Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri77teoria e ricercaCritica e teoria sociale: eserciz...Presentazione

teoria e ricerca
Critica e teoria sociale: esercizi di discontinuità analitica

Presentazione

Giorgio Grossi
p. 55-57

Testo integrale

1È opinione diffusa che la crisi epocale e sistemica della società-mondo che stiamo attraversando negli ultimi decenni debba stimolare un ripensamento e una ridefinizione delle teorie sociali contemporanee, con riferimento sia alle pratiche degli attori sia alle concettualizzazioni esplicative che ne possono derivare. In questa prospettiva già da qualche anno il Forum di TeoriaSociale – un gruppo di confronto interdisciplinare di studiosi e studiose che mette in discussione gli approcci teorici prevalenti in una prospettiva di critica e discontinuità rispetto ai paradigmi consolidati – ha avviato un percorso sistematico di dibattito seminariale e di riflessione scientifica insieme al Centro Interuniversitario di Sociologia Politica (CIUSPO) dell’Università di Firenze, che ne ha condiviso e supportato il progetto epistemologico.

2I due saggi che vengono qui pubblicati rappresentano una prima concretizzazione di questo percorso teorico e sono anche il risultato delle discussioni e dei confronti analitici che si sono svolti negli anni 2016-2017 nel corso di un ciclo di seminari intitolato Esercizi di critica e teoria sociale a cui hanno partecipato numerosi esponenti – giovani e meno giovani – delle discipline filosofiche, sociologiche, economiche, storiche e giuridiche di molte università italiane. In questo ambito accademico viene apertamente promosso e sostenuto un dialogo tra discipline diverse non solo per far emergere la varietà dei punti di vista e la loro peculiarità euristica, ma anche per valorizzare la contaminazione analitica che può alimentarsi in un consesso esplicitamente orientato a far coesistere specificità e differenze.

3Il nucleo concettuale su cui si è più o meno continuativamente lavorato in questi anni – e che è in parte esemplificato dai saggi qui presentati – è in primo luogo quello relativo al nesso tra teoria e critica sociale. Da una parte, si deve constatare l’insoddisfazione per i paradigmi mainstream delle scienze sociali contemporanee, sempre meno convincenti nella capacità di intercettare (e interpretare) il mutamento sociale; dall’altra, cresce l’esigenza di recuperare la valenza euristica del pensiero critico – oggi sempre più auspicabile – cercando nel contempo di rivederne gli apparati concettuali e la configurazione analitica, anche al fine di accantonare le varianti post-moderne e decostruzioniste che spesso lo hanno caratterizzato.

4Una prima mossa programmatica consiste nel non tenere più separate la teoria sociale e il pensiero critico sulla base della vecchia distinzione tra teoria scientifica avalutativa e paradigma ideologico valutativo, cercando di elaborare piuttosto un nuovo percorso analitico-descrittivo che ponga la critica al centro della teoria stessa: ogni teoria sociale è “naturalmente” critica perché deve confrontarsi con la realtà esistenziale della sociazione, che è sempre più problematica, metamorfica e socialmente costruita. Ciò comporta di conseguenza la fuoruscita da un impianto teorico finalizzato a una ipostatizzazione del reale mediante un modello esplicativo totalizzante, oggettivato e ripetitivo che pensa – sia in modo neutrale che in prospettiva radicale – di porsi all’esterno di qualsiasi configurazione bio-sociale per individuare i fattori sovradeterminanti, per svelare le coerenze o le aporie nascoste, per descrivere la linearità dei nessi causali impliciti.

5In altri termini, questo percorso esplorativo – che è ovviamente declinato in modo diverso nei due saggi qui pubblicati, anche per il diverso focus tematico prescelto – condivide il presupposto comune che per fare teoria sociale critica oggi sia necessario soprattutto fare sempre autocritica, cioè prendere atto che l’elaborazione teorica non implica affatto il raggiungimento della certezza analitica, ma al contrario che occorre dotarsi di una strumentazione e una strategia di ricerca che rifiuta di ridurre la “complessità sociale” e invece ne accetta tutte le conseguenze anche sul piano dei repertori concettuali e dei paradigmi interpretativi impiegati.

6Da questo punto di vista – ed è questo il secondo passaggio programmatico di questa scommessa – si cerca di formulare e operazionalizzare apparati concettuali che possano testimoniare le potenzialità di un progetto teorico “diversamente critico”. Così, ad esempio, le nozioni di ambivalenza e incertezza sono ritenute costitutive dei processi sociali e quindi sottolineano la necessità di non depurare e sostanzializzare i fenomeni ma di riconoscerne invece l’ibridazione, la polivalenza e l’irriducibilità unitaria; allo stesso modo, i concetti di molteplicità e performatività vengono pensati come intrinseci alle pratiche sociali per evitare di cadere nel determinismo e nel sincretismo di ogni forma di agency. Queste categorie infatti ci mostrano un orizzonte in cui la “sociologia del possibile”, già richiamata da Luciano Gallino, è tutt’altro che un wishful thinking, ma una promettente e necessaria prospettiva teorica che non mette vincoli alla variabilità e quindi alla pensabilità del sociale.

7Pertanto, riconsiderare l’idea della teoria sociale come critica dell’esistente non significa porsi sul terreno dell’ideologia (sia essa valutativa o asettica), ma al contrario vuole perseguire la problematizzazione e complessificazione di ogni dimensione epistemica al fine di praticare una discontinuità interpretativa: “le cose stanno così ma stanno anche in altro modo”, “il soggetto è unitario perché è multiplo”, “occorre passare dalla logica dell’aut aut a quella dell’et et”, “la teoria sociale deve diventare socioanalisi”, e così via.

8Tipizzazione, standardizzazione, determinismo lineare e univocità semantica appaiono quindi costrutti analitici di una tradizione teorica che oggi sconta non solo una limitata capacità euristica nei confronti del mutamento sociale convulso e accelerato degli ultimi decenni, ma che si mostra soprattutto inadeguata a fronteggiare le nuove sfide della nascente società post-umana e transumana che sta mettendo in discussione lo stesso profilo antropomorfico dei nostri consolidati modelli di sociazione.

9Certo, il percorso teorico e argomentativo che viene sperimentato in questa diversa prospettiva è ancora agli inizi e dovrà ovviamente essere implementato, approfondito, corretto e continuamente sottoposto a critica, ma quella che cerca di evidenziare è una diversa strategia cognitiva che possa far coesistere procedure scientifiche di analisi della realtà con gli imperativi socio-biologici che governano la storia di Homo Sapiens, che non stanno prescrittivamente scolpiti da nessuna parte e che quindi devono essere continuamente ripensati e riformulati.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Giorgio Grossi, « Presentazione »Quaderni di Sociologia, 77 | 2018, 55-57.

Notizia bibliografica digitale

Giorgio Grossi, « Presentazione »Quaderni di Sociologia [Online], 77 | 2018, online dal 01 mai 2019, consultato il 02 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/2036; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.2036

Torna su

Autore

Giorgio Grossi

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search