Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri78note criticheInsegnanti e studenti (eccellenti...

note critiche

Insegnanti e studenti (eccellenti) nell’analisi sociologica

Teachers and (excellent) students in sociological analysis
Luca Salmieri
p. 165-172

Abstract

Author reviews, discusses and critiques the contribution of sociology of education to the understanding of Italian teachers’ effects on both the quality of students’ learning and the enhancement of “excellent” students. The analysis has its roots in two books, one by Argentin (2018), the other by Barabanti (2018). The former stands as a systematic, comprehensive and cross-cultural look at researches in the field of teachers’ and schools’ effectiveness, by incorporating a diverse set of theoretical approaches and by offering a focused insight into the Italian case. The latter relies on a quali-quantitative research conducted in Italy on local and national scale in order to profile and assess the population of excellent students. Author introduces and comments practical and current educational difficulties which may affect the structures and the processes of school enhancements.

Torna su

Testo integrale

1Tutti si sono chiesti almeno una volta quale fosse la professione più importante per la società. Tra le risposte certamente non sarà mancata quella che indica “gli insegnanti”, poiché è a loro demandato il compito di preparare gli adulti di domani a stare al mondo, possibilmente migliorando il contributo che ciascuno realizza per gli altri – e quindi per la società – in termini civici, culturali, economici, politici. Ci si aspetta insomma che gli insegnanti svolgano una funzione cruciale: il passaggio di saperi, capacità e valori adatti al futuro prossimo e, a differenza di altre agenzie di socializzazione, in primis la famiglia, in un ambiente pubblico, democratico e universalistico. Forse non sarà la professione più importante in assoluto (in termini di prestigio, gratificazioni economiche e riconoscimento sociale non lo è affatto), ma è senz’altro tra le più delicate (Durkheim, 1922; Dewey, 1923; Calderhead, 1989; Labaree, 2000).

2Sorprende allora scoprire come la sociologia, specie quella italiana, non abbia prodotto poi chissà quanti sforzi empirici per comprendere l’agire e le caratteristiche salienti della popolazione degli insegnanti. Il volume di Gianluca Argentin – Gli insegnanti nella scuola italiana. Ricerche e prospettive di intervento, (Bologna, il Mulino, 2018) – colma tale lacuna e fornisce un quadro aggiornato delle ricerche e delle analisi esistenti, attraverso un’accurata selezione di fonti quantitative e qualitative, con riflessioni e proposte utili per le politiche rivolte agli insegnanti. L’autore, sociologo dell’educazione, adotta un’ottica comparata capace di situare la dimensione scolastica italiana in un confronto internazionale. Inoltre, stimola ricercatori e policy makers ad accogliere prospettive e suggestioni per il nostro paese pressoché inedite o poco diffuse. Infine, individua il tipo di sforzi futuri per migliorare il sistema dell’istruzione, passando per il lavoro degli insegnanti. L’elenco delle proposte è ricco: si suggerisce il confronto diacronico, possibile se si investono risorse nella raccolta di dati longitudinali; si auspica l’avvicinamento tra analisi teoriche, indagini empiriche, motivazioni degli insegnanti e politiche educative; si promuove l’adozione di metodi basati sulle evidenze empiriche, l’impiego di tecniche di verifica controfattuale e di disegni di ricerca che valutino gli impatti effettivi degli interventi rivolti a scuole e insegnanti.

3Argentin richiama poi la necessità che la sociologia dell’educazione italiana impari dagli esercizi dell’economia dell’istruzione, per appropriarsi di metodologie in grado di attestare l’efficacia di insegnanti e scuole. In questo modo si riuscirebbe a garantire una visione interdisciplinare negli studi sugli effetti derivanti dalle molteplici funzioni che gli insegnanti rivestono per la popolazione studentesca. Al riguardo, il tono dell’autore è persino prescrittivo: i sociologi devono «fare propri anche concetti e strumenti dell’economia dell’istruzione […] adottare la nozione di efficacia degli insegnanti e le misurazioni che sono state prodotte in merito» (p. 55).

4Il tema dell’efficacia degli insegnanti è molto delicato, soprattutto perché reca con sé il carattere molteplice dei processi contemporanei dell’insegnamento: la socializzazione, la maturazione personale, la preparazione per il prosieguo degli studi, l’enfasi sulle competenze spendibili nel mercato del lavoro, nella cittadinanza attiva, nelle relazioni sociali (Hargreaves, 2003; Slattery, 2012). In breve, si pone un problema complesso: l’efficacia rispetto a quali obiettivi? Non tutti i processi dell’insegnamento sono misurabili nell’immediato e, tra quelli che lo sono a breve termine, non tutti sono valutabili in termini oggettivi, come del resto lo stesso Argentin non dimentica di sottolineare. Tuttavia, le analisi disponibili, basate sule stime del valore aggiunto degli insegnanti (che scopriamo non andare oltre il 30%), possono tornare utili quando si tratta di elaborare suggerimenti nel quadro delle politiche rivolte all’erosione delle diseguaglianze scolastiche, oppure per disegnare il graduale ed efficace inserimento di innovazioni didattiche e pedagogiche o ancora quando si punta ad una redistribuzione più ponderata ed equa delle risorse scolastiche (già di per sé scarse). A tale riguardo mi pare convincente la selezione operata da Argentin quando evidenzia ciò che di inconfutabile si può estrapolare dalle ricerche basate sulla misurazione del valore aggiunto. Esse sono determinanti per orientare gli studenti, per introdurre metodi e accorgimenti di sostegno agli allievi svantaggiati, per distribuire in modo sub-ottimale gli insegnanti tra le scuole, indirizzando ad esempio i migliori verso quelle più “difficili”.

5Il fatto è che tra i numerosi fattori che influenzano la resa degli insegnanti e quindi anche quella degli studenti ve ne sono diversi che attengono alle variabili extra-scolastiche della popolazione insegnante (Fullan, 2001): le motivazioni e le traiettorie alla base della scelta professionale, il grado di professionalizzazione, la qualità e le possibilità di conciliazione tra lavoro e famiglia, l’età e i percorsi di carriera, il rapporto dialettico con i cambiamenti sociali, la gratificazione economica e, non ultima, la percezione che l’opinione pubblica (ma in primo luogo le famiglie) ha degli insegnanti e quindi anche quella che questi hanno di sé stessi. Si tratta di fattori che, per quanto esterni alla “scatola nera” didattico-pedagogica, non sono per questo meno importanti per la qualità e l’efficacia dell’insegnamento.

6Sebbene si tratti di una popolazione estremamente eterogenea – così come eterogenee sono le condizioni di contesto scolastico – quella degli insegnanti italiani è una categoria per la quale valgono alcune generalizzazioni che Argentin corrobora attraverso un uso accorto delle ricerche e delle base dati disponibili, in seno ad un confronto internazionale. La forte eterogeneità del corpo insegnante italiano è smorzata dalla comparazione con la popolazione insegnante di altri paesi occidentali (Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti), consentendo così di illuminare alcune importanti differenze di sistema tra la scuola italiana e quella degli altri contesti selezionati. Ebbene, l’efficacia degli insegnanti italiani non può che dipendere anche dal fatto che, rispetto a quanto rilevato per gli insegnanti di altri paesi, essi rappresentano un gruppo sociale più avanti con l’età, più femminilizzato – e quindi maggiormente “appesantito” dai carichi di cura del welfare familiare – meno retribuito (ad eccezione degli insegnanti greci che ricevono stipendi ancora più bassi), con una quota consistente di precari e tra questi di “precari di lunga durata” e, infine, per nulla inserito in percorsi di avanzamento e carriera. L’autore ci ricorda che per gli insegnanti italiani «non c’è alcuna differenziazione formale nei percorsi di carriera, nei ruoli di docente e nelle ricompense ad essi associate» (p. 158). A ciò si aggiunga che nel corso degli anni si sono susseguiti e sovrapposti diversi regimi e percorsi di reclutamento che hanno generato non solo confusione ed ulteriore varietà nel tipo di esperienze, di competenze e di motivazioni dei reclutati, ma anche accresciute difficoltà nell’immaginare un modello omogeneo di valutazione dei meriti. Si consideri poi l’eccezionale atipicità del modello italiano di apprendimento e consolidamento della professione: si tratta di un apprendimento abbastanza autoreferenziale, pressoché privo di formazione iniziale e sostenuto da poche e volontarie occasioni di formazione strutturata in servizio, nell’ambito di un’offerta lacunosa e qualitativamente non eccelsa. Per finire, la vera nota dolente, in Italia la storica assenza di una qualche forma di valutazione oggettiva dell’operato degli insegnanti è stata affrontata soltanto recentemente, con l’istituzione del Sistema Nazionale di Valutazione. Tuttavia, a fronte di inevitabili difficoltà di varia natura, tale sistema presenta molte ombre, ma soprattutto non sembra in grado di strutturare criteri centrali e universali che operino in chiave sia supportiva, sia premiale nei confronti tanto degli insegnanti che delle scuole.

7Le conclusioni di Argentin hanno un taglio propositivo e testimoniano quanto ci sarebbe da fare per sviluppare dinamiche di miglioramento complessivo. Sinteticamente le proposte vanno nella direzione di garantire agli insegnanti percorsi di carriera basati sull’impegno, provando a ridurre la loro elevata mobilità tra le scuole – un fenomeno che finisce per impattare negativamente sugli studenti – progettando e implementando azioni pluriennali di sperimentazione e formazione. Il problema è che a mio avviso vi è una sorta di fantasma che aleggia nel dibattito tra le discipline che si occupano della scuola ed è proprio la questione relativa alla definizione istituzionale della missione dell’istruzione e quindi degli insegnanti (Robeyns, 2006). Non è esagerato affermare che negli ultimi decenni il dibattito si è tenuto lontano dalla necessità di definire in maniera precisa quali debbano essere gli elementi centrali della missione dell’istruzione pubblica. Si è lasciato così il campo ad una improduttiva egemonia dialettica in cui le posizioni oscillano tra la difesa delle funzioni di riproduzione e innovazione sociale, da un lato, e le pervicaci pressioni a favore di una maggiore adesione alle mutevoli istanze provenienti dal mondo del lavoro, dall’altro (Ball, 2012). Si comprende così perché l’efficacia degli insegnanti converga verso la resa degli studenti misurata dai test standardizzati e non si apra, invece, alle più ampie e complesse influenze che gli insegnanti e le scuole esercitano sugli studenti. Sarebbe forse auspicabile affiancare a tali misurazioni la valutazione in presa diretta dei “processi” di insegnamento, magari sfruttando i metodi dell’etnografia scolastica (Fetterman, 1994; Green e Bloome, 2004).

8Il volume di Argentin andrebbe letto assieme alla ricerca di Paolo Barabanti su Gli studenti eccellenti nella scuola italiana. Opinioni dei docenti e performance degli alunni (Milano, Franco Angeli, 2018). Il confronto tra i due testi consente infatti di cogliere per difetto il nodo principale dell’efficacia degli insegnanti: esiste infatti uno scarto tra la centralità, gli approcci e gli strumenti della valutazione degli studenti e quella degli insegnanti. Come dimostra Barabanti, individuare gli studenti eccellenti è possibile. Più arduo, a mio avviso, è scoprire chi siano gli insegnanti efficaci, vuoi per la non-univocità delle prestazioni che dovrebbero essere valutate, vuoi per il fatto che gli insegnanti non possono contare sulla compresenza di un’entità terza che li valuti mentre insegnano, a differenza degli studenti che, invece, interagiscono con un’apposita figura valutatrice che è, appunto, l’insegnante (Berk, 1988; Marzano et al., 2011). Inoltre, la valutazione delle competenze degli studenti è un caposaldo dell’attività scolastica, mentre quella dell’operato degli insegnanti deriva indirettamente da quella degli stessi studenti. Persino laddove è concretamente istituzionalizzata, la valutazione degli insegnanti sembra tradursi soprattutto in una questione di accountability scolastica e non in uno strumento per il miglioramento degli apprendimenti (Hanushek e Raymond, 2005).

9Chi sono allora gli studenti eccellenti? Barabanti si cimenta in una fitta e densa anamnesi delle opinioni che gli insegnanti esprimono nel rispondere alla domanda. Essi descrivono le dinamiche di interazione che vedono gli studenti eccellenti protagonisti nell’ambiente classe; illustrano le reazioni, le tattiche e le scelte didattiche che questi stimolano; difendono le proprie concezioni di un trattamento equo.

10Alla ricerca qualitativa che coinvolge gli insegnanti (su scala molto locale, trattandosi di docenti di Brescia e provincia), Barabanti affianca un’analisi empirica dei risultati delle prove Invalsi degli studenti (questa invece su base nazionale), con l’obiettivo di tipizzare quelli eccellenti. Contrariamente a quanto ci si potrebbe attendere, gli studenti eccellenti non corrispondono in maniera precisa a coloro che emergono come top-performers dai test standardizzati. Né sono necessariamente i «plusdotati», ovvero coloro che hanno un elevato potenziale cognitivo o un QI particolarmente alto, né ancora gli studenti con bisogni speciali al positivo. Gli eccellenti sono coloro che si distinguono in meglio dai loro compagni perché mostrano una maggiore «porzione/misura di competenze sia cognitive, o logico/intellettive, sia di competenze morali, o sociali/comportamentali, in uno o più particolari momenti del percorso scolastico» (p. 23). Definiti in questo modo, gli studenti eccellenti esistono e, mi viene da aggiungere, sono anche riconosciuti e valorizzati: dalle interviste agli insegnanti emergono, pur se in maniera contraddittoria, le sensibilità, le attenzioni e le capacità di riconoscimento di tali studenti che così possono maturare una consapevolezza delle proprie abilità. Gli insegnanti dichiarano che «gli eccellenti possono essere d’aiuto per i compagni in difficoltà, fonti di stimoli ulteriori e di esempi positivi da seguire» (p. 152).

11I dati relativi alle prove Invalsi attestano la loro presenza in termini di capacità cognitive, dedizione e disposizione morale, quest’ultima intesa come valore e pratica della solidarietà. In questo caso sono stati considerati eccellenti gli studenti molto competenti in italiano e/o in matematica, appassionati alla conoscenza e solidali con l’ambiente classe. Nello specifico, per la dimensione della competenza, sono stati giudicati eccellenti gli studenti che alla prova di italiano o di matematica hanno conseguito punteggi pari o superiori al 95esimo percentile. Per valutare la passione per la conoscenza, l’autore ha tenuto conto degli studenti che hanno quasi sempre indicato “molto” alle affermazioni proposte nel questionario Invalsi riguardanti le propensioni allo studio, alla coltivazione degli interessi personali e alla volontà di comprendere al meglio le cose. Per la dimensione morale relativa alla solidarietà verso i propri compagni, sono stati invece ritenuti eccellenti quegli studenti che hanno affermato di essere disponibili ad aiutare “tutti” i compagni di classe. Attraverso l’analisi di queste tre componenti scopriamo che nelle classi quinte della scuola primaria italiana vi è un 2,1% di studenti che eccelle in italiano e appena un 1% che eccelle in matematica. Le quote di studenti eccellenti in termini di competenze in queste due discipline diminuiscono però al di sottò dell’1% nelle classi seconde della secondaria di II° grado dei tecnici e dei professionali, mentre per i licei la quota è dell’1,2% per la competenza in italiano e appena dello 0,6% per quella in matematica. La presenza di studenti eccellenti in termini di solidarietà e di passione per la conoscenza è più ampia, sebbene anche in questo caso cali al crescere dell’età, nel lungo passaggio dalla scuola primaria al II° grado della scuola secondaria. È davvero un peccato che Barabanti non abbia provato ad incrociare queste tre dimensioni di eccellenza per giungere ad una profilazione multidimensionale, ovvero al profilo degli studenti che raggiungono soglie elevate in tutte e tre le dimensioni. Si sarebbe ottenuta così la quota degli studenti italiani che eccellono contemporaneamente in italiano, in matematica, nella passione per la conoscenza e nella solidarietà nei confronti dei propri compagni di classe. È probabile che l’autore abbia considerato l’importante limite dei dati Invalsi per la profilazione degli studenti eccellenti: se si esclude la dimensione delle competenze in italiano e in matematica, le altre due emergono come percezioni personali che non è detto corrispondano alla realtà. In altri termini, mentre le competenze in italiano e in matematica sono misurabili a partire da risultati oggettivi e a prova di distorsioni e di cheating, non altrettanto si può dire per le dimensioni della passione per la conoscenza e della solidarietà verso i compagni di classe. Viene però segnalata l’interessante categoria dello studente «doppiamente eccellente», ovvero colui che risulta tale sia in italiano, sia in matematica: lo è appena lo 0,52% degli allievi delle classi quinte della primaria, lo 0,32% degli studenti delle classi seconde nei licei, lo 0,06% nei tecnici e lo 0,05% nei professionali.

12Barabanti privilegia poi la costruzione e l’impiego di diversi indici (status socioeconomico e culturale, motivazione e impegno, relazionali e relativi alla passione verso le discipline). L’uso di quello socioeconomico e culturale produce un importante risultato per la ricerca sociologica, ovvero dimostra che vi sono studenti che riescono a raggiungere l’eccellenza nonostante provengano da un contesto familiare svantaggiato. Si tratta dei cosiddetti studenti «resilienti». Non sono molti, ma esistono. Il fatto è che, a conferma di una vasta letteratura sull’argomento (per una rassegna e una comparazione internazionale si veda Barone, 2006), i resilienti sono molto pochi rispetto agli studenti eccellenti che provengono dalle classi medie ed elevate. Insomma, la loro sparuta presenza non scalfisce l’evidente riproduzione delle diseguaglianze di origine, visto che, come per le scelte scolastiche e per i risultati scolastici in generale, anche per il caso specifico dell’eccellenza, il principale fattore predittivo è dato dall’origine sociale, ovvero dallo status socioeconomico e culturale dei genitori. Ricostruire in che modo un numero molto esiguo di studenti provenienti dai ceti meno abbienti riesca ad eccellere potrebbe senz’altro aiutare a comprende i margini di manovra che gli insegnanti efficaci hanno a disposizione per erodere le diseguaglianze di origine.

13Come sperimentazione pilota in un ambito territoriale ristretto, la ricerca di Barabanti è notevole. Se in futuro venisse estesa, potrebbe fruttare una conoscenza cruciale delle dinamiche di insegnamento e apprendimento che conducono alla valorizzazione degli studenti più meritevoli. Peccato che Barabanti non abbia verificato la rintracciabilità degli studenti bresciani nel campione nazionale Invalsi. Il dialogo tra i risultati dei due esercizi – quello locale/qualitativo e quello nazionale/quantitativo – avrebbe forse meritato più spazio, permettendo ad esempio di sottolineare la forte contraddizione tra la scarsa adesione degli insegnanti bresciani al principio che gli studenti eccellenti siano coloro che hanno voti molto alti e la metodologia empirica della valutazione nazionale Invalsi che, invece, consente di isolare l’eccellenza proprio nelle ricorrenze dei punteggi apicali in italiano e matematica. Né può essere sottaciuto che la scelta dell’autore di fissare al 95esimo percentile la soglia dell’eccellenza in italiano e in matematica non è né tematizzata, né problematizzata (ci si potrebbe chiedere, ad esempio, perché non considerare eccellenti gli studenti a partire dal 90esimo o dall’85esimo percentile).

14Tuttavia, la ricerca di Barabanti ha il merito di problematizzare una questione importante che nel nostro paese sia le ricerche sia le policies avevano pressoché rimosso: l’equità nell’interazione insegnanti-studenti e la valorizzazione dell’eccellenza. L’approccio dell’allocazione equa delle risorse come modello teorico per aumentare l’attenzione verso gli studenti eccellenti e per accrescere le attività didattiche e gli stimoli loro espressamente dedicati senza al contempo lasciare indietro gli studenti più deboli, presenta, a mio avviso, problemi operativi di non facile soluzione. Innanzitutto, la principale risorsa in ballo, l’interazione insegnante-classe, non è quantificabile, poiché persino ricorrendo al tempo come unità di misura ci si scontrerebbe con la complessità dei processi di insegnamento che, appunto, avvengono in un ambiente situato in cui solitamente l’interazione è “uno-molti”, di gruppo e sempre più integrata con l’apprendimento cooperativo. Soltanto in astratto sarebbe possibile partire da una situazione immaginaria in cui il tempo viene suddiviso in tante unità “docente-singolo studente” quanti sono gli studenti in classe, per poi, sfruttando questa base unitaria, ridistribuire il tempo in parti proporzionali alle differenti esigenze dei singoli. Tuttavia, il tempo e tanto più la qualità dell’interazione docente-classe, sono difficili da distribuire in parti eque, poiché la relazione basica dell’insegnamento e dell’apprendimento fa riferimento al gruppo di studenti e non ai singoli. Inoltre, la dinamica dell’insegnamento è altamente performativa. Essa agisce sull’ambiente di apprendimento e lo trasforma mentre si dispiega, influenzando la formazione dell’eccellenza nello stesso tempo in cui la riconosce e quindi la valorizza.

15Infine, ho come l’impressione che la questione dell’ulteriore valorizzazione degli studenti eccellenti resti intrappolata nella polarizzazione tra i bisogni e le difficoltà degli “ultimi” e i meriti e i talenti dei “primi”, quando invece esiste in ogni classe un gruppo più o meno ampio di studenti “mediamente” competenti con cui bisogna pur fare i conti. Ritengo che il sacro obiettivo di valorizzare gli studenti eccellenti vada perseguito come in parte credo già avvenga, ovvero riconoscendo la loro esistenza e sforzandosi affinché siano sfruttati i margini di miglioramento degli studenti che risultano invece “potenzialmente” eccellenti: essere capaci di non farsi sfuggire l’eccellenza latente, ma coltivarla, è pur sempre un obiettivo prioritario dell’insegnamento. In conclusione, ma a parità di importanza con questi ultimi aspetti, condivido pienamente alcuni dei validi suggerimenti espressi da Barabanti e in particolare lo sviluppo di una «formazione ad hoc ai docenti per sensibilizzarli a riconoscere, valorizzare e “restituire” ciò di cui hanno bisogno gli studenti eccellenti» e il fare leva «sull’impegno solidaristico [di questi ultimi] verso i compagni» (p. 148).

Torna su

Bibliografia

Ball S. (2012), Global Education Inc. New policy networks and the neo-liberal imaginary, London, Routledge.

Barone C. (2006), Cultural Capital, Ambition and the Explanation of Inequalities in Learning Outcomes: A Comparative Analysis, «Sociology», 40, 6, pp. 1039-1058. DOI: 10.1177/0038038506069843.

Berk R.A. (1988), Fifty reasons why student achievement gain does not mean teacher effectiveness, «Journal of Personnel Evaluation in Education», 1, 4, pp. 345-63. DOI: 10.1007/BF00124100.

Calderhead J. (1989), Reflective teaching and teacher education, «Teaching and Teacher Education», 5, 1, pp. 43-51. DOI: 10.1016/0742-051X(89)90018-8.

Dewey J. (1923), Education as a social function, in Democracy and education: An introduction to the philosophy of education, New York, Macmillan, pp. 12-27; trad. it. Democrazia ed educazione, Firenze, Sansoni, 2012.

Durkheim E. (1922), Éducation et sociologie, Paris, F. Alcan; trad. it. La sociologia e l’educazione, Roma, Newton Compton, 1971.

Fetterman D.M. (1994), Empowerment evaluation, «Evaluation practice», 15, 1, pp. 1-15. DOI: 10.1016/0886-1633(94)90055-8

Fullan M. (2001), The new meaning of educational change, New York, Teachers College Press.

Green J., Bloome D. (2004), Ethnography and ethnographers of and in education: A situated perspective, in Flood J., Heath S.B., Lapp D. (a cura di), Handbook of research on teaching literacy through the communicative and visual arts, New York, Routledge, pp. 181-202.

Hanushek E.A., Raymond M.E. (2005), Does school accountability lead to improved student performance?, «Journal of Policy Analysis and Management», 24, 2, pp. 297-327. DOI: 10.1002/pam.20091.

Hargreaves A. (2003), Teaching in the knowledge society: Education in the age of insecurity, New York, Teachers College Press.

Labaree D.F. (2000), On the nature of teaching and teacher education: Difficult practices that look easy, «Journal of teacher education», 51, 3, pp. 228-233. DOI: 10.1177/0022487100051003011.

Marzano R.J., Frontier T., Livingston D. (2011), Effective supervision: Supporting the art and science of teaching, Alexandria, USA, ASCD.

Robeyns I. (2006), Three models of education: Rights, capabilities and human capital, «School Field», 4, 1, pp. 69-84. DOI: 10.1177/1477878506060683.

Slattery P. (2012), Curriculum development in the postmodern era: Teaching and learning in an age of accountability, New York - London, Routledge.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Luca Salmieri, « Insegnanti e studenti (eccellenti) nell’analisi sociologica »Quaderni di Sociologia, 78 | 2018, 165-172.

Notizia bibliografica digitale

Luca Salmieri, « Insegnanti e studenti (eccellenti) nell’analisi sociologica »Quaderni di Sociologia [Online], 78 | 2018, online dal 01 janvier 2020, consultato il 28 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/2235; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.2235

Torna su

Autore

Luca Salmieri

Dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche Sapienza Università di Roma

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search