Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri26/27Classi, strati sociali e sviluppoImprenditorialità e struttura di ...

Classi, strati sociali e sviluppo

Imprenditorialità e struttura di classe in una regione ad economia periferica (1981)

Willem Tousijn
p. 181-198

Testo integrale

1. Premessa

  • 1 Cfr. A. Bagnasco, Tre Italie. La problematica territoriale dello sviluppo italiano, Il Mulino, Bolo (...)

1La riflessione sulle forme ed i modi dello sviluppo socio-economico italiano, che ha visto impegnati dalla fine degli anni ’6o numerosi sociologi ed economisti nel superamento della immagine tradizionale del dualismo Nord-Sud, ha dato origine in tempi più recenti ad analisi che configurano una vera e propria formazione sociale «periferica», distinta sia da quella «centrale» (il Nord-ovest sviluppato), sia da quella «marginale» (il Mezzogiorno arretrato), e individuabile anche sul piano territoriale, nelle regioni centrali e nord-orientali del paese1.

2Tra i caratteri che contraddistinguono questa Italia «periferica» due sono connessi in modo diretto con la tematica dell’imprenditorialità: l’elevato peso della piccola impresa nell’industria, e la dinamicità (misurabile, per esempio, dal tasso di incremento degli addetti all’industria manifatturiera) mostrata anche in periodi, come l’ultimo quindicennio, in cui altre aree del paese, ben più sviluppate, conoscevano momenti di crisi e di ristagno.

  • 2 Di «imprenditorialità assistita» ha parlato R. Catanzaro su questa stessa rivista, a proposito dell (...)

3Non è raro, a proposito di questi dati, riscontrare atteggiamenti entusiastici da parte di alcuni che vi intravedono una ripresa di tipo neo-liberista in una parte consistente del sistema economico complessivo, sottolineando l’assenza, nelle regioni della «terza Italia», di quel rilevante intervento dello Stato che caratterizza, invece, le regioni meridionali2. D’altro canto, altri elementi possono essere portati a favore di una immagine meno rosea di questo tipo di sviluppo: il carattere estremamente precario di molte delle iniziative intraprese ed il loro fondarsi su varie forme di super-sfruttamento della forza lavoro (salari più bassi, ritmi ed orari più alti, nocività delle condizioni di lavoro, assenza di tutela contrattuale e sindacale).

  • 3 Cfr. Bagnasco, Tre Italie cit., cap. iv.

4Questo articolo si propone di contribuire alla conoscenza delle forme e dei modi in cui si manifesta l’imprenditorialità in una regione, le Marche, che può essere considerata una delle più tipiche della formazione sociale periferica, in quanto molti dei caratteri qualificanti di questa formazione sociale vi sono presenti in forma estrema3.

2. L’imprenditorialità tra economia e sociologia

  • 4 A. Gerschenkron, Il problema storico dell’arretratezza economica, Einaudi, Torino 1965. Per un appr (...)

5Nella scelta dei dati empirici relativi all’imprenditorialità marchigiana si è tenuto conto, oltre che, ovviamente, della disponibilità dei dati stessi, dei contributi teorici fondamentali allo studio dell’imprenditorialità. Essi ci vengono secondo due tipi di approcci. Il primo, che possiamo definire economico, nasce con la nota concettualizzazione fornita da Schumpeter (l’imprenditore come innovatore, ed in quanto tale promotore dello sviluppo economico) e si diffonde nell’ambito di alcune spiegazioni del sottosviluppo economico in termini di «carenza di imprenditorialità», applicate per lo più ai paesi del Terzo Mondo, ma conosciute anche in Italia, ed ancora oggi, a proposito della Questione Meridionale. Questa impostazione è stata radicalmente criticata, tra gli altri, da Gerschenkron4, il quale ha sostenuto che, se anche essa può ritenersi applicabile ai processi della prima industrializzazione capitalistica (Gran Bretagna, Stati Uniti), per le fasi di industrializzazione successive, condizionate dal grado di arretratezza relativa di ciascun paese, è opportuno ricorrere ad uno schema interpretativo più ampio e flessibile, che includa l’intervento di altri «agenti istituzionali di sviluppo», oltre alla imprenditorialità privata di tipo spontaneo: soprattutto il sistema bancario e lo Stato.

6Ai nostri fini, l’idea fondamentale, comune anche ai teorici dello «sviluppo dipendente», è che un concreto processo di sviluppo economico, in una data regione geografica ed in un determinato periodo storico, dipende sostanzialmente, più che da fattori di tipo endogeno, dal quadro internazionale in cui è inserito, dai condizionamenti subiti ad opera delle aree più sviluppate, dalla divisione internazionale del lavoro, dal fatto di occupare una certa posizione relativa nella scala «centro-periferia» del sistema economico mondiale.

7Il secondo approccio teorico all’imprenditorialità è di tipo sociologico. Anch’esso prende le mosse dalla definizione schumpeteriana di imprenditore, ma per sottolinearne la problematicità in termini sociologici: quel che preme, in questo caso, è procedere alla identificazione sociologica dell’imprenditore, ossia individuare quali sono, nelle varie situazioni, i gruppi sociali che esprimono l’impulso imprenditoriale, quali funzioni svolgono nella dinamica della struttura di classe. L’accento è, dunque, sui meccanismi di reclutamento della classe imprenditoriale, sui processi di mobilità sociale, ma anche sui valori, sugli orientamenti culturali di cui gli imprenditori sono portatori e sui comportamenti sociali che li contraddistinguono in quanto classe sociale.

8Siamo ora in grado di determinare la natura delle informazioni che ci possono essere più utili per comprendere le forme in cui si manifesta l’imprenditorialità nelle Marche. Tali informazioni vanno cercate su due terreni: a) sul terreno economico-strutturale: dimensione e settore di appartenenza dell’impresa saranno i due indicatori adoperati, in mancanza di altre e più sofisticate informazioni, per delineare il tipo di sviluppo economico registrato nelle Marche; b) sul terreno sociologico: una serie di caratteristiche socio-demografiche degli imprenditori marchigiani (età, istruzione, provenienza sociale e geografica, ecc.) ed altre informazioni, comparate con analoghe informazioni sugli imprenditori di altre regioni italiane, saranno utilizzate per mettere in luce il ruolo peculiare della classe imprenditoriale marchigiana nell’ambito della struttura di classe della regione e le connessioni, più in generale, con la struttura di classe complessiva del paese.

3. Gli imprenditori marchigiani nello «sviluppo periferico»

  • 5 Sull’artigianato nelle Marche esiste una approfondita indagine curata dalla Regione (1977), i cui r (...)
  • 6 Federazione regionale industriali delle Marche, Indagine sulla struttura e le prospettive di svilup (...)

9Anche escludendo dalla presente analisi gli artigiani, il cui numero nelle Marche, in rapporto alla popolazione, è comunque il più elevato tra le regioni italiane dopo l’Emilia5, è indubbio che la caratteristica principale degli imprenditori marchigiani è quella di essere, nella grandissima maggioranza, dei piccoli imprenditori. Al Censimento industriale del 1971 il 95% delle imprese manifatturiere con almeno 10 addetti (che erano 2273) ne aveva meno di 100, e le imprese con almeno 100 addetti risultavano essere soltanto 116. Anche nell’indagine della Federazione regionale industriali delle Marche6, che costituisce la principale fonte dei dati che utilizzeremo nel prossimo paragrafo, l’85% dei 737 imprenditori intervistati è alla testa di aziende con non più di 100 addetti.

10Per quanto riguarda il settore produttivo, al primo posto per numero di imprese (sempre con almeno 10 addetti), ma anche per numero di addetti, troviamo l’industria delle calzature, che da sola raccoglie quasi 1/4 degli imprenditori. Seguono due settori, l’industria meccanica e quella del mobile, con circa il 15% delle imprese ciascuno. Lavorazione minerali non metalliferi, vestiario, legno, tessili raccolgono ciascuno quote comprese tra l’8% ed il 5% delle imprese.

  • 7 Cfr. soprattutto, per i settori maglieria, calzature e strumenti musicali: M. Paci e altri, Dispers (...)

11Una terza caratteristica importante dell’apparato industriale marchigiano è la diffusione del decentramento produttivo. Come alcune ricerche hanno documentato7, gran parte delle aziende dei settori citati non svolge al proprio interno tutte le lavorazioni, e numerose sono quelle che sono nate o vivono dell’assegnazione, da parte di imprese in genere grandi o più grandi, di una o più fasi del ciclo produttivo oppure di una parte più o meno rilevante della produzione.

  • 8 W. Tousijn, La piccola impresa in Italia: divisione internazionale del lavoro e rapporti tra le cla (...)
  • 9 Cfr. G. Conti, Nota sulla posizione relativa dell’Italia dal punto di vista della specializzazione (...)

12Questi pochi dati sono sufficienti, a mio avviso, per inquadrare gli imprenditori marchigiani sul terreno economico-strutturale. Utilizzando una tipologia della piccola impresa avanzata in altra sede8, si può affermare che le imprese marchigiane sono prevalentemente di due tipi. Il primo tipo, che si può definire periferico, opera in quei settori industriali, ormai quasi abbandonati dal grande capitale internazionale nel quadro di un processo generale di divisione internazionale del lavoro, che presentano alcune o tutte le seguenti caratteristiche: bassa intensità di capitale, assenza di rilevanti economie di scala, tecnologia matura e progresso tecnico lento, natura concorrenziale del mercato, domanda frazionata e mutevole (per esempio, legata alla moda), produzioni di piccola serie. In questi settori l’Italia nel suo insieme ha raggiunto un elevato grado di specializzazione, in termini di commercio internazionale9, e le Marche, a loro volta, lo hanno raggiunto all’interno dell’Italia: questo tipo di impresa, dunque, ha un peso rilevante nel meccanismo di accumulazione complessivo del paese.

13Ma le funzioni esercitate dall’impresa periferica non si limitano a quelle strettamente economiche. Le caratteristiche elencate più sopra sono all’origine di altri fenomeni importanti: la facilità di entrata in questi settori produce una elevata natimortalità delle imprese, un processo di diffusione per imitazione e quindi concentrazioni territoriali in aree spesso industrialmente mono-culturali: è il caso, nelle Marche, dell’area calzaturiera, di quella del mobile, di quella degli strumenti musicali. L’impresa periferica si trova così a svolgere anche una funzione ideologica, quella di alimentare i miti del mettersi in proprio, del farsi da sé, della libera iniziativa, della mobilità sociale (su questo punto torneremo più avanti), nonché una funzione di controllo sociale, attraverso la forte integrazione culturale e politica esistente nelle aree in cui è prevalentemente localizzata, ed attraverso un uso della famiglia che ne recupera e ne privilegia la funzione produttiva. Tutto ciò si riflette poi in un particolare tipo di organizzazione territoriale: continuum urbano-rurale, ruolo del retroterra agricolo, e così via.

  • 10 Il termine è ripreso da M. Paci, Crisi, ristrutturazione e piccola impresa, in «Inchiesta», vol. V, (...)
  • 11 Tousijn, La piccola impresa in Italia cit., p. 352.

14Il secondo tipo di imprese prevalente nelle Marche può definirsi impresa-ingranaggio10: si tratta di quelle imprese che sono oggetto di decentramento produttivo. In senso molto generale, si può affermare che questo tipo di impresa è sempre esistito nel mondo industriale. Ma a partire dall’inizio degli anni ’70, in Italia, il fenomeno del decentramento produttivo sembra aver assunto un carattere nuovo, duraturo e sistematico. L’interpretazione che se ne può dare è che esso costituisce una strategia ed una risposta politica, da parte del capitale, al livello a cui è giunto lo scontro di classe nel settore centrale dell’economia: di fronte agli elementi di rigidità ed all’elevato costo del lavoro in questo settore, il capitale reagisce bloccandone l’espansione, o addirittura destrutturandolo, e recuperando l’equilibrio del processo di accumulazione complessivo attraverso un consistente decentramento produttivo verso il settore periferico, verso un modo di produrre disperso dove ritrova elementi di flessibilità ed un minor costo del fattore lavoro. Si noti come qui i termini «centrale» e «periferico» si riferiscano ai due comparti del mercato del lavoro operaio, e non alla natura avanzata o arretrata delle industrie: il processo di decentramento produttivo, infatti, è in atto sia in un settore centrale (per l’Italia) come il metalmeccanico, sia in settori periferici come l’abbigliamento o le calzature11. In questi ultimi, quindi, è presente, anche nelle Marche, sia l’impresa periferica, sia l’impresa-ingranaggio.

  • 12 Cfr. M. Paci (a cura di), Famiglia e mercato del lavoro in una economia periferica, Angeli, Milano (...)
  • 13 Si vedano, per il settore calzaturiero, i dati esposti in R. Frigeni e W. Tousijn, L’industria dell (...)

15Come mai, allora, questi due tipi di impresa si sono diffusi nelle Marche? Si può osservare come essi siano accomunati da una caratteristica cruciale per la loro sopravvivenza: quella di utilizzare in modo flessibile ed a basso costo la forza lavoro. Le Marche presentano una struttura di classe che si presta particolarmente bene, ossia con minori tensioni, a questa funzione, per due ragioni principali: perché possono contare su una «offerta di imprenditorialità» con certe caratteristiche, di cui ci occuperemo nel prossimo paragrafo, e perché presentano una offerta di lavoro con caratteristiche ormai introvabili nelle aree più sviluppate del paese: in particolare, costi di riproduzione della forza lavoro relativamente bassi e scarsa sindacalizzazione. Per quanto riguarda i primi, i fattori più rilevanti sono l’elevato grado di integrazione tra città e campagna (insediamenti urbani diffusi, assenza di grandi metropoli, buona rete viaria secondaria), la diffusione della casa in proprietà e dell’autoconsumo agricolo12. Quanto ai livelli di sindacalizzazione, essi appaiono particolarmente bassi perfino in confronto a quelli di altre regioni, come la Toscana o il Veneto, caratterizzate dallo stesso tipo di struttura industriale (prevalenza di imprese periferiche e di imprese-ingranaggio)13.

4. Le caratteristiche socio-demografiche degli imprenditori marchigiani

  • 14 Federazione regionale industriali delle Marche, Indagine sulla struttura, cit.
  • 15 Le ricerche utilizzate sono indicate qui di seguito e d’ora in avanti, nel testo, saranno indicate (...)

16Quali sono, dunque, le caratteristiche specifiche di questa «offerta di imprenditorialità», così abbondante nelle Marche? La principale fonte di informazione che utilizzeremo è una indagine della Federazione regionale industriali delle Marche14, che presenta l’inconveniente di non essere più recentissima (i dati risalgono al 1970), ma che in compenso ha il pregio di essere stata condotta sull’universo delle imprese industriali (manifatturiere ed estrattive) con almeno 20 addetti e non iscritte agli albi delle imprese artigiane. I dati relativi alle Marche saranno confrontati, ove possibile, con quelli tratti da una serie di ricerche condotte sugli imprenditori di altre zone d’Italia, ricerche che sono ormai numerose, ma purtroppo scarsamente omogenee tra loro negli obiettivi e nelle metodologie: occorrerà quindi usare una grande cautela nelle comparazioni, e fare costante riferimento alle diverse caratteristiche dei campioni di imprenditori presi in considerazione15.

17Origine geografica. Circa l’80% degli imprenditori che operano nelle Marche è di origine marchigiana. Questa massiccia origine locale dell’imprenditorialità si riscontra anche in altri contesti (Liguria, provincia di Catania, provincia di Salerno), su valori quasi identici. Più interessante è il fatto che l’origine geografica varia in funzione della dimensione aziendale e del settore produttivo: tra i calzaturieri i locali sono circa il 90%, nei settori tessile, carta-cartotecnica-plastica, chimica-gomma essi scondono sotto il 70%. Ciò è connesso con alcune caratteristiche strutturali delle imprese che più sopra abbiamo definito «periferiche» (fabbisogno iniziale di capitale molto modesto, relativa semplicità tecnologica del processo produttivo) le quali, rendendo un settore come quello calzaturiero privo di sostanziali barriere all’entrata, ne facilitano l’espansione su base territoriale a carattere imitativo. Questo tipo di meccanismo di nascita dell’impresa, che potremmo definire «per partenogenesi», nella misura in cui si fonda su una certa omogeneità culturale tra la figura dell’imprenditore e l’ambiente sociale in cui egli opera, è più facilmente compatibile con le strutture sociali tradizionali, che anzi può utilizzare funzionalmente, come nel caso della famiglia, e agisce come fattore di attenuazione del conflitto sociale.

18Età. Come si può vedere nella tabella 1, gli imprenditori marchigiani sono mediamente più giovani dei loro colleghi della Liguria, regione di industrializzazione più antica, e si avvicinano abbastanza, quanto all’età, agli imprenditori di Salerno e di Catania. Anche qui ritroviamo un «effetto settore»: nella industria delle calzature-pelli ed in quella del mobilio-legno, la cui fase di espansione nelle Marche è relativamente recente, si riscontra, rispetto al settore metalmeccanico, un peso maggiore delle classi di età più giovani ed uno minore delle classi più anziane.

Tab. 1. Distribuzione degli imprenditori per classi di età (valori percentuali).

Fino a 35

36-45

46-55

56-65

Oltre 65

N.R.*

Marche 1970

totale

14,9

31,5

23,9

16,1

5,6

7,9

(737)

abbigliamento

10,2

38,8

24,5

14,3

2,0

10,2

(49)

calzature-pelli

22,8

33,5

24,0

12,0

3,6

4,2

(167)

mobilio-legno

17,8

43,3

19,7

7,6

2,5

8,9

(157)

metalmeccanica

11,1

29,9

23,9

20,5

11,1

3,4

(117)

carta-plastica

20,5

30,8

20,5

12,8

2,6

12,8

(39)

minerali non metalliferi

5,5

19,8

31,9

18,7

14,3

9,9

(91)

Fino a 34

35-44

45-54

55-64

Oltre 64

Salerno 1969

11,3

34,4

30,9

15,6

7,8

Catania 1975

14,0

32,0

33,9

15,7

4,4

(272)

Italia 1974

calzature

15,0

26,0

43,0

13,0

3,0

(147)

Fino a 30

31-45

46-60

Oltre 60

N.R.

Liguria 1973

5,3

33,7

39,8

15,9

5,3

(2o8)

* N.R. = Nessuna risposta.

Fonte: per questa tabella, come per le successive, cfr. nota 15.

19Istruzione. Tutte le ricerche sull’imprenditorialità hanno mostrato che il livello di istruzione è uno dei più importanti fattori di differenziazione interna della classe imprenditoriale. Dai dati comparativi esposti nella tabella 2, risulta che gli imprenditori marchigiani sono mediamente molto meno istruiti dei loro colleghi liguri e lombardi (i cui valori, si ricordi, si riferiscono a campioni di piccole e medie imprese). Ciò può essere spiegato in parte tenendo conto del diverso peso, nei vari contesti, dei settori tradizionali ad elevata facilità di entrata rispetto ai settori più avanzati; in effetti, anche all’intemo delle Marche esistono notevoli differenze tra i diversi settori, ed in particolare tra l’industria delle calzature-pelli e quella del mobilio-legno, da un lato, nelle quali la grande maggioranza degli imprenditori non supera la scuola dell’obbligo, e gli altri settori dall’altro.

Tab. 2. Distribuzione degli imprenditori per livello di istruzione (valori percentuali).

Elementari

Media inferiore

Media superiore

Laurea

N.R.

Marche 1970

totale

31,8

20,5

27,5

13,7

6,5

(737)

abbigliamento

16,3

32,7

30,6

14,3

6,1

(49)

calzature-pelli

39,5

34,7

21,6

3,6

0,6

(167)

mobilio-legno

51,0

14,0

23,6

5,1

6,4

(157)

metalmeccanica

23,9

18,8

35,9

15,4

6,0

(117)

carta-plastica

25,0

12,8

33,3

25,6

7,7

(39)

minerali non metalliferi

22,0

7,7

34,1

28,6

7,7

(91)

Piemonte 1965-66

fino a 500

8,0

48,0

44,0

-

(126)

oltre 500

4,0

21,0

75,0

-

(53)

Lombardia 1976

15,1

55,7

29,2

-

(192)

Liguria 1973

6,7

9,3

51,8

31,2

-

(208)

Treviso

totale

22,0

24,0

39,0

12,0

3,0

(915)

legno

40,0

29,0

25,0

3,0

6,5

(177)

Catania 1975

10,2

17,3

40,6

31,9

-

(254)

Salerno 1969

44,7

23,7

15,8

15,8

-

(1000)

Italia 1974

calzature

47,0

31,0

16,0

3,0

3,0

(147)

20Tuttavia l’effetto settore non spiega tutta la differenza: è stato mostrato che all’interno dell’industria calzaturiera il livello di istruzione varia grandemente da una zona all’altra del paese: gli imprenditori con istruzione superiore (diploma o laurea) nella zona lombarda sono il triplo che nella zona toscana o in quella marchigiana (Frigeni-Tousijn), e differenze simili si ritrovano anche in altri settori (Federlombarda).

21Infine, una certa influenza è esercitata anche dalla variabile dimensione: al crescere della dimensione aziendale cresce anche il livello di istruzione dell’imprenditore (Farneti; Frigeni-Tousijn; Federlombarda; Catanzaro). Tuttavia tale influenza è probabilmente minore di quella esercitata dalla variabile settore industriale, se si considera che oltre la metà dei calzaturifici italiani con più di 100 addetti è guidata da imprenditori con un livello di istruzione non superiore alla licenza media (Frigeni-Tousijn).

 

22Anno di fondazione dell’impresa. Circa la metà delle imprese industriali marchigiane risultava, al 1971, fondata negli ultimi 10 anni, ossia nel corso di quegli anni ’60 durante i quali due tra i settori portanti della struttura industriale della regione (calzature e mobilio) sono stati interessati da una fase di espansione accentuata. Risulta evidente, nei dati della tabella 3, il minor peso che assumono nelle Marche, rispetto al campione di piccole e medie imprese lombarde, le imprese più vecchie. Viceversa, il peso elevato delle imprese marchigiane nate dopo il 1960 corrisponde a quello che si ritrova in una zona marginale nello sviluppo economico nazionale come la provincia di Salerno.

  • 16 A stretto rigore, i dati riportati nella tabella 3 non esprimono il ritmo effettivo di nascita dell (...)

23Per quanto riguarda la dinamica settoriale, si può notare come il ritmo di nascita nell’industria delle calzature-pelli ed in quella del mobilio-legno si acceleri dopo il 1965, a differenza di quanto avviene negli altri settori. Tuttavia occorre aggiungere che in altri settori, come il metalmeccanico e l’industria della carta-cartotecnica-plastica, il ritmo di nascita nella seconda metà degli anni ’60, pur essendo inferiore rispetto a quello sperimentato nella prima metà del decennio, è pur sempre notevolmente elevato, a conferma dello sfasamento temporale esistente tra il ciclo economico marchigiano e quello nazionale, che in quegli anni è in fase di ristagno16.

 

24Fondatori, eredi, managers. È stato P. Farneti, nella sua ricerca sull’imprenditorialità piemontese, ad utilizzare per primo in Italia la tipologia fondatori - eredi - managers, indicandone l’utilità euristica e mostrando come i tre diversi tipi di imprenditore siano associabili a differenze nelle caratteristiche strutturali dell’impresa, nei comportamenti e negli atteggiamenti di valore. Ciò è stato successivamente confermato dalle ricerche sull’imprenditorialità salernitana (Bonazzi e altri) e sull’imprenditorialità ligure (Guerci). In particolare, al ruolo di imprenditore-fondatore si possono associare una dimensione limitata dell’impresa, un tipo di organizzazione più accentrata, una politica orientata in modo preminente all’espansione delle vendite, una minore propensione ad iscriversi e ad impegnarsi in prima persona nelle associazioni di categoria.

Tab. 3. Distribuzione delle imprese per anno di fondazione (valori percentuali).

Fino al 1920

1921-1930

1931-1940

1941-1950

1951-1960

1961-1965

1966-1970

N.R.

Marche 1970

totale

6,5

4,6

3,7

7,5

25,5

25,8

25,0

1,5

(737)

abbigliamento

4,1

2,0

2,0

4,1

30,6

28,6

28,6

-

(49)

calzature-pelli

3,6

3,0

2,4

6,0

29,9

24,6

29,9

0,6

(167)

mobilio-legno

2,5

3,2

2,5

5,7

28,0

26,8

31,2

-

(157)

metalmeccanica

6,0

6,8

6,0

9,4

23,9

22,2

21,4

4,3

(117)

carta-plastica

10,3

2,6

2,6

7,7

15,4

35,9

23,1

2,6

(39)

minerali non metalliferi

16,5

8,8

3,3

5,5

23,1

27,5

12,1

3,3

(91)

Fino al 1900

1901-1944

1945-1958

1959-1964

1965-1969

1970-1975

Lombardia 1976

7,5

24,9

31,0

15,4

12,0

9,2

(358)

Fino al 1960

1960-1969

Salerno 1969

46,3

53,7

(1621)

25I dati comparativi esposti nella tabella 4 mostrano il peso particolarmente elevato assunto nelle Marche dai fondatori, anche in confronto ad una zona marginale come il salernitano, e confermano il carattere recente e di prima generazione dell’industrializzazione in questa regione. Ancora una volta, inoltre, ciò è particolarmente vero per i settori tradizionali (abbigliamento, calzature-pelli, mobilio-legno), nei quali è più facile, per giunta, trovare imprese che abbiano tra gli attuali proprietari tutti i fondatori (Federmarche, tav. 20).

Tab. 4. Distribuzione degli imprenditori per ruolo di fondatore, erede, manager (valori percentuali).

Fondatori

Eredi

Managers

N.R.

Marche 1970

totale

77,2

12,4

10,4

(737)

abbigliamento

77,5

8,2

14,3

(49)

calzature-pelli

80,2

9,0

10,8

(167)

mobilio-legno

82,8

8,3

8,9

(157)

metalmeccanica

78,6

12,0

9,4

(117)

carta-plastica

70,2

19,8

10,0

(39)

minerali non metalliferi

79,5

15,4

5,1

(91)

Piemonte 1965-66

fino a 500

40,0

40,0

20,0

(126)

oltre 500

13,0

47,0

40,0

(53)

Liguria 1973

42,3

31,7

24,5

1,4

(208)

Salerno 1969

totale

65,4

22,8

11,8

oltre 50

42,7

24,2

33,1

26Forma giuridica dell’impresa. Coerenti con gli ultimi dati esposti sono quelli relativi alla forma giuridica della impresa (tab. 5), che indicano per le Marche uno scarso peso delle società di capitale, specialmente nei settori tradizionali. Sembra inoltre assai modesta la «mobilità giuridica», ossia il mutamento della forma giuridica, se è vero che quasi il 90% delle imprese fondate come ditte individuali lo era ancora nel 1970 (e questo dato è ancora più elevato nei settori tradizionali).

 

27Mobilità sociale. L’importanza dell’analisi dell’origine sociale della classe imprenditoriale è duplice: da un lato essa è in grado di illuminare alcuni aspetti dei più generali processi di mobilità sociale intergenerazionale e intragenerazionale in atto nella società, ed in particolare la questione del maggiore o minore grado di apertura della classe imprenditoriale in termini di accesso di individui provenienti da altre classi sociali. Dall’altro lato la classe sociale di origine dell’imprenditore e la sua eventuale precedente esperienza professionale costituiscono due importanti elementi che contribuiscono a spiegarne i comportamenti e gli atteggiamenti di valore.

Tab. 5. Distribuzione delle imprese per forma giuridica (valori percentuali).

Ditta individuale

Società di persone

Società di capitali

N.R.

Marche 1970

totale alla fondazione

35,4

43,2

18,2

3,3

(737)

1970

31,3

46,3

21,7

0,7

(737)

abbigliamento

38,8

40,8

20,4

(49)

calzature-pelli

41,9

52,1

6,0

(167)

mobilio-legno

34,0

50,0

16,0

(157)

metalmeccanica

27,4

40,2

31,6

0,9

(117)

carta-plastica

33,0

41,0

25,6

(39)

minerali non metalliferi

15,4

40,7

42,9

1,1

(91)

Lombardia 1976

13,4

36,1

50,3

0,2

(358)

28Il tema viene di solito affrontato, nelle ricerche empiriche, ricorrendo a due indicatori: la professione del padre dell’imprenditore, che mette in luce la mobilità intergenerazionale, e l’eventuale attività precedente esercitata dall’imprenditore, che ne evidenzia la mobilità intragenerazionale. Purtroppo la nostra principale fonte di informazione sugli imprenditori marchigiani, la citata indagine della Federmarche, non fornisce dati del primo tipo, per cui per questo aspetto dovremo ricorrere a dati parziali ricavati da altre fonti e ad analisi di tipo più qualitativo.

29Per quanto riguarda, invece, la mobilità intragenerazionale, i dati della tabella 6 consentono di formulare alcune ipotesi, benché sia quasi impossibile effettuare le consuete comparazioni con altre regioni a causa della diversità delle categorie sociali utilizzate. Innanzitutto si può rilevare come circa un terzo degli imprenditori marchigiani non abbia svolto alcuna attività precedente. Poiché in altri contesti tale percentuale risulta superiore, compresa tra il 40% della Liguria e di Catania ed il 46% del Piemonte (Guerci; Catanzaro; Farneti), è probabile che la differenza sia da imputare al maggior peso che nelle Marche assumono i settori tradizionali, nei quali è più elevata la quota di imprenditori che provengono da una esperienza di lavoro come artigiani o come operai, in genere nello stesso settore.

30I vari settori industriali, in effetti, presentano modelli di carriera imprenditoriale alquanto diversi tra loro. In generale, nei settori tradizionali prevale una precedente esperienza di lavoro autonomo, che nell’industria delle calzature-pelli ed ancor più in quella del mobilio-legno si configura essenzialmente come socializzazione di tipo tecnico-produttivo in un’azienda artigianale, mentre nell’industria dell’abbigliamento è più diffusa una socializzazione di tipo commerciale. Nei settori metalmeccanico e carta-cartotecnica-plastica l’esperienza di lavoro precedente è più varia, e comunque prevale il lavoro industriale di tipo subordinato. È possibile (ma non possediamo i dati necessari a provarlo) che ciò sia dovuto al peso della componente impiegatizio-dirigenziale, la cui rilevanza nella formazione dell’imprenditorialità è stata mostrata in Liguria (Guerci), in Piemonte (Farneti) ed a Catania (Catanzaro). Altri dati, tuttavia (Frigeni-Tousijn), mostrano che nel settore calzaturiero italiano il 30% degli imprenditori ha avuto una precedente esperienza di lavoro come operaio, per lo più all’interno dello stesso settore; tale percentuale, inoltre, supera il 40% nelle imprese minori (fino a 50 addetti). È probabile dunque che sia relativamente consistente la parte di imprenditori marchigiani ex-operai.

Tab. 6. Distribuzione degli imprenditori marchigiani per attività precedente svolta (1970, valori percentuali).

Totale

Abbigliameneto

Calzature-pelli

Mobilio-legno

Metalmeccanica

Carta-plastica

Minerali non metalliferi

Nessuna

32,6

30,6

35,9

24,8

30,8

38,5

41,8

Autonoma

industria

10,6

8,2

10,2

7,0

12,8

12,8

8,8

artigianato

12,8

12,2

15,0

25,5

6,0

-

4,4

commercio

7,7

14,3

9,6

3,8

6,0

7,7

9,9

agricoltura

1,8

2,0

2,4

-

0,9

-

3,3

altro

3,8

6,1

0,6

3,2

4,3

2,6

8,8

Subordinata

industria

9,9

4,1

9,6

8,9

16,2

12,8

3,3

artigianato

4,1

6,1

5,4

8,3

0,9

5,1

-

commercio

2,0

2,0

1,8

3,3

1,7

-

1,1

agricoltura

0,3

-

-

-

0,9

-

1,1

pubblica amministraz.

1,6

2,0

1,2

-

2,0

5,1

3,3

altro

8,3

8,2

9,6

6,4

12,0

7,7

7,7

Nessuna risposta

6,0

4,1

-

8,3

5,1

7,7

6,6

Totale autonoma

36,6

42,8

37,8

39,5

30,0

23,1

35,2

Totale subordinata

26,6

22,4

27,6

27,4

33,7

30,7

16,5

(737)

(49)

(167)

(157)

(117)

(39)

(91)

  • 17 Si tratta di una relazione presentata al Convegno di Ascoli Piceno del 18 novembre 1978, e pubblica (...)

31Quasi inesistente, infine, il passaggio diretto dall’agricoltura all’imprenditorialità industriale. A questo proposito, Paci ha suggerito recentemente una ipotesi interpretativa del generale processo di formazione dell’imprenditorialità nelle Marche che privilegia fortemente il ruolo dell’agricoltura, ma in base a meccanismi di tipo indiretto17. Secondo questa ipotesi, le origini delle energie imprenditoriali così vigorose nelle Marche (ma anche in altre regioni della cosiddetta «terza Italia») sono da ricercarsi principalmente nella mezzadria, una forma di conduzione agricola che in queste regioni ha conosciuto una diffusione particolarmente estesa e duratura. In base a numerose fonti, nel mezzadro tendono a svilupparsi rilevanti qualità imprenditoriali: attitudine al calcolo razionale, mentalità acquisitiva, etica del risparmio e dell’accumulazione, attitudine alla divisione del lavoro ed alla gestione della forza lavoro familiare, abitudine a ritmi ed orari di lavoro intensi.

32Tuttavia il passaggio dalla mezzadria all’artigianato o alla piccola industria presuppone non solo il possesso di qualità imprenditoriali e di un capitale iniziale, sia pur minimo, ma anche l’apprendimento di un mestiere, di una professionalità specifica. Ecco perché Paci suggerisce l’idea di un passaggio in due tempi: l’ex-mezzadro, prima di avviare una iniziativa artigianale o industriale, sarebbe passato attraverso una esperienza di piccola proprietà contadina con part-time farming (anni ’50 e ’60), oppure attraverso una esperienza diretta come operaio (modello prevalente dalla fine degli anni ’60).

  • 18 Una bassissima provenienza professionale dall’agricoltura risulta anche in tutte le citate ricerche (...)

33Ora, mentre il secondo tipo di meccanismo (mezzadro-operaio-artigiano o piccolo industriale) appare suffragato da alcuni dati, tra cui quelli da noi appena citati, meno chiara è la rilevanza del passaggio attraverso la piccola proprietà contadina, soprattutto alla luce del dato della tabella 6: meno del 2% erano gli imprenditori che nel 1971 dichiaravano di aver svolto una precedente attività autonoma in agricoltura18. La difficoltà può forse essere risolta osservando come Paci non distingua con sufficiente nettezza tra mobilità intergenerazionale e mobilità intragenerazionale: non è l’ex-mezzadro, ora piccolo contadino, che diventa imprenditore, ma è probabilmente suo figlio, o un altro membro della famiglia mezzadrile, che per un certo tempo concilia il lavoro operaio con quello nell’azienda agricola di famiglia, e poi, una volta imparato il mestiere, effettua il «salto» all’artigianato o alla piccola industria.

5. Struttura di classe e formazione economico-sociale periferica

34L’analisi condotta sin qui ha mostrato da un lato come il sistema industriale marchigiano assolva, all’interno del sistema economico nazionale, a due importanti funzioni: fornire un contributo autonomo al processo di accumulazione complessivo del paese, nel quadro dei vincoli imposti dalla divisione internazionale del lavoro (impresa periferica), ed agire da valvola di scarico delle tensioni generatesi nel comparto centrale del sistema economico nazionale (impresa-ingranaggio).

35Dall’altro lato, molti degli aspetti messi in luce (origine sociale e carattere locale, recente, di prima generazione della imprenditorialità, peso elevato dell’artigianato, uso della famiglia, natura e livelli di sindacalizzazione) contribuiscono a delineare, nella regione, una struttura di classe che si distingue da quella tipica delle aree più sviluppate del paese, ma anche da quella delle aree marginali come il Mezzogiorno, in quanto meno segnata da fratture sensibili e radicate nel tempo. In altre parole, in questa fase dello sviluppo del paese, caratterizzata da gravi sintomi di crisi economica e sociale nella formazione economico-sociale centrale, quella che ha guidato lo sviluppo dell’intero paese, la formazione economico-sociale periferica e, all’interno di questa, le Marche in maniera particolare, contribuiscono al riequilibrio del sistema complessivo.

  • 19 L. Fiocco, Decentramento produttivo ed area periferica, in «Inchiesta», vol. VIII, 1978, n. 33.

36A questo proposito, tuttavia, occorre evitare di cadere in una logica di analisi che, come è stato giustamente rilevato19 tende fortemente a produrre una immagine di sostanziale stabilità del sistema complessivo. Questo pericolo può essere evitato ove si tenga presente che il ruolo riequilibratore della formazione economico-sociale periferica può essere compreso soltanto a partire da una teoria della crisi della formazione economico-sociale centrale, quella dominante. Ciò significa che lo sviluppo della formazione economico-sociale periferica è in realtà segnato dall’impatto con una formazione economico-sociale in grave crisi: da tale impatto potranno scaturire nuove contraddizioni.

  • 20 Cfr. G. Bellandi, Le imprese di sub-fornitura: aspetti economico-finanziari ed organizzativi. Con p (...)

37Alcune ricerche recenti, per esempio, hanno messo in luce modificazioni nella natura di quel processo che va sotto il nome, un po’ generico, di decentramento produttivo, nel senso di una progressiva perdita di peso delle forme più estreme (lavoro a domicilio, imprese artigiane completamente subordinate) rispetto a forme di specializzazione spinta in una o poche fasi di lavorazione, che aprono la possibilità dello sviluppo di piccole imprese più vitali ed autonome20.

38D’altro canto, anche le forme della divisione internazionale del lavoro sono in continua evoluzione: il maggiore settore industriale delle Marche, quello calzaturiero, si trova in questi mesi (1980) in stato di grave crisi in seguito a quello che sembra un ulteriore «salto» di aggressività dei paesi in via di sviluppo, che ha provocato una caduta delle nostre esportazioni ed un rilevante incremento delle importazioni. Il segmento più elevato del mercato, quello delle calzature di lusso, che si può ritenere al riparo dalla concorrenza di paesi in via di sviluppo, è quantitativamente molto più ristretto e qualitativamente più impegnativo sul piano delle capacità imprenditoriali.

39Questi processi, ed altri all’opera nei vari settori, modificano spesso in modo rilevante le condizioni di accesso alla imprenditorialità rispetto a quelle documentate in questo lavoro, e sollecitano, su questo tema, nuove ricerche.

Torna su

Note

1 Cfr. A. Bagnasco, Tre Italie. La problematica territoriale dello sviluppo italiano, Il Mulino, Bologna 1977.

2 Di «imprenditorialità assistita» ha parlato R. Catanzaro su questa stessa rivista, a proposito della provincia di Catania. Cfr. R. Catanzaro, Stato e imprenditorialità assistita in una città meridionale, in «Quaderni di Sociologia», vol. XXVIII, 1979, n. 2-3, pp. 283-310 [riprodotto anche nel presente volume, pp. 153-179].

3 Cfr. Bagnasco, Tre Italie cit., cap. iv.

4 A. Gerschenkron, Il problema storico dell’arretratezza economica, Einaudi, Torino 1965. Per un approfondito esame della intera problematica dell’imprenditorialità, cfr. A. Pagani, Nuovi sviluppi dell’analisi imprenditoriale, in id. (a cura di), Il nuovo imprenditore, Angeli, Milano 1967. Questa antologia raccoglie alcuni tra i più autorevoli contributi in materia.

5 Sull’artigianato nelle Marche esiste una approfondita indagine curata dalla Regione (1977), i cui risultati sembrano in armonia con l’analisi condotta in questo articolo. Cfr. R. Pagetta, Il ruolo fondamentale dell’artigianato nella regione Marche, in «Argomenti», 1978, n. 0, e soprattutto, dello stesso autore, Alcune caratteristiche della nuova imprenditorialità artigiana nelle Marche, ivi, n. 2.

6 Federazione regionale industriali delle Marche, Indagine sulla struttura e le prospettive di sviluppo dell’industria marchigiana, Ancona s. d. (1974?).

7 Cfr. soprattutto, per i settori maglieria, calzature e strumenti musicali: M. Paci e altri, Dispersione produttiva e occupazione precaria nelle Marche, cicl., 3 voll., Ancona 1974; per il settore tessile-abbigliamento: L. Frey e altri, Lavoro a domicilio e decentramento dell’attività produttiva nei settori tessile e abbigliamento in Italia, Angeli, Milano 1975.

8 W. Tousijn, La piccola impresa in Italia: divisione internazionale del lavoro e rapporti tra le classi sociali, in «L’Impresa», vol. XX, 1978, n. 4-5, pp. 347-53.

9 Cfr. G. Conti, Nota sulla posizione relativa dell’Italia dal punto di vista della specializzazione produttiva, in A. Graziani (a cura di), Crisi e ristrutturazione dell’economia italiana, Einaudi, Torino 1975.

10 Il termine è ripreso da M. Paci, Crisi, ristrutturazione e piccola impresa, in «Inchiesta», vol. V, 1975, n. 20.

11 Tousijn, La piccola impresa in Italia cit., p. 352.

12 Cfr. M. Paci (a cura di), Famiglia e mercato del lavoro in una economia periferica, Angeli, Milano 1980.

13 Si vedano, per il settore calzaturiero, i dati esposti in R. Frigeni e W. Tousijn, L’industria delle calzature in Italia, Il Mulino, Bologna 1976.

14 Federazione regionale industriali delle Marche, Indagine sulla struttura, cit.

15 Le ricerche utilizzate sono indicate qui di seguito e d’ora in avanti, nel testo, saranno indicate con il nome dell’autore. Per il Piemonte: P. Farneti, Imprenditore e società, L’Impresa Edizioni, Torino 1970 (campione rappresentativo di 179 imprese con oltre 50 addetti, 1965-66). Per la Liguria: C.M. Guerci (a cura di), La piccola e media impresa. Il caso della Liguria, Angeli, Milano 1975 (campione rappresentativo di 208 imprese tra i 10 ei 250 addetti, 1973). Per la Lombardia: Federlombarda, Ricerca sulla piccola e media industria in Lombardia. Rapporti del Gruppo di lavoro, testi provvisori, s. d. (campione di 358 piccole e medie imprese, 1976). Per la provincia di Treviso: Demoskopea, Ricerca sul fenomeno imprenditoriale nella provincia di Treviso, rapporto dattiloscritto non pubblicato, 1973 (universo di 915 imprese). Per la provincia di Salerno: G. Bonazzi e altri, Industria e potere, L’Impresa Edizioni, Torino 1972 (campione misto: 88 imprese con oltre 40 addetti, universo; 114 imprese con meno di 40 addetti, rappresentative di 1053 piccole imprese; 1969). Per la provincia di Catania: R. Catanzaro e altri, L’imprenditore assistito, Il Mulino, Bologna 1979 (campione misto: 88 imprese con oltre 50 addetti, rappresentanti quasi l’universo; 186 imprese con meno di 50 addetti, pari al 44% dell’universo; 1975). Per l’industria delle calzature: R. Frigeni e W. Tousijn, L’industria delle calzature in Italia, Il Mulino, Bologna 1976 (campione rappresentativo di 147 imprese, 1974).
Altre ricerche si distinguono dalle precedenti per l’uso di campioni non casuali e per una maggiore attenzione ai comportamenti di classe ed agli atteggiamenti di valore degli imprenditori. Si tratta di: G. Bettin, Gli imprenditori come classe dirigente, in L. Cavalli (a cura di), Classe dirigente e sviluppo regionale, Il Mulino, Bologna 1973, Working papers sulla società contemporanea n. 2 (62 imprenditori toscani scelti con il metodo posizionale); D. Bratina e A. Martinelli, Gli imprenditori e la crisi, Il Mulino, Bologna 1978 (72 imprenditori «di successo», di cui 7 con oltre 500 addetti, in tre aree del Nord Italia); Svimez, Sviluppo industriale e imprenditori locali, Giuffrè, Milano 1962 (aree di Latina e Siracusa).

16 A stretto rigore, i dati riportati nella tabella 3 non esprimono il ritmo effettivo di nascita delle imprese nei vari periodi, bensì quello delle imprese che erano in vita al momento della rilevazione, ed escludono le imprese nate nei vari periodi ma estintesi prima della rilevazione. In taluni settori, in cui i tassi di natalità e di mortalità delle imprese sono elevati, la differenza può essere rilevante.

17 Si tratta di una relazione presentata al Convegno di Ascoli Piceno del 18 novembre 1978, e pubblicata col titolo Riflessioni sui fattori sociali dello sviluppo della piccola impresa nelle Marche, in «Economia Marche», 1979, n. 6.

18 Una bassissima provenienza professionale dall’agricoltura risulta anche in tutte le citate ricerche sull’imprenditorialità, ad eccezione di quella sul Salernitano (10%), nonché nella citata indagine sull’artigianato marchigiano (6%).

19 L. Fiocco, Decentramento produttivo ed area periferica, in «Inchiesta», vol. VIII, 1978, n. 33.

20 Cfr. G. Bellandi, Le imprese di sub-fornitura: aspetti economico-finanziari ed organizzativi. Con particolare riferimento al settore calzaturiero, Editrice Tecnico Scientifica, Pisa 1979, e S. Silvestrelli, I rapporti di sub-fornitura nell’industria dei mobili, in «Economia e politica industriale», vol. VI, 1979, n. 23.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Willem Tousijn, « Imprenditorialità e struttura di classe in una regione ad economia periferica (1981) »Quaderni di Sociologia, 26/27 | 2001, 181-198.

Notizia bibliografica digitale

Willem Tousijn, « Imprenditorialità e struttura di classe in una regione ad economia periferica (1981) »Quaderni di Sociologia [Online], 26/27 | 2001, online dal 30 novembre 2015, consultato il 29 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1600; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1600

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search