Navigazione – Mappa del sito
note e testimonianze

Maurice Halbwachs, tra il suo e il nostro tempo

Maurice Halbwachs, between his and our time
Mario Aldo Toscano
p. 141-143

Abstract

The aims of the article is Maurice Halbwachs (1877-1945), French sociologist of the second generation of Durkheimians, through the reading proposed by the recent book Maurice Halbwachs. Un sociologo della complessità sociale published by Morlacchi.
Not a simple review, rather a split on an author who, after a century, shows the great legacy of French sociology in the first half of the twentieth century and its actuality.

Torna su

Testo integrale

1Chi vorrà davvero occuparsi di Maurice Halbwachs, non potrà fare a meno di far riferimento a Maurice Halbwachs. Un sociologo della complessità sociale (Perugia, Morlacchi Editore University Press, 2016), curato con intelligenza, diligenza e discrezione da Teresa Grande e Lorenzo Migliorati, docenti nelle università della Calabria e di Verona. Il testo raccoglie i contributi di giovani e meno giovani importanti interpreti del nostro autore: vi si troveranno elementi biografici originali e inedite ricordanze familiari, dati storiografici accuratamente ricostruiti, contesti ambientali efficacemente descritti, atmosfere culturali evocate mediante sapienti connessioni e, infine, acute analisi specialistiche della prospettiva, dei contenuti e delle sequenze del lavoro scientifico di Halbwachs.

2Il testo propone dunque la memoria di un personaggio e di un paesaggio all’altezza di uno studioso della memoria e di uno studio sulla memoria: al di fuori dei riti di commemorazione.

3Abbiamo chiamato in causa, con l’espressione in esordio, un soggetto anonimo che rischia di essere sempre meno presente sulla scena della sociologia oggi. In tutto il testo, come è ovvio, il tema della memoria è sia al centro che nelle adiacenze della riflessione collegiale. Ma, guardando ai processi formativi e alle pratiche comuni della disciplina, aleggia più di un dubbio che proprio la memoria culturale della sociologia sia in notevole declino nelle circostanze attuali. Se non mancano ricerche e approfondimenti di egregio livello dei classici della tradizione sociologica, appaiono non di rado carenti la qualità orientativa, la pedagogia costruttiva e la filologia corretta del patrimonio storico-teorico accumulato almeno in un paio di secoli, che dovrebbe costituire insieme un retroterra solido per i compiti empirico-metodologici della ricerca e strategicamente una rivendicazione forte di dignità e di merito della disciplina nell’agone epistemologico. La pressione epocale al presente, che si avvale di evidenti elaborazioni sociologiche, stenta ad essere rilevata nelle sue implicazioni per la stessa prassi sociologica. Sotto questo aspetto, non si deve sottovalutare, al di là delle benemerenze ricognitive, l’implicito valore critico di un volume come quello su Halbwachs del quale discutiamo. Il ritorno al passato ha un effetto liberatorio e apre spiragli di conforto, realizzando una conciliazione segreta con il ritorno al futuro nel momento in cui sollecita la speranza di nuove fertili stagioni per una tradizione di pensiero ‘operativo’ controversa ma durevole, significativa e influente.

4Dobbiamo alcune informazioni utili al nostro lettore. Il volume è distinto in tre sezioni. La prima è dedicata ad Halbwachs e il suo tempo, la seconda ad Halwachs e l’osservazione della realtà sociale; la terza ad Halbwachs e il nostro tempo.

5Il testo si apre con la testimonianza di Lise Halbwachs, nipote di Maurice, biologa e patologa emerita del CNRS, che fa un ritratto del nonno fuori da ogni agiografia, introducendo quelle discontinuità di valutazioni della personalità di H. che ritornano in vari modi in tutto il volume: il percorso compiuto, se da un lato offre convincenti risposte, da un altro solleva una serie di domande, a tutto vantaggio di una iniezione di vitalità alla vicenda umana e scientifica considerata. H. era “un uomo perduto nei propri pensieri, poco coinvolto nella vita quotidiana della famiglia e preoccupato delle proprie ricerche” (p. 26); ma era padre e marito premuroso: “dietro il pudore, tuttavia, traspare chiaramente il suo affetto per la moglie e i figli” (ibidem). La sorella Jeanne dice che aveva “un carattere straordinariamente affabile che gli conferiva un’aria sbadata da filosofo distratto” (p. 27). Tonnelat, compagno di studi, conferma che “Halbwachs non ha mai dubitato della propria vocazione di filosofo” (p. 37). Di formazione socialista, ben presto rivela interesse per la classe operaia ma assume criticamente il concetto di classe e di coscienza di classe (Romagnani); non smetterà mai il suo credo, partecipando durante la seconda guerra mondiale alla resistenza con il suo magistero intellettuale e pagando duramente il suo impegno.

6Ebbe tra i suoi maestri Durkheim, ma, dicono Baudelot ed Establet, fu certamente (per quanto se ne distaccasse in seguito) “Bergson a spingere Halbwachs verso il tema della memoria e verso una rinnovata concezione delle relazioni tra individuo e società” (p. 73). E però, secondo Topalov, le relazioni sociali erano viste in modo piuttosto letterario, ed esterno: “il mondo sociale non poteva che essere un spettacolo e un uomo della sua cultura disponeva di un grande campionario per decifrarlo”; e ciò metteva al riparo la teoria “dagli scossoni e dall’effetto corrosivo che avrebbe potuto generarsi nell’interazione diretta con gli individui” (pp. 120-121).

7La memoria: ha a che fare con le rappresentazioni collettive, e poi con il sociale e l’individuale, con la psicologia collettiva (Grande), con lo spazio e il tempo e i vari tempi (Rampazi); un concetto altamente problematico, che non esclude, come in Memorie di Terrasanta, estensioni leggendarie della realtà (Bergamaschi). Ma H. non è solo memoria: si occupa anche del suicidio, distaccandosi notevolmente dalle tipologie durkheimiane, e mettendo l’accento sulle fragilità sociali che accompagnano il passaggio dalla società rurale a quella urbana (Paugam). È anche uno studioso della città tanto da interagire con la Scuola di Chicago, e un profondo estimatore di Keynes, a cui dedica recensioni e note sulla spinta del suo antico interesse per le questioni economiche (Montigny). Molteplice H.: “filosofo per formazione, psicologo per ambizione, sociologo per professione” (Migliorati, p. 239); “militante dell’universale”, dice Bourdieu che ricorda H. in La liberté de l’esprit del 1987, laddove l’universale, dobbiamo intendere, contempla anche le dialettiche degli opposti o dei distinti.

8I documenti sono solo una parte dell’aggregato di materiali che contribuiscono a mettere a fuoco la personalità di Maurice Halbwachs. Al di là delle classificazioni formali che si ritrovano nelle enciclopedie, e al di là delle opere che riempiono le bibliografie, c’è l’interprete nella costruzione/ri-costruzione dell’immagine di una vita, qualsiasi vita; a maggior ragione dell’immagine di un autore della vita culturale. In questa ermeneutica pubblica, c’è l’interprete individuale che chiede di vedere riconosciuta la sua intelligenza e la sua sensibilità; e l’interprete collettivo che alberga nelle contingenze del tempo e dello spazio, fa parte dello spirito delle epoche e fornisce frames ‘attenzionali’. Abbiamo visto emergere dal testo giudizi sia concordi che discordi. Piuttosto che schierarsi da una parte o da un’altra, è probabilmente più utile e umile rilevare alcuni dati elementari.

9Maurice Halbwachs è un personaggio tragico: non ebreo, ma marito di una donna ebrea, protegge la sua fuga, viene arrestato dalla Gestapo con suo figlio e muore nel lager di Buchenwald solo qualche mese prima della fine della guerra (16 marzo 1945) mentre il figlio riesce fortunosamente a salvarsi. H. attraversa (nasce nel 1877) un periodo incredibilmente cupo della storia europea e mondiale; è testimone anche di un grande momento della cultura francese e della cultura sociologica francese, che si afferma in quell’epoca a seguito del grande impulso dato da Durkheim e dalla sua scuola. Halbwachs è un esponente di quella scuola: con un atteggiamento insieme di lealtà ai principi ma anche di innovazione metodologica e tematica.

10Ebbe un interesse prevalente per lo studio della memoria e fu ampiamente consapevole della grandezza del tema. Egli sa che la memoria è storia, la memoria è cultura, la memoria è tempo e spazio; la memoria è anche nostalgia e mitologia; la memoria è identità ma anche alterità. Halbwachs rimarrà un punto fermo per gli studi sulla memoria (Jedlowski).

11Si occupò di molti altri argomenti, con serietà e rigore. Non fu un pensatore sistematico. Ma sia con quelli che di ciò fanno un’accusa in una cornice critica, sia con quelli che ne fanno un’annotazione dubbiosa da curriculum accademico bisognerebbe discutere il senso di questo rilievo. Non è tempo di sistemi oggi, e chi nutre questo proposito si espone allo scetticismo dei più. I filosofi che inseguono più alacremente questi traguardi non si accorgono che anche per loro il sistema è – lo è sempre stato – un rischio: rischio di inclusione come di esclusione, di stabilizzazione una tantum contro un divenire perenne, unione – come recita l’etimologia – di parti diverse, ma dentro un circuito mentale costrittivo. Il ‘sistema’ provoca non di rado un rifiuto intransigente e anche chi ama il suo autore si tiene alla larga dal suo sistema. In sociologia il sistema ebbe una grande importanza agli albori della disciplina. Comte volle essere sistematico, Spencer annunciò addirittura in un depliant del 1861 il sistema prima di costruirlo: l’obsolescenza di quelle impalcature non ha travolto quegli autori per merito delle loro uscite laterali, delle loro illuminazioni pre-schema e dei loro extra-books (Spencer). La diaspora del pensiero è il pensiero; e Halbwachs ha praticato il pensiero, sociologico e non sociologico, da uomo riservato, libero, generoso e modesto, risparmiando ogni ingombrante sistema ai suoi lettori, ai quali consegna le sue avventure intellettuali dense di sollecitazioni per le loro avventure intellettuali. Dobbiamo essere grati a Teresa Grande e a Lorenzo Migliorati per averci fornito fertili terreni di meditazione non solo su Halbwachs, ma anche su tutti gli argomenti inconclusi della sua lezione.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Mario Aldo Toscano, « Maurice Halbwachs, tra il suo e il nostro tempo », Quaderni di Sociologia, 74 | 2017, 141-143.

Notizia bibliografica digitale

Mario Aldo Toscano, « Maurice Halbwachs, tra il suo e il nostro tempo », Quaderni di Sociologia [Online], 74 | 2017, online dal 01 mars 2018, consultato il 21 août 2018. URL : http://journals.openedition.org/qds/1713 ; DOI : 10.4000/qds.1713

Torna su

Autore

Mario Aldo Toscano

Università di Pisa

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals