Navigazione – Mappa del sito
teoria e ricerca

Spazio e spazialità nell’opera di Simmel e Durkheim

Space and spatiality in Simmel and Durkheim’s work
Marco Serino
p. 37-54

Abstract

Contemporary social theorists argued that classical sociology has often eluded the importance of space and spatiality in social life. In recent decades, a “spatial turn” arisen in the social sciences and humanities witnessed the reintroduction of space in social theory, as sociology itself did by rediscovering space as a key feature of theoretical models. However, despite the claimed absence of space in the sociological tradition, not all classical sociologists have ignored space in their work. Two important exceptions are Georg Simmel and Émile Durkheim. This essay thus reconsiders the way these authors have dealt with space and spatiality and how their works on the matter may represent key antecedents of more recent research lines. In the light of a modern “spatial perspective” as well as of the “new sociology of space” practised by some contemporary sociologists, Simmel and Durkheim’s approach to space is carefully examined to integrate the relevant debate, focusing on several theoretical and methodological issues.

Torna su

Testo integrale

1. Introduzione

1Negli ultimi decenni il dibattito sullo spazio nelle scienze sociali ha assunto un’inedita rilevanza, testimoniata da una diffusa “svolta spazialista” (spatial turn) ravvisata in ambito internazionale in diversi campi disciplinari, così come dall’attenzione verso una sociologia spaziale sempre più relazionale (Soja, 1989; Warf e Arias, 2009; Jessop et al., 2008; Löw, 2016; Fuller e Löw, 2017). Proprio la sociologia, del resto, ha “riscoperto” la dimensione spaziale e la sua importanza nella costruzione della teoria sociale (Bagnasco, 1992), almeno a partire da Giddens (1984; 1990) e Harvey (1990). Tale riscoperta parte innanzitutto dal riconoscimento della scarsa sensibilità nei confronti di tale dimensione riscontrabile in gran parte della tradizione della disciplina. È stata anzi notata una eccezionale assenza dello spazio nella storia della teoria sociale e della stessa sociologia nel ventesimo secolo; in tal senso, quindi, si è parlato di una sociologia a-spaziale (Urry, 1995; Strassoldo, 1983b; Mela, 2006).

2Nondimeno, il dibattito in questione non è certo privo di ambiguità. Saunders (1986, 169), ad esempio, sottolinea che le analisi dei classici, e in particolare di Durkheim, Weber, Marx ed Engels, devono ritenersi non-spaziali – piuttosto che a-spaziali – poiché lo spazio è presente nell’analisi delle trasformazioni sociali da loro esaminate, ma la spiegazione per tali fenomeni viene ricondotta ai cambiamenti relativi alla società in generale, non specifici delle entità socio-spaziali considerate (cfr. Mandich, 1996, 20). Eppure il tema dell’irrilevanza della dimensione spaziale nella tradizione sociologica non trova pieno riscontro nella letteratura. La sociologia classica è stata infatti caratterizzata da una serie di «importanti eccezioni» in questo senso (Chiesi, 2010, 5-6). L’eccezione più nota e maggiormente significativa è l’opera di Georg Simmel; questi ha infatti «inserito il problema dello spazio nel suo sistema di categorie sociologiche generali» (Bagnasco, 1992, 36). Tuttavia una attenzione allo spazio e alla spazialità è presente anche in Durkheim. Il proposito del presente saggio è pertanto riesaminare l’opera di questi due autori alla luce delle critiche mosse nei riguardi della tradizione della disciplina rispetto alla considerazione della dimensione spaziale. Infatti, se è corretto parlare di riscoperta o comunque di riaffermazione delle tematiche spaziali nella teoria sociale (Soja, 1989), ciò vuol dire che una origine e una linea di sviluppo per tali prospettive, seppure discontinua, è da ricercare a partire dai classici.

3Benché in letteratura siano già presenti contributi che affrontano tali questioni (tra cui Martinelli, 1976; Mandich, 1996; Crang e Thrift, 2000), in questo lavoro ci si propone di integrare il dibattito su tali temi, evidenziando alcuni aspetti in parte segnalati da vari autori: 1) il rapporto causale o di co-determinazione tra fattori spaziali e fenomeni sociali; 2) il rapporto con le altre discipline socio-spaziali; 3) la dimensione relazionale dello spazio e il suo impatto sulle interazioni sociali. Nel seguito, dunque, si cercherà di stabilire connessioni tra vari approcci ai fenomeni socio-spaziali, individuando specifiche linee di indagine contemporanee, a partire dai contributi di Simmel e Durkheim (§§ 3 e 4), adottando quale chiave di lettura la moderna prospettiva spazialista (Mela, 2006), oggetto del seguente paragrafo.

2. La prospettiva spazialista e la critica all’approccio “classico”

  • 1 Un ripensamento della stessa sociologia urbana, come sottolinea Nuvolati (2011, 15), può avvenire p (...)

4Alfredo Mela (2006) ha proposto di considerare, sulla scia anti-riduzionista di Raymond Ledrut (1987), una serie di studi e ricerche che indagano i fenomeni sociali attraverso una «ottica spazialista», nonché temporalista, cioè ponendo le condizioni spazio-temporali della vita sociale al centro dei modelli teorici, anziché limitarsi ad utilizzarle nella ricerca empirica come variabili di interesse per spiegare un dato fenomeno sotto osservazione. La «strategia teorica spazialista» (Mela, 2006, 251) non riguarda solo discipline specialistiche quali la sociologia urbana o del territorio ma la sociologia nella sua interezza. In questo quadro confluisce un variegato insieme di contributi che «affrontano di petto un nodo teorico che, nella storia della sociologia urbana, è stato spesso lasciato sullo sfondo o, comunque, non risolto: quello del rapporto tra l’azione e i sistemi sociali, da un lato, e lo spazio (o, meglio ancora, la dimensione spazio-temporale), dall’altro lato» (ibidem)1.

  • 2 Occorre precisare che le espressioni sociologia spazialista e sociologia dello spazio – o anche soc (...)

5Giuliana Mandich (1996) esamina in dettaglio gli elementi caratterizzanti una «nuova sociologia dello spazio», che comprende gran parte delle proposte che Mela (2006) fa rientrare nell’ambito dell’approccio spazialista2. Vale la pena segnalarne almeno due aspetti: anzitutto, essa denota una maggiore attenzione per i processi e le forme spaziali piuttosto che per gli “oggetti” spaziali, come la città. In secondo luogo – e questo è forse l’aspetto più importante – la dimensione spaziale è ritenuta in grado «di generare degli effetti, non per qualche sua caratteristica propria, ma per la natura degli oggetti che vi sono collocati. In questo modo si supera qualsiasi forma di determinismo spaziale. […] Così lo spazio produce delle differenze ma soltanto nei termini dei particolari poteri causali che mette in relazione». Lo spazio viene in tal modo considerato, alla stregua di Leibniz, in senso relazionale e relativo (Mandich, 1996, 22-23; cfr. Harvey, 1973; Löw, 2016).

6La strategia teorica spazialista va dunque confrontata con quella che Mela indica, per comodità espositiva, come strategia “classica” (Mela, 2006, 251), caratterizzata da «una tendenziale indifferenza agli spazi e ai tempi concreti, in cui si manifestano i fenomeni sociali», come se avessero luogo «al di fuori di specifici contesti spaziali e temporali» (ivi, 34). Analogamente, Giddens (1984, 108) ha sottolineato che, al contrario dei geografi, «la maggioranza degli analisti sociali vede il tempo e lo spazio come un puro e semplice ambiente dell’azione» (cfr. Gieryn, 2000). Non una categoria sociologica, dunque, ma un «elemento esterno», con un ruolo «limitato e marginale», in base al quale definire temi e ambiti di indagine (Mandich, 1996, 11-12).

7In effetti la controversia circa la scarsa sensibilità per lo spazio nella sociologia classica, e in generale nella sociologia del Novecento, evidenzia da un lato un problema di ordine metodologico e dall’altro una questione più squisitamente legata ai confini disciplinari delle materie interessate al tema. Più specificamente, la sociologia, secondo Urry (1995, 64), ha avuto la tendenza a non attribuire adeguato rilievo al fatto che le pratiche sociali sono modellate spazialmente, con l’intento – in alcuni casi esplicito – di salvaguardare l’autonomia causale dei fenomeni sociali. Pare infatti che i sociologi abbiano perlopiù rinunciato a interessarsi allo spazio, e al luogo, preferendo che se ne occupassero i geografi, temendo di incorrere in una qualche forma di determinismo spaziale o ambientale che li privasse di variabili esplicative tipicamente sociali o culturali o, ancora, perché preoccupati di compromettere i tentativi di astrazione e generalizzazione propri del loro ambito disciplinare (Gieryn, 2000, 464; cfr. Chiesi, 2010, 5). L’esigenza di distanziamento dalla geografia avrebbe quindi indotto i sociologi classici a relegare i fattori spaziali tra le «condizioni esterne, rilevanti ma non costitutive del mondo sociale» (Strassoldo, 1983a, 162). In realtà, alcuni “padri fondatori” – e Simmel in modo particolare – hanno tutt’altro che eluso la questione dello spazio nella teoria sociologica e, difatti, tale «aspetto contingente può essere superato recuperando, nel loro stesso pensiero, ampie argomentazioni sull’importanza di tali fattori» (ibidem) – cosa che il presente lavoro intende appunto fare, almeno in parte.

8La questione relativa ai confini disciplinari ricorre dunque nell’esame del pensiero sociologico classico in quanto la negligenza nei confronti dello spazio trae origine in parte dalla contrapposizione e dalla concorrenza tra la sociologia e le altre discipline socio-spaziali (Strassoldo, 1983a; 1983b). La geografia, ad esempio, ha dominato il campo degli studi sul rapporto tra spazio e trasformazioni sociali, con un’impronta spesso positivista, almeno fino agli anni settanta e ottanta (cfr. Soja, 1989; Urry, 1995) e ciò anche grazie alla sua impostazione “scientifica” e attenta alla physis della società (Strassoldo, 1983b, 42), ovvero al sostrato materiale della vita sociale (ambiente, territorio, città). Tuttavia conviene ricordare subito che quest’ultimo è notoriamente oggetto della morfologia sociale durkheimiana (Durkheim, 1899) e proprio Durkheim, del resto, dovette «difendere la sociologia dall’invasione dei geografi» (Strassoldo, 1983b, 43).

3. Georg Simmel: un precursore della sociologia spazialista

9Simmel è senza dubbio uno dei principali teorici classici della sociologia ad essersi occupato dello spazio in modo puntuale e diffuso. Il suo contributo in questo campo potrebbe dirsi seminale – nonostante sia stato largamente ignorato (Mandich, 1996) – e si riscontra infatti in una molteplicità di lavori: «la dimensione spaziale è presente, in modo più o meno esplicito, in quasi tutte le sue analisi» (Strassoldo, 1992, 319), che risultano piene di «metafore topologiche» (Dal Lago, 1994, 201). Inoltre, come scrive Allen (2000, 54), «the spatial preconditions of sociation, as well as the use to which space was put, represented an integral part of his study of social forms» (cfr. Frisby, 2002, 113).

10Tra le sue opere, i due principali contributi spazialisti sono il ben noto capitolo nono di Sociologia (Simmel, 1908), intitolato Lo spazio e gli ordinamenti spaziali della società (originariamente pubblicato nel 1903) e Le metropoli e la vita dello spirito (Simmel, 1903). Quest’ultima è poi intimamente legata alla Filosofia del denaro (Simmel, 1900), in cui il tema dello spazio compare in particolare nella Parte sintetica. Nelle sezioni del presente paragrafo si discuterà solo di queste tre opere e, soprattutto, del predetto capitolo di Sociologia, con riferimento ai tratti principali della moderna sociologia spazialista.

3.1. La reciprocità tra forme sociali e forme spaziali

11Nel capitolo di Sociologia dedicato allo spazio, Simmel parte da una considerazione fondamentale che in qualche modo attiene ai rapporti causali tra le forme spaziali e il comportamento sociale: «il nostro interesse è rivolto soltanto alle particolari configurazioni delle cose, non allo spazio in generale o alla spazialità, che costituisce soltanto la conditio sine qua non di quelle configurazioni, ma non la loro essenza specifica né il loro fattore produttivo» (Simmel, 1908, 523). Simmel vede lo spazio come una «forma in sé priva di efficacia», ma riconosce anche che non si può eludere la «condizione formale, positiva o negativa» della spazialità e dei «significati spaziali delle cose e dei processi», una spazialità in cui possediamo «la documentazione più chiara delle forze reali» (ibidem).

  • 3 In proposito conviene richiamare l’impostazione logico-filosofica di Simmel derivante, ad un tempo, (...)

12Tali affermazioni pongono in risalto la complessa trama di interrelazioni tra la forma spaziale e la forma sociale. La prima è assoluta, in quanto “contiene” uomini, cose ed eventi, ma senza di essi non avrebbe senso né struttura alcuna; essa è dunque, al tempo stesso, anche relativa e dipendente dalla forma sociale. Quest’ultima, poi, non può prescindere da una configurazione sensibile, materiale, situata in spazi e tempi definiti che contribuiscono a rafforzare e cristallizzare i processi sociali. Tale dualità evidenzia da un lato il proposito di Simmel di evitare accuratamente un qualche tipo di determinismo spaziale (Mandich, 1996, 40) e, dall’altro, la sua concezione ambivalente dello spazio in quanto «condizione e simbolo dei rapporti tra gli uomini» (ivi, 38)3.

13Su questa base, Simmel espone ampiamente una serie di proprietà socio-spaziali divise in due gruppi. Il primo gruppo considera le «qualità fondamentali della forma spaziale» (Simmel, 1908, 525 ss.): A) l’esclusività dello spazio; B) i suoi confini, o limiti; C) la fissazione delle configurazioni sociali nello spazio; D) i rapporti di vicinanza/distanza tra i soggetti; E) le forme della mobilità. Nella parte finale del capitolo compare poi un secondo gruppo di categorie. Mentre nel primo gruppo la discussione concerneva «il punto in cui interveniva l’efficacia di una particolare configurazione spaziale», qui Simmel si concentra sui fenomeni in cui «l’elemento sociologicamente importante consiste nel processo precedente, nell’influenza che le determinatezze spaziali di un gruppo subiscono da parte delle loro configurazioni ed energie propriamente sociologiche» (ivi, 584 ss.): A) la suddivisione del gruppo secondo principi spaziali; B) l’esercizio del potere su uno spazio delimitato territorialmente; C) la differenza tra formazioni sociali fissate nello spazio – come espressione tangibile dell’unificazione del gruppo sociale – e quelle relativamente libere da tale localizzazione; D) lo spazio vuoto e la sua apertura alla definizione di rapporti sociali.

14I due gruppi di considerazioni, a prima vista, potrebbero essere ritenuti espressione dello spazio in quanto variabile indipendente (nel primo gruppo), che influenza il comportamento sociale, o come variabile dipendente (nel secondo gruppo) che è conseguenza di fattori sociali. Se ciò, da un lato, può apparire semplicistico, o addirittura fuorviante (cfr. Strassoldo, 1992, 325), dall’altro è ancora una volta da leggere nei termini dell’ambivalenza del rapporto tra forma sociale e forma spaziale. È lo stesso Simmel a precisare che, in entrambi i casi, la «direzione della connessione» in un senso non può essere scissa nettamente da quella definita nel senso opposto (Simmel, 1908, 584). Ciò è in linea con una caratteristica chiave del pensiero di Simmel, che come è noto ruota attorno al concetto di Wechselwirkung, o “effetto di reciprocità”, nel quale si esprime l’intuizione fondamentale della «universale interazione e compenetrazione di tutti i fenomeni» (Jedlowski, 1995, 12; cfr. Frisby e Featherstone, 1997, 2; Mele, 2011, 85-86).

3.2. Sociologia dei sensi come sociologia dello spazio

15Tra le qualità dello spazio discusse da Simmel nel capitolo nono di Sociologia, vale la pena soffermarsi sulla sezione concernente la «vicinanza o distanza sensibile tra le persone che stanno tra loro in una qualsiasi relazione» (Simmel, 1908, 545 ss.), unitamente all’Excursus sulla sociologia dei sensi (ivi, 550-562; originariamente pubblicato nel 1907). Su quest’ultimo si potrebbe basare un intero filone della sociologia spazialista e, in effetti, esso costituisce senza dubbio una anticipazione di linee di ricerca proprie di tale prospettiva. Del resto, come scrive Dal Lago (1994, 204), la sociologia dei sensi di Simmel «trova naturalmente posto nella discussione delle relazioni spaziali» ed egli è stato il primo ad occuparsi di questa importante dimensione dell’interazione sociale (Frisby, 2002, 116).

16I sensi sono i canali attraverso cui l’interazione sociale assume certe forme in relazione allo spazio fisico, in virtù della «vicinanza corporea» e della molteplicità di informazioni e impressioni che ne derivano. La distanza fisica tra gli individui non agisce dunque sul loro comportamento influenzandolo direttamente, ma rende possibile l’interazione sociale sulla base dei sensi che riesce ad attivare. Dall’azione dei sensi nel rapporto di vicinanza spaziale, o dalla «semplice presenza sensibile nel medesimo spazio», gli individui ricavano stimoli che orientano l’azione reciproca (Simmel, 1908, 550). L’insieme di concetti e considerazioni che discendono da tale premessa sono di importanza capitale per comprendere la spazialità della vita sociale.

17I temi affrontati nell’Excursus, vera e propria sociologia della compresenza, sono infatti tra quelli portanti della sociologia spazialista (Mela, 2006, 254 ss.): essi riguardano l’azione situata, il rapporto tra corpo e spazio, il comportamento in pubblico, questioni magistralmente trattate in seguito da Erving Goffman (1961; 1963). Proprio nel saggio intitolato Il comportamento in pubblico, Goffman (1963) riconosce esplicitamente il suo debito verso Simmel, in particolare nel paragrafo La disattenzione civile (ivi, 94-95), sottolineando il fatto che l’occhio sia l’organo di senso che più di altri offre «una prestazione sociologica assolutamente unica: la connessione e l’azione reciproca tra individui, che consiste nel guardarsi l’un l’altro» (Simmel, 1908, 550). Del resto, la disattenzione civile – intimamente connessa alla spazialità – è ravvisata da Simmel nel suo Excursus (ivi, 551), anticipando in un certo senso le considerazioni di Goffman. Il motivo del distogliere lo sguardo, dice Simmel, non è solo l’imbarazzo, ma, in un senso più profondo, il fatto che «l’abbassarsi del mio sguardo toglie all’altro qualcosa della possibilità di osservarmi» (ibidem).

18Ma è senz’altro nell’ambito della prossemica – proposta teorica contemplata nella sociologia spazialista (Mela, 2006, 257-258) – che è possibile riconoscere altri importanti collegamenti con i temi dell’Excursus sui sensi. Come è noto, il fautore di questa linea di ricerca, l’antropologo statunitense Edward T. Hall (1959; 1966), ha infatti proposto una scala di distanze fisiche in base alle quali è possibile classificare il modo in cui la percezione sensibile dell’altro è legata alla comunicazione e all’interazione sociale, evidenziando altresì che l’uso dello spazio assume significati affatto diversi in differenti culture. In entrambi i casi, oltre alla vista e all’udito, entra in gioco anche il senso dell’olfatto, la cui funzione è intimamente connessa alla possibilità del contatto personale e, dunque, alla distanza fisica. Questo organo di senso è legato alla questione della corporeità; esso «non forma di per sé un oggetto, come fanno la vista e l’udito, ma rimane per così dire rinchiuso nel soggetto» (Simmel, 1908, 556-557). La percezione attivata dall’olfatto è di natura soggettiva e non oggettiva, riguarda la persona e la sua “atmosfera”, generando sensazioni piacevoli e spiacevoli che variano da cultura a cultura insieme alle distanze fisiche tollerabili a seconda del significato attribuito a diversi tipi di incontro – una relazione amorosa, una conversazione di lavoro, l’occupare un posto in un autobus affollato, e così via.

19L’uso dei sensi, la distanza e la vicinanza, così come la loro importanza per l’interazione sociale in compresenza, sono altresì evidenti nel saggio Le metropoli e la vita dello spirito (Simmel, 1903). In particolare, come scrive Frisby (2002, 118), questo lavoro rientra nell’area tematica del capitolo sugli ordinamenti spaziali, ma rappresenta anche una sorta di sintesi dei temi contenuti nella Filosofia del denaro (cfr. Mele, 2011), fornendo quasi una conclusione agli argomenti centrali ivi espressi. È fin troppo noto quanto Simmel abbia insistito sulla «intensificazione della vita nervosa» nella grande città, «prodotta dal rapido e ininterrotto avvicendarsi di impressioni esteriori e interiori» (Simmel, 1903, 36). La vicinanza spaziale può costringere il soggetto a inibire la propria partecipazione emotiva a quanto gli accade intorno, una difesa dal “sovraccarico di stimoli” caratteristico della metropoli, che si traduce nella «incapacità di reagire a nuovi stimoli», tratto essenziale dell’atteggiamento blasé dell’individuo che la abita (ivi, 42). Si tratta in effetti della «riservatezza o riserbo» necessari all’individuo per «fissare il limite con cui il soggetto si dà nell’incontro» e «proteggere da possibili violazioni la sfera della propria intimità» (Pacelli, 2010, 182).

20Questo carattere della vita metropolitana ha dunque a che fare, da un lato, con proprietà socio-spaziali proprie della grande città e, dall’altro, con il modo in cui gli individui reagiscono alle condizioni prodotte da tali proprietà. Ciò è evidenziato già nel capitolo sullo spazio contenuto in Sociologia. Nella grande città, «i contatti incessanti con innumerevoli persone» causano l’ottundimento dei sensi, di modo che «l’indifferenza verso chi è spazialmente vicino costituisce semplicemente un dispositivo di protezione» (Simmel, 1908, 549). L’idea di privacy personale e dello sforzo di mantenere una distanza sociale in situazione di vicinanza fisica è quindi chiaramente sottolineata e ad essa risultano correlati una serie di concetti spazialisti moderni, quali spazio personale, territorio, Umwelt (Sommer, 1969; Hall, 1959; Altman, 1975; Goffman, 1971; cfr. Dal Lago, 1994, 204; Mela, 2006, 258-260).

3.3. Spazialità, intellettualità ed economia monetaria

  • 4 Tale emancipazione non sarebbe tuttavia possibile se alla base dell’organizzazione della vita socia (...)

21Una delle premesse al saggio sulle metropoli è «la resistenza del soggetto a venir livellato e dissolto all’interno di un meccanismo tecnico-sociale» (Simmel, 1903, 35). Quest’ultimo si esprime nella complessità della grande città e comprende tutti i mezzi per regolare la vita sociale, in una condizione di concentrazione di una massa di persone sconosciute le une alle altre. Uno di questi mezzi è il denaro. In questo caso il carattere della vita metropolitana non discende direttamente dai processi spaziali, ma concerne gli effetti più generali dei processi di razionalizzazione della modernità. In proposito, Simmel sottolinea che se la stimolazione nervosa è la «fonte fisiologica del carattere blasé che contraddistingue la metropoli», l’economia monetaria ne è l’altra fonte: «L’essenza dell’essere blasé consiste nell’attutimento della sensibilità rispetto alla differenza fra le cose» (Simmel, 1903, 43). Il denaro, mezzo di scambio impersonale per eccellenza – ovvero un «equivalente universale» (ibidem) – rende possibili le relazioni economiche e i più ampi processi organizzativi che in tal modo si emancipano dal contesto spaziale4.

  • 5 Come è noto, le similitudini tra questa opera e il pensiero di Marx sono molte. Jedlowski (1995, 31 (...)

22Come Simmel enuncia nella Filosofia del denaro, alle distanze spaziali si aggiungono tutte quelle distanze che i processi di astrazione in atto nella modernità pongono tra gli individui. Si tratta di un elemento già sottolineato nel capitolo nono di Sociologia dedicato alla vicinanza e alla lontananza, nel quale Simmel puntualizza quanto le relazioni sociali siano dipendenti dalla capacità di astrazione dei soggetti rispetto ai contenuti sensibili e immediati della relazione. È possibile, per la coscienza più sviluppata, concepire «la comune appartenenza di ciò che è spazialmente separato o l’assenza di comune appartenenza di ciò che è spazialmente vicino» (Simmel, 1908, 546). In tal senso, i processi di astrazione sono legati allo sviluppo dell’intellettualità che rende possibile «un avvicinamento e una concordanza tra i soggetti più distanti», ma al tempo stesso «dà luogo a un’oggettività fredda, e spesso estraniante, tra le persone più vicine» (ivi, 548). Questa oggettività è massimamente espressa dalla circolazione del denaro, che permette di superare le barriere spaziali, così come quelle sociali, e sostiene l’indipendenza dal possesso, ovvero dall’identificazione hic et nunc tra un oggetto e il suo possessore5.

23Nel pensiero sociologico contemporaneo tali argomentazioni riemergono con forza. In particolare, i processi di disembedding e di separazione dello spazio dal luogo teorizzati da Giddens (1990; cfr. Mandich, 1996, 37) sono anticipati da Simmel, come si è visto, in vari punti delle opere qui considerate. Ad esempio, la preponderanza dello spirito oggettivo su quello soggettivo, per mezzo dello sviluppo della tecnica che incorpora e oggettiva la cultura (Simmel, 1903, 53), «distacca gli individui dalla necessità della presenza» (Mandich, 1996, 96).

4. Émile Durkheim: spazio come sostrato materiale e riflesso della società

24Il concetto di spazio è ampiamente presente nell’opera di Durkheim, ma sotto forme diverse e con riferimento a una differente accezione del rapporto società-spazio a seconda delle formulazioni considerate. Due sono gli approcci sviluppati in tal senso da Durkheim (Mandich, 1996, 24). Si può distinguere infatti una prima formulazione in cui la dimensione spaziale è tra gli elementi che influiscono sui processi sociali. Essa compare nella veste di elemento morfologico della realtà sociale, ovvero il sostrato visibile, materiale della società, concernente l’ambiente naturale e artificiale e le forme di insediamento umano. Durkheim, come ha notato Halbwachs (1938), mostrava dunque un’attenzione particolare alla materialità, alla fisicità dell’organizzazione sociale e a ciò che la rappresenta ed è misurabile: densità, movimento, estensione, ecc. Una seconda formulazione teorica del rapporto tra società e spazio concerne invece il modo in cui lo spazio è espressione dei fatti sociali, ovvero una teoria sociale dello spazio (Urry, 1995, 8). Queste due linee di indagine saranno discusse nei due paragrafi successivi.

4.1. L’approccio morfologico

25Cronologicamente, le prime elaborazioni relative alla morfologia sociale sono presenti in La divisione del lavoro sociale (1893). È in questo lavoro, infatti, come ricorda Martinelli (1976), che si può rintracciare una prima apparizione dell’elemento morfologico della società. L’intento manifestato da Durkheim è di ricercare le funzioni e le cause della divisione del lavoro. Quest’ultima si sviluppa «quanto più numerosi sono gli individui sufficientemente a contatto da potere agire e reagire gli uni sugli altri», ovvero quanto più aumenta la «densità dinamica o morale della società». Tuttavia «l’avvicinamento morale può produrre il suo effetto soltanto se anche la distanza reale tra gli individui è essa stessa in qualche modo diminuita. La densità morale non può quindi aumentare senza che la densità materiale aumenti contemporaneamente – e questa può servire per misurare quella» (Durkheim, 1893, 258, corsivo aggiunto).

26Queste affermazioni sono molto importanti per la sociologia spazialista, poiché mettono in relazione la frequenza dell’interazione sociale, ossia la densità dinamica o morale (cfr. Urry, 1995, 7), con l’elemento spaziale costituito dalla densità materiale. Sul piano logico, Durkheim cerca di evidenziare una sorta di nesso di “causazione reciproca” tra densità morale e materiale e di «respingere», o meglio «rimandare ogni sospetto di determinismo» (Martinelli, 1976, 33). Egli infatti aggiunge: «È d’altronde inutile ricercare quale delle due abbia determinato l’altra; basta constatare che sono inseparabili» (Durkheim, 1893, 258). Del resto la modificazione materiale della società è, al tempo stesso, spaziale e demografica e i cambiamenti che intercorrono sul piano dell’interazione sociale non possono che rafforzare il processo di trasformazione in senso morfologico. In ciò, dunque, si ritrova la ragione del legame tra le due forme di densità.

27Gli aspetti caratterizzanti l’elemento morfologico della società vengono comunque riconsiderati da Durkheim di volta in volta, nelle varie accezioni proposte per darne una definizione. Trattandosi di una questione metodologica di portata generale, il rapporto tra fenomeni di tipo morfologico e processi sociali è infatti presente anche nell’opera successiva, Le regole del metodo sociologico (1895). Qui Durkheim individua nei fatti sociali i fatti di ordine fisiologico, dominio della sociologia, accanto ai quali vi sono «modi di essere collettivi», definiti anche come «fatti sociali di ordine anatomico e morfologico» (ivi, 31). I fatti morfologici vengono definiti come «[i]l numero e la natura delle parti elementari di cui è composta la società, la maniera in cui esse sono disposte, il grado di connessione al quale sono giunte, la distribuzione della popolazione sulla superficie del territorio, il numero e la natura delle vie di comunicazione, la forma delle abitazioni e così via» (ivi, 31-32).

28Tuttavia, in quanto fatti sociali – al pari di quelli fisiologici – i fatti morfologici non sono solo “esteriori”, ma anche costrittivi nei confronti dell’individuo. Si tratta della «costrittività del dato demografico e geografico, esso stesso socialmente determinato, sulle strutture sociali» (Gallino, 2006, 437). Per Durkheim, dunque, la morfologia sociale concerne anche «il condizionamento che l’ambiente materiale, prodotto dall’interazione società-natura, esercita sull’individuo, sulle sue azioni e sui suoi movimenti» (ibidem).

29Nell’«Année sociologique» si ritrova poi una ulteriore specificazione del concetto e delle articolazioni teoriche della morfologia sociale, presentata in una breve nota dal titolo omonimo (Durkheim, 1899). In merito, è opportuno esaminare anche il rapporto tra questa disciplina e le altre scienze socio-spaziali, in modo particolare la geografia. Durkheim intendeva infatti riunire in un’unica scienza, e cioè la morfologia sociale, le diverse discipline che si interessano del sostrato materiale della società e, quindi, del territorio (geografia, storia e demografia). Al riguardo occorre rilevare due aspetti connessi. In primo luogo, la morfologia sociale dovrebbe occuparsi di oggetti che per loro natura, secondo Durkheim, non sono geografici; non lo sono ad esempio la forma delle abitazioni né il numero o le forme di aggregazione spaziale degli individui, né tantomeno le frontiere o le vie di comunicazione. Questi elementi, invece, sono ancora il sostrato materiale della società, dunque un oggetto di studio sociologico. In secondo luogo, la relazione causale non procede più dai fenomeni spaziali e ambientali a quelli sociali, ma in senso inverso: la morfologia sociale, in quanto scienza esplicativa, deve «ricercare in funzione di quali condizioni variano l’area politica dei popoli, la natura e l’aspetto delle loro frontiere, la densità ineguale della popolazione; deve domandarsi come sono nati i raggruppamenti urbani, quali sono le leggi della loro evoluzione, come si strutturano, qual è il loro ruolo, ecc.» (ivi, 36).

30Ciononostante, le affinità tra la morfologia sociale e le altre scienze socio-spaziali sono più che evidenti e i confini tra queste discipline «appaiono ancora oggi piuttosto labili» (Gallino, 2006, 438). Anche nei lavori dei due principali continuatori dell’opera di Durkheim nell’ambito della morfologia sociale, Marcel Mauss e Maurice Halbwachs, la labilità dei confini tra le discipline in questione riemerge con forza. La nota ricerca di Mauss sulle variazioni stagionali delle società eschimesi (Mauss e Beuchat, 1904-1905), ad esempio, ha quale oggetto di studio il sostrato materiale di queste società e, dunque, la distribuzione della popolazione sul territorio nonché la forma dei relativi insediamenti. Inoltre, in un saggio successivo, Mauss (1927) osserva che lo studio della struttura fisica della società include discipline quali la demografia e l’antropogeografia o geografia umana, che riteneva in tutto o in parte di competenza della sociologia.

31Un ulteriore tentativo di sconfinamento in altri campi disciplinari si ha con Halbwachs nell’opera Morphologie sociale (Halbwachs, 1938), che presenta in forma programmatica le articolazioni della disciplina: la morfologia religiosa, quella economica e quella politica. Conviene segnalare la distinzione operata in questo studio tra una morfologia sociale au sens large, riguardante le forme materiali, e una morfologia sociale stricto sensu identificata con «i fatti di popolazione» e cioè con la demografia, avanzando con ciò un’idea di riduzione o semplificazione dell’oggetto della morfologia sociale. Nondimeno, Halbwachs (1950) ha anche sottolineato l’importanza del luogo in relazione alla memoria, in quanto investito di significato e in quanto simbolo che incorpora tali significati in una forma stabile, durevole. In proposito il richiamo è a Simmel e alla proprietà di fissazione dello spazio da egli discussa (Simmel, 1908, 540-541), e soprattutto alla sociologia dei luoghi (cfr. Agustoni, 2000, 20 ss.), parte integrante della prospettiva spazialista.

4.2. L’approccio della produzione sociale dello spazio

32Durkheim ha sviluppato una teoria sociale dello spazio ne Le forme elementari della vita religiosa (Durkheim, 1912), in cui espone la sua idea circa l’origine sociale dell’organizzazione spaziale dei gruppi umani, ossia dello spazio come prodotto sociale (cfr. Mandich, 1996). La tesi di Durkheim è che le rappresentazioni dello spazio in una data civiltà siano di origine sociale e che la stessa organizzazione spaziale riproduca l’organizzazione sociale, essendo quest’ultima un modello per la prima (Durkheim, 1912, 61-62). Come è noto, questa idea è in linea con la tematica principale dell’opera: «la religione è cosa eminentemente sociale» e molte categorie fondamentali del pensiero, come spazio e tempo, si incontrano appunto nelle rappresentazioni religiose, ovvero «rappresentazioni collettive che esprimono realtà collettive». Il pensiero non può fare a meno di queste categorie fondamentali: «non possiamo pensare oggetti che non siano collocati nel tempo o nello spazio» (ivi, 59). Tuttavia quelle stesse categorie, «prodotti del pensiero collettivo», hanno a loro volta un riferimento nell’esperienza sociale concreta. La dimensione spaziale è una categoria sociale nella misura in cui il gruppo ne condivide le proprietà e le relative percezioni.

33Nelle conclusioni a Le forme elementari, Durkheim riflette su come lo stesso spazio fisico offra, per così dire, uno spunto alla categorizzazione del pensiero. Difatti, le “cose” che quelle stesse categorie esprimono sono a loro volta sociali: «è lo spazio occupato dalla società che ha fornito la materia della categoria di spazio» (ivi, 503). Qui Durkheim da un lato subordina lo spazio fisico alla corrispondente categoria del pensiero sociale e, dall’altro, manifesta attenzione alla sua origine da una “materia” che risiede nella stessa società.

34Questa linea di ricerca, presente anche in altri lavori di Durkheim – ad esempio nel noto studio sulle forme primitive di classificazione (Durkheim e Mauss, 1903) – è stata portata avanti nel corso del Novecento da altri studiosi. Il concetto fondamentale alla base di questo approccio presenta delle implicazioni generali, che possono infatti essere studiate in svariati contesti: «Lo spazio traduce, incarna, riflette, l’organizzazione economica, la divisione in classi, la cultura di una società» (Mandich, 1996, 32). In ambito antropologico, uno degli studi più noti che si riallacciano direttamente a tale direzione di indagine è quello di Lévi-Strauss (1958), con il suo interesse per il modo in cui la configurazione spaziale dei villaggi riflette l’organizzazione sociale. Ma tale relazione simbolica tra spazi e strutture sociali si può in realtà rinvenire in tutta una serie di occorrenze empiriche.

35Esemplari in tal senso sono gli studi di Bourdieu (1972; 1980) sull’organizzazione spaziale della società cabila in Algeria e, in particolare, sullo spazio della casa. Le norme sociali, nonché le “istruzioni per l’uso” inscritte nelle configurazioni spaziali dell’ambiente costruito, trasmettono i significati simbolici che caratterizzano specifici contesti e gruppi e tendono a materializzarsi attraverso tali configurazioni. Queste ultime, a loro volta, contribuiscono alla riproduzione dell’organizzazione sociale, in un processo continuo di interazione tra artefatti e agire sociale. Ciò vale nel campo del design e della progettazione architettonica e urbana e, in generale, nell’estrinsecazione delle diverse dimensioni della produzione sociale dello spazio (cfr. Chiesi, 2010; Harvey, 1973 e 1990; Hillier e Hanson, 1984; Lefebvre, 1974).

5. Conclusioni

36In questo saggio si è cercato di ripercorrere la produzione scientifica di due pensatori classici della tradizione sociologica, con lo scopo di evidenziare nel loro lavoro le argomentazioni più rilevanti in materia di spazialità nella vita sociale, alla luce della prospettiva della sociologia spazialista (Mela, 2006), offrendo una integrazione e un aggiornamento della letteratura in merito.

  • 6 In proposito cfr. Chiesi (2010) e Gieryn (2000), ai quali si rinvia anche per la letteratura di rif (...)

37Tra i sociologi classici, senza dubbio Simmel ha fornito indicazioni per uno sviluppo della teoria sociale che gran parte della sociologia contemporanea ha fatto proprie, in modo particolare per quanto riguarda la spazialità. A ben vedere, Simmel è già proteso verso la concezione di spazio prevalente nella moderna sociologia spazialista. In primo luogo, nella sua impostazione lo spazio è in grado di mettere in relazione oggetti e individui ma non è, di per sé, un fattore che determina tale relazione. Non potrebbe essere altrimenti, in effetti, poiché lo spazio non viene trattato come un oggetto: in ciò si rivela l’importante considerazione secondo cui, per Simmel, esso non è «qualcosa di cui si fa esperienza» ma «un modo di fare esperienza» (Mandich, 1996, 38). In secondo luogo, nell’esaminare le due direzioni del rapporto tra forma spaziale e forma sociale, Simmel mette in evidenza tanto la capacità dello spazio di generare effetti in quanto condizione di possibilità per le relazioni sociali, quanto la capacità di queste ultime di trasformare le configurazioni spaziali e conferire loro significato, anticipando in un certo senso lo studio dei processi complementari di place-making (il soggetto dà forma e significato allo spazio) ed emplacement (lo spazio orienta l’azione del soggetto)6. Infine, la sua “sociologia dei sensi” è precorritrice di una parte importante della prospettiva spazialista contemporanea; si tenga conto, a titolo di esempio, di quanto il ruolo della spazialità, nel sociale e nell’ambiente costruito, si giochi in gran parte sul piano della vista e della visibilità (Hillier e Hanson, 1984; Hillier, 2007).

38Anche Durkheim ha dedicato allo spazio una attenzione significativa. Si è visto come egli abbia da un lato concentrato la sua produzione teorica sul concetto di sostrato materiale della società – l’elemento morfologico – e, dall’altro, quanto la sua sociologia della conoscenza abbia contemplato lo spazio come espressione di categorie del pensiero aventi una base essenzialmente sociale. Nel primo caso, va osservato che l’approccio della morfologia sociale è piuttosto distante dalle correnti principali del filone spazialista. La “struttura materiale” della società, così spesso indicata come oggetto principale della materia, senza dubbio esprime anche la dimensione spaziale – ambientale, territoriale e abitativa – della vita sociale. Tuttavia, il carattere di oggettività che contraddistingue la morfologia sociale rende questo approccio difficilmente assimilabile alla relazionalità che caratterizza la sociologia spazialista (a differenza, ad esempio, di quanto accade con Simmel). Inoltre, il “sostrato materiale” tende a confondersi con gli aspetti relativi alle dimensioni statistico-demografiche degli insediamenti umani – sebbene la stessa demografia sia riconosciuta come una disciplina socio-spaziale (Voss, 2007) – e questo, unitamente alla tendenza a invadere altri campi disciplinari, ha contribuito a rendere sempre meno chiaro il ruolo della dimensione spaziale nel quadro teorico sviluppato. Nel secondo caso, invece, lo spazio è visto come prodotto sociale. Dal momento che esso non viene qui considerato un elemento meramente oggettivo ed esterno alla società, come i critici dell’approccio sociologico classico allo spazio hanno inteso evidenziare, questa parte dell’opera di Durkheim rende senza dubbio giustizia del ruolo che la spazialità ha nella vita sociale. Esemplare è, in questo senso, il saggio sulle classificazioni primitive (Durkheim e Mauss, 1903), nel quale la questione verte sul modo in cui i rapporti e le strutture sociali sono spazializzate e dunque rappresentate nell’ambiente costruito. Da questo punto di vista, la linea di ricerca in tal modo individuata rientra nel filone spazialista dell’emplacement, che attiene, tra i suoi vari aspetti, al modo in cui l’organizzazione spaziale fornisce una base materiale alla riproduzione delle categorie culturali di una data società (cfr. Chiesi, 2010, 13).

39Gli approcci qui considerati affrontano inoltre un nodo concettuale che implica la nozione di causalità. Non è difficile trovarsi invischiati in ragionamenti sulla relazione società-spazio confusi e tendenti a sottolineare il carattere di determinazione dell’uno sull’altro oggetto. Da tempo, comunque, ci si è in qualche modo liberati dell’idea che l’organizzazione spaziale sia meramente causa o effetto dell’agire sociale. Come ha scritto Giddens, «Space cannot ‘cause’ or determine anything» (Giddens, 1993, XV); considerazioni dello stesso tenore sono giunte da Herbert Gans già negli anni sessanta, con la proposta, ripresa anche più di recente, di considerare sempre il rapporto tra ambiente naturale o costruito e attore sociale nei termini di un approccio user-oriented o use-centered (Gans, 1968; 2002). Per Simmel e Durkheim l’organizzazione spaziale della società è un prodotto dell’agire sociale, ma al tempo stesso, con la sua conformazione fisica e i suoi elementi simbolici, essa tende parimenti ad orientare le interazioni degli individui, in una sorta di implicazione reciproca tra forma spaziale e forma sociale che dunque tali autori già avevano riconosciuto, anche se in modo non sempre esplicito.

Torna su

Bibliografia

Agustoni A. (2000), Sociologia dei luoghi ed esperienza urbana, Milano, FrancoAngeli.

Allen J. (2000), On Georg Simmel. Proximity, Distance and Movement, in Crang M. e Thrift N. (a cura di) (2000), Thinking Space, London, Routledge, pp. 54-70.

Altman I. (1975), The Environment and Social Behavior: Privacy, Personal Space, Territory, and Crowding, Monterey, CA, Brooks/Cole.

Augé M. (1992), Nonluoghi. Introduzione a una antropologia della surmodernità, Milano, Elèuthera, 2002.

Bagnasco A. (1992), Introduzione all’edizione italiana, in Hannerz U. (1980), Esplorare la città. Antropologia della vita urbana, Bologna, il Mulino, 1992, pp. 9-68.

Bourdieu P. (1972), Per una teoria della pratica. Con tre studi di etnologia cabila, Milano, Cortina, 2003.

Id. (1980), Il senso pratico, Roma, Armando, 2005.

Catalano G. (2010), Spazio e tempo in Simmel. Da Sociologia a La metropoli e la vita dello spirito, in Cotesta V., Bontempi M. e Nocenzi M. (a cura di), Simmel e la cultura moderna. Vol. I. La teoria sociologica di Georg Simmel, Perugia, Morlacchi, pp. 195-213.

Chiesi L. (2010), Il doppio spazio dell’architettura. Ricerca sociologica e progettazione, Napoli, Liguori.

Crang M. e Thrift N. (a cura di) (2000), Thinking Space, London, Routledge.

Dal Lago A. (1994), Il conflitto della modernità. Il pensiero di Georg Simmel, Bologna, il Mulino.

Durkheim È. (1893) La divisione del lavoro sociale, Milano, Edizioni di Comunità, 1962.

Id. (1895), Le regole del metodo sociologico. Sociologia e filosofia, Milano, Edizioni di Comunità, 1963.

Id. (1899), Morfologia sociale, in Martinelli F. (2001), La città. I classici della sociologia, Napoli, Liguori, pp. 35-36.

Id. (1912), Le forme elementari della vita religiosa, Roma, Meltemi, 2005.

Durkheim È. e Mauss M. (1903), De quelques formes primitives de classification. Contribution à l’étude des représentations collectives, «Année sociologique», 6, pp. 1-72.

Frisby D. (2002), Georg Simmel, London, Routledge.

Frisby D. e Featherstone M. (a cura di) (1997), Simmel on Culture: Selected Writings, London, Sage.

Fuller M.G. e Löw M. (2017), Introduction: An Invitation to Spatial Sociology, «Current Sociology», 65, 4, pp. 469-491.

Gallino L. (2006), Dizionario di Sociologia, Torino, Utet.

Gans H.J. (1968), People and Plans: Essays on Urban Problems and Solutions, New York, Basic Books.

Id. (2002), The Sociology of Space: A Use-Centered View, «City & Community», 1, 4, pp. 329-339.

Giddens A. (1984), La costituzione della società, Milano, Edizioni di Comunità, 1990.

Id. (1990), Le conseguenze della modernità, Bologna, il Mulino, 1994.

Id. (1993), Preface, in Werlen B., Society, Action and Space. An Alternative Human Geography, London, Routledge, pp. xii-xv.

Gieryn T.F. (2000), A Space for Place in Sociology, «Annual Review of Sociology», 26, pp. 463-496.

Goffman E. (1961), Espressione e identità. Gioco, ruoli, teatralità, Bologna, il Mulino, 20032.

Id. (1963), Il comportamento in pubblico. L’interazione sociale nei luoghi di riunione, Torino, Einaudi, 1971.

Id. (1971), Relazioni in pubblico, Milano, Bompiani, 1981.

Halbwachs M. (1938), Morphologie sociale, Paris, Colin.

Id. (1950), La memoria collettiva, Milano, Unicopli, 1987.

Hall E.T. (1959), Il linguaggio silenzioso, Milano, Bompiani, 1969.

Id. (1966), La dimensione nascosta, Milano, Bompiani, 1968.

Harvey D. (1973), Giustizia sociale e città, Milano, Feltrinelli, 1978.

Id. (1990), La crisi della modernità, Milano, Net, 2002.

Hillier B. (2007), Space is the Machine. A Configurational Theory of Architecture, London, Space Syntax.

Hillier B. e Hanson J. (1984), The Social Logic of Space, Cambridge, Cambridge University Press.

Jedlowski P. (1995), Introduzione, in Simmel G. (1903), Le metropoli e la vita dello spirito, Roma, Armando, pp. 7-27.

Jessop B., Brenner N. e Jones M. (2008), Theorizing Sociospatial Relations, «Environment and Planning D: Society and Space», 26, pp. 389-401.

Ledrut R. (1987), L’espace et la dialectique de l’action, «Espaces et Sociétés», 48-49, pp. 131-150.

Lefebvre H. (1974), La produzione dello spazio, Milano, Moizzi, 1978.

Lévi-Strauss C. (1958), Antropologia strutturale, Milano, il Saggiatore, 1966.

Löw M. (2016), The Sociology of Space: Materiality, Social Structures, and Action, New York, Palgrave Macmillan.

Mandich G. (1996), Spazio tempo. Prospettive sociologiche, Milano, FrancoAngeli.

Martinelli F. (19762), Le società urbane. Problemi e studi di sociologia, Milano, FrancoAngeli.

Mauss M. (1927), Divisions et proportions des divisions de la sociologie, «Année sociologique», 2, pp. 98-176.

Mauss M. e Beuchat M. (1904-05), Essai sur les variations saisonnières des sociétés eskimos. Étude de morphologie sociale, «Année sociologique», 9, pp. 39-132.

Mela A. (20062), Sociologia delle città, Roma, Carocci.

Mele V. (2011), Georg Simmel: la metropolizzazione della vita sociale, in Nuvolati G. (a cura di), Lezioni di sociologia urbana, Bologna, il Mulino, pp. 81-103.

Nuvolati G. (2011), Introduzione, in Id. (a cura di), Lezioni di sociologia urbana, Bologna, il Mulino, pp. 9-30.

Pacelli D. (2010), Dalla limitazione sociale alla consapevolezza del limite. Oggettività e soggettività nell’esperienza dello spazio sociale, in Cotesta V., Bontempi M. e Nocenzi M. (a cura di), Simmel e la cultura moderna, vol. I: La teoria sociologica di Georg Simmel, Perugia, Morlacchi, pp. 175-194.

Saunders P. (19862), Social Theory and the Urban Question, London, Routledge.

Simmel G. (1900), Filosofia del denaro, Torino, Utet, 1984.

Id. (1903), Le metropoli e la vita dello spirito, Roma, Armando, 1995.

Id. (1908), Sociologia, Torino, Edizioni di Comunità, 1998.

Soja E. (1989), Postmodern Geographies. The Reassertion of Space in Critical Social Theory, London, New York, Verso.

Sommer R. (1969), Personal Space. The Behavioral Basis of Design, Englewood Cliffs, NJ, Prentice-Hall.

Strassoldo R. (1983a), Spazio e teoria sociologica, in Elia G.F. e Martinelli F. (a cura di), La società urbana e rurale in Italia, Milano, FrancoAngeli, pp. 161-176.

Id. (1983b), La sociologia e le scienze del territorio, in Scivoletto A. (a cura di), Sociologia del territorio. Tra scienza e utopia, Milano, FrancoAngeli, pp. 31-63.

Id. (1992), Lo spazio nella sociologia di Georg Simmel, «Annali di sociologia-Soziologisches Jahrbuch», 8, II, pp. 319-326.

Tuan Y.-F. (1977), Space and Place. The Perspective of Experience, Minneapolis, University of Minnesota Press.

Urry J. (1995), Consuming Places, London, Routledge.

Voss P.R. (2007), Demography as a Spatial Social Science, «Population Research and Policy Review», 26, 5-6, pp. 457-476.

Warf B. e Arias S. (a cura di) (2009), The Spatial Turn: Interdisciplinary Perspectives, New York, Routledge.

Torna su

Note

1 Un ripensamento della stessa sociologia urbana, come sottolinea Nuvolati (2011, 15), può avvenire proprio in chiave spazialista, rivalutando «le capacità predittive dei luoghi fin nelle loro componenti più fisiche e spaziali».

2 Occorre precisare che le espressioni sociologia spazialista e sociologia dello spazio – o anche sociologia spaziale – sono usate in questa sede in modo equivalente, in quanto riferite a proposte teoriche che assegnano alla dimensione spaziale un ruolo fondamentale e non meramente oggettivo nella spiegazione dei processi sociali (cfr. Gans, 2002; Löw, 2016; Fuller e Löw, 2017).

3 In proposito conviene richiamare l’impostazione logico-filosofica di Simmel derivante, ad un tempo, da Kant, dal quale mutua l’idea di spazio come «a priori logico e percettivo» (Mandich, 1996, 38), ovvero «‘la possibilità dell’essere insieme’» (Simmel, 1908, 525), e da Leibniz, dal quale trae l’idea di spazio relativo (Dal Lago, 1994, 202).

4 Tale emancipazione non sarebbe tuttavia possibile se alla base dell’organizzazione della vita sociale nella metropoli non vi fosse una significativa interazione tra dimensione spaziale e dimensione temporale (cfr. Catalano, 2010, 207 ss.).

5 Come è noto, le similitudini tra questa opera e il pensiero di Marx sono molte. Jedlowski (1995, 31n) rileva che la conoscenza di Marx da parte di Simmel «è evidente – e dichiarata – nella Filosofia del denaro». Ma Simmel, a differenza di Marx, non è interessato alla «sfera dei rapporti di produzione» quanto piuttosto alle «sfere dello scambio e della circolazione».

6 In proposito cfr. Chiesi (2010) e Gieryn (2000), ai quali si rinvia anche per la letteratura di riferimento. Si noti che lo stesso concetto di “luogo” (place), caratterizzato da materialità, localizzazione spaziale (geografica) e attribuzione di significato (Gieryn, 2000; Tuan, 1977; Augé, 1992), è in pratica esaminato in vari punti del capitolo sugli ordinamenti spaziali (Simmel, 1908).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Marco Serino, « Spazio e spazialità nell’opera di Simmel e Durkheim », Quaderni di Sociologia, 75 | 2017, 37-54.

Notizia bibliografica digitale

Marco Serino, « Spazio e spazialità nell’opera di Simmel e Durkheim », Quaderni di Sociologia [Online], 75 | 2017, online dal 01 juin 2018, consultato il 22 juillet 2018. URL : http://journals.openedition.org/qds/1754 ; DOI : 10.4000/qds.1754

Torna su

Autore

Marco Serino

Dipartimento di Scienze Politiche – Università di Napoli “Federico II”

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals