Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri26/27Il sistema politicoPoliticizzazione e crisi di legit...

Il sistema politico

Politicizzazione e crisi di legittimità (1970)

Carlo Donolo
p. 455-484

Testo integrale

1. Introduzione

1Negli ultimi anni in diverse società capitalistiche avanzate si sono avuti fenomeni imprevisti di politicizzazione e radicalizzazione in particolare tra le masse giovanili e studentesche. Esse hanno offerto non solo esempi e modelli di nuove forme di partecipazione politica, ma hanno anche posto il problema della socializzazione ricevuta, tale da spingerle a forme di attività politica dirompenti rispetto alla forma tradizionale di partecipazione e anche di conflitto. Dietro lo sviluppo di movimenti politici di massa, in generale extra o addirittura anti-parlamentari, si può scorgere inoltre una serie di indicazioni relative alla natura delle nuove legittimazioni proposte per la prassi politica. Sotto molti aspetti tali fenomeni, che sviluppano nuovi criteri dell’agire politico, nuovi metri di valutazione dell’efficacia politica, nuove concezioni di che cosa sia l’interesse generale della società e il bene comune, sembrano anticipare future più profonde trasformazioni del sistema di valori che legittimano l’attuale forma della politica nei paesi capitalistici avanzati.

2A differenza delle nuove forme di partecipazione che – in quanto comportamenti – possono più facilmente essere contenute con l’arsenale del controllo politico e sociale, ricorrendo cioè a vari gradi di tolleranza e repressione, di emarginazione o cooptazione, e in ogni caso di neutralizzazione, la socializzazione «deviante» e la proposta di nuovi criteri di legittimità politica, cioè lo sviluppo di contenuti politici incongruenti e incompatibili con quelli attualmente istituzionalizzati, sembrano colpire alla radice stessa istituzioni e strutture di potere tradizionali. La prospettiva di una generazione politica socializzata in modo radicalmente o sensibilmente difforme da quelle precedenti, che a sua volta costituisca un settore non indifferente della generazione biologica attualmente in fase di socializzazione secondaria, pone effettivamente problemi di stabilità e integrazione del sistema rilevanti per il suo sviluppo nel prossimo futuro e rendono molto più incerta e insicura quella programmazione istituzionalmente controllata dell’evoluzione del sistema sociale, che oggi tende a diventare la base reale del potere e della sua legittimità.

  • 1 Nella lettura si dovrà sempre tener presente che le interviste sono state effettuate nella primaver (...)

3In queste pagine si tenta appunto di chiarire alcuni problemi della partecipazione e della socializzazione politica nel contesto dei recenti movimenti di massa studenteschi. Il materiale empirico è offerto da circa ottanta interviste, relativamente informali e approfondite, con studenti universitari di Torino1.

[...]

2. L’immagine della società e del sistema politico

41. L’immagine della società è rilevante in quanto sintetizza la percezione e consapevolezza della scissione e del conflitto e influenza quindi tutta l’idea della vita politica. Inoltre in quanto definisce la possibilità o meno – come vista dal soggetto – di autorealizzarsi e soddisfarsi nelle strutture esistenti. Così dice già qualcosa sulla tendenza e sull’atteggiamento politico.

5Tra gli studenti intervistati l’immagine prevalente è dicotomica; cioè la società viene vista come divisa sostanzialmente in due parti: sopra stanno le classi privilegiate e detentrici del potere, sotto i relativamente deprivilegiati e soprattutto gli esclusi dal potere. Una versione più specifica è l’immagine classista della società, di derivazione marxista, molto rappresentata, e che articola la visione dicotomica, imputando al conflitto di classe la scissione nella struttura sociale. Altra immagine rappresentata è quella pluralistica, che cioè non vede una spaccatura dicotomica, né la lotta di classe, ma una molteplicità di gruppi sociali concorrenti; una sua versione è quella del liberismo, che tende a rifiutare l’idea stessa di gruppi sociali a favore di un individualismo economico e politico. Quasi assenti sono infine immagini tradizionalistiche della società, rieccheggiano al più nella concezione di qualche studente orientato a destra (fascista o monarchico).

6La percezione della realtà sociale è codeterminata dall’ideologia sociopolitica cui il soggetto aderisce (dopo averla trasformata in modo da renderla congruente con il resto della propria ideologia personale) e dalla propria relazione pratica con la società, cioè dal senso di distanza, alienazione o identificazione che lega e divide il soggetto della società in cui vive. Cioè l’immagine della società non riflette tanto o soltanto la conoscenza che uno ha della struttura sociale, ma è la proiezione di valutazioni radicate nella posizione che il soggetto crede di ricoprire in essa ora e in futuro.

7In altri termini, chi si sente escluso o impotente tende a vedere la società come dicotomia, chi ritiene di avere delle chances di vita positive (mobilità verticale, carriera, affermazione sociale, accesso a privilegi, ecc.) tende a vedere la società come livellata o pluralistica, in cui ogni individuo e gruppo ha la possibilità – se vuole e si impegna – di ottenere ciò cui aspira, la soddisfazione dei bisogni: si afferma insomma che o non vi sono sostanzialmente differenze nelle opportunità, oppure che – malgrado differenze esistenti – è possibile con la mobilitazione di energie e capacità personali ottenere la soddisfazione dei propri bisogni.

8Invece l’immagine dicotomica (o di classe: quest’ultima ne è un’elaborazione tramite l’uso di categorie marxiste; la differenza sta nel fatto che il tipo puro della prima produce fatalismo, in quanto «naturale» struttura sociale, mentre la seconda la vede come fenomeno storico, che è possibile negare con una prassi politica rivoluzionaria) tende ad essere correlata con un forte senso di alienazione dalle istituzioni della società esistente, con la consapevolezza che esse non potranno soddisfare i propri bisogni, unito spesso a un senso di impotenza per la sproporzione tra le forze disponibili a chi vorrebbe cambiare la situazione e quelli di chi difende proprio la dicotomia. L’impotenza può essere compensata o superata con l’adesione ad un’ideologia che renda plausibile il mutamento del mondo.

  • 2 Le persone che tendono a questa impostazione individualistica danno spesso l’impressione di avere u (...)

9L’altra concezione, pluralistico-livellata, invece è legata spesso a un senso di identificazione con l’attuale società, con l’accettazione dei suoi valori. La differenza fondamentale è che nel primo caso il passaggio dal senso di impotenza-esclusione all’ideologia rivoluzionaria permette la riformulazione di un problema individuale nei termini di un problema collettivo, mentre nel secondo caso l’impostazione è decisamente individualistica: cioè è il singolo che ritiene di poter usufruire a proprio vantaggio delle possibilità offerte dall’attuale sistema sociale: il fatto che non veda scissioni, dicotomie, o perfino differenziazioni ha una funzione protettiva, nel senso che la non percezione di contraddizioni e conflitti sociali impedisce l’emergere della consapevolezza della natura socialmente condizionata dei suoi bisogni e della loro eventuale «falsità»2.

10L’accettazione da parte della maggioranza dei nostri soggetti di un’immagine dicotomica, e di classe, riflette peculiari caratteristiche della popolazione studentesca nella fase di politicizzazione virulenta di questo periodo. L’adesione a un’immagine classista in molti infatti non risulta essere un’acquisizione «digerita» sulla base di letture, discussioni, riflessioni o esperienze personali, ma piuttosto l’adesione ad un topos socialmente diffuso nella sfera studentesca. Sembra cioè che per molti l’incontro con la tradizione «marxista» sia stato l’inizio di un’interpretazione coerente, scientifica e politica, della realtà, che fino a quel momento probabilmente veniva categorizzata in modo più tradizionale o esperita come sostanzialmente caotica.

11Chi perviene ad aderire all’interpretazione marxista ha la consapevolezza di avere fatto un salto di qualità nel modo d’interpretazione, e diventa in grado di organizzare in quella prospettiva tutta una serie di fenomeni sociali. L’incontro è stato per lo più immediato e astratto, ma ciò non significa che non si tratti di un’esperienza profonda. Piuttosto, a questo livello, sfuggono ai soggetti le implicazioni teoriche e pratiche più complesse: ciò che essi ripetono sono frammenti ideologizzati, slogans e schemi di riferimento, certo non le proposizioni della teoria. Con l’uso di questi motivi di una tradizione «deviante» (ma presente macroscopicamente nella realtà italiana) si precisa l’identità sociale e la posizione politica, il rapporto con la società e il senso della partecipazione. Sotto molti aspetti chi aderisce a questa immagine «classista» della società è in grado di predicarne molto di più (o più esattamente) di chi aderisce ad altre immagini. Essa infatti produce una serie di criteri di valutazione di istituzioni e situazioni specifiche e aiuta a dare un senso a una serie di fenomeni sociali. In ogni fenomeno apparentemente isolato e casuale si tende a ritrovare il segno dell’operare della legge sociale fondamentale che produce la divisione in classi.

  • 3 La funzione «psicologica» della definizione crudamente dicotomica del rapporto amico-nemico nella l (...)

12Sebbene, come abbiamo detto, anche l’adesione a questa immagine sia spesso stereotipa3, resta una differenza tra essa e le altre, nel senso che avendo al suo centro una giusta intuizione è meno «falsa coscienza» di ogni altra, per quanto a livello soggettivo l’adesione ad essa possa essere problematica. C’è inoltre la differenza che l’interpretazione marxista della struttura sociale permette una mediazione razionale tra destino individuale e storia collettiva, mentre le altre immagini (tranne quella tradizionalistica che offre una mediazione di tipo «nostalgico») rendono precario il rapporto tra individuo e società implicando il «servirsi» dei meccanismi sociali a fini individuali, non la lotta contro di essi per un’emancipazione generale.

 

132. Passiamo ora all’immagine del sistema politico. Sotto «immagine del sistema politico» vengono raccolte informazioni quali: valutazioni sulla struttura del potere, giudizi su aspetti istituzionali e politici della società, funzionamento delle regole del gioco, rapporto tra partecipazioni e natura del potere. Sintetizzandole si può ottenere una distribuzione delle immagini in quattro categorie, in ordine di frequenza: l. dominio di classe, 2. oligocrazia, 3. democrazia pluralista, 4. democrazia parlamentare.

14La prima categoria (che coincide con l’immagine di classe e in parte con quella dicotomica della società) vede le istituzioni politiche come strumenti di dominio di una classe sull’altra; più precisamente gli interessi monopolistici strumentalizzano il sisterna politico. Questa versione è diffusa in diverse varianti; una delle più notevoli è quella che assegna al sistema politico interessi relativamente autonomi rispetto a quelli economici, per cui vede la sua opera di mediazione come un gioco più complesso e contraddittorio. A quest’idea è connessa quella di una discrepanza tra livelli di sviluppo, rispettivamente del sistema economico e politico, per cui ci sarebbero contraddizioni tra l’uno e l’altro: quello politico sarebbe arretrato e quindi inadeguato rispetto all’economia. La seconda è una variante più spoliticizzata della prima, nel senso che riconosce le differenze di potere, il non funzionamento di freni e contrappesi e ritiene che il potere sia accentrato nei «vertici», sia dei partiti che dei monopoli che della burocrazia statale. Questa immagine però non riesce a individuare interessi di classe nella dinamica che ha condotto a tale situazione e preferisce considerarla «naturale» o inevitabile. Qui rientrano parte dei dicotomici e gran parte dei pluralisti. In questo gruppo si incontra spesso l’atteggiamento politico di distanza irrazionale dalla politica, l’atteggiamento «la politica è una sfera corrotta».

15Il terzo gruppo adotta l’immagine di una democrazia pluralista con interessi in conflitto che conducono a compromessi, senza che sia visibile il prevalere dell’interesse di un gruppo specifico. Inoltre mentre le prime due categorie non ritengono tollerabile questo stato di cose reagendo con la partecipazione eversiva per cambiarlo o con retreatism, come manifestazione d’impotenza, questa terza in sostanza ritiene tale sistema adeguato alle necessità di una società industriale.

16Il quarto sottogruppo, minoritario, ritiene infine che il sistema politico funzioni praticamente come previsto dalle norme costituzionali, e naturalmente tende a minimizzare conflitti e discrepanze. La grande maggioranza però non sembra disposta a credere che la semplice esistenza di un parlamento, di elezioni periodiche, di una pluralità di partiti, ecc. siano condizioni sufficienti a qualificare il sistema politico vigente come democratico o adeguato alle necessità del Paese o conforme alla Costituzione. Cioè l’apparenza della legalità costituzionale per la maggior parte non è garanzia di una reale legittimità delle istituzioni e delle regole del gioco politico.

 

173. È bene differenziare ora questi complessi, almeno sotto i seguenti aspetti: 1) struttura di potere, 2) ruolo dell’opposizione parlamentare, 3) opinione pubblica, 4) garanzie istituzionali. A parte può poi essere trattato il complesso relativo al rapporto sistema politico/sistema sociale e alla possibilità di mutamenti sociali all’interno o al di fuori della Costituzione.

18La struttura di potere è ricostruibile dall’ordine in cui i soggetti hanno messo un certo numero di istanze detentrici di potere (cfr. la domanda II.4. del questionario). Ci sono notevoli variazioni, ma sembra emergere lo schema per cui al primo posto stanno le forze economiche accompagnate o immediatamente seguite da quelle politiche, seguite a loro volta da burocrazia statale e Vaticano. L’unica costante è la posizione dell’opinione pubblica, concordemente messa all’ultimo posto. Mentre per potere economico s’intendono quasi sempre i gruppi monopolistici, con potere politico si designano cose diverse: alcuni vedono in primo piano i partiti, il che significa poi le loro segreterie; altri invece le correnti e le clientele ad esse legate. La presenza di clientele è generalmente riconosciuta, ma si nota una certa resistenza ad ammettere che la politica sia determinata solo dal gioco tra correnti e dalla soddisfazione di interessi clientelari. Tranne i più qualunquisti, la maggioranza pensa che le decisioni importanti siano frutti di mediazioni più complesse e che quindi i vertici dei partiti abbiano spesso la funzione di far prevalere criteri generali contro quelli del gioco clientelare che regola normalmente la vita di partito.

19Curiosamente c’è però la tendenza a considerare i leaders dei partiti anche come delle figure di rappresentanza, delle marionette, senza reale potere, «giocate» da forze più grandi di loro. Più che un’immagine del processo politico reale in questo giudizio si rispecchia forse una valutazione negativa dell’attuale classe politica, che pochi sono inclini a trattare con clemenza. Interessi particolaristici, sia monopolistici che clientelari, deciderebbero quindi la politica, e in questo senso concentrerebbero il potere nelle proprie mani.

  • 4 Sull’opinione pubblica resta da aggiungere che per lo più si ritiene che un sistema di democrazia b (...)

20La burocrazia statale, che in realtà ha un ruolo di primo piano nelle mediazioni politiche – sia come apparato ministeriale che come enti pubblici economici e non – viene sostanzialmente sottovalutata, probabilmente come istanza lontana e poco conosciuta. O forse perché il suo ruolo è meno evidente e pubblico. Più ambivalente ancora la posizione assegnata al Vaticano; gli si attribuiscono tre tipi di influenze: come potenza economica, che avrebbe interessi sostanziali nell’economia italiana, come potenza morale che condiziona la socializzazione di tutta la popolazione, e come potenza politica che condiziona l’agire del partito maggioritario. Il Vaticano è visto spesso come una forza oscura e incontrollabile. Nella valutazione del suo potere reale pesano pregiudizi anticlericali, ancora vivi in questa età in numerosi studenti, probabilmente formati in un’area di cultura radicale. Il peso dell’opinione pubblica viene valutato in modo radicalmente negativo: se c’è è manipolata dai mass media, in ogni caso non conta nulla. Non soltanto è messa all’ultimo posto nella classifica delle istanze dotate di potere, ma anche alla domanda sulla necessaria esistenza di un pubblico interessato e informato, si risponde che in Italia non esiste, per ragioni storiche, culturali e di manipolazione; la gente non legge, non è informata, perché comunque sarebbe troppo difficile informarsi4.

21Ricapitolando abbiamo l’immagine di una piramide in cui un piccolo gruppo di interessi particolari detiene il potere, mentre la maggior parte della popolazione ne è esclusa. Questa immagine è sostanzialmente condivisa sia dai pluralisti che dagli oligocratici che dai «marxisti». Dietro ad essa sta l’idea che elezioni, partiti e altre organizzazioni politiche siano diventati essenzialmente strumenti di integrazione e dominio. Così molti affermano che i partiti in fondo operano per soddisfare in primo luogo bisogni particolaristici (locali, settoriali, clientelari). Anche quando ci sono casi in cui essi soddisfano apparentemente interessi generali, resta il sospetto che lo facciano per opportunismo cioè sia per conservare l’appoggio di settori del pubblico che per motivi elettoralistici.

22È molto diffusa l’impressione che i canali per l’articolazione e l’aggregazione della domanda collettiva non funzionino più. Così non sorprende che alla domanda relativa alle differenze ideologiche e programmatiche esistenti tra i partiti, molti rispondano che se differenze ci sono, non sono sostanziali o reali, ma formali; in particolare per lo più si ammette l’esistenza di differenze ideologiche, ma non programmatiche, perché quelle ideologiche sono intese a livello formale-propagandistico, sono connesse cioè al bisogno di differenziare il «prodotto» politico in un mercato concorrenziale, mentre quelle programmatiche sono connesse a quel che un partito farebbe se andasse al governo, e in tal caso si pensa che farebbero tutti più o meno le stesse cose. Reali differenze, specialmente ideologiche, vengono ammesse solo da alcuni studenti politicizzatisi attraverso un’esperienza in partiti di sinistra o destra (liberale), anche se ora sono in posizione critica verso di essi.

23Dunque, è molto diffusa l’idea che i partiti vendano un prodotto agli elettori e che l’ideologia sia scaduta a puro slogan propagandistico; come anche l’idea che in fondo tutti i partiti farebbero le stesse cose se fossero al governo. Quest’ultimo punto è problematico, in quanto mentre registra una tendenza di fondo nelle democrazie occidentali per cui le differenze sostanziali tra partiti tendono ad attenuarsi, sembra aderire anche all’idea che le cose da fare siano quelle e non altre, ovvero che chi governa non abbia poi molto spazio di manovra per programmi alternativi. Ciò è molto simile all’idea tecnocratica di «necessità oggettive», anche se i soggetti sembrano piuttosto riferirsi a una situazione così carica di vincoli istituzionali e politici da legare le mani anche a partiti con programmi alternativi. Inoltre qui si fa strada la concezione che in fondo le cose «giuste» da fare sono quelle e non altre; insomma un’idea un po’ ingenua, e prepolitica, dei bisogni sociali.

24Il contesto argomentativo in cui è inserita aiuta a spiegarla: rispetto alle esigenze reali del paese, i programmi governativi sono così insufficienti, che sembra quasi imporsi oggettivamente il giusto programma che dovrebbe essere realizzato; cioè la relativa «semplicità» delle cose giuste è tale rispetto all’azione caotica e inconcludente dei detentori del potere. Abbiamo toccato così anche il secondo punto: parlamentarismo – sistema di partiti – ruolo dell’opposizione. La maggior parte ritiene che il parlamento sia privo di funzioni e potere: le decisioni vengono prese altrove. Inoltre, la convergenza al moderatismo di tutti i partiti rende il dibattito parlamentare sempre più povero di reali alternative. Una delle modificazioni più rilevanti nel sistema di partiti è considerata da molti la «socialdemocratizzazione» del Pci, data come scontata. Questa è naturalmente una delle critiche diffuse nella sinistra extraparlamentare e specialmente tra i molti studenti delusi da un’esperienza politica nel Pci. Però tale opinione si ritrova anche in altri studenti non orientati a sinistra, e ciò acquista un certo peso considerando che la stampa «indipendente» da qualche anno ha cambiato tono, rendendo più «accettabili» i comunisti.

25La molteplicità dei partiti viene vista da alcuni come garanzia di democrazia, in quanto tutte le tendenze sono rappresentate, però da altri si ritiene che questa situazione sia transitoria oppure da sostituire opportunamente con un sistema bipartitico. Anzi il bipartitismo inglese è un vero topos, diffuso, si direbbe, specie tra gli studenti di legge, preso come modello di una democrazia che funziona «economicamente» a livello politico. Peraltro molti dei radicalizzati non mancano di far notare che proprio il modello inglese mostra i limiti di una dialettica parlamentare che si esaurisce nel cambiare periodicamente l’élite al governo, data la sostanziale omogeneità programmatica di conservatori e laburisti. Almeno alcuni hanno scorto il nesso tra bipartitismo e tendenziale omogeneità dei due partiti. Quindi la tendenza al bipartitismo sia pure «imperfetto» in Italia non è vista necessariamente come un chiarimento o un perfezionamento democratico.

26Quel che colpisce di più alcuni è la mancanza di alternative all’interno del sistema che così si viene a creare. Ciò è confermato dalle risposte alla domanda sul ruolo dell’opposizione. Una certa maggioranza ritiene che l’opposizione non ottenga nulla, o perché inefficiente o perché strutturalmente priva di potere di contrattazione o di veto. Solo pochi (a destra) ritengono che l’opposizione comunista sia fin troppo efficiente. Nel complesso i soggetti colgono alcuni elementi centrali dell’attuale crisi istituzionale: impotenza dell’opposizione, suo tendenziale declino, crisi del parlamentarismo, crisi dei partiti (come organizzazioni democratiche e come programmi).

27Per concludere la rassegna sul sistema politico, restano da considerare le opinioni sulle garanzie costituzionali. L’opinione più diffusa è che tali garanzie non esistano, cioè né la Costituzione, né le leggi, né altri meccanismi politico-istituzionali sono in grado di impedire avventure del tipo colpo di stato in forme manifeste o anche striscianti. Ciò sebbene per molti studenti, data l’età, il riferimento al ’60 non dica molto. Sul «colpo di stato» c’è però anche da notare la resistenza ad ammettere che in realtà ci sia stato qualcosa del genere nel ’60, o nel ’64, con riferimento a «le cose non sono state chiarite», «non è stato provato nulla», o anche «è vero che lo volevano fare, ma il fatto che non sia stato fatto dimostra l’esistenza di garanzie». Questa opinione appare in chi non vuole ammettere che nel sistema politico ci siano effettivamente conflitti e crisi e preferisce un’immagine idillica fidando nelle buone intenzioni, nell’onestà dei gruppi e dei leaders.

28Il discorso sulle garanzie riguarda la costituzione materiale e la stabilità del regime democratico. La Costituzione appare impotente rispetto ai reali rapporti di forza, mentre la stabilità del regime è incerta e viene spesso ricondotta come tale alla discrepanza nello sviluppo tra sistema politico e sistema economico. In queste valutazioni si riflette la precarietà dell’assetto costituzionale democratico agli occhi dei nostri soggetti. Le libertà e garanzie istituzionali sono state erose: il sistema politico resta una macchina complessa, non ben compresa nel suo funzionamento, relativamente autonoma da istanze della base della popolazione e da questa ben difficilmente controllabile. Nelle valutazioni sulla stabilità del sistema politico è proiettata anche l’angoscia (e il desiderio) di una crisi, anche se la maggior parte non sa cosa potrebbe fare in tal caso e come si comporterebbe. In qualche caso sembra che l’idea di un colpo di stato suggerisca una situazione di totale impotenza e insieme di deresponsabilizzazione.

3. Atteggiamento verso la sfera politica, interesse politico e alienazione dalle istituzioni

291. In questo complesso ritroviamo a un livello diverso alcune ripartizioni già incontrate. Non si tratta però di semplici ripetizioni; le immagini della società e del sistema politico sono elaborazioni di informazioni e esperienze principalmente sotto il profilo del «sapere come stanno e vanno le cose». Ora si tratta invece della natura della politica come vissuta nell’esperienza dei soggetti; ciò ci permette di sapere qualcosa sul concetto di politica usato più o meno consapevolmente dai soggetti. Da tale idea dipende anche l’opportunità o la possibilità per loro di fare politica.

30Si possono individuare i seguenti atteggiamenti principali: la politica come 1) sfera della corruzione, 2) sfera dell’autorità anonima, 3) sfera del conflitto di classe, 4) sfera del conflitto e del comportamento pluralistico, 5) sfera dell’amministrazione razionale e della responsabilità benevolente. Si deve osservare che questi atteggiamenti sono solo analiticamente distinti, perché in realtà sono intercomunicanti nella coscienza di questi soggetti, specialmente 1), 2) e 3).

31In primo luogo, si può dire che ci sia una esperienza generalizzata della politica come sfera dell’autorità anonima, si presenti essa sotto la forma dell’autorità statale, o delle organizzazioni politiche. Uno dei motivi più diffusi è il giudizio negativo su ciò che è burocratico, neutrale, gerarchico, distaccato, programmato senza possibilità di modificazione. Questa immagine è legata principalmente – nell’esperienza di molti – al lavoro politico nei partiti e nei sindacati. C’è un coro di proteste e lagnanze contro il distacco tra organizzazione e individuo, contro l’indifferenza, la non recettività delle istanze individuali dal basso. L’organizzazione è una macchina che segue proprie leggi e soddisfa interessi propri distinti da quelli delle sue costituenti. Ciò vale sia riferito a partiti di governo che di opposizione. Naturalmente le critiche più forti vengono da sinistra, cioè da persone che hanno fatto esperienza nel Pci (ma anche nel Psiup): le loro istanze non sono state raccolte, gli si è negata la cooperazione, si sono sabotate le loro iniziative, gli si è detto di eseguire direttive, li si è visti come intrusi, non come interessati e base dell’organizzazione. L’esperienza di estraneità-estraniazione da organismi burocratici sarà confermata dal tema «alienazione» (cfr. più avanti).

32Questa esperienza è importante, se si considera che molti di questi critici hanno poi fatta l’esperienza del Movimento Studentesco (MS). Ciò può voler dire che la freddezza dell’organizzazione burocratica ora è ingigantita dall’esperienza di entusiasmo collettivo nel movimento, ma, viceversa, anche che l’esperienza dell’essere rifiutati e inutilizzati nell’organizzazione ha poi indotto molti a partecipare a un movimento. Qui interessa notare che l’estraneità ha come complemento la minacciosità degli apparati, una volta che non siano più riconducibili alla funzione che li aveva inizialmente prodotti. L’impossibilità di riconoscersi in essi e di essere da essi riconosciuti denota la distanza cresciuta tra individuo e organizzazione. Ciò è vero soprattutto per quelle politiche, l’adesione alle quali presuppone partecipazione e impegno. Esse lo stimolano inizialmente, mentre poi non sono in grado di soddisfare il bisogno di orientamento e coinvolgimento. Dopo una fase di entusiasmo iniziale, segue la routine o la delusione, che spesso portano all’abbandono e alla ricerca di altre istanze in cui obiettivare il proprio impegno. Il MS ha offerto appunto l’occasione per un impegno globale, per il venir meno del distacco tra individuo e gruppi di riferimento politico. Le organizzazioni politiche mobilitano la partecipazione, senza poter poi utilizzare il potenziale così acquisito. Le frustrazioni del lavoro politico all’interno di organizzazioni burocratiche sono una delle cause per l’abbandono. In genere a questo punto soccorre una reinterpretazione del partito o sindacato come «revisionista», «riformista», «socialdemocratico», cioè motivi propriamente politico-ideologici che giustificano agli occhi del soggetto l’uscita: entrata e uscita da un partito (di sinistra) è una caratteristica di molti di questi giovani.

33L’esperienza più traumatica per molti è stata quando l’apparato ha fatto loro capire che non si aveva bisogno (e che comunque non si sarebbe tenuto conto) delle loro idee e delle loro iniziative.

34Oltre ai partiti, che però sono istanze immediatamente percepite dagli studenti, c’è il complesso delle istituzioni statali, burocratiche, amministrative, e soprattutto quelle con cui essi potevano scontrarsi nel periodo delle interviste, la polizia e la magistratura. Anche esse sono viste come meccanismi anonimi e insensati, spiegabili solo in riferimento alla repressione e al conflitto di classe, di cui è difficile farsi un’idea precisa.

35Apparentemente analogo a questo atteggiamento è quello che percepisce la politica come sfera corrotta e sporca: certe volte i due atteggiamenti si sovrappongono, mentre in altri casi sono chiaramente distinguibili. Infatti, la concezione della politica come cosa sporca è un topos tradizionale del pensiero medio e piccolo borghese. Esso si perpetua certamente all’interno delle famiglie. A differenza della prima, non si tratta quasi certamente mai di un’esperienza o percezione diretta, ma del ricorso a un topos spoliticizzante, in funzione difensiva. Chi vede la politica come corruzione ha tutte le ragioni per non parteciparvi. All’interno del gruppo che ha tale atteggiamento bisogna però distinguere gli apolitici veri e propri, qualunquisti, e coloro che invece avendo osservato e notato le pratiche corrotte e sleali di uomini e gruppi politici ne trae la conclusione che la forma attuale del far politica, la politica in senso ufficiale, è una cosa sporca. Si tratta qui di una motivazione piuttosto morale, che può indurre alla politicizzazione. Ci sono del resto anche coloro che danno per scontato che la politica in una democrazia borghese sia una cosa sporca, in un senso qui più moralistico, ma di oppressione di classe: gli scandali non ne sono che la manifestazione più evidente. Invece, ridurre a corruzione di persone o gruppi i fenomeni «devianti» del sistema politico significa probabilmente – oltre alla ripetizione di un topos ripreso da una tradizione familiare – anche l’accettazione della presentazione spoliticizzante che di scandali e intrighi danno i mass media. Non permette di cogliere la connessione funzionale tra corruzione e natura della politica istituzionale. In questo senso il topos della corruzione è indice di una consapevolezza politica rozza e limitata, e non a caso ricorre con più forza nelle interviste con persone che danno l’impressione di dover oggettivare il proprio atteggiamento politico per la prima volta nella situazione d’intervista, e quindi sono molto esitanti e confusi: la «corruzione» riduce tutta la problematica politica a persone e reati, il problema della partecipazione a «onesta distanza».

36Il terzo atteggiamento, «marxista», vede la politica come la sfera del conflitto di classe. La politica viene così definita in modo diverso, perché in questa concezione si tende a dare poca importanza all’apparenza dell’attualità politica, centrando l’attenzione sulle strutture di fondo, sul conflitto d’interesse tra gruppi sociali e su meccanismi di mediazione istituzionale o meno. La sfera politica appare qui razionale, cioè dotata di una propria logica riconoscibile, al di là dell’irrazionalità dell’anarchia nel funzionamento del sistema politico. Ne deriva un atteggiamento razionale spesso connesso a impegno concreto per cambiare tale stato di cose.

  • 5 È forse opportuno precisare meglio le differenze accennate nel testo. Nell’«impegno» in senso tradi (...)

37Si deve però distinguere tra chi vede nella lotta di classe una lotta politica in cui è inserito sulla base dell’adesione a una ideologia di classe e chi vi vede una lotta che coinvolge tutta la propria esistenza sociale. Nel primo caso abbiamo «l’impegno» nel senso tradizionale, nel secondo la «partecipazione». In quest’ultimo caso la politica si dilata fino a ricomprendere molti aspetti della realtà sociale definiti come politicamente irrilevanti dalla politica ufficiale, o anche dalla tradizione del Movimento Operaio (MO), che diventano così politicizzabili. Questo nuovo atteggiamento è sorto entro il MS e, sotto forme in parte distorte, sopravvive ancora nei suoi resti. La politica come partecipazione poi può essere vissuta come surrogato dell’esistenza (quando si ha il monopolio politico dell’interpretazione dei bisogni e dei ruoli sociali) o come rilevanza politica delle contraddizioni vissute dall’individuo nel ruolo sociale. Questi atteggiamenti sono poco diffusi in forma pura, nelle interviste, le motivazioni sono più spesso confuse, la consapevolezza di queste differenze poco chiara. Si direbbe prevalga però il primo atteggiamento, più facile in quanto immediatistico e riduzionistico5.

38Più rare sono le altre posizioni, specialmente quella della politica come amministrazione razionale e compito di autorità benevolenti. In genere è connessa a una certa ingenuità politica, alla credenza semplicistica nel funzionamento corretto delle istituzioni democratiche. Talora viene espresso l’imperativo che il sistema politico funzioni razionalmente e allora si tratta per lo più dell’altra faccia dell’atteggiamento che vede la politica come «corruzione». Come affermazione di fatto invece è quasi assente. Lo stesso vale per l’idea di un’autorità benevolente, che esprime una certa fiducia nella capacità del sistema politico e più specificatamente in coloro che detengono il potere di riuscire a volere soddisfare i bisogni della popolazione. Questo rapporto di fiducia è rarissimo, e – almeno in queste interviste – espressione di una coscienza «ingenua».

 

392. Passiamo ora al complesso «interesse politico», che sintetizza le informazioni relative al grado e al modo di coinvolgimento della persona nei problemi politici. Sono stati individuati i seguenti atteggiamenti: 1) non politico; 2) irrazionalmente distaccato; 3) razionalmente distaccato; 4) cittadino ingenuo; 5) cittadino riflesso; 6) impegnato. I vari atteggiamenti correlano grosso modo con quelli del complesso precedente, nel senso di una tendenziale congruenza tra – per esempio – disinteresse per la politica e immagine della politica come corruzione, oppure tra «cittadino ingenuo» e politica come sfera dell’amministrazione benevolente.

40Nel campione sono presenti diversi tipi di interesse politico, sebbene ci sia una certa concentrazione nelle categorie «impegnato» e «cittadino riflesso». Ciò è caratteristico di una popolazione relativamente privilegiata come gli studenti, e particolarmente della situazione creatasi con lo sviluppo del MS, che ha stimolato interessi politici anche nei dissenzienti e in certo senso anche negli apatici, sotto forma della necessità di prendere posizione e di precisare meglio i propri argomenti politici. Inoltre il nostro campione è certamente inclinato «a sinistra» e ciò spiega il numero elevato di «impegnati». Non mancano però esempi di impegnati a destra, sebbene decisamente inferiore. Questi ultimi solo in un paio di casi rivelano di possedere un grado elevato di articolazione dell’interesse politico, delle motivazioni e delle conoscenze. Ciò è pressoché la regola a sinistra, anche se con differenze notevoli nel grado di maturazione.

41Gli impegnati sono persone che attribuiscono una grande importanza alla politica nella propria vita, per lo più sono o sono stati attivi in partiti o movimenti, si sentono impegnati in una lotta politica, anzi impegno significa per loro in primo luogo consapevolezza di trovarsi in una situazione di lotta. Poiché essa viene definita come dicotomica (chi non è con me è contro di me), l’impegno comporta non solo problemi pratici di schieramento, ma il soggetto ha anche la sensazione di essere «schierato», di stare da una delle parti della barricata. Non è sorprendente perciò che nelle dichiarazioni degli impegnati si ritrovino affermazioni aggressive contro gli avversari, spesso in linguaggio pittoresco, e una radicalità nel giudizio, a volte riduttiva, anche se spesso demistificante. Gli impegnati sono impegnati in e per qualcosa, ma in primo luogo con se stessi; la tematica politica solleva in loro ampie e profonde reazioni emotive, le valutazioni politiche sono anche etiche. Una caratteristica dell’impegnato è di non aver bisogno della certezza del risultato, attribuendo un valore in sé all’impegno. Ciò pone però dei problemi, per esempio favorisce la confusione tra sensazione soggettiva del senso dell’impegno (che definisce l’identità e dà senso all’esistenza) e rilevanza oggettiva di esso, misurata in base al risultato. Data l’età e la collocazione sociale dello studente, ancora indefinita e sospesa, tale confusione è spiegabile. Un atteggiamento puramente wertrational è in verità assente, al più leggibile tra le righe nel caso di qualche cattolico di sinistra. Invece l’impegno esige sempre la pretesa di una rilevanza pratica e anche una certezza soggettiva del successo a breve o a lunga scadenza.

42Tuttavia l’impegno, proprio perché coinvolgente l’intera personalità, non può restare estrinseco: l’internalizzazione della norma d’impegnarsi ha conseguenze per tutti i livelli di autorealizzazione. Così l’impegnato è distinguibile dal non impegnato per il fatto di considerare e sentire la politica come elemento e condizione determinante della propria vita. Qui si apre però il discorso sulla innervazione di politica e personalità. In principio si possono distinguere due «stati», simili a quelli visti nel caso della «partecipazione»: a) si proiettano nella politica problemi individuali irrisolti, posizione immatura sia dal lato della persona che da quello della politica, ma spesso condizione iniziale di processi di politicizzazione, oppure b) si articolano i propri problemi finché diventano politicamente rilevanti, e viceversa la politica rilevante per essi. È difficile distinguere nei nostri intervistati l’intreccio tra i due processi, spesso entrambi presenti, molto dipenderà dalle occasioni future di sviluppo in un senso o nell’altro. Al più si può cogliere nel grado di articolazione, di maturità nella coscienza dei problemi, degli indizi che parlano per uno sviluppo nel senso della proiezione-compensazione-abreazione oppure in quello della interiorizzazione-articolazione-mediazione. Molto sembra dipendere dalle occasioni che si presenteranno: nel corso dello sviluppo del MS non è stato possibile distinguere i due momenti, se non per brevi periodi.

  • 6 Su questo punto si rinvia a F. Ciafaloni, C. Donolo, Contro la falsa coscienza del movimento studen (...)

43La tendenza prevalente finora è di identificarsi con un ruolo politico attivistico, totalizzante, ma tale da bloccare spesso l’articolazione dei bisogni e degli interessi politici6.

44A differenza dell’impegnato, il «cittadino riflesso» non si sente totalmente coinvolto personalmente, la sua caratteristica è una distanza dal ruolo politico e una visione «realistica» del funzionamento e della validità delle istituzioni vigenti, come anche delle possibili alternative. Allo stato puro, questo tipo non è molto rappresentato nel campione, trattandosi di una versione tendenzialmente «adulta» dell’interesse politico. Piuttosto questa posizione è rinvenibile in alcuni individui che hanno avuto fasi di forte impegno politico e intellettuale e che ora – per motivi diversi – si trovano in una fase prevalentemente di riflessione, oppure hanno scelto di distaccarsi dall’impegno quotidiano. Così alcuni dei più intellettualizzati tra coloro che hanno esercitato una certa influenza sul movimento a Torino, e da noi intervistati, tendono in questa direzione. Essi sono in grado di fornire analisi qualificate dell’universo politico, di valutare realisticamente le posizioni proprie e dell’avversario, e in genere non si fanno illusioni ottimistiche. Il loro distacco non li spinge a intervenire necessariamente con continuità, riservandosi piuttosto il ruolo di osservatore critico.

45Più diffusa la figura del cittadino ingenuo tra coloro che sono scarsamente politicizzati. È ingenuo nel senso che non è in grado di scorgere nelle istituzioni e nella vita politica il prevalere dell’elemento conflittuale, il gioco di interessi non pubblicamente legittimati, e preferisce interpretare eventuali manifestazioni di crisi istituzionale o di disfunzione come fatti contingenti sintomatici. Da un lato ritiene che le istituzioni siano giuste e stabili, dall’altro che l’élite al potere tutto sommato voglia soddisfare l’interesse generale. Questo atteggiamento è tendenzialmente spoliticizzante sia in quanto è espressione di una consapevolezza politica relativamente primitiva (spesso si tratta direttamente di mancanza d’informazioni), sia in quanto tende a giustificare una posizione di ritiro della politica: in fondo il buon funzionamento del sistema politico non esige la partecipazione e la mobilitazione dei cittadini. Queste persone sono inclini a prendere la Costituzione per il suo valore apparente, senza ricondurre le possibilità di realizzazione alle forze politiche reali.

  • 7 Per cogliere il nodo originario di questo complesso ci si può rifare a un atteggiamento piuttosto d (...)

46Il cittadino ingenuo tende a riprodurre acriticamente topoi connessi a una concezione formale della democrazia o a valori correnti nella cultura occidentale (pace, giustizia) senza chiedersi quale sia il ruolo di ideologie che essi oggettivamente adempiono. Il cittadino ingenuo in fondo proietta nella sfera politica il proprio sistema di valori morali, cioè applica all’agire politico categorie tipiche di quello etico-individuale, non riuscendo così a cogliere lo specifico della sfera politica. A questo tipo di atteggiamento corrisponde una reale impotenza dato che le crisi e le distorsioni della politica in questo quadro di riferimento non sono né spiegabili né giustificabili, ma sempre improvvise e «irrazionali»; così l’ingenuità finirà per trasformarsi in delusione e il cittadino ingenuo in quello razionalmente o irrazionalmente distaccato dalla politica. Questi due ultimi tipi sono sfumature di un genere più ampio e complesso. Nel campione sono ben rappresentati entrambi; più caratterizzato è però quello irrazionale, che ha una certa carica affettiva corrispondente con segno opposto a quella dell’impegnato. Il distacco razionale e/o irrazionale consiste nel vedere la sfera politica come qualcosa di sottratto alla propria possibilità d’intervento, alla sua esclusione dai propri interessi, o perché si ammette la propria impotenza, l’irrilevanza dell’opinione e delle iniziative, o perché la politica è il «male» che deve essere evitato7.

47Mentre il razionalmente distaccato ritiene la politica irrilevante per la propria vita e viceversa, l’irrazionalmente distaccato ritiene la politica bensì rilevante, ma intende espellerla dalla propria vita, tenersene lontano. Più precisamente si tratta di una profonda ambivalenza: in realtà è coinvolto, ma resiste tenacemente al coinvolgimento.

  • 8 Per completare questo tema è opportuno riferire alcune strategie seguite per neutralizzare la rilev (...)

48Infine c’è la categoria dei non politici. Si tratta di coloro che non manifestano alcun interesse per la politica, non ne sono né attratti né respinti, sono semplicemente indifferenti. Allo stato puro sono rari, nel nostro campione se ne incontrano un paio di esemplari. Particolarmente le ragazze sembrano essere qui rappresentate: per lo più non hanno semplicemente contatto con la sfera politica. Non ne sanno nulla e non ritengono di doverne sapere di più. In genere si limitano perciò a ripetere stereotipi appresi in famiglia, che servono piuttosto a dare un minimo di coerenza al discorso che ad esprimere cose in cui si crede. Questo vuoto politico tende fatalmente a riempirsi di contenuti irriflessi e di irrazionalità, trasformandosi in distanza irrazionale. Comunque, persone «confinate» nella sfera familiare piccolo o medio borghese, tendono a restare impolitiche in questo senso, poiché la famiglia opera come filtro che elimina la politica dal dialogo tra genitori e figli8.

 

493. Restano, infine, da considerare le opinioni sull’alienazione da istituzioni familiari, scolastiche e politiche. In generale le risposte sono state ampie e articolate, fornendo molto materiale sulle diverse sfumature attribuite all’esperienza dell’alienazione. In primo luogo l’enorme maggioranza ne afferma l’esistenza. Si tratta forse del topos più diffuso: il termine viene sostanzialmente accettato, anche se non mancano tentativi di ridefinizione. Raramente qualcuno contesta la validità del termine o l’esistenza stessa del fenomeno. Sua caratteristica sembra essere la pervasività, poiché non c’è istituzione che ne sia immune, anche se il riferimento più immediato è alla situazione scolastico-universitaria.

50Prescindendo da coloro, molto pochi, che non ammettono l’esistenza dell’alienazione, si possono individuare tre tipi principali di risposte, ovviamente solo analiticamente distinguibili: a) riferimento agli apparati burocratici, b) riferimento alla struttura di potere, c) riferimento all’insoddisfazione degli interessi e dei bisogni. La prima versione si concentra sull’estraneità tra individuo e istituzione, la seconda sull’impotenza-soggezione, la terza sulla repressione sociale. Si tratta di aspetti di un unico complesso, tuttavia non identici, perché mettere in rilievo un aspetto invece che l’altro significa qualcosa anche per il tipo di coinvolgimento nell’esperienza dell’alienazione e quindi sulle possibilità di interpretazione politica della stessa, cioè sulla disponibilità per un agire contro l’alienazione.

51Il riferimento (a) è frequente. Abbiamo visto a proposito della politica come sfera dell’autorità anonima quanto fosse diffuso il rifiuto, ma anche l’angoscia, di fronte a autorità o strutture anonime, burocratiche, gerarchiche, o esigenti l’adesione incondizionata a programmi e ideologie prefissati. Ciò è dovuto all’assenza di contatti e comunicazioni tra l’individuo e l’apparato: egli si sente isolato e atomizzato, senza nessuna occasione di un rapporto individualizzato, personale, con persone significative che forniscono orientamento e senso. L’immagine dell’università come macchina che ingoia, elabora e risputa – messa in circolazione dal movimento studentesco – è diffusa in una forma o nell’altra. La separazione tra individuo e apparato impedisce di comprendere il senso di quel che si fa: lo studio diventa funzionalizzato a regole del gioco irrazionali, esami in primo luogo, perché questa è l’unica verifica prevista e l’unica occasione di comunicazione tra discenti-docenti. I contenuti dello studio diventano arbitrari e fungibili, poiché è impossibile soppesare la rispettiva rilevanza di ciò che si apprende, nessun interesse specifico viene richiesto o stimolato.

52Molti che ammettono l’esperienza dell’alienazione, vedendola però risultato di mancata comunicazione tra allievi-insegnanti, ritengono che potrebbe essere eliminata o ridotta con una riforma universitaria in senso stretto. Sono i riformisti, tendenzialmente moderati, a considerare l’alienazione come prodotto contingente delle attuali strutture istituzionali. Questo atteggiamento tende a sconfinare in quello che considera l’alienazione «una condizione naturale», non appena ritiene che non sia possibile una sua reale negazione, ma al più un alleviamento tramite riforme.

53Invece l’atteggiamento (b) è molto più radicale in quanto tocca un aspetto centrale delle istituzioni: la struttura di potere. L’alienazione viene in questo caso equiparata a impotenza, a mancanza di potere e autonomia. Per contro di fronte allo studente stanno autorità e apparati potenti, capaci di mobilitare sanzioni (esami, laurea, ed altre). Lo stato di soggezione non è considerato «naturale», ma risultato dell’affermazione incontrollata degli interessi di una parte sull’altra. La mancanza di potere viene attribuita a una spoliazione subita all’interno dell’istituzione, non giusta e non legittimata. In questa interpretazione si riflette certo la lotta antiautoritaria iniziata dal MS, ma si ha l’impressione che la tematica della mancanza di potere sia profondamente radicata, e – a livello poco consapevole – anche anteriore al movimento stesso.

54Quel che viene rifiutato in questa interpretazione è lo stato di tutela in cui si viene tenuti. L’analogia più evidente è con la condizione del figlio all’interno della famiglia, che infatti viene da molti interpretata come istituto alienante e alienato, i rapporti coi genitori (l’autorità) vengono negati, cioè vi è l’estraneità e la subordinazione. La prima viene sofferta, la seconda rifiutata. La famiglia anzi è il prototipo della situazione alienata: crisi della comunicazione, esercizio di un potere irrazionale (perché orientato all’ordine della famiglia e alla compensazione di ansie e frustrazioni dei genitori e non alla formazione autonoma dei figli), senso di estraneità. Molti sfuggono letteralmente alla famiglia o hanno con essa rapporti estremamente tesi. Nell’università si aggiunge il peso di un apparato istituzionale sentito estraneo, non compreso, in cui ci si aggira disorientati.

55L’esperienza dell’alienazione culmina nella sensazione di un conflitto fondamentale tra fini istituzionali e bisogni-interessi individuali. In questa forma esplicita appare raramente, restando ferma piuttosto alla fase descrittiva della mancanza di potere o dell’estraneità. Tuttavia, gran parte delle interpretazioni proposte rientra in questa categoria più generale. Normalmente resta poco chiarito quali siano i bisogni personali e in che rapporto stiano con gli interessi collettivi. Le istituzioni vengono usate come strutture di servizio, con cui non si entra in rapporto, dando per scontata la non coincidenza tra interessi individuali e fini istituzionali. Ciò può indurre all’apatia e al qualunquismo o invece spingere a politicizzare le frustrazioni così generate. Si deve tener presente che l’esperienza fatta nella famiglia e nella scuola diventa decisiva per la valutazione data delle istituzioni sociali e politiche. Il senso di estraneità, di impotenza e d’insoddisfazione si trasferisce anche agli altri livelli: il discorso sull’istruzione «estranea» vale infatti immediatamente per quelle politiche, che non soddisfano il bisogno di partecipazione, e non permettono quindi di contribuire alla trasformazione della società.

[…]

4. Crisi dei criteri di legittimazione

561. I criteri di legittimità impiegati implicitamente o esplicitamente dagli studenti intervistati cadono in due classi principali: criteri politici in senso stretto e criteri pre- o extrapolitici. Definiamo politici quei criteri che sono riconducibili in qualche modo a un’immagine della politica come lotta di classe, conflitto di interessi, esercizio di potere, ecc. Impolitici saranno quei criteri che invece applicano al fenomeno politico criteri derivati da sfere diverse, quali l’ambito delle relazioni primarie, familiari, e comunitarie, oppure dell’agire etico, oppure ancora criteri inerenti specificatamente al modo di funzionare di sistemi d’azione razionale allo scopo, organizzazioni produttive e sistemi di macchine. Ciò non deve sorprendere: molto spesso non viene colto lo specifico politico, ma in mancanza di criteri ricavati dialetticamente da un’analisi della politica, si ricorre ad altre fonti più familiari che forniscono metri di valutazione apparentemente applicabili anche alla politica.

57Così è «ovvio» applicare alla politica criteri validi eventualmente nei limiti dei rapporti interpersonali, oppure per valutare azioni da un punto di vista etico; oppure è «ovvio» intendere la politica come un problema di gestione razionale e di rapporto mezzi-fini e quindi evocare tutti i metri di valutazione connessi all’agire razionale rispetto allo scopo. Ciò tanto più nel contesto di legittimazione dell’agire politico. Quest’ultimo viene infatti valutato a seconda che soddisfi un criterio o l’altro, e corrispondentemente ritenuto valido oppure no. Evidentemente se non soddisfa i criteri usati, perde di legittimità agli occhi del soggetto, e complementariamente diventa un oggetto che egli tende ad evitare.

58Criteri propriamente politici sono quelli in cui la legittimazione è identificata negli interessi della classe di appartenenza: è legittimo ciò che li soddisfa; oppure in quelli delle classi subalterne, indipendentemente dal fatto che il soggetto ne sia membro o vi si identifichi soltanto. In comune queste due posizioni hanno il fatto di ricondurre la politica (vista come lotta tra interessi in conflitto) alla radice degli interessi materiali di classi sociali; ciò permette sia una immagine strutturale della realtà che una sua storicizzazione.

59Quando invece si usano criteri come «ordine», «efficienza-razionalità» o «equità» il loro valore cognitivo è limitato poiché sono criteri o etici o funzionali, inadeguati a cogliere il senso della realtà politica attuale, anche se in nuce contengono elementi per la sua critica. Però data la loro prevalente funzione protettiva, in genere non riescono ad essere sviluppati in tal senso. «Ordine» significa che in primo luogo si apprezza in un sistema politico e nel gruppo al potere gli elementi che garantiscono l’ordine sociale tradizionale o lo status quo. Garantire vuol dire quasi sempre ristabilire, poiché l’invocazione dell’ordine ha senso sullo sfondo di una situazione giudicata caotica o incomprensibile e che minaccia l’ordine desiderato. Quindi questo criterio è preferito da individui su posizioni moderate o di destra o comunque da impolitici, che cercano il pretesto per tenere lontana la propria vita dalla politica: se infatti l’ordine fosse garantito, la politica tenderebbe a sparire nella sua forma attuale (cioè come conflitto, compromesso, corruzione, ecc.).

60Nello stesso ordine di idee, ma più modernizzante, è l’atteggiamento che apprezza l’efficienza e la razionalità. Il sistema politico nel suo funzionamento reale sembra presentare così pochi aspetti efficienti e razionali che questo criterio ha sempre una punta critica e allude a possibili alternative tecnocratiche che spazzerebbero via l’attuale confusione e potenza decisionale. Se la politica fosse concepibile come gestione amministrativa, questo criterio avrebbe piena validità, ma applicato nel contesto attuale ha effetti spoliticizzanti, perché pretende di essere criterio oggettivo e super partes, non riuscendo così a cogliere il conflitto d’interessi, che produce tra l’altro la c.d. irrazionalità della politica.

61Il criterio di «equità», infine, deriva chiaramente dall’ambito interpersonale e familiare. Si esige che le istituzioni politiche funzionino come «una famiglia» ovvero che il comportamento dei soggetti politici sia ispirato alle norme di correttezza, rispetto reciproco, ecc. attribuite alla sfera familiare. Ciò si ritrova specialmente in alcuni cattolici di sinistra, che imponendo a se stessi canoni etici relativamente rigidi, hanno difficoltà ad accettare che la realtà politica smentisca così violentemente il loro criterio d’agire. Naturalmente in tutti questi criteri ci sono sia elementi protettivi, depoliticizzanti, che elementi di critica della politica nel senso del sistema. Il MS si è in parte anche rifatto a tradizioni «etiche», in certo senso estranee alla politica, per criticare la politica. Per esempio gli scritti di Don Milani. Ciò sembra inevitabile, in quanto una critica immanente della politica, in questa fase di transizione da un’epoca «ideologica» a un’epoca di pluralismo d’interessi istituzionalizzato e di compromessi nella sfera parapolitica non può più essere rilevante e significativa se accetta la delimitazione ufficiale della politica. L’uso di criteri extrapolitici implica potenzialmente la non accettazione dei numerosi vincoli politici, di interesse, di «riguardo» propri di una politica in situazione di pluralismo e di poteri contrabilanciantisi: la politica attuale da un lato si lascia criticare solo sotto l’aspetto dello «scandalo», ma rende più difficile cogliere la contraddizione di fondo, la repressione degli interessi subalterni, in quanto il caos (apparente) del sistema politico non permette ai soggetti di immaginare come si potrebbe sviluppare un programma politico alternativo.

62Infine, chi si riferisce agli interessi delle classi subalterne (e sono la maggior parte degli intervistati) si riferisce a un criterio sostanzialmente critico delle istituzioni e della politica ufficiale. Solo in pochi casi i soggetti appartengono effettivamente alle classi di cui difendono gli interessi; si tratta di indentificazione con il deprivilegiato. Però può trattarsi di una solidarietà generica, nel senso di riconoscere che le ragioni dei deprivilegiati devono essere criterio preminente per valutare gli interessi soddisfatti dal sistema politico, oppure di identificazione propriamente politica, nel senso che si riconosce l’identità almeno tendenziale dei propri interessi (anche se di membro di altra classe) con quelli delle classi subalterne.

63Si tratta di un fenomeno importante, diverso dall’identificazione solo «morale» e solidaristica (del cattolico) o ideologica (dell’intellettuale di sinistra tradizionale). Qui infatti l’identità di interessi è dovuta al riconoscimento che il proprio destino sociale (anche se proveniente da classe relativamente privilegiata) non garantirà né autonomia né autorealizzazione, e che i piccoli privilegi raggiunti dovranno essere pagati cari, con deprivazioni psichiche e culturali. Questa consapevolezza riflette il processo impropriamente chiamato di «proletarizzazione» di numerose professioni, lo stato professionale subalterno che comunque sarà riservato a gran parte dei formati dall’università e anche la prospettiva di una disoccupazione o sottoccupazione intellettuale. Resta molto difficile naturalmente allo stato attuale distinguere tra l’identificazione ideologica, sia pure di nuovo tipo, che è certamente presente in una frangia dei politicizzati (nei quali l’identificazione con gli oggetti del proprio lavoro politico è «ideologica», non riferita, o quasi mai, alla somiglianza dei destini sociali), e questa nuova identificazione materiale che riflette la convergenza tendenziale di interessi socio-economici di strati diversi.

 

642. Resta da considerare un punto: la valutazione della crisi di legittimità di istituzioni e poteri politici.

65Si possono distinguere le seguenti posizioni: 1) il sistema politico è caotico, non funziona, non decide o con ritardo, non prende le decisioni indispensabili, non soddisfa criteri di efficienza, prevale il compromesso irrazionale, gli scandali, ecc. In questo caso la crisi è vista principalmente come dovuta all’irrazionalità della classe dirigente, alla sua gestione delle istituzioni, solo in secondo luogo viene imputata alle istituzioni stesse. 2) La Costituzione non è stata attuata, lo spirito della Costituzione non viene rispettato, molte norme restano lettera morta, c’è una discrepanza tra funzionamento effettivo e quello previsto da essa, il sistema tende ad essere anticostituzionale, si dovrebbe ristabilire la legittimità costituzionale, abbandonata o demolita dal funzionamento attuale. Qui la crisi è vista soprattutto a livello di istituzioni e di regole del gioco politico e la soluzione consiste in una ripresa dello spirito costituzionale. 3) L’attuale sistema esprime un’ideologia o a livello istituzionale (o a livello delle forze politiche che detengono il potere) che non coincide con la mia, il rifiuto è ideologico, più o meno totale: non è questo il sistema con cui posso identificarmi, (non necessariamente anche quello in cui non posso vivere). La crisi qui è prodotta dal contrasto tra ideologia affermatasi e quella che l’individuo fa propria. 4) Infine il sistema è illegittimo perché non soddisfa gli interessi vitali di gran parte della popolazione: bisogni di autonomia, partecipazione e autorealizzazione. Il sistema è repressivo, ha perso ogni legittimità storica, non potrà mai essere riformato, i suoi valori sono ideologia e apparenza, anche la Costituzione non può essere altro che un pezzo di carta, la crisi è risolvibile solo con un movimento di massa violento che rovesci i rapporti di potere. Prima ancora che di un conflitto ideologico, la crisi di legittimità risulta in questo caso espressione di una crisi sociale e politica strutturale, la cui «soluzione» adeguata non può essere che una modificazione della struttura di potere.

[…]

Torna su

Allegato

Tav. 1. Distribuzione degli intervistati per sesso e facoltà.

Sesso

Facoltà

S

U

A

S+A

Totale (S+U+A)

%

M

21

42

8

29

71

84,5

F

1

11

1

2

13

15,5

Totale

22

53

9

31

84

100

Tav. 2. Distribuzione degli intervistati per strato sociale d’appartenenza e facoltà.

Strato sociale

Facoltà

S

U

A

Totale

%

Alta borghesia

1

8

2

11

13

Media borghesia

12

24

1

37

42

Piccola borghesia

6

19

4

29

36

Classe operaia e contadina

2

3

2

7

9

Totale

21

54

9

84

100

Nota alle tavole. Le facoltà universitarie sono state raggruppate sulla base di loro ipotetiche caratteristiche socioculturali: il gruppo scientifico e tecnologico (S) comprende Fisica-Matematica e facoltà che preparano a professioni dotate di prestigio e richiedono un investimento prolungato nello studio (Ingegneria, Medicina, Chimica); il gruppo «umanistico» (U) comprende Lettere, Magistero, Giurisprudenza, Scienze politiche ed anche architettura; tutte le altre facoltà (Biologia, Agraria, Economia e commercio, ecc.) formano un gruppo residuale (A). Per l’assegnazione dei soggetti a uno strato sociale si sono usate informazioni relative al titolo di studio, alla professione e al settore di attività del padre, l’autoclassificazione dell’individuo secondo categorie suggerite nel questionario, ed infine altri dati forniti nel corso dell’intervista.

Torna su

Note

1 Nella lettura si dovrà sempre tener presente che le interviste sono state effettuate nella primavera-estate del 1968 a Torino. Questo periodo corrisponde grosso modo al momento in cui è iniziata la crisi del movimento studentesco, quanto a capacità di mobilitazione di massa e di sviluppo dei temi politici e culturali proposti nella fase iniziale del movimento. Tale situazione di crisi era però ancora poco percepibile per le persone coinvolte nel lavoro e nella mobilitazione politici. In altri termini, le risposte alle interviste riflettono una prima cristallizzazione dei motivi e delle valutazioni correnti nel movimento e in genere nell’ambiente degli studenti universitari, tenendo presente che l’impressione dei primi mesi (dal novembre 1967 al marzo 1968) era ancora vivissima e determinante per la coscienza dei soggetti. Qualche informazione sommaria sugli studenti è offerta da queste due tavole [le due tavole si possono consultare nella sezione Annexe di questo saggio].

2 Le persone che tendono a questa impostazione individualistica danno spesso l’impressione di avere un’identità piuttosto fragile, malgrado l’apparenza contraria. Lo sforzo di distinguersi dal gruppo sociale di origine, l’adesione ai valori e alle norme sociali vigenti – nelle condizioni attuali della società capitalistica – equivalgono all’accettazione dell’adattamento come modo per autorealizzarsi, in un certo senso presuppone la negazione dell’autonomia. Poiché però essi hanno a proprio sostegno la massiccia realtà sociale che li conferma nella validità di tale interpretazione, essi difficilmente scorgono la natura eteronoma, alienata, dei propri ideali dell’Io e del rapporto tra vita privata e vita sociale. Anche all’interno di questo gruppo i meno «alienati» sono coloro – pochissimi nel nostro campione – che aderiscono a un’ideologia esplicita di tipo tecnocratico, meritocratico, pluralistico, liberale, ecc., e che accettano di far parte consapevolmente di una classe privilegiata (o di volerne far parte) e accettano la lotta politica come mezzo di affermazione appunto degli interessi di classe. Sembra però che la legittimazione di privilegi sociali sia ormai tanto precaria che quasi nessuno osa veramente o identificarli con gli interessi generali o con l’interesse esclusivo di una classe.
Si può notare poi che nei soggetti aderenti a una concezione pluralistica, liberale o tradizionalistica appare spesso un timore della politica come sfera del conflitto di classe, che in realtà è il timore di dover ammettere la natura di classe dei propri interessi (in questo caso, per lo più della propria famiglia o nel proprio futuro professionale) o in generale di dover ammettere l’esistenza della lotta nella vita sociale; questa idea è spesso troppo preoccupante per essere tollerata. La presunta naturalità attribuita alle condizioni sociali riduce tale tensione, sottraendo una sfera sostanziale del sociale a considerazioni di natura politico-conflittuale, in quanto inaccessibile all’intervento consapevole della volontà umana. Il timore del coinvolgimento in una situazione conflittuale, che impone la presa di partito, che evoca la violenza, viene tendenzialmente evitata. Ciò è coerente con la definizione prevalentemente privatistica dei bisogni-interessi e con l’idea di un rapporto e confronto singolare tra individuo e società (l’individuo come contrapposto alla società) proprie di questo sottogruppo.
Topoi spoliticizzanti, come l’idea della «naturalità» dell’attuale struttura di classe, sono acquisiti fin dalla socializzazione primaria, riflettono esperienze familiari [per il concetto di topos cfr. Popitz-Bahrdt, Das Gesellschaftsbild des Arbeiters, cap. II, 3, d, Mohr, Tübingen, 1957 (traduz. ital. Edizioni Paoline, Roma)]. Qui basti notare la loro ostinata resistenza alla critica e alla verifica. Per contro, in generale, ma anche in questo gruppo di persone, si può dire che esistano specifici meccanismi di difesa socio-individuale caratteristici di questa società che ostacolano il passaggio da una di queste immagini a quella di classe, e perfino da quella dicotomica a quella di classe. Ciò non ha niente a che fare con la plausibilità scientifica del marxismo, ma piuttosto con la forza sociale di certi schemi di riferimento connessi alla riproduzione e al controllo sociale, cristallizzati appunto nei topoi più spoliticizzanti.

3 La funzione «psicologica» della definizione crudamente dicotomica del rapporto amico-nemico nella lotta di classe è connessa alla preminenza, nella fase attuale di politicizzazione, del problema della formazione di una identità politica radicale su quello dell’analisi sociale e della strategia politica, almeno a livello delle esigenze sentite dai soggetti in via di politicizzazione rivoluzionaria.

4 Sull’opinione pubblica resta da aggiungere che per lo più si ritiene che un sistema di democrazia borghese non esiga un pubblico informato e interessato, cioè lo esige in principio, ma non nel funzionamento effettivo. Viene colta la contraddizione tra la postulazione dell’opinione pubblica come istanza di articolazioni dei bisogni e di controllo politico e la sua reale natura nei paesi di capitalismo avanzato: il concetto di manipolazione viene usato proprio per descrivere criticamente questa trasformazione. Si tratta di un topos estremamente diffuso (forse legato a letture marcusiane), usato come descrizione di una situazione in cui il soggetto è esposto a influssi e condizionamenti incontrollabili, mentre da parte sua è ridotto a un ruolo passivo. La metafora della manipolazione è inerente alla concezione della società capitalistica come sistema repressivo, sebbene l’esistenza della manipolazione venga ammessa anche da posizioni meno critiche. Si dice che è difficile informarsi (complessità della realtà politica), che le informazioni sono falsate, che il linguaggio usato è troppo tecnico o gergale, che si subisce un lavaggio del cervello, ecc. La crisi generalmente riconosciuta di questo meccanismo essenziale della democrazia comporta l’impossibilità da parte del pubblico di conoscere e valutare il senso delle decisioni politiche, l’esclusione da possibilità di intervento. La sua crisi sanziona anche la separazione tra la sfera politica e la sua base materiale nella società, che lascia come residui solo rapporti clientelari e da gruppo di pressione, o la mobilitazione temporanea ad hoc delle masse.

5 È forse opportuno precisare meglio le differenze accennate nel testo. Nell’«impegno» in senso tradizionale soltanto alcuni aspetti del ruolo sociale – o di alcuni ruoli sociali – diventano politicamente rilevanti, in ogni caso non viene messa in questione la scissione tra ruolo sociale e ruolo politico, in quanto si tratta di mettere il primo al servizio di una causa ideologica e politica, che normalmente non richieda l’eversione delle norme del ruolo sociale. Anzi nella prassi del dopoguerra italiano, l’impegno esigeva piuttosto l’eccellenza nel soddisfare la norma socioculturale, soprattutto da parte di intellettuali e di coloro che ricoprivano ruoli cognitivi. Ciò corrispondeva all’idea sviluppata dal Pci di porsi da un lato, come il portatore della cultura egemone, dall’altro, di dimostrare a futuri alleati politici la propria capacità di gestione del potere e degli apparati amministrativi statali e dell’economia.
Gli intellettuali (in senso lato) in questo disegno non dovevano agire come gruppo sociale con proprie motivazioni eversive, ma porre la propria intelligenza al servizio del partito e delle sue organizzazioni di massa; si trattava insomma di un’alleanza tra il partito e i «compagni di strada», che toccava intenzioni e atteggiamenti, non contenuti culturali del ruolo, né le sue norme sociali. Invece, nella «partecipazione» si mira appunto alla radicale rimessa in questione delle regole del gioco politico, soprattutto nei suoi aspetti parlamentaristici e di delega nel processo di formazione della volontà politica, come anche delle norme del ruolo sociale. Le due cose sono strettamente connesse: la partecipazione consiste infatti in una ridefinizione dei ruoli sociali tale che la politica (la loro funzione politica) ne divenga parte integrante e non più ne resti appendice causale (come nel caso dell’impegno e del servizio). Viene rimessa in questione la classica distinzione borghese tra individuo privato (nella famiglia e nel lavoro) e cittadino (nella vita pubblica, culturale e politica). Partecipazione significa allora che i cittadini nei loro diversi ruoli sociali recuperano, per ciascuno di essi, la dimensione politica che è stata loro sottratta sia con il venir meno della specifica articolazione tra sfera civile e sfera politica propria della società borghese (su questo punto cfr. J. Habermas, Strukturwandel der Öffentlichkeit, Luchterhand, Neuwied, 1961) che per l’azione dei meccanismi generali di spoliticizzazione operanti nella società di massa. Ruoli come quelli «lavorativi» devono riscoprire l’elemento politico decisionale loro inerente, cioè la struttura degli interessi sociali diventata latente dietro la facciata della divisione tecnica del lavoro e quindi l’apparente necessità oggettiva della sottrazione della politica da ruoli funzionali. Ruoli «socializzanti» come quelli familiari riscoprono invece le funzioni latenti nell’ambito della catena della repressione istituzionale, e quindi l’elemento politico di compensazione di frustrazioni prodotte nella sfera lavorativa, oppure di organo delegato a una socializzazione repressiva e al disciplinamento preventivo della devianza. Partecipazione implica in senso stretto una rivoluzione culturale per quanto riguarda i contenuti dei ruoli sociali, e per quanto riguarda la divisione sociale del lavoro. Il recupero della dimensione politica nel ruolo sociale è infatti il primo atto della ricomposizione della scissione essenziale tra ruolo sociale e ruolo politico; questa – insieme all’altra divisione fondamentale tra lavoro manuale-subordinato e lavoro intellettuale-sovraordinato – è il nucleo della divisione sociale del lavoro che la partecipazione tende a sconvolgere tramite una rivoluzione culturale e la costituzione di contropoteri e situazioni di doppio potere.
Nella fase attuale la politica come partecipazione si presenta però in due forme diverse, anche spesso confuse: da un lato, si ha la partecipazione politica come surrogato dell’esistenza sociale, quando il soggetto riduce tutti i contenuti particolari dei suoi vari ruoli alla dimensione politica. Questo è ancora una volta un riduzionismo con segno inverso di quello proposto dalla politica ufficiale, ma con risultati non difformi da essa in ultima istanza, poiché culmina nella formazione di un’avanguardia esterna di rivoluzionari o politici di professione: tutti i ruoli si riducono a quello politico; la presunta universalità di questo poi risulta essere ancora una volta particolare, e infatti ricostituisce una divisione del lavoro. Una simile riduzione sembra legittima solo nel caso di situazioni prerivoluzionarie, non può essere prolungata nel tempo senza la ricostituzione di un gruppo dirigente in qualche modo burocratico manipolante le masse, rese ancora una volta dipendenti e immature. Per questo motivo, cioè di essere legata ad una contingenza non prolungabile (una situazione apparentemente prerivoluzionaria tipo maggio francese), non può nemmeno costituire la base di una strategia politica per le società avanzate, valida anche e specialmente per i momenti non prerivoluzionari.
L’altra interpretazione, più matura, ma più rara, è quella che coglie la rilevanza politica delle contraddizioni dei ruoli sociali e del rapporto tra individuo e ruoli e ne fa la base della politicizzazione. Tale concezione si sforza di tener conto di alcune caratteristiche delle società «avanzate» che impongono di rivedere alcune idee tradizionali sui motivi della politicizzazione e sul modo di fare politica per cambiare la società. I punti essenziali sono: (a) motivi ad agire in senso eversivo non derivano soltanto da contraddizioni economiche, ma anche dal maturare delle condizioni oggettive che rendono possibile un mutamento nella qualità della vita sociale; (b) lo sviluppo tecnico-scientifico non è più «innocente» come ai tempi di Marx, la critica della scienza e della tecnica nella loro forma attuale è un tema centrale della politica; essa può essere condotta però soltanto entro la specificità dei contenuti scientifico-culturali dei sempre più numerosi sistemi di ruoli cognitivi propri delle società industrialmente sviluppate; (c) è immaturo ogni interesse politico che non passi attraverso lo specifico del ruolo sociale occupato dall’individuo, perché solo in questo modo la politica viene radicata nella biografia dell’individuo, non aggiunta ideologicamente dall’esterno, e perché solo così – nel processo di critica e autocritica pratica del proprio essere sociale – il soggetto diventa in grado di trasformarsi (presa di coscienza) e di modificare i contenuti (i valori, i criteri, le priorità) della cultura sociopolitica; (d) queste trasformazioni della coscienza individuale e collettiva e dei contenuti culturali non può essere rinviata a dopo la «presa del potere», poiché l’esperienza storica insegna che una presa del potere senza adeguata parallela presa di coscienza delle masse è destinata a far fallire le intenzioni più profonde, emancipatorie, della politica eversiva. Ciò è tanto più vero, quanto più sviluppata industrialmente è una società, cioè quanto meno pressante è il problema dello sviluppo delle forze produttive e più urgente la modificazione «culturale» della qualità della vita industriale e sociale.
In questo senso la «partecipazione» diventa un metodo di lavoro, entro il quale dovrebbe diventare possibile risolvere il problema dell’organizzazione politica e sviluppare una strategia non solo della presa del potere, ma anche del mutamento qualitativo della società.
Si deve sottolineare che quest’ultima concezione, che del resto al momento delle interviste non aveva trovato una formulazione sistematica, non è sviluppata da nessun intervistato in modo esplicito e coerente; in un certo senso proprio i «modi» più nuovi di fare politica prodotti dal MS vengono meno chiaramente riconosciuti da questi studenti come un’innovazione radicale. A livello individuale si ritrova più la contraddizione tra concezione tradizionale («marxista») e «partecipazione», che la mediazione tra le due.

6 Su questo punto si rinvia a F. Ciafaloni, C. Donolo, Contro la falsa coscienza del movimento studentesco, «Quaderni Piacentini», n. 38.

7 Per cogliere il nodo originario di questo complesso ci si può rifare a un atteggiamento piuttosto diffuso: il problema dell’incompetenza. Molti studenti affermano di non essere competenti a giudicare le istituzioni e la situazione politica, di non essere sufficientemente preparati. Specialmente le domande sulla Costituzione che richiederebbero un minimo di cognizioni precise evocano timori e ansie: con ciò viene toccata tutta una sfera di cui si sa poco, perché lontana, complessa, non concettualizzata. Ammettendo di non essere sufficientemente preparati o informati, essi tendono a giustificarsi dichiarando di volerlo diventare in futuro, oppure rinviando i giudizi a dopo, quando avranno acquisito le nozioni ritenute indispensabili. Non a caso il «complesso dell’incompetenza» si ritrova più frequentemente tra studenti delle facoltà tecnico-scientifiche, che hanno un’idea ristretta, riduttiva, del sapere come sapere tecnico, ed anche una certa idea proibitiva del rigore necessario nell’emettere giudizi e inoltre sono spesso i meno predisposti a recepire informazioni politiche (quelle facoltà – come è noto – sono fortemente spoliticizzanti). La frase tipica è: quando sarò preparato, giudicherò e vedrò se sarà opportuno impegnarsi. Si tratta di una tattica di attesa e rinvio, per evitare un complesso problematico angoscioso. La dichiarazione d’incompetenza ha naturalmente una base reale: queste persone sono scarsamente informate sia a livello di conoscenza istituzionale che di attualità. Tuttavia, essa non può essere presa per quel che pretende di essere, dato che ha un’importante funzione latente (nel senso che per lo più non è consapevole al soggetto): quella di evitare la politica come oggetto d’interesse o impegno, ed anche come realtà rilevante quotidianamente. Chi non è competente non si ritiene responsabile di quello che succede, né colpevole per la propria apatia, anzi gli sembra razionale. Ma l’incompetenza tradisce la paura della politica: infatti questi stessi individui spesso tendono a ridurre la politica a tecnica, qualche ingegnere vorrebbe scientifizzarla, eliminare la dimensione del potere e del conflitto, per ridurla ad amministrazione. Il curioso è che questa ideologia tecnocratica normalmente non è affatto percepita nelle sue implicazioni: la razionalizzazione sembra un valore in sé, che prescinde dalla struttura degli interessi sociali. Si tratta della forma più cieca di ideologia, perché è dura a spezzarsi, essendosi immunizzata rispetto all’esperienza grazie alla pretesa oggettività e normatività del criterio di ragione che l’inspira. L’incompentenza può dar luogo a una distanza «razionale», nel senso di rendersi conto dell’impossibilità di dire alcunché di significativo a quel livello di disinformazione, oppure rovesciarsi in distanza irrazionale, affettiva, che rifiuta nella politica proprio quel che la distingue da altre sfere sociali: cioè il potere, anche la violenza, e il conflitto di interessi. Queste persone riproducono tutti i topoi antipolitici che abbiamo visto nel caso della politica come «sfera della corruzione», e «sfera dell’autorità anonima».

8 Per completare questo tema è opportuno riferire alcune strategie seguite per neutralizzare la rilevanza della politica per la vita individuale. Dai nostri colloqui possiamo individuare tra l’altro le seguenti: 1) dichiarazione d’incompetenza, 2) scelta di una professione ritenuta politicamente neutrale; 3) discontinuità tra pubblico e privato. Sono particolarmente interessanti le prime due in quanto cercano di legittimarsi in riferimento a valori sociali che si presuppone siano accettati universalmente e «ovvi». Così uno studente di ingegneria insiste sulla propria incompetenza politica per poter eliminare – per intanto – la politica dal proprio orizzonte d’esperienze. La «competenza» cioè l’ideale di una informazione esauriente e adeguata riflette l’idea del sapere come sapere tecnico conchiuso, definitivo. Inoltre un sapere di regole, regolarità, ecc. che rendano prevedibili e misurabili gli avvenimenti e comportamenti. Inoltre la scelta politica è vista possibile solo sulla base di un’informazione completa.
Poiché la competenza è un valore socialmente apprezzato, nell’ambito di una cultura tecnocologica e di un’ideologia tecnocratica, egli può contare sulla comprensione dell’ascoltatore, cioè la spiegazione della sua relativa spoliticizzazione è anche una giustificazione, che ha probabilità di essere accettata. Il proposito di diventare prima competente e poi scegliere è un modello difficilmente confutabile, una dimostrazione di serietà. L’errore sta nell’idea che il sapere politico sia equivalente a un sapere tecnico, nell’idea della completezza del sapere, nell’assunto di una scelta solo in condizioni di informazione ottimale, nella riduzione inconsapevole della politica a tecnica. Egli si è fatto un’idea della politica che gli permette di escluderla dall’ambito attuale dei suoi interessi: questo rinvio potrà essere fatale per la sua politicizzazione. Egli non tollera l’elemento specifico della politica, la violenza, il potere, il compromesso, la lotta. Spera di poterla ridurre a tecnica per eliminare questi elementi «irrazionali»: ma ciò che gli resta in questa concezione è appunto la tecnica e la politica, quest’ultima come residuo irrazionale incomprensibile.
Un futuro magistrato usa invece l’alibi di una professione istituzionalmente neutra. Il giudice non può iscriversi a partiti, non deve essere di parte. Lo studente che vuole diventare giudice anticipa già nel corso della sua formazione l’atteggiamento futuro proprio della professione, si allena alla «neutralità». Qui si scorge l’ideologia professionale mediata dalle facoltà di giurisprudenza, la legge come tecnica neutra e la giustizia come indifferenza politica. La posizione super partes attribuisce una dignità, fa nascere uno stile cognitivo cui sfugge esattamente lo specifico delle situazioni conflittuali i cui esiti civili e penali il giudice si troverà poi a giudicare. La posizione apolitica del futuro giudice è una scelta per l’ignoranza, che immunizza già ora il soggetto del contatto con la prassi, dalla quale cerca di sfuggire.
In entrambi i casi si nota la funzione protettiva di ideologie professionali spoliticizzanti, recepite tanto più acriticamente quanto più le professioni esercitate promettono prestigio sociale. Questa base tradizionale apolitica è un terreno favorevole all’affermarsi di ideologie tecnocratiche più avanzate, che dopo aver eliminato la politica dalla sfera professionale, con la riduzione della politica a tecnica, estendono la legittimazione dei ruoli tecnici a tutti i sistemi di ruoli sociali, minando così le basi stesse del funzionamento di ogni democrazia.
Il terzo caso si pone invece su un altro piano: si tratta di negare che esista un continuum di comunicazioni e di rilevanza tra la sfera privato-individuale e quella pubblica; si pone uno iato, una soluzione di continuità, per cui la persona si forma e realizza nella sfera privata, unica rilevante per la sua vita, mentre la sfera pubblica è sempre posta al di là dell’orizzonte comprensibile e sperimentabile. È l’individuo atomizzato che riproduce a livello di ideologia personale l’idea dell’isolamento: è la sua ultima difesa. Necessariamente, però, deve poi proiettare sull’universo sconosciuto della politica appunto le norme proprie dell’ambito familiare.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Carlo Donolo, « Politicizzazione e crisi di legittimità (1970) »Quaderni di Sociologia, 26/27 | 2001, 455-484.

Notizia bibliografica digitale

Carlo Donolo, « Politicizzazione e crisi di legittimità (1970) »Quaderni di Sociologia [Online], 26/27 | 2001, online dal 30 novembre 2015, consultato il 04 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1619; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1619

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search