Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri77teoria e ricercaValore | prezzo di mercato, Socio...

teoria e ricerca

Valore | prezzo di mercato, Sociologia | Economics

Ai margini della teoria dell’enrichissement
Economic value | market price, Sociology | Economics. At the edges of the theory of enrichissement
Franco Rositi
p. 7-34

Abstract

Boltanski and Thevenot have defined economic value as price justification. This definition imposes to consider the value and current market price as not necessarily coincident: in social reality, both collective processes of price formation and collective processes meant to justify them or to consider them unjustified are to be found. The author reminds that such tension between value and price has been constant in the European economic thought since Summa theologica until the late Spanish Scholasticism of the XVII century. Already thwarted by the first treatises on currency, it has gained new strength in the theories of value/labour from Smith to Ricardo, to Marx until, finally and partially, Mill. In this stage it has been attempted to make labour a measure of value and hence the final criterium of price definition in situations of balance between supply and demand. The difficulties of such measurement attempt have certainly fostered the so-called marginalist revolution, which is characterized by the abolition of the tension between value and price and for having chosen as object of study the prices alone.
As in the scientific revolutions theorized by Kuhn, the new paradigm has got rid from the tangles and aporias of the former paradigm but has paid the cost of a depletion of socio-economic analysis: it would fit to speak of a regressive revolution. From the same book by Boltanski and Thevenot, the Enrichissement, one can find an example of the permanence of the need for justification based on broadly shared criteria: the current spread of a particular market, the one of collectibles, whose shared justification regards their capacity of indefinitely duration and escape from consumption.
The essay frames the issue and its arguments within a more general reflection upon the relationships between sociology and economics.

Torna su

Testo integrale

«..i principi generali che la teoria economica formula sono semplicemente costruzioni che ci dicono quali conseguenze dovrebbe produrre l’agire dei singoli uomini, nel suo intrecciarsi con l’agire di tutti gli altri, qualora ognuno conformasse il proprio comportamento verso l’ambiente esclusivamente ai principi della contabilità commerciale, agendo quindi in questo senso “razionalmente”. […]. La specificità storica dell’epoca capitalistica, però, e quindi anche l’importanza della teoria dell’utilità marginale (come di ogni teoria economica del valore) per la comprensione di quest’epoca, poggia sul fatto che – mentre la storia di parecchie epoche del passato è sta-ta a ragione designata come “storia della non-economicità” – nelle condizioni di vita odierne, l’avvicinamento della realtà ai principi teorici è in costante aumento, coinvolgendo il destino di strati sempre più ampi dell’umanità, e per quanto ci è dato di prevedere andrà sempre aumentando»
Max Weber,
La teoria dell’utilità marginale, 1908

1. Premessa

1Occorre che l’“animo da mercante” diventi dominante perché la teoria dell’utilità marginale possa essere non solo considerata vera, ma essere vera, praticamente vera: così ragionava Max Weber in quel saggio su La teoria dell’utilità marginale dal quale abbiamo tratto il brano in epigrafe. C’è in questa tesi una sorprendente radicale storicizzazione di quel mercato capitalistico che i suoi apologeti descrivono invece come naturale: l’“animo di mercante” di cui Weber parla consiste appunto nel fatto storico di un orientamento dominante a sussumere la forma generale dello scambio entro una particolare concezione del mercato. Nonostante una sua certa oscurità, o forse appunto per far chiaro un fondo di verità che vi si intuisce, questo lascito weberiano avrebbe potuto essere il principio per una presenza propriamente sociologica entro il cuore della teoria economica, in particolare su quei concetti-base come rischio, scarsità, utilità, relazione valore-prezzi che la teoria economica mainstream rifiuta di considerare enigmatici e che invece, come del resto è noto anche a molti economisti, nascondono inesplorati presupposti.

2Questo saggio introdurrà, anche in riferimento alla recente teoria dell’enrichissement di Luc Boltanski e Arnaud Esquerre (2017), alcune considerazioni sui presupposti della relazione valore-prezzi, ritenendoli come non ancora sufficientemente esplorati. L’ultimo libro di Boltanski e Esquerre è certamente rilevante per questo tema e tuttavia le pagine seguenti sono inadeguate non solo per darne un resoconto esauriente, ma anche per suggerirne al lettore la ricchezza fenomenologica e la complessità concettuale. In realtà devo a questo libro innanzitutto uno stimolo, apparentemente molto semplice. Come si vedrà, si tratta della definizione che i due autori danno del termine “valore” in economia: essi considerano il valore come la giustificazione del prezzo. È una definizione che a mio parere ha una forte capacità euristica e sollecita a rivedere alla base le nostre idee di mercato. Devo loro inoltre il suggerimento di utilizzare, ai fini delle mie considerazioni sulla relazione valore-prezzi, proprio quel particolare tipo di mercato che essi trattano, vale a dire il mercato delle collezioni di beni che pretendono di sottrarsi al consumo e di avere come destino una indefinita durata.

  • 1 Talora la chiameremo, come altri usano, semplicemente economics.

3Sostanzialmente gli ultimi paragrafi di questo mio testo rimettono in discussione alcuni assiomi di partenza della teoria economica neoclassica (o marginalista1). È certamente un azzardo interdisciplinare. Dei rapporti fra sociologia e economia si è discusso in Italia, con particolare intensità, nei primi anni ’90 del secolo scorso. Penso che in quella discussione, di cui si riprenderanno più avanti alcuni temi, sia stato latente l’errore di concepire le due discipline come due blocchi ad alta omogeneità interna. Per una lettura indulgente delle mie considerazioni sulla relazione valore/prezzi è invece fondamentale non avere questo pregiudizio di omogeneità. Il compito che assumo è quello di ripensare alcuni assunti-base della teoria neoclassica, e solo di questa (ed anche, ovviamente, del cosiddetto neo-liberismo che, a partire dagli anni ’30 del secolo scorso, ne è derivato, ha accumulato una serie di confronti polemici con il modello keynesiano ed infine è tornato egemone a partire almeno dagli anni ’70). Sebbene questi assunti siano entrati come dominanti nel primo processo di formazione degli economisti, e per molti versi continuino a orientare la loro mentalità, i sociologi non devono, a mio parere, coltivare una idea degli economisti come una compatta e confliggente alterità.

2. Economia vs sociologia: mondi alternativi?

4La storia dei rapporti fra economia e sociologia è attraversata da numerose fratture, ma non sempre i due campi sono nettamente collocati al di qua e al di là della stessa frattura. Homo oeconomicus e homo sociologicus sono in chiara opposizione solo se l’apprendimento dell’economia si ferma al corso introduttivo di micro-economia, o se si studia solo certa sociologia edificante.

5Alcune divergenze concettuali possono essere facilmente superate. Si faccia per esempio riferimento ai concetti-base di rischio, scarsità, utilità cui abbiamo accennato.

  • 2 Quanto al concetto di scarsità, centrale nella definizione di economia per Lionel Robbins, che è de (...)

6Il termine “rischio” ha costituito una pietra angolare per le giustificazioni del profitto, ma ha anche avuto largo corso fuori del perimetro delle teorie propriamente neoclassiche. È interessante annotare che tesi recenti come quella di Appadurai, su cui torneremo, polemizzano con pratiche economiche che si autodescrivono come fondate sul calcolo razionale del rischio, ma in realtà sono puro azzardo, gioco di scommesse sull’incertezza; ma la distinzione rigorosa fra rischio (calcolabile) e incertezza (non calcolabile) è dovuta a Frank Knight (1921), vale a dire a uno dei principali fondatori della scuola di Chicago (neo-liberista) e protagonista nella fondazione della Società del Monte Pellegrino. È chiaro, in questo esempio, che eventuali controversie intorno a temi rubricati in un concetto non consistono nella definizione dei termini, ma nelle tesi complessive che sono avanzate anche mediante quei termini. Così è per il concetto “scarsità”2.

  • 3 È noto che Pareto ebbe difficoltà a includere il concetto di utilità nella teoria economica (non in (...)

7Maggiori difficoltà insorgono con l’introduzione del concetto di “utilità” in una scienza, come quella economica, che pretende di essere empirica e esatta; ma la stessa tradizione neo-marginalista ha avuto problemi con questo concetto e ha normalmente preferito parlare di “preferenze” (più o meno “rivelate”), cioè di qualcosa che più facilmente può essere pensato in ordini di grandezza, cioè in modo ordinale3.

  • 4 Un resoconto completo e stimolante ne è in Ph. Steiner (2015).
  • 5 Una importante rivalutazione di Comte, denigrato come positivista (e perfino come antesignano del f (...)
  • 6 Per Talcott Parsons, si ricordi, perfino le occupazioni “egoistiche” (possiamo includervi il birrai (...)
  • 7 Negli ultimi anni del ‘900 si è andata perfino affermando, nella business economics, una corrente f (...)
  • 8 I teorici neoclassici trovano spesso una conferma delle proprie idee nel fatto che l’equilibrio gen (...)

8Restano comunque più rilevanti altri punti di attrito, più sostanziali, fra le due tradizioni disciplinari, fra homo oeconomicus e homo sociologicus. Una delle fratture che sono normalmente messe in campo per descrivere questa distanza fra le due concezioni della condizione umana è in quella dicotomia fra rappresentazione egoistica e rappresentazione altruistica o mutualistica dell’attore sociale, che già caratterizzò la polemica verso economisti del loro tempo da parte dei sansimoniani e di Comte4 (che è senza dubbio il fondatore della sociologia5, oltre che un grande visionario). Certamente nella tradizione della teoria economica neoclassica o marginalista tale dicotomia si è risolta privilegiando, anzi assolutizzando, il polo del self-interest, tuttavia essa è stata e resta un grave dilemma nel più vasto corpo delle analisi e delle dottrine che caratterizzano la formazione degli economisti. Non solo nei fondatori storici della disciplina economica, sempre riveriti, sarebbe riduttivo cercare la centralità del self-interest individualistico; per esempio Adam Smith è ben più problematico, sul funzionamento del mercato, di quanto faccia pensare la sua figura della “mano invisibile”; egli non immagina neppure che possa esserci un ordine sociale senza “simpatia” o senza “benevolenza”, né, sullo stesso mercato, la convergenza della domanda senza che gli attori cerchino una “accettazione” reciproca (cfr. Rampa, 2010). Ma anche in una serie di correnti teoriche che circolano attualmente nelle aule universitarie, il self-interest costituisce un problema almeno se viene definito nella sua forma estrema, come non strutturato socialmente6 e come automaticamente (“mano invisibile”) compatibile con l’equilibrio del mercato e perfino con il più generale ordinamento sociale. Accanto ai mercatisti, strenuamente legati alla tradizione neoclassica, molti altri studiosi di economia (o gli stessi mercatisti in momenti o ruoli diversi) si occupano di regolazione politica dei mercati e dei beni pubblici con schemi teorici necessariamente molto più complessi e sfumati7. Friedrich Hayek ha dovuto perfino rinunciare, fin dalla seconda metà degli anni ’30 all’idea ottimistica di un mercato normalmente in equilibrio. E inoltre, com’è noto, c’è anche una tradizione di teorici economici eterodossi fra i quali sono da includere non solo autori come Polanyi e Hirschman, letti per la verità più dai sociologi che dagli economisti, ma anche classici come Schumpeter e Keynes. In tutti questi autori, rischi di squilibrio (non solo dolorose crisi economiche ma anche gli squilibri creativi, e in un certo senso progressivi, indotti dagli innovatori di Schumpeter) sono intrinseci alle dinamiche innestate da un mercato di auto interessati8. Comunque in essi il self-interest non è una garanzia di crescita economica, oppure va comunque, come in Keynes, attentamente sorvegliato, con una sorta di precettistica go and stop: lasciato andare nei periodi di piena occupazione, corretto dall’interesse pubblico nei periodi di crisi.

  • 9 Aggiungo a “individualismo ontologico” l’attributo “assoluto” per differenziarlo da orientamenti ch (...)
  • 10 Com’è noto, e come appare anche nella citazione in epigrafe, per Max Weber gli individui nella mode (...)
  • 11 In modo analogo potremmo pensare il linguaggio: de Saussurre escludeva che gli individui disponesse (...)

9D’altra parte, infine, l’ovvio legame fra enfasi sul self-interest e concezione individualista dell’azione sociale impone un metodo di ricerca che sia appunto fondato sugli individui. Ma neppure in questo caso si costata una vera e propria fattura fra complesso degli orientamenti sociologici e complesso degli studi economici. Fino a che resta “metodologico”, e se non lo si arruola in una teoria che disconosca la presenza dell’ordinamento sociale nella stessa costituzione degli individui, l’individualismo non è estraneo alla tradizione sociologica. Chi trasforma Max Weber nel teorico di una sorta di individualismo ontologico assoluto9, quale invece emerge nella teoria economica neo-classica, si è fermato alle prime pagine di Economia e società (ai primi 4 paragrafi di I.1) e dimentica, non solo il tessuto complessivo della sua opera, ma anche le sue definizioni di base per cose come “ordinamento”, “validità”, “legittimità” (§ 5 di I,1): certo, un ordinamento sociale sussiste se ci sono individui che orientano il proprio agire nel suo senso, in modo abitudinario o sulla base di un calcolo di convenienza o sulla base di una adesione valoriale, ma nulla nelle parole di Weber lascia pensare che gli individui in genere possano disporre di un ordinamento10 o che l’ordinamento sia per gli individui un semplice ambiente (di vincoli e di risorse); la validità di un ordinamento è nel fatto che gli individui ne riconoscano e ne accettino il senso, non che glielo attribuiscano11. Ciò che infine è più importante dire è che, su queste basi, la scienza sociale deve impegnarsi a ricostruire e a descrivere la società intesa come sistema normativo (nella misura in cui la sua stessa complessità la renda in parte opaca per gli attori) almeno nella stessa misura in cui si impegna nell’interrogare e classificare individui.

  • 12 In questa le “buone ragioni” possono includere non solo adesione incondizionata a valori, ma anche (...)
  • 13 Gary Becker, allievo di Parsons nei suoi primi anni di studio, è stato particolarmente vicino a Jim (...)

10Per continuare l’elenco delle fratture supposte, e in linea di principio non propriamente tali, fra sociologia e economia, si potrebbe ugualmente riflettere sul concetto di razionalità. Com’è noto, per essere utile nella ricerca empirica, anche economica, questo concetto deve purtroppo subire molte dilatazioni, e nella direzione non solo della “razionalità limitata” di Simon, né solo della sofisticata analitica di Elster o della concezione inflazionata di Boudon12. Con giochi sinonimici si può perfino rendere compatibile con il calcolo razionale una nozione estrema come il “reddito psicologico” che si ricaverebbe per esempio dall’amore per i figli e che appare nella versione imperialistica che l’economista Gary Becker (1988)13 ha voluto dare della teoria neoclassica. I sociologi dovrebbero sapere, a me sembra, che il termine “razionalità” ha nella loro stessa tradizione una complessità forse eccessiva, e che forse occorrerebbe mettere ordine in questa complessità, senza rinunciare a nessuno dei problemi che in essa si mescolano. D’altra parte gli economisti, e i sociologi della teoria della scelta razionale, hanno forse di questo termine una nozione troppo semplice, e la confinano normalmente come attributo delle decisioni, escludendola dalle analisi delle strutture sociali: a riguardo di queste essi preferiscono il termine “efficienza”, ben diverso.

3. Il mainstream della teoria neoclassica (e neo-liberista)

  • 14 Ci si può riferire alla new institutional economics della teoria dei costi di transazione sostenuta (...)
  • 15 Sociologia del lavoro, sociologia economica, sociologia dell’industria ecc., hanno ovviamente inter (...)
  • 16 Un atto esplicito di fondazione non può neppure attribuirsi a Pareto che pure ha tracciato la forte (...)

11Quel che abbiamo ricordato finora dovrebbe convincerci a discutere dei rapporti fra sociologia e economia senza enfatizzare eccessivamente il ruolo della teoria economica neoclassica (la sua forma pura). In fin dei conti il campo degli studi economici è molto vasto e molto vario. La sempre presente memoria di quella economia politica classica (da Smith a Ricardo a Marx, fino a Sraffa) che l’economics avrebbe voluto superare definitivamente, nonché l’emergere continuo di teorie eterodosse e perfino di teorie che pongono al proprio centro le istituzioni sociali14 – tutto questo dovrebbe rassicurare i sociologi sulla possibilità di un proficuo lavoro interdisciplinare con gli economisti. Ma non è così. Nonostante tutte le complessità e le ipotesi ad hoc che l’analisi economica è costretta a introdurre, la gran parte degli economisti semplicemente ignora il lavoro dei sociologi. Questi ultimi, in specie se si occupano di questioni economiche15, sono in generale favorevoli per lo meno alla multidisciplinarietà se non all’interdisciplinarietà, alcuni perfino alla “post-disciplinarietà” (il superamento delle divisioni disciplinari); ma questa loro apertura non incontra a mezza strada una apertura analoga da parte degli economisti. Mi è già capitato di scrivere che i sociologi sono, almeno in relazione agli studi economici, unilateralmente interdisciplinari. Altrimenti detto: la loro interdisciplinarietà, eccetto forse che per rarissimi fortunati, happy few, non ha un successo interdisciplinare. La separazione fra studi sociologici e studi economici, iniziata nella seconda metà del XIX secolo, e allargatasi in modo tanto più radicale quanto più irriflesso, senza alcuna fondazione esplicita16, perdura fino ai nostri giorni.

  • 17 Ontologia della società non significa attribuire a una fantasmatica società, né a qualsiasi organiz (...)

12Il fatto è che il mainstream neoclassico, molto poco disponibile a una ontologia della società e così imprigionato nella esclusiva ontologia degli individui17, resta lo schema dominante nella forma mentis di gran parte degli economisti, anche quando devono o vogliono contravvenirne i precetti. La matematizzazione estrema, che deriva inevitabilmente dall’impianto neo-classico e che è favorita dal particolare oggetto di studio, e la formalizzazione altamente sofisticata dei modelli costituiscono ormai lo stemma distintivo nella formazione degli economisti, la garanzia non solo della loro scientificità, ma anche della loro naturale adesione a un mondo economico reale che si vuole fondato sul calcolo e che è il luogo più rilevante della società contemporanea.

  • 18 In parte analoga è stata la risposta di Magnani alla domanda perché in Italia, fra fine ’800 e iniz (...)
  • 19 Si pensi ai manuali di micro e di macroeconomia che circolano in Italia e a livello mondiale: sono (...)

13A riguardo dei rapporti fra sociologia e economia, in un saggio di grande interesse, datato un quarto di secoli fa ma a mio parere di validità del tutto attuale, Michele Salvati (1993) si è chiesto perché il modello neoclassico resti così rilevante negli studi economici, e ne sia appunto il mainstream. Nella sua risposta, che tra l’altro testimonia, nei suoi riferimenti sociologici, di una competenza rara fra gli economisti, egli esclude che ciò sia dovuto ai successi analitico-empirici e predittivi di questo paradigma; ugualmente esclude che la causa sia nel suo appeal ideologico (nella sua implicita apologia dell’ordinamento sociale capitalistico). Sono invece molto più rilevanti, a suo parere, la “mirabile risposta” che attraverso il paradigma neoclassico è stata data al problema dell’equilibrio economico generale18 e la “plausibilità a-priori” dell’individualismo metodologico in genere (un mondo sociale di individui e di motivazioni) e del self-interest razionale (nelle attività economiche). Già queste giustificazioni del mainstream neoclassico, certamente discutibili, sono comunque tiepide. Ancor più sorprende che nelle conclusioni Salvati chieda indulgenza per la testarda ottusa autostima che gli economisti mantengono, “spesso oltre ogni ragionevole limite”, del proprio “unanimismo paradigmatico” (dal quale deriva anche, potremmo precisare, il loro indiscusso prestigio). Essi vorrebbero evitare, a tutti i costi, il disordine delle teorie sociologiche:19

La strategia di ricerca a razionalità lasca non è teoricamente neutra e, se applicata a fondo, essa ci racconterebbe una storia del tutto diversa di perché i mercati funzionano, di perché l’autonomia e il self-interest degli individui non producano il caos, ma l’ordine (di solito). Non una storia di efficienza e massimizzazioni, popolata di individui sempre all’erta e liberi da ogni vincolo cognitivo e sociale; ma una storia di abitudini e di ripetizione, di lenti adattamenti, fatte da individui le cui azioni sono sì guidate dal calcolo, ma il calcolo è a sua volta ‘incapsulato’ da vischiosi contorni istituzionali e cognitivi. Sarebbe allora la fine dell’equilibrio economico generale, il crollo di un edificio di straordinaria eleganza formale, giacché è ben difficile che questa nuova storia possa essere formalizzata. Di più sarebbe la fine dell’unanimismo paradigmatico che oggi distingue l’economia dalle altre scienze sociali: non ci sarebbe una ‘nuova storia’, ma tante muove storie in lotta fra loro… Insomma, si possono non approvare; ma è difficile non comprendere gli ‘economisti’ quando difendono a spada tratta, e spesso oltre ogni ragionevole limite, la loro strategia iper-razionalistica (Salvati, 1993, 240).

14Questo giudizio critico di una tradizione trionfante forse è più duro di quanto possa esserlo una critica in termini di falsa coscienza o ideologia: l’ideologia contiene una sorta di adesione realistica ai fatti, solo che ne fa una falsa universalizzazione o una falsa generalizzazione, oppure semplicemente li fraintende; essa inoltre risponde a funzioni di giustificazione pubblica. Così l’analisi di Weber sulla teoria dell’utilità marginale, da cui siamo partiti, è a tutti gli effetti, sebbene non conflittuale, una imputazione di ideologia: la rappresentazione teorica del mercato capitalistico è adeguata, dice Weber, non perché fondata su una sempiterna legge psichica, ma perché corrisponde a un reale modello di pratiche mercantili, storicamente determinato. L’ideologia è dunque per così dire un vizio a valenza pubblica, mentre il legame irriflesso ai vantaggi di una “straordinaria eleganza formale” e dell’“unanimismo paradigmatico” sembrerebbe un vizio privato.

  • 20 Personalmente non so quale altra ragionevolezza possa avere il canone delle teorie a medio raggio s (...)
  • 21 Cfr. Mutti, 1992 e 1993. L’autore ha partecipato come discussant della relazione di Salvati (poi co (...)

15Salvati infine conclude con l’indicare una possibile cooperazione fra sociologi e economisti nella comune adozione di teorie a medio raggio, e ricorda i buoni successi ottenuti in questa direzione da sociologici economici italiani. Se la proposta sottintende che sia conveniente trascurare le grandi questioni fondative (per esempio, “perché i mercati funzionino”), essa è ragionevolmente prudente20. Tuttavia è indubbio che già gli economisti, anche in versione econometrica, svolgono frequentemente analisi empiriche che non hanno molta coerenza con un vero e proprio paradigma disciplinare e si caratterizzano invece, se sono buone, con una elevata competenza storico-fattuale del loro specifico campo di ricerca. I cultori di queste pratiche non hanno però derivato dal loro prudente empirismo una particolare attenzione alla ricerca sociologica. Forse conviene dunque aderire alla tesi che è stata ripetutamente dichiarata da Antonio Mutti21: fin quando sociologi eviteranno l’interazione critica con il programma centrale di ricerca degli economisti, in particolare con la teoria dell’equilibrio economico generale, sarà difficile una convergenza fra le due discipline.

4. Economia e sociologia vs psicologia: spunti critici

  • 22 Talcott Parsons ha fatto questa riduzione. Ma egli ha posto una sostanziale identità fra il concett (...)

16Se gli economisti devono convertirsi a qualche interdisciplinarietà, essi guardano con molta più attenzione alla psicologia. Del resto i concetti di utile e di preferenza sono molto più “psicologici” che il concetto di norma (a meno di non ridurre il mondo delle norme al super-io freudiano22). Ma la psicologia resta molto attraente per studiosi che pensano la società come il luogo in cui gli individui si scambiano i propri beni sulla base di “preferenze” soggettive e calcolando costi e benefici. Da ultimo abbiamo l’esempio di Richard Thaler, premio Nobel per l’economia nel 2017, un autore che, con un sorprendente e letterale ritorno a William Stanley Jevons (1835-1872) che fu fra i primi a promuovere i principi della teoria neoclassica, ha teorizzato perfino la necessità di fondare l’economia sulla psicologia e ha dato la sua “immagine dell’uomo” come “macchina per il piacere”. Che potrebbe anche essere una definizione accettabile, ma quanto complessa! Quante cose possono essere piacevoli! Nel saggio di Weber ricordato in epigrafe si dice, fra l’altro, che è psicologia anche l’orientamento collettivo ai “principi della contabilità commerciale” – e non si vede perché non possa procurare piacere un saldo ancoraggio a principi condivisi. Si ricordi pertanto che proprio per evitare la psicologia Pareto coniò il termine “ofelimità” a sostituire il termine “utilità” (v. nota 3).

17Del resto, se oggi si può assegnare il premio Nobel per l’economia a un autore come Thaler, che per altro è un autore arguto e informato, e alla sua “economia comportamentale”, non è per via del suo talento scientifico: le sue “scoperte” sono già da molto tempo praticate e teorizzate nel marketing e nella pubblicità e, dopo di lui, saranno certamente estese, seguendo le sue raccomandazioni, al campo della comunicazione pubblica, cioè all’esercizio di rappresentazioni e di argomentazioni con cui decisori pubblici cercano di persuadere la popolazione a pratiche ritenute virtuose o comunque salutari. Pertanto questo premio Nobel può essere letto meno come un tributo alla scienza e più come un riconoscimento, sebbene tardivo, dell’adeguamento degli studi economici al mercato reale: questo è sempre meno il luogo in cui consumatori e produttori esercitano pratiche di calcolo consapevolmente razionale su costi e benefici, noti o abbastanza noti, sempre più il luogo di pulsioni psichiche inconsce sulle quali qualcuno cerca di realizzare il controllo. Psiche era, da Jevons al mainstream anacronistico della teoria economica contemporanea, la sede di preferenze ragionate, e per esempio ordinabili, oggi è un contenitore di desideri compulsivi o almeno poco controllati.

18Gli economisti che trovino esagerate queste conclusioni probabilmente hanno ragione: molti di loro provano fastidio davanti alle condanne generali della nostra società. Ma l’esagerazione critica può avere un nucleo di verità. Cercheremo di argomentare la tesi secondo la quale gli stessi attuali livelli di benessere si accompagnino a rilevanti vissuti di incertezza e di perdita di controllo, alimentati proprio, tra l’altro e anche in strati sociali non poveri, dall’ordinamento attuale dei mercati per ordinari beni di consumo. Personalmente sono convinto, ma qui posso solo affermarlo, che l’incertezza cognitiva costituisce un contesto negativo per la partecipazione democratica e produce, d’altra parte, il contrappasso di sicurezze dogmatiche e la disponibilità alla fascinazione demagogica.

19Incertezza, e non soltanto rischio razionale, è una caratteristica a evidenza crescente, come ancora vedremo, nel mercato dei normali consumi; ma è certamente già cresciuta in modo ipertrofico nei mercati finanziari, e ciò nonostante il progresso nella loro strumentazione cognitiva. Questi sono i più prossimi al modello di mercato che è presente nella teoria economica neoclassica: sono popolati da operatori professionisti, l’informazione è il loro medium principale, abbondano i mezzi di calcolo, c’è perfino quel banditore che nella teoria dell’equilibro generale di Walras era immaginato come virtuale, vale a dire c’è una potente macchina organizzativa che è in grado di informare in tempo reale su tutti i flussi di domanda e offerta. Eppure vi accadono eclatanti processi di irrazionalità collettiva.

  • 23 Una presentazione complessiva di questa fase della ricerca scientifica di Luciano Gallino in Rositi (...)

20In un libro recente Appadurai (2016), che potremmo definire un antropologo-sociologo, ha ripreso con acume questo tema. Come già ho ricordato, egli è partito dall’antica distinzione introdotta da Frank Knight, nel 1921, fra rischio (calcolabile) e incertezza (incalcolabile) e ha utilizzato gli studi di Elie Ayache per mostrare la fragilità cognitiva della ipererogazione di matematica e di statistica nei laboratori scientifici di cui si avvalgono i giocatori dell’alta finanza. La posizione di Appadurai è tanto più interessante quanto meno egli concede alla retro-utopia, vale a dire a quella nostalgia del passato sulla quale Bauman ha discusso da ultimo: Appadurai è convinto che l’incertezza sia una costante antropologica. Ciò che sorprende è la novità storica di grandi apparati di razionalità che secernono incertezza. Analoghe considerazioni ha svolto Luciano Gallino sul finanz-capitalismo e sullo stesso management industriale, con dovizia di dati e di inquadramenti sistematici, negli ultimi 15-20 anni della sua attività23.

21Entrare negli apparati concettuali della teoria economica: ripetiamo che questa è la strada principale di una scienza sociale che non riconosca più le ragioni di certe fratture fra discipline. È una strada ben diversa da quella che vollero percorrere Parsons e Smelser: questi hanno attribuito a se stessi, dunque alla sociologia, il compito di disegnare la planimetria delle varie scienze sociali e di indicare lo spazio che in questa è riservato all’economia, e nello stesso tempo hanno lasciato indisturbata la teoria economica dominante. Si è così prodotto un mix di pretese imperialistiche e di arrendevolezza. Ma quella che vorremmo indicare è una strada diversa anche rispetto ai frequenti attacchi critici al neo-liberismo, come complesso pratico-teorico, o istituzionale-cognitivo, caratterizzato da un ordine perfetto, le cui conseguenze nefaste possono cogliersi solo con un giudizio morale. A parte il fatto che non c’è affatto evidenza che la nostra civiltà viva in un ordine perfetto, è comunque più utile, a nostro giudizio, una serie di contestazioni puntuali sui fondamenti di quella teoria economica mainstream che ha di per sé rilevanza sociale già per il solo fatto di produrre la forma mentis di migliaia di operatori ad alto potenziale intellettuale, necessari al funzionamento dei reali apparati economici. Da parte nostra, più che una critica dei luoghi illogici di quella teoria, o della sua “tenuta interna” (per la quale si sono spesi, con ben altra autorità, alcuni grandi teorici della stessa disciplina), porremo attenzione agli strani silenzi resi obbligati dalle sue premesse.

22Una scienza sociale che si avventuri nei centri concettuali degli economisti resterà necessariamente a lungo più critica che positiva. Ma, ingaggiata come sarebbe in un confronto, sarà anche più umile di quella che semplicemente reclami un punto di vista morale superiore o che abbia la pretesa di criticare un intero ordinamento cui nello stesso tempo si attribuisce un funzionamento perfetto. Da anni Luc Boltanski, con vari collaboratori, è impegnato appunto in una riflessione sulla “città economica” (espressione colorita per indicare il sottosistema economico) che entri nel merito delle teorie sovrastanti, che si basi su ricerche relative ai sistemi di giustificazione delle pratiche economiche (manuali, classificazioni, discorsi rituali ecc.) e che non costituisca una critica surplombant ma sappia riconoscere, nelle pratiche e nelle rappresentazioni degli stessi attori, i momenti di crisi e di problematizzazione.

23Appadurai, Gallino, Boltanski… non sono una scuola. Le loro matrici teoriche sono molto diverse. Ma essi tutti concorrono a che le scienze sociali si impegnino in un confronto diretto con la teoria economica. Ovviamente si tratta di una impresa che non può improvvisarsi e che tuttavia può partire dalla critica, ben delimitata, di particolari assiomi: prima di affrontare i grandi temi dell’equilibrio economico generale o della distinzione fra mercati “perfetti” e imperfetti, noi sociologi dovremo allenarci nella discussione di alcuni assiomi preliminari, più semplici. Dovremmo comunque mantener ferma l’idea che la sociologia non può, data la sua tradizione, e non deve ridursi a psicologia. Certo, stando la sociologia fra le “scienze umane”, essa dovrà pur affrontare tematiche psicologiche, in particolare nella descrizione dei passaggi delle formazioni sociali (grandi e piccole) da un ordinamento a un altro, e comunque nella comprensione degli effetti psicologici di determinati sistemi normativi; ma saremmo davvero figli sconoscenti dei nostri padri classici se volessimo fondare sulla psicologia le nostre ricerche sugli ordinamenti sociali.

5. Il valore come giustificazione del prezzo

  • 24 Chi conosce l’opera di Boltanski sa quanta rilevanza egli abbia dato al concetto di giustificazione (...)

24Boltanski e Esquerre partono dal cuore della problematica economica, dalla relazione valore-prezzi. Abbiamo già visto che essi danno una definizione originale del valore economico: attiene al valore tutto ciò che serve a giustificare discorsivamente i prezzi24. Si potrebbe aggiungere che le teorie economiche dovrebbero avere a che fare con il problema della giustificazione dei prezzi. E sembrerebbe che esse tutte – o almeno le due grandi tradizioni del pensiero economico, l’economia politica classica e il marginalismo – affrontino tale problema: esse sono comunque costrutti astratti che cercano di dire perché i prezzi sono quello che sono. Ma quando noi diciamo “perché” (“questo accade perché…”) non intendiamo sempre la stessa cosa: possiamo o voler giustificare determinati comportamenti o voler spiegare determinati eventi o stati di cose.

  • 25 Cade del tutto il riferimento morale nel codice giustinianeo: licet contrahentibus invicem se natur (...)

25Siamo comunque in un contesto semantico molto ambiguo. “Giustificare” ha in italiano un significato più chiaramente morale del termine “giusto” da cui pur deriva: si dice “giusto” anche di qualcosa di esatto, ben adattato o adattabile. Nella cultura giuridica di Roma pre-imperiale iustum pretium non aveva un significato propriamente morale: ci si riferiva al prezzo corrente, non importa come determinato25. Anche oggi se diciamo “prezzo giusto” nel parlare ordinario non è detto che vogliamo intendere “equo” – è più facile che vogliamo intendere prezzo normale. L’idea di una giustificazione dei prezzi normali potrebbe apparire ai nostro giorni come strana, perfino nel senso comune; ma è strana soprattutto nei territori della teoria economica. Essa sembra riportarci a considerazioni economiche premoderne, dunque prescientifiche, in particolare al mondo culturale della teologia scolastica che ha assunto fin dal XII secolo il concetto di giusto prezzo come non necessariamente coincidente con il concetto di prezzo di mercato, che ha avuto una prima sistemazione dottrinale nella Summa theologica e che è durata fino alla scuola gesuitica spagnola del XVI-XVII secolo.

  • 26 Ho cercato di argomentare questa tesi con maggiori riferimenti storici, con precise citazioni bibli (...)

26Non svolgerò in questa sede neppure un resoconto minimo di tale episodio di lunga durata nella storia delle idee. Alcuni hanno negato al pensiero economico della scolastica qualsiasi valore analitico, in particolare Schumpeter che nella sua Storia dell’analisi economica ha tuttavia concesso alla tarda scolastica alcune importanti approssimazioni alla teorie moderna. Altri hanno messo in rilievo la ricchezza analitica di quel pensiero e la sua aderenza allo sviluppo commerciale e produttivo europeo di quel lungo periodo di germinazione della società moderna. Infine altri autori, con i quali concordo26, continuano a mostrare la radicale differenza fra le idee economiche della scolastica e la moderna economics. Autori come Pietro di Giovanni Olivi, Duns Scoto, Bernardino da Siena, Juan de Lugo (per ricordare qualche nome) conoscono la distinzione fra prezzi amministrati e prezzi di mercato, l’opportunità di retribuire il rischio, quanto possano influire sui prezzi il rapporto fra domanda e offerta, quanto sia rilevante nei commerci l’intensità delle preferenze, come queste possano variare nello spazio e nel tempo – insomma essi conoscono l’ovvia realtà dei mercati, i quali del resto già alla loro epoca erano molto complessi –, ma nella sostanza negano che una società possa reggersi su una rete commerciale e produttiva competitiva e che prezzi soltanto determinati da preferenze individuali possano caratterizzare una società ordinata; occorre invece che non solo i prezzi siano giustificati da valutazioni comuni, e tengano conto dei costi di produzione, ma che le stesse valutazioni comuni siano determinate dall’opinione di uomini prudenti e ragionevoli, dotati di responsabilità morale. In tutti i casi, anche nello scambio mercantile, resta un dovere di equità (aequalitas est servanda).

27Se facciamo cominciare l’economia politica classica e la teoria del valore da Smith, qui troviamo il riemergere del problema della giustificazione. In una economia né troppo semplice né troppo complessa Smith riconosce che il prezzo di una merce può essere ragionevolmente accettato se si riesce a trovarlo corrispondente al lavoro che la produzione di quella merce ha comportato. Si ammette dunque che negli scambi gli uomini siano inclini all’adozione di un principio di equivalenza, dunque a qualcosa come una giustizia: i due piatti della bilancia devono equilibrarsi. Si tratta tutt’altro che del risultato meccanico dell’incontro-scontro fra vettori; a sorvegliare le ragioni dello scambio c’è un consenso ragionevole e orientato all’equità (che non è necessariamente altruismo). Lo stesso Smith tuttavia dubita che questo principio possa valere in una economia a elevata complessità, con una divisione del lavoro che rende ignote le quantità e la qualità di lavoro erogato per ogni merce, e con un commercio internazionale che porta merci in luoghi i cui abitanti non hanno potuto osservarne il processo di produzione.

  • 27 È per esempio del tutto primitivo attribuire a Marx una cecità verso il problema dell’equilibrio fr (...)

28Nonostante queste già originarie difficoltà, la teoria del valore riprende robustamente con Ricardo, ha una svolta anticapitalista con Marx e ritorna in modo controverso, in pieno XX secolo, con Sraffa. In tale tradizione si parte con la costatazione di una certa regolarità dei valori di scambio. Per la verità, la teoria economica classica, l’economia politica, non era indifferente al problema dell’equilibrio fra domanda e offerta; né prescindeva dal “valore d’uso”27. La grande tradizione dell’economia politica aveva però in mente anche l’ulteriore problema: nel caso di equilibrio fra domanda e offerta, perché determinati prezzi? Vedremo la risposta meccanica che darà l’economics a questa domanda. Ma la risposta classica, in particolare di Ricardo e Marx, sarà di immaginare un valore intrinseco ai beni scambiati, (socialmente) oggettivo e tale da poter permettere la comparazione fra gli stessi: in situazione di equilibrio il valore di un bene consiste nella quantità di lavoro sociale mediamente necessario per la sua produzione, nonché nel trasferimento del valore di quella parte dei mezzi di produzione (capitale costante) che si è deteriorata nel processo di produzione. Ciò chiarirebbe anche la relatività dei prezzi a seconda dei vari tipi di beni. Ai dubbi di Smith sulla possibilità che gli attori di un mercato non conoscano il quantum di lavoro necessario per ogni merce, Marx di fatto risponde invocando la trasformazione crescente del lavoro in “lavoro astratto”, così generico e così indipendente da biografie e da talenti personali da poter essere misurato.

29Lasciamo da parte, se ci riesce, la questione di quanto fosse realistica questa soluzione. Noi sappiamo che le difficoltà di prevedere in questo modo i prezzi reali, l’unico dato facilmente osservabile, erano e sono grandi e furono affrontate con affanno anche da Marx. Gli economisti teorici hanno inoltre individuato molte difficoltà logiche nella tesi del valore-lavoro. Ciò che tuttavia per noi oggi è più rilevante, è annotare che la definizione classica del valore, più che permettere di considerare il lavoro come determinante (come causa) del valore delle merci, era a tutti gli effetti una giustificazione del prezzo.

  • 28 Anche nel caso delle innovazioni tecnologiche, il vantaggio competitivo che queste davano per un ce (...)

30Anche per Marx, e sempre nella situazione di equilibrio fra domanda e offerta e a costanza di tecnologia, i prezzi erano giustificati. Per lui lo sfruttamento non si realizza sull’intero campo-mercato; leggono Marx in questo modo solo quelli, come Collins (1980), che probabilmente non lo hanno letto. Per Marx lo sfruttamento precede il mercato dei beni e si realizza interamente solo in quel particolare mercato che è il mercato del lavoro. Da un certo punto di vista potremmo dire che per Marx il mercato dei beni fosse un mercato equo, giusto, dunque un mercato giustificato, e che la rapina di valore avvenisse prima, nella compravendita di forza-lavoro e nella generazione di plus-lavoro/plus-valore28.

31In quel momento storico di capitalismo trionfante, almeno in Inghilterra, e prima di Jevons, di Walras, di Menger e delle teorie marginaliste, la teoria economica considera dunque realizzata, almeno sul piano dei beni di consumo (ed escluso per Marx il piano della compravendita di forza lavoro), quella che possiamo considerare la grande utopia borghese: la società come luogo in cui individui liberi ed eguali scambiano a grande scala beni oggettivamente equivalenti, senza alcun bisogno di prezzi amministrati né di qualche principio paternalistico di carità, e neppure in un certo senso di pubblicità, solo informazione, dunque senza alcun bisogno di politica in senso lato, ma non senza bisogno di un orizzonte di consenso. Da un certo punto di vista la teoria del valore-lavoro aveva un compito descrittivo, ma deteneva anche, in difetto di capacità descrittive, un ruolo normativo. Recentemente Fratini (2016) ha potuto considerare come semi-etica la concezione del valore-lavoro. Essa ha senso solo sullo sfondo di una concezione (comune e eticamente fondata) secondo la quale tutto il lavoro umano è la fonte di tutta la produzione umana.

  • 29 Forse solo le attuali biotecnologie reggono il confronto con l’eccitazione che è stata scatenata da (...)

32Come sappiamo questa utopia non ha retto: in quel momento poteva trovare ragioni di verità in una domanda inesauribile e spontanea di beni mancanti e nella potenza di una industria galvanizzata dal più forte salto tecnologico della storia29. Ben presto il ruolo economico dello Stato e la flessibilità dei mercati avrebbe convinto a cercare altra teoria economica. Ma in quel momento il mercato aveva davanti a sé ancora l’enorme estensione di una domanda certa e univoca di beni tradizionali necessari alla sopravvivenza della forza-lavoro, alla sua riproduzione.

6. Prezzi spiegati, non giustificati

33Dal punto di vista che stiamo adottando (il valore come giustificazione del prezzo), è interessante notare che l’economics, l’economia marginalista, trascura sostanzialmente il problema del valore. Essa va diritta a spiegare i prezzi, non a giustificarli. Lo abbiamo già detto, ma può essere conveniente ripeterlo: non si considerino equivalenti una spiegazione e una giustificazione. Giustificare qualcosa significa dire che essa è moralmente “giusta”, conforme a norme che accettiamo, vale a dire a norme che accomunano chi si giustifica e il suo pubblico. Spesso siamo in grado di spiegare fenomeni o processi che non approviamo; e, viceversa, altrettanto spesso approviamo cose che non sappiamo spiegare o che non abbiamo alcun interesse a spiegare.

  • 30 Per la verità gli stessi assiomi da cui parte la teoria neoclassica possono evolvere in una direzio (...)

34Ebbene la teoria dell’utilità marginale semplicemente spiega i prezzi, o almeno: semplicemente vuole spiegare i prezzi30. Essi dipendono dall’arbitrarietà della domanda e dall’arbitrarietà dell’offerta. Quando accada che la curva della domanda e la curva dell’offerta si incontrino si ha il prezzo corrente. È proprio da ciò che nasce il rischio del capitalista-produttore: ha davanti una domanda arbitraria. Ma è ancora da ciò che nasce il rischio del consumatore: le sue preferenze possono non trovare, sul mercato, i beni corrispondenti o trovarli e non essere in grado di pagarli (ci sono i “vincoli di bilancio”). Paradossalmente la teoria concede un premio, una remunerazione, solo al rischio del produttore. Comunque in mercati non ancora saturi di beni fondamentali il rischio fondamentale per il produttore è un altro, è quello non tanto di non trovare preferenze, ma di non trovare preferenze dotate di capacità di acquisto, una domanda effettiva.

35Già per Ferdinando Galiani, Della Moneta, Napoli 1750, I, iii, il “prezzo corrente” è il “giusto”, semplicemente. Nella teoria dell’utilità marginale viene esclusa ogni considerazione sul valore oggettivo delle merci. Il valore della economia politica classica era qualcosa di oggettivo, ovviamente di socialmente oggettivo e. in questo senso, preconoscibile.

36Ora, invece, nelle teorie neoclassiche, la pre-conoscenza del prezzo è impedita: esso dipende dall’incontro fra una domanda e una offerta di cui al massimo sono possibili da stimare, con qualche arbitrarietà a livello teorico, solo i poli di massimo e di minimo, in un range che in tutti i manuali viene postulato, con un rapporto che appunto fra minimo (costi di produzione?) e massimo non è proprio piccolo, fra 1 e 2 o fra 1 e 2,5.

37Questa indeterminazione teorica, ascrivibile all’idea di porre alla base del calcolo preferenze individuali incommensurabili (e ovviamente non solo quelle dei “consumatori”, ma anche quelle degli “investitori”, la cui disposizione a investire è incerta, come sapeva bene Keynes) – questa indeterminazione teorica spiega la base dello psicologismo da cui la teoria economica neoclassica è irresistibilmente attratta. La psicologia utilitarista però non serve tanto a prevedere la domanda (come prevederla?), ma a sfruttare qualche “legge psicologica” per produrre la domanda – e, soprattutto, per rendere omogenea una domanda che, se semplicemente confidassimo nelle preferenze arbitrarie dell’individuo, potrebbe disperdersi in mille rivoli, rendendo impossibile una produzione standardizzata.

  • 31 Ricordiamo di passaggio che il suk aveva un sovrintendente che sorvegliava la correttezza dei pesi (...)

38Marshall, il grande teorico dell’equilibrio parziale fra domanda e offerta nel mercato di singole merci, ha immaginato che la nuova teoria descrivesse qualcosa come un “mercanteggiamento”. Quando si mercanteggia, per esempio in un mercato della verdura in cui direttamente i contadini portano i loro prodotti, e sono allo stesso tempo produttori e venditori, chi vuole comprare o vendere può avviare un processo di accumulazione di conoscenze: conosce la domanda o l’offerta di altri che come lui stanno nello stesso mercato, da vari segnali può intuire le intenzioni altrui, può discutere del “valore” della merce, perfino toccarla ecc. Tutti tatonnementes che, come si vede nella famosa ricerca di Clifford Geertz (1978) che è citata anche da Boltanski e Esquerre, sono assimilabili al funzionamento, nel luogo bazaar, un po’ ai margini della città, di quella istituzione che è il suk islamico: ma il suk permette un grande lavoro di ricerca di informazioni, un intenso bargaining, e tuttavia non realizza quegli scambi ottimali che sono previsti dalla teoria dell’utilità marginale, restando i suoi attori impigliati nella preferenza per la formazione di reti clientelari. Geertz sostiene che questo modello possa valere ai giorni nostri solo nei casi in cui i prezzi non sono standardizzati31.

39Il mercato moderno è tutt’altro che un suk-bazaar, o almeno non lo è per i milioni di consumatori di merci di uso comune. Il commercio a prezzi standardizzati (o quasi) si è insinuato in tutti gli interstizi della nostra vita, in tutti i luoghi delle nostre città, in tutta la comunicazione pubblica, sui manifesti delle nostre strade, nella posta e nei telefoni. Sul mercato moderno sono rare le contrattazioni, e riservate solo a grandi trasferimenti di capitale oppure a certi beni costosi di consumo, e comunque, queste ultime, ben orchestrate con procedure collaudate da esperti venditori. Di contrattazioni sono fatte ovviamente le borse più o meno ufficiali, ma esse sempre più assomigliano a un luogo di scommesse, dove si gioca pesantemente con il rischio e si cade spesso nella pura incertezza.

40Non è realistico, o ben poco realistico, parlare per i mercati attuali di mercanteggiamento. Eppure essi funzionano passabilmente, almeno negli intervalli fra varie crisi. Come è possibile che si incontrino, in un prezzo, una domanda ignota e una offerta ignota su beni che hanno un valore ignoto, e perfino un valore cancellato a livello teorico? La risposta è che i mercati attuali, siano quelli dei grandi consumi di massa o quelli dei beni a gamma alta, sono diretti, guidati, costruiti, in una parola governati. Fra i costi di produzione sono ormai sempre più da ascrivere i costi della pubblicità.

41Se è saturato il mercato dei beni fondamentali, e non perché non ce ne sia una domanda potenziale, ma perché non ce n’è una domanda attuale, capace di spesa (una “domanda effettiva” avrebbe già detto Smith), tutto il resto dipende da una domanda che si possa organizzare e produrre, almeno in ragionevole misura. Potremmo dire cose simili, con Keynes, anche a riguardo degli investimenti, ma occorrerebbero ulteriori complicazioni.

  • 32 Alcuni testi che ho letto sui consumi (Sassatelli, 2004; Bauman, 2010; Franchi, 2010) mettono in lu (...)

42Una domanda guidata e costruita significa nient’altro che creare un luogo dove i beni offerti vengano giustificati, si assegni ad essi un valore. Se la teoria economica non può definire il modo con cui il valore possa essere assegnato, la pratica del marketing e della pubblicità possono fare questo lavoro ad hoc, merce per merce. Il marketing, la pubblicità e la para-pubblicità sono dunque il luogo, l’officina, in cui i valori vengono volta a volta definiti. Ma la giustificazione riguarda ben poco qualcosa come un valore socialmente oggettivo: il modello individualistico dominante richiede che di fatto si parli di valori soggettivi, il cui essere comuni non è un prius, ma semplicemente una fortunata conferma. Qualcosa ha valore perché è apprezzato da molti, non lo apprezzano molti perché ha valore. Raramente la pubblicità rovescia questa sequenza. L’appello pubblicitario si rivolge normalmente a individui, a valori soggettivi. Qui, a mio parere, sono la radice e la funzione ideologica dello psicologismo finale della teoria economica mainstream32.

43Pizzorno (1973) ha lucidamente sintetizzato il passaggio dal primo capitalismo al capitalismo attuale come il passaggio fra due tipi di mercato: il primo con una domanda manifesta e non manipolabile, il secondo con una domanda opaca e manipolabile. Ne deriva che i mercati attuali sono fonte di una grande, permanente incertezza. L’assenza di giustificazioni pubbliche, che è un fatto di rilevanza morale, genera anche (o accompagna) una incertezza cognitiva, il dubbio permanente di una arbitrarietà dei prezzi. Sono comunque ingenti le risorse impiegate per ridurre tale incertezza dal lato dell’offerta – e le risorse impiegate nell’adattamento a tale incertezza, e nel calcolo aleatorio delle convenienze, dal lato della domanda.

44Rischio è una parola ricorrente in economia. Abbiamo già visto come Appadurai abbia mostrato che nel mondo della finanza debba oggi parlarsi, più che di rischio (che in fin dei conti è calcolabile), di una incalcolabile incertezza. O, se si vuole, si parli di rischio incalcolabile. Questo ha a che fare con avventura, spregiudicatezza, rapacità. Tali considerazioni valgono soprattutto per certa parte del mercato finanziario. Ma anche nel mercato dei beni, deve insinuarsi, data la sua base aleatoria, la febbre euforica della creazione soggettiva del valore. L’enorme campo del marketing e della pubblicità non è forse popolato dai cosiddetti “creativi”? Non pretendono costoro di reinventare giorno per giorno un orizzonte di preferenze comuni?

45Anche il primo capitalismo non era del tutto innocente da questo punto di vista. Accanto alla sua utopia di uno scambio equo di equivalenti fra uomini liberi e uguali, e accanto alla sua retta coscienza del lavoro come fonte di umanità, non c’era soltanto quel mercato del lavoro che riduce il lavoro a forza-lavoro, ma anche il proclama della illimitatezza di una desiderabile ricchezza monetaria. Questa illimitatezza che oggi è ben visibile nel grande casinò della borsa, è una radice motivazionale inquietante e di antica data. Si può leggere il bel libro di Franco Moretti, Il borghese, dove si documenta come il romanzo ottocentesco descriva la nuova umanità borghese come dimidiata fra laboriosità e istinto di rapina, gretto o grandioso. Moretti conclude che è per questa convivenza fra virtù e sfrenatezza che la borghesia non ha mai saputo darsi una consistente legittimazione. Ma si può trovare qualcosa di simile anche nel libro di Bendix, Lavoro e autorità nell’industria, nel quale si descrive una oscillazione originaria della cultura imprenditoriale fra filantropia e misantropia (si ricordi il darwinismo sociale).

46Pizzorno (1993) ha parlato dell’inquietante sviluppo, a partire da Gregorio VII fino alla modernità, di una “politica assoluta” (controllo dei fini ultimi). Si potrebbe anche dire che, certamente con più ritardo, si è sviluppata, con il riconoscimento del diritto alla proprietà privata illimitata, anche una economia assoluta, nel senso di un mercato in cui i beni circolano senza alcun ancoraggio a valori in qualche modo oggettivi e con il solo limite dei costi e dell’equilibrio fra domanda effettuale e offerta. Tale mercato può essere più o meno pubblicamente controllato (per esempio è più controllato per le merci farmaceutiche, sebbene non si tratti sempre di un controllo autonomo rispetto alle lobbies dell’industria farmaceutica) e può in certi momenti di emergenza essere più o meno calmierato per i beni di prima necessità. Ma il controllo riguarda essenzialmente solo la correttezza delle transazioni, in particolare la correttezza delle informazioni fornite dal produttore; e il calmiere, frequente nelle società precapitalistiche, e in quelle capitalistiche riaffiorante solo nelle situazioni di gravissima emergenza, attrae le critiche sistematiche della dottrina economica mainstream, in particolare proprio per la pretesa che il calmiere possa definire un “giusto” prezzo, idea aberrante per qualsiasi teoria che ancori il prezzo all’incontro fra domanda e offerta. Perfino voler definire un “salario minimo” (come pure molte legislazioni fanno) o un “emolumento massimo” nel mercato del lavoro (come in qualche paese è stato fatto talvolta) è, in quel contesto ideologico, una mostruosità innaturale.

47Il mercato è essenzialmente privato. Ma da ciò non può dedursi che, se tale deve restare, non si possa pensarlo come regolato da un qualche sistema normativo e da giustificazioni comuni, oltre che da buone leggi proscrittive. Quel che definisce un ambito come privato è semplicemente l’attenuarsi, in esso, dei controlli e delle sanzioni sorrette da un potere pubblico, non il darsi di una moltitudine dispersa di individui, né la subordinazione a meccanismi incontrollabili. Quella parte della nostra sfera privata che è impegnata in pratiche di mercato, e che certamente non è esigua, è invece come un ambiente ignoto, attraversato allo stesso tempo da processi ritenuti meccanici e da ondate di moralismo. Così fenomeni complessi relativi all’andamento dei prezzi, vale a dire inflazione e deflazione, se in larga parte degli stati di coscienza collettivi sono stati fatti diventare come meccanismi naturali, generano tuttavia talora ondate di insoddisfazione che portano consenso a politiche demagogiche. Sharing economy, diritti dei consumatori, consumerismo, associazioni dei consumatori… resteranno ornamenti volenterosi del mercato capitalistico, di qualche efficacia nel combattere le frodi, ma, sembra, generalmente orientati ad accettare il fondamentale automatismo di questo mercato.

48Stranamente economia neoclassica e neo-liberismo, che hanno nell’individualismo la loro matrice teorica, spostano sul piano sistemico, extra-individuale, la propria capacità di dare giustificazioni. Quel che è giustificato è l’intero mercato: in condizioni di concorrenza perfetta fra attori ragionevolmente informati, razionali e auto-interessati – si dice – sarà realizzata la più efficiente allocazione delle risorse. Al di là di ogni discussione sulla validità fattuale di questa promessa, dovrebbe essere chiaro che essa può essere gratificante per tutti solo se tutti, auto-interessati come sono, si immaginano come vincitori in quel gioco di concorrenza.

7. Beni da collezione. Il valore della durata indefinita

  • 33 La ricerca di Boltanski e Esquerre ha anche il merito di proporre una classificazione dei vari tipi (...)

49Il libro di Boltanski e Esquerre, Enrichissement. Une critique de la marchandise riguarda l’istituzione di un particolare settore di mercato33 dove classi e ceti per lo più agiati, ma anche altri, scambiano un particolare tipo di beni, quei beni arricchiti di “memoria” e caratterizzati da una sorta di pretesa alla durata e alla non usurabilità (dalla collezione di francobolli, alla tesaurizzazione dei gioielli, alle pinacoteche private, all’accumulo di esperienze turistiche). È il settore che i due autori chiamano mercato di “collezione”. Le merci-collezioni che sono “arricchite” di memoria e nello stesso tempo sono normalmente (non sempre) “arricchenti” nella misura in cui valgono come investimenti. Sulle dimensioni di questo tipo di mercato, difficilmente definibili sulla base delle attuali statistiche, i due autori elaborano qualche stima, ma quel che sicuramente può dirsi è che non si tratta di un mercato a valore irrisorio e che le sue dimensioni tendono a crescere.

50Ancor più importante, a nostro parere, è il valore posizionale di tale roccaforte della durata in un più vasto mercato caratterizzato dal “consumo” e dalla “obsolescenza”, quello industriale-standard. Cercherò di mostrare come questo valore di posizione possa anche spiegare la tolleranza e perfino la benevolenza verso questo mercato, anche verso le sue forme di lusso vistoso, da parte di milioni di uomini che sopravvivono sull’altro mercato, quello del consumo e della obsolescenza ma che forse, anche in situazioni di agio relativo, sognano di possedere beni arricchiti da una approvazione sociale e duratura.

51Dopo la crisi mondiale del 2007 abbiamo assistito a molti movimenti di rivolta contro le grandi centrali finanziarie del capitalismo, in Italia perfino contro i privilegi di “caste” semplicemente agiate – e invece neppure rumors e proteste contro le grandi aste di opere d’arte e i loro prezzi da capogiro, e neppure contro veri e propri collezionisti di ville patrizie classiche, di automobili di lusso ecc.; ed un generale favore di opinione pubblica, ciò almeno a parole (ma resta significativo), verso le ingenti spese che sono richieste per il mantenimento del nostro patrimonio artistico (un patrimonio che ha comunque costi più elevati dei suoi rendimenti, anche i più alti resi possibili dal turismo, con relativi gadgets e merchandising).

  • 34 Noi sappiamo, in particolare dal libro De la critique, quanto Boltanski abbia a cuore il problema d (...)

52Cosa accade sul mercato delle collezioni? Qui si scambiano beni in qualche misura sottratti al consumo. Da un certo punto di vista essi circolano in una forma molto più vicina al tipo ideale di mercato che è presente nella teoria economica mainstream: in esso c’è buona informazione e ci sono pratiche di vera e propria contrattazione, quelle che, abbiamo visto, per la verità mancano, o sono simulate, nei grandi mercati standard di oggetti di consumo, più o meno pregiati, più o meno rapidamente obsoleti. Ma Boltanski e Esquerre mettono in luce la circostanza che nel mercato delle collezioni le merci circolano appellandosi a particolari valori, quelli della memoria, della durata indefinita, della pretesa di storia34. Insomma in tale mercato sembra ancora valere la definizione del valore come giustificazione del prezzo, nella misura in cui la destinazione a durare e il successo nella durata possano costituire agli occhi di tutti la prova di una validità oggettiva.

53I collezionisti non sono semplicemente dediti all’acquisto di beni “posizionali”, quei beni che secondo Fred Hirsch (2001) permettono di esibire superiorità sociale, né dediti a un consumo “vistoso” à la Veblen (tra l’altro è perfino improprio parlare di “consumo” per beni che si vuole durino in perpetuo) – e in realtà ci sono anche collezioni non particolarmente costose (per esempio lattine); bensì essi sono dediti al possesso di memoria e di durata. Possesso non è contemplazione: quest’ultima non ha prezzo, non costa, può per esempio trattarsi di un tramonto che si veda anche dalla finestra di una modesta mansarda. Il collezionista ha invece bisogno di conservare comunque un segno tangibile della propria ammirazione, e per esempio l’industria del turismo incentiva questa sua vocazione: nei musei il collezionista scatta fotografie (se gli è consentito), sulle valige mette le etichette di alberghi, ed ovviamente, se è ricco, ha in casa una buona collezione di quadri, o di preziosi mobili d’antan, di antiche ceramiche, o di violini di grandi violinisti o di orologi ecc.

54Vorrei, per concludere, svolgere non so se una critica, forse una integrazione alle interessanti analisi fenomenologiche di Boltanski e Esquerre. Direi che cose come memoria, durata, pretesa di storia hanno tutte a che fare con l’idea di oggettività: è oggettivo ciò che non è soggetto all’arbitrio e alla aleatorietà dei gusti, delle preferenze, del capriccio individuale. È un valore oggettivo ciò che resiste all’usura del tempo. Del resto, gran parte dei prezzi nell’economia delle collezioni è fissata da esperti molto più autorevoli delle agenzie di valutazione che operano nel mondo finanziario. Essere esperti vuol dire anche, in linguaggio ordinario, essere capaci di valutazioni “oggettive”.

55Si ricordi come Simmel parla di “valore”: nel valore deve esserci oggettività, ma non nel senso di esternalità al soggetto, ma nel senso di qualcosa che il soggetto apprezza e che nello stesso tempo ritiene tutti debbano apprezzare (v. Rositi, 2015, 185), insomma una oggettività sociale. Se è vero quello che abbiamo immaginato quanto al carattere ansiogeno di un mercato standard dove i prezzi si formano in modo aleatorio e sulla base di imprevedibili e tuttavia meccaniche relazioni fra domanda e offerta, il mercato delle collezioni sembra dunque esprimere una sorta di nostalgia, tuttavia mercantilizzata e orientata al possesso, per un tipo di scambio sociale preregolato da comuni valori oggettivi, e per prezzi così giustificati. Ciò può anche rendere conto del perché questo particolare mercato, normalmente frequentato da persone agiate o molto ricche, generi un tasso di invidia sorprendentemente basso.

Torna su

Bibliografia

Alberoni F. (1964), Consumi e società, Milano, il Mulino.

Appadurai A. (2016), Scommettere sulle parole. Il cedimento del linguaggio nell’epoca della finanza derivata, Milano, Cortina.

Archionatti R., Mornati F. (2017), Economia e sociologia nel pensiero di Vilfredo Pareto, «Accademia della Scienze di Torino - Quaderni», 27, pp. 9-29.

Axelos K. (1963), Marx, pensatore della tecnica, Milano, Sugarco.

Barbera F. (1999), Una poltrona per due. I meccanismi in economia e sociologia, «Quaderni di sociologia», 20, pp. 155-161 (anche online).

Bauman Z. (2010), Consumo, dunque sono, Bari, Laterza.

Becker G.S. (1988), L’approccio economico al comportamento umano, Bologna, il Mulino.

Best J., Paterson M. (a cura di) (2010), Cultural Political Economy, London-New York, Routledge.

Bobbio N. (1999), Teoria generale della politica, a cura di Bovero M., Torino, Einaudi.

Boltanski L., Thevenot L. (1991), De la justification. Les economies de la grandeur, Paris, Gallimard.

Boltanski L., Esquerre A. (2017), Enrichissement. Une critique de la marchandise, Paris, Gallimard.

Boudon R. (1993), L’arte di persuadere se stessi, Milano, Rusconi.

Id. (2000), Il senso dei valori, Bologna, il Mulino.

Caillé A. (1995), Mystères de l’histoire des idées. À propos du cas Bentham, «La revue du Mauss», 6, pp. 125-146.

Collins R. (1980), Sociologia, Bologna, Zanichelli.

Corradi F. (2016), Social Spirits. A New Research Agenda for the Sociology of the Stock Exchange, Saarbrücken, Lambert.

Dugger W.M. (1995), Douglass C. North’s New Institutionalism, «Journal of Economic Issues», 29, pp. 453-458.

Elias N. (1989), Che cos’è la sociologia, Torino, Rosenberg & Sellier.

Faundez J. (2016), Douglass North’s Theory of Institutions: Lesson for Law and Development, «Hague Journal on the Rule of Law», 8, 2, pp. 373-419 (anche online).

Forst R. (2013), Critica dei rapporti di giustificazione. Prospettive di una teoria politica critica, Torino, Trauben.

Franchi M. (2010), Il senso del consumo, Milano, Bruno Mondadori.

Fratini S.M. (2016), Sraffa on the Degeneration of the Notion of Cost, Centro Sraffa Working Papers, 21.

Geertz C. (1978), The Bazaar Economy: Information and Search in Peasant Marketing, «The American Economic Review», 2, pp. 28-32.

Heilbron J. (2006), Naissance de la sociologie, Marseille, Gone.

Hirsch F. (2001), I limiti sociali allo sviluppo, Milano, Bompiani.

Jessop B. (2004), Critical semiotic analysis and cultural political economy, «Critical Discourse Studies», I, 2, pp. 159-174.

Id. (2010), Cultural political economy and critical policy studies, «Critical Policy Studies», III, 3-4, pp. 336-356.

Laval Ch., Dardot P. (2013), La nuova ragione del mondo. Critica della razionalità liberista, Roma, Derive/Approdi.

Magnani I. (2003), Dibattito fra economisti italiani di fine Ottocento, Milano, Angeli.

Morfino V. (2006), Marx, pensatore della tecnica, in D’Alessandro P., Potestio A. (a cura di), Filosofia della tecnica, http://www.ledonline.it/laboratorioteoretico/allegati/filosofiadellatecnica-3-morfino.pdf.

Mutti A. (1992), Sui rapporti fra sociologia economica e teoria economica, «Sociologia del lavoro», 45, pp. 37-48; anche in Bianco M.L., Bonazzi G. (a cura di), Economia, lavoro, organizzazione. Il contributo della sociologia e i rapporti interdisciplinari, Milano, Angeli, 1992.

Id. (1993), Un dialogo tra economisti e sociologi, «Rassegna Italiana di Sociologia», 1, pp. 141-148.

Pizzorno A. (1973), L’incompletezza dei sistemi, in Rositi F. (a cura di), Razionalità sociale e tecnologie dell’informazione, Milano, Comunità, vol. I.

Id. (1993), Le radici della politica assoluta e altri saggi, Milano, Feltrinelli.

Rampa G. (2010), Crescere, innovare, convincere, approvare: stimoli intellettuali da Adam Smith, «Studi economici», 100, pp. 219-234.

Rangone M., Solari S. (2007), Institutional Economic and the Substantive Approach, in Asso P.F., Fiorito L. (a cura di), Economics and Institutions. Contributions from the History of Economic Thought, Milano, Angeli, pp. 317-340.

Rositi F. (2003), Sulle antiche passioni del pensiero economico, «Economia politica», 2, pp. 151-158.

Id. (2011), Boltanski: un sociologo dialettico, «Rassegna Italiana di Sociologia», 3, pp. 474-484.

Id. (2015), I valori e le regole. I termini della teoria sociologica, Bari, Liguori.

Id. (2016), La lunga strada di Luciano Gallino, «Rassegna Italiana di Sociologia», 1, pp. 135-144.

Id. (2018), Giustificare oppure classificare. Il caso dei prezzi di mercato, «Quaderni di scienza politica», 4.

Salvati M. (1993), Economia e sociologia: un rapporto difficile, «Stato e mercato», 38, pp. 197-241.

Sassatelli R. (2004), Consumo, cultura e società, Bologna, il Mulino.

Steiner Ph. (2015), Comte. Altruism and the Critique of Political Economy, Fondation maison des sciences de l’homme, Working Paper-2015-99; GeWoP-8-2015 (https://halshs.archives-ouvertes.fr/halshs-01168341).

Sum N.L., Jessop B. (2013), Towards a Cultural Political Economy: Putting Culture in Its Place, Cheltenham, Elgar.

Swedberg R. (1994), Economia e sociologia, Roma, Donzelli.

Torna su

Note

1 Talora la chiameremo, come altri usano, semplicemente economics.

2 Quanto al concetto di scarsità, centrale nella definizione di economia per Lionel Robbins, che è del 1932, ricordiamo che Talcott Parsons, in Teoria e struttura dell’azione sociale, che è del 1937, accettò sostanzialmente la definizione di economia data da Lionel Robbins nel 1932 e fondata sostanzialmente sull’idea di scarsità (l’economia come scienza che è pertinente al “problema dell’allocazione di risorse limitate tra i loro vari usi potenziali”). Ma poi lo stesso Parsons si risolse per una definizione più ampia del sottosistema economico (e della sua scienza) come sottosistema che affronta uno dei quattro imperativi o problemi funzionali delle società, quello dell’adattamento fra fini e mezzi: poiché l’adattamento può svolgersi nelle due direzioni, “raffreddamento” dei fini in considerazione dei mezzi, ma anche ricerca dei mezzi per “qualsivoglia fine”, è da escludere che il tema dell’adattamento nasconda in Parsons l’idea che la scarsità di risorse sia un carattere “naturalmente” insuperabile della condizione umana (questa idea fu soprattutto teorizzata da Carl Menger, 1840-1921, e fu contrastata da Karl Polanyi: cfr. Rangone e Solari, 2007). Uno dei punti di contrasto fra Keynes e Hayek negli anni ’30 fu proprio su questo concetto, poco interessante per il primo, centrale per il secondo.

3 È noto che Pareto ebbe difficoltà a includere il concetto di utilità nella teoria economica (non in quella sociologica) e lo imputò di sostanzialismo psicologico (ipersignificazione) e al contempo di connotazione metafisica (iposignificazione): concluse con il ricorso a un termine convenzionale come “ofelimità” per evitare ogni equivoco – ed escluse comunque la possibilità di misure cardinali. Caillé (1995) ha ritenuto prevalente il vuoto di significati nella storia del temine: “A partire dal momento in cui l’idea di utilità è resa astratta e indifferenziata, equivalente a una quantità di moneta, tutto diventa ‘utile’, il bene come il male, il vantaggioso come il nocivo, purché effettivamente desiderato. Tutto è utile e niente lo è più. L’utilitarismo moderno… è quella dottrina che, come la scienza economica, rifiuta di dire alcunché sul suo oggetto centrale, il concetto di utilità, e che si nutre di questo vuoto e di questo silenzio”.

4 Un resoconto completo e stimolante ne è in Ph. Steiner (2015).

5 Una importante rivalutazione di Comte, denigrato come positivista (e perfino come antesignano del fascismo) dalla “sociologia critica” e da altri sociologi di debole intelligenza epistemologica, si ha con Norbert Elias, 1989, cap. 1. Da segnalare la tesi di Heilbron (2006), secondo la quale Comte ha compiuto una “rivoluzione epistemologica” nel momento in cui ha distinto fra sociologia dinamica e sociologia statica, ha assegnato a quest’ultima il compito di una rappresentazione di strutture sociali storicamente determinate ed ha affermato che tale rappresentazione non possa che collocarsi a un basso livello di generalità. Se la sociologia è fra tutte le scienze quella con il più basso livello di generalità, si esclude la possibilità che essa possa fondarsi, come la meccanica (ai tempi di Comte) e secondo il sempre risorgente scientismo, su leggi universali. Ho inserito questa divagazione su Comte per far chiaro che, se sia interesse di qualcuno trovare nelle pagine seguenti qualche soggiacente principio epistemologico, posso qui esprimerlo esplicitamente, anche se, come è ovvio, soltanto in forma assertiva e imprudente: non sono solo nel ritenere che le scienze sociali debbano assumere come compito specifico la descrizione di determinate formazioni sociali, piccole o grandi, del quantum di funzionamento coerente esse abbiano, e delle loro contraddizioni funzionali e culturali. Non credo tuttavia che questa mia posizione pregiudichi la tesi specifica che sosterrò in questo saggio.

6 Per Talcott Parsons, si ricordi, perfino le occupazioni “egoistiche” (possiamo includervi il birraio di Adam Smith) sono tali perché consentite e previste dall’ordinamento sociale con le sue opportune regolazioni. Ma, pur se si vuole lasciar da parte il controverso altruismo di altre professioni, è indubbio che anche molte delle preferenze individuali siano normalmente collegate a determinati ruoli (così i magistrati sono principalmente orientati, o almeno sono stati, al prestigio – e ai relativi tipi di consumo).

7 Negli ultimi anni del ‘900 si è andata perfino affermando, nella business economics, una corrente filosofica che si ispira a un enlightened self-interest. Così si ottiene di congiungere la fedeltà al tema canonico del self-interest con una maggiore attenzione a quei problemi di consenso sociale in cui anche gli “attori economici” sono invischiati: un mirabile esempio di innovazione conformistica.

8 I teorici neoclassici trovano spesso una conferma delle proprie idee nel fatto che l’equilibrio generale del mercato si realizzi frequentemente. Ma già Ferdinando Galiani, che pure ha preceduto Smith nell’affermare che “le vili passioni nostre spesso, quasi a nostro dispetto, al bene del tutto sono ordinate”, e che postulava il darsi di una provvidenziale “mano suprema”, non ha evitato di sottolineare le gravi sofferenze sociali che sono prodotte nei tempi lunghi di crisi fra un equilibrio e l’altro.

9 Aggiungo a “individualismo ontologico” l’attributo “assoluto” per differenziarlo da orientamenti che attribuiscono esistenza solo all’individuo, e la negano alla società. Una ontologia dell’individuo può convivere con una ontologia della società (come in Luhmann, individuo e ambiente sociale entrambi reali): si evita così il rimprovero che Norberto Bobbio (1999, 343) ha rivolto a quella parte della tradizione sociologica che, optando per l’individualismo metodologico, ha per così dire alleggerito l’idea di individuo e lo ha ridotto a unità di analisi per la ricerca empirica (cfr. anche, nel presente testo, la nota 17).

10 Com’è noto, e come appare anche nella citazione in epigrafe, per Max Weber gli individui nella modernità non dispongono neppure dell’orientamento razionalistico al calcolo! Calcolare è il loro “destino”.

11 In modo analogo potremmo pensare il linguaggio: de Saussurre escludeva che gli individui disponessero del linguaggio (potremmo dire: c’è una ontologia del linguaggio) e invece lo definiva come “collocato al di fuori della volontà dei depositari”. Nei testi delle scienze sociali è frequente l’uso di definire i propri termini, e ciò sembrerebbe autorizzare l’idea di una costruzione arbitraria di linguaggio; tuttavia le stesse definizioni usano, nelle scienze sociali, il linguaggio ordinario e, d’altra parte, sono raramente convenzionali e tendono invece a mettere ordine nello stesso linguaggio ordinario.

12 In questa le “buone ragioni” possono includere non solo adesione incondizionata a valori, ma anche una serie di vere e proprie fallacie (ci limitiamo a citare Boudon, 1993 e 2000).

13 Gary Becker, allievo di Parsons nei suoi primi anni di studio, è stato particolarmente vicino a Jim Coleman, suo collega a Chicago, dove ha ottenuto un supplementare insegnamento di sociologia. Tuttavia mentre Coleman ha appreso molto dall’economia, ma si è comunque impegnato in un pur discutibile lavoro di ristrutturazione dell’intero campo teorico (Rositi, 2014, cap. 1), Becker ha appreso ben poco dalla sociologia se egli stesso dichiara (v. Swedborg, 1990, 47) di essere venuto a conoscenza, attraverso di essa, nientemeno che del fatto che gli esseri umani hanno una “preferenza” (“stabile” secondo l’assiomatica di Becker) a tener conto degli altri.

14 Ci si può riferire alla new institutional economics della teoria dei costi di transazione sostenuta da Oliver Williamson e al suo esplicito orientamento a considerare l’embeddedness (secondo l’espressione di Polanyi e di Granovetter) dei fatti economici nella società. Ma occorrono cautele prima di dare per scontato che queste aperture alla sociologia da parte di economisti siano teoricamente soddisfacenti: cfr. a questo proposito la molto istruttiva nota critica di Barbera (1999). Più complesso è il neo-istituzionalismo di Douglass North, che, sebbene ponga il mercato capitalistico come il più vantaggioso dei regimi di scambio (in quanto minimizza i costi di transazione), almeno non lo considera “naturale”, bensì frutto di una complessa storia di istituzioni e di cultura. Faundez (2016) svolge un diligente resoconto complessivo dell’opera di North e mette in luce il valore della sua ricerca e le difficoltà teoriche che essa ha incontrato (molto prossime a quelle della tradizione sociologica).

15 Sociologia del lavoro, sociologia economica, sociologia dell’industria ecc., hanno ovviamente intersecato il campo degli studi economici. Ugualmente potrebbe dirsi di quella sociologia che si occupa dei consumi e che accentua la dimensione culturale. Dagli anni ’90 del secolo scorso ha avuto un certo sviluppo anche una cultural political economy, che ha riguardato soprattutto le politiche economiche e l’azione degli “operatori” economici e che si appoggia soprattutto sull’analisi del discorso, in sintonia con un più generale cultural turn (ci limitiamo a ricordare, con una selezione non so quanto appropriata, Jessop, 2004 e 2010; Best e Paterson, 2010; Sum e Jessop, 2013. Si tratta di sociologi e politologi).

16 Un atto esplicito di fondazione non può neppure attribuirsi a Pareto che pure ha tracciato la forte dicotomia fra azioni logiche (oggetto dell’economia) e azioni non logiche (oggetto della sociologia). Ciò per vari motivi: a) la complessità del concetto di azione non logica, già analizzata dal primo Parsons; b) la non adesione di Pareto all’idea che le azioni economiche, anche considerando la sola società moderna, siano tutte “logiche”; c) la forte enfasi che egli pone sulla necessità di costruire una scienza sociale che tenga insieme, non giustapposte, sociologia e economia (v. il recente Archionatti e Mornati, 2017).

17 Ontologia della società non significa attribuire a una fantasmatica società, né a qualsiasi organizzazione di uomini, gli attributi che normalmente assegniamo all’idea di soggetto (come fu la tentazione, peraltro problematica, di Durkheim e come, quasi per contrappasso, sembra emergere, per esempio, in un individualista come Coleman), ma neppure degradarla a mero ambiente per gli individui: i soggetti che costituiscono un ordinamento (un ordine sociale, un sistema normativo, una società), costruiscono una realtà sociale (per ricordare i titoli di due libri famosi, di Berger e Luckmann e di Searle) che informa il senso comune e che ha una sua “logica”.

18 In parte analoga è stata la risposta di Magnani alla domanda perché in Italia, fra fine ’800 e inizi del ’900, l’orientamento neoclassico sia stato predominante rispetto all’iniziale successo della scuola storica tedesca, e poi rispetto a stili di ricerca più eclettici e più empirici: “È il metodo… che ha decretato il successo di un certo modo di fare scienza economica. Vi ha contribuito, indubbiamente, la sua intima fecondità nel saper cogliere le regolarità sottostanti al funzionamento dell’economia reale; ma hanno pesato anche (forse in misura decisiva) le caratteristiche proprie della logica formale, certo l’eleganza e il rigore, ma soprattutto il fatto di essere slegata da ogni dimensione temporale e perciò non deperibile” (Magnani, 2003, 263; ne ho discusso in Rositi, 2003).

19 Si pensi ai manuali di micro e di macroeconomia che circolano in Italia e a livello mondiale: sono tutti molto simili fra loro, cominciano con le curve della domanda e dell’offerta, poi introducono il tema dell’utilità marginale, eccetera, sebbene poi possano differire per formalismi maggiori (teoria dei giochi, delle decisioni…) o minori. E si pensi viceversa ai testi che i sociologi danno ai loro studenti del primo anno: una babele di testi, tutti diversi fra loro. L’uniformità di base, concettuale, degli economisti genera certamente di per sé più fiducia in un mondo che è già così incerto ed è alla ricerca di qualche solida base.

20 Personalmente non so quale altra ragionevolezza possa avere il canone delle teorie a medio raggio se non l’impegno a evitare grandi questioni fondative. Nessuno mi ha spiegato rispetto a quali estremi del raggio possa collocarsi il suo punto intermedio: forse il punto minimo sta nell’anagrafe e il punto massimo sta nella metafisica (come credeva e temeva il totus empiricus Pareto)? Ma c’è una logica lineare fra questi due estremi? Non converrebbe avere una idea almeno approssimativa della grandezza dell’oggetto che si vuole conoscere?

21 Cfr. Mutti, 1992 e 1993. L’autore ha partecipato come discussant della relazione di Salvati (poi confluita nel saggio di cui abbiamo parlato) a un convegno che si è tenuto a Perugia il 26 e il 27 marzo 1993 sul tema “Economia e…”.

22 Talcott Parsons ha fatto questa riduzione. Ma egli ha posto una sostanziale identità fra il concetto freudiano di super-io e il concetto di interiorizzazione. L’introiezione di Freud – che è un processo in gran parte inconscio e che genera coazioni – diviene in Parsons un processo di apprendimento di modelli, qualcosa che genera conformità abitudinaria, ma non è propriamente sottratto al controllo dell’Io.

23 Una presentazione complessiva di questa fase della ricerca scientifica di Luciano Gallino in Rositi (2016). Sulla borsa v. ora Corradi (2016).

24 Chi conosce l’opera di Boltanski sa quanta rilevanza egli abbia dato al concetto di giustificazione, sul quale ha scritto, con Thevenot, un intero volume (1991). Qui si afferma che la struttura portante dell’ordine sociale non è tanto nella condivisione di preferenze, mete, gusti, valori ecc., ma nella condivisione delle rispettive giustificazioni.

25 Cade del tutto il riferimento morale nel codice giustinianeo: licet contrahentibus invicem se naturaliter circumvenire. In questo codice è del tutto eccezionale il caso dell’annullamento di un contratto non per vizio formale, né per vizio di consenso fra le parti, ma per l’oggettiva sproporzione fra prezzo pattuito e prezzo corrente di mercato: è il caso di due editti di Diocleziano nei quali si considera laesio enormis una compravendita (con particolare riferimento alla terra) che si è discostata per la metà dal prezzo corrente.

26 Ho cercato di argomentare questa tesi con maggiori riferimenti storici, con precise citazioni bibliografiche e con un excursus (ovviamente non specialistico) in Rositi, 2018. Negli ultimi anni è molto cresciuta la letteratura riguardante questo momento della storia del pensiero economico, e del suo intreccio con la storia economica.

27 È per esempio del tutto primitivo attribuire a Marx una cecità verso il problema dell’equilibrio fra domanda e offerta – a Marx che ha dedicato capitoli ai temi della sovra-produzione e della sotto-produzione, o attribuirgli la strana tesi che nella società capitalista scompaia il valore d’uso.

28 Anche nel caso delle innovazioni tecnologiche, il vantaggio competitivo che queste davano per un certo tempo al capitalista innovatore era di poter produrre a costi inferiori e vendere, con un super-profitto, secondo la quantità di lavoro socialmente necessario medio, dunque ancora mediante un prezzo giusto, … mediamente giusto.

29 Forse solo le attuali biotecnologie reggono il confronto con l’eccitazione che è stata scatenata dalla rivoluzione industriale. Ma oggi c’è diffuso timore verso le biotecnologie; allora l’industria generava ammirazione, perfino in un autore come Marx (Axelos, 1963; Morfino, 2006).

30 Per la verità gli stessi assiomi da cui parte la teoria neoclassica possono evolvere in una direzione che nega la possibilità di “spiegare” i prezzi: così è accaduto nella scuola austriaca.

31 Ricordiamo di passaggio che il suk aveva un sovrintendente che sorvegliava la correttezza dei pesi e delle misure, nonché la correttezza delle merci – e anche nei mercati attuali qualcosa come un controllo pubblico si è andato accumulando nei decenni –, ma, cosa più interessante nel contesto della ricerca di Boltanski e Esquerre a cui fra qualche pagina si ritornerà, è da ricordare che il suk era organizzato per cerchi concentrici: nel cerchio più interno e più piccolo si scambiavano merci di durata indefinita, come per esempio gioielli, e nel cerchio più esterno le merci più deperibili e per così dire a rischio di corruzione, alimenti in particolare. Nel nostro contesto di discorso, questa topologia è interessante, come vedremo fra poco, proprio perché essa organizza le merci non tanto per tempo di durata (merci più o meno resistenti), ma per il grado con cui esse sono considerate capaci di sottrarsi al consumo e di durare indefinitivamente.

32 Alcuni testi che ho letto sui consumi (Sassatelli, 2004; Bauman, 2010; Franchi, 2010) mettono in luce il fatto che nelle pratiche di consumo si gioca una grossa partita, nientemeno quella della costruzione della propria identità o quella di una simbolizzazione del proprio “senso del mondo”. Studi molto più antichi (Veblen; questo filone è ripreso da Dusemberry e Hirsch) hanno enfatizzato il ruolo dei consumi nella simbolizzazione delle differenze di status. In uno studio del 1964 Francesco Alberoni ha distinto fra consumi stratificanti (à la Veblen) e consumi destratificanti, nei quali ultimi va ricostituita la pericolante appartenenza a una comunità. In tutte queste teorie i vincoli di bilancio dei consumatori (il loro reddito) costringono ad alternative drammatiche meno intense di quelle legate alla sopravvivenza, ma certamente non trascurabili – ed anche rilevanti problemi all’equilibrio sistemico fra domanda e offerta: l’immagine della sovranità del consumatore, fiduciosamente costruita dall’economia neoclassica, degrada nell’immagine di un consumatore dilemmatico e affannato. Sui consumi è molto utile consultare la voce relativa nella Enciclopedia delle scienze sociali (Zamagni per l’economia, Ragone per la sociologia).

33 La ricerca di Boltanski e Esquerre ha anche il merito di proporre una classificazione dei vari tipi di mercato e di mostrare – si può dirlo al di là di un accordo completo con tutti i particolari della loro fenomenologia – che è davvero improprio coltivare l’idea di un unico mercato omogeneo o suddivisibile ad libitum in un numero qualsivoglia di “mercati” altamente specifici (della gomma, del petrolio, dei dolciumi…). Pur se si vuole lasciar da parte la grande circolazione di beni che, nello stesso capitalismo, non avviene sotto la forma di merce, anche gli scambi fra venditori e acquirenti mediante prezzi monetari mostrano interessanti variazioni. Non si tratta dunque di mettere al plurale il concetto di mercato per indicare una pluralità indeterminata di mercati (secondo specifiche merci, secondo localizzazione, secondo modo di effettuazione degli scambi). Si tratta di ottenere una tassonomia a un giusto livello di generalità, come già aveva tentato il pensiero economico premoderno (in genere orientato teologicamente) distinguendo grosso modo fra beni necessari e beni voluttuari. In particolare Boltanski e Esquerre ritengono che tutta la marchandise circola in quattro fondamentali modalità: abbiamo già parlato di mercato standard (o di consumo) e di mercato delle collezioni (con merci relativamente sottratte al consumo), si aggiungano il mercato di tendenza (la moda in particolare) e quel “mercato attivo” nel quale si compra o si vende per immediatamente vendere o comprare (tipicamente la borsa, ma più in genere la filiera commerciale fra produttore e consumatore finale; siamo alla commutatio negotiativa che Duns Scoto opponeva alla commutatio economica). Su questa tassonomia a quattro partizioni gli autori costruiscono una più compessa tipologia, individuando, per comporla, varie dimensioni.

34 Noi sappiamo, in particolare dal libro De la critique, quanto Boltanski abbia a cuore il problema del rapporto fra contingenza e durata, fra mondo (contingente) e realtà delle istituzioni (durevole). Si può forse imputargli di aver caricato tale coppia di una polarizzazione eccessiva (Rositi, 2011), ma, se la si concepisce in termini non dicotomici (se per esempio non introduciamo il fantasma dell’eterno dalle parti di ciò che è più duraturo), essa resta interessante per le stesse scienze sociali “positive”. Possiamo dunque immaginare quale sfondo di significati abbia il contrasto fra mercato standard e mercato dell’“arricchimento” degli oggetti in termini di durata e di valore di investimento.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Franco Rositi, « Valore | prezzo di mercato, Sociologia | Economics »Quaderni di Sociologia, 77 | 2018, 7-34.

Notizia bibliografica digitale

Franco Rositi, « Valore | prezzo di mercato, Sociologia | Economics »Quaderni di Sociologia [Online], 77 | 2018, online dal 01 mai 2019, consultato il 24 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/2015; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.2015

Torna su

Autore

Franco Rositi

Dipartimento di Scienze economiche e aziendali, Università di Pavia

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search