Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri26/27Classi, strati sociali e sviluppoStato e imprenditorialità assisti...

Classi, strati sociali e sviluppo

Stato e imprenditorialità assistita in una città meridionale (1979)

Raimondo Catanzaro
p. 153-79

Note dell'autore

In questo articolo si riportano alcuni risultati di una ricerca sull’imprenditorialità nell’area di Catania. La ricerca, in corso di stampa per i tipi de Il Mulino, Bologna, con il titolo L’imprenditore assistito. Industria, intervento pubblico e cultura imprenditoriale in un sistema marginale (a cura di Raimondo Catanzaro), è stata condotta sotto la direzione di Magda Talamo e mia presso il Dipartimento di scienze sociologiche della Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Catania con finanziamento Cnr. L’indagine è stata svolta analizzando, oltre ai dati censuari e istituzionali sulla provincia di Catania, la politica di intervento pubblico attraverso lo studio della serie storica 1947-73 della spesa per opere pubbliche e delle erogazioni di credito agevolato alle imprese. Inoltre le principali informazioni su imprese e imprenditori sono state ricavate attraverso la somministrazione di un questionario ad un campione di 274 imprese con oltre 10 addetti, pari al 45% dell’universo delle imprese al di sopra di questa soglia operanti nella provincia di Catania.

Testo integrale

Premessa

  • 1 S. Cafiero e A. Pizzorno, Sviluppo industriale e imprenditori locali, Giuffrè, Milano 1962.
  • 2 Cfr., oltre al volume su La formazione dell’imprenditorialità, Comunità, Milano 1964, la Ricerca su (...)
  • 3 Fra cui possiamo citare P. Farneti, Imprenditore e società, LI/ED, Torino 1970; G. Bonazzi, A. Bagn (...)

1Gli studi e le ricerche sull’imprenditorialità non costituiscono certamente una delle branche più sviluppate della sociologia italiana. Anche se già a partire dai primi anni ’6o la tematica della formazione dell’imprenditorialità è stata affrontata in connessione con i problemi dello sviluppo industriale del Mezzogiorno1, e successivamente sviluppata grazie all’opera di A. Pagani2, non si può certo dire che abbia incontrato favori particolarmente numerosi. Con ciò non si vuole affermare che non esistano ricerche sull’imprenditorialità3, ma è un fatto certo che una tradizione di studi in questo campo non si è ancora affermata in modo stabile e duraturo.

2La relativa arretratezza di questo settore è tanto più sorprendente se si considera poi la frequenza con cui nelle cronache giornalistiche gli imprenditori appaiono protagonisti di intricate vicende finanziarie in cui sono coinvolti gli apparati pubblici con coloriture quasi sempre scandalistiche. In realtà la figura dell’imprenditore che utilizza ai propri fini gli strumenti dell’intervento pubblico nell’economia è stata oggetto a tutt’oggi di una trattazione prevalentemente giornalistica e secondo i moduli interpretativi della corruzione unilaterale o biunivoca intercorrente tra impresa assistita e pubblici poteri.

  • 4 Per un recente tentativo di interpretazione di tali relazioni vedi F. Ferrero e B. Valori, Il siste (...)

3Tale tipo di interpretazione è tanto più inadeguata se si considera la crescente penetrazione dello stato nella sfera economica, che è tipica delle società a capitalismo maturo, e la necessità di inquadrare in questo ambito i rapporti vieppiù stretti tra sistema delle imprese e sistema politico4. In questo quadro l’analisi delle forme di intervento dello stato e degli atteggiamenti degli imprenditori in un’economia marginale, cioè in un’area in cui la funzione regolativa e sostitutiva dello stato nei confronti dell’economia si presenta con particolare evidenza, vuole costituire un contributo per un ripensamento degli strumenti teorici con cui analizzare la formazione dell’imprenditorialità e i suoi modelli di azione.

1. L’ambiente economico

  • 5 A. Bagnasco, Tre Italie, Il Mulino, Bologna 1977. Per quanto riguarda in generale l’uso del concett (...)

4La provincia di Catania appartiene nel suo complesso a quella che di recente è stata definita come formazione sociale marginale5, anche se al suo interno sono massicciamente presenti processi di differenziazione territoriale con rilevanti concentrazioni della popolazione e delle attività economiche nel capoluogo e nel suo hinterland. In particolare nell’area di conurbazione comprendente il capoluogo e i dodici comuni che con esso costituiscono un continuum urbano si concentrava nel 1971 oltre il 50% della popolazione residente e quasi il 70% della popolazione attiva nei settori extra-agricoli. Tuttavia è proprio in questo cuore centrale della provincia che si riscontrano quelle caratteristiche di debolezza strutturale dell’apparato produttivo che definiscono la situazione di marginalità economica.

  • 6 Per un’accurata descrizione delle caratteristiche della provincia di Catania vedi R. Palidda, Terzi (...)

5Un primo dato rilevante è fornito dalla caratterizzazione dell’apparato economico catanese come essenzialmente terziario. Gli addetti al terziario privato e alla pubblica amministrazione sono, al 1971: il 6o%, mentre del restante 40% del settore industriale oltre un quarto è costituito da addetti all’edilizia. La debolezza del settore industriale si manifesta in modo ancora più evidente se si analizza la distribuzione dimensionale delle unità locali dell’industria manifatturiera. Sempre al 1971 gli addetti in unità locali fra 50 e 99 addetti costituivano il 7,5% del totale, mentre il 52% si concentrava in unità fino a 9 addetti. La dimensione media era di 3,4 addetti per impianto. Si tratta quindi di un apparato produttivo in cui la presenza della piccola e media impresa è irrilevante, mentre prolifera la piccolissima impresa marginale sotto i 10 addetti6.

  • 7 A. Del Monte e M. Raffa (a cura di), Tecnologia e decentramento produttivo, Rosenberg & Sellier, To (...)
  • 8 Nell’ambito delle imprese a bassa tecnologia sono state considerate imprese produttrici di beni tra (...)

6Inoltre a differenza di quelle aree di sviluppo periferico dell’Italia centro-nord-orientale in cui predomina la piccola e media impresa a forte specializzazione produttiva, spesso nei settori tradizionali, nell’area di Catania le caratteristiche di marginalità sono ribadite se si procede ad un’analisi per livelli tecnologici e merceologici dell’apparato produttivo. Utilizzando una tipologia delle imprese proposta da Del Monte e Raffa in base all’intensità di ricerca7, abbiamo ricavato una dicotomia tra imprese a tecnologia media ed elevata, e imprese a bassa tecnologia. Tra queste ultime abbiamo ulteriormente distinto quelle produttrici di beni moderni da quelle produttrici di beni tradizionali8. Il dato interessante che emerge è come al 1971 oltre il 55% degli addetti del settore manifatturiero sia concentrato nelle imprese a bassa tecnologia produttrici di beni moderni, mentre il 40% si trova nelle imprese produttrici di beni tradizionali e soltanto il 5% nelle imprese a media e alta tecnologia. La prevalenza delle imprese a bassa tecnologia e produttrici di beni moderni è un indicatore della crescita dipendente dell’economia catanese, connessa all’aumentata domanda di beni di consumo moderni e di servizi legati al processo di urbanizzazione. Le imprese a bassa tecnologia e produttrici di beni moderni si dividono infatti in due tipi principali. Da un lato tutte le imprese che costituiscono l’indotto dell’edilizia, vale a dire le imprese di lavorazione dei minerali non metalliferi e la meccanica leggera. Dall’altro le imprese di servizio legate alla riparazione e manutenzione di beni di consumo moderni (elettrodomestici, autoveicoli, ecc.).

7Tale caratterizzazione dell’apparato produttivo è il risultato di un profondo processo di trasformazione avvenuto nell’arco dell’ultimo trentennio, e consistente essenzialmente nella crisi del settore tradizionale a bassa tecnologia e nella crescita del settore moderno a bassa tecnologia. Analizziamo adesso tali trasformazioni con riferimento al ruolo giocato dalla politica di intervento pubblico.

2. Le trasformazioni indotte dell’apparato produttivo

  • 9 Cfr. M. Caciagli e altri, Democrazia cristiana e potere nel Mezzogiorno, Guaraldi, Firenze 1977.

8Consideriamo in primo luogo la politica delle opere pubbliche. Nel periodo 1947-73 sono state finanziate opere pubbliche per un ammontare di oltre mille miliardi (a prezzi 1968). Tale spesa ha costituito un enorme incentivo alla crescita del settore delle costruzioni, che riceveva d’altra parte impulsi non irrilevanti dalle operazioni di speculazione immobiliare nel centro storico di Catania9, dalla generosa politica di credito fondiario all’edilizia, e in generale dall’impetuoso sviluppo urbano della città. Di fronte a queste erogazioni che hanno dato un forte impulso al settore edile, la politica di incentivazione industriale appare a un primo sguardo come priva di reali obiettivi di sviluppo dell’apparato industriale.

9L’analisi delle erogazioni di crediti a tasso agevolato di interesse pone in evidenza come nel corso del periodo 1947-73 siano stati concessi a imprese operanti nella provincia 1300 mutui per un ammontare complessivo di circa 100 miliardi di lire (a prezzi 1968). La distribuzione dei mutui fa risaltare gli aspetti assistenziali della politica di incentivazione industriale. Infatti l’ammontare medio dei mutui è di circa 130 milioni, ma con una varianza molto alta, per cui oltre il 6o% del totale è costituito da mutui al di sotto dei 6o milioni, vale a dire da tipiche forme di sostegno assistenziale a piccole e piccolissime imprese al fine di garantire l’occupazione e ridurre il deficit di gestione, ma senza nessun obiettivo reale di incentivazione allo sviluppo aziendale.

10Se compariamo la distribuzione delle risorse erogate in credito agevolato nel periodo 1947-73 con la distribuzione degli addetti secondo la tipologia delle imprese del settore manifatturiero esposta in precedenza (tab. 1) possiamo notare come vi sia un sostanziale squilibrio tra il peso di ciascun comparto e l’entità delle risorse che vi sono affluite. In particolare si può constatare come il comparto più massicciamente finanziato sia proprio quello delle imprese a bassa tecnologia e produttrici di beni moderni che abbiamo visto caratterizzare la crescita marginale dell’economia catanese. Le risorse che affluiscono a questo comparto sono di molto superiori al peso che esso ha al 1971 e addirittura più del doppio del peso che aveva al 1951. La crescita di questo comparto sembra quindi finanziata e sostenuta dall’intervento pubblico, senza considerare gli ulteriori flussi finanziari che si sono indirizzati ad esso sotto forma di credito ordinario e straordinario all’edilizia e di opere pubbliche. A fare le spese di queste scelte è il settore tradizionale che riceve un ammontare esiguo di risorse rispetto al peso che aveva al 1971 e addirittura irrisorio rispetto all’incidenza del 1951. Il comparto delle imprese a media ed alta tecnologia non sembra invece influenzato negativamente, nella sua pur contenuta crescita, dal basso flusso di denaro pubblico. La logica di sviluppo di questo tipo di imprese è infatti esterna alla provincia di Catania, nel senso che si tratta di imprese collegate a iniziative nazionali o multinazionali e che si procurano pertanto sostegni finanziari pubblici a livelli differenti da quelli regionali

Tab. 1. Distribuzione percentuale delle risorse erogate (in milioni di lire) in crediti agevolati nel periodo 1947-73 e raffronto con l’andamento degli addetti 1951-71 per tipi di imprese del settore manifatturiero.

Risorse erogate
1947-73

Addetti
1951

Addetti
1971

Imprese a bassa tecnologia e produzione di beni tradizionali

28,7

67,2

39,6

Imprese a bassa tecnologia e produzione di beni moderni

65,3

25,3

41,4

Imprese a media e alta tecnologia

6,0

7,5

19,0

Totale

100,0

100,0

100,0

Totale in valori assoluti

82.950

23.916

29.347

Fonti: Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana, nostra elaborazione; Istat, Censimenti dell’industria e commercio, anni 1951, 1971, nostra elaborazione.

11La politica di intervento creditizio favorisce dunque lo sviluppo di quei settori che ricevono un forte impulso dal meccanismo della dipendenza economica e della marginalità. Ma in che modo favorisce questo sviluppo? Si limita a seguirne l’andamento o lo incentiva e ne è protagonista attiva? Analizziamo più in dettaglio le caratteristiche della politica creditizia per settore.

12Un primo elemento utile per rispondere a tali quesiti è costituito dall’analisi dell’ammontare medio dei mutui erogati. Si può osservare come per le imprese moderne a bassa tecnologia tale ammontare sia esattamente il doppio che per le imprese tradizionali (tab. 2), mentre è praticamente uguale a quello delle imprese tradizionali per le imprese a media ed alta tecnologia.

13Ancor più interessante, a conferma della differente politica seguita, appare la distribuzione dei mutui per classi di ammontare. Si noterà infatti come nel comparto delle imprese tradizionali e a bassa tecnologia vi sia una parcellizzazione molto più accentuata che non negli altri. Quasi la metà dei crediti erogati a favore delle imprese tradizionali è al di sotto dei 30 milioni, si tratta cioè di tipici sussidi a imprese semi-artigianali volti a garantirne la sopravvivenza e nient’altro. D’altra parte vi è una concentrazione relativa di mutui nelle classi di ammontare sopra i 100 milioni, che costituiscono quasi un quarto del totale dei crediti erogati a questo comparto e che sta ad indicare una particolare configurazione della politica creditizia nei confronti di questo tipo di imprese. Si può affermare infatti che nei confronti delle imprese tradizionali l’unica tendenza a non essere seguita è stata quella del finanziamento all’impresa medio-piccola, come è indicato dalla relativa esiguità dei finanziamenti nelle classi di ammontare fra 30 e 100 milioni. Si è preferito cioè oscillare tra il prevalente sussidio alle piccolissime unità quasi artigianali e un tentativo di finanziamento alle imprese più grandi del settore per incentivare il loro sviluppo (ma non quello del settore nel suo complesso).

Tab. 2. Distribuzione percentuale dei mutui per classi di ammontare, numero, ammontare totale e medio per comparti di industrie del settore manifatturiero.

Ammontare dei mutui (in milioni)

Comparto a bassa tecnologia tradizionale

Comparto a bassa tecnologia moderno

Comparto a media e alta tecnologia

Nel complesso

1-30

47,1

37,7

36,8

41,6

30-60

16,4

22,7

19,3

19,7

60-100

12,8

14,4

12,3

13,5

100-300

17,1

17,2

28,1

18,2

Oltre 300

6,6

8,0

3,5

7,0

Totale

100,0

100,0

100,0

100,0

Crediti concessi

274

313

57

644

Totale risorse erogate (in milioni)

23.800

54.150

5.000

82.950

Ammontare medio dei mutui (in milioni)

86,9

173,0

87,7

128,8

Fonte: Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana, nostra elaborazione.

14Diversa è stata invece la politica nei confronti del comparto delle imprese moderne per il quale non solo vi è stata una erogazione di denaro molto più grande, come già detto, e superiore al doppio di quella erogata per il tradizionale, ma vi è stata una maggiore concentrazione nelle classi di ammontare comprese fra 30 e 100 milioni, il che sta a indicare un tentativo di potenziamento dell’impresa medio-piccola. La politica di incentivazione dell’impresa medio-piccola è stata perseguita in maniera ancora più accentuata per le imprese a media ed alta tecnologia, ma in questo caso l’esiguità delle risorse erogate, sia in assoluto che relativamente al peso degli addetti, rende poco attendibile ogni affermazione in merito.

15La politica assistenziale e del sussidio non viene quindi applicata in modo indiscriminatamente uguale. Abbiamo visto prima come essa varii nel tempo, ed ora come varii secondo i tipi di impresa. Queste ultime considerazioni ci consentono di affermare che il carattere assistenziale della politica creditizia non implica la sua irrilevanza in direzione delle modificazioni dell’apparato produttivo catanese. In particolare si può affermare che l’intervento pubblico non si limita a prendere atto della crescita marginale ma la sostiene e la incentiva differenziando il credito per tipi di impresa, per area territoriale e nel tempo.

16Il problema delle differenziazioni temporali del credito, cioè del suo andamento diacronico, è particolarmente rilevante ai fini di stabilire se l’intervento pubblico si è accompagnato ad un processo di modificazione dell’apparato produttivo già avviato nel tempo ovvero se ha promosso tali cambiamenti.

  • 10 Ad eccezione dell’industria della carta, esclusa da questo raffronto per le vicende eccezionali che (...)

17Per rispondere a tale quesito analizziamo tre rami dell’industria manifatturiera che appaiono particolarmente significativi sia in termini di addetti, sia in termini di credito ottenuto. Sono l’industria alimentare, appartenente al comparto delle imprese tradizionali e a bassa tecnologia, e le industrie meccanica e della lavorazione dei minerali non metalliferi, appartenenti al comparto delle imprese moderne e a bassa tecnologia. Queste tre industrie sono le più finanziate nell’arco del periodo 1947-7310 in quanto ricevono il 53% del totale delle risorse erogate ed hanno al 1971 il 59% degli addetti alle imprese manifatturiere nel complesso.

18La distribuzione dei mutui per classi di ampiezza dell’ammontare in questi tre rami e l’ammontare medio dei mutui stessi riflettono un andamento simile a quello dei rispettivi comparti di appartenenza. Va in particolare osservato come nell’industria della lavorazione dei minerali non metalliferi vi sia una elevata concentrazione di mutui nelle classi da 60 a 300 milioni (quasi il 40%), a conferma di un tentativo di incentivare le imprese medio-piccole, mentre per le alimentari quasi la metà dei mutui concessi sono al di sotto dei 30 milioni, a conferma della tendenza alla parcellizzazione già notata per il comparto tradizionale.

19Più interessante ancora è analizzare l’andamento nel tempo dei finanziamenti a questi tre tipi di industria. Come si può vedere dalla figura 1, la politica del sussidio e dell’assistenza è per certi versi anche politica selettiva e di incentivazione di alcuni settori. Le differenze nell’ammontare medio dei crediti concessi ai tre tipi di impresa assumono un preciso significato se analizzati lungo la dimensione diacronica. Per tutto il periodo che va dal 1947 al 1958 il settore della lavorazione dei minerali non metalliferi viene finanziato con mutui di ammontare medio molto elevato rispetto agli altri settori. Nel 1947-53 i mutui concessi a questo settore hanno un ammontare medio pari a quattro volte quello del settore alimentare, nel 1954-58 pari addirittura a sette volte. Per tutti gli anni ’50 quindi la politica di finanziamento del settore che è direttamente legato all’edilizia procede senza sosta. Per le imprese del settore meccanico questo fenomeno di finanziamenti più elevati della media è meno eclatante e più spostato nel tempo. Inizia infatti a partire dal 1954 e procede ininterrottamente con l’unica eccezione del periodo 1964-68 nel quale però l’elevato ammontare medio dei crediti concessi è innalzato dalla già ricordata vicenda del settore cartario. Infine il settore delle imprese alimentari, che per i primi quindici anni viene finanziato in modo molto disperso, comincia ad essere sostenuto un po’ più intensamente solo a partire dalla seconda metà degli anni ’60.

Fig. 1. Ammontare medio in milioni di lire a prezzi 1968 dei crediti concessi per periodi e per alcuni settori.

Fig. 1. Ammontare medio in milioni di lire a prezzi 1968 dei crediti concessi per periodi e per alcuni settori.

20I motivi di questo trattamento privilegiato che per tutti gli anni dal 1947 fino alla prima metà degli anni ’60 viene riservato all’industria della lavorazione dei minerali non metalliferi e, in misura minore, all’industria meccanica, non può essere spiegato in termini di composizione dimensionale o di peso occupazionale del settore. Gli addetti censiti al 1951 sono infatti più numerosi nel settore alimentare (5050) che non in quello delle industrie meccaniche, dove sono 3720, o della lavorazione dei minerali non metalliferi, dove sono appena 1637. Né d’altra parte può la composizione dimensionale spiegare tali differenze nell’erogazione di credito. Infatti tutte le unità locali delle tre industrie hanno nel 1951 meno di cinque addetti, con l’eccezione dell’industria alimentare dove si trova uno zuccherificio con 542 addetti. Anche depurando i dati dell’industria alimentare relativi a quest’ultima impresa, il suo numero medio di addetti per unità locale è di 3,9 contro i 3,1 dell’industria di lavorazione dei minerali non metalliferi e il 2,0 dell’industria meccanica.

21Non esistevano quindi nel 1951 motivi legati alle caratteristiche dell’apparato produttivo che potessero giustificare il maggiore e migliore credito concesso all’industria di lavorazione dei minerali non metalliferi e, in misura minore, all’industria meccanica. In tutte vi erano le stesse caratteristiche artigianali, semmai il settore maggiormente favorito sarebbe dovuto essere l’alimentare, sia per l’elevato numero di addetti, sia per una seppur lieve dimensione maggiore delle imprese. Invece proprio il settore alimentare viene trascurato nell’intervento creditizio, che riversa in esso crediti di ammontare esiguo. E certamente la politica di dispersione dei sussidi nei confronti dell’industria alimentare ha avuto il suo peso nel far crollare l’occupazione nel settore, che passa da oltre 5000 unità nel 1951 a meno di 4000 nel 1971.

22Quali allora i motivi di questa scelta dell’intervento creditizio? Occorre ricordare che l’industria della lavorazione dei minerali non metalliferi è legata all’industria delle costruzioni e che una parte non irrilevante dell’industria meccanica a Catania è anch’essa legata all’edilizia. Il settore delle costruzioni ha ricevuto impulso in due modi differenti: attraverso una massiccia spesa per opere pubbliche e attraverso lo sviluppo dell’edilizia privata legata all’espansione del polo urbano catanese. In questa ottica la politica creditizia degli anni ’50 può essere considerata come l’altra faccia della politica delle infrastrutture. La spesa per opere pubbliche fa crescere il settore delle costruzioni, il credito incentiva il sorgere e il consolidarsi delle imprese fornitrici di materiali per costruzione. A partire dalla seconda metà degli anni ’50 il lancio dell’edilizia privata con l’operazione di sventramento di parte del centro urbano catanese si inserisce in questo processo e non a caso da questa data anche il settore meccanico viene ad essere finanziato con crediti di ammontare medio sempre più elevato. Alla fine degli anni ’50 il processo di trasformazione dell’apparato produttivo si può dire ormai pienamente compiuto con tutti i crismi della marginalità; crescita enorme delle imprese a bassa tecnologia legate allo sviluppo urbano e ai consumi di beni prevalentemente non importabili indotti da esso, crisi del settore tradizionale, presenza minima di imprese a media e alta tecnologia. Nel decennio successivo la politica creditizia persegue gli stessi scopi di prima ma può effettuare anche finanziamenti elevati a imprese del settore alimentare. Infatti nonostante i sussidi la crisi del settore, investito dalla concorrenza esterna, ha avuto come effetto del tutto eccezionale il sorgere di una iniziativa imprenditoriale rilevante.

23In questo caso si afferma la logica del sostegno al più forte, soprattutto se ha consistenti legami politici e se i finanziamenti servono anche per creare stabilimenti altrove.

24La politica creditizia non è quindi spettatrice ma protagonista attiva della crescita marginale. Mercato e stato appaiono uniti da tali affinità elettive da far sospettare che la casualità e l’assenza di programmazione degli interventi siano epifenomeni dietro ai quali si nasconde una tacita convergenza di interessi.

3. L’intervento pubblico come variabile di mercato

25Le caratteristiche della politica creditizia emergono con chiarezza dall’analisi sin qui svolta. Gli incentivi concessi nella provincia di Catania si distinguono per i seguenti aspetti:

  1. la prevalenza di una politica assistenziale e del sussidio volta a mantenere in piedi le piccole imprese e a tamponare la disoccupazione operaia nel settore industriale;

  2. lo spiccato trattamento di favore usato nei confronti delle imprese manifatturiere la cui produzione è connessa al ciclo dell’industria delle costruzioni;

  3. la connessione della politica creditizia con la politica delle opere pubbliche e delle infrastrutture e con lo sviluppo del polo urbano catanese e quindi con i processi di formazione della rendita urbana.

26Il complesso di queste condizioni non può non avere conseguenze di un certo rilievo sia sulla struttura dell’apparato produttivo, sia sui rapporti tra mercato, stato e attività imprenditoriale, sia sugli stessi atteggiamenti degli imprenditori. Nel caso catanese la politica assistenziale, i cui principali aspetti consistono nella parcellizzazione delle risorse e nel sostegno a imprese inefficienti sotto il profilo produttivo, è in parte un effetto di ritorno determinato dalle scelte generali di politica economica. Tali scelte che, come si è visto, si sono indirizzate nel senso di privilegiare la crescita del comparto moderno a bassa tecnologia, hanno innestato una serie di meccanismi cumulativi che a causa dell’eccessiva attrazione esercitata da questo comparto nei confronti delle iniziative imprenditoriali, hanno determinato una condizione di eccedenza produttiva.

27Ciò che va sottolineato è la conseguenza che si determina nei rapporti tra piccole imprese e intervento pubblico. Quest’ultimo infatti, in quanto mero ausilio finanziario, creditizio o tariffario che agisce solo in termini di riduzione dei costi, non rappresenta un incentivo selettivo perché l’impresa esca dalla sua situazione di minorità e dipendenza dal sostegno pubblico. A ciò si aggiunga che tale incapacità di conquistare mercati e di collocare il prodotto è aggravata dalla condizione di surplus di iniziative imprenditoriali determinato da un’esagerata crescita delle aspettative di sostegno politico. In tal modo la piccola impresa ha continuamente bisogno di tale sostegno, deve periodicamente ricorrere a crediti per fronteggiare l’aumento dei costi e diventa impresa assistita.

28D’altra parte, la crescita spropositata delle aspettative imprenditoriali di ricevere sostegno pubblico è conseguenza della natura di quest’ultimo. Infatti, essendo caratterizzata la politica creditizia in termini di parcellizzazione delle risorse, tutti possono sperare di ottenere crediti. Le variabili principali che influiscono sulla realizzazione di questa possibilità sono: il tipo di settore in cui si opera e le buone relazioni politiche. Il tipo di settore in quanto, come si è visto, il credito agevolato privilegia i settori connessi all’industria delle costruzioni e in generale il comparto a bassa tecnologia che produce beni moderni non importabili. Le buone relazioni politiche in quanto senza di esse, a causa della limitatezza delle risorse che non bastano a finanziare tutte le imprese, non sarebbe possibile ottenere finanziamenti.

29Così l’intervento pubblico diventa una variabile importante nella nuova configurazione dell’agire di mercato dell’imprenditore. Da una parte si ha, in una situazione di dipendenza e di crescita marginale, una grande difficoltà da parte dell’imprenditore a porre in essere in modo efficace quel complesso di condizioni che gli consentano di prevedere gli sviluppi del mercato e gli consentano quindi la realizzazione di investimenti fruttuosi. Tale difficoltà nella prevedibilità dipende sia dalla posizione dipendente dell’economia sul piano finanziario e tecnologico, sia dalle peculiarità della crescita marginale che favorisce l’espansione di beni moderni non importabili. Ma la linea di separazione tra beni moderni e beni tradizionali e tra beni importabili e beni non importabili è estremamente instabile e variabile nel tempo, di conseguenza si hanno tendenze al mutamento delle condizioni interne dei settori al variare della concorrenza esterna e a causa delle innovazioni nei prodotti.

30In queste condizioni di instabilità del mercato, anche locale, l’intervento pubblico assume una funzione cruciale: garantisce cioè e tutela l’imprenditore dall’instabilità. Quando, per esempio, viene realizzato ciò a favore di un certo settore, un intervento costituisce un indicatore delle possibilità di guadagno che si avrebbero investendo in quel settore. La prevedibilità turbata viene cosi ristabilita dall’intervento pubblico il quale, invece di assumere il ruolo di un fattore esterno al mercato, diviene una delle principali determinanti del modo in cui il mercato stesso tende a configurarsi agli occhi dell’imprenditore.

31Ma questo ristabilirsi della prevedibilità ad opera dello stato ha alcuni effetti non secondari sui criteri dell’agire imprenditoriale. Infatti da un lato crea dipendenza e subordinazione dell’imprenditore rispetto all’intervento pubblico. Tale rapporto ineguale si instaura anche se l’imprenditore non è senza difesa: in genere infatti egli si serve del ricatto consistente nella minaccia di chiudere gli stabilimenti. Ma a parte quest’arma è la sua stessa sopravvivenza come soggetto economico a dipendere dall’intervento pubblico. Dall’altro lato questo stesso rapporto orienta le nuove iniziative imprenditoriali e le trasformazioni di quelle esistenti in direzione di intraprese industriali connesse allo sviluppo della rendita urbana. Infine assume un ruolo di primo piano, dal punto di vista degli imprenditori, la sempre crescente importanza delle relazioni politiche e delle buone conoscenze negli ambienti economici e finanziari pubblici.

32L’imprenditore tende dunque a prendere in crescente considerazione variabili non strettamente connesse all’azienda o al mercato tradizionalmente inteso e diventa sempre più consapevole dell’importanza dell’elemento politico nel determinare la configurazione dell’economia. Tale consapevolezza influisce certamente in modo rilevante sui suoi criteri di comportamento e in modo tale da evidenziare i caratteri tipici dell’imprenditore assistito.

4. Una tipologia degli imprenditori

33Ma come si caratterizza in termini sociologici l’imprenditore assistito? Da un’analisi condotta su quattro variabili, vale a dire età, istruzione, origine di classe e mobilità sociale, gli imprenditori catanesi appaiono distribuiti in tre tipi.

34Definiamo imprenditore liminale il primo tipo. Si tratta di soggetti con livello di istruzione molto basso, mediamente non superiore al conseguimento dell’obbligo, con età eguale a quella della media del campione, e con origini sociali nel bracciantato, nella classe operaia e nell’artigianato. L’imprenditore liminale è tale in quanto la sua estrazione sociale rappresenta un ostacolo decisivo ai fini della sua affermazione come imprenditore. Si è visto infatti come tali imprenditori si trovino a capo di imprese le cui dimensioni, misurate in termini di fatturato e di addetti, sono molto basse. In quanto tali questi imprenditori si trovano sulla soglia di definizione dell’imprenditorialità, e da ciò prendono il loro nome: hanno abbandonato (se vi provenivano) la dimensione artigianale, o comunque non rientrano in essa, ma non riescono a raggiungere elevate dimensioni di impresa.

35Il secondo tipo di imprenditore può essere definito come imprenditore tradizionale in quanto si tratta di un soggetto che ha alle spalle almeno una generazione imprenditoriale, nel senso che proviene da famiglie di imprenditori. L’estrazione sociale di questo tipo è elevata, mentre il livello di istruzione è uguale a quello medio del campione e l’età è più elevata. Imprenditori di questo tipo, anche se si trovano a capo di imprese con dimensioni medie parecchio più elevate di quelle dirette dagli imprenditori liminali non sono positivamente associati con le dimensioni di impresa più elevate che è possibile riscontrare nel contesto catanese. L’imprenditore di questo tipo può essere definito come tradizionale sulla base di due considerazioni. In primo luogo in quanto discende da famiglie con tradizione di natura imprenditoriale, e in secondo luogo in quanto proprio questa tradizione gli ha probabilmente trasmesso modelli di agire imprenditoriale non del tutto adeguati alle nuove caratteristiche del contesto catanese che sono state descritte in precedenza.

36Di nuovi modelli di agire imprenditoriale è invece portatore, come si vedrà, il terzo tipo imprenditoriale, che possiamo definire come neoimprenditore. Questo tipo si differenzia dai precedenti per le seguenti caratteristiche: ha estrazione sociale media e medio-alta, nel senso che proviene da famiglie appartenenti alla borghesia impiegatizia, dirigenziale e dei liberi professionisti, ha un livello di istruzione nettamente superiore agli altri due tipi ed età più bassa. Queste caratteristiche sono positivamente associate con le dimensioni di impresa, sia in termini di fatturato che di addetti. Gli imprenditori di questo tipo sono quindi coloro che meglio riescono ad agire nel contesto in precedenza descritto.

37Da cosa deriva questa maggiore capacità di adattarsi al contesto da parte del neoimprenditore? Si deve osservare come un crescente reclutamento di imprenditori nell’ambito della classe media impiegatizia caratterizzi l’imprenditorialità catanese formatasi nel secondo dopoguerra. Se infatti dividiamo il campione degli imprenditori in due sottogruppi di età, assumendo come spartiacque l’età di 55 anni che separa coloro che hanno intrapreso l’attività imprenditoriale nel secondo dopoguerra da coloro che l’hanno intrapresa durante le due guerre mondiali, constatiamo che tra questi ultimi solo il 9,6% proviene dalla classe media impiegatizia, mentre tra i primi tale percentuale si eleva fino al 27,5%.

38Ora è ben noto come l’espandersi della sfera dell’intervento pubblico abbia avuto tra le sue principali conseguenze un incremento numerico della borghesia impiegatizia, e come tale incremento sia e appaia particolarmente rilevante nel Mezzogiorno, anche a seguito dello scarso aumento o della diminuzione dell’occupazione negli altri settori. Si può quindi avanzare l’ipotesi che esista un rapporto di connessione tra l’espandersi della sfera dell’intervento pubblico, con il fenomeno ad esso connesso della espansione della borghesia impiegatizia, e la progressiva crescita del reclutamento degli imprenditori nell’ambito di questa classe sociale, insieme con la capacità degli imprenditori cosí reclutati di adattarsi nel modo migliore alle condizioni proprie di una economia marginale e dipendente.

39Ci interessa adesso esaminare quali sono le differenze di atteggiamento intercorrenti fra i tre tipi di imprenditori. Se infatti dovessimo riscontrare l’esistenza di atteggiamenti diversi potremmo desumerne che gli atteggiamenti propri del neoimprenditore possono essere considerati come tendenze emergenti dell’imprenditorialità catanese.

5. L’influenza dei fattori politici sulle scelte di localizzazione industriale

  • 11 Ciò del resto non è una novità se si considera il tradizionale rapporto di subordinazione al potere (...)

40Se analizziamo questa tematica con riferimento ai motivi che hanno indotto l’imprenditore a localizzare la propria impresa nell’area di Catania si può notare come l’incidenza di fattori extra-economici nelle scelte di localizzazione industriale appaia rilevante già per le imprese fondate prima del 1953, cosicché si può desumere che la necessità di mantenere buone relazioni con uomini politici e amministratori pubblici sia stata da sempre una componente non trascurabile nel mondo imprenditoriale catanese11. Ma questa condizione dell’imprenditorialità tende a crescere, e in misura non irrilevante, tanto più quanto più recente è l’iniziativa imprenditoriale, il che conferma la crescente incidenza dell’intervento pubblico nel definire la configurazione stessa del mercato in cui opera l’imprenditore.

41Ma chi sono i protagonisti, dal lato degli imprenditori, di questa crescente rilevanza di fattori extra-economici nell’indirizzare scelte economiche?

42Non v’è dubbio a questo proposito che le tendenze di espansione della sfera dell’intervento pubblico, di crescente importanza dei fattori politici nelle scelte imprenditoriali e di crescente reclutamento degli imprenditori nella classe media impiegatizia e nella borghesia professionale siano tra loro collegate. L’imprenditore che non ha tradizioni imprenditoriali nella propria famiglia appare certamente molto più condizionato dall’importanza dei fattori politici nel definire le scelte di localizzazione. Ciò può essere dovuto sia alla necessità di reperire capitali al di fuori della famiglia, sia ad una maggiore sensibilità all’importanza dell’intervento pubblico, sia all’insicurezza derivante dall’intraprendere un’attività nuova e alla quale non si è stati socializzati nella propria famiglia di origine.

Fig. 2. Motivi di scelta della zona di insediamento dell’impresa secondo la continuità generazionale dell’imprenditore.

Fig. 2. Motivi di scelta della zona di insediamento dell’impresa secondo la continuità generazionale dell’imprenditore.

43Indipendentemente dalla validità di una o più di queste spiegazioni, sta di fatto che l’imprenditore nuovo, senza una tradizione familiare alle spalle, sceglie molto più che non l’imprenditore tradizionale di insediare la propria impresa nella zona di Catania a condizione di essere politicamente garantito e protetto. Osserviamo infatti la figura 2. Gli imprenditori eredi, che proseguono una tradizione familiare, mostrano di orientare le scelte di localizzazione prevalentemente sulla base della propria tradizione familiare e della preesistenza di iniziative industriali nella zona di insediamento. Il risultato non è inaspettato, e in un certo senso è ovvio. La scelta della zona di localizzazione è infatti fortemente condizionata per chi eredita un’impresa, al punto che non ci si dovrebbe chiedere perché l’imprenditore ha scelto di insediarsi in quell’area, ma perché non ha deciso di trasferire altrove la propria impresa. In quest’ottica la domanda misura la percezione soggettiva, da parte dell’imprenditore, dei motivi di convenienza che lo inducono a localizzare la propria impresa a Catania o, nel caso in cui abbia ereditato l’impresa, a non cambiarne la localizzazione.

44Sotto questo profilo la percezione di motivi di convenienza economica è senz’altro maggiore nell’imprenditore con tradizione imprenditoriale che non nell’imprenditore di nuova formazione. Si osservi infatti che per le prime due categorie di risposte, cioè tradizione familiare e industriale, e bassi costi dei fattori di produzione e buoni mercati, la percentuale di imprenditori provenienti da famiglie di imprenditori è superiore alla media, mentre è inferiore alla media per i nuovi imprenditori. Ora entrambe tali risposte possono essere interpretate come categorie di convenienza economica in senso stretto. Lo è senz’altro quella che pone l’accento sui bassi costi dei fattori di produzione e sull’esistenza di mercati favorevoli, ma lo è anche, sia pure in misura minore, quella relativa alla tradizione familiare e industriale. Infatti il porre l’accento sulla tradizione imprenditoriale familiare implica anche la valutazione dell’esistenza di un nome e di una clientela dell’impresa, mentre l’accento sull’esistenza di una tradizione industriale dell’area ha certamente tra le sue componenti una considerazione circa l’esistenza di economie esterne che favoriscono l’attività dell’impresa.

45Quindi mentre l’imprenditore tradizionale è più orientato a scegliere la localizzazione dell’impresa in base a considerazioni di natura economica, l’imprenditore di nuova origine sceglie la zona di localizzazione prevalentemente sulla base di considerazioni di natura politica. Consideriamo infatti le due ultime categorie delle risposte alla domanda circa i motivi che hanno influenzato la localizzazione. In entrambe la percentuale di risposte date dagli imprenditori nuovi è nettamente superiore alla media, e raggiunge il suo apice nell’ultima categoria, cioè quella che fa riferimento esplicito all’importanza delle buone conoscenze politiche e della capacità di poter avere accesso negli ambienti creditizi e fiscali e di riceverne agevolazioni e ausilii. Inoltre va rilevato come anche la categoria relativa alle favorevoli previsioni di sviluppo dell’area vada considerata come risposta in cui si pone l’accento su fattori di natura politica. Ciò può essere affermato sulla base delle considerazioni avanzate in precedenza sull’incidenza dell’intervento pubblico e sulla sua rilevanza nell’influenzare e nel modellare la crescita dell’apparato produttivo catanese.

46Vediamo adesso di compiere un passo avanti nell’individuazione degli atteggiamenti in relazione alla tipologia proposta in precedenza. Infatti gli imprenditori che provengono da famiglie senza tradizione imprenditoriale hanno differente estrazione in termini di classe sociale, e quest’ultima variabile era, come si ricorderà, determinante nel delimitare la distinzione tra imprenditore liminale, imprenditore tradizionale e neoimprenditore. Analizziamo pertanto la tabulazione incrociata dell’estrazione sociale dell’imprenditore (misurata con riferimento alla classe sociale del padre) con i motivi di scelta della zona di localizzazione, così come viene presentata nella tabella 3.

47Osserviamo in primo luogo gli andamenti di ciascun tipo di estrazione sociale in relazione alle scelte di localizzazione. Per l’imprenditore tradizionale, cioè colui che proviene da classi sociali alte si conferma quanto visto in precedenza, vale a dire la prevalenza dei fattori dati dalla tradizione familiare o dalla preesistenza di attività industriali nell’area di insediamento. Si noti altresì l’andamento linearmente decrescente nel passaggio dalla tradizione a motivi economici e di mercato e da questi a scelte fondate su motivi vieppiù politici. Andamento inverso si registra invece per il neoimprenditore, vale a dire per colui che proviene da famiglie appartenenti alla borghesia impiegatizia e professionale. Per questo tipo le scelte di localizzazione vengono determinate prevalentemente da motivi di natura politica. Infine ancora diversa è la tendenza che si registra per il tipo imprenditoriale definito come liminale, per il quale le scelte sono condizionate in misura prevalente da ragioni che fanno riferimento alle condizioni del mercato.

48Se adesso prendiamo in considerazione per ciascun tipo di estrazione sociale gli scarti dalla media, possiamo constatare come ad ogni tipo sia associata una categoria di motivi di localizzazione. Infatti l’imprenditore liminale sceglie di localizzare l’impresa sulla base di motivazioni inerenti ai mercati, l’imprenditore tradizionale sulla base della tradizione familiare e industriale, mentre il neoimprenditore si orienta in base alle sue conoscenze politiche.

Tab. 3. Distribuzione percentuale dell’estrazione sociale dell’imprenditore secondo i motivi di scelta della zona di insediamento dell’impresa.

Estrazione sociale

Motivi di scelta

tradizione familiare e industriale locale

bassi costi dei fattori di produzione e buoni mercati

favorevoli previsioni di sviluppo dell'area

buone conoscenze degli ambienti politici creditizi e fiscali

nel complesso

Alta

57,9

47,7

43,7

39,7

47,9

Medio-alta e media

25,0

30,8

45,4

42,9

35,1

Medio-bassa e bassa

17,1

21,5

10,9

17,4

17,0

Totale

100,0

100,0

100,0

100,0

100,0

Casi esaminati

76

65

55

63

259

49Possiamo dunque affermare di trovarci di fronte ad una linea di mutamento dell’agire imprenditoriale che si volge in misura crescente a trascurare fattori economici «puri» e a prendere in considerazione convenienze e opportunità legate alle reti di relazioni politiche necessarie per ottenere benefici individuali utilizzando e indirizzando ai propri fini gli strumenti dell’intervento pubblico. Occorre infatti considerare che la consapevolezza dell’importanza dei fattori politici ai fini del successo imprenditoriale non è senza conseguenze sul piano dell’agire imprenditoriale. Si tratta di una consapevolezza che si traduce in azione: l’imprenditore attiva le sue reti di conoscenze, chiede concessioni, prestiti, agevolazioni, sollecita l’iter di pratiche amministrative essenziali per la conduzione dell’impresa. Nel far questo deve chiedere favori per ottenere l’erogazione di risorse di qualunque tipo. E i favori consistono nel chiedere agli uomini politici di darsi da fare perché le risorse pubbliche non incontrino ostacoli nel loro flusso dallo stato verso l’impresa.

  • 12 Per un’impostazione in tal senso vedi P. Blau, Exchange and Power in Social Life, Wyley, New York 1 (...)

50Ma come è noto, ogniqualvolta siano in gioco delle risorse, di qualsiasi natura esse siano, il rapporto tra gli attori sociali coinvolti in questo gioco assume la configurazione dello scambio sociale12. Se l’imprenditore sceglie di insediarsi in un’area perché in quel luogo ha contatti politici e ottiene il conferimento di beni e risorse attraverso la mediazione degli uomini politici, dovrà ricambiare ciò che avrà ottenuto: e dovrà ricambiare i favori ai politici. Vediamo allora quali sono i termini dello scambio tra politici e imprenditori.

6. Lo scambio con i politici e il pessimismo imprenditoriale

51Dall’analisi dei motivi per i quali di solito gli amministratori pubblici e gli uomini politici si mettono in contatto con le imprese emergono sostanzialmente tre categorie di rapporti. La prima individua il tipo imprenditoriale che dichiara di non ricevere alcuna richiesta da parte dei politici; la seconda delimita gli imprenditori che ricevono prevalentemente richieste di forniture e di commesse dalla pubblica amministrazione o nei cui confronti i politici intervengono per adempimenti amministrativi o per mediare controversie di lavoro; infine la terza categoria raggruppa quegli imprenditori che hanno risposto di ricevere dai politici pressioni consistenti in raccomandazioni per l’assunzione di qualcuno e richieste di contributi finanziari. Mentre la soglia tra la prima categoria e le altre due separa gli imprenditori che non ricevono domande dai politici da coloro cui sono invece rivolte domande, la distinzione fra la seconda e la terza categoria è relativa al contenuto della domanda. La terza categoria contiene in sé domande che violano profondamente il principio di autonomia dell’impresa e dell’imprenditore: ci presenta cioè un imprenditore condizionato nell’assunzione della manodopera e costretto a «pagare» in termini monetari a ricompensa di eventuali benefici ricevuti. In questo caso ci troviamo di fronte ad un esempio di domanda di natura tale da configurare un imprenditore subordinato in massimo grado. Differente è invece il contenuto delle domande appartenenti alla seconda categoria: in questo caso la limitazione dell’autonomia imprenditoriale, trattandosi di controlli amministrativi e di mediazione di controversie di lavoro, è minore, mentre viene riconosciuto all’imprenditore un peso e un’autorevolezza che sono impliciti nel fatto che le prestazioni a lui richieste dai politici consistono in commesse e forniture. Si tratta di richieste che rappresentano una sorta di imprimatur legittimante delle funzioni produttive dell’imprenditorialità: in questo senso assolvono una funzione gratificante che si oppone alla funzione mortificante esercitata dalle domande di finanziamenti e dalle raccomandazioni per l’assunzione di manodopera.

52Tale natura mortificante dei rapporti di scambio con i politici ha effetti frustranti sull’imprenditore e ne determina il pessimismo circa il futuro, in termini di possibilità di trasmissione generazionale della professione imprenditoriale. Infatti, come si può osservare dall’analisi dell’incrocio tra professione consigliata ai figli e domande provenienti dai politici (tab. 4), al crescere dei rapporti con i politici aumenta il pessimismo degli imprenditori circa la desiderabilità della trasmissione generazionale della propria professione. Tale pessimismo tocca il suo apice per la categoria di imprenditori destinataria delle domande più lesive della propria autonomia decisionale. Se si considera che tale categoria equivale al 47% di tutti gli imprenditori intervistati e al 65% di coloro che dichiarano di ricevere richieste da parte degli amministratori pubblici si può avere una chiara percezione del perché la tendenza pessimista sia così diffusa.

53L’ampia estensione delle richieste che si configurano in termini di subordinazione dell’imprenditore nei confronti degli uomini politici dà un’idea delle contropartite che l’imprenditorialità assistita deve offrire in cambio delle garanzie di sussistenza e di successo che le vengono offerte dai pubblici poteri. E ancora una volta ritorna la nuova imprenditorialità come la principale, anche se non l’unica protagonista di questa vicenda di dipendenza nello scambio. Si osservi infatti la tabella 5 in cui è presentata la distribuzione delle domande rivolte dagli uomini politici agli imprenditori secondo l’estrazione sociale di questi ultimi. Gli imprenditori con estrazione sociale nelle classi medio-alta e media si presentano come i soggetti più rilevanti di questo rapporto di subordinazione nei confronti degli uomini politici.

Tab. 4. Distribuzione percentuale della professione consigliata ai figli secondo le richieste avanzate dai politici nei confronti degli imprenditori.

Professioni
consigliate ai figli

Richieste

nessuna

commesse, forniture, adempimenti, mediazioni

soldi e raccomandazioni per assunzioni

nel complesso

Imprenditore

42,6

38,9

34,6

37,8

Impiego,

57,4

61,1

65,4

62,2

libera professione, carriera politica

Totale

100,0

100,0

100,0

100,0

Casi esaminati

54

54

101

209

54Ma perché proprio il neoimprenditore è il soggetto principale di questa mancanza di autonomia? In quali termini si configura lo scambio fra la nuova imprenditorialità e i pubblici poteri?

55Si può dare risposta a questo interrogativo ricordando l’influenza dei fattori politici sulla scelta di localizzazione dell’impresa. Si è visto come sia per l’appunto la nuova imprenditorialità a porre in misura prevalente a motivo della propria scelta le conoscenze possedute negli ambienti politici e creditizi e conseguentemente le possibilità di ottenere ausilii e sostegni politici nell’intraprendere l’attività imprenditoriale. Esaminiamo più a fondo il significato delle categorie della variabile che individua le motivazioni prevalenti nella scelta della zona in cui localizzare l’impresa.

Tab. 5. Distribuzione percentuale delle richieste avanzate dai politici agli imprenditori secondo l’estrazione sociale degli imprenditori.

Richieste

Estrazione

bassa e medio-bassa

media e medio-alta

alta

nel complesso

Nessuna

35,7

18,5

30,5

26,7

Atti politico-amministrativi e commesse

30,0

25,0

26,2

26,0

Soldi e raccomandazioni per assunzioni

34,3

56,5

43,3

47,3

Totale

100,0

100,0

100,0

100,0

Casi esaminati

33

88

115

236

56La differenza tra l’imprenditore che privilegia relazioni politiche e quelli che pongono l’accento sulla tradizione o sui mercati non individua una dicotomia fra gli imprenditori che hanno contatti con gli uomini politici e con gli amministratori pubblici e quelli che non riescono ad avere tali contatti. Come appare anche dai dati di questa ricerca, tutti gli imprenditori hanno contatti di questo tipo, e sarebbe assurdo ritenere che così non sia, anche se i contatti sono di grado, natura e intensità differenti. La vera differenza tra l’imprenditore che privilegia fattori politici nelle scelte di localizzazione e coloro che privilegiano fattori di natura economica risiede in una discriminante di atteggiamento: l’imprenditore legato ai fattori politici è meno capace degli altri di portare avanti l’impresa senza far ricorso al sostegno pubblico, e proprio il fatto che dichiari di fare affidamento su questo sostegno ne è la prova. Mentre per gli altri imprenditori le risposte fornite costituiscono una spia della loro capacità e/o volontà di organizzare l’impresa tenendo conto di altri fattori accanto e assieme al sostegno pubblico, l’imprenditore che pone quest’ultimo come fattore prevalente della sua scelta si presenta come il prototipo dell’imprenditorialità assistita. In misura maggiore che non per gli altri la sua esistenza come imprenditore sta nelle mani degli uomini politici. Il suo grado di dipendenza e di subordinazione nei loro confronti è quindi estremamente elevato e di conseguenza il suo debito si presenta come socialmente esigibile nelle forme e nei modi più lesivi della sua autonomia decisionale. La sua esistenza stessa come imprenditore dipende da altri: è conseguenziale che anche il principio di autonomia del suo agire venga negato.

57Lo scambio tra politici e imprenditori si realizza così in base al principio secondo cui non si ottiene nulla senza dare alcunché in contraccambio. Gli imprenditori che più si basano sugli appoggi politici nelle scelte di localizzazione sono coloro nei cui confronti più pesantemente i politici avanzano richieste di finanziamenti e impongono assunzioni di personale (tab. 6). Il cerchio si chiude, e quel che è fatto è reso: gli imprenditori che conseguono il successo con pratiche clientelari diventano strumenti dell’azione clientelare dei politici.

7. Gli ostacoli allo sviluppo

58La sindrome di dipendenza dai politici evidenziata nell’analisi degli atteggiamenti è una caratteristica propria del sistema imprenditoriale in una formazione sociale marginale. In tale tipo di formazione sociale fattori economici, fattori politici e atteggiamenti imprenditoriali si combinano sí da configurare un vero e proprio circolo vizioso della marginalità e da costituire il principale ostacolo allo sviluppo.

Tab. 6. Distribuzione percentuale delle richieste avanzate dai politici agli imprenditori secondo i motivi di scelta della zona di localizzazione dell’impresa.

Richieste

Motivi di scelta

tradizione familiare e industriale locale

bassi costi dei fattori di produzione e buoni mercati

favorevoli previsioni di sviluppo dell'area

buone conoscenze degli ambienti politici creditizi e fiscali

nel complesso

Nessuna o atti amministrativi e commesse

58,7

57,9

54,5

40,0

53,0

Soldi e raccomandazioni per assunzioni

41,3

42,1

45,5

60,0

47,0

Totale

100,0

100,0

100,0

100,0

100,0

Casi esaminati

68

55

51

57

231

  • 13 Vedi C. Lindblom, Politica e mercato, Etas, Milano 1979, pp. 36 sgg.

59Tale circolo vizioso trova le sue radici proprio nella natura dello scambio fra imprenditori e politici e nelle sue conseguenze. Lo scambio sociale infatti è essenzialmente uno strumento la cui funzione consiste non soltanto nel passaggio di mano delle risorse, ma nel controllo sociale che attraverso tale passaggio si realizza13. Tramite la distribuzione delle risorse si organizzano infatti reti di interdipendenza fra gli individui. In questo senso lo scambio è differente dalla concessione incondizionata di benefici. In quest’ultima infatti il soggetto che elargisce benefici si trova a vantare un credito incondizionato nei confronti del beneficiario, mentre quest’ultimo si trova in posizione di dipendenza unilaterale nei confronti di colui che concede benefici. Il primo è in grado di controllare il comportamento del secondo, mentre quest’ultimo non è in grado di influenzare l’agire del primo. Nel caso dello scambio invece si realizza sempre una forma di dipendenza reciproca tra i soggetti partecipanti. Il grado in cui in questo rapporto di interdipendenza reciproca uno dei due sarà dominante rispetto all’altro dipende dall’entità e dalla qualità delle risorse che ciascuno dei due contraenti è in grado di gettare sul tappeto.

60Nel caso del rapporto di scambio tra imprenditori e politici in un sistema sociale marginale, caratterizzato da iperinterventismo dello stato, si configura una situazione di squilibrio, a svantaggio dell’imprenditore, nelle risorse da utilizzare nello scambio. La stessa possibilità di promuovere iniziative imprenditoriali dipende infatti dal sostegno pubblico, così come ne dipende la loro stessa persistenza e continuità nel tempo. Da ciò quella sindrome dell’imprenditore catanese di cui il pessimismo è una delle manifestazioni più eclatanti. Ma a tale pessimismo non è certamente estranea anche la natura dell’unica risorsa che, nella situazione data, l’imprenditore assistito ha a disposizione per esercitare un’influenza sui pubblici poteri. Tale risorsa consiste nel controllo sulla forza lavoro e nella conseguente minaccia che può esser fatta valere nei confronti degli organismi dello stato di un aumento della disoccupazione a seguito della chiusura dell’azienda. Ora certamente un imprenditore che non può far valere altra risorsa che non questa, e non invece altre connesse all’utilità sociale della sua funzione produttiva, cioè al fatto di essere a capo di un’azienda efficiente, in grado di conquistare mercati, di espandere la produzione e quindi l’occupazione, è certamente un imprenditore dipendente. La stessa risorsa che può usare contro i pubblici poteri è una risorsa che è disponibile e trova fondamento non nelle sue capacità personali, ma nell’intervento di sostegno dello stato. Da ciò un ulteriore rafforzamento del suo pessimismo.

61Il legame che ha origine dallo scambio tra politici e imprenditori vede quindi questi ultimi in una condizione di dipendenza. Ma il legame che fa dipendere gli imprenditori dai politici si trasforma a sua volta in una condizione di dipendenza dell’intervento pubblico da un sistema imprenditoriale che è una sua creatura, così riproducendone le distorsioni. Infatti una volta che il meccanismo di sostegno a favore del comparto delle imprese a basso livello tecnologico e produttrici di beni moderni si è messo in moto e si è rafforzato negli anni, si crea un processo cumulativo di eccesso di iniziative imprenditoriali e di eccesso di sostegno pubblico. Gli imprenditori orientano le proprie iniziative verso questo comparto dove è più facile ottenere erogazioni di risorse pubbliche, ma poiché, per le ragioni di mercato e di natura degli incentivi già messe in rilievo, non riescono a collocare il prodotto al di là del mercato locale e regionale, si determina in tal modo una situazione di eccedenza produttiva e di occupazione. Ciò crea una situazione pericolosa e potenzialmente foriera di tensioni a causa della minaccia di chiusura degli stabilimenti con conseguente licenziamento degli addetti. I pubblici poteri cosí intervengono ad operare il salvataggio finanziando le imprese e acquistandone i prodotti, e attuando questa linea di intervento come misura preventiva in generale per tutto il comparto delle imprese a bassa tecnologia e produttrici di beni moderni. Ma in tal modo questo comparto viene sostenuto in misura crescente, sia pure con una politica assistenziale e di parcellizzazione dei sussidi alle imprese. Ciò a sua volta ingenera una crescente attrazione per le iniziative imprenditoriali che si indirizzano verso il comparto protetto e garantito, contribuendo ad incrementarne l’eccedenza e a sbilanciare l’apparato produttivo in direzione di attività strutturalmente incapaci di promuovere lo sviluppo economico ma bisognose di sostegno e salvataggio a tutela dell’occupazione. In tal modo il processo si riproduce in maniera allargata. Fattori economici e fattori politici si combinano moltiplicando gli ostacoli allo sviluppo e riproducendo in maniera allargata la crescita marginale. Il sistema imprenditoriale fondato sulla marginalità esercita un’influenza profonda sull’intervento dello stato, costringendolo alla propria riproduzione attraverso l’operare di politici e imprenditori e indipendentemente dai fini espliciti che essi si pongono. Se da un lato questi imprenditori dipendono dai politici, dall’altro il sistema politico nel suo complesso dipende dalla permanenza e dalla riproduzione del sistema imprenditoriale marginale. In tal modo il nesso di dipendenza unilaterale degli imprenditori dai politici si trasforma in una camicia di Nesso che distrugge la capacità dello stato di promuovere lo sviluppo per tradursi nella perversa riproduzione della incapacità del sistema economico locale di essere protagonista del proprio destino.

Torna su

Note

1 S. Cafiero e A. Pizzorno, Sviluppo industriale e imprenditori locali, Giuffrè, Milano 1962.

2 Cfr., oltre al volume su La formazione dell’imprenditorialità, Comunità, Milano 1964, la Ricerca sull’imprenditorialità in Umbria: primi risultati, Centro regionale per il piano di sviluppo economico dell’Umbria, Perugia 1962, e L’imprenditorialità in Umbria: modello di ricerca e metodologia, in «Quaderni di Sociologia», XIV (1965), n. 2, pp. 200-19.

3 Fra cui possiamo citare P. Farneti, Imprenditore e società, LI/ED, Torino 1970; G. Bonazzi, A. Bagnasco e S. Casillo, Industria e potere politico in una provincia meridionale, LI/ED, Torino 1972; D. Bratina e A. Martinelli, Gli imprenditori e la crisi, Il Mulino, Bologna 1979.

4 Per un recente tentativo di interpretazione di tali relazioni vedi F. Ferrero e B. Valori, Il sistema delle imprese tra politica ed economia, Stampatori, Torino 1978.

5 A. Bagnasco, Tre Italie, Il Mulino, Bologna 1977. Per quanto riguarda in generale l’uso del concetto di formazione economico-sociale vedi L. Gallino, L’evoluzione della struttura di classe in Italia, in «Quaderni di Sociologia», XIX (1970), n. 1, pp. 115-54.

6 Per un’accurata descrizione delle caratteristiche della provincia di Catania vedi R. Palidda, Terziarizzazione e marginalità in un’area urbanizzata: la provincia di Catania, in R. Catanzaro (a cura di), Le cinque Sicilie, Edizioni Culc, Catania 1978, pp. 147-214.

7 A. Del Monte e M. Raffa (a cura di), Tecnologia e decentramento produttivo, Rosenberg & Sellier, Torino 1977, in particolare le pp. 67-77.

8 Nell’ambito delle imprese a bassa tecnologia sono state considerate imprese produttrici di beni tradizionali quelle appartenenti ai seguenti rami di attività: alimentari, tabacco, tessili, maglieria e vestiario, calzature, legno e mobilio, pelli e cuoio. Sono state invece considerate come produttrici di beni moderni le industrie della carta, poligrafiche e editoriali, di cavi e conduttori elettrici, officine meccaniche, mezzi di trasporto, minerali non metalliferi, vulcanizzazione gomma, prodotti in materie plastiche, manifatturiere varie. Un’analisi puntuale delle caratteristiche del settore manifatturiero in provincia di Catania si può trovare in A. Cortese, Il processo di industrializzazione nella provincia di Catania: un caso di crescita marginale di prossima pubblicazione su «Inchiesta», n. 40.

9 Cfr. M. Caciagli e altri, Democrazia cristiana e potere nel Mezzogiorno, Guaraldi, Firenze 1977.

10 Ad eccezione dell’industria della carta, esclusa da questo raffronto per le vicende eccezionali che l’hanno coinvolta, e che vedono tra l’altro concentrarsi negli anni 1964-69 la quasi totalità dei crediti concessi.

11 Ciò del resto non è una novità se si considera il tradizionale rapporto di subordinazione al potere politico della borghesia imprenditoriale italiana. Su questo punto cfr. C. Baglioni, L’ideologia della borghesia industriale nell’Italia liberale, Einaudi, Torino 1974, pp. 113 sgg.

12 Per un’impostazione in tal senso vedi P. Blau, Exchange and Power in Social Life, Wyley, New York 1964.

13 Vedi C. Lindblom, Politica e mercato, Etas, Milano 1979, pp. 36 sgg.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Fig. 1. Ammontare medio in milioni di lire a prezzi 1968 dei crediti concessi per periodi e per alcuni settori.
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1598/img-1.jpg
File image/jpeg, 748k
Titolo Fig. 2. Motivi di scelta della zona di insediamento dell’impresa secondo la continuità generazionale dell’imprenditore.
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1598/img-2.jpg
File image/jpeg, 912k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Raimondo Catanzaro, « Stato e imprenditorialità assistita in una città meridionale (1979) »Quaderni di Sociologia, 26/27 | 2001, 153-79.

Notizia bibliografica digitale

Raimondo Catanzaro, « Stato e imprenditorialità assistita in una città meridionale (1979) »Quaderni di Sociologia [Online], 26/27 | 2001, online dal 30 novembre 2015, consultato il 29 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1598; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1598

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search