Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri79teoria e ricerca / Alessandro Piz...Alessandro Pizzorno teorico della...

teoria e ricerca / Alessandro Pizzorno, classico contemporaneo tra Hobbes e Durkheim

Alessandro Pizzorno teorico della politica

Alessandro Pizzorno, political theorist
Pier Paolo Portinaro
p. 3-16

Abstract

The article aims to highlight Pizzorno’s contribution to political theory, identifying two fundamental issues of his research: conflict and representation. On these issues the author has not only developed a constant dialogue with the classics of sociology, but has also dealt with the classics of political thought, Machiavelli, Hobbes, Marx, Schmitt. He adopted a realistic approach to the problem of politics, an approach that sought to go beyond the realistic theory of interests, by raising the question of the identity of stakeholders and by analyzing the processes of “conversion” through which identities transform themselves. Putting the concept of recognition at the center of his theory, he elaborated the Hegelian critique to Hobbes and the contractualist paradigm from which the theory of rational choice drew its strength: not social contract among equals, but recognition among unequals – which has to be mutual recognition, because not even the strongest can afford not to be recognized by the weakest.

Torna su

Testo integrale

Protagonista della rinascita della Sociologia in Italia nel secondo dopoguerra e studioso dal profilo internazionale, Alessandro Pizzorno è stato anche uno degli autori più rappresentativi dei «Quaderni di Sociologia» sin dalle origini. Riproponiamo qui due dei suoi scritti pubblicati nella nostra rivista, preceduti da un saggio che guida nella ricostruzione del costante interesse di Pizzorno per la teoria politica

  • 1 Rilevo (senza volerlo per questo considerare un testamento spirituale) che forse l’ultimo signific (...)
  • 2 Ma vedilo anche, con aggiunta un’intervista a cura di Roberta Sassatelli, in Pizzorno (2007, 343-3 (...)

11. Fra i lavori a cui nei suoi ultimi anni Alessandro Pizzorno attendeva pare vi fosse un libro su Thomas Hobbes. La cosa non può sorprendere. Il problema dell’ordine sociale a partire dall’assunto hobbesiano dell’improbabilità dell’integrazione sociale (anzi, della società come tale) ha accompagnato da sempre le sue ricerche. La teoria della rappresentanza è stata inoltre al centro della riflessione del sociologo – ed è noto che il battesimo del concetto moderno di rappresentanza è celebrato in un cruciale capitolo del Leviathan, in cui la nozione è correlata a quella di «maschera»1. Con un saggio su La maschera Pizzorno aveva dato inizio, in anni lontani e in terra francese, al suo percorso di ricerca, in cui confluivano la sua passione per il teatro pirandelliano, una viva curiosità per l’antropologia culturale e il precoce, forse ancora inconsapevole, interesse per un tema cardinale della sociologia, lo studio dei ruoli; ma anche, appunto, per uno dei problemi centrali della teoria politica, quello della rappresentanza (Pizzorno, 2008)2.

2Dall’incarico (per altro disatteso) di redigere il «manuale di fabbrica» per l’Olivetti nei primi anni Cinquanta alle ricerche italiane sulle «logiche dell’azione di classe» iniziate dopo l’autunno caldo, a quelle comparativistiche (condotte con Colin Crouch al Nuffield College) sulla conflittualità sindacale in sei paesi europei e ancora a quelle sulla corruzione intraprese all’Istituto Universitario Europeo, dall’introduzione al Durkheim de La divisione del lavoro sociale al dialogo con Bourdieu sul «capitale sociale» (che in lui si affina nella distinzione tra «capitale sociale di solidarietà» e «capitale sociale di reciprocità»: Pizzorno, 2007, 207-219) e a quello con Hirschman sull’uscita, la protesta e la lealtà, il suo percorso sembra a prima vista rappresentare perfettamente il profilo standard di un sociologo della seconda metà del XX secolo. Ma è significativo che nel suo scritto autobiografico, Seconda università o primi passi nella realtà?, abbia riconosciuto come già grazie all’apparentemente inconcludente esperienza aziendale all’Olivetti fosse venuto maturando l’interesse un po’ eretico per quello che sarebbe diventato il tema centrale (e di vertiginosa altezza teorica) del suo programma scientifico: il riconoscimento (Pizzorno, 2000b, 273: «andavo costruendo un po’ alla volta l’ambiente della fabbrica come una cerchia di riconoscimento»).

3A qualificare la sua posizione è questo suo essersi mosso in controtendenza rispetto a indirizzi teorici che pensavano assolta la propria funzione critica nel momento in cui, introducendo la nozione d’interesse nell’analisi sociale, ritenevano d’aver squarciato il velo delle ideologie. Certamente, Pizzorno ha praticato un approccio realistico al problema della politica, ma un approccio che si proponeva di andare oltre la teoria realistica degli interessi, ponendosi la questione dell’identità dei portatori d’interessi e analizzando i processi di «conversione» attraverso i quali le identità si trasformano, i valori cambiano e i criteri, con i quali si giudicano le azioni e il mondo, mutano. Come pochi altri si è interrogato sullo statuto e sulla funzione, insieme «critica» e «creativa», della teoria, cogliendone la demarcazione rispetto non semplicemente all’ideologia ma a quell’«ideologia teorizzante» che si rivolge, con pretese esplicative della realtà, a «un uditorio già selezionato in termini di credenze» (Pizzorno, 1993, 28).

4Fin dai primi studi ha indirizzato uno sguardo che non impropriamente potremmo definire machiavelliano su partiti, associazioni d’interessi, movimenti (i «soggetti del pluralismo»). E ha poi accompagnato questi soggetti collettivi fino a quella che molti indicatori inducono a considerare la fine del «compromesso keynesiano-fordista» (Pizzorno, 2007, 319), coincidente con la fine dell’«epoca della speranza politica». Perseguendo strategie di crescente complicazione, nel corso degli anni il suo interesse si è spostato dai soggetti del pluralismo e dalle logiche dell’azione sociale e politica verso le dinamiche istituzionali attraverso cui si costituiscono comunità e società, verso la progressiva eticizzazione dell’agire politico (Pizzorno, 1998) e verso questioni al confine con la riflessione filosofica, come quelle relative all’identità dei soggetti sociali in condizioni d’incertezza (sul punto inviterei a rileggere soprattutto il paragrafo «L’incertezza e il nastro degli io», in Pizzorno, 2007, 54-62).

 

52. Anche il conoscitore più superficiale della sua opera non ha difficoltà a riscontrarvi un costante interesse per la teoria politica. Soprattutto le due grandi raccolte La politica assoluta e altri saggi (1993) e Il velo della diversità. Studi su razionalità e riconoscimento (2007) mostrano l’intensità del suo dialogo con i classici del pensiero politico e con i maggiori teorici politici contemporanei. Introducendo il primo volume, dichiarava di essere stato attratto da tre problemi: «chi siano i soggetti della politica», «che posto abbia, o debba avere, la politica nella vita della persona» e, appunto, «quale sia la parte da dare alla riflessione teorica sulla politica» (Pizzorno, 1993, 9). Nel saggio Risposte e proposte (2000), concepito per un volume di contributi in suo onore, metteva a confronto le due grandi tradizioni del pensiero socio-politico occidentale, quella del contratto e quella del riconoscimento, indagandone i diversi modi di concepire la natura dell’individuo, la relazione tra individuo e società e il conflitto sociale (Pizzorno, 2000a, 213). Quanto al volume del 2007, già il titolo segnalava l’intento di dialogare con la filosofia politica contemporanea (a partire da Rawls).

6In principio era il conflitto. In un acuto saggio ha fatto produttivamente interagire Machiavelli, Hobbes e Marx con la sociologia del conflitto simmeliana e la teoria schmittiana del politico, dichiarando di essere interessato in particolar modo alle «ragioni ermeneutiche» del conflitto, a chiarire cioè «il significato che il conflitto può assumere per chi vi è, come partecipante o come spettatore, coinvolto» (Pizzorno, 1993, 200). In Machiavelli ritrovava una rete di enunciati che, generati come consigli al Principe e come consigli al Popolo, davano forma a una teoria riflessiva della politica: al centro della quale andava rilevata «la presenza, per la prima volta esplicita, di una vera e propria teoria dei conflitti» (Pizzorno, 1993, 188-189). Conflitti intanto che, quando non sono mossi da avidità di ricchezze o ambizioni di reputazione privata, generano «innovazioni istituzionali che allargano l’accesso alla cosa pubblica», quindi operano a favore, al contempo, della libertà degli individui e della potenza del collettivo.

  • 3 Pizzorno (1993, 198) : « Viene proposto un conflitto che è globalizzante, cioè coinvolgente la per (...)

7Ad un altro genere di conflitti, di natura religiosa, che producevano «incertezza sulla verità», fa riferimento invece Hobbes. E a un altro genere ancora, e al problema del meccanismo che produce le risorse oggetto di conflitto, fa riferimento Marx. Dall’incrocio delle tre prospettive, e dall’enucleazione dei problemi ad esse inerenti, Pizzorno perviene ad elaborare una teoria del conflitto che analiticamente distingue tre dimensioni del concetto e poi le ricombina con geometrie variabili: quella che attiene al riconoscimento delle distinte identità delle parti, quella che ha come movente prevalente l’interesse (e configura un conflitto distributivo) e quella (definita in riferimento all’ideologia) che vede le parti presentarsi e agire «con presunzione universalistica»3.

  • 4 Pizzorno (2000a, 212). Cfr. Id., 2007, 181 ss., dove si trova una critica alla lettura francoforte (...)

8Rispetto alla stagione nella quale il conflitto di natura ideologica poneva una sfida radicale al teorico che cercava di capire distanziandosi (stagione i cui frutti più maturi sono offerti in Le radici della politica assoluta), la stagione successiva (di cui è rappresentativa la raccolta Il velo della diversità) testimonia di un ulteriore scavo filosofico, spostando interamente l’asse del discorso sulla coppia Hobbes-Hegel e sull’antitesi tra l’ipotesi contrattualistica e la concezione della lotta per il riconoscimento. Ora l’argomentazione è incentrata sulla risposta hegeliana a Hobbes e a quel paradigma contrattualista da cui ha tratto la sua forza la teoria della scelta razionale: «non contratto tra uguali, bensì riconoscimento tra disuguali – che però dev’essere riconoscimento reciproco, perché neanche il più forte può permettersi di non essere riconosciuto dal più debole»4.

  • 5 Ma su Hobbes cfr. anche Pizzorno (1991). Gbikpi (2000, 114) ha giustamente connesso uno dei motivi (...)

9Da Hobbes inoltre Pizzorno riprende la definizione di potere come «capacità di ottenere benefici per il futuro», definendola «la più semplice e insieme la più comprensiva delle definizioni del termine»5 (Pizzorno, 2000a, 215). Ma sulla base della provocazione implicita nella teologia politica hobbesiana si è interrogato sulla natura del potere spirituale nei suoi rapporti con il potere secolare, individuandone le quattro componenti fondamentali: «controllo dell’organizzazione della conoscenza o del sapere, della produzione di norme, della spinta alla devozione e della definizione dei nemici della società» (Pizzorno, 1993, 65).

 

  • 6 Alla sociologia del conflitto è dedicata subito dopo la sua introduzione al grande libro di Dahren (...)

103. Fra i classici della sociologia il primo a cui ha rivolto, non solo cronologicamente, la sua attenzione è Durkheim. Nell’Introduzione a La divisione del lavoro sociale, dopo aver efficacemente sintetizzato la questione centrale dell’autore – «è possibile fondare l’ordine sociale e la convivenza civile sul semplice riconoscimento degli interessi individuali?» –, vi sottolineava già la consapevolezza dell’«insufficienza dell’individualismo e del contrattualismo». Fin da questo scritto, nell’opera del sociologo alsaziano Pizzorno mostrava di cercare indicazioni per il «rinnovamento della cultura sociologica contemporanea», emancipandosi dalla tradizione durkheimiana più ortodossa ma anche andando oltre il suo «ravvivarsi per opera di Parsons». E già qui rivolgeva la sua attenzione a problemi che Durkheim lasciava aperti, ponendo ad esempio la questione della «solidarietà per esclusione»6 (Pizzorno, 1962, xix, xxvii, xxxiii).

  • 7 Introducendo il concetto di conversione in Pizzorno (1993, 14), osservava : « Il linguaggio della (...)
  • 8 Altrove ha parlato di « contraddizione palese» tra il « Weber delle dichiarazioni di individualism (...)
  • 9 « Mentre l’agire consequenzialista è ricostruibile in termini di logica del calcolo delle consegue (...)

11Che il linguaggio della politica, ma anche quello della sociologia, abbisognasse di prestiti, dall’economia e dalla religione, era stato proprio il sociologo francese a insegnarglielo7. Max Weber lo avrebbe poi rafforzato in questa convinzione. E Weber è l’altro autore con cui ha intrattenuto un rapporto scevro da qualsiasi conformismo metodologico, traendone la sollecitazione non solo a ripensare criticamente l’individualismo ma a problematizzare il rapporto tra «comunità culturale» e «comunità interpretante»8. D’altra parte, pur riconoscendo che il sociologo tedesco aveva definito come sociale solo quell’azione in cui l’agente si orienta in base all’«aspettativa della probabile recezione da parte di un altro soggetto» (Pizzorno, 2007, 185), egli, facendo propria la lezione del neoistituzionalismo, si è spinto oltre, rifiutandone, almeno in ambito etico-politico, il consequenzialismo: al ricorso alla nozione di «agire consequenzialista» ha preferito l’utilizzo della nozione di «agire appropriato»9.

  • 10 Va sottolineata nelle analisi che conducono a queste conclusioni la finezza con cui è interpretata (...)

12Anche partendo dal concetto weberiano di carisma, come categoria centrale per comprendere il cambiamento, avrebbe constatato la convergenza con le analisi durkheimiane sulle situazioni di entusiasmo collettivo o effervescenza (Pizzorno, 2007, 266). Dall’incontro serrato fra le posizioni metodologiche di Durkheim e Weber, e in dialogo con tutte le rilevanti famiglie teoriche della sociologia contemporanea, sarebbe poi progressivamente maturata la sua teoria dell’azione sociale, qualificata dall’intento di «accantonare l’eternamente ripetuta dicotomia tra individuo e società, per collocare invece al centro della formazione della socialità le situazioni in cui portatori di ruoli si incontrano o scontrano, si riconoscono o si rifiutano, si attraggono o si respingono, ma implicitamente o esplicitamente sono indirizzati a produrre socialità durature e comprensibili»10 (Pizzorno, 2007, 188-189).

 

  • 11 Sulla sua critica alle teorie della scelta razionale Eisenstadt, 2004, 56 ss. Indagando sistematic (...)
  • 12 In Sulla teoria dei movimenti politici aveva esordito in questa critica sostenendo che il paradoss (...)

134. La prestazione per la quale Pizzorno gode di ampia notorietà anche al di fuori della corporazione dei sociologi è senza dubbio la critica alla teoria, a lungo egemone nelle scienze sociali, della scelta razionale: è a partire dalla diffusa insoddisfazione per le troppe mancate risposte, da parte di questo paradigma dominante, ai problemi emersi sul campo della ricerca (per esempio: «le ragioni della fiducia non spiegate»), che egli è venuto negli anni componendo il mosaico, mai concluso, di tanti micro-nuclei teorici capaci di aprire originali prospettive di indagine. Contro la teoria della scelta razionale, che considera razionale l’azione quando il soggetto, dati un certo bagaglio di informazioni e una precostituita gerarchia di fini, sceglie i mezzi più appropriati al conseguimento di tali fini, ha fatto valere che alla logica dell’utilità va anteposta una «logica dell’identificazione», perché da un lato si agisce in condizione d’incertezza cognitiva, dall’altro ci si trova a decidere in un contesto conflittuale (tra identità) e non solo competitivo (per le risorse)11. Partendo da queste premesse, nel saggio Sulla razionalità democratica (1983) ha fornito anche un contributo alla discussione delle teorie economiche della democrazia. Accostando al sovente discusso «paradosso del votante» il correlato «paradosso del politico» (intendendo il politico professionale), ne ha dedotto la necessità di rivedere le «premesse riguardanti la natura della scelta politica in democrazia»12 (Pizzorno, 1993, 151 ss.). E su questo fronte l’intreccio dello strumentario concettuale si è fatto col tempo sempre più stratificato.

14In alcune pagine in cui, sul finire degli anni Novanta, tentava un bilancio della propria attività di ricerca, si era lasciato indurre a sintetizzare la sua proposta teorica, formulando alcune linee-guida: 1) «Ci si deve liberare della camicia di forza che costringe la concezione dell’agire sociale entro lo schema mezzi-fini; sia per le difficoltà logiche cui va incontro, sia perché ora sappiamo che esso è nient’altro che uno degli schemi mentali che servono al soggetto agente per razionalizzare a posteriori il suo agire allo scopo di costituirsi come coerente». 2) «La persona del soggetto agente va concepita come prodotto congiunto di processi costruttivi sia di origine esterna: recezione dell’identità che cerchie di riconoscimento le attribuiscono; sia di origine interna: meccanismi di selezione delle percezioni di sé mossi da criteri di coerenza di se stesso nel tempo (attraverso i vari ruoli svolti)». 3) «L’unità minima di osservazione per spiegare la realtà sociale va spostata dall’individuo agente alla relazione tra persone, quindi alle regole che organizzano i processi di reciproca attribuzione di identità che hanno luogo in una situazione determinata; e le spiegazioni dovranno prendere le mosse dalla descrizione dei significati che i soggetti agenti attribuiscono alla situazione» (Pizzorno, 2000a, 227-229). Ma, una volta fornite queste coordinate generali, il cammino tornava a farsi tormentato e, ad ogni tappa, inappagato.

15In alcuni densi, e diciamo pure impervi, lavori successivi, come Razionalità e riconoscimento e Dalla reputazione alla visibilità, raccolti nel volume del 2007, Pizzorno ha portato alle estreme conseguenze la sfida al paradigma dominante nelle scienze sociali, quello utilitaristico delle teorie della razionalità strumentale, mettendo bene in chiaro che «affermare la sterilità metodologica» di un approccio centrato sulla nozione d’interesse non equivale ad aderire a ingenue e idealizzanti teorie dell’altruismo o dell’agire comunicativo volto all’intesa. Indagare le strutture dell’alterità comporta sempre l’adeguata inclusione della dimensione del conflitto e una visione polimorfica dei processi di riconoscimento, la cui complessità cresce con l’allargarsi delle cerchie di riferimento e con l’estendersi della profondità temporale.

16Grazie a questi lavori, si è ormai conseguito un largo consenso intorno al fatto che la teoria dell’azione non può mai prescindere dai vincoli cui la decisione è sottoposta: a) la scelta in condizioni di incertezza rende di per sé difficile valutare le conseguenze cui va incontro; b) «gli interessi dell’io di ora non sono gli stessi degli io futuri»; c) anche le «cerchie di riconoscimento» che offrono all’io rassicurazioni di continuità sono soggette al cambiamento e alla fallacia (2007, 55-57). Ma una frontiera nuova alla ricerca sulle trasformazioni delle democrazie (e sulla loro insidiosa delegittimazione) Pizzorno ha da ultimo aperto con l’inserimento di un nuovo elemento, l’incertezza reputazionale, nello strumentario della teoria. Una frontiera oltre la quale si apre il campo ancor poco esplorato della decomposizione delle élites.

175. Se non fosse che è noto che Pizzorno scrisse per la Storia delle idee politiche economiche e sociali diretta da Luigi Firpo un fondamentale saggio sulla dottrina elitistica, Sistema sociale e classe politica (che annovererei fra le cose migliori mai scritte nella letteratura internazionale sul tema), ci si potrebbe stupire a veder ricondotta anche la sua teoria sociologica all’alveo dell’elitismo (Pizzorno, 1972, 13-68). E invece è così. Pizzorno ha maturato il suo programma scientifico facendo i conti in modo approfondito con i teorici delle élites, anche perché in essi si avvertono già gli impulsi alla costruzione di una teoria del fenomeno politico che sappia coniugare macro- e microdimensionalità dell’analisi – ben oltre la questione delle élites, il programma sociologico paretiano.

  • 13 Naturalmente coniugandolo con quello weberiano delle origini e delle trasformazioni del profession (...)
  • 14 Su come la teoria della scelta razionale abbia ispirato politiche economiche, in particolare in It (...)

18In maniera innovativa, Pizzorno ha portato avanti il programma paretiano e schumpeteriano di superamento della «teoria classica» della democrazia, con il suo intreccio di idee metafisiche e finzioni (bene comune, volontà generale, rappresentanza)13. Già nel saggio Limiti alla razionalità della scelta democratica, del 1983, esordiva domandando: «Se l’elettore è un agente razionale, perché mai compie un atto così irrazionale come quello di andare a votare?» e, alla fine di un argomentato percorso, concludeva con la proposta di sostituire alla logica dell’utilità della scelta la «logica dell’identificazione»: il valore che la democrazia permette di realizzare non è quello (illusorio) della «libertà di scelta di politiche» ma quello della «libertà di identificazioni collettive»14 (Pizzorno, 1993, 150 e 183).

19Di matrice paretiana è poi con tutta evidenza una delle grandi dicotomie, «politica palese» versus «politica coperta», su cui sono costruite molte sue analisi sul fenomeno della corruzione. Introducendo i risultati di un’importante ricerca (Della Porta, 1992), si soffermava a considerare come il fenomeno determinasse una mutazione della politica ideologica, della natura dei partiti e della loro militanza. Se in un sistema penetrato dalla corruzione la funzione dei partiti è sempre più quella di selezionare personale per l’occupazione neopatrimoniale delle istituzioni, allora il senso della militanza diventa sempre meno la partecipazione volontaria all’attività di elaborazione di fini collettivi e sempre più la concorrenza a «posizioni d’interesse privato» (Pizzorno, 1992, 27). Questo strumentario veniva poi messo a frutto in Le difficoltà del consociativismo (1993), un saggio sulla costitutiva doppiezza del sistema politico italiano, dove è introdotta la più specifica demarcazione tra «identificabilità palese» e «identificabilità occulta» delle attività dei membri del personale politico (Pizzorno, 1993, 286-287).

  • 15 Sulle trasformazioni del sistema politico italiano si è soffermato in particolare in un saggio del (...)

20Studiando le pratiche del consociativismo, Pizzorno ha apportato una significativa revisione alle analisi weberiane del professionismo politico, avvicinandosi progressivamente al cuore della trasformazione delle democrazie contemporanee, in generale, e di quella italiana, in particolare. Nel momento in cui i soggetti della «partitocrazia» raggiungevano il massimo potere, ponevano anche le premesse per la durevole delegittimazione del partito politico, in cui alla figura tradizionale del «politico d’esperienza» venivano ad affiancarsi, e in molte situazioni a prevalere, i «politici d’immagine» e i «politici d’affari»: perché, da un lato, per gli scambi occulti non il partito in quanto tale ma aggregazioni trasversali e segrete o semisegrete diventavano decisive; mentre, dall’altro, ad una politica che sprofondava sempre più nella dimensione del segreto faceva riscontro una sempre più marcata esigenza di visibilità per affrontare le competizioni elettorali. Allo «stile ideologico» della classe politica subentrava lo «stile consumistico». «La misura ultima del potere sembra esser costituita dal potere di esser visti, diventare oggetto di consumo pubblico, di massa»15 (Pizzorno, 1993, 304 e 313).

21Teorico realista della democrazia Pizzorno è comunque sempre partito dall’analisi dei costi (materiali e morali) che i regimi democratici devono affrontare e che nelle situazioni di crisi si fanno insostenibili, mostrando nel concreto delle analisi come il discorso sulle identità non eluda affatto quello sugli interessi, ma al contrario lo interiorizzi e lo complichi. Per governare è necessario il consenso e per ottenere il consenso è necessario soddisfare la domanda politica degli elettori. Ma la domanda è in una società pluralistica, appunto, plurale, variamente impellente, diversamente organizzata, di solito anche scarsamente lungimirante. Le domande che gruppi d’interesse e associazioni vengono organizzando e trasmettendo sono: «a) più spesso che no, incompatibili tra loro; b) tali che, soddisfatte immediatamente quali si presentano, risultano incompatibili con gli interessi di lungo periodo di coloro stessi che le hanno poste; c) avanzate con forza diversa da diversi soggetti sociali, in quanto questi siano in possesso di diverso ammontare di risorse da offrire alla classe politica per ottenere ciò che desiderano» (Pizzorno, 1993, 301).

  • 16 In questo saggio ha riaffermato l’ineludibilità dello Stato, anche nel contesto della globalizzazi (...)

22In Natura della disuguaglianza, potere politico e potere privato nella società in via di globalizzazione (2001) ha insistito sull’incidenza del nuovo «potere privato extrastatale di informazione e comunicazione», che ha intensificato il «distanziarsi territoriale delle situazioni disuguali» e profondamente modificato le condizioni strutturali della competizione politica. In particolare, ha mostrato come all’acuirsi delle disuguaglianze diminuisca e praticamente si annulli «l’impegno volto a costituire soggetti sociali che rivendichino l’uguaglianza», debolmente surrogato dal fenomeno dell’«eteronomia della rivendicazione» (il rivendicare diritti e benefici per altri), e, ancora una volta, come nel quadro di questo generale indebolimento delle forme di organizzazione della domanda politica («annullamento della soggettività dal basso») si siano generate nuove lotte per il riconoscimento16 (Pizzorno, 2007, 311 e 315).

  • 17 La debolezza della categoria di politica dell’eticità è conseguente al fatto che essa include « te (...)

23Con un’altra distinzione, quella tra «politica vincolata» e «politica discrezionale», ha posto le coordinate categoriali, da cui forse si dovrebbe partire, per una trattazione del fenomeno del populismo. Per politica vincolata ha inteso quella politica «costituita dall’insieme di scelte che un paese non può non fare se vuole che il paese di cui è alla guida migliori, o mantenga, le sue posizioni nella competizione economica internazionale» (i vincoli a cui si sono sottoposte le socialdemocrazie europee dagli anni Novanta, predisponendo il loro declino). Per politica discrezionale ha inteso invece quella che con termine più pregnante ha chiamato anche «politica dell’eticità», e il cui contenuto, relativamente indifferente rispetto ai programmi economici, è dettato da lotte per la «protezione dei confini dell’identità» (le famose battaglie per i diritti civili delle minoranze)17 (Pizzorno, 2007, 329 ss.). I populisti, dovrebbe ormai essere ben chiaro a tutti, hanno costruito le loro fortune rifiutando l’una e l’altra.

 

  • 18 Già in un contributo del 1969, Per un’analisi teorica dei partiti politici in Italia, in cui indag (...)
  • 19 Sulla finzione della sovranità popolare cfr. Pizzorno (2010c, 329 ss).

246. Forse non inaspettatamente, tenuto conto del suo approfondito confronto con la teoria elitistica, Pizzorno ha affondato in più occasioni il bisturi in quello che è il cuore della teoria liberaldemocratica, il concetto di rappresentanza. Al tema si era accostato già con gli studi raccolti in I soggetti del pluralismo, dove l’analisi delle trasformazioni di sindacati e partiti è condotta muovendo dalla considerazione basilare che «i rapporti di rappresentanza possono assumere o natura associativa o di classe»18 (Pizzorno, 1980, 193). In Condizioni della partecipazione politica collocava l’emergere dell’idea di sovranità popolare, cui è connessa la pratica della partecipazione politica, al «passaggio da rappresentanza di mandato a rappresentanza libera». Solo nel momento in cui la corrispondenza tra status sociale e posizione politica viene meno, la partecipazione politica diventa fenomeno autonomo. Anche se questo avviene (e la duplicità sarebbe stata foriera di paradossali conseguenze) «per due processi di origine opposta, ma convergenti: per una rivendicazione dal basso, popolare, di allargamento dei diritti politici, da una parte; dall’altra, perché i gruppi che sono al potere nello stato cercano di rafforzarsi acquisendo alleanze con le nuove parti popolari e rivestendosi di nuovi fondamenti di legittimità»19 (Pizzorno, 1993, 88-90).

25In anni recenti, queste analisi si sono ancor più avvicinate alla originaria matrice elitistica, finendo per colpire insieme la credenza nella finzione della rappresentanza politica e l’illusione che in una riabilitazione del mandato imperativo possa individuarsi un’alternativa alla crisi della democrazia rappresentativa dei partiti. Al fenomeno dell’«indebolirsi del potere rappresentativo» si è accostato in particolare con il saggio Il potere dei giudici. Stato democratico e controllo di virtù, in cui ha analizzato l’espansione del potere giudiziario all’interno di quel processo di eticizzazione del diritto che dal controllo di costituzionalità delle leggi (già di per sé intriso di considerazioni morali) è tracimato in controllo di correttezza morale (o, appunto, di virtù) (Pizzorno, 1998). Quanto più la complessità sociale aumenta, tanto meno gli attori politici tradizionali (i partiti) si rivelano adatti a tutelare gli interessi di lungo periodo e tanto più necessario risulta il ricorso a detentori di competenze forti.

  • 20 Sempre più la deriva dei partiti si manifesta nella « ricerca di distinzioni simboliche che rimpia (...)

26Con la crisi dei partiti si è arrivati a un «sistema rappresentativo per campioni», in cui comunque «il principio di competenza continua a restare subordinato a quello di maggioranza». «L’elettore trova cioè nel candidato il riflesso di un se stesso immaginario, ed eleggendolo realizza una specie di riscatto per delega di proprie ambizioni deluse. All’illusione escatologica delle grandi ideologie subentra allora niente più che una loro inespressa contraffazione di nicchia. Mentre a parte, in un’ombra più o meno coperta, qualcuno più abile continua a far funzionare il voto di scambio». La deriva dei partiti si manifesta nella «ricerca di distinzioni simboliche che rimpiazzino la capacità di presentare programmi con contenuti veramente alternativi» (Pizzorno, 2013, 25-26). Dove si è alterato l’equilibrio, di per sé sempre precario, tra elemento rappresentativo ed elemento plebiscitario – e alterato a vantaggio del secondo – il principio di competenza finisce per diventare un ospite mal tollerato dagli attori politici20 (Pizzorno, 2013, 25-26).

  • 21 Pizzorno, 2017, vii-xxxi. Ma sulla crisi della rappresentanza già Pizzorno, 1996, 269 ss.

27Sul tema Pizzorno è tornato ancora di recente, scrivendo la prefazione alla traduzione italiana all’ormai classico libro di Hanna Pitkin sul problema della rappresentanza. Qui la sua critica del concetto di rappresentanza si coagula intorno a quattro tesi fondamentali: a) nella scelta elettorale non si dà rappresentanza – trasmissione di volontà – ma nomina; b) all’elettore non viene richiesta una specifica competenza; c) il ricorso alle elezioni non è espressione di una logica rappresentativa ma segno di solidarietà associativa; d) possibilità di controllo dell’eletto si dà solo in un contesto corporativo, non nel rapporto di rappresentanza politica21. Nella giornata elettorale, il popolo «non sta andando a scegliere i suoi rappresentanti, ma solo a nominar un numero stabilito di funzionari che lui popolo non controllerà – e questo è bene; ma di cui nemmeno conosce la competenza – e questo è male». L’atto irrazionale del voto è ricondotto così a un semplice «atto di solidarietà» contro la solitudine politica dell’uomo contemporaneo: «il nostro è un voto contro l’isolamento in cui ci sentiremmo se non votassimo anche noi» (Pizzorno, 2017, xxii-xxiii). Questo fatto spiegherebbe già di per sé l’insorgenza del fenomeno populista. L’analisi di questi processi spiega però anche perché la pretesa populista di scavalcare l’intermediazione e di reintrodurre, almeno di fatto, il mandato imperativo, si scontri con un impedimento insormontabile.

Torna su

Bibliografia

Carnevali B. (2005), Potere e riconoscimento: il modello hobbesiano, «Iride», XVIII, pp. 515-540.

Ead. (2009), Al mercato della reputazione, «Iride», XXII, pp. 463-69.

Della Porta D., Greco M., Szakolczai A. (a cura di) (2000), Identità, riconoscimento, scambio. Saggi in onore di Alessandro Pizzorno, Roma-Bari, Laterza.

Eisenstadt S. N. (2004), La teoria politica alla ricerca del ‘politico’, Genova, Name.

Gbikpi B. (2000), La teoria politica di Alessandro Pizzorno, in Della Porta D., Greco M., Szakolczai A. (a cura di), pp. 112-132.

Honneth A. (2002), La lotta per il riconoscimento, Milano, il Saggiatore.

Panebianco A. (2018), Persone e mondi. Azioni individuali e ordine internazionale, Bologna, il Mulino.

Pitkin H. F. (2017), Il concetto di rappresentanza, Soveria Mannelli, Rubbettino.

Pizzorno A. (1962), Introduzione, in Durkheim E., La divisione del lavoro sociale, Milano, Edizioni di Comunità.

Pizzorno A. (1963), Le organizzazioni, il potere e i conflitti di classe, in Dahrendorf R., Classi e conflitto di classe nella società industriale, Bari, Laterza, pp. vii-xxxix.

Pizzorno A. (1972), Sistema sociale e classe politica, in Firpo L. (a cura di), Storia delle idee politiche economiche e sociali, VI, Torino, Utet, pp. 13-68.

Pizzorno A. (1978), Political Exchange and Collective Identity in Industrial Conflict, in Crouch C., Pizzorno A. (a cura di), The Resurgence of Class Conflict in Western Europe since 1968, vol. 2, Comparative Analyses, London, Macmillan, pp. 277-298.

Pizzorno A. (1991), On the Individualistic Theory of Social Order, in Bourdieu P., Coleman J. S. (a cura di), Social Theory for a Changing Society, Boulder-Oxford, Westview Press, pp. 209-231.

Pizzorno A. (1992), La corruzione nel sistema politico, in Della Porta D., Lo scambio occulto. Casi di corruzione politica in Italia, Bologna, il Mulino, pp. 13-74.

Pizzorno A. (1993), La politica assoluta e altri saggi, Milano, Feltrinelli.

Pizzorno A. (1996), Vecchio e nuovo nella transizione italiana, in Negri N., Sciolla L. (a cura di), Il paese dei paradossi. Le basi sociali della politica in Italia, Roma, La Nuova Italia Scientifica, pp. 253-285.

Pizzorno A. (1997), Il contesto della corruzione, in Vannucci A., Il mercato della corruzione, Milano, Società aperta.

Pizzorno A. (1998), Il potere dei giudici. Stato democratico e controllo di virtù, Roma-Bari, Laterza.

Pizzorno A. (2000a), Risposte e proposte, in Della Porta D., Greco M., Szakolczai A. (a cura di), pp. 197-245.

Pizzorno A. (2000b), Seconda università o primi passi nella realtà?, in Della Porta D., Greco M., Szakolczai A. (a cura di), pp. 246-298.

Pizzorno A. (2001), La dispersione dei poteri, in Bonacchi G. (a cura di), Una Costituzione senza Stato, Bologna, il Mulino.

Pizzorno A. (2007), Il velo della diversità. Studi su razionalità e riconoscimento, Milano, Feltrinelli.

Pizzorno A. (2008a), Sulla maschera, Bologna, il Mulino.

Pizzorno A. (a cura di) (2010a), La democrazia di fronte allo Stato. Una discussione sulle difficoltà della politica moderna, Milano, Feltrinelli.

Pizzorno A. , Introduzione (2010b), in Id. (2010a), pp. xi-xxvii.

Pizzorno A. (2010c), Se i partiti sono davvero un ponte; se il voto ha sempre il significato di una volta: da che cosa dipende il potere personale dei partiti? in Id. (2010a), pp. 325-336.

Pizzorno A. (2013), Competenza e maggioranza nel processo di decisione, in Bianchetti C., Balducci A. (a cura di), Competenza e rappresentanza, Donzelli, Roma, pp. 17-33.

Pizzorno A. (2017), Prefazione a Pitkin H., Il concetto di rappresentanza, Rubbettino, Soveria Mannelli.

Rositi F. (2009), Gli intervalli della socialità, «Iride», XXII, pp. 469-473.

Sciolla L. (2000), Riconoscimento e teoria dell’identità, in Della Porta D., Greco M., Szakolczai A. (2000), pp. 5-29.

Somers M. (2000), Il paradosso di Pizzorno: l’astuta persistenza della teoria della scelta razionale, in Della Porta D., Greco M., Szakolczai A. (a cura di), pp. 169-194.

Torna su

Note

1 Rilevo (senza volerlo per questo considerare un testamento spirituale) che forse l’ultimo significativo testo da lui pubblicato è la Prefazione alla traduzione italiana di un’importante monografia di Hanna Pitkin sul concetto di rappresentanza, che significativamente prendeva l’avvio proprio dalla definizione del « problema di Thomas Hobbes» (Pizzorno, 2017).

2 Ma vedilo anche, con aggiunta un’intervista a cura di Roberta Sassatelli, in Pizzorno (2007, 343-387).

3 Pizzorno (1993, 198) : « Viene proposto un conflitto che è globalizzante, cioè coinvolgente la persona nella sua interezza, e in cui chi partecipa è convinto di essere portatore di una verità che deve valere per tutti. Di qui il tratto proprio di tale conflitto, il proselitismo».

4 Pizzorno (2000a, 212). Cfr. Id., 2007, 181 ss., dove si trova una critica alla lettura francofortese del concetto hegeliano di riconoscimento (a Honneth in particolare si rimprovera la kantianizzazione di Hegel), con rimando a Carnevali (2005). Vedi anche Carnevali (2009).

5 Ma su Hobbes cfr. anche Pizzorno (1991). Gbikpi (2000, 114) ha giustamente connesso uno dei motivi principali della sua riflessione alla rilettura del Leviatano « in termini di costituzione delle identità collettive».

6 Alla sociologia del conflitto è dedicata subito dopo la sua introduzione al grande libro di Dahrendorf (Pizzorno, 1963).

7 Introducendo il concetto di conversione in Pizzorno (1993, 14), osservava : « Il linguaggio della politica ha bisogno di prestiti. La nozione di interesse gli veniva dal linguaggio economico, quella di conversione, dal linguaggio religioso. È la materia stessa della politica che è fatta di calcoli simili a quelli economici fino a un certo tratto ; più in là, di sentimenti simili a quelli religiosi. O almeno ciò vale, e il fatto va sottolineato, per la politica che ha conosciuto l’Occidente».

8 Altrove ha parlato di « contraddizione palese» tra il « Weber delle dichiarazioni di individualismo metodologico» e il Weber « interprete dei fatti storici» (Pizzorno, 2007, 186). Sul concetto weberiano di razionalità, ivi, 154.

9 « Mentre l’agire consequenzialista è ricostruibile in termini di logica del calcolo delle conseguenze, l’agire appropriato si descrive in termini di aspettative cui conformarsi, di compiti da assolvere, di risposte a impliciti o espliciti obblighi. Così, mentre l’agire consequenzialista consiste nell’adeguare i mezzi ai fini, l’agire appropriato consisterà nell’adeguarsi alle domande della situazione». La logica dell’appropriatezza è « una logica di situazione» (Pizzorno, 2000b, 229-230).

10 Va sottolineata nelle analisi che conducono a queste conclusioni la finezza con cui è interpretata la ricerca durkheimiana sul suicidio, mostrando come le vere variabili esplicative non siano le generiche « forze sociali» su cui pongono l’accento le più ingenue letture olistiche ma « il grado di densità morale» e « il rapporto della persona con il proprio Io futuro».

11 Sulla sua critica alle teorie della scelta razionale Eisenstadt, 2004, 56 ss. Indagando sistematicamente i confini tra le discipline che hanno come oggetto la società e riservando sempre una prudente diffidenza nei confronti delle teorie generali ha elaborato una molteplicità di teorie di medio livello.

12 In Sulla teoria dei movimenti politici aveva esordito in questa critica sostenendo che il paradosso della partecipazione all’azione collettiva definito da Olson sussiste « solo quando il modello di cui normalmente ci si serve per spiegare l’agire dell’individuo in società è quello della razionalità strumentale» (ivi, 130).

13 Naturalmente coniugandolo con quello weberiano delle origini e delle trasformazioni del professionismo politico. Sul rapporto con la teoria schumpeteriana della democrazia (Pizzorno, 1993, 148 ss.).

14 Su come la teoria della scelta razionale abbia ispirato politiche economiche, in particolare in Italia, e su interpretazioni alternative, si veda anche Pizzorno (1996, 258 ss.).

15 Sulle trasformazioni del sistema politico italiano si è soffermato in particolare in un saggio del 1996, nel quale già individuava le origini di un « localismo anti-classe politica» e avanzava l’ipotesi dell’estendersi degli stili di consumo anche alle scelte e agli « stili di far politica» (Pizzorno, 1996, 260 ss.).

16 In questo saggio ha riaffermato l’ineludibilità dello Stato, anche nel contesto della globalizzazione e nel tramonto del modello keynesiano e neocorporativo : perché condizione del funzionamento del mercato è l’esistenza di una « rete di rapporti di riconoscimenti reciproci», che « non è mai completa e integra, perché a chi opera in essa si offrono occasioni di defezionare dalle obbligazioni che essa richiede (occasioni di opportunismo) ; le quali possono essere controllate soltanto se a esse si oppongono fonti di obblighi protette dalle tentazioni opportunistiche» (ivi, 328).

17 La debolezza della categoria di politica dell’eticità è conseguente al fatto che essa include « temi e obiettivi eterogenei, difficili da classificare secondo ciò che hanno in comune e ciò che li distingue». In materia di politica vincolata viene poi messo in luce un altro aspetto problematico, definito « concorrenza di ordinamento» (regime shopping).

18 Già in un contributo del 1969, Per un’analisi teorica dei partiti politici in Italia, in cui indagava criticamente la letteratura funzionalistica sui partiti, metteva a fuoco la partizione tra le due variabili analitiche nell’azione dei partiti, la domanda e la delega, richiamandosi a Hume e alla sua distinzione tra programma e organizzazione (ivi, 14). Sulla questione è tornato ancora distesamente in un contributo recente, concepito come commento a una relazione di Mauro Calise sulle trasformazioni dei partiti politici (Pizzorno, 2010c, 325-336).

19 Sulla finzione della sovranità popolare cfr. Pizzorno (2010c, 329 ss).

20 Sempre più la deriva dei partiti si manifesta nella « ricerca di distinzioni simboliche che rimpiazzino la capacità di presentare programmi con contenuti veramente alternativi». In queste condizioni l’elettore è indotto infatti a trovare « nel candidato il riflesso di un se stesso immaginario, ed eleggendolo realizza una specie di riscatto per delega di proprie ambizioni deluse. All’illusione escatologica delle grandi ideologie subentra allora niente più che una loro inespressa contraffazione di nicchia. Mentre a parte, in un’ombra più o meno coperta, qualcuno più abile continua a far funzionare il voto di scambio».

21 Pizzorno, 2017, vii-xxxi. Ma sulla crisi della rappresentanza già Pizzorno, 1996, 269 ss.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Pier Paolo Portinaro, « Alessandro Pizzorno teorico della politica »Quaderni di Sociologia, 79 | 2019, 3-16.

Notizia bibliografica digitale

Pier Paolo Portinaro, « Alessandro Pizzorno teorico della politica »Quaderni di Sociologia [Online], 79 | 2019, online dal 01 avril 2019, consultato il 19 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/2477

Torna su

Autore

Pier Paolo Portinaro

Dipartimento di Culture, Politica e Società – Università di Torino

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search