Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri76note e testimonianzeFare sociologia oggi

note e testimonianze

Fare sociologia oggi

Stefano Ba’
p. 155-157

Testo integrale

1Il testo Sociologia e sfide contemporanee (Napoli-Salerno, Orthotes Editrice, 2017) curato da Ambrogio Santambrogio propone una serie d’interventi da parte di sociologi e scienziati sociali tra i più prominenti in Italia. C’è giustamente l’ambizione di cogliere i nodi principali dei tempi che stiamo vivendo e allo stesso tempo di portare avanti una riflessione sulla natura stessa della disciplina sociologica. Tutti i capitoli sviluppano un aspetto concettuale che richiede una certa attenzione e preparazione da parte del lettore; comunque il linguaggio usato si presta alla comprensione anche del lettore non specialista. Il libro è composto da sei interventi che verranno considerati in ordine di apparizione.

2Il capitolo composto da Franco Crespi presenta in modo mirabilmente chiaro la sua teoria dell’agire sociale in sole venti pagine. Difficile sintetizzare più di quanto già faccia Crespi la sua teoria in un capoverso. È qui importante sottolineare la centralità costitutiva del soggetto, dell’individuo, non tanto per sue qualità positive, ma per la sua innata capacità negativa di poter distanziarsi dalla cultura di una società, che pure lo forma. Importante perché come sottolinea Crespi, parte della sociologia contemporanea ha abbandonato il riferimento al soggetto e nonostante certa enfasi sulla sua capacità di agency, non spiega la natura dell’azione sociale attraverso il riferimento sistematico alla sua autocoscienza. Importante anche perché il riferimento alla situazione esistenziale del soggetto individuale permette la ‘denuncia dei limiti di ogni ordine sociale’, quindi la potenziale arbitrarietà del potere politico. La sfida contemporanea cruciale per la sociologia è quella si salvaguardare l’integrità del soggetto individuale sia da un punto di vista teoretico che politico.

3Santambrogio si impegna a riformulare alcuni capisaldi della sociologia della conoscenza di Mannheim. Tale riformulazione dovrebbe fornire una via d’uscita alla contraddizione moderna tra sapere tecnico-specialistico (che deriva dalle discipline scientifiche) e la dimensione valutativa che dovrebbe guidare l’azione sociale e politica. Il compito della sociologia è quindi un pieno recupero della possibilità di comprensione della società e del nostro essere sociali. Questo pieno recupero della comprensione del sociale si fonda sull’idea che la nostra cultura non è tanto condizionata da strutture che agiscono alle nostre spalle, quindi la ragione sociologica non sfocia nel relativismo. Piuttosto la prospettiva di Santambrogio sottolinea che comprendere socialmente significa stabilire collegamenti tra cultura e situazione esistenziale dei soggetti. Questo collegamento sociale non implica una rigida determinazione sociale dei soggetti. Al fine di elaborare una teoria sul formarsi dei collegamenti sociali, Santambrogio delinea una riflessione sulle emozioni come aspetti fondamentali delle relazioni sociali: le emozioni umane hanno una loro logica che permette un’articolazione tra pensiero ed essere sociale al quale partecipano soggetti ‘senzienti’.

4Il capitolo di Ferrara si pone il compito di segnalare quali istanze sociali oggi siano scoperte dalla immaginazione sociologica. Tale esigenza si presenta attraverso la ‘crisi di sottoproduzione’ che caratterizza la ricerca e la teoria sociale. Secondo Ferrara, questo dipende dall’affievolirsi di una preciso progetto storico della sociologia, quello interpretativo comprendente legato all’opera di Weber, Veblen, Polanyi e altri. Quel tipo di progetto sociologico è poco praticato oggi, con il risultato che mancano ‘grandi affreschi’ sugli sconvolgimenti sociali del presente. Da qui, Ferrara propone una serie di condizioni sociali ‘in cerca di autore’: ne seleziono uno sulla base della mia personale specializzazione. Il ‘ritorno del lavoro totalizzante’: si hanno sì ricerche su come il confine tra lavoro e non lavoro stia diventando labile, ma Ferrara insiste che pochi sono gli studi che colgono tale passaggio all’interno di più generali tendenze sociali, mettendolo in relazione alle vicende esistenziali dei soggetti.

5In maniera simile al precedente, il capitolo di Jedlowski sviluppa un cahier de désirs su come la sociologia debba affrontare le sfide del futuro. Di nuovo sulla base del mio orientamento, vorrei selezionare alcuni dei punti che Jedlowski avanza. Il primo riguarda il ‘fare teoria’: la sociologia non può essere solo scienza empirica, poiché le stesse questioni di cui si occupa possono essere definite solo attraverso un lavoro concettuale e Jedlowski ci ricorda che anche fare teoria è lavoro ‘concreto’, che abbisogna di momenti dialogici. L’altro punto riguarda la sfida che implica il necessario superamento dell’eurocentrismo, dal momento che molte delle categorie usate dalla sociologia (come quella di modernità) sono giudicate obsolete, in quanto legate a un punto di vista parziale e storicamente privilegiato. L’ultimo che vorrei selezionare riguarda il desiderio ‘che le scienze sociali continuino a essere insegnate nelle Università’. Jedlowski segnala con preoccupazione la crescente egemonia del pensiero neoliberale che marginalizza la sociologia in quanto forma non strumentale di razionalità.

6Il complesso capitolo di Leccardi svolge una lunga riflessione sul ‘nuovo individualismo’. Nelle prime due parti del saggio viene presentata una lettura della individualità che cerca di comprenderne continuamente le ‘ambivalenze’, sia quando analizza il fenomeno del ‘privatismo consumista’, che quando inquadra la coppia concettuale privato-pubblico. Quest’ultima da intendere non più come dicotomia rigida. Privato e pubblico diventano nuovi campi della partecipazione sociale, in parte interdipendenti. La parte finale sulla responsabilità e il ruolo dell’individuo viene di nuovo imperniata sulle ambivalenze che tale concetto presenta nell’epoca del neoliberalismo. Quando il modo di produzione sociale sposta la pressione direttamente sull’individuo, ecco che responsabilità può significare schiavitù auto-imposta. Allo stesso tempo lo sviluppo sociale sembra sempre più centrare l’attore individuale che principi astratti. Leccardi conclude asserendo che queste ambivalenze possono tanto segnare uno stallo che indicare ‘ricchezza di prospettive’.

7Privitera individua la difficoltà di fare teoria sociale come una delle sfide più importanti e una delle necessità più impellenti della sociologia contemporanea. Anche in questo capitolo si individua l’egemonia neoliberale come il problema degli ultimi trent’anni: tale condizionamento culturale, oltreché d’interessi materiali, fa sì che la ricerca teorica venga considerata come superflua, in quanto non risponde a immediate esigenze strumentali. Detto questo, Privitera individua comunque nel marxismo uno dei fattori cuturali di ritardo per lo sviluppo della teoria sociale. Il materialismo storico non riuscirebbe infatti a concepire la dinamica tra integrazione sistemica della sfera economica e le proprietà del mondo della vita. Per Privitera il punto di partenza deve essere il riconoscimento che quella di oggi è una società capitalistica post-tradizionale. Con post-tradizionale si vuole indicare lo sciogliersi di privilegi ancorati a posizioni di potere non necessariamente economico. Il compito è dunque quello di fornire una critica non economicista dell’egemonia neoliberale, che sappia spiegare le enormi disuguaglianze contemporanee formulando scenari di emancipazione. Proprio l’individuo dovrebbe essere il perno della teoria che riformuli scenari di contraddizioni (tra libertà formale e disuguaglianza materiale) e di soluzioni di tali contraddizioni (crisi di legittimità e quindi possibile cambiamento dell’ordine politico).

8L’insieme dei contributi, affermando il ruolo chiave che la teoria sociale dovrebbe ricoprire, mira al comprendere i legami sociali e la formazione dell’individuo all’interno di questi. Per quanto complesse le riflessioni teoriche a questo riguardo, anzi forse proprio per questo, gli autori esprimono una preoccupazione al riguardo di forze non ancora chiaramente indagate che producono disuguaglianze e contraddizioni pericolose proprio per l’emancipazione dei singoli soggetti. Una sfida contemporanea per la sociologia è quella di comprendere razionalmente il mondo sociale dell’individuo in maniera tale da poter salvaguardare le condizioni democratiche per la vita di quel mondo.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Stefano Ba’, « Fare sociologia oggi »Quaderni di Sociologia, 76 | 2018, 155-157.

Notizia bibliografica digitale

Stefano Ba’, « Fare sociologia oggi »Quaderni di Sociologia [Online], 76 | 2018, online dal 01 février 2019, consultato il 02 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1963; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1963

Torna su

Autore

Stefano Ba’

Institute for Childhood and Education – Leeds Trinity University

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search