Navigazione – Mappa del sito
note e testimonianze

Valutare la ricerca sociale: problemi e definizioni

Assessing social research. Problems and definitions
Alberto Baldissera
p. 153-160

Abstract

For over 15 years an assessment of scientific research has taken place in Italy. The assessment is organized and directed by government agencies such as Anvur (National Agency for Evaluation of the University System and Research). Their activities have met many criticisms, even radically opposed to the assessment, coming first of all from the humanities and the social sciences. La valutazione possibile of Andrea Bonaccorsi, an academic who has been part of Anvur, aims to respond to criticism and to defend the public evaluation of research. The book’s targets are above all the criticisms of P. Bourdieu and of the postmodern tradition. Much of them insist on the incompatibility between quantity and quality. From this point of view it is not possible to transform judgments into numbers. The book contains arguments that can be shared. However, more clarity and precision would be required. This applies to the theories of concepts, of measurement, of indicators and of comparison. Moreover, in order to empirically control their hypotheses, social sciences must reach an agreement on the meaning of the terms used. A requirement often overlooked. Here the public evaluation of the research could effectively stimulate greater agreement among social scientists.

Torna su

Testo integrale

1. Il libro e l’autore

  • 1 A. Bonaccorsi, La valutazione possibile. Teoria e pratica nel mondo della ricerca, Bologna, il Muli (...)

1La valutazione possibile di Andrea Bonaccorsi1 è un pamphlet in difesa della valutazione pubblica della ricerca nelle scienze sociali e nelle discipline umanistiche, svolta da alcuni lustri in Italia per opera dell’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (Anvur) – un ente che fa parte del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca. Il suo autore, professore ordinario d’ingegneria gestionale nell’università di Pisa, dal 2011 al 2015 è stato membro del Consiglio Direttivo dell’Anvur ed è membro del Rise, “il ristretto gruppo di esperti che supporta il Commissario europeo alla ricerca” (p. 4 di copertina).

2Bonaccorsi esamina anzitutto in dettaglio alcune “critiche teoriche alla valutazione”: da quelle che rifiutano il tipo ideale della scienza formulato dal sociologo R. K. Merton (1981), a quelle che sanciscono l’impossibilità di stipulare definizioni dei criteri di qualità prevalenti in diverse comunità scientifiche o di individuare indicatori degli stessi, assegnando eventualmente alle loro modalità dei valori numerici non completamente arbitrari. La lista dei critici è ampia: si va dai giuristi Supiot e Zagrebelsky, al filologo Bettini, allo psicoanalista Gori, ai filosofi Foucault, La Rocca, Pinto, Tronti. Anche a sociologi come Cipriani, Dal Lago, Bourdieu.

3Bonaccorsi riporta (p. 25 e passim) la critica di quest’ultimo (2001) a Merton. Una critica fuori luogo. Quella di Merton non va interpretata come una descrizione – non è né “molto realista”, né “molto obiettivista” – ma come un tipo idea-le. Un tipo ideale non è né vero né falso: nel caso, può essere utile per lo studio di specifiche comunità scientifiche, soprattutto per individuare le differenze tra le proprietà ideali e quelle rilevate empiricamente. Neppure Merton esclude il modo di regolazione dei “conflitti scientifici”, che tanto premono a Bourdieu. Merton non era certo così ingenuo da ritenere che la competizione non fosse una caratteristica del dibattito tra ricercatori, e neppure che fossero possibili i colpi bassi. Probabilmente non l’avrebbe però chiamata “lotta armata”, come fa Bourdieu. Per descrivere la stratificazione sociale della scienza Merton usa i termini sociologici di status e di classe. Non è un caso se il suo contributo sia preferito a quello offerto da Bourdieu.

4Gli argomenti di Bourdieu sono più convincenti quando afferma che nel campo scientifico “i concorrenti trovano un accordo su alcuni principi di verifica in conformità al reale, su metodi comuni di convalida delle tesi e delle ipotesi, insomma sul contratto tacito, inseparabilmente politico e cognitivo, che fonda e regge il lavoro di oggettivazione”. A parte il linguaggio improprio e baroccheggiante, qui è evidente l’influenza delle argomentazioni di Michael Polanyi (1962), un autore che Bourdieu conosceva bene – e che Bonaccorsi non cita. Quel “contratto” (non necessariamente tacito: può essere reso esplicito, più o meno facilmente) è precisamente la definizione di ‘qualità della ricerca scientifica” e delle sue proprietà.

5Ancora più radicali sono le critiche di alcuni membri della scuola degli STS (Science and Technology Studies). Esse mettono in discussione sia la validità della sperimentazione nei laboratori scientifici sia l’esistenza di una soluzione di continuità tra conoscenza scientifica e quella ordinaria.

6Situazioni del genere possono sussistere puntualmente, ma è difficile che possano durare nel tempo. Le scienze sono istituzioni, sistemi intellettuali che si basano e si consolidano con lo scambio di critiche. Con le parole di Max Weber:

Anche il razionale, nel senso della “coerenza” logica di una presa di posizione teorico-intellettuale… ha, ed ha sempre avuto, un potere di costrizione (Gewalt) sugli uomini…, per quanto limitata e instabile questa potenza (Macht) sia stata ovunque, e sia tuttora, nei confronti di altre potenze della vita storica (Weber, 2002, 318, trad. it. leggermente modificata da chi scrive).

7Boudon (2000; si veda anche Schluchter, 1987) ha chiamato “cognitiva” questa razionalità e l’ha caratterizzata in modo convincente, differenziandola dalla razionalità rispetto allo scopo e da quella rispetto al valore.

8In altri termini: lo sviluppo di una disciplina scientifica (e anche quello di una religione mondiale) non è lineare. Aggiunte e integrazioni non possono però contraddire il corpo delle acquisizioni precedenti, salvo che qualcuno noti qualche incoerenza nella dottrina dominante e dia principio a un processo di rivoluzione scientifica (Kuhn, 2009), capace di fornire un rinnovato assetto del sistema intellettuale considerato.

9A parte questo, chi mette sistematicamente in dubbio la validità delle sperimentazioni in laboratorio dovrebbe poi prendere ogni cautela per difendersi dall’assunzione di nuove molecole per la cura di proprie malattie – alternativa che qualcuno preferisce ai nostri giorni a proposito dei vaccini.

10Le altre critiche insistono in particolare sull’inconciliabilità tra quantità e qualità. La qualità della ricerca, esse proclamano, non può essere misurata. Su questo punto hanno senz’altro ragione. La stragrande maggioranza delle proprietà studiate dalle scienze sociali (democrazia, libertà politica, qualità della vita, ad esempio) non può essere misurata. Lo strumento per ovviare al problema, offerto dalla metodologia delle scienze sociali da oltre mezzo secolo, è la teoria degli indicatori (Parra Saiani, 2009). Fare a meno di questi ultimi è ovviamente possibile. Il prezzo da pagare è la rinuncia ad avere, ad esempio, un’idea articolata e soddisfacente di quali regimi politici siano più o meno democratici, in quale città italiana o europea si viva meglio; oppure se preferire Turchia, Olanda o Italia per esercitare la professione di giornalista. Lo stesso vale per proprietà come benessere, corruzione, efficacia ed efficienza di organizzazioni pubbliche, sviluppo sociale e così via. Farne a meno, in società complesse come le nostre, potrebbe comportare costi e danni rilevanti.

11L’A. espone in seguito i suoi argomenti a favore della valutazione della ricerca, prendendo spunto dai contributi di Charles S. Peirce (1877; 1878) sulla natura delle credenze e di Alessandro Pizzorno (2007) sulla reputazione. Nel primo caso l’A. non distingue tra credenze positive, normative e giudizi di valore (Boudon e Bourricaud, 1983). Questa distinzione gli avrebbe permesso di affrontare i problemi della formazione e della permanenza delle credenze e i rapporti tra queste e la realtà.

12Il terzo capitolo è dedicato al dibattito sulla qualità della ricerca nelle scienze sociali e nelle discipline umanistiche. Sono considerate scienza politica, antropologia culturale, storiografia e critica letteraria – sulla base degli argomenti presentati da Lamont (2009).

13Sovente l’A. non distingue con nettezza tra scienze sociali e discipline umanistiche, come se esse si equivalessero. Solo le scienze sociali hanno però come compito precipuo il controllo empirico degli asserti; quest’ultimo viene invece il più delle volte ignorato dalle discipline umanistiche. Il controllo empirico richiede non solo una condivisione di teorie, metodi, tecniche, ma anzitutto un accordo sul significato dei termini usati. Nelle scienze sociali occorre stipulare definizioni ferme e precise dei termini con cui si compongono le affermazioni. Quest’ultimo requisito vale, ritengo, anche per l’approccio non standard (altrimenti detto ‘qualitativo’) delle scienze sociali, i cui criteri di qualità della ricerca possono essere diversi da quelli adottati per l’approccio standard.

14Il quarto capitolo presenta alcune evidenze empiriche sulle conseguenze dell’uso delle procedure di valutazione. Termina il volume una lunga intervista a Carlo Olmo, uno storico dell’architettura che ha partecipato alla valutazione promossa dall’Anvur.

15Il libro contiene argomentazioni interessanti e condivisibili, la bibliografia citata è molto ricca e può servire come base per ricerche successive. Più in generale, l’A. pretende di aver risposto in modo affermativo alla sua domanda iniziale (e scopo esplicito del libro): “esistono argomenti (“razionali”) a favore della valutazione della ricerca?” Uno scopo modesto, non difficile da raggiungere. Restano in secondo piano domande quali: i vantaggi della valutazione pubblica sono superiori a quelli della sua assenza? Quali innovazioni essa promuove? Quali danni essa eventualmente produce? Quali costi comporta? I costi sostenuti sono compensati da eventuali innovazioni che essa stimola? Quali comparazioni si possono fare con altri paesi riguardo alla sua efficacia e efficienza? Come affinare le tecniche della valutazione? Come valutare i valutatori?  

16Chi scrive ritiene che le argomentazioni esposte da Bonaccorsi per descrivere e legittimare la valutazione della ricerca siano per alcuni versi insoddisfacenti: dalla definizione della qualità della ricerca a quella della comparazione, dalla teoria della misurazione a quella degli indicatori.

2. Valutazioni della qualità della ricerca scientifica

17La proprietà ‘qualità’ della ricerca svolta nell’ambito di una disciplina scientifica o umanistica richiede, per esser valutata, la stipulazione di una definizione soddisfacente. Bonaccorsi sostiene che la valutazione

non ha come obiettivo di definire dall’alto la qualità della scienza. Essa assume le definizioni (della qualità) che le stesse comunità scientifiche formulano e utilizzano nel corso delle proprie pratiche di ricerca. Per essere fedele a questa dichiarazione…la valutazione deve rendere legittimi i protocolli con i quali intende estrarre dalle comunità scientifiche i rispettivi criteri di qualità. Nel farlo, la valutazione si appella al processo fondamentale di comunicazione scientifica, che si fonda sulla validazione intersoggettiva all’interno di una comunità di pari.

18Osservo:

  1. l’A. distingue correttamente tra due tipi di valutazioni: quella praticata frequentemente da ciascun membro di una comunità scientifica, gruppo di pari, platea di persone interessate (valutazione 1) e quella realizzata da una struttura burocratica, sulla base di leggi e regolamenti redatti dal potere politico o chi da esso è nominato (valutazione 2). L’A. assume che la (2) sia una riproduzione fedele della (1). Questo potrebbe essere un obiettivo da raggiungere, ma non mi pare descriva la realtà. Non si comprenderebbero altrimenti critiche così accese.

  2. Per “definizioni” e “protocolli”, l’A. intende criteri o standard di valutazione dei prodotti scientifici. Gli standard possono essere più o meno condivisi. Essi non sono eterni, cambiano nel tempo; cambia così anche la nostra valutazione della qualità dei prodotti scientifici (Polanyi, 1962, 318), Alcune comunità scientifiche, tra l’altro, possono essere di dimensioni molto ampie (tutti i matematici o i chimici del pianeta, ad esempio), altre di dimensioni ridotte (i sociologi italiani del lavoro e dell’economia, di nuovo ad esempio).

  3. Criticabile è l’affermazione secondo cui compito della valutazione (2) sia estrarre i criteri di qualità. Lo stesso si può dire dell’asserto normativo secondo cui la valutazione (2) “deve rendere legittimi ecc.”. Qui l’A. confonde legittimazione e legittimità. Al posto di “rendere legittimi” avrebbe dovuto scrivere ‘legittimare’. Ciò avrebbe però contraddetto la sua affermazione secondo cui “ la valutazione [(2), aggiungo io] non ha come obiettivo di definire dall’alto la qualità della ricerca”.

  4. L’idea e i criteri di qualità sono il risultato di un controllo incrociato dei prodotti, etichettati come scientifici, da parte dei membri di una comunità scientifica (Polanyi 1962). Esso permette di chiarire e di rendere almeno parzialmente legittimi gli standard in base ai quali è possibile valutare la qualità. Compito di un organo di valutazione dovrebbe essere stimolare e arricchire il dibattito intorno a questi standard, non “rendere legittimi i protocolli ecc.” Questo compito, per quanto difficile e time demanding, spetta anzitutto alle comunità scientifiche interessate.

19Tra la valutazione burocratica (2) e la valutazione (almeno parzialmente) istituzionalizzata (1) – nel significato attribuito dai sociologi al termine ‘istituzione’ (Boudon e Bourricaud, 1983) – c’è differenza e anche dialettica. La prima è legittimata dal potere politico, la seconda è resa legittima dai membri della comunità dei pari.

3. I contributi della metodologia delle scienze sociali

  • 2 Mi riferisco qui ai lavori di Marradi, Bezzi, Di Franco, Fideli, Parra Saiani e di chi scrive, cita (...)

20Da molti termini, asserti, argomentazioni mi sembra plausibile che Bonaccorsi non abbia notato l’esistenza di più sociologie (Boudon, 2002; anche Esser, 1993; Goldthorpe, 2015; Schluchter, 2015) né che abbia usato i contributi offerti dalla metodologia delle scienze sociali. Il riferimento a questi ultimi gli avrebbe consentito di semplificare le sue argomentazioni, e di renderle più chiare e convincenti 2.

21Più specificamente:

 

a) l’A. non fornisce una distinzione chiara tra concetti, termini e realtà (o referenti), né una teoria degli indicatori. I concetti non si definiscono, come scrive spesso Bonaccorsi (p. 35 e passim). Solo i termini possono essere oggetto di una definizione (lessicale, stipulativa, operativa). I concetti non possono essere invece circoscritti in modo fermo e preciso.
Quel che servirebbe alla valutazione è una definizione operativa della proprietà ‘qualità’ di una popolazione di oggetti classificati come “scientifici”. Poiché una tale definizione operativa non è disponibile, si ricorre – come fanno abitualmente gli scienziati sociali nelle loro ricerche empiriche – a degli indicatori. Si tratta di proprietà più specifiche che il ricercatore giudica collegate alla proprietà considerata. In sé e per sé esse non sono né vere né false. Sono scelte da un ricercatore esperto solo se possono essere definite in modo operativo, cioè trasformate in variabili. Niente di oggettivo, quindi: “il rapporto di indicazione è un legame stipulativo, pertanto opinabile” (Marradi, 1994). È anzitutto importante che gli indicatori siano validi – in conformità ad un giudizio attribuito a una certa proprietà da un ricercatore. Meno se essi sono “quantitativi” – come preferisce ripetutamente l’A. Molto spesso, nelle scienze sociali, l’indicatore è infatti una proprietà discreta, non misurabile.

 

  • 3 L’A. è stato probabilmente fuorviato dagli autori che giustamente critica. Si vedano ad esempio le (...)

b) Manca una teoria della misurazione, con una chiara distinzione tra classificazione, conteggio e misurazione. Bonaccorsi usa in modo improprio i termini ‘misurazione’ e ‘misura’ o usa contraddizioni in termini come “scala di misura” (p. 79), “misura ordinale” (p. 83), “misurazione con una scala di punteggi (p. 85)”.3
Una misurazione è possibile solo se la proprietà considerata è continua e se si ha a disposizione un’unità di misura. Ciò capita raramente nelle scienze sociali. Ora, se non si misura, si classifica o si conta. Classificazione e conteggio (insieme allo scaling) sono il pane quotidiano del ricercatore sociale, e anche della valutazione della ricerca. Da questo punto di vista il problema dell’incommensurabilità dei giudizi individuali, che tanto appassiona Bonaccorsi, semplicemente non si pone – almeno nella valutazione della ricerca scientifica.
L’A. sostiene inoltre che requisito della valutazione (2) è “trasformare le valutazioni [ossia i giudizi individuali su un prodotto scientifico] in metriche” (p. 35).
Che cosa significa nel caso il termine “metriche”? Numeri? I numeri possono avere significati diversi: 22,2 C° (la temperatura dell’aria nella mia stanza misurata con un termometro in gradi centigradi); 5 (etichetta numerica assegnata da un ricercatore alla nazionalità tedesca, in una classificazione delle nazionalità usata in un questionario strutturato); 5 (etichetta numerica assegnata da un ricercatore alla modalità “buono” in una scala ordinale Likert – o in altre scale); 7,31 (valore assegnato da un intervistato su una scala auto-ancorante, deflazionato mediante un’apposita tecnica).
Se non erro, per quanto riguarda la valutazione mediante la peer review, l’Anvur considera il terzo di questi numeri, cioè un punteggio convenzionale attribuito a una modalità di una scala ordinale. Chiamarlo “metrica” sarebbe un abuso intellettuale (Hayek, 1951).
Bonaccorsi non dedica infine alcuna attenzione alle scale auto-ancoranti, che pur sarebbero assai utili a un esercizio di valutazione meno arbitrario del punteggio di cui sopra. Di conseguenza non prende in considerazione la tecnica della deflazione dei punteggi attribuiti su scale auto-ancoranti.

 

c) Manca infine una teoria della comparazione. Bonaccorsi si affida a una definizione confusa della filosofa Chang (2002), e ignora quella fornita ormai decenni dalla metodologia italiana della ricerca delle scienze sociali: la comparazione è un confronto di due (o più) stati distinti di uno (o più) oggetti su una stessa (o su più) proprietà. Non si comparano quindi degli oggetti (ad es. i giudizi attribuiti a un prodotto scientifico), ma degli stati (ad es. “eccellente” con “mediocre”) sulla proprietà “originalità” di quell’oggetto. Si ha quindi incomparabilità (un problema che impegna l’A. per molte pagine) semplicemente quando gli oggetti non condividono la medesima proprietà.

 

22Due parole ancora, prima di finire, sul linguaggio scientifico, una proprietà che l’Anvur (ma non Bonaccorsi) mi sembra sottovalutare nella valutazione della qualità della ricerca. La ricerca scientifica, nelle scienze “dure” e in quelle sociali, non è possibile se non esiste un accordo sul significato dei termini utilizzati. Questa esigenza è stata ampiamente trascurata dalla sociologia – italiana, ma non solo – negli ultimi decenni, anche se non mancano dizionari pubblicati in diverse lingue (ad es. quelli di Gallino (1978), Boudon e Bourricaud (1983), Borlandi et al. (2005), B. S. Turner (2006), Endruweit et al. (2014), Österdiekhoff (2001): un elenco soddisfacente sarebbe più lungo). Molti esempi di questa trascuratezza provengono dalla tradizione intellettuale postmoderna, ampiamente ricordata e commentata da Bonaccorsi.

23L’ampliamento arbitrario dell’estensione semantica di alcuni termini chiave, la rinuncia a distinzioni sottili tra fenomeni sociali diversi (potere non è dominio, né autorità, né influenza – si veda Gallino, 1978), l’uso di metafore ardite, l’indeterminatezza delle definizioni – anche di termini centrali nella sua argomentazione, come “dispositivo” (p. 46) – sono frequenti negli scritti di Foucault, ma anche di Bourdieu. Dedicare il primo capitolo a queste “critiche teoriche” della valutazione della ricerca (già, che cosa intende precisamente l’A. con il termine ‘teoria’?) significa scegliersi interlocutori facili da controbattere.

24Se non a quelle scuole intellettuali, ai contributi offerti dalle scienze sociali andrebbero richiesti l’uso di un linguaggio più ricco e articolato di quello del senso comune, capace quindi di cogliere differenze più accurate tra le proprietà dei referenti, l’uso di termini appropriati (eventualmente stipulati ex novo con chiarezza), riferimenti alla propria tradizione intellettuale, definizioni ferme e precise. Qui la valutazione (2) potrebbe svolgere un ruolo prezioso: stimolare un maggior accordo tra gli interessati sul significato dei termini rilevanti della loro disciplina. Ciò renderebbe possibile il controllo empirico degli asserti, un ingrediente decisivo di ogni disciplina scientifica. Anche quest’ultimo dovrebbe essere inserito tra le proprietà della qualità della ricerca scientifica, di quella “dura” e di quella sociale.

Torna su

Bibliografia

Baldissera A.(a cura di) (2003), Gli usi della comparazione, Milano, Franco Angeli.

Id. (a cura di) (2009), La valutazione della ricerca nelle scienze sociali, Acireale-Roma, Bonanno.

Bezzi C. (1996), Per il rigore terminologico nel linguaggio scientifico e professionale: un’intervista ad Alberto Marradi, «Rassegna italiana di valutazione», 2.

Borlandi M., Boudon R., Cherkaoui M. e Valade B. (a cura di) (2005), Dictionnaire de la pensée sociologique, Paris, Puf.

Boudon R. (2000), Il senso dei valori, Bologna, il Mulino (trad. it. di Les sens des valeurs, Paris, Puf, 1999).

Boudon R. e Bourricaud F. (1983), Dictionnaire critique de la sociologie, Puf, Paris (VII ed. 2011); trad. it., Dizionario critico della sociologia, Roma, Armando, 1991.

Id. (2002), Sociology that Really Matters, «European Sociological Review», 18, pp. 371-378.

Bourdieu P. (2001), Science de la science et réflexivité. Cours du Collège de France 2000-2001, Raisons d’agir, Paris; trad. it. Il mestiere dello scienziato. Corso al Collège de France 2000-2001, Milano, Feltrinelli, 2001.

Caracelli V. J. e Greene J.C. (a cura di), Advances in Mixed-Method Evaluation: The Challenges and Benefits of Integrating Diverse Paradigms, «New Directions for Evaluation», 74, pp. 1-94.

Chang R. (2002), Making Comparisons Count, New York & London, Routledge and Kegan Paul.

Di Franco G. (2017), Tecniche e modelli di analisi multivariata, Milano, Franco Angeli.

Endruweit G., Trommsdorff G. e Burzan N. (a cura di) (2014) Wörterbuch der Soziologie, Konstanz, Uvk, III ed.

Esser H. (1993), Soziologie: allgemeine Grundlagen, Frankfurt a. M., Campus.

Fideli R. (1998), La comparazione, Milano, Franco Angeli.

Gallino L. (1978), Dizionario di sociologia, Utet, Torino (ultima edizione 2014).

Goldthorpe J. (2015), Sociology as a Population Science, Cambridge, Cambridge University Press.

Hayek F.A. von (1952), The Counter-Revolution of Science: Studies on the Abuse of Reason, https://www.archive.org/stream/counterrevolutio030197mbp/counterrevolutio030197mbp_djvu.txt.

Lamont M. (2009), How Professors Think: Inside the Curious World of Academic Judgment, Cambridge, Harvard University Press.

Kuhn T.S. (2009), La struttura delle rivoluzioni scientifiche, Torino, Einaudi (ed. or. 1962).

Mark M.M. e Shotland R.L. (a cura di) (1987), Multiple Methods in Program Evaluation, San Francisco, Jossey-Bass (ora Wiley).

Marradi A. (1981), Misurazione e scale: qualche riflessione e una proposta, «Quaderni di sociologia», XXIX, 12, pp. 595-639.

Id. (1985), Natura, forme e scopi della comparazione: un bilancio, in D. Fisichella (a cura di), Metodo scientifico e ricerca politica, Roma, La Nuova Italia Scientifica. 

Id. (1994), Referenti, pensiero e linguaggio: una questione rilevante per gli indicatori, «Sociologia e Ricerca Sociale», 43, pp. 137-207.

Id. (2007), Metodologia delle scienze sociali, a cura di Pavsic R. e Pitrone M.C., il Mulino, Bologna.

Id. (2010), Misurazione, esperimenti, leggi: il sillogismo scientista, «Quaderni di sociologia», 54, pp. 101-139, http://qds.revues.org/683; DOI : 10.4000/qds.683.

Merton R.K. (1981), La sociologia della scienza. Indagini teoriche ed empiriche, Milano, Franco Angeli.

Österdiekhoff G.W. (a cura di) (2001), Lexikon der soziologischen Werke, Wiesbaden, Westdeutscher Verlag GmbH (ora Heidelberg, Springer).

Parra Saiani P. (2009) Gli indicatori sociali, Milano, Franco Angeli.

Peirce C.S. (1877), The fixation of belief, http://www.bocc.ubi.pt/pag/peirce-charles-fixation-belief.pdf.

Id. (1878), How to make our ideas clear, URL: http://courses.media.mit.edu/ 2004spring/ mas966/Peirce%201878%20Make%20Ideas%20Clear.pdf.

Pizzorno A. (2007), Il velo della diversità. Studi su razionalità e riconoscimento, Milano, Feltrinelli.

Polanyi M. (1962), Personal Knowledge. Towards a Post-critical Knowledge (prima edizione 1958, edizione corretta 1962), London, Routledge & Kegan Paul, trad. it. La conoscenza personale. Verso una filosofia post-critica, Milano, Rusconi, 1990.

Schluchter W. (1987), Weber’s Sociology of Rationalism and Typology of Religious Rejections of the World, in Lash S. e Whimster S. (a cura di), Max Weber, Rationality and Modernity, London, Allen & Unwin, pp. 92-115.

Id. (2015), Grundlegungen der Soziologie. Eine Theoriegeschichte in systematischer Absicht, 2. ed., Tübingen, Mohr Siebeck.

Turner B.S. (a cura di) (2006), The Cambridge Dictionary of Sociology, Cambridge, Cambridge University Press.

Weber M. (2002), Sociologia della religione, vol. II, L’etica economica delle religioni universali. Confucianesimo e Taoismo, Milano, Comunità (il testo è compreso nella Zwischenbetrachtung: Theorie der Stufen und Richtungen religiöser Weltablehnung, pubblicato nel 1916 nell’«Archiv für Sozialwissenschaft und Sozialpolitik», poi ripubblicato con alcune modifiche nel primo volume dei Gesammelte Aufsätze zur Religionssoziologie, Tübingen, Mohr-Siebeck, 1920).

Torna su

Note

1 A. Bonaccorsi, La valutazione possibile. Teoria e pratica nel mondo della ricerca, Bologna, il Mulino, 2015. Ringrazio Claudio Bezzi per i commenti a una prima versione di questa nota.

2 Mi riferisco qui ai lavori di Marradi, Bezzi, Di Franco, Fideli, Parra Saiani e di chi scrive, citati in bibliografia. Sulla valutazione, il suo metodo e le sue tecniche esistono ormai numerosi lavori a partire da quelli di Mark e Shotland (1987) e di Caracelli e Greene (1997).

3 L’A. è stato probabilmente fuorviato dagli autori che giustamente critica. Si vedano ad esempio le espressioni “misurazione classificatoria” (La Rocca: una contraddizione in termini), “algebra della enumerazione” (Foucault: intende conteggio), “tassonomie” (Desrosières, usato impropriamente al posto delle più modeste classificazioni).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Alberto Baldissera, « Valutare la ricerca sociale: problemi e definizioni », Quaderni di Sociologia, 74 | 2017, 153-160.

Notizia bibliografica digitale

Alberto Baldissera, « Valutare la ricerca sociale: problemi e definizioni », Quaderni di Sociologia [Online], 74 | 2017, online dal 01 mars 2018, consultato il 20 août 2018. URL : http://journals.openedition.org/qds/1716 ; DOI : 10.4000/qds.1716

Torna su

Autore

Alberto Baldissera

Dipartimento di Culture, Politica e Società - Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals