Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri76la società contemporanea / Finanz...La finanziarizzazione del welfare

la società contemporanea / Finanziarizzazione e disuguaglianze

La finanziarizzazione del welfare

Social impact investing, fondazioni filantropiche e nuove frontiere di accumulazione capitalistica
The financialization of welfare. Impact investing, philanthropic foundations and new frontiers of capitalist accumulation
Davide Caselli e Federica Rucco
p. 57-80

Abstract

The article identifies and analyses the process of financialization of welfare in the context of the rise of Social Impact Investing. Building on a wide international debate, it aims at pushing the analysis of the Italian case further and it focuses specifically on the intersections between philanthropic and financial actors and tools.
In this perspective, two policy tools are analysed and discussed – the Integrated System of Funds (SIF), for Social Housing and the Social Impact Bond – that exemplifies such intersection. While they differ under many respects, they also share some common blindspots and contradictions, already highlighted in the literature on finacialization. While they open up new space for capital accumulation in the realm of social policies, they pose significant problems in terms of governance, accountability, public finance and incentives to the Non-Profit Sector.
The article suggests that such critical aspects of the phenomenon should carefully be considered not only in the academic but also in the public debate on Social Impact Investing.

Torna su

Testo integrale

1. La finanziarizzazione del welfare: riferimenti teorici

1Muovendo dalla concezione ampiamente condivisa di finanziarizzazione, intesa come «il ruolo crescente di ragioni, mercati, attori e istituzioni finanziarie nel funzionamento delle economie nazionali e internazionali» (Epstein, 2005, 3; trad. nostra), con l’espressione “finanziarizzazione del welfare” facciamo qui riferimento alla penetrazione nel mondo del welfare di attori, valori, linguaggi, strumenti e pratiche del mondo finanziario.

2Nel complesso spazio tematico indagato dagli studi in materia (Van der Zwan, 2014), la questione della finanziarizzazione del welfare si colloca a cavallo fra le ricerche che considerano la finanziarizzazione come sviluppo di uno specifico regime di accumulazione (Boyer, 2000) e le ricerche sulla finanziarizzazione della vita quotidiana (Martin, 2002). I due approcci possono essere considerati complementari: in ogni manifestazione concreta del fenomeno “finanziarizzazione del welfare” sono osservabili i cambiamenti in atto sia nella sfera istituzionale che in quella culturale. La teoria della regolazione, concentrandosi sui cambiamenti istituzionali che caratterizzano la transizione ad un nuovo modo di regolazione, è certamente più utile ad analizzare il fenomeno ad un livello macro, mentre l’approccio della finanziarizzazione della vita quotidiana è più adatto a comprendere i micro-comportamenti di consumo domestico di prodotti finanziari. Anche l’articolazione della letteratura sulla finanziarizzazione del welfare riflette questa duplice dimensione: ad una prospettiva più centrata sull’individuo può essere ricondotto il dibattito in corso sull’asset-baset welfare (Sherraden, 1991; Cornell, 2003) mentre più interessati ai mutamenti istituzionali sono gli studi sulla finanza d’impatto (Hochstaeder e Scheck, 2015).

3Queste due letterature sviluppano in modo notevole sia la ricerca empirica che la riflessione teorica sugli specifici fenomeni studiati. Più rari appaiono, invece, i tentativi di interpretazione unitaria del fenomeno in termini di finanziarizzazione del welfare (Dowling, 2017). Nel contesto italiano, in particolare, si nota l’assenza di una letteratura e un dibattito in questo senso. Il lavoro introduttivo di Belotti e Caselli propone di mappare le relazioni, in costante evoluzione, tra il mondo finanziario e quello del welfare con l’obiettivo di connettere le tendenze empiricamente osservabili in quadro di insieme (Belotti e Caselli, 2016). Gli autori identificano tre canali attraverso cui la relazione tra mondo finanziario e politiche sociali viene alimentata: il credito, le erogazioni filantropiche e la creazione e gestione di asset finanziari. Il primo canale comprende sia il credito concesso alle istituzioni pubbliche per il finanziamento diretto e indiretto di interventi di politica sociale che quello destinato – sempre più spesso attraverso banche o rami di attività specializzati – agli enti del terzo settore. Il secondo canale riguarda le erogazioni delle fondazioni, principalmente quelle di origine bancaria (FOB), destinate a sostenere attraverso finanziamenti a fondo perduto una vasta gamma di interventi di politica sociale realizzati da enti del Terzo settore, spesso in partnership tra loro e/o con le amministrazioni locali. Il terzo canale riguarda quell’insieme di fenomeni in cui, attraverso complessi processi di economizzazione (Caliskan e Callon, 2010; Callon e Muniesa, 2005), ovvero complesse operazioni di astrazione, costruzione di indici e sistemi di equivalenza e calcolo, alcuni beni e servizi vengono trasformati in una classe di investimenti a disposizione degli attori finanziari per essere comprati e venduti secondo le regole dei mercati finanziari: è il caso, per esempio, dei fondi pensione (Gallino, 2011; Pizzuti, 2017; Covip, 2016) e, più di recente, dei programmi della cosiddetta finanza d’impatto (cfr. sopra).

4Rispetto a questo quadro, il presente articolo si propone di analizzare il fenomeno della finanza di impatto come punto centrale dell’intreccio tra il secondo e il terzo canale della finanziarizzazione, ovvero tra l’azione filantropica e la creazione e gestione di asset finanziari basati su beni e/o servizi dedicati al soddisfacimento di diritti sociali fondamentali.

5A questo scopo si può attingere al patrimonio di studi sociologici sulla filantropia e in particolare alla letteratura che ha indagato “la direzione” della filantropia, ovvero la logica che spinge i donatori a sostenere determinate organizzazioni e a scegliere determinati interlocutori piuttosto che altri. (Adloff, 2016; Barman, 2017). Negli orientamenti maggioritari di questa letteratura, lo sviluppo della filantropia negli Stati Uniti e in Europa a partire dalla metà del XIX secolo viene interpretato come la risposta di carattere conservatore da parte della classe capitalistica dominante di fronte alle forme di organizzazione e rivendicazione di cui via via si dotava la classe lavoratrice (Fisher, 1983). In quest’ottica l’attività delle fondazioni, individuali e di impresa, persegue due obiettivi fondamentali e interrelati: da un lato la costruzione di egemonia (Gramsci, 1967; 1975; Fischer, 1983) e dall’altro il consolidamento e l’espansione delle proprie attività economiche (Adloff, 2015; 2016; Barman, 2017). L’intreccio tra le due dimensioni è particolarmente evidente nella letteratura che ha evidenziato il grande peso delle fondazioni nella promozione di soluzioni ai problemi sociali orientate al mercato. Le fondazioni agiscono in questo senso «non solo offrendo le fondamenta culturali per coinvolgere le imprese private, ma anche offrendo le risorse per costruire campi organizzazionali e per offrire copertura finanziaria ai primi sforzi sperimentali in queste arene» (Barman, 2017, 284). In questo filone si trovano le ricerche sull’evoluzione della microfinanza (Roy, 2006; Fama, 2016), sulla diffusione delle “charter school” negli Stati Uniti (Child, 2016; Horvath e Powell, 2016) e le recenti ricerche sulle strategie politiche ed economiche del Filantrocapitalismo (McGoey, 2012; 2015).

2. L’Impact Investing e la finanziarizzazione del welfare

6Con “impact investing” si fa riferimento ad un settore del mercato finanziario «alimentato da investitori determinati a generare un impatto sociale e ambientale oltre a rendimenti finanziari»1. L’espressione è stata coniata al di fuori dell’ambito accademico, nel 2007, durante un meeting indetto dalla Rockefeller Foundation (Harji e Jackson, 2012) e gran parte della letteratura sull’argomento è costituita da contributi non accademici (Hochstadter e Scheck, 2015). La storia dell’impact investing, tuttavia, inizia ben prima del 2007. Se volessimo collocare l’impact investing su un continuum i cui estremi sono l’investimento e la filantropia nelle loro forme “pure” (massimo rendimento finanziario con nessuna preoccupazione per l’impatto sociale o ambientale il primo, viceversa la seconda), dovremmo collocarlo nel centro del continuum, potendone rintracciare precursori sia ad un estremo che all’altro (Trelstad, 2016): nelle pratiche di Socially Responsible Investing (SRI) dal lato dell’investimento e nelle prime sperimentazioni di investimento con “ritorno sociale” – Program-Related Investments (PRIs), microcredito, investimenti, Environmental Social Governance oriented (ESG) dal lato della filantropia. Dalla sintesi di queste esperienze a metà degli anni Duemila è maturata la concezione di investimento d’impatto.

7Il mercato dell’impact investing è ancora in via di istituzionalizzazione (Freireich e Fulton, 2009; Oleksiak et al., 2015) e si può ritenere il suo sviluppo attualmente trainato dai paesi anglosassoni (Brandstetter e Lehner, 2015; Michelucci, 2016). Un report redatto da J.P. Morgan, la Rockefeller Foundation e il network GIIN, stima che il potenziale dell’investimento di impatto possa oscillare tra i 400 e i 1000 miliardi di dollari entro il 2020 (O’Donohoe et al., 2010). Una recente indagine che ha coinvolto 209 investitori internazionali rivela che il capitale investito nella finanza di impatto ha già raggiunto un ammontare di 114 miliardi di dollari (GIIN, 2017). L’impact investing si serve di diversi prodotti finanziari (Salamon, 2014) e opera in un’ampia gamma di settori (tra cui agricoltura, sanità, istruzione, edilizia, ambiente) e regioni geografiche: sia nelle cosiddette economie avanzate che in quelle emergenti, a seconda delle priorità e delle preferenze dell’investitore (Oleksiak et al., 2015). Nei paesi del nord del mondo gli investimenti di impatto intervengono su emergenze o problemi sociali lasciati irrisolti dal taglio del finanziamento pubblico e dal ridimensionato apporto di risorse a fondo perduto da parte delle fondazioni.

8In questa dinamica di espansione dell’impact investing, il welfare resta, a livello globale, un settore di investimento marginale (i due settori di welfare più coinvolti sono l’housing con l’11% e la sanità con l’8% ma entro queste categorie si ritrovano programmi molto diversi) e si può dire che sia stato preso seriamente in considerazione dagli investitori istituzionali soltanto a partire dal lancio della Task Force del G8 sull’investimento d’impatto, avvenuto nel 2013 ad opera del Primo Ministro inglese David Cameron. L’iniziativa si giustificava sulla base dell’esperienza inglese in corso e di una serie di dati prodotti dalla multinazionale della consulenza Accenture e dall’Università di Oxford relativamente allo scarto, quantificabile in centinaia di miliardi di dollari, che si sarebbe registrato entro il 2025 tra bisogni sociali e risorse pubbliche disponibili in dieci Paesi, sia di economie avanzate che emergenti (Accenture, 2012). Se il rapporto di Accenture invitava i governi a “cogliere la sfida” di una simile drammatica crisi per riorganizzare i propri servizi pubblici in termini imprenditoriali (idem), la Task Force del G8, nel suo rapporto conclusivo intitolato “The invisible heart of markets” (Social Impact Investing Task Force, 2014a) indicava a ciascun Paese membro la strada da seguire per «sfruttare il potere dell’impresa, dell’innovazione e del capitale per fare del bene», ovvero i passaggi culturali, organizzativi e legislativi necessari per attrarre capitali di investimento nel mondo dei servizi sociali (idem; Caselli, 2016). Oltre che sulla base della necessità per i sistemi di protezione sociale europei di ulteriori risorse economiche, l’opportunità dell’espansione di questo nuovo mercato di investimenti è sostenuta dalla Task Force in nome della sua capacità di far entrare nel mondo delle politiche sociali la cultura e gli strumenti della misurazione dell’impatto attraverso l’adozione dell’approccio cosiddetto delle politiche “basate sull’evidenza” (evidence-based policies). Centrale di conseguenza risulta la costruzione, per i programmi di finanza di impatto, di metriche e sistemi di determinazione degli obiettivi e dei risultati dei programmi. Per questa via si riapre un dibattito antico e articolato sull’utilizzo dell’EBP nel campo del welfare: agli argomenti già discussi in letteratura (Sacket et al., 1996; Sanderson, 2002; Busso, 2015; 2017) si aggiunge tuttavia quello relativo all’interferenza dia parte di attori finanziari nella determinazione delle priorità in materia di politiche sociali (Bengo e Caloni, 2016).

9Nel contesto della crisi di lungo periodo del welfare europeo (Bonoli e Natali, 2012; Ascoli e Pavolini, 2016) e delle dinamiche particolari del welfare italiano (De Leonardis, 1998; Ascoli e Ranci, 2003; Bifulco, 2005; Gori et al., 2014; Caselli, 2015), non è chiaro quale sarà la direzione in cui si svilupperà la finanza di impatto (Social Impact Investment Task Force, 2014b). Se alcuni autori suggeriscono la sua capacità di produrre interessanti sviluppi per il decisore politico e la PA (Pasi 2017), essa appare particolarmente adatta alla creazione di una particolare nicchia di servizi di welfare che si sviluppano in settori ad alta intensità di capitale e con buone possibilità di remunerazione (housing e sanità in primis) (Caselli, 2015; 2016). Tale sviluppo si presenta al tempo stesso come nuova opportunità imprenditoriale per un settore Non-Profit in affanno a causa della drastica diminuzione di fondi pubblici e privati a fondo perduto e come opportunità di diversificazione del portafoglio per investitori istituzionali (fondazioni di origine bancaria in primis, altri attori più classicamente finanziari in seguito). In area anglosassone le fondazioni, gli enti di beneficienza e gli attori governativi hanno giocato un ruolo fondamentale nell’avvio dei primi investimenti di impatto, e, subito dopo, il lavoro degli intermediari finanziari specializzati ha portato nuovi soggetti nel mercato. In Italia questi soggetti giocano, al momento, un ruolo secondario nell’apertura del mercato dell’impact investing, di cui si stanno, invece, interessando soprattutto le banche (sia etiche sia commerciali) e le organizzazioni del terzo settore (Michelucci, 2016). Di particolare rilevanza in Italia è il fenomeno dei cosiddetti investimenti correlati alla missione (MRI secondo l’acronimo inglese) operati dalle fondazioni di origine bancaria, che hanno avuto – come vedremo in dettaglio nel prossimo paragrafo – una crescita straordinaria negli ultimi dieci anni, secondo un trend opposto a quello delle erogazioni a fondo perduto, in costante diminuzione (fig. 1).

10Oggi il denaro investito dalle fondazioni di origine bancaria attraverso i MRI ammonta a circa 4,4 miliardi di euro, dunque circa il 10% del patrimonio e quattro volte e mezzo il valore complessivo delle erogazioni (fig. 1).

11A testimonianza degli sviluppi in corso, nel panorama italiano delle fondazioni è da segnalare anche il crescente numero di organizzazioni impegnate in attività di promozione, creazione di reti e rapporti tra domanda e offerta di investimenti d’impatto, consulenze legali e organizzative, creazione e diffusione di metodi di programmazione e metriche di misurazione del lavoro sociale (Caselli, 2017). Si tratta di quella “impact economy” che si è sviluppata a livello globale attorno alla finanza di impatto e che rappresenta secondo alcuni autori uno degli attori e dei campi d’azione più significativi per la finanziarizzazione del welfare (Chiapello, 2015; Barman, 2016; Williams, 2017).

12Nei prossimi paragrafi presentiamo due importanti strumenti di impact investing nel welfare e discutiamo il loro impatto sul settore in termini di finanziarizzazione. Si tratta dei fondi immobiliari per l’housing sociale e dei Social Impact Bond: nel primo caso abbiamo a che fare con un’esperienza italiana consolidata e recentemente riconosciuta in sede comunitaria come buona pratica; nel secondo caso con un prodotto finanziario nato in ambito anglosassone e assurto a simbolo dell’impact investing nel campo del welfare, la cui sperimentazione in Italia è invece in fase embrionale. Oltre che per il loro interesse di per sé e la loro rilevanza per il caso italiano, la loro scelta si giustifica per la loro capacità di arricchire sia dal punto di vista empirico che da quello teorico il principale tema oggetto del presente articolo, ovvero la relazione che all’interno dei processi di finanziarizzazione del welfare si sviluppa tra attori e strumenti filantropici e attori e strumenti finanziari.

Figura 1 Andamento erogazioni e MRI a confronto (2007-2015)

Figura 1 Andamento erogazioni e MRI a confronto (2007-2015)

Fonte: elaborazione su dati Acri (Acri, 2017)

13Analizzeremo i due fenomeni guardando agli attori e agli strumenti coinvolti e richiameremo l’articolazione tra la loro dimensione nazionale e quella internazionale. Nello sviluppo dei due casi, tuttavia, l’attenzione accordata a ciascuno di questi elementi sarà diversa coerentemente con le caratteristiche dei fenomeni stessi. Nel caso dei fondi immobiliari per l’housing sociale il focus sarà maggiormente sugli attori e sul contesto italiano al fine di contribuire a un’interpretazione originale del ruolo delle fondazioni di origine bancaria e di dare conto della letteratura critica emergente sull’housing sociale italiano. Nel caso dei Social Impact Bond, il focus sarà prioritariamente sullo strumento e sul contesto internazionale al fine di rendere conto di un dibattito critico che si è sviluppato in corrispondenza delle più significative esperienze internazionali in corso.

2.1 Il Sistema Integrato dei Fondi Immobiliari italiano

14Lo sviluppo dei fondi immobiliari per l’housing sociale rappresenta un caso esemplare della connessione tra filantropia e processi di creazione di asset finanziari a partire da beni e servizi relativi ai diritti fondamentali in quanto le fondazioni di origine bancaria (FOB), ovvero un attore filantropico, ne sono il principale soggetto promotore e attuatore.

15Prima di entrare nel merito del caso specifico, alcuni dati appaiono necessari per inquadrare l’azione delle FOB nel campo del welfare. Queste contribuiscono per l’80% al valore economico delle erogazioni della filantropia organizzata italiana (un miliardo di euro su 1,3 complessivi), la quale conta oggi 184 organizzazioni, in larghissima maggioranza fondazioni, di cui 88 di origine bancaria, 52 famigliari, 23 comunitarie e 21 di impresa (Forum Finanza Sostenibile, 2016).

  • 2 Il calcolo è ottenuto considerando i settori “assistenza sociale”, “filantropia e volontariato” e “ (...)

16A partire dagli anni ’90, inoltre, le FOB, soprattutto attraverso le erogazioni a fondo perduto (grant), hanno avuto un importante ruolo nel sostegno alla crescita del Terzo Settore italiano, tanto da spingere alcuni autori a qualificarle come il suo “motore finanziario” (Barbetta, 2013). Come accennato nel paragrafo precedente, tuttavia, nell’ultimo decennio abbiamo assistito alla drastica contrazione dei grants, con una diminuzione del 40% circa sia in termini assoluti sia per quanto riguarda i settori del welfare (figura 2)2.

17Come illustrato nella figura 1, un trend opposto è stato quello seguito dai MRI, che hanno rappresentato il canale fondamentale attraverso cui le FOB hanno alimentato e alimentano i fondi immobiliari per l’housing sociale (Acri, 2017). Se i MRI valgono complessivamente 4.4 miliardi di euro totali, è importante sottolineare che, come nel caso delle erogazioni filantropiche, solo una parte di questa cifra è investita nel campo del welfare. L’importo esatto di tale investimento non è del resto di facile determinazione, Acri stessa non lo quantifica con precisione, e va ricavato dall’analisi più accurata dei dati. Innanzitutto, occorre richiamare il fatto che tali investimenti sono indirizzati per oltre il 90% al settore dello “sviluppo locale” e che prendono per l’80% la forma della partecipazione azionaria. Proprio in questo capitolo di investimento si rintraccia la prima importante tessera dell’azione delle FOB nei fondi immobiliari per l’housing sociale attraverso l’impiego di 1,8 miliardi di euro (circa metà degli MRI investiti in partecipazioni) nella partecipazione che 61 fondazioni detengono in Cassa Depositi e Prestiti SpA e in CDP Reti SpA. Cassa Depositi e Prestiti SpA ha avuto ed ha infatti un ruolo di primo piano nell’elaborazione e diffusione dell’housing sociale a livello nazionale. Tale ruolo si è costruito gradualmente ma con grande rapidità nella seconda metà degli anni Duemila sull’onda lunga di una stagione di espansione dei mercati immobiliari che avrebbe di lì a poco mostrato la sua grave inadeguatezza con lo scoppio della bolla finanziaria causata dai mutui subprime negli USA (Fontana e Lareno, 2017). La categoria stessa di housing sociale è frutto della ridefinizione del ruolo pubblico nelle politiche abitative nel senso della sostanziale fine della produzione di case pubbliche e dell’auto-limitazione dell’attore pubblico allo stimolo del mercato privato (Fontana e Lareno, 2015). Ciò è avvenuto in particolare attraverso la ridefinizione delle misure di politica abitativa come “servizio di interesse economico generale” derivante dall’intervento sia pubblico sia privato (DM 22/2008). Basata su categorie di provenienza europea e introdotta dopo un decennio di politiche di deregolamentazione del mercato degli affitti, questa ridefinizione ha esteso la categoria di alloggio sociale a «una ampia varietà di soluzioni e titoli di godimento – non solo destinate all’area dell’esclusione e del disagio» (Fontana e Lareno, 2017), spesso legittimandosi attraverso la categoria di mix sociale (Bricocoli e Cucca, 2014). Così facendo ha da un lato legittimato l’adozione dell’housing sociale come politica pubblica (edilizia a canone agevolato, moderato, concordato, in patto di futura vendita) e dall’altro indebolito la valenza sociale dell’abitazione (Caudo, 2012; Fontana e Lareno, 2015; 2017).

Figura 2 Andamento erogazioni totali ed erogazioni per il welfare (2007-2016)

Figura 2 Andamento erogazioni totali ed erogazioni per il welfare (2007-2016)

Elaborazione su dati Acri (Acri, 2017)

18La storia dei fondi immobiliari per l’housing sociale va fatta risalire alla sperimentazione condotta da una FOB di punta come Fondazione Cariplo attraverso Fondazione Housing Sociale nel 2005 in Lombardia con il Fondo Abitare Sociale 1 (oggi Fondo Immobiliare di Lombardia), sulla base della cui esperienza Acri, l’associazione di rappresentanza delle FOB, ha potuto «offrire al governo la proposta di un piano nazionale di edilizia sociale» (Fondazioni, 2011). Le tappe di istituzionalizzazione dei fondi si sono susseguite in modo piuttosto serrato: nel 2007 infatti, il fondo immobiliare viene incluso tra gli strumenti per la riduzione del disagio abitativo (legge 9/2007), mentre nel 2008 con le disposizioni del Piano Casa e nel 2009 con il Piano Nazionale per l’Edilizia Abitativa (PNEA), viene istituito un Sistema Integrato dei Fondi Immobilari (SIF). Tale fulminea ascesa nel campo delle politiche abitative avviene sull’onda, oltre che della richiamata iniziativa politica di Acri, di un potente discorso pubblico che presenta l’housing sociale come “innovazione di policy” capace di rispondere ai bisogni del ceto medio impoverito e, insieme, di generare interessanti profitti per gli investitori. Centrale per lo sviluppo del SIF è stata l’istituzione del Fondo Investimenti per l’Abitare-FIA, fondo nazionale che si colloca all’apice di un sistema multilivello articolato in una rete di fondi immobiliari locali, cui esso può apportare oggi fino all’80% delle risorse (Fontana e Lareno, 2017). Il FIA – gestito da CDP Investimenti Sgr, società partecipata al 70% da CDP SpA e al 15% ciascuno da Acri e Abi – è un fondo di investimento immobiliare chiuso, ovvero uno strumento di private equity riservato agli Investitori Istituzionali che si caratterizza per la gestione da parte di una Società di Gestione del Risparmio (Sgr) vigilata da Banca d’Italia, per una durata medio-lunga (35 anni nel caso del FIA), per la presenza di forti garanzie di liquidità e per un trattamento fiscale fortemente vantaggioso (Borghetti, 2013). Il fondo ha raccolto 2,028 miliardi di euro, di cui il 49,8% da CDP, il 24,5% da gruppi bancari, il 10,8% gruppi assicurativi, l’8,3% da Casse di Previdenza, il 6,9% dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti (MIT). Per quanto riguarda i Fondi locali, sono ancora le FOB ad avere un ruolo importante nel loro finanziamento (Acri, 2017).

19Il ricorso al SIF nella sfera delle politiche per la produzione di case destinate alle classi popolari è stato ambiguo. Da un lato infatti si giustificava con l’idea di riuscire a ottenere risultati significativi con investimenti pubblici diretti molto ridotti (i 140 milioni di euro investiti dal MIT). Dall’altro lo stesso MIT indicava immediatamente, nel capitolato d’oneri finalizzato a individuare la Sgr per la sua gestione, che il Fondo avrebbe dovuto orientare le proprie scelte sulla base di criteri prevalentemente economico-finanziari, assegnando ai parametri sociali un ruolo ancillare nella valutazione delle iniziative dei fondi locali (MIT, 2010). Gli sviluppi successivi hanno portato a definire il rendimento minimo dell’investimento attorno a un tasso del 6% e a devolvere di fatto alle Amministrazioni Locali il compito di “creare condizioni favorevoli” nei propri territori per l’ingresso nei Fondi di investitori, socialmente orientati o meno. A questo scopo si è previsto anche, per il secondo tipo di investitore, la possibilità di contrattare rendimenti più favorevoli, da compensare con un ulteriore investimento pubblico «attraverso capitalizzazione dei fondi, concessioni di terreni o esenzione dagli oneri di costruzione» (Borghetti, 2013, 63). La ridefinizione della casa come servizio di interesse economico generale si traduce qui in una trasformazione delle politiche per la casa sociale in luogo di accumulazione di capitale attraverso investimenti redditizi, con il FIA a fare da promotore di un’offerta abitativa diversificata che spazia dal canone sociale alla locazione con patto di futura vendita, secondo il cosiddetto “principio dell’alloggio in più”. Secondo tale principio, sancito dal medesimo capitolato d’oneri del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il criterio della significatività degli interventi si considera soddisfatto se attraverso il SIF viene realizzato un numero di alloggi superiore anche di una sola unità al numero realizzato con il medesimo investimento pubblico attraverso lo strumento dell’accordo di programma (strumento chiave della precedente stagione di deregolamentazione). Nel caso del SIA questo significa che la “socialità” della politica sarebbe stata soddisfatta dalla destinazione ad affitto sociale di appena il 9% degli alloggi realizzati, pari a 4670 alloggi, uno stock che, secondo alcuni osservatori, avrebbe potuto essere costruito ugualmente, e forse in tempi più ridotti, con altri strumenti (Borghetti, 2013).

  • 3 Una parte importante della produzione di conoscenza sul tema è stata prodotta direttamente o commis (...)

20Una simile folgorante ascesa ha avuto luogo nello scorso decennio godendo di un dibattito pubblico estremamente favorevole3 e di un considerevole supporto nella pubblicistica e convegnistica accademica e para-accademica di supporto. Tanto più preziose risultano di conseguenza le ricerche indipendenti che mettono in luce gravi limiti ed effetti perversi del fenomeno. Emerge da tali fonti un generale effetto di “finanziarizzazione della casa sociale” (Fontana e Lareno, 2017) che si manifesta in diverse forme. In primo luogo, viene segnalato il deficit di trasparenza nel processo di allocazione delle risorse dei fondi, basato sul Regolamento del FIA che, in quanto «atto tra privati non è consultabile dalla collettività, inficiando così la capacità di valutazione e studio dell’intera politica» (Fontana e Lareno, 2015). In secondo luogo, le valutazioni effettuate, per quanto limitate allo studio di casi locali a causa l’inaccessibilità dei dati necessari a livello nazionale, evidenziano una forte inadeguatezza qualitativa rispetto al quadro dei bisogni sociali, e quantitativa rispetto al volume della programmazione iniziale (idem; Borghetti, 2013; Belotti, 2016). Infine, emergono processi di messa a valore di aspetti e comportamenti privati di individui e famiglie, di spinta degli stessi sul mercato del credito (Belotti e Caselli, 2016) e di colonizzazione delle politiche pubbliche con effetti di grave polarizzazione dei sistemi di welfare ed esclusione delle fasce più deboli della popolazione (Pujia, 2017).

2.2 Il Social Impact Bond

  • 4 Una breve nota sull’uso della parola “bond” nell’acronimo SIB: Il SIB non è un titolo obbligazionar (...)
  • 5 Il primo e più menzionato SIB risale al 2010 ed ha finanziato un progetto per la riduzione della re (...)

21Come già evidenziato, alcuni strumenti di investimento di impatto intervengono in aree del “sociale” tradizionalmente coperte dal welfare state. Tra questi, uno strumento che appare particolarmente degno di approfondimento in relazione al tema della finanziarizzazione del welfare è il Social Impact Bond4 (SIB) o Pay for success bond: uno strumento finanziario relativamente nuovo5, progettato con l’intento esplicito di ridisegnare i modi di sovvenzionamento del welfare. Il SIB non solo crea asset finanziari sulla base di servizi dedicati al soddisfacimento di diritti sociali fondamentali (al pari di altre forme di social impact investing), ma chiama deliberatamente in causa l’attore pubblico in nuove forme di finanziamento dei servizi sociali.

22Al fine di far incontrare offerta e domanda di servizi pubblici innovativi, l’idea alla base del SIB è quella di trasferire il rischio connesso all’esito incerto di progetti innovativi agli operatori professionali della gestione del rischio, ovvero gli investitori finanziari. Il modello SIB coinvolge tre attori principali e due secondari (cfr. fig. 3), oltre che i beneficiari dei servizi, e armonizza diverse esigenze: i SIBs consentono agli attori del terzo settore di ottenere supporto finanziario, offrono agli investitori la possibilità di diversificare il proprio portafoglio di investimenti e aprono alle amministrazioni pubbliche l’opportunità di passare da un paradigma assistenzialista ad uno della prevenzione senza farsi direttamente carico del rischio di allocare risorse pubbliche su interventi dall’esito incerto.

23Sull’idea che si tratti di una soluzione “vinci-vinci” per tutti gli attori si fonda una campagna di promozione di questi strumenti finanziari, messa in atto in particolar modo dagli operatori finanziari riuniti nella rete GIIN e avallata dal sostegno più o meno diretto dei governi nazionali (Social Impact Investment Task Force, 2014a; cfr. sopra). La letteratura accademica sui SIBs risulta, invece nettamente suddivisa (Maier et al., 2017) tra le letture piuttosto ottimistiche della letteratura finanziaria (ad es. Schinckus, 2015) e interpretazioni estremamente critiche (ad es. McHugh et al., 2013; Dowling, 2017). Una recente ricognizione della bibliografia (accademica e non) sull’argomento ha evidenziato l’esistenza di tre distinte narrazioni a proposito di SIB (Fraser et al., 2016): una “public sector reform narrative”, una “financial sector reform narrative” – entrambe ritraenti i SIB sotto una luce positiva – e una “cautionary narrative”. Pur sottolineando la mancanza di sufficienti evidenze empiriche che possano dare ragione ad una particolare lettura tra le tre individuate, gli autori ritengono maggiormente plausibile la narrazione più cauta.

Figura 3 Schema tipico di un SIB

Figura 3 Schema tipico di un SIB

Fonte: Warner, 2013, 305

24Che quella dei Social Impact Bond sia davvero una soluzione vincente per tutti gli attori coinvolti, è stato, dunque, già messo in discussione. Da prospettive diverse, Cooper et al. (2016) e Lake (2017), ad esempio, sottolineano come l’adozione di schemi di finanziamento SIB possa rivelarsi un tentativo di “mercatizzazione” dei problemi sociali che affliggono le popolazioni “escluse” (detenuti, senzatetto, disoccupati di lungo corso), cioè di quei soggetti non altrimenti assorbiti dai processi di finanziarizzazione, perché non in grado di accedere direttamente al credito o a prodotti finanziari più evoluti. Ancora: Child et al. (2017) hanno messo in luce una caratteristica interessante dei SIB, ovvero il fatto che esso sia uno schema di finanziamento efficace anche in assenza di un orientamento all’impatto sociale (il SIB funziona anche se l’investitore è interessato al solo ritorno finanziario). Considerare il SIB un prodotto finanziario “puro” suggerirebbe maggiore cautela nell’adozione dello strumento, specialmente alla luce del fatto che lo schema può conferire un ruolo centrale all’attore privato nelle scelte di politica sociale: sono, infatti, gli investitori a decidere se e quali progetti finanziare, a influenzare (direttamente o indirettamente) la scelta degli operatori, delle popolazioni target, ecc. Anche quando non sono direttamente coinvolti nella progettazione, la necessità di reperire fondi conduce i progettisti ad uniformarsi agli interessi dei possibili investitori. Questo comporta anche che i problemi più complessi o le popolazioni meno trattabili (McHugh et al., 2013) non siano presi in considerazione nella progettazione di un SIB.

25Un’attenzione particolare ha meritato in letteratura il tema della misurazione dell’impatto. Su questo fronte gli osservatori mettono in luce numerose criticità (Child et al., 2017; Cooper et. al., 2016, McHugh et al., 2013). In primo luogo, è problematico stabilire nessi causali tra intervento e risultato ottenuto: qualsiasi esito potrebbe dipendere da fattori non considerati in fase di progettazione. In secondo luogo, ogni misurazione dell’impatto sociale comporta una riduzione di complessità: non è detto che gli indicatori di impatto scelti riescano a dare conto del risultato effettivamente ottenuto. Anche la selezione delle popolazioni target può porre dei problemi: una selezione errata comporta il rischio di “falsi positivi” (ovvero soggetti che avrebbero comunque raggiunto gli obiettivi prefissati) provocando il pagamento degli investitori anche nel caso di inefficacia del progetto. Più in generale è necessario tenere conto delle conseguenze sociali della misurazione: il fatto stesso che la misurazione esista, comporta che gli attori coinvolti possano ri-orientare il proprio comportamento per allinearsi ai canoni della misurazione.

26Alcuni problemi sono stati rilevati anche sul fronte dei risparmi (Child et al., 2017). Il SIB, infatti, in caso di successo del progetto, costa all’ente governativo più di quanto sarebbe costato assumere un impegno di spesa diretto: al costo del servizio si sommano gli interessi e i costi di transazione. Questi ultimi costi, inoltre, sono sostenuti dalla PA anche in caso di insuccesso del progetto pertanto il loro ammontare andrebbe stimato a monte per valutare l’effettiva convenienza del SIB. L’interesse corrisposto all’investitore, poi, è commisurato ad un risparmio stimato, non effettivo: una stima errata dei risparmi futuri non comporta conseguenze per l’attore finanziario, finendo per ricadere totalmente sull’attore governativo. Tra l’altro, il SIB può strutturalmente coprire solo una piccola parte del fabbisogno sociale a cui deve rispondere un’amministrazione pubblica. L’eventuale risparmio, anche quando viene correttamente stimato, rischia di essere trascurabile rispetto alla spesa corrente per i servizi sociali, riducendo l’utilità dei SIB alla sola opportunità di investimento per gli attori finanziari. Infine, come vedremo meglio a breve, la realizzazione concreta di schemi SIB ha già previsto forme di compartecipazione al rischio da parte dell’attore governativo, annullando di fatto anche il beneficio della non assunzione di rischio finanziario in caso di insuccesso del progetto.

Figura 4 Progetti attivati e in sviluppo nel mondo

Figura 4 Progetti attivati e in sviluppo nel mondo

Fonte: ns. elaborazione su dati Social Finance

  • 6 Per la costruzione dei grafici abbiamo aggregato sotto l’etichetta di “Paesi anglosassoni”: Regno U (...)
  • 7 Dati aggiornati al novembre 2017, estratti dal SIB database di Social Finance, consultabile all’ind (...)

27Nel momento in cui scriviamo sono stati attivati 89 progetti finanziati da SIBs nel mondo, con una prevalenza di sperimentazioni in area anglosassone6 (cfr. fig. 4). I fondi raccolti per i progetti attivati ammontano a 322 milioni di dollari. I beneficiari dei progetti avviati sono stati 113.6437.

28I progetti in corso o in via di attivazione coprono diverse aree di intervento (tutte nell’ambito del welfare) con una prevalenza di progetti per l’occupazione, le emergenze abitative, la famiglia e la salute (cfr. fig. 5):

  • 8 Nella fase attuale è impossibile dire se si tratti di un fenomeno strutturalmente di nicchia o se l (...)
  • 9 Sono dieci i progetti attivi (tre in Giappone e sette in varie località nel mondo) e trentacinque i (...)
  • 10 Pure essendo “solo” 20 i progetti in attivazione in Europa, è in crescita il numero di paesi che st (...)

29Nonostante l’interesse diffuso di pratictioners e studiosi nei confronti dello strumento, «il tasso di adozione dei SIBs è ancora relativamente modesto e la curva di diffusione è ben lungi dall’aumentare»8 (Arena et al., 2016). Come si vede dai grafici, le sperimentazioni sono comunque in (seppure moderata) crescita in tutti i continenti9 compresa l’Europa10 e, inoltre, potrebbero non restare a lungo estranee al contesto italiano: anche l’Italia compare del database con un progetto non ancora avviato. Si tratta di un SIB che, ispirandosi alle già consolidate esperienze estere, si propone di ridurre la recidiva nei detenuti della casa Circondariale Lorusso e Cutugno di Torino. L’iniziativa – che è stata presentata a Torino il 12 giugno 2017 alla presenza del Ministro della Giustizia Andrea Orlando – si è strutturata su uno studio di fattibilità condotto da Fondazione sviluppo e crescita CRT e Human Foundation (2016).

Figura 5 Aree di intervento progetti attivati e in sviluppo

Figura 5 Aree di intervento progetti attivati e in sviluppo

Fonte: ns. elaborazione su dati Social Finance

  • 11 Il problema sarebbe il possibile comportamento opportunistico (moral hazard) dell’agent, ovvero del (...)

30Nel mondo gli ostacoli principali alla diffusione dei SIBs si rilevano prevalentemente sul versante della domanda: gli investitori nutrono ancora un interesse limitato nei confronti di questo prodotto (Giacomantonio, 2017; Arena et al., 2016; Del Giudice, 2015). In particolare – alla luce del fatto che lo schema prevede che il provider del servizio sia pagato indipendentemente dal raggiungimento dell’obiettivo prefissato – la letteratura specifica sui SIB (ad es. Wong et al., 2013; Del Giudice, 2015), ha utilizzato la principal-agent theory per spiegare lo scarso interesse degli investitori verso un prodotto con degli alti costi di agenzia11. In effetti la quasi totalità delle realizzazioni concrete di SIB analizzate da Arena et al. (ovvero 16 progetti sui 20 esaminati, Arena et al., 2016) si differenzia dal prototipo proprio per la presenza di forme di garanzie del capitale investito, fornite dagli attori filantropici (che tendono, quindi, a svolgere un ruolo cruciale in questa fase di avvio) e – non di rado – dallo stesso attore pubblico. Come è stato recentemente notato, «le iniziative finanziate da SIB che sono scelte razionali per i governi è improbabile che siano attraenti per gli investitori (e viceversa)» (Giacomantonio, 2017, trad. nostra).

31In Italia questo tipo di problema non è ancora stato particolarmente approfondito e la riflessione di studiosi e pratictioners si è fino ad ora concentrata su altri ostacoli all’applicabilità dei SIBs. Fino a tempi recenti si considerava un’importante barriera alla diffusione di questo tipo di strumenti la legislazione che regolamentava il settore non-profit (Bengo e Calderini, 2016): il divieto di distribuire utili per gli enti non-profit italiani rendeva, secondo opinione diffusa, il Terzo Settore poco dinamico e innovativo. La recente riforma del Terzo Settore e dell’impresa sociale approvata in Italia– legge-delega n. 106 del 6/6/2016, in G.U. 18/6/201612 – intervenendo alla radice del problema, potrebbe invece spianare la strada alla sperimentazione di progetti di impact investing finanziati da SIBs. La riforma va, infatti, nella direzione di «mitigare le normative che impediscono alle organizzazioni del settore sociale di generare entrate» (Social Impact Investment Task Force, 2014a, 17). Tra le modifiche intervenute nel quadro normativo italiano, sono da menzionare in particolare le implicazioni di tre interventi: l’avvenuta riqualificazione dell’impresa sociale (Art. 6), l’istituzione della “Fondazione Italia Sociale” (Art. 10) e la definizione di “valutazione dell’impatto sociale” (Art. 7). La nuova regolamentazione dell’impresa sociale – disciplinata nel dettaglio con decreto attuativo DL 112 del 3/7/2017 in G.U. 19/07/201713 – di fatto istituisce un nuovo soggetto al confine tra profit e no-profit: essa, infatti, prevede «forme di remunerazione del capitale sociale che assicurino la prevalente destinazione degli utili al conseguimento dell’oggetto sociale» (corsivo nostro). Questa previsione si è tradotta nella misura di dettaglio all’art. 3 comma 3 del DL 112 del 3/7/2017, la quale prevede che l’impresa sociale può destinare una quota inferiore al cinquanta per cento degli utili e degli avanzi di gestione annuali ad aumento gratuito del capitale sociale sottoscritto e versato dai soci.

32La Fondazione avrà, invece, il compito di intercettare capitali (preferibilmente privati) da trasferire ai soggetti del terzo settore, potendo, forse, in futuro assumere il ruolo di intermediario specializzato per prodotti finanziari quali i SIBs (figura al momento assente nello scenario italiano). Riguardo alla valutazione di impatto, centrale nella riflessione sui SIBs, il decreto ne fornisce, tuttavia, una definizione molto generica e sarà necessario attendere le linee guida attualmente in stesura da parte di un gruppo di lavoro ministeriale per riflettere sulle possibili implicazioni.

  • 14 In letteratura, accanto a questi problemi, sono generalmente citati come ostacoli alla diffusione d (...)

33Sempre da un punto di vista normativo/amministrativo, altri ostacoli alla diffusione dei SIBs sono stati rinvenuti (Fondazione Cariplo, 2013; Del Giudice, 2015; Pasi, 2015) nella regolamentazione degli affidamenti e nei principi di gestione della finanza pubblica14. Rispetto a tali difficoltà, tentativi di interpretazione e di riforma della legislazione esistente sono in corso nella comunità scientifica e politica nazionale (Human Foundation, 2017; Fondazione Cariplo, 2013).

34Volendo leggere gli “aggiustamenti” qui brevemente enunciati attraverso le lenti teoriche individuate nel primo paragrafo, le forme di innovazione istituzionale o legislativa in atto potrebbero essere interpretate come quei cambiamenti “necessari” nel modo di regolazione, richiesti dal regime di accumulazione finance-led in via di affermazione.

3. Conclusioni

35Attraverso una ricognizione della letteratura internazionale e l’analisi di due particolari strumenti di policy, l’articolo ha mostrato la rilevanza dell’intreccio tra due canali analiticamente distinti della finanziarizzazione del welfare: quello della filantropia e quello della creazione di asset a partire da beni e servizi legati a diritti sociali fondamentali (Belotti e Caselli, 2016).

36Sulla base dell’analisi proposta, appare fondato sostenere che lo spazio dell’innovazione sociale nell’ambito del welfare possa diventare – per tramite dei SIBs o di altre formule di investimento di impatto – uno spazio redditizio per l’accumulazione finanziaria. Il processo di finanziarizzazione dell’economia ha già prodotto la penetrazione dell’accumulazione finanziaria in ambiti non finanziari, come la produzione industriale (cfr. in questo fascicolo il contributo di Salento e Tafuro) e gli investitori istituzionali sono alla continua ricerca di nuovi ambiti nei quali realizzare rendimenti del capitale. Il ruolo specifico che in questi processi possono giocare le fondazioni filantropiche trova riscontro in una vasta letteratura che ne ha studiato le ambizioni in termini di produzione e consolidamento di egemonia e di ricerca di nuove fonti di accumulazione della ricchezza (Barman, 2017).

37In questo quadro, quando le fondazioni filantropiche agiscono come investitori, se da un lato includono parametri “più sociali” nella determinazione dei loro investimenti, dall’altro introducono nel mondo delle politiche sociali logiche e strumenti che possono produrre dinamiche assai pericolose. L’analisi dei fondi immobiliari per l’housing sociale, esperienza consolidata in Italia e recentemente presentata come modello in sede europea, e del Social Impact Bond, strumento all’avanguardia a livello internazionale nel campo della finanza di impatto e di prossima sperimentazione in Italia, ci hanno permesso di riprendere e sviluppare gli aspetti più problematici del fenomeno identificati da Belotti e Caselli (Belotti e Caselli, 2016) e di mettere a fuoco un ulteriore aspetto di criticità.

38In primo luogo, i casi analizzati confermano la centralità dello Stato nella promozione dei processi di finanziarizzazione e la crescente inclusione di attori finanziari nelle sfere della programmazione delle politiche. Più precisamente, in entrambi i casi analizzati si registrano interventi de-regolativi prima e ri-regolativi poi, ma anche processi di costruzione di alleanze, scambio di saperi e strumenti di policy e costruzione di partnership tra attori pubblici e attori finanziari. In entrambi i casi, inoltre, l’intervento pubblico (da fonte nazionale o locale) si gioca anche sul piano economico-finanziario ed è decisivo per permettere agli investitori tassi di ritorno sull’investimento soddisfacenti.

39Interessanti spunti emergono di conseguenza a proposito di un secondo elemento di dibattito, ovvero quello dell’auto-sostenibilità economica degli interventi della finanza di impatto. Tale ipotesi esce infatti profondamente indebolita e perfino rovesciata ad un’analisi più ravvicinata della realtà empirica. Se la finanza di impatto opera sul livello retorico una forte delegittimazione degli interventi finanziati attraverso la modalità del contributo a fondo perduto, nei programmi promossi sotto la sua egida (sia il SIF che i SIBs) una forma di spesa pubblica a fondo perduto si rende spesso necessaria per attirare gli investitori privati. Più complessivamente, si conferma il fatto che la dinamica win-win su cui si regge l’intero impianto della finanza d’impatto, è lungi dall’essere garantita (Giacomantonio, 2017).

40I casi presentati confermano anche l’ambiguità e la confusione tra dinamiche di capacitazione individuale e collettiva da un lato e dinamiche di messa a valore economica e finanziaria di sfere private dell’esistenza della popolazione target delle politiche sociali dall’altro: nella misura in cui la remunerazione degli investimenti finanziari in un servizio di welfare dipende dalla virtù (economica e morale) dei suoi destinatari, una quota crescente dei comportamenti di questi ultimi diventa una variabile dell’investimento e assume il ruolo primario di garantirne il successo (Belotti, 2016; Cooper et al., 2016; Lake, 2017). Come abbiamo già evidenziato, questo sollecita processi di selezione dei beneficiari dei finanziamenti sulla base del loro maggiore o minore “rischio di non-performatività”: ciò avviene sia nel caso della scelta delle popolazioni target dei SIB che nel caso della scelta dei progetti locali “ammissibili” nel SIF.

41Inoltre, sotto la pressione delle forme di impact investing qui approfondite, si confermano anche la crescente polarizzazione interna al Terzo Settore e i rischi di isomorfismo di questo rispetto al mondo finanziario. All’interno di un settore di attività altamente differenziato e già polarizzato come quello del non-profit, l’ingresso di grandi investitori promuove ulteriori forme di competizione per l’accesso alle risorse; le grandi dimensioni e le garanzie di “bancabilità” richieste dai finanziatori fanno sì che questa competizione veda gli attori oggi dominanti rafforzarsi ulteriormente a danno di quelli più piccoli (De Leonardis, 1998; Cerri, 2003; Caselli, 2015). Il modello SIB è intrinsecamente premiale nei confronti dei soggetti non-profit più strutturati e “innovativi”, capaci di operare come soggetti di mercato, di entrare in dinamiche negoziali complesse e di garantire il raggiungimento dei risultati previsti da progetto. Questo di fatto marginalizza i soggetti con una vocazione meno imprenditoriale.

42Emerge infine un interessante paradosso rispetto ai processi di quantificazione e ai conseguenti processi di depoliticizzazione dell’azione pubblica (De Leonardis, 2013; Busso, 2015; 2017). Nonostante la centralità delle retoriche sull’efficacia e la trasparenza che la finanza di impatto introdurrebbe nell’opaco campo delle politiche sociali, va notato che sia i fondi immobiliari per l’housing sociale sia il Social Impact Bond presentano notevoli elementi di opacità. In particolare, per loro natura, entrambi gli strumenti prevedono che aspetti decisivi dei processi che innescano siano regolati da contratti tra attori privati, che per definizione non sono di dominio pubblico. È il caso del Regolamento del FIA nell’ambito del SIF per l’housing sociale (Fontana e Lareno, 2015) così come di molti contratti tra privati nel campo dei SIB di cui si occupa la letteratura internazionale (Cooper et al., 2016). La mancanza di trasparenza dei processi dunque emerge come un fattore critico del policy-making “finanziarizzato”. Gli effetti di «assottigliamento del dibattito politico sulle soluzioni, sui modelli di intervento e sui principi» (Busso, 2017) che contraddistinguono la depoliticizzazione delle politiche sociali si verificano dunque in mancanza (o quantomeno di inaccessibilità del dibattito pubblico) di quelle stesse evidenze e dati che dovrebbero legittimarli.

43Sottolineando questi aspetti problematici, l’articolo si propone non solo di contribuire a sviluppare anche a livello italiano un dibattito accademico internazionale in grande crescita, ma anche di fornire elementi di ricerca e riflessione utili al dibattito pubblico e all’azione del legislatore, mostrando così le potenzialità di uno sguardo che coniughi analisi puntuale degli strumenti e degli attori con approcci critici di più vasto respiro.

Torna su

Bibliografia

Accenture (2012), Delivering Public Service for the Future: Navigating the Shifts, www.accenture.com.

Acri (2017), Ventiduesimo Rapporto sulle Fondazioni di Origine Bancaria. Anno 2016, Roma, Acri.

Adloff F. (2016), Approaching Philanthropy from a social theory perspective, in Jung T., Philips S.D., Harrow J. (a cura di) (2016), The Routledge Companion of Philanthropy, London, Routledge, pp. 56-71.

Aitken R. (2007), Performing Capital. Toward a Cultural Economy of Popular and Global Finance, New York, Palgrave Macmillan.

Arena M., Bengo I., Calderini M., Chiodo V. (2016), Social Impact Bonds: Blockbuster or Flash in a Pan?, «International Journal of Public Administration», 39, 12, pp. 927-939, DOI: 10.1080/01900692.2015.1057852.

Ascoli U., Pavolini E. (2016), The Italian welfare state in a European perspective, Bristol, Policy Press.

Barbetta G. (2013), Le Fondazioni. Il motore finanziario del terzo settore, Bologna, il Mulino.

Barman E. (2016), Caring Capitalism. The meaning and measures of social value, Cambridge, Cambridge University Press

Barman E. (2017), The social bases of Philanthropy, «Annual Review of Sociology», 43, pp. 271-290.

Belotti E. (2016), Market-oriented models of social housing as tools for social mix: the case of Bergamo, GSSI Cities Working Paper, 29.

Belotti E., Caselli D. (2016), La finanziarizzazione del welfare. Un’esplorazione del caso italiano, «Urbanit Working Paper», Bologna, Centro Nazionale di Studi per le Politiche Urbane.

Bengo I., Calderini M. (2016), New development: Are social impact bonds (SIBs) viable in Italy? A new roadmap, «Public Money & Management», 36, 4, pp. 303-306.

Bengo I., Caloni D. (2016), La misurazione di impatto. Una proposta per un percorso condiviso, contributo di riflessione al position paper «Valore e potenziale dell’impresa sociale», www.socialimpactagenda.it

Bifulco L. (a cura di) (2005), Le politiche sociali, Roma, Carocci.

Bifulco L., Borghi V., De Leonardis O., Vitale T. (2005), Che cos’è pubblico?, «La Rivista delle Politiche Sociali», 2, pp. 7-12.

Bonoli G., Natali D. (2012), The politics of the new welfare state, Oxford, Oxford University Press.

Borghetti E. (2013), I Fondi di investimento immobiliare nell’Housing Sociale, strumento poco efficace in un rapporto pubblico/privato ancora problematico, Tesi di Dottorato in Pianificazione Territoriale e Urbana, Roma, Università La Sapienza.

Boyer R. (2000), Is a finance-led growth regime a viable alternative to Fordism? A preliminary analysis, «Economy and society», 29,1, pp. 111-145.

Boyer R. (2007), Fordismo e postfordismo. Il pensiero regolazionista, Milano, Università Bocconi Editore.

Brandstetter L., Lehner O. M. (2015), Opening the market for impact investments: The need for adapted portfolio tools, «Entrepreneurship Research Journal», 5, 2, pp. 87-107.

Bricocoli M., Cucca R. (2014), Social mix and housing policy: local effects of a misleading rhetoric. The case of Milan, «Urban Studies», 53, 1, pp. 77-91.

Busso S. (2015), What works. Efficacia e quantificazione nelle politiche sociali in trasformazione, «Rivista Italiana di Sociologia», LVI, 3-4, pp. 479-501.

Busso S. (2017), The De-Politicization of Social Policy in Time of Social Investment. Mechanisms and Distinctive Features, «Partecipazione e Conflitto», 10, 2, pp. 421-447.

Caliskan K., Callon M. (2010), Economization, Part 2: A Research Programme for the Study of Markets, «Economy and Society», 39, 9, pp. 1-32.

Callon M., Muniesa F. (2005), Peripheral vision: Economic Markets as Calculative Collective Devices, «Organization Studies», 26, 8, pp. 1229-1250.

Caselli D. (2015), Comunità, impresa, responsabilità, in Moini G. (2015) (a cura di), Neoliberismi e azione pubblica. Il caso italiano, Roma, Ediesse.

Caselli D. (2016), Between the Invisible Hand and the Invisible Heart. Italian Welfare Restructuring and the Quest for a New Neoliberal Hegemony, «Partecipazione e Conflitto», 9, 2, pp. 387-413.

Caselli D. (2017), Bringing Finance in the field. Insights into the Financialization of Italian Welfare from the Perspective of Sociology of Expertise, paper presentato alla International Conference Social Finance, Impact Investing and the Financialization of Public Interest, Hamburg University, 23-24 March.

Caudo G. (2012), Povera casa, «Archivio di Studi Urbani e Regionali», 105, pp. 121-128.

Cerri M. (2003), Il Terzo Settore, Bari, Dedalo Editore.

Chiappello E. (2015), Financialisation of valuation, «Human Studies», 38, pp. 13-35.

Child C., Gibbs B. G., Rowley K. J. (2017), Paying for success: An appraisal of social impact bonds, «Global Economics and Management Review», 21, pp. 36-45, DOI: 10.1016/j.gemrev.2016.12.001.

Cooper C., Graham C., Himick D. (2016), Social Impact Bonds: The securitization of the homeless, «Accounting, Organizations and Society», 55, pp. 63-82.

COVIP (2016), Relazione per l’anno 2015, Roma, COVIP.

De Leonardis O. (2009), Conoscenza e democrazia nelle scelte di giustizia: un’introduzione, «La Rivista delle politiche sociali», 3, pp. 73-84.

Del Giudice A. (2015). I social impact bond, Milano, Franco Angeli.

Dowling E. (2017), In the wake of austerity: Social Impact Bonds and the financialisation of the welfare state in Britain, «New Political Economy», 22, 3, pp. 294-310.

Epstein G. A. (a cura di) (2005), Financialization and the world economy, Cheltenham, Nort-hampton - MA, Edward Elgar Publishing.

Fama M. (2016), Il governo della povertà ai tempi della microfinanza, Verona, Ombre Corte.

Fisher D. (1983), The role of philanthropic foundations in the reproduction and production of hegemony: Rockefeller Foundations and the social sciences, «Sociology», 17, 2, pp. 206-233.

Fondazione Cariplo (2013), I Social Impact Bond: la finanza al servizio dell’innovazione sociale?, «Quaderni dell’Osservatorio», 11.

Fondazione sviluppo e crescita CRT & Human Foundation (2016), L’applicazione di strumenti pay by result per l’innovazione dei programmi di reinserimento sociale e lavorativo delle persone detenute, www.humanfoundation.it.

Fontana C., Lareno J. (2015), Un nuovo strumento per la casa sociale. Il Sistema Integrato di Fondi Immobiliari tra socialità e redditività, «Territorio», 74, pp. 163-172.

Fontana C., Lareno J. (2017), Il Sistema Integrato di Fondi Immobiliari e la finanziarizzazione della casa sociale, «Archivio di Studi Urbani e Regionali», 118 suppl., pp. 103-129.

Forum Finanza Sociale (2016), Integrare gli aspetti di sostenibilità nell’attività delle Fondazioni Italiane, www.finanzasostenibile.it.

Fraser A., Tan S., Lagarde M., Mays N. (2016), Narratives of promise, narratives of caution: A review of the literature on Social Impact Bonds, «Social Policy & Administration», DOI: 10.1111/spol.12260.

Freireich J., Fulton K. (2009), Investing for social and environmental impact: A design for catalyzing an emerging industry, Monitor Institute, January.

Gallino L. (2011), Finanzcapitalismo, Torino, Einaudi.

Gambardella D., Rossi M., Salomone R. (2018), Social finance as a public policy instrument, CeRP WP, 178/18.

Giacomantonio C. (2017), Grant-maximizing but not money-making: A simple decision-tree analysis for Social Impact Bonds, «Journal of Social Entrepreneurship», VIII, 1, pp. 47-66, DOI: 10.1080/19420676.19422016.11271348.

GIIN (2017), Annual Impact Investor Survey, disponibile all’indirizzo https://thegiin.org/knowledge/publication/annualsurvey2017.

Gramsci A. (1967), Sul Risorgimento, Roma, Editori Riuniti.

Gramsci A. (1975), Quaderni dal Carcere, volume secondo, in Id., Quaderni 6-11 (1930-1933), Torino, Einaudi.

Harji K., Jackson E. T. (2012), Accelerating impact: Achievements, challenges and what’s next in building the impact investing industry, New York City, The Rockefeller Foundation.

Hay C. (2007), Why we hate politics, Cambridge, Polity Press.

Höchstädter A. K., Scheck B. (2015), What’s in a name: An analysis of impact investing understandings by academics and practitioners, «Journal of Business Ethics», 132, 2, pp. 449-475.

Lake R. (2017), The new class structure of Social Impact Finance, paper presentato alla International Conference Social Finance, Impact Investing and the Financialization of Public Interest, Hamburg University, 23-24 March.

Maier F., Barbetta G. P., Godina F. (2016), Paradoxes of Social Impact Bonds, «Social Policy & Administration», DOI: 10.1111/spol.12343.

Martin R. (2002), Financialization of Daily Life, Philadelphia, Temple University Press.

McGoey L. (2015), No Such Thing as a Free Gift: The Gates Foundation and the Price of Philanthropy, London, Verso Books.

McGoey L. (2012), Philanthrocapitalism and its critics, «Poetics», 40, pp. 185-199.

McHugh N., Sinclair S., Roy M., Huckfield L., Donaldson C. (2013), Social impact bonds: A wolf in sheep’s clothing?, «Journal of Poverty and Social Justice», 21, 3, pp. 247-257.

Michelucci F. V. (2016), Social Impact Investments: Does an Alternative to the Anglo-Saxon Paradigm Exist?, «VOLUNTAS: International Journal of Voluntary and Nonprofit Organizations», pp. 1-24.

MIT (2010), Allegato 2 al Decreto direttoriale 23 marzo 2010, prot. n. 3450 – Capitolato d’oneri per lotto 1 e lotto 2, www.mit.gov.it/mit/site.php?p=cm&o =vd&id=701.

O’Donohoe N., Leijonhufvud C., Saltuk Y., Bugg-Levine A., Brandenburg, M. (2010), Impact investments. An emerging asset class https://thegiin.org/research/publication/impact-investments-an-emerging-asset-class.

Oleksiak A., Nicholls A., Emerson J. (2015), Impact Investing: A market in evolution, in Nicholls A., Paton R., Emerson J. (a cura di), Social Finance. Oxford, Oxford University Press.

Pasi G. (2015), I social impact bond: nuovi schemi negoziali tra misurazione dell’impatto e finanza strutturata, in Secondo rapporto sul secondo welfare, disponibile all’indirizzo: http://www.secondowelfare.it/rapporti/2r2w/capitolo-13.html.

Pasi G. (2017), Modelli di risposta ai bisogni sociali e possibili scenari di riforma, Position Paper, Social Impact Agenda per l’Italia, Roma, www.socialimpactagenda.it.

Pizzuti F.R. (a cura di) (2017), Rapporto sullo Stato Sociale 2017, Roma, Sapienza Università Editrice.

Pujia V. (2017), Processi di finanziarizzazione e modelli di esclusione. Il caso della riforma lombarda dell’edilizia residenziale pubblica, paper presentato alla X Conferenza Espanet Italia, Università di Bologna-Forlì, 21-23 settembre 2017.

Roy A. (2010), Poverty Capital: Microfinance and the Making of Development, London, Routledge.

Sacket D., Rosenberg W. M. C., Muir Gray J. A., Haynes R. B., Richardson W. S. (1996), Evidence-based medicine. What it is and what it isn’t, «British Medecine Journal», 312, pp. 71-72.

Salamon L. M. (2014), New frontiers of philanthropy: A guide to the new tools and new actors that are reshaping global philanthropy and social investing, USA, Oxford University Press.

Sanderson I. (2002), Making sense of “what works”: evidence based social policy maling as instrumental rationality?, «Public Policy and Administration», 17, 3, pp. 61-75.

Schinckus C. (2015), The valuation of social impact bonds: An introductory perspective with the Peterborough SIB, «Research in International Business and Finance», 35, pp. 104-110.

Sherraden M. (1991), Assets for the poor, New York, Sharpe Incorporated.

Social Impact Investment Taskforce (2014a), Impact Investment: The invisible heart of markets, disponibile all’indirizzo www.socialimpactinvestment.org.

Social Impact Investment Taskforce (2014b), La finanza che include. Rapporto italiano della Social Impact Investment Task Force istituita in ambito G8, disponibile all’indirizzo www.socialimpactagenda.it.

Trelstad B. (2016), Impact Investing: A Brief History, «Capitalism and Society», 11, 2, art. 4.

Van der Zwan N. (2014), Making sense of financialization, «Socio-economic Review», 12, 1, pp. 99-129.

Warner M. E. (2013), Private finance for public goods: social impact bonds, «Journal of Economic Policy Reform», 16, 4, pp. 303-319.

Williams J. (2017), Capturing the “Invisible Heart of the Markets”. Social Impact Bonds, Private Capital, and Emerging Markets in Social Services, paper presentato alla International Conference Social Finance, Impact Investing and the Financialization of Public Interest, Hamburg University, 23-24 March.

Wong J., Ortmann A., Motta A., Zhang L. (2016), Understanding Social Impact Bonds and Their Alternatives: An Experimental Investigation, in Goerg S. J., Hamman J. R. (a cura di) (2016) Experiments in Organizational Economics, Emerald Group Publishing Limited, pp. 39-83.

Torna su

Note

1 Cfr. https://thegiin.org/impact-investing/

2 Il calcolo è ottenuto considerando i settori “assistenza sociale”, “filantropia e volontariato” e “sanità” (elaborazione a partire dai dati Acri 2017). Il settore “educazione” è stato escluso poiché mutato nella definizione e negli strumenti e difficilmente comparabile nel tempo.

3 Una parte importante della produzione di conoscenza sul tema è stata prodotta direttamente o commissionata a terzi da Fondazione Housing Sociale, ovvero il principale promotore delle iniziative e si è generalmente concentrata sulla discussione di questioni tecniche relative al costruito o alla sua gestione tralasciando completamente di problematizzare i vincoli dello strumento rispetto al bisogno abitativo esistente (si veda la sezione “Tools” del sito www.fhs.it per una bibliografia selezionata). Gli articoli della stampa generalista hanno generalmente ripreso narrazioni e dati prodotte dal medesimo attore. Per dare un’idea dell’entusiasmo che continua a circondare tali iniziative, si rimanda alla puntata del 22 maggio 2016 della trasmissione Report, solitamente tra le più intransigenti fonti di informazione critica e indipendente del nostro Paese.

4 Una breve nota sull’uso della parola “bond” nell’acronimo SIB: Il SIB non è un titolo obbligazionario in senso stretto perché non prevede una remunerazione fissa sul capitale investito; i rendimenti per gli investitori, infatti, sono commisurati all’impatto sociale generato dal progetto finanziato (Fondazione Cariplo, 2013). Il SIB, pertanto, va concettualmente distinto dal cosiddetto “social bond” che è un titolo obbligazionario in cui l’investitore rinuncia a parte della remunerazione sul capitale per destinarla ad una causa sociale (sull’opportunità di ricorrere ai due strumenti cfr. Gambardella et al., 2018).

5 Il primo e più menzionato SIB risale al 2010 ed ha finanziato un progetto per la riduzione della recidiva nei detenuti del carcere di Peterborough, nel Regno unito.

6 Per la costruzione dei grafici abbiamo aggregato sotto l’etichetta di “Paesi anglosassoni”: Regno Unito, Stati Uniti, Canada, Australia e Nuova Zelanda. Nell’etichetta “Europa continentale” è inclusa anche l’Irlanda.

7 Dati aggiornati al novembre 2017, estratti dal SIB database di Social Finance, consultabile all’indirizzo http://sibdatabase.socialfinance.org.uk/.

8 Nella fase attuale è impossibile dire se si tratti di un fenomeno strutturalmente di nicchia o se l’innovazione costituita dai SIBs sia in una fase di pre-diffusione (Arena et. al. 2016 propendono per questa seconda ipotesi).

9 Sono dieci i progetti attivi (tre in Giappone e sette in varie località nel mondo) e trentacinque in via di attivazione.

10 Pure essendo “solo” 20 i progetti in attivazione in Europa, è in crescita il numero di paesi che sta effettuando sperimentazioni. Sono nove (Olanda, Portogallo, Germania, Belgio, Svizzera, Austria, Svezia, Francia, Finlandia) i paesi in cui esistono già SIBs attivi, ma saranno quindici quelli che li avranno attivati nel prossimo futuro (si aggiungeranno Norvegia, Italia, Estonia, Irlanda, Danimarca e Spagna).

11 Il problema sarebbe il possibile comportamento opportunistico (moral hazard) dell’agent, ovvero del provider del servizio.

12 Cfr. http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2016/06/18/16G00118/sg.

13 Cfr. http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/07/19/17G00124/sg.

14 In letteratura, accanto a questi problemi, sono generalmente citati come ostacoli alla diffusione dei SIBs anche: i vincoli di bilancio dello Stato che non incentivano gli investimenti a medio-lungo termine; la scarsa propensione all’innovazione delle PA (con una distinzione tra amministrazioni nazionali e locali, più dinamiche) e la mancanza di competenze adeguate alla gestione di un rapporto contrattuale complesso come è il SIB; la frammentarietà del panorama di servizio pubblico italiano, che rende difficile individuare quale ente debba commissionare il progetto finanziato da SIB.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Figura 1 Andamento erogazioni e MRI a confronto (2007-2015)
Credits Fonte: elaborazione su dati Acri (Acri, 2017)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1905/img-1.jpg
File image/jpeg, 36k
Titolo Figura 2 Andamento erogazioni totali ed erogazioni per il welfare (2007-2016)
Credits Elaborazione su dati Acri (Acri, 2017)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1905/img-2.jpg
File image/jpeg, 48k
Titolo Figura 3 Schema tipico di un SIB
Credits Fonte: Warner, 2013, 305
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1905/img-3.jpg
File image/jpeg, 104k
Titolo Figura 4 Progetti attivati e in sviluppo nel mondo
Credits Fonte: ns. elaborazione su dati Social Finance
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1905/img-4.jpg
File image/jpeg, 52k
Titolo Figura 5 Aree di intervento progetti attivati e in sviluppo
Credits Fonte: ns. elaborazione su dati Social Finance
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1905/img-5.jpg
File image/jpeg, 59k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Davide Caselli e Federica Rucco, « La finanziarizzazione del welfare »Quaderni di Sociologia, 76 | 2018, 57-80.

Notizia bibliografica digitale

Davide Caselli e Federica Rucco, « La finanziarizzazione del welfare »Quaderni di Sociologia [Online], 76 | 2018, online dal 01 février 2019, consultato il 30 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1905; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1905

Torna su

Autori

Davide Caselli

Dipartimento di Culture, Politica e Società – Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Federica Rucco

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull’Uomo – Università del Salento

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search