Navigazione – Mappa del sito
teoria e ricerca

Fidarsi della fiducia?

Uno studio sull’intensione del concetto
How do you trust? A study on the meanings of trust
Luca Bianchi e Serena Liani
p. 127-140

Abstract

Trust is a key component of human relations, whether they be social, political or economic. In sociology much consideration has been given to this concept because it is very complex. Both in scientific and everyday language, the term ‘trust’ recalls various meanings as well as different objects. This causes major problems for researchers, especially when they want to study how much people trust someone or something by means of survey questions.
In this article we explore the concept of trust, investigating the meanings of the ordinary language through cognitive interviews and linking them to those of the scientific language. The aim is to understand whether survey questions on trust convey unique meanings or they lead to distortions in the interpretation of results.

Torna su

Testo integrale

1. Introduzione

  • 1 Il lavoro è frutto della riflessione comune dei due autori. A Serena Liani va a attribuita la stesu (...)

1A partire dagli anni Novanta del secolo scorso la fiducia è stata considerata una componente essenziale dell’intensione del concetto di capitale sociale (Putnam, 1993). Lo attesta una proliferazione di ricerche sulla fiducia dei cittadini nei referenti più vari, spesso però condotte con poca attenzione alla complessità semantica del concetto1.

2Molti ricercatori non sembrano tenere in debito conto la polivocità del termine in questione che, come del resto quasi tutti i termini importanti delle scienze umane (Marradi, 2007, 38), soffre di un’ambiguità semantica elevata, tanto nel linguaggio scientifico quanto in quello ordinario. Come osserva Misztal (1986), al termine ‘fiducia’ sono stati attribuiti tali e tanti significati da lasciare spesso disorientati.

3La fiducia è dunque un concetto multi-dimensionale e, in quanto tale, richiede diversi indicatori per essere indagato. Ciononostante, capita frequentemente di incorrere in ricerche che rilevano la fi-ducia nelle istituzioni, per esempio, chiedendo agli intervistati di indicare su una scala numerica quanta fiducia hanno nel Governo, nel Presidente della Repubblica, nei partiti, ecc. Così facendo, si lasciano gli intervistati soli nel compito di ricostruire il significato del termine, con esiti disastrosi in termini di comparabilità delle risposte. Ogni intervistato interpreterà la domanda a modo suo, richiamando alla mente quegli aspetti dell’intensione del concetto che le sue conoscenze ed esperienze pregresse, il contesto o fattori contingenti renderanno accessibili in quella circostanza (Sudman, Bradburn e Schwarz, 1996; Tourangeau, Rips e Rasinski, 2000).

4Non solo. Come osserva Pitrone, domande del genere possono causare negli intervistati incertezza circa il referente da considerare nel rispondere. Nel linguaggio ordinario, il termine ‘fiducia’ rimanda a un concetto con referente singolare: «si ha fiducia nel proprio medico curante, falegname, idraulico; nel proprio avvocato, in un vicino di casa, e via discorrendo» (2009, 201). Se il referente è generale, l’intento della domanda può risultare vago: gli intervistati potrebbero non comprendere se devono rispondere facendo riferimento alla categoria nel suo insieme oppure ai singoli con cui sono venuti in qualche modo a contatto nella loro vita.

5Questi problemi di operativizzazione celano disattenzioni in fase di concettualizzazione del problema di indagine. Eppure, da Simmel in poi la sociologia ha più volte messo in luce la complessità del concetto di fiducia, sottolineandone il solido legame con l’agire umano e, più precisamente, la sua collocazione «nel contesto di aspettative aventi valenza positiva per l’attore e formulate in condizioni di incertezza» (Mutti, 1998, 38). Di questa complessità le definizioni operative adottate mostrano scarsa consapevolezza.

6Per questo motivo riteniamo utile indagare l’intensione del concetto di fiducia, analizzandone gli aspetti ricorrenti nel linguaggio ordinario e mettendoli in relazione con quelli diffusi nel linguaggio scientifico. Il nostro obiettivo è comprendere se il livello di generalità del concetto ne consenta una definizione operativa diretta oppure, come crediamo, sia necessario ricorrere a diversi indicatori.

2. La fiducia nella riflessione sociologica

7La fiducia è un aspetto fondamentale della vita sociale. In assenza di fiducia, osserva Luhmann (2002, 5), un individuo non potrebbe neppure alzarsi dal letto la mattina perché verrebbe assalito da una paura indeterminata e da un panico paralizzante.

8Le riflessioni sulla fiducia si basano spesso su un approccio dicotomico. Uslaner (2002), che orienta i suoi studi verso il contesto economico e politico, distingue due tipi di fiducia: strategica e moralistica. Quando ci fidiamo di una persona prendendo una decisione di carattere strategico, siamo influenzati dalle informazioni che abbiamo a disposizione e dalla nostra attitudine al rischio. Invece, la fiducia moralistica è un imperativo morale a trattare le persone come degne di fiducia, nella convinzione che la maggior parte di esse condivida i nostri valori. La prima riflette le nostre aspettative su come le persone si comporteranno, la seconda quello che pensiamo su come dovrebbero comportarsi. Richiamando Weber (1922), in entrambi i casi la fiducia è propedeutica a un agire razionale, orientato allo scopo (fiducia strategica) o al valore (fiducia moralistica).

9Giddens (1994) inserisce il discorso sulla fiducia – chiamata a volte anche “fidatezza” – nelle dinamiche della modernità, distinguendo la fiducia personale da quella verso i sistemi astratti, detti anche simbolici o esperti. La fiducia personale si sviluppa solitamente fra individui che si conoscono e che «sulla base di una conoscenza prolungata hanno consolidato le garanzie che rendono l’uno affidabile agli occhi dell’altro» (ivi, 88). Al contrario, la fiducia verso i sistemi astratti non presuppone alcuna interazione prolungata nel tempo. Si sviluppa attraverso relazioni con i responsabili di tali sistemi, veri e propri nodi di accesso a strutture sovraindividuali nei quali si incontrano bisogni personali e interessi sistemici. Ciò avviene, per esempio, quando un cittadino incontra la pubblica amministrazione oppure ogniqualvolta si affida a un sistema esperto (es. quando prenota un volo aereo oppure si rivolge a un tecnico per risolvere un problema).

10Le riflessioni di Giddens partono da lontano, da come sia mutato il concetto di estraneo nel passaggio dalla tradizione alla modernità. Mentre nell’era pre-moderna la persona estranea era considerata aliena al sistema di tradizioni e norme della comunità ospitante, e pertanto non meritevole di fiducia personale, in quella moderna il moltiplicarsi di incontri con sconosciuti – le c.d. “relazioni orizzontali” – ha comportato lo sviluppo di una fiducia aprioristica necessaria a svolgere la vita quotidiana – quella che Goffman (1988) ha designato come “disattenzione civile”.

11In queste nuova veste, la fiducia personale diviene fondamentale affinché le persone acquisiscano una sicurezza ontologica, da intendersi come atteggiamento di chi confida nella continuità della propria identità e nella costanza dell’ambiente sociale in cui agisce (Giddens, 1994, 96). Si tratta cioè di un senso di affidabilità delle persone e delle cose che permette di non mettersi continuamente in discussione.

12Come la fiducia personale, anche quella verso i sistemi astratti sarebbe mutata. Nelle società tradizionali le occasioni di affidarsi a tali sistemi erano rare e non vincolanti; nelle società moderne, a causa soprattutto dei processi di differenziazione sociale e divisione del lavoro, si sono moltiplicate in modo esponenziale e sono divenute necessarie per svolgere le diverse attività in cui siamo quotidianamente impegnati.

13Giddens arriva così a concludere che il peso della fiducia nelle nostre scelte e valutazioni quotidiane è cresciuto molto e ha comportato un’assunzione crescente dei rischi implicati. Ciò appare evidente se solo ci soffermiamo a riflettere sulla nostra quotidianità: dall’uso dei mezzi di trasporto agli acquisti, dall’attraversare le strisce pedonali all’affidare i nostri risparmi a una banca, dalla stretta di mano a un collega alle confidenze a un amico, tutti i giorni compiamo una sequenza di atti che presuppongono una base fiduciaria di partenza. In quest’ottica, concedere e ottenere fiducia possono essere intesi come processi che consentono di semplificare le nostre interazioni con l’ambiente circostante. La fiducia ha infatti un ruolo importante nel mantenere un equilibrio fra conoscenza e ignoranza, permettendoci di agire anche laddove non vi sia una conoscenza piena delle situazioni in cui ci troviamo.

14Anche Luhmann (2002), affrontando il tema con il suo tipico approccio sistemico, individua due tipi di fiducia: personale e sistemica. Come in Giddens, la prima riguarda i rapporti basati sulla conoscenza reciproca; ma Luhmann vi aggiunge l’aspetto, assolutamente necessario, della coerenza che un individuo è tenuto a mantenere nelle autorappresentazioni per ottenere e far durare rapporti basati sulla fiducia. Secondo lo studioso, nella post-modernità il ricorso a questo tipo di fiducia è diminuito mentre è cresciuta la fiducia sistemica, riposta nei propri sistemi di riferimento. Ciò è dovuto al crescere della complessità delle società: la fiducia sistemica si basa sulla certezza che il sistema funzioni, certezza che si consegue dopo ripetute esperienze positive di interazione con esso.

15Per Luhmann, come per Giddens, la fiducia è un elemento chiave del processo con cui si conosce la realtà. Concedendo e ottenendo fiducia nelle relazioni riduciamo la complessità del mondo che ci circonda; al tempo stesso, ci impegniamo a non alterare le caratteristiche che ci hanno permesso di istaurare la dinamica fiduciaria. «La fiducia si accumula come una sorta di capitale che offre maggiori opportunità di compiere azioni di portata più vasta, ma che deve anche essere costantemente impiegato e coltivato, e che impegna chi vi ricorre a presentare se stesso come degno di fiducia, obbligo cui l’individuo può sottrarsi solo con grande difficoltà» (ivi, 102).

16Secondo Luhamn, affinché si possa sviluppare fiducia, personale o sistemica che sia, sono necessarie alcune condizioni: la familiarità verso un alter; un agire basato su motivazioni riconoscibili dagli attori; la garanzia che i partecipanti alla relazione si incontreranno con continuità (almeno fin quando non esauriscono le motivazioni che li hanno spinti ad agire); la possibilità di imputare la colpa a qualcuno qualora la fiducia sia mal riposta (un’assunzione di responsabilità da parte di chi vuole ottenere fiducia); la conoscenza delle strutture sociali condivise con gli altri (gli attori devono poter ottenere informazioni sulla morale, la cultura e le norme del sistema al quale si concede fiducia).

17Giddens e Luhmann sottolineano entrambi con fermezza l’importanza della dimensione cognitiva nelle dinamiche fiduciarie. Ancor più netto al riguardo è Simmel: «la fiducia, in quanto costituisce un’ipotesi di un comportamento futuro abbastanza sicura per potervi fondare un agire pratico, è uno stadio intermedio tra conoscenza ed ignoranza relative all’uomo […] Quali misure di conoscenza e di ignoranza si debbano mescolare per rendere possibile una singola decisione fondata sulla fiducia, lo decidono le epoche, i campi di interesse, gli individui» (1998, 299).

18Simmel sottolinea che il rapporto fra conoscenza e ignoranza è influenzato dal contesto. Quando chiediamo e otteniamo fiducia non facciamo altro che mediare fra ciò che conosciamo e ciò che ignoriamo di una situazione.

19Seguendo Simmel (1984), Moellering definisce la fiducia come “forma debole di conoscenza induttiva” e come “sospensione del giudizio” relativamente all’incertezza e alle contraddizioni che concernono l’anticipazione delle conseguenze dell’agire. «Per ogni “buona ragione” favorevole esiste probabilmente un’altra “buona ragione” sfavorevole. Il trucco non è soltanto essere capaci di vivere con una conoscenza debole di un tipo o di un altro, ma anche sospendere [il giudizio] su contraddizioni e ignoranza» (2001, 414-415).

20L’incertezza causata dall’inconoscibilità del futuro viene assorbita dagli attori attraverso il calcolo razionale delle conseguenze dell’agire in cui la ponderazione dei rischi costituisce un’estensione suscettibile di una traduzione organizzativa e istituzionale. La fiducia pertanto si connota come sospensione del giudizio, attenuando l’intensità dell’incertezza residua rispetto a un calcolo razionale. Secondo questo schema, il rischio è il ponte che attraversiamo ogniqualvolta decidiamo di affidarci alla fiducia nelle nostre relazioni.

3. La fiducia nel linguaggio comune

21Nell’ambito di una ricerca finanziata nel 2013 dall’Università La Sapienza di Roma (Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale) sulle rappresentazioni sociali della politica e delle istituzioni a Roma, abbiamo costruito un questionario strutturato per indagare i valori di un campione di cittadini romani, i loro atteggiamenti e le loro opinioni sulla scuola, la sanità, le forze dell’ordine, la politica locale e nazionale, la loro fiducia nelle istituzioni, il loro interesse e livello di partecipazione a eventi e organizzazioni della vita sociale e politica del Paese.

  • 2 La fedeltà è il grado di corrispondenza fra uno stato reale e il simbolo che lo rappresenta nella m (...)
  • 3 Per mettere in luce i diversi significati richiamati da un termine sono necessarie tecniche di pret (...)

22Prima di iniziare la raccolta dei dati, il questionario è stato sottoposto a un pretest con interviste cognitive al fine di controllare le domande ed individuare possibili cause di infedeltà nelle risposte2. L’intervista cognitiva è una forma di intervista, parzialmente standardizzata o non standardizzata, finalizzata a ricostruire i processi di pensiero degli intervistati quando rispondono alle domande di un questionario (Willis, 2005; Collins, 2015). In un’intervista cognitiva l’intervistatore somministra le domande del questionario e, subito dopo avere registrato la risposta dell’intervistato oppure al termine dell’in-tervi-sta, pone domande di approfondimento delle risposte ottenute (probes). Così facendo può raccogliere informazioni verbali per valutare la qualità delle risposte e controllare se sono coerenti con le intenzioni del ricercatore (Beatty, 2004). In particolare, l’intervista cognitiva consente di esplorare il processo di comprensione di una domanda e far emergere i significati attribuiti dagli intervistati ai suoi termini (Liani, Martire e Pitrone, 2015)3.

23Per stabilire quali domande controllare nel corso delle interviste cognitive abbiamo chiesto a due ricercatori esperti di valutare il questionario e segnalarci le domande che, a loro giudizio, av-reb-bero potuto causare problemi per gli intervistati. In questo modo sono state individuate le potenziali fonti di distorsione nel questionario e sono stati decisi i probes per indagarne l’effettiva sussistenza.

24Tra le varie domande oggetto di attenzione, gli esperti han-no ritenuto particolarmente problematica una batteria di domande che chiedeva agli intervistati di indicare, su una scala da 1 a 10, quanta fiducia riponessero nel Governo, nel Parlamento, nella Magistratura, nel Presidente della Repubblica, nel Presidente del Consiglio, nei sindacati, nei partiti, nella Chiesa e nell’Unione Europea. Come più sopra discusso, si pensava che questa batteria potesse causare due tipi di problemi: innanzitutto, i diversi intervistati avrebbero potuto dare interpretazioni diverse della domanda, a causa della possibile polisemia del termine ‘fiducia’; in secondo luogo, nel valutare il grado di fiducia in alcuni referenti (in particolare nel Governo, Presidente della Repubblica e del Consiglio), avrebbero potuto far riferimento agli allora detentori di tali cariche e non alle cariche in sé, come era invece nelle nostre intenzioni.

25Abbiamo pertanto deciso di approfondire questi aspetti nelle interviste cognitive, istruendo gli intervistatori a chiedere, dopo aver somministrato l’intera batteria, cosa gli intervistati avessero inteso per fiducia e quali percorsi mentali avessero seguito per rispondere alle domande sui tre referenti sopra indicati. Le risposte ai probes sono state registrate e trascritte verbalmente per essere poi sottoposte ad analisi ermeneutica (Montesperelli, 2001) e poter così ricostruire, con criteri interpretativi soggettivi ma argomentabili, gli aspetti inclusi dagli intervistati nell’intensione del concetto di fiducia e i referenti da loro considerati nel rispondere.

26Dall’analisi delle interviste cognitive sono emerse tre interpretazioni del concetto di fiducia, solo in parte sovrapponibili. Cinque intervistati si sono soffermati a descrivere le condizioni necessarie per istituire un rapporto fiduciario: si dà fiducia a una persona che ricopre un incarico istituzionale quando si crede – e si hanno elementi per credere – che agirà responsabilmente e onestamente nell’interesse comune. La fiducia è stata cioè intesa come decisione strategica (Uslaner, 2002) che favorisce un agire razionale con precisi obiettivi.

Fiducia è avere protezione. Sinonimo di protezione, essere protetto […] Essere tutelato […] È una sorta di difesa. Proteggere il cittadino [femmina, 18-30, titolo di studio alto].

Per fiducia intendo cosa penso io del loro operato e se credo che si faccia tutto quello che bisogna fare quando si occupano quei posti [maschio, 31-60, titolo di studio basso].

27Questi cinque intervistati hanno considerato la fiducia anche come forma debole di conoscenza induttiva (Moellering, 2001): dando o meno fiducia in base a ciò che conoscono o presumono di conoscere, anticipano il futuro. Le loro aspettative di affidabilità di una persona o un’istituzione dipendono dalla preliminare valutazione degli elementi conoscitivi in merito e dei rischi connessi.

Fiducia… Anche qui: se le persone che ci governano e stanno al di sopra di noi, fanno il loro dovere. Purtroppo, da quello che uno sa anche nella vita di tutti i giorni, da quello che si sente al telegiornale, su qualsiasi media, io non posso dare una fiducia a una persona che dice di voler fare una cosa e subito dopo fa l’esatto opposto o comunque promette di non fare una cosa e fa proprio quella cosa [femmina, 18-30, titolo di studio alto].

Quanto, secondo me, possono portare positività; cioè quanto possono portare benefici alla nazione. Cioè io penso che il Governo… Sono abbastanza fiducioso perché penso che possano portare delle cose positive alla nazione [maschio, 18-30, titolo di studio alto].

Non ho fiducia perché se vediamo negli ultimi venti anni… Ma non solo, se noi sentiamo anche i nostri padri di quello che è stato sempre il nostro Paese, tipo che governava sempre lo stesso partito, si rubavano voti a destra, a sinistra… Cioè alla fine tutti si fanno i propri interessi, secondo me. E se agli ultimi venti, trent’anni, non esiste più né sinistra né destra. Come si dice a Roma, è un magna magna. […] Io ti ho fatto l’aspetto politico. Per l’aspetto dei magistrati comunque ho fiducia perché so che anche se ci fossero delle mele marce… Comunque noi sappiamo anche che negli ultimi trent’anni molti magistrati per le lotte contro la mafia addirittura sono stati uccisi. Quindi, sono persone a cui io comunque do fiducia. Vediamo addirittura cosa hanno fatto alcuni magistrati che sono stati accusati da Berlusconi soltanto perché avevano, tra virgolette, le scatole di dire quello che Berlusconi in realtà era. Per esempio, per quanto riguarda la magistratura, infatti, io ho dato un buon voto. La Chiesa perché… Non ho fiducia nella Chiesa? Non so se va bene il ragionamento: la Chiesa perché si intromette, secondo me, troppo nella vita politica e sociale del Paese [maschio, 18-30, titolo di studio basso].

28Sembra che per questi intervistati la fiducia sia l’esito di una valutazione ponderata. In essi prevale una prospettiva individualistica in cui gli interessi personali, non necessariamente divergenti da quelli di generici alter, influenzano la decisione di concedere fiducia.

29Altri sei intervistati considerano la fiducia alla stregua di un auspicio: la speranza che i propri valori universalisti vengano condivisi e perseguiti da chi ha incarichi istituzionali. Fidarsi significa compiere un atto di fede incondizionato, senza bisogno di riscontri empirici; in tal senso, la fiducia diviene essa stessa un valore.

Avere fede nella giustizia, nell’onestà, nel fare le cose per il bene della cittadinanza [femmina; 61 e oltre; titolo di studio alto].

Per fiducia… Sicuramente sono le speranze che una persona ripone in un determinato apparato. Quindi sì… Speranze, speranze di miglioramento rispetto alla condizione attuale sicuramente [maschio, 18-30, titolo di studio basso].

Per fiducia… Credere che quello che fanno sia per un bene comune. Nel senso… Sì, questo, fondamentalmente. Visto che si parla di prendere decisioni o mettere in atto delle politiche o fare delle cose per la società, pensare che le persone che vado a delegare – nel caso della politica ma anche delle altre istituzioni principali, come può essere quella della Chiesa, che quindi hanno un fine sociale per tutti… Stare tranquillo che non lo fanno per interessi personali ma per un bene comune superiore [maschio, 31-60, titolo di studio alto].

30Anche in questi stralci di intervista è rintracciabile la dimensione anticipatoria della fiducia. Ma se nei cinque casi precedenti le aspettative erano mosse dalla conoscenza, in questo secondo gruppo sembrano guidate da orizzonti di stabilità (Garfinkel, 2004). La fiducia viene considerata un’as-pettativa di regolarità del mondo sulla base dei propri orientamenti valoriali; è una speranza di regolarità che consente di comprendere, e quindi prevedere, i processi con i quali gli individui potrebbero conformarsi a un determinato ordine di eventi e alle sue regole.

Allora, diciamo… Quando delle persone… trovano qualcuno o qualcosa che rispecchia la propria visione… il proprio modo di vedere le cose, e decide di… affidarsi… È come se queste persone dessero a questa persona, a questo ente, il benestare per far sì che poi quella cosa venga fatta [femmina, 18-30, titolo di studio alto].

Fiducia è un atteggiamento propositivo volto a una sensazione positiva rispetto a una persona, a una cosa, a un ente. Fiducia significa trasferire le proprie speranze in qualcuno che speri le faccia maturare o che comunque te le tuteli. Non le mie personali, anche quelle in generale, il benessere comune [femmina, 31-60, titolo di studio alto].

Fiducia… Speranza. Io credo nelle istituzioni repubblicane, credo nella democrazia, credo nel costruire e non nello sfasciare. Quindi, diciamo che come impostazione per me sono tutte istituzioni giuste. Però abbasso un po’ i voti in base anche al fatto che i risultati nell’ultimo ventennio non sono stati […] Senza le istituzioni si tornerebbe proprio all’età della pietra. Un’istituzione, fosse anche sbagliata, ma ci vuole. Io poi sono repubblicano e democratico, quindi amo queste istituzioni [maschio, 31-60, titolo di studio basso].

31Più che altrove, in questo secondo gruppo di intervistati risuonano le parole di Luhmann (2002) sulla condizione dell’uomo moderno che, in assenza di fiducia, verrebbe assalito da una paura paralizzante. La fiducia sembra essere infatti intesa come una sorta di rumore di fondo che accompagna la quotidianità delle persone (Giddens, 1994), rientrando, al pari della solidarietà, nel novero degli elementi pre-contrattuali che Durkheim (1971) considerava basilari per la coesione sociale.

32Sempre centrate sulle aspettative, ma senza una chiara connotazione valoriale ed emotiva, sono le definizioni dei sei intervistati per i quali la fiducia è una disposizione che legittima a operare nell’interesse comune. Quando ci fidiamo di una persona o di un’istituzione, lasciamo che persegua i suoi obiettivi, lavori, faccia qualcosa di utile per ognuno di noi, così da poter essere soddisfatti e sentirsi tranquilli.

Fiducia… Come posso dire? Dare per scontato che quell’ente o quell’istituzione facciano il mio bene. Cioè fidarsi in questo senso, senza disinteressarsi ma lasciare che perseguano i loro obiettivi facendo il bene del cittadino [femmina; 31-60; titolo di studio alto].

Fiducia… Che noi persone dovremmo essere soddisfatte della persona che ci governa. Quindi, dandogli fiducia, penseremmo che agisca bene nell’interesse di tutta la gente [femmina; 61 e oltre; titolo di studio basso].

33Anche per questi intervistati, le aspettative prevedono scenari stabili. Tuttavia, diversamente da quanto emerso negli altri casi, l’accento è sugli aspetti normativi.

Siccome noi siamo le persone che diamo un incarico a chi ci governa e quindi dovremmo avere fiducia in loro, che purtroppo non viene poi dopo confermata. Quindi, la fiducia è importante perché quando tu hai fiducia in una persona ti senti tranquillo voglio dire. Questa è la fiducia che purtroppo abbiamo perso ultimamente. [I: Fiducia è tranquillità in che cosa?] Che vengono svolte le mansioni che gli vengono affidate nella maniera più corretta nell’interesse della società, nell’interesse del pubblico [maschio, 61 e oltre, titolo di studio basso].

Visto che si parla di prendere decisioni o mettere in atto delle politiche o fare delle cose per la società, pensare che le persone che vado a delegare – nel caso della politica ma anche delle altre istituzioni principali, come può essere quella della Chiesa – che quindi hanno un fine sociale per tutti… Stare tranquillo che non lo fanno per interessi personali ma per un bene comune superiore [maschio, 31-60, titolo di studio alto].

34Nello specifico, le aspettative appaiono plasmate socialmente (Merton, 1996). Centrale è qui il ruolo del soggetto cui deve essere concessa fiducia; ci si attende che egli corrisponda alle aspettative di ruolo, sia che tali aspettative rimandino a stati di fatto, comportamenti o situazioni, e alle loro caratteristiche, sia che rappresentino «previsioni di durata temporale elaborate collettivamente o socialmente prescritte» (ivi, 162).

Ti lascio lavorare perché ti è stato dato questo incarico anche se io non ti ho votato. Tu non sei il mio Presidente. Io non sono andata alle urne, non ti ho scelto io. Sei stato imposto dalle comunità, dalle lobby? Perfetto. Ora vediamo quello che sai fare [femmina, 31-60, titolo di studio basso].

Ho inteso di fidarmi che facciano qualcosa di utile e di buono per ognuno di noi, per il ruolo che ricoprono. Magari facciano delle leggi più eque e più giuste. Sono sempre sullo stesso punto. Oppure che magari la magistratura effettivamente condanni delle persone che commettono dei reati particolarmente gravi con una pena giusta [femmina, 31-60, titolo di studio basso].

Se riescono a mettere in atto tutto quello che dicono. Quindi, io ho fiducia nel Parlamento e nelle istituzioni nella misura in cui loro riescono a… Io di politica ne so meno di un bambino, non mi è mai interessata però per fiducia… Cioè per esempio sull’attuale Governo che si è creato da poco apparentemente ho fiducia. Mi auguro che portino a compimento quello che dicono [maschio, 31-60, titolo di studio alto].

35Per dare fiducia non sono sufficienti le esperienze di regolarità ed efficacia delle istituzioni sociali che, come abbiamo visto, sono basilari per gli intervistati del primo gruppo. Serve qualcosa di più: una corrispondenza all’ordine normativo, che può essere frutto di processi di socializzazione (Parsons, 1996), dell’accettazione di rappresentazioni collettive date per scontate (Garfinkel, 1967) o della percezione di inevitabilità generata dalla distanza tra attore e sistema (Luhmann, 1984). Così intesa, la fiducia appare come una sorta di “messa alla prova”.

36È evidente dunque che gli intervistati hanno risposto alle domande sulla fiducia nelle istituzioni richiamando alla mente significati diversi del termine. Seppur diverse, però, tutte le accezioni sembrano condividere almeno un aspetto: l’accento sul carattere universalistico dei fini che i rappresentanti delle istituzioni dovrebbero perseguire. Per tutti gli intervistati, fidarsi delle istituzioni significa pensare che agiscano per il bene dei cittadini, sperare che ciò avvenga e conseguentemente legittimarle a operare in tale direzione.

37Come le accezioni del termine variano tra i nostri intervistati, variano anche, rispetto alle nostre attese, i referenti considerati nel rispondere. Nonostante la domanda intendesse convogliare l’attenzione degli intervistati sulle istituzioni e non sui loro rappresentanti, la maggior parte ha dichiarato di aver pensato alla persona che allora deteneva la carica, soprattutto in risposta alle domande sui presidenti della Repubblica e del Consiglio. Questa inclinazione si riduce invece considerevolmente in risposta alla domanda sulla fiducia nel Governo, probabilmente in virtù della natura collegiale di questa istituzione.

38Nelle risposte degli intervistati sembra quindi riecheggiare quella dicotomia tra fiducia personale e sistemica tratteggiata da Giddens e Luhmann. È in particolare il primo tipo di fiducia ad orientare il giudizio della maggior parte degli intervistati nei confronti degli organi monocratici; pochi intervistati sembrano disposti a compiere quel processo di astrazione dal particolare al generale necessario a formulare un giudizio di fiducia sistemica. Dopotutto, come osservano alcuni studiosi (Gobo, 1996; Pitrone, 2009), chiedere un giudizio generale astraendo dalle situazioni particolari è un compito particolarmente gravoso per molte persone che invece tendono spesso a ragionare in modo particolare e situazionale. Ciò non significa che la fiducia sistemica abbia un ruolo minore nell’orientare pensieri e agire delle persone ma solo che il compito di separare il proprio giudizio di fiducia nei sistemi da quello, più accessibile in memoria, di fiducia personale in chi rappresenta i sistemi richiede uno sforzo cognitivo da non sottovalutare.

4. Conclusioni

39In questo studio abbiamo analizzato alcune accezioni del termine ‘fiducia’ ricorrenti nel linguaggio comune, collegandole successivamente a classi di significato diffuse nella riflessione sociologica. Come accade nella letteratura scientifica, il concetto di fiducia è stato inteso dagli intervistati in modi diversi. Tale diversità però sembra articolarsi partendo da alcuni tratti comuni. La fiducia viene considerata come un’aspettativa personale rispetto al comportamento futuro di un alter generico con cui si è in relazione; è una disposizione che ha la funzione di orientare l’agire umano. Nelle parole dei testimoni e nelle riflessioni di chi si è occupato di questo tema, la polisemia del concetto sembra dipendere in buona parte dalla diversa natura di queste aspettative che anticipano, influenzandola, la decisione di compiere o meno un’azione. Nello specifico, questo studio ha messo in luce tre possibili dimensioni del concetto di fiducia, che sintetizziamo nella tabella 1.

Tabella 1. Possibili dimensioni del concetto di fiducia

Dimensione

Significato

Conoscitiva

Aspettativa basata sulle conoscenze pregresse verso chi o cosa deve ottenere fiducia

Valoriale

Aspettativa di regolarità nelle relazioni in base agli orientamenti valoriali dell’individuo

Normativa

Aspettativa di corrispondenza alla norma da parte del depositario della fiducia

Fonte: elaborazione degli autori

40Per quanto emerse distintamente nei resoconti dei nostri intervistati, queste dimensioni non esauriscono certamente la gamma di possibili significati del termine in questione. Dopotutto, nostra intenzione era fare soltanto una prima esplorazione del problema e stimolare una riflessione su un concetto che pone questioni definitorie molto spesso tralasciate. In futuro saranno necessarie ricerche ulteriori, adottando magari altre tecniche di intervista come il focus group, per controllare su un numero più ampio di casi la tenuta delle dimensioni concettuali isolate. La classificazione proposta non ha la pretesa di essere un punto di arrivo ma uno strumento di lavoro suscettibile di ulteriori affinamenti.

41Resta inoltre aperta alla discussione la questione di quali indicatori possano essere usati per rappresentare semanticamente queste tre dimensioni. Allo stato attuale della riflessione, dare precise indicazioni in merito potrebbe però essere ritenuto prematuro; senza considerare poi che la scelta degli indicatori non può essere fatta una volta per tutte ma varia in funzione degli obiettivi, sempre diversi, di un’indagine.

42Dallo studio è emersa anche la difficoltà di molti intervistati a elaborare giudizi sulla loro fiducia nelle istituzioni in generale piuttosto che sulle persone che le rappresentano. Ciò dovrebbe indurre a prestare molta cautela quando si interpretano le risposte a domande di questo tipo per evitare di confondere i livelli di generalità dei giudizi es-pressi: dopotutto, il peso politico di una sfiducia generalizzata nei confronti del Presidente della Repubblica sarà ben diverso se le risposte sono riferite all’organo oppure alla persona che in quel momento ricopre la carica.

  • 4 Nella versione rivista, il testo della domanda recitava: «Quanta fiducia ripone nelle seguenti isti (...)

43Certamente, la tendenza degli intervistati a restare ancorati al particolare e contingente non costituisce un problema per i molti sondaggisti interessati a indagare quanta fiducia le persone ripongono nelle istituzioni in conseguenza di come ha operato una persona o una classe politica; se però, come in questa ricerca, l’intento è rilevare la fiducia nelle istituzioni in generale, a prescindere da chi in quel momento le rappresenta – magari per trarre indicazioni sullo stato di salute della democrazia in un Paese oppure spiegare l’emergere di certi movimenti antistatalisti – allora il ricercatore dovrebbe tenere conto di questo problema e pensare a una soluzione. Nel nostro caso, abbiamo scelto di intervenire sul testo della domanda, aggiungendo un’istruzione agli intervistati a far riferimento alle istituzioni e non ai loro rappresentanti4, e sulla formazione degli intervistatori; prima della rilevazione sul campo, gli intervistatori sono stati istruiti a cogliere qualunque segnale di tale problema da parte degli intervistati ed, eventualmente, a chiarire nuovamente l’intento della domanda.

44In conclusione, sembra evidente che chiedere in modo diretto alle persone quanta fiducia abbiano nelle istituzioni comporti diversi problemi, in parte a causa della polisemia del termine in questione e in parte per la possibile ambiguità del suo referente. Il numero di interviste fatte non ci consente però di andare oltre queste conclusioni, non potendo escludere, ad esempio, che intervistando altre persone emergano ulteriori dimensioni di significato. Come accade per i concetti di benessere e di qualità della vita, crediamo che la fiducia meriti la stessa attenzione metodologica nella articolazione delle dimensione concettuali e nella scelta degli indicatori che consentono di rilevarla in maniera valida.

Torna su

Bibliografia

Beatty P. (2004), The Dynamics of Cognitive Interviewing, in Presser et al. (a cura di), Methods for Testing and Evaluating Survey Questionnaires, New York, John Wiley and Sons.

Castel R. (1995), Les métamorphoses de la question sociale, Paris, Fayard.

Collins D. (2015), Cognitive interviewing: Origin, Purpose and Limitations, in Collins D. (a cura di), Cognitive Interviewing Practice, London, Sage.

Durkheim E. (1971), La divisione del lavoro sociale, Milano, Comunità.

Garfinkel H. (1967), Studies in ethnomethodology, Englewood Cliffs, Prentice-Hall.

Id. (2004), La fiducia. Una risorsa per coordinare l’interazione, Roma, Armando Editore.

Giddens A. (1994), Le conseguenze della modernità, Bologna, il Mulino.

Gobo G. (1996), Le risposte e il loro contesto, Milano, Franco Angeli.

Goffman E. (1988), La vita quotidiana come rappresentazione, Bologna, il Mulino.

Liani S, Martire F. e Pitrone M.C. (2015), Cognitive Interviewing to Pretest Attitude Questions, «Italian Sociological Review», V, 2, pp. 237-250.

Luhmann N. (1984), Soziale systeme, Frankfurt am Main, Suhrkamp, trad. it. Sistemi sociali. Fondamenti di una teoria generale, Bologna, il Mulino, 1990.

Id. (2002), La fiducia, Bologna, il Mulino.

Marradi A. (1990), Fedeltà di un dato e affidabilità di una definizione operativa, «Rassegna Italiana di Sociologia», XXXI, 1, pp. 55-96.

Marradi A. (2007), Metodologia delle scienze sociali, Bologna, il Mulino.

Merton R.K. (1996), Socially Expected Durations, in Merton R.K., On social structure and science, Chicago, University of Chicago Press, pp. 162-171.

Misztal B.A. (1996), Trust in Modern Societies: The Search for the Bases of Social Order, Cambridge, Polity Press.

Moellering G. (2001), The Nature of Trust: From Georg Simmel to a Theory of Expectation, Interpretation and Suspension, «Sociology», 35, 2, pp. 403-420.

Montesperelli P. (2001), L’intervista ermeneutica, Milano, Franco Angeli.

Mutti A. (1998), Capitale sociale e sviluppo. La fiducia come risorsa, Bologna, il Mulino.

Parsons T. (1996), Il sistema sociale, Milano, Edizioni di Comunità.

Pitrone M.C. (2009), Sondaggi e interviste. Lo studio dell’opinione pubblica nella ricerca sociale, Milano, Franco Angeli.

Putnam R.D. (1993), Making Democracy Work: The Civic Tradition in Italy, Princeton, Princeton University Press.

Simmel G. (1998), Sociologia, Milano, Edizioni di Comunità.

Sudman S., Bradburn N.M. e Schwarz N. (1996), Thinking About answers. The Application of Cognitive Processes to Survey Methodology, San Francisco, -Jossey-Bass.

Tourangeau R., Rips L.J. e Rasinski K. (2000), The Psychology of Survey Response, Cambridge, Cambridge University Press.

Uslaner E.M. (2002), The Moral Foundations of Trust, Cambridge, Cambridge University Press.

Weber M. (1922), Wirtschaft und Gesellschaft, Tübingen, Mohr, trad. it. Economia e società, Milano, Edizioni di Comunità, 1981.

Willis G.B. (2005), Cognitive Interviewing. A Tool for Improving Questionnaire Design, Thousand Oaks, Sage.

Torna su

Note

1 Il lavoro è frutto della riflessione comune dei due autori. A Serena Liani va a attribuita la stesura dell’introduzione e del paragrafo 2, mentre a Luca Bianchi si deve invece la stesura del paragrafo 1e delle conclusioni.

2 La fedeltà è il grado di corrispondenza fra uno stato reale e il simbolo che lo rappresenta nella matrice dei dati (vedi Marradi, 1990).

3 Per mettere in luce i diversi significati richiamati da un termine sono necessarie tecniche di pretest basate sull’ascolto diretto degli intervistati, come l’intervista cognitiva, l’intervista sull’intervista o il debriefing degli intervistati. Tra queste, abbiamo preferito la prima proprio perché consente di esplorare a fondo il processo mentale di attribuzione di senso a una domanda. Non abbiamo invece scelte tecniche di intervista in gruppo, come il focus group, perché pensiamo possano essere più adatte a uno studio pilota che al controllo del funzionamento di un questionario già ultimato sotto molti aspetti.

4 Nella versione rivista, il testo della domanda recitava: «Quanta fiducia ripone nelle seguenti istituzioni? Risponda su una scala da 1 a 10 in cui 1 equivale a nessuna fiducia e 10 a piena fiducia. Tenga presente che ci interessa il suo giudizio sull’istituzione e non su chi attualmente ricopre la carica».

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Luca Bianchi e Serena Liani, « Fidarsi della fiducia? », Quaderni di Sociologia, 74 | 2017, 127-140.

Notizia bibliografica digitale

Luca Bianchi e Serena Liani, « Fidarsi della fiducia? », Quaderni di Sociologia [Online], 74 | 2017, online dal 01 mars 2018, consultato il 21 octobre 2018. URL : http://journals.openedition.org/qds/1709 ; DOI : 10.4000/qds.1709

Torna su

Autori

Luca Bianchi

Università La Sapienza, Roma

Serena Liani

Università di Trieste

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals