Navigazione – Mappa del sito
note e testimonianze

Significati, utilizzi e fortune del concetto di governance

Alfio Mastropaolo
p. 147-149

Testo integrale

1Il compito assegnato alle parole – e ai concetti – è sempre arduo. Sono tra le tante invenzioni con cui gli esseri umani cercano di ordinare, semplificare e governare il mondo intorno a sé. Non sono pacifici. Parole e concetti sono imposti in vario modo da alcuni ad altri. Ci sono addetti professionali che se ne prendono cura, ma questo non ne semplifica il destino. Soprattutto parole e concetti non sono univoci. Molti hanno una pluralità di significati, spesso incoerenti. In più, cambiano facilmente. Destinati a mettere ordine, i dizionari di rado vi riescono. Intanto perché i dizionari sono tanti. In secondo luogo, perché neanche l’autorità dei dizionari pacifica i significati.

2Se c’è un termine da ultimo usato e abusato, che di significati ne ha pure troppi, è quello di governance. I suoi usi sono molti, le origini sono antiche e le implicazioni politiche del suo impiego tutt’altro che secondarie. L’agile, ma denso, libro di Jean-Pierre Gaudin, Critique de la gouvernance, une nouvelle morale politique (La Tour d’Aigues, Éditions de l’Aube, 2014; trad. it. a cura di S. Volpe, La governance a double-face. Declinazioni e contraddizioni, Roma, Aracne, 2017), uno studioso francese a lungo dedicatosi alle questioni del governo del territorio e ad altre ancora, compie un apprezzabile sforzo per inventariarne i significati e utilizzi, oltre che per ragionare sulle sue fortune. 


3Di significati l’indagine di Gaudin ne trova tanti. Quel che hanno in comune è la preferenza per fenomeni a prima vista inediti e che comunque, per diverse ragioni, non si vogliono denominare con parole già note. Il termine/concetto di governance è sopravvenuto dopo altri sforzi di adeguare il linguaggio al mutamento sociale e politico. Uno, memorabile, era stato condotto negli anni ’60 tramite il concetto di “sistema politico”. La politica e l’azione di governo della vita collettiva si erano dilatati al punto da non essere più riducibili all’idea di Stato: partiti e gruppi di interesse ne avevano dissolto la compattezza.

4Etimologicamente contigui a quello di governance, due altri tentativi sono stati più tardi perpetrati tramite il concetto di “governabilità” e quello, foucaltiano, di “governamentalità”. Il primo lo introdusse a metà anni ’ 70 il famigerato Rapporto della Commissione Trilaterale. I regimi democratici, decretava il rapporto, non erano più governabili. O non erano più governabili come si era fatto finora. Non era però più questione di deficit di legittimità, che era il vizio in precedenza evocato, ma di deficit al contempo di efficacia e di efficienza. La governabilità era un modo per denunciare un doppio deficit, che investiva l’intero sistema politico.

5Il concetto di governamentalità, coniato da Foucault più o meno nello stesso periodo, riconosceva per parte sua l’ubiquità dell’azione di governo. Gli esseri umani non sono governati solo dallo Stato, ma l’azione di governo permea le relazioni sociali e si avvale di una pluralità di dispositivi. Smentita ogni crisi dello Stato, o del sistema politico, le contingenze storiche e sociali ridislocavano di continuo l’azione di governo da un’istituzione all’altra. Anche la concorrenza di mercato, cara al neoliberalismo, è una tecnica di governo, come lo è la libertà di parola, di pensiero, di associazione, di voto e via di seguito.

6Come questo libro dimostra, la governance segna un trapasso: indica un movimento che intende archiviare la plurisecolare tradizione di governo attraverso lo Stato e fondata sui principi di sovranità e autorità e soppiantarla con una tecnica alternativa di conduzione della vita associata. A lungo andare il principio di sovranità aveva subito sostanziali attenuazioni, grazie ai regimi rappresentativi e alla loro evoluzione in regimi democratici, ma simbolicamente resisteva: ne erano prova le carte costituzionali. A fronte della sovranità statale, regolata dalla costituzione, c’era il mercato, in quanto spazio dello scambio e della concorrenza. Il concetto di governance lumeggia l’ibridazione tra le due sfere: la cooperazione orizzontale, reticolare e negoziale. Cospicua è la componente normativa dell’operazione. Già, perché cooperare è assai più virtuoso che imporre e ha pure il pregio di scongiurare il conflitto e non è nemmeno venale com’è necessariamente il mercato.

7Gaudin approfondisce alcune manifestazioni della governance, di cui due in qualche modo polari. La prima è la governance internazionale, cioè il superamento del bipolarismo del dopoguerra e l’entrata in scena di nuove grandi potenze, da cui la ricerca di nuove forme di governare le relazioni internazionali, magari cooperative. A ciò concorrono istituzioni appositamente allestite. Alle Nazioni Unite si sono affiancate altre istituzioni, assai più possenti, come il Fmi e il Wto. Nonché istituzioni regionali di governo come quelle dell’Unione europea. All’altro polo c’è la governance locale: quella delle nuove procedure e istituzioni partecipative, di cui la più sofisticata variante è la democrazia deliberativa. Ma dove soprattutto la governance manifesta appieno le sue ambizioni. Il territorio è il luogo di elezione dei partenariati pubblico/privato, con la conseguente dissoluzione del confine tra le due sfere, che un tempo si teneva a separare

8Molti particolari sono pregevoli nel profilo disegnato da Gaudin. Uno riguarda l’origine del termine. Il cui successo è frutto di un’importazione terminologica dal linguaggio d’impresa. Alla diffusione delle politiche pro-market ha corrisposto una vasta contaminazione linguistica, di cui la governance è solo un caso. Un altro tema approfondito è il New public management, cioè la riarticolazione della macchina amministrativa pubblica in agenzie indipendenti, sottoposte alle procedure e alla cultura d’impresa, dunque al calcolo costi/benefici. Anche codesta è un’innovazione riconducibile alla governance.

9Quant’è originale la governance? Gaudin se lo chiede e risponde: molto meno di quanto il termine voglia suggerire. Già il cosiddetto neocorporativismo era una forma di governance. Per dirla con Molière, i regimi democratici, e non solo quelli, sovente parlavano in governance senza saperlo. In apparenza la governance riconosce il pluralismo delle società contemporanee nella sua pienezza. Ma non è il caso di fermarsi alle apparenze: si fa governance finanche in Cina, cui è dedicata la parte iniziale del libro. La Repubblica popolare e la società cinese hanno una straordinaria capacità di apprendimento. Stavolta hanno studiato, appreso e importato anche la governance: che è un discreto farmaco per ridurre preoccupazioni e sofferenze di chi dalla Città proibita governa un paese immenso e differenziato come forse nessun altro.

10Un ultimo tema che il libro di Gaudin mette a fuoco è l’apoliticità della governance. Il pluralismo della stagione che ne ha preceduto il successo era pluralismo politico. Ciascuna parte del pluralismo era portatrice di interessi e di progetti di governo in tensione tra loro. La sfida consisteva nel ricomporli, superando i conflitti che ne scaturivano: conflitti sociali e politici, conflitti pacifici, quando tradotti nel linguaggio delle elezioni, talora anche conflitti violenti. Il pluralismo della governance suppone che le parti in causa si siedano attorno a un tavolo e trovino un accordo non sulla base di “pregiudizi” politici, ma di convenienze reciproche, o delle competenze dei tecnici. Quello della governance è un mondo armonioso: è il capitalismo globale, appagato all’idea di aver sopraffatto ogni potenziale concorrente. E qui sta l’inghippo. Che è doppio. Il primo inghippo è che il mondo reale è drammaticamente diseguale e suscita comunque conflitti: ai conflitti di lavoro se ne sono aggiunti molti altri. Il secondo inghippo è che quello che trionfa nella governance è un pluralismo accuratamente formattato. Gli stake-holders che siedono intorno al tavolo sono selezionati con cura e con cura sono selezionate le issues di cui sono autorizzati a discutere. Di volta in volta la issue in discussione è una sola, ben circoscritta, ovvero sottratta a discussioni d’ordine generale: agli stake-holders (tra cui i cittadini che hanno voce per farsi ascoltare, perciò non tutti, in barba al principio di uguaglianza) è concesso, a volte, di discutere su dove collocare un aeroporto, o scavare una galleria ferroviaria. Non certo di come si pensa di rivedere il sistema dei trasporti, o di come orientare la spesa pubblica. A ciò provvedono i politici, i tecnici e, in misura crescente, il mercato.

11Tanto questo per dire che, quando c’è, la governance è una tecnica di governo che governa moltissimo e con fermezza. Anche se il cambiamento è considerevole. La tradizione dello Stato e del regime rappresentativo era lineare. La governance è labirintica. Con quali implicazioni? Non se ne giova più di tanto, suggerisce Gaudin, la coesione sociale, che per lo Stato, in varie forme, è stata per qualche tempo – il tempo della democrazia postbellica – preoccupazione preminente. Niente, e nessuno, nel mondo degli umani è innocuo e innocente, tantomeno la governance. Sicché sarebbe saggio, conclude Gaudin, non abusarne. Lo dice usando spesso il registro dell’ironia. In accademia è poco adoperato. Peccato, perché vanta una storia lunga e nobile. Con l’aria che tira, per come vanno le cose del mondo, e per le incertezze di cui patiscono le scienze sociali, andrebbe invece adoperato più spesso.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Alfio Mastropaolo, « Significati, utilizzi e fortune del concetto di governance », Quaderni di Sociologia, 76 | 2018, 147-149.

Notizia bibliografica digitale

Alfio Mastropaolo, « Significati, utilizzi e fortune del concetto di governance », Quaderni di Sociologia [Online], 76 | 2018, online dal 01 février 2019, consultato il 27 mars 2019. URL : http://journals.openedition.org/qds/1949 ; DOI : 10.4000/qds.1949

Torna su

Autore

Alfio Mastropaolo

Dipartimento di Culture, Politica e Società – Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals