna, in «Le TLC per la qualità della vita», Atti del Convegno promosso da Telecom Italia, Roma 30-31 marzo 1995, p. 32 e seg.

32 Per quanto riguarda la Digital City di Amsterdam la ricerca condotta da K. Schalken e P. Tops dal titolo: «The digital city: A Study into the backgrounds and opinions of its residents», Canadian Community Networks Conference, Ottawa Ontario, August 15-17, 1994 è menzionata da A. Beamish, op.cit. I dati sulle freenet oltre nella già citata tesi di A. Beamish si trovano in FARNET 1993 «51 Reasons to invest in the national information infrastructure» all’indirizzo Anonymous ftp site:ftp.cni.org Directory:/CNI/documents/farnet. Per quelli relativi al caso francese si veda G. Martinotti, Ordine e disordine nella città delle cose e nella città dei dati, in A. Clementi, G. De Matteis, P. C. Palermo (a cura di), Le forme del territorio italiano, vol. I, Temi e immagini del mutamento, Laterza, Bari 1996. La ricerca dal titolo «Casa e Tecnologia» è stata realizzata dalla Makno in collaborazione con Niche Consulting e Domino nel giugno 1995. Le indicazioni si trovano nel periodico della Telecom «Net & Work», a. 2, n. 2, aprile 1996.

33 Si veda l’intervista a U. Eco di V. Zambardino, Internet? È una top model, in «Il Venerdì di Repubblica», 29 marzo 1996.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Mariella Berra, « Le reti civiche fra comunità e mercato (1997) »Quaderni di Sociologia, 26/27 | 2001, 59-90.

Notizia bibliografica digitale

Mariella Berra, « Le reti civiche fra comunità e mercato (1997) »Quaderni di Sociologia [Online], 26/27 | 2001, online dal 30 novembre 2015, consultato il 29 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1594; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1594

Torna su

Autore

Mariella Berra

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search