Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri26/27Lavoro, dirigenti, sindacatiTecnologia, disoccupazione, orari...

Lavoro, dirigenti, sindacati

Tecnologia, disoccupazione, orari: il dilemma sindacale (1995)

Bruno Manghi
p. 337-348

Testo integrale

11. Anche l’osservatore meno appassionato avrà notato come, nell’arco di pochi mesi, il dialogo pubblico nazionale intorno alla questione del lavoro e della sua ripartizione possibile si sia pressoché spento.

2Il grande accordo confederale del ’93 e l’attuale stagione contrattuale si sono dedicati ad altri, pur importanti, aspetti dell’economia e delle relazioni industriali. La legislazione sull’orario avviata dal ministro Giugni, è rimasta ferma. Sono numerosi i contratti di solidarietà fondati sulla riduzione d’orario per valicare crisi aziendali ma, come vedremo, si tratta di un fenomeno piuttosto marginale rispetto alla questione generale del rapporto tra orari, andamento delle imprese, occasioni di lavoro.

3D’altra parte già nel decennio ottanta la discussione sulla necessità di ripartire il lavoro aveva attraversato momenti di grande fortuna e momenti di scarso interesse.

4Eppure proprio in quel decennio per la prima volta il quadro intermedio e militante del sindacato comincia a sperimentare come lo sviluppo tecnologico sia in grado di spingere la produttività a ritmi di crescita tali che solo una crescita «miracolosa» della domanda potrebbe eguagliare impedendo l’altrimenti inevitabile perdita di posti.

5Il lavoro diventa scarso anche nella congiuntura favorevole quindi va ripartito.

6Ragionevolmente si può ipotizzare che la proposta di suddividere tra più persone il lavoro (regolare) disponibile trova consenso quando i processi di ristrutturazione tecnica e le difficoltà di mercato toccano gli storici santuari della quasi piena-occupazione del Centro-Nord, mentre si indebolisce ai primi accenni di ripresa, malgrado permangano aree destinate ad alti tassi di disoccupazione e interi gruppi sociali restino ai margini del lavoro.

7Ma si può altresì pensare alle forme e al clima in cui viene proposta la ripartizione del lavoro; esse possono generare una reazione negativa che trae origine da un umore sociale profondo, formatosi in lunghi decenni di sviluppo, a dispetto delle battute di arresto e della consistente minoranza degli esclusi.

8In pratica è difficile ammettere che il progresso tecnologico abbia cessato di essere al centro d’uno sviluppo che promette insieme lavoro e benessere.

9Tuttavia limitiamoci ad esaminare gli atteggiamenti di uno tra gli attori decisivi: il sindacato. Dove per sindacato intendiamo ovviamente sia le organizzazioni e i loro gruppi dirigenti, sia il non trascurabile numero di lavoratori dipendenti che ne rappresentano la base attiva.

 

102. Il sindacalismo di ogni tempo conosce o teme la scarsità di occasioni di lavoro.

11Anzi si può sostenere che il sindacalismo storico ha il suo motivo originario proprio nell’opposizione a molteplici fenomeni di scarsità; alle insidie che colpiscono il livello di reddito, la sicurezza, le condizioni di lavoro.

12Esso si è autodefinito come un movimento di «resistenza» e per decenni l’esperienza rivendicativa si è intrecciata con quella della mutualità, dell’organizzazione pratica delle solidarietà elementari di fronte all’irrompere di novità, quasi sempre distruttive degli equilibri vitali.

13Sia pure con consistenti differenze dovute alla mondializzazione dell’economia e delle comunicazioni, riviviamo questo scenario in numerosi paesi del mondo terzo o quarto: dall’America Latina all’Africa a non poche nazioni asiatiche, dove appunto il sindacalismo muove i primi passi.

14La risposta originaria del sindacato riguarda generalmente la difesa delle «tariffe» e delle condizioni di lavoro nelle situazioni sfavorevoli di mercato, non di rado indotte da grandi innovazioni tecniche.

15Essa è differenziata. Da un lato i gruppi professionali, di mestiere, che costituiscono generalmente le prime radici del movimento, cercano di consolidare le prerogative della professione, di controllare gli accessi. Talvolta si spingono a fronteggiare le innovazioni tecniche che li insidiano.

16Per la manodopera più generica, i braccianti padani, i mietitori e i boscaioli nordamericani, i muratori che costruiscono la grande Parigi ottocentesca, i manovali irlandesi dei porti britannici di inizio secolo, si alternano a lotte sulle tariffe tentativi di controllare il mercato del lavoro (le bourses du travail appunto) onde evitare la selezione contro i più attivi sindacalmente e i più bisognosi.

17Ma non c’è per lungo tempo un tentativo globale di fronteggiare la disoccupazione. Al massimo si cerca di attenuare la concorrenza, di conseguire patti meno aleatori.

18La traccia di tale esperienza è viva nelle teorie classiche del sindacalismo.

19Gran parte della cultura socialista e marxista insistono, pur tra grandi divisioni, nel segnalare i limiti e le illusioni di un impegno «puramente» sindacale, unionista come si diceva con un certo disprezzo, per una emancipazione dei lavoratori dipendenti.

20L’idea della scarsità e della resistenza sono viceversa centrali in altre scuole di pensiero, nella teoria del Tannenbaum e soprattutto di Selig Perlman, tese appunto ad esaltare e a preservare da ideologismi il tentativo sindacale di contrastare la violenza delle innovazioni e la ricorrente sfida al «job» intorno al quale si formava l’autentica coscienza del lavoratore.

21Anche il corporativismo cristiano sceglie di consacrare le differenze gerarchiche, la stratificazione ineguale delle condizioni sociali, a patto però di garantire a ciascuno una sicurezza minima, la prevedibilità del proprio destino e di quello famigliare. Operazione a cui nella pratica si dedicarono i promotori di grandi esperienze «paternaliste», sia di ispirazione religiosa sia di tutt’altra origine culturale.

22Tuttavia possiamo ritenere che solo a secolo ormai avviato grandi sindacati nazionali si posero globalmente il problema dell’occupazione e del mercato del lavoro in generale.

23Di fronte ai cicli sfavorevoli e alla concorrenza dell’«esercito di riserva», si individua generalmente l’avversario in una borghesia dedita alla rendita piuttosto che all’investimento produttivo, e ai poteri pubblici da essa dominati.

24Ma tale intuizione, che peraltro denotava come il sindacalismo fosse pervenuto ad una nozione generale del lavoro, e quindi ad una dimensione confederale, aveva per conseguenza di allontanare dai poteri sindacali l’area della questione. Si trasferiva la soluzione del problema a livello dei grandi movimenti politici.

25Questa disgressione ha il compito di proporre due affermazioni: la prima che il sindacalismo coltiva inevitabilmente fin dalle origini una sensibilità vigile intorno a tutti i fenomeni di scarsità legati al lavoro, anzitutto la scarsità del lavoro stesso. La seconda è che, se si escludono pensatori isolati, solo di recente la problematica della ripartizione del lavoro attraverso la riduzione degli orari è diventata davvero significativa e centrale nelle scelte strategiche, almeno nella vecchia Europa.

26Una scelta che ovviamente si delinea quando la tecnologia comincia ad essere vista in contrasto con l’obbiettivo della piena occupazione.

27Se davvero la strategia della riduzione dell’orario risultasse plausibile ne deriverebbero conseguenze notevoli circa l’importanza dei diversi attori sociali.

28Quando infatti la disoccupazione viene fronteggiata con politiche pubbliche di ascendenza keynesiana, è chiaro che il pur importante ruolo del sindacato è quello di pressione (piani del lavoro ecc.).

29Se invece si perviene ad una ripartizione del lavoro (regolare ed appetibile) disponibile, la contrattazione e la concertazione tra le parti sociali conquistano una posizione centrale.

 

303. Il caso del sindacato italiano presenta qualche peculiarità: il nostro sindacalismo si è distinto insieme a pochi altri per una sensibilità ai temi macroeconomici e per una relativa apertura verso il mutamento tecnologico. È stato vero nel dopoguerra, ma anche la generazione di Rinaldo Rigola non manca di forti intuizioni anticipatrici.

31Così, quando Ferrarotti illustrava tra i primi nel dopoguerra l’esperienza nord americana e con essa la resistenza all’innovazione, ai limiti del luddismo, dei tipografi e dei portuali d’oltre oceano, in Italia il sindacato si interroga invece sul mutamento tecnico, superando l’ottica di quanti vi scorgevano solo «super-sfruttamento». Si sceglieva insomma la via contrattualista, improntata ad una fondamentale fiducia nella positività dell’innovazione.

32È probabile che la relativa apertura italiana a visioni economiche di insieme e alla modernizzazione tecnologica ed organizzativa, sia in parte dovuta alla struttura associativa, fondata su grandi federazioni di settore piuttosto che su identità professionali o strettamente aziendali.

33Così in Italia si comincia presto a voler negoziare sia l’intensità del lavoro sia la sua durata.

34Ma fino al termine degli anni ’70 la riduzione dell’orario, la conquista delle ferie, del sabato libero, dei congedi per maternità e studio, è principalmente mossa da una volontà di liberazione rispetto alla gravosità del lavoro.

35Solo la lotta contro gli straordinari, peraltro di incerto esito, è più direttamente collegata all’occupazione.

36Il rapporto tra regime degli orari e opportunità di occupazione diventa un punto strategico con la crisi dell’80-81, crisi che coincide con una stagione di grandi investimenti tecnici.

37La CISL per prima sposa senza remore la tesi della ripartizione. Non a caso era stata la promotrice della presentazione in Italia delle tesi di Andrè Gorz. Occorre sottolineare che per la CISL assumere come criterio rivendicativo la riduzione dell’orario era funzionale al fatto che questa Confederazione aveva ritenuto non più praticabile la via maestra delle rivendicazioni acquisitive tipiche del decennio precedente ed era giunta a mettere in discussione lo storico sistema degli automatismi salariali.

38Pur nelle divisioni di quegli anni il sindacato si trova rapidamente concorde nel tentare la manovra della riduzione dell’orario, a fini di salvaguardia dell’occupazione, attraverso la contrattazione nazionale di categoria.

39Tesi comuni in Europa anche alla CFDT francese e alla potente IG Metall tedesca.

40Possiamo dire che fino alla cruciale conquista delle 40 ore e delle tre settimane di ferie minime, è in questione il miglioramento e il riequilibrio della vita personale rispetto ai vincoli del lavoro.

41Il tentativo di scendere sotto le 40 per via negoziale o legislativa (le 39 ore del governo socialista francese) vuole invece difendere l’occupazione, quanto meno quella della media e grande impresa industriale che sta entrando in un lungo ciclo di ristrutturazione e «snellimento».

42Col tempo ci si rende però conto di quanto lenta sia l’erosione dell’orario settimanale e della modestia dei risultati. Anche perché intanto le imprese avanzano la «loro» rivendicazione: flessibilità delle prestazioni per adattarsi alle richiesta dei mercati.

43Senza contare che proprio nei primi anni 8o abbiamo gli investimenti più spinti in direzione dell’automazione. Cosicché si assiste al fenomeno che il ritorno al successo non significa assolutamente, per grandi settori, un ritorno alla precedente capacità di offrire lavoro. Un fenomeno su larga scala che fino ad oggi era stato sperimentato solo nelle grandi trasformazioni dell’agricoltura.

44Il bilancio si presenta quindi piuttosto deludente, anche per il difficile rapporto tra l’ala militante del sindacato e la media dei lavoratori.

45L’orario ridotto ma flessibile ha infatti la proprietà di far lavorare in orari sgradevoli e lasciare libere ore e giorni non particolarmente appetibili, in una cultura abituata ad una rigida scansione dei giorni e delle settimane.

46Ma poi la riduzione è stata davvero quella che pensiamo? Come sono gli orari di fatto, in un sistema fondato sulle piccole dimensioni di imprese e quindi sull’informalità.

47Inoltre la riduzione d’orario se è reale, anche quando non riduce le retribuzioni, mortifica le attese di sensibili miglioramenti economici. E i destinatari dell’eventuale rinuncia solidale restano per lo più ignoti, cosicché ad apprezzare lo scambio rinuncia-solidarietà sono soltanto gli ambienti di lavoro o le realtà locali dove troviamo un forte spirito comunitario.

48Infine, sopravviene la grande gelata del 92 e la politica delle riduzioni si concentra sui contratti di solidarietà in contrapposizione ai licenziamenti e ai tradizionali ammortizzatori sociali.

49Il successo statistico non manca. I contratti di solidarietà si moltiplicano anche grazie ai forti incentivi offerti dal governo. Essi hanno certamente un significato simbolico, ma è del tutto improbabile che per tale strada si arrivi ad una ripartizione stabile del lavoro. Per due motivi. Il primo è che il contratto di solidarietà è per natura un accordo di transizione (anche alla celebrata VW) che prevede una forte ripresa dell’azienda nel medio periodo. Il secondo è che esso stabilisce una tregua temporanea tra due gruppi di lavoratori: quelli destinati ad essere considerati in esubero e quelli che si ritengono «insostituibili» o in ogni caso forti sul mercato.

50Inutile sottolineare il valore etico e civile della formula, sbagliato farne il primo passo di una rivoluzione degli orari di una strategia generale.

 

514. Dopo più di un decennio di esperienze, dibattiti, acquisizioni di conoscenze, il dilemma del sindacato italiano ed europeo si è fatto più preciso.

52È venuta formandosi la convinzione che anche una normale ripresa non porterà automaticamente il tasso di disoccupazione a tassi accettabili.

53Si imputa tale esito a tre fattori: le continue innovazioni tecniche ed organizzative e l’ingresso di nuovi concorrenti nel mercato mondiale fanno sì che una crescita ordinaria delle domande di beni e servizi non è in grado di mettere in moto tutte le energie produttive del vecchio continente; la riorganizzazione risparmiatrice di lavoro riguarda anche l’intero settore dei servizi e d’altra parte l’area protetta del servizio pubblico non può ormai espandersi a compensazione.

54Naturalmente esistono cospicue eccezioni in questa dinamica. Per esempio distretti produttivi le cui condizioni climatico ambientali scoraggiano l’offerta di lavoro (estremo Nord), zone che dimostrano capacità fuori del comune nell’adattarsi alla domanda internazionale di beni (Nord-est italiano), settori privati e pubblici che continuano ad operare in regime di monopolio senza sconvolgenti riorganizzazioni.

55Si sa anche che la scarsità di lavoro disponibile non è assoluta. Esiste e cresce un settore informale i cui lavori non sono sufficientemente redditizi per diventare regolari; esistono lavori regolari che per ragioni retributive ma soprattutto di considerazione sociale vengono rifiutati dai cittadini italiani ed europei. Senza contare il fenomeno ingente del secondo lavoro, delle ore lavorate fuori da contratto. Di qui il paradosso dei disoccupati operosi e degli immigrati addetti al lavoro rifiutato.

56Insomma anche il sindacato sa, anzi lo percepisce in anticipo, che la scarsità si riferisce al lavoro «appetibile». Ma ciò non modifica la condizione negativa del mercato, se per mercato intendiamo quello effettivamente frequentato dai cittadini e non quello statistico.

57Il sindacato sa anche che forse in alcune aree europee, tra cui gran parte d’Italia, la flessione demografica porterà nel giro di alcuni anni ad una urgente richiesta di lavoratori immigrati. Ma intanto si accalcano alle porte dell’occupazione giovani che non trovano il lavoro atteso, mentre le espulsioni cominciano a riguardare pesantemente gli specialisti, i quadri, i colletti bianchi.

58E qui sta un’altra aggressiva novità: il miglioramento delle macchine e dei processi tecnici si congiunge a riorganizzazioni che modificano la logica tradizionale, sia della manifattura sia dell’azienda di servizi. Mirare al mercato, al cliente, alla qualità, implica una restrizione di ruoli di controllo, comando e sorveglianza che erano tipici del modello precedente.

59La percezione di questi fenomeni non può che rafforzare nel sindacato la tesi favorevole alla ripartizione attraverso la compressione sensibile degli orari.

60Ma qui si impone una considerazione paradossale.

61Da quando il sindacalismo europeo ha iniziato la sua campagna sugli orari, se escludiamo i metallurgici tedeschi, ha limato l’orario in modo avvertibile ma non risolutivo (in media del 5%-6% nell’arco di circa otto anni).

62Ma se osserviamo anziché l’orario settimanale o mensile la vita lavorativa, scopriamo che in venti anni c’è stata una riduzione molto più sensibile.

63Teniamo presente che si va al lavoro assai più tardi nella giovinezza e lo si lascia ben prima d’un tempo.

64Aggiungiamo le ferie, i congedi, l’assenteismo legale, i periodi di inattività coperti da meccanismi del tipo cassa integrazione. Confrontiamo la media di alcuni paesi europei con il nord-America e l’Asia.

65Il salto c’è stato quindi, paradossalmente non quando si è imposto il nesso orario-occupazione, ma quando si sono rivendicati spazi liberi dal lavoro senza punire sensibilmente le retribuzioni.

66Non a caso in questi mesi è iniziata in Germania una campagna ostile agli orari dei lavoratori tedeschi, giudicati troppo ridotti al confronto di quelli delle nazioni concorrenti.

67Si è inoltre visto con chiarezza che la proposta di ripartizione viene vissuta da una parte notevole della società, e anche dei lavoratori dipendenti, come una proposta estrema, depressiva, un invito all’austerità che può valere solo momentaneamente, ma urta con una sostanziale fiducia nello sviluppo. Fiducia connessa, nel caso italiano, con una diffusa operosità, una tendenza profonda a rispondere con il lavoro, con più lavoro, alle difficoltà e alle attese disseminate nella vita individuale e collettiva. Questo tratto culturale emerge fortemente nel settore del lavoro autonomo il quale, contrariamente a quanto spesso si afferma, rappresenta in molte regioni italiane un riferimento positivo anche per i lavoratori dipendenti, e si svolge con orari di fatto elevatissimi.

68Le difficoltà storiche e culturali che si frappongono alla proposta trovano in gran parte dell’imprenditoria un rafforzamento. A dire il vero la volgata delle principali associazioni imprenditoriali non spicca per originalità e neppure per plausibilità.

69In parte ricalca il tradizionale ottimismo secondo il quale la ripresa della domanda porterà ad una netta discesa della disoccupazione. In parte insiste sulla necessità di una più veloce mobilità della manodopera. Si tratta di un argomento non privo di buone ragioni. Ma anche ove fosse realizzata una migliore mobilità si ridurrebbe (e non è pochissimo) quella quota di disoccupazione che deriva dal difficile incontro tra domanda ed offerta, prolungando i tempi della ricerca e dell’attesa del lavoro.

70Tuttavia anche punti di vista autorevoli e assai più prossimi alla sensibilità sindacale non paiono puntare tutto sulla ripartizione, pur muovendo dalla convinzione che la tecnologia riduce le opportunità tradizionali di lavoro.

71Si veda principalmente il noto rapporto Delors. Qui la prospettiva è principalmente quella di sviluppare in Europa settori e sistemi d’avanguardia, in grado di rafforzate la competitività del continente e di produrre ricchezze oltre che nuovo lavoro.

72Altro lavoro, una volta accresciuto il reddito disponibile, si avrebbe nei servizi alle persone, settore a sicura capacità occupazionale, ma che appunto richiede risorse da spendere da parte della famiglia e della persona.

73Solo in questo quadro si potrebbero e dovrebbero attuarsi regimi di orario facilitanti una maggiore occupazione. Ma non è un caso che nel rapporto si segnalino i successi di Olanda e Danimarca, la cui capacità di ridurre l’orario medio è dovuta in larga parte alla straordinaria diffusione dei lavori a tempo parziale. Dove naturalmente ci domandiamo quanto di coatto e subìto e quanto invece di ragionevolmente scelto c’è in tale condizione (comunque assai più equa ed egualitaria di quella che consente la crescita della disoccupazione di lunga durata).

74In conclusione la fiducia in una semplice operazione di forte e simultaneo abbassamento dell’orario medio (con ovvi sacrifici retributivi) risulta scarsa.

75Tuttavia nessun altro attore sociale può suggerire al sindacato ipotesi alternative che escludano le manovre sugli orari. Non può essere una manovra esclusiva, dal momento che nuovo lavoro va creato senza limitare e ripartire quello consolidato, e che ovviamente le questioni dei costi, della flessibilità, della mobilità, sono molto serie. Nè si può ottenere un buon risultato agendo principalmente sull’orario settimanale o annuale; occorre prevedere vari regimi di orario, anche perché la vita lavorativa tornerà ad allungarsi inseguendo la crescita della vita media.

 

765. Il dilemma in cui viene a trovarsi l’attore sindacale europeo si esercita su un oggetto nuovo: la possibilità di un ciclo economico positivo senza grandi riflessi sull’occupazione.

77Esso ha ormai elaborato una nozione matura ed equilibrata del fenomeno tecnologico. Continua a considerarlo decisivo e inarrestabile, tanto più che in non pochi casi si è dimostrato capace di eliminare aspetti brutali e violenti del lavoro. Ma avverte che esso non può più che ridurre le opportunità di lavoro appetibile sia nell’industria sia nei servizi. La differenza rispetto a quanto è avvenuto con la modernizzazione tecnica dell’agricoltura sta nel fatto che oggi non si vede con chiarezza un settore dove possano emigrare gli «eccedenti» del settore modernizzato o quantomeno i loro figli. Se non in una zona di lavori marginali che la tradizione europea rifiuta. La riduzione dell’orario, sia pure riformulata in modo assai diverso dal tentativo frustrante di abbassare l’orario settimanale, resta perciò una risposta convincente. Ma non sembra per ora convincere a fondo il corpo sociale. Va sottolineato cioè che l’Europa storicamente tende ad impedire il consolidarsi di due mercati del lavoro contrapposti, di permettere cioè che un grande settore dell’economia consenta legalmente e contrattualmente condizioni di lavoro e retribuzione radicalmente inferiori. Un’ipotesi che, se accettata, consentirebbe in Italia e in Europa di riportare statisticamente tra gli occupati svariati milioni di senza lavoro. Ma è pur sempre una possibilità che non si può semplicemente rigettare, senza contrapporvi altre soluzioni.

78Sembra in gioco non solo un ideale astratto di uguaglianza minima tra cittadini, in una cultura che ancora affida al lavoro tanta importanza delle definizioni del ruolo sociale, ma addirittura un rischio per l’ordine quotidiano della convivenza.

79Il quale risulterebbe insidiato sia dalla logica dei due mercati del lavoro, sia dal permanere di alti tassi di disoccupazione in una fase di minore protezione sociale pubblica.

80Ma un’eventuale scelta europea che intendesse contenere la diseguaglianza e quindi agire anche sul sistema degli orari oltre che nella creazione di lavori è qualcosa di più di una strategia economico sociale.

81Essa implica la revisione di convinzioni profonde e diffuse.

82Anche l’ultimo Gorz è costretto ad accostare due punti di vista contrastanti. Per un verso coglie l’opportunità tecnica, legata allo sviluppo scientifico e di mercato, per rendere meno pervasivo il lavoro salariato. Poiché appunto ne serve assai meno a parità di ricchezza prodotta.

83Poi deve però riconoscere che senza lavoro le persone soffrono una esclusione dalla cittadinanza, anche a prescindere dal livello di reddito. Di qui la drastica proposta di ripartizione.

84Ma questo esito non è oggi nel cuore e nella testa di milioni di lavoratori europei.

85Forse allora bisogna prevedere la possibilità di sperimentare formule di orario ridotte e diverse per i gruppi sociali più predisposti.

86I due principali sono i giovani e gli anziani. Se i giovani potessero cominciare a lavorare prima, conservando il tempo per altre attività liberamente scelte, probabilmente accetterebbero proposte di tempo parziale e di discontinuità più facilmente di uomini e donne duramente impegnati ad ottenere un reddito «pieno».

87Analoga la proposta per gli anziani che potrebbero evitare l’alternativa rigida lavoro-pensionamento, attraverso l’incentivazione di occupazioni a tempo parziale.

88Qui si inserisce un’altra variabile di grande importanza.

  • 1 Devo a Mario Deaglio il suggerimento ad esaminare questi aspetti della questione orario.

89È stato notato che l’orario di lavoro tende ad allungarsi e comunque a non ridursi, su iniziativa dei singoli, quando essi sono impegnati nell’acquisizione di importanti consumi privati, diventati in qualche modo un obbligo sociale (auto, arredo della casa, vacanze, elettrodomestici, strumenti di comunicazione ecc.)1.

90Tutto ciò implica uno sforzo notevole e concentrato per consolidare una capacità d’acquisto compatibile con il modello di consumo.

91È perciò probabile che l’affermarsi di altri modelli più orientati a beni diversi (l’istruzione non professionale, la convivialità, il rapporto non consumistico con la natura, in genere la ripresa di mondi vitali ecc.) sia in qualche modo una condizione importante per indurre le persone ad accettare forme di lavoro sicuramente meno redditizie.

92Torniamo però all’attore sindacale.

93A ben vedere l’incertezza del sindacato rispetto ad un impegno davvero determinato su orari e occupazione è dovuto solo in parte alla difficoltà di far quadrare interessi particolari con interessi generali.

94In realtà la sua difficoltà è quella di comporre le aspettative di tre gruppi che vuole rappresentare: lavoratori protetti insieme a quelli forti professionalmente da un lato, dall’altro i lavoratori che corrono un rischio effettivo di espulsione, infine i lavoratori del futuro (dei quali non può disinteressarsi se vuole durare nel tempo).

95I tre interessi, se considerati al momento, appaiono difficilmente componibili. Il che induce appunto il sindacato ad una altalena di iniziative contrastanti.

96Ma lo diventano meno se appena si riesce ad orientare la coscienza collettiva verso il destino delle nuove generazioni e se si riesce nel contempo a rafforzare i sentimenti «comunitari», che pure hanno dimostrato di esistere specialmente in occasione di prove difficili e di calamità collettive.

97È chiaro che il problema principale per l’attore sindacale non è tanto quello di elaborare una strategia accettabile, quanto quello di rappresentare ed interpretare non passivamente un corpo sociale composito, qual’è quello del moderno lavoro dipendente.

98Ove si riuscisse, anche attraverso l’unità sindacale, a rafforzare un sentimento di comunità del lavoro volto al futuro, l’inevitabile tema della ripartizione del lavoro richiede però d’essere affrontato insieme ad un altro, di uguale se non maggiore portata.

99Che fare di fronte all’inevitabile (ed anche giusta!) tendenza a trasferire altrove importanti produzioni di beni e servizi? Come considerare l’inevitabile (e giusta!) tendenza all’immigrazione nei paesi ricchi?

100La disputa sulla «clausola sociale», l’appoggio ai sindacalismi che muovono i primi difficili passi in altri continenti, sono il sintomo che, senza un respiro internazionale, una visione planetaria del mercato del lavoro, anche audaci misure europee di ripartizione del lavoro non sono adeguate.

101Da tempo si va infatti notando che non necessariamente soluzioni sociali ed economiche adottate in una nazione o in un continente sono destinate ad imporsi altrove.

102Ciò vale per le forme del capitalismo, ed anche per le soluzioni da proporre a proposito del lavoro e della giustizia sociale.

Torna su

Note

1 Devo a Mario Deaglio il suggerimento ad esaminare questi aspetti della questione orario.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Bruno Manghi, « Tecnologia, disoccupazione, orari: il dilemma sindacale (1995) »Quaderni di Sociologia, 26/27 | 2001, 337-348.

Notizia bibliografica digitale

Bruno Manghi, « Tecnologia, disoccupazione, orari: il dilemma sindacale (1995) »Quaderni di Sociologia [Online], 26/27 | 2001, online dal 30 novembre 2015, consultato il 01 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1609; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1609

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search