Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri26/27Classi, strati sociali e sviluppoL’evoluzione della struttura di c...

Classi, strati sociali e sviluppo

L’evoluzione della struttura di classe in Italia (1970)

Luciano Gallino
p. 115-152

Note della redazione

Questo lavoro è stato scritto in vista di un seminario sulle strutture di classe in Europa tenutosi nell’Università di Reading (G.B.) nel 1969 e viene pubblicato con la cortese autorizzazione della Graduate School of Contemporary European Studies di tale Università e dell’editore Weidenfeld and Nicolson. La necessità di spiegare ad un pubblico straniero aspetti particolari della società italiana spiega la presenza, nel testo, di considerazioni e dati che possono apparire ovvi al lettore italiano. La traduzione dall’originale inglese è di Adriana Luciano.

Testo integrale

11. L’impostazione generale che verrà seguita in questo saggio porta a individuare la ragione principale per studiare le classi sociali e le strutture di classe (cioè le relazioni prevalenti tra le classi) nel fatto che esse sono, o possono essere, importanti attori storici sulla scena nazionale di ogni società. Esse compiono azioni che determinano il modello di sviluppo o di evoluzione di una società; si scontrano l’una con l’altra; formano coalizioni contro le minacce rivolte loro da altre classi, dall’industrializzazione, dalle rivoluzioni agrarie e commerciali. Inoltre la classe può agire come attore storico, come soggetto collettivo di azione, non soltanto quando è già una classe per sé, cioè quando ha sviluppato una coscienza comune che agisce come elemento di coesione e di collegamento, ma anche quando è ancora una classe in sé, a condizione che i suoi membri abbiano sviluppato individualmente orientamenti simili verso problemi comuni. Nel secondo caso, tuttavia, le sue azioni saranno di solito meno efficaci.

  • 1 I lavori più rappresentativi in cui è utilizzato un approccio non-strutturale e non-azionale nello (...)

2Come è noto, questa impostazione è comune alla tradizione classica del pensiero sociologico. Da Comte a Marx a Weber, la maggior parte dei sociologi che formularono i problemi centrali della sociologia considerarono le classi sociali come i principali attori della storia. La sociologia contemporanea, d’altra parte, ha rotto con questa tradizione, ed ha piuttosto concentrato la sua attenzione – e i suoi notevoli investimenti per la ricerca – su aspetti frammentari di questo problema, come la distribuzione dei compensi sociali, i modelli locali di stratificazione, i mutamenti di mentalità e di stile di vita della classe operaia, l’influenza delle classi sul comportamento individuale, le immagini delle classi presenti in diversi gruppi di persone1.

  • 2 Mi riferisco soprattutto a Gerhard Lenski, Power and Privilege: A Theory of Social Stratification, (...)

3Poiché il mio approccio è diverso, se non addirittura opposto alle principali impostazioni che attualmente sono in primo piano nel campo degli studi sociologici sulle classi, prima dell’esame degli specifici problemi italiani verrà condotta una breve discussione di alcune di esse, che io considero particolarmente rappresentative della migliore produzione scientifica in questo campo. Il punto che intendo stabilire è che, a conti fatti, le classi sociali agiscono come singoli attori sulla scena nazionale, come lo studio della storia (almeno europea!) dovrebbe mostrare, e, se questo è vero, è necessario spiegare i tipi di motivazione che le spingono all’azione. Nessuna delle impostazioni che discuterò brevemente – quelle di Lenski, Runciman e Dahrendor2 – mi sembrano in grado di far fronte in modo soddisfacente alla complessità dei problemi che sorgono dalla considerazione precedente e dal fatto che, in quanto prodotti storici, le classi hanno differenti età ed è pertanto possibile che all’interno di una stessa società coesistano differenti strutture di classe.

 

  • 3 Lenski, op. cit., pp. 74-75. Sottolineato nel testo.
  • 4 Lenski, op. cit., p. 75.
  • 5 Lenski, op. cit., p. 79 sgg.
  • 6 Lenski, op. cit., p. 80. Si vedano anche i capp. 10, 11 e 12 sui sistemi di classe nelle società in (...)

42. Lenski definisce una classe come «un aggregato di persone in una società che si trovano in posizione analoga rispetto a qualche forma di potere, privilegio o prestigio»3. Questi criteri, egli dice, non hanno la stessa rilevanza: il potere è di gran lunga il più importante, e il termine «classe», in ultima analisi, è usato dall’autore nel senso di power class. Ciò non è dovuto semplicemente alla maggiore importanza relativa del potere, ma anche al fatto che «la distribuzione del privilegio e del prestigio sembra largamente determinata dalla distribuzione del potere, almeno in quella società in cui viene prodotta una quota rilevante di surplus»4. Inoltre il potere è determinato in base a vari fattori, che sono diversi a seconda dello stadio di sviluppo raggiunto da una data società. Nelle società industriali, ad esempio, tali fattori sono costituiti dalla politica, dalla proprietà, dall’educazione, dall’affiliazione razziale, etnica e religiosa, dal sesso e dall’età (senza trascurare il fatto che il primo è più importante degli altri cinque). Dal momento che i diversi gruppi di individui sono solitamente collocati in una gerarchia nei termini di ogni singolo fattore tra quelli sopraelencati, risulta evidente che in ogni società esistono diversi sistemi di classe, cioè il sistema di classe politico, il sistema di proprietà, il sistema occupazionale, il sistema etnico, e così via5. Della massima importanza per la nostra discussione è la conseguenza che deriva da questa impostazione: «Ogni membro della società americana [e anzi, nel caso specifico, di ogni società industriale avanzata] si colloca simultaneamente in qualche classe all’interno del sistema di classe occupazionale, di proprietà, etnico-razziale, educativo, di età e sessuale»6.

  • 7 L’ultimo caso è esaminato da Barrington Moore jr., Le origini sociali della dittatura e della democ (...)
  • 8 Si può obbiettare che lo scopo di Lenski è di spiegare i processi distributivi nella società e non (...)

5Sebbene questa impostazione possa essere utile per spiegare una serie di problemi minori nella teoria della stratificazione sociale, essa appare inefficace ai fini della soluzione dei problemi maggiori, come quello del modo in cui le classi agiscono in momenti che esigono una decisione. In Italia, per esempio, la decisione della classe superiore legata alla proprietà fondiaria e della classe degli alti dirigenti industriali di coalizzarsi contro le classi lavoratrici, ponendo in questo modo le condizioni dell’avvento del fascismo, non può essere assolutamente spiegata se si presuppone che ogni individuo è separato dagli altri in base alla sua appartenenza a diversi sistemi di classe, come quello occupazionale, di proprietà, di educazione, ecc. Lo stesso discorso può essere fatto, a proposito dell’Inghilterra del XVIII secolo, circa la decisione della nobiltà e dell’alta borghesia commerciale e industriale in ascesa di formare una coalizione contro le classi lavoratrici sia di città che di campagna7. Una risposta a problemi come questi può essere data soltanto se si concettualizza il fenomeno sociale «classe» come avente una sola base principale, qualunque essa sia; se si considera la classe, cioè, come un singolo attore storico. Questo significa che in una società ci può essere soltanto un sistema di stratificazione, anche se in paesi come l’Italia, caratterizzati dalla presenza di diverse società, si possono osservare, accanto ad un sistema dominante o contemporaneo, i residui di un sistema anteriore e gli embrioni di un sistema futuro. L’impostazione di Lenski, inoltre, in quanto ammette una relazione abbastanza diretta tra potere, privilegio e prestigio, oltre all’errore di considerarli come basi della stratificazione anziché come dimensioni di essa, ignora completamente il problema della motivazione dell’azione di classe, la cui soluzione va cercata precisamente nelle diverse forme di incompatibilità o relazione inversa tra dimensioni di classe8.

  • 9 Runciman, «Class, Status and Power?», op. cit., p. 54.
  • 10 Runciman, op. cit., p. 57.

6Nel suo importante saggio su «Classe, status e potere?» Runciman dedica la maggior parte della discussione a esprimere dubbi sulla necessità e sull’interesse della distinzione tra «classe», status e potere (cioè tra ricchezza, prestigio e potere) come dimensioni separate dalla stratificazione. Il motivo principale del rifiuto della distinzione – che io ritengo, al contrario, di rilevanza cruciale per ogni discussione sulla struttura di classe – consiste nel fatto che è così difficile valutare il significato e il peso reale di ciascuna dimensione considerata singolarmente, che ogni tentativo di combinarle per classificare gli individui in una graduatoria è destinato all’insuccesso. Due altri motivi sono, in primo luogo, il fatto che la distinzione è spesso superflua «a causa dell’esatta coincidenza delle tre dimensioni sia nelle società industriali che in quelle pre-industriali. La ricchezza, il potere e il prestigio tendono ad andare insieme, e questa tendenza è rafforzata da un continuo processo di feedback»9. In secondo luogo, tale «modello tridimensionale» è spesso irrilevante perché non può essere usato nello studio di molti problemi fondamentali della stratificazione. Nella sezione finale del saggio, tuttavia, Runciman limita notevolmente questa impostazione dicendo che in qualche caso, ad esempio in quelli «in cui non esiste semplicemente uno scarto cui si possa porre rimedio in tempo debito individualmente o istituzionalmente, bensì un permanente divario [tra le tre dimensioni]»10, la distinzione non è soltanto rilevante ma indispensabile. Le sue considerazioni conclusive sono ancor più vigorosamente orientate in questa direzione; nessuno studioso della stratificazione, egli dice, può permettersi di ignorare la distinzione tra le sue tre distinte dimensioni.

7La mia opinione a questo proposito è che le obiezioni così accuratamente mosse da Runciman per opporsi alla distinzione appaiono così persuasive, unendo all’ampiezza di prospettive un notevole grado di approfondimento, da confermare, nonostante le sue opposte conclusioni, l’idea che nella maggior parte dei casi ognuna delle tre dimensioni, ma specialmente la «classe» (sinonimo di ricchezza, secondo Runciman), è un così valido indicatore delle altre due che ogni analisi separata di queste risulta con ogni probabilità inutile, o quanto meno superflua. Ma io aggiungerei che proprio i casi in cui la distinzione è rilevante, secondo Runciman, sono di gran lunga i più importanti nello studio delle classi, mentre molti casi citati per esemplificare l’irrilevanza della distinzione sono, a mio parere, piuttosto marginali. È impossibile in questa sede sviluppare una critica dettagliata del saggio di Runciman, ma si può almeno osservare che, se la distinzione fra le tre dimensioni è indispensabile «quando esiste un divario permanente» (per usare le sue stesse parole), si può facilmente inferire che essa è quasi sempre indispensabile. In qualunque periodo della storia moderna, in ogni società sviluppata, ogni classe, in effetti, risente sia di qualche grado di permanente divario tra le tre dimensioni, sia di qualche minaccia permanente alla sua attuale congruenza. Il conflitto (per ridurre il divario) o la difesa (per mantenere l’attuale congruenza tra le tre dimensioni) sono i principali moventi dell’azione di classe; e le azioni di classe attuali o potenziali sono i principali aspetti delle strutture di classe.

  • 11 Si veda Dahrendorf, Sociologia della Germania contemporanea…, cap. VI, e il diagramma accluso.

8L’opera di Dahrendorf, Classi e conflitto di classe nella società industriale (1959) costituisce uno dei più abili tentativi di spiegare la nuova struttura di classe emergente nelle società industriali avanzate, e viene qui menzionata in quanto rappresentativa di tutta una serie di studi sociologici condotti allo stesso scopo. Il suo libro sulla società tedesca, Sociologia della Germania contemporanea, sviluppa ulteriormente il suo modello di struttura di classe con una notevole quantità di riferimenti a situazioni empiriche, anche se, naturalmente, essi si riferiscono specificamente alla Germania. Non sollevo qui particolari obiezioni alla validità empirica sia del modello generale, sia della sua specifica applicazione alla società tedesca. Quel che metto in dubbio è l’utilità di applicare ad una società globale, specialmente se europea, un modello omogeneo della struttura di classe. Effettivamente, nel modello di Dahrendorf vengono prese in considerazione anche classi e strati di più antica origine (come l’autore li definisce), ma essi vengono accostati agli altri nello stesso schema teorico. Il modello è formato da sette «celle», ordinate in uno schema trapezoidale che mette in rilievo sia il fatto che una frazione della classe X può avere una posizione più alta rispetto alla maggioranza della classe Y, anche se la parte più numerosa della classe X ricopre una posizione più bassa della classe Y, sia le opportunità di mobilità o di «circolazione» tra i diversi strati11. Una considerevole attenzione è anche rivolta alle sopravvivenze di tradizionalismo nella mentalità e nel comportamento individuale all’interno di strutture sociali moderne e razionali. Ma, nel complesso, il modello intende rappresentare la totalità della società tedesca; esso è, in altre parole, un modello di mutamento strutturale che avanza su un fronte unitario.

9La mia opinione è che, per ben note ragioni storiche, le società europee sono società «miste» o «composte», il cui modello di mutamento strutturale non soltanto è irregolare, ma può anche essere molto diverso da regione a regione, da livello a livello all’interno della stessa società. Questo significa che in un paese o in uno stato nazionale coesistono in modo ben determinato differenti «società», o, per motivi che verranno esposti in seguito, diverse «formazioni sociali». Ognuna di queste ha origini storiche differenti e, di conseguenza, una particolare struttura di classe. Pertanto la struttura di classe totale di una società nazionale è composta da un certo numero di strutture di classe parziali le cui origini devono essere ricercate nei successivi stadi di sviluppo di quella particolare società. Nonostante la sua sensibilità alla prospettiva storica, il modello di Dahrendorf finisce per appiattire la struttura di classe eliminandone le variazioni sia sul piano orizzontale (o territoriale) sia sull’asse verticale. Questa mia critica nei confronti dei modelli unidimensionali o «a fronte unico» di mutamento strutturale non implica naturalmente nessuna adesione all’«approccio multidimensionale» di Lenski, poiché mantiene ben fermo che il fondamento delle classi sia, all’interno di ogni società, uno e uno solo: la funzione di un gruppo di individui nell’organizzazione sociale globale, secondo la teoria classica della stratificazione, e assolutamente non la sua collocazione all’interno di un sistema politico, religioso, educativo o di proprietà partitamente considerato.

 

103. Un’interpretazione dinamica del mutamento nelle strutture di classe, un modello, cioè che non si limiti a cogliere alcuni aspetti di una data struttura e a paragonarli tra loro, richiede, dunque, che vengano presi in considerazione almeno tre punti di riferimento esplicito o implicito: a) una definizione del fondamento (o base) della classe come categoria oggettiva, indipendentemente dalla coscienza degli attori; b) una scelta delle dimensioni o indicatori della posizione di una classe nella struttura di cui fa parte; c) una teoria della motivazione di classe, ciò che equivale, in termini benthamiani, alla costruzione di «una tavola dei moventi di azione». Non pretendo di avere nulla di originale da dire intorno a questi complessi problemi. Intendo soltanto rendere esplicite le mie scelte al riguardo, se non altro per aiutare il lettore a criticare la mia impostazione dal punto di vista più efficace.

11Per quanto riguarda il fondamento di una classe, esso consiste nelle funzioni che un gruppo di individui svolgono nell’organizzazione globale della società, e non semplicemente nel settore economico di essa, anche se quest’ultimo concorre in larga misura a determinare il modello generale di organizzazione. Una funzione organizzativa ha per lo più a che fare con il controllo e/o con la trasformazione di risorse produttive: materiali (compresa la terra), mezzi di produzione, capitale, informazioni, ed esseri umani. A prescindere dall’uso diretto della forza, un modo abituale di controllare questi ultimi consiste nella formazione e nella manipolazione delle loro motivazioni. I risultati della combinazione delle risorse produttive sono beni, servizi e organizzazione; tutti questi, insieme al loro significato simbolico, costituiscono i compensi sociali abitualmente offerti a un dato gruppo di persone per la cessione di una parte delle risorse che esso controlla. Il grado di sviluppo totale di una società, misurato in base a qualsiasi parametro di maturità fisica, politica o culturale, ma non il tipo o la direzione di esso, dipende ovviamente dallo stadio di sviluppo raggiunto dalle «forze produttive» (mezzi di produzione, individui e conoscenze scientifiche). Ma l’organizzazione sociale non si riduce all’insieme di norme che regolano l’uso dei mezzi di produzione; sono infatti necessari anche servizi e azioni simboliche e le funzioni di produzione e di circolazione di questi determinano i fondamenti di diverse altre classi. Vedremo in seguito quali classi sono definite in base a questo principio di fondazione.

12Dovendo effettuare una scelta tra un elevato numero di dimensioni o indicatori di classe, io credo che la combinazione più utile sia ancora quella classica, anche se piuttosto comune, che include la ricchezza o reddito, il prestigio o valutazione sociale, e il potere o controllo. Questo insieme di indicatori è sostanzialmente simile alla triade di classe, status e potere di origine weberiana, ma presenta, rispetto ad essa, due vantaggi: in primo luogo, elimina l’ambiguità derivante dall’uso del termine classe per indicare una dimensione della «classe»; in secondo luogo, riserva il termine di status per indicare la somma totale dei compensi sociali riconducibili, approssimativamente, al reddito, al prestigio e al potere allocati alle posizioni sociali. Tutte queste dimensioni devono esser considerate da un punto di vista societario; ciò che importa è il reddito «tipico» di ogni classe in rapporto a tutte le altre classi della società, il prestigio che i membri di una classe ricevono in media ovunque essi vadano, il potere che essi hanno all’interno dell’organizzazione sociale totale e su di essa.

  • 12 Gli effetti dell’incoerenza di status individuale, sono stati ampiamente discussi secondo una varie (...)
  • 13 Un’ottima analisi degli interessi economici e affettivi è quella di Parsons Il sistema sociale, tr. (...)

13La teoria della motivazione di classe a cui mi riferisco potrebbe esser definita come teoria collettiva della coerenza di status12. Essa presenta parecchi aspetti. Il punto di partenza è costituito da tre osservazioni molto comuni: gli individui paragonano incessantemente sia il loro status globale sia le sue dimensioni con quelle degli altri; essi hanno un’idea ben precisa, che è ovviamente di origine culturale, dei compensi che la loro posizione sociale comporta e delle relazioni che dovrebbero intercorrere tra le diverse dimensioni; non amano vedere il prodotto dei loro sforzi consumato da altri. Tutte queste osservazioni possono essere riassunte nei termini di comparazione, frustrazione e sfruttamento visti come i principali moventi dell’azione di classe. Da tale punto di vista, dire che una classe ha interessi economici e affettivi significa non soltanto che essa tende a mantenere costante la quota dei suoi compensi (compreso il prestigio) ma anche che essa tende a migliorare sia la coerenza delle dimensioni sia l’equilibrio generale fra di esse13.

14Da questi punti di partenza si possono derivare alcune proposizioni chiave, tutte convalidate da una rilevante documentazione storica:

  1. le classi si sforzano di portare e mantenere allo stesso livello le tre dimensioni di classe. Se il loro reddito è alto, come accadde per i primi mercanti e imprenditori, esse cercheranno di ottenere un più elevato potere e prestigio, come realmente fecero in Inghilterra, in Francia e in Giappone al tempo delle rivoluzioni industriali di quei paesi.

  2. Qualunque sia la «formazione sociale» in cui si colloca, ogni classe cerca di portare e mantenere il suo status globale allo stesso livello della formazione in cui essa fu o è maggiormente ricompensata. Questo è l’aspetto conservatore di ogni classe, la cui importanza politica è estremamente rilevante perché, per motivi che verranno ulteriormente chiariti in seguito, i suoi sforzi, per avere una minima probabilità di successo, devono consistere nel conservare la formazione sociale globale che si trova in rapporto «organico» con essa.

  3. Le classi cercano di accrescere il loro status globale in relazione alle altre classi nella stessa formazione sociale. Ciò significa che esse rivendicano costantemente una distribuzione dei compensi sociali più favorevole, quali che siano le conseguenze che ciò potrà avere sulle altre classi.

15È una questione di buon senso sociologico aggiungere che sia la probabilità che una classe svolga una data azione, sia la forza, la coerenza e l’efficacia di questa azione, sono strettamente correlate allo sviluppo della coscienza e dell’organizzazione di classe.

 

  • 14 Un’utile introduzione al problema si può trovare nella prefazione di Eric Hobsbawn all’opera di Mar (...)

164. Al fine di tracciare un profilo dinamico della struttura di classe italiana, con particolare attenzione ai mutamenti avvenuti nel dopoguerra, è necessario tener conto del fatto che l’Italia, in misura maggiore rispetto alle altre società europee, non si può considerare propriamente come una sola società, ma piuttosto come diverse società in una. Qualsiasi parametro sociologico si voglia usare, essa appare, superficialmente, come un groviglio estremamente intricato di numerose società molto diverse o di parti di esse. Per districare almeno in parte questo groviglio, penso sia molto utile adottare un concetto rielaborato di «formazione sociale». Le origini del concetto risalgono a Marx; non è questa la sede per prendere in esame i vari modi in cui esso è stato modificato e ampliato in modo da soddisfare le esigenze della sociologia contemporanea14. Dirò semplicemente che il termine di «formazione sociale» è qui inteso nel senso di un sistema societario «organico», storicamente sviluppato, non necessariamente coestensivo ad uno Stato o territorio nazionale e costituito da quattro livelli caratterizzati da un alto grado di coerenza reciproca: un sistema sociale le cui principali componenti sono il sottosistema economico, politico e di parentela; una cultura i cui modelli sostengono e sono sostenuti dal sistema sociale; un insieme di strutture di personalità di base che risultano dall’interazione tra cultura e sistema sociale e che li sostengono entrambi avendoli interiorizzati; infine un sistema ecologico le cui principali componenti sono la struttura demografica della popolazione, la sua composizione genetica, la distribuzione e la dimensione degli insediamenti nel territorio. Il grado di coerenza raggiunto in un certo periodo tra i quattro elementi può essere molto alto, ma l’importante non è tanto il grado effettivo di coerenza quanto le spinte alla coerenza che sono riscontrabili in ogni formazione sociale.

17In Italia, dunque, all’interno della formazione detta «borghese» per la prevalenza in essa attribuita alla proprietà privata dei mezzi di produzione, ci sono almeno tre formazioni sociali che lottano tra loro per modellare e adattare la società totale a se stesse; in altri termini, ognuna lotta per diventare o rimanere coestensiva all’intero paese, per plasmarlo completamente secondo il suo modello. Definisco in breve queste formazioni sociali: tradizionale, moderna, contemporanea. La base principale della formazione tradizionale è la proprietà e la produzione agricola, mentre nella moderna predomina il capitalismo concorrenziale e nella contemporanea il capitalismo dirigistico. Considerare la base fondamentale del sottosistema economico come elemento caratterizzante di ogni formazione sociale non significa fare del «determinismo economico» ma accettare l’ipotesi che, se questa base si è sviluppata, un insieme di mutamenti coerenti con essa devono averlo preceduto e dovranno seguirlo negli altri sottosistemi della realtà sociale. Perciò la struttura base del sottosistema economico è il migliore indicatore della struttura di una formazione sociale, anche se non può essere considerato come l’elemento «determinante».

18Procedere a una descrizione dettagliata delle formazioni sociali compresenti nella società italiana ci porterebbe troppo lontano. Al nostro scopo è sufficiente dire che tutte queste formazioni hanno differenti origini storiche e regionali. La formazione sociale «tradizionale» si è localizzata soprattutto nell’Italia centrale e meridionale, dove i latifondi di proprietà della Chiesa e della nobiltà subirono importanti mutamenti durante e dopo il decennio dell’unificazione (1860-1870), quando il loro controllo passò principalmente nelle mani dell’alta borghesia. Questa classe sviluppò rapidamente la produttività agraria, ma lasciò pressoché intatti i modelli feudali di relazioni economiche e sociali con i contadini. La formazione «moderna» si sviluppò invece nelle regioni del Nord dove nell’ultimo trentennio del XIX secolo e nel primo decennio del XX un’ampia diffusione di iniziativa imprenditoriale, ricorrendo ai risparmi incanalati verso l’industria da un gran numero di piccole banche che li drenavano dall’agricoltura avanzata di quella parte del paese, avviò, con forte ritardo rispetto agli altri paesi europei, la «rivoluzione industriale» italiana.

  • 15 «The 200 largest industrial companies outside U. S.», Fortune, luglio, 1969.

19Emersa in un periodo storicamente posteriore, la formazione «contemporanea» si è sviluppata tra le due guerre mondiali – ma soprattutto dopo la seconda – nella parte nordoccidentale del paese con alcune diramazioni nelle regioni centrosettentrionali. Tutte le grandi imprese italiane recentemente indicate da Fortune tra le 200 imprese industriali più importanti del mondo, esclusi gli Stati Uniti (Fiat, Montecatini, Pirelli, Italsider, Olivetti, Snia Viscosa, Alfa Romeo, ENI) sorsero e si svilupparono in questa parte del paese15, dando origine a grandi processi di mutamento sociale (si pensi soltanto alle migrazioni interne) che sono ancora in fase crescente. Da un punto di vista geografico, la formazione tradizionale si sta ora contraendo, mentre la moderna e la contemporanea si stanno estendendo, ma da un punto di vista sociologico il quadro è molto meno netto. Le tre formazioni sono tutte strettamente connesse; una gran quantità di individui vive ora nell’una ora nell’altra formazione sociale. La fabbrica in cui essi lavorano può appartenere alla formazione contemporanea; la famiglia o la comunità in cui essi ritornano alla sera può essere invece moderna o tradizionale. Tuttavia essi appartengono a una singola classe, in base alla funzione che svolgono all’interno dell’organizzazione societaria. È dunque alla complessa struttura di classe emergente dalla coesistenza di differenti formazioni sociali, ognuna con una sua particolare struttura di classe, a cui dobbiamo rivolgere la nostra attenzione. Al fine di costruire un modello globale dell’attuale struttura di classe italiana, è necessario procedere attraverso tre fasi successive. Occorre (a) definire ogni classe rilevando i mutamenti storicamente avvenuti al suo interno, seguendo cioè la sua evoluzione diacronica attraverso le diverse formazioni sociali; (b) tratteggiare la struttura di classe caratteristica di ogni formazione sociale (limitando la discussione alle classi principali); infine, (c) descrivere la struttura di classe totale quale si presenta attualmente, con particolare attenzione ai cambiamenti avvenuti nel dopoguerra e all’azione potenziale delle classi principali.

 

205. Dato il breve periodo di tempo che verrà preso in esame – poco più di un secolo – è possibile definire una serie di classi che sono presenti virtualmente in ogni formazione sociale, anche se, naturalmente, con grandi differenze di struttura e di dimensione. Senza alcuna pretesa di completezza, la serie di classi può essere la seguente (l’ordine è indifferente):

Proprietari terrieri
Imprenditori indipendenti
Classe di servizio («professionisti»)
Alti dirigenti
Politici di professione
Funzionari dello Stato
Lavoratori industriali
Lavoratori agricoli (non proprietari)
Coltivatori diretti
Artigiani e piccoli commercianti
Intellettuali
Tecnici.

 

21Proprietari terrieri. Si tratta di una classe che dispone di diritti di proprietà su ampie estensioni di terreno, non svolge in modo diretto attività agricole, di rado si dedica alla conduzione delle aziende agricole situate sui suoi terreni, ma solitamente riceve qualche tipo di rendita. Al tempo dell’Unificazione nazionale, la parte di gran lunga più rilevante del terreno coltivabile era di proprietà della Chiesa e della nobiltà. Le relazioni sociali in questi territori erano quasi dovunque di tipo feudale: il signore aveva ogni tipo di diritti di esazione sui prodotti ottenuti attraverso il lavoro dei contadini che vivevano nei suoi domini, così come poteva ottenere da loro ogni tipo di servizio; tuttavia questi, sebbene pesantemente sfruttati, godevano di un certo grado di sicurezza che andrà perduto nella fase dell’agricoltura capitalistica.

  • 16 La migliore analisi di questo aspetto della storia sociale italiana è quella di Emilio Sereni, Il c (...)

22Tra il 1865 e la fine del secolo si realizzò uno sviluppo dualistico. Nelle regioni centrali e meridionali, la borghesia imprenditoriale e professionale che si andava sviluppando acquistò la quasi totalità delle terre che precedentemente erano state di proprietà della Chiesa, grazie all’abolizione dei privilegi che la Chiesa aveva sulle terre stesse («manomorta»); i terreni posseduti dalla nobiltà rimasero per la maggior parte intatti. Nelle regioni settentrionali, al contrario, la borghesia espanse le sue proprietà sottraendo una grande quantità di terre al dominio della nobiltà. Questo sviluppo porterà a conservare, nel Sud, le relazioni sociali di tipo feudale anche nelle terre acquistate dalla borghesia, mentre nel Nord apre la strada al modello «moderno» di relazioni tra le aziende agricole di tipo capitalistico e i lavoratori agricoli non proprietari16. In questo modo il carattere principale della formazione sociale «tradizionale» è costituito dalla permanenza nelle campagne di un ordine sociale di diretta derivazione feudale nel quale la proprietà terriera è la principale fonte di ricchezza, di prestigio e di potere politico. Nella formazione «moderna» la classe dei proprietari terrieri che non hanno la volontà o la capacità di trasformarsi in imprenditori (agrari) si trovano sottoposti alla pressione della borghesia in espansione. Sebbene le sue rendite siano ancora piuttosto elevate, il suo prestigio diminuisce nei confronti degli imprenditori; lo stesso fenomeno si verifica per quanto riguarda il potere politico di questa classe, contro il quale la borghesia in ascesa oppone la sua forza storicamente schiacciante. Dove e quando emerge la formazione «contemporanea», questa classe viene a trovarsi al suo livello più basso: le rendite sono ridotte dalle tasse e dalla concorrenza esercitata dall’agricoltura moderna e dal mercato del lavoro; a chi non è in qualche modo legato alla direzione industriale non si attribuisce che scarso prestigio e l’unica forma di potere che rimane è il potere locale, che dipende dalle relazioni personali di protezione e di «clientela».

 

23Imprenditori indipendenti. Rientrano in questa classe tutti coloro che controllano e dirigono personalmente e direttamente aziende industriali, commerciali o agricole, piccole e medie, di cui detengono inoltre totalmente o in gran parte la proprietà, come individui o come famiglie. In Italia, questa classe ebbe dimensioni irrilevanti fino all’ultimo terzo del XIX secolo, ed era concentrata soprattutto nelle regioni settentrionali. Costituendo una piccola isola di imprenditorialità inserita in una formazione «tradizionale» nettamente prevalente, e in contatto col massiccio processo di sviluppo capitalistico europeo, questa classe disponeva già allora di notevoli redditi, ma il suo potere e prestigio erano praticamente nulli. Come era già avvenuto un secolo prima in Inghilterra e cinquant’anni prima in Francia e in Germania, questa incoerenza determinò una violenta spinta all’espansione. In meno di trent’anni la situazione fu rovesciata.

24Tra il 1870 e il 1910 questa classe non fu forse la più ricca, anche se molto probabilmente era seconda soltanto alla classe dei proprietari terrieri, ma divenne certamente quella di maggior prestigio nell’ambito della cultura nazionale, e la più potente politicamente. Una larga maggioranza dei membri del Parlamento e del Governo rappresentava direttamente i suoi interessi di fronte allo Stato e al popolo; non ci fu quasi alcun progetto di legge o altra iniziativa dello Stato potenzialmente favorevole a questa classe che non venisse realizzata a suo vantaggio. Fu l’Italia «moderna» del duro lavoro, del taglio delle tariffe all’interno ma dell’aumento delle tariffe all’esterno, e della politica «illuminata» della destra. Le relazioni sociali, i tipi di personalità e di cultura congruenti con gli interessi di questa classe, che nel loro insieme determinarono la formazione sociale «moderna», furono di gran lunga gli aspetti più salienti della società italiana delle regioni settentrionali e centrosettentrionali. È solo dopo la seconda guerra mondiale, di fronte al rapido sviluppo del capitalismo dirigistico – che è la caratteristica principale della formazione sociale contemporanea – che questa classe ha dovuto assumere una posizione difensiva. Il suo prestigio è sopraffatto da quello degli alti dirigenti, dei professionisti, dei politici; il suo potere da quello delle società per azioni e dei sindacati in pieno sviluppo; la sua ricchezza, dalla produttività comparativamente più bassa delle sue fabbriche. Nondimeno essa è ancora una classe di dimensioni e importanza notevole. I suoi membri si contano infatti nell’ordine delle centinaia di migliaia, e sono ancora in aumento; le forze di lavoro impiegate costituiscono l’80% di tutte le forze di lavoro addette all’industria. E il suo potere è ancora tale da controllare la «Confindustria», e da imporre quindi la sua politica nei confronti dei lavoratori nonostante le diverse opinioni delle imprese maggiori.

 

25Classe di servizio. Comprende coloro che offrono servizi legali, notarili, amministrativi, finanziari, assicurativi, commerciali altamente specializzati. In rapporto ad altre classi come quella degli imprenditori, degli alti dirigenti, degli intellettuali, questa classe ebbe già (ed ha tuttora) dimensioni rilevanti nella formazione sociale «tradizionale», in quanto fornitrice di servizi necessari ai proprietari terrieri per l’amministrazione dei loro fondi e per la regolazione dei loro rapporti con la comunità locale e con lo Stato. Ma nella formazione «moderna» questa classe viene a costituirsi come il principale mediatore tra la potente classe imprenditoriale e lo Stato, intervenendo nell’elaborazione e interpretazione delle leggi al fine di trarne i maggiori vantaggi per la classe dominante, a prescindere anche se non sempre a danno degli interessi dello Stato. È in questo periodo che tale classe consegue il più completo equilibrio tra ricchezza (o reddito), prestigio e potere. Nella formazione «contemporanea» i suoi membri incominciano ad essere assunti dalle grandi aziende che potenziano le loro staffs centrali in continuo sviluppo. Il reddito medio continua ad aumentare, ma è finita la tradizione della professione «libera», indipendente; per quanto riguarda il potere, è possibile partecipare ad esso, come potere di gruppo, soltanto nella misura in cui si abbandona la professione per diventare dirigenti industriali, come avviene in molti casi.

 

  • 17 Non si tratta della «tecnostruttura» in senso galbraithiano. Si veda la sua opera, Il nuovo stato i (...)

26Alti dirigenti. Si tratta di coloro che, in base alla loro preparazione ed esperienza, dirigono le società più importanti in ogni settore dell’economia. Molto spesso essi posseggono una parte del capitale, sotto forma di titoli azionari, delle aziende che dirigono, ma il fondamento della loro posizione non è la proprietà, bensì la funzione e il ruolo svolto all’interno della gerarchia aziendale. In quanto classe, quindi, essi non trovano alcuna collocazione nella formazione «tradizionale». Nella formazione «moderna» essi iniziano un’esistenza inquieta all’ombra del massiccio e abnorme sviluppo della grande industria e dell’alta finanza in Italia. Industrie siderurgiche, chimiche, automobilistiche, banche di grandi dimensioni sorsero in Italia soltanto verso la fine del secolo, il più delle volte sotto la protezione dello Stato, e si svilupparono per trenta, quarant’anni al riparo delle tariffe protezionistiche, grazie alla produzione bellica e ad un mercato del lavoro estremamente favorevole. La crisi degli anni trenta fece esplodere la loro debolezza strutturale e condusse, insieme ad esse, tutta l’economia italiana sull’orlo del collasso. Lo Stato intervenne pesantemente e assunse il controllo di gran parte delle grandi industrie e delle banche mediante la fondazione dell’IRI (Istituto per la Ricostruzione Industriale). Di fronte alla formazione «moderna» allora dominante in Italia, questa classe era in una posizione difensiva, con un reddito personale inferiore, un basso prestigio e un potere pure inferiore; soltanto l’élite di questa classe – poche dozzine di persone – aveva un peso reale sulla scena politica. Ma dopo la guerra la formazione «contemporanea» si sviluppò in poco più di un decennio fino a diventare la formazione dominante della società italiana; il «miracolo economico» fu apparentemente realizzato da una classe di giovani managers che si spostavano continuamente tra Torino, Milano, Genova e Harvard o il MIT, con una quantità di relazioni personali e professionali da un capo all’altro dell’Europa. I pesanti «carrozzoni» degli anni trenta divennero veri giganti industriali e finanziari su scala mondiale; le loro decisioni di investimento hanno ed hanno avuto un’enorme influenza sulla società italiana, minacciando di far crescere eccessivamente il Nord indebolendo irrimediabilmente il Sud. Rispetto a tutti i parametri di ricchezza, prestigio e potere, questa è la classe dominante nell’Italia «contemporanea»17.

 

27Politici di professione. Si tratta di coloro che dedicano la maggior parte della loro vita produttiva all’attività politica a livello nazionale, traendo per lo più i mezzi di sussistenza da questa attività quotidiana. Può apparire strano collocare in una stessa classe individui che rappresentano interessi e ideologie differenti, ma in Italia essi hanno sempre avuto più interessi comuni in quanto politici che non in quanto rappresentanti di partiti politici differenti o opposti. Questo appare più vero se si considerano gli uomini che compongono o che sostengono la maggioranza governativa, ma, se non ci si lascia accecare dalle interpretazioni tradizionali del processo politico, lo stesso discorso può essere fatto anche per l’opposizione. Il tratto distintivo dei membri dell’opposizione in Italia è stato per lungo tempo una notevole sterilità politica. Ouando essi sono entrati nell’area governativa per compiere importanti riforme «dall’interno», come hanno fatto i socialisti, il loro vigore è stato temperato dalla maggioranza e nessuna grossa riforma è stata condotta a termine. Se hanno insistito nel portare avanti una linea politica che li costringeva a rimanere fuori dal governo, come hanno fatto i comunisti, il risultato è stato un’ulteriore impotenza a modificare in misura significativa la linea della maggioranza. Tutto ciò significa che, se giudicati in base alle conseguenze obbiettive delle loro azioni, come si deve fare dal punto di vista sociologico, i politici di professione sembrano avere un maggiore interesse alla loro posizione che non alle implicazioni societarie di ciò che essi fanno, qualunque sia la piattaforma ideologica. Ora, questo è precisamente un indicatore dell’esistenza di una classe.

28La spaccatura tra classe di governo e popolo, il «vuoto di popolarità» così ampiamente discusso ai giorni nostri, ha avuto origine sin dall’inizio del processo di unificazione, con la proclamazione del Regno d’Italia (1861). Nelle elezioni di quell’anno i votanti furono complessivamente 417.000 (comprese le isole), a causa della legge elettorale che limitava il diritto di voto ai cittadini di reddito e scolarità superiore. La classe politica che conquistò il potere su questa base elettorale, che rappresentava meno del 2% della popolazione italiana, fu la cosiddetta «Destra storica», un piccolo gruppo di deputati e di ministri, provenienti dalla proprietà fondiaria o dall’alta borghesia, che governarono il paese fino al 1876 concentrando in modo prevalente la loro attenzione sul bilancio del nuovo Stato, che essi decisero di sostenere soprattutto mediante la tassazione indiretta (la cosiddetta «imposta del povero»). Nelle elezioni del 1876 la maggioranza passò alla «sinistra giovane» che rappresentava in primo luogo gli interessi degli imprenditori e dei professionisti. Nei termini del nostro schema ciò significa che la classe politica smise i suoi panni tradizionali per assumerne altri «moderni»; la situazione del paese tuttavia non mutò sostanzialmente. La politica si esauriva ancora in una trattativa privata tra individui e tra singoli gruppi, incomprensibile alla maggioranza della popolazione, per la quale lo Stato era rappresentato soprattutto dall’agente del fisco, dai carabinieri che costringevano i renitenti al servizio militare, o dai soldati che reprimevano i primi scioperi. Nonostante il sorgere di un’opposizione socialista tra la fine dell’800 e l’inizio del ’900 la maggior parte degli italiani scoprirono di appartenere a un singolo stato unitario solo quando vennero arruolati in massa per la guerra contro l’Impero Austro-Ungarico (1915).

29Nel periodo fascista (1922-1943) la classe dei politici di professione coincise con gli strati superiori della gerarchia del Partito Fascista, costituito per la maggior parte da membri della media borghesia. Quando la guerra fu conclusa, e con essa finì il fascismo, ci furono per un breve periodo governi orientati a sinistra, ma presto una classe politica moderata ricominciò a svilupparsi, in prevalenza sulla base degli strati medi e inferiori della classe di servizio e degli intellettuali. Questa «nuova» classe politica ha governato il paese senza interruzione sin dal 1947, quando fu formato da De Gasperi il primo governo senza comunisti. Di essa fanno parte gli alti funzionari regionali e nazionali dei partiti «democratici» (la Democrazia Cristiana, i vari partiti Socialisti, il partito Repubblicano, il partito Liberale), i loro deputati alla Camera, i Senatori, i membri del Governo e una parte consistente di funzionari, deputati e senatori del partito Comunista. La separazione tra questa classe e la popolazione continua a sussistere, poiché i suoi interessi e i processi di identificazione sono legati soprattutto alla politica; infatti l’attività politica quotidiana in un sistema parlamentare, qual è l’attuale, si svolge sulla base dei congressi nazionali e delle segreterie dei partiti: lo scopo principale consiste nel rimanere al potere. A questo proposito la classe politica italiana è stata estremamente abile nel cooptare nei suoi ranghi proprio il tipo di uomini adatti a soddisfare il mutevole umore del paese, dalla destra all’estrema sinistra.

30Questa classe politica «contemporanea» è assai meno omogenea di quanto non fosse nella situazione «moderna» e «tradizionale» e quindi è quella che dimostra al presente un minore equilibrio strutturale. Il suo reddito non è mutato ma il suo prestigio è stato seriamente danneggiato dalla sua incapacità a intraprendere qualsiasi riforma sostanziale. Nello stesso tempo, il suo potere attuale e potenziale non è mai stato così alto, sia a causa delle enormi proporzioni assunte dall’industria controllata dallo Stato, sia perché l’industria privata ha più che mai bisogno di essere sostenuta in diversi modi dal governo in un periodo di concorrenza mondiale, di sconvolgimenti monetari e di instabilità politica generale.

 

31Funzionari della burocrazia statale. La burocrazia statale «contemporanea» in Italia è l’erede della burocrazia piemontese, sviluppatasi verso la metà del XIX secolo sul modello delle burocrazie francese e prussiana. A causa di questa sua origine essa rappresenta una delle forme più rigide di burocrazia amministrativa, nel senso di essere dedita unicamente alla funzione di allocare col massimo scrupolo le risorse finanziarie date in accordo a fini che sono stati stabiliti una volta per tutte da qualche legge o da un sistema di leggi. All’inizio, nella formazione «tradizionale» essa era una classe omogenea, di dimensioni estremamente ridotte e di origini medio-borghesi. Lo strato di reclutamento si è abbassato nel corso degli anni, ed ora la estrazione dei funzionari è soprattutto piccolo-borghese. In Italia la posizione del funzionario statale è inespugnabile: egli non può essere licenziato o trasferito senza procedure estremamente complicate, alle quali abitualmente non si ricorre. Essendo la sola forza permanente nell’ambito dell’Amministrazione statale, questa classe ha conquistato un consistente «potere di veto». Essa può costituire un solido sostegno per qualsiasi regime, e così effettivamente ha fatto per il fascismo; inoltre può bloccare o stemperare qualsiasi riforma che non sia di suo gradimento, a partire dalla riforma dell’Amministrazione statale (esiste uno speciale Ministero a questo scopo, ma in 15 anni non si è fatto praticamente nulla). Con l’intervento vigoroso dello Stato in sempre nuovi campi, prima e dopo la seconda guerra mondiale – banche e assicurazioni, cantieri navali e sistemi pensionistici, acciaierie, servizio sanitario, riforma agraria e enti di sviluppo per le aree depresse, ecc. – questa classe ha assunto dimensioni notevoli, fino a comprendere alcune decine di migliaia di persone su circa 2 milioni di dipendenti statali, e ha subìto numerose differenziazioni interne. La formazione più congeniale a questa classe, tuttavia, fu ed è quella «moderna». Il reddito relativo vi fu (ed è) più alto che non in quella «contemporanea»; il prestigio fu più alto di quello della maggior parte delle classi, ad eccezione della classe degli imprenditori e dei professionisti, tra l’altro a motivo della sicurezza sociale che è connessa alla posizione di funzionario dello stato.

 

32Lavoratori dell’industria. Oltre agli operai, sono inclusi per ora in questa classe anche i cosiddetti «colletti bianchi» che non sono dirigenti, tecnici o intellettuali. L’aumento di dimensioni e di forza di questa classe è, naturalmente, direttamente correlato allo stadio nazionale e locale dello sviluppo industriale. Nella formazione «tradizionale» essa è assai limitata, frammentata, sfruttata pesantemente, poco organizzata. Il suo potere è quasi inesistente, il suo reddito molto basso, anche se il suo prestigio è relativamente più elevato di quello dei braccianti agricoli e dei coltivatori diretti. Essa presenta ancora queste caratteristiche in molte aree «tradizionali» disseminate nelle regioni del Sud e delle isole. Nella formazione sociale «moderna» le sue dimensioni aumentano nettamente, così che sul finire del secolo ci sono già 2 milioni di lavoratori addetti all’industria, ma la loro organizzazione è settoriale e corporativa; ci sono notevoli differenze di specializzazione, cultura e maturità politica tra le élites dei tipografi e degli attrezzisti, e la massa degli operai. Nella formazione «contemporanea» essa accresce ancora le sue dimensioni, mentre diminuiscono le differenze interne in seguito alla riduzione dei lavori manuali pesanti e al declino delle mansioni tradizionali, come l’attrezzaggio, dovuti all’impatto della tecnologia avanzata; il livello di organizzazione – e conseguentemente il suo potere – raggiungono il livello più elevato. Ora che i principali sindacati stanno seguendo una politica unitaria, questa è la classe dotata di maggiore consistenza e autocoscienza nella società italiana.

 

33Lavoratori agricoli. I contadini non proprietari (braccianti, salariati agricoli) sono generalmente un prodotto della trasformazione capitalistica dell’agricoltura. Non sorprende dunque trovare già alla fine del secolo, e fino agli anni cinquanta e sessanta del Novecento, una massa di braccianti concentrata nelle regioni nord-orientali e soprattutto nel Veneto meridionale e in Romagna, risultato insieme della razionalizzazione capitalistica dell’agricoltura in Lombardia, Veneto, Emilia, e delle grandi opere di bonifica effettuate nel delta del Po. Nelle regioni meridionali, in cui il fenomeno di espulsione dei contadini dalle campagne, che erano state precedentemente domini feudali, è stato meno intensivo, il bracciante è più spesso un ex coltivatore diretto pieno di debiti, o il figlio di una famiglia contadina impoverita che ha lasciato l’azienda familiare per procurarsi mezzi di sussistenza che la sterilità delle proprie terre non consentiva più di ottenere. Questa classe, che si è drasticamente ridotta di dimensioni dopo la guerra – oggi annovera forse 1,5 milioni di individui – non ha subito in questo periodo importanti mutamenti strutturali, sia nella fase di transizione tra differenti formazioni sociali, sia all’interno della formazione «contemporanea».

34La quota sempre più bassa di prestigio connessa con la funzione di lavorante agricolo ha contribuito a contrarre notevolmente il mercato del lavoro per l’azienda agricola di tipo capitalistico, e quindi ad aumentare notevolmente il reddito medio di questa classe; il moderato elevarsi del livello di vita e di istruzione hanno contribuito alla formazione di un più alto grado di organizzazione politica che va ora diffondendosi verso Sud, come nei rimanenti settori «di transizione».

 

35Coltivatori diretti. In base ai dati dell’ultimo censimento agricolo (1961) c’erano in Italia 3.500.000 aziende agricole condotte da poco meno di 2 milioni di coltivatori diretti, aiutati nel migliore dei casi soltanto dalle loro famiglie. Più di 2.350.000 aziende (i due terzi del totale) avevano meno di 3 ha. di terreno ciascuna, nonostante il prevalere di culture estensive. Sebbene si possa ragionevolmente supporre che il numero assoluto di aziende sia diminuito da allora ad oggi, nel 1961 esso si era alquanto elevato rispetto alla fine della guerra, soprattutto per effetto della riforma agraria che all’inizio degli anni ’50 portò alla creazione di decine di migliaia di piccole aziende agricole (da 3 a 6 ettari di terreno) nelle regioni nord-orientali, centro-occidentali e in quelle meridionali. Il motivo fu soprattutto politico: la Democrazia Cristiana credeva che la trasformazione dei braccianti agricoli in coltivatori diretti avrebbe avuto come risultato una notevole perdita di voti da parte dell’estrema sinistra a suo vantaggio, soprattutto nelle zone «rosse» del delta padano. Ciò non avvenne affatto, e dal punto di vista economico, tecnico o sociale la riforma agraria si è rivelata un insuccesso, con poche eccezioni riguardanti le zone dove si sono distribuite le terre migliori. Questa classe fu ed è pesantemente sfruttata, entro la formazione «tradizionale», dai proprietari terrieri e dal sistema di mercato; si tratta della parte di gran lunga più arcaica dell’agricoltura italiana. Quando si venne a trovare in una formazione «moderna», questa classe raggiunse nella maggior parte dei casi un reddito relativo più elevato, sia perché la sua produttività era ancora comparabile a quella delle aziende agricole di tipo capitalistico e i salari erano mediamente bassi, in misura tale che il 50% di essi veniva speso in generi alimentari e cioè in prodotti agricoli, sia perché il mercato era il più delle volte limitato alla comunità locale. Nella formazione «contemporanea» questa classe è verosimilmente battuta sia in termini assoluti che relativi dalla concorrenza dell’agricoltura capitalistica, dalla formidabile espansione del mercato (vedi il MEC) e dalla trasformazione dei valori culturali. Il reddito è diventato il più basso tra quelli percepiti nell’ambito della formazione, ad eccezione dei braccianti stagionali; non esiste alcun tipo di protezione nei confronti delle oscillazioni del mercato e delle avversità atmosferiche, nessuna rilevante forma economica di integrazione e cooperazione tra aziende è stata realizzata, mentre l’attrazione esercitata dai modelli urbani di vita ha determinato un ulteriore abbassamento della valutazione sociale connessa a questa funzione. È necessario aggiungere, tuttavia, che l’influenza e quindi, in un certo senso, il peso politico di questa classe è aumentato in modo inaspettato negli ultimi due decenni, soprattutto in seguito agli sforzi della Democrazia Cristiana. Questo partito ha organizzato un’abilissima forma di penetrazione nelle campagne, riuscendo con i mezzi forniti dalla riforma agraria e con altre forme di intervento a presentarsi nella veste del più capace difensore degli interessi dei coltivatori diretti. In seguito all’attività capillare della Confederazione nazionale coltivatori diretti e del suo braccio economico, la Federconsorzi, una gigantesca organizzazione controllata dal partito e costituita con la funzione manifesta di fornire alle piccole aziende una serie di servizi sussidiari, ma con la funzione latente di far confluire al partito i voti dei coltivatori diretti, questa classe ha raggiunto nella formazione «contemporanea» una coesione e un peso politico che, sebbene ancora in termini relativi, essa non aveva sicuramente mai raggiunti prima.

 

36Artigiani, negozianti e piccoli commercianti. Non è necessario darne in questa sede una definizione dettagliata, la sua composizione essendo ovvia. Questa classe è sempre stata sproporzionatamente numerosa in Italia e continua ad esserlo nonostante la concorrenza crescente esercitata dall’industria, dalle organizzazioni commerciali e dai supermercati. Ogni negozio in Italia occupa in media 1,6 unità lavorative, il che significa che l’attività viene svolta dal capo famiglia con l’aiuto di un membro della famiglia o di un ragazzo; di queste aziende ne esistono circa 1.300.000. Questa caratteristica strutturale, che è tipica delle società in cui è presente un ampio settore «tradizionale», non ha subito mutamenti apprezzabili nel corso delle differenti formazioni sociali.

 

37Intellettuali. Questa classe comprende tutti coloro che hanno a che fare con la trasmissione e produzione formale e intenzionale della «cultura» intesa in senso formale.

38Maestri, professori, scrittori, studiosi delle diverse discipline si collocano quindi a questo punto. Come classe, gli intellettuali italiani hanno sempre avuto il problema di stabilire un rapporto «organico» (secondo il termine gramsciano) con altre classi fornite di una più elevata importanza funzionale in modo da mettere radici più profonde nella società. Nella formazione «tradizionale» essi stabilirono rapporti di fedeltà soprattutto con le classi di governo, con i proprietari terrieri e con la classe di servizio.

39Durante il corso della formazione «moderna» essi si sono trovati in una posizione di completo isolamento dando, ad esempio, un contributo estremamente limitato allo sviluppo di una forte ideologia «liberale» adeguata alle esigenze della nuova classe imprenditoriale; il liberalismo italiano, come componente culturale, infatti, ha avuto origini soprattutto agrarie.

40Dopo la guerra, con la diffusione della formazione «contemporanea», gli intellettuali hanno assunto posizioni sempre più orientate a sinistra. Si è verificata una notevole inversione di tendenze nel passaggio da una generazione all’altra. Gli intellettuali più anziani, quelli che hanno partecipato alla guerra, hanno finito con l’offrire la loro fedeltà e i loro servigi soprattutto ai partiti di sinistra, il vecchio partito socialista e quello comunista, considerati i veri leaders della lotta per la rivoluzione. Gli intellettuali più giovani, del tutto insoddisfatti della politica arretrata di tutti i partiti, e stimolati dai movimenti studenteschi, si sono gradualmente allontanati da essi, cercando di avviare qualche tipo di rapporto diretto con la classe operaia. L’atteggiamento degli intellettuali del periodo successivo alla guerra fredda, se in parte può essere inteso come riedizione di un vuoto populismo, in parte costituisce un genuino sviluppo politico. Si tratta tuttavia di un fenomeno ancora troppo limitato per permettere di dire che questa classe ha posto in tal modo le premesse della sua unità.

 

41Tecnici. Si tratta di coloro che concepiscono, elaborano e mantengono fisicamente in funzione l’apparato tecnologico della produzione e della circolazione di beni e servizi. Nemmeno nella formazione «contemporanea» questa arriva ad essere una classe «per sé», ma è probabile che essa lo diventi in un periodo relativamente breve. D’altra parte, questa classe è la più «contemporanea» di tutte le altre classi, ad eccezione di quella dei dirigenti industriali, essendo in larga misura un prodotto del sistema produttivo avanzato di questa forma evoluta di società capitalistica. Nella formazione «tradizionale» originaria non esisteva quasi nessuna distinzione tra il ruolo dell’artigiano e quello del tecnico; la tecnica era, per così dire, incorporata nell’arte e non poteva esserne separata. Nella formazione «moderna» è piuttosto l’operaio specializzato, il cosiddetto strato «professionale» delle forze di lavoro, che svolge il ruolo di tecnico, quando non è l’imprenditore stesso o il gruppo dei suoi diretti collaboratori. È vero che c’è l’«ingegnere», un laureato fornito di un addestramento tecnico di livello più elevato, ma costui, una risorsa umana molto scarsa in questa fase, svolge più spesso la funzione di invenzione e di progettazione del prodotto; mentre al funzionamento degli impianti sono preposti, in genere, i capi intermedi e i sorveglianti, che di solito sono operai specializzati anziani. Invece nei settori industriali e di servizio della formazione «contemporanea» si sviluppa una classe di specialisti la cui funzione è nettamente diversa da quella dell’operaio specializzato, del capo intermedio e del progettista. Designers industriali, analisti di sistemi, esperti di tempi e metodi, programmatori della produzione, esperti di organizzazione, specialisti di ricerca operativa, progettisti di micro-circuiti, sono questi i nuovi ruoli professionali necessari per progettare, controllare la produzione e garantire il corretto funzionamento delle attrezzature. L’ingegnere progettista, una sorta di inventore isolato, è sostituito da un gruppo di progettazione interdivisionale, in cui ogni membro lavora a un piccolo segmento dell’intero progetto, anche se può avere una visione globale di esso; la specializzazione del lavoratore ottenuta mediante l’esperienza è sostituita dall’istruzione impartita all’interno o all’esterno dell’azienda.

  • 18 Suppongo che anche questa classe dovrebbe essere inclusa nella tecnostruttura, considerandola come (...)

42Alla fine della guerra questa classe aveva dimensioni molto ridotte, dal momento che la maggior parte dell’industria italiana era soltanto «moderna». Essa si è sviluppata più rapidamente di ogni altra classe nel paese e costituisce ora la forza centrale non solo dei più importanti settori industriali ma anche di molti settori di «servizio» come le banche e i trasporti aerei, in cui è entrata la tecnologia avanzata18.

43Questo gruppo di classi non esaurisce la popolazione italiana globale; il clero e le forze armate, ad esempio, non sono stati presi in considerazione, poiché non costituiscono una classe nel senso che le è stato attribuito qui, mentre gli impiegati, che pure costituiscono una classe, sono stati per ora lasciati in disparte a causa di certe insufficienze metodologiche del modello su cui non posso soffermarmi in questa versione provvisoria. Pur con questi limiti il gruppo comprende certamente le parti più importanti della struttura di classe del paese.

 

446. Le tre formazioni sociali che attualmente coesistono in Italia hanno ognuna una diversa struttura di classe. Nel periodo in cui sorsero, la formazione «moderna» e «tradizionale» ebbero una struttura di classe «pura», e cioè perfettamente coerente con la struttura globale di una data formazione. Ora che le formazioni «tradizionale» e «moderna» sono mescolate con la «contemporanea» sia le loro strutture totali che le loro strutture di classe hanno un profilo irregolare e frammentato. In questa sezione intendo tratteggiare l’attuale struttura di classe «impura» di ogni formazione, con particolare riferimento ai mutamenti subiti negli ultimi anni. Nella sezione finale tratterò più in particolare del quadro globale risultante da quest’analisi. Come ho detto sopra, il concetto di fondo è che una struttura di classe è costituita da relazioni tra classi. Stabilito che queste relazioni non sono quasi mai stabili, lo scopo della mia analisi sociologica della struttura di classe in Italia è di dire qualcosa sul modo in cui esse sono mutate in passato e probabilmente muteranno in un prossimo futuro, e sui motivi del mutamento.

  • 19 Per una discussione sulle relazioni tra mafia e proprietà terriera nella società «tradizionale» si (...)

45La formazione «tradizionale» ebbe in origine una struttura sociale quasi dicotomica, molto semplice. La classe dominante era ovviamente quella dei proprietari terrieri, le classi dominate o sotto-privilegiate erano i lavoratori agricoli e i coltivatori diretti. Una ristretta classe di servizio mediava le relazioni tra dominati e dominanti e tra questi e la burocrazia statale, anch’essa di dimensioni molto limitate. Nelle regioni e nelle aree sub-regionali, come alcune zone del Sud e della Sicilia, in cui sopravvive ancora la formazione «tradizionale», anche se in una forma impura, le relazioni tra le classi sono alquanto mutate dopo la guerra. La coscienza di classe e l’organizzazione sindacale dei contadini sono notevolmente cresciute, anche se restano ancora molto lontane dai livelli raggiunti altrove nella formazione «moderna». D’altra parte, la classe dei proprietari è in una certa misura sulla difensiva, trovandosi, come si trova, esposta alle pressioni degli interventi statali attuati dagli enti di riforma agraria, per quanto inefficienti ed episodici essi siano, a quelle di una classe di servizio che si è ingrandita ed è diventata più esigente, e alla concorrenza esercitata sul mercato del lavoro da un certo numero di «poli» di industrializzazione. Nell’ultimo decennio è anche venuto meno, in misura rilevante, l’appoggio della violenza organizzata offerto da organizzazioni criminali come la «mafia» (Sicilia) e la «camorra» (Campania), non perché queste si siano dissolte o abbiano rinunciato alla violenza, ma piuttosto perché i loro appetiti sono ora rivolti a nuovi campi più redditizi, come quello dell’edilizia, della distribuzione degli elettrodomestici, delle licenze commerciali e così via. Tuttavia, i proprietari terrieri costituiscono ancora una classe molto potente che controlla largamente la classe politica locale e, attraverso di essa, influenza negativamente tutti i progetti di modernizzazione – cioè tutte le opportunità di transizione rapida dalla formazione «tradizionale» a quelle «moderna» e «contemporanea»19.

46Nella formazione «moderna» pura, l’aspetto principale della struttura di classe era costituito dalle relazioni tra la classe imprenditoriale e la classe lavoratrice, ma una certa importanza avevano anche le classi dei proprietari terrieri e dei lavoratori agricoli legati all’azienda agricola di tipo capitalistico. Fu la coalizione della classe imprenditoriale con quella dei proprietari terrieri, di fronte alla coalizione mancata tra operai del Nord e contadini dell’Italia centrale e meridionale, l’elemento chiave dell’avvento del fascismo negli anni venti. Il settore «moderno» si è sviluppato molto rapidamente dopo la guerra, soprattutto nelle regioni vicine a quelle in cui la prima intensa crescita di imprenditorialità aveva avuto inizio almeno un secolo prima. La prima ondata di imprenditorialità era rimasta circoscritta alle città più grandi e ad un limitato numero di aree subregionali in Piemonte, Lombardia, Liguria. La nuova ondata si è rapidamente diffusa nelle regioni circostanti del Veneto (i tre quarti delle imprese operanti nel nuovo settore degli elettrodomestici sono sorte in questa zona vent’anni fa), della Toscana e dell’Emilia-Romagna, oltre a colmare quasi completamente le regioni d’origine.

47Questa nuova classe imprenditoriale è dotata in misura assai rilevante di audacia, di senso di autoaffermazione e di immaginazione; con un minimo di cultura tecnica (o anche non tecnica), una scarsa conoscenza delle lingue, un sostegno finanziario precario e una ferrea resistenza ai più faticosi viaggi internazionali essa ha inondato il mercato mondiale con tutti i tipi di prodotti italiani. Esiste, tuttavia, una spaccatura tra gli imprenditori impegnati nei settori industriali più recenti, come quello degli elettrodomestici, dei motoveicoli, dell’elettronica, e gli imprenditori dei settori di origine più antica, come l’industria tessile e meccanica. Mentre i primi settori sono in fase di espansione e di aumento dei profitti e non sono soggetti, per il momento, a una concorrenza oligopolistica, i secondi o sono in uno stato di declino semi-permanente, come l’industria tessile, o sono destinati ad essere egemonizzati dalle imprese locali che commissionano la fabbricazione di una parte rilevante dei componenti standard dei loro prodotti. Le divergenze di interessi che derivano da questa situazione tendono a ridurre la coesione di questa classe e indeboliscono alquanto il suo potenziale di azione.

48In contrapposizione alla classe imprenditoriale si pone la classe dei lavoratori industriali. Fino agli anni ’50 e anche più tardi, pur con notevoli variazioni a seconda delle regioni, la forza di questa classe era assai limitata. Chi trovava un’occupazione stabile si considerava fortunato e non osava fare nulla che potesse mettere in pericolo il posto di lavoro. I sindacati erano visti con ostilità dalla maggioranza degli imprenditori; le commissioni interne, quando c’erano, ebbero tempi molto duri. Per tutti gli anni ’50 e sino all’inizio degli anni ’60, un mezzo comune per migliorare la propria condizione, per il lavoratore delle aziende private, consisteva nel licenziarsi non appena veniva vista un’altra opportunità di lavoro – si trattava di solito di un lavoro in un’azienda più grande. Così le piccole aziende indipendenti subivano una percentuale di turnover che arrivava fino al 30-40% all’anno. Negli ultimi due lustri, all’incirca, le cose hanno incominciato a cambiare. Il grado di sindacalizzazione e di controllo politico esercitato mediante i sindacati si è accresciuto notevolmente anche nel settore costituito dalle aziende più piccole, e gli imprenditori sono posti con sempre maggior urgenza di fronte al fatto che le aziende non possono più essere manovrate unicamente secondo la loro volontà come lo erano fino a qualche tempo prima.

49La classe imprenditoriale si oppone ora all’intervento dello Stato e della burocrazia statale così come ha sempre fatto, ma è stata gradualmente sospinta in una posizione ambigua. Da una parte, essa cerca di sfuggire come prima alle regole della burocrazia statale; dall’altra, essa ha bisogno della burocrazia statale poiché il suo ruolo nazionale e internazionale sempre più importante esige imperiosamente ogni sorta di licenze, concessioni, informazioni, sgravi fiscali, regolamenti internazionali, insomma un diffuso sostegno e intervento da parte dello Stato. La sua politica si presenta, di conseguenza, ambigua e rivolge quasi contemporaneamente richieste di un intervento maggiore e minore dello Stato nell’economia.

50Il ruolo di testimone o di «terzo litigante» in questa struttura di classe è svolto dalla classe di servizio. L’ideologia individualistica e il sistema sociale delle «professioni liberali» sono un fattore di diffusa frammentazione, che rende improbabile ogni forma di azione indipendente unitaria. Ma essi strutturano un ruolo chiave che agisce come elemento di connessione, funzionalmente indispensabile, tra una classe – gli imprenditori – incapace per definizione di fare qualcosa di diverso dal «comprare a prezzi più bassi e vendere a prezzi più alti», una burocrazia statale che è intrinsecamente ostile ad ogni forma di imprenditorialità, ovvero di deviazione da norme consacrate, e una classe – i lavoratori dell’industria – indotta dalla sua situazione storica a presentare indiscriminatamente richieste sempre più elevate piuttosto che a elaborare alternative culturali al modello di vita esistente. Grazie a questa sua posizione centrale la classe di servizio realizza un incomparabile grado di equilibrio tra i più alti livelli di reddito, prestigio e potere.

51La struttura di classe della formazione «contemporanea» è la più complessa, a prescindere dalle sue interconnessioni con le strutture di classe delle formazioni più antiche. La classe dominante è in questo caso quella degli alti dirigenti con o senza interessi di proprietà; mentre la classe degli imprenditori indipendenti è ancora numerosa e potente, ma in misura inferiore rispetto alla formazione precedente. La classe di servizio è più ricca ma non più dotata del prestigio e dell’influenza che aveva prima. I politici di professione sono la «classe in ascesa», e su di essi pesano tutta una serie di responsabilità che essi non sembrano ancora in grado di assumersi. I funzionari della burocrazia statale hanno perso il loro prestigio ma conservano ancora la capacità di differire o di annullare qualsiasi proposito riformistico, soprattutto in settori come quello dell’istruzione e dell’amministrazione centrale. Le masse dei lavoratori dell’industria, ancora in espansione, hanno raggiunto un livello di scolarità, di specializzazione e di organizzazione più elevato che mai e sono incoraggiati dalla situazione di piena occupazione in cui si trovano. I braccianti agricoli hanno salari un po’ più elevati e regolari e hanno anche raggiunto una migliore organizzazione, ma la loro classe è in costante declino numerico. I coltivatori diretti si fanno sentire molto di più, e direttamente o indirettamente hanno conquistato una maggiore influenza sulla classe politica. Gli intellettuali sono più numerosi che mai e nell’epoca della comunicazione di massa essi sono ricercati e assunti o profumatamente pagati come consulenti, nel ruolo di esperti di ricerca e trasmissione delle informazioni, da quella stessa industria che essi criticano aspramente per la sua funzione disumanizzante. Per quanto riguarda i tecnici, essi sono in fase di aumento numerico e di ampliamento delle loro funzioni e si trovano profondamente inseriti nell’apparato produttivo.

52La rete degli interessi di classe (non soltanto economici) tende ovviamente a tenere uniti gli alti dirigenti, la classe di servizio e gli imprenditori indipendenti, nonostante le divisioni interne di questi ultimi e le frequenti dispute contro la rude politica di espansione delle grandi imprese portata avanti dagli alti dirigenti. Il cammino da percorrere per arrivare all’unificazione politica tra lavoratori industriali e rurali è ancora lungo, ma le due classi sono ormai più vicine che nella formazione precedente, soprattutto perché il ruolo e la situazione di lavoro del bracciante agricolo nell’agricoltura avanzata «contemporanea» sta diventando sempre più simile a quella dei lavoratori dell’industria. Una parte molto limitata della classe degli intellettuali – in specie una frazione degli studenti universitari – sta cercando di stabilire una forma di rapporto «organico» con la classe operaia, ma è ancora da dimostrare che ciò abbia un reale peso politico. D’altra parte i tecnici non si fanno ancora sentire e si comportano abitualmente, in tutte le situazioni importanti, in maniera conforme agli interessi degli alti dirigenti, pur dando segni sempre più palesi di insofferenza.

  • 20 È necessario sottolineare che il 48% dei voti dati ad un solo partito costituisce un numero estrema (...)

53Per quanto riguarda la classe dei politici di professione, essa sembra sviluppare in misura crescente il tratto che più particolarmente distingue la formazione «contemporanea», e cioè l’adattabilità a situazioni in mutamento. Nei venti e più anni in cui si è mantenuta al potere questa classe è stata in grado di produrre gli uomini e i governi che sembravano piú adeguati a soddisfare le esigenze dell’umore nazionale prevalente al momento, anche se spesso con considerevole ritardo, cioè quando la situazione aveva già superato la fase critica. Essa ha prodotto gli uomini del centro-destra, i governi e gli indirizzi politici degli anni a cavallo tra il 1948 e il 1952, quando la guerra fredda e la conquista violenta del potere da parte dei partiti comunisti dell’Europa orientale alimentò la «grande paura dei Russi», che nelle elezioni del 1948 fruttò alla Democrazia Cristiana il 48% dei voti20.

54Quando, a metà degli anni sessanta, l’aumento delle agitazioni operaie in una situazione (almeno regionale) di pieno impiego, la crisi universitaria, la crescente insoddisfazione pubblica per una lunga serie di disfunzioni strutturali sembrò richiedere un indirizzo politico più «popolare», essa incominciò a tirar fuori gli uomini e i governi di sinistra. A giudicarla attraverso i suoi atti pubblici, attualmente questa classe è apparentemente schierata dalla parte dei lavoratori, con differenti gradi di combattività e motivazioni diverse al suo interno, ma è più corretto dire che essa è soprattutto dalla parte da cui pensa possano arrivare voti. Ciò vuol anche dire che essa ha sviluppato un’abilità abbastanza coerente a condurre il corso degli avvenimenti politici sulla strada meno rischiosa. Resta da vedere fino a quando questa situazione potrà durare.

55Il progresso o il declino dello status parziale o totale di ogni classe attraverso le tre formazioni è riassunto nella tavola 1.

 

567. Da quanto è stato detto finora dovrebbe essere chiaro che i principali mutamenti avvenuti nella struttura di classe globale dell’Italia nel dopoguerra sono stati: a) il suo «slittamento» verso la forma moderna e, in un secondo tempo, verso quella contemporanea; b) le modificazioni interne delle classi più antiche; c) il più elevato numero di classi che entrano nel quadro; d) il sorgere di nuove classi, ad esempio, quella dei politici di professione e dei tecnici.

  • 21 Le mie considerazioni a questo proposito sono state stimolate da Theodore Caplow, Two against one: (...)

57Ma fermarsi a questo punto sarebbe troppo semplice. Usando le principali proposizioni della teoria della motivazione di classe esposta precedentemente e traendo qualche spunto dalla teoria delle coalizioni,21 dobbiamo cercare di capire quali relazioni esistono o possono realizzarsi tra tutte le principali classi, con particolare riferimento alle coalizioni stabili – ovvero alle differenti relazioni – che possono svilupparsi nel prossimo futuro.

58Si tratta di rispondere a due interrogativi: È possibile che la stessa classe agisca come attore storico unico a livello nazionale, nonostante le differenze di struttura e di posizione che essa presenta tra le diverse formazioni sociali? Nelle condizioni attuali, quali coalizioni di classe a livello nazionale sono possibili o probabili nel prossimo futuro?

59La risposta alla prima domanda è positiva per diverse classi riguardo alla situazione attuale, laddove vent’anni fa sarebbe stata negativa per la maggior parte di esse. Il motivo principale di questa inversione di tendenza è che grazie ad un certo numero di fattori lo schema di riferimento di tutte le classi si è ampliato sempre più fino ad includere il livello nazionale. L’intensa mobilità territoriale, l’onnipresenza dei mezzi di comunicazione di massa, la forza unificante della tecnologia, lo sviluppo dei sindacati, sono tutti fattori che hanno contribuito a privare la comunità locale e la regione della loro funzione di schemi di riferimento unici o almeno più importanti.

60Essi hanno condotto gli individui a paragonarsi con gli altri, a considerarsi sfruttati o frustrati in rapporto agli altri in qualunque parte del paese essi vivano. Questo non significa che l’importanza della situazione nella formazione sociale «locale» sia scomparsa del tutto; significa piuttosto che lo schema di riferimento di cui ogni classe si serve per valutare i propri «costi di opportunità» si è ampliato e modificato fino a comprendere, oltre alla formazione «locale», anche le altre formazioni. Così molte situazioni che vent’anni fa sarebbero passate inosservate nel paese, possono ora polarizzare rapidamente i sentimenti e le azioni di un’intera classe, spingendola a superare le proprie differenze interne derivanti dalle diverse formazioni sociali.

61Due classi che hanno un’evidente attitudine ad agire in modo unitario sono la classe degli imprenditori indipendenti e quella degli alti dirigenti. In effetti la classe degli imprenditori indipendenti agisce già in modo unitario, quanto lo può una classe. Si tratta di una classe di antica formazione, che ha dietro di sé una lunga storia e che pertanto tende a guardare al passato, dalla formazione «contemporanea» a quella «moderna», creandosi un orientamento collettivo sulla base di un’immagine individualistica della società. Proprio questo fattore, come appare evidente dalla sua condotta politica nei confronti dei lavoratori e dello Stato, imprime alla classe degli imprenditori il carattere di forza coerente e compatta, molto più di qualsiasi piano premeditato. Per quanto riguarda gli alti dirigenti, invece, i fattori unificanti devono piuttosto essere ricercati nelle loro comuni origini e, date le dimensioni ridotte che questa classe presenta ancora in Italia, nelle relazioni personali e nelle comunicazioni dirette. Questa classe ha un passato così recente e una tale quantità di interessi in gioco nella situazione «contemporanea» da puntare tutte le sue forze in direzione della soppressione di entrambe le formazioni sociali più antiche nel minor tempo possibile, al fine di estendere la formazione «contemporanea» a tutto il paese.

62La classe dei politici di professione e quella dei funzionari della burocrazia statale tendono sempre più ad agire come singoli attori, per motivi del tutto atipici rispetto ad altre classi. Per quanto riguarda la prima, è importante sottolineare il fatto che in Italia la politica assume sempre più il carattere di affare nazionale. Infatti soltanto a livello nazionale un individuo può svolgere e comunicare le azioni che gli consentiranno di conservare per tutta la vita la posizione di politico. Il distretto elettorale, con tutti i suoi problemi locali, costituisce un trampolino di lancio necessario, ma la via verso il traguardo passa attraverso i problemi nazionali; un uomo politico può ottenere dal partito l’appoggio necessario a conservare la posizione acquisita soltanto quando ha detto qualcosa di importante su questi problemi. Inoltre i partiti dispongono di una struttura organizzativa permanente molto solida e anch’essa fortemente centralizzata a livello nazionale. Tutti questi elementi concorrono a realizzare un elevato grado di coerenza all’interno di una classe politica i cui membri svolgono la propria attività tra i loro distretti appartenenti a formazioni sociali diverse e Roma, ma che solo qui trovano il loro terreno di incontro, quello della generalizzazione del potere e dell’intenzione di rimanere al potere qualunque cosa avvenga nel paese. Riguardo alla classe dei burocrati, la sua totale dipendenza dallo Stato tende a determinare azioni e orientamenti relativamente comuni, indipendentemente dalla situazione locale e storica dei funzionari; il fatto che gli alti funzionari dello Stato siano prevalentemente orientati verso la tradizione costituisce un motivo di violenti contrasti all’interno della formazione «contemporanea».

63Ad un diverso livello, più elevato nel primo caso, la classe operaia e quella contadina sembrano anch’esse nettamente orientate, in maniera autonoma l’una dall’altra, verso una linea di condotta unitaria di conflitto e di difesa, nonostante le differenze esistenti tra le formazioni sociali in cui esse sono inserite. Oltre a quelli esposti precedentemente, il fattore che ha influito in misura preponderante in questa direzione è stato lo sviluppo di una linea comune da parte dei sindacati, anche se la forza di coesione esercitata dai sindacati costituisce soltanto uno degli aspetti della classe. Fino all’inizio degli anni sessanta la situazione sindacale italiana fu caratterizzata da una netta separazione tra gli aderenti al sindacato di ispirazione comunista, la Confederazione Generale Italiana del Lavoro (CGIL), da una parte, e gli aderenti alla Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori (CISL) legata alla Democrazia Cristiana o all’Unione Italiana Lavoratori (UIL) di ispirazione socialdemocratica dall’altra, anche se frequenti divergenze si manifestavano anche tra CISL e UIL. In seguito la situazione ha subìto una trasformazione lenta ma costante. Negli ultimi anni i sindacati più importanti che operano in settori produttivi chiave, quali la metalmeccanica, hanno adottato una politica unitaria che è certamente destinata a durare per un lungo periodo. In altri termini, questa trasformazione sembra configurarsi più come un mutamento strutturale che non semplicemente come una tattica temporanea. Abbastanza paradossalmente, questo fenomeno non rappresenta tanto l’indizio o il risultato di un incremento della forza del sindacato, quanto esprime piuttosto il suo senso soggettivo di debolezza. I sindacati si sentono profondamente minacciati dalla minoranza contestatrice degli operai più giovani che si collocano alla loro sinistra opponendosi alle decisioni dei direttivi nazionali, e che arrivano ad affermare con sempre maggiore vigore che anche la CGIL è ora incline ad assecondare la volontà del padronato. In questa situazione i sindacati tendono ad essere più truculenti e massimalisti di quanto non sarebbe conforme alla loro natura, nell’intento di mantenere nei ranghi anche i più diversi gruppi dell’estrema sinistra.

64Quali che ne siano le cause, l’impatto costituito dalla recente realizzazione di un processo di unificazione tra operai, da una parte, e contadini, dall’altra, è già stato avvertito nettamente sia dagli alti dirigenti e imprenditori, sia dai proprietari terrieri, in vari casi, come dimostrano l’eliminazione delle zone salariali, i radicali miglioramenti apportati al sistema pensionistico statale, l’aspra contrattazione svoltasi nell’autanno 1969 per il rinnovo del contratto triennale per l’industria meccanica. Se si accetta l’ipotesi simmeliana secondo cui la coesione induce un aumento della coesione stessa, diventa una facile profezia affermare che in occasione di ogni decisione importante queste due classi, anche se ognuna per suo conto, sono ormai inclini ad agire in modo consimile in ogni parte del Paese.

65In rapporto alle altre classi, è assai difficile valutare le probabilità che la classe dei coltivatori diretti ha di agire come un singolo attore nelle diverse formazioni sociali. Essi dispongono di un’associazione, la Confederazione nazionale coltivatori diretti, che rappresenta un elemento di unificazione nazionale, e hanno comuni interessi in gioco. Ad esempio, la crisi che ha investito il settore agricolo del Mercato Comune colpisce duramente sia gli agricoltori relativamente ricchi del Nord-Est del Piemonte e del Sud-Est della Lombardia, sia quelli molto più poveri della Campania e delle Puglie, nonostante che i primi siano inseriti soprattutto in situazioni «contemporanee» e i secondi in situazioni «tradizionali». In ogni caso, a causa della funzione che essi svolgono all’interno dell’organizzazione societaria, il loro schema di riferimento è molto più locale rispetto a quello delle altre classi. A tutto ciò si aggiunge il fatto che il flusso di comunicazioni che va da fattoria a fattoria, da regione a regione, con la funzione di diffondere informazioni sulle rispettive condizioni – scatenando così azioni unitarie di classe – è scarso ed episodico. Una situazione di questo tipo implica che soltanto le azioni di altre classi, costringendo i piccoli proprietari a spostare la loro attenzione dai problemi locali ai loro interessi più generali, come la proprietà dell’azienda agricola o la gestione indipendente di essa, otterrebbero il risultato di portare i segmenti inter-formazionali di questa classe ad agire insieme come un unico soggetto.

66La risposta alla seconda domanda è più discutibile. In tutte le più importanti decisioni gli imprenditori indipendenti si sono finora schierati a fianco degli alti dirigenti; non c’è ragione strutturale che faccia prevedere un mutamento delle loro alleanze in un prossimo futuro. Sebbene ritengano di essere gravemente danneggiati dalla concorrenza della grande industria, e lo siano in effetti abbastanza frequentemente, essi costituiscono dopo tutto la classe che sta meglio anche in situazioni «contemporanee», seconda soltanto a quella degli alti dirigenti. Qualunque cosa arrecasse danno agli alti dirigenti, come un aumento del controllo dei lavoratori all’interno delle fabbriche, danneggerebbe anche loro. Ad un grado meno elevato la stessa cosa vale anche per i proprietari terrieri. Questa triade è stata in passato e dovrebbe ancora essere in futuro una coalizione di attori consapevolmente collettivi; v’è da attendersi che in ogni crisi i suoi membri si aiuterebbero reciprocamente con tutti i tipi di decisioni e di strategie. Questa forma di aiuto deve essere tenuta distinta dal sostegno che essi si danno vicendevolmente o che ricevono eventualmente da altri in occasione delle elezioni politiche. In tale caso, trovandosi di fronte ai problemi che minacciano seriamente gli interessi della coalizione, è probabile che la classe di servizio dia ai suoi rappresentanti la maggior parte dei propri voti, ma in situazioni non elettorali questa classe ha un peso unitario scarso a causa della sua elevata frammentazione, derivante dal fatto che la funzione da essa coperta richiede ai suoi membri di svolgere ruoli individuali.

  • 22 Si veda W. G. Runciman, Relative deprivation and Social Justice: A Study of Attitudes to Social Ine (...)

67L’altro estremo della relazione che costituisce il nucleo della struttura di classe è ovviamente rappresentato dai lavoratori dell’industria. L’opposizione tra questa classe e le classi «borghesi» non è mai stata così netta, nonostante il più alto tenore di vita di cui gode la maggioranza dei lavoratori in rapporto a quello degli anni cinquanta. La teoria della privazione relativa, le cui origini risalgono almeno a Tocqueville, è stata giustamente richiamata di recente per spiegare il motivo per cui la frattura si approfondisce quando si accorciano le distanze.22Gli alleati dei lavoratori dell’industria, da questo lato della struttura, sono ovviamente, da un punto di vista oggettivo, i salariati agricoli, ma le condizioni per stabilire tra le due classi una coalizione reale non si sono ancora realizzate. I lavoratori industriali sono più che mai una classe urbana; essi hanno scarse conoscenze dei problemi dei salariati agricoli e sono piuttosto indotti a considerarli alla luce dei propri problemi. Inoltre, 1) i salariati agricoli sono stati per un ventennio in declino quantitativo – ne sono rimasti ora poco più di 1.500.000 – così che la loro attrattiva come alleati attivi si è continuamente ridotta –, e 2) nessun lavoro politico serio ha tentato di riunire in una sola struttura le due classi.

68Sebbene esistano ed agiscano in modo indipendente, queste due classi lavoratrici sono abbastanza forti da ostacolare molte azioni regressive tentate dalle classi «borghesi», e da migliorare nello stesso tempo il loro destino, ma sono ancora troppo deboli per costringere gli avversari a realizzare qualsiasi riforma di modernizzazione avanzata. Così la struttura di classe contiene un equilibrio perfettamente adatto a irrigidire il paese nella sua situazione di confusione e di frustrazione. Qualsiasi mutamento viene ad essere subordinato alla posizione che probabilmente sarà assunta all’interno della struttura globale italiana dalle tre classi «testimoni»: i coltivatori diretti, i tecnici e i pulitici di professione. I coltivatori diretti costituiscono la classe più conservatrice del paese e, come si è detto prima, il loro grado di squilibrio tra le tre dimensioni e di coesione interna è insufficiente a spingerli in modo autonomo all’azione. Perciò è molto più probabile che essi alla fine si rivolgano alla parte che minaccia in minor misura i loro interessi acquisiti, e che nello stesso tempo appare disposta a offrire di più in cambio di un loro eventuale contributo alla coalizione. Tuttavia non è facile vedere come questa parte potrebbe essere quella dei lavoratori, dal momento che in modo implicito o esplicito l’ideologia e le richieste politiche dei lavoratori sono contrarie agli interessi dei piccoli proprietari in terinini di proprietà privata, di gestione individuale dell’azienda agricola e di prezzi più alti delle derrate alimentari. In tal modo i testimoni chiave, cioè i potenziali partecipanti a qualsiasi coalizione che sembri offrire compensi più elevati, sono le classi più instabili nella società italiana: i tecnici e i politici di professione. Dotati di un reddito e di un prestigio relativamente elevati, i tecnici stanno ora cercando di acquisire una quota di potere, cioè tentano di intervenire nelle decisioni circa l’uso che viene fatto dell’apparato tecnologico, al cui funzionamento essi presiedono, per realizzare fini societari; nella definizione stessa di questi fini, e nei canali di mobilità verticale che sembrano aprirsi per loro. Questa non è ancora una classe «per sé» ma è probabile che l’elevata incoerenza del suo status, insieme alla sua posizione di testimone o di «terzo litigante» tra le due opposte coalizioni che può ottenere vantaggi potenziali dall’unione con l’una o con l’altra affrettino il processo. Nello stesso tempo, la probabilità che essi sì schierino come classe contro gli alti dirigenti e gli imprenditori indipendenti è ancora molto bassa; ma la probabilità che essi si coalizzino contro le classì lavoratrici è probabilmente ancora più bassa.

69Nonostante il loro scarso reddito, i politici di professione fanno leva sul loro potere (relativo) per ottenere un prestigio più elevato. Ciò significa che essi intendono affermare il valore sociale indipendente della funzione politica, concepita come una attività etica superiore a qualsiasi problema tecnico. Questo tipo di interessi tende a portarli ad assumere una posizione ostile nei confronti degli alti dirigenti e degli imprenditori i quali fin dal momento del loro affermarsi come classi hanno negato e rifiutato l’importanza di una funzione politica così concepita nella democrazia parlamentare. Apparentemente, questa nuova posizione è già evidente nell’atteggiamento punitivo che il Governo ha assunto, soprattutto attraverso le azioni e i discorsi del Ministero del Lavoro, contro le imprese coinvolte nelle lotte per il rinnovo dei contratti in diversi settori chiave come quello metalmeccanico e chimico. Ma questi sono atti verbali chiaramente intesi a fare concessioni alla sinistra che sta conquistando posizioni all’interno del paese; a livello fattuale gli interventi caotici rivolti nelle più varie direzioni per soddisfare le richieste indiscriminate dei sindacati contribuiscono a mantenere la distribuzione del potere nella situazione attualle, se non a spostarla a destra in reazione al populismo.

70In questo ruolo estremamente ambiguo della classe politica italiana – dichiarazioni demagogiche da una parte e incapacità a intraprendere una seria politica di riforme dall’altra – sta probabilmente la chiave di ogni ulteriore mutamento di breve periodo nella struttura di classe del paese, e quindi nel suo assetto politico.

Torna su

Note

1 I lavori più rappresentativi in cui è utilizzato un approccio non-strutturale e non-azionale nello studio delle classi sono quelli di W. L. Warner e P. S. Lunt, The Social Life of a Modern Community, New Haven, 1941; W. L. Warner e altri, Social Class in America: The Evaluation of Status, New York, 1949. Per una discussione approfondita dei processi di distribuzione si vedano i saggi, le repliche e le contro-repliche di Kingsley Davis, W. E. Moore, M. M. Tumin e di altri ora raccolti nel volume curato da Reinhard Bendix e S. M. Lipset, Classe, status, potere, trad. it., Padova, 1969. Un lavoro ben noto sulle conseguenze dell’affiliazione di classe è quello di H. T. Gans, The Urban Villagers, New York, 1962. Un buon esempio degli studi americani, inglesi, polacchi, tedeschi e argentini sulla percezione soggettiva della classe è fornito da Immagini della società e coscienza di classe, a cura di Massimo Paci, Padova, 1969. Per quanto riguarda l’Inghilterra sono noti i lavori di David Lockwood e di John Goldthorpe sulla «nuova» classe operaia. L’elenco potrebbe continuare ma non cambierebbero i risultati: le classi intese come attori collettivi e storici non sembrano destare molta attenzione nei sociologi contemporanei.

2 Mi riferisco soprattutto a Gerhard Lenski, Power and Privilege: A Theory of Social Stratification, New York, 1966; W. G. Runciman, Relative Deprivation and Social Justice, London, 1966, in particolare il cap. III; Id., «Class, Status and Power?», in Sociological Studies, 1, 1968, pp. 25-61; Ralf Dahrendorf, Classi e conflitto di classe nella società industriale, Bari, 1963; Id., Sociologia della Germania contemporanea, trad. it., Milano, 1967.

3 Lenski, op. cit., pp. 74-75. Sottolineato nel testo.

4 Lenski, op. cit., p. 75.

5 Lenski, op. cit., p. 79 sgg.

6 Lenski, op. cit., p. 80. Si vedano anche i capp. 10, 11 e 12 sui sistemi di classe nelle società industriali.

7 L’ultimo caso è esaminato da Barrington Moore jr., Le origini sociali della dittatura e della democrazia, tr. it., Torino, 1969, cap. 1.

8 Si può obbiettare che lo scopo di Lenski è di spiegare i processi distributivi nella società e non l’azione di classe. L’errore consiste nell’identificare la stratificazione sociale, cioè le strutture di classe, soltanto con i processi distributivi. In questo modo diventa impossibile un approccio strutturale unitario, un prerequisito per lo studio dei processi distributivi e delle azioni di classe da essi stimolate.

9 Runciman, «Class, Status and Power?», op. cit., p. 54.

10 Runciman, op. cit., p. 57.

11 Si veda Dahrendorf, Sociologia della Germania contemporanea…, cap. VI, e il diagramma accluso.

12 Gli effetti dell’incoerenza di status individuale, sono stati ampiamente discussi secondo una varietà di impostazioni. A titolo di esempio della letteratura più recente, si veda E. F. Jackson, «Status Consistency and Symptoms of Stress», American Sociological R., 27 (4), 1962; E. E. Sampson, «Status Congruence and Cognitive Consistency», Sociometry, 26 (2), 1963; J. C. Kimberly, «A Theory of Status Equilibration», in Berger, Zelditch e Anderson (a cura di), Sociological Theories in Progress, Boston, 1966; H. M. Blalock, «The Identification Problem and Theory Building: The Case of Status Inconsistency», Amer. Sociological R., 31 (1), 1966 J. A. Geshwender, «Continuities in Theories of Status Consistency and Cognitive Dissonance», Social Forces, 46 (2), 1967; Patrick Doreian e Norman Stockman, «A Critique of the Multidimensional Approach to Stratification», The Sociological Review, 17 (1), 1969. Sebbene sia evidente che diverse proposizioni sviluppate dalla teoria dell’inconsistenza di status si possono applicare alle classi come all’individuo, la letteratura sugli effetti dell’incoerenza dello status collettivo è molto povera. Una delle trattazioni migliori è ancora quella di E. E. Hagen, On the Theory of Social Change, Homewood, 1962, in cui il fenomeno del «ritiro di status» (che sarebbe più opportuno definire incoerenza) è considerato come una delle cause più importanti dello sviluppo economico.

13 Un’ottima analisi degli interessi economici e affettivi è quella di Parsons Il sistema sociale, tr. it., Milano, 1965. Si vedano le note relative alla voce «interessi» nell’indice per soggetto.

14 Un’utile introduzione al problema si può trovare nella prefazione di Eric Hobsbawn all’opera di Marx, Forme economiche precapitalistiche, tr. it., Roma, 1968. Per un buon sommario di tutta la discussione si veda Oskar Lange, «Modi di produzione e formazioni sociali. Concezione materialistica della storia», cap. II della sua Economia politica, Roma, 1962. Si veda anche R. S. Warner, «Die Methodologie in Karl Marx’ vergleichenden Untersuchungen über die Productionsweisen», Kölner Zeitschrift für Soziologie und Sozialpsychologie, 20 (2), 1968.

15 «The 200 largest industrial companies outside U. S.», Fortune, luglio, 1969.

16 La migliore analisi di questo aspetto della storia sociale italiana è quella di Emilio Sereni, Il capitalismo nelle campagne: 1860-1900, Torino, 1947, 2a ed. 1968.

17 Non si tratta della «tecnostruttura» in senso galbraithiano. Si veda la sua opera, Il nuovo stato industriale, Milano, 1969, cap. VI. La tecnostruttura comprende un gruppo di persone molto più numeroso e i suoi confini sono abbastanza vaghi.

18 Suppongo che anche questa classe dovrebbe essere inclusa nella tecnostruttura, considerandola come il suo strato più basso. Ma se si ammette che al suo interno ci siano almeno due classi sorgono seri dubbi sull’utilità dell’uso di questo termine nel senso di un singolo attore collettivo, come fa Galbraith.

19 Per una discussione sulle relazioni tra mafia e proprietà terriera nella società «tradizionale» si veda Anton Blok, «Mafia and peasant rebellion as contrasting factors in Sicilian latifundism», Archives européennes de sociologie, X (1), 1969. Alcuni cenni sulla struttura di classe in situazioni «tradizionali» attualmente esistenti si possono trovare in lavori come quello di E. C. Banfield, The Moral Basis of a Backward Society, Glencoe, 1958, cap. 4; e di Joseph Lopreato, Peasants No More: Social Class and Social Change in an Underdeveloped Society, San Francisco, 1967 (soprattutto la parte seconda).

20 È necessario sottolineare che il 48% dei voti dati ad un solo partito costituisce un numero estremamente elevato in un sistema politico pluripartitico come quello italiano.

21 Le mie considerazioni a questo proposito sono state stimolate da Theodore Caplow, Two against one: Coalitions in Triads, Englewood Cliff, 1968.

22 Si veda W. G. Runciman, Relative deprivation and Social Justice: A Study of Attitudes to Social Inequality in Twentieth-Century England, London, 1966, già richiamato sopra.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Luciano Gallino, « L’evoluzione della struttura di classe in Italia (1970) »Quaderni di Sociologia, 26/27 | 2001, 115-152.

Notizia bibliografica digitale

Luciano Gallino, « L’evoluzione della struttura di classe in Italia (1970) »Quaderni di Sociologia [Online], 26/27 | 2001, online dal 30 novembre 2015, consultato il 01 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1597; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1597

Torna su

Autore

Luciano Gallino

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search