Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri79teoria e ricercaForze produttive, concentrazione ...

teoria e ricerca

Forze produttive, concentrazione del capitale e mutamento del capitalismo

Productive forces, concentration of capital and change in capitalism
Antonio Russo
p. 73-101

Abstract

The article, after a brief discussion of the Marxian theory of change, examines the interaction between productive forces, State regulation and social conflict between capital and labor in the three historical models of capitalism discussed: Competitive capitalism, Fordist capitalism and Cognitive capitalism. The reconstruction of the socio-economic history of the last centuries is aimed to demonstrate the existence of a direct relationship between the characteristics assumed by the productive forces and the level of economic inequalities that is observed in a society at a given historical moment. Conversely, the relationship between redistributive policies and the level of inequalities is rather indirect, and linked to the characteristics of the productive forces.

Torna su

Testo integrale

1. Introduzione

1Dalla Rivoluzione Industriale in poi la storia economica dei Paesi avanzati è contraddistinta da un inscindibile binomio tra progresso economico e aumento delle diseguaglianze sociali e, parallelamente, dalla tensione tra capitalismo e democrazia. L’articolata critica al capitalismo formulata Karl Marx enfatizzava appunto le contraddizioni generate da una crescita economica che stava inducendo una elevata concentrazione del capitale. Nei decenni successivi al Secondo dopoguerra, avanzate politiche redistributive e anticicliche sembravano avere stabilmente attenuato le frizioni endogene al capitalismo. Dagli anni Novanta, le tensioni tra crescita economica e diseguaglianze sono riesplose, rendendo nuovamente problematico il rapporto tra capitalismo e democrazia. Nelle economie avanzate i redditi e la ricchezza risultano distribuiti in modo sempre più ineguale. Anche le prospettive future appaiono piuttosto negative: secondo un recente rapporto Ocse (Braconier et al., 2014), entro i prossimi cinquant’anni la diseguaglianza aumenterà mediamente del 40% in tutte le economie.

2Gran parte della letteratura riconduce tale trend alle politiche liberiste, implementate a partire dagli anni Ottanta, e/o al dispiegarsi della globalizzazione. Secondo l’ipotesi alla base del presente contributo, diversamente, la causa fondamentale dell’aumento delle diseguaglianze – che si osserva in tutti i Paesi avanzati – è da ricercare non tanto nei rapporti di produzione articolati dall’attuale modello di capitalismo, quanto nelle traiettorie intraprese dalle sue forze produttive. In particolare, la rivoluzione tecnologica in corso sta rimodellando tutti i settori economici, dall’industria ai servizi, con una velocità e una intensità senza precedenti, rendendo la forza lavorativa sempre più eccedente rispetto ai bisogni di valorizzazione del capitale. Ciò, inevitabilmente, incide sulla distribuzione funzionale del reddito, inducendo una tendenziale concentrazione del capitale entro un nucleo sempre più ristretto di possessori di tecnologie e conoscenze che conferiscono loro un elevato potere monopolistico. Le politiche redistributive, per quanto possano incidere su tali trend, non possono comunque invertire la strutturale tendenza alla concentrazione della ricchezza, spontaneamente generata da forze produttive capaci di rimpiazzare il lavoro in ogni settore e di favorire la rapida ascesa di big player globali, configurando mercati dai lineamenti fortemente monopolistici.

3Nella seguente trattazione si cercherà di evidenziare che sussiste una diretta relazione tra forze produttive e il livello delle diseguaglianze economiche che si osserva in una data società in un certo momento storico. Per converso, la relazione tra le politiche redistributive e il livello di diseguaglianze risulta piuttosto indiretta, e dipendente dalle caratteristiche delle forze produttive. Più precisamente: la praticabilità effettiva delle politiche redistributive e, più in generale, di una regolazione efficace del mercato da parte dello Stato, dipende invariabilmente dalle caratteristiche assunte dalle forze produttive in un dato momento storico. Solo se, e nella misura in cui, queste ultime si prestano all’azione regolativa e redistributiva dello Stato, allora diviene effettivamente possibile ridurre, o quantomeno contenere, le diseguaglianze sociali. Tra i vettori che condizionano l’andamento delle sperequazioni economiche – entro la prospettiva delineata nell’articolo – le forze produttive rappresentano dunque la variabile indipendente, le politiche la variabile dipendente.

4L’articolo, dopo una breve trattazione della teoria marxiana del mutamento, esamina l’interazione tra forze produttive, regolazione statale e conflitto sociale nei tre modelli storici di capitalismo. Nella sezione successiva è discusso l’impatto sul lavoro e sul capitale dispiegato dalle forze produttive proprie del capitalismo cognitivo, e le conseguenze generate dalle crescenti sperequazioni economiche sul consumo e i sistemi di welfare. Segue un’analisi delle strategie implementate dagli Stati per fare fronte alla stagnazione degli ultimi decenni, e delle considerazioni di ordine conclusivo.

2. Forze produttive e mutamento del capitalismo nella teoria marxiana

5Negli anni della stesura del Capitale di Marx la Seconda Rivoluzione Industriale, ancora ai suoi esordi, accentuava i lineamenti ambivalenti del capitalismo. Da un lato, tale trasformazione stava incorporando nella struttura di produzione nuove forze produttive, utilizzando appieno il potenziale insito nella moderna tecnologia; dall’altro, andava palesando le contraddizioni di una crescita che tendeva a ripartire in modo fortemente asimmetrico i suoi benefici tra le varie classi sociali, tra capitalisti e proletariato.

6La principale tra queste contraddizioni è ravvisata da Marx nell’elevato apporto conferito dagli operai alla produzione, a fronte di una scarsa remunerazione erogata sotto forma di salario, che compensa solo parzialmente l’operaio del valore effettivamente generato nel corso della sua giornata lavorativa. La differenza tra il valore prodotto dall’operaio e il suo salario corrisponde, nella teoria marxiana, al plusvalore. Il plusvalore è, sostanzialmente, lavoro non pagato, di cui si appropria il capitalista attraverso lo sfruttamento dell’operaio: «la quantità di plusvalore dipende solo dalla quantità di sfruttamento della forza lavorativa» (Marx, 2006, 170). La tensione fondamentale del capitalismo, ossia la frattura capitale/lavoro, deriva appunto da questa espropriazione di valore operata dai capitalisti a danno della classe operaia.

7Marx distingue due differenti tipi di plusvalore: quello assoluto, ottenuto allungando la giornata lavorativa, e quello relativo, drenato dal capitalista comprimendo il tempo di lavoro necessario, durante il quale l’operaio produce un valore esattamente pari al suo salario giornaliero (ivi, 179). Per limitare il tempo di lavoro necessario, il capitalista fa leva sul progresso tecnico. La meccanizzazione e il miglioramento della conoscenza incorporata nelle forze produttive consentono, infatti, di innalzare la velocità di estrazione di plusvalore relativo e di incrementare la produttività in modo potenzialmente illimitato, senza incorrere negli ostacoli e nelle limitazioni che generebbe invece un allungamento della giornata lavorativa, o un aumento del ritmo di lavoro.

8Il progresso tecnico, dilatando il valore aggiunto per ora lavorata, espande, di riflesso, la porzione di plusvalore relativa sottratta all’operaio. Il ruolo espletato dal progresso tecnico nel capitalismo, e il suo impatto sulla forza lavorativa, sono descritti in questi termini da Marx: «il capitale deve necessariamente sconvolgere le condizioni tecniche e sociali del processo lavorativo, vale a dire lo stesso modo di produzione, per potenziare la forza produttiva del lavoro, per diminuire il valore della forza lavorativa tramite l’accrescimento della forza produttiva del lavoro, e per accorciare in tal modo la parte della giornata lavorativa necessaria per riprodurre questo valore» (ivi, 239). è il costante orientamento al profitto (e quindi all’espropriazione di plusvalore) che spinge il capitalista a innovare, modificando in continuazione le forze produttive del modo di produzione. Nell’opera marxiana viene enfatizzato in molteplici passaggi l’inscindibile nesso tra dinamismo tecnologico e capitalismo: «col suo dominio di classe, appena secolare, la borghesia ha generato forze produttive più numerose e più ingenti di quante ne avessero mai create tutte le generazioni passate» (Engels e Marx, 2011, 328).

9Il potenziamento delle forze produttive proietta i suoi effetti anche sui rapporti tra classi sociali, rafforzando la posizione dei capitalisti attraverso la compressione del valore della forza lavorativa. Sussiste infatti un rilevante trade-off tra valore della forza lavorativa e plusvalore (Marx, 2006, 380). Quando la prima, ad esempio per effetto del progresso tecnico, diminuisce, aumenta la quota di plusvalore percepita dai capitalisti. Più in generale, secondo Marx ogni variazione dell’entità effettiva del plusvalore dipende unicamente da cambiamenti intervenuti nel valore della forza lavorativa (ivi, 381). Proprio per tale motivo la borghesia opera in modo da potenziare costantemente le forze produttive: il progresso tecnico, riducendo il valore della forza lavorativa, costituisce la leva più efficace per velocizzare l’appropriazione di plusvalore. Tuttavia, nota Marx, tale strategia genera almeno tre rilevanti effetti perversi, che incidono in profondità sulla struttura capitalistica.

10In primo luogo, il progresso tecnico modifica la composizione organica del capitale (ossia il rapporto tra capitale fisso e variabile), e riduce la quantità di forza lavorativa impiegata nel ciclo produttivo: «L’autovalorizzazione del capitale per mezzo della macchina è in ragione diretta del numero di operai di cui essa ha annientato le condizioni d’esistenza […] come moneta fuori corso l’operaio non trova a chi vendersi. Quella porzione della classe operaia che le macchine trasformano in tal maniera in popolazione eccedente […] straripa su tutti i rami dell’industria cui può facilmente arrivare, facendo saturare all’eccesso il mercato del lavoro e favorendo quindi un calo del prezzo della forza lavorativa al di sotto del suo valore» (ivi, 318). Gli operai disoccupati, in esubero rispetto ai bisogni di valorizzazione del capitale, andranno ad accrescere l’esercito industriale di riserva. Aumenta dunque la concorrenza tra lavoratori, mentre il valore della forza lavorativa si riduce (anche per effetto dell’aumento dell’offerta di lavoro) e il plusvalore si espande in eguale proporzione.

11Secondo, il declino strutturale della domanda di lavoro indotto dal progresso tecnico, unitamente alla contrazione del salario, gettano le basi per frequenti crisi di sovrapproduzione. Marx, come del resto Keynes, rigetta la Legge degli sbocchi di Say, e riconosce la possibilità di vaste crisi di sovrapproduzione (Russo, 2017). La pauperizzazione della classe operaia indebolisce la domanda aggregata e, di riflesso, riduce il saggio di profitto, limitando gli investimenti, con effetti ulteriormente depressivi sulla domanda di lavoro. I lavoratori disoccupati sono, nel contempo, consumatori che hanno perso una parte considerevole del potere d’acquisto.

12Terzo, il plusvalore è in parte consumato dal capitalista, in parte usato come capitale, cioè accumulato (ivi, 429). Ciclo di produzione dopo ciclo, il capitale si espande in modo quasi auto-propulsivo, concentrandosi e centralizzandosi entro un nucleo sempre più ristretto di capitalisti (ivi, 455), man mano che la composizione organica del capitale si modifica con l’ascesa della componente fissa. La variazione della composizione organica del capitale crea barriere all’entrata dei mercati e riduce progressivamente la concorrenza, favorendo lo sviluppo di grandi oligopoli e monopoli industriali. Nel Manifesto del partito comunista Marx menziona chiaramente tale dinamica: «la borghesia elimina sempre più la dispersione dei mezzi di produzione, della proprietà e della popolazione. Essa ha agglomerato quest’ultima, ha centralizzato i mezzi di produzione e concentrato la proprietà in poche mani» (Engels e Marx, 2011, 328). Questo trend determina «la soppressione del capitale inteso come proprietà privata in seno allo stesso modo di produzione capitalistico» (Marx, 2006, 1213).

13Il capitale, così, distrugge la libera concorrenza, facendo emergere mercati dai lineamenti fortemente monopolistici (ivi, 455). Mentre il grande capitale prospera, la piccola borghesia viene spazzata via dalla concentrazione del capitale, e ricompresa entro il proletariato. La classe proletaria, di conseguenza, tende progressivamente a dilatarsi, a seguito dell’impoverimento delle classi intermedie (proletarizzazione della società) e della formazione di una massa sempre più ampia di lavoratori non qualificati. Il progresso tecnico, dunque, amplifica il potere, e la mobilità, del capitale, riducendo la rilevanza, e il valore, del lavoro.

14Nel complesso, il costante potenziamento delle forze produttive, all’interno del modo di produzione capitalistico, svalorizzando la forza lavorativa, induce, secondo Marx, tre conseguenze:

  • rapido aumento della produttività, a fronte di salari reali stagnanti. Ciò accresce la velocità di estrazione del plusvalore relativo, determinando anche un aumento della disoccupazione e una contrazione del valore della forza lavorativa;

  • riduzione del potere d’acquisto del proletariato. Il conseguente indebolimento della domanda aggregata è causa di frequenti crisi da sovrapproduzione;

  • ascesa di aziende monopolistiche e delle barriere all’entrata dei mercati, con riduzione della concorrenza e dell’ingresso di nuove aziende.

15L’opera di Marx, nonostante i limiti intrinseci della teoria del valore-lavoro, continua a fornire il più articolato apparato analitico per comprendere l’impatto dispiegato dalle trasformazioni tecnologiche non solo sulla struttura economica, ma sulla società nel suo complesso. Nella successiva trattazione – in linea con la prospettiva marxiana fin qui discussa – il capitalismo sarà analizzato come un sistema complesso dotato di due caratteristiche fondamentali:

  • in primo luogo, incorpora forze produttive la cui evoluzione esula dalla capacità di controllo non solo dei singoli operatori economici, ma anche dei governi;

  • in secondo luogo, i suoi lineamenti fondamentali si modificano inesorabilmente nel tempo, e tali cambiamenti sono scanditi dalle trasformazioni generate dalle forze produttive che si agitano al suo interno.

16Gran parte dei mutamenti che hanno connotato la sua storia economica degli ultimi tre secoli hanno avuto carattere incrementale. Tuttavia, non sono mancati i cambiamenti radicali: fasi in cui l’evoluzione del modo capitalistico di produzione ha accelerato improvvisamente, per adattarsi a scenari o fronteggiare sfide complesse che ne minacciavano l’esistenza stessa. In queste congiunture il capitalismo si è trasformato, generando al suo interno assetti istituzionali e forme di regolazione capaci di adattarsi alle forze produttive emergenti e di conferire, così, nuovo slancio alla struttura economica, innalzandone le performance.

17Il capitalismo, insomma, ha mostrato una notevole capacità di adattamento, ampiamente sottovalutata dallo stesso Marx. Oggi tale modo di produzione si trova di fronte a un nuovo mutamento radicale delle sue forze produttive che mette nuovamente alla prova le sue capacità di adattamento. La rivoluzione tecnologica in atto mostra una peculiare tendenza a spezzare la relazione tra lavoro e salario, a disgregare i mercati e distruggere la concorrenza, a sostituire il lavoro con le macchine e l’intelligenza artificiale in tutti i settori, svalorizzando la forza lavorativa come mai avvenuto in precedenza. Gli effetti di tali trasformazioni, producendo un impatto analogo a quello discusso da Marx, rischiano di risultare dirompenti non solo sul piano economico, ma anche sociale.

3. L’evoluzione storica del capitalismo

18Sussiste difatti uno stretto nesso tra a) i mutamenti delle forze produttive, b) il rapporto che si instaura tra mercato e regolazione statale e c) il livello di conflitto tra capitale e lavoro. Proprio in funzione dei differenti equilibri instauratisi tra queste dimensioni critiche dalla Rivoluzione Industriale in poi, è possibile individuare tre diversi modelli di capitalismo: quello concorrenziale, strutturatosi nel corso dell’Ottocento (Schumpeter, 2002), quello fordista, nel Novecento, e quello cognitivo, affermatosi progressivamente nell’ultimo trentennio. Ciascun modello di capitalismo è emerso – come vedremo dettagliatamente nel paragrafo – in simbiosi con date forze produttive. Ogni mutamento radicale delle forze produttive porta il modo di produzione capitalistico a un nuovo stadio del suo processo di evoluzione storica. Ogni stadio incorpora dinamiche proprie, pur conservando gli sviluppi precedenti. Soprattutto, ogni stadio struttura nuove modalità di relazione tra Stato e mercato, e modifica il rapporto conflittuale tra capitale e lavoro, acuendo o attenuando tale tensione fondamentale endemica al capitalismo.

19Partiamo dall’analisi del capitalismo concorrenziale. Emerso sull’onda delle poderose trasformazioni dispiegate dalle forze produttive alla base della Prima Rivoluzione Industriale, tale modello di capitalismo si fondava sul ruolo preminente espletato, nella regolazione dei processi economici, dai mercati concorrenziali e autoregolati. In linea con l’ideologia del laissez-faire, nel capitalismo concorrenziale la sfera economica venne svincolata dall’ingerenza del potere politico e dall’asfittica regolamentazione statale intessuta durante la lunga fase mercantilistica (Russo, 2018). Marx ha elaborato la sua articolata critica al capitalismo appunto osservando le distorsioni indotte da un’industrializzazione deregolamentata che, su scala europea, stava determinando una rapida esplosione delle diseguaglianze. Erano anni di veloci trasformazioni, sia sul piano produttivo che sociale. La concentrazione del capitale aumentava vertiginosamente in tutti i paesi capitalistici. Con governi che si attenevano, nel campo della politica economica, ai rigidi dettami astensionistici propugnati dal laissez-faire, il capitalismo liberale – nel corso dell’Ottocento – stava logorando la struttura sociale, e generando consistenti effetti perversi che ne mettevano a rischio la stabilità.

20Come osservò a riguardo Karl Polanyi (2004, 167), «per un secolo la dinamica della società moderna fu governata da un doppio movimento: il mercato si espande continuamente ma questo movimento si incontrava con uno opposto che controllava l’espansione in determinate direzioni. Per quanto vitale fosse questo secondo movimento per la protezione della società, esso era in ultima analisi incompatibile con l’autoregolazione del mercato e quindi con lo stesso sistema di mercato». Nelle fasi più mature del capitalismo concorrenziale, anche il conflitto tra capitale e lavoro iniziò ad entrare nell’agenda politica, grazie all’ascesa dei partiti socialisti e dei sindacati (proiezioni dei meccanismi di difesa descritti da Polanyi). Bismarck in Germania e Disraeli in Gran Bretagna introdussero innovazioni legislative orientate ad attenuare la frattura sociale tra capitalisti e operai.

21Tuttavia, più che sul piano della legislazione sociale e dei rapporti di produzione, è dalle forze produttive che il capitalismo, ad inizio Novecento, ricevette un notevole impulso al cambiamento. Le nuove tecnologie consentivano infatti di realizzare produzioni standardizzate e di fruire di ampie economie di scala, gettando così le basi della produzione di massa realizzata in grandi complessi industriali verticalmente integrati (Piore e Sabel, 1987). Henry Ford, coniugando tali possibilità tecnologiche con il raddoppio dei salari, trasformò gli operai in consumatori, rendendoli compartecipi dei benefici del capitalismo. L’aumento del potere d’acquisto degli operai fornì un enorme mercato di sbocco alla produzione di massa, evitando così possibili crisi da sovrapproduzione. Tali trasformazioni decretano il passaggio al capitalismo fordista. Lo stadio di sviluppo raggiunto dalle forze produttive consentì dunque di attenuare il conflitto capitale/lavoro, trasformando il capitalismo in una direzione non prevista da Marx. Il fordismo, notò Antonio Gramsci (1977), riduceva la propensione rivoluzionaria degli operai, e attutiva la principale tensione endogena al capitalismo.

22Ma un nuovo evento – la Grande Depressione – portò il capitalismo sull’orlo del collasso: «per la prima e (finora) unica volta nella storia del capitalismo, le sue fluttuazioni parvero mettere in pericolo lo stesso sistema economico. E per di più, sotto molti aspetti, la crescita secolare della sua curva parve interrompersi» (Hobsbawm, 2011, 109). Proprio tale congiuntura avversa fornì una formidabile occasione per riformare il capitalismo, decretando l’abbandono (momentaneo) del laissez-faire, e l’affermazione della teoria keynesiana. Ma dietro il successo del riformismo, che ha tra l’altro condotto alla costruzione dei moderni sistemi di welfare, si celano, in realtà, molteplici fattori di ordine eminentemente strutturale:

  • in primo luogo, le forze produttive del capitalismo fordista si prestavano alla regolazione statale e a una rilevante tassazione. La produzione di massa necessitava di ampi mercati e privi di fluttuazioni cicliche, popolati da una massa consistente di consumatori dotati di elevato potere d’acquisto. Lo Stato rispose a tali esigenze e, attraverso le politiche keynesiane, stabilizzava il ciclo, fornendo inoltre sostegno alla domanda aggregata attraverso ingenti investimenti. Lo stesso welfare-state, dando impulso allo sviluppo della classe media e incrementando il benessere reale dei cittadini, contribuiva indirettamente all’espansione della domanda aggregata. Gli operai, dal canto loro, si impegnavano a rispettare la disciplina di fabbrica, a limitare gli scioperi e, con i loro salari elevati, assorbivano i nuovi prodotti (radio, televisori, auto) che le aziende immettevano sui mercati in enormi quantità, sfruttando le economie di scala. Le forze produttive, in tal modo, resero mutualmente compatibili aumento dei salari e dei profitti (in contraddizione con ogni previsione marxiana);

Fig. 1. Il rapporto capitale/reddito in Europa, 1870-2010

Fig. 1. Il rapporto capitale/reddito in Europa, 1870-2010

Fonte: elaborazione su Piketty (2014, p. 49)

  • dal 1870 ad oggi le uniche tre fasi di riduzione della concentrazione del capitale si sono verifiche in corrispondenza dei due conflitti mondiali e della Grande Depressione (fig. 1). Tali drammatici eventi cancellarono letteralmente, nello spazio di pochi decenni, interi patrimoni accumulati per generazioni, creando una artificiosa condizione di eguaglianza verso il basso. Ciò fece venire meno, anche sul piano politico, la resistenza del capitale (fortemente indebolito) al riformismo, riducendone la capacità di voice. Quando i moderni sistemi di welfare vennero edificati, intervennero dunque entro un assetto segnato da diseguaglianze ben più contenute rispetto ai picchi toccati nel periodo pre-bellico, come di evince dalla figura 1. Negli altri Paesi capitalistici il rapporto reddito/capitale ha seguito un trend storico del tutto analogo a quello dei Paesi riportati nella figura 1 (Piketty, 2014). Pertanto, più che causa della riduzione delle diseguaglianze nella seconda metà del Novecento, i sistemi di welfare possono essere considerati conseguenza della drastica riduzione delle diseguaglianze indotte dagli eventi citati. Una volta strutturati, grazie a tale congiuntura favorevole, i welfare state e le politiche redistributive hanno, nel migliore dei casi, parzialmente rallentato la velocità della concentrazione del capitale, ma non il suo trend ascendente, come evidenzia la figura 1. A partire dagli anni Cinquanta, l’accumulazione di capitale riprese infatti il suo normale corso, e la concentrazione del capitale aumentò senza sosta (nonostante le politiche redistributive), sebbene con effetti differenziati nei vari modelli di capitalismo nazionale (Amable, 2003);

  • la Guerra Fredda, e il rischio dell’espansionismo comunista, generò ulteriori quanto potenti pressioni orientate all’attenuazione della conflittualità sociale attraverso un intervento diretto dello Stato. Anche la congiuntura internazionale spinse i capitalisti al compromesso col lavoro: accettarono le limitazioni all’organizzazione della produzione e i controlli sui movimenti di capitali, sotto la minaccia di una possibile socializzazione dei mezzi di produzione.

Fig. 2. Tasso disoccupazione dei Paesi avanzati (1960-2016)

Fig. 2. Tasso disoccupazione dei Paesi avanzati (1960-2016)

Fonte: elaborazione su dati Oecd database

23Il fordismo da un lato, la politica economica keynesiana dall’altra, costituirono i due pilastri della veloce crescita post-bellica. Il circolo virtuoso si interruppe a metà anni Settanta. La stagflazione segnò un punto di svolta nella storia economica degli ultimi decenni. I fattori che avevano sostenuto la poderosa crescita postbellica erano ormai venuti meno, e la spinta impressa all’economia risultava esaurita. La disoccupazione strutturale aumentò considerevolmente, e irreversibilmente, in tutti i Paesi avanzati (fig. 2). L’espansione dell’esercito industriale di riserva ridimensionò il potere contrattuale del lavoro a vantaggio del capitale.

24All’interno del capitalismo erano intanto maturate nuove forze, che mutarono nuovamente il panorama produttivo, segmentandolo. Le tecnologie rendevano ormai efficiente anche la produzione su scala ridotta, consentendo la divisione del lavoro tra piccole aziende orizzontalmente integrate, capaci di adattarsi molto più prontamente alle fluttuazioni della domanda. Così, alla produzione fordista di massa subentrò un modello di specializzazione flessibile (Piore e Sabel, 1987).

25Nuove strategie produttive (rese possibili dalle forze produttive nel frattempo emerse), vennero dispiegate sia per fronteggiare la temuta saturazione dei mercati, sia per prevenire il rafforzamento ulteriore dell’organizzazione sindacale e delle rivendicazioni operaie. «Per reazione, il capitale iniziò i preparativi per la sua uscita dal contratto sociale che aveva sottoscritto nel dopoguerra, scuotendosi di dosso la propria passività e ripristinando la propria antica capacità di azione» (Streeck, 2013, 47). Cogliendo le opportunità dischiuse dalle nuove forze produttive, che si prestavano ad un uso sempre più flessibile della manodopera, il capitale acquisì crescente mobilità, utilizzandola strategicamente per sottrarsi al compromesso col lavoro.

26Intanto anche sul piano politico lo scenario subì rilevanti mutamenti, in senso più favorevole al capitale. L’ascesa di partiti di orientamento liberista negli Stati Uniti e nel Regno Unito, nei primi anni Ottanta, determinò un rapido superamento delle politiche keynesiane, riabilitando il vituperato laissez-faire. La lotta all’inflazione acquisì priorità, sul piano della politica economica, rispetto alla piena occupazione. Sul fronte della politica internazionale, il crollo del blocco comunista dischiuse nuovi orizzonti all’espansione mondiale del capitalismo e, nel contempo, fece venire meno un potente incentivo esogeno al riformismo in campo sociale. Si aprì l’era della globalizzazione.

27Nel contempo, l’ennesima rivoluzione tecnologica, questa volta nel campo dell’informatica e delle telecomunicazioni, fornì la base materiale per l’ulteriormente rafforzamento della mobilità (e del potere) del capitale. Le forze produttive del capitalismo mutarono nuovamente, e con esse si trasformò rapidamente tutto il complesso assetto strutturale e sovrastrutturale edificatovi intorno. Al capitalismo fordista, basato sulla produzione di merce per mezzo di merce (Sraffa, 1960), subentrò così il capitalismo cognitivo (Moulier Boutang, 2002), fondato sulla produzione di conoscenza per mezzo di conoscenza. Nei paragrafi successivi analizzeremo dettagliatamente l’impatto dispiegato dalle nuove forze produttive sul capitale e sul lavoro.

28Dagli anni Novanta in poi, delocalizzazioni, crescita dei flussi finanziari transnazionali e apertura dei mercati, sull’onda della globalizzazione, hanno riconfigurato la geoeconomia mondiale, mettendo definitivamente in crisi il compromesso tra capitale e lavoro. Sul fronte interno alle economie avanzate, privatizzazioni, riduzioni dei diritti nella tutela dal licenziamento, desicandalizzazione della contrattazione salariale e tagli ai servizi di welfare hanno innalzato sensibilmente il livello di mercificazione della forza lavorativa. La segmentazione su scala globale dei processi produttivi ha ridimensionato il potere contrattuale della forza lavorativa dei Paesi avanzati, esponendola alla concorrenza delle enormi riserve di manodopera a basso costo dei Paesi emergenti, soprattutto nei segmenti produttivi standardizzati e con conoscenze codificabili, più propensi a delocalizzare.

29Nonostante gli interventi peggiorativi della condizione generale della forza lavorativa, che hanno dilatato ulteriormente, e in misura rilevante, gli spazi di autonomia del capitale, le economie avanzate attraversano da decenni un quadro di sostanziale stagnazione (fig. 3): «Dalla fine degli anni Settanta abbiamo assistito a un rallentamento della crescita economica e a quattro gravi recessioni economiche, compresa la peggiore dai tempi della Grande Depressione; inoltre, quel poco di crescita che abbiamo avuto ha prodotto benefici sempre maggiori per i più ricchi, con redditi stagnanti per la maggioranza della popolazione e una progressiva erosione della classe media» (Stiglitz, 2016, 24).

Fig. 3. Pil per area, variazione percentuale medie di periodo

Fig. 3. Pil per area, variazione percentuale medie di periodo

Fonte: elaborazione su dati del Fondo Monetario Internazionale

30Tuttavia, le cause di tali trend vanno ricercate nelle caratteristiche delle forze produttive dispiegate del capitalismo cognitivo, più che nei rapporti di produzione o nei mutamenti nel frattempo intervenuti nell’orientamento dei governi (passaggio dalle politiche redistributive al laissez faire e alla trickle-down economics). Prima di procedere nella trattazione, chiariamo meglio questo punto.

4. Le forze produttive del capitalismo cognitivo e il declino del lavoro

31Secondo l’ipotesi alla base del presente lavoro, sono le forze produttive a determinare la libertà di movimento del capitale e la sua capacità di svincolarsi dalla regolazione statale. Gli spazi d’azione effettiva dello Stato e del lavoro, nel conflitto col capitale, costituiscono quindi variabili dipendenti dalle caratteristiche delle forze produttive prevalenti in un dato momento storico. Le forze produttive, in linea con la teoria marxiana, sono considerate invece una variabile indipendente.

32Marx, in un celebre passaggio, sostenne che il mulino a mano aveva creato la società feudale, così come il mulino a vapore aveva gettato le basi per lo sviluppo del modo di produzione capitalistico. La tecnologia costituisce dunque un potente vettore esogeno di mutamento della struttura socioeconomica. I tassi di crescita delle economie nei diversi momenti storici, i livelli di diseguaglianze che si osservano al loro interno, le caratteristiche effettivamente assunte dalla regolazione statale e la presenza o meno di avanzati servizi di welfare, rappresentano tutte variabili dipendenti dalla specifica conformazione assunta dalle mutevoli forze produttive.

33Forzare i limiti predefiniti dalle forze produttive compromette gli incentivi di mercato. Tali limiti presentano tuttavia una “geografia variabile”, che si modifica nel tempo in accordo con le trasformazioni che intervengono nelle forze produttive. Di conseguenza, cambiano anche le possibilità concrete di intervento da parte dello Stato entro la sfera economica, e la capacità della società di dispiegare efficaci meccanismi difensivi per controbilanciare la forza disgregante del mercato (Polanyi, 2004). Le differenti modalità di interazione tra Stato e mercato, e tra capitale e lavoro, strutturate dalle diverse forze produttive emerse nel tempo, hanno configurato molteplici modelli di capitalismo, come delineato nel paragrafo precedente. Le forze produttive del capitalismo concorrenziale imponevano il laissez-faire, mentre quelle del capitalismo fordista consentivano un ampio intervento pubblico e forme pervasive di difesa sociale. Ora, nel capitalismo cognitivo, lo scenario si è modificato nuovamente.

34Tale modello emergente di capitalismo sembra incorporare forze produttive che tendono a distruggere più posti di lavoro di quelli che creano nei settori in ascesa, con effetti dirompenti in termini di conflitto capitale/lavoro. Il capitalismo cognitivo è l’esito «del progresso tecnologico più rapido della storia. Nessuna delle generazioni precedenti ha mai assistito a un’accelerazione di questa portata del potere della tecnica sulla realtà, con le relative trasformazioni sociali» (Floridi, 2011, 4). I mutamenti tecnologici in atto seguono una dinamica diffusiva esponenziale, a differenza delle rivoluzioni tecnologiche precedenti, connotate da una progressione di tipo lineare (Brynjolfsson e McAfee, 2015). L’attuale tempesta schumpeteriana di distruzione-creatrice, per via delle sue proprietà intrinseche, sta spingendo la struttura economica in una dimensione completamente nuova, e inesplorata. Le forze produttive del capitalismo cognitivo incorporano infatti singolari peculiarità:

  • penetrano in settori economici (come i servizi) finora non attraversati da rilevanti processi di innovazione tecnologica, sostituendo anche in questi comparti il lavoro umano con quello delle macchine e dell’intelligenza artificiale;

  • i rilevanti effetti labour-saving che determinano indeboliscono la domanda di lavoro e la creazione di nuove opportunità occupazionali. Nel contempo, inducono una rapida obsolescenza delle competenze della forza lavorativa. L’effetto netto è una considerevole svalutazione della forza lavorativa;

  • amplificano a dismisura le economie di scala e di rete, inducendo dinamiche winner takes all, che conducono alla proliferazione di mercati dai lineamenti fortemente monopolistici. L’ascesa di aziende giganti genera barriere all’entrata dei mercati che neutralizzano la concorrenza e inibiscono la nascita di nuove aziende, dando vita a mercati dalla conformazione monopolistica.

35Analizziamo dettagliatamente tali conseguenze partendo dall’impatto sul mondo del lavoro, per poi passare, nel paragrafo successivo, alla trattazione degli effetti dispiegati sul capitale. In tutte le economie avanzate si osserva un deciso aumento della disoccupazione strutturale, ben oltre i livelli medi prevalenti nel capitalismo fordista (fig. 2). Il mercato del lavoro, nel capitalismo cognitivo, si caratterizza non solo per un elevato tasso di disoccupazione, ma anche per una caduta del tasso di partecipazione alla forza lavorativa, tornato ai livelli antecedenti dell’ingresso delle donne nel mercato del lavoro (Stiglitz, 2016), a cui si aggiunge una tendenziale riduzione della creazione di nuovi posti di lavoro (Ford, 2017; Kaplan, 2016). Dietro tali dinamiche si cela un gigantesco fenomeno di spiazzamento tecnologico, riconducibile alle caratteristiche del tutto singolari delle forze produttive del capitalismo cognitivo: «Le tecnologie digitali possono replicare idee, intuizioni, e innovazioni preziose a un costo infimo. Questo crea abbondanza per la società e ricchezza per gli innovatori ma diminuisce la domanda di certe forme di manodopera che prima erano importanti, e questo può falcidiare il reddito di tanta gente […] non esiste una legge economica che garantisca che tutti i lavoratori, o anche solo la maggioranza, beneficeranno dei suddetti progressi» (Brynjolfsson e McAfee, 2015, 139-140).

36Negli Stati Uniti, epicentro della rivoluzione tecnologica in atto, negli ultimi decenni il saldo netto tra posti creati e distrutti è andato diminuendo progressivamente, fino ad annullarsi del tutto (fig. 4). Si tratta di un evidente trend strutturale, sebbene sulle pessime perfomance dell’ultimo decennio considerato abbia senz’altro pesato la Grande recessione del 2007-2008.

Fig. 4. Creazione netta di posti di lavoro per decennio (USA 1960-2010)

Fig. 4. Creazione netta di posti di lavoro per decennio (USA 1960-2010)

Fonte: elaborazione su dati Us Labor Statistics e Federal Reserve Bank of St. Louis

37La velocità esponenziale assunta dal cambiamento tecnologico sta inducendo un duplice effetto di spiazzamento sul mercato del lavoro: l’automazione sta rimpiazzando direttamente il lavoro in tutti i settori dell’economia; più indirettamente, i mutamenti tecnologici stanno inducendo processi riorganizzativi su vasta scala. Le aziende riprogettano il modo di produrre e di erogare servizi. Di riflesso, cambiano, e a un ritmo vorticoso, anche le competenze richieste ai lavoratori. Lo scenario produttivo muta a una velocità tale da rendere difficile ai lavoratori adeguarsi alla domanda. Occorre necessariamente tempo per acquisire e padroneggiare nuove competenze professionali. Ciò genera molteplici frizioni (mismatching), sul mercato del lavoro, che innalzano il tasso di disoccupazione strutturale e creano potenti dinamiche di esclusione permanente dai circuiti occupazionali.

38L’esercito industriale di riserva, così, tende a dilatarsi, mentre l’avanzata delle macchine e dell’intelligenza artificiale – rendendo superfluo il lavoro – svalorizzano la forza lavorativa. Quasi metà delle attività umane sono ormai soggette a forme più o meno ampie di automazione (Mc-Kinsey, 2017). Un altro studio stima che il 47% dei lavoratori possa essere rimpiazzato attraverso l’intelligenza artificiale e applicando su vasta scala altre tecnologie informatiche già disponibili (Frey e Osborne, 2013). Scriveva Marx: «poiché l’uomo è caduto al livello della macchina, la macchina può opporsi a lui come una concorrente» (Marx, 2011a, 57). Nel capitalismo cognitivo tale concorrenza ha raggiunto nuovi standard, impensabili anche solo alcuni anni addietro.

Fig. 5. Incrementi della produttività e della retribuzione oraria reale dei lavoratori Usa

Fig. 5. Incrementi della produttività e della retribuzione oraria reale dei lavoratori Usa

Fonte: Mishel (2012, p. 2)

39La domanda di lavoro si contrae, a fronte di una produttività in rapida e costante espansione in tutti i Paesi avanzati. Oggi un operaio statunitense, in media, produce annualmente beni per 180.000 $, più del triplo rispetto ad appena trentacinque anni fa (Moretti, 2014, 42). L’innovazione, negli anni, ha accresciuto enormemente la produttività del lavoro. Chi ha beneficiato di tale espansione? Negli Stati Uniti, ai quali si riferiscono i dati della figura 5, si possono individuare a riguardo due fasi nettamente distinte. Durante la prima, che va dagli anni Cinquanta fino a metà anni Settanta, l’aumento dei salari ha ricalcato perfettamente quello della produttività. I benefici dell’innovazione, nel capitalismo fordista, sono stati equamente condivisi tra capitale e lavoro. Lo scenario si è modificato drasticamente a partire dalla seconda metà degli anni Settanta: il disallineamento che viene a determinarsi tra dinamica salariale e produttività evidenzia che i benefici dell’innovazione risultano ripartiti sempre più asimmetricamente, e vanno interamente a vantaggio del capitale. Nell’ultimo quarantennio, mentre la produttività è raddoppiata, i salari reali sono rimasti sostanzialmente invariati. La figura 5 dimostra, in termini marxiani, l’espropriazione di quote crescenti di plusvalore relativo dal lavoro degli operai. Non è un problema limitato agli Stati Uniti: analoghi trend si riscontrano in tutte le economie avanzate (Gallino, 2011 e 2015), e determinano una gigantesca redistribuzione della ricchezza dal basso verso l’alto.

40Le poderose forze produttive del capitalismo cognitivo estraggono sempre maggiore valore aggiunto dal lavoro, di cui si appropria interamente il capitale, ormai dotato della mobilità necessaria per sottrarsi alla rigida regolamentazione imposta dallo Stato durante l’era fordista. Il conseguente declino del potere contrattuale della forza lavorativa, e la svalorizzazione indotta dal progresso tecnico, stanno generando un ulteriore effetto perverso, erodendo il potere d’acquisto della classa media. «Il lavoro viene pagato sempre meno: da qui segue l’ingigantimento dei profitti osservato nei nostri Paesi, in parallelo con la riduzione della quota salari sul Pil» (Gallino, 2015, 27).

41Storicamente, la percentuale di reddito nazionale incamerata dai lavoratori è rimasta sostanzialmente stabile (Fleck et al., 2011): negli Stati Uniti, tra il 1947 e il 2000, è stata mediamente del 64,3%, per poi iniziare a declinare, toccando il picco minimo nel 2010, con il 57,4% (ivi). Un altro studio (Karabarbounis e Neiman, 2013) ha riscontrato il medesimo trend su scala globale, attribuendolo all’impatto dispiegato dalle nuove tecnologie dell’era digitale. Complementarmente, è aumentata la percentuale di Pil ottenuta dal capitale, e sono aumentate le disparità remunerative. Nel 1990 un amministratore delegato guadagnava annualmente settanta volte il salario di un operaio, appena quindici anni più tardi il divario si è ampliato a trecentocinquanta-quattrocento volte (Gallino, 2011).

42I dati fin qui discussi evidenziano il notevole impatto che le nuove forze produttive stanno inducendo sulla distribuzione funzionale del reddito, introducendo una vistosa distorsione a favore del capitale. Come conseguenza, tra il 1985 e il 2013 il coefficiente di Gini è aumentato in ventidue paesi Ocse su ventitrè (Ocse, 2015): solo la Turchia ha registrato una riduzione delle diseguaglianze nella distribuzione della ricchezza. In Europa (Fig. 6), i divari sono in aumento trasversalmente in tutti i vari modelli di capitalismo.

Fig. 6. Andamento dell’indice di Gini in Europa (2000-2016)

Fig. 6. Andamento dell’indice di Gini in Europa (2000-2016)

Fonte: elaborazione su dati Eurostat

5. Le forze produttive del capitalismo cognitivo e l’irresistibile ascesa del capitale

43Passiamo ora ad analizzare l’impatto sul capitale. La spontanea tendenza alla concentrazione del capitale è ulteriormente rafforzata dalle dinamiche winner takes all caratteristiche delle forze produttive del capitalismo cognitivo: «Che succede se arriva una tecnologia che permette a ciascun venditore di replicare i propri servizi a consegnarli globalmente a costo zero o quasi? D’un tratto il fornitore con la massima qualità potrà catturare tutto il mercato. Il secondo potrà essere quasi altrettanto valido, ma non conterà. Ogni volta che un mercato diventa digitale questa economia del vincitore che si accaparra tutta la posta diventa un po’ più perversa» (Brynjolfsson e McAfee, 2015, 165).

44Le tecnologie digitali generano mercati in cui il vincitore “prende tutto” per via dei costi marginali sostanzialmente nulli, che abbattono drasticamente le limitazioni delle capacità produttive che connotavano l’economia industriale (Rifkin, 2014). Nel capitalismo cognitivo, la conoscenza e l’informazione – una volta prodotte – possono essere riprodotte all’infinito e trasmesse a costi marginali bassi o addirittura nulli. L’informazione «è costosa da produrre ma poco costosa da riprodurre» (Shapiro e Varian, 1999, 3). Alla scarsità subentra un’abbondanza senza precedenti, che i mercati non sono però in grado di gestire. Il meccanismo di difesa fin qui attuato, per rimunerare in modo efficiente i produttori, è rappresentato dalla costruzione di monopoli. Sfruttando le economie di scala e le economie di rete, le aziende leader pervengono però a fruire di vantaggi tali da rendere sostanzialmente impossibile l’ingresso di nuovi competitors. In luogo di molteplici mercati locali, con molte aziende in competizione tra loro, subentra così un unico mercato globalmente integrato e dalla conformazione monopolistica, dominato da poche aziende giganti.

45Nell’economia digitale, dunque, i costi marginali di produzione risultano trascurabili, mentre le economie di scala vengono ulteriormente amplificate dalle economie di rete: una potente combinazione di fattori che concorre all’ascesa di aziende giganti e monopoli, con effetti devastanti sulla concorrenza. Lo scenario configurato da tali forze elude le tradizionali categorie di analisi economica: «la digitalizzazione crea mercati in cui il vincitore prende tutto perché con i beni digitali le limitazioni nella capacità produttiva diventano sempre più irrilevanti. Un singolo produttore, con un sito web, può soddisfare la domanda di milioni o persino miliardi di clienti» (Brynjolfsson e McAfee, 2015, 167). Anche per via di tale dinamica, le forze produttive del capitalismo cognitivo inducono una spontanea concentrazione del capitale entro un nucleo sempre più ristretto di capitalisti.

46Inoltre, nel capitalismo cognitivo, le aziende producono valore utilizzando una forza lavorativa decisamente ridotta. L’enorme crescita di produttività resa possibile dalle forze produttive attuali, le economie di scala e di rete che le connotano, inducono una spontanea spinta alla concentrazione e alla centralizzazione del capitale. Nel 1990, le tre maggiori aziende di Detroit, un tempo centro propulsivo del manifatturiero statunitense, presentavano una capitalizzazione complessiva pari a 36 miliardi di dollari, ricavi per 250 miliardi e impiegavano direttamente 1,2 milioni di dipendenti (Schwab, 2016, 23). Nel 2014, le tre maggiori aziende della Silicon Valley capitalizzavano 1,09 trilioni di dollari, ricavi simili alle aziende di Detroit (257 miliardi) e un numero di dipendenti dieci volte inferiore: appena 137.000 addetti (ibidem). Insomma: le nuove tecnologie creano enormi ricchezze per pochi imprenditori, ma non creano abbastanza posti di lavoro per tutti. Il divario tra vincitori e vinti aumenta. Anche questa dinamica tecnologica concorre alla concentrazione della ricchezza e ad esacerbare le diseguaglianze sociali.

47Non solo le forze produttive del capitalismo cognitivo generano meno posti di lavoro, ma strutturano un ecosistema operativo poco fertile anche sotto il profilo del dinamismo imprenditoriale: «negli ultimi anni negli Stati Uniti il tasso di creazione di nuove imprese è molto rallentato. Tra il 1978 e il 2011, mentre si affermavano i nuovi giganti, questo tasso si è dimezzato […] il declino trascende il ciclo economico: né le espansioni di fine anni Novanta e inizio anni Zero né le recessioni del 2001 e del 2008-2009 sembrano avere avuto qualche effetto sulla tendenza al ribasso» (Reich, 2015, 58).

48Le distorsioni indotte dalla tendenziale scomparsa dei mercati concorrenziali non restano confinate alla struttura economica. Ogni deviazione dal paradigma del mercato concorrenziale alimenta la concentrazione del potere (anche politico, rendendo più efficace il rent-seeking) e accentua la diseguaglianza. Ogni aumento nella concentrazione della ricchezza nella sfera economica determina un collaterale aumento della concentrazione del potere nella sfera politica, inducendo alterazioni nel funzionamento della democrazia. In un assetto disegualitario e polarizzato, le domande e le politiche gradite all’élite, posta al vertice della struttura sociale, tendono a prevalere sull’interesse generale. Sussistono pertanto forti tensioni tra capitalismo cognitivo e democrazia, non dissimili da quelle che connotavano il capitalismo liberale. Il compromesso capitale/lavoro dell’assetto fordista aveva solo attenuato, ma non eliminato del tutto la conflittualità tra capitalismo e democrazia.

49La generale attenuazione del carattere progressivo della tassazione può essere considerata appunto una conseguenza della crescente egemonia esercitata dal vertice della struttura sociale sulla sfera politica, e della conseguente capacità di articolare ampie, quanto inefficienti, rendite di posizione. Negli Stati Uniti, negli anni Cinquanta l’aliquota marginale più alta era pari al 90%, ad inizi anni Ottanta al 70%, nel 2012 era scesa al 35%. Tale contrazione ha ovvi effetti anti-redistributivi. In tutti i Paesi avanzati il capitale è attualmente tassato molto meno del lavoro (Stiglitz, 2016), e le aziende pagano meno tasse dei loro dipendenti (Gallino, 2011).

50Tuttavia, questi trend, più che cause dell’acutizzazione delle diseguaglianze, costituiscono conseguenze delle vaste trasformazioni indotte dalle forze produttive, e dei vantaggi da questi conferiti al capitale sul lavoro. Il capitale, sempre più mobile e concentrato al vertice della piramide sociale, ha oggi una capacità di voice, nella sfera politica, considerevolmente superiore a quello dell’era fordista, e il trattamento fiscale di favore di cui beneficia rappresenta una evidenza di tale distorsione.

51Negli Stati Uniti, negli anni dell’amministrazione Clinton, il 45% dell’aumento complessivo del reddito è andato all’1% più ricco; durante gli anni di Bush il 65%; nel corso della presidenza Obama la percentuale è salita al 93% (Streeck, 2013). Analoghi tendenze si registrano su scala globale: oltre l’80% della ricchezza prodotta tra marzo 2016 e marzo 2017 è affluito nelle tasche dell’1% più ricco della popolazione mondiale (Oxfam, 2018). Sempre negli Stati Uniti, tra il 1979 e il 2007 l’1% più ricco ha aumentato i suoi guadagni del 278%, a fronte di un 35% dei cittadini collocati nella fascia centrale della distribuzione dei redditi (Brynjolfsson e McAfee, 2015). Secondo la rivista Forbes, nel 2013 i 400 americani più ricchi possedevano una ricchezza complessiva pari a 2000 miliardi di dollari: un valore raddoppiato nello spazio di appena dieci anni (Stiglitz, 2016).

52Nelle socialdemocrazie nordiche (Svezia e Finlandia in particolare) e in Germania le disparità nella distribuzione del reddito, negli ultimi tre decenni, sono cresciute addirittura più velocemente che negli Stati Uniti (Streeck, 2013). Si tratta quindi di un trend strutturale che si è propagato in tutti i modelli di capitalismo nazionali: Stati dotati di assetti istituzionali, politiche pubbliche, modelli di welfare e tradizioni culturali molto diversi tra loro mostrano tendenze convergenti. La variabile politico-istituzionale non spiega bene cosa sta accadendo, dunque, e perché le diseguaglianze aumentino ovunque. La spinta alla convergenza è evidentemente indotta da una forza di ordine esogeno capace di irradiarsi, trasversalmente e contemporaneamente, in ogni ambiente istituzionale nazionale. Le forze produttive del capitalismo cognitivo rappresentano la causa fondamentale delle macroscopiche distorsioni che si osservano, in tutti i paesi avanzanti, nella distribuzione funzionale del reddito a vantaggio del capitale, e il vettore propulsivo primario che sta inducendo una polarizzazione socio-economica del tutto analoga a quella caratteristica del capitalismo concorrenziale.

6. Il declino della domanda aggregata e la crisi fiscale dello Stato

53Ricapitoliamo. L’impatto dispiegato dalle forze produttive del capitalismo cognitivo sul lavoro e sul capitale, in linea con la teoria marxiana (si veda il par. 2), ha implicato (fig. 7):

  • rapido aumento della disoccupazione strutturale, coniugato alla riduzione della creazione di nuovi posti di lavoro;

  • stagnazione dei salari reali e contrazione della quota dei salari in percentuale sul Pil, a fronte di un rapido aumento della produttività;

  • ascesa di mercati oligopolistici, riduzione della concorrenza e della creazione di nuove imprese;

  • espansione generalizzata delle diseguaglianze sociali, con concentrazione della ricchezza e polarizzazioni socio-economiche, ulteriormente favorite dall’aumento dell’influenza del capitale sulla sfera politica.

54Cosa può fare lo Stato per fronteggiare le crescenti diseguaglianze? Nel dibattito accademico e pubblico si evoca frequentemente la necessità di rafforzare il welfare state. Sebbene indiscutibilmente ciò avrebbe positivi effetti redistributivi, la rivoluzione tecnologica in atto sembra non solo circoscrivere l’effettiva praticabilità di tale soluzione, ma minaccia direttamente la stessa sostenibilità dei sistemi di welfare almeno su due fronti, come si desume dall’analisi precedente (fig. 7):

  • ridimensionando il reddito tassabile, acuisce la crisi fiscale dello Stato. La capacità di mobilità globale acquisita dal capitale e la stagnazione dei salari ridimensionano la base imponibile e, con essa, il gettito fiscale. Le entrate sono ulteriormente decurtate dalla riduzione della tassazione sulle aziende e sui contribuenti più ricchi, con effetti anti-redistributivi;

  • riducendo la domanda di lavoro, determina un collaterale innalzamento delle spese per misure assistenziali compensative. La crescita della disoccupazione strutturale, in tutti i Paesi avanzanti (fig. 2), espande i costi per le prestazioni erogate, a fronte di risorse sempre più scarse per i servizi di welfare.

Fig. 7. Gli effetti del capitalismo cognitivo

Fig. 7. Gli effetti del capitalismo cognitivo

Fonte: elaborazione propria

55L’attuale crisi dei sistemi di welfare, pertanto, appare strettamente interconnessa ai mutamenti verificatisi nelle forze produttive, che rendono il capitale più mobile e immune alla regolamentazione, e al controllo, dell’apparato statale. La svolta liberista degli ultimi decenni ha semplicemente assecondato (anziché contrastare) un movimento strutturale comunque in atto. Le cause della gigantesca redistribuzione della ricchezza dal basso verso l’alto in corso, pertanto, vanno rintracciate nelle peculiari caratteristiche delle forze produttive attuali, e non nei rapporti di produzione o in fattori sovrastrutturali (nell’accezione marxiana). Del resto, anche la relazione tra welfare state e riduzione delle diseguaglianze è piuttosto complessa, e apparentemente priva di un netto rapporto causa-effetto. Come evidenzia la figura 1, le tre fasi di riduzione della concentrazione della ricchezza sono temporalmente antecedenti alla costruzione dei moderni welfare.

56Per quanto concerne l’impatto sul mercato delle trasformazioni in corso (fig. 7), dato che una quota consistente della domanda aggregata (il 70-80% circa) proviene dai salari, il consumo dei ricchi non può compensare – se non parzialmente – la caduta della domanda indotta da salari stagnanti fermi da decenni (Gallino, 2015). Il mercato sta perdendo la classe media, almeno nei Paesi avanzati, e si generano i presupposti per crisi di sovrapproduzione. Certo, la globalizzazione, con la rapida crescita delle economie emergenti (fig. 3) e la formazione di ampie classi medie, ha fornito nuovi mercati di sbocco alle aziende. Tuttavia, secondo proiezioni Ocse, entro il 2060 l’intera economia mondiale dovrebbe rallentare la sua espansione a un tasso del 2,6%, e l’effetto di catching-up, che attualmente sospinge l’espansione delle economie emergenti, esaurirsi (Braconier et al., 2014).

57Nel progressivo impoverimento dei lavoratori/consumatori, nota Luciano Gallino (2015, 22), «si esprime una contraddizione profonda del sistema capitalistico, che è una delle radici della crisi in corso. Poiché il motore primo di questo è il perseguimento del profitto, la sua esigenza vitale consiste nel pagare il lavoro il meno possibile, e al tempo stesso nell’accrescere il valore da esso prodotto di cui il capitale si appropria, il cosiddetto plusvalore (di questo tratta il paragrafo seguente). Tuttavia, se riesce su larga scala, com’è avvenuto negli ultimi trent’anni, la politica dei bassi salari ha per effetto di ridurre la domanda di molti beni da parte dei consumatori, e con essa la domanda di investimenti da parte delle imprese che vedono ridursi le loro vendite. Il risultato è stato una caduta tendenziale della domanda aggregata».

7. Il ruolo dello Stato nell’era globale

58Cosa può fare dunque lo Stato per contrastare tali tendenze strutturali? L’azione dei governi è inibita dall’integrazione profonda raggiunta dall’economia globale, che rende oggi sostanzialmente inattuabili le politiche redistributive e le politiche keynesiane tipiche del capitalismo fordista. La stessa globalizzazione ha contribuito alla svalorizzazione della forza lavorativa dei Paesi avanzati – soprattutto dei segmenti meno qualificati – immettendo nei circuiti dei mercati globali centinaia di milioni di lavoratori a basso costo, e creando così un enorme esercito industriale di riserva dal quale le aziende dei Paesi avanzati possono attingere delocalizzando o attraverso gli spostamenti della forza-lavoro. La strutturazione di catene globali del valore (Kogut, 1985) – resa possibile dalle nuove forze produttive del capitalismo cognitivo – ha aperto nuovi scenari operativi per le strategie competitive delle aziende, con rilevanti effetti sul conflitto capitale-lavoro. Parallelamente, anche altre dinamiche alimentate dalla globalizzazione hanno ulteriormente indebolito la posizione dei lavoratori nei confronti del capitale (Russo, 2018):

  • data l’accresciuta disponibilità sui mercati mondiali di beni ad alta intensità di lavoro non qualificato, esportati dai Paesi in via di sviluppo, l’aumento dell’offerta ha indotto una considerevole riduzione del prezzo relativo di questi beni. Di riflesso – in linea con le previsioni del teorema Stolper-Samuelson (1941) – è diminuito anche il prezzo del fattore produttivo di cui tali beni fanno un uso più intensivo, cioè il costo del lavoro non specializzato. Tale relazione ha peggiorato la condizione dei lavoratori meno qualificati nei Paesi sviluppati (Slaughter e Swagel, 1997);

  • le dinamiche salariali interne sono condizionate dalla crescita della concorrenza internazionale, che aumenta l’elasticità della domanda di lavoro. Di conseguenza, a seguito di aumenti del costo del lavoro in una data economia, le imprese possono trovare conveniente ridurre la produzione in quel Paese, delocalizzando o ricorrendo a subfornitori esteri. Ciò causa una spontanea tendenza dei prezzi dei fattori produttivi a livellarsi verso il basso su scala mondiale, dinamica che riduce o elimina del tutto le rendite di cui godevano gli agenti di mercato (lavoratori e imprese) nelle economie chiuse (Slaughter e Swagel, 1997).

  • Date queste interdipendenze, strutturate dall’integrazione profonda conseguita dall’economia mondiale, «la nuova globalizzazione ha in parte demolito l’accordo fra i lavoratori e le imprese del G7. Quando la tecnologia rimaneva circoscritta entro confini nazionali, i divari salariali internazionali si aggiustavano in funzione delle differenze tecnologiche nazionali. Ad esempio, i salari tedeschi salivano quando la tecnologia tedesca progrediva […] La nuova globalizzazione fa si che i lavoratori tedeschi non siano più i soli beneficiari dei progressi tecnologici tedeschi. Ora le imprese tedesche possono sfruttare il progresso della tecnologia tedesca combinandola con, ad esempio, lavoro polacco» (Baldwin, 2018, 22). I governi dei Paesi avanzati devono dunque districarsi tra molteplici trade-off per fronteggiare contemporaneamente gli effetti della globalizzazione, della ristrutturazione tecnologica in corso e della crisi dei sistemi di welfare:

  • per introdurre misure compensative, capaci attenuare gli effetti socialmente più dirompenti della globalizzazione e della ristrutturazione tecnologica in atto, serve una strutturata rete di protezione sociale e avanzati servizi di welfare;

  • tali forme di protezione, per risultare sostenibili, devono essere finanziate attraverso un sistema fiscale in grado di produrre un ampio gettito, con una tassazione fortemente progressiva;

  • un simile sistema fiscale non è pienamente attuabile in economie aperte, in presenza di libero scambio e libera circolazione dei capitali. Il capitale tenderebbe velocemente a defluire verso localizzazioni con un quadro fiscale meno penalizzante.

59Tassare i redditi più elevati e le aziende leader sarebbe un primo e indispensabile passo per limitare l’espansione ulteriore delle diseguaglianze e le relative minacce, nel contempo politiche ed economiche, di una conseguente deriva plutocratica (Deaton, 2015). Il problema delle fughe di capitale causate dall’elevata tassazione potrebbe essere marginalizzato se politiche fiscali simili venissero adottate in modo concertato su scala internazionale e introdotte in modo coordinato dai Paesi avanzati, ripristinando collateralmente controlli pervasivi sui movimenti di capitale, nel quadro di una deglobalizzazione controllata (Rodrik, 2015). La riduzione simultanea, attraverso un approccio multilaterale, del livello corrente di apertura delle economie, creerebbe un argine alle fughe di capitale, e consentirebbe di accrescere il livello di tassazione.

60Ridotta la capacità di movimento globale dei capitali, i sistemi fiscali potrebbero nuovamente essere improntati a criteri di progressività, e la tassazione spostata dal lavoro alle rendite, dalle piccole e medie imprese alle grandi corporation, dai redditi medi a quelli elevati. Con l’extragettito così ottenuto, i governi disporrebbero delle risorse necessarie sia per varare misure compensative, atte a limitare gli effetti dello spiazzamento tecnologico in corso, sia per finanziare ampi programmi di investimento, che andrebbero formulati tenendo conto delle indicazioni di policy della teoria della crescita endogena riguardo al ruolo espletato dal capitale umano, dall’innovazione e dalle infrastrutture nella crescita di lungo termine.

61Attualmente le grandi corporation, pagando sempre meno tasse (a causa sia alla riduzione della tassazione sul capitale, sia dell’elusione), non compartecipano agli investimenti pubblici in innovazione di cui beneficiano e non consentono allo Stato di trarre dagli stessi un ritorno indiretto, essenziale per rendere sostenibile l’ingente spesa nel settore (Mazzucato, 2014). La contrazione delle entrate fiscali riduce le risorse disponibili per finanziare ulteriori programmi di ricerca e gli stanziamenti nel campo dell’istruzione, potenti determinanti della crescita di lungo termine. Sono proprio tali investimenti che vanno a plasmare, o a rigenerare, le risorse più strategiche per la competizione entro un’economia basata sulla conoscenza. È anche a causa della capacità delle aziende leader di sottrarsi alla tassazione che il loro successo non si traduce più nel successo delle economie in cui sono basate: «Decenni di investimenti pubblici nella base scientifica e tecnologica hanno fatto degli Stati Uniti un grande Paese, ma paradossalmente non sono riusciti a garantire elevati livelli occupazionali, incrementare il gettito fiscale e promuovere l’esportazione di beni e servizi» (ivi, 257).

62Tra l’altro, una maggiore pressione fiscale potrebbe avere anche l’effetto di rallentare la stessa ristrutturazione tecnologica in corso, o potrebbe essere utilizzata come leva per condizionarla variando la distribuzione del carico fiscale, e tassando le innovazioni che più direttamente rimpiazzano il lavoro umano. Ad esempio, di recente il Parlamento europeo ha discusso la possibilità di introdurre una tassa sui robot. Simili misure avrebbero l’effetto di modificare le matrici delle convenienze delle aziende (Atkinson, 2015).

63Lo Stato non può ovviamente delineare in modo deterministico la traiettoria seguita dall’evoluzione tecnologica, ma può senz’altro modificare la velocità della grande ristrutturazione in corso. Come suggerisce Polanyi (2004, 50), il ruolo del governo è proprio quello di alterare la velocità del cambiamento, per evitare che induca effetti dirompenti sulla struttura sociale. Rallentando la velocità della ristrutturazione tecnologica, l’effetto di spiazzamento sulla forza lavoro risulterebbe più controllabile, coinvolgendo volumi inferiori di lavoro sostituito dall’automazione e dalla robotizzazione. Ciò renderebbe più agevole anche la definizione di politiche attive per il mercato del lavoro e la predisposizione di misure compensative per i lavoratori più danneggiati dallo spiazzamento tecnologico e dall’esponenziale crescita delle sociali in atto (Atkinson, 2015).

8. Conclusioni

64Come evidenziato nella precedente trattazione, la teoria marxiana fornisce un potente apparato concettuale per analizzare, contestualmente, la dinamica economica, i rapporti tra classi, il ruolo del potere politico e della tecnologia, e le interazioni che vengono a generarsi tra queste molteplici dimensioni. Meno efficace risulta l’analisi marxiana come teoria della crisi. Marx ha sottovalutato la capacità di adattamento della società, in quanto sistema complesso, ai mutamenti delle forze produttive. I sistemi complessi tendono a reagire ai mutamenti radicali e alle sfide esterne modificandosi in modi del tutto imprevedibili, ed elaborano soluzioni che ne garantiscono la sopravvivenza attraverso una profonda trasformazione che va a modificare i lineamenti fondamentali del sistema (Gleick, 2006; Kauffman, 1995). Anche la società incorpora analoghe capacità adattive (Eisenstadt, 1974).

65Del resto, anche i maggiori esponenti della Scuola Classica – da Smith a Mill – sottostimarono le proprietà adattive del sistema capitalistico, preconizzando che sarebbe sprofondato, presto o tardi, in uno stato di protratta stagnazione (Russo, 2017). Il capitalismo era concepito come un sistema intrinsecamente fragile, incapace di generare una crescita duratura. Marx portò all’estremo tale tradizione di pensiero. Il capitalismo, invece, si è continuamente evoluto, sulla spinta delle forze produttive e dei successivi aggiustamenti istituzionali, operati dallo Stato e dalle forze sociali.

66La Prima Rivoluzione Industriale si è fondata su un fattore decisivo: la disponibilità di forze produttive che hanno profondamente modificato la struttura economica. Intorno a quelle forze produttive si è articolato il capitalismo concorrenziale, connotato da forti diseguaglianze sociali e da un mercato sostanzialmente svincolato dalla regolazione statale. La Seconda Rivoluzione industriale ha fornito le basi materiali per la crescita delle dimensioni di scala delle aziende, funzionali all’ascesa, alcuni decenni più tardi, del capitalismo fordista. Le forze produttive in questo incorporate si mostrarono compatibili a) con un ampio intervento pubblico, attuato sia in funzione anticiclica che redistributiva, e b) con l’aumento generale dei salari. Le diseguaglianze sociali diminuirono. Ma la successiva evoluzione delle forze produttive preparò il terreno per l’affermazione di forme meno rigide di organizzazione del lavoro, decretando il passaggio dalla produzione di massa alla produzione flessibile. Il capitale iniziò a sottrarsi alla regolazione statale, e al compromesso col lavoro. Un ulteriore impulso in questa direzione provenne dalle forze produttive del capitalismo cognitivo. Queste hanno accresciuto a dismisura la capacità di mobilità globale del capitale e, contestualmente, hanno compresso sia la domanda di lavoro, sia la remunerazione della forza lavorativa, con rilevanti effetti sulla domanda aggregata e sulla sostenibilità dei sistemi di welfare (fig. 7). L’impatto potenziale dell’intelligenza artificiale e delle nuove macchine sul capitalismo è tale da generare ulteriori mutamenti di vasta portata e dagli esiti intrinsecamente imprevedibili.

67L’analisi, svolta nei paragrafi precedenti, ha cercato di delineare la stretta relazione esistente tra l’ascesa delle diseguaglianze sociali, in atto nelle principali economie avanzate, e le caratteristiche delle peculiari forze produttive emerse all’interno dell’attuale modello di capitalismo cognitivo. Come le forze produttive proprie del capitalismo concorrenziale, anche quelle del capitalismo cognitivo hanno conferito al capitale un’autonomia dalla regolazione statale decisamente più ampia rispetto al capitalismo fordista, inducendo una dilatazione delle diseguaglianze sociali.

68In generale, nei momenti storici in cui le forze produttive hanno consentito al capitale di fruire di maggiore libertà d’azione – svincolandolo dalla regolamentazione e dalla regolazione dello Stato – le diseguaglianze hanno mostrato una regolare tendenza ad aumentare. Così nel capitalismo concorrenziale e nel capitalismo cognitivo: in entrambi i modelli, le forze produttive hanno condotto a una mercificazione generalizzata della forza lavorativa. In aggiunta, l’apparato tecno-scientifico incorporato nel capitalismo cognitivo rende superflui vasti segmenti della forza lavorativa e svalorizza quella impiegata nei cicli produttivi. Le forze produttive del capitalismo fordista, diversamente, avevano reso mutualmente compatibili capitalismo e welfare state, almeno per una certa fase, e generato i presupposti strutturali al compromesso tra capitale e lavoro, attenuando così una linea di frattura endogena al capitalismo sin dalla sua origine.

69La polarizzazione tra classi ad alto e basso reddito, unitamente alla mobilità globale dei capitali, rendono sempre più difficoltosa, e inefficace, la tassazione del reddito e l’attuazione della redistribuzione. Tali trasformazioni strutturali accentuano i problemi di sostenibilità dei sistemi di welfare. Tra l’altro, la riduzione stessa dei tassi medi di crescita economica, nei Paesi avanzati, contrae la produzione di nuova ricchezza tassabile.

70Oggi milioni di cittadini, nei Paesi avanzati, si trovano a vivere entro una struttura economica stagnante e polarizzata, fortemente diseguale, esposti alle turbolenze di mercati deregolamentati e ormai privati di molte delle protezioni offerte, in passato, dai sistemi di welfare. È nella logica del doppio movimento, descritta da Polanyi, l’emergere di una risposta in senso contrario, entro i nuovi spazi delineati dalle forze produttive del capitalismo cognitivo. In particolare, come evidenziato nell’ultimo paragrafo, appare necessaria un’azione concertata a livello internazionale, per affrontare attraverso un approccio multilaterale problemi strutturali che attraversano trasversalmente tutti i modelli di capitalismo e che non possono essere adeguatamente fronteggiati senza ridurre il livello corrente di apertura delle economie avanzate.

71Ogni avanzamento delle forze produttive, ogni evoluzione delle stesse, non determina la semplice ripetizione delle dinamiche precedenti, ma configura condizioni completamente nuove, ponendo la struttura economica a un nuovo livello del suo processo di sviluppo storico. Di conseguenza, mutano irreversibilmente anche le relazioni che instaurano tra sfera economica e regolazione statale. Gli assetti istituzionali, le regolamentazioni, le politiche fin qui elaborate potrebbero rivelarsi del tutto inidonee a risolvere le tensioni, e le contraddizioni, che la rivoluzione tecnologica in atto genererà in misura ancora più marcata nei prossimi anni. I rapporti di produzione, per quanto possano essere modificati in modo da attenuare gli effetti socialmente più dirompenti di tali trasformazioni, non possono comunque invertire le tendenze strutturali innescate dalle attuali forze produttive, che rendono sostanzialmente superfluo il lavoro umano e obsolete le conoscenze di vasti segmenti della forza lavorativa.

72Come preconizzava Marx, «ad un certo grado del loro sviluppo le forze produttive materiali della società entrano in contraddizione con i rapporti di produzione esistenti […] Da che erano forme di sviluppo delle forze produttive questi rapporti si tramutano in vincoli che frenano tali forze. Si arriva quindi a un’epoca di rivoluzione sociale […] Una formazione sociale non scompare mai finché non si siano sviluppate tutte le forze produttive che essa è capace di creare, così come non si arriva mai a nuovi e più evoluti rapporti di produzione prima che le loro condizioni materiali di esistenza si siano schiuse nel grembo stesso della vecchia società» (Marx, 2011b, 547-548). È evidentemente insostenibile nel lungo periodo, sia sul piano politico che sociale, un modo di produzione che concentra la ricchezza entro un nucleo sempre più ristretto di individui.

Torna su

Bibliografia

Amable B. (2003), The diversity of modern capitalism, Oxford, Oxford University Press.

Andolfi F. (a cura di) (2011), Marx. Le opere che hanno cambiato il mondo, Roma, Newton Compton Editori.

Atkinson A.B. (2015), Disuguaglianza. Che cosa si può fare, Milano, Raffaello Cortina Editore.

Baldwin R. (2018), La grande convergenza. Tecnologia informatica, web e nuova globalizzazione, Bologna, il Mulino.

Braconier H., Nicoletti G. e Westmore B. (2014), Policy challenges for the next 50 years, Oecd Economic Policy Paper n. 9.

Brynjolfsson E., Mcafee A. (2015), La nuova rivoluzione delle macchine. Lavoro e prosperità nell’era della tecnologia trionfante, Milano, Feltrinelli.

Deaton A. (2015), La grande fuga. Salute, ricchezza e origini della diseguaglianza, Bologna, il Mulino.

Eisenstadt S.N. (1974), Mutamento sociale e tradizione nei processi innovativi, Napoli, Liguori editore.

Engels F., Marx K. (2011), Manifesto del Partito Comunista, in Andolfi F. (a cura di), op. cit., pp. 318-352 (ed. or. 1848).

Fleck S., Glaser J. e Sprague S. (2011), The compensation-productivity gap: a visual essay, «Monthly Labor Review», pp. 57-69.

Floridi L. (2011), The philosophy of information, Oxford, Oxford University Press.

Ford M. (2017), Il futuro senza lavoro. Accelerazione tecnologica e macchine intelligenti, Milano, Il Saggiatore.

Frey C.B., Osborne M.A. (2013), The future of employment: how susceptible are jobs to computerisation?, Working paper, Oxford, Oxford University.

Gallino L. (2011), Finanzcapitalismo. La civiltà del denaro in crisi, Torino, Einaudi.

Gallino L. (2015), Il denaro, il debito e la doppia crisi spiegati ai nostri nipoti, Torino, Einaudi.

Gleick J. (2006), Caos. La nascita di una nuova scienza, Milano, Bur Rizzoli.

Gramsci A. (1977), Quaderni dal carcere, vol. III, Torino, Giulio Einaudi Editore.

Hobsbawm E. J. (2011), Il secolo breve, Milano, Bur Rizzoli.

Kaplan J. (2016), Le persone non servono: lavoro e ricchezza nell’epoca dell’intelligenza artificiale, Roma, LUISS University Press.

Karabarbounis L., Neiman B. (2013), The Global Decline of the Labor Share, «NBER Working Paper», No. 19136.

Kauffman S. (1995), At home in the universe, the search for laws of self-organization and complexity, New York, Oxford University Press.

Kogut B. (1985), Designing global Strategies: Comparative and Competitive Value Added Chains, «Sloan Management Review», 26, 4, pp. 15-28.

Marx K. (2006), Il Capitale, Roma, Newton Compton editori (ed. or. 1867-1894).

Marx K. (2011a), Manoscritti Economico-Filosofici, in Andolfi F. (a cura di), op. cit., pp. 52-141 (ed. or. 1844).

Marx K. (2011b), Per la Critica all’Economia Politica, in Andolfi F. (a cura di), op. cit., pp. 546-662.

Mason P. (2016), Postcapitalismo, Milano, Il Saggiatore.

Mazzucato M. (2014), Lo Stato Innovatore, Bari, Laterza.

McKinsey (2017), A future that works: automation, employment, and productivity, McKinsey & Company.

Mishel L. (2012), The wedges between productivity and median compensation growth, «Economic Policy Institute», Issue brief 330.

Moretti E. (2014), La nuova geografia del lavoro, Milano, Mondadori.

Moulier Boutang Y. (2002), L’età del capitalismo cognitivo. innovazione, proprietà e cooperazione della moltitudine, Verona, Ombre corte.

Ocse (2015), In it together: why less inequality benefits all, Paris, OECD Publishing.

Oxfam (2018), Ricompensare il lavoro, non la ricchezza, Briefing Paper Oxfam.

Piketty T. (2014), Il capitale nel XXI secolo, Milano, Bompiani.

Piore M. J., Sabel C. F. (1987), Le due vie dello sviluppo industriale: produzione di massa e produzione flessibile, Torino, ISEDI.

Polanyi K. (2004), La grande trasformazione, Torino, Einaudi.

Reich R. B. (2015), Come salvare il capitalismo, Roma, Fazi Editore.

Rifkin J. (2014), La società a costo marginale zero. L’internet delle cose, l’ascesa del commons collaborativo e l’eclissi del capitalismo, Milano, Mondadori.

Rodrik D. (2015), La globalizzazione intelligente, Roma-Bari, Laterza.

Russo A. (2017), Stato e mercato. Storia del pensiero, Torino, Utet.

Russo A. (2018), Economia politica internazionale. Potere, sviluppo e tecnologia nell’era globale. Milano, Mondadori.

Schumpeter J. A. (2002), Teoria dello sviluppo economico, Milano, Etas.

Schwab K. (2016), La quarta rivoluzione industriale, Milano, FrancoAngeli.

Shapiro C., Varian H. R. (1999), Information rules. A strategic guide to the network economy, Boston, Harvard Business School Press.

Slaughter M. J., Swagel P. (1997), The effect of globalization on wages in the advanced economies, «International Monetary Fund Working Paper», n. 43.

Stiglitz J. E. (2016), Le nuove regole dell’economia. Sconfiggere la diseguaglianza per tornare a crescere, Milano, Il Saggiatore.

Stolper W. F., Samuelson P.A. (1941), Protection and real wages, «The Review of Economic Studies», 9, 1, pp. 58-73.

Streeck W. (2013), Tempo guadagnato. La crisi rinviata del capitalismo democratico, Milano, Feltrinelli.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Fig. 1. Il rapporto capitale/reddito in Europa, 1870-2010
Credits Fonte: elaborazione su Piketty (2014, p. 49)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2502/img-1.jpg
File image/jpeg, 240k
Titolo Fig. 2. Tasso disoccupazione dei Paesi avanzati (1960-2016)
Credits Fonte: elaborazione su dati Oecd database
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2502/img-2.jpg
File image/jpeg, 112k
Titolo Fig. 3. Pil per area, variazione percentuale medie di periodo
Credits Fonte: elaborazione su dati del Fondo Monetario Internazionale
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2502/img-3.jpg
File image/jpeg, 124k
Titolo Fig. 4. Creazione netta di posti di lavoro per decennio (USA 1960-2010)
Credits Fonte: elaborazione su dati Us Labor Statistics e Federal Reserve Bank of St. Louis
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2502/img-4.jpg
File image/jpeg, 88k
Titolo Fig. 5. Incrementi della produttività e della retribuzione oraria reale dei lavoratori Usa
Credits Fonte: Mishel (2012, p. 2)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2502/img-5.jpg
File image/jpeg, 120k
Titolo Fig. 6. Andamento dell’indice di Gini in Europa (2000-2016)
Credits Fonte: elaborazione su dati Eurostat
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2502/img-6.jpg
File image/jpeg, 96k
Titolo Fig. 7. Gli effetti del capitalismo cognitivo
Credits Fonte: elaborazione propria
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2502/img-7.jpg
File image/jpeg, 269k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Antonio Russo, « Forze produttive, concentrazione del capitale e mutamento del capitalismo »Quaderni di Sociologia, 79 | 2019, 73-101.

Notizia bibliografica digitale

Antonio Russo, « Forze produttive, concentrazione del capitale e mutamento del capitalismo »Quaderni di Sociologia [Online], 79 | 2019, online dal 01 avril 2019, consultato il 24 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/2502; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.2502

Torna su

Autore

Antonio Russo

Dipartimento di Scienze Politiche – Università di Napoli “Federico II”

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search