Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri26/27Il sistema politicoMercato elettorale e competizione...

Il sistema politico

Mercato elettorale e competizione tra i partiti (1992)

Renato Mannheimer
p. 513-540

Testo integrale

Desidero ringraziare i colleghi che mi hanno dato utili suggerimenti ad una versione precedente di questo scritto: Roberto Biorcio, Mario Caciagli, Paolo Natale, Stefano Palma, Giacomo Sani, Paolo Segatti. Naturalmente la responsabilità dello scritto è soltanto mia.

1. Elettori «monopartitici» ed elettori «pluripartitici»

  • 1 Ci riferiamo ovviamente, in primo luogo, alla classica ricerca di G. Galli (a cura di), Il comporta (...)
  • 2 Le pubblicazioni al riguardo sono assai numerose, sia in relazione al dibattito intorno alle metodo (...)

1Gli ultimi anni hanno visto un notevole incremento degli studi sul comportamento elettorale in Italia. Anche a causa delle maggiori – rispetto alle esperienze dei decenni passati – differenze nei risultati da un’elezione all’altra, si è verificato un vero e proprio fiorire di ricerche, analisi, dibattiti. Ma gli studi di questi ultimi due decenni presentano caratteristiche in larga misura diversa da quelli condotti nei periodi precedenti. La differenza più significativa consiste nell’oggetto stesso dell’analisi. Se un tempo l’attenzione degli studiosi era diretta principalmente verso la struttura del mercato elettorale, spesso definito come statico o immobile1, oggi la gran parte delle analisi tende a considerare il mutamento di quest’ultimo. Di qui una serie di contributi importanti sulla mobilità elettorale, intesi sia a misurare la sua entità, sia a rilevare le direzioni verso cui i flussi dei voti mobili si dirigono2.

2È probabile che questa attenzione verso il tema della mobilità elettorale, del cambiamento della scelta di voto da parte dell’elettore, prosegua negli anni futuri, anche in relazione all’esito delle elezioni del 1992 e, naturalmente, all’introduzione di nuovi sistemi elettorali. Sin dall’inizio della campagna elettorale queste erano state giudicate di particolare rilievo. Si è scritto al riguardo che sarebbero state «le più importanti dopo quelle del 1948» o «le prime elezioni libere del dopoguerra», ipotizzando un sostanziale incremento della mobilità rilevata in occasione delle scadenze passate.

3In effetti, svariati elementi di novità caratterizzavano il mercato elettorale nei primi mesi del 1992. Rispetto alle consultazioni politiche precedenti, del 1987, il contesto politico appariva mutato sostanzialmente sia sul piano internazionale che, parzialmente in conseguenza di quest’ultimo, in Italia. In particolare, si erano affacciate sul mercato elettorale molte nuove forze che corrispondevano ad altrettante nuove possibili opzioni di voto. Si tratta della Lega Lombarda, del Pds, della Lista Referendaria e di decine di altri nuovi partiti e movimenti.

  • 3 Cfr. C. Mershon, The 1992 parliamentary elections: how much change?, «Conference group on Italian P (...)
  • 4 G. Sani, La destrutturazione del mercato elettorale, «Rivista Italiana di Scienza Politica», 1992.

4Forse anche a causa di questi motivi, la forte mobilità elettorale, da molti prevista prima delle consultazioni, pare essersi effettivamente verificata. Una recente analisi condotta da Carol Mershon mostra come la volatilità elettorale nel 1992 sia stata tra le più alte dal dopoguerra3. E alle stesse conclusioni giunge Giacomo Sani, nel suo lavoro più recente4.

5Anche in questa sede ci riferiremo alla consultazione elettorale del 1992 e trarremo spunto dalla recente evoluzione del mercato elettorale italiano, per analizzarlo, tuttavia, da un altro punto di vista.

6L’ottica che qui adotteremo non è quella del confronto dei risultati di un’elezione con la precedente, ma dell’analisi del mercato elettorale in un dato periodo. E non studieremo un comportamento ma un atteggiamento: la disponibilità a considerare più di un partito nel momento della decisione di voto.

7L’idea è in sé molto semplice. Vi sono persone che, per una serie di motivi, messi molto bene in luce dalla letteratura sul comportamento elettorale (il grado di appartenenza a subculture politiche, l’identificazione di partito, ecc.), sono sin dall’inizio della campagna elettorale già completamente decisi ad una – ed una sola – scelta, magari quella stessa del voto precedente. Questi elettori sono, cioè, indisponibili a prendere in considerazione un partito diverso da quello per il quale hanno già deciso di votare.

  • 5 L’espressione «nel mercato» si trova in G. Sani, L’influenza della cultura politica, in G. Urbani ( (...)

8Viceversa, vi sono elettori che, pur essendo in misura maggiore o minore orientati ad una scelta, considerano la possibilità eventuale di optare per uno o più altri partiti. In estrema sintesi, possiamo dire che questo secondo tipo di elettore è «nel mercato», mentre il primo tipo è, sin dall’inizio, «fuori mercato»5.

  • 6 Come si è detto, questo scritto è dedicato allo studio di questo specifico atteggiamento. Un’ampia (...)

9Al di là del comportamento effettivo che assumeranno al momento del voto, ciò che distingue i due tipi è un atteggiamento che potremmo definire di disponibilità a prendere in considerazione diverse possibili scelte di voto6.

  • 7 Sartori, ibid., utilizza il concetto di «elasticità» dello spazio di competizione (p. 343). Ancora, (...)

10Il fenomeno da noi studiato, può essere considerato in qualche modo logicamente precedente al comportamento dell’elettore mobile, anche se, come vedremo, non lo è necessariamente. Ma, si intende, esso costituisce una cosa diversa dalla mobilità. Ciò che noi analizziamo è un atteggiamento che può tradursi o non tradursi in un comportamento, anche se è ragionevole pensare che la disponibilità a considerare un più alto numero di partiti per il voto possa più probabilmente portare alla mobilità elettorale. Ma, è bene sottolinearlo ancora, non è detto che ciò avvenga. Un elettore può considerare molti partiti per la propria scelta (e il mercato essere pertanto assai elastico)7 senza peraltro mutare poi quest’ultima da una consultazione all’altra (e la mobilità effettiva rimanere dunque su valori modesti).

  • 8 La letteratura specificatamente volta all’analisi del comportamento elettorale, più orientata, come (...)

11Analogamente a molti altri fenomeni sociali, la disponibilità a considerare uno o più partiti per il proprio voto può essere analizzata sia dal punto di vista individuale (considerando cioè le diverse caratteristiche degli individui in relazione a questo atteggiamento), sia dal punto di vista sistemico (considerando cioè gli effetti che una maggiore o minore disponibilità a prendere in considerazione più di un partito per il proprio voto ha sui connotati del mercato elettorale nel suo insieme)8.

  • 9 Per effettuare la nostra analisi ci avvarremo di una base di dati che non esitiamo a definire strao (...)

12Nelle pagine che seguono affronteremo entrambi questi approcci, considerando dapprima i caratteri del singolo individuo e, poi, quelli del mercato elettorale nel suo complesso9.

  • 10 Utilizziamo qui per classificare gli individui una terminologia normalmente impiegata per l’analisi (...)
  • 11 Per rilevare, con i dati a nostra disposizione, l’appartenenza ad una di queste due categorie, abbi (...)

13Nel considerare dapprima i caratteri dei singoli elettori in relazione alla disponibilità a prendere in considerazione più di un partito per la scelta di voto, dobbiamo anzitutto distinguere coloro che potremmo denominare «monopartitici»10 – coloro cioè che dichiarano di considerare comunque un solo partito per la scelta di voto – dai «pluripartitici» che, viceversa, manifestano una pluralità di scelte possibili11.

  • 12 Si tratta di quella che V.0. Key ha definito «standing decision».

14Entrambi questi gruppi – i monopartitici e i pluripartitici – racchiudono tuttavia un aggregato di comportamenti assai vasto e differenziato. Vi è chi esprime una scelta monopartitica a seguito di una decisa convinzione, rafforzata magari nel tempo12 e chi, invece, sceglie, anche se non troppo convinto, il «meno peggio». Ancora, tra le opzioni espresse da chi è «pluripartitico» se ne possono trovare una o più in qualche modo più importanti e altre ritenute, per così dire, di riserva.

15Costruire una tipologia adeguata di tutte queste possibilità comporterebbe un tal numero di gruppi da rendere inattuabile l’analisi dei fenomeni in esame. Abbiamo però voluto operare una distinzione che, seppure assai semplice, può aiutare a comprendere meglio la natura dei diversi comportamenti.

  • 13 La distinzione tra scelta «forte» e scelta «debole», monopartitica o pluripartitica che sia, si rif (...)

16Grazie allo strumento adottato, abbiamo, infatti, potuto distinguere, all’interno di ciascuna delle due categorie, rispettivamente dei monopartitici e dei pluripartitici, due sottocategorie in relazione all’intensità della scelta. Abbiamo quindi considerato separatamente opzioni «forti» e opzioni «deboli»13.

17Come tutte le tipologie, anche quella qui proposta presenta naturalmente un notevole grado di arbitrarietà, sia sul piano della concettualizzazione che su quello degli indicatori. Occorre sottolineare, pertanto, che essa deve essere intesa non come un risultato di ricerca, quanto come uno strumento per intraprendere l’analisi del fenomeno, una prima modalità di classificazione dei nostri dati.

18Nella nostra analisi abbiamo dunque considerato (tab. 1):

    • 14 L’attributo di «monopartitico», può, naturalmente, essere messo in relazione con il concetto di ide (...)

    Gli elettori «monopartitici». Si tratta di coloro che dichiarano di scegliere un solo partito ed escludono di prendere in considerazione, neppure lontanamente, altre forze politiche. Li abbiamo suddivisi in a1) «monopartitici forti» e a2) «monopartitici deboli»14.

  1. Gli elettori «pluripartitici». Si tratta di coloro che sono disponibili a più di una scelta. Anch’essi sono stati suddivisi in b1) «forti» e b2) «deboli».

  • 15 Come base per il calcolo dei valori percentuali, abbiamo considerato l’insieme degli intervistati c (...)

19Applicando questa tipologia ai nostri dati si può rilevare come (tab. 2), circa il 23% degli intervistati15 eserciti la scelta monopartitica in modo «forte», mentre in un altro 5%, questa scelta si manifesta in modo «debole».

  • 16 Il quesito era: «Se domani ci fossero le elezioni politiche, cioè della Camera e del Senato, mi può (...)

20In totale, dunque, il 28% del nostro campione esprime una opzione monopartitica, collocandosi, per così dire, «fuori mercato». Purtroppo, non vi è la possibilità di comparare questo dato con rilevazioni precedenti, in quanto non è stata posta nel passato la stessa domanda. Disponiamo peraltro di una ricerca del 1985, in cui è stato posto un quesito simile, ma non identico16. Secondo i dati di quella ricerca, i «fuori mercato» erano, nel 1985, il 27,8%. Se i due sondaggi fossero confrontabili, si potrebbe ipotizzare che l’incremento di mobilità rilevabile dalle analisi sui risultati delle elezioni avvenute nel frattempo, sia dovuto, non tanto ad una crescita di soggetti «nel mercato», quanto ad una piú intensa «mobilitazione» (e cioè esercizio di fatto della disponibilità dichiarata a opzioni di voto alternative) di questi ultimi. Ma la differente formulazione delle domande nelle due ricerche ci costringe a considerare questa come mera ipotesi non pienamente verificabile.

Tab. 1. Tipi di elettori.

forti

«monopartitici»

esprimono una sola opzione di voto.

deboli

forti

esprimono più opzioni possibili,
con almeno una scelta privilegiata.

«pluripartitici»

deboli

esprimono più opzioni possibili,
senza scelte privilegiate.

Tab. 2. Tipi di elettore e scelte di voto.

monopartitici forti

23,1

monopartitici deboli

4,7

totale monopartitici

7,8

pluripartitici forti

54,7

pluripartitici deboli

11,5

totale pluripartitici

72,2

totale elettori

100,0

(7215)

21Torniamo al 1992: i restanti intervistati, pari al 72% del campione, hanno espresso più scelte di partito possibili e sono stati pertanto considerati pluripartitici. Tra questi, la gran parte esprime almeno una opzione più «forte» (questo è il caso per il 55% del campione) e poco meno di un quinto (il 17%) esprime tutte opzioni «deboli», senza nessuna preferenza per un partito o per l’altro.

22In definitiva, ci troviamo di fronte ad un mercato che vede piú di un quarto dei suoi componenti in una posizione «fuori mercato», più della metà «nel mercato», ma con una scelta privilegiata e i restanti, indecisi tra più partiti, senza preferenze particolari.

  • 17 Anche in questo caso possiamo tuttavia notare che l’analogo dato del 1985 (rilevato, come si è dett (...)

23La prima impressione generale è, dunque, quella di un mercato elettorale in cui vi è una rilevante presenza di elettori potenzialmente disponibili a più scelte e quindi potenzialmente «mobili». Questa immagine di «fluidità», almeno potenziale, è rafforzata nel momento in cui si prende in considerazione il numero di scelte che ciascuno degli intervistati «pluripartitici» esprime come possibile. Nel complesso, considerando tutte le indicazioni date da coloro che sono «sul mercato» (escludendo quindi solo i «monopartitici»), ciascun intervistato dichiara di prendere in considerazione 3,6 partiti (tab. 3). Ma, naturalmente, ciò che importa non è tanto il dato in sé – di cui non possiamo effettuare la comparazione col passato e che dipende anche in una certa misura dalla tecnica di misurazione17 – quanto la sua articolazione in relazione alle caratteristiche degli elettori ed ai partiti verso cui le diverse opzioni potenziali si dirigono.

Tab. 3. Numero medio di opzioni espresse per ciascun tipo di elettore.

monopartitici forti

1,0

monopartitici deboli

1,0

totale monopartitici

1,0

pluripartitici forti

3,5

pluripartitici deboli

3,7

totale pluripartitici

3,6

totale elettori

2,9

2. Le caratteristiche degli elettori «monopartitici» e «pluripartitici»

24Iniziamo considerando i connotati individuali dei diversi tipi di elettori. Emergono significative differenze per alcune caratteristiche strutturali: in particolare per l’età e il titolo di studio che all’età è in parte legato.

25Come era forse intuibile, la quota di opzioni monopartitiche (nel loro insieme, forti e deboli), cresce al crescere dell’età, sino a trovare la presenza massima tra gli anziani, tra i quali quasi il 35% esprime una scelta di questo genere (tab. 4).

26Se i vari atteggiamenti rilevati per le diverse classi di età potessero essere assunti come indicatori di una dinamica temporale, si potrebbe dire che l’opzione monopartitica è andata gradatamente perdendo di popolarità negli anni, coerentemente con il mutamento di alcune caratteristiche del nostro sistema politico. In particolare, non si può non pensare, da questo punto di vista, all’erosione delle appartenenze subculturali, alla caduta di talune ideologie, alla progressiva perdita di importanza della contrapposizione sinistra-destra e all’emergere di nuovi «bisogni» politici e di forze che ad essi si riferiscono.

Tab. 4. Età nei quattro tipi di elettori.

monopart.
forti

monopart.
deboli

pluripart.
forti

pluripart.
deboli

totale

%

%

%

%

%

(n.)

totale

23,1

4,7

54,7

17,5

100,0

(7215)

età:

18-24

17,1

3,4

64,7

14,8

100,0

(1212)

25-34

18,9

4,7

57,1

19,3

100,0

(1437)

35-44

23,4

4,8

52,6

19,2

100,0

(1561)

45-54

26,4

5,5

51,2

16,9

100,0

(1112)

55-64

26,9

5,0

49,8

18,3

100,0

(1050)

65 e più

29,3

4,7

50,9

15,1

100,0

(843)

27Ma, come è noto, sulle scelte connesse alle diverse età influisce anche il «ciclo di vita», vale a dire il mutare degli atteggiamenti del singolo individuo nel corso degli anni. Si può, cioè, anche supporre che al passaggio degli anni le scelte politiche si chiariscano e si consolidino al tempo stesso e che sia anche questo uno degli elementi determinanti della maggiore presenza di monopartitici al crescere dell’età.

28A fronte di questa maggiore unicità delle scelte dei più anziani, la generazione più giovane si caratterizza, dunque, per una maggior quota percentuale di opzioni «pluripartitiche»: più «forti» tra i giovanissimi (sotto i 24 anni) e più «deboli» tra chi è invece più maturo (25-44 anni). Insomma, i giovani, nel loro insieme, tendono ad avere scelte anche «forti», ma, come si è visto, non concentrate su una sola forza politica.

29Anche a questo atteggiamento si possono legare diverse interpretazioni, tutte plausibili, tutte probabilmente vere, ma purtroppo non verificabili dai dati a nostra disposizione. Si può così parlare di una maggiore indecisione nella scelta di partito connessa alla giovane età; di un minore attaccamento a singole forze politiche, ma anche, forse, di una disaffezione verso queste ultime.

30Anche per il titolo di studio, la cui distribuzione, come è noto, è strettamente legata all’età, si verifica un andamento differenziato ai due estremi (tab. 5). La monopartiticità è decisamente un appannaggio dei titolari di scuola elementare, mentre, al contrario, tra chi ha un’istruzione media, il numero di opzioni, sia forti che deboli, cresce. I laureati si attestano invece, in tutte le categorie, sui valori medi dell’insieme del campione.

31Ma il peso dei diversi tipi di elettore non è lo stesso nell’intero territorio italiano. Dalla tabella 6 emerge come, anche in questo caso, vi sia una forte differenza tra Nord e Sud. Nel Sud prevalgono, sempre, le scelte forti, siano esse monopartitiche o pluripartitiche. Ma, essendo ben pochi, complessivamente, gli elettori «monopartitici deboli», è l’intero gruppo dei «monopartitici» che al Sud finisce col prevalere.

Tab. 5. Titolo di studio nei quattro tipi di elettori.

monopart.
forti

monopart.
deboli

pluripart.
forti

pluripart.
deboli

totale

%

%

%

%

%

(n)

totale

23,1

4,7

54,7

17,5

100,0

(7215)

titolo di studio:

laurea e freq. un.

22,8

4,8

55,0

17,4

100,0

(650)

dipl. media sup.

20,1

4,1

56,4

19,4

100,0

(2587)

dipl. media inf.

20,8

4,7

56,7

17,8

100,0

(2209)

lic. elem./nulla

30,4

5,5

49,6

14,5

100,0

(1769)

Tab. 6. Distribuzione dei diversi tipi di elettori nelle tre aree geografiche*.

monopart.
forti

monopart.
deboli

pluripart.
forti

pluripart.
deboli

totale

%

%

%

%

%

(n.)

totale

23,1

4,7

54,7

17,5

100,0

(7215)

Nord

20,2

5,1

54,7

20,0

100,0

(3571)

Centro

24,4

4,9

51,3

19,4

100,0

(1355)

Sud

26,8

4,0

56,7

12,5

100,0

(2289)

* Abbiamo considerato del Nord le regioni: Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia Romagna.
Abbiamo considerato del Centro: Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzi.
Abbiamo considerato del Sud: Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna.

32Queste differenze si riscontrano peraltro anche nella caratterizzazione sociale dei diversi tipi di elettori, già vista per il complesso del campione. I connotati individuali visti più sopra, si ritrovano anche nei sottogruppi territoriali del Nord e del Sud (tabb. 7-8). Tuttavia, al Sud, la gran parte delle differenze appare più netta e marcata. Ad esempio, gli elettori più anziani e quelli che posseggono solo la licenza elementare sono ancor più inclini ad una maggiore unicità nelle scelte. Qui, tra gli anziani, i monopartitici raggiungono il 40% e ancora, i giovani esprimono con maggior forza le loro preferenze.

33In definitiva, il Sud mostra maggiore forza nelle scelte e sembra acuire le differenze tra gli atteggiamenti e i comportamenti politici dei diversi gruppi di elettori, portando a una sorta di amplificazione della frammentazione della cultura politica dei cittadini.

34Le spiegazioni di questo fenomeno possono essere molte. Vi è da un verso un’interpretazione per così dire, psicologica o caratteriale. È emerso da molteplici ricerche precedenti, sia qualitative che quantitative, come talune scelte siano espresse in certe zone, nel Meridione in particolare, comunque con più forza ed intensità.

35Ma questa maggiore forza nelle scelte può essere anche segno di un maggiore attaccamento ai partiti tradizionali che, mentre va scemando al Nord, qui continua a persistere. Non è un caso che è proprio verso le forze politiche tradizionali ed in particolar modo verso la Dc che si concentrano, specialmente al Sud, le scelte monopartitiche. E non è un caso che oggi è proprio al Sud che i partiti politici tradizionali trovano la maggiore fonte di consensi. In qualche modo anche i nostri dati mostrano che è qui, nel Meridione, che i partiti tradizionali hanno maggiori possibilità di trovare quel patrimonio di voti più «sicuri» che l’erosione delle subculture politiche ha sostanzialmente ridimensionato al Nord.

Tab. 7. Distribuzione dei tipi di elettori per età nelle tre aree geografiche.

monopart.
forti

monopart.
deboli

pluripart.
forti

pluripart.
deboli

totale

%

%

%

%

%

(n.)

totale

23,1

4,7

54,7

17,5

100,0

(7215)

Nord

età:

18-24

15,3

2,9

65,8

16,0

100,0

(550)

25-34

18,2

5,2

55,9

20,7

100,0

(694)

35-44

20,5

5,7

52,3

21,5

100,0

(786)

45-54

22,2

6,1

51,4

20,3

100,0

(577)

55-64

22,1

4,5

50,3

23,1

100,0

(551)

65 e più

24,7

5,1

53,3

16,9

100,0

(413)

Centro

età:

18-24

20,7

4,6

56,1

18,6

100,0

(237)

25-34

17,1

3,6

58,3

21,0

100,0

(281)

35-44

24,8

4,0

51,2

20,0

100,0

(250)

45-54

31,0

5,4

42,4

21,2

100,0

(184)

55-64

27,8

6,3

48,9

17,0

100,0

(223)

65 e più

28,9

6,7

46,1

18,3

100,0

(180)

Sud

età:

18-24

17,4

3,3

68,0

11,3

100,0

(425)

25-34

21,1

4,5

58,2

16,2

100,0

(462)

35-44

27,1

3,8

53,7

15,4

100,0

(525)

45-54

31,0

4,6

55,3

9,1

100,0

(351)

55-64

35,5

5,1

49,6

9,8

100,0

(276)

65 e più

37,2

2,8

50,4

9,6

100,0

(250)

Tab. 8. Distribuzione dei tipi di elettori per titolo di studio nelle tre aree geografiche.

monopart.
forti

monopart.
deboli

pluripart.
forti

pluripart.
deboli

totale

%

%

%

%

%

(n.)

totale

23,1

4,7

54,7

17,5

100,0

(7215)

Nord

titolo di studio:

laurea e freq. un.

21,2

4,5

52,4

21,9

100,0

(269)

dipl. media sup.

17,2

4,7

57,0

21,1

100,0

(1259)

dipl. media inf.

18,4

5,2

56,0

20,4

100,0

(1155)

lic. elem./nulla

26,7

5,3

50,7

17,3

100,0

(888)

Centro

titolo di studio:

laurea e freq. un.

24,6

6,3

55,0

14,1

100,0

(142)

dipl. media sup.

21,9

3,3

52,5

22,3

100,0

(516)

dipl. media inf.

21,3

4,6

53,8

20,3

100,0

(394)

lic. elem./nulla

32,3

7,7

44,2

15,8

100,0

(303)

Sud

titolo di studio:

laurea e freq. un.

23,4

4,2

58,2

14,2

100,0

(239)

dipl. media sup.

23,4

3,6

58,0

15,0

100,0

(812)

dipl. media inf.

24,7

3,9

59,7

11,7

100,0

(660)

lic. elem./nulla

35,3

4,7

50,7

9,3

100,0

(578)

3. Opzioni certe, probabili, possibili nel mercato elettorale dei partiti

36Sin qui abbiamo considerato le caratteristiche degli individui in relazione alla loro disponibilità a considerare più scelte possibili per il voto. È facilmente intuibile che questa disponibilità ha degli effetti sui caratteri e sul modo di funzionamento del mercato elettorale. Al crescere del numero di partiti che i singoli elettori prendono in considerazione al momento del voto, si incrementa la quantità di opzioni potenziali presenti sul mercato. I nostri 5.200 intervistati «pluripartitici» hanno manifestato, con maggiore o minore intensità, più di 18.000 opzioni potenziali.

37Che effetti ha un maggiore od un minore numero di opzioni potenziali nel mercato elettorale? E ancora, come si distribuiscono queste opzioni tra le diverse forze politiche? E che relazione vi è tra una maggiore disponibilità di opzioni potenziali e il numero di voti che ciascuna forza politica riesce poi concretamente ad ottenere al momento delle elezioni?

38A queste ed altre domande cercheremo di rispondere nelle pagine che seguono. Ma, per farlo, dobbiamo mutare la nostra prospettiva di analisi, spostando la nostra attenzione dall’individuo-elettore alle singole opzioni che egli esprime.

39Conviene, in questo quadro, mettersi dal punto di vista della forza politica verso cui le opzioni sono dirette. In questa prospettiva, le opzioni non sono, infatti, tutte uguali. Quelle espresse da elettori monopartitici sono, dall’ottica del partito a cui si riferiscono, praticamente un voto conquistato: è lecito assumere e denominarle come opzioni «certe».

40Non altrettanto certe sono le opzioni espresse dagli elettori pluripartitici, in quanto, ovviamente, nella scelta finale di questi ultimi, ciascuna opzione si trova a «lottare» con le altre. Ma, in questa competizione, le preferenze forti (misurate come tali secondo quanto specificato precedentemente) hanno, per la loro stessa natura, maggiore probabilità di successo. Pertanto, pur non essendo certe, appare lecito denominarle «probabili».

41Le restanti opzioni hanno una valenza meno rilevante e possono essere considerate solo come «possibili».

42Un singolo elettore può esprimere un solo tipo di opzione per ciascun partito e dunque può trovarsi in una sola di queste categorie di opzioni nel mercato elettorale di ciascun partito. Ma lo stesso elettore, nel momento in cui dichiara più preferenze, può trovarsi, magari a diverso titolo, nel mercato elettorale di più partiti.

43Ciascun partito si trova dunque a disporre sul mercato di tre tipi di opzioni, espresse da una pluralità di elettori (tab. 9):

  1. opzioni «certe», ovvero preferenze espresse da elettori monopartitici;

  2. opzioni «probabili», ovvero preferenze forti espresse da elettori pluripartitici;

  3. opzioni «possibili», preferenze deboli espresse da elettori pluripartitici.

Tab. 9. Tipi di elettori e opzioni di voto*.

gli elettori

esprimono opzioni che per il
partito cui si riferiscono sono…

forti

«monopartitici»

«certe»

deboli

forti

«probabili»

«pluripartitici»

deboli

«possibili»

* Questa tavola sintetizza la griglia qui adottata. È evidente che, esprimendo gli elettori pluripartitici più di un’opzione, il numero di queste ultime è superiore a quello degli elettori.

44Come si distribuiscono concretamente queste opzioni per i partiti nel mercato elettorale italiano? La tabella 10 (e la figura 1) mostra la distribuzione interna dell’elettorato potenziale di ciascun partito, ovvero dell’insieme di opzioni «certe», «probabili» e «possibili», rilevata attraverso i nostri dati.

45Le opzioni «possibili» costituiscono, come era prevedibile, la grande maggioranza (64%) delle preferenze espresse. Questo primato si conferma anche considerando separatamente il mercato di ciascun partito. Ma il quadro che emerge è piuttosto differenziato. In particolare la misura di questa prevalenza e, correlativamente, delle indicazioni «certe» varia considerevolmente tra le diverse forze politiche.

46Per confrontare la distribuzione delle diverse categorie nei mercati dei singoli partiti e, in particolare, la maggiore o minore presenza di opzioni certe, può essere utile adottare un punto di riferimento semplice, come, ad esempio, la presenza media dei diversi tipi di opzione nell’universo degli intervistati. È così agevole rilevare la misura in cui la quota riscontrabile per ciascun partito si differenzia in più o in meno dalla media. Nella tabella 11 viene riportata, per il mercato dei singoli partiti, la misura della differenza dalla media di ciascuna delle nostre categorie e viene quindi misurata l’intensità rispettivamente di consensi «certi», «probabili» e «possibili».

Tab. 10. Distribuzione delle opzioni di voto per i partiti italiani.

opzioni:

certe

probabili

possibili

totale

%

%

%

%

(n.)

totale

9,7

26,5

63,8

100,0

(20584)

partiti:

dc

23,2

38,1

38,7

100,0

(3275)

pds

12,8

33,2

54,0

100,0

(1839)

psi

10,5

30,1

59,4

100,0

(2754)

pri

6,0

19,7

74,3

100,0

(1768)

psdi

1,4

14,2

84,4

100,0

(1194)

pli

3,1

16,3

80,6

100,0

(1261)

msi

8,8

25,1

66,1

100,0

(884)

rifondaz. comun.

7,9

23,1

69,0

100,0

(996)

lista pannella

3,1

15,7

81,2

100,0

(764)

pensionati

2,7

24,6

72,7

100,0

(1482)

leghe

11,8

31,0

57,2

100,0

(1538)

verdi

6,1

22,3

71,6

100,0

(2050)

rete

3,6

22,3

74,1

100,0

(779)

Fig. 1 Distribuzione delle opzioni di voto

Fig. 1 Distribuzione delle opzioni di voto

Questa figura illustra la presenza, in termini percentuali, dei diversi tipi di elettori nel mercato elettorale di ciascun partito.

47Dc, Pds, Leghe e Psi presentano una quota di opzioni «certe» e «probabili» superiore alla media. Questi partiti sono, cioè, caratterizzati, sia dalla maggiore presenza di opzioni univoche, sia da opzioni espresse da elettori che prendono in considerazione anche altre alternative di voto, ma indirizzate con più forza verso questi partiti. In qualche modo possiamo dire che questi partiti godono di una quota di patrimonio elettorale «sicuro» maggiore delle altre forze politiche.

Tab. 11. Differenze dalla media nella presenza di vari tipi di opzioni nel mercato elettorale dei partiti.

opzioni:

certe
%

probabili
%

possibili
%

partiti:

dc

+ 13,5

+ 11,5

– 25,1

pds

+ 3,0

+ 6,7

– 9,8

psi

+ 0,8

+ 3,6

– 4,4

pri

– 3,7

– 6,8

+ 10,5

psdi

– 8,3

– 12,3

+ 20,6

pli

– 6,6

– 10,2

+ 16,9

msi

– 0,9

– 1,4

+ 2,3

rifondaz. comun.

– 1,8

– 3,4

+ 5,2

lista pannella

– 6,6

– 10,8

+ 17,4

pensionati

– 7,0

– 1,9

+ 9,0

leghe

+ 2,0

+ 4,5

– 6,6

verdi

– 3,6

– 4,2

+ 7,8

rete

– 4,2

– 4,2

+ 10,3

48Naturalmente non possiamo dai nostri dati avere conferme sui motivi di questa caratterizzazione. Ma è ragionevole pensare che si tratta di partiti per i quali tra i motivi di consenso vi sono – in misura diversa tra loro, ma più probabilmente che per altri – l’appartenenza subculturale, l’ideologia, l’identificazione, la militanza attiva, tutti fattori in parte diversi tra loro, come si sa, ma tutti capaci di originare, appunto, adesioni «forti». Per ciò che concerne Dc e Pds, è noto che, nel passato, il consenso era in buona misura caratterizzato dalla presenza di ampie aree di voti di appartenenza subculturale che, per definizione, comportano una scelta univoca di partito. È possibile che la relativa maggiore presenza di consensi rivolti ad un solo partito sia, dunque, il retaggio di questa caratterizzazione. Ed è possibile che la straordinariamente maggiore quota di consensi univoci nella Dc sia anche il segno di una maggior «tenuta», da questo punto di vista, della subcultura cattolica. Ma, come vedremo tra breve, non è propriamente così.

  • 18 In realtà parlare di nuovo senso di appartenenza è improprio. Il sentimento di appartenenza «del No (...)
  • 19 Ci permettiamo di rinviare, al riguardo, ai saggi contenuti in R. Mannheimer (a cura di), La Lega L (...)

49La presenza della Lega nel novero delle formazioni in grado di avere consistenti consensi da parte di elettori «monopartitici» è un fatto estremamente significativo e indicativo della capacità di raccolta di adesioni «fedeli» da parte di questa nuova formazione politica. Non è questa la sede per discutere i motivi della capacità, da parte della Lega, di instaurare una relazione così apparentemente robusta con l’elettore. Certo, questo risultato avvalora le argomentazioni di chi ha visto nel formarsi dei consensi per la Lega il sorgere di un nuovo senso di appartenenza18 – in larga misura sostitutivo di quello legato alla subcultura cattolica – o, in altri casi, di una nuova forma di adesione «militante». Ed è significativo, da questo punto di vista, ricordare come la gran parte dei voti per la Lega provenga, come molteplici analisi hanno dimostrato, proprio da elettori ex-democristiani19.

50Un caso particolare è quello del Psi che, tra i partiti con maggiori quote di opzioni certe e probabili, presenta valori prossimi alla media in tutti i casi. Ciò è sintomo della natura composita di questo partito che, accanto ad elementi comuni alle altre forze politiche tradizionali, presenta caratteristiche, per così dire, nuove.

  • 20 Si vedano al riguardo le approfondite analisi di G. Martinotti, La forza del Psi, «Quaderni di Soci (...)

51Al riguardo occorre ricordare che anche il Psi ha avuto, più in passato che oggi, una certa quota di voti di appartenenza. A Milano, ancora pochi mesi fa, una ricerca condotta da chi scrive tra gli elettori socialisti, ha mostrato il permanere di un’area di elettori «tradizionali», motivati più dall’identità, dall’appartenenza ad una tradizione, che da altri elementi. Tuttavia i rilevanti mutamenti dell’elettorato del partito negli ultimi lustri20 hanno ridotto quest’area ad una testimonianza del passato e, forse, la prevalenza, assai esigua, di «monopartitici» sulla media, rilevabile per il Psi, è segno dell’esistenza di quest’area che appare oggi in liquidazione.

52Il resto dei partiti si colloca sopra la media per la quota di opzioni «possibili», ovvero le opzioni di tipo debole espresse da elettori multipartitici. Si tratta in larga misura di partiti presi in considerazione come «seconda possibile scelta» che solo in una parte assai limitata di casi si trasforma in vera preferenza di voto. In molti casi, questi partiti raccolgono molte, moltissime adesioni potenziali, per lo più deboli. Ma vi è una forte difficoltà – sperimentata concretamente con le elezioni – di trasformarle in voti «veri».

53Si trovano qui sia le formazioni «di opinione» (Pri, Pli) che i partiti «non tradizionali» apparsi negli ultimi anni sul mercato (Pensionati, Rete, Verdi, ecc.) e le forze collocate all’estremo dell’asse sinistra-destra. Quest’ultime, ovvero Rifondazione Comunista e il Msi, analogamente a quanto abbiamo già visto nel caso del Psi, hanno una caratterizzazione piuttosto debole sulla nostra tipologia; anch’essi partiti a metà strada tra vecchie appartenenze e ricerca di nuovi spazi politici.

54Tra tutti questi partiti prevalgono dunque in misura maggiore le opzioni «sul mercato». È una condizione che può essere considerata da un verso positiva, ma dall’altro pericolosa, perché, come abbiamo visto, sul mercato c’è grande competitività ed un numero elevato di scelte per persona. Vedremo, tra breve, le conseguenze di questa situazione nel misurare il rendimento di ciascun partito.

55Ma prima conviene, ancora una volta, approfondire l’analisi considerando separatamente le varie aree del paese. Basta, a tal fine, considerare la diversa presenza delle opzioni certe evidenziate, per ciascuna area, dalla tabella 12.

56Come era facilmente prevedibile, la gran parte delle opzioni certe per le Leghe si trova nelle regioni del Nord. Ancora, l’elettorato «sicuro» del Pds appare più concentrato nel Centro e nel Nord-Est, aree queste già caratterizzate per la particolare forza del Pci.

  • 21 Si può obiettare, naturalmente, che la maggior presenza di opzioni certe per i democristiani al Sud (...)

57La medesima tabella ci conferma un fenomeno, già rilevato da tempo dagli studiosi, vale a dire la concentrazione nel Meridione del patrimonio di voti sicuri per il Psi e, specialmente, per la Dc. Questi dati suggeriscono dunque che, ormai, la base di consenso «certa» per il partito cattolico non si trova più nelle tradizionali aree di appartenenza subculturale ma, piuttosto, nel Meridione21. La caratterizzazione di «area bianca» del Nord-Est appare dunque sostanzialmente ridimensionata. Ma è il quadro complessivo della geografia elettorale che è cambiato. Anche questi dati confermano l’ipotesi di una nuova suddivisione territoriale delle opzioni politiche del nostro paese, con il trasferimento delle zone privilegiate di consenso per i partiti tradizionali nel Meridione e l’affermarsi di nuove forze politiche al Settentrione.

Tab. 12. Quota di opzioni certe sul complesso delle preferenze espresse per ciascun partito nelle singole aree geografiche.

nord ovest
%

nord est
%

Centro
%

sud e isole
%

partiti:

dc

18,4

17,4

23,7

29,6

pds

8,8

15,3

18,8

11,5

psi

8,6

9,8

12,8

12,1

pri

7,3

6,0

6,1

4,1

psdi

0,6

1,7

1,9

1,6

pli

1,3

3,0

5,0

4,2

msi

6,7

4,6

10,0

11,5

rifondaz. comun.

7,6

8,2

8,6

8,2

lista pannella

5,5

1,5

4,1

0,9

pensionati

3,5

1,9

3,2

2,1

leghe

15,6

13,3

6,5

5,4

verdi

6,7

6,3

6,5

5,4

rete

2,6

5,2

1,7

4,5

4. Le aree di competizione tra i partiti

58Il complesso delle opzioni variamente espresse dagli elettori consente di tracciare un profilo del mercato elettorale e, in particolare, della struttura della competizione. Come abbiamo visto, i mercati elettorali dei vari partiti condividono vaste aree di elettori che assegnano le loro preferenze a più forze politiche. Il modo in cui gli intervistati distribuiscono queste molteplici preferenze, ci fornisce una rappresentazione delle modalità secondo cui si configurano le relazioni e le aggregazioni tra i partiti nella «domanda» che gli elettori rivolgono al mercato elettorale.

59Per ottenere un quadro sintetico della configurazione del mercato elettorale in relazione alle molteplici opzioni espresse dagli elettori, si possono impiegare diverse tecniche, in larga misura corrispondenti a differenti approcci analitici.

60In questa sede abbiamo utilizzato due diverse metodologie, una più adatta a mettere in luce le aggregazioni tra partiti, sia dal punto di vista della contiguità politica, che della loro più o meno accesa competizione, l’altra più indicata per avere una visione complessiva del mercato elettorale, delle sue segmentazioni e delle sue sovrapposizioni.

  • 22 Nell’analisi, abbiamo considerato le 13 variabili rappresentanti ciascuna gli elettori potenziali d (...)
  • 23 In altre parole, ciò significa che, dalle risposte dei nostri intervistati, emerge come l’opzione p (...)

61Per esaminare quali sono le più frequenti aggregazioni tra i partiti, così come emergono dalle diverse opzioni espresse, abbiamo impiegato l’analisi fattoriale22. Quest’ultima ci ha permesso di individuare sei fattori, ciascuno corrispondente ad una modalità di aggregazione dell’elettorato potenziale (tab. 13). Si tratta dunque di un mercato relativamente frammentato, con al massimo tre partiti per dimensione. Un primo fattore – che tra quelli estratti spiega la quota più elevata di varianza 14%)è caratterizzato dalla presenza di tre partiti «nuovi», quali Verdi, Rete e Lista Pannella23. Il secondo fattore (percentuale di varianza spiegata 11%) raggruppa Pds e Rifondazione Comunista, evidentemente ancora strettamente accomunati nell’arco delle preferenze possibili espresse dagli elettori. I fattori restanti esprimono una percentuale inferiore di varianza spiegata, oscillante tra l’8 e il 9%. Vi è tra essi un fattore che accomuna Leghe e Msi, probabilmente generato dall’alto livello di «antisistemicità» dei due partiti, che porta molti elettori a considerarli congiuntamente come scelte possibili. Ancora, la Dc e il Psi si trovano a caratterizzare un unico fattore (quello con la minor quota di varianza spiegata: 7,9%), ma con segno opposto, indice dell’elevata competizione elettorale tra le due principali forze di governo.

Tab. 13. Le aree di competizione nel mercato elettorale in Italia. Risultati dell’analisi fattoriale.

fattore 1

fattore 2

fattore 3

fattore 4

fattore 5

fattore 6

verdi

0,73

– 0,09

– 0,16

0,03

0,14

0,06

rete

0,60

0,15

0,13

– 0,07

– 0,12

– 0,09

lista pannella

0,58

0,09

0,16

0,19

– 0,02

– 0,02

pds

– 0,02

0,80

– 0,05

– 0,10

– 0,13

– 0,02

rifond. com.

0,13

0,63

– 0,08

– 0,18

– 0,04

– 0,07

pri

0,14

– 0,04

0,74

0,16

0,05

0,07

pli

0,01

– 0,09

0,69

0,22

0,08

– 0,05

pensionati

0,14

0,00

– 0,15

0,71

0,16

– 0,01

psdi

– 0,01

0,07

0,25

0,66

0,13

0,13

leghe

0,01

– 0,11

– 0,08

0,03

– 0,82

0,00

msi

– 0,11

0,04

0,28

0,24

0,43

– 0,21

psi

– 0,11

– 0,15

– 0,03

0,15

– 0,14

0,87

dc

– 0,20

– 0,46

– 0,20

0,16

– 0,46

– 0,55

varianza spiegata: 58%

62Il complesso di questi fattori spiega una quota piuttosto alta della variabilità totale: quasi il 60%. Il quadro che ne emerge ricorda la strutturazione del mercato che per lungo tempo ha caratterizzato il nostro sistema politico e che appare qui riconfermata dalle combinazioni di preferenze espresse dagli elettori. Parrebbe, cioè, che l’articolazione delle scelte, malgrado il loro grande numero, riproduca in larga misura una struttura già consolidata.

  • 24 I nostri dati confermano dunque la persistente importanza di questa dimensione nel mercato elettora (...)

63Ma, per comprendere meglio le modalità della competizione elettorale, conviene esaminare in dettaglio il sovrapporsi dell’elettorato potenziale dei diversi partiti, così come emerge dalle risposte del nostro campione. La tabella 14 mostra una maggiore densità delle sovrapposizioni di elettori attorno alla diagonale che scorre dall’angolo superiore sinistro verso quello inferiore destro, ciò che segnalerebbe lo strutturarsi della competizione lungo la tradizionale dimensione sinistra-destra24. Ma ciò rappresenta solo una parte della realtà, così come l’analisi fattoriale condotta precedentemente spiegava solo una parte della varianza. La dimensione sinistra-destra è infatti particolarmente presente per i partiti di sinistra che rappresentano il gruppo che mantiene una distanza più elevata dalle altre forze politiche. Ma altri partiti non sembrano così semplicemente collocabili e lo spazio di competizione appare molto più frammentato e diffuso.

Tab. 14. Potenziali elettori di un partito che ne indicano al tempo stesso un altro.

Tab. 14. Potenziali elettori di un partito che ne indicano al tempo stesso un altro.

In ogni cella è indicata la quota di potenziali elettori del partito sulla colonna, che sono anche potenziali elettori del partito posto sulla riga, secondo le classi seguenti:
* da 20% a 29,9%;
** da 30% a 39,9%;
*** da 40% a 49,9%
**** da 50 in su.

64Sono soprattutto tre i poli che attraggono preferenze, per buona parte al di là della tradizionale collocazione politica: i Verdi, la Dc e il Psi. Tra i partiti minori, la formazione verde è quella che ha la più alta quota di elettori potenziali, più elevata anche di quella del Pds. Essa è presente soprattutto a sinistra, ma ha considerevoli quote di elettori potenziali anche tra gli altri partiti e molti anche tra le Leghe e il Msi. La Dc è il partito che viene scelto di più dalle altre forze di governo, mentre il Psi si conferma come il vero partito di centro dello schieramento politico italiano, sostanzialmente equidistante da entrambi i poli e con elevate quote di preferenze potenziali da tutti i partiti.

65Un ultimo elemento da considerare è la Lega. Malgrado abbia consensi diffusi in tutto lo spettro politico, essa possiede quote di elettori potenziali degli altri partiti piuttosto modeste. Anche questo dato conferma come l’elettorato della Lega sia costituito in larga misura da voti che considerano una sola opzione e che ricordano i caratteri dell’adesione ai partiti di massa tradizionali. Anche da questo punto di vista la Lega pare somigliare più a questi ultimi che alle «nuove» formazioni politiche apparse sul mercato di recente.

5. Il rendimento elettorale dei partiti italiani

66Ma a cosa servono tutti questi voti potenziali? In fondo, l’obiettivo di ogni partito politico è raccogliere voti veri, quelli che contano e che procurano i seggi nelle assemblee elettive. Vale la pena pertanto di considerare qual è l’effetto delle opzioni potenziali sin qui esaminate sul risultato autentico e concreto di ciascun partito nelle consultazioni elettorali.

67Abbiamo visto come l’elettorato dei diversi partiti possa essere suddiviso tra una quota certa, non dibattuta tra diverse alternative e dichiaratamente fedele, ed una quota che è invece contesa da una pluralità di partiti. Un elettorato, quest’ultimo, più probabilmente influenzabile dalle strategie di comunicazione. Il mercato elettorale di ciascun partito può essere dunque studiato, sia dal punto di vista della sua estensione (vale a dire del numero di elettori che comunque lo prendono in considerazione), sia dal punto di vista della sua composizione (vale a dire considerando, ad esempio, la quota di voti certi di cui può disporre).

68Entrambi questi elementi influiscono, in modo e misura diversi, sul «rendimento» dei partiti, vale a dire sulla capacità di garantirsi il successo elettorale effettivo. Quest’ultimo dipende dunque sia dal numero di opzioni potenzialmente disponibili, sia dal loro grado di «certezza», oltre che, naturalmente, dalla abilità di trasformare dette opzioni in voti «veri». Ma cosa conta di più? E più utile avere un elettorato potenziale ampio, diffuso e politicamente eterogeneo, ma quindi in parte instabile e da «conquistare» ad ogni tornata elettorale; o piuttosto un elettorato potenziale magari più limitato, ma con una quota elevata di elettori monopartitici, fedeli, acquisiti nel tempo con un lento lavoro o «ereditati» da antiche appartenenze?

69La tabella 15 mostra il «rendimento elettorale» dei partiti, una misura del rapporto tra il risultato ottenuto alle elezioni politiche del 5 aprile e l’intera area di elettori potenziali di ogni forza politica. Ciò che emerge in primo luogo è il fatto che tutti i partiti caratterizzati da una quota di opzioni «certe» e, dunque, da una presenza di elettori monopartitici superiore alla media, hanno avuto, dal punto di vista del nostro indice, rendimenti elettorali più alti. La classifica del rendimento elettorale è, infatti, in larga misura analoga a quella, già vista, della quota di voti certi (tab. 16). I due partiti di massa, la Dc e il Pds, hanno avuto il rendimento elettorale maggiore, come elevato appare il rendimento della Lega, attore evidentemente capace di creare «identità» che riescono a trasformarsi in voti. Ma la corrispondenza tra rendimento e quota di voti certi presenta due significative eccezioni.

Tab. 15. Il rendimento elettorale dei partiti.

totale elett. Potenziale
(a)
%

risultato 5 aprile
(b)
%

Rendimento
(b/a100)

partiti:

dc

45,4

29,7

65,4

pds

25,5

16,1

63,2

msi

12,3

5,4

44,1

leghe

21,3

8,7

40,8

rifondaz. comun.

12,8

5,6

40,6

psi

38,2

13,6

35,6

pri

24,5

4,4

18,0

rete

10,8

1,9

17,6

psdi

16,5

2,7

16,3

pli

17,5

2,8

16,0

lista pannella

10,6

1,2

11,3

verdi

28,4

2,8

9,9

pensionati

20,5

0,6

2,9

Tab. 16. Opzioni «certe» e rendimento elettorale.

Opzioni
certe
%

rendimento

partiti:

dc

23,2

65,4

pds

12,8

63,2

msi

8,8

44,1

leghe

11,8

40,8

rifondaz. comun.

7,9

40,6

psi

10,5

35,6

pri

6,0

18,0

rete

3,6

17,6

psdi

1,4

16,3

pli

3,1

16,0

lista pannella

3,1

11,3

verdi

6,1

9,9

pensionati

2,7

2,9

70Da un verso si registra una più spiccata capacità di trasformare opzioni potenziali in voti da parte del Msi, segno questo, forse, di un’elevata connotazione «militante» dell’elettorato di questo partito. Dall’altro vi è la minore performance del Psi, partito, come abbiamo visto, di natura composita, che racchiude al suo interno anche considerevoli quote di opzioni deboli dichiarate da elettori pluripartitici e la cui crisi di identità gli pare impedire di consolidare adeguatamente le preferenze potenziali espresse.

71Nel caso dei partiti con un’ampia quota di elettori «pluripartitici deboli» e cioè i laici e le «nuove» forze (Rete, Verdi, Lista Pannella, Pensionati), il rendimento è decisamente inferiore. I numerosi consensi suscitati da queste forze politiche, mostrano meno probabilità di essere trasformati in voti concreti. Il destino di queste opzioni potenziali più deboli pare essere, nella gran parte dei casi, quello di trasformarsi in «seconde scelte» che, significative sul piano dell’opinione, non hanno nessun valore dal punto di vista del computo dei seggi.

  • 25 Ciò può essere sinteticamente rilevato anche dall’analisi dei coefficienti di correlazione tra il r (...)

72In generale (fig. 2), l’elemento premiante per un maggiore rendimento sul mercato elettorale, appare più la proporzione di voti certi o probabili – insomma, la forza nell’espressione di una preferenza – che la numerosità delle opzioni potenziali complessivamente espresse, cioè il numero delle preferenze in sé25.

Figura 2. Il rendimento elettorale dei partiti

Figura 2. Il rendimento elettorale dei partiti

73Anche nelle ultime elezioni, dunque, il nostro mercato elettorale appare caratterizzato dalla grande importanza delle appartenenze consolidate. L’emergere di una ampia area di voti di opinione appare, ai fini del risultato finale, meno rilevante di quanto alcuni avevano ipotizzato. Ciò che conta – o almeno ciò che contava nell’aprile 1992 – per ottenere i voti «veri» alle elezioni, non risulta tanto il disporre di vasti consensi potenziali, quanto l’avere una buona base di preferenze certe e consolidate.

74Il mercato elettorale italiano si presenta, come abbiamo visto, piuttosto «elastico», ma questa elasticità non è, nel caso delle elezioni del 1992, molto «sfruttata». Gran parte delle opzioni possibili rimangono tali. E anche tra le nuove formazioni apparse sul mercato, prevalgono quelle, come la Lega, che contano principalmente sul tradizionale voto «militante», più che quelle – come la maggior parte delle altre – che si basano su di un gran numero di consensi di opinione. Insomma, le «vecchie» appartenenze – e le nuove, meno radicate e meno antiche, ma simbolicamente forti e facilmente comprensibili come quelle per le Leghe – contano ancora molto.

Torna su

Note

1 Ci riferiamo ovviamente, in primo luogo, alla classica ricerca di G. Galli (a cura di), Il comportamento elettorale in Italia, Bologna, Il Mulino, 1968.

2 Le pubblicazioni al riguardo sono assai numerose, sia in relazione al dibattito intorno alle metodologie impiegate, sia concernenti vere e proprie analisi di dati. Tra queste ultime è utile ricordare fra l’altro: R. Biorcio, P. Natale, La mobilità elettorale negli anni ottanta, «Rivista Italiana di Scienza Politica», 1989, 3, pp. 385-430; P. Corbetta, A. Parisi, H. Schadee, Elezioni in Italia, Bologna, Il Mulino, 1988; L. Ricolfi, La stima dei flussi elettorali, «Sociologia e ricerca sociale», 1990, 31, pp. 67-124.

3 Cfr. C. Mershon, The 1992 parliamentary elections: how much change?, «Conference group on Italian Politics and Society Newsletter», 1992, 36, p. 54.

4 G. Sani, La destrutturazione del mercato elettorale, «Rivista Italiana di Scienza Politica», 1992.

5 L’espressione «nel mercato» si trova in G. Sani, L’influenza della cultura politica, in G. Urbani (a cura di), Dentro la politica, Milano, Il Sole 24 Ore Libri, 1992, p. 184 e in svariati scritti precedenti dello stesso autore. In generale, l’applicazione di alcune categorie e di alcuni concetti derivati dall’economia – e di quello di mercato in particolare – per descrivere l’arena elettorale e la competizione che ivi si svolge, è relativamente comune negli studi politologici. In questo quadro possono essere ricordati il classico lavoro di Downs (An Economic theory of Democracy, New York, Harper and Row, 1957), i numerosi contributi che fanno riferimento allo «scambio politico» (ad esempio: A. Parisi, G. Pasquino, Relazioni partiti-elettori e tipi di voto, in Continuità e mutamento elettorale in Italia, Bologna, Il Mulino, 1987; A. Pizzorno, Scambio politico e identità collettiva, in Conflitti in Europa, Milano, Etas, 1977), buona parte della analisi di G. Sartori (ad esempio i riferimenti alla «competizione remunerativa» in Parties and Party Systems, Cambridge, Cambridge University Press, 1976) e, beninteso, l’intero filone degli studi sulla rational choice. Un’analisi sistematica del caso italiano, esaminato da questo punto di vista, si trova in R. Mannheimer, G. Sani, Il mercato elettorale, Bologna, Il Mulino, 1987.

6 Come si è detto, questo scritto è dedicato allo studio di questo specifico atteggiamento. Un’ampia e articolata analisi del complesso degli atteggiamenti e delle posizioni degli elettori verso i partiti e il sistema competitivo si trova in Sartori, Parties and Party Systems, cit., in particolare cap. 10.

7 Sartori, ibid., utilizza il concetto di «elasticità» dello spazio di competizione (p. 343). Ancora, S. Bartolini e P. Mair definiscono completamente elastico un mercato dove la capacità di indirizzamento del voto da parte dei cleavages è di fatto nulla o irrilevante (Identity, competition, and electoral availability, Cambridge, Cambridge University Press, 1990, pp. 194-195).

8 La letteratura specificatamente volta all’analisi del comportamento elettorale, più orientata, come si è detto, allo studio dei comportamenti e al confronto temporale tra questi ultimi, ha raramente affrontato l’analisi di questo atteggiamento. Una presentazione del concetto di «disponibilità al voto» e un’analisi a riguardo, si trova in Sani, Mannheimer, Il mercato elettorale, cit., cap. 8. Nel loro recente contributo (Identity, competition, and electoral availability, cit.), pur dedicato principalmente allo studio della mobilità elettorale, Bartolini e Mair ricordando come la «disponibilità elettorale» (electoral availability) sia condizione necessaria per la competizione (p. 286) e come mercati caratterizzati da identità deboli possono portare ad una maggiore propensione verso la mobilità, prima ancora che alla mobilità stessa (p. 296). Ma questi accenni al fenomeno servono loro solo per inquadrare l’analisi della mobilità effettiva, che è il vero oggetto del loro studio.

9 Per effettuare la nostra analisi ci avvarremo di una base di dati che non esitiamo a definire straordinaria, costituita da quasi 10.000 interviste realizzate dalla Demoskopea nel periodo gennaio-marzo 1992. Si tratta di 10 sondaggi effettuati in vista della consultazione politica dell’aprile, sottoponendo un apposito questionario, per la maggior parte sempre uguale, ad altrettanti campioni rappresentativi (analoghi, ma composti da persone sempre diverse) degli elettori italiani abbonati al telefono. Il fine dei sondaggi non era strettamente quello di prevedere il risultato elettorale, né la capacità previsiva ci interessa particolarmente in questa sede. Tuttavia, si può notare il fatto che questi sondaggi abbiano potuto – malgrado la distorsione provocata soprattutto dal limitarsi ad intervistare solo abbonati al telefono – seguire il trend delle scelte, sino ad avvicinarsi in misura relativamente soddisfacente al risultato finale.

10 Utilizziamo qui per classificare gli individui una terminologia normalmente impiegata per l’analisi dei sistemi elettorali. Si tratta, tuttavia, della terminologia che ci è parsa più adatta per illustrare i fenomeni oggetto del nostro studio.

11 Per rilevare, con i dati a nostra disposizione, l’appartenenza ad una di queste due categorie, abbiamo considerato sia il quesito diretto sulla scelta di voto (Tutto considerato a quale partito andrebbe più probabilmente la Sua preferenza se davvero si votasse domani?), sia un quesito tendente a misurare, per ciascun partito, la disponibilità al voto (Le leggerò ora l’elenco dei partiti. Per ognuno di essi mi dica quanto lo prenderebbe in considerazione al momento del voto se davvero si dovesse votare domani: molto, abbastanza, poco, per nulla).
Abbiamo considerato «monopartitici» coloro che indicano solo un’opzione sia essa di voto o di disponibilità. Opzioni plurime, ma convergenti verso uno stesso partito, sono state ovviamente considerate al pari di quelle uniche.
Sono stati considerati «pluripartitici» coloro che hanno espresso più di un’opzione.

12 Si tratta di quella che V.0. Key ha definito «standing decision».

13 La distinzione tra scelta «forte» e scelta «debole», monopartitica o pluripartitica che sia, si riferisce, da una lato, all’espressione della volontà di voto ed al prendere molto in considerazione uno o più partiti, mentre dall’altro, soltanto al prendere abbastanza in considerazione delle forze politiche. Nel caso dei pluripartitici, abbiamo inteso per «forti» coloro che esprimono almeno una opzione forte.

14 L’attributo di «monopartitico», può, naturalmente, essere messo in relazione con il concetto di identificazione di partito. Ma i monopartitici non corrispondono necessariamente agli identificati. L’identificazione di partito è un processo che matura e rimane nel tempo, mentre la nostra analisi esamina la dicotomia monopartitici-pluripartitici, in un preciso momento, indipendentemente dai motivi che determinano l’una o l’altra condizione. In altre parole, i nostri monopartitici possono comprendere gli identificati, ma li assimilano ad altre categorie di elettori che pure esprimono in un dato momento una sola scelta di partito.

15 Come base per il calcolo dei valori percentuali, abbiamo considerato l’insieme degli intervistati che esprimono un voto o una preferenza, forte o debole che sia, per uno o più partiti. Tale base è costituita da 7215 casi su un totale di 9336 intervistati, ovvero il 77,3% del campione. Si tratta, come si è detto, dell’insieme degli intervistati in dieci sondaggi condotti settimanalmente nel gennaio-marzo del 1992.
Analizzandoli congiuntamente, abbiamo sacrificato alla disponibilità di un vasto numero di casi la possibilità di considerare il trend temporale e gli eventuali effetti di quest’ultimo sulla composizione e la numerosità dei nostri tipi.

16 Il quesito era: «Se domani ci fossero le elezioni politiche, cioè della Camera e del Senato, mi può dire, per favore, fra questi quali sono i partiti che potrebbe votare?». All’intervistato veniva mostrato un cartellino con l’elenco di tutti i partiti. Per ciascun partito l’intervistato doveva dichiarare la sua disponibilità o meno. Fonte: Ricerca quattro nazioni, diretta da Giacomo Sani e Julian Santamaria.

17 Anche in questo caso possiamo tuttavia notare che l’analogo dato del 1985 (rilevato, come si è detto, con un quesito in parte diverso) risulta simile, essendo pari a 3,3.

18 In realtà parlare di nuovo senso di appartenenza è improprio. Il sentimento di appartenenza «del Nord», che in parte sottosta alle adesioni leghiste, è un atteggiamento presente da tempo, il cui rilievo politico si è, tuttavia, accresciuto fortemente in correlazione alla diminuzione d’importanza relativa di altre «appartenenze», in particolare quelle legate alla classe sociale e alla religione.

19 Ci permettiamo di rinviare, al riguardo, ai saggi contenuti in R. Mannheimer (a cura di), La Lega Lombarda, Milano, Feltrinelli, 1991.

20 Si vedano al riguardo le approfondite analisi di G. Martinotti, La forza del Psi, «Quaderni di Socialismo Oggi», 1987 e di E. Ercole, G. Martinotti, Le basi elettorali del neosocialismo italiano, in M. Caciagli, A. Spreafico (a cura di), Vent’anni di elezioni in Italia, Padova, Liviana, 1990.

21 Si può obiettare, naturalmente, che la maggior presenza di opzioni certe per i democristiani al Sud dipende dalla già vista più intensa diffusione in quest’area degli elettori monopartitici in generale. Ma ciò non è vero. Il tasso di maggior presenza delle opzioni monopartitiche democristiane al Sud è, infatti, sostanzialmente più elevato dell’analogo tasso rilevato in quest’area per il resto delle forze politiche e per il complesso di queste ultime.

22 Nell’analisi, abbiamo considerato le 13 variabili rappresentanti ciascuna gli elettori potenziali dei diversi partiti, nella loro articolazione di «certi», «probabili» e «potenziali». Abbiamo utilizzato il programma FACTOR di Spss, applicando il metodo di estrazione PC (Principal Components) e il procedimento di rotazione VARIMAX.

23 In altre parole, ciò significa che, dalle risposte dei nostri intervistati, emerge come l’opzione per una di queste tre torze politiche sia probabilmente associata ad una corrispondente opzione per una delle altre.

24 I nostri dati confermano dunque la persistente importanza di questa dimensione nel mercato elettorale italiano. Al riguardo cfr. le osservazioni di Sani in L’influenza della cultura politica, cit., p. 153.

25 Ciò può essere sinteticamente rilevato anche dall’analisi dei coefficienti di correlazione tra il rendimento elettorale ed i diversi tipi di opzioni monopartitiche e pluripartitiche. La quota di opzioni monopartitiche è, infatti, la variabile maggiormente correlata con il rendimento elettorale. E, in un’equazione di regressione, è questa stessa variabile, la quota di opzioni monopartitiche, a spiegare in maggior misura il rendimento elettorale.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Fig. 1 Distribuzione delle opzioni di voto
Legenda Questa figura illustra la presenza, in termini percentuali, dei diversi tipi di elettori nel mercato elettorale di ciascun partito.
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1623/img-1.jpg
File image/jpeg, 652k
Titolo Tab. 14. Potenziali elettori di un partito che ne indicano al tempo stesso un altro.
Legenda In ogni cella è indicata la quota di potenziali elettori del partito sulla colonna, che sono anche potenziali elettori del partito posto sulla riga, secondo le classi seguenti:* da 20% a 29,9%;** da 30% a 39,9%;*** da 40% a 49,9%**** da 50 in su.
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1623/img-2.jpg
File image/jpeg, 384k
Titolo Figura 2. Il rendimento elettorale dei partiti
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1623/img-3.jpg
File image/jpeg, 511k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Renato Mannheimer, « Mercato elettorale e competizione tra i partiti (1992) »Quaderni di Sociologia, 26/27 | 2001, 513-540.

Notizia bibliografica digitale

Renato Mannheimer, « Mercato elettorale e competizione tra i partiti (1992) »Quaderni di Sociologia [Online], 26/27 | 2001, online dal 30 novembre 2015, consultato il 04 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1623; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1623

Torna su

Autore

Renato Mannheimer

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search