Navigazione – Mappa del sito
la società contemporanea / L'istruzione in Italia: vecchi problemi e nuove ricerche

Presentazione

Alberto Baldissera e Federica Cornali
p. 3-5

Testo integrale

1Questa sezione monografica propone alcuni contributi che si aggiungono alle analisi sui temi dell’istruzione che «Quaderni di Sociologia» presenta da più di venticinque anni a questa parte. Oltre alla pubblicazione di singoli articoli, la rivista ha infatti dedicato alla scuola e all’università numerosi approfondimenti: “Scuola ed esclusione sociale” (5/1993); “Le politiche dell’educazione nell’epoca della globalizzazione” (15/1997); “I rom nella scuola italiana” (36/2004); “L’università valutata” (35/2004); “La disaffezione verso gli studi scientifici” (38/2005); “La scuola italiana all’epoca della crisi” (61/2013); “Rappresentazioni dell’istruzione e del merito scolastico” (64/2014); “Studenti 2.0” (69/2015).

2È un catalogo ampio. Segnala la varietà e la portata di temi in cui ci s’imbatte quando si affronta lo studio di uno dei sistemi sociali più complessi: per il numero dei suoi componenti, per la presenza di più livelli di autorità, per la pressione esercitata da diversi gruppi d’interesse, per l’eterogeneità e instabilità degli ambienti. L’elenco potrebbe continuare.

3Produrre studi che approfondiscano questi argomenti – mediante l’applicazione degli strumenti della ricerca sociale – è una sfida dall’elevato valore cognitivo e sociale, in un paese come il nostro in cui essi sono frequentemente affrontati con argomentazioni dottrinali. Il dibattito sull’istruzione in Italia è infatti tradizionalmente dominato dalle voci del ceto politico-sindacale e degli esperti di varie tendenze ideologiche. La discussione procede perlopiù mediante contrapposizioni: sulla legittimazione dei progetti di riforma discussi o approvati dal parlamento o sulla loro delegittimazione; sulla valutazione come panacea per tutti i guasti della scuola o come fonte di effetti perversi e ingiustizie; sull’opportunità di percorsi di carriera per gli insegnanti o sul ripudio di una gerarchizzazione degli uguali; sull’obsolescenza del liceo classico o sul suo imperituro valore formativo. Eccetera.

4Alla vacuità di argomentazioni che non fanno i conti con la realtà corrisponde un deficit di razionalità nella programmazione delle attività d’istruzione. I frequenti interventi legislativi sembrano volti più a tenere in vita un sistema in crisi piuttosto che conseguire i suoi fini istituzionali. Del resto, anche il tema della “crisi della scuola” pare un topos ormai solo retorico.

5Molte delle risposte ai problemi attuali possono arrivare dalla ricerca. Scopo di questa sezione monografica è presentare contributi che costituiscano, nel loro insieme, un progresso delle nostre conoscenze.

6I primi articoli proposti riguardano un segmento particolarmente debole del sistema d’istruzione del nostro paese: quello universitario. Tra i paesi membri dell’Unione Europea l’Italia è in penultima posizione per quanto riguarda la percentuale di giovani in possesso della laurea (26,2% dei 30-34enni contro il 39,1% della media Ue28) (Eurostat, 2017). Sono pochi i giovani che dopo il diploma si immatricolano – il tasso di passaggio dalla scuola all’università nell’A.A. 2015/2016 è stato del 50,3% (Miur, 2016). Circa un terzo abbandona senza aver conseguito il titolo.

7Abbiati, Argentin, Assirelli, Barone e Schizzerotto presentano alcuni risultati di un’iniziativa di orientamento basata su un esperimento randomizzato. Lo scopo è stabilire se la riduzione delle lacune informative degli studenti delle scuole secondarie superiori in materia d’istruzione terziaria sia in grado di promuovere scelte più consapevoli circa il proseguimento degli studi dopo il diploma e di ridurre gli effetti delle origini sociali sulle decisioni individuali.

8Bison esamina, mediante l’applicazione di modelli di regressione logistica condizionati, le preferenze e i vincoli che soggiacciono alla scelta di un corso di studio universitario. Si tratta di un tema importante: i destini individuali sono legati non solo alla decisione di proseguire o no gli studi ma anche alla scelta del percorso formativo, dato il notevole differenziale di redditività dei titoli di laurea.

9Gasperoni e Mantovani si occupano infine della partecipazione scolastica dei genitori. Sulla base del dataset dell’indagine Pisa 2012 essi esaminano la frequenza dei contatti fra genitori e insegnanti in alcuni paesi europei e in Italia, ponendo particolare attenzione al divario di genere (ossia il diverso trattamento riservato, da genitori e docenti, a ragazze e ragazzi) e ai fattori che favoriscono e/o inibiscono tali contatti nel contesto italiano.

10È possibile che qualcuno storca il naso davanti all’uso del metodo sperimentale in sociologia; altri potrebbero non essere impressionati dagli esercizi statistici. Il dibattito è aperto.

11Per quel che ci riguarda riteniamo che, nel loro complesso, queste ricerche segnino un’evoluzione della ricerca sull’istruzione nel nostro paese. A una prima fase sino a 10-15 anni fa – con le eccezioni di cui parleremo in seguito – in cui si trattava anzitutto di sottolineare la singolare arretratezza del nostro sistema scolastico e dei suoi risultati rispetto a quello di altri paesi europei, nonché la modestia di literacy e numeracy esibita da giovani e adulti italiani, è succeduto un periodo più incerto e meno incisivo, il cui scopo principale sembrava anzitutto essere la descrizione e la denuncia di differenze aggregate di ogni tipo. Si perdevano così di vista i problemi più rilevanti: le decisioni in tema di scuola e d’istruzione, le loro conseguenze sul sistema scolastico, sulla società civile e sullo sviluppo economico. A ben vedere, proprio questi furono gli argomenti affrontati in alcune notevoli ricerche (in primis quelle di Gambetta e Schizzerotto) pubblicate verso la fine dello scorso secolo. Siamo quindi lieti che essi siano ripresi e sviluppati in questa sezione monografica.

Torna su

Bibliografia

Eurostat (2017), Education and training, http://ec.europa.eu/eurostat/web/education-and-training/data/main-tables.

Miur - Ufficio Statistica e Studi (2016), Gli immatricolati nell’a.a. 2015/2016, il passaggio dalla scuola all’università dei diplomati nel 2015, Roma, Miur.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Alberto Baldissera e Federica Cornali, « Presentazione », Quaderni di Sociologia, 74 | 2017, 3-5.

Notizia bibliografica digitale

Alberto Baldissera e Federica Cornali, « Presentazione », Quaderni di Sociologia [Online], 74 | 2017, online dal 01 mars 2018, consultato il 15 août 2018. URL : http://journals.openedition.org/qds/1697

Torna su

Autori

Alberto Baldissera

Dipartimento di Culture, Politica e Società - Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Federica Cornali

Dipartimento di Culture, Politica e Società - Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals