Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri26/27Lavoro, dirigenti, sindacatiImmigrazione di manodopera e mobi...

Lavoro, dirigenti, sindacati

Immigrazione di manodopera e mobilità del lavoro nell’industria edilizia milanese (1963)

Massimo Paci
p. 227-247

Testo integrale

  • 1 Di questa serie di ricerche fa parte quella presentata da L. Balbo su questa rivista (L. Balbo, «Un (...)
  • 2 Una ricerca di maggior respiro sulla mobilità delle forze di lavoro milanesi è attualmente in corso (...)

1La ricerca, di cui diamo qui notizia, rientra nel quadro delle indagini, in corso presso l’Istituto Lombardo per gli Studi Economici e Sociali, sui diversi aspetti dei fenomeni di mobilità geografica e occupazionale in un processo di urbanizzazione1. Essa va considerata come un primo approccio al problema dei rapporti tra immigrazione di manodopera, stratificazione e mobilità occupazionali, in vista di ulteriori indagini che si intendono condurre in questo campo2. In particolare essa ha permesso: a) di formulare e ordinare un complesso di ipotesi, tratte dalla esistente letteratura in tema di immigrazione e mobilità del lavoro, e di delineare uno schema teorico applicabile alla situazione italiana in genere, e milanese in specie; b) di offrire inoltre una prima verifica di queste ipotesi, sia pure nell’ambito di un mercato del lavoro locale e di un singolo settore d’industria.

2Nelle pagine che seguono riassumeremo anzitutto alcune delle ipotesi generali, che si è creduto di poter formulare e ordinare sistematicamente, ed esporremo quindi i risultati più significativi della ricerca.

1. Migrazioni interne e mobilità del lavoro

  • 3 A queste condizioni di fatto corrispondeva l’ipotesi d’una infinita elasticità dell’offerta di lavo (...)

3È solo in epoca relativamente recente che la mobilità geografica ed occupazionale della popolazione attiva è divenuta un fattore essenziale della flessibilità dell’offerta di lavoro. Per lungo tempo, la scarsa intensità del ritmo del cambiamento tecnologico e produttivo, ha fatto sì che l’adattamento dell’offerta di lavoro all’evoluzione della domanda avvenisse nel lungo periodo, attraverso il movimento naturale della popolazione e il diverso orientamento delle nuove leve di lavoro3.

  • 4 Tipica, da questo punto di vista, è la situazione dell’Inghilterra nel periodo tra le due guerre: p (...)

4È con l’intensificarsi del ritmo del cambiamento delle strutture produttive, a seguito dell’industrializzazione, che i mutamenti della domanda di lavoro investono il breve periodo e fanno apparire superato il meccanismo di aggiustamento inter-generazionale del mercato del lavoro. Le modificazioni tecnologiche, l’evoluzione dei consumi, la crescita dei grandi mercati urbani, impongono il ricorso alla mobilità intra-generazionale della popolazione attiva, anzitutto nel suo aspetto di migrazione geografica: le aree di disoccupazione strutturale, i settori a scarsa produttività e forte sotto-occupazione (come l’agricoltura) vengono via via «svuotati» di manodopera attraverso le migrazioni interne e l’inurbamento di massa4.

  • 5 Sul rapporto tra investimenti e occupazione e sulla funzione della «disoccupazione di equilibrio» n (...)
  • 6 Vedi da ultimo, il numero unico di Sociologie du Travail (ottobre-dicembre 1963), curato da J. D. R (...)

5Ma, una volta raggiunto il pieno impiego e ridotti gli scarti di produttività tra i diversi settori, l’aspetto migratorio del movimento cede il posto all’aspetto più specificamente occupazionale o di mobilità di lavoro: una quota costante di fluttuazione del lavoro e di disoccupazione frizionale diviene essenziale per la espansione «equilibrata» del sistema5. I problemi di riconversione professionale e di «ability to move» divengono ora preponderanti rispetto a quelli di spostamento geografico e di «propensity to move»: come dimostra il sorgere dei programmi di formazione e promozione del lavoro e l’importanza assunta dalla istruzione di base e dalla qualificazione «polivalente»6.

6Nel quadro di questa evoluzione storica dei meccanismi di aggiustamento del mercato del lavoro, la migrazione geografica e la mobilità del lavoro svolgono, di volta in volta, un ruolo differente ed i loro rapporti possono essere esaminati schematicamente, distinguendo tre fasi o situazioni «ideali».

  • 7 V. E. Dolléans, Histoire du travail, Parigi 1943 (1a ediz.), p. 61; v. anche il Journal d’un compag (...)
  • 8 V. L. Chevallier, La formation de la population parisienne au XIX siècle, Colin, Parigi, soprattutt (...)

7Prima dell’industrializzazione, le migrazioni geografiche riguardavano esclusivamente una élite di operai di mestiere, che si spostavano di città in città secondo le stagioni e la congiuntura economica. Si pensi ai «compagnons de l’art» e al loro nomadismo di mestiere, al loro «tour de France»7, come iter ad un tempo geografico e professionale, le cui tappe geografiche contrassegnavano quasi altrettanti livelli di apprendimento del mestiere e di carriera professionale. In questa fase il movimento geografico rispondeva ad un progetto di mobilità o ascesa sociale, da realizzarsi attraverso l’apprendistato e le successive scelte occupazionali. Siamo di fronte cioè ad una specifica mobilità di lavoro (di mestiere), in cui la migrazione geografica è subordinata alla motivazione professionale. La formazione di Parigi nel secolo scorso, appare in gran parte dovuta al progressivo inurbamento di queste quote di operai qualificati, artigiani e bottegai, la cui distribuzione nella piramide occupazionale non è per nulla peggiore di quella dei locali8.

  • 9 V. G. L. Palmer, «Interpreting Patterns of Labor Mobility», in Bakke e altri, Labor Mobility and Ec (...)

8Con il sorgere delle prime industrie manifatturiere l’afflusso di manodopera nei centri urbani muta di qualità: agli operai di mestiere subentrano i contadini, al movimento inter-urbano degli artigiani si sostituisce il flusso a senso unico dalla campagna alla città. Tuttavia l’accentuata specializzazione produttiva di questi primi centri industriali (città tessili, città minerarie) è tale che l’inurbamento comporta contemporaneamente una precisa scelta professionale: la migrazione appare ancora orientata da un lavoro specifico e sfocia pur sempre in una ben determinata occupazione. Inoltre, a questo stadio dello sviluppo industriale, il lavoro appare ancora organizzato in modo da permettere l’accumulazione di esperienza sul posto di lavoro e quindi la possibilità di ascesa tra i diversi livelli gerarchici della manifattura. Saranno proprio questi nuclei di proletariato industriale di antica immigrazione che si riveleranno in seguito i più restii ad ulteriori esperienze di mobilità orizzontale: l’attaccamento al mestiere e alla azienda «di famiglia» finirà per ostacolare la riconversione produttiva di queste zone di antica industrializzazione, aggravandone in tal modo il lento ed inevitabile declino9.

  • 10 H. Parnes, Research on Labor Mobility, ed J. Wiley & S., New York 1954. An Appraisal of Research Fi (...)
  • 11 V. A. Touraine e O. Ragazzi, Les ouvriers d’origine agricole, ed. du Seuil, Parigi 1960, p. 3 e ss. (...)

9Ma, proseguendo ed accelerandosi il processo di urbanizzazione, aumenta la diversificazione produttiva dei grandi centri ed aumentano contemporaneamente le occasioni di mobilità inter-aziendale e inter-settoriale. La parcellizzazione del lavoro industriale, d’altronde, insieme con lo sviluppo dei servizi urbani e delle attività cosiddette terziarie, crea le condizioni per il passaggio da una concezione «professionale» ad una concezione «tecnica» del lavoro, secondo le espressioni di Alain Touraine, e favorisce una maggiore indifferenza del movimento nei confronti del contenuto professionale del lavoro: la «ability to move» sul piano inter-professionale ne risulta nettamente accresciuta10. Gli immigrati nella grande città non trovano più, come agli inizi del processo di industrializzazione, una struttura produttiva omogenea, quanto alle qualificazioni richieste, e aperta alle possibilità di carriera sul posto di lavoro: la struttura industriale è ora diversificata dal punto di vista produttivo e discontinua dal punto di vista gerarchico-professionale. Al modello tradizionale di mobilità specifica, intra-aziendale e intra-professionale, viene poco per volta a sostituirsi, presso questa manodopera, un modello di mobilità generica, inter-aziendale e inter-settoriale. La mobilità del lavoro in tal modo, sembra continuare, entro l’ampio mercato del lavoro urbano, lo schema «orizzontale» di movimento proprio della migrazione geografica. D’altra parte, il flusso di manodopera dalle campagne alla città non appare più orientato da una specifica scelta di lavoro. L’immigrato è «city oriented»: i valori del consumo (lo standard di vita cittadina) sostituiscono in gran parte i valori professionali nella motivazione al movimento11.

  • 12 V. Svimez, Progresso economico e strutture formative nell’Italia del 1975 (bozze di stampa), gennai (...)
  • 13 V. Assolombarda, Il ricambio della manodopera, pubblicazione apparsa nel 1960 e 1961.

10Questa seconda situazione ideale, così descritta, sembra corrispondere assai bene all’attuale situazione del mercato del lavoro dei grandi centri industriali italiani e in particolare di Milano. Sono noti i caratteri assunti dallo sviluppo industriale e del movimento migratorio italiano di questi ultimi anni: spontaneità di iniziative, incidenza della propensione al consumo, diffusione e sviluppo dell’impresa di piccole dimensioni12. Quest’ultimo elemento soprattutto ci sembra di particolare importanza: una struttura produttiva decentrata in un gran quantità di piccole e medie aziende (imprese satelliti, fornitrici, appaltanti, artigiane, ecc.) permette una maggiore flessibilità del lavoro e favorisce la diffusione di un modello di mobilità di tipo «orizzontale»: nelle piccole aziende infatti più elevato è il turnover e minori le probabilità di promozioni interne13.

  • 14 N. Foote, «The Professionalization of Labor in Detroit», in Am. Journ. of Sociology, gennaio 1953, (...)
  • 15 N. Foote, «The Movement From Jobs to Careers in American Industry», Atti del Terzo Congresso Intern (...)
  • 16 G. René Tréanton, «Le concept de carrière», in Revue Française de Sociologie, 1960, 1, pp. 73-80.
  • 17 V. la serie dei saggi annuali di Turnover nell’industria manifatturiera americana, riportata e comm (...)
  • 18 Questa sembra essere la situazione che caratterizza oggi il movimento geografico interno negli Stat (...)

11La terza ed ultima situazione tipica è caratterizzata viceversa da una struttura produttiva altamente concentrata, in cui il lavoro appare organizzato su vasta scala, razionalizzato, «burocratizzato»: è, per fare un esempio, la struttura produttiva di Detroit descritta da N. Foote14. Ad una struttura produttiva di questo tipo, altamente organizzata, corrispondono forme istituzionali di mobilità15: il movimento della forza-lavoro appare strettamente legato a riconoscimenti formali, scolastici o aziendali o anche sindacali. Lo schema di mobilità verticale intra-aziendale riprende qui il sopravvento, anche se esso non è più fondato sulla accumulazione di esperienza sul posto di lavoro, ma sulla tempestività con cui si è riusciti ad «interiorizzare» la nuova cultura tecnologica attraverso i processi educazionali formali. La carriera diviene allora qualcosa di predeterminato e assicurato in partenza, una garanzia istituzionale contro il declino dell’età, contro l’obsolescenza delle capacità e del potere contrattuale individuale16. La mobilità del lavoro, diminuita complessivamente rispetto alla fase precedente17, diviene ora la caratteristica di alcuni gruppi professionali, i quali quasi riproducono, ad un livello qualitativamente diverso, il movimento specifico dei «compagnons» del secolo scorso: si tratta dei tecnici, dei liberi professionisti, dei cosidetti «semi-professionals», la cui mobilità inter-urbana, orientata, come quella degli artigiani di un tempo, da specifiche scelte di lavoro, sopravanza ormai nettamente la residuale mobilità generica, di esodo dalla campagna18.

 

12L’industria edilizia offre un terreno ideale per verificare l’ipotesi della prevalenza dei patterns di mobilità orizzontale (inter-aziendale e inter-settoriale) e della contemporanea degradazione dei valori professionali specifici nella motivazione al movimento, in una situazione caratterizzata da una rapida espansione della domanda di lavoro e da una forte corrente di immigrazione. Essa infatti riunisce in maniera particolare le due condizioni che nel nostro schema teorico, maggiormente influenzano il comportamento di mobilità della manodopera: da un lato, essa presenta una grande permeabilità all’immigrazione e, all’immigrazione dalla campagna in particolare; dall’altro lato, essa presenta una struttura tecnologica che, pur lasciando ampio margine ai mestieri tradizionali, appare in rapido e completo cambiamento.

  • 19 L’espressione è di Pierre George, in Manuale di geografia della popolazione (trad. it.), Comunità, (...)

13La dispersione dei cantieri su tutto il territorio nazionale e quella che è stata chiamata la «predisposizione professionale»19 della gente dei campi verso i lavori edili favoriscono indubbiamente l’afflusso verso questo settore della manodopera d’origine contadina. Né vanno dimenticate le possibilità logistiche che offre il cantiere (anche indipendentemente dall’esistenza di baraccamenti e di mense per le maestranze) ad una manodopera il cui primo obiettivo è l’insediamento nella città di attrazione: le migliaia di cantieri sorti alla periferia delle agglomerazioni urbane in questi ultimi anni, hanno funzionato in realtà come altrettanti centri di raccolta e di inoltramento sul mercato del lavoro urbano degli immigrati provenienti dal meridione.

14Quanto alla struttura tecnologica e produttiva di questo settore, se poteva sembrare ancora «arretrata» alcuni anni or sono, essa è oggi in pieno cambiamento: sotto la spinta della espansione economica, le grandi imprese di costruzioni hanno rapidamente meccanizzato e industrializzato gran parte delle lavorazioni di cantiere, sicché sempre più ridotto appare il margine lasciato all’autonomia dei mestieri tradizionali di muratore, carpentiere o ferraiolo.

15L’interesse, quindi, di uno studio in questo settore nasce dalla situazione di crisi in cui entra il comportamento di mobilità delle maestranze edili, sotto l’urto contemporaneo del cambiamento tecnologico, da un lato, e della fortissima corrente di immigrazione, dall’altro.

2. I risultati della ricerca

  • 20 M. Paci, L’immigrazione di manodopera nel settore dell’edilizia milanese, relazione Ilses (mimeo.), (...)

16I risultati della ricerca possono suddividersi in tre parti: anzitutto ci si è preoccupati di cogliere nelle sue linee generali la recente evoluzione del mercato del lavoro nel settore edilizio milanese. Questo è stato fatto ricorrendo a documenti e dati statistici già pubblicati o raccolti appositamente presso l’ufficio di collocamento, gli enti previdenziali, i sindacati e gli imprenditori privati. Sono state così messe via via in evidenza: l’espansione dell’occupazione e la diminuzione della disoccupazione, l’aumento della concentrazione aziendale, la riduzione delle oscillazioni stagionali dell’occupazione, i cambiamenti tecnologici e produttivi, la carenza di manodopera qualificata e le tensioni del mercato20.

17In secondo luogo si è esaminata la struttura dell’occupazione. A questo scopo i pochi dati esistenti sono stati integrati con una rilevazione apposita, effettuata presso tutte le maggiori imprese di costruzioni milanesi (sette imprese, per un totale di 5.139 addetti, pari al 7,5% circa dell’intera popolazione edile milanese). Le principali variabili «strutturali» considerate sono state l’età, la qualificazione professionale, il luogo di nascita delle maestranze.

18Infine si è presa in esame la dinamica dell’occupazione. Il movimento della manodopera è stato studiato sia come ricambio o turnover inter-aziendale e inter-settoriale, sia come movimento promozionale interno all’azienda. In questo caso, alle fonti già ricordate, si è aggiunta la possibilità di accesso all’archivio del personale di una delle maggiori imprese, già comprese nel campione generale, che ha permesso di riportare su schede Keysort McBee i dati relativi a circa 800 operai in forza presso l’azienda al momento dell’indagine e ad altrettanti operai licenziati o dimessi durante l’ultimo anno.

19Nelle pagine che seguono riferiremo su questi ultimi due punti (struttura e dinamica dell’occupazione edile) esponendo brevemente i dati che sembrano maggiormente significativi.

  • 21 La variazione dell’occupazione edile sulla base dei censimenti industriali del 1951 e del 1961 è st (...)

20È noto che l’impetuosa espansione dell’occupazione nel settore dell’edilizia21 è stata possibile in gran parte per l’afflusso di manodopera dall’agricoltura. Per quanto riguarda Milano ciò si è tradotto in una forte corrente di immigrazione proveniente dalle altre provincie.

21Una rilevazione effettuata dall’ufficio di collocamento di Milano, a partire dal maggio 1960, ci permette di conoscere l’entità della manodopera residente in altre provincie, avviata al lavoro nei diversi settori d’attività milanesi. La tabella 1 mostra come il grado di permeabilità dell’edilizia alla manodopera non residente sia notevolmente più elevato della media. Si noti in particolare come i non residenti avviati in edilizia nel 1962 siano quasi l’85% del totale avviati in questo settore. (Osserviamo tuttavia che l’incidenza percentuale dei non residenti avviati in edilizia sul totale dei non residenti avviati al lavoro diminuisce progressivamente nei tre anni considerati, passando dal 32% del 1960, al 28% del 1961 e al 26% del 1962: segno questo di una certa saturazione del nostro settore e di una progressiva apertura di sbocchi diretti all’immigrazione negli altri settori).

Tab. 1. Percentuale di avviati al lavoro non residenti sul totale avviati al lavoro in edilizia ed in alcuni settori significativi.

1960 (*)

1961

1962

Edili

75,11

71,20

84,55

Metalmeccanici

35,63

36,48

56,31

Impiegati

23,13

21,65

37,02

Totale avviati

38,29

38,39

52,06

(*) Ultimi 8 mesi.

Dati Ufficio di Collocamento di Milano.

22Da dove viene questa manodopera «non residente»?

... fino a 5 o 6 anni fa – ci ha detto uno degli imprenditori da noi intervistati – il 90% della manodopera non lombarda dell’impresa era costituita da veneti, soprattutto delle provincie di Udine e Belluno. Poi sono arrivati i meridionali: oggi i gruppi più numerosi sono i calabresi e i pugliesi. Gli ultimi, in ordine di tempo, sono i sardi.

  • 22 V. G. Peretti, «Notizie sull’immigrazione a Milano attraverso il collocamento dei lavoratori non re (...)

23In effetti, se osserviamo i dati forniti da due rilevazioni effettuate nel 1960 e 1961 dall’Ufficio del Lavoro del Comune di Milano, su un campione di lavoratori edili abitanti ma non residenti a Milano22 possiamo constatare come i gruppi di calabresi, pugliesi e siciliani sopravanzino ormai i veneti e anche i lombardi. In rapido incremento inoltre sembra precisamente il gruppo dei sardi (vedi tabella 2).

Tab. 2. Distribuzione percentuale per regione di provenienza della manodopera avviata al lavoro in edilizia abitante ma non residente a Milano.

Regioni

1960

1961

Regioni

1960

1961

Piemonte-Valle A.

0,48

0,48

Marche

1,24

1,49

Liguria

0,48

0,18

Toscana

1,26

0,97

Lombardia

12,36

9,27

Umbria

0,30

0,48

Trentino A. A.

0,60

0,51

Lazio

0,96

0,79

Veneto

4,98

5,05

Friuli-Venezia G.

2,88

1,71

Emilia-Romagna

3,72

3,49

Italia Sett.

25,50

20,69

Italia Centrale

3,76

3,73

Abruzzi

5,28

4,72

Sicilia

12,18

13,40

Campania

4,92

5,87

Sardegna

2,58

6,26

Puglie

16,62

15,42

Basilicata

3,78

4,66

Calabria

25,38

24,65

Italia Merid.

55,98

55,92

Italia Insulare

14,76

19,66

Dati Ufficio del Lavoro del Comune di Milano.

24Questi dati sono stati confermati dalla nostra rilevazione diretta, relativa al luogo di nascita della manodopera occupata presso una delle maggiori aziende milanesi (vedi tab. 3).

Tab. 3. Distribuzione della manodopera secondo il luogo di nascita (per grandi ripartizioni geografiche)

Valori
assoluti

Valori
percentuali

Milano

74

9,4

Lombardia (*)

212

27,0

Nord (**)

31

4,0

Centro-Veneto

79

10,1

Sud

272

34,7

Isole

111

14,2

Estero

5

0,6

Italia

785

100,0

(*) Escluso provincia di Milano.
(**) Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Emilia e Romagna.

25Può essere interessante osservare la particolare presenza di alcune provincie all’interno di questa origine regionale della manodopera. Una rilevazione più approfondita effettuata presso alcuni cantieri mostra, per esempio, che su 286 operai lombardi, mentre i milanesi risultano essere 74 (pari al 26%), i bergamaschi sono 91 (pari al 32%) e i bresciani 58 (pari al 20%). Analogamente, presso i gruppi meridionali, si riscontravano, per esempio, 26 provenienti dalla provincia di Bari su 46 pugliesi, mentre tra i 74 siciliani oltre la metà provenivano dalle provincie di Messina e di Catania. Presso un cantiere della Metropolitana milanese, si sono raccolti inoltre i dati per comune di nascita: si è appreso così, per esempio, che su 21 lucani provenienti dalla provincia di Potenza ben 19 erano nati nello stesso comune di Latronico; su 11 calabresi della provincia di Cosenza 9 erano nati a Rogliano Calabro e su 15 abruzzesi della provincia dell’Aquila 7 erano del Comune di Sante Marie.

  • 23 V. G. Pellicciari, Condizioni di vita nelle baracche dei cantieri edili: storia di un cantiere tipo(...)

26Appare chiaro, anche da questi pochi dati, come ci sia una tendenza della manodopera immigrata al raggruppamento etnico o «paesano» per cantiere: si tenga presente soprattutto il fatto che il cantiere rappresenta spesso non solo il luogo di lavoro, ma anche, attraverso il sistema dei baraccamenti, il luogo di abitazione per diversi mesi dell’anno23.

27La manodopera meridionale inoltre sembra prevalente nei cantieri di maggiori dimensioni, dove più spinta è l’industrializzazione e maggiore l’impiego di maestranze giovani e non qualificate o solo parzialmente qualificate (vedi tabella 4: dove il cantiere n. 6 è quello della metropolitana milanese).

Tab. 4. Distribuzione della manodopera per cantiere e per ripartizione geografica del luogo di nascita (valori percentuali).

Cantieri

Numero addetti

Lombardia

Centro-Veneto

Sud

1.

21

57,1

14,3

28,6

2.

56

53,6

17,8

28,6

3.

85

40,0

12,9

47,1

4.

107

43,0

15,0

42,0

5.

124

33,1

17,7

49,2

6.

146

15,1

16,4

68,5

7.

233

40,8

10,3

48,9

28A questo proposito occorre osservare che il processo di industrializzazione del cantiere richiede sempre più un tipo di manodopera assai diverso da quella specializzata nelle mansioni tradizionali, anche se queste vecchie maestranze sono oggi, per molte lavorazioni, ancora indispensabili. Due gerarchie professionali si sovrappongono nel cantiere di oggi: da un lato, troviamo le maestranze più anziane, suddivise grosso modo nei due livelli dei manovali specializzati (badilanti, guardiani) e degli operai specializzati (muratori, carpentieri e ferraioli); dall’altro, c’è invece la manodopera, più giovane, formata soprattutto dai manovali comuni e dagli operai qualificati (addetti macchina, aiuto-muratori e aiuto-carpentieri). Si noti, nella tabella 5, l’incidenza delle due classi di età inferiori (meno 25, e 26-35) per queste ultime qualifiche e per il gruppo dei gruisti e addetti macchina (che testimonia della preferenza dei giovani verso le mansioni connesse con la meccanica).

Tab. 5. Distribuzione percentuale per classi di età e qualifica della manodopera (aggregazione in tre sole classi di età).

Classi di età

Qualifiche

- 25

26-35

36 e più

Totale

Capi-squadra e

12,9

31,6

55,5

100,0

capi-muratori

Operai specializzati

17,2

23,9

58,9

100,0

Gruisti, autisti

22,6

52,2

25,2

100,0

meccanici e add. macchine

Operai qualificati

34,1

31,9

34,0

100,0

Manovali specializzati

26,5

27,7

45,8

100,0

Manovali comuni

36,1

27,7

36,2

100,0

29A questa dicotomia della struttura d’età e della qualificazione professionale, corrisponde una dicotomia nella distribuzione per provenienza geografica: la manodopera meridionale appare nettamente prevalente nelle mansioni più «giovani» e maggiormente connesse con la meccanizzazione del cantiere (manovali comuni e operai qualificati), mentre quella centro-settentrionale e lombarda in particolare prevale nelle qualifiche tradizionali dei manovali specializzati e degli operai specializzati (vedi tabella 6).

30Il confronto diretto tra la distribuzione per classi d’età dei due gruppi etnici permette di apprezzare ancora meglio il ricambio di generazione che comporta l’immigrazione di manodopera meridionale (vedi tabella 7): la distribuzione dei meridionali, nella prima e nell’ultima classe di età considerate, risulta quasi esattamente inversa a quella dei centro-settentrionali.

31L’immagine complessiva che si trae dall’esame di queste tre variabili «strutturali» (età, qualificazione, luogo di nascita) è quella d’una netta cristallizzazione dell’occupazione edile in due gruppi, che identificano due diverse ondate migratorie: di queste, la prima (quella lombardo-veneta) è avvenuta prima dell’industrializzazione del cantiere e ha potuto sperimentare una formazione professionale sul posto di lavoro di tipo tradizionale, mentre la seconda (quella meridionale) avvenuta in epoca più recente, ha trovato, almeno in parte, bloccato il meccanismo di apprendimento delle mansioni tradizionali e di ascesa ai livelli specializzati. La manodopera meridionale in tal modo finisce per distribuirsi in quelle mansioni generiche (manovali comuni) o connesse con la parcellizzazione del lavoro (addetti macchina, «aiutanti») che più delle altre appaiono «indifferenti» al cambiamento di mestiere e di settore d’attività. In altre parole, questo tipo di distribuzione accresce la potenziale mobilità inter-settoriale di queste maestranze, la loro «ability to move».

Tab. 6. Qualifiche della manodopera secondo la provenienza regionale.

Regioni

Manovale
comune

Manovale
special.

Operaio
qualific.

Operaio
special.

Totale

Lombardia

47

55

19

171

292

Centro-Veneto

19

18

9

58

104

Sud-Isole

207

39

35

105

368

Totale

273

112

63

334

Lombardia

16,10

18,83

6,51

58,56

100,00

Centro-Veneto

18,27

17,31

8,65

55,77

100,00

Sud-Isole

53,63

10,10

9,07

27,20

100,00

Lombardia

17,22

49,11

30,16

51,20

Centro-Veneto

6,96

16,07

14,29

17,36

Sud-Isole

75,82

34,82

55,55

31,44

100,00

100,00

100,00

100,00

32Prima di esaminare tuttavia la mobilità della manodopera verso l’esterno dell’azienda (turnover), può essere interessante osservare a questo punto il movimento interno della manodopera tra le diverse qualifiche (vedi tabella 8). Da questa tabella appare chiaro che la percentuale di operai meridionali promossi alla categoria degli operai specializzati è inferiore a quella corrispondente degli operai lombardi o centro-veneti, mentre nettamente più alta essa risulta per le qualifiche intermedie. Ciò conferma l’osservazione precedente, relativa alla esistenza nel cantiere di due gerarchie operaie: la manodopera settentrionale, più anziana, conosce ancora una certa promozionalità al livello degli operai specializzati (benché la difficoltà di formazione di queste maestranze sul posto di lavoro si rifletta su tutti i gruppi regionali). La manodopera meridionale invece, conosce una buona promozione alle qualifiche intermedie, soprattutto a quella degli operai qualificati, ma il suo accesso al livello degli operai specializzati appare maggiormente frenato.

Tab. 7. Distribuzione percentuale delle maestranze per gruppo regionale secondo le diverse classi di età.

–25

26-35

36-50

+di 50

anni

anni

anni

anni

Milano

1,1

4,2

9,9

21,1

Lombardia

(+ Piemonte - Liguria)

23,9

26,3

25,9

24,2

Veneto - Trentino

Alto Adige

2,2

5,1

11,8

9,2

Emilia - Marche - Toscana

- Umbria- Lazio

2,2

6,5

4,6

5,6

Campania

6,5

6,0

2,3

1,2

Abruzzi - Molise

12,0

4,2

3,9

2,5

Puglie

4,3

6,9

6,6

4,3

Basilicata

6,5

4,2

6,2

2,5

Calabria

20,6

23,6

13,8

7,5

Sicilia

10,9

8,8

8,8

9,7

Sardegna

9,8

4,2

3,2

1,9

Italia centro-settentrion.

29,4

42,1

52,2

70,8

Italia meridion. e insulare

70,6

57,9

47,8

29,2

Totale

100,0

100,0

100,0

100,0

Tab. 8. Entrati per promozione durante l’ultimo anno per qualifica e per gruppo regionale.

Lombardia

Centro
Veneto

Sud-Isole

Operai specializzati

Occupazione media

183

71

107

Entrati per promozione

13

6

7

% di entrate

7,1

8,5

6,5

Operai qualificati

Occupazione media

19

10

31

Entrati per promozione

11

2

24

% di entrate

57,9

20,0

77,4

Manovali specializzati

Occupazione media

53

21

33

Entrati per promozione

14

5

23

% di entrate

26,4

23,8

69,7

33Il raggiungimento di quest’ultimo livello, in realtà, appare oggi, anche in edilizia, sempre più dipendente dalla formazione ricevuta presso i corsi di addestramento professionale, che in numero crescente vengono aperti per far fronte alla carenza di operai specializzati. Non sembra, tuttavia che la manodopera meridionale attribuisca molta importanza a questa possibilità di ascesa nel mestiere attraverso la scuola:

Riguardo al loro modo di presentarsi – ci diceva il direttore di uno degli istituti operanti nel settore – i meridionali non fanno differenza tra manovale, aiutante e maestro. E qui non sono spinti neppure a cercare un miglioramento professionale effettivo: il salto tra quello che prendevano giù come manovali e quello che percepiscono qui, sempre come manovali, è molto alto per loro (certe volte si tratta di passare da 10/15.000 lire che percepivano al paese, quando poi venivano pagati, alle 35/38.000 lire che prendono a Milano); mentre il passaggio tra manovale e maestro (da 35/38.000 a 42/44.000) è basso, e in più si aggiunge che, per ottenere quest’ultimo avanzamento di qualifica, dovrebbero seguire la scuola serale e perdere spesso le ore straordinarie (difficilmente alla sera escono alle sei, spesso fanno le otto e più). Molti poi, anziché smettere, alla sera vanno ad offrirsi per i lavori della metropolitana e rientrano a mezzanotte o all’una (pochi giorni fa si è dovuto protrarre l’orario di chiusura: dalle 24 all’1).

  • 24 V. M. Paci, relazione citata, p. 173 e ss.

34Questo brano di intervista, come altri da noi raccolti24, descrive assai bene il comportamento «economicistico» dell’immigrato meridionale: il bisogno di guadagno immediato spinge verso il lavoro straordinario piuttosto che verso il perfezionamento nel mestiere.

35La promozione di qualifica d’altra parte non viene associata direttamente ad un aumento della capacità o esperienza lavorativa individuale: nelle rivendicazioni sindacali la «lotta per la qualifica» da parte degli immigrati significa essenzialmente lotta per un aumento collettivo dei minimi salariali. La promozione di qualifica cioè viene svincolata dal sistema dei valori professionali tradizionali (abilità, esperienza, disciplina, ecc.) per assumere il significato di un riconoscimento economico o anche di prestigio di gruppo:

quando vengono in gruppo con i loro capi – ci ha detto un imprenditore – non ammettono di avere altri capi-squadra: si fanno una loro graduatoria e non si può passare qualificato qualcuno che non vogliono.

36Appare chiaro qui, anche se si tratta di un caso limite, il rifiuto di integrarsi nella gerarchia professionale aziendale tradizionale. Non fa meraviglia dunque se al modello di mobilità verticale di ascesa nel mestiere, questa manodopera tenda a preferire un modello di mobilità «orizzontale» che sfrutti piuttosto le opportunità economiche offerte da un mercato del lavoro in espansione.

37L’analisi infatti della anzianità di servizio (tabella 9) e del turnover (tabella 10) delle maestranze mette in luce una altissima instabilità dell’occupazione meridionale. Anche a parità di qualifica, l’anzianità di servizio dei meridionali appare nettamente inferiore a quella degli altri gruppi: si noti in particolare come solo il 3,3% dei manovali meridionali può vantare un’anzianità di servizio superiore ai tre anni (v. tabella 11).

38Rotta la continuità della gerarchia di mestiere sul posto di lavoro, degradati i valori professionali e sostituiti da quelli economici nella motivazione al movimento, spezzati dalla migrazione geografica i precedenti legami aziendali, il lavoratore immigrato viene chiaramente invitato a proseguire la sua esperienza di mobilità sul piano orizzontale, inter-aziendale e, come vedremo subito, inter-settoriale.

Tab. 9. Distribuzione delle maestranze per ripartizione geografica e per classi di anzianità di servizio.

Ripartizione geografica

+ di 6
anni

6-4
anni

3
anni

2
anni

1
anni

Totale

Valori
assoluti

60

92

89

75

80

396

Italia
Centro
Settentrionale

Valori
percentuali

15,2

23,2

22,5

18,9

20,2

100,0

Valori
assoluti

12

26

44

101

200

383

Italia
Meridionale
e Insulare

Valori
percentuali

3,1

6,8

11,5

26,4

52,2

100,0

Tab. 10. Saggio di entrata, uscita e fluttuazione delle maestranze per grandi ripartizioni geografiche.

In forza

Entrata

Uscita

Fluttuaz.

(valori assoluti)

Lombardia

292

155

188

343

Centro Veneto

104

63

95

158

Sud

383

446

423

869

(Valori percentuali)

Lombardia

53,1

64,4

117,5

Centro Veneto

60,6

91,3

151,9

Sud

116,4

110,4

226,9

Tab. 11. Anzianità di servizio per qualificazione e ripartizione geografica di nascita delle maestranze (valori percentuali sul totale regionale di ogni qualifica).

Anzianità di servizio

Lombardia

Centro
Veneto

Sud-Isle

Qualificati

37,8

39,1

71,0

Meno di 1 anno

Manovali

40,4

41,5

83

Qualificati

30,3

34,8

19,3

Da 1 a 3 anni

Manovali

38,4

26,8

13,6

Qualificati

31,9

26,1

9,6

Oltre i 3 anni

Manovali

21,2

31,7

3,3

39Una interessante rilevazione campionaria della Cassa Edile di Mutualità e di Assistenza di Milano ci permette a questo punto di valutare l’entità del movimento interno al settore rispetto alla mobilità complessiva. Più precisamente, questa rilevazione riguarda la percentuale di operai che, avendo lavorato durante almeno due trimestri dell’anno nel settore, ha cambiato di impresa tra un trimestre e l’altro. Gli operai «mobili», cioè, risultano per ogni cambiamento effettuato in trimestri differenti dell’anno, mentre risultano una sola volta per tutti i cambiamenti effettuati all’interno di uno stesso trimestre: il lasso di tempo di un trimestre tuttavia è sufficientemente ristretto per cogliere la grande maggioranza dei passaggi inter-aziendali (vedi tabella 12).

Tab. 12. Mobilità interaziendale all’interno del settore.

Anni

Operai «mobili»

1954

21,3

1955

20,7

1956

17,3

1957

15,2

1958

14,8

1959

12,6

1960

14,8

1961

11,3

Fonte: Rilevazione trimestrale della Cassa Edile di Mutualità e di Assistenza di Milano.

40I dati di questa tabella mostrano chiaramente una progressiva diminuzione durante gli ultimi anni del movimento intra-settoriale: l’altissimo turnover che, come abbiamo visto, tuttora si registra presso le imprese di costruzioni milanesi, sembra quindi sempre più imputabile ad un movimento inter-settoriale, tra l’edilizia e gli altri settori produttivi.

41Sembra verificata in tal modo l’ipotesi, formulata in principio, di una prevalenza della mobilità inter-settoriale della manodopera, in una situazione di rapida espansione dell’occupazione e di forte immigrazione.

  • 25 Collegio imprese edili di Milano e provincia, Relazione del Consiglio Direttivo per l’anno 1962 (bo (...)

42Benché, sulla base di questi dati non sia possibile riferire ad alcun gruppo regionale in particolare questo movimento inter-settoriale, possiamo ritenere che esso sia prevalentemente il fatto della manodopera meridionale: tutti gli imprenditori da noi intervistati hanno sottolineato concordemente la «fuga» della manodopera immigrata dal loro settore, soprattutto dei giovani. D’altra parte in una situazione di piena espansione del settore, caratterizzata dalla riduzione delle oscillazioni stagionali e da una acuta carenza di operai specializzati25, sembra poco verosimile che la manodopera settentrionale più anziana e più qualificata abbandoni il settore: è probabile anzi che essa conosca una particolare stabilità di lavoro e che la diminuzione del movimento interno al settore sia da imputarsi proprio alla diminuita mobilità specifica o di mercato di queste maestranze lombarde e venete.

43In definitiva, mentre l’espansione economica ha indotto le imprese ad aumentare la stabilità delle locali maestranze specializzate, diminuendone la mobilità sul mercato, la industrializzazione del cantiere ha impedito la formazione dei rincalzi e l’integrazione al settore della manodopera meridionale: ad un aumento della rigidità dell’offerta di lavoro specializzato, si cumula l’effetto del movimento di fuga inter-settoriale delle giovani leve immigrate.

44Indubbiamente l’altissima mobilità di queste maestranze immigrate può venire interpretata in termini di ascesa sociale. Ma è certo legittimo il dubbio: come esperiscono questa situazione i giovani immigrati? Non può essa essere interpretata in termini di disadattamento e di anomia? A queste domande non poteva rispondere evidentemente la nostra ricerca, diretta ad individuare i dati istituzionali e di comportamento, preliminari ad ogni approfondimento ulteriore, d’ordine psico-sociologico.

Torna su

Note

1 Di questa serie di ricerche fa parte quella presentata da L. Balbo su questa rivista (L. Balbo, «Un aspetto dell’integrazione degli immigrati in una grande città», in Quaderni di Sociologia, XI (3), 1962, relativa alle condizioni d’insediamento degli immigrati). Anche la nostra ricerca è stata condotta sotto la direzione del prof. A. Pizzorno.

2 Una ricerca di maggior respiro sulla mobilità delle forze di lavoro milanesi è attualmente in corso presso l’Ilses: essa si basa sulla rilevazione della situazione di lavoro (professione, posizione nella professione, ramo d’attività, azienda), alle due date dell’ottobre 1958 e dell’ottobre 1963, per circa 8.000 lavoratori, facenti parte di un campione pari all’1% delle famiglie abitanti a Milano. Ciò è stato possibile mediante l’inserimento di un modulo apposito nella rilevazione trimestrale delle forze di lavoro dell’Istat.

3 A queste condizioni di fatto corrispondeva l’ipotesi d’una infinita elasticità dell’offerta di lavoro, formulata dagli economisti classici. Situazioni di carenza di manodopera erano del tutto eccezionali: in ogni caso per fronteggiarle era essenzialmente all’incremento naturale della popolazione che si pensava (vedi un esempio in A. Smith, in Wealth of Nations, ed. Modern Library, p. 70: nelle colonie d’America, dove la popolazione raddoppiava ogni 30 anni, «...nonostante il grande incremento demografico dovuto ai matrimoni precoci, si lamenta di continuo la mancanza di lavoratori… Una giovane vedova con 5 o 6 figli, che avrebbe ben poche possibilità di trovare un secondo marito in Europa, è corteggiata come se si trattasse di una buona occasione...»). Nello stesso ordine di idee, Malthus, nel Principio della popolazione, teorizzava la mortalità come mezzo di aggiustamento del mercato.

4 Tipica, da questo punto di vista, è la situazione dell’Inghilterra nel periodo tra le due guerre: per far fronte alle trasformazioni della domanda, più che ricorrere ad una politica di riconversione delle forze di lavoro, si suggerisce di sfruttare le riserve della disoccupazione e di realizzare un sistema di incentivi che favorisca lo spostamento geografico della popolazione da un’area all’altra del paese (vedi W. Beveridge, Unemployment, a Problem of Industry, Londra 1919, p. 114 e ss.). A questo proposito, significativa è l’accentuazione che, nelle prime ricerche inglesi sulla mobilità della manodopera, viene data alla «propensity to move», misurata in termini di distanza geografica e differenza tra i tassi di disoccupazione dell’area di espulsione e di quella di attrazione (v. H. Makover, J. Marschak e H. W. Robinson, Studies in Mobility of Labour: A Tentative Statistical Measure, in Oxford Economic Papers, 1938).

5 Sul rapporto tra investimenti e occupazione e sulla funzione della «disoccupazione di equilibrio» nel pensiero keynesiano, rimandiamo a P. Sylos Labini, Oligopolio e progresso tecnico, Giuffrè, Milano 1957, p. 172 e ss. Si veda inoltre il tentativo di definire questa «disoccupazione di equilibrio» in termini operativi per l’economia inglese, in un importante articolo di V. W. Paish, apparso sul Financial Times del 14 settembre 1960.

6 Vedi da ultimo, il numero unico di Sociologie du Travail (ottobre-dicembre 1963), curato da J. D. Reynaud, su «Formation et promotion dans l’entreprise».

7 V. E. Dolléans, Histoire du travail, Parigi 1943 (1a ediz.), p. 61; v. anche il Journal d’un compagnon faisant son tour de France di Agricol Perdiguier, detto Avignonnais la Vertu, scritto nel 1854 e riedito da Halevy, nei Cahiers du Centre, Parigi 1914. Per i mestieri edili, in cui questo nomadismo professionale si è più a lungo conservato, v. B. Cacerés, Les metiers du batiment, Ed. du Seuil, Parigi 1955.

8 V. L. Chevallier, La formation de la population parisienne au XIX siècle, Colin, Parigi, soprattutto pp. 203-204.

9 V. G. L. Palmer, «Interpreting Patterns of Labor Mobility», in Bakke e altri, Labor Mobility and Economic Opportunity, in cui si esamina l’influenza esercitata dall’attaccamento «affettivo» al mestiere e dalla scarsa propensione al movimento della manodopera sul declino delle industrie tessili e di altre «contracting industries» di Philadelphia.

10 H. Parnes, Research on Labor Mobility, ed J. Wiley & S., New York 1954. An Appraisal of Research Findings in the United States, p. 95, con bibliografia conforme al testo.

11 V. A. Touraine e O. Ragazzi, Les ouvriers d’origine agricole, ed. du Seuil, Parigi 1960, p. 3 e ss.; v. anche F. Alberoni, «Osservazioni sui consumi come agire dotato di senso nel processo di sviluppo economico italiano», in Rassegna italiana di sociologia, gennaio-marzo 1963, p. 53 e ss.

12 V. Svimez, Progresso economico e strutture formative nell’Italia del 1975 (bozze di stampa), gennaio 1963, cap. III: «Il meccanismo di autopropulsione e le sue condizioni», p. 46 e ss.

13 V. Assolombarda, Il ricambio della manodopera, pubblicazione apparsa nel 1960 e 1961.

14 N. Foote, «The Professionalization of Labor in Detroit», in Am. Journ. of Sociology, gennaio 1953, pp. 371-380.

15 N. Foote, «The Movement From Jobs to Careers in American Industry», Atti del Terzo Congresso Internazionale di Sociologia, tomo II, Londra 1956.

16 G. René Tréanton, «Le concept de carrière», in Revue Française de Sociologie, 1960, 1, pp. 73-80.

17 V. la serie dei saggi annuali di Turnover nell’industria manifatturiera americana, riportata e commentata da Wojtinsky, in Three aspects of Labor dinamics, Washington 1942. V. «La mobilité du Travail aux états Unis», in Rev. Internationale du Travail, 1959. V. Ph. Madinier, «La mobilité du Travail aux états Unis et en France», in Revue économique, 1959.

18 Questa sembra essere la situazione che caratterizza oggi il movimento geografico interno negli Stati Uniti; v. R. Freedman, Recent Migration to Chicago, Univ. of Chicago Press., Chicago 1950, p. 191 e ss. (in particolare la distribuzione degli immigrati nella piramide occupazionale appare addirittura migliore di quella della popolazione locale).

19 L’espressione è di Pierre George, in Manuale di geografia della popolazione (trad. it.), Comunità, Milano 1962, p. 246 («Le trafile»).

20 M. Paci, L’immigrazione di manodopera nel settore dell’edilizia milanese, relazione Ilses (mimeo.), febbraio 1963, pp. 71-123.

21 La variazione dell’occupazione edile sulla base dei censimenti industriali del 1951 e del 1961 è stata del + 64,11% per l’Italia, del + 82,96% per l’Italia Settentrionale e del + 132,25% per la provincia di Milano.

22 V. G. Peretti, «Notizie sull’immigrazione a Milano attraverso il collocamento dei lavoratori non residenti», in Studi e Documenti del Comune di Milano, n. 19; G. Pranzo, Aspetti dell’immigrazione a Milano, Ufficio Studi del Comune, 1963, p. 109 sgg.

23 V. G. Pellicciari, Condizioni di vita nelle baracche dei cantieri edili: storia di un cantiere tipo, relazione Ilses (mimeo.), febbraio 1963.

24 V. M. Paci, relazione citata, p. 173 e ss.

25 Collegio imprese edili di Milano e provincia, Relazione del Consiglio Direttivo per l’anno 1962 (bozze di stampa), pp. 215-216.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Massimo Paci, « Immigrazione di manodopera e mobilità del lavoro nell’industria edilizia milanese (1963) »Quaderni di Sociologia, 26/27 | 2001, 227-247.

Notizia bibliografica digitale

Massimo Paci, « Immigrazione di manodopera e mobilità del lavoro nell’industria edilizia milanese (1963) »Quaderni di Sociologia [Online], 26/27 | 2001, online dal 30 novembre 2015, consultato il 04 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1604 ; DOI : https://doi.org/10.4000/qds.1604

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search